Contratti bancari e preconcordato*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratti bancari e preconcordato*"

Transcript

1 VALERIO TAVORMINA Contratti bancari e preconcordato* 1.- Premessa su preconcordato e nuove disposizioni sui contratti in corso di esecuzione L introduzione del preconcordato, ossia della possibilità per l imprenditore commerciale di bloccare ogni esecuzione in suo danno e di vanificare le ipoteche giudiziali iscritte nei 90 giorni precedenti (nuovo art. 168 l.f.) con un semplice ricorso (e pubblicazione nel registro delle imprese: art ) al Tribunale (corredato degli ultimi tre bilanci: nuovo art ), nel quale si preannunci soltanto l intenzione di liberarsi dei debiti pagando qualcosa ai creditori che non riescano a coalizzarsi contro per almeno il 50% (nuovo art ), non presenta nulla di peculiare per i rapporti contrattuali (bancari o meno) pendenti, se non la maggiore incertezza (comune a tutte le posizioni creditorie) sugli sbocchi della procedura, data la (pressocché) generalizzata estensione al concordato della possibilità di scioglimento dei contratti in corso di esecuzione (nuovo art. 169bis). Voglio dire cioè che non importa se si tratta di preconcordato o di concordato: in entrambi i casi occorrerà tener conto della nuova disciplina dei contratti pendenti. Il preconcordato rileva solo come possibilità di anticipare ancora di più (visto che basta di meno per aprirlo) la paralisi dei creditori e di trascinare perciò ancora di più (per un tempo addirittura indefinito, se non si oppone almeno il 50% dei creditori) l attività dell imprenditore insolvente. Il che è poi l obiettivo prefissosi da quest ultimo intervento di dirigismo economico, frutto, come tutti gli altri che lo hanno preceduto, della frode governativa che sfrutta la credulità delle masse secondo cui il mantenimento ad ogni costo (preferibilmente altrui) di un attività produttiva è comunque un vantaggio, quando invece sottrae mezzi finanziari ad altre attività che producono a prezzi inferiori (Mises, 659 s.). Ora, il nuovo art. 169bis consente al debitore, previa autorizzazione ed eventualmente previa autorizzata sospensione per 60 giorni prorogabili fino ad un massimo di 120, di sciogliersi dai contratti in corso di esecuzione (salve eccezioni che qui non rilevano: comma 4), contro indennizzo pari al risarcimento da inadempimento in moneta concordataria (ferme restando eventuali clausole compromissorie). La modifica pare confermare l ininfluenza, tradizionalmente ritenuta, dell ammissione a concordato sui rapporti giuridici preesistenti (Maffei Alberti, sub art. 167, IX) al cui adempimento, appunto, il debitore può sottrarsi solo nei limiti e con gli effetti previsti dalla nuova disposizione (non si applicano cioè gli artt. 72 ss. l.f.). Reciprocamente, fuori di dette ipotesi, la controparte dovrebbe conservare la posizione pregressa e dunque, nei contratti in corso di esecuzione, dovrebbe conservare i relativi diritti ed obblighi (salva la falcidia concordataria dei crediti già sorti) e tutti i connessi poteri a cominciare da quelli volti a salvaguardare il sinallagma contrattuale (risoluzione del contratto, eccezioni di inadempimento ecc.). Né credo possa indurre a diversa conclusione un argumentum a contrariis che volesse desumersi dall espressa statuizione della non risoluzione dei contratti in corso per effetto dell apertura della procedura per i soli concordati con continuità aziendale (nuovo art. 186bis.3), volta chiaramente a ribadire il vincolo del contraente in bonis (attraverso la previsione di inefficacia di eventuali patti contrari ) piuttosto che a sancire svincolo per ogni diversa ipotesi (oltretutto in contrasto con la commisurazione dell indennità di scioglimento al danno che ne consegue al contraente in bonis, sia pure da soddisfarsi in moneta concordataria). Come già statuito da Cass. civ., Sez. Unite, 22/05/1996, n in un caso di amministrazione controllata, di fronte alla legittima sospensione degli adempimenti da parte dell'impresa in rela- *(relazione al convegno su Crisi d impresa e primi orientamenti dopo il Decreto Sviluppo Milano, )

2 zione alle erogazioni pregresse, compete al somministrante il diritto di sospendere la continuazione delle erogazioni che dall'unità del contratto di durata deriverebbero, con l'attuazione delle forme di autotutela previste dagli artt C.C., che non sono incompatibili con la disciplina dell'art. 168 L.F. (richiamata dall'art. 188), limitata alla preclusione dell'azione esecutiva, non già delle azioni volte all'accertamento della situazione vantata ed alla tutela extraconcorsuale della stessa. La limitazione della falcidia concordataria ai crediti pecuniari o da tradursi in denaro, già scaturiti dal contratto in corso di esecuzione al momento della presentazione del ricorso o della sua pubblicazione nel registro delle imprese (ci si è dimenticati come al solito di completare l interpolazione apportata agli artt e 184.1) 2, non impedisce perciò l accoglimento di ogni altra domanda, come ad esempio quella di esecuzione in forma specifica ex art c.c. proposta dal promissario acquirente ante ricorso che abbia già integralmente pagato il prezzo sempre prima del ricorso 3 (salva l improvvida estensione dell art. 45 al concordato, osserva giustamente Fabiani, 16), per quanto invece permanga inefficace rispetto ai creditori lo spontaneo adempimento della stessa obbligazione di trasferimento senza la preventiva autorizzazione del giudice delegato ex (immutato) art ; né impedisce reciprocamente al debitore concordatario di agire lui in esecuzione specifica del preliminare stipulato ante ricorso, pur non avendo ancora pagato il prezzo che, in caso di accoglimento della domanda, resterà soggetto alla falcidia 5 : s intende, però, per quanto non risulti se la questione fosse stata sollevata nell ambito del giudizio che condusse alla decisione citata in nota, che, per il permanere di tutti i poteri inclusi nel rapporto contrattuale, la domanda di esecuzione in forma specifica potrebbe essere rigettata in funzione di un eccezione o di una riconvenzionale d inadempimento, indipendentemente dal fatto che questo inadempimento sia preesistente al ricorso oppure dipendente dall inopponibilità agli altri creditori, che ora scaturisce automaticamente dal ricorso (prima, invece, dal decreto di ammissione alla procedura), del soddisfacimento di ogni credito anteriore in misura e tempi diversi da quelli indicati nel piano. In effetti, la giurisprudenza ha parlato sempre e solo di perdurante possibilità di tutela del contraente in bonis contro l inadempimento, senza distinguere fra le due ipotesi 6 e senza distinguere neppure, come taluno ha sostenuto si dovrebbe (Patti, 265 s.), tra contratti ad esecuzione istantanea e ad esecuzione continuata o periodica, perché anche nei secondi il sinallagma funzionale non si pone e- sclusivamente fra prestazioni con eguale periodicità, come dimostrano ad esempio gli artt in tema di somministrazione. Ed inoltre la giurisprudenza ha sempre ammesso (anche prima che, per i concordati con continuità aziendale, lo regolasse il nuovo art. 182quinquies.4) che l impedimento al soddisfacimento integrale dei crediti anteriori possa essere rimosso dall autorizzazione del giudice delegato ex art proprio in funzione d[e]ll'esigenza di superare l'autotutela del somministrante fondata sul disposto de- 1 In Fallimento, 1997, 30, con nota di NAPOLEONI. 2 Così, evocando la citata decisione delle Sezioni Unite, Cass. civ., Sez. I, 30/01/1997, n. 968, in Fallimento, 1997, 995 e Cass. civ., Sez. I, 18/05/2005, n Cass. civ., Sez. I, 01/03/2002, n. 3022, in Fallimento, 2002, 734, con nota di FABIANI. Contra ad esempio Trib. Firenze, 14/01/1998, in Gius, 1988, Cass. civ., Sez. I, 18/02/1999, n. 1357, in Fallimento, 1999, 1018, in base alla considerazione che in rapporto a ciascuno degli atti indicati nella citata norma - la cui astratta pericolosità per la massa è insita nella previsione normativa - deve essere valutata l'attitudine ad alterare la situazione patrimoniale oggetto della proposta di concordato, attraverso una valutazione preventiva del giudice delegato, espressa nella concessione o nella negazione della predetta autorizzazione. 5 Cass. civ., Sez. I, 10/08/2007, n , in Fallimento, 2007, Cfr. la già citata Cass. civ., Sez. Unite, n. 4715/1996, preceduta da Cass. civ., Sez. II, 05/11/1990, n , in Giust. Civ., 1991, I, 895, con nota di LO CASCIO e seguita da Cass. civ., Sez. I, 27/08/1997, n. 8076, in Fallimento, 1998, 784.

3 gli artt e 1565 c.c. 7. Pertanto, il rispetto di detto impedimento, tuttora sussistente (Maffei Alberti, sub art. 167, VII), viene qualificato come inadempimento, con una soluzione che credo si debba condividere, perché comunque l obbligo del debitore concordatario di astenersi dal pagamento dei crediti anteriori, se non nella misura e nei tempi previsti dalla procedura, non concreta per definizione l impossibilità non imputabile necessaria per escludere l inadempimento del debitore ex art c.c. D altra parte, come già accennato, lo scioglimento dai (o la sospensione dei) rapporti in corso di e- secuzione è solo una possibilità concessa (previa autorizzazione) al debitore e quindi non può incidere sul suo inadempimento che fosse già prima intervenuto, se non altro con la presentazione del ricorso, 8 e quindi su tutti i poteri che ne derivano alla controparte (salvo quello di farsi pagare i crediti pecuniari anteriori). A differenza cioè di quanto dispone l art. 72 per la dichiarazione di fallimento ed alla stessa stregua invece di quanto esplicitamente dispone l art d.lgs. n. 270/1999, il solo deposito del ricorso per concordato, mentre può comportare di per sé inadempimento, non comporta mai sospensione degli effetti dei contratti in corso di esecuzione cui possa ricollegarsi una retroazione dello scioglimento che fosse successivamente autorizzato (sulle relative questioni nel fallimento Maffei Alberti, sub art. 72, IV). Altra opzione interpretativa avrebbe voluto che una dichiarazione del debitore, da inserire nell atto introduttivo della procedura, di non voler proseguire certi contratti determinasse inadempimento antecedente e quindi risarcimento in misura concordataria; e l autore la individua alla radice del nuovo diritto positivo (Fabiani, 17). Correlativamente però la controparte dovrebbe essere esonerata da ogni (ulteriore) adempimento. Sono peraltro perplesso sulla correttezza della prospettazione, la quale in sostanza assegna alla parte inadempiente, in difetto di ogni disposizione che la autorizzi, il potere di privare di rilevanza giuridica la perpetuazione dell inadempimento dopo la presentazione della domanda di concordato. 2.- Possibilità di proseguire i contratti di anticipi fatture o diritto della banca di negare l anticipo di nuova carta commerciale Credo sia piuttosto raro che le banche si vincolino ad erogare, sia pure entro un certo tetto, anticipi su fatture che presentino determinate caratteristiche, anziché riservarsi più o meno insindacabilmente di accettarle o meno e quindi di erogare o no. In quest ultimo caso ci si troverebbe di fronte ad un contratto normativo che non attribuisc[e] all'affidato un diritto soggettivo alla disponibilità o alla ricostituibilità della provvista, secondo il dettato degli artt e 1843 c.c., ma soltanto una mera aspettativa, soggetta alla valutazione discrezionale della banca di accettare volta per volta il mandato all'incasso, che potrebbe rifiutare senza essere ritenuta inadempiente, a differenza di quanto avviene nell'apertura di credito ordinaria, che vede l'istituto in una posizione di soggezione, e, quindi, privo della possibilità di sottrarsi al diritto potestativo del cliente di richiedere la disponibilità e la ricostituzione della provvista 9. Nel primo caso, cioè di assunzione di un vincolo della banca ad erogare, ci si trova invece certamente di fronte ad un contratto ad esecuzione periodica che, a seconda della soluzione preferita tra quelle cui si è accennato nel precedente 1, deve continuare ad essere eseguito da entrambe le parti 7 Così la già citata Cass. civ., Sez. I, n. 8076/ Così come la facoltà di scioglimento prevista dall art d.lgs. n. 270/1999 non può incidere sulla scadenza del termine per il riscatto dei beni concessi in leasing, già intervenuta dopo l apertura dell amministrazione straordinaria (Cass. civ., Sez. I, 23/02/2012, n. 2762). 9 Trib. Cassino, 25/02/2010, che cita testualmente Trib. Milano n. 5490/2008 ed attribuisce le stesse conseguenze ad un eventuale qualifica del contratto come preliminare, che però comporterebbe almeno conseguenze risarcitorie per la banca (arg. ex art c.c.).

4 in ogni caso oppure soltanto se non sia ripudiato dal debitore nel ricorso introduttivo. Entro i limiti dell affidamento, la banca non potrà allora negare l anticipo di nuova carta commerciale, sempreché ovviamente questa risponda alle caratteristiche pattuite e salvi i poteri riconosciutile a salvaguardia del sinallagma contrattuale. Tra questi poteri si possono trascurare, ai fini del caso in esame, quelli scaturenti da inadempimento del debitore che potrebbe aver determinato saturazione della linea di credito e quindi di per sé inesistenza di un obbligo della banca di erogare ulteriore credito. Se però nel contratto è previsto che, a scadenza della fattura, l anticipazione debba comunque essere rimborsata, allora può essersi verificato inadempimento anche nell improbabile caso in cui il debitore presenti domanda di (pre)concordato senza avere saturato la linea di credito e la banca potrà rifiutare anche in tal caso l anticipo di altre fatture ex art e risolvere il contratto per inadempimento in uno qualsiasi dei modi previsti dalla legge o dal contratto. Altro potere della banca che può venire in rilievo a salvaguardia del sinallagma funzionale è quello di subordinare l anticipo di nuova carta commerciale alla prestazione di aggiuntive, idonee garanzie qualora il sopravvenuto peggioramento delle condizioni economiche della controparte (o la sopravvenuta conoscenza di tale peggioramento, secondo la giurisprudenza 10 non condivisa da Sacco, 667 s. per il suo evidente discostarsi dalla lettera della legge) metta a serio rischio la restituzione di quanto si dovrebbe erogare (artt e 1822 c.c.) 11 ; con la precisazione (condivisa dalla giurisprudenza già menzionata) che comunque non la mancata prestazione di garanzie aggiuntive (che la legge prevede solo come onere per il contraente che desideri ottenere nuove prestazioni), ma soltanto l inadempimento delle obbligazioni già sorte può giustificare la risoluzione del contratto. Naturalmente, per valutare la notevole difficoltà della restituzione ex art c.c. si dovrà tenere conto delle vecchie e nuove disposizioni in tema di prededuzione (artt. 182quater e 182quinquies), con soluzioni che potranno variare da caso a caso. 3.- Possibilità della banca di trattenere pagamenti ricevuti da terzi a copertura indebitamento E chiaro che il problema non si pone per pagamenti effettuati da garanti ed obbligati in via di regresso (art ) oppure da terzi debitori ceduti o di crediti costituiti in pegno anche nelle forme semplificate (e con gli effetti) previsti dal d.lgs. n. 170/2004 sulle garanzie finanziarie, perché si tratta di atti in nessun modo incisi dalla presentazione del ricorso per concordato. Per quanto concerne invece il mandato, eventualmente irrevocabile, all incasso di crediti ed a fortiori altre forme meno invasive di collateralizzazione del credito bancario ( canalizzazioni di fatture e simili), si tratta di strumenti che, a differenza dei primi, non autorizzano il soddisfacimento della banca in via diretta (fino a concorrenza dei suoi crediti), ma in via indiretta ponendo le basi di una compensazione dei conseguenti debiti restitutori con quelli garantiti. Il problema qui è rappresentato dal fatto che i creditori anteriori alla pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese non possono essere soddisfatti che nei modi previsti dalla procedura (artt. 168 e 184), con applicazione dallo stesso giorno, fra l altro, dell art. 56 dettato in tema di fallimento, a sua volta in quell ambito interpretato come richiedente la coanteriorità dei crediti contrapposti, o, per meglio dire, del loro fatto genetico, alla dichiarazione di fallimento. E la soluzione giurisprudenziale continua ad oscillare tra una sorta di derogabilità preventiva degli artt. 56 e 168 per effetto di pattuizioni di compensazione accedenti ai rapporti in questione, la cui ratio viene ravvisata nella 10 Cass. civ., Sez. II, 22/01/1999, n. 602; Cass. civ., Sez. III, 21/03/1983, n Del resto, lo stesso art l.f. ammette il venditore con riserva di proprietà a chiedere cauzione nel caso in cui il curatore dell acquirente subentri nel contratto, assumendo con ciò stesso l obbligo di soddisfare in prededuzione il prezzo.

5 loro prosecuzione in corso di concordato per il quale non opera la cristallizzazione dei crediti propria del fallimento 12 ; ed invece una rigorosa applicazione dello stesso art. 56 che, ravvisato il fatto genetico dell obbligazione restitutoria della banca nell avvenuto pagamento ad opera del terzo e quindi la sua posteriorità alla decorrenza degli effetti della procedura di concordato, nega la compensazione ed impone perciò alla banca la restituzione dei pagamenti ricevuti dai terzi 13. Ora, a me pare che la prima soluzione provi troppo perché dovrebbe negare quanto in generale si riconosce (cfr. supra, 1) circa la compatibilità tra la prosecuzione di un qualsiasi rapporto e l assoggettamento alle regole del concorso dei crediti già sorti nell ambito di quello stesso rapporto. La portata della seconda soluzione, invece, potrebbe essere messa in discussione se si considera che, per esempio, in caso di mandato all incasso, non è vero che il fatto genetico del debito di restituzione della banca si esaurisce nel pagamento ricevuto dal terzo, ma certamente include detto mandato: infatti, ove il mandato fosse mancato, l obbligo restitutorio della banca sarebbe stato subordinato ad altri presupposti oltre al semplice avvenuto incasso (quanto meno alla buona fede del solvens ex art. 1189); e dovrebbe essere sufficiente a fondare la coanteriorità del debito della banca il fatto che anche solo un frammento del fatto genetico (il rilascio del mandato all incasso) si sia verificato prima della pubblicazione del ricorso per (pre)concordato nel registro delle imprese. Per percorrere comunque la prima soluzione, la giurisprudenza ha richiesto prova rigorosa del patto di compensazione, affermando che lo stesso non può desumersi né dalle mere modalità tecniche seguite dalla banca per contabilizzare le relative operazioni, come nel caso di utilizzo di uno speciale conto di servizio per gli anticipi, intestato alla società poi fallita, e sul quale far confluire poi anche il bonifico dell'amministrazione finanziaria destinato al cliente, che costituisce mera evidenza contabile interna alla banca circa i limiti dell'affidamento, né dal conferimento di un mero mandato per la riscossione 14 ; anche se la più recente decisione in materia ha poi valutato come incensurabile in fatto l affermazione della corte del merito che il patto di compensazione può desumersi dalla stessa clausola salvo buon fine, in quanto espressiva della condizione (l incasso) al verificarsi della quale il debitore è sgravato dell obbligo di restituzione di quanto anticipatogli e perciò presupponente un patto di compensazione Contratti di leasing: sorte e possibilità di scioglimento in caso di utilizzo del bene Anche del leasing in corso di esecuzione l utilizzatore-debitore concordatario può chiedere all ufficio giudiziario la sospensione o direttamente l autorizzazione allo scioglimento a norma del nuovo art. 169bis, con le limitazioni cui in generale si è accennato nel precedente 1. I quesiti specifici che si pongono qui investono due temi: anzitutto quello concernente le conseguenze dell esistenza di canoni impagati e poi quello degli effetti dell eventuale scioglimento. In ordine al primo tema, vale ancora quanto si è osservato in termini generali sulla salvaguardia del sinallagma contrattuale: poiché c è inadempimento, nonostante non vi sia mezzo per ottenere coattivamente il pagamento dei canoni scaduti anteriormente all avvio della procedura (art ), sarà lecita la pretesa del concedente di sospendere l esecuzione del contratto riprendendo possesso del bene anche al fine d impedirne al debitore l ulteriore utilizzo o, più verosimilmente, per effetto di una risoluzione determinata avvalendosi di apposita clausola contrattuale o da chiedersi al giudice, in entrambi i casi con effetto preclusivo di un (tardivo) adempimento del debitore (art c.c.). 12 Così da ultimo Cass. civ., Sez. I, 01/09/2011, n , in Fallimento, 2012, 739, che richiama Cass. civ., Sez. I, 07/03/1998, n. 2539, in Foro it., 1998, I, 1865 e Cass. civ., Sez. I, 23/03/2001, n Così invece Cass. civ., Sez. I, 07/05/2009, n , in Fallimento, 2010, 117; Trib. Roma, Sez. X, 21/04/2010, in Fallimento, 2010, 1300, con nota di CEDERLE. 14 Così Cass. civ., Sez. I, 15/04/2011, n. 8752, in Giust. civ., 2012, I, Cfr. la già citata Cass. civ., Sez. I, n /2011, al punto 2.1 della motivazione.

6 In una situazione del genere non c è spazio per una richiesta di sospensione o di scioglimento da parte del debitore, perché la retroattività del meccanismo risolutorio a partire dalle prestazioni ineseguite ex uno latere (art ) impedirebbe che quella richiesta possa esplicare effetto. E ciò anche se la medesima fosse avanzata in funzione di una, magari contestuale, richiesta di autorizzazione a pagare i canoni scaduti ex art. 182quinquies.4 perché opererebbero comunque le regole generali sull inadempimento. Il caso sarebbe ovviamente diverso se non ci fossero canoni anteriori scaduti oppure se fossero di ammontare inferiore alla soglia necessaria per determinare la risoluzione del contratto ovvero se la loro rilevanza fosse stata elisa da un atteggiamento di tolleranza del creditore. In questi casi possono certamente operare sospensione e scioglimento: ma con quali effetti? E veniamo allora al secondo tema. Evidentemente non c è piena equiparazione degli effetti dello scioglimento dal leasing nel fallimento e nel concordato dell utilizzatore: l art. 72quater, commi 2 e 3, prevede più o meno espressamente, oltre alla ritenzione di quanto riscosso prima dal concedente (con esenzione da revocatoria ex art. 67.3a), la restituzione a lui del bene e la destinazione del ricavato al soddisfacimento del credito residuo per il solo capitale 16, con eccedenza alla procedura (comma 2), nonché (comma 3) il diritto del concedente ad insinuarsi al passivo per la differenza tra il credito vantato alla data del fallimento e quanto ricavato dalla nuova allocazione del bene (checché significhino i termini indefiniti di questa espressione: in proposito vedi tutto e il contrario di tutto in Maffei Alberti, sub art. 72quater, IV). L art. 169bis.2 prevede invece, per tutti i contratti da cui il debitore concordatario si sciolga, il diritto del contraente in bonis ad un indennizzo (da soddisfare come credito anteriore al concordato ) equivalente al risarcimento del danno conseguente al mancato adempimento. E non solo: mentre non si può dubitare che il bene, di proprietà del concedente, debba essergli restituito, la mancata retroazione dello scioglimento ad un momento anteriore a quello dell autorizzata sospensione implica l obbligo di pagamento immediato ed integrale dei canoni maturati dopo la produzione degli effetti del ricorso per (pre)concordato. I profili di compatibilità della più dettagliata disciplina dettata per il fallimento con quella prevista per il concordato (entro i quali si potrebbe in ipotesi pensare ad un applicazione analogica della prima al secondo caso) si riducono con ciò all obbligo di utilizzazione del bene a riduzione dell esposizione del concedente (che non può qui intendersi limitata al capitale, stante la specifica menzione nell art. 169bis.2 del risarcimento del danno), nonché di versamento dell improbabile 17 surplus al debitore. E la soluzione affermativa per entrambi i punti sembra potersi dedurre, prima ancora che da una stessa ratio di minimizzazione della disparità di trattamento tra creditori, dall unitaria configurazione del leasing delineata dall art. 72quater. Da questa nuova disposizione, che ora si contrappone al già preesistente (e sostanzialmente immutato) art. 73 in tema di vendita con riserva di proprietà, il leasing riemerge quale finanziamento 18 (come già avrebbe dovuto essere indiscutibile: Tavormina, 535) con proprietà del cespite in funzione di garanzia (funzione nel frattempo testualmente introdotta nel nostro ordinamento dalla normativa di origine europea sui contratti di garanzia finanziaria: art. 6 d.lgs. n. 170/2004), che supera la dicotomia di origine giurisprudenziale fra leasing di godimento e leasing traslativo, differenziando quest ultimo dalla vendita con riserva di proprietà (art. 73) (Maffei Alberti, sub art. 72quater, II). 16 Maturando dal fallimento in poi, secondo un implausibile lettura restrittiva per la quale cfr. Trib. Milano, 24/04/2012, in 17 Naturalmente il grado di improbabilità si riduce quanto più elevato è il prezzo di riscatto. 18 Si ricordi fra l altro che la veste di concedente può essere assunta ex art. 106 T.U.B. solo da società iscritte nell albo degli intermediari finanziari.

7 Detta dicotomia era stata elaborata per controbilanciare la disciplina contrattuale diffusa oltre un ventennio fa che, permettendo al concedente, in caso di inadempimento dell utilizzatore, di rientrare in possesso del bene e di addebitare alla controparte, oltre ai canoni scaduti e non pagati, anche capitale e interessi a scadere, gli consentiva, in caso di rilevante valore residuo del bene, di ottenere dalla patologia del contratto un utilità maggiore che dal suo fisiologico proseguimento, con sbilanciamento del sinallagma contrattuale. Proprio il valore residuo del bene al momento del termine naturale del contratto di leasing ha permesso alla giurisprudenza di distinguere tra sua funzione di godimento nel caso in cui la sua vita tecnologica corrisponda alla durata stessa del contratto, con esiguità di valore economico a scadenza, e funzione di trasferimento della proprietà del bene nel caso in cui al termine del contratto il bene conservi un valore economico residuo di rilevante entità. La giurisprudenza di legittimità, ancorando la distinzione tra le due fattispecie all individuazione della volontà contrattuale delle parti all uno o all altro scopo, ripristinò l equilibrio perduto del sinallagma contrattuale applicando in via analogica l art c.c. al c.d. leasing traslativo e lasciando invece operare l art per il leasing di godimento. Attualmente vengono invece adottate clausole contrattuali che prevedono in caso di risoluzione che il ricavato della vendita del bene stesso venga computato a decurtazione delle somme ancora dovute dall utilizzatore, eliminando disequilibri tra le parti. Si spiega quindi come mai qualche giudice di merito 19 abbia applicato analogicamente l art. 72quater ai contratti risolti ante fallimento evidenziando la necessità di coerenza sistematica: in caso contrario il fallimento, consentendo al concedente di trattenere i canoni percepiti magari di valore superiore all equo compenso gli permetterebbe di ricevere maggior tutela in caso di scioglimento del contratto che in caso di risoluzione dello stesso. Ed anche se in questo secondo caso non si potrebbe né limitare l imputazione del valore di collocazione del bene al solo capitale residuo (come si desume malamente dai commi 2 e 3 per il caso di fallimento), né escludere tutti i canoni impagati anche a scadere 20, oltre al maggior danno eventuale, la tendenza non può che essere condivisa. Purtroppo bisognerà aspettare non poco per acquisire un affidabile orientamento della Cassazione, che reitera nel frattempo i suoi precedenti enunciati su accadimenti anteriori al , visto che nemmeno ai tecnici che attualmente ci reggono è ancora venuto in mente di dotarci di più decenti strumenti per gettare un po di luce sul cammino (nella specie) degli imprenditori (dalla saisine pour avis francese, alle súmulas brasiliane). 5.- Possibilità e limiti alla prosecuzione dei contratti di factoring Valgono per il factoring le stesse considerazioni di cui ai precedenti 2 e 3, con la particolarità che viene qui in gioco come evento normale anche la vendita o il mandato (in rem propriam) all incasso (dato che a queste due figure la giurisprudenza riconduce la maggior parte dei casi esaminati) di crediti futuri. E ciò crea l ulteriore problema dell opponibilità della cessione o del mandato all incasso di questi crediti agli altri creditori concorsuali, sia per eventuali anticipazioni del loro prezzo effettuate dal factor prima dell apertura della procedura, sia quale corollario della loro vendita sempre anteriore, ove il pagamento del prezzo (detratte le commissioni) sia differito alla loro maturazione in ipotesi successiva a quella data. 19 Vedi tra le altre Trib. Udine, 02/02/2012, contraddetta però dallo stesso Trib. Udine 17/08/2012, che continua ad applicare la nota distinzione tra leasing di godimento e leasing traslativo: tutte le decisioni sono reperibili in 20 Ed infatti la citata Trib. Udine, 02/02/2012 aggiunge anche tali importi, compreso il corrispettivo per l opzione di acquisto finale (il che pare eccessivo). 21 Cass. civ., sez. V, 09/11/2011, n

8 Una parte della giurisprudenza di legittimità, premesso che, sulla scia dell art c.c., il trasferimento del credito al cessionario non può comunque operare prima del suo insorgere, ne deduce che il fallimento del cedente rende inopponibile la cessione del credito non ancora sorto alla massa, nonostante l anteriorità di detta cessione 22 (e, con risultato equivalente, col fallimento dovrebbe venir meno salvo subentro del curatore il mandato, benché irrevocabile, all incasso ex art. 78.3, sicché il creditore-mandatario anteriore non può più incassare; ma Maffei Alberti, sub art. 78, IV, segnala l opposto orientamento della giurisprudenza in relazione al mandato in rem propriam). Altre decisioni invece, ritenuto che l art. 2914, n. 2 c.c. non esige ai fini dell opponibilità della cessione al creditore pignorante ed a quelli intervenuti (e dunque anche al fallimento) che il credito sia già venuto ad esistenza, l ammettono anche per i crediti che sorgano dopo la dichiarazione di fallimento, purché almeno una parte del loro fatto costitutivo si sia verificato prima (escludendola solo per i crediti eventuali ) 23. Tuttavia la legge speciale n. 52/1991 prevede che le banche e gli altri intermediari finanziari abilitati possano rendersi cessionari di crediti d impresa anche eventuali, nel senso che potranno sorgere da contratti ancora da stipulare entro un termine massimo di 24 mesi purché sia indicato il nome del debitore ceduto (art. 3); che possano opporre al fallimento la cessione se ne abbiano pagato il corrispettivo con atto di data certa (ovviamente anteriore al fallimento) art. 5.1; aggiunge che è fatta salva per il cessionario la facoltà di rendere la cessione opponibile ai terzi nei modi previsti dal codice civile (art. 5.2). Pare evidente che tali disposizioni siano applicabili a fortiori al concordato preventivo e dunque non dovrebbe esservi dubbio sul fatto che resti opponibile anche la cessione di detti crediti in caso di antecedente pagamento del corrispettivo. Può esser dubbio soltanto se ciò valga pure nel caso in cui il pagamento del corrispettivo sia posteriore all apertura della procedura, ad esempio perché convenuto a scadenza fatture, dato che l art. 5 prevede il solo caso del pagamento anteriore e che la salvezza dei modi ordinari di opponibilità della cessione (comma 2) non introduce diversa previsione in proposito (danno per scontata la soluzione negativa se non c è stato pagamento anteriore Alpa-Zatti, sub art. 5 cit.) 24. In ogni caso, gli altri creditori concordatari non possono essere equiparati agli aventi causa o pignoranti (in via collettiva, nel fallimento) e quindi, ammessa la validità della cessione di crediti futuri ex art. 3 legge n. 52/1991 ed ipotizzatane la data certa, non può comunque esservi dubbio sulla sua perdurante idoneità (con o senza pagamento anteriore) a segregare i crediti in oggetto dal restante patrimonio del debitore concordatario. Se invece il factor si rende solo mandatario (in rem propriam) all incasso di detti crediti futuri su cui effettua anticipazioni subito o si impegna ad effettuarle a maturazione, allora prima del problema dell opponibilità della pattuizione agli altri creditori concordatari, si pone quello della determinabilità dell oggetto del factoring e del mandato che ne costituisce parte integrante. Tuttavia, se non si sollevano dubbi sulla validità del contratto nel suo insieme (essendone a tal fine irrilevante la qualifica come preliminare o definitivo), quanto meno in applicazione analogica dell art. 3 della legge n. 52/1991, non possono sollevarsene nemmeno sul mandato che ne costituisce parte integran- 22 Cass. civ., Sez. I, 31/08/2005, n , in Fallimento, 2006, 538, con nota di TRENTINI; Cass. civ., Sez. III, 17/01/2012, n Cass. civ., Sez. I, 21/12/2005, n , in Contratti, 2006, 765; conf. Cass. civ. Sez. I, 14/04/2010, n Cass. civ., Sez. I, n. 8961/2010, cit., invece, per un credito futuro ricorre alla certezza della data del pagamento solo come ulteriore argomentazione per dimostrarne l opponibilità della cessione al fallimento.

9 te. Tanto più che la previsione codicistica del mandato generale (art c.c.) orienta verso una nozione assai lata di determinabilità dell oggetto del mandato (Luminoso, 405) 25. Per l opponibilità, invece, non c è che da rinviare a quanto si diceva nel precedente 3, fatto sempre salvo ovviamente il potere di sospensione e scioglimento ex art. 169bis, il cui esercizio non potrà tuttavia incidere sull incasso dei crediti (anche se non ancora sorti nel momento da cui prende effetto lo scioglimento) a fronte dei quali siano già state erogate (prima o dopo l apertura della procedura) anticipazioni, ma soltanto sull incasso degli altri. 6.- Trattamento degli interessi sui contratti bancari pendenti alla data del preconcordato Come ho già detto, la pubblicazione del ricorso per (pre)concordato nel registro delle imprese (così corretta, se si ritiene, la perdurante menzione nell art. 169 della presentazione della domanda ) rende applicabili gli artt. 55 ss. ai crediti anteriori, scaduti o meno (art. 55.2), che possono ben scaturire anche da contratti ancora in corso di esecuzione (supra, 1). A detti crediti, quindi, così come a tutti quelli scaturenti da contratti in cui non sono previste ulteriori prestazioni da parte della banca (a partire dai mutui già erogati), si applicano le menzionate disposizioni, con gli adattamenti imposti dalla diversa articolazione delle due procedure (inesistenza nel concordato del deposito di un progetto di riparto ex art. 54.3, richiamato dall art. 55.1; possibilità di inclusione in classe separata dei crediti infruttiferi; ecc.: cfr. Maffei Alberti, sub art. 169, II). Ovviamente, il fatto che il corso degli interessi sui crediti chirografari sia sospe[so] agli effetti del concorso (art. 55.1), che per il pagamento in sede concordataria debba essere detratto dai crediti infruttiferi l interesse composto del 5% annuo (art. 57) ecc., non vuol dire che degli importi corrispondenti non debba tenersi conto in sede di valutazione della legittimità dell uso degli strumenti di salvaguardia del sinallagma contrattuale di cui si diceva nei precedenti 1 e 2, giacché questi non soggiacciono come si è visto alle regole del concorso che disciplinano solo i crediti. Bibliografia Alpa, Guido Zatti, Paolo (2003), Commentario breve al codice civile Leggi complementari 4, I, Cedam Fabiani, Massimo (2012), Riflessioni precoci sull evoluzione della disciplina della regolazione concordata della crisi d impresa (appunti sul d.l. 83/2012 e sulla legge di conversione), Luminoso, Angelo (2007), Il mandato e la commissione 2, in Trattato Rescigno, Utet, 12, 2 Maffei Alberti, Alberto (2009), Commentario breve alla legge fallimentare 5, Cedam Patti, Adriano (2010), La disciplina dei rapporti giuridici preesistenti nel nuovo concordato preventivo, in Il Fallimento von Mises, Ludwig (1996[1949]), Human Action 4, Fox & Wilkes Sacco, Rodolfo (2002), I rimedi sinallagmatici, in Trattato di diritto privato 3 diretto da Rescigno, X, 2, Utet Tavormina, Valerio (1990), Il leasing, la Cassazione e il gambero, in Banca, borsa, tit. credito, I 25 In tema di assicurazione per conto di chi spetta, Cass. civ., Sez. III, 02/03/2006, n ammette mandato all incasso da parte dell assicurato di qualsiasi credito futuro ed eventuale (sia pure, in quel caso, evidentemente scaturente dal singolo contratto di assicurazione).

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO 17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO di Luciano Quattrocchio, Professore Sommario: 1. I riferimenti normativi - 2. La disciplina nel contesto fallimentare - 3.

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA FOCUS E APPROFONDIMENTI Fallimento Rapporti pendenti GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA di Luciano M. Quattrocchio e Gabriele Varrasi Sommario: 1.1. Vendita a rate con riserva

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA SOMMARIO: 1. La massima - 2. Il caso - 3. La questione - 4. Soluzioni giuridiche 5 Osservazioni. 1. La

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI

Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI Associazione Notarile per l esecuzione della legge 302/98 ISTRUZIONI 1. la nota di precisazione del credito specifica l ammontare: a) dei crediti in prededuzione; b) dei crediti in privilegio; c) dei crediti

Dettagli

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI VIVA S.p.A. Via Romagna n 38 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel. 0423.495969 r.a. fax 0423.490774 www.vivaspa.it e-mail: info@vivaspa.it P.E.C. vivaspa@legalmail.it

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002

Risoluzione n. 89/E. Roma,18 marzo 2002 Risoluzione n. 89/E Roma,18 marzo 2002 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Termini per l emissione di una nota credito dopo la chiusura del fallimento. Interpello - articolo 11 legge 27

Dettagli

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali Settembre

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO 3 novembre 2015 Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti 1 Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO

IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO Alla procedura di concordato preventivo possono accedere quei soggetti - già imprenditori commerciali privati non piccoli - cui è riservata la procedura di fallimento. Presupposto

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI.

LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LE NOVITÀ IN TEMA DI CONCORDATO PREVENTIVO. RIFLESSI SULLA CLASSIFICAZIONE PER QUALITÀ DEL CREDITO DEI DEBITORI. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI A cura di Walter Strozzieri Strozzieri & Associati La riforma delle procedure concorsuali ha ridisegnato gli effetti della

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

La sospensione e scioglimento dei contratti bancari ex art. 169 bis l.f. nel concordato preventivo. Dr. Andrea Ferri intervento del 10/01/2014

La sospensione e scioglimento dei contratti bancari ex art. 169 bis l.f. nel concordato preventivo. Dr. Andrea Ferri intervento del 10/01/2014 1 La sospensione e scioglimento dei contratti bancari ex art. 169 bis l.f. nel concordato preventivo Dr. Andrea Ferri intervento del 10/01/2014 2 Il mantenimento degli affidamenti bancari nel concordato

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LEASING NEL FALLIMENTO: SODDISFAZIONE DEL CONCEDENTE FUORI DAL CONCORSO SOSTANZIALE E ACCERTAMENTO DEL CREDITO NEL CONCORSO FORMALE

LEASING NEL FALLIMENTO: SODDISFAZIONE DEL CONCEDENTE FUORI DAL CONCORSO SOSTANZIALE E ACCERTAMENTO DEL CREDITO NEL CONCORSO FORMALE LEASING NEL FALLIMENTO: SODDISFAZIONE DEL CONCEDENTE FUORI DAL CONCORSO SOSTANZIALE E ACCERTAMENTO DEL CREDITO NEL CONCORSO FORMALE di Bruno Inzitari, Professore Ordinario presso l Università di Milano

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI INDIVIDUAZIONE DI ISTITUTO FINANZIARIO PER L EROGAZIONE DI MUTUO IPOTECARIO DI IMPORTO PARI AD EURO 600.000,00 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI ART. 1 Oggetto dell appalto è la somministrazione di servizio

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli