DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia"

Transcript

1 DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

2 Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti immagini, allora è detto incremento della variabile, e è detto incremento della funzione. Il rapporto è detto rapporto incrementale della funzione. y y y f ) f) f + ) f) y Si chiama derivata della funzione f) rispetto alla variabile, e si indica con rapporto incrementale al tendere a zero dell incremento della variabile, cioè y lim 0 dy d, il limite, se esiste, del La grandezza algebrica della derivata esprime il coefficiente angolare della tangente nel punto del grafico della funzione f). La derivata esprime la velocità di variazione della funzione nel punto considerato. Eample. Trovare la derivata della funzione y Calcoliamo il rapporto incrementale y f + ) f) + ) + ) Calcoliamo il limite di tale rapporto lim 0 y + ) Eercise. Trovare l incremento della funzione y corrispondente alla variazione dell argomento: da a : calcoliamo y y 4 Eercise. Calcolare y per la funzione y, se a e h Soluzione: sappiamo che y y y, dove y e y sono le immagini di e. Troviamo + a + h pertanto y a + h y a y a + h a

3 RAPPORTO INCREMENTALE Rapporto incrementale Eercise. Calcolare l incremento y ed il rapporto incrementale per le funzioni: y ) per e 0, 4: calcoliamo + 0, 4, per cui il rapporto incrementale sarà y y Eercise 4. Determinare y e il rapporto incrementale corrispondenti alle variazioni dell argomento da a + per le funzioni: y a + b: il rapporto incrementale sarà y y y a + ) + b a + b a y a a y : il rapporto incrementale sarà y y y + ) + ) + ) y + ) + ) + + ) y : il rapporto incrementale sarà y y y + ) y + ) razionalizzando il numeratore, si ottiene infine y + ) ) + ) + + ) + y ln : il rapporto incrementale sarà y y y ln + ) ln y ln + ) ln applicando la proprietà dei logaritmi ln a ln b ln ) a b, si ottiene ) ) y ln + ln + Eercise 5. Determinare il coefficiente angolare della secante alla parabola y se le ascisse dei punti di intersezione sono: e : osserviamo la figura

4 LIMITE DEL RAPPORTO INCREMENTALE 4 e y y y 4 4) ) ; il coefficiente angolare è uguale alla tangente dell angolo indicato in figura come α, per cui m tan α Eercise 6. La legge di moto di un punto è s t + t + 5, con s in cm e t in s. Qual è la velocità media nell intervallo di tempo compreso tra gli istanti t e t 5? Soluzione: la velocità media per definizione è data dal rapporto s t, cioè il rapporto incrementale della legge oraria, vista come s ft). Calcoliamo i due incrementi { s s 5 s m t t 5 t 5 4 s il rapporto incrementale, e quindi la velocità media, sarà s t 60 m 4 s 5m s [il calcolo della velocità media corrisponde alla individuazione del coefficiente angolare della retta secante nei due punti assegnati, la curva che esprime la legge oraria. Eercise 7. Determinare il rapporto y per la funzione y Soluzione: Da 0.0 e, si può ottenere +.0 y y , Limite del rapporto incrementale Eercise 8. Calcolare la derivata della funzione y tan nel punto per 0, 0. Soluzione: la derivata è il limite del rapporto incrementale per 0. Calcoliamo prima il rapporto incrementale y tan + ) tan sin+ ) cos+ ) sin cos sin cos +cos sin cos cos sin sin sin cos cos sin + sin sin cos cos cos sin sin ) sin cos cos cos sin sin )

5 ESERCIZI DI DERIVAZIONE 5 calcoliamo il limite di tale rapporto Tabella riassuntiva lim 0 sin cos cos cos sin sin ) sin lim 0 cos cos + ) cos Regole principali di calcolo delle derivate Se c è una costante e f) e g) sono le funzioni derivabili, allora c) 0 cf )) cf ) ) f ) g )) f ) g ) + f ) g ) f ) ± g )) f ) ± g ) Tavola delle derivate delle funzioni principali f) g) ) f )g) g )f) g)) n ) n n arccos ) ) arctan ) + sin ) cos a ) a ln a cos ) sin e ) e tan ) cos ln ) > 0 cot ) sin log a ) log a e arcsin ) per < Regola di derivazione per le funzioni composte per < Se y fz) ed z g), cioè y f[g)], dove le funzioni f, g sono derivabili, allora Esempio: dy d dy dz dz d y + ) 5 poniamo y z 5, dove z + ). Si ha quindi z 5) + ) 5z 4 ) 0 ) + ) 4 z Esercizi di derivazione Funzioni algebriche. Eercise 9. Calcola le derivate delle funzioni assegnate: y : applichiamo la regola delle derivate di una potenza n ) n n ai singoli termini del polinomio e la derivazione di una costante per il termine noto c) y : per le funzioni polinomiali utilizziamo sempre la regola di derivazione delle potenze n ) n n +

6 ESERCIZI DI DERIVAZIONE 6 y 5 a : 5 a y at m + bt m+n : la stessa regola di derivazione in un caso tutto algebrico amt m + b m + n) t m+n y a6 + b : la derivata è rispetto alla variabile, tutte le altre lettere sono considerate come a + b costanti 6a5 a + b y π + ln : anche qui π e ln rappresentano dei valori numerici costanti, mentre π y 5 + : potenze con esponente negativo e razionale, cioè radici cubiche e quadrate; tutti questi termini possono sempre essere trattati secondo la regola della derivazione di una potenza y : questa funzione può essere riscritta sotto forma di un unica potenza: y y a b : trasformiamo le radici al denominatore come potenze con esponente frazionario negativo: y a b 4 a b 7 y + : questa è una funzione polinomiale fratta; la sua derivata viene calcolata applicando la derivazione delle singole potenze al numeratore e al denominatore e la regola di derivazione di un rapporto y f) g) ) f )g) g )f) g)) ) 5) 5 + 5) ) : possiamo prima sommare le due frazioni e poi derivare la frazione risultante: y ; in questo caso la derivata del numeratore è nulla + ) 4 + ) y + : applichiamo la regola di derivazione di un rapporto di funzione e la derivata elementare relativa ad una radice quadrata + + ) ) )

7 FUNZIONI ESPONENZIALI E LOGARITMICHE 7 Funzioni trigonometriche e funzioni trigonometriche inverse y 5 sin + cos : ricordiamo le derivate delle funzioni goniometriche, sin ) cos e cos ) sin 5 cos sin y tan cot : ricordiamo le derivate delle due funzioni, tan ) cos e cot ) sin cos + sin sin cos y f) g) sin + cos : derivo applicando le derivate fondamentali e la regola di derivazione del rapporto sin cos ) f )g) g )f) g)) cos sin ) sin cos ) cos + sin ) sin + cos ) sin cos ) cos sin ) cos + sin ) sin cos ) cos + sin ) sin cos ) sin cos ) y sin ) cos : oltre alle derivate fondamentali delle potenze e delle funzioni goniometriche, utilizzeremo anche la regola per la derivata di un prodotto: f ) g )) f ) g ) + f ) g ), [le parentesi non sono necessarie, ma servono per mostrare le varie parti in cui suddividiamo la derivazione] [) sin + cos )] [ ) cos + ) sin ) ] sin + cos cos + ) sin sin y cot : basta applicare la regola della derivata di un prodotto ) cot + ) sin cos sin sin y arcsin : come sopra ) ) arcsin + arcsin + ) + arctan y : anche in questo caso applichiamo le regole del prodotto e della somma; questa non è una funzione fratta e non richiede la regola del quoziente) [ ) arctan + + ) ) ] + arctan Funzioni esponenziali e logaritmiche y 7 e : ricordiamo che la derivata di e ) e e applicando la regola del prodotto, si ha 7 6) e + 7 e 6 e 7 + ) y ) e : deriviamo applicando la regola del prodotto, sapendo che ) e + ) e e

8 FUNZIONI COMPOSTE 8 y e : deriviamo applicando la regola del quoziente, f) g) ) ) f )g) g )f), sapendo che g)) e e 4 e ) 4 e ) y e cos : applichiamo la regola del prodotto, ricordando che cos ) sin e cos + e sin ) e cos sin ) y + ) e : applichiamo la regola del prodotto ) e + + ) e e y e arcsin : ricordiamo che arcsin ) e arcsin + e y : applichiamo la regola del prodotto, ricordando che ln ) ln ) ln ln ln ) ln y ln : regole del prodotto e della somma ) ln + ln y ln + ln : regola della quoziente e della somma + ln + + ln + ln y ln log ln a log a : regola del prodotto e della somma, ricordando che log a ) rappresenta log a con a 0, mentre ln a è una costante e log + ln log ln alog a e ) ln ln e + ln ln 0 ln 0 ln e log a e ; log Funzioni Composte y + 5 ) 0 : il polinomio + 5 ) rappresenta la base della potenza con esponente 0. Deriveremo pertanto come una potenza; essendo però la base una funzione di, dovremo moltiplicare anche per la derivata di tale polinomio ) 9 0) ) a + b y : una funzione polinomiale come base di una potenza, si procede come nel precedente c esercizio ) a + b a ) c c

9 FUNZIONI COMPOSTE 9 y + ) 4 : come i due esercizi precedenti 4 + ) 4) 6 + ) y 7 : in questo caso il polinomio base di una potenza è il denominatore della frazione e 56 ) ) ciò richiede l utilizzo anche della regola del quoziente f) g) f )g) g )f) g)) 56 7 )6 ) ) 4 4 ) 8 y : radice con radicando funzione di ) y a + b : riscriviamo prima la radice cubica come potenza ad esponente frazionario y a + b ) e deriviamo secondo la regola delle potenze a + b ) b ) b a + b ) b a + b ) y sin ) 5 : sempre come potenza per la derivata del polinomio base 5 sin ) 4 cos ) 0 cos sin ) 4 y tan tan + 5 tan5 : si può considerare come un polinomio in tan e derivare secondo le modalità delle funzioni polinomiali, tenendo conto che tan è appunto a sua volta una funzione di, e che la sua derivata è data da tan ) cos cos tan cos tan4 cos tan cos + tan 4 ) y cot cot α: qui si tratta di ricordare le due derivate fondamentali della cotangente della radice quadrata ; la cot α si deve considerare come una costante cot ) sin sin e y + 5 cos : + 5 cos ) sin ) 5 sin cos y 6 cos ) : può essere riscritta come y 6 cos ) e quindi derivata come una potenza la cui base contiene la funzione coseno [ 6 cos ) ] sin ) sin cos ) sin cos ) y cos ) cos : si può derivare come una funzione quoziente f) g) f )g) g )f) g)) 9 cos ) sin ) 9 cos 6 sin cos 4 + sin cos sin cos sin cos cos + )

10 FUNZIONI COMPOSTE 0 sin cos y : richiede la derivazione del radicale, moltiplicata per la derivata del radicando 5 polinomio composto da funzioni goniometriche), cioè f) f ) f) ) cos + sin sin cos 5 5 y sin + cos : applichiamo la derivata di una somma che è uguale alla somma delle derivate; il primo addendo si può derivare trasformandolo come sin, e il secondo come cos y sin sin cos ) cos 4 sin ) arctan : basta riscriverla come arctan arctan + sin + sin cos 4 y e + : deriviamo il radicale quadrato e lo moltiplichiamo per la derivata del radicando, che contiene un prodotto di funzioni e ), f ) ± g )) f ) ± g ) e + e + e + ) y e + + ln 5 : deriviamo separatamente i due addendi; in questo caso ricordiamo le derivate dei due esponenziali, cioè ln ), mentre ) ln e + e ln ) + 5 ln 4 y sin + cos 5 + tan : basta applicare le derivate delle funzioni logaritmiche cos sin cos y sin 5 + ) + tan a : si derivano le funzioni goniometriche moltiplicando poi per la derivata dei rispettivi argomenti, che sono funzioni dell incognita cos 5 + ) 5) + cos a a ) y arcsin : come per l esercizio precedente, ricordando che la derivata dell arcoseno è arcsin ), per cui ) 4 y 5e : derivata della funzione esponenziale moltiplicata per la derivata dell esponente 5e ) 0e y ln + 7): + 7 ) + 7

11 FUNZIONI COMPOSTE y ln sin : l argomento del logaritmo è una funzione goniometrica di ; deriviamo prima il logaritmo moltiplicando poi la derivata del seno cos ) cot sin 8 y 8 4 : la funzione è fratta e quindi va applicata la regola del quoziente, all interno della ) quale, la derivata del denominatore richiede la derivazione di una funzione composta ) ) 4 [ ) ] ) 8 64 ) ) ) ) 64 ) [ + ] 64 ) 8 7 ) ) 8 7 ) 5 + y : il secondo membro presenta una frazione con numeratore irrazionale; si deriva la frazione, secondo la regola del quoziente ) f) g) data dalla derivata della radice f) per la derivata del radicando, f ) + 4 ) + f )g) g )f) ; la derivata del numeratore sarà g)) y a + ) a : la derivata di un prodotto, f ) g )) f ) g ) + f ) g ), il secondo fattore andrà derivata come i radicali di indice due: ) a + a + ) a a ) a a a a y + : scriviamo la radice cubica sotto forma di potenza, + ), deriviamo la potenza moltiplicando per la derivata della base che contiene anche un radicale ) + + ) y ln + e ) : dobbiamo derivare la funzione logaritmica e moltiplicare per la derivata del suo argomento + e + e e ) e + e + e ) y tan 5 5: deriviamo la potenza, moltiplicando per la derivata della tangente e per la derivata del suo argomento 5 tan 4 5 cos sec 5 tan 4 5 y sin ) : deriviamo la potenza, moltiplicando poi per la derivata della funzione goniometrica per la derivata del suo argomento sin ) cos ) ) sin )

12 FUNZIONI COMPOSTE y arcsin : deriviamo prima la funzione arcoseno, moltiplicando poi per la derivata dell argomento, una funzione polinomiale fratta ) ) ) ) 4 4 ) y arccos : applichiamo la regola di derivazione del quoziente di due funzioni; il denominatore è a sua volta funzione di ) ) arccos + arccos + arccos ) y ln arcsin 5): deriviamo la funzione logaritmo, moltiplicando per la derivata del suo argomento e per la derivata dell argomento dell arcoseno arcsin y arcsin ln ): deriviamo la funzione arcoseno, moltiplicando per la derivata del suo argomento ln ln sin α y arctan : deriviamo la funzione arcotangente, moltiplicando poi per la derivata del suo cos α argomento la variabile è, e quindi la derivata è rispetto ad ) + sin α cos α ) sin α cos α) + cos α sin α) cos α) sin α sin α cos α + sin α cos α sin α ) cos α) + cos α cos α+ sin α + cos α cos α) y cos a cos : applichiamo la regola della derivata del prodotto di due funzioni un radicale e un esponenziale) tenendo conto che tali funzioni sono a loro volta funzioni della variabile sin a ) cos + cos a ) ) cos sin ln a cos sin cos cos a cos + ln a cos ) y ln cos : deriviamo prima la funzione logaritmo, moltiplicando poi per la derivata del suo argomento e per la derivata dell argomento della funzione coseno, che è una funzione polinomiale fratta cos sin ) ) + tan )5 y ln + ) : applichiamo prima le proprietà dei logaritmi, ln a b ln a ln b, e ln an n ln a, ottenendo, derivando le funzioni logaritmo, si ha y 5 ln ) ln + ) ) + ) + ) + )

13 FUNZIONI COMPOSTE y sin ) ln π 4 : applichiamo la regola di derivazione del prodotto di due funzioni sin ln π ) + cos ln π ) ) sin ln π ) + cos ln π ) ricordando le formule della goniometria può essere riscritta sin ln ) Eercise 0. Calcolare se y o se y caso y : ricordando il significato del valore assoluto, se y > 0 y se y < 0 y y se y 0 y 0 non esiste caso y se y > 0 y se y < 0 y se y 0 y 0 non esiste Eercise. Calcolare f ) se Soluzione: f) f) { per 0 e per > 0 { per 0 e per > 0 Eercise. Calcolare f 0) se f) e cos Soluzione: Si chiede di calcolare la derivata della funzione nel punto indicato; ciò si ottiene calcolando la derivata e operando la sostituzione 0 sostituendo 0, si ha f ) e cos + e sin ) e cos + sin ) f 0) e 0 cos 0 + sin 0) + 0) Eercise. Per la funzione data f) e calcolare l espressione f0) + f 0). Soluzione: calcoliamo f0) e 0 ; calcoliamo poi la derivata nel punto 0 f 0) e e 0 pertanto f 0) + f 0) Eercise 4. Per le funzioni date f) e g) sin π, calcolare l espressione g ) f )

14 FUNZIONI COMPOSTE 4 Soluzione: Calcoliamo le derivate delle due funzioni calcoliamo ora le derivate nel punto f ) g ) π f ) g ) 0 cos π il loro rapporto sarà g ) f ) 0 Eercise 5. Dimostrare che la derivata di una funzione pari è una funzione dispari e che la derivata di una funzione dispari è una funzione pari. Soluzione: Una funzione è pari se f ) f ) calcoliamo la derivata [f )] f ) [f )] f ) dando quindi una funzione dispari. Analogamente, una funzione è detta dispari se f ) f ) derivando si ha [f )] f ) [ f )] f ) cioè la stessa derivata, con la conseguenza richiesta. Eercise 6. Mostrare che la funzione soddisfa l equazione y e ) y Soluzione: deriviamo la funzione y e + e ) e sostituiamo ) e e ) e svolgendo le moltiplicazioni in entrambi i membri, si ha e e e e

15 DERIVATE DI FUNZIONI NON ESPLICITE 5 Derivate di Funzioni non esplicite Derivata di una funzione inversa. Se la funzione y f ) ha una derivata 0, allora la derivata della funzione inversa f y) è data da y ) Eample 7. Calcolare la derivata y della funzione Calcoliamo la derivata di y rispetto ad y + ln + + Pertanto, la derivata di, rispetto ad y, sarà + + Eercise 8. Calcolare la derivata y, nei seguenti casi y + : calcoliamo la derivata +, y sin : e y + e : y + cos y cos + e e quindi y + e Derivata di una funzione implicita. Se la dipendenza tra le due variabili è espressa da una relazione del tipo F, y) 0 allora, per calcolare la derivata di y rispetto ad, basta, nei casi semplici, calcolare la derivata rispetto ad del primo membro dell equazione, dove si considera y una funzione di calcolare d d [F, y)] 0 risolvere rispetto alla derivata di y,. Eample 9. + y ay 0: Calcoliamo la derivata + y a y + ) 0 risolvendo rispetto a si ottiene ay a y

16 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA 6 Applicazioni della derivata alla geometria e alla fisica Equazione della tangente a una curva. Ricordando l interpretazione geometrica della derivata, segue che, assegnata una curva y f), l equazione della tangente alla curva in un punto P 0; y 0)è y y 0 0 0) che, come si vede, è l equazione della retta passante per un punto il cui coefficiente angolare è uguale alla derivata della funzione calcolata nel punto P ; cioè m 0 dy d 0 Angolo tra due curve. Date due curve, le cui equazioni sono y f ) e y f ), si definisce come angolo, α, in un loro punto comune, P 0; y 0) quello formato dalle rispettive tangenti in questo punto. La relazione si ricava dalla trigonometria, ricordando quanto sopra detto, m 0 tan α tan α f 0) f 0) + f 0) f 0) Eercise 0. Trovare l angolo ϕ formato dall asse e dalla tangente alla curva y nel punto di ascissa. Soluzione: La funzione assegnata è l equazione di una parabola passante per l origine termine noto uguale a zero); Il punto considerato avrà coordinate y 0 una intersezione della parabola con l asse. Per ottenere l equazione della tangente in questo punto, calcoliamo la derivata della funzione y se, la derivata sarà. L equazione della tangente sarà L angolo formato sarà e quindi y 0 ) y + tan α 0 α arctan ) 5 Eercise. Determinare gli angoli formati dalle sinusoidi y sin e y sin e dall asse delle ascisse nell origine del piano cartesiano. Soluzione: calcoliamo le derivate delle due funzioni cos cos il loro valore nell origine è y 0) y 0) la derivata nel punto indica il coefficiente angolare della retta tangente alla curva in quel punto, per cui tan α tan β cioè α 45 β arctan Eercise. Determinare l angolo sotto il quale la curva y e 0.5 interseca la retta.

17 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA 7 Soluzione: Determiniamo prima il punto di intersezione tra la retta e l esponenziale: { { y e 0.5 y e ricordando che tale angolo è quello formato tra la tangente all esponenziale e la retta nel punto assegnato, è necessario calcolare la derivata m tan α ) e questo angolo è quello formato dalla curva con l asse, cioè complementare a quello richiesto, ω, che sarà ω π α quindi tan ω cot α e ω arctan e Eercise. Determinare il punto della parabola y 7 + nel quale la tangente è parallela alla retta 5 + y 0 Soluzione: se la tangente è parallela alla retta data, il suo coefficiente angolare è lo stesso della retta, cioè, m a b 5 5. Ora il coefficiente angolare è uguale alla derivata della curva nel punto assegnato; quindi 7 5 cioè il punto sarà quindi P { y Eercise 4. Determinare il punto della curva y nel quale la tangente è perpendicolare alla retta 4 y + 0. Soluzione: determiniamo il coefficiente della retta assegnata m a b 4 la retta perpendicolare avrà coefficiente angolare antireciproco, cioè m perp 4 calcoliamo la derivata della funzione implicita y 0, y 6 0 y ± tale derivata deve essere uguale a /4; pertanto ± 4 cioè, con > 0 moltiplicando per il mcm elevando al quadrato ± 4 ± 8

18 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA 8 8 le ordinate dei punti si ottengono sostituendo il valore trovato nella funzione y ± 8 ± 6 Eercise 5. Determinare l angolo di intersezione delle due parabole y ) y Soluzione: l angolo richiesto è quello formato dalle tangenti alle due curve nel punto di intersezione; calcoliamo pertanto la loro intersezione { y ) risolvendo la seconda equazione, si ha che dà i punti saranno quindi A4; 4) e B; ). Determiniamo ora le derivate delle due funzioni calcoliamo tali derivate nei due punti trovati ) 4 e ) 4) e ) 4 le rette tangenti sono tra loro parallele e quindi l angolo formato sarà lo stesso; applicando la formula per la determinazione di tale angolo tan α f 0) f 0) +f 0) f 0), si ottiene tan α l angolo sarà pertanto α arctan 6 ) Eercise 6. Mostrare che le iperboli y a y b si intersecano sotto un angolo retto. Soluzione: calcoliamo le funzioni che esprimono tutti i coefficienti angolari delle tangenti alle due curve in ogni punto mediante la derivata delle rispettive funzioni ed eguagliamole a zero y a ) y + y 0 y b ) yy 0 y y i due coefficienti angolari sono antireciproci, y e quindi le tangenti saranno sempre tra loro perpendicolari. Eercise 7. La legge di moto di un punto sull asse OX è t t Determinare la velocità di questo punto negli istanti t 0 0, t e t

19 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA 9 d Soluzione: la velocità istantanea è definita come la derivata di derivate puntuali per i tempi indicati: 0) t ) t 0 ) t 9 dt. Si tratta quindi di calcolare le Eercise 8. La legge di moto di un punto materiale lanciato in alto nel piano verticale OXY con un angolo α con l orizzonte e con velocità iniziale v 0 è data dalle formule trascurando la resistenza dell aria) v 0 t cos α y v 0 t sin α gt dove t è il tempo, g l accelerazione della forza di gravità terrestre. Determinare la traiettoria del moto e la gittata. Determinare anche la grandezza della velocità del volo e la sua direzione. Soluzione: Questo esercizio è la classica determinazione del moto parabolico; infatti si osserva che la componente orizzontale della velocità descrive un moto rettilineo uniforme, mentre quella verticale un moto accelerato. Ricavando infatti il tempo t dalla prima relazione e sostituendola nell altra si ha t v 0 cos α y v 0 sin α v 0 cos α g v0 cos α tan α g v0 cos α : tale equazione, di secondo grado, è descritta da una curva parabolica e rappresenta la traiettoria del punto materiale. La gittata è rappresentata in figura dalla distanza OA; gli estremi di tali segmento sono i punti di intersezione della parabola con l asse delle, di cui uno, O, è scelto quale origine; quindi tan α g v 0 cos α 0 raccogliendo la e calcolando la soluzione diversa da zero, si ha g tan α v0 cos α A sin α cos α v 0 cos α v 0 sin α g g La componente orizzontale e verticale della velocità sono v d dt v 0 cos α v y dy dt v 0 sin α gt Eercise 9. Un punto si muove sull iperbole y 0 in modo tale che la sua ascissa cresce uniformemente alla velocità di un unità per secondo. Qual è la velocità di variazione della sua ordinata quando il punto considerato coincide con il punto P 5; )? Soluzione: Le coordinate del punto mobile sono quelle che soddisfano l equazione dell iperbole riferita ai propri assi. La sua velocità si può esprimere come v u sec ; ma v y, per cui dy d 0 calcoliamo 5), cioè la velocità nel punto 5 5) v y 0.4 m s

20 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA 0 Eercise 0. Il raggio di una sfera cresce uniformemente con la velocità di 5 cm/sec. Con quali velocità crescono la superficie ed il volume della sfera nel momento in cui il raggio è uguale a 50 cm? Soluzione: Ricordiamo che la superficie e il volume in funzione del raggio, sono espresse da S 4πr V 4 πr La velocità di espansione può essere intesa come dr dt 5 cm sec. Calcoliamo le velocità di espansione di superficie e volume, mediante la loro derivata rispetto al raggio ds dt dv dt dr 8πr dt dr 4πr dt m m 8π 0.50 m π sec sec 4π 0.50) m 0.05 m m 0.05π sec sec Eercise. Siano date le due funzioni f) + g) + 5 Risolvere l equazione f ) g ) e sia 0 la soluzione nell intervallo [0; 4]. Considerare il punto di ascissa 0 sul grafico delle due funzioni. Che cosa si può dedurre? Soluzione: calcoliamo le derivate delle due funzioni polinomiali di secondo e terzo grado L uguaglianza è vera per cioè f ) g ) 8 0 risolvendo, si ha, applicando la formula ridotta e 4. Troviamo le intersezioni delle funzioni f e g:, ± si nota che è una radice dell equazione infatti: 6 + 0); anche le derivate si incontrano in questo punto e quindi, nel punto le due funzioni hanno la stessa tangente. Eercise. Determinare i punti in cui l iperbole equilatera di equazione ha la tangente inclinata di π 4 sull asse. y + Soluzione: l inclinazione di una retta tangente in un punto è espressa tramite il suo coefficiente angolare, cioè l angolo che la retta forma con l asse delle, m tan α; ma tale coefficiente angolare è pure espresso dal limite del rapporto incrementale, quando l incremento tende a zero, cioè la derivata della funzione, m. Ora se l inclinazione è pari a π 4, vuol dire che la retta forma un angolo di 45, cioè è la bisettrice del e quadrante di equazione y ; tale retta ha coefficiente angolare m e la derivata di y, deve pertanto essere uguale a. Calcoliamo quindi la derivata della funzione + ) ) + ) 4 + )

21 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA moltiplicando per il mcm diverso da zero, si ha I punti sono quindi P 5; 5) e Q ; ) Eercise. Determinare l ampiezza dell angolo compreso dalle tangenti alla parabola nei suoi punti di intersezione con l asse. y Soluzione: Determiniamo prima i punti in cui la parabola interseca l asse, cioè quelli aventi ordinata nulla: Calcoliamo ora la derivata della funzione nei punti di ascissa, : 5 Si ha quindi ) ) tan α α π 4 tan β β 4 π β α π Eercise 4. Data la curva di equazione y + determinare le equazioni delle tangenti nei suoi punti di intersezione con gli assi. Soluzione: Calcoliamo i punti di intersezione con l asse, cioè i punti ad ordinata nulla: con raccoglimento parziale + 0 ) ) 0 ) + ) 0 I punti sono A ; 0), in cui la curva è tangente all asse, e B ; 0). Calcoliamo ora la derivata della funzione nei punti ottenuti ) 0 ) 4 Una tangente avrà m 0, e sarà quindi, come detto, la retta y 0; la seconda tangente avrà equazione conoscendo m e un punto) y ) cioè y Calcoliamo ora l intersezione con l asse y, cioè i punti ad ascissa nulla: y 0) Il punto sarà C 0; ). Calcoliamo la derivata in questo punto 0)

22 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA la retta sarà quindi cioè y y + Eercise 5. Scrivere le equazioni delle tangenti alla parabola y + 4 nei suoi punti di intersezione con la retta y + Soluzione: determiniamo prima i punti di intersezione { { y + y + A ; ) B ; 4) Per trovare le equazioni delle equazioni, calcoliamo prima la derivata della funzione e poi calcoliamo le due derivate puntuali La tangente in A sarà: ) ) y ) y + y 4 ) y 5 Eercise 6. Siano A e B i punti di intersezione della parabola y 4y + con l asse y. Dette t e t le tangenti ad essa nei punti A e B e C il punto di intersezione delle due tangenti, determinare l area del triangolo ABC Soluzione: Le intersezioni della parabola, con asse parallelo all asse, con l asse delle ordinate, cioè ad ascissa nulla, sono y 4y + 0 y y I punti hanno quindi coordinate A 0; ) e B ; ). Calcoliamo la derivata rispetto a y della funzione nei due punti: y 4 ) ) In questo caso i coefficienti angolari rappresentano l angolo rispetto all asse y; per trovare le equazioni delle tangenti è necessario utilizzare l angolo rispetto all asse. I coefficienti angolari delle rette saranno pertanto i reciproci, tenendo anche conto della relazione che esiste per la derivata di una funzione inversa: m m le equazioni saranno allora y y + y y +

23 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA Troviamo il punto C { + + y + C ; ) cioè il punto C sta sull asse del segmento del segmento AB; il triangolo ABC è pertanto isoscele anche per motivi di simmetria); la sua area è A ABC Eercise 7. Determinare i parametri a e b in modo che la curva di equazione y a+b ; ) e abbia ivi per tangente la retta 4 + y 7 0. passi per il punto Soluzione: Se la curva passa per il punto assegnato, allora le coordinate del punto verificano l equazione della curva: a + b Se in questo punto la tangente alla curva ha l equazione assegnata, allora il suo coefficiente angolare, 4, è la derivata della equazione della curva in questo punto: a a b 4 a b Combinando le due relazioni, si ottiene: { a + b a + b 4 risolvendo con il metodo di riduzione 4 b a a b Eercise 8. Data la funzione f definita in R: f : sia C il suo grafico. Determinare i punti di C in cui la tangente è parallela alla retta y 6. Soluzione: I coefficienti angolari delle tangenti alla curva sono espressi dalla derivata della funzione 6 + Tale derivata deve essere uguale al coefficiente angolare della retta assegnata, m 6, per cui le soluzioni di questa equazione sono I punti saranno, sostituendo nella equazione della curva C, ; 44 ) ; 7) 7 Eercise 9. Determinare a, b, c, d in modo che la curva di equazione y a +b c+d abbia come asintoto una retta parallela a y + e abbia nel punto A 0; ) la tangente inclinata di π 4 sull asse.

24 APPLICAZIONI DELLA DERIVATA ALLA GEOMETRIA E ALLA FISICA 4 Soluzione: La curva avrà un asintoto obliquo di equazione y m + q, se a + b m lim c + d a c a + b q lim c + d a ad c c Il punto A appartiene alla curva e le sue coordinate soddisfano quindi l equazione della stessa: La derivata della funzione è: b d a c + d) c a + b ) c + d) ac + ad bc c + d) tale derivata deve valere, m tan π 4 y 0) ) nel punto dato: Componendo tutte le condizioni, si ha:????? bc d a c ad c b d bc d Eercise 40. Determinare i coefficienti a e b in modo che la curva di equazione: y a sin + b cos π abbia nel punto 4 ; + ) tangente parallela alla bisettrice del secondo e quarto quadrante. Soluzione: Il punto appartiene alla curva; sostituisco quindi le coordinate del punto + a + cioè a la tangente dovrà avere coefficiente angolare m ; calcolo la derivata a cos b sin nel punto indicato, la derivata avrà valore, quindi b si ricava b Eercise 4. La tangente alla curva y tan + sin nel suo punto di ascissa π 6 taglia l asse nel punto T. Trovare la distanza OT. Soluzione: Se il punto di tangenza ha ascissa π 6, avrà ordinata y tan π 6 +sin π 6 la derivata + tan ) + sin ) sin + sin ) calcolo la derivata nel punto di ascissa π 6 + ) 9 4 ) La tangente avrà coefficiente angolare m e passera per il punto y π ) 6 y + π + ; Calcoliamo ) π 6 ; ; la sua equazione sarà

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli