Ritardi nei pagamenti: l'opportunità del factoring per sostenere subito la ripresa del sistema produttivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ritardi nei pagamenti: l'opportunità del factoring per sostenere subito la ripresa del sistema produttivo"

Transcript

1 1act. $51, il Factoring. zione Italiana per Assooa PROGRAMMA Ritardi nei pagamenti: l'opportunità del factoring per sostenere subito la ripresa del sistema produttivo Martedì 1 aprile 2014, ore Milano, Park Hyatt Hotel, via Tommaso Grossi 1 Nel corso dell'incontro saranno sviluppati i seguenti temi: 1. Il sostegno delle imprese nel 2013 e le attese per il Monitoraggio della concreta attuazione della direttiva europea contro i ritardi di pagamento 3. Il ruolo della Pubblica Amministrazione per sostenere il capitale circolante delle imprese e dare impulso alla ripresa 4. Il factoring come strumento efficace per sostenere le imprese in un contesto di difficoltà e per rilanciare lo sviluppo dell'economia Intervengono: Paolo Licciardello Alessandro Carretta Presidente di Assifact Segretario Generale di Assifact, professore Ordinario di Economia degli intermediari finanziari all'università di Roma Tor Vergata PRESS CONTACT: Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18 - Te! Fax Roma - Via della Camilluccia, 161 -Te! Fax Celi E.mail -

2 .,.I..._..._ $51 1act 1t:a1ianJ per' Assooaz1one I Faetoring COMUNICATO STAMPA Incontro Assifact a Milano: dati e prospettive di un settore chiave dell'economia che vale 1'11 % del Pii FACTORING IN CRESCITA NEL 2014 MA I RITARDI DEI PAGAMENTI CONTINUANO A FRENARE IL SISTEMA DELLE IMPRESE Saliti a 22 miliardi i crediti ceduti nei primi due mesi (+5,73% sul 2013). Previsto un incremento dell'1,84% su base annua. Lombardia e Lazio da sole fanno più di metà del mercato. Mediofactoring, Unicredit e lfitalia guidano la classifica delle società La Pubblica Amministrazione resta il peggior pagatore, con tempi medi che nella sanità superano i 6 mesi. Cautela degli operatori sul disegno di legge presentato dal governo Renzi. Assifact pronta a dare il suo contributo Confronto con i prestiti bancari: factoring vantaggioso nei costi e molto meno rischioso Milano, 1 aprile Con un netto incremento dei volumi nei primi due mesi dell'anno e una previsione di crescita per l'intero 2014, il factoring si conferma uno strumento particolarmente efficace per sostenere le imprese anche in una fase di rilancio dell'economia. A fine febbraio il turnover cumulativo, cioè l'insieme di crediti commerciali acquistati dall'inizio dell'anno dalla società specializzate, ha raggiunto infatti 22 miliardi di euro, il 5,73% in più rispetto allo stesso periodo del E per fine anno l'aspettativa è di un aumento dell'1,84% dei volumi complessivi. I dati sono stati resi noti oggi a Milano da Assifact, l'associazione delle società di factoring il cui giro d'affari vale oltre 170 miliardi di euro (circa 1'11% del Pii), nel corso dell'incontro "Ritardi nei pagamenti: l'opportunità del factoring per sostenere subito la ripresa del sistema produttivo". "Sulle imprese italiane, impegnate nello sforzo di agganciare la ripresa internazionale - hanno sottolineato il Presidente di Assifact Paolo Licciardello e il Segretario Generale Alessandro Carretta - continuano a pesare i ritardi dei pagamenti dei crediti commerciali. In particolare la Pubblica Amministrazione si conferma il peggior pagatore in assoluto: per incassare i loro crediti le imprese devono tuttora attendere in media sei mesi". PRESS CONTACT: Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18 - Tel Fax Roma - Via della Camilluccia, 161-Tel Fax Celi E.mail -

3 \.,.I 1act ~,..,. $51 -il Factonng e lt;iiiar>j per Assoc1az1on Nonostante gli interventi normativi che si sono succeduti negli ultimi tre anni, la situazione non è migliorata. E anche il nuovo disegno di legge sui debiti della Pubblica Amministrazione, annunciato dal governo Renzi appena insediato, secondo Assifact è un passo positivo nelle intenzioni che rischia, in assenza di soluzioni applicative chiare e semplici e di un attento lavoro di coordinamento con le normative precedenti, di non rappresentare l'attesa "svolta buona" per sanare la piaga dei ritardi. "Apprezziamo gli sforzi e la spinta dinamica del prowedimento - ha affermato Alessandro Carretta, professore di Economia degli Intermediari Finanziari all'università di Roma Tor Vergata e Segretario Generale di Assifact -, tuttavia rileviamo che i primi elementi forniti suscitano alcuni dubbi tra gli intermediari e gli operatori, soprattutto per le scarse informazioni di ordine tecnico-realizzativo. Per esprimere un giudizio complessivo occorrerà attendere indicazioni più precise sugli importi stanziati, sui tempi e sulle modalità di applicazione delle varie disposizioni. Assifact è pronta a mettere a disposizione del governo tutte le proprie competenze ed esperienze in materia di crediti commerciali, mercato di cui le società di factoring sono protagoniste, per contribuire alla definizione delle soluzioni migliori per il sistema Italia". I debiti della Pubblica Amministrazione e il disegno di legge del governo Renzi Con l'obiettivo di ridurre lo stock dei debiti pregressi, il provvedimento annunciato dal premier Matteo Renzi intende favorire la cessione dei crediti delle imprese verso la Pubblica Amministrazione a banche e intermediari finanziari accompagnandola con una garanzia dello Stato. La cessione dovrà essere "pro soluto" (il rischio di insolvenza viene trasferito sull'intermediario che rileva i crediti) e realizzata applicando condizioni economiche la cui misura massima dovrà essere definita dal ministero dell'economia. Assifact ha auspicato che l'opportunità di cessione non sia limitata al pro soluto, come previsto dalle norme precedenti, e ha espresso cautela sulla fissazione delle condizioni economiche da parte del ministero in quanto "non in linea con le modalità operative degli operatori finanziari, che diversificano in base alle proprie singole valutazioni di clienti e debitori, e influisce sulla concorrenza, rischiando di allineare i costi verso il tetto massimo, a scapito delle imprese". Tra gli operatori del factoring i maggiori dubbi riguardano il funzionamento e gli effetti di quella che il disegno di legge chiama "cessione di diritto" del credito acquistato. Il disegno di legge prevede infatti la possibilità che le Pubbliche Amministrazioni al momento della cessione, possano chiedere una "dilazione" di 5 anni dei termini di pagamento, a condizioni finanziarie definite nelle misure massime, anche in questo caso, dal Ministero dell'economia. Se l'intermediario non intende o non può concedere la ridefinizione dei termini di pagamento, il credito verrà "ceduto di diritto" a un altro operatore disposto ad accettare quelle condizioni. Assifact ha sottolineato anche il fatto che non sono chiare le condizioni di questa cessione "obbligata" all'intermediario subentrante. PRESS CONTACT: Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18- Tel Fax Roma - Via della Camilluccia, 161 -Tel Fax Celi E.mail -

4 .,J...,...,. $SI 1act ne lt.1liana per ' AssociJZIO I Factonn~ I ritardi nei pagamenti: maglia nera la Sanità pubblica A un anno di distanza dall'entrata in vigore della Direttiva europea in materia di ritardi nei pagamenti, il monitoraggio condotto da Assifact tra i propri associati lo scorso dicembre ha confermato che la percezione degli operatori del mercato è di un'attuazione più formale che sostanziale delle nuove norme, che limitano a giorni i termini massimi di tempo per il pagamento dei debiti commerciali. L'Italia rimane saldamente ancorata alle peggiori posizioni della classifica europea dei tempi di pagamento dei crediti commerciali (dati lntrum Justitia 2013) con tempi medi di 96 giorni e ritardi medi di 31 giorni (contro i 9 giorni della Germania, i 15 della Francia e i 16 del Regno Unito). Per i pagamenti della Pubblica Amministrazione i tempi medi si allungano a 170 giorni e i ritardi medi salgono a 90 giorni (11 giorni in Germania, 16 nel Regno Unito e 20 in Francia). Nel settore sanitario, secondo le più recenti elaborazioni di Assobiomedica (gennaio 2014) i tempi medi di pagamento oscillano tra un minimo di 51 giorni e un massimo di giorni. A livello regionale si passa dagli 87 giorni della Valle D'Aosta agli 833 della Calabria, con una media nazionale di 215 giorni. Nelle costruzioni le imprese che realizzano lavori pubblici sono pagate sette mesi dopo (dati Osservatorio Congiunturale ANCE), con punte di ritardi superiori ai due anni. I piccoli imprenditori aderenti alla Confartigianato, che ha pubblicato un rapporto sui ritardi, sono costretti ad aspettare in media 113 giorni prima di riscuotere i loro crediti dalla Pubblica Amministrazione. Factoring in crescita nel 2014, Lombardia e Lazio fanno più di metà del mercato Per il mercato del factoring le prospettive sono di una nuova crescita nel A fine febbraio il consuntivo dei primi due mesi ha visto il turnover cumulativo salire a circa 22 miliardi di euro, il 5, 73% in più rispetto allo stesso periodo del Per l'intero anno gli operatori associati ad Assifact prevedono un incremento sia del turnover (volume totale dei crediti ceduti nell'arco dell'anno) nella misura dell'1,84%, sia dell'outstanding a fine 2014 (ammontare dei crediti in essere, cioè acquistati e non ancora incassati) pari allo 0,74%. Dopo la crescita negli anni della cns1, 1n controtendenza rispetto agli altri strumenti finanziari (+22% nel 2011 e +4,3% nel 2012 gli ultimi dati positivi), l'attività del factoring ha fatto registrare nel 2013, in termini di turnover, una contrazione del 2, 13% rispetto all'anno precedente, frutto di un consolidamento dei volumi del mercato e soprattutto della riduzione del fatturato industriale. PRESS CONTACT: Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18 - Tel Fax Roma - Via della Camilluccia, 161-Tel Fax Celi E.mail -

5 '.I ss 1act. r il f;ictonng. ne Italiana pe Assooaz10 In Lombardia (30,71%) e nel Lazio (28,76%) si concentra quasi il 60% del totale delle imprese che hanno ceduto i loro crediti alle società di factoring. Le medesime regioni rappresentano anche la metà (Lazio 30%, Lombardia 20%) dei debitori i cui debiti commerciali sono stati ceduti. La classifica delle società Ai vertici della classifica delle società di factoring per il 2013 figurano Mediofactoring, con oltre 55 miliardi di turnover e una quota del 32,5% del mercato italiano, Unicredit Factoring (oltre 28 miliardi e quota di mercato del 16,74%) e lfitalia (oltre 25 miliardi e quota del 14,68%). Seguono nell'ordine, a completare l'elenco delle prime dieci: Factorit, Ubi Factor, MPS L&F, Banca lfis, GE Capitai, Fidis ed Emil-Ro Factor. Factoring: costi competitivi e poche sofferenze Secondo i dati del Ministero dell'economia e delle Finanze, un'operazione di factoring del valore superiore a 50 mila euro costa attualmente a un'impresa il 4,54% di interessi sul finanziamento. Anticipi e sconti commerciali in banca costano 1'8,03% per operazioni tra 5 mila e 100 mila euro, e il 5,49% sopra i 100 mila euro, mentre sulle aperture di credito in conto corrente al di sopra dei 5 mila euro si applica mediamente il 10,06%. I tassi d'interesse praticati alla clientela del factoring sono competitivi perché le società, a differenza di quanto accade nel credito, valutano non soltanto l'impresa che cede i suoi crediti, ma anche la qualità dei crediti stessi e quindi l'affidabilità dei debitori. Ne deriva per il factoring un rischio più contenuto rispetto al finanziamento bancario, dimostrato dalla percentuale di "sofferenze": al 30 settembre 2013, secondo gli ultimi dati disponibili per un confronto, quelle del factoring risultavano il 3,43%, praticamente la metà rispetto al 7,69% dei prestiti bancari (fonte: Assifact-Bankitalia). Al 31 dicembre 2013 l'incidenza delle sofferenze sul totale del factoring era scesa al 2,72%. Assifact - Associazione Italiana per il Factoring - con 43 Associati, rappresenta la quasi totalità del mercato del factoring di matrice bancaria e una quota significativa del mercato di matrice industriale in Italia. Assifact, nata nel 1988 rappresenta l'italia in seno all'eu Federation for the Factoring and Commerciai Finance lndustry (EUF) che raggruppa le associazioni di categoria del settore dei principali Paesi europei. Il Presidente è Paolo Licciardello, affiancato dai Vice-presidenti Fausto Galmarini, Rony Hamaui, Luigi Macchio/a e Gianluigi Riva; Alessandro Carretta è il Segretario Generale dell'associazione. PRESS CONTACT: Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18 - Tel Fax Roma - Via della Camilluccia, 161-Tel Fax Celi E.mail -

6 1act SSI. 1 Factoring.. ne Italiana per i Assoc1az10 r Ritardi nei pagamenti: l 1 opportunità del factoring per sostenere subito la ripresa del sistema produttivo Milano, martedì 1 aprile 2014 Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18 - Tel Fax Roma - Via della Camilluccia, 161 -Tel Fax Cell E.mail -

7 1act. o $51. 1 F--ctor rn" er i e:... ne italiana P Assocrazro Ritardi nei pagamenti: l'opportunità del factoring per sostenere subito la ripresa del sistema produttivo Milano, martedì 1 aprile 2014 Park Hyatt Hotel INDICE DEI DOCUMENTI Il Mercato Italiano del factoring: andamento 2013 e prospettive 2014 La classifica degli operatori di factoring in Italia - anno 2013 I principali clienti del factoring - ripartizione territoriale e principali settori di attività economica Factoring e prestiti bancari: a confronto i costi dei finanziamenti per le imprese Tempi e ritardi dei pagamenti dei crediti commerciali: confronto europeo per imprese e Pubbliche Amministrazioni Monitoraggio Assifact sulla concreta attuazione della direttiva europea contro i ritardi di pagamento I ritardi di pagamento della PA e gli interventi normativi: dalla Direttiva europea al disegno di legge annunciato dal governo Renzi Assifact: chi siamo, come funziona il factoring, le parole chiave del factoring pag. 1 pag.3 pag. 7 pag. 11 pag. 14 pag. 17 pag.22 pag.29 PRESS CONTACT: Spot, Comunicazione & Media Relation Milano - Viale Beatrice d'este 18 - Te! Fax Roma - Via della Camilluccia, 161 -Te! Fax Celi E.mail -

8 !"" f DOCUMENTO 1 Il mercato italiano del factoring: andamento 2013 e prospettive 2014 Sulla base delle previsioni elaborate in gennaio, gli operatori del settore factoring associati ad Assifact si aspettano un 2014 in crescita rispetto alla chiusura del 2013, prevedendo per il mercato un incremento medio di turnover e outstanding rispettivamente pari a 1,84% e 0,74%. Le elaborazioni riferite ai primi mesi del 2014 segnalano già una ripresa dei volumi di crediti acquistati: il turnover cumulativo registrato a fine febbraio è stato pari a circa 22 miliardi di euro, con un incremento pari al 5, 73% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Per il 2013, l'attività di factoring ha registrato un calo in termini di turnover pari al 2, 13% rispetto all'anno precedente, che chiude una serie di anni di crescita positiva dall'inizio della crisi (+4.30% nel 2012, +22% nel 2011 ). Tale dato è in linea con le proiezioni per la chiusura del 2013 degli operatori del settore del factoring elaborate ad ottobre 2013 che risentivano delle tensioni ancora persistenti che hanno caratterizzato il mercato economico globale. Le società di factoring associate ad Assifact si attendevano, infatti, per il quarto trimestre del 2013 una diminuzione del turnover e dell'outstanding, rispettivamente, del - 1,81 % e del -2,62%. Ciò è collegato, oltre che ad un consolidamento dei volumi del mercato del factoring, anche alla riduzione del fatturato industriale che si è registrata. La congiuntura economica negativa non ha, tuttavia, fatto venir meno l'impegno degli operatori del settore ad affiancare le imprese sia in termini di sostegno alla liquidità che sotto il profilo della gestione dei crediti. Il factoring ha svolto un ruolo importante nel sostenere le imprese durante l'attuale crisi, mantenendo negli anni passati costanti livelli di crescita nelle erogazioni, in controtendenza rispetto ad altri strumenti finanziari, e dando un contributo significativo alla riduzione degli squilibri finanziari delle imprese. Si pensi, ad esempio, agli squilibri dovuti ai ritardi di pagamento della pubblica amministrazione. Il factoring si è dimostrato uno strumento particolarmente efficace per sostenere le imprese in un contesto di difficoltà. Può esserlo altrettanto per rilanciare lo sviluppo dell'economia. 1

9 ssifact MERCATO ITALIANO DEL FACTORING (dati in migliia di euro) 31 dicembre febbraio 2014 Anno 2014 (Var. % su (Var. % su (dati 2012) 2013) previsionali*) Turnover Cumulativo ,13% +5,73% +1,84% Pro solvendo Pro soluto Outstanding ,77% -2,28% +0,74% Pro solvendo Pro soluto Anticipi e corrispettivi pagati -6,86% -3,77% Stime gennaio

10 ssifact DOCUMENT02 La classifica degli operatori di factoring in Italia - anno 2013 Dati in migliaia di euro Turnover Quota di Var. %su mercato 2012 TOTALE CAMPIONE ,00% -2,13% MEDIOFACTORING ,50% -4,13% UNICREDIT FACTORING ,74% -0,88% IFITALIA ,68% -5,25% FACTORIT ,53% -0,28% UBI FACTOR ,43% -5,90% MPS L&F ,41% -24,95% BANCA IFIS ,36% 17,83% GE CAPITAL ,69% 10,74% FIDIS ,23% 18,96% EMIL-RO FACTOR ,97% 9,04% SACE FCT ,49% 45,95% CRÉDIT AGRICOLE COMMERCIAL FINANCE ,20% 14,20% CREDEM FACTOR ,11% 24,76% SG FACTORING ,06% 0,19% SERFACTORING ,01% -21,88% BANCA FARMAFACTORING ,00% 0,61% FERCREDIT ,93% -5,95% BARCLAYS BANK ,72% -34,93% BCC FACTORING ,68% 5,92% FACTORCOOP ,61% -5,60% ENEL.FACTOR ,58% -6,43% -. IBM ITALIA SERVIZI FINANZIARI ,44% 16,14% AOSTA FACTOR ,44% 18,22% CLARIS FACTOR ,40% 47,45% BURGO FACTOR ,27% -10, 19% BANCA CARIGE ,23% -23,17% GENERALFINANCE ,11% 8,18% -- - COOPERFACTOR ,10% n.d. BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA ,05% 27,01% BETASKYE ,01% 44,94% Fonte: Assifact Note: MEDIOFACTORING ha incorporato la società CENTROFACTORING a partire dal 31dicembre2013. GE CAPITAL comprende GE CAPITAL FINANCE e GE CAPITAL FUNDING SERVICES. Non ha partecipato alla rilevazione SIS.PA. 3

11 ssifact TURNOVER CUMULATIVO: GRAFICO DELLE QUOTE DI MERCATO al 31dicembre2013 MEDIOFACTORING j UNICREDIT FACTORING IFrfALIA FACTORrr UBI FACTOR MPS L&F BANCA IFIS GE CAPITAL FIDIS EMIL-RO FACTOR SACE FCT CRÉDIT AGRICOLE COM MERCIAL FINANCE CREDEM FACTOR SG FACTORING SERFACTORING BANCA FARMAFACTORING FERCREDrr BARCLAYS BANK BCC FACTORING FACTORCOOP ENEL.FACTOR IBM ITALIASERVIZI FINANZIARI U AOSTA FACTOR CLARIS FACTOR BURGO FACTOR BANCA CARIGE GENERALFINANCE COOPERFACTOR BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA BETA SKYE I

12 ssifac:t r- La classifica degli operatori di factoring in Italia - febbraio 2014 Dati in migliaia di euro Tumover Quota di mercato Var. % su 2013 TOTALE CAMPIONE ,00% 5,73% MEDIOFACTORING ,57% -4,62% UNICREDIT FACTORING ,91% 25,21% IFITALIA ,07% -3,50% FACTORIT ,51% -7,07% BANCA IFIS ,81% 44,39% UBI FACTOR ,61% 7,49% MPS L&F ,14% -31,25% EMIL-RO FACTOR ,15% 26,74% FIDIS ,05% n.d. CRÉDIT AGRICOLE COMMERCIAL FINANCE ,82% 35,32% GECAPITAL ,39% 113,03% SACE FCT ,37% 41,33% FERCREDIT ,34% 3,75% SG FACTORING ,26% -1,88% CREDEM FACTOR ,11% 3,02% SERFACTORING ,97% 20,91% ENEL.FACTOR ,75% 16,52% BCC FACTORING ,73% -3,32% FACTORCOOP ,71% -5,10% CLARIS FACTOR ,50% 15,69% AOSTA FACTOR ,47% 17,84% BANCA FARMAFACTORING ,39% -55,49% BARCLAYS BANK ,35% -56,75% BURGO FACTOR ,32% -6,69% BANCA CARIGE ,30% 18,83% COOPERFACTOR ,18% 42,19% GENERALFINANCE ,15% 51,62% BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA ,07% -7,35% BETASKYE ,01% -49,32% Note: A partire da novembre 2013 la società FIDIS, che al 31 dicembre 2013 rappresentava una quota di mercato pari al 2,23%, ha awiato la contribuzione dei dati mensili. La variazione percentuale del turnover, rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, al netto di FIDIS sarebbe pari a +3,56%. GE CAPITAL comprende GE CAPITAL FINANCE e GE CAPITAL FUNDING SERVICES. Non hanno partecipato alla rilevazione: IBM SERVIZI FINANZIARI e SIS.PA. 5

13 ssifact TURNOVER CUMULATIVO: GRAFICO DELLE QUOTE DI MERCATO al 28 febbraio 2014 V MEDIOFACTORING - I UNICREDITFACTORING IFITALIA I FACTORIT BANCA IFIS UBI FACTOR MPS L&F EMIL-RO FACTOR FIDIS CRÉDIT AGRICO LE COMM ERCIAL FINANCE GE CAPITAL SACE FCT FERCREDIT SG FACTORING CREDEM FACTOR SERFACTORING ENEL.FACTOR BCC FACTORING FACTORCOOP CLARIS FACTOR AOSTA FACTOR BANCA FARMAFACTORING U BARCLAYS BANK BURGO FACTOR BAN CA CARIGE COOPERFACTOR GENERALFINANCE BAN CO DI DESIO E DELLA BRIANZA BETA SKYE \ 6

14 ssifact I principali clienti del factoring DOCUMENTO 3 MERCATO DEL FACTORING: DATI DI DETTAGLIO al 31 DICEMBRE 2013 Crediti per factoring: Ripartizione territoriale rispetto al cedente,, 8,62% LIGURIA LOMBARDIA,t I I '. 30,71% TRENTINO ALTO ADIGE 'i1 I VENETO 1'è::==::i l FRIUU VENEZIA GIULIA EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA i. UMBRIA,81% 7,55'6 LAZIO ~ ~IC::::::olC::::*==::;:======::;;:;;::::;::===;o::::;;;======::i 28,76% ABRUZZO : fi 1,03%.. MOUSE }i 0,08% CAMPANIA i::::;::;:===:j 5,27% J PUGLIA CJ l,02% BASILICATA -i~ 0.34% CALABRIA f' 0,73'6 SICILIA :P l,24% SARDEGNA Cl 1,08% j Crediti per factoring: Ripartizione territoriale rispetto al debitore ceduto -(.! PIEMONTE 1 6% VALLE D'AOSTA 4 ~ 0% LIGURIA j ~ LOMBARDIA 1 ç:::c::=o::::::::::;::;:.:::::::;;:;:;;;;:;:;;:;:;;;;:::;;:;;',::;:;:::=;;:::j ÌO% TRENTINO ALTO ADIGE VENETO.,* 1 81 #I I ' 6%.; FRIULI VENE21A GIULIA -j EMILIA RO:A:::: '.:<t:z:: 1 ;:;:%::;;.;;::::::;:;;;:;::;=:;JI 8% TOSCANA t: - - i S% ; UMBRIA LAZIO 1 ;i;;~::z::::;::==~;:::;:;:::;;;;~z:;:;;::;;:::o::t=;;;;:;:;::::::;::.t===;;;::j 3Q% ABRUUO. MOUSE 4, CAMPAN1A -l' <,;. 1 :S : ;;:;;;:;l:l::::i;s::::;:::;:ji 7% PUGLIA BASILICATA -j 1 CALABRIA SICILIA 1 SARDEGNA 3% ) 7

15 ssifact Crediti per factoring: ripartizione per settore di attività economica rispetto al cedente Crediti per factoring: ripartizione per settore di attività economica rispetto al debitore ceduto Società Finanziarie; 1,46% 8

16 ssifact Crediti per factoring: ripartizione per ramo di attività economica rispetto al cedente AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE ATTIVITÀ MANIFATTURIERE I :- u5 ="/è"'1';.;, J, -.,,.,...: "'"~,. ~ :"' 'C f 131,34% FORMTURA DI GAS, ENERGIA ElITTRICA, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA per t :""<,-. '7t? FORNITURA DI ACQUA, RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO COSTRUZIONI I' >E'... N ~ ~.i COMMERCIO ALL'INGROSSO E Al DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO ATTIVITÀ OEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ FINANZIARIE ED ASSICURATIVE ATTIVITÀ IMMOBILIARI ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIACHE E TECNICHE NOLEGGIO, AGENZIE 01 VIAGGIO E SERVIZI 01 SUPPORTO ALLE IMPRESE AMMINISTRAZIONE PUBBLICA E DtFESA, ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA ISTRUZlONE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE ATIIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO Al TRE ATTIVITÀ or SERVIZI AmVITÀ DI FAMIGLIE E CONVIVENZE COME DATORI DI LAVORO PER PERSONALE DOMESTICO, PRODUZIONE DI BENI E SERVIZI INDIFFERENZIATI PER USO PROPRIO DA PARTE DI FAMIGLIE E. ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITOR IALI NON CLASSIFICABILE ) ) 9

17 ssifact Crediti per factoring: ripartizione per ramo di attività economica rispetto al debitore ceduto AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE ATIIVITÀ MANIFATIURIERE I 1s,ss% FORNITURA DI GAS, ENERGIA ELETTRICA, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA I' :t'. t 6,28% FORNfTURA DI ACQUA, RETI FOGNARIE, ATIIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO COSTRUZIONI COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DITTAGUO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI 1 ' ' I I..i'-. s. " 115,13% TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUMCAZIONE ATIIVITÀ FINANZIARIE ED ASSICURATIVE ATIIVITÀ IMMOBILIARI ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO E SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE AMMINISTRAZIONE PUBBLICA E DIFESA, ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA ISTRUZIONE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE ATIIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATIENIMENTO E DIVERTIMENTO ALTRE ATIIVITÀ DI SERVIZI ATTIVITÀ DI FAMIGLIE E CONVIVENZE COME DATORI DI LAVORO PER PERSONALE DOMESTICO,..,.,.00% ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITORIALI lfo.00% NON CLASSIFICABILE I ' '. ~ ' % / 10

18 ssifact DOCUMENT04 Factoring e prestiti bancari: a confronto i costi dei finanziamenti per le imprese Il 2013 si caratterizza per una lieve contrazione dei tassi d'interesse applicati dalle banche sui nuovi prestiti alle imprese rispetto a fine 2012, in relazione anche alle decisioni assunte dalla BCE nel corso dell'anno di mantenere bassi per un periodo di tempo prolungato e anche di ridurre (si veda decisione BCE dello scorso novembre) i tassi ufficiali. Tassi di interesse bancari sui prestiti in euro alle società non finanziarie: nuove operazioni (fonte: Banca d'italia, "Moneta e Banche", Supplemento al Bollettino Statistico) Tasso Mese (valori %) dic ,65 gen ,62 feb ,48 Trend dei tassi di interesse applicati dalle banche (valori percentuali) mar ,50 ),7 apr ,60 3,65 mag ,52 J,6 3.'IS giu ,35 35 lug ,53 J,<iS ago ,49.3, I 3,3') set ,56 ' ' 3.15 ott ,50 nov ,44 dic ,47 3.> dic.. 7.0l l ~en.!eh 111.:ar. ;ipr. 111.lg. giu. lug..lgo. ~ ' - ott JOJJ nov dic ~ ~J J m J mj m l ~J mj ~ :ion 11

19 ssifact r "'.rn', Factoring: meno rischi e tassi competitivi I tassi d'interesse praticati dalle società di factoring alla clientela sono in linea o addirittura più bassi rispetto a quelli degli altri strumenti finanziari, come risulta dalle rilevazioni periodiche dei tassi di interesse effettivi globali medi rilevati dalla Banca d'italia. Ciò dipende dal fatto che nel rapporto di factoring, contrariamente a quanto accade nel credito, il factor valuta non solo l'impresa che cede i crediti, ma anche la qualità dei crediti stessi e quindi dei debitori. Da tali peculiari modalità di valutazione e concessione del credito in ambito factoring deriva un rischio del factoring più contenuto rispetto ad un finanziamento bancario. Lo conferma il livello contenuto di sofferenze tipico dell'industria del factoring, inferiore a quello registrato nel settore bancario, come risulta dalla tabella allegata. Il costo dei finanziamenti per le imprese: a confronto i tassi effettivi globali medi (applicabili per il primo trimestre 2014 e relativi al lii trimestre fonte: MEF) CATEGORIA DI OPERAZIONI Aperture di credito in conto corrente fino a euro Aperture di credito in conto corrente oltre euro Anticipi, sconti commerciali fino a euro Anticipi, sconti commerciali fra e euro Anticipi, sconti commerciali oltre euro lii TRIM ,42% 10,06% 8,92% 8,03% 5,49% Factoring fino a euro 7,49% Factoring oltre euro 4,54% 12

20 ssifact '! ~ ~ o. 16, ,50 14,00 13, ,50 12,00 11,m , ,00 6, ,50 4, ,00 Andamento dei tassi di interesse effettivi globali medi ai fini della legge sull'usura (Fonte: Banca d'italia e MEF) Rilevazione dei tassi di interesse effettivi globali medi ai fini della legge sull'usura ~ li i _,._..Al)Mwe dicrtdìtoin cootocroerufioo a < < ~ Aperture di credito in conto corrente oltre ! ~ :~~ sconti eortrn!rcian e allnfrnanz1arren tj effettuati dalle banche fino ~,._ l i --Ant icipi e scont1 da SOOO I 't... t + t '* +-- f t l 1- An1k;piesc""lott e looooo I XF _ re- :;=: : ::: r- llcloringrmo o o o ~ j;i ~ ~?. j;i :È :È :È :È :o :o Il: Il: Il: Il: ~ g; I- I- I- I- ~ - = - ~ N ~ N /;:i ~ :È :È :o Il: Il: I- I- ~ Trimestri.., j;i :È g;.., 12. :È Il: I- op.h?.1~wj 0 OJi fi~d1 1 & 1 f1 _ v 1 1 Wt1.\~~IM ~Odi '8; ', 1 i3l; '&~ o 04,. 12 I 1iiìll'D'iill!-iof2 -:r!, 0 1, o4 f2~;o òè 1~ ~J1~ ~~ IN lrimn'mrf012 '" O ~ àp ll I V 1RIMES1RE2012 rii appl 0 1 ~ Od 13 I TRIMES1RE2013 -ri appl lrimes1re2013 rii appl, la TRIMES1R!2013 -ri Z appf Andamento trimestrale delle sofferenze: factoring e prestiti bancari a confronto Quota 1 % di sofferenze nel factoring 31/12/2013 2,72% Quota % di sofferenze nei prestiti bancari 30/9/2013 3,43% 7,69% 30/6/2013 2,94% 7,27% 31/3/2013 2,40% 6,81% 31/12/2012 2,16% 6,43% 31/12/2011 1,68% 5,47% 31/12/2010 1,71% 4,61% 31/12/2009 1,76% 3,79% Fonti: Assifact, Banca d'italia 13

PROGRAMMA. Martedì 17 marzo 2015, ore 12.30 Milano, Park Hyatt Hotel Via Tommaso Grossi, 1

PROGRAMMA. Martedì 17 marzo 2015, ore 12.30 Milano, Park Hyatt Hotel Via Tommaso Grossi, 1 PROGRAMMA Factoring e sistema Italia: rivedere le regole e semplificare la burocrazia per far crescere la fiducia delle imprese Martedì 17 marzo 2015, ore 12.30 Milano, Park Hyatt Hotel Via Tommaso Grossi,

Dettagli

LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA. anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00. creative C/1516/2008

LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA. anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00. creative C/1516/2008 LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00 C/1516/2008 creative La funzione di finanziamento che si realizza mediante il prodotto factoring (e.g. factoring con accredito

Dettagli

Emilia Romagna Factor SpA. I Soci. Il Gruppo BPER. Cos è il factoring. Factoring pro solvendo. Factoring pro soluto.

Emilia Romagna Factor SpA. I Soci. Il Gruppo BPER. Cos è il factoring. Factoring pro solvendo. Factoring pro soluto. Emilia Romagna Factor SpA I Soci Il Gruppo BPER Cos è il factoring Factoring pro solvendo Factoring pro soluto Export factoring Maturity factoring Vantaggi Contatti Emil-Ro Factor S.p.A. è stata costituita

Dettagli

Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015

Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015 Milano17 marzo 2015 2 Il factoring nel 2014 e le previsioni per il 2015 Mercato del factoring in Italia Turnover 2014: 178 mld euro Lo scenario: PIL Italia -0,4% nel 2014 PIL area Euro +0,9% nel 2014 +0,4%

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Milano, mercoledì 20 febbraio 2013. Park Hyatt Hotel INDICE PRESS KIT

Milano, mercoledì 20 febbraio 2013. Park Hyatt Hotel INDICE PRESS KIT L Italia non è un Paese per crediti? La finanza delle imprese italiane nel 2013 tra deleverage, debiti della Pubblica Amministrazione e sofferenze bancarie: una sfida per il nuovo governo Milano, mercoledì

Dettagli

Reverse Factoring PA. Roma, Maggio 2012. Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati. Amministrazione locale e centrale

Reverse Factoring PA. Roma, Maggio 2012. Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati. Amministrazione locale e centrale Reverse Factoring PA Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese italiane nei confronti della Pubblica Amministrazione locale e centrale Roma, Maggio 2012 Versione: 1.0 BancoPosta

Dettagli

Factoring e convenzione fornitori

Factoring e convenzione fornitori Factoring e convenzione fornitori Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Giuliano Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor S.p.A. Il Factoring Il concetto può essere sintetizzato in 4 parole chiave: 1. Valutazione

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza

Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 Comitato Tecnico Credito e Finanza Roma, 11 giugno 2013 Scenario AMMONTARE DEI DEBITI DELLA PA: 90 miliardi (stima Banca d Italia) TEMPI DI PAGAMENTO PA: 180

Dettagli

La cessione pro soluto dei crediti verso la P.A.: opportunità e limiti

La cessione pro soluto dei crediti verso la P.A.: opportunità e limiti La cessione pro soluto dei crediti verso la P.A.: opportunità e limiti Fausto Galmarini Presidente Commissione Tecnica Credit e Risk Management Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Convegno

Dettagli

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA G. Tuè Prodotti Servizi Aziende G. Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor Spa

Dettagli

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma

Dettagli

PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI

PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI PA: I PEGGIORI PAGATORI SONO I COMUNI Record negativo in quello di Catanzaro (144 giorni di ritardo). Male anche l Asl del Molise (126 giorni oltre la scadenza) e il Ministero dell Economia (82 giorni

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Dicembre 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si

Dettagli

Unindustria Reggio Emilia. 5 giugno 2013. Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito

Unindustria Reggio Emilia. 5 giugno 2013. Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito Pagamento dei debiti della PA Il DL 35/2013 e la certificazione dei crediti Unindustria Reggio Emilia 5 giugno 2013 Francesca Brunori - Confindustria, Coordinatore Finanza e Credito Scenario AMMONTARE

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

I tempi di pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese farmaceutiche: cosa cambia con le nuove norme

I tempi di pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese farmaceutiche: cosa cambia con le nuove norme I tempi di pagamento della pubblica amministrazione verso le imprese farmaceutiche: cosa cambia con le nuove norme Mariangela Focacci Analisi e monitoraggio legislazione economica, Crediti Sanitari Napoli,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Avviata la nuova procedura per i pagamenti in sospeso delle Pubbliche Amministrazioni

Avviata la nuova procedura per i pagamenti in sospeso delle Pubbliche Amministrazioni A cura del dottor Erminio Di Nora Avviata la nuova procedura per i pagamenti in sospeso delle Pubbliche Amministrazioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che in data 22.05.2012 è

Dettagli

...... delle Partecipate e dei fornitori

...... delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle Partecipate e dei fornitori...... numero D i c e m b r e 2 0 1 301 FATTURE SCADUTE E NON PAGATE I PAGAMENTI DELLA PA E DEI FORNITORI PA Il nuovo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

Indagine sulla qualità del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, questionario Operatori economici

Indagine sulla qualità del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, questionario Operatori economici Indagine sulla qualità del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, questionario Operatori economici Buongiorno/buonasera, su incarico dell'autorità per l'energia Elettrica, il Gas e il Sistema

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 01 Gennaio 2016 Principali evidenze A fine dicembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Debito delle amministrazioni locali 56 Nuova serie Anno XX - 29 Ottobre 2010 Indice INDICE Nota introduttiva Figura 1 - - Andamento

Dettagli

Perché le imprese ricorrono al factoring: evoluzione e prospettive del mercato del factoring

Perché le imprese ricorrono al factoring: evoluzione e prospettive del mercato del factoring Perché le imprese ricorrono al factoring: evoluzione e prospettive del mercato del factoring Nicoletta Burini Associazione Italiana per il Factoring - Assifact Reggio Emilia 5 giugno 2015 La gestione del

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2013 le imprese 1 iscritte alla Camera di Commercio di Brindisi sono 975, a fronte di 450 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo di 525 unità.

Dettagli

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI VOLUMI ATTIVITA' Volumi x 000 1.1 Consistenze (al lordo della cartolarizzazione) 1.2 Credito cartolarizzato credito in essere

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA IL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI IN ITALIA Estratto dall'osservatorio Congiunturale sull'industria delle Costruzioni a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Novembre 21 Continua

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

DOTT. MARCELLO MARCONI

DOTT. MARCELLO MARCONI ANALISI E COMMENTI AL DL 66/2014 MISURE URGENTI PER LA COMPETITIVITÀ E LA GIUSTIZIA SOCIALE : Disposizioni in tema di Monitoraggio dei debiti delle Pubbliche Amministrazioni e strumenti per favorire la

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

BCC FACTORING - SOLUZIONI PER LE IMPRESE

BCC FACTORING - SOLUZIONI PER LE IMPRESE BCC FACTORING - SOLUZIONI PER LE IMPRESE - Relatore: Oliviero Sabato Direttore Generale BCC Factoring Aula Magna Università degli Studi di Reggio Emilia, 08 ottobre 2014 2 Agenda Il mercato BCC Factoring

Dettagli

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza

Nei mesi scorsi e particolarmente negli ultimi tre del 2011 le tensioni sul mercato dei titoli di Stato e la conseguente incertezza gen 9 feb 9 mar 9 apr 9 mag 9 giu 9 lug 9 ago 9 set 9 ott 9 nov 9 dic 9 gen 1 feb 1 mar 1 apr 1 mag 1 giu 1 lug 1 ago 1 set 1 ott 1 nov 1 dic 1 gen 11 feb 11 mar 11 apr 11 mag 11 giu 11 lug 11 ago 11 set

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

COMMISSIONE SPECIALE PER L'ESAME DI ATTI DEL GOVERNO AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE DR. ATTUO BEFERA

COMMISSIONE SPECIALE PER L'ESAME DI ATTI DEL GOVERNO AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE DR. ATTUO BEFERA COMMISSIONE SPECIALE PER L'ESAME DI ATTI DEL GOVERNO AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE DR. ATTUO BEFERA 17 APRILE 2013 Signor Presidente, Signori Senatori e Signori Deputati. Vi ringrazio

Dettagli

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo r OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo Settore: Factoring Rapporto 2010 Divisione Ricerche Claudio Dematté Copyright 2010 SDA Bocconi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E PATTO DI STABILITA'

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E PATTO DI STABILITA' DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E PATTO DI STABILITA' ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Glossario Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Forze di lavoro: comprendono le persone occupate e quelle in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Operazioni di Factoring (cedente)

FOGLIO INFORMATIVO Operazioni di Factoring (cedente) FOGLIO INFORMATIVO Operazioni di Factoring (cedente) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Barclays Bank PLC Sede Legale: 1, Churchill Place London E14 5HP (UK) Sede in Italia: Via della Moscova 18-20121

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 Il presente rapporto riporta i principali risultati dell indagine sui crediti verso la Pubblica Amministrazione, svolta dall Associazione fra

Dettagli

LE MISURE PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE MISURE PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE MISURE PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Una prima lettura del decreto-legge n 35/2013 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Seminario sul decreto-legge per

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Armonizzazione della normativa di vigilanza e regolamentare di banche e intermediari finanziari riflessi e conseguenze per l industria del factoring

Armonizzazione della normativa di vigilanza e regolamentare di banche e intermediari finanziari riflessi e conseguenze per l industria del factoring Armonizzazione della normativa di vigilanza e regolamentare di banche e intermediari finanziari riflessi e conseguenze per l industria del factoring CONVEGNO ABI Basilea 3 Roma, 26 giugno 2012 Fausto Galmarini

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

I ritardi dei pagamenti della PA e le imprese. Convegno Cergas Bocconi 27 Novembre 2012 Itala Lise

I ritardi dei pagamenti della PA e le imprese. Convegno Cergas Bocconi 27 Novembre 2012 Itala Lise I ritardi dei pagamenti della PA e le imprese Convegno Cergas Bocconi 27 Novembre 2012 Itala Lise MA Head Bayer PH ROMA - La crisi greca continua a far gravare il suo peso sui cittadini. Oggi a pagare

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli