La malattia e l infortunio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La malattia e l infortunio"

Transcript

1 La malattia e l infortunio Comunicazione all Azienda La malattia Lo stato di malattia, che è considerato dalla legge causa sopravvenuta di impossibilità parziale della prestazione, non determina la risoluzione del rapporto, ma la sua sospensione. A norma di legge e di contratto la malattia va comunicata tempestivamente (anche per via telefonica), salvo caso di forza maggiore, al proprio responsabile gerarchico, all ufficio specificamente indicato o, direttamente al Servizio Personale. Il certificato medico deve essere inviato tempestivamente; in alcune aziende il certificato è richiesto solo in caso la malattia superi i 3 giorni; in altre invece è richiesto a partire dal primo giorno di malattia e indipendentemente dalla durata della malattia stessa. È bene perciò informarsi esattamente della normativa e della prassi per evitare provvedimenti disciplinari per assenza ingiustificata. Nel settore Assicurativo (CCNL Ania) l'assenza per malattia o infortunio che si protragga oltre il secondo giorno, deve essere giustificata con certificato medico, da presentare entro il terzo giorno. Devono essere giustificate con certificato medico da presentare non oltre il giorno del rientro dall'assenza, anche le assenze di durata uguale o inferiore alle due giornate, quando le assenze stesse precedono immediatamente o seguono immediatamente giornate di ferie. L'eventuale prosecuzione dello stato di inidoneità al servizio deve essere comunicato all'azienda entro il normale orario di lavoro del giorno in cui il lavoratore/trice avrebbe dovuto riprendere servizio e deve essere attestato da successivi certificati medici che il lavoratore/trice deve far pervenire all'azienda entro il terzo giorno dalla scadenza del periodo di assenza per malattia o infortunio indicata nel certificato medico precedente. Per quanto riguarda gli assicurativi dipendenti delle Agenzie in gestione libera il lavoratore che si assenta per malattia, oltre alle normali comunicazioni, dovrà presentare il certificato medico dal secondo giorno di malattia.qualora la malattia si protragga oltre il giorno di scadenza del periodo di prognosi indicato nel certificato medico, il lavoratore dovrà far pervenire all agenzia nuovo certificato medico di proroga della malattia. I giorni di malattia sono da conteggiare come giorni di calendario, perciò le giornate festive non si considerano se concludono o precedono il periodo di malattia; vanno conteggiate se sono invece comprese tra giorni feriali 1. 1 Se la malattia si protrae dal venerdì al lunedì successivo compreso i giorni conteggiati sono 4. Se la malattia inizia e finisce venerdì con rientro al lunedì successivo si conteggia un solo giorno. 1

2 La prognosi inizia dalla data del certificato, il medico può espressamente indicare se il lavoratore dichiara di essere infermo già dal giorno precedente, ma questa dichiarazione non è sempre accettata dalle aziende e nulla in proposito è previsto dalla legge. Il certificato deve essere redatto da un medico della ASL, anche se non è il proprio medico di famiglia, o ospedaliero. Dovrebbe comunque in determinate circostanze essere possibile anche utilizzare un medico privato, pur tuttavia è bene accertarsi della normativa e della prassi aziendale. Il certificato medico è solitamente compilato su un modulo prestampato a due copie, una recante esclusivamente la prognosi, ed una con diagnosi e prognosi. Se il medico non ha questo tipo di modulistica, poiché la prognosi è riservata, si può richiedere che compili un doppio certificato. All azienda va inviata con tempestività esclusivamente la parte del certificato con la sola indicazione della prognosi: il lavoratore ha infatti il diritto a non far conoscere la propria malattia. Nei casi in cui, come è illustrato nel paragrafo sul comporto per malattia, la diagnosi è rilevante ai fini dell applicazione di specifiche normative favorevoli al dipendente la diagnosi deve essere comunicata affinché tali diritti possano essere messi in atto. Il certificato non va inviato all INPS, ma la copia con la diagnosi va tenuta in casa a disposizione del medico per il controllo domiciliare. Nel caso di malattia intervenuta durante un periodo di ferie, il lavoratore ha facoltà di interromperne la fruizione, comunicando all azienda tempestivamente sia lo stato di malattia sia il domicilio per le visite di controllo, inviando poi nei tempi prescritti il certificato. Controllo dello stato di malattia La legge 2 prevede che l azienda possa controllare lo stato di malattia del lavoratore, attraverso visite domiciliari del medico dell ASL o dell INPS. Qualora il lavoratore risulti assente alla visita di controllo senza giustificato motivo, decade dal diritto a qualsiasi trattamento economico per i primi 10 giorni di assenza e nella misura della metà per il periodo restante, esclusi quelli relativi al ricovero ospedaliero o già accertati da precedente visita di controllo. La trattenuta è effettuata per i giorni di malattia già fruiti fino alla data della visita. E molto importante indicare i dati precisi del proprio domicilio (per "domicilio" si intende l indirizzo comunicato all azienda) 3. Se il lavoratore per motivi inerenti alla propria malattia o per altre plausibili ragioni è costretto a trasferirsi, o si trova al momento della malattia in luogo diverso dal proprio domicilio, deve tempestivamente comunicare la propria reperibilità alla filiale o al Servizio di appartenenza. La legge ha disposto fasce di reperibilità così fissate: dalle ore 10 alle ore 12 e dalle 17 alle ore 19 tutti i giorni compresi sabato, domenica e festivi. 2 D.L. 463 del 12/9/83 convertito nella L. 638 del 11/11/83. 3 Ricordiamo che il personale ha l obbligo di comunicare all azienda ogni variazione di residenza o domicilio (CCNL, art. 30). 2

3 Eventuali autorizzazioni mediche a lasciare il proprio domicilio durante le fasce orarie di reperibilità sono del tutto inutili e non vengono considerate come giustificato motivo dell assenza. Il lavoratore in stato di malattia già accertata, cioé confermata dal controllore, non è esonerato dal rispetto delle disposizioni sulle fasce orarie di reperibilità. Motivi giustificativi dell assenza al controllo Oltre che nei casi di forza maggiore da provare in via documentale, il giustificato motivo di cui alle norme di legge può essere così individuato: Concomitanza di visite, prestazioni ed accertamenti presso il proprio medico della ASL, presso laboratori, reparti di ospedali, medici specialisti. Il personale è tenuto a fornire certificazione rilasciata dalle strutture in questione o dal medico con l individuazione del giorno e dell ora di effettuazione della visita, dell impossibilità di fissarla in altro periodo della giornata non rientrante nelle fasce di reperibilità, nonché dell urgenza della stessa; Situazione, da valutarsi di volta in volta da parte dell azienda, che abbia reso imprescindibile e indifferibile la presenza personale dell interessato altrove, per evitare gravi conseguenze per sé o per i componenti del suo nucleo familiare, anch essa naturalmente supportata da idonea documentazione. Comunicazione della sanzione Acquisita dall ASL la comunicazione dell assenza del lavoratore, l azienda richiederà formalmente agli interessati i motivi giustificativi dell assenza. Se entro 10 giorni il lavoratore non darà giustificazioni, l azienda applicherà la trattenuta della retribuzione, considerando l interessato assente ingiustificato. Si precisa che la sanzione è esclusivamente economica e non prevede conseguenti ricadute sull anzianità di servizio. Il Comporto ovvero il periodo di conservazione del posto Il lavoratore che abbia superato il periodo di prova, in stato di malattia o infortunio, ha diritto alla conservazione del posto e all intero trattamento economico per un periodo che viene denominato "periodo di comporto" 4. Il comporto è diverso per anzianità di servizio. CREDITO Viene distinto tra comporto secco, cioè un periodo di malattia ininterrotto, e comporto per sommatoria, cioè la somma di tutte le assenze per malattia e infortunio effettuate nei 48 mesi precedenti all evento in corso 5. 4 CCNL, art. 50 e CIA, art Ad esempio, il lavoratore in malattia il 15/12/2006 deve conteggiare tutti i periodi di malattia precedenti sino alla data del 16/12/2002 (48 mesi precedenti). 3

4 anzianità mesi comporto secco mesi comporto per sommatoria fino a 5 anni 6 8 da oltre 5 e fino a 10 anni da oltre 10 e fino a 15 anni da oltre 15 e fino a 20 anni da oltre 20 e fino a 25 anni oltre i 25 anni I periodi di cui sopra sono automaticamente aumentati del 50% in caso di TBC, malattie di carattere oncologico, sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), con un minimo di 12 mesi ed un massimo di 30 mesi complessivi 6. Nel CCNL appena rinnovato si è ottenuta una specifica Raccomandazione dell ABI alle Aziende affinché l allungamento sia esteso anche ai dipendenti affetti da patologie di analoga gravità. 7 Per il personale con Contratto di apprendistato nel CCNL appena rinnovato si è ottenuta l equiparazione con il personale a 6 mesi come comporto secco e di 8 mesi per sommatoria. Nel CCNL vi è una raccomandazione alle aziende affinché, in caso di eventi di particolare gravità, venga aumentato il periodo di comporto rispettivamente a 6 mesi e 8 mesi. In virtù delle disposizioni di legge per il personale con Contratto di inserimento sia il periodo di comporto secco che per sommatoria è di 70 giorni, mentre per i Tempi determinati è di 2 mesi (su questa materia nel CCNL appena firmato la Commissione appositamente costituita potrebbe prevedere miglioramenti). L azienda deve comunicare 1 mese prima al personale interessato l approssimarsi della scadenza del periodo di comporto. Trascorso il periodo di comporto il personale sarà collocato, a richiesta del lavoratore o d ufficio da parte dell azienda, in aspettativa per malattia per un periodo massimo di otto mesi. Il cumulo di più periodi di aspettativa non può superare i 12 mesi complessivi. L aspettativa per malattia non è retribuita, non produce riduzione di anzianità, ma non è utile ai fini INPS. Il personale tossicodipendente o alcolista cronico, che si sottopone a un programma terapeutico e di riabilitazione, può fruire di un aspettativa fino a 3 anni Assicurativi direzionali Agli assicurativi dipendenti non dirigenti delle imprese di assicurazione in caso di assenza per malattia o infortunio accertati, l'impresa conserverà il posto e l intera retribuzione al lavoratore/trice che abbia superato il periodo di prova: per 12 mesi 8 al lavoratore/trice con anzianità di servizio sino a 10 anni compiuti 6 Ai fini del periodo di comporto non si terrà conto delle assenze per il trattamento di dialisi 7 Alcuni Contratti integrativi prevedono già tale estensione. 4

5 per 18 mesi al lavoratore/trice con anzianità di servizio oltre i 10 anni 9 Sono escluse dal computo dei predetti periodi le assenze dovute a ricoveri di durata superiore a 15 giorni continuativi e sino ad un massimo di 120 giorni complessivi. Ai fini della conservazione del posto i periodi di assenza per malattia si sommano a meno che, tra una assenza ed un'altra, non intercorra un intervallo di almeno quattro mesi. Agli effetti di tale somma dei periodi di assenza di cui sopra, sono presi in considerazione i 40 mesi precedenti ciascun giorno di assenza. Superati i predetti periodi di conservazione del posto, il lavoratore/trice ha diritto, previa richiesta scritta da presentarsi prima della scadenza dei limiti, salvo casi di impossibilità oggettiva comprovata, ad un ulteriore periodo di conservazione del posto sino a 12 mesi. Durante tale periodo, non computabile ad alcun effetto, non viene corrisposto alcun trattamento economico. A tale riguardo, l Impresa è tenuta ad informare, a mezzo raccomandata il lavoratore assente per malattia od infortunio, circa il residuo periodo di comporto, almeno 30 giorni prima del raggiungimento del termine medesimo. Dipendenti delle Agenzie assicurative Per quanto riguarda gli assicurativi dipendenti delle Agenzie in gestione libera, a norma dell articolo 43 del CCNL 12 dicembre 2001, in caso di assenza dal servizio per malattia o infortunio, l agente conserverà il posto al lavoratore per sei mesi con retribuzione intera, al lavoratore che abbia superato il periodo di prova e con anzianità di servizio fino al settimo anno compiuti, per nove mesi, di cui sei a retribuzione intera e tre a metà, al lavoratore con anzianità di servizio tra l ottavo anno iniziato ed il decimo compiuto e per dodici mesi, di cui sei mesi ad intera retribuzione e sei a metà, al lavoratore con anzianità di servizio dall undicesimo anno iniziato. Trascorsi i termini suddetti si potrà risolvere il rapporto di lavoro con il trattamento previsto per i casi di disdetta. Per il computo del periodo di comporto, a norma dell articolo 45, si sommano le assenze dovute alla stessa malattia ed alle conseguenze ad essa collegabili, quando non siano separate da un intervallo di almeno nove mesi di servizio effettivo. 8 aumentati di tre mesi nei casi di patologie di natura oncologica di rilevante gravità, ictus o sclerosi multipla gravemente invalidanti, trapianti di organi vitali ed aids conclamato 9 Aumentati di sei mesi nei casi di patologie di natura oncologica di rilevante gravità, ictus o sclerosi multipla gravemente invalidanti, trapianti di organi vitali ed aids conclamato 5

6 L infortunio sul lavoro L assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, distinta dall assicurazione generale contro le malattie, è obbligatoria, posta integralmente a carico del datore di lavoro e gestita dall INAIL. L infortunio è un evento traumatico che causa un danno fisico e/o psichico all organismo. È utile al fine di chiarire le varie fattispecie distinguere: infortunio sul lavoro; infortunio in itinere (nel percorso da e per il lavoro); infortunio per rischi extra professionali. Ai fini dell assicurazione obbligatoria assume rilevanza soltanto l infortunio dal quale derivi un inabilità al lavoro per un periodo minimo di tre giorni. Assicurazione obbligatoria (INAIL) I lavoratori che rientrano nei rischi elencati sono assicurati obbligatoriamente all INAIL. Ognuno ha una polizza individuale con un premio, calcolato sia sulla media delle retribuzioni sia sul rischio specifico. Il premio è a totale carico dell azienda. L infortunio sul lavoro? La legge 10 definisce infortunio sul lavoro l evento dannoso che: incide sulla capacità lavorativa, provocando la morte, l inabilità permanente assoluta o parziale o l inabilità temporanea assoluta; è originato da una causa violenta in occasione di lavoro 11 ; è occorso in occasione di lavoro, cioè il fatto è avvenuto nelle condizioni ambientali in cui si svolge l attività produttiva o comunque in qualsiasi situazione ricollegabile direttamente o indirettamente all adempimento della prestazione di lavoro. Il rischio lavoro preso in considerazione dall Assicurazione Obbligatoria (INAIL) è il rischio legato alla prestazione lavorativa; non è invece sufficiente il rischio che grava su qualunque individuo indipendentemente dalla situazione di lavoro. Nella legge sono indicate espressamente le attività protette: in queste rientrano le prestazioni di lavoro che prevedono la guida di autoveicoli per servizio e l uso di macchine elettriche, comprese le macchine da scrivere, computer/video terminali, macchine contabili, centralini telefonici, fotocopiatrici, stampanti, ecc T.U. 1124/ Secondo la Cassazione, sentenza n /95, l infortunio è indennizzabile anche quando a determinare l elemento lesivo insieme alla causa violenta hanno concorso anche preesistenti condizioni patologiche del lavoratore. 6

7 La tutela assicurativa è estesa anche ai casi di imprudenza o imperizia dell infortunato. Sono invece esclusi, in linea di massima, i casi di rischi gratuiti o estranei alle modalità di lavoro. Infortunio in itinere E così definito l infortunio che si verifica mentre il lavoratore si reca o torna dal luogo di lavoro essendo considerato rischio generico collegato all attività lavorativa. L infortunio in itinere è indennizzabile come infortunio sul lavoro se è avvenuto durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione o da quello di consumazione del pasto. La copertura non opera nei casi di: interruzione o deviazioni del percorso per cause non necessitate (forza maggiore, esigenze improrogabili, obblighi penali); abuso di alcolici, droghe e psicofarmaci che abbiano provocato direttamente l infortunio; il mezzo di trasporto privato non sia considerato necessario 12. Indennità temporanea per infortunio E a carico dell INAIL l indennità giornaliera per inabilità assoluta temporanea, cioè in pratica per tutto il periodo in cui l infortunato si assenta dal lavoro dopo l evento. In merito al periodo massimo di assenza valgono le norme del periodo di comporto della normativa sulla malattia, mentre non sono applicabili le norme sulle fasce di reperibilità domiciliari in quanto non espressamente previste 13. L indennità giornaliera dell INAIL viene erogata direttamente all azienda stessa o al lavoratore, che la deve trasferire all azienda 14, salvo che per gli importi relativi al periodo di aspettativa senza retribuzione per superamento del comporto di malattia. Quindi il lavoratore infortunato continua ad essere retribuito per tutto il periodo al 100% 15. Denuncia dell infortunio L azienda deve dare comunicazione all INAIL dell infortunio dal quale derivi un assenza presumibile dal lavoro per più di tre giorni, entro due giorni dall evento. I termini sono assolutamente perentori. La denuncia oltre che dai dati anagrafici del soggetto, dal luogo, dal termine e dalle circostanze dell evento, deve essere accompagnata dal certificato medico con la prognosi. 12 Secondo gli orientamenti giurisprudenziali prevalenti allo stato, il trasporto privato è necessitato quando: il percorso da e per il lavoro non è interamente coperto; gli orari dei mezzi pubblici non sono utili o arrechino rilevante disagio; non siano approntati luoghi per la mensa (nel caso di infortuni nella pausa pranzo). 13 Cassazione 1247/ Nei settori Credito e Assicurativo il personale in malattia non ha un indennità erogata dall INPS, ma è direttamente retribuito dall azienda. 15 L INAIL interviene, invece, dopo il quarto giorno con il pagamento di un indennità economica pari al 60% del salario dei quindici giorni precedenti, dopo il 90 giorno l indennità è pari al 75%. 7

DAI VOCE A QUELLO CHE PENSI IL DIRITTO ALLA SALUTE IN POSTE ITALIANE

DAI VOCE A QUELLO CHE PENSI IL DIRITTO ALLA SALUTE IN POSTE ITALIANE DAI VOCE A QUELLO CHE PENSI IL DIRITTO ALLA SALUTE IN POSTE ITALIANE SOMMARIO PREMESSA 3 Malattia e rapporto di lavoro 3 TEMPI E MODI DI COMUNICAZIONE 4 DOCUMENTAZIONE GIUSTIFICATIVA 4 VISITE DI CONTROLLO

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015:

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: PROCEDURE, RETRIBUZIONE E PAGAMENTO dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, gennaio 2015 L infortunio sul lavoro INAIL 2015 è un incidente che avviene in occasione dell

Dettagli

Malattie e Infortuni

Malattie e Infortuni Malattie e Infortuni Il titolo XXII (artt. 100-110) del Ccnl studi professionali è dedicato ai casi di sospensione del lavoro per malattia e infortunio. Come è noto, il contratto di lavoro è un negozio

Dettagli

Malattie e Infortuni

Malattie e Infortuni Malattie e Infortuni Il titolo XXII (artt. 100-110) del Ccnl studi professionali è dedicato ai casi di sospensione del lavoro per malattia e infortunio. Come è noto, il contratto di lavoro è un negozio

Dettagli

LE ASSENZE PER MALATTIA

LE ASSENZE PER MALATTIA LE ASSENZE PER MALATTIA 1) Premessa. - Una delle caratteristiche più evidenti del contratto di lavoro subordinato è identificabile nel fatto che lo scambio delle prestazioni contrattuali attività lavorativa

Dettagli

Regole in materia di ASSENZE PER MALATTIA/INFORTUNIO CONTROLLO DELLO STATO DI MALATTIA ACCERTAMENTO DI IDONEITA AL SERVIZIO

Regole in materia di ASSENZE PER MALATTIA/INFORTUNIO CONTROLLO DELLO STATO DI MALATTIA ACCERTAMENTO DI IDONEITA AL SERVIZIO Regole in materia di ASSENZE PER MALATTIA/INFORTUNIO CONTROLLO DELLO STATO DI MALATTIA ACCERTAMENTO DI IDONEITA AL SERVIZIO MAGGIO 2010 Per la scienza medica malattia è qualsiasi alterazione dello stato

Dettagli

FISAC-CGIL in UniCredit Group. Le assenze dal lavoro per malattia. Il periodo di comporto. L aspettativa per malattia.

FISAC-CGIL in UniCredit Group. Le assenze dal lavoro per malattia. Il periodo di comporto. L aspettativa per malattia. FISAC-CGIL in UniCredit Group Le assenze dal lavoro per malattia. Il periodo di comporto. L aspettativa per malattia. Indice Premessa....... La comunicazione della malattia.. I controlli (nelle fasce di

Dettagli

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Nozione Si considera infortunio, ai fini della tutela assicurativa obbligatoria, ogni evento avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro,

Dettagli

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI

INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI 04/2013 Certificazione di malattia e visite mediche di controllo INFORMAZIONI E PRO-MEMORIA PER I MEDICI CURANTI E PER I LAVORATORI COME OTTENERE IL CERTIFICATO DI MALATTIA Per ottenere il certificato

Dettagli

Malattie e Infortuni

Malattie e Infortuni Malattie e Infortuni Il titolo XXII (artt. 100-110) del Ccnl studi professionali è dedicato ai casi di sospensione del lavoro per malattia e infortunio. Come è noto, il contratto di lavoro è un negozio

Dettagli

Le assenze per malattia

Le assenze per malattia Le assenze per malattia SPECIALE Come comportarsi La giustificazione Nella pratica e nella teoria di medici, clinici e patologi, si definisce malattia un'alterazione dello stato fisiologico e psicologico

Dettagli

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 INCA PIEMONTE - 2010 1 L ASSICURAZIONE INAIL LA CAUSA VIOLENTA - L OCCASIONE DI LAVORO L INFORTUNIO IN ITINERE GLI OBBLIGHI DEL LAVORATORE

Dettagli

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Disciplina in materia di assenze dal servizio per malattia. Artt. 34-35 del CCNL 2006-2009 I^ biennio economico 2006-2007 vigente

Dettagli

Oggetto: vademecum in materia di assenze per malattia del personale tecnico amministrativo.

Oggetto: vademecum in materia di assenze per malattia del personale tecnico amministrativo. Ufficio Gestione Risorse Umane, Relazioni Sindacali e Procedimenti Disciplinari Circolare Rep. 23/2014 Protocollo: n. 14266 VII/11 del 16/04/2014 Al Personale Tecnico Amministrativo Ai Responsabili delle

Dettagli

La Malattia nel Rapporto di lavoro

La Malattia nel Rapporto di lavoro Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Provinciale di Venezia 30172 Mestre ( VE ) Via Cappuccina, 9/G www.fabivenezia.it Luglio 2009 La Malattia nel Rapporto di lavoro La malattia nel rapporto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Prot.n.4389 del12.10.2010 Al personale docente e ATA OGGETTO: informativa sulla

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Paghe. Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro Gomma e plastica: malattia e periodo di comporto Fabio Licari - Consulente del lavoro Nozione Tutele La malattia si annovera tra i casi più comuni di fattispecie sospensive del rapporto di lavoro poiché,

Dettagli

F.A.I.L.P. C.I.S.A.L. LE NOSTRE SCHEDE. 4

F.A.I.L.P. C.I.S.A.L. LE NOSTRE SCHEDE. 4 F.A.I.L.P. C.I.S.A.L. LE NOSTRE SCHEDE. 4 Roma 13 Maggio 2014 La disposizione contrattuale (Ccnl Poste Italiane 14 aprile 2011) I. Il lavoratore non in prova, assente per malattia, ha diritto alla conservazione

Dettagli

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo 6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE:

Dettagli

OBBLIGHI E DIRITTI DEL DIPENDENTE IN MALATTIA

OBBLIGHI E DIRITTI DEL DIPENDENTE IN MALATTIA 1 Vademecum a cura R.s.a Fabi Banco di Napoli Cosenza - Normativa e Casistica - OBBLIGHI E DIRITTI DEL DIPENDENTE IN MALATTIA 1) comunicare l'assenza per malattia con urgenza nel giorno in cui essa si

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI MALATTIA INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI MALATTIA INDICE HROS.Relazioni Industriali REGOLAMENTO IN MATERIA DI MALATTIA INDICE 1. DEFINIZIONE 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. ONERI E OBBLIGHI IN CAPO AL LAVORATORE 3.1 Comunicazione di inizio malattia 3.2 Certificazione

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CERTIFICAZIONE MEDICA LA CERTIFICAZIONE RAPPRESENTA PER IL MEDICO UN DOVERE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO CHE DISCENDE DAL CARATTERE PUBBLICISTICO DELLA

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

La malattia. R.S.U. Siae Microelettronica

La malattia. R.S.U. Siae Microelettronica R.S.U. Siae Microelettronica La malattia La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria Gli

Dettagli

Art. 32 - MALATTIA E INFORTUNIO. A) Malattia e infortunio non sul lavoro

Art. 32 - MALATTIA E INFORTUNIO. A) Malattia e infortunio non sul lavoro Art. 32 - MALATTIA E INFORTUNIO A) Malattia e infortunio non sul lavoro 1. Il lavoratore ammalatosi deve avvertire tempestivamente l'azienda prima dell'inizio del suo orario di lavoro assegnato in modo

Dettagli

REGOLAMENTO PERMESSI E FERIE DOCENTI

REGOLAMENTO PERMESSI E FERIE DOCENTI I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 e-mail: marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.it Istituto Tecnico per il Settore Tecnologico Rev. 3 Data:18-10-

Dettagli

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali a favore del Personale appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Aprile 2008 Regole in materia di coperture

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP Legge Legge n. n. 388/00, 388/00, art. art. 80, 80, c. c. 2 D.lgs D.lgs n. n. 151/01, 151/01, art. art. 42, 42, c. c. 5 Legge Legge

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

Segreteria Centrale Organo di Coordinamento FABI - Banca Monte dei Paschi di Siena. I malati oncologici

Segreteria Centrale Organo di Coordinamento FABI - Banca Monte dei Paschi di Siena. I malati oncologici Segreteria Centrale Organo di Coordinamento FABI - Banca Monte dei Paschi di Siena I malati oncologici Le patologie oncologiche, nelle varie fasi da quella iniziale a quella acuta ed infine a quella della

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

INDIRIZZI IN ALLEGATO

INDIRIZZI IN ALLEGATO DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE II Reparto Div. 5^ - Sez. 2^ Viale dell Università, 4 00185 ROMA Prot.n. Roma, lì INDIRIZZI IN ALLEGATO OGGETTO: Assenze comportanti decurtazione o mancata corresponsione

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001):

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001): Vademecum a cura di Maura Bonito sulle Tutele previste per i lavoratori del comparto Ministeri affetti da patologie gravi che richiedano terapie salvavita (es. : emodialisi chemioterapia trattamento per

Dettagli

VADEMECUM IN CASO DI INFORTUNIO SUL LAVORO

VADEMECUM IN CASO DI INFORTUNIO SUL LAVORO VADEMECUM IN CASO DI INFORTUNIO SUL LAVORO. Per esempio: in caso di caduta specificare se il pavimento era sconnesso o bagnato, al fine di evitare il non riconoscimento dell infortunio per rischio generico

Dettagli

L assicurazione contro gli infortuni in Italia

L assicurazione contro gli infortuni in Italia INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI L assicurazione contro gli infortuni in Italia L obbligo dell assicurazione contro gli infortuni sul lavoro nasce con la legge 80/1898 come forma di tutela per i rischi

Dettagli

MALATTIA. Questo opuscolo non vuole sostituire il CCNL ma. essere solo esplicativo ed integrativo di alcune sue

MALATTIA. Questo opuscolo non vuole sostituire il CCNL ma. essere solo esplicativo ed integrativo di alcune sue MALATTIA Questo opuscolo non vuole sostituire il CCNL ma essere solo esplicativo ed integrativo di alcune sue parti. Per qualsiasi argomento qui non trattato, si rimanda al contratto, oltre che alle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

Regole in materia di

Regole in materia di Regole in materia di ASSENZE PER MALATTIA/INFORTUNIO CONTROLLO DELLO STATO DI MALATTIA ACCERTAMENTO DI IDONEITA AL SERVIZIO Emittente: Direzione Centrale Personale Destinatari: Gruppo Intesa Sanpaolo Percorso:

Dettagli

300 ASSENZE PER MALATTIA

300 ASSENZE PER MALATTIA 300 ASSENZE PER MALATTIA L articolo 21 CCNL - Comparto Ministeri - 16.05.1995 disciplina l assenza per malattia con riguardo ai periodi massimi fruibili, a regimi specifici giustificati da circostanze

Dettagli

Roma, 6 ottobre 2014 Prot.N. 5734/A32. Al personale Docente e non Docente All Albo. Oggetto: assenze e permessi

Roma, 6 ottobre 2014 Prot.N. 5734/A32. Al personale Docente e non Docente All Albo. Oggetto: assenze e permessi Istituto Statale Biagio Pascal Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Brembio,97-00188 - Via dei Robilant,2-00194 Roma Centralino: 06-12112-4205 via Brembio - 06-12112-4225 Via dei Robilant Fax: 06-33615164

Dettagli

LA DISCIPLINA DELLA MALATTIA

LA DISCIPLINA DELLA MALATTIA Diffondilo tramite intranet ed affiggilo in bacheca SETTEMBRE 2010 - formato elettronico NUMERO SPECIALE Questo numero è diffuso solo in formato elettronico LA DISCIPLINA DELLA MALATTIA NEI COMPARTI DEL

Dettagli

FAQ Assenze 1 - Ferie: Quanti sono i giorni di ferie che spettano ad un dipendente appartenente alla categoria delle Aree Professionali?

FAQ Assenze 1 - Ferie: Quanti sono i giorni di ferie che spettano ad un dipendente appartenente alla categoria delle Aree Professionali? FAQ Assenze 1 - Ferie: Quanti sono i giorni di ferie che spettano ad un dipendente appartenente alla categoria delle Aree Professionali? 20 giorni fino al 5 anno di servizio; 22 giorni per 3^ Area 4 livello

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Regole in materia di

Regole in materia di Regole in materia di ASSENZE PER MALATTIA/INFORTUNIO CONTROLLO DELLO STATO DI MALATTIA ACCERTAMENTO DI IDONEITA AL SERVIZIO Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNI SUL LAVORO.

COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNI SUL LAVORO. COME COMPORTARSI IN CASO DI INFORTUNI SUL LAVORO. ECCO LE ISTRUZIONI: L INFORTUNIO SUL LAVORO Obbligo assicurativo I datori di lavoro sono obbligati ad assicurare contro gli infortuni sul lavoro e le malattie

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

Assenze dal lavoro per motivi di salute Guida ai diritti dei lavoratori

Assenze dal lavoro per motivi di salute Guida ai diritti dei lavoratori Assenze dal lavoro per motivi di salute Guida ai diritti dei lavoratori Assenze dal lavoro per motivi di salute GUIDA AI DIRITTI DEI LAVORATORI Presentazione di Carla Cantone Guida a cura dell INCA CGIL

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

Coordinamento Provinciale FLP di REGGIO CALABRIA

Coordinamento Provinciale FLP di REGGIO CALABRIA Coordinamento Provinciale FLP di REGGIO CALABRIA Cap 89133 - V.le Pio XI, seconda trav. privata, 6 Tel. 0965626535 - cell. 3206889864 - Fax 06233238308 sito internet: www.flp.it. - e-mail: antonino.sergi@email.it

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

Verbale di accordo. tra

Verbale di accordo. tra Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

Documentazione e certificazioni da allegare alle domande di mobilità (art. 9 CCNI 20.12.2007)

Documentazione e certificazioni da allegare alle domande di mobilità (art. 9 CCNI 20.12.2007) Documentazione e certificazioni da allegare alle domande di mobilità (art. 9 CCNI 20.12.2007) La dichiarazione dei servizi prestati. Le domande di mobilità vanno corredate con le dichiarazioni personali

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

CONVEGNO Università di Pavia

CONVEGNO Università di Pavia DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA CONVEGNO Università di Pavia 29 gennaio 2008 1 L Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro e le malattie professionali 2 L assicurazione contro gli infortuni - trova il

Dettagli

LA MALATTIA DEL DIPENDENTE PUBBLICO Aspetti pratici e giuridici

LA MALATTIA DEL DIPENDENTE PUBBLICO Aspetti pratici e giuridici LA MALATTIA DEL DIPENDENTE PUBBLICO Aspetti pratici e giuridici NOZIONE DI MALATTIA Dal punto di vista medico-biologico, per malattia si intende un alterazione dello stato di salute, comprendente un insieme

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali a favore del Personale appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Emittente: Direzione Centrale Personale

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

INAIL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

INAIL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI INPS 1) ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI 2) ASSICURAZIONE CONTRO LA TIBERCOLOSI 3) ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA 4) PROVVEDIMENTI PER LA TUTELA FISICA ED

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Assenze dal servizio per malattia. Permessi per assenze relative a visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici.

Dettagli

Disciplina e gestione delle ferie

Disciplina e gestione delle ferie Circolare N. 125/UCP Disciplina e gestione delle ferie Roma, 28 marzo 2012 PREMESSA A seguito dell adesione dell ENEA al CCNL del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione (di

Dettagli

ASSENZA PER MALATTIA: ISTRUZIONI PER L'USO

ASSENZA PER MALATTIA: ISTRUZIONI PER L'USO ASSENZA PER MALATTIA: ISTRUZIONI PER L'USO Art. 21 C.C.N.L. 6.7.1995 Art. 19 CCNL 14.9.2000 Art. 13 CCNL 5.10.2001 D.Lgs. 150/2009 -D.L. 206/2009 D.Lgs. 165/2001 L. 111/2011 Circolare P.C.M. 10/2011 IL

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

a cura di Celeste Vivenzi

a cura di Celeste Vivenzi IL PATTO DI PROVA NEL LAVORO SUBORDINATO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale In un periodo di profonda crisi economica come quello attuale, il mercato del lavoro richiede la massima flessibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

CODICE DI FATTURAZIONE ELETTRONICA UF4URW

CODICE DI FATTURAZIONE ELETTRONICA UF4URW Istituto Comprensivo Statale Giovanni Pascoli Via Puglie, 1-87076 Villapiana (CS) Tel.e fax:0981/505051 Mail:CSIC82300V@istruzione.it Pec:csic82300v@pec.istruzione.it Sito Web: www.comprensivovillapiana.it

Dettagli

ASSENZE PER MALATTIA IL QUADRO NORMATIVO

ASSENZE PER MALATTIA IL QUADRO NORMATIVO ASSENZE PER MALATTIA Il D.Lgs 150/2009 - Riforma Brunetta - ha introdotto importanti novità nel corpo del Testo Unico sul Pubblico Impiego (D.Lgs 165/2001) anche per quel che attiene la disciplina delle

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni CIRCOLARE N 088 [CIRC_088 - tutti - Infortuni Gestione e disciplina] Terni, li 23 settembre

Dettagli

CERTIFICAZIONI DEL PRONTO SOCCORSO

CERTIFICAZIONI DEL PRONTO SOCCORSO LA CERTIFICAZIONE: costruire consapevolezza di ruolo insieme al giovane professionista che lavora sul territorio e in ospedale CERTIFICAZIONI DEL MEDICO OSPEDALIERO E DI PRONTO SOCCORSO Dott. Matteo d

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP Legge n. 388/00, art. 80, c. 2 D.lgs n. 151/01, art. 42, c. 5 Legge n. 350, art.3, c. 106 Sentenza Corte Costituzionale n. 233 del

Dettagli

COMUNE DI AVELLA PROVINCIA DI AVELLINO

COMUNE DI AVELLA PROVINCIA DI AVELLINO COMUNE DI AVELLA PROVINCIA DI AVELLINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PRESENZE ED ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 07 del 17.01.2012 modificato con

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Area Risorse Umane e Organizzazione - Servizio Organizzazione e Innovazione Palazzo del Maino- Via Mentana, 4-27100 Pavia Tel. O3821984967-4977 -4974-4972 PAVIA 22 - -

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

- Manuale operativo -

- Manuale operativo - ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Assenza per malattia - Manuale operativo - Rif: nota 03 novembre 2005 prot n. 53133 Sommario Pag. 1. MODALITA OPERATIVE... 3 2. PERIODO

Dettagli

COMUNE DI CALITRI ( Provincia di Avellino )

COMUNE DI CALITRI ( Provincia di Avellino ) COMUNE DI CALITRI ( Provincia di Avellino ) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente Regolamento alle sotto elencate espressioni si

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

UFFICIO SINDACALE SERVIZIO LIBRI PAGA NOTIZIE FLASH CONGUAGLIO DI FINE ANNO LAVORATORI CON PIÚ RAPPORTI DI LAVORO

UFFICIO SINDACALE SERVIZIO LIBRI PAGA NOTIZIE FLASH CONGUAGLIO DI FINE ANNO LAVORATORI CON PIÚ RAPPORTI DI LAVORO I precedenti numeri del Notiziario Paghe sono scaricabili dal sito www.acaweb.it/archivio_notiziari.asp Piazza San Paolo 3 ALBA Tel. 0173/226611 fax 0173/362139 http://www.acaweb.it E-mail: ascom.alba@acaweb.it

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

CERTIFICAZIONE in ambito INAIL DOTT.ROBBI.MANGHI LA CERTIFICAZIONE IN MEDICINA GENERALE REGGIO EMILIA, 15 settembre 2011

CERTIFICAZIONE in ambito INAIL DOTT.ROBBI.MANGHI LA CERTIFICAZIONE IN MEDICINA GENERALE REGGIO EMILIA, 15 settembre 2011 CERTIFICAZIONE in ambito INAIL DOTT.ROBBI.MANGHI LA CERTIFICAZIONE IN MEDICINA GENERALE REGGIO EMILIA, 15 settembre 2011 INAIL Aree di intervento Oggetto dell Assicurazione (infortunio sul lavoro, infortunio

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli