INDICE GENERALE. 1. Il contratto di leasing (a cura di Marco Nessi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE GENERALE. 1. Il contratto di leasing (a cura di Marco Nessi)"

Transcript

1

2 INDICE GENERALE 1. Il contratto di leasing (a cura di Marco Nessi) 1.1 Inquadramento giuridico... Pag Vantaggi del leasing...» Definizione del contratto di leasing...» Principali elementi contrattuali di un operazione di leasing...» Le diverse fasi di un operazione di leasing...» L istruttoria...» Il perfezionamento del contratto...» La vita di un contratto di leasing...» Beni utilizzabili nel leasing...» Copertura assicurativa...» Clausole contrattuali...» Clausola di esonero dalla responsabilità per il concedente per mancata o ritardata consegna del bene...» Clausola di esonero dalla responsabilità del concedente in caso di perimento del bene...» Clausola risolutiva espressa e misura del danno in caso di inadempimento...» Garanzie contrattuali...» Fideiussione di terzi...» Fideiussione nel gruppo societario...» Lettera di patronage...» Pegno su quote di S.r.l....» Possibili vicende contrattuali...» Vizi del bene concesso in locazione...» Furto del bene concesso in leasing...» Mancata restituzione del bene alla scadenza...» Termine di prescrizione del diritto al pagamento dei canoni...» Cessione del contratto di leasing...» Valutazione civilistica...» Valutazione fiscale...» Effetti penali del contratto di leasing...» 35

3 INDICE GENERALE 2. Tipologie di leasing (a cura di Marco Nessi) 2.1 Premessa... Pag Leasing operativo...» Caratteristiche...» Vantaggi del leasing operativo...» Eventuale natura finanziaria del leasing operativo...» Leasing finanziario...» Soggetti dell operazione...» Tipologie di leasing finanziario...» Caratteristiche...» Differenze con il leasing operativo...» Modalità di rilevazione contabile del leasing...» Metodo finanziario...» Metodo patrimoniale...» Maxicanone iniziale...» Deposito cauzionale...» Rilevazione del leasing nel nuovo bilancio d esercizio...» D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6...» Possibile iscrizione dei beni in leasing con il metodo finanziario...» Soggetti obbligati all adozione dei principi contabili internazionali...» Transizione agli IAS per i contratti di leasing...» Premessa: le novità introdotte nel TUIR a seguito dell introduzione degli IAS...» Valutazione fiscale del leasing operativo...» Valutazione fiscale del leasing finanziario (imposte dirette e indirette)..» Beni immobili...» Beni mobili...» Operazioni effettuate in esecuzione di un contratto di mandato senza rappresentanza...» Rateizzazione della plusvalenza derivante dalla cessione dei beni riscattati dal leasing in regime d impresa...» Valutazione fiscale del leasing d azienda...» L elusione nelle operazioni straordinarie con contratti di leasing...» La disciplina generale...» Operazioni straordinarie e contratti di leasing...» Particolari figure di leasing (a cura di Marco Nessi) 3.1 Leasing immobiliare...» 101 6

4 INDICE GENERALE 3.2 Leasing mobiliare... Pag Riscatto anticipato...» Valutazione civilistica...» Valutazione fiscale...» Applicabilità dell art. 102, c. 7, del TUIR al leasing operativo...» Leasing al consumo...» Leasing di autoveicoli...» Valutazione civilistica...» Valutazione fiscale: imposte dirette...» Valutazione fiscale: imposte indirette...» Gli orientamenti della Corte di Giustizia Europea e della giurisprudenza italiana in merito al diritto alla detrazione dell IVA nel contratto di leasing...» Leasing di beni immateriali...» Aspetti fiscali...» Leasing azionario...» Definizione...» Vantaggi dell operazione...» Clausole di prelazione e gradimento...» Effetti obbligatori del contratto tra le parti...» Valutazione fiscale...» Leasing pubblico...» Leasing nautico...» Definizione...» Aspetti contrattuali...» Aspetti fiscali...» Leasing e procedure concorsuali (a cura di Marco Nessi) 4.1 Il leasing nel fallimento...» Fallimento successivo alla risoluzione del contratto di leasing...» Fallimento in pendenza del contratto di leasing...» Azioni revocatorie fallimentari...» Il leasing nelle altre procedure concorsuali minori...» Il lease-back (a cura di Alberto Traballi) 5.1 Il contratto di lease-back: definizione...» I vantaggi del lease-back...» Soggetti dell operazione...» 150 7

5 INDICE GENERALE Il fornitore (alienante) e utilizzatore del bene... Pag Il concedente...» Inquadramento civilistico dell operazione...» Trattamento contabile dell operazione...» Principi contabili nazionali...» Principi contabili internazionali...» Principi contabili americani...» Trattamento fiscale...» Il lease back con oggetto beni immateriali...» Rassegna di giurisprudenza...» Le sentenze della Corte di Cassazione...» Le sentenze dei Tribunali...» Le sentenze dei Tribunali tributari...» Le sentenze della Corte di Appello...» Gli interventi del SECIT...» Tipologie di lease-back (a cura di Alberto Traballi) 6.1 Il leasing adossé e i rapporti e le differenze con il lease-back...» Soggetti dell operazione...» Bene oggetto dell operazione...» Vantaggi dell operazione...» La nullità del leasing adossé...» Differenze tra il contratto di leasing adossé e il sale and lease-back» Il lease-back tecnico...» Il lease-back parziale...» Il lease-back di cosa futura...» Il factoring (a cura di Inge Bisinella) 7.1 Cenni storici...» Sviluppo in Italia...» Definizione di factoring...» Tipi di factoring...» Perché il factoring...» Il procedimento di factoring...» Inquadramento normativo...» Le parti del contratto...» Il factor-cessionario...» Sviluppi del settore...» 209 8

6 INDICE GENERALE Norme in tema di trasparenza... Pag Il fornitore cedente...» I terzi...» Oggetto del contratto di factoring...» Natura consensuale del contratto di factoring...» Efficacia della cessione nei confronti del debitore ceduto...» Efficacia della cessione nei confronti dei terzi...» Garanzia della solvenza del debitore...» Documenti probatori...» Trasferimento degli accessori...» Trasferimento delle azioni a tutela del credito...» Eccezioni opponibili al factor...» Obblighi informativi del debitore ceduto...» Qualificazione giuridica del factoring...» La costruzione unitaria del factoring...» La costruzione complessa del factoring...» Il factoring come contratto preliminare...» Il factoring come contratto normativo...» Il factoring come contratto quadro o come contratto preparatorio...» La natura giuridica del contratto di factoring...» Factoring e assicurazione di crediti...» Factoring e apertura di credito...» Factoring e anticipazione bancaria...» Factoring e pegno di crediti...» Factoring e contratto di sconto...» Factoring e mandato...» Factoring e vendita...» Caratteristiche contrattuali del factoring...» Le clausole contrattuali...» Il trattamento contabile del factoring...» I principi contabili nazionali...» Crediti ceduti senza azione di regresso (pro-soluto)...» Crediti ceduti con azione di regresso (pro-solvendo)...» Il mandato all incasso...» Cessione di crediti futuri...» Orientamento della Consob...» I principi contabili internazionali...» Scritture del debitore...» Scritture del factor...» Valutazione dei crediti acquistati da parte del factor...» Il factoring nelle imposte dirette...» Gli effetti della riforma fiscale...» Perdite su crediti...» Cessione pro-solvendo...» 241 9

7 INDICE GENERALE Cessione pro-soluto... Pag Rinuncia ai crediti di modesto importo...» Clausole contrattuali di ripartizione del rischio...» Svalutazione dei crediti ceduti...» Le commissioni e gli interessi...» Il trattamento fiscale in capo alla società di factoring...» Svalutazione dei crediti acquistati da parte del factor...» La norma antielusiva...» Il factoring e la disciplina Irap...» Il factoring nella disciplina dell imposta sul valore aggiunto...» La cessione dei crediti...» Gli interessi e le commissioni...» Factoring e imposta di registro...» Il factoring e le procedure concorsuali...» Il fallimento del factor...» L applicabilità dell art. 65 e 67 della legge fallimentare con riferimento alle anticipazioni erogate dal factor...» Il fallimento del fornitore-cedente...» Il fallimento del cedente e la sorte del contratto di factoring...» Le conseguenze dello scioglimento del contratto di factoring...» La disciplina della l. 52/91...» La facoltà di recesso del curatore...» Conseguenze dello scioglimento del rapporto di factoring sui debiti e crediti del factor verso l impresa fallita...» La compensazione fra i debiti ed i crediti del factor nel fallimento del cedente...» Factoring e revocatoria fallimentare...» Il fallimento del debitore ceduto...» Fallimento del debitore ceduto e revocatoria dei pagamenti...» Factoring e procedure concorsuali minori...» Il factoring nella Pubblica Amministrazione...» La cessione di crediti per imposte dirette...» La cessione delle eccedenze nei gruppi societari...» La cessione dei crediti IVA...» La cessione dei crediti IVA per le società di gestione di fondi immobiliari...» La cessione dei crediti da parte delle Pubbliche Amministrazioni...» Il factoring internazionale...» Differenze fra domestic factoring e factoring internazionale...» Fonti normative del factoring internazionale...» La disciplina convenzionale...» 279 Appendice: Schema di contratti di leasing e lease back...»

8 1. Il contratto di leasing Marco Nessi 1.1 Inquadramento giuridico Il contratto di leasing (espressione derivante dal verbo to lease che, nella lingua inglese, sta a significare prendere o dare in locazione ), non essendo disciplinato dal codice civile o da una normativa specifica propria, è classificabile tra i c.d. contratti atipici e, pertanto, ad esso possono essere applicate soltanto le norme generali previste in materia contrattuale (si ricorda che, ai sensi dell art c.c., Le parti possono anche concludere contratti che non appartengono ai tipi aventi una disciplina particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico ). Nello specifico, infatti, pur essendo in possesso di alcuni elementi tipici di ciascuno di essi, il leasing viene generalmente escluso sia dal contratto di vendita rateale, sia dal contratto di locazione-vendita, poichè mancante di quell automatismo del passaggio del diritto reale che è proprio, invece, delle figure nominate (per un analisi delle differenze esistenti tra il contratto di leasing e alcuni contratti tipici si veda la tabella n. 1). In tal senso, mentre nella vendita con patto di riservato dominio e nella locazione con affitto finale del bene locato esiste già un consenso definitivo alla vendita del bene, nel contratto di leasing le parti convengono una mera locazione rinnovabile con un patto di opzione a favore del conduttore che, soltanto attraverso una manifestazione di volontà distinta da quella espressa nell accordo originario, potrà diventare acquirente del bene locato (Corte App. di Milano, 15 ottobre 1982). Preso atto di tale atipicità, per individuare la disciplina applicabile all operazione di leasing, sarà dunque necessario verificare di volta in volta le caratteristiche proprie del contratto stipulato tra le parti (Cass. 6 maggio 1986, n e Cass. 15 ottobre 1988, n. 5623).

9 LEASING Tabella n. 1- Differenze tra il leasing e alcuni contratti tipici Locazione Il locatore garantisce le condizioni necessarie e i vizi per l uso del bene (Nel leasing il concedente si limita a mettere a disposizione il bene in capo all utilizzatore ma non fornisce alcuna garanzia per i vizi inerenti al bene) Vendita con riserva È previsto l obbligo di riscatto finale del bene (Nel leasing la decisione per il riscatto finale rappresenta una semplice eventualità spettante all utilizzatore) Il trasferimento della proprietà opera automaticamente Mutuo Il mutuatario percepisce una somma di denaro (Nel leasing l utilizzatore percepisce un bene) (Nel leasing il trasferimento della proprietà non avviene automaticamente con il pagamento dell ultima rata ma solo previa sottoscrizione di un nuovo ed autonomo contratto di compravendita tra le parti) Vantaggi del leasing L operazione di leasing presenta sia i vantaggi del contratto di finanziamento sia quelli del noleggio, in quanto consente di poter disporre di beni senza bisogno di immobilizzare la somma di denaro necessaria per l acquisto. In particolare, i vantaggi offerti dal leasing finanziario possono essere riassunti come segue: a) rispetto alle forme di finanziamento tradizionali (es. mutuo bancario), il leasing: presenta tempi di istruttoria rapidi; consente di finanziare il costo del bene per intero (IVA compresa); non intacca i ratios di bilancio dell utilizzatore; rappresenta un servizio estremamente flessibile che può essere tagliato sulle diverse esigenze aziendali (molteplici combinazioni sono possibili tra durata del contratto, periodicità ed importo dei canoni, valore di riscatto del bene, prestazione di servizi aggiuntivi sul bene); b) rispetto al noleggio del bene: è l utilizzatore a scegliere il bene ed il fornitore del bene e, se del caso, a farsi costruire il bene su misura ; 12

10 1. IL CONTRATTO DI LEASING consente di usufruire di eventuali sconti sul prezzo del bene in quanto il fornitore viene pagato senza dilazioni dalla società finanziaria; consente, al termine ed alle condizioni stabilite nel contratto, di acquisire la proprietà del bene; c) presenta, rispetto all acquisto diretto del bene, i seguenti vantaggi fiscali: permette il frazionamento dell IVA nei canoni periodici; può consentire un ammortamento accelerato rispetto alle tabelle di ammortamento ordinario, attraverso la detraibilità dei canoni periodici lungo tutto l arco della durata del contratto. 1.2 Definizione del contratto di leasing Come accennato in precedenza, in quanto atipico, il contratto di leasing non viene espressamente definito dal legislatore. Ciò nonostante, alcune sue definizioni (ancorché contenute in normative specifiche) possono essere ricavate: dall art. 17, c. 2, della l. 2 maggio 1976 n. 183 ( interventi straordinari nel Mezzogiorno per il quinquennio ) in base al quale per operazioni di locazione finanziaria si intendono le operazioni di locazione di beni mobili e immobili, acquisiti o fatti costruire dal locatore, su scelta e indicazione del conduttore, che ne assume tutti i rischi e con facoltà per quest ultimo di divenire proprietario dei beni locati al termine della locazione, dietro versamento di un prezzo prestabilito ; dall art. 1 degli usi relativi al leasing mobiliare e immobiliare della Camera di Commercio di Milano che definiscono la locazione finanziaria come il contratto con il quale il locatore mette a disposizione del conduttore un bene mobile o immobile per un tempo determinato verso un corrispettivo pagabile a scadenze periodiche e determinato in relazione al valore del bene, alla durata del contratto ed ad altri elementi. In virtù di quanto sopra, dunque, il leasing (e, nello specifico, la locazione finanziaria) può essere definito come quel contratto mediante il quale una parte (locatore ovvero concedente ovvero finanziatore) concede all altra (locatario ovvero utilizzatore ovvero conduttore) il godimento di un bene, preventivamente individuato, verso il corrispettivo di un canone periodico e gli riconosce, inoltre, il diritto di riscattare il bene medesimo al termine del periodo contrattuale (in senso conforme: Cass., 6 maggio 1986, n. 3023). Il bene richiesto dal locatario spesso non è a disposizione del locatore. In questi casi l utilizzatore cerca e trova sul mercato il bene desiderato presso il venditore; l accordo si conclude, poi, tra il finanziatore (Banca o Società 13

11 LEASING finanziaria) che acquista il bene dal venditore e lo pone a disposizione dell utilizzatore il quale, a sua volta, si impegna al pagamento di un canone periodico al finanziatore ed acquisisce il diritto di riscattarlo. Il riscatto è esercitabile a mezzo del versamento di un importo prefissato all atto della stipulazione del negozio, il c.d. prezzo d opzione. La conduzione della cosa locata è generalmente a carico del locatario. Tabella n. 2 - Definizioni del contratto di leasing Riferimento Cass., 28 ottobre 1983, n Comm. Trib. Centr., 16 marzo 1994, n. 740 Leasing finanziario Il leasing in Italia, denominato contratto di locazione finanziaria, è in generale un negozio di natura economica per il quale, in pratica, una parte concede all altra il godimento di un bene dietro corresponsione di un canone periodico determinato; al termine del periodo di godimento è previsto in via alternativa ed a favore della parte che ha ricevuto il godimento, la restituzione del bene o l acquisto di esso per una somma residua predeterminata contratto con il quale un soggetto, denominato locatore, si obbliga a mettere a disposizione di un altro soggetto, detto locatario, per un dato tempo, un bene mobile o immobile verso il corrispettivo, a scadenze periodiche, determinato in relazione al valore del bene, alla durata del contratto ed ad altri elementi. Tale bene è acquistato o fatto costruire dal locatore su scelta o indicazione del conduttore, con facoltà di quest ultimo di acquisire la proprietà alla scadenza del termine del contratto Leasing operativo nel leasing operativo il locatore normalmente coincide con l impresa produttrice ed in genere non è prevista l opzione per l acquisto del bene 14

12 1. IL CONTRATTO DI LEASING A seguito del riscatto, il bene oggetto del contratto (che per l intera durata del rapporto è di proprietà della società di leasing) viene trasferito al cliente che diventa il legittimo proprietario e può, quindi, disporne liberamente. Diversamente, l utilizzatore può rinunciare all esercizio del diritto di opzione: in questo caso il bene rimane di proprietà dell impresa di locazione finanziaria che potrà ricollocare lo stesso sul mercato dell usato ovvero rinegoziare il contratto (ciò avviene soprattutto nel leasing automobilistico). 1.3 Principali elementi contrattuali di un operazione di leasing Nell ambito dei contratti di leasing, a partire dai due elementi di base (ovvero il costo del bene e la descrizione del bene richiesto), assumono rilevanza i seguenti elementi: anticipo da versare al momento della stipula; numero e periodicità dei canoni; metodo di calcolo del canone (a tasso fisso o indicizzato); valore di riscatto finale del bene; servizi accessori al finanziamento forniti dalla società di leasing (assicurazione, assistenza, manutenzione, consulenza ecc.). Gli elementi che compongono un preventivo/contratto di leasing sono dunque i seguenti: costo del bene finanziato + IVA; modalità di pagamento del fornitore da parte della società di leasing (es. 10% all ordine e saldo a 30 gg. dopo la consegna e collaudo); durata del contratto (varia in relazione alla tipologia del bene finanziato ed al relativo trattamento fiscale; generalmente 8 anni è la durata minima per il leasing immobiliare; da 24 a 60 mesi la durata del leasing su autoveicoli e veicoli commerciali; da 30 a 60 la durata del leasing su attrezzature, impianti, macchine, utensili ed altri beni strumentali); periodicità dei canoni: è mensile nella gran parte dei casi, ma è comunque possibile prevedere una periodicità diversa (bimestrale, trimestrale, quadrimestrale, semestrale) o forme di periodicità irregolare disegnate in modo coerente con le modalità tipiche di incasso dell impresa; numero e importo dei canoni a carico dell utilizzatore; caratteristiche proprie del canone leasing (il canone può essere comprensivo di servizi accessori e può essere indicizzato); anticipo versato al momento della stipula insieme alle spese di contratto, sotto forma di: maxi-canone (o macrocanone): è un canone a tutti gli effetti calcolato in misura percentuale al valore del bene (da un minimo del 10% ad un 15

13 LEASING massimo del 25%) e copre il primo periodo contrattuale, cioè quello che va dalla decorrenza della locazione fino alla scadenza del secondo canone; anticipo in numero canoni (da 2 a 6) a valere sugli ultimi canoni; valore di riscatto del bene (generalmente pari all 1% del costo originario); spese assicurative e di istruttoria. 1.4 Le diverse fasi di un operazione di leasing L istruttoria La decisione della società di leasing in merito all opportunità di sottoscrivere il contratto passa attraverso una fase istruttoria tesa a valutare l affidabilità del cliente e la fungibilità del bene. La fase istruttoria non prevede particolari iter burocratici. Nei casi normali sono necessari: la richiesta formalizzata (richiesta di leasing); il certificato di vigenza; il codice fiscale/partita IVA; i bilanci o le dichiarazioni dei redditi relativi agli ultimi esercizi. Se l istruttoria dà esito positivo, in breve tempo il contratto di leasing può essere sottoscritto e l operazione perfezionata con la consegna del bene. La società di leasing potrà richiedere, in alcuni casi, delle garanzie personali (fideiussioni) e reali (pegni). In relazione al tipo di bene, possono variare le modalità del perfezionamento con richiesta di documenti aggiuntivi (es. nel caso degli autoveicoli o di immobili) o di particolari adempimenti (ad esempio, polizza assicurativa con vincolo a favore della società di leasing) Il perfezionamento del contratto L iter del perfezionamento si concretizza in 3 precisi momenti: a) la firma del contratto ed il versamento dell anticipo da parte dell utilizzatore; b) l ordine al fornitore. L utilizzatore sceglie il fornitore del bene oggetto del contratto di leasing e si assume la responsabilità di questa scelta. La società di leasing infatti, proprio in quanto estranea a tale aspetto, non assume responsabilità per eventuali inadempienze del fornitore in merito agli aspetti tecnici o temporali della fornitura (ritardate o errate consegne, mancate installazioni ecc.). Per eseguire il contratto di leasing, l intermediario finanziario si impegna ad acquistare uno o più beni da uno o più fornitori. Per fare questo emette un ordine al fornitore dove vengono descritti: il bene e le sue caratteristiche, così come concordate fra il cliente e il fornitore dello stesso; 16

14 1. IL CONTRATTO DI LEASING le modalità e i tempi di consegna; le modalità e i tempi di pagamento. L emissione di questo ordine è normalmente autorizzata dal cliente contestualmente alla firma del contratto di leasing. L ordine viene a sua volta accettato (mediante firma) dal fornitore (si tratta talora di un passaggio molto importante perché se è vero che esistono ordini molto semplici, come quelli che riguardano le autovetture, esistono anche ordini molto complessi, come i capitolati di appalto, in cui il bene potrebbe anche essere ancora da costruire secondo le specifiche del cliente). c) La consegna del bene. La fornitura viene eseguita con la consegna e se prevista con l installazione ed il collaudo del bene. L ultimo passaggio consiste nell accettazione del bene da parte del cliente che dichiara, firmando un modulo cosiddetto di accettazione o di consegna, che il bene consegnatogli è quello da lui richiesto. La società di leasing, nel momento in cui riceve questo modulo, acquisisce la proprietà del bene, e il leasing ha avvio (decorrenza). Da quel momento si avvia anche il processo di incasso e pagamento dei canoni La vita di un contratto di leasing Quando i beni sono consegnati, l utilizzatore ha la sola incombenza di versare, alle scadenze stabilite, l importo del canone leasing. Nel corso di un contratto di leasing, tuttavia, possono verificarsi incidenti di percorso più o meno legati alla volontà dell utilizzatore. A titolo esemplificativo: se l utilizzatore non paga i canoni alle scadenze pattuite la società di leasing ha il diritto di risolvere il contratto; nel caso di eventi, indipendenti dalla volontà dell utilizzatore, che provocano la perdita o il deterioramento del bene (per furto, sinistro ecc.) la società di leasing si farà carico di esperire, caso per caso, tutte le incombenze assicurative con il fine di minimizzare, per quanto possibile, il danno per l utilizzatore e consentire un pronto ripristino del bene, che spesso è di vitale importanza per la sua attività produttiva. Allo scadere del contratto, se l utilizzatore esercita l opzione di riscatto, acquista per la cifra pattuita in contratto la proprietà del bene. 1.5 Beni utilizzabili nel leasing In linea generale, qualsiasi bene (art. 810 c.c.: sono beni le cose che possono formare oggetto di diritti ) può costituire l oggetto di un contratto di leasing purché: individuabile; 17

15 LEASING suscettibile di asportazione (in tal senso, a titolo esemplificativo, non possono essere oggetto di leasing i lavori di ristrutturazione degli immobili, gli impianti elettrici ecc.). Fatte tali premesse, considerato che: la fungibilità del bene influenza il rischio associato all operazione e il conseguente costo; la natura del bene può influenzare in alcuni casi la durata del contratto di leasing, in funzione delle norme fiscali previste per la deducibilità dei canoni leasing sui diversi beni; è possibile distinguere diverse classi di beni utilizzabili in leasing, ovvero: a) beni immobili (es. capannoni, laboratori, stabilimenti, uffici, negozi ecc.), che a loro volta si distinguono in: immobili costruiti (già edificati); immobili da costruire; b) beni mobili, che a loro volta si distinguono in: mezzi di trasporto; autovetture; veicoli industriali e commerciali; aeromobili, natanti e materiale ferroviario; altri beni strumentali all esercizio di attività di impresa (macchine per ufficio, macchine utensili, macchinari per l edilizia, macchine per stampa e arti grafiche ecc.). Per l analisi del c.d. leasing azionario si rinvia al capitolo 3 (paragrafo 3.8). 1.6 Copertura assicurativa Nel contratto di leasing, in genere, l utilizzatore provvede autonomamente a stipulare una polizza assicurativa a favore del concedente allo scopo di coprire i rischi di responsabilità civile nonché quelli di perimento del bene. In tale ipotesi: l utilizzatore è tenuto a fornire la prova dell avvenuta stipula di tale polizza alla società di leasing; il concedente può pretendere la rinuncia preventiva dell utilizzatore al recesso dal contratto di assicurazione prima della scadenza naturale del contratto di leasing (la validità di tale pattuizione è stata riconosciuta in giurisprudenza previa approvazione scritta della clausola di prolungamento del contratto ai sensi degli artt e 1342 c.c. In tal senso: Cass., 23 febbraio 1994, n. 1783). Se, invece, il contratto di assicurazione viene stipulato direttamente dal concedente, il canone di leasing è comprensivo del costo relativo alla polizza (questo tipo di soluzione viene adottata più frequentemente per il lea- 18

16 1. IL CONTRATTO DI LEASING sing auto ed, in particolare, per quelle forme atipiche di locazione definite di long rent). 1.7 Clausole contrattuali Clausola di esonero dalla responsabilità per il concedente per mancata o ritardata consegna del bene In passato, in deroga ai principi generali previsti dal codice civile, in giurisprudenza era stata riconosciuta la validità delle clausola di trasferimento del rischio per la mancata o ritardata consegna del bene in capo all utilizzatore. In tal senso: il concedente doveva ritenersi obbligato unicamente all acquisto del bene dal fornitore ma non anche alla consegna dello stesso (tra le altre: Cass., Sez. III, 30 giugno 1998, n. 6412); l utilizzatore era tenuto al pagamento dei canoni leasing anche nell ipotesi di mancato utilizzo del bene. Tale interpretazione faceva affidamento sulla considerazione che: al contratto di leasing non poteva applicarsi la disciplina generale prevista per i contratti a prestazioni corrispettive ma, a tal fine, occorreva effettuare un analisi caso per caso (Trib. Firenze, sent. 26 maggio 1982); il fornitore costituiva un ausiliario dell utilizzatore e non del concedente e, pertanto, la mancata consegna del bene doveva essere considerata alla stregua di una mancata cooperazione del creditore (Cass., 21 giugno 1993, n. 6862). In deroga a quanto sopra, i successivi chiarimenti intervenuti hanno riconosciuto la responsabilità del concedente e l invalidità della clausola di inversione del rischio nella considerazione che: essa snatura inammissibilmente lo scopo del collegamento negoziale voluto dalle parti.. ne vanifica la strumentalità dell adempimento del fornitore agli scopi voluti dai contraenti.. abilita ad una condotta non di buona fede (Corte App. Milano, 21 dicembre 1999); la causa del contratto di leasing è costituita dal godimento del bene per un determinato periodo oggetto del contratto e, in tal senso, il concedente è tenuto a consegnare la cosa locata (Cass., Sez. III, 2 novembre 1998, n ). In virtù di quanto sopra, allo stato attuale, la previsione di una clausola che disponga l obbligo di pagamento dei canoni da parte dell utilizzatore a prescindere dall avvenuta consegna del bene deve ritenersi inammissibile sia con riferimento alla illiceità della causa, sia in considerazione del generale principio di esecuzione del contratto secondo buona fede (art c.c.). 19

17 LEASING Pertanto, l utilizzatore conserva il diritto a: rifiutare la consegna del bene (nel relativo verbale di collaudo); non versare alcun corrispettivo al concedente per un godimento mai avvenuto (il mancato saldo del prezzo in ipotesi di mancata consegna consente di evitare o, quantomeno, limitare, il danno subito dall utilizzatore). Tabella n. 3 - Rischio di mancata consegna del bene a carico dell utilizzatore Riferimento Cass., 30 giugno 1998, n Massima poiché è l utilizzatore a prescegliere, oltre al bene, la persona che dovrà direttamente fornirglielo, è valida la clausola del contratto di leasing che fa gravare sull utilizzatore medesimo il rischio della mancata consegna Altri riferimenti Cass., 2 agosto 1995, n Cass., 11 luglio 1995, n Cass., 21 giugno 1993, n Trib. Torino, 11 novembre Clausola di esonero dalla responsabilità del concedente in caso di perimento del bene Come accennato al precedente paragrafo nella prassi i rischi relativi al bene concesso in leasing restano a carico dell utilizzatore e, conseguentemente, in caso di perimento, anche fortuito, dello stesso, quest ultimo è comunque tenuto a versare sia i canoni scaduti che quelli a scadere (attualizzati al tasso ufficiale di sconto) al netto dell eventuale indennizzo assicurativo ottenuto dal concedente. In particolare, in giurisprudenza queste clausole sono state considerate legittime in considerazione della peculiarità del rapporto in cui esse si inseriscono, ove vi è la necessità di una particolare distribuzione del rischio contrattuale tale da contenerlo per il concedente nei limiti della sfera finanziaria, accollandolo all utilizzatore per gli altri aspetti, come ad esempio, il mancato godimento del bene perito (Tribunale di Milano, 7 dicembre 1981). Per quanto concerne il diritto dell utilizzatore alla percezione dell indennizzo assicurativo si potranno verificare due diverse situazioni, ovvero: 1) mancanza di alcuna indicazione contrattuale in merito al diritto all indennizzo assicurativo da parte dell utilizzatore: in tale ipotesi l utilizzatore non potrà avanzare alcun diritto sull indennizzo assicurativo prima del pagamento dei canoni e del prezzo d opzione; 20

18 1. IL CONTRATTO DI LEASING 2) indicazione nel contratto del diritto all indennizzo a favore dell utilizzatore: in tale ipotesi quest ultimo avrà diritto all indennità assicurativa limitatamente al danno subito soltanto dopo aver pagato i soli canoni ma non il prezzo di opzione Clausola risolutiva espressa e misura del danno in caso di inadempimento In linea generale, in ambito contrattuale, l art c.c. prevede che i contraenti possono convenire espressamente che il contratto si risolva nel caso che una determinata obbligazione non sia adempiuta secondo le modalità stabilite. In questo caso, la risoluzione si verifica di diritto quando la parte interessata dichiara all altra che intende valersi della clausola risolutiva. L inserimento di una clausola risolutiva espressa in un contratto di leasing (al verificarsi di determinati eventi o al ricorrere di certe condizioni) costituisce una soluzione vantaggiosa per la società di leasing (concedente) in quanto permette a quest ultima di ottenere immediatamente la restituzione del bene concesso nonché la definitiva acquisizione dei canoni eventualmente già versati dall utilizzatore: senza dover agire in via giudiziale nei confronti dell utilizzatore; senza dover rispettare le formalità previste dall art c.c. in tema di diffida ad adempiere. Al fine di ottenere tale effetto il contratto di leasing deve necessariamente indicare in modo analitico tutte le tipologie di obbligazioni che, se non adempiute, sono in grado di determinare la risoluzione dello stesso (es. inadempimento o insolvenza dell utilizzatore, mancata diligenza nella conservazione del bene, distruzione o furto del bene). Stante la peculiarità del contratto in esame, la dottrina ormai consolidata ha riconosciuto, in deroga alle disposizioni indicate dall art c.c., la legittimità della clausola che prevede la risoluzione del contratto di leasing anche nell ipotesi di mancato pagamento di un solo canone da parte dell utilizzatore. Nella prassi, tuttavia, tale effetto non si verifica spesso, in quanto le società di leasing sono solite mettere in mora gli utilizzatori e procedere alla risoluzione del contratto soltanto in caso di inadempimento da parte di quest ultimi. A livello contabile, se il contratto di leasing viene risolto anticipatamente a causa dell inadempimento dell impresa utilizzatrice, la società di leasing dovrà rilevare in contabilità le quote di ammortamento relative al bene in proporzione ai canoni fatturati, anche se non ancora pagati e dovrà fatturare in capo all utilizzatrice gli interessi moratori (r. m , n. 221). 21

19 LEASING Nello specifico, poi, in caso di inadempimento la misura del danno viene normalmente predeterminata contrattualmente attraverso la previsione di clausole penali. In mancanza di ciò, nel leasing di godimento occorrerà riferirsi alla disciplina prevista per i rapporti di durata e, nel leasing traslativo, alla disciplina della vendita con riserva di proprietà. In particolare: in caso di leasing di godimento: il concedente avrà diritto alla restituzione del bene, a trattenere i canoni già ricevuti e ad un risarcimento del danno in misura pari alla differenza tra i canoni residui (comprensivi del prezzo di riscatto) e il valore della cosa al momento della liquidazione; in caso di leasing traslativo: il concedente dovrà restituire all utilizzatore i canoni percepiti e avrà diritto alla restituzione del bene e al risarcimento del danno in misura pari alla differenza tra il corrispettivo contrattuale e il valore del bene a prezzi correnti al momento della liquidazione. In senso conforme la Corte di Cassazione ha sottolineato che: il concedente deve conseguire un risultato economico corrispondente al preventivato ricavo finale dell operazione e che l equo compenso comprende la remunerazione del godimento del bene, il deprezzamento conseguente alla sua commercialità come nuovo, il logoramento per l uso; non comprende, invece, il risarcimento del danno che può derivare da un deterioramento anormale della cosa, né comprende il mancato guadagno (sentenza 13 gennaio 2005, n. 574); e che il risarcimento del danno deve tenere conto del guadagno che il concedente si attendeva dal contratto se l ultilizzatore avesse adempiuto alla propria obbligazione di pagamento dei canoni (Cassazione, 23 marzo 2001, n. 4208). 1.8 Garanzie contrattuali Fideiussione di terzi Al fine di garantirsi contro il rischio di insolvenza dell utilizzatore, le società di leasing sono solite richiedere (previa compilazione di moduli standardizzati) il rilascio di una fideiussione dai terzi (persone fisiche o giuridiche) per un ammontare corrispondente ai canoni leasing maggiorati degli interessi di mora. Di norma tale garanzia viene attuata mediante la previsione di una clausola solve et repete che preclude al fideiussore la possibilità di opporre qualsiasi contestazione nel giudizio promosso dal beneficiario. 22

20 1. IL CONTRATTO DI LEASING Secondo l orientamento espresso in giurisprudenza (Cass., 29 marzo 1996, n e Trib. Milano, 21 gennaio 1991): la previsione della clausola solve et repete non può precludere al fideiussore la possibilità di richiedere l applicazione del c. 2 dell art (con conseguente acquisizione dei canoni versati da parte del concedente a titolo di indennità) e dell art c.c. (obbligo dell utilizzatore al pagamento dei canoni successivi a titolo di risarcimento del danno); il fideiussore può contestare la previsione di un eventuale clausola penale contrattuale eccessiva rispetto al prezzo ricavato dalla vendita del bene Fideiussione nel gruppo societario Nell ambito di un gruppo societario è possibile che una società controllata rilasci una garanzia fideiussoria nell interesse della società controllante. In tale ipotesi è opportuno verificare: l eventuale estraneità della fideiussione concessa all oggetto sociale della società concedente. La verifica deve essere effettuata accertando, con riferimento al caso concreto, la sussistenza di un nesso di strumentalità tra il rilascio della garanzia e il conseguimento dell oggetto sociale della società stessa. Seguendo tale impostazione, la garanzia prestata dalla società fideiubente potrà considerarsi estranea all oggetto sociale se non in grado di procurare alcun vantaggio diretto o indiretto alla società stessa (es. fideiussione rilasciata a titolo gratuito), indipendentemente dalle previsioni dello statuto sociale; la sussistenza del rischio di annullamento della garanzia concessa per conflitto di interessi a causa dell appartenenza delle due società allo stesso gruppo (con conseguente inopponibilità ai terzi). Al fine di evitare quest ultima conseguenza: l operazione potrà essere preventivamente autorizzata dall assemblea dei soci della società che presta la fideiussione (in tale ipotesi, il terzo è comunque sottoposto ad un rischio, considerato che, nel termine di tre mesi dalla data della deliberazione, la delibera assembleare può essere annullata per conflitto d interessi ai sensi dell art c.c. dai soci assenti, dissenzienti, dagli amministratori e dai sindaci nell interesse della società); (ovvero) la responsabilità in merito alla decisione potrà essere lasciata a carico di amministratori indipendenti o a professionisti che, per l occorrenza, vengono nominati amministratori. In sintesi, dunque, al fine di superare le problematiche connesse alla sussistenza di un eventuale conflitto di interessi è opportuno che la fideius- 23

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L

SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L Book - Leasing De GioiaTOC.fm Page V Friday, November 5, 2004 1:48 PM SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L operazione di leasing...1 1. L origine del fenomeno...1 2. Il leasing operativo...3 3. Il leasing finanziario...4

Dettagli

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO LEASING Sommario Capo I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO Definizione Art. 1 Scelta del fornitore e del bene» 2 Forma del contratto» 3 Ordine al fornitore» 4 Consegna» 5 Pagamento del corrispettivo» 6 Assicurazione»

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO

SOTTOTIPI: LEASING DI GODIMENTO E LEASING TRASLATIVO NOZIONE DI LEASING Il Leasing o locazione finanziaria è una nuova tecnica contrattuale nata per soddisfare una specifica esigenza dell'impresa: quella di disporre dei beni strumentali necessari per l'attività

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

CONTRATTI di LEASING ULTIME NOVITÀ per il 2014

CONTRATTI di LEASING ULTIME NOVITÀ per il 2014 Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 26 Del 13 novembre 2014 CONTRATTI di LEASING ULTIME NOVITÀ per il 2014

Dettagli

Il Leasing Finanziario.

Il Leasing Finanziario. Leasing Finanziario e Leasing Operativo: elementi distintivi e principali differenze. di Pietro Bottani e Massimiliano Meoni Dottori Commercialisti in Prato Premessa. La formula del finanziamento in leasing,

Dettagli

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo:

LEASING NOZIONE > TIPOLOGIE > Leasing operativo: LEASING - NOZIONE > è il contratto con il quale una parte (concedente) concede all altra (utilizzatore) il godimento di un bene mobile o immobile, per un tempo determinato, verso corrispettivo rateale

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari

TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I. Usi bancari TITOLO VI CREDITO, ASSICURAZIONI, BORSE VALORI CAPITOLO I Usi bancari 1) MODALITA CONTABILI PER IL CALCOLO E MISURA DEGLI INTERESSI I rapporti di dare e avere relativi al conto, con saldo debitore o creditore,

Dettagli

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in...

CONTRATTO DI LEASING. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni. effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... CONTRATTO DI LEASING Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, tra: la... S.p.A. con sede in... iscritta presso l Ufficio del registro delle imprese di... al n...., cod. fisc....,

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO N. 191 TRATTAMENTO AI FINI FISCALI DEL CONTRATTO RENT TO BUY DI IMMOBILI Massima

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45

O TT ESTRA Contratti_impresa_2015_2.indd 1 27/01/15 16:45 ESTRATTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RENT TO BUY ACQUISTO 221 CAPITOLO 4 Rent to buy SOMMARIO A. Conclusione del contratto... 1838 B. Funzionamento... 1861 C. Inadempimento... 1902 D. Fallimento...

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 8 IL LEASING IMMOBILIARE Introduzione al leasing Modalità per ottenere l utilizzo di un

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda)

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) INDICE-SOMMARIO Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) Capitolo I IL LEASING FRA DIRITTO POSITIVO E PRASSI NEGOZIALE 1. Evoluzione storica, struttura formale e sostrato tecnico-aziendale del leasing.

Dettagli

Garanzie del creditore

Garanzie del creditore Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre GARANZIE DEL CREDITORE 799 Garanzie del creditore SOMMARIO Sez. 1 - Fideiussione... 5909 A. Conclusione della fideiussione... 5914 B. Funzionamento... 5965 C. Estinzione...

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Dott. Turrina Walter Rag. Poltronieri Davide Dott. Lanza Federica Studio Commercialisti Associati Commercialista Revisore Contabile Commercialista Consulente del Lavoro AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA Easy Leasing S.p.A. C.so Trieste, 56 00198 Roma - Capitale Sociale 624.000,00 interamente versato - Partita IVA 01466681002 Codice Fiscale 05928280584 R.E.A. Roma 509054 - Intermediario Finanziario iscritto

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG. CIRCOLARE N. 15 DEL 03/09/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG. 2 IN SINTESI: Recentemente la Corte di

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA PRINCIPALI GARANZIE PER OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato UD4 UD4 Lesione degli interessi e protezione del credito L interesse comune di di portare a termine il il rimborso dei canoni di di leasing può subire una lesione nel caso in in cui l utilizzatore non

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 24.1.2014, ore 12.30, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n 1155/10 R.A.C.C., promossa da - (A) S.r.l.,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA FOGLIO INFORMATIVO PER LE PRINCIPALI GARANZIE CHE ASSISTONO LA LOCAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D.LGS.

Dettagli

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO Descrizione Verifiche Sì No Crediti verso soci Sono stati controllati gli importi ancora dovuti da parte dei Versamenti soci relativamente al capitale sottoscritto ma non

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RISOLUZIONE N.278/E. Con istanza di interpello presentata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.278/E. Con istanza di interpello presentata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.278/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,04 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - trattamento fiscale del contratto

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario. Sede legale: 39100 Bolzano

Dettagli

Foglio Informativo LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) IMMOBILIARE

Foglio Informativo LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) IMMOBILIARE Foglio informativo n. 1/2011 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 Informazioni sull intermediario Foglio Informativo LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) IMMOBILIARE Denominazione sociale: Cred.it Società

Dettagli

Leasing e factoring: un confronto

Leasing e factoring: un confronto Leasing e factoring: un confronto Destinatari: alunni della classe quinta IGEA di Giuliana Airaghi Masina Obiettivi: l esercitazione si propone di consolidare le conoscenze e le competenze relative ai

Dettagli

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario Le operazione di locazione finanziaria, nonostante la loro ampia diffusione, non hanno mai ricevuto una organica disciplina giuridica, consentendo

Dettagli

SEZIONE 2 CHE COS È LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI MOBILI STRUMENTALI

SEZIONE 2 CHE COS È LA LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI MOBILI STRUMENTALI LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Denominazione: BCC LEASE SpA Sede Legale e Direzione Generale: Via Lucrezia Romana

Dettagli

Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette. Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott.

Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette. Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott. Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott. Andrea Sfarra Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Firenze, 07 maggio 2015

Dettagli

IL LEASING E IL FACTORING. Nel turismo

IL LEASING E IL FACTORING. Nel turismo IL LEASING E IL FACTORING Nel turismo Il leasing Le imprese turistiche possono entrare in possesso delle immobilizzazioni materiali necessarie attraverso contratto di leasing: l azienda locatrice cede

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

RENT TO BUY Cos è? IL «RENT TO BUY» OVVERO LA «LOCAZIONE PREPARATORIA ALL ACQUISTO»

RENT TO BUY Cos è? IL «RENT TO BUY» OVVERO LA «LOCAZIONE PREPARATORIA ALL ACQUISTO» Cos è? IL «RENT TO BUY» OVVERO LA «LOCAZIONE PREPARATORIA ALL ACQUISTO» è un programma preparatorio all acquisto con il quale due parti si accordano per trasferire il godimento di un bene immobile a fronte

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I Cessione, conferimento, affitto e donazione d azienda INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I La nozione di azienda e la sua disciplina civilistica 23 1 Nozione di azienda 23 2 Contratto di cessione d azienda

Dettagli

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i LE NOVITÀ DEL LEASING - Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i professionisti e per le imprese - Sale & lease back: opportunità e cautele -Analisi comparativa e di convenienza dei

Dettagli

OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG.

OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG. FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG. DEL COD. CIV. Sezione I - Informazioni

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

DEPOSITO CAUZIONALE: GIURISPRUDENZA

DEPOSITO CAUZIONALE: GIURISPRUDENZA DEPOSITO CAUZIONALE: GIURISPRUDENZA INDICE: Abrogazioni; Ambito di operatività; Controversie; Fideiussione bancaria; Interessi legali; Mancato versamento; Obbligo di restituzione. Entità del deposito cauzionale;

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

IL CONTRATTO RENT TO BUY : ANALISI ED APPROFONDIMENTO DEGLI ASPETTI CIVILI E FISCALI

IL CONTRATTO RENT TO BUY : ANALISI ED APPROFONDIMENTO DEGLI ASPETTI CIVILI E FISCALI IL CONTRATTO RENT TO BUY : ANALISI ED APPROFONDIMENTO DEGLI ASPETTI CIVILI E FISCALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'articolo 23 del decreto legge n. 133-2014,in vigore dal 13 settembre 2014

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Procedimento di ripartizione del costo di un bene lungo la vita del bene stesso.

Procedimento di ripartizione del costo di un bene lungo la vita del bene stesso. Glossario Ammortamento: Procedimento di ripartizione del costo di un bene lungo la vita del bene stesso. Ammortamento fiscale: Quote di ammortamento ammesse in deduzione dal reddito di imposta (articoli

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul LEASING FINANZIARIO INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul LEASING FINANZIARIO INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul LEASING FINANZIARIO INTERNAZIONALE (Ottawa,

Dettagli

Terfinance S.p.a. FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIADI BENI IMMOBILI GIA COSTRUITI

Terfinance S.p.a. FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIADI BENI IMMOBILI GIA COSTRUITI FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIADI BENI IMMOBILI GIA COSTRUITI LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario

Dettagli

Capitolo I PATTO DI OPZIONE

Capitolo I PATTO DI OPZIONE Capitolo I PATTO DI OPZIONE Sommario: 1. Caratteristiche 1.1. Opzione e proposta irrevocabile 2. Eccessiva onerosità sopravvenuta 3. Forma 4. Trascrizione del patto di opzione 5. Cessione del patto di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA (LEASING) INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI LEASING Total Leasing S.p.A. Sede: Via Milano, 87/A Tel.: 030 2410241 Fax: 030 3730848 E-mail: info@totalleasing.it

Dettagli

TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE.

TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE. I FINANZIAMENTI TUTTE LE IMPRESE PER POTER OPERARE NECESSITANO DI FINANZIAMENTI SIA IN FASE DI COSTITUZIONE CHE IN FASE DI GESTIONE. IL FINANZIATORE È QUINDI COLUI CHE FORNISCE ALL IMPRESA I MEZZI NECESSARI(

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO TIPO di AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO D AFFITTO D AZIENDA Tra i signori: A..., di seguito concedente, nato a..., il..., codice fiscale..., partita IVA..., residente in..., via..., nella sua qualità

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA Federazione delle Associazioni Nazionali dell Industria Meccanica Varia ed Affine 20161 Milano Via Scarsellini 13 Tel. 02/45418.500 ric. aut. Telefax 02/45418.716 URL: http: / /www.ucif.net e-mail: info@ucif.net

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI La nozione di azienda Art. 2555: complesso di beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa (Art. 2082: è imprenditore colui che esercita in forma

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Pag. 1 / 9 FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Sezione 1 - Informazioni sulla Banca Monte dei Paschi di Siena Leasing & Factoring SpA Monte dei Paschi di Siena Leasing & Factoring, Banca per i servizi finanziari

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Foglio informativo n. 2348 Leasing operativo dedicato a apparecchiature e macchinari per l attività imprenditoriale o professionale

Foglio informativo n. 2348 Leasing operativo dedicato a apparecchiature e macchinari per l attività imprenditoriale o professionale Foglio informativo n. 2348 Leasing operativo dedicato a apparecchiature e macchinari per l attività imprenditoriale o professionale Informazioni sulla Banca. MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 01/2016 PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI STRUMENTALI LeasinGomme - tasso ZERO per l UTILIZZATORE -

FOGLIO INFORMATIVO n. 01/2016 PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI STRUMENTALI LeasinGomme - tasso ZERO per l UTILIZZATORE - FOGLIO INFORMATIVO n. 01/2016 PER OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI STRUMENTALI LeasinGomme - tasso ZERO per l UTILIZZATORE - INFORMAZIONI SU ALBA LEASING S.P.A. Alba Leasing S.p.A. Sede legale:

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti STATUTO Art. 1. - Denominazione Lo Studio Associato come sopra costituito (in appresso indicato per brevità come lo Studio ) viene denominato: Studio Associato di Consulenza e Assistenza Societaria, Tributaria,

Dettagli

Foglio informativo n. 004. Locazione finanziaria (leasing) Leasing aeronavale e ferroviario

Foglio informativo n. 004. Locazione finanziaria (leasing) Leasing aeronavale e ferroviario Informazioni sulla Società di Leasing. Foglio informativo n. 004. Locazione finanziaria (leasing) Leasing aeronavale e ferroviario LEASINT S.p.A. Società appartenente al Gruppo Intesa Sanpaolo Sede Legale

Dettagli

PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA. Capitolo I La compravendita in generale

PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA. Capitolo I La compravendita in generale Indice sommario Prefazione alla prima edizione............................... Prefazione alla seconda edizione.............................. VII IX PARTE PRIMA LA COMPRAVENDITA Capitolo I La compravendita

Dettagli

DEFINIZIONI. a cura del soggetto incaricato dell offerta, convenzionato con SelmaBipiemme Leasing S.p.A..

DEFINIZIONI. a cura del soggetto incaricato dell offerta, convenzionato con SelmaBipiemme Leasing S.p.A.. LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO DEFINIZIONI concedente: Intermediario Bancario o Finanziario creditore che concede il bene in locazione finanziaria; utilizzatore:

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito BENICOMUNI SRL Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Imola CONCESSIONE COMMERCIALE Atto n. del Premesso che: - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012

Dettagli