CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ"

Transcript

1 CALCOLO FRAZIONARIO & VISCOELASTICITÀ Mario Di Paola, Francesco Paolo Pinnola Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Aerospaziale Università degli Studi di Palermo Viale delle Scienze Palermo

2 Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Aerospaziale Università degli Studi di Palermo Viale delle Scienze Palermo, ITALIA Prof. Mario Di Paola Francesco Paolo Pinnola Composto in L A TEX Esempi e grafici eseguiti in Wolfram Mathematica

3 Thus it follows that d 1/2 x will be equal to x dx : x, an apparent paradox, from which one day useful consequences will be drawn. 1 1 G. W. Leibniz, lettera da Hannover, Germania, 30 Settembre 1695, inviata a G.A. l Hôpital.

4

5 Indice Prefazione Simboli Adottati xi xv 1 Funzioni Speciali e Trasformate Funzioni Speciali La Funzione Gamma di Eulero La Beta di Eulero La Funzione di Mittag-Leffler La Funzione di Wright Le Funzioni di Bessel La Funzioni di Prima e Seconda Specie Le Funzioni di Hankel Le Funzioni di Bessel Modificate La Trasformata di Laplace Proprietà della Trasformata di Laplace Applicazione alle Equazioni Differenziali La Trasformata di Fourier Proprietà della Trasformata di Fourier Applicazione alle Equazioni Differenziali La Trasformata di Mellin La Striscia Fondamentale Proprietà della Trasformata di Mellin Il Calcolo Frazionario Cenni Storici Derivate e Integrali Frazionari Il Differintegrale di Grünwald-Letnikov v

6 vi INDICE La Formulazione di Riemann-Liouville Gli Integrali Frazionari di Riesz L Approccio di Caputo Proprietà degli Operatori Frazionari La Linerarità La Regola di Leibniz La Regola dei Semigruppi Trasformata di Laplace degli Operatori Frazionari Trasformata di Laplace della Derivata Frazionaria di Riemann-Liouville Trasformata di Laplace della Derivata Frazionaria di Caputo Trasformata di Laplace della Derivata Frazionaria di Grünwald-Letnikov Trasformata di Fourier degli Operatori Frazionari Trasformata di Fourier dell Integrale Frazionario Trasformata di Fourier della Derivata Frazionaria Trasformata di Mellin degli Operatori Frazionari Trasformata di Mellin dell Integrale Frazionario di Riemann-Liouville Trasformata di Mellin della Derivata Frazionaria di Riemann-Liouville Trasformata di Mellin della Derivata Frazionaria di Caputo Alcuni Esempi di Derivate Frazionarie Gradino di Heaviside Funzione Potenza La Viscoelasticità Lineare Il Modello Elastico (Hooke) Il Modello Viscoso (Newton-Petroff ) I Modelli Viscoelastici Il Modello di Maxwell Il Modello di Kelvin-Voigt Gli Altri Modelli Classici La Funzione di Creep e di Rilassamento Il Principio di Sovrapposizione di Boltzmann La Funzione di Creep e di Rilassamento per il Modello di Maxwell

7 INDICE vii La Funzione di Creep e di Rilassamento per il Modello di Kelvin-Voigt I Modelli di Ordine Frazionario L esperienza di Nutting Lo Spring-pot La Formulazione Integrale del Modello Frazionario I Modelli Generalizzati A Tabelle sulle Trasformate 73 A.1 Trasformate di Laplace A.2 Trasformate di Fourier A.3 Trasformate di Mellin B Tabelle sulle Derivate Frazionarie 77 B.1 Derivate di Riemann-Liouville con a = B.2 Derivate di Riemann-Liouville con a = C Comandi in Mathematica 79 C.1 Funzioni Speciali C.2 Funzioni di Bessel C.3 Trasformate Integrali C.4 Differintegrali Bibliografia 83

8 viii INDICE

9 Elenco delle figure 1.1 Funzione Gamma Abs Funzione Gamma Funzione di Bessel di prima specie Funzione di Bessel di seconda specie Funzioni di Hankel Funzioni di Bessel modificate Funzione Rettangolo Funzione Dispari Funzione f(t) = sin(t)e t H(t) Trasformata di Fourier di f(t) = sin(t)e t H(t) Derivata frazionaria della funzione gradino di Heaviside Modello di Hooke Modello di Newton-Petroff Modello di Maxwell Modello di Kelvin Voigt Modelli SLS o di Zener Modelli classici discreti Funzione di Creep Funzione di Rilassamento Programma di Carico e Risposta Programma di Carico Generico Funzione di Rilassamento e Creep Maxwell Funzione di Rilassamento e Creep Kelvin Voigt Spring-Pot ix

10

11 Prefazione La teoria sulla derivazione di ordine non intero risale al 1695, quando nelle note che Leibniz scrisse a l Hôpital, si discuteva del significato della derivata di ordine 1 2. Questo evento diede il via allo studio delle derivate e degli integrali di ordine arbitrario, continuato verso la fine del XIX secolo da Liouville, Grünwald, Letnikov e Riemann. Nasce così il Calcolo Frazionario che, per circa 200 anni trova sviluppo solo dal punto di vista teorico rimanendo di uso prettamente matematico. Intorno agli anni 50 del secolo scorso alcuni studiosi cominciano ad usare gli integrali e le derivate di ordine non intero per descrivere le proprietà di vari materiali, come ad esempio le proprietà viscoelastiche dei polimeri. Iniziano così a manifestarsi le potenzialità del calcolo frazionario che oggi trova applicazione in diverse branche della Fisica e della Chimica, in quanto permette una raffinata modellazione delle proprietà meccaniche ed elettriche dei materiali reali. Nell ingegneria, recenti applicazioni delle derivate frazionarie per la modellazione geotecnica, hanno permesso una accurata descrizione delle proprietà reologiche di alcune famiglie di rocce. Il testo di M. Caputo [10], pubblicato nel 1969, fornisce una particolare definizione di differenziazione frazionaria per la formulazione e la risoluzione di problemi di viscoelasticità. Un altro campo dove trova impiego la derivata di ordine non intero è la recente Teoria dei Frattali, infatti lo sviluppo di tale teoria ha fornito ulteriori prospettive per l applicazione della derivazione frazionaria, specialmente per la modellazione dei processi dinamici di autosimilarità e per lo studio delle strutture porose. Gli integrali e le derivate frazionarie sono anche utilizzate nella teoria di controllo dei sistemi dinamici, governati da equazioni differenziali frazionarie. Il calcolo frazionario rappresenta l argomento base del presente testo, esso infatti verrà applicato alla viscoelasticità, proprietà che caratterizza il legame costitutivo della maggior parte dei materiali impiegati nell ingegneria civile. Il xi

12 xii Prefazione comportamento viscoelastico, intermedio tra il perfettamente elastico (con legame costitutivo governato dalla Legge di Hooke) e il perfettamente viscoso (con legame costitutivo governato dalla Legge di Newton), è stato oggetto di diversi studi fin dal XIX secolo, pionieri della viscoelasticità furono i fisici James Clerk Maxwell, Ludwig Eduard Boltzmann e William Thomson Kelvin, i quali studiarono il fenomeno su diversi materiali, tra cui vetro, metalli e gomme. Sia il comportamento perfettamente elastico che il perfettamente viscoso rappresentano una comoda idealizzazione che permette di risolvere con buona approssimazione diversi problemi rilevanti nell ambito ingegneristico. In natura però non esistono degli elementi il cui comportamento appartiene all uno o all altro campo. Si è osservato sperimentalmente che diversi materiali se sottoposti ad un carico costante che permane nel tempo fluiscono plasticamente, distinguendosi dai solidi perfettamente elastici; inoltre, una volta rimosso il carico, essi recuperano una parte della deformazione, distinguendosi anche dai liquidi perfettamente viscosi. Per tale motivo, in certi casi, nasce la necessità di caratterizzare determinati materiali con un comportamento che manifesti al contempo proprietà elastiche e proprietà viscose. In definitiva il perfettamente elastico e il perfettamente viscoso devono essere visti come fenomeni limite, che circoscrivono un ampio campo di comportamento che è appunto quello viscoelastico. Per simulare il comportamento viscoelastico si è spesso fatto ricorso a dei modelli discreti composti da elementi elastici perfetti (molle caratterizzate dal modulo elastico E) e da elementi perfettamente viscosi (pistoncini in bagno d olio caratterizzati dalla viscosità µ) opportunamente accoppiati, ma tali modelli riescono a simulare il reale comportamento dei materiali reali solo diventando delle complicate successioni di numerosi elementi. George William Scott Blair, intorno agli anni 50 del secolo scorso, introdusse un modello basato sulla derivate frazionarie che si dimostrò più efficace nell interpretazione dei risultati sperimentali rispetto ai modelli discreti. Quest ultima tipologia di modello, chiamato modello viscoelastico di ordine frazionario, rappresenta l argomento centrale del presente testo, il quale è organizzato in sei capitoli. Nel Capitolo 1 verranno introdotte alcune funzioni speciali, la cui conoscenza è necessaria per una piena comprensione del calcolo frazionario. Inoltre saranno richiamate le definizioni delle trasformate integrali di Laplace, di Fourier e di Mellin e verranno mostrate alcune delle loro proprietà fondamentali, la cui comprensione servirà a estenderne l applicabilità alle derivate e agli integrali di ordine frazionario. Nel Capitolo 2 si affronterà lo studio dei concetti base del Calcolo Fraziona-

13 xiii rio, infatti in esso verranno introdotti gli Operatori Frazionari, in particolare saranno mostrate le principali definizioni, fornite nel tempo da diversi matematici, di derivata e integrale frazionario e le relative proprietà. Inoltre, le trasformate integrali e le loro particolari proprietà verranno applicate al calcolo differenziale frazionario. Nel Capitolo 3 si introdurranno alcuni concetti relativi alla viscoelasticità lineare. In particolare nella prima parte si mostrerà l approccio classico allo studio del fenomeno viscoelastico, basato sulla combinazione di elementi semplici (molle e pistoncini) per la modellazione del materiale e sulla formulazione integrale fornita da Boltzmann. Mentre nella seconda parte del capitolo si introdurrà il modello frazionario (Spring-Pot) che risulterà più accurato rispetto ai modelli classici costituiti da elementi puramente elastici ed elementi puramente viscosi. Ulteriori approfondimenti in merito agli argomenti trattati possono essere trovati nelle Appendici.

14 xiv Prefazione Si fornisce adesso una chiave di lettura della bibliografia inerente gli argomenti trattati nei primi due Capitoli: le funzioni speciali, che verranno introdotte nel Capitolo 1, in particolare la gamma e la beta di Eulero e le relative proprietà possono essere approfondite nei testi [33], [12], [25], [27] e [29], mentre ulteriori informazioni sulle funzioni di Mittag-Leffler e di Wright sono contenute rispettivamente in [22] e in [20]; per l approfondimento delle trasformate integrali di Fourier e di Laplace e delle loro proprietà si rimanda ai testi [1], [7] e [12], invece per la trasformata integrale di Mellin oltre al [12] si consigliano il [31] e il Capitolo 9 del [45]; il calcolo frazionario, il cui studio verrà affrontato nel Capitolo 2, è ampiamente trattato nei testi [9], [24], [25], [27], [29], [33] e [36]; alcune dimostrazioni sull applicazione delle trasformate integrali agli operatori frazionari omesse nel presente lavoro sono contenute nei testi [25] e [33]; diverse informazioni in merito agli argomenti trattati sono contenute nei link del portale Wolfram MathWorld richiamati in [46], [47], [48], [49], [50], [51] e [52].

15 Simboli Adottati In matematica spesso vi sono diverse notazioni per indicare lo stesso elemento, sia esso un operatore differenziale, una variabile reale, una trasformata integrale, ecc.; anche gli operatori di derivazione e di integrazione frazionaria non sempre si trovano indicati allo stesso modo. Nel seguito verrà utilizzata la seguente notazione. Notazione f(t) ad α t ai α t C a D α t α o β a t z o s j o i N R C Descrizione Funzione di variabile reale t Simbolo di operatore differintegrale frazionario Simbolo di operatore integrale frazionario Simbolo di operatore differintegrale di Caputo Ordine di differintegrazione Estremo inferiore Variabile temporale e/o estremo superiore Variabile complessa Unità immaginaria j = i = 1 Insieme dei numeri Naturali Insieme dei numeri Reali Insieme dei numeri Complessi Prodotto di convoluzione xv

16 xvi Simboli Adottati Notazione L{} L 1 {} F{} F 1 {} M{} M 1 {} F L (s) F F (ω) F M (s) R() I() Γ(z) β(z, ω) E α, β (z) W (z, α, β) Descrizione Operatore trasformata e antitrasformata di Laplace Operatore trasformata e antitrasformata di Fourier Operatore trasformata e antitrasformata di Mellin Funzione trasformata di Laplace Funzione trasformata di Fourier Funzione trasformata di Mellin Parte reale di un numero complesso Parte immaginaria di un numero complesso Funzione gamma di Eulero Funzione beta di Eulero Funzione di Mittag-Leffler Funzione di Wright J ν (z) e Y ν (z) H (1) ν (z) e H (2) ν (z) Funzioni di Hankel Funzioni di Bessel di prima e seconda specie I ν (z) e K ν (z) δ(t) H(t) Rect(t) Funzioni di Bessel modificate Funzione generalizzata delta di Dirac Funzione gradino di Heaviside Funzione rettangolo Si osservi che in genere un Operatore Frazionario è definito dall ordine di differintegrazione, dall estremo inferiore e dall estremo superiore. L ordine di differintegrazione (positivo nel caso di derivazione e negativo nel caso di integrazione) è indicato con n se intero, con α se reale o complesso.

17 Capitolo 1 Funzioni Speciali e Trasformate In questo capitolo vengono introdotte alcune funzioni speciali, la cui conoscenza è necessaria per comprendere appieno il calcolo frazionario e gli argomenti trattati nei successivi capitoli. Inoltre verranno richiamati alcuni concetti generali inerenti le trasformate integrali di Laplace, di Fourier e di Mellin. Si porrà attenzione su alcune proprietà delle trasformate usate nel calcolo differenziale ordinario. La conoscenza di tali proprietà renderà più agevole l applicazione delle trasformate al calcolo frazionario, trattata nel capitolo successivo. 1.1 Funzioni Speciali Si riportano di seguito alcune funzioni che stanno alla base del calcolo frazionario e ne vengono descritte sinteticamente le principali proprietà, rimandando, per l eventuale approfondimento, ad altri testi specifici citati in Bibliografia. In particolare verranno trattate la Funzione Gamma e Beta di Eulero, la Funzione di Mittag-Leffler e la Funzione di Wright La Funzione Gamma di Eulero Una delle funzioni fondamentali del calcolo frazionario è la Funzione Gamma di Eulero Γ(z), che generalizza il concetto di fattoriale n! estendendo il calcolo a valori non interi e/o complessi di n. Infatti tale funzione nasce da un 1

18 2 1. Funzioni Speciali e Trasformate problema di interpolazione posto in una lettera da Christian Goldbach ( ) all allora ventiduenne Leonardo Eulero ( ): trovare una formula semplice per il calcolo dei fattoriali che sia estendibile anche a numeri non interi. La funzione Gamma è definita nel semipiano delle z positive dal seguente integrale: Γ(z) = 0 e t t z 1 dt (1.1) che converge nella metà destra del piano complesso (ovvero con R(z) > 0); infatti se z = x + jy si ottiene: Γ(x + jy) = = 0 0 e t t x 1+jy dt = 0 e t t x 1 e jy log (t) dt e t t x 1 [cos (y log (t)) + j sin (y log (t))] dt (1.2) l espressione contenuta nelle parentesi quadre della (1.2) è limitata t, la convergenza a infinito è data da e t, e per la convergenza a t = 0 si deve avere x = R(z) > 1. La gamma di Eulero è una funzione meromorfa, ha dei poli 1 Im z Re Figura 1.1: Valore Assoluto della Funzione Gamma di Eulero sul Piano di Gauss ( Γ(z) per valori di z C). semplici per x = n (con n = 1, 2, 3 ) ed è continua e positiva sui reali

19 1.1 Funzioni Speciali 3 positivi di z (ovvero per R(z) > 0). La Figura 1.1 mostra il grafico del valore assoluto della funzione gamma di Eulero sul piano di Gauss ( Γ(z) per z C), in esso è possibile osservare la presenza di singlarità isolate per x = n. Oltre alla rappresentazione integrale data in (1.1) vi è un espressione alternativa della funzione gamma di Eulero, fornita da Gauss: n!n z Γ(z) = lim n z(z + 1)... (z + n) (1.3) Dalla rappresentazione integrale si deducono immediatamente alcune formule notevoli di calcolo di integrali. La più nota è la seguente: ( ) 1 π = Γ = t 1 2 e t dt (1.4) 2 La tabella seguente mostra alcuni valori notevoli della funzione gamma. 0 Γ ( 3 2) = 4 3 π Γ(1) = 1 Γ( 1) = ± Γ ( ) 3 2 = 1 2 π Γ ( 1 2) = 2 π Γ(2) = 1 Γ(0) = ± Γ ( ) 5 2 = 3 4 π Γ ( 1 2) = π Γ(3) = 2 Tabella 1.1: Γ(x) per 3 2 x 2 Proprietà della Funzione Gamma Una proprietà fondamentale della funzione gamma è la seguente: Γ(z + 1) = zγ(z) (1.5)

20 4 1. Funzioni Speciali e Trasformate che può essere dimostrata integrando per parti: Γ(z + 1) = 0 e t t z dt = [ e t t z] t= t=0 + z e t t z 1 dt = zγ(z) (1.6) tenendo conto della (1.5) e sapendo che Γ(1) = 1 si ottiene che: 0 Γ(2) = 1Γ(1) = 1 = 1! Γ(3) = 2Γ(2) = 2 1! = 2! Γ(4) = 3Γ(3) = 3 2! = 3! Γ(n + 1) = nγ(n) = n (n 1)! = n! (1.7) tale proprietà è evidente in Figura 1.2(a); infatti essa mostra il grafico della 1 x 10 x x x 5 1 (a) Γ(x) 2 (b) Γ(x) 1 Figura 1.2: Funzione Gamma di Eulero e sua reciproca per valori di x R. funzione Γ(x) per x R e vi sono indicati in rosso i punti aventi ascissa x = n (con n N) e ordinata pari a Γ(n) = (n 1)!. Nelle espressioni di operatore frazionario, che verranno introdotte nel capitolo successivo, comparirà la funzione reciproca di gamma, ovvero Γ(x) 1, il cui grafico per x R è riportato in Figura 1.2(b), in esso si osserva che la funzione è oscillante per valori negativi dell argomento x e tende a zero per

21 1.1 Funzioni Speciali 5 x. Inoltre, dai grafici si può osservare che la funzione Γ(z) è una funzione senza zeri al finito, per cui la sua reciproca è una funzione intera. Una particolare proprietà della funzione gamma è data dalla seguente relazione: Γ(z)Γ(1 z) = π (1.8) sin πz l espressione (1.8) è detta Formula di Riflessione di Eulero. Vale inoltre la seguente relazione: ( Γ(z)Γ z + 1 ) = 2 1 2z π Γ(2z); (2z 0, 1, 2,...) (1.9) 2 nota come Formula di Duplicazione. Tale espressione è un caso particolare della Formula di Moltiplicazione: ( Γ(z)Γ z+ 1 ) ( Γ z+ 2 ) (... Γ z+ m 1 ) = (2π) m 1 2 m ( 1 2 mz) Γ(mz) (1.10) m m m La derivata della funzione gamma può essere espressa in funzione di se stessa e di altre funzioni, per esempio: Γ (z) = Γ(z) ψ 0 (z) in cui ψ 0 è la Funzione Poligramma di Ordine 0 ; in particolare: Γ (1) = γ dove γ è la Costante di Eulero-Mascheroni (γ = 0, ) La Beta di Eulero Spesso nel calcolo frazionario si preferisce usare la funzione Beta di Eulero, invece di ricorrere ad una determinata combinazione di funzioni gamma. Tale funzione, detta anche integrale di Eulero del primo tipo, solitamente è espressa dalla seguente equazione: β(z, ω) = 1 0 τ z 1 (1 τ) ω 1 dτ; ( R(z) > 0, R(ω) > 0 ) (1.11) La relazione tra la funzione gamma (1.1) e la funzione beta (1.11) si ottiene ricorrendo alla trasfomata di Laplace. Si definisce il seguente integrale di convoluzione delle funzioni t z 1 e t ω 1 : h z,ω (t) = t 0 τ z 1 (1 τ) ω 1 dτ (1.12)

22 6 1. Funzioni Speciali e Trasformate inoltre risulta che h z,ω (1) = β(z, ω). Operando la trasformata di Laplace della funzione h z,ω (t), denotata con H Lz,ω (s), e tenendo conto del fatto che la trasformata della convoluzione di due funzioni è pari al prodotto delle loro trasformate, si ottiene: H Lz,ω (s) = Γ(z) s z Γ(ω) s ω = Γ(z)Γ(ω) s z+ω. (1.13) Essendo il prodotto Γ(z)Γ(ω) una costante, si può riottenere la funzione data h z,ω (t) a partire dalla sua trasformata H Lz,ω (s) facendo l antitrasformata (o trasformata inversa), ovvero: h z,ω (t) = Γ(z)Γ(ω) Γ(z + ω) tz+ω 1 (1.14) l espressione (1.14) particolarizzata per t = 1 restituisce la funzione beta: β(z, ω) = Γ(z)Γ(ω) Γ(z + ω) (1.15) quest ultima espressione, a differenza della (1.11) definita solo per R(z) > 0 e R(ω) > 0, definisce la funzione beta sull intero piano complesso. Inoltre dalla (1.15) si evince che: β(z, ω) = β(ω, z) (1.16) La Funzione di Mittag-Leffler Il matematico svedese Magnus Gustaf (Götta) Mittag-Leffler ha introdotto nel 1903 la funzione speciale E α (z); tale funzione è definita dalla seguente serie di potenze: z k E α (z) = (1.17) Γ(αk + 1) k=0 la (1.17) rappresenta la funzione di Mittag-Leffler (M-L) nella forma ad un parametro α, ne esiste anche una forma alternativa a due parametri α e β spesso usata nel calcolo frazionario ed espressa dalla seguente equazione: E α,β (z) = k=0 z k ; (α > 0, β > 0) (1.18) Γ(αk + β)

23 1.1 Funzioni Speciali 7 Si riportano di seguito alcuni casi notevoli: E 1,2 (z) = E 1,3 (z) = k=0 k=0 E 1,1 (z) = k=0 z k Γ(k + 2) = z k (k + 1)! = 1 z k=0 z k Γ(k + 3) = z k (k + 2)! = 1 z 2 k=0 e in generale per α = 1 e β qualsiasi si ha: z k Γ(k + 1) = z k k! = ez (1.19) k=0 k=0 k=0 E 1,m (z) = 1 m 2 {e z z k } z m 1 k! k=0 z k+1 (k + 1)! = ez 1 z (1.20) z k+2 (k + 2)! = ez 1 z z 2 (1.21) (1.22) Per β = 1 e α generico si ottiene la funzione ad un parametro espressa dalla (1.17): z k E α,1 (z) = Γ(αk + 1) E α(z) (1.23) k=0 La funzione, al variare dei parametri α e β, risulta legata a diverse funzioni elementari. Il seno e il coseno iperbolico possono essere considerati come casi particolari della funzione M-L, infatti: E 2,1 (z 2 ) = E 2,2 (z 2 ) = k=0 k=0 z 2k Γ(2k + 1) = z 2k = cosh(z) (1.24) (2k)! z 2k Γ(2k + 2) = 1 z k=0 k=0 z 2k+1 (2k + 1)! = sinh(z) z Un altro caso particolare si ottiene per α = 1 2 e β = 1: E 1 2,1(z) = Γ( k k=0 2 z k (1.25) = ez2erfc( z) (1.26) + 1) dove erfc( z) indica la funzione degli errori complementare (o funzione degli errori di Gauss), definita come: erfc(z) = 2 e t2 dt (1.27) π z

24 8 1. Funzioni Speciali e Trasformate La Funzione di Wright La Funzione di Wright è utile per la soluzione delle equazioni differenziali frazionarie. È strettamente correlata alla funzione M-L a due parametri ed ha la seguente espressione: W (z; α, β) = k=0 z k k!γ(αk + β) (1.28) particolarizzata per α = 0 e β = 1 diventa: W (z; 0, 1) = k=0 z k k!γ(1) = z k k! = ez (1.29) k=0 per β = 1 α si ottiene la Funzione di Mainardi M(z; α): W ( z; α, 1 α) = M(z; α) = k=0 ( 1) k z k k!γ[ α(k + 1) + 1] (1.30) 1.2 Le Funzioni di Bessel Le funzioni di Bessel sono una vasta famiglia di funzioni speciali, nel presente paragrafo ci si limiterà ad introdurre solo quelle necessarie per la comprensione di alcuni passaggi che seguiranno nei capitoli successivi, per l eventuale approfondimento dell argomento si rimanda al testo [35] dove sono ampiamente trattate La Funzioni di Prima e Seconda Specie Le prime due funzioni di Bessel rappresentano le soluzioni canoniche dell equazione di Bessel definita di seguito z 2 d2 y ν (z) dz 2 + z dy ν(z) dz + (z 2 ν 2 )y ν (z) = 0, (1.31) si osserva che tale equazione rappresenta un equazione differenziale ordinaria del secondo ordine, per cui devono esistere almeno due soluzioni linearmente indipendenti. Le altre soluzioni su un determinato intervallo si possono ottenere

25 1.2 Le Funzioni di Bessel 9 come combinazione lineare delle due linearmente indipendenti. Una possibile soluzione all equazione di Bessel avrà la seguente forma J ν (z) = z ν k=0 c k z k (1.32) sostituendo la (1.32) nella (1.31) e ponendo ν non negativo si ottiene ( z ν J ν (z) = 2) ( 1) n ( ) z 2n 2 n!γ(n + ν + 1) n=0 (1.33) l espressione (1.33), prima soluzione della (1.31), è nota in letteratura come funzione di Bessel di prima specie. In Figura 1.3 è riportato il grafico della J ν (z) per alcuni valori di ν J Ν z z Figura 1.3: Funzione di Bessel di prima specie per ν = 0, 1, 2, 3. Se ν assume valori non interi la J ν (z) rappresenta la seconda soluzione della (1.31) linearmente indipendente da J ν (z), ma solitamente si introduce un altra funzione, denotata con Y ν (z) e ottenuta come combinazione lineare di J ν (z) e J ν (z), quindi Y ν (z) = J ν(z) cos(πν) J ν (z) sin(πν) (1.34)

26 10 1. Funzioni Speciali e Trasformate tale espressione prende il nome di funzione di Bessel di seconda specie o funzione di Neumann. Y Ν z z Figura 1.4: Funzione di Bessel di seconda specie per ν = 0, 1, 2, 3. La Figura 1.4 mostra la seconda soluzione all equazione di Bessel per diversi valori di ν. Confrontando i due grafici si osserva che le J ν (z) hanno valore finito in z = 0 mentre le Y ν (z) hanno dei punti di singolarità per z = 0. Si osservi che per il caso particolare in cui ν = 1/2 le soluzioni linearmente indipendenti dell equazione di Bessel (1.31) diventano J 1 (z) = cos(z), 2 z Y 1 (z) = sin(z). 2 z (1.35) Questo fatto lascia intuire che almeno alcune soluzioni dell equazione di Bessel avranno andamento oscillante mostrando una certa parentela con le funzioni trigonometriche Le Funzioni di Hankel Un altra formulazione canonica della coppia soluzioni linearmente indipendenti dell equazione di Bessel sono le seguenti H ν (1) (z) = J ν (z) + jy ν (z) H ν (2) (z) = J ν (z) jy ν (z) (1.36)

27 1.2 Le Funzioni di Bessel 11 tali espressioni sono note come funzioni di Bessel di terza specie o funzioni di Hankel (di prima e seconda specie). Volendo fare un parallelismo con le funzioni trigonometriche e le funzioni di Bessel si può asserire che le funzioni J ν (z) e Y ν (z) stanno a cos(z) e sin(z) come le funzioni H ν (1) (z) e H ν (2) (z) stanno agli esponenziali e jz ed e jz. Si osserva che per ν reale e z reale positivo, si ha H (1) ν (z) = H (2) ν (z) (1.37) mentre se z e ν sono complessi ed arbitrari valgono le seguenti relazioni {J ν (z)} = J ν (z ) {Y ν (z)} = Y ν (z ) {H (1) ν (z)} = H (2) ν (z ). (1.38) H Ν 1 z HΝ 2 z z Figura 1.5: Valore Assoluto delle Funzioni di Hankel per z > 0 e ν = 0, 1, 2, 3. La Figura 1.5 mostra l andamento delle due funzioni valore assoluto di Hankel per vari valori di ν, la H ν (1) (z) e la H ν (2) (z) coincidono nel semipiano delle z > Le Funzioni di Bessel Modificate Solitamente si indicano con tale nome le funzioni di Bessel di argomento immaginario. La loro equazione si ottiene cambiando z con jz nell espressione (1.31),

28 12 1. Funzioni Speciali e Trasformate ottenendo z 2 d2 w ν (z) dz 2 + z dw ν(z) + (z 2 ν 2 )w ν (z) = 0. (1.39) dz Come prima soluzione alla (1.39) si ha I ν (z) = e j π 2 ν J ν (z e j π 2 ) = k=0 ( z 2) ν+2k k!γ(k + ν + 1) (1.40) tale espressione prende il nome di funzione di Bessel modificata di prima specie. Analogamente a quanto accadeva per le funzione di Bessel di prima specie se ν non è un numero intero allora I ν è una soluzione della (1.39) linearmente indipendente da I ν, ma si suole introdurre una seconda soluzione fondamentale denotata con K ν (z) e definita come segue K ν (z) = π [I ν(z) I ν (z)], (1.41) 2 sin(πν) l espressione (1.41) è nota come funzione di Bessel modificata di seconda specie o funzione di Basset. Continuando l analogia tra funzioni di Bessel e funzioni trigonometriche, si può affermare che le funzioni di Bessel modificate risultano il corrispondente delle funzioni iperboliche cosh(z) e sinh(z). I Ν z K Ν z z (a) I ν (z) z (b) K ν (z) Figura 1.6: Funzioni di Bessel modificate per ν = 0, 1, 2, 3. La Figura 1.6 mostra gli andamenti delle funzioni di Bessel modificate per ν = 0, 1, 2, 3. Si osservi che per ν reale e z reale positivo sia la funzione I ν

29 1.3 La Trasformata di Laplace 13 che K ν sono funzioni reali, ma a differenza delle funzioni J ν e Y ν non saranno delle funzioni oscillanti in quanto I ν sarà una funzione monotona crescente, che per ν > 0 si annulla per z = 0, mentre K ν per ν > 0 avrà una singolarità in corrispondenza dell origine e tenderà a zero quando z. 1.3 La Trasformata di Laplace La funzione F L (s) nella variabile complessa s = γ + jη definita come: F L (s) = L{f(t); s} = 0 e st f(t) dt (1.42) è chiamata Trasformata di Laplace della funzione f(t) e permette di passare dallo studio di una variabile reale (temporale nei casi considerati) allo studio di una variabile complessa. Affinché l integrale introdotto in (1.42) esista, la funzione f(t) deve essere di ordine esponenziale α, il che equivale ad ammettere l esistenza di due costanti positive M e T tali che: e αt f(t) M t > T (1.43) ciò significa che la funzione f(t) non deve crescere più velocemente di una certa funzione esponenziale quando t. Dalla funzione trasformata F L (s) è possibile ottenere la funzione originale f(t) tramite l Antitrasformata di Laplace o Trasformata Inversa: f(t) = L 1 {F L (s); t} = 1 2πj c+j c j e st F L (s) ds con c R(s) > c 0 (1.44) con c 0 che si trova nella parte destra della convergenza assoluta dell integrale di Laplace. Si osservi che f(t), ottenuta come trasformata inversa, è data dall integrale effettuato lungo l asse immaginario (la parte reale rimane costante) Proprietà della Trasformata di Laplace La trasformata di Laplace gode della proprietà di additività, secondo la quale la trasformata della somma di due funzioni f(t) e g(t) e pari alla somma delle trasformate delle singole funzioni F L (s) e G L (s): L{f(t) + g(t); s} = F L (s) + G L (s) (1.45)

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R.

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R. Serie di Fourier 1 Serie di Fourier In questo capitolo introduciamo le funzioni periodiche, la serie di Fourier in forma trigonometrica per le funzioni di periodo π, e ne identifichiamo i coefficienti.

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA 1 1.4 Serie in campo complesso 1.4.1 Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a k (z z 0 ) k. Per le serie di potenze in campo complesso valgono teoremi analoghi

Dettagli

Trasformate di Laplace

Trasformate di Laplace TdL 1 TdL 2 Trasformate di Laplace La trasformata di Laplace e un OPERATORE funzionale Importanza dei modelli dinamici Risolvere equazioni differenziali (lineari a coefficienti costanti) Tempo t Dominio

Dettagli

LA TRASFORMATA DI FOURIER: PROPRIETA ED ESEMPI

LA TRASFORMATA DI FOURIER: PROPRIETA ED ESEMPI LA TRASFORMATA DI FOURIER: PROPRIETA ED ESEMPI Fondamenti di segnali Fondamenti e trasmissione TLC Proprieta della () LINEARITA : la della combinazione lineare (somma pesata) di due segnali e uguale alla

Dettagli

Studio dei segnali nel dominio della frequenza. G. Traversi

Studio dei segnali nel dominio della frequenza. G. Traversi Studio dei segnali nel dominio della frequenza G. Traversi Segnali periodici e serie di Fourier Una funzione periodica f(t) di periodo T (purché integrabile) è esprimibile con una serie del tipo: f (t)

Dettagli

Brevi appunti di Fondamenti di Automatica 1. prof. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA TRE

Brevi appunti di Fondamenti di Automatica 1. prof. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA TRE Brevi appunti di Fondamenti di Automatica prof. Dipartimento di Informatica e Automazione Universitá degli Studi ROMA RE ROMA RE UNIVERSIÀ DEGLI SUDI 4 marzo 05 Rev. 0. INDICE Indice La rasfomata di Laplace.0.

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 2009-2010 p. 1/45 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma1.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento,

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica STRUMENTI MATEMATICI PER L ANALISI DEI SISTEMI DISCRETI Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

7. Trasformata di Laplace

7. Trasformata di Laplace 7. Trasformata di Laplace Pierre-Simon de Laplace (1749-1827) Trasformata di Fourier e segnali causali In questa lezione ci occuperemo principalmente di segnali causali: Definizione 7.1 (Segnali causali)

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Trasformate integrali

Trasformate integrali Trasformate integrali Gianni Gilardi Pavia, 12 dicembre 1997 Siano I e J due intervalli di R, limitati o meno, e K : I J C una funzione fissata. Data ora una generica funzione u : I R, consideriamo, per

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6.3 Richiami sulla Trasformata di Laplace Definizione La trasformata di Laplace di f(t) è la funzione di variabile complessa s C, (s = σ + jω), F (s) = e st f(t)dt

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace

Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta. La trasformata di Laplace Elettronica e Telecomunicazioni Classe Quinta La trasformata di Laplace ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE QUINTA A INFORMATICA INDICE Segnali canonici Trasformata di Laplace Teoremi sulla trasformata

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza

Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza rgomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

Successioni e serie di funzioni

Successioni e serie di funzioni Successioni e serie di funzioni A. Albanese, A. Leaci, D. Pallara In questa dispensa generalizzeremo la trattazione delle successioni e delle serie al caso in cui i termini delle stesse siano non numeri

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI A.A. 2015/16 CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 PER I CORSI DI LAUREA IN MATEMATICA E FISICA I semestre, 12 crediti Teoria: 9 crediti, tenuti da me Esercitazioni: 3 crediti, tenuti dal Dott. Bruno Scardamaglia

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Mattia Zanella mattia.zanella@unife.it www.mattiazanella.eu

Mattia Zanella mattia.zanella@unife.it www.mattiazanella.eu mattia.zanella@unife.it www.mattiazanella.eu Department of Mathematics and Computer Science, University of Ferrara, Italy Ferrara, 1 Maggio 216 Programma della lezione Seminario II Equazioni differenziali

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Segnali passa-banda ed equivalenti passa-basso

Segnali passa-banda ed equivalenti passa-basso Appendice C Segnali passa-banda ed equivalenti passa-basso C.1 Segnali deterministici Un segnale deterministico u(t) con trasformata di Fourier U(f) è un segnale passa-banda se f 0, W, con 0 < W < f 0,

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza

Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza Capitolo 5 Caratterizzazione dei segnali aleatori nel dominio della frequenza 5. Introduzione In questo capitolo affrontiamo lo studio dei segnali aleatori nel dominio della frequenza. Prendiamo come esempio

Dettagli

REGISTRO LEZIONI A.A. 2013/2014 (INGEGNERIA GESTIONALE)

REGISTRO LEZIONI A.A. 2013/2014 (INGEGNERIA GESTIONALE) REGISTRO LEZIONI A.A. 2013/2014 (INGEGNERIA GESTIONALE) 30/09/2013 ore 3 I numeri naturali, relativi, razionali e loro proprieta'. Incompletezza del campo dei numeri razionali. I numeri reali come allineamenti

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Revisione dei concetti fondamentali

Revisione dei concetti fondamentali Revisione dei concetti fondamentali dell analisi in frequenza Argomenti: trasformazione in frequenza: significato e funzionamento; schemi di rappresentazione; trasformata discreta. 1 Rappresentazione dei

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

METODI MATEMATICI PER LA FISICA

METODI MATEMATICI PER LA FISICA Si svolgano cortesemente i seguenti esercizi ESERCIZIO (6 PUNTI) METODI MATEMATICI PER LA FISICA PROVA SCRITTA - 2 GENNAIO 25 Una volta identificato, nel piano complesso α, il dominio di convergenza della

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare.

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare. Prof.ssa Diomeda Lorenza Maria Professore Ordinario Dipartimento di Scienze Economiche Area Matematica Facoltà di Economia, Via C.Rosalba 53- Bari Tel. 080-5049169 Fax 080-5049207 E-mail diomeda@matfin.uniba.it

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili.

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. 16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. L argomento centrale di questa ultima parte del corso è lo studio in generale della convergenza delle successioni negli spazi

Dettagli

LA VARIABILE ESPONENZIALE

LA VARIABILE ESPONENZIALE LA VARIABILE ESPONENZIALE E. DI NARDO 1. Analogia con la v.a. geometria In una successione di prove ripetute di Bernoulli, la v.a. geometrica restituisce il numero di prove necessarie per avere il primo

Dettagli

Parte I. Relazioni di ricorrenza

Parte I. Relazioni di ricorrenza Parte I Relazioni di ricorrenza 1 Capitolo 1 Relazioni di ricorrenza 1.1 Modelli Nel seguente capitolo studieremo le relazioni di ricorrenza. Ad esempio sono relazioni di ricorrenza a n = a n 1 + n, a

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

Introduzione al Campionamento e

Introduzione al Campionamento e Introduzione al Campionamento e all analisi analisi in frequenza Presentazione basata sul Cap.V di Introduction of Engineering Experimentation, A.J.Wheeler, A.R.Ganj, Prentice Hall Campionamento L'utilizzo

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2 Lezione 14 1 Funzioni di trasferimento Lezione 14 2 Introduzione Lezione 14 3 Cosa c è nell Unità 4 In questa sezione si affronteranno: Introduzione Uso dei decibel e delle scale logaritmiche Diagrammi

Dettagli