VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni"

Transcript

1 VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere l a s oluzi one complessiva. µ Una funz i one è un modo per indicare l a soluz ione di un sotto- problema una volta che è possibile indivi duar e un insieme di dati in ingresso e un risultato in uscita 1

2 Funz ioni µ si dice che l a funz i one restituisce un risultato µ il risultato res tituito da una funz i one deve essere un unico dato di tipo primitivo (o un oggetto) µ ovvero non si può res tituire 2 o più valori, il valore r es ti tui to deve es s er e unico Le funz ioni e le procedure µ La di fferenza fr a una funz i one e una proceedura o s ubroutine è che al termine dell esecuzione una funz i one r es ti tui s ce un valore mentre la subroutine no µ tuttavia vedr emo come l e s ubr outine possonno agire modifi cando il valore di un numero arbitrario di variabili 2

3 Dichiarare le funz i oni µ Per dichiarare una funz i one s i scrive: Function Nome(param1 As tipo, param2 As tipo) _ As tipo_restituito corpo della funzione End Function Dichiarare le funz i oni µ Si scrive una i ntes taz i one: si deve pr emetter e la par ol a chi ave Function assegnare un nome alla funz i one indicare fr a par entes i separati da vi r gole i parametri di ingresso s pecificando il nome e il tipo in ultimo s i indica il tipo del risultato µ si racchi ude il corpo della funz i one fr a l a intestaz ione e la par ola chi ave End Function 3

4 Es empio µ Questa funz i one s omma 1 al valore passato Function SommaUno(valore As Integer) As Integer SommaUno=valore+1 End Function Dichiarare le funz i oni µ La r es ti tuz i one di un valore avviene assegnando tale valor e alla var i abi l e che ha come nome il nome della funz i one 4

5 Usare l e funz ioni µ Dopo aver dichiarato una funz i one ques ta può essere utilizzata all interno di un altro programma o di una al tr a funz i one (o s ubr outine) µ Es: Function SommaUnoXY(x As Integer, _ y As Integer) As integer SommaUnoXY=SommaUno(x)+SommaUno(y) End Function Dichiarare le s ubr outi ne µ Una s ubr outi ne è come una funz i one ma non ha parametro di ritorno µ si dichiara come Sub Nome(param1 As tipo, param2 As tipo) corpo subroutine 5

6 Usare l e s ubr outine µ Dato che l e s ubr outi ne non restituiscono un valore, non è possibile uti lizzarle all interno di una es pr essione µ si usa una s ubr outi ne pr emettendo la par ol a chiave Call come i n: Call Nome(param1,param2) µ oppur e dir ettamente: Nome param1, param2 Es empio Option Explicit Sub programma() Dim nome As String nome= Antonio stampa nome Sub stampa(var As String).codice per stampare 6

7 Parametri per valore o per riferimento µ Ci sono due modi per passare una var i abile in ingresso ad una funz i one o procedura: per valore (o copia) oppure per riferimento (o indir iz z o) µ La di fferenza fr a l e due modali tà s ta nel rendere disponibile alla funz i one/ pr ocedur a una copi a del valore del la var i abile o il contenuto vero e proprio della var i abi l e Parametri per valore o per riferimento µ Sintatticamente s i indica l a modalità per valore o per riferimento premettendo ByVal o ByRef rispettivamente pr ima del l a dichi ar az i one dei parametri di ingresso Sub nome(byval id As Type) Sub nome(byref id As Type) 7

8 Es empio µ Si consideri il seguente pr ogr amma: Sub ProcA() Dim x As Integer x=5 MsgBox x Call AddOneA(x) MsgBox x Sub AddOneA(ByVal i As Integer) i=i+1 Spiegaz ione µ In questo esempio viene asseganto il valore 5 alla var i abile x µ poi la var i abile viene passata ad una funz i one (che vedr emo di seguito) che ne s tampa il valore sul video µ poi viene chiamata l a pr ocedur a che pr ende i n ingresso una copi a del valore di x e lo incr ementa µ questo però non ha effetto s ul contenuto della variabile x µ infatti quando s ucces s i vamente viene s tampato il valore di x questo è s empr e 5 8

9 Es empio µ Si consideri il seguente pr ogr amma: Sub ProcB() Dim x As Integer x=5 MsgBox x Call AddOneB(x) MsgBox x Sub AddOneB(ByRef i As Integer) i=i+1 Spiegaz ione µ Questa volta l a var i abile è s tata passata per r ifer imento µ Questo s ignifica che la pr ocedur a va a modificare il contenuto della var i abile x µ Infatti alla fi ne dell elaborazione il valore di x è s tato incr ementato e vale 6 9

10 Nota Attenz ione!!! µ Di default il VBA cons idera l e var iabil i passate per riferimento e qui ndi ciò che s i modifica i n una pr ocedur a ha effetto s ulla var i abile che viene passata Pregi/difetti delle due modal ità µ Ognuna delle due modalità r i s ul ta vantaggi os a se applicata con una fi nal i tà opportuna µ Il passaggio per valore per mette di essere s icuri che la pr ocedur a non modificherà l e var iabili contenute nel programma che s ta us ando tali procedure µ Il passaggio per riferimento è più veloce per ché non deve es eguir e una copi a µ Inoltre i l passaggio per riferimento permette di agire s u un numero ar bitrario di variabili 10

11 Funz ioni vs. Procedure µ Mentre una funz i one può res tituir e un unico valore al termine della s ua es ecuzi one, una proceedura può prendere in ingresso per riferimento più variabili e modificar ne tutti i valor i µ tuttavia l uso delle funz i oni permette di utilizzare i l nome del la funz i one s tessa all interno di espressioni più complesse Es empio Sub Main() Dim x As Integer, y As Integer, z As Integer x=10 y=20 z=quadrato(x)+doppio(y) Function quadrato(i As Integer) quadrato=i*i End Function Function doppio(i As Integer) doppio=i*2 End Function 11

12 Es empio Sub Main() Dim x As Integer, y As Integer, z As Integer x=10 y=20 Call calcolo(x,y,z) oppure calcolo x,y,z Sub calcolo(byref i As Integer, ByRef j As _ Integer, ByRef k As Integer) k=i*i+j*2 Es empio Sub Main() Dim x As Integer, y As Integer, z As Integer x=10 Call calcolo(x,y,z) oppure calcolo x,y,z Sub calcolo(byref i As Integer, ByRef j As _ Integer, ByRef k As Integer) k=i*i j=i*2 12

13 Funz ioni predefinite i n Word µ Sono a di s pos i z i one un elevato numero di funz ioni predefinite µ una funz i one è pr edefinita quando non è necessario s criverne il programma per l utente µ Noi tratteremo s olo alcune uti li funzioni: funz ioni per la r appr es entaz i one di stringhe funz ioni per l inserimento/acquisizione di informazioni funz ioni per la mani polaz i one di stringhe funz ioni di conversione Funz ioni per la r appres entaz ione Ms gbox µ La funz i one Ms gbox serve per creare una finestra s ulla qual e s cr iver e una s tr i nga µ la s i ntassi è: MsgBox stringa µ Es empio: Dim frase As String frase= questa e una prova MsgBox frase 13

14 Nota µ Per scrivere un messaggio s u più linee è sufficiente i ns er i r e opportuni vbcrlf µ per scrivere il valore di una var i abi l e è sufficiente passare tal e valor e alla funz i one (il numer o viene automaticamente conver tito in stringa) µ Es: Dim myint As Integer myint=34 MsgBox myint Funz ioni per l acquisizione InputBox µ Per acquisire una s tr i nga s i usa l a funz i one InputBox con la s eguente s i ntassi: Dim leggo As String leggo=inputbox( messaggio per l utente ) 14

15 Funz ioni per stringhe µ Ecco una l i s ta di utili funzioni per manipolare l e stringhe: µ Len, Left, Right, Mid, Str, Val, T rim Funz ioni per stringhe µ Len: restituisce l a l unghezza (ci oè il numero di caratteri) di una s tr i nga, compresi spazi, segni di interpunzione etc. µ Es: Len( Oggi piove ) res tituis ce 10 15

16 Funz ioni per stringhe µ Left, Right, Mid: restituiscono la por z i one di una stringa r i s petti vamente pi ù a s i ni s tr a, destra, nel centr o µ Left(parola, num): restituisce un numero pari a num caratteri a par ti r e da s i ni s tr a della s tr i nga par ola µ Es: Left( Oggi piove, 6) res tituisce Oggi p µ Analogamente per la funz i one Ri ght Funz ioni per stringhe µ La funz i one Mid prende in ingresso una s tr i nga e due numer i µ Mid(parola, inizio, lunghezza) µ Es: Mid( Oggi piove, 3,4) res tituisce gi p 16

17 Funz ioni per stringhe µ La funz i one Str converte un numero in stringa µ Es: Str(123) res tituisce la s tr i nga 1 23 µ La funz i one Val converte una s tr i nga i n un numer o µ Es: Val( 34.5 ) res tituisce il numero 34.5 µ ma anche: Val( Firenze ) res tituisce il num Funz ioni per stringa µ La funz i one T r im serve per eliminare s paz i all iniz io e al termine di una par ola µ Es: T rim( cas a ) res tituisce la s tr i nga cas a 17

Lez ione 2. Diagrammi a blocchi

Lez ione 2. Diagrammi a blocchi Lez ione 2 Diagrammi a blocchi Analisi strutturata Diagrammi a blocchi E un linguaggio formale di tipo grafico per rappr es entare gli algoritmi Attraverso il diagramma a blocchi (o flow char t) si può

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

P r eambolo. Ar t icolo 1. Contributi

P r eambolo. Ar t icolo 1. Contributi D,L gs. 30 aprile 1997, n. 182 - R egime pensionistico per i lavoratori dello spettacolo P r eambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, T abella A, T abella B, T abella C, T abella D, Note,

Dettagli

D.P.C.M. 16-0 4-1 9 9 9, n. 215 - Decr et o taglia decibel S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.

D.P.C.M. 16-0 4-1 9 9 9, n. 215 - Decr et o taglia decibel S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art. D.P.C.M. 16-0 4-1 9 9 9, n. 215 - Decr et o taglia decibel S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Allegato A, S ommar io Preambolo Art. 1. - Campo di applicaz ione

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 9 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti Variabili

Dettagli

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica.

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. La s ituaz ione dell acqua potabile nel distretto di Batticaloa in S ri Lanka è molto pr ecar ia

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 9)

Corso di Visual Basic (Parte 9) Corso di Visual Basic (Parte 9) di Maurizio Crespi La nona lezione del corso dedicato alla programmazione in Visual Basic si pone lo scopo di illustrare le funzioni definibili dall'utente e il concetto

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Piccola guida a VBA per Word

Piccola guida a VBA per Word Piccola guida a VBA per Word La differenza tra VBA (Visual Basic for Applications) e VB6 (Visual Basic versione 6) Il modello di un documento Word Il progetto di un documento Word Come creare un nuovo

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Visual Basic Visual Basic Linguaggio di programmazione

Dettagli

Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice. Preambolo. Art. 1. Art. 2.

Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice. Preambolo. Art. 1. Art. 2. Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice Preambolo Art. 1. Art. 2. Allegato A P r eambolo I L DIRETTORE GENERALE DEL COMMERCI O, ASSICURAZ

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 13 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti I

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

2. I comuni capoluogo di provincia non possono comunque es s er e collocati in una clas s e inferiore alla ter z a.

2. I comuni capoluogo di provincia non possono comunque es s er e collocati in una clas s e inferiore alla ter z a. Decr et o L egislativo 507/93 Ar t. 1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Art.14, Art.15, Art.16, Ar t.1 7, Art.18, Art.19, Art.20, Art.21, Art.22,

Dettagli

Capitolo primo. Introduzione

Capitolo primo. Introduzione Capitolo primo Introduzione Questo corso si propone di insegnare a creare applicazioni database con Access utilizzando il linguaggio VBA-Visual Basic for Application: vale a dire quel caratteristico dialetto

Dettagli

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio

Visual Basic FROM C TO DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FROM C TO Visual Basic DEDICATO AGLI UTENTI CON BASI DI C CHE SI AFFACCIANO AL MONDO DEL VISUAL BASIC. Contiene solo basi di linguaggio FEDERICO GIUNTOLI Microsoft Visual Basic Questo capitolo ha lo scopo

Dettagli

DE F I NI Z I ONI ASSICURATIVE

DE F I NI Z I ONI ASSICURATIVE DE F I NI Z I ONI ASSICURATIVE AGE NT E DI ASSICURAZIONE S oggetto che, mettendo a dispos izione del pubblico la pr opr ia competenza tecnica, svolge s tabilmente in forma pr ofessionale ed autonoma l

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice

A.A. 2003-2004. Alessandro Lubisco. Indice Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2003-2004 Visual Basic for Application in Access 2000 Alessandro Lubisco Indice Definizioni...5 Istruzione...5 Variabile...5 Espressione...5 Espressione numerica...5

Dettagli

T I T OLO II - I NT ERVENT I A S OS T EGNO DEL LA RI QUALI FI CAZ I ONE DELL'OFFERTA T URI S T I CA REGI ONALE Art. 5 - S oggetti beneficiari

T I T OLO II - I NT ERVENT I A S OS T EGNO DEL LA RI QUALI FI CAZ I ONE DELL'OFFERTA T URI S T I CA REGI ONALE Art. 5 - S oggetti beneficiari L.R. 23 dicembre 2002, n.40 - L egge T ur ismo I ndice, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Art.14, Art.15, Ar t.1 6, Art.17, Art.18, Art.19,

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderanno le strutture di controllo, verrà introdotto

Dettagli

Userform : Come crearle

Userform : Come crearle Ads by GoogleFree Excel Tutorial A Dedicated Website To Free Excel Tutorial Your-Tutorial.infoOffice Open XML Work With XML Data Saved in Office 2007 Documents. Try Free! www.altova.com/officeopenxml Finora

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Premessa

Introduzione a Visual Basic Premessa Introduzione a Visual Basic Premessa Questo testo è stato tratto dal sito, sintetizzato e rielaborato in formato PDF esclusivamente per uso didattico. Il corso è pensato per quanti non hanno alcuna conoscenza

Dettagli

Obbiettivi: Fornire le conoscenze di base per creare un semplice gioco, tipo Pimball, in Visual Basic.

Obbiettivi: Fornire le conoscenze di base per creare un semplice gioco, tipo Pimball, in Visual Basic. Animazioni e giochi in Visual Basic Il gioco del Pimball - versione A Matteo Temperoni 4 A Programmatori, ITC "Vittorio Emanuele II", Perugia, a.s. 2005/2006 Obbiettivi: Fornire le conoscenze di base per

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

ACCESSO AL REGISTRO DI SISTEMA: LETTURA DEL NOME DEL COMPUTER.

ACCESSO AL REGISTRO DI SISTEMA: LETTURA DEL NOME DEL COMPUTER. Tutorial [Access] Michele de Nittis ACCESSO AL REGISTRO DI SISTEMA: LETTURA DEL NOME DEL COMPUTER. Versione: 1 Data Versione: domenica 12 dicembre 2004 1 Introduzione Questo tutorial nasce per un esigenza

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali M.U.T. Modulo Unico Telematico Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali Data Redazione Documento 28/02/2011 Data Pubblicazione Documento Versione 2.1.0 Responsabile CNCE Giuseppe

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

strumentale, abitativo, edilizia convenzionata e fotovoltaico.

strumentale, abitativo, edilizia convenzionata e fotovoltaico. CIRCOLARE SERIE FISCALE N.2/2013 SERIE IMMOBILIARE N.2/2013 ALLA DIREZIONE GENERALE DI TUTTE LE ASSOCIATE Roma, 6 febbraio 2013 Oggetto: IVA. Cessioni e locazioni anche finanzia rie di immobili strumentali

Dettagli

S ommar io. Capo I DI S POS I Z I ONI GENERALI

S ommar io. Capo I DI S POS I Z I ONI GENERALI L. 7 dicembre 2000, n. 383 - Dis ciplina delle as sociazioni di promozione sociale S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Ar

Dettagli

per le decisioni economiche e

per le decisioni economiche e Elaborazione automatica dei dati per le decisioni economiche e finanziarie VBA-MODULO 2 L ambiente VBA e la programmazione Università di Foggia Facoltà di Economia Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS Creazione database vuoto Creazione tabella Inserimento dati A) Creazione di un database vuoto Avviamo il programma Microsoft Access. Dal menu

Dettagli

P a r m a e P i a c e n z a

P a r m a e P i a c e n z a F o n d i t o r e E p o c a S e d e f o n d e r i a N o t e A l e s s i B IB L IO G R A F IA : S c a r a b e l l i Z u n t i ; E n r i c o D a l l ' O l i o. La campana grossa della torre della piazza,

Dettagli

Procedure CAPITOLO 6. 6.1 Introduzione. 6.2 Moduli, classi e procedure

Procedure CAPITOLO 6. 6.1 Introduzione. 6.2 Moduli, classi e procedure CAPITOLO 6 Procedure Obiettivi Costruire i programmi in modo modulare partendo da piccoli pezzi chiamati procedure Introdurre i metodi Math disponibili in Framework Class Library Creare nuove procedure

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

Ammortamento di un debito

Ammortamento di un debito Algoritmi e dintorni: Ammortamento di un debito: Ricerca del tasso Prof. Ettore Limoli Ammortamento di un debito In questa nostra trattazione non ci addentreremo in problemi di matematica finanziaria o

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

I Trasduttori NTC o TERMISTORI

I Trasduttori NTC o TERMISTORI I Trasduttori NTC o TERMISTORI I termistori NTC sono sensori realizzati mediante semiconduttori costruiti con ossidi di metalli(ferro, cobalto e nichel) opportunamente drogati. Nel termistore NTC la resistenza

Dettagli

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO AREA RETTANGOLO Private Sub Area() Dim h As Integer h = InputBox("altezza") b = InputBox("base") A = b * h MsgBox( L area del Rettangolo è : & A) LIRE IN EURO Dim lire As Double Dim euro As Double lire

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA

Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA Verifica della correttezza formale del numero di partita IVA A tutti i soggetti che intraprendono un attività rilevante ai fini Iva (impresa, arte, professione), al momento della presentazione della dichiarazione

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Corso di Base Visual Basic è un linguaggio di programmazione WUI (Windows User Interface) di casa Microsoft, abbastanza potente e molto semplice nella sintassi e nelle funzionalità, adatto quindi sia al

Dettagli

Ruggero Cerino. Strumenti informatici per indici dei nomi. Come creare un indice analitico con MS-WORD

Ruggero Cerino. Strumenti informatici per indici dei nomi. Come creare un indice analitico con MS-WORD Ruggero Cerino Strumenti informatici per indici dei nomi. Come creare un indice analitico con MS-WORD citare come: R. Cerino, Strumenti informatici per indici dei nomi. Come creare un indice analitico

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.02/2008 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER GLI ENTI LOCALI

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.02/2008 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER GLI ENTI LOCALI COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.02/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO PER GLI ENTI LOCALI INDICE

Dettagli

BAMBINI GIOVANI ADULTI INFO

BAMBINI GIOVANI ADULTI INFO BAMBINI GIOVANI ADULTI INFO CORSI E ATTIVITÀ 2014 2015 BAMBINI A TTIVITA GRATUIT E Spazio 0-3 Continua la proposta di uno spazio gioco per bambini da 0 a 3 anni accompagnati da adulti (genitori, nonni,

Dettagli

By E.M. note sull'uso di GAMBAS

By E.M. note sull'uso di GAMBAS By E.M. note sull'uso di GAMBAS GAMBAS viene installato sotto Xubuntu nella directory: /usr/share/gambas2 link problema su uso dell'esempio SerialPort http://gambasrad.org/zforum/view_topic?topic_id=1057

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Andrea Raschi. Qualifica professionale. Esperienza professionale. Nome/Cognome

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Andrea Raschi. Qualifica professionale. Esperienza professionale. Nome/Cognome Curriculum Vitae Informazioni personali Nome/Cognome Indirizzo via G.Galiei,13 06019 Umbertide (PG) Telefono +39 338 8692643 E-mail Web site Cittadinanza raschiandrea@libero.it www.fisiobrain.com Italiana

Dettagli

Dispensa 3. 1.1 YACC: generalità

Dispensa 3. 1.1 YACC: generalità Dispensa 3 1.1 YACC: generalità Il tool Yacc (acronimo per Yet Another Compiler Compiler) è uno strumento software che a partire da una specifica grammaticale context free di un linguaggio scritta in un

Dettagli

INTRODUZIONE ALL HTML

INTRODUZIONE ALL HTML INTRODUZIONE ALL HTML LE REGOLE GENERALI Di seguito, sono raccolti i tag html (comandi) di uso più frequente per la formattazione dei testi e la gestione di una pagina web all interno del nostro sistema

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

ARCHIVIA PLUS - ARCHIFILE

ARCHIVIA PLUS - ARCHIFILE ARCHIVIA PLUS - ARCHIFILE Istruzioni per la configurazione e l uso del modulo di raccolta documenti Versione n. 2012.09.06 Data : 06/09/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Approvato da: Claudio Caprara

Dettagli

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Rassegna Stampa Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Roma, Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Videoconferenza e medicina: nasce Romeo, network per la ricerca in radioterapia oncologica

Dettagli

I l laboratorio di pasta fr es ca

I l laboratorio di pasta fr es ca I l laboratorio di pasta fr es ca I L LABORATORIO DI PASTA FRES CA I ndice della s cheda 1. Definizione dell attività e caratter istiche 2. Il profilo s pecifico dell imprenditore/trice 3. Il mercato e

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

INTRODUZIONE. La storia. tratto da a SCUOLA con VISUAL BASIC di C. Fabbi - P.L. Farri

INTRODUZIONE. La storia. tratto da a SCUOLA con VISUAL BASIC di C. Fabbi - P.L. Farri tratto da a SCUOLA con VISUAL BASIC di C. Fabbi - P.L. Farri INTRODUZIONE La storia Visual Studio è software di sviluppo della Microsoft utile a costruire nuovi programmi eseguibili. Nato negli anni '90

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Area Ges tione del Territorio S ettore Ambiente e S icur ezz a

Area Ges tione del Territorio S ettore Ambiente e S icur ezz a Comune di Rimini Area Ges tione del Territorio S ettore Ambiente e S icur ezz a Via XX Settembre 63 47900 Rimini R E GOL AME NT O P E R L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DE L R E NDI ME NT O DI COMBUSTIONE E

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Parte 1 Argomenti introduttivi 1. Capitolo 1 Novità di Excel 2003 3. Capitolo 2 Esplorare Excel 13. Parte 2 Visual Basic for Applications 23

Parte 1 Argomenti introduttivi 1. Capitolo 1 Novità di Excel 2003 3. Capitolo 2 Esplorare Excel 13. Parte 2 Visual Basic for Applications 23 Sommario Ringraziamenti....................................................... xiii Convenzioni e caratteristiche usate nel libro................................ xiv Introduzione.........................................................

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA C.A.P. 98060 C.F. 00108980830 Reg. N del DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : CONTROLLI INTERNI DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. ATTO

Dettagli

COOP FOND (fondo mutualistico di legacoop) UN ESP ERI ENZA DI SOLI DARI ETA I MP RENDI TORI ALE

COOP FOND (fondo mutualistico di legacoop) UN ESP ERI ENZA DI SOLI DARI ETA I MP RENDI TORI ALE COOP FOND (fondo mutualistico di legacoop) UN ESP ERI ENZA DI SOLI DARI ETA I MP RENDI TORI ALE 1 1 LE ORIGINI I Fondi mutualistici nascono con la Legge 59 del 1992 per determinare un circuito virtuoso

Dettagli

In questa puntata analizzeremo

In questa puntata analizzeremo Quarta parte Implementazione del protocollo MODBUS ASCII Quinta parte Simulatore PLC Il programma di supervisione Applicazione embedded 104 In questa puntata analizzeremo l ultima parte per quello che

Dettagli

FACCIAMO ALCUNE MACRO

FACCIAMO ALCUNE MACRO VBA = Visual Basic for Application Alcuni termini: In generale MACRO = sequenza di programmi che possono essere eseguiti a seguito di un unico comando In particolare MACRO = sequenza di comandi creata

Dettagli

VB è un tipo di programmazione detta event driven, ovvero basata sugli eventi. Vedremo in seguito cosa vuol dire questa affermazione.

VB è un tipo di programmazione detta event driven, ovvero basata sugli eventi. Vedremo in seguito cosa vuol dire questa affermazione. Guida a Visual Basic 6 1. Introduzione a Visual Basic 6 2. Interfaccia e ambiente di sviluppo 3. Le Form e gli oggetti di un modulo VB 4. Variabili, costanti, tipi di dato e operatori 5. Istruzioni condizionali

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA. Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA. Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.01/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Programma di riqualificazione

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2012 2013 EDIZIONE 1, TURNO B

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2012 2013 EDIZIONE 1, TURNO B LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2012 2013 EDIZIONE 1, TURNO B 23.XI.2012 VINCENZO MARRA Indice Esercizio 1 1 Menu 1 Tempo: 35 min. 2 Commento 1 2 Esercizio 2 2 Ordinamento e ricerca binaria con la classe

Dettagli

S ommar io. Preambolo. T itolo I NORME GENERALI

S ommar io. Preambolo. T itolo I NORME GENERALI L.R. 26-0 7-1 9 9 7, n. 23 - Dis ciplina delle attività delle agenzie di viaggio S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Ar

Dettagli

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM

CAPITOLO 10 - TECNOLOGIA ASP.NET - WEB FORM INTRODUZIONE Nel capitolo 5, dedicato all ambiente di sviluppo, si è descritto come implementare un progetto Web tramite lo strumento di sviluppo Microsoft Visual Studio 2010. Un progetto web (o sito web)

Dettagli

E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con I L MINISTRO DELL'ECONOMI A E DELLE FINANZE. Premessa

E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con I L MINISTRO DELL'ECONOMI A E DELLE FINANZE. Premessa Dir.Min. 28-4-2006 Disciplina delle for me pens ionis tiche complementar i, attuativa della delega di cui all'articolo 1, comma 2, lettera h), n. 1, della L. 23 agosto 2004, n. 243. Pubblicata nella Gazz.

Dettagli

Dispensa di programmazione Visual basic

Dispensa di programmazione Visual basic Indice: Dispensa di programmazione Visual basic Programma come file eseguibili e librerie: la scatola chiusa, compilatori e interpreti... 2 Concetto di algoritmo. Come funziona una macchina informatica.

Dettagli

La coltivaz ione di piante per la pr oduzione di biomassa è utile anche per la s alvaguar dia delle ar ee a r is chio er os ione della golena del Po

La coltivaz ione di piante per la pr oduzione di biomassa è utile anche per la s alvaguar dia delle ar ee a r is chio er os ione della golena del Po La coltivaz ione di piante per la pr oduzione di biomassa è utile anche per la s alvaguar dia delle ar ee a r is chio er os ione della golena del Po Premessa La pioppicoltur a è da cons ider ar s i una

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Antonino Bella Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità 1 Base di Dati 2 Database: Concetti (1) Database Collezione

Dettagli

S U L L A V I A D E L L A S E L C E

S U L L A V I A D E L L A S E L C E S U L L A V I A D E L L A S E L C E Dopo aver fatto la c o n osc e n z a d e l l esp era n to, il ca l amaio per l a pa c e s i avvicina a l l a c os id d etta l i n - gua fra n c a ( l a l i n gua utilizzata

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

Corso breve su automazione d'ufficio

Corso breve su automazione d'ufficio OpenOffice.Org MySQL PHP Corso breve su automazione d'ufficio L'obiettivo di questa dimostrazione è la creazione di una connessione ad una sorgente dati e l'automazione della stessa con un foglio di calcolo

Dettagli

Fondamenti di programmazione OpenOffice.org Basic. a cura di nizan Soluzioni Open Source

Fondamenti di programmazione OpenOffice.org Basic. a cura di nizan Soluzioni Open Source Fondamenti di programmazione OpenOffice.org Basic a cura di nizan Soluzioni Open Source GNU Free Documentation License Copyright 2003 nizan Soluzioni OpenSource via Marconi,14 Casalecchio di Reno. Permission

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia)

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) Scrivere una funzione per definire se un numero è primo e un programma principale minimale che ne testa la funzionalità. #include

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: RIPASSO E APPROFONDIMENTO DEGLI ARGOMENTI PRECEDENTI 1.1. Concetti elementari di informatica Algoritmo, Dato, Informazione Campi di applicazione e classificazione

Dettagli