Documento Progettazione del Cds in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento Progettazione del Cds in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche."

Transcript

1 Documento Progettazione del Cds in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche. 1) Motivazioni per la progettazione/attivazione del Cds Interclasse in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche. Il presente progetto di attivazione di Cds Interclasse in Filosofia e Scienze e Tecniche psicologiche, comporta la disattivazione dei due Corsi di Laurea Triennale in Filosofia (Classe L-5) e in Scienze e Tecniche Psicologiche (d ora in poi STPPM classe L-24) e la programmazione di un percorso formativo innovativo sia rispetto ai corsi presenti nell Ateneo sia nel quadro dell offerta formativa a livello nazionale. Tale percorso intende perseguire l obiettivo di una formazione culturale ampia e articolata ma non generica e indistinta e perciò in grado di soddisfare la domanda di competenze che possono fornire opportunità concrete nel contesto delle attuali tendenze del mondo del lavoro ma anche di costituire una base solida per la continuità degli studi in senso specialistico. Il progetto appare sicuramente in linea con gli obiettivi scientifici di collaborazione interdisciplinare che sembra rischiesta dallo sviluppo della ricerca e chiaramente configurato nel Nuovo Programma dell unione Europea per il finanziamento della ricerca e dell innovazione, che particolarmente nel Terzo Pilastro ( Affrontare le sfide sociali ) prevede la sinergia delle Humanities Le ragioni che hanno promosso progettazione di un Cds Interclasse in Filosofia e Scienze e Tecniche psicologiche con la contestuale disattivazione dei precedenti corsi di Laurea Triennale, rispondono a precise e specifiche esigenze dei due Cds di provenienza che considereremo Distintamente. Il riesame Annuale precedente dei due corsi di Studio di Filosofia e STPPM, suggeriva l'opportunità di definire nuovi obiettivi formativi in vista di nuovi e più ampi sbocchi professionali. In particolare per il corso di laurea in Filosofia si rilevava l'opportunità di rivedere il proprio curriculum di studi e i contenuti dell insegnamento anche in senso professionalizzante in modo da avviare un nuovo percorso di studi anche per la laurea Specialistica. Per quanto riguarda il corso di studi in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali (STPPM), si rilevava la necessità di definirne il percorso di studi in modo da consentire agli studenti di acquisire una formazione di base (garantita dalla laurea triennale) per poi passare, come naturale e necessaria continuità, a specializzarsi in una laurea Magistrale/Specialistica ad oggi non

2 attiva ma indispensabile per garantire competenze professionalizzanti in Psicologia. Principalmente per questi motivi ed anche per una ottimizzazione dell utilizzo delle risorse umane di personale Docente a disposizione dei due Corsi di Laurea afferenti all attuale e rinnovato Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione, si ritiene che la proposta di un corso di laurea interclasse sia l'obiettivo principale da perseguire per la prossima programmazione dell'offerta formativa. I SSD disciplinari previsti e attivi nel nuovo Dipartimento garantiscono saperi e competenze che assicurano una sicura formazione culturale di base richiesta come dotazione comune irrinunciabile ma anche una solida preparazione nei settori caratterizzanti e qualificanti gli studi filosofici e psicologici. I percorsi formativi preesistenti si possono integrare in una regolamentazione dell offerta formativa che razionalizza l impegno delle risorse didattiche disponili e il rafforzamento qualitativo della proposta. Si salvaguardano infatti tutte le caratteristiche e i requisiti richiesi sia dalla laurea in Filosofia che da quella in Psicologia ma insieme si risponde ad alcune istanze che emergono anche dalla esperienza e da nuovi bisogni formativi. L interclasse tra Scienze e tecniche psicologiche e filosofia in particolare può risponbdere, tra l altro, alle attese espresse dai CCCL in quanto. - ben si coniuga con l attuale dibattito, in ambito scientifico, sulla necessità di un confronto tra i fondamenti epistemologici delle discipline e delle loro reciproche aree di intersezione e di ricerca -può assicurare una articolata formazione di base per il settore degli studi psicologici in linea con le più attuali indicazioni sull ampliamento delle basi culturali della formazione psicologica, con particolare riferimento ad alcuni settori della Filosofia storicamente ed epistemologicamente collegati; -può implementare la formazione filosofica con conoscenze e competenze che qualificano in ordine alla tematiche cognitive e relazionali la laurea in filosofia ed anche fornire specifiche competenze utili al proseguimento degli studi nella laurea Magistrale In Filosofia, già orientata nella direzione delle Scienze Umane e della Filosofia Pratica come indica il titolo Filosofia ed Etica delle Relazioni -può offrire alla formazione universitaria in Scienze e tecniche psicologiche (laurea di primo livello) un contributo epistemologico e culturale che permette di ottemperare a tutti i criteri minimi previsti dalla Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Psicologia del 2007 per i corsi triennali di psicologia relativamente ai prerequisiti richiesti (Cf. Conferenza dei presidi delle Facoltà di

3 Psicologia del 13 Settembre 2007). Oltre alle motivazioni sopra indicate, l attivazione di un Interclasse potrebbe significare per l Ateneo una ottimizzazione dell utilizzo delle risorse umane di personale Docente a disposizione dei Corsi di Laurea afferenti all attuale e rinnovato Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione. 2) Analisi della domanda di Formazione: Il Cds in Filosofia ha da tempo avviato rapporti con associazioni del terzo settore, e in particolare con Confccooperative. Già dal 2011 il Presidente del Cds, insieme al responsabile della qualità del Cds, hanno avviato incontri con il dott. Andrea Fora (presidente di Confcooperative Umbria e responsabile del laboratorio per l'economia Civile presso la camera del Commercio Umbra), dai quali emergeva l'importanza per il territorio Umbrio di proporre un percorso formativo in grado formare profili professionali spendibili nel terzo settore. Più recentemente (in data 18 Luglio 2013) nella sede di Confcooperative, in un incontro tra Andrea Fora (presidente Confcooperative), Massimiliano Marianelli (responsabile qualità del cds in filosofia, delegato dal Presidente del Cds), è emersa l opportunità di una ridefinizione della laurea Triennale, nella prospettiva delle Scienze Umane, e precisamente degli studi psicologici. Si ritiene infatti che tale qualificazione del percorso formativo potrebbe consentire ai laureandi in Filosofia, all interno di percorso Interclasse con Psicologia, di acquisire accando ad una formazione culturale di base degli studi filosofici, competenze specifiche utili a qualificare un preciso profilo professionale del laureato in Filosofia, spendibile nella gestione delle risorse umane e in diversi ambiti del terzo settore. Il percorso che si intende proporre risponde in maniera specifica ad alcuni compiti e attività specifiche che si ritiene il lavureato in Filosofia debba acquisire, come confermato anche da quanto risulta dal sito dell'isfol (http://professionioccupazione.isfol.it/scheda.php?limite=1&id= &id_menu=1&testo_subp ercorso=scheda%20dettagliata&flag_reset_personalizza=1 ) dedicato a Professioni, Occupazioni e Fabbisogni, dal quale si ricava precisamente che certe competenze richieste al tale profilo di laureando sono acquisibili soltanto nel dialogo con le discipline psicologiche e

4 precisamente: svolgere attività di counseling filosofico; promuovere e diffondere la conoscenza filosofica e la sua applicazione alla vita reale curare i rapporti con le istituzioni nazionali ed internazionali di ricerca nel campo fornire consulenza nell'ambito dell'orientamento scolastico e professionale gestire e/o coordinare le risorse umane Da altra prospettiva, il segretario regionale Cisl Umbria, Ulderico Sbarra, in un incontro tenutosi presso la sede Cisl il 4 dicembre 2013, tra il presidente del Cds e il responsabile di qualità Massimiliano Marianelli, ha ricordato quanto rilevato in occasione dell'incontro Umbria 2015: Una nuova alleanza per lo sviluppo (tenutosi il 27 Novembre 2013 a palazzo Donini a Perugia -cf. resoconto al link: +Seduta /3a1ab969-e f-af06-7be924b8e906 ), e precisamente che nell'attuale contesto è in gioco lo stesso modello della nostra società basato sul patto sociale, saltando il quale salta il modello stesso. Ha rilevato quindi che c'è bisogno, anche per il nostro territorio umbro, di persone da impegnare nel Terzo settore, capaci di indicare vie di innovazione per orientare le risorse provenienti da stato e regioni (gravemente diminuite) in nuove opportunità di mercato e primariamente nella destinazione di beni e servizi pubblici. Da questi elementi emerge con chiarezza che lo spazio per i nuovi laureati in filosofia non è più prevalentemente, come in passato, nell insegnamento bensì precisamente in Servizi alla persona. Questo sembra confermato dai dati dell'ultima indagine di AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, da cui risulta (dati aggiornati al 2010), su 586 intervistati il settore che assorbe gran parte della domanda, l'89,2%, è quello proprio quello dei servizi. Proprio in questa prospettiva e specificamente rilevando la precarietà dei più tradizionali sbocchi occupazionali che vedevano i laureati in Filosofia impegnati nel mondo dell'insegnamento nelle scuole superiori, si intende ripensare il percorso formativo per i nuovi laureandi. In particolare, nella situazione di liquidità del mercato del lavoro, potrebbero presentarsi nuove opportunità per i laureati in Filosofia nella progettazione di iniziative cultuali innovative, nella gestione di risorse umane anche in situazioni aziendali, nella organizzazione e gestione di attività di counseling filosofico. In questo senso sembra opportuno, da una parte specificare l orientamento del corso di laurea triennale, nella direzione delle scienze umane e con specifico sguardo verso le discipline psicologiche, per aprire anche a nuove possibili vie per la laurea magistrale, anche conservando l attuale orientamento nella direzione delle scienze pratiche. Per quanto riguarda il corso di studi in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali

5 (STPPM), il Cds Interclasse che si intende attivare, rispoende pienamente al recentissimo documento proposto dalla Conferenza dei Presidi di Psicologia, Ottobre 2013; Rapproro sulla Qualità della Formazione in Psicologia, Dicembre 2013, nel quale si chiede di qualificare il percorso di laurea Triennale nella prospettiva di una formazione culturale e di base, dalla quale trarre solidi basi formative che soltanto il dialogo con la Filosofia sembra offrire in senso pieno, precisamente per il lega originario sussistente tra la Filosofia e le stesse discipline psicologiche che in qualche modo precisamente da essa traggono origine e trovano fondamento. Il percorso di formazione triennale, precisamente per il contributo culturale che può venire dalle discipline filosofiche, sembra pertanto consentire l acquisizione di un lingiaggio appropriato e solidi contenuti culturali di base spendibili in un percorso Magistrale specialistico dal quale soltanto possono derivare competenze professionalizzanti per il laureato in Psicologia. È quanto ricavabile dalla normativa di riferimento (es.: Legge 56 del 1989; istituzione della professione e dell Ordine regionale e nazionale; DPR328/01 suddivisione dell Albo degli Psicologi in due distinte sezioni: Albo A (laurea Specialistica in Psicologia) e Albo B (Laurea Triennale Dottore in Scienze e Tecniche Psicologiche; Art.51, comma 2, definizione delle attività professionali del tecnico psicologico come attività di natura tecnico-operativa) permette pertanto di identificare il corso di Laurea in STPPM, attualmente attivo presso questo Ateneo, come primo step della formazione verso la professione dello Psicologo (Prima DM 509 e quindi 270 e successive modifiche). Nell attuale percorso Triennale in Psicologia che si intende disattivare in vista dell Interclasse è marcata l attenzione verso la professione. Ne sono testimonianza i numerosi seminari che il Corso ha attivamente promosso a partire dal primo anno della sua attivazione (aa. 2008/2009), rinnovando annualmente la collaborazione con le parti direttamente coinvolte nel mondo del lavoro, al fine di promuovere una sinergia tra il CdL e i servizi presenti a livello territoriale. Alcuni esempi: La professione dello psicologo nell esercito italiano ; Ciclo di Seminari tra Istituto Gaetano Benedetti e CdL in STPPM (anni 2012; 2013 e in corso anche anno 2014). A testimonianza anche l elenco degli enti ad oggi in convenzione con il CdL per lo svolgimento delle attività di tirocinio pre e post lauream che spaziano da strutture sanitarie pubbliche a enti e cooperative di tipo privato, numericamente e qualitativamente rappresentativa della realtà della professione psicologica presente a livello nazionale. In questo senso è anche di particolare rilievo la collaborazione del CdL con il Dirigente Responsabile della Formazione del Personale AUSL2 Umbria, Dr. Franco Cocchi, anche consigliere dell Ordine degli Psicologi dell Umbria, referente continuamente in contatto con i responsabili del CdL nel monitoraggio dei bisogni formativi e dell offerta lavorativa del territorio umbro.

6 In questo senso, precisamente l attivazione di un Interclasse con Filosofia, permetterebbe di ridefinire il percorso formativo Triennale, nella prospettiva della formazione culturale e di base, aprendo ad un percorso Magistrale, ancora non attivo in Ateneo e che si potrebbe avviare precisamente con le risorse di personale Docente che da un Percorso Interclasse potrebbero liberarsi. Basandosi sul Rapporto sulla qualità della formazione in Psicologia (Gruppo di lavoro Università - Dicembre 2013) che costituisce il documento più recente a fornire una fotografia quanto più precisa della situazione in Italia al momento della stesura della presente relazione di Riesame (rapporto per il quale il CdL in STPPM ha fornito dati e documenti attraverso la Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Psicologia (Marzo 2013), si sottolinea come l esperienza maturata con l istituzione dei corsi triennali abbia sancito la convinzione che tre anni sono necessari solo per porre la basi di una cultura psicologica, ma non sono sufficienti per una formazione professionale. Inoltre, i dati a nostra disposizione documentano che chi consegue la laurea di primo livello sceglie di proseguire gli studi nel biennio magistrale e solo una percentuale molto esigua (circa il 2%) sostiene l esame di Stato e si iscrive all Albo B degli Psicologi. Pertanto, la formazione universitaria in due step alla professione dello psicologo nonché le più recente indicazione del Rapporto finale del Gruppo di Lavoro sulla Qualità della Formazione in Psicologia (Dicembre 2013) di caratterizzare i corsi di laurea triennali nella prospettiva di una formazione culturale e di base per lasciare alla laurea magistrale la dimensione professionalizzante suggeriscono la ridefinizione dell attuale offerta formativa in STPPM. 3. Analisi dei profili di competenza e dei risultati di apprendimento attesi: Trattandosi di un corso Interclasse ed essendo pertanto previste Attività comuni, le competenze che i due profili di laureati acquisiranno sono in una certa misura comuni e interdisciplinari e fondamentalmente specifiche per quanto riguarda le differenze che gli iscritti all uno o altro Cds potranno acquisire.

7 Per determinare le competenze si è pertanto tenuto conto di diversi dati sulle competenze richieste e precisamente ricavati dal sito Isfol ((http://professionioccupazione.isfol.it ), dalle indicazioni della dalla Conferenza dei Presidi di Psicologia, Ottobre 2013; Rapproro sulla Qualità della Formazione in Psicologia, Dicembre 2013, e dalle indicazioni provenienti dal Decreto ministeriale delle classi (\\mercurio\workgroups\ufficio Legislativo\U e R\XV LEGISLATURA\CLASSI DI LAUREA\lauree triennali doc ) specificamente considerando le indicazioni per la Classe L-5 e L-24. Gli stessi dati sono stati considerati in maniera incrociata per definire le competenze comuni. Distinguiamo quindi i profili del a) laureato in Filosofia (L-5) e per il b) laureato in Scienze e Tecniche psicologiche (L-24). a) Risultati di apprendimento attesi per il laureato in Filosofia (L-5) CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE: Il laureato: ha conoscenze di base della storia della filosofia, ha una conoscenza di base delle problematiche più rilevanti negli ambiti di ricerca filosofica: (teoretica, etica, linguaggio, politica, estetica) può scegliere di approfondire tra specifici settori; conosce la terminologia filosofica specifica; Ha conoscenze di base di psicologia e specificamente possiede conoscenze di base sui comportamenti e stati mentali nel ciclo di vita; ha fondamenti di psicolgia dinamica (le diverse visioni dell uomo: motivazione, direzione, meta dello sviluppo); ha una conoscenza delle principali classificazioni psicodiagnostiche e degli approcci di assessment e valutazione clinica; Conosce la terminologia psicologica specifica,

8 Tali conoscenze sono conseguite con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, seminari, e attraverso le ore di studio individuale, come previsto dalle attività formative attivate. La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d esame (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).; possono essere previste prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali). CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE: Il laureato: sa utilizzare le tecniche argomentative e logiche fondamentali; saper comprendere le questioni fondamentali della psicologia, cogliendone significati e temi fondamentali per un dialogo interdiciplinare con la Filosofia; - sa leggere e analizzare criticamente testi filosofici; saper comprendere la struttura di un testo filosofico, riuscendo a decodificarlo e coglierne significati e valori; sa comunicare pertinentemente e adeguatamente, sia sotto l'aspetto orale sia scritto, con un buon uso della lingua italiana, attorno a tematiche filosofiche, e psicologiche (con particolare riferimento alle questioni fondamentali della psicologia generale, dinamica e sociale); - Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, in particolare il laboratorio di filosofia. La verifica del raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione avviene principalmente attraverso prove d esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali). AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Il laureato:

9 saper affrontare in maniera interdisciplinare su questioni centrali sia per la filosofia che per la psicologica; sa dialogare e conversare, argomentando, utilizzando criteri logici e valutazioni interpretative; è in grado di analizzare, rielaborare e sintetizzare testi e problemi filosofici; sa raccogliere e interpretare dati rilevanti (nel proprio campo di studi) al fine di formulare giudizi su temi morali, scientifici e psicologici; L autonomia di giudizio nello studente viene sviluppata e verificata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, esperienza di tirocinio, preparazione di elaborati, nonché durante l attività assegnata in preparazione alla prova finale. ABILITÀ COMUNICATIVE: Il laureato: è in grado di comunicare idee, problemi e soluzioni, sia a specialisti che a non specialisti; è in grado di interagire con professionalità diverse dallo psicologo e in modo specifico con prfoessionalità provenienti da aree psicologiche; elaborare pensieri produttivi ed ipotesi di lavoro, in merito a progettazioni e progetti. è in grado di comunicare idee, problemi e soluzioni, sia a specialisti che a non specialisti; conosce una lingua europea a livello B1. Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, laboratori, esercitazioni, e sono comunque verificate in occasione di ciascuna prova. CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: Il laureato:

10 sa organizzare una bibliografia su un tema assegnato consultando i principali repertori bibliografici tradizionali e on-line, e fare uso di banche dati; è competente sul controllo delle fonti e gli apparati di edizioni critiche; La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e all attività svolta in vista della prova finale. b) Risultati di apprendimento attesi laureato in Scienze e Tecniche psicologiche (L-24). CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE sui fondamenti della Psicologia: Il laureato: Ha conoscenze di base di psicologia e specificamente possiede conoscenze di base sui comportamenti e stati mentali nel ciclo di vita; ha fondamenti di psicologia dinamica (le diverse visioni dell uomo: motivazione, direzione, meta dello sviluppo); ha una conoscenza delle principali classificazioni psicodiagnostiche e degli approcci di assessment e valutazione clinica; Conosce la terminologia psicologica specifica, possiede conoscenze di base sui comportamenti e stati mentali nel ciclo di vita; acquisisce fondamenti teorici di base necessari per un percorso Magistrale; CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE su FORMAZIONE INTERDISCIPLINARE

11 Al termine del percorso formativo, il laureato possiede conoscenze in ambiti disciplinari affini e complementari alle scienze psicologiche. Nello specifico: ha conoscenze di base della storia della filosofia, ha una conoscenza di base delle problematiche più rilevanti negli ambiti di ricerca filosofica (e specialmente di filosofia teoretica); conosce la terminologia filosofica; ha conoscenze informatiche di base La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e all attività svolta in vista della prova finale. ASPETTI APPLICATIVI DELLA PSICOLOGIA Al termine del percorso formativo, il laureato: - conosce gli aspetti più rilevanti della programmazione e della verifica degli interventi psicologici e psico-sociali; - conosce gli strumenti principali per realizzare interventi psico-educativi per la valutazione della personalità, delle interazioni sociali, delle opinioni e degli atteggiamenti, e per realizzare attività di orientamento scolastico e professionale e di gestione delle risorse umane; - è in grado di analizzare e di comprendere gli aspetti più rilevanti quando si utilizzano, con persone disabili, strmenti piscologici per recuperare competenze di tipo cognitivo, emotivo, relazionale e pratico.

12 La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e all attività svolta in vista della prova finale. CAPACITA' DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE: Area di apprendimento: FONDAMENTI DELLA PSICOLOGIA Al termine del percorso formativo, il laureato: - è in grado di applicare le conoscenze psicologiche di base nella conduzione di colloqui e interviste; nell'assessment di comportamenti e stati mentali; nella valutazione dell'influenza sociale e culturale sugli stati psicologici; nella valutazione di aspetti organizzativi e psicosociali in contesti lavorativi o di comunità; - è in grado di comprendere ed analizzare la letteratura scientifica in ambito psicologico; - è in grado di applicare tecniche di analisi dei dati in ambito psicologico. Area di apprendimento: FORMAZIONE INTERDISCIPLINARE Al termine del percorso formativo, il laureato: - sa applicare le competenze psicologiche in ambito psicopedagogico; - sa analizzare ricerche in ambito antropologico e sociologico; - sa valutare le componenti biologiche nei comportamenti e stati mentali; - sa applicare conoscenze informatiche di base per la stesura di report scientifici ed analisi dei dati. Area di apprendimento: ASPETTI APPLICATIVI DELLA PSICOLOGIA

13 Al termine del percorso formativo, il laureato: - è in grado di individuare e applicare le tecniche più opportune per gestire gruppi con finalità differenziate e condurre osservazioni con metodi diversi; - è in grado di effettuare ricerche bibliografiche su ricerche scientifiche della psicologia; - è in grado di utilizzare i principali test psicodiagnostici; - è in grado di effettuare procedure di assessment cognitivo-comportamentale. Il raggiungimento della capacità di applicare conoscenze e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, lo studio di casi di ricerca e di applicazione mostrati dai docenti, lo svolgimento di esercitazioni pratiche di laboratorio e informatiche, la ricerca bibliografica e sul campo, oltre che nella preparazione della prova finale. La verifica delle conoscenze e delle competenze acquisite avviene principalmente attraverso prove individuali scritte e/o orali, analisi di casi sia in itinere che a conclusione dell'attività formativa. Tali verifiche prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica. Nelle attività formative pratiche la verifica avviene tramite la presentazione di una relazione da parte dello studente. AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Il laureato: saper argomentare in maniera interdisciplinare su questioni centrali sia per la filosofia che per la psicologica;

14 saper dialogare e conversare, argomentando, utilizzando criteri logici e valutazioni interpretative; saper leggere e collocare storicamente testi e problemi filosofici; saper raccogliere e interpretare dati rilevanti (nel proprio campo di studi) al fine di formulare giudizi su temi morali, scientifici e psicologici; saper valutare autonomamente rispetto a problemi e situazioni attraverso l'utilizzo delle conoscenze e delle informazioni acquisite; sa raccogliere e interpretare i dati negli ambiti delle scienze psicologiche per progettare e valutare, sotto supervisione e direzione scientifica, gli interventi in situazioni complesse, integrando le conoscenze con metodiche avanzate di indagine, eventuali basi di informazioni limitate o incomplete, producendo così giudizi autonomi, inclusa la riflessione su temi sociali, scientifici o etici ad essi connessi. L autonomia di giudizio nello studente viene sviluppata e verificata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, esperienza di tirocinio, preparazione di elaborati, nonché durante l attività assegnata in preparazione alla prova finale. ABILITÀ COMUNICATIVE: Il laureato: Capacità di comunicare con il contesto sociale, con i soggetti con deficit, con interlocutori specialisti o non specialisti; comunica le informazioni relative alle scienze e tecniche psicologiche di base, i risultati delle analisi di progetti posti in essere sotto la direzione di psicologi abilitati alla professione e personale sanitario con ruolo direttivo. elaborare pensieri produttivi ed ipotesi di lavoro, in merito a progettazioni e progetti. è in grado di comunicare idee, problemi e soluzioni, sia a specialisti che a non specialisti; conosce una lingua europea a livello B1. è in grado di interagire con professionalità diverse dallo psicologo e in modo specifico con prfoessionalità provenienti da aree filosofiche;

15 Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, laboratori, esercitazioni, e sono comunque verificate in occasione di ciascuna prova. CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: Il laureato: Capacità di aggiornare le conoscenze scientifiche o raggiungere un alto grado di autonomia sui processi cognitivi ed affettivi, sulle basi neuropsicologiche del comportamento umano e sulle modalità di applicazione di tecniche psicologiche per l'intervento nelle dinamiche delle relazioni umane, nell'elaborazione dei processi cognitivi e affettivi, e nella valutazione del funzionamento individuale e della disabilità. La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e all attività svolta in vista della prova finale. 4) L esperienza dello studente: Per valutare se il servizio formativo offerto, e specificamente per garantire che l andamento delle attività formative e dei risultati del Cds sia coerente con gli obiettivi prefissati e gestito secondo i criteri di Qualità, per poter quindi intervenire con appropriate azioni di correzione e/o di miglioramento, attraverso le procedure di seguito indicate, diversi momenti di monitoraggio dedicati alla raccolta di informazioni e di dati inerenti alla soddisfazione degli studenti, successivamente, alla loro analisi.

16 Attività inerenti ad insegnamenti ufficiali: nei 30 giorni che precedono il termine delle lezioni di ogni singolo insegnamento ufficiale viene somministrato agli studenti il questionario di valutazione della didattica fornito dall ufficio organi collegiali dell Ateneo. Le modalità esecutive sono indicate nella nota esplicativa fornita assieme alle schede di valutazione. Il questionario di valutazione segue ancora due modalità: telematica e cartacea. Per il momento la modalità telematica è ancora soltanto sperimentale e pertanto seguiremo quella cartacea fino a diversa indicazione dell Ateneo. La modalità Cartacea segue questa procedura: il questionario verrà consegnato ad ogni docente del CDS, ed è costituito da 2 schede: una prima predisposta per la lettura ottica contiene una serie di domande volte alla valutazione del gradimento dell insegnamento frequentato. La seconda, detta anche Scheda dei commenti liberi, è utilizzata dagli studenti per fare i commenti ritenuti opportuni sull insegnamento frequentato. Le schede di valutazione e le schede dei commenti liberi, sono compilate dagli studenti, sono raccolte in aula dal docente di ogni insegnamento e, in busta chiusa, consegnate al Responsabile che le consegna al Presidente (o coordinatore) del Cds che provvede a farle avere al Nucleo di Valutazione d Ateneo per la relativa lettura ottica. I risultati delle valutazioni (in riferimento all anno ed ai semestri) verranno utilizzati dal Responsabile di Qualità del Cds come input al Riesame annuale. Per quanto concerne l uso delle schede a commenti liberi, le schede stesse sono esaminate dal Presidente (o coordinatore) del Cds al fine di verificare eventuali e specifici problemi non emersi, precedentemente, durante l erogazione dell offerta formativa. Lo stesso Presidente riferirà annualmente in un Consiglio circa i risultati emersi dalle schede di valutazione. Tirocinio lo studente che ha svolto il tirocinio, oltre al diario ed alla relazione conclusiva delle attività svolte, consegna al Resposnabile tirocinio il questionario di valutazione delle attività svolte. I questionari sono trasmessi dal Resposnabile tirocinio al Presidente del Cds e, concordandolo con il Presidente del Cds, il Responsabile dei tirocini può riferire al Cds circa i risultati degli stessi tirocini. Responsabile dell elaborazione dei questionari per le attività di tirocinio è il Responsabile dei tirocini, che redige una relazione annuale sui risultati di tali attività e la trasmette alla Presidente del Cds. Opinioni degli studenti

17 Per valutare l efficacia del servizio formativo offerto, la Commissione paritetica del Cds può programmare uno o più appuntamenti e quanti ritiene opportuno per rilevare le opinioni di tutti gli utenti sulla qualità percepita dei vari servizi inerenti all'offerta didattica valutando in particolare: didattica; - il grado di coordinamento didattico tra docenti e tra docenti e personale di supporto alla - la corrispondenza tra carico didattico previsto e carico didattico effettivo delle singole attività formative; docenti. - il rispetto del calendario delle attività formative e degli esami di profitto da parte dei Gli aspetti che emergono durante l incontro sono verbalizzati nel verbale di ognuno di questi incontri delle Commissione paritetica saranno inviati al Presidente del Cds. Gli studenti del Cds possono esprimere le loro opinioni anche inviandole via al Presidente del Cds, oppure chiedendo incontri specifici nell'orario di ricevimento. Anche il Presidente del Cds può proporre momenti di verifica con gli studenti per raccogliere opinioni e verificare aspetti specifici riguardanti l'attività didattica o altri servizi offerti dal Cds. Valutazione esiti dell attività formativa. Il presidente del Cds può individuare, qualora lo ritiene utile, modalità e indicatori per verificare: - i tassi di abbandono, con specifica attenzione a quelli tra il primo e secondo anno; - la progressione nella carriera degli studenti, con particolare attenzione al numero dei CFU acquisiti in ciascun anno ed alle votazioni riportate con riferimento ai singoli insegnamenti previsti dal piano di studio; - i tempi di conseguimento del titolo di studio; - la capacità dei laureati di inserimento nel mondo del lavoro. Misurazioni, Analisi e Miglioramento

18 Il presidente del Cds, in uno specifico Consiglio del Cds, valuta se e in che grado l Offerta formativa del Cds ha raggiunto gli obiettivi prefissati. A tale fine utilizza le schede di valutazione fornite dal nucleo di valutazione dell'ateneo ed eventualmente definisce ulteriori criteri, metodi ed indicatori per pianificare ed attuare i processi di monitoraggio, di misurazione, di analisi e di miglioramento dell Offerta formativa.

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica Classe di appartenenza: LM - 51 Clinical Psychology REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24. CAPO I Oggetto

Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24. CAPO I Oggetto Dipartimento di Scienze umane Art. 1 - Oggetto del regolamento Regolamento Didattico del Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche- L 24 CAPO I Oggetto Il presente regolamento, in conformità con

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE

SI CONVIENE QUANTO SEGUE Convenzione tra Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia e Università degli Studi di Catania per l'attuazione delle attività di tirocinio previste per laureati delle classi L24 e LM51 (ex XXXIV e 58/S)

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO

Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Regolamento didattico del corso di laurea in ECONOMIA E COMMERCIO Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Art. 3 Attività formative Il presente Regolamento,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: PSICOLOGIA (Interfacoltà con le Facoltà di Lettere e Filosofia e di Medicina

Dettagli

Sociologia e politiche sociali

Sociologia e politiche sociali LM-87 - Servizio sociale e politiche sociali Sociologia e politiche sociali corso assegnato all'utente: montanari Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli

Preparazione Relazione Annuale

Preparazione Relazione Annuale UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO SEMINARIO RIUNIONE CONGIUNTA COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA EDILE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO

PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN «SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE» DM 270/04 RIFORMATO CONSIGLIO DI CORSO DI STUDIO I Consigli di Corso di Studio sono costituiti da tutti i docenti che insegnano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN Consulenza pedagogica e coordinamento di interventi formativi CLASSE LM- 85 (Scienze pedagogiche) AI SENSI

Dettagli

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Regolamento di Tirocinio per i laureati nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e del Corso di Laurea Specialistica (58/S) e Magistrale in Psicologia (classe LM51), anche ai

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Mechanical Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

Allegato C. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Allegato C. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE Allegato C UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN: SCIENZE PEDAGOGICHE E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Classe LM - 85 Art.

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE 66 Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE (Classe LM-78 - ex D.M. 270/04) Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-78 Scienze filosofiche I laureati nei corsi

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Management Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO TELEMATICO IN SCIENZE PSICOLOGICHE CLASSE L-24

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze della Formazione Corsi di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia

Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze della Formazione Corsi di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia Università degli Studi di Genova - Facoltà di Scienze della Formazione Corsi di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia Informazioni su che cos'è il tirocinio professionalizzante per psicologi

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE 1. Denominazione del corso di studi Scienze psicologiche 2. Classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L-24)

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L-24) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L-24) LAUREA TRIENNALE INTERATENEO TRA L UNIVERSITÀ DI MODENA E REGGIO EMILIA (SEDE AMMINISTRATIVA) E L UNIVERSITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FILOSOFIA approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze umanistiche 1.2 Classe

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA IN Discipline della Ricerca Psicologico - Sociale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA IN Discipline della Ricerca Psicologico - Sociale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA IN Discipline della Ricerca Psicologico - Sociale REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE OPZIONE DIDATTICA DELLA

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Per tutte le analisi che seguono le fonti sono state: 1) Scheda SUA 2014 2) RAR 2014 3) Valutazioni

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN GEOLOGIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO ENVIRONMENTAL GEOLOGY (Classe L-34) (Emanato con D.R. n. 1056/2015 del 24.07.2015 pubblicato

Dettagli

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE PHYSICS AND ADVANCED TECHNOLOGIES Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche (L-30) (Emanato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA Classe di appartenenza: LM-33 - INGEGNERIA MECCANICA MECHANICAL ENGINEERING REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Scolastica e dell'educazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Rapporto di Riesame ciclico sul Corso di Studio in Medicina Veterinaria

Rapporto di Riesame ciclico sul Corso di Studio in Medicina Veterinaria Rapporto di Riesame ciclico sul Corso di Studio in Medicina Veterinaria 1 LA DOMANDA DI FORMAZIONE 1-a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Obiettivi individuati nel Rapporto di Riesame ciclico precedente,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica LM-17 Fisica Physics REGOLAMENTO DIDATTICO ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia. LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Allegato N. 1 al Verbale CCL in data 21/06/2012 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE

Dettagli

Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari

Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari Revisione 2007 1 Premessa Il presente documento descrive il Sistema CRUI di gestione per la qualità dei Corsi di Studio universitari

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII )

REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII ) 1 REGOLAMENTO DIDATTICO del Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione (Classe di Laurea XVIII ) Articolo 1 - Denominazione del Corso di Studio e classe di appartenenza 1. E istituito

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia

Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Gestionale (Classe: Ingegneria dell Informazione) Università di Perugia PARTE I TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Ambito di applicazione Il

Dettagli

Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione

Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione Denominazione del Corso di Studio: Scienze della Educazione e della Formazione Classe:L19 Sede: Bari Codice OFF: 1327504 Indicare chi ha svolto le operazioni di Riesame (gruppo di riesame, componenti e

Dettagli

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014

MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 MFANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in PSICOLOGIA Classe LM - 51 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Psicologia

Dettagli

Area B Percorso formativo

Area B Percorso formativo Area B Percorso formativo Il Corso di Studio deve assicurare agli studenti attività formative che conducano, tramite contenuti, metodi e tempi adeguatamente progettati e pianificati, ai risultati di apprendimento

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE DEL ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 (ai sensi del D.Lgs. 19/2012 art.12 e 14 e della L.370/99 art.1 c.2) Riunione Nucleo di Valutazione 14/04/2014 Il Nucleo di Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58)

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) Art. 1 Definizione Il tirocinio è un periodo di formazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA IN Informatica REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea di primo

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA Scienze e tecniche psicologiche Classe L-24 Anno Accademico 2013-2014 Requisiti d accesso e modalità di verifica Per accedere al corso di laurea della classe L-24

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA

Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA Università degli Studi di Roma Tre REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI STUDIO DI INGEGNERIA SEZIONE I NORME GENERALI E COMUNI CAPO I CORSI DI STUDIO Art. 1 Corsi di Studio (CdS) attivati nel Dipartimento

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale - L37 (ai sensi del D.M.270/04)

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale - L37 (ai sensi del D.M.270/04) SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, AZIENDALI E STATISTICHE Regolamento didattico del Corso di Laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale

Dettagli

Il Sistema di Assicurazione interna della Qualità

Il Sistema di Assicurazione interna della Qualità Il Sistema di Assicurazione interna della Qualità del corso di Laurea in Ingegneria Elettrica ed Elettronica Premessa Il Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica ed Elettronica intende perseguire una politica

Dettagli

34-Classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche Nome del corso. Scienze e tecniche psicologiche

34-Classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche Nome del corso. Scienze e tecniche psicologiche Università Università degli studi di Genova Classe 34-Classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche Nome del corso Scienze e tecniche psicologiche Modifica di Scienze e tecniche psicologiche (codice=22328)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 31 maggio 2011, n. 660 e confermato con Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) Parte prima NORME GENERALI ART. 1

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85)

Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Facoltà di Lettere e Filosofia Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Scienze Pedagogiche (LM 85) Articolo 1 Definizioni e finalità Il presente regolamento, nel rispetto della libertà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE Classe LM - 23 AI SENSI DEL D.M. 270/2004

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE Classe LM - 23 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 Comma 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE Classe LM - 23 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 ARTICOLO 1 Funzioni e struttura del regolamento Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Assicurazione Qualità della Didattica

Assicurazione Qualità della Didattica Assicurazione Qualità della Didattica Indice 1) Premessa 2) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità 3)La struttura organizzativa per l Assicurazione Qualità 4) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49)

Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-49) Regolamento didattico del Corso di studio magistrale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici (LM-4) Art. 1. Denominazione del Corso di studio 1. È istituito presso la Facoltà di Scienze politiche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

Per maggiore chiarezza, di seguito si riporta un estratto della direttiva che descrive i titoli che devono essere in possesso del personale:

Per maggiore chiarezza, di seguito si riporta un estratto della direttiva che descrive i titoli che devono essere in possesso del personale: Percorso formativo per operatori di strutture residenziali e semi-residenziali per minori e mamma-bambino neo-assunti, non in possesso delle lauree e dei titoli previsti dalla normativa DGR 1904/2011 della

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ACADEMIC REGULATIONS PROGRAMME IN SOCIAL WORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE (Classe L-39 Servizio sociale) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN: FORMAZIONE DI OPERATORI TURISTICI Classe L15 Art. 1 - Premesse 1. Il corso

Dettagli