Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 8 Le funzioni e le successioni"

Transcript

1 Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo elemeto di B. Spesso per idicare ua geerica fuzioe useremo la lettera f o lettere miuscole. Per specificare che f è ua fuzioe dall isieme A all isieme B si usa la otazioe f: A B. Se f è ua fuzioe, è u elemeto qualuque dell isieme A, il corrispodete elemeto dell isieme B lo idicheremo col simbolo f() e lo chiameremo immagie di mediate la fuzioe f. L isieme A è detto domiio della fuzioe f e il sottoisieme C di B formato da tutte le immagii è detto codomiio di f. Per visualizzare graficamete ua fuzioe e le sue proprietà i seguito useremo spesso la otazioe sagittale, come ella figura che segue. I questa rappresetazioe le frecce uiscoo ogi elemeto di A alla sua immagie i B. A f B Cotroimmagie di y f (y) y = f() C Immagie di Domiio Codomiio Altri modi usati per idicare ua fuzioe f soo f() o y = f(), dove la idica u geerico elemeto dell isieme A ed è detta variabile idipedete e y è l immagie corrispodete, detta variabile dipedete. Esempio f() = ( ) è ua fuzioe dall isieme dei umeri aturali N all isieme dei umeri iteri Z. L espressioe matematica al secodo membro cosete di calcolare l immagie di u geerico umero aturale. Ad esempio l immagie di 5 è f(5) = ( ) 5 5 = ( ) 5 = 5. g() = + 5 è ua fuzioe dall isieme dei umeri reali R all isieme R stesso. 7

2 Dati gli isiemi A = {,,, 4} e B = {a, b, c}, ua fuzioe dall isieme A all isieme B può essere defiita o specificado l immagie di ogi elemeto dell isieme A, ad esempio poedo f() = b, f() = c, f() = a, f(4) = b o co la rappresetazioe sagittale, come ella seguete figura. No è ua fuzioe ad esempio la relazioe h() = ± dall isieme ( ; ] [; + ) all isieme R perché ad ogi ( ; ) (; + ) corrispodoo due valori reali distiti. Defiizioe Se y è u elemeto qualuque dell isieme B, l isieme di tutti gli elemeti dell isieme A che hao come immagie y si chiama cotroimmagie di y mediate la fuzioe f e si idica col simbolo f (y). Usado i simboli di isieme f (y) = { A f() = y }, i altri termii le cotroimmagii di u elemeto y B si ottegoo risolvedo rispetto all icogita A l equazioe f() = y. Cosiderado la fuzioe f() = + da R i R, le immagii di, 0, soo: f( ) = ( ) + = =, f(0) = 0 + =, f() = + = 6. le cotroimmagii di soo le soluzioi reali dell equazioe + =, elevado al quadrato etrambi i membri + = = 7 = ± 7, pertato f () = { 7, 7 }. A 4 f a b c B Esempio Dati gli isiemi A = {,, } e B = {a, b} determia tutte le fuzioi di A i B. Comiciamo a determiare le fuzioi che hao il codomiio formato da u solo elemeto. Esse soo due: f () = f () = f () = a f () = f () = f () = b 8

3 A f a B A f a B b b Passiamo alle fuzioi di codomiio C = B f () = f () = a e f () = b f 4 () = f 4 () = a e f 4 () = b f 5 () = f 5 () = a e f 5 () = b A f a B A f 4 a B A f 5 a B b b b f 6 () = f 6 () = b e f 6 () = a f 7 () = f 7 () = b e f 7 () = a f 8 () = f 8 () = b e f 8 () = a A f 6 a B A f 7 a B A f 8 a B b b b Cocludiamo che le fuzioi tra i due isiemi A = {,, } e B = {a, b} soo i tutto 8. Fuzioi suriettive, iiettive e biuivoche Defiizioe Ua fuzioe da u isieme A ad u isieme B si dice suriettiva se il suo codomiio coicide co B, ovvero se ogi elemeto di B è immagie di almeo u elemeto dell isieme A. A B 9

4 La figura forisce u esempio di fuzioe suriettiva. Ogi elemeto dell isieme B è l immagie di uo o più elemeti di A perché i ogi elemeto di B arriva almeo ua freccia. I simboli: se f è ua fuzioe suriettiva allora y B A f() = y. Osservazioe Notiamo che il codomiio C di ua fuzioe suriettiva f: A B, coicide co B. Esempio Quali delle fuzioi dell esempio soo suriettive? Soo suriettive tutte le fuzioi che hao come codomiio C = B, quidi f, f 4, f 5, f 6, f 7, f 8. Esempio 4 I u test gli alui di ua classe hao preso voti iteri dall al 0, e ogi voto è stato preso da qualche aluo, el seso che c è qualche aluo che ha preso 0, qualche aluo che ha preso 9,, qualche aluo che ha preso. La fuzioe f: Classe Voti che associa ad ogi aluo della classe il voto preso, è rappresetata dalla prima figura che segue ed è suriettiva. Classe Voti Classe Voti Se el test i voti riportati fossero stati solo quelli compresi tra il 4 e il 9, la fuzioe, che è rappresetata ella secoda figura, o sarebbe suriettiva. Defiizioe Ua fuzioe da u isieme A ad u isieme B si dice iiettiva se ad elemeti distiti di A corrispodoo immagii distite i B, ovvero se ogi elemeto di B è immagie di al più u elemeto di A. A B C La figura forisce u esempio di fuzioe iiettiva. Ogi elemeto dell isieme B è l immagie di u solo elemeto di A o di essuo perché i ogi elemeto di B o arriva ua sola freccia o essua. 0

5 I simboli se f è ua fuzioe iiettiva allora, A f( ) f( ). oppure y B f (y) ha u solo elemeto o è. Esempio 5 Costruisci ua fuzioe iiettiva dall isieme A = {,, } all isieme B = {a, b, c, d}. Per l immagie di, possiamo scegliere uo qualuque degli elemeti di B, ad esempio f() = c. Per l immagie di possiamo scegliere u qualuque elemeto di B purché sia diverso da f(), ad esempio poiamo f() = a. Ifie per l immagie di possiamo scegliere u qualuque elemeto di B purché sia diverso da f() e da f(), ad esempio poiamo f() = d. La fuzioe è completamete defiita e, per come è stata costruita fa corrispodere ad elemeti distiti di A elemeti distiti di B, pertato è iiettiva. Esempio 6 Quali fuzioi dell esempio soo iiettive? L isieme A = {,, } ha tre elemeti metre l isieme B = {a, b} ha due elemeti, poiché B < A essua fuzioe da A i B può essere iiettiva. Esempio 7 Nel registro di classe è prestampato u eleco di 0 righe dove riportare i cogomi e i omi degli alui, e ogi riga è distita da u umero d ordie che va da a 0. Suppoiamo che ua classe sia costituita da 5 alui; la fuzioe g: Classe {,,, 0} che associa ad ogi allievo il umero d ordie ell eleco è iiettiva. Ifatti due alui diversi hao umero d ordie diversi. La fuzioe g o è suriettiva. Esempio 8 iiettiva. Verifica se la fuzioe f() = + dall isieme dei umeri aturali N ad N è Siao ed due qualuque umeri aturali co. Moltiplicado etrambi i membri della diseguagliaza per otteiamo che, sommado ad etrambi i membri otteiamo che + + ovvero f( ) f( ). Cocludiamo che la fuzioe è iiettiva. U modo equivalete per verificare se ua fuzioe è iiettiva è dato dal seguete A c f B N. Cogome e ome. Biaco Emauele. Colella Aa. Dau Valetia 5. Villai Roberto a b d Teorema Ua fuzioe f da u isieme A ad u isieme B è iiettiva se e solo se per ogi, A f( ) = f( ) =. Dimostrazioe Suppoiamo che f sia ua fuzioe iiettiva dall isieme A all isieme B. Se, A e f( ) = f( ) allora o può risultare altrimeti, essedo f iiettiva, ache f( ) f( ) che è ua cotraddizioe, quidi =. Viceversa suppoiamo che per ogi, A f( ) = f( ) =. Se, A e allora o può risultare f( ) = f( ), altrimeti ache = che è ua cotraddizioe, quidi f( ) f( ) e la fuzioe f è iiettiva Defiizioe Ua fuzioe da u isieme A ad u isieme B si dice biuivoca o biiettiva se è sia iiettiva che suriettiva, ovvero se ogi elemeto di B è immagie di u solo elemeto di A ovvero ha ua sola cotroimmagie.

6 A f B y = f() La figura forisce u esempio di fuzioe biuivoca. Ogi elemeto dell isieme B è l immagie di u solo elemeto di A, perché i ogi elemeto di B arriva ua sola freccia. I simboli se f è ua fuzioe biuivoca allora y B f (y) ha u solo elemeto. Esempio 9 Se ell esempio 7 la classe fosse costituita da 0 alui, la fuzioe g che associa ad ogi aluo il umero d ordie corrispodete ell eleco, sarebbe ache suriettiva e quidi biuivoca. N. Cogome e ome. Biaco Emauele. Colella Aa. Dau Valetia 0. Zaardi Marco Osservazioe Se ua fuzioe f: A B è iiettiva, idicato co C il suo codomiio, la fuzioe f: A C è biuivoca, cioè restrigedo l isieme B al codomiio ua fuzioe iiettiva diveta biuivoca. Per ua fuzioe biuivoca possiamo allora defiire la fuzioe iversa. Defiizioe Se f è ua fuzioe biuivoca dall isieme A all isieme B, si defiisce fuzioe iversa di f, e si idica col simbolo f, la fuzioe dall isieme B all isieme A che fa corrispodere ad ogi elemeto y di B l uica cotroimmagie f (y) di A. Riferedoci alla figura precedete A f B = f (y) y Dalla defiizioe segue che la fuzioe iversa f f e per codomiio il domiio A della fuzioe f. ha per domiio il codomiio B della fuzioe Teorema Se f è la fuzioe iversa di ua fuzioe biuivoca allora ache f è biuivoca e (f ) = f,

7 cioè l iversa della fuzioe iversa di ua fuzioe f è la fuzioe f. Dimostrazioe Per ogi A la cotroimmagie rispetto alla fuzioe iversa f (f ) () = { y B f (y) = }, dato che, per defiizioe di cotroimmagie, f (y) = f() = y, è l isieme e l immagie di mediate la fuzioe f è uica, risulta che per ogi A (f ) () = { y B y = f() } = f(), da ciò segue che la fuzioe iversa f è biuivoca e che (f ) = f Esempio 0 Cosideriamo uovamete la fuzioe biuivoca g dell esempio 9 che associa ad ogi aluo il umero d ordie che gli corrispode el registro di classe. La fuzioe iversa g associa ad ogi umero d ordie l aluo che si torva ella riga corrispodete, come ella figura al lato. N. Cogome e ome. Biaco Emauele. Colella Aa. Dau Valetia 0. Zaardi Marco Esempio Data la fuzioe f() = + da R i R, determia il codomiio, verifica se essa è biuivoca e, i caso affermativo, determia la fuzioe iversa f. Sia y u qualuque umero reale e determiiamo le sue evetuali cotroimmagii f (y). Per defiizioe esse soo tutti i umeri reali soluzioi dell equazioe f() = y + = y; risolvedo questa equazioe rispetto alla otteiamo y + = y = y + =, quidi y R f y + (y) =, () cioè ogi umero reale y ha u uica cotroimmagie mediate f pertato il codomiio della fuzioe è R ed essa è biuivoca. Ioltre la () defiisce ache la fuzioe f iversa di f. Le fuzioi composte La maggior parte delle fuzioi matematiche che si icotrao elle scieze sperimetali soo fuzioi composte otteute a partire dalle fuzioi elemetari. Itroduciamo questo cocetto co la seguete Defiizioe Sia g ua fuzioe di domiio A e codomiio B ed f ua fuzioe di domiio B e codomiio C, si dice fuzioe composta di f e di g, e si idica co la scrittura f ) g, la fuzioe che associa ad ogi elemeto A l elemeto f(g()) C.

8 Schematizziamo la defiizioe co la seguete figura: A g B f C g() (f ) g) () = f(g()) f ) g Osservazioe I altri termii A (f ) g) () = f(g()). L espressioe f(g()) si ottiee dall espressioe della secoda fuzioe f() sostituedo al posto di ogi occorreza della, l espressioe g() della prima fuzioe. Esempio Date le fuzioi: f () = + e g() = determia le fuzioi composte f ) g e g ) f. Comiciamo col determiare f ) g. Per defiizioe: Similmete si trova la fuzioe composta g ) f. (f ) g) () = f(g()) = ( ) + ( ) = + (g) f) () = g(f()) = +. Osservazioe Dall esempio si vede che le due fuzioi trovate f ) g e g ) f soo diverse! Ciò sigifica che cota l ordie co cui si compogoo due fuzioi, ovvero che l operazioe di composizioe di due fuzioi o è commutativa. Esempio Determia due fuzioi f e g che composte dao luogo alla fuzioe ( ) +. La fuzioe assegata si ottiee elevado al cubo l espressioe racchiusa tra paretesi, quidi possiamo predere come fuzioe g() = + e come fuzioe f() =. Dal seguete schema si vede che f(g()) = ( + ). ( + ) f Esempio 4 Le fuzioi poteza co espoete egativo y = α = possoo essere cosiderate α come fuzioi composte dalle fuzioi g() = α poteza ad espoete positivo e della fuzioe reciproco f() =. g() p Le fuzioi poteza co espoete razioale y = = possoo essere cosiderate come fuzioi composte dalle fuzioi g() = p poteza ad espoete itero e della fuzioe radice f() = q. p q q 4

9 Teorema Se f: A B e g: B C soo due fuzioi biuivoche, allora ache la fuzioe composta g f: A C è biuivoca e la sua iversa è f g. Dimostrazioe Per dimostrare la tesi occorre provare che per ogi c C, la cotroimmagie è uica, e che (g f) (c) = (f g ) (c). (g f) (c) esiste ed Poiché g è biuivoca, per ogi c C la cotroimmagie b = g (c) B è uica, e, poiché f è biuivoca, ache la cotroimmagie a = f (b) A è uica e risulta a = f (g (c)) = (f g ) (c). Per defiizioe di fuzioe composta, (g f) (a) = g(f(a)) = g(b) = c, quidi a (g f) (c). () Suppoiamo ora che a (g f) (c), allora poiché g è biuivoca, (g f) (a ) = c g(f(a )) = c f(a ) = g (c), f(a ) = b a = f (b), ed essedo f biuivoca, a = a. () Dalle (), () deduciamo che c C la cotroimmagie (g f) (c) è a = (f g ) (c), quidi g f è biuivoca e (g f) (c) = (f g ) (c) Defiizioe Dato u isieme o vuoto A idicheremo co i la fuzioe idetità i : A A defiita da i() = A, che associa ad ogi elemeto di A l elemeto stesso. Teorema 4 Se f: A B è ua fuzioe biuivoca, allora la fuzioe composta f f = i. Dato che f è biuivoca, per ogi A, (f f) () = f (f()) = = i() quidi f f = i. Cardialità di u isieme fiito Defiizioe Diremo che u isieme I è fiito se ha u umero fiito di elemeti, altrimeti diremo che l isieme è ifiito. Se I è u isieme fiito, idicheremo co I il umero di elemeti di u isieme I e lo chiameremo cardialità dell isieme. Co riferimeto all esempio precedete A =, B =. L isieme degli alui di ua classe è u isieme fiito, l isieme dei umeri iteri è ifiito. A rigore per verificare che u isieme I sia fiito occorre avere u criterio per cotare i suoi elemeti ovvero ua fuzioe biuivoca g: {,,, } I. Affiché le defiizioi precedeti siao be poste occorrerebbe dimostrare che la cardialità di u isieme I o dipede dal criterio scelto per cotare i suoi elemeti, ovvero che: se g : {,,, } I, e g : {,,, m} I soo due fuzioi biuivoche allora m =. Tale risultato segue da ua proprietà più geerale, espressa dal seguete Teorema 5 Se h: {,,, } {,,, m} è ua fuzioe biuivoca, allora m =. 5

10 Dimostrazioe Poiché h è suriettiva, tutti gli elemeti di {,,, m} soo immagii di elemeti di {,,, }, e poiché h è iiettiva, ad elemeti distiti di {,,, } corrispodoo immagii distite di {,,, m}, quidi gli elemeti di {,,, m} soo tati quati quelli dell isieme {,,, m} Torado all isieme I, se cosideriamo la fuzioe h = (g ) g : {,,, } {,,, m} essa è biuivoca e, per il teorema precedete m =. Teorema 6 Se A, B soo due isiemi fiiti e f: A B è ua fuzioe co codomiio l isieme C, allora C A. Dimostrazioe Ad ogi y C associamo u uico elemeto f (y) scelto a caso ella cotroimmagie di y. Se y y gli elemeti e corrispodeti soo distiti e, per come soo scelti, risulta f( ) = y e f( ) = y ; ifatti se o fossero distiti, cioè se =, ache f( ) = f( ) ovvero y = y il che è assurdo. Deduciamo che il umero di elemeti distiti dell isieme A deve essere uguale o maggiore del umero di elemeti distiti dell isieme C, ma ciò equivale a dire che C A Corollario 6. Se A, B soo due isiemi fiiti e f: A B è ua fuzioe suriettiva allora B A ovvero il umero di elemeti di B è miore o uguale a quello di A. Ifatti dato che B = C, risulta B = C ; d altra parte, per il teorema precedete, C A, pertato B A. Teorema 7 Se A, B soo due isiemi fiiti e f: A B è ua fuzioe iiettiva il umero di elemeti distiti di B è maggiore o uguale a quello dell isieme A, cioè B A. Ifatti dato che, A f( ) f( ), l isieme B avrà u umero di elemeti distiti uguale o maggiore di quello dell isieme A. Corollario 7. Se A, B soo due isiemi fiiti e f: A B è ua fuzioe biuivoca allora B = A Ifatti deve risultare sia B A, perché f è suriettiva, che A B, perché la fuzioe è iiettiva, quidi B = A. ua dimostrazioe più rigorosa richiederebbe il pricipio di iduzioe che euceremo più avati. 6

11 Le fuzioi reali di variabile reale Le fuzioi reali di variabile reale soo le fuzioi che hao per domiio D e codomiio C dei sottoisiemi dell isieme dei umeri reali R. I seguito prederemo i esame le fuzioi reali di variabile reale tali che per ogi D l immagie f() è il risultato di u espressioe matematica ella sola variabile ; tali fuzioi soo dette matematiche. U esempio di fuzioe di questo tipo è y = +. Il domiio di defiizioe Il domiio di defiizioe o campo di esisteza di ua fuzioe è il più grade sottoisieme D R el quale l espressioe f() si può calcolare. Esempio Determia il domiio di defiizioe della fuzioe y = +. L espressioe + si può calcolare solo per i valori della per i quali il radicado + 0 ovvero quado. Cocludiamo che il domiio di defiizioe della fuzioe è l itervallo D = [ ; + ). Quado o si specifica quale sia il domiio di ua fuzioe reale di variabile reale si sottitede che esso sia quello di defiizioe. Esempio Determia il domiio di defiizioe della fuzioe y = a 0 + a + + a co a 0, a,, a R e a 0 Le fuzioi defiite attraverso u poliomio si dicoo fuzioi razioali itere. Dato che u poliomio si può calcolare per qualuque umero reale, deduciamo che il domiio di defiizioe delle fuzioi razioali itere è l isieme R dei umeri reali. Esempio Determia il domiio di defiizioe della fuzioe y = 4. + La fuzioe si preseta come ua frazioe di poliomi. Il umeratore e il deomiatore, essedo dei poliomi, si possoo calcolare per qualuque umero reale, ma la frazioe ha sigificato solo quado il deomiatore è diverso da 0 ovvero quado: + 0. () ± + = ± ; pertato il domiio della fuzioe è l isieme R {, }. 7

12 Esempio 4 Determia il domiio di defiizioe della fuzioe y = a b m m + L+ a + a + L+ b + b 0 0. Le fuzioi defiite attraverso u quoziete di poliomi si dicoo fuzioi razioali fratte. Geeralizzado quato visto ell esempio precedete, queste fuzioi soo defiite quado è verificata la codizioe: b m m + + b + b 0 0; ovvero per tutti i umeri reali che o soo le soluzioi dell equazioe b m m + + b + b 0 = 0, quidi il domiio di defiizioe della fuzioe si ottiee togliedo dall isieme dei umeri reali le evetuali soluzioi di questa equazioe, i simboli D = R { b m m + + b + b 0 = 0 }. Grafico Ad ogi fuzioe reale f di variabile reale si può associare el piao cartesiao ua curva detta grafico formata da tutti i puti (; f()) che hao per ascissa u valore del domiio D e per ordiata la corrispodete immagie f() mediate la fuzioe. I altri termii il grafico di ua fuzioe f è l isieme di tutti i puti P(; y) che soo soluzioi dell equazioe y = f(). y = f() grafico C codomiio f() (; f()) Come si comprede dalla figura, se è oto il grafico di ua fuzioe, il domiio D si ottiee proiettado il grafico sull asse delle ascisse metre il codomiio C si ottiee proiettado il grafico sull asse delle ordiate. Molto spesso, data ua fuzioe reale di variabile reale f() il grafico può essere tracciato per puti : si assegao alla variabile alcui valori el domiio e si calcolao le immagii f() mediate la fuzioe; si riportao i puti (; f()) el piao cartesiao e si uiscoo co ua liea. Se la curva che rappreseta la fuzioe è ua retta o ua parabola la procedura è già ota e bastao pochi puti per tracciarla. Esempio 5 Traccia il grafico della fuzioe f() = +. Il grafico della fuzioe è la retta di equazioe y = +. Dato che per tracciare ua retta soo sufficieti due puti, basta assegare alla variabile due valori distiti, come ella tabella che segue. Ne deduciamo che la retta passa per i puti (0; ), (; ). 8 D domiio

13 y = = (0; ) + = (; ) Esempio 6 Traccia il grafico della fuzioe f() =. y O Il grafico della fuzioe è la parabola di equazioe y =. La parabola ha vertice V ( b b 4ac ; a 4a ) ( ; 4 ) 9 ( ; 4 ), asse di equazioe = e passa per l origie O degli assi. Per tracciarla basta calcolare le coordiate di due o tre puti dalla stessa parte rispetto all asse di simmetria. y = = (; ) + = 4 ( ; 4) y 4 = Per simmetria la parabola passerà ache per i puti (; ), (; 0), (4; 4) V Osservazioe Il procedimeto descritto cosete di tracciare ua curva che approssima il grafico della fuzioe. Ifatti per tracciare co esattezza il grafico occorrerebbe determiare tati puti quati soo gli elemeti del domiio che, ei casi iteressati, soo ifiiti! L approssimazioe che otteiamo co questo procedimeto sarà quidi tato migliore quato maggiore è il umero dei valori assegati alla. Tuttavia tracciado per puti u grafico difficilmete si idividuio gli elemeti sigificativi (puti di massimo, di miimo, asitoti, flessi, cocavità ) che possoo essere determiati solo mediate il cosiddetto studio della fuzioe che sarà affrotato al quito ao. Osservazioe I base alla defiizioe di fuzioe, ad ogi valore della corrispode u solo puto del grafico, quello di coordiate (; y = f()). Tale osservazioe forisce u criterio per stabile se ua determiata curva el piao cartesiao sia o meo il grafico di ua fuzioe. Esempio 7 Quale delle segueti curve è u grafico di ua fuzioe? a b c d 9

14 Le curve a e c o soo grafici di fuzioe perché esistoo dei valori della ai quali corrispodoo più puti di queste curve. a c b emmeo è u grafico perché al valore corrispodoo ifiiti puti della retta. d d è u grafico di fuzioe perché comuque si scelga u valore della, ad esso corrispode u solo puto del grafico. Esempio 8 Data la fuzioe y = : determia il domiio e il codomiio traccia il suo grafico. La fuzioe è defiita per tutti i valori della per i quali il deomiatore è diverso da 0, cioè dalla codizioe: 0, dato che il valore assoluto di u umero è diverso da 0 quado il umero è diverso da 0, la precedete codizioe è equivalete a 0 pertato il domiio della fuzioe è l isieme D = R {}. Per trovare il codomiio e tracciare il grafico, osserviamo iazitutto che: ( + )( ) se > 0 ovvero se > : =, y = = = = + ( + )( ) se < 0 ovvero se < : = ( ), y = = = = ( + ) ( ) ( ) quidi + se > y = =. se < Il grafico di questa fuzioe è formato dalla retta di equazioe y = + el semipiao > e dalla retta di equazioe y = el semipiao <. La retta y = + è parallela alla bisettrice del e del quadrate ed icotra l asse y el puto (Fig. ), la retta y = è parallela alla bisettrice del e del 4 quadrate ed icotra l asse y el puto (Fig. ). 0

15 y y = + y = y y O Fig. Fig. O y = O Fig. Il grafico della fuzioe è quello della Fig.. Il pallio vuoto sta ad idicare che il grafico o cotiee quel puto, quidi é il puto (; ) é il puto (; ) appartegoo al grafico della fuzioe. Proiettado questo grafico sull asse C = ( ; + ). y si trova che il codomiio della fuzioe è l isieme Osservazioe La fuzioe dell esempio precedete è ua fuzioe defiita per casi. Queste fuzioi si icotrao spesso quado ell espressioe della fuzioe figurao valori assoluti coteeti la variabile. Esempio 9 Verifica se la relazioe + y = tra le due variabili ed y è ua fuzioe. Esplicitado la variabile y y = y = ± vediamo che ad ogi ( ; ) corrispodoo due valori della y, quidi la relazioe + y = o è ua fuzioe. Nel piao cartesiao l equazioe + y = rappreseta la circofereza co cetro ell origie e raggio e ache dalla figura costatiamo che ad ogi valore < < corrispodoo due puti del grafico e duque la relazioe o rappreseta ua fuzioe. Y O X Codomiio, biuivocità e fuzioe iversa Il codomiio C di ua fuzioe reale di variabile reale f è l isieme di tutte le immagii f() che si ottegoo al variare della el domiio D o, i termii equivaleti, è l isieme dei umeri reali y che hao ua cotroimmagie rispetto alla fuzioe f. Vediamo, attraverso due esempi, come si determia. Esempio 7 Determia il codomiio della fuzioe f() = +, verifica se essa è biuivoca e, i caso affermativo, determia la fuzioe iversa f. Sia y u qualuque umero reale e calcoliamoe le evetuali cotroimmagii rispetto alla fuzioe assegata. Per defiizioe esse soo i umeri reali per i quali f() = y ovvero + = y;

16 risolvedo questa equazioe rispetto alla variabile, troviamo che = y L espressioe y si può calcolare per qualuque umero reale y quidi il codomiio C è l isieme R dei umeri reali. Per ogi y R la cotroimmagie f (y) = y () è uica quidi la fuzioe è biuivoca e la fuzioe iversa è defiita dalla (). Esempio 8 Determia il codomiio della fuzioe f() =. Il domiio di defiizioe della fuzioe è D = R. Dato u geerico umero reale y, le sue cotroimmagii si ottegoo risolvedo l equazioe f() = y rispetto alla variabile : C y y y = = y = y + = y + = y +. Le cotroimmagii esistoo solo quado y + 0 y, pertato il codomiio della fuzioe è l isieme C = [ ; + ). Ioltre se y > le cotroimmagii soo due, quidi la fuzioe o è iiettiva el domiio R. Osservazioe I geerale per determiare il codomiio di ua fuzioe f: = y + 0 = y + si esplicita rispetto alla variabile l equazioe f() = y, otteedo l equazioe = f (y) che forisce le evetuali cotroimmagii di u geerico umero reale y; il codomiio C della fuzioe è l isieme dei umeri reali y per i quali l espressioe f (y) si può calcolare. Ioltre se per ogi y C la cotroimmagie = f (y) è uica, allora la fuzioe f() dal domiio di defiizioe D al codomiio C è biuivoca e la fuzioe iversa è defiita dall espressioe f (y). Riferedoci all esempio 8 vediamo che la fuzioe f() = dal suo domiio di defiizioe, che è l isieme dei umeri reali R, al suo codomiio C = [ ; + ) o è biuivoca. Se restrigiamo il domiio all isieme D = [0; + ) si ha che y C ua sola cotroimmagie, = y +, appartiee a D. Deduciamo che la fuzioe f() =, ristretta el domiio D = [0; + ), ha come codomiio lo stesso isieme C = [ ; + ) ma è biuivoca e ha come fuzioe iversa f (y) = y +. Nella figura al lato si osserva che restrigedo il domiio della fuzioe f all isieme D = [0; + ), il grafico della fuzioe è ristretto al semipiao delle ascisse positive o uguali a zero. C y 0 = y + y = D

17 Se restrigiamo il domiio della fuzioe f() = all isieme D = ( ; 0] avremo che essa ha ugualmete come codomiio l isieme C = [ ; + ) ed è biuivoca tra questi due isiemi, ma la fuzioe iversa i tal caso è f (y) = y +. Osservazioe I geerale se ua fuzioe reale di variabile reale dal suo domiio di defiizioe D al suo codomiio C o è biuivoca, allora restrigedo opportuamete il domiio ad u sottoisieme D è possibile redere la fuzioe biuivoca da D a C. Osservazioe Sia f() ua fuzioe reale di variabile reale biuivoca. Dato che le equazioi y = f() e = f ( y) hao le stesse soluzioi, i grafici corrispodeti coicidoo. Per la fuzioe iversa f la variabile idipedete è la y e la variabile dipedete è la. Voledo coservare ache per la fuzioe iversa la cosuetudie di idicare co la variabile idipedete e co y la variabile dipedete, si può eseguire la sostituzioe y, scambiare cioè le due variabili, otteedo l espressioe f () per la fuzioe iversa. Nel piao cartesiao, questo scambio fa corrispodere ad ogi puto P(; y) il puto P (y; ) simmetrico del precedete rispetto alla bisettrice del e del quadrate, di cosegueza il grafico della fuzioe iversa y = f () è simmetrico al grafico della fuzioe y = f() rispetto alla bisettrice del e del quadrate. y y = P (y; ) P(; y) y Riferedoci alla fuzioe f() = el domiio D = [0; + ), i base alle cosiderazioi svolte, possiamo dire che la fuzioe iversa è f () = +. Riportiamo ella figura i grafici delle fuzioi f() e f (). y y = y = y = + 0 Esempio 9 Verifica se la fuzioe f() = determia la fuzioe iversa. + è biuivoca el suo domiio di defiizioe, e La fuzioe è defiita per tutti i umeri reali per i quali il deomiatore è diverso da zero, ovvero dalla codizioe + 0 pertato D = R { }.

18 Per verificare se la fuzioe è biuivoca, risolviamo l equazioe y = rispetto alla variabile +. Per o cofodersi ei passaggi, coviee pesare alla variabile y come se fosse u umero: ( + ) y = y + y =, otteiamo i tal caso u equazioe di primo grado rispetto alla variabile. Trasportiamo quidi i termii co la al primo membro e i rimaeti al secodo y = y, raccogliamo la a fattor comue: (y ) = y, da qui ricaviamo: = y y = y +. y L espressioe al secodo membro ha sigificato quado y 0 y, pertato il codomiio della fuzioe è l isieme C = R {}; ioltre ogi y C ha ua sola cotroimmagie f (y) = y + y di cosegueza la fuzioe, dal domiio di defiizioe D al codomiio C, è biuivoca e la fuzioe iversa f (y) è defiita dall espressioe precedete. Scambiado la co la y, l espressioe della fuzioe iversa diveta: f () = +. Riportiamo ella figura sottostate i grafici delle due fuzioi f e f. y y = y = y = 4

19 Riassumedo Per verificare se ua fuzioe reale di variabile reale y = f() è biuivoca e determiare la fuzioe iversa si procede i questo modo: si determia il domiio di defiizioe D; se è possibile si esplicita ell equazioe f() = y la variabile, otteedo, l equazioe = f (y). L isieme dei umeri reali per i quali l espressioe f (y) si può calcolare costituisce il codomiio C della fuzioe f; se per ogi y C la cotroimmagie = f (y) è uica, la fuzioe f è biuivoca el suo domiio D e la fuzioe iversa è defiita dall espressioe y = f (). La fuzioe iversa f ha per domiio il codomiio C della fuzioe f; se esistoo y C per le quali le cotroimmagii = f (y) o soo uiche, si restrige opportuamete il domiio ad u sottoisieme D i modo che il codomiio C rimaga lo stesso e per ogi y C la cotroimmagie = f (y) ell isieme D sia uica. I tal modo la fuzioe f è biuivoca el domiio D e la fuzioe iversa è y = f (); i ogi caso i grafici delle due fuzioi y = f() e y = f () soo simmetrici rispetto alla bisettrice del e del quadrate. Fuzioi cresceti e decresceti Defizioe Ua fuzioe si dice crescete i u itervallo I se per ogi, I co < risulta f( ) < f( ). Defizioe Ua fuzioe si dice decrescete i u itervallo I se per ogi, I co < risulta f( ) > f( ). Defizioe Ua fuzioe si dice mootoa i u itervallo I se è crescete o decrescete ell itervallo. y Fuzioe crescete y Fuzioe decrescete f( ) f( ) f( ) f( ) I I Osservazioe itervallo. Se ua fuzioe è mootoa i u itervallo I allora essa è iiettiva i tale 5

20 Ifatti per ogi, I co deve risultare < o >, i etrambi i casi risulterà f( ) < f( ) o f( ) > f( ) pertato f( ) f( ) e si può cocludere che la fuzioe f è iiettiva ell itervallo I. Per le fuzioi mootoe vale il seguete utile risultato: Teorema se f è ua fuzioe crescete i u itervallo I allora, I f( ) f( ) ovvero tra le immagii di due umeri vi è la stessa relazioe d ordie che vi è tra i due umeri; se f è ua fuzioe decrescete i u itervallo I allora, I f( ) f( ) ovvero tra le immagii di due umeri vi è la relazioe d ordie iversa rispetto a quella che vi è tra i due umeri Dimostrazioe Sia f ua fuzioe crescete i u itervallo I e, due umeri apparteeti ad I. Se < ovviamete f( ) < f( ). Se > allora < e, per la cresceza, f( ) < f( ), che equivale a scrivere f( ) > f( ); brevemete se > allora f( ) > f( ). Se =, per la defiizioe di fuzioe, ache f( ) = f( ). Resta così provata l implicazioe f( ) f( ) () Proviamo ora l implicazioe cotraria. Facciamo vedere che se f( ) > f( ) allora >. Se fosse allora, per quato dimostrato i precedeza, risulterebbe f( ) f( ), il che è assurdo quidi deve ecessariamete essere >. Similmete se f( ) < f( ) allora <. Ifie poiché ua fuzioe crescete è ache iiettiva, se f( ) = f( ) allora =. Resta così provata l implicazioe Dalle () e () segue l equivaleza f( ) f( ). f( ) f( ). () Sia ora f ua fuzioe decrescete i u itervallo I e, due umeri apparteeti ad I. Procededo come el caso precedete si arriva a dimostrare l equivaleza f( ) f( ) Esempio 0 Verifica che la fuzioe f() = è decrescete ell itervallo [0; + ). Per ogi, [0; + ) co < risulta <. Cambiado i segi ad etrambi i membri si ha >. Sommado ad etrambi i membri segue che > e quidi f( ) > f( ). Cocludiamo che la fuzioe assegata è decrescete ell itervallo [0; + ). Nel corso del calcolo differeziale vedremo u metodo rapido per determiare gli itervalli di cresceza e di decresceza di ua fuzioe, pertato o ci soffermiamo oltre sull argometo. 6

21 Le successioi umeriche Defiizioe Ua successioe umerica a è ua fuzioe che associa ad ogi umero aturale u umero reale a() Per ua successioe a l immagie a() di u umero aturale si idica ache col simbolo a. La variabile idipedete si chiama idice della successioe metre l immagie a si chiama termie -simo della successioe. N R a primo termie a secodo termie a termie simo Il modo più comue per rappresetare ua successioe umerica cosiste ello scrivere la relazioe che lega l idice al termie a. Questo tipo di rappresetazioe si chiama rappresetazioe mediate espressioe aalitica. Esempio La successioe a = + è defiita per N {0}, Sostituedo ad i valori,,, 4,, si ottegoo i segueti termii:, 4 5, 6 7, 8 9, Esercizio. Scrivi i primi quattro termii della successioe a = +. U altro modo per rappresetare ua successioe cosiste ello scrivere il valore del primo (o dei primi) termii della successioe e la relazioe che lega il termie -esimo al termie (o ai termii) che lo precedoo. Nei casi più comui si assega a 0 e la relazioe a = f(a ). Questo tipo di rappresetazioe si chiama rappresetazioe ricorsiva o per ricorreza. Esempi semplici di successioi defiite per ricorreza soo le progressioi, che studieremo ei prossimi paragrafi. Esempio Scrivi i forma ricorsiva la successioe a = ( ). Calcoliamo il primo termie della successioe a 0 = ( ) 0 = = ; scriviamo il termie a + e cerchiamo di esprimerlo i fuzioe di a : a + = ( ) + = a = ( ) ( ) = a ( ) = a, da ciò segue che a = a 0 = a. I forma ricorsiva la successioe è espressa dalle segueti relazioi: 7

22 a = a. Esempio Ua successioe è defiita per ricorreza da: a 0 =, a = a + 6, a) calcola i termii a, a, a della successioe; b) scrivi la successioe i forma aalitica. a) Dalla defiizioe i forma ricorsiva segue che a = 8 a a 0 a = + = + = ( + ), a = + + = = ( + + ) 4 a = = 4 + = = 8 4 ( , quidi + ) = [( ) + ( ) + ( ) + ] Dall espressioe di a si comprede che il termie a geerico della successioe, i forma aalitica, è espresso dalla relazioe a = [( ) + ( ) + + ( ) + ] =, i= 0 Ua dimostrazioe rigorosa di questa uguagliaza si basa sul pricipio di iduzioe che vedremo el prossimo paragrafo. Esempio 4 Il primo esempio coosciuto di successioe defiita per ricorreza, che si icotra i molte situazioi e ella atura, è la successioe di Fiboacci, che fu descritta el 0 dal matematico Leoardo Pisao, detto Fiboacci, el Liber Abaci. Essa forisce la risposta al seguete problema: quot paria coiculorum i uo ao e uo pario germietur? Si suppoe che ua coppia di coigli adulti geeri ogi mese ua coppia di piccoli (u maschio e ua femmia) e che questi si riproducao, geerado ach essi ua coppia di coigli (u maschio e ua femmia), a partire dal secodo mese di vita. Partedo da ua coppia di coiglietti, quate coppie ci sarao el mese? Idichiamo questo umero co a. Per le ipotesi fatte: a = (iizialmete abbiamo ua coppia o adulta) a = (dopo u mese abbiamo acora ua sola coppia che el frattempo è divetata adulta) a = a + a = + = (el mese abbiamo la coppia di parteza, che è divetata adulta, e la coppia di coiglietti da essa geerata) i

23 a 4 = a + a = + = (si hao coppie, quella iiziale e la loro progeie mesile più la coppia del mese precedete divetata adulta) a = a + a (poiché ogi coppia è i grado di procreare dopo due mesi di vita, el mese - simo, >, vi soo tutte le coppie del mese precedete, che soo a, più le coppie dei piccoli che soo ate dalle coppie di due mesi prima, che soo a ). I umeri di Fiboacci soo i valori della successioe descritta: i primi dodici soo,,,, 5, 8,,, 4, 55, 89, 44, I umeri di Fiboacci si ritrovao i molte situazioi e compaioo spesso i atura. Per esempio i molte piate il umero di rami i cui il fusto si ramifica segue uo schema del tipo seguete: Il pricipio di iduzioe Il pricipio di iduzioe è alla base di molte importati dimostrazioi di proposizioi (proprietà o formule) che dipedoo da u umero aturale. Cosideriamo ua proposizioe P che dipede u umero aturale, se a) per u valore iiziale 0 la proposizioe P 0 è vera (base dell iduzioe) b) e per 0 supposta vera P è vera ache P +, (passo iduttivo) allora la proposizioe P è vera 0. I altri termii per dimostrare mediate il pricipio di iduzioe la proprietà P : a) si cosidera il più piccolo umero aturale 0 per cui si dimostra facilmete che la proprietà P 0 è vera (molto spesso capita 0 = 0 o 0 = ); b) si dimostra che se la proprietà è vera per u geerico umero aturale, allora lo è ache per il umero successivo +. Dai puti a) e b) è logico dedurre che essedo la proprietà vera per 0, lo sarà ache per 0 +, essedolo per 0 + lo sarà ache per 0 +, e così a catea per tutti i umeri aturali successivi ad 0. 9

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli