OSSERVATORIO UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore EDIZIONE. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore EDIZIONE. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia"

Transcript

1 EDIZIONE OSSERVATORIO UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca per bene.

2 INDICE Finalità dell'osservatorio 3 Executive Summary 3 Premessa 4 Obiettivi 4 Metodologia 5 Il campione 6 Risultati 9 Previsioni entrate Rapporti con gli istituti di credito 13 La percezione del trattamento 14 Livello soddisfazione 15 Servizi bancari utilizzati 16 Utilizzo strumenti (intensità) 17 La correlazione tra i servizi 31 Ricorso ai Confidi 32 Previsioni di indebitamento 33 Segmentazione 35 Conclusioni 38 2

3 FINALITÀ DELL OSSERVATORIO L Osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore, realizzato da UBI Banca con il supporto scientifico di AICCON, nasce con l obiettivo di monitorare in maniera continuativa lo stato e l evoluzione dell offerta e della domanda di finanza per il Terzo settore. In particolare, con l Osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore si intende condurre un attività orientata a fornire evidenze quali-quantitative, con un focus annuale su determinati soggetti del Terzo Settore (nel 2011, in particolare, su cooperative sociali). EXECUTIVE SUMMARY La ricerca è stata realizzata per comprendere i rapporti intercorrenti tra istituti di credito e cooperative sociali. A tal fine sono stati intervistati i responsabili di 500 organizzazioni rappresentative della cooperazione sociale in Italia (cooperative sociali di tipo A, di tipo B, di tipo A+B e Consorzi di cooperative sociali). Rapporti con gli istituti di credito mente le organizzazioni interpellate intrattengono rapporti con 2 istituti di credito. Le cooperative localizzate nel nord Italia si relazionano con un numero di banche più alto rispetto quelle localizzate al sud. Condizioni e soddisfazione Il 54,2% dichiara di non percepire un'offerta di servizi bancari in grado di soddisfare le proprie peculiarità ed un 17.6% ritiene di non aver sufficienti elementi per valutare la differenza di trattamento. Il 38.8% si dichiara soddisfatto dei rapporti, il 21.8% insoddisfatto, mentre il 39.4% si colloca in una linea di confine tra soddisfazione e insoddisfazione. Tra i soddisfatti è più alta la percentuale di coloro che ritengono di avere condizioni migliori rispetto alle imprese profit. Utilizzo dei servizi I servizi più utilizzati coincidono con la disposizione di bonifici ed il pagamento di stipendi (rispettivamente 99% e 97.6%); segue l utilizzo di ricevute bancarie (67.4%) e di RID attivi (50.6%). Il ricorso ai finanziamenti riguarda appena una cooperativa su quattro: il 28.2% ha utilizzato negli ultimi 12 mesi un finanziamento per la gestione delle attività ed un 25.6% per sostenere investimenti destinati allo sviluppo. Tra coloro che non hanno ricevuto finanziamenti, tuttavia, sono abbastanza diffusi casi di mancata concessione del credito, anche a fronte di garanzie personali da parte dei soci cooperatori. Indebitamento Per i prossimi 3 anni, solo il 17.8% ritiene che il grado di indebitamento verso le banche tenderà ad aumentare. Le percentuali aumentano tra coloro che prevedono un 2012 in crescita e tra le cooperative sociali attive nei servizi socio sanitari per la pubblica amministrazione e operanti con servizi educativi e formativi. Partnership Le percentuali di soddisfatti e di soggetti che ritengono di avere un rapporto privilegiato con le banche sono direttamente proporzionali al grado di utilizzo dei finanziamenti (coloro che hanno ottenuto la concessione di finanziamenti per l investimento o la gestione). Le cooperative sociali, per affrontare la crisi, stanno rivedendo gli obiettivi strategici. Se negli anni scorsi hanno investito in innovazione (migliorando processi, definizione di nuovi prodotti o servizi, ecc.) ritenendo di poter approfittare di una ripresa economica che poi non si è verificata, oggi stanno orientando le energie per consolidare le relazioni, i partenariati, le aggregazioni (*). Proporsi con efficaci soluzioni di partnership significa avere un canale preferenziale di dialogo. (*) Fonte: Osservatorio Nazionale sulle Imprese Sociali Associazione Isnet - 3

4 PREMESSA La presente indagine è volta a esplorare il fabbisogno finanziario della cooperazione sociale. Anche le imprese sociali risentono del perdurare della crisi economica. Se al ritardo dei pagamenti da parte degli enti pubblici si aggiunge il taglio della spesa pubblica sancito dalla nuova manovra finanziaria e gli ultimi provvedimenti in materia di regime fiscale per le cooperative, si può facilmente comprendere il clima di sfiducia e il sentiment negativo delle imprese sociali per il prossimo futuro. In questo scenario è inevitabile che le organizzazioni non profit tendano a iniziative di sviluppo e ad una ridefinizione dei rapporti con gli stakeholders, non da ultimo i partner finanziari. UBI BANCA ha messo a punto un offerta su misura per aiutare le organizzazioni del terzo settore a promuovere il valore sociale e raggiungere i propri obiettivi, con la creazione di UBI COMUNITA, una piattaforma di servizi e strumenti dedicati alle organizzazioni non profit. SOLUZIONI PER L'OPERATIVITÀ QUOTIDIANA FINANZA PER LA GESTIONE CORRENTE FINANZA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA SOLUZIONI DEDICATE ALLE PERSONE COINVOLTE NELLE ORGANIZZAZIONI OBIETTIVI La presente indagine ha l obiettivo di verificare i rapporti tra cooperazione sociale e istituti di credito, per identificare possibili ambiti di miglioramento. In particolare, la ricerca è stata realizzata a partire da 7 obiettivi conoscitivi: 1. Numero di istituti di credito con i quali si intrattiene rapporto 2. Percezione delle condizioni riconosciute alle organizzazioni del terzo settore da parte degli istituti di credito con i quali si ha rapporti 3. Strumenti / servizi bancari utilizzati e relativo grado di utilizzo negli ultimi 12 mesi 4. Ricorso a Confidi per richieste di finanziamento 5. Previsione dell indebitamento verso le banche nei prossimi 3 anni 6. Previsione dell andamento delle entrate derivanti da contributi, convenzioni, rapporti con la PA e donazioni 7. Previsione dell andamento delle entrate derivanti dalla vendita di prodotti/servizi A questi obiettivi di base, ne è stato aggiunto uno pertinente la soddisfazione complessiva per i servizi utilizzati ; questo ha permesso una maggior focalizzazione e comprensione degli aspetti indagati. Gli obiettivi sono stati considerati alla luce di alcune variabili di caratterizzazione delle cooperative sociali: tipologia (cooperativa di tipo A, tipo B, A+B, Consorzi di cooperative sociali), anno di costituzione, area di attività prevalente, risorse umane (dipendenti, soci, volontari). 4

5 METODOLOGIA Per raggiungere gli obiettivi conoscitivi è stata realizzata un indagine campionaria. Nei mesi di ottobre e novembre 2011, sono stati somministrati 500 questionari (n) ai responsabili delle cooperative sociali. (prevalentemente Presidenti, Direttori e Responsabili Amministrativi) Rilevamento: CATI (Computer Aided Telephone Interviewing). Tipologie di organizzazioni interessate: - Cooperative Sociali di tipo A - Cooperative Sociali di tipo B - Cooperative Sociali di tipo A + B - Consorzi di Cooperative Sociali Considerata una popolazione statistica di circa 7.363* unità, una varianza dello 0.5 e una confidenza 0.955, la numerosità campionaria indicata ha permesso di attestare l errore campionario sul 4.3%. Per la conduzione delle interviste la banca dati iniziale era di unità (banca dati dell Osservatorio Nazionale sulle Imprese Sociali a cura dell Associazione ISNET). Di queste, 219 sono risultate non attive e non rintracciabili. Delle cooperative sociali attive, il 55.8% si sono tradotte in intervista (44.9% sul totale del data base contatti). DB Contatti ,0% 100% Non attivi Attivi ,7% 80,3% 100% Non attivi Non disponibile a intervista Disponibile a intervista ma in altro momento Intervistati ,7% 7,7% 27,7% 44,9% 100% * Fonte: ISTAT Le cooperative sociali in Italia

6 IL CAMPIONE Il campione è stato stratificato per tipologia di organizzazione e area territoriale. L estrazione è avvenuta con metodo casuale semplice. Le cooperative sociali di tipo B sono più presenti al sud, mentre i Consorzi di cooperative sociali si trovano soprattutto al nord. Tipologia di organizzazione Cooperativa sociale di tipo A+B 4,4% Consorzio di cooperative sociali 3,8% Cooperativa sociale di tipo B 32,8% Cooperativa sociale di tipo A 59,0% Localizzazione Regione % Abruzzo 3,0% Basilicata 1,8% Calabria 3,4% Campania 3,2% Emilia Romagna 7,8% Friuli Venezia Giulia 2,2% Lazio 9,8% Liguria 4,4% Lombardia 15,8% Marche 2,6% Molise 1,0% Piemonte 6,0% Puglia 7,4% Sardegna 6,6% Sicilia 7,2% Toscana 5,8% Trentino Alto Adige 2,0% Umbria 1,6% Valle d'aosta 0,6% Veneto 7,8% Totale 100,0% Macro area di localizzazione Area % Nord Est 20,6% Nord Ovest 26,0% Centro 19,8% Sud 33,6% Totale 100,0% 6

7 Sono 17 gli anni medi di attività delle organizzazioni intervistate. I Consorzi si attestano invece su una media di poco più di 10 anni di attività. Nei Consorzi, la media di cooperative sociali aderenti è pari a 10. mente le cooperative del campione dispongono di un organico composto da 38 dipendenti, 41 soci cooperatori e 5 volontari. Anno di costituzione Più di 20 anni 29,2% Non ricorda 1,2% 1-3 anni 2,8% 4-10 anni 22,2% anni 44,6% Cooperative presenti nei consorzi Meno di 10 consorziate 47,4% Oltre 10 consorziate 52,6% Dipendenti + Soci cooperatori Da 1 a 15 dipendenti + soci coop 27,7% Più di 50 dipendenti + soci coop 33,7% Da 16 a 50 dipendenti + soci coop 38,7% 7

8 Nelle organizzazioni che operano principalmente nel settore pubblico, le risorse umane quasi raddoppiano rispetto a quelle presenti nelle cooperative che lavorano principalmente nel mercato: si passa da 51 (soci e dipendenti) a 93 addetti (soci e dipendenti). Il 76.9% delle cooperative sociali di tipo A opera principalmente nel settore pubblico, mentre il 56.1% quelle di tipo B opera. Settore principale di attività Settore principale di attività per fatturato % Assistenza socio sanitaria 7,8% Assistenza socio sanitaria 35,6% Servizi educativi e di formazione 4,6% Servizi educativi e di formazione 13,6% Servizi ambientali 3,0% Servizi ambientali 6,0% Altri prodotti e servizi 18,0% Altri prodotti e servizi 10,2% Non risponde 1,2% Macro variabili dei settori principali di attività Altri Prodotti e Servizi 28,2% Servizi Ambientali 9,0% Non risponde 1,2% Assistenza Socio Sanitaria 43,4% Servizi educativi e di formazione 18,2% Non risponde 1,2% Pubblico 65,4% Mercato 33,4% 8

9 PREVISIONI ENTRATE 2012: CONTRIBUTI, CONVENZIONI, DONAZIONI (CCD) La maggior parte degli intervistati prevede per il 2012 un trend negativo per le entrate derivanti da contributi, convenzioni, rapporti con la P.A. e donazioni. Sono i Consorzi a denunciare i cali più elevati, mentre le cooperative sociali di tipo A+B sono le più ottimiste. Le previsioni risultano migliori al Sud e al Centro rispetto al Nord Est e al Nord Ovest. Gli anni di attività non costituiscono una discriminante nelle previsioni, sebbene le cooperative più giovani si dichiarino lievemente più ottimiste rispetto alle altre tipologie. D1_Per il 2012 come prevede l andamento delle entrate derivanti da contributi, convenzioni, rapporti con la pubblica amministrazione, donazioni, ecc In forte crescita 0% Crescita 8,2% Stabili 36,8% In diminuzione 35,8% In forte diminuzione 6,6% Non so Non abbiamo rapporti 3,6% 9,0% Tipologia Previsione entrate da CCD* Consorzi Coop A Coop B Coop A+B Crescita 8,1% 7,9% 18,2% Stabili 21,1% 40,7% 32,9% 27,3% Diminuzione 78,9% 43,1% 38,4% 31,8% Non so 4,1% 3,0% 4,5% Non abbiamo rapporti 4,1% 17,7% 18,2% Totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% * CCD = contributi, convenzioni, donazioni e rapporti con la pubblica amministrazione 9

10 Previsioni entrate CCD* in rapporto al settore principale di fatturato Le cooperative che operano prevalentemente per il PUBBLICO si dimostrano leggermente più in difficoltà rispetto a quelle che operano prevalentemente per il MERCATO. Per quanto concerne i settori principali di fatturato, le cooperative che offrono Servizi Ambientali sono quelle che formulano le migliori previsioni di incremento. Al contrario nei servizi educativi e di formazione si osservano le previsioni peggiori. Assistenza Socio Sanitaria Assistenza Socio Sanitaria Servizi educativi e di formazione Servizi educativi e di formazione Servizi ambientali Servizi ambientali Altri Prodotti e Servizi Altri Prodotti e Servizi 5,1% 33,3% 41,0% 20,5% 10,7% 42,7% 43,8% 0,6% 2,2% 21,7% 56,5% 8,7% 13,0% 8,8% 44,1% 42,6% 4,4% 6,7% 40,0% 40,0% 13,3% 16,7% 30,0% 46,7% 6,7% 4,4% 28,9% 28,9% 34,4% 3,3% 7,8% 33,3% 51,0% 2,0% 5,9% Crescita Stabili Diminuzione Non abbiamo rapporti Non so * CCD = contributi, convenzioni, donazioni e rapporti con la pubblica amministrazione 10

11 PREVISIONI ENTRATE 2012: VENDITA PRODOTTI E SERVIZI A MERCATO (PSM) Il 16% degli intervistati dichiara di non avere rapporti con il mercato. Il dato evidenzia l opportunità di interventi per favorire le relazioni tra cooperative sociali e mercato. Tra coloro che dichiarano di avere rapporti con il mercato, le previsioni per il 2012 sono sicuramente migliori rispetto a quanto osservato per le entrate da contributi, donazioni, convenzioni. Sono le cooperative di tipo B e le organizzazioni più giovani a prevedere i maggiori incrementi. D2_Per il 2012 come prevede l andamento delle entrate derivanti da vendita di prodotti e servizi? In forte crescita 0,2% Crescita 18,0% Stabili 44,4% In diminuzione 16,8% In forte diminuzione 1,6% Non so 3,0% Non abbiamo rapporti 16,0% Tipologia Previsione entrate da PSM** Consorzi Coop A Coop B Coop A+B Crescita 15,8% 15,3% 25,6% 9,1% Stabili 42,1% 44,7% 43,3% 50,0% Diminuzione 36,8% 14,9% 22,0% 18,2% Non so 2,7% 3,7% 4,5% Non abbiamo rapporti 5,3% 22,4% 5,5% 18,2% Totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% ** PSM = prodotti e servizi 11

12 Previsioni entrate PSM* in rapporto al settore principale di fatturato Sebbene la congiuntura economica, non favorisca previsioni ottimistiche, chi ha investito ed investe quotidianamente nelle proprie attività dichiara maggior ottimismo rispetto a chi vive le attività come categoria residuale e marginale. Assistenza Socio Sanitaria a MERCATO Assistenza Socio Sanitaria per il PUBBLICO Servizi educativi e di formazione a MERCATO Servizi educativi e di formazione per il PUBBLICO Servizi ambientali a MERCATO Servizi ambientali per il PUBBLICO Altri Prodotti e Servizi a MERCATO Altri Prodotti e Servizi per il PUBBLICO 25,6% 48,7% 15,4% 7,7% 2,6% 15,7% 43,8% 11,8% 27,0% 1,7% 13,0% 43,5% 8,7% 13,0% 11,8% 44,1% 21,7% 17,4% 4,3% 33,3% 60,0% 6,7% 26,7% 33,3% 33,3% 6,7% 23,3% 43,3% 26,7% 1,1% 5,6% 13,7% 43,1% 27,5% 15,7% Crescita Stabili Diminuzione Non abbiamo rapporti Non so ** PSM = prodotti e servizi 12

13 RAPPORTI CON GLI ISTITUTI DI CREDITO Una cooperativa su 3 ha rapporti solo con una banca. I consorzi di cooperative sociali sono la tipologia che intrattiene rapporti con il maggior numero di istituti bancari (3,21), all opposto le cooperative di tipo B (2,01). mente, sono le cooperative mature (con il maggior numero di anni di attività) a rapportarsi con un maggior numero d istituti. Infine, è interessante osservare che nel Nord Italia le cooperative dialogano con un maggior numero di istituti di credito rispetto a quanto avvenga al Sud. D8_Con quante banche (istituti) siete in rapporto? Tre banche 19,2% Due banche 39,8% Più di tre banche 8,8% Una banca 32,2% Numero di banche in rapporto alle tipologie di cooperativa sociale Tipologia Consorzio di cooperative sociali 3,21 Cooperativa sociale di tipo A 2,14 Cooperativa sociale di tipo B 2,01 Cooperativa sociale di tipo A+B 2,32 generale 2,15 Numero di banche in rapporto alla localizzazione delle cooperative sociali Area Geografica Nord Est 2,41 Nord Ovest 2,36 Centro 2,03 Sud 1,89 Generale 2,15 Numero di banche in rapporto al n di dipendenti e soci cooperatori Dipendenti + Soci cooperatori Pìù di 50 dipendenti + soci coop 2,67 Da 16 a 50 dipendenti + soci coop 2,01 Da 1 a 15 dipendenti + soci coop 1,55 Totale 2,15 13

14 LA PERCEZIONE DEL TRATTAMENTO Più della metà delle cooperative intervistate ritiene che le loro banche non riservino un trattamento migliore alle organizzazioni del terzo settore. Molti intervistati ritengono che, anzi, il trattamento sia peggiore e che le cooperative sociali siano a priori considerate come soggetti a rischio dalle banche, indipendentemente dalla loro situazione patrimoniale. La tipologia meno critica è quella delle cooperative sociali di tipo A, in particolare, le organizzazioni operanti nel settore socio-sanitario per il mercato privato. Considerando il dato per area geografica, nel nord-est la percentuale di coloro che non ha elementi per esprimersi arriva al 26.2%, mentre al sud la percentuale di cooperative sociali che ritiene di non avere condizioni migliori delle imprese for profit sono il 60.1%. D3_Ritiene che le banche con cui siete in rapporto riservino condizioni migliori al non profit che alle imprese for profit? Non saprei 17,6% Si 28,2% No 54,2% Tipologia Consorzi A B A+B Si 21,1% 30,2% 25,6% 27,3% No 68,4% 48,8% 61,0% 63,6% Non saprei 10,5% 21,0% 13,4% 9,1% Totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 14

15 LIVELLO SODDISFAZIONE La porzione di soddisfatti supera di oltre dieci punti percentuali quella degli insoddisfatti: 38,8% contro 21,8%. Alta la quota di coloro che non prendono posizione, pari al 39,4% del campione. Il livello di soddisfazione degli intervistai influenza anchela percezione circa il miglior trattamento riservato dalle banche alle organizzazioni non profit: chi è soddisfatto è più propenso a considerarsi in una situazione di privilegio rispetto a chi non lo è. D5_Complessivamente qual è il livello di soddisfazione per i servizi utilizzati? insoddisfatto 6,4% soddisfatto 6,2% Insoddisfatto 15,4% Nè nè 39,4% Condizioni migliori per Non Profit Livello di soddisfazione Si No Non saprei Totale soddisfatto 51,6% 35,5% 12,9% 100% Soddisfatto 38,7% 37,4% 23,9% 100% Insoddisfatto 9,1% 77,9% 13,0% 100% insoddisfatto 9,4% 84,4% 6,3% 100% 15

16 SERVIZI BANCARI UTILIZZATI I prodotti/servizi relativi all operatività quotidiana sono quelli con le più alte percentuali di utilizzo: pagamento stipendi e bonifici, a seguire Ri.Ba e R.I.D. Territori ancora in gran parte inesplorati risultano: l utilizzo del web, il factoring del credito e le coperture assicurative. In sede di intervista, alcuni tra gli interpellati affermano che l utilizzo di finanziamenti è basso perché le banche non li hanno concessi, anche a fronte di garanzie personali dei soci cooperatori. D4_Qual è stato l utilizzo dei seguenti strumenti/servizi bancari negli ultimi 12 mesi? Richieste di finanziamento per attività Richieste finanziamento investimenti Anticipo crediti/contributi P.A. Anticipo 5x1000 Factoring del credito Fidejussioni anticipo contributi Servizi Pos e Pos virtuale Coperture assicurative Bonifici Pagamento stipendi Ri.Ba R.I.D. attivi Web per raccolta fondi Web per vendita/prodotti servizio 28,2% 71,8% 25,6% 74,4% 44,0% 56,0% 10,4% 89,6% 9,4% 90,6% 35,0% 65,0% 27,0% 73,0% 14,8% 85,2% 99,0% 1,0% 97,6% 2,4% 67,4% 32,6% 50,6% 49,4% 8,8% 91,2% 10,2% 89,8% Utilizzo Non utilizzo 16

17 UTILIZZO STRUMENTI: FINANZIAMENTI PER ATTIVITÀ Il 28.2% delle cooperative intervistate dichiara di aver utilizzato finanziamenti per attività negli ultimi 12 mesi. Di queste, solo 1 su 3 afferma di avere impiegato tale strumento in maniera intensa ( Alto o Alto ). L indice di utilizzo dei finanziamenti per attività è più alto nelle cooperative più giovani (attive da meno di 4 anni), e presenta un andamento decrescente all aumentare del numero di anni di attività. I finanziamenti per attività vengono utilizzati in maniera più intensa da cooperative che lavorano prevalentemente per il Mercato e dalle cooperative con sede legale nel Sud Italia. Interessante notare come il livello di utilizzo dei finanziamenti per attività sia più intenso tra le cooperative che prevedono una crescita delle entrate per il Finanziamento per attività (Campione = 500) Livello utilizzo richieste di finanziamento per attività (Campione = 141) Non utilizzo 71,8% Utilizzo 28,2% alto 15,6% Alto 17,7% Né né 22,7% Basso 23,4% basso 20,6% di utilizzo dei finanziamenti per attività Attività 1-3 anni 3, anni 2, anni 2,91 > 20 anni 2,69 Generale 2,84 Area Nord Est 2,76 Nord Ovest 2,51 Centro 2,73 Sud 3,45 Generale 2,84 Previsione entrate da CCD * Crescita 3,60 Stabili 2,67 Diminuiscono 2,60 Generale 2,84 Previsione entrate da PSM ** Crescita 3,27 Stabili 2,68 Diminuiscono 2,89 Generale 2,84 Settore principale fatturato Mercato 3,07 Pubblico 2,78 Generale 2,84 basso Indice alto * CCD= Previsione entrate da contributi, convenzioni, donazioni e rapporti con la pubblica amministrazione ** PSM= Previsione entrate da prodotti e servizi 17

18 UTILIZZO STRUMENTI: FINANZIAMENTI PER INVESTIMENTI Il 25.6% delle cooperative intervistate dichiara di aver utilizzato finanziamenti per investimenti negli ultimi 12 mesi. Di queste solo 1 su 4 afferma di avere utilizzato tale strumento in maniera intensa ( Alto o Alto ). Anche i finanziamenti per investimenti vengono utilizzati in misura maggiore dalle cooperative più giovani, sebbene con una intensità inferiore rispetto ai finanziamenti per attività. Gli indici di utilizzo risultano particolarmente elevati tra le cooperative che prevedono per il 2012 un aumento delle entrate derivanti da contributi, convenzioni e donazioni. Le cooperative che richiedono con maggiore intensità i finanziamenti per investimenti sono quelle che offrono Servizi Ambientali. Le cooperative con sede legale nel Sud Italia risultano le più attive sotto il profilo degli investimenti. Finanziamento per investimenti (Campione = 500) Non utilizzo 74,4% Utilizzo 25,6% Livello utilizzo richieste di finanziamento per investimenti (Campione = 128) alto 14,8% Alto 12,5% Né né 28,9% Basso 16,4% basso 27,3% di utilizzo dei finanziamenti per investimenti Attività 1-3 anni 2, anni 2, anni 2,77 > 20 anni 2,54 Generale 2,71 Previsione entrate da CCD * Crescita 4,00 Stabili 2,65 Diminuiscono 2,50 Generale 2,71 Area Nord Est 2,67 Nord Ovest 2,49 Centro 2,36 Sud 3,34 Generale 2,71 Previsione entrate da PSM ** Crescita 2,90 Stabili 2,80 Diminuiscono 2,63 Generale 2,71 Settore principale fatturato Assistenza Socio Sanitaria 2,72 Servizi educativi e di formazione 2,84 Servizi Ambientali 3,06 Altri Prodotti e Servizi 2,52 Generale 2,71 basso Indice alto * CCD= Previsione entrate da contributi, convenzioni, donazioni e rapporti con la pubblica amministrazione ** PSM= Previsione entrate da prodotti e servizi 18

19 UTILIZZO STRUMENTI: ANTICIPO CREDITI/CONTRIBUTI P.A. Il 44.0% delle cooperative intervistate dichiara di aver richiesto l anticipo dei crediti o dei contributi della P.A negli ultimi 12 mesi. Di queste oltre la metà afferma di aver utilizzato tale strumento in maniera intensa ( Alto o Alto ). L utilizzo di tale servizio mostra un andamento crescente rispetto alle dimensioni delle cooperative, viene infatti maggiormente usato da quelle con il maggior numero di dipendenti e soci cooperatori. L indice di intensità di utilizzo aumenta tre le cooperative che prevedono per il 2012 una crescita delle entrate derivanti da contributi, convenzioni e donazioni. Le cooperative che più ricorrono a questo strumento sono quelle che lavorano per la pubblica amministrazione, in particolar modo quelle che offrono servizi di Assistenza Socio - Sanitaria. Anticipo crediti/contributi della P.A. (Campione = 500) Livello utilizzo Anticipo crediti/contributi della P.A. (Campione = 220) Non utilizzo 56,0% Utilizzo 44,0% alto 34,5% Alto 21,4% Né né 21,4% Basso 14,1% basso 8,6% di utilizzo Anticipo crediti/contributi della P.A. Settore principale fatturato Assistenza socio sanitaria Assistenza socio sanitaria Servizi educativi e di formazione Servizi educativi e di formazione Servizi ambientali Servizi ambientali Altri prodotti e servizi Altri prodotti e servizi 3,86 3,91 3,25 3,38 3,75 3,64 2,65 3,67 Generale 3,59 Dipendenti + Soci cooperatori > 50 3, , ,34 Generale 3,59 Previsione entrate da CCD * Crescita 3,95 Stabili 3,62 Diminuiscono 3,52 Generale 3,59 basso Indice alto * CCD= Previsione entrate da contributi, convenzioni, donazioni e rapporti con la pubblica amministrazione 19

20 UTILIZZO STRUMENTI: ANTICIPO 5X1000 Solo il 10.4 % delle cooperative intervistate ha utilizzato l anticipo del 5x1000. L attività di debriefing con gli intervistatori ha evidenziato che in diversi casi gli intervistati non erano al corrente della possibilità di richiedere il servizio. Fra gli utilizzatori oltre il 70% afferma di servirsi di tale servizio in maniera poco intensa (utilizzo basso o basso ). Gli indici di utilizzo più alti si possono osservare tra le cooperative di tipo A+B e B e tra quelle che hanno più anni di attività alle loro spalle (non vi sono cooperative fondate nell ultimo triennio che abbiano utilizzato l anticipo del 5x1000). Il livello di utilizzo cresce con l aumentare della numerosità del personale dipendente e dei soci cooperatori e tra le cooperative con sede legale nel Sud Italia. Anticipo 5 x 1000 (Campione = 500) Livello utilizzo Anticipo 5 x 1000 (Campione = 52) Non utilizzo 89,6% Utilizzo 10,4% alto 7,7% Alto 5,8% Né né 13,5% Basso 28,8% basso 44,2% di utilizzo Anticipo 5 x 1000 Tipologia Consorzio di cooperative sociali 1,67 Cooperativa sociale di tipo A 1,85 Cooperativa sociale di tipo B 2,36 Cooperativa sociale di tipo A+B 3,50 generale 2,04 Attività 1-3 anni anni 1, anni 2,10 > 20 anni 2,43 Generale 2,04 Dipendenti + Soci cooperatori > 50 2, , ,60 Generale 2,04 Area Nord Est 2,00 Nord Ovest 1,96 Centro 1,88 Sud 2,50 Generale 2,04 basso Indice alto 20

21 UTILIZZO STRUMENTI: FACTORING DEL CREDITO Solo il 9,4% delle cooperative intervistate dichiara di aver utilizzato il Factoring del credito negli ultimi 12 mesi. Di queste soltanto 1 su 5 afferma di utilizzare tale servizio in maniera intensa (utilizzo Alto o Alto ). L impiego del Factoring del credito presenta un andamento crescente all aumentare degli anni di attività e delle dimensioni delle cooperative intervistate (i maggiori utilizzatori sono le cooperative con più di 20 anni di attività e con più di 50 lavoratori tra dipendenti e soci cooperatori). Le cooperative che utilizzano di più il factoring sono quelle che lavorano prevalentemente per il Mercato. Infine, gli indici di intensità di utilizzo sono più alti tra le cooperative del Centro e del sul Sud Italia. Factoring del credito (Campione = 500) Non utilizzo 90,6% Livello utilizzo Factoring del credito (Campione = 47) Utilizzo 9,4% alto 6,4% Alto 14,9% Né né 23,4% Basso 19,1% basso 36,2% di utilizzo Factoring del credito Attività 1-3 anni anni 1, anni 2,42 > 20 anni 2,91 Generale 2,36 Area Nord Est 1,88 Nord Ovest 2,27 Centro 2,80 Sud 3,00 Generale 2,36 Dipendenti + Soci cooperatori > 50 2, , ,60 Generale 2,04 Settore principale fatturato Mercato 2,50 Pubblico 2,42 Generale 2,36 basso Indice alto 21

22 UTILIZZO STRUMENTI: FIDEJUSSIONI/ANTICIPO CONTRIBUTI Il 35.0% delle cooperative intervistate ha affermato di aver utilizzato le fidejussioni per l anticipo di contributi erogati dalla pubblica amministrazione negli ultimi 12 mesi (se si considerano anche coloro che non hanno richiesto fidejussioni bancarie ma hanno dichiarato spontaneamente di ricorrere a quelle assicurative, le fidejussioni interessano il 52.2% del campione). Di queste circa 1 su 3 ha dichiarato di utilizzare tale strumento in maniera intensa (utilizzo Alto o Alto ). Il suo utilizzo è elevato soprattutto nelle cooperative più giovani (attive da meno di 4 anni). Naturalmente, gli indici di intensità di utilizzo più alti si trovano in corrispondenza delle cooperative che hanno un attività prevalente verso la pubblica amministrazione. Tuttavia, anche tra le cooperative che svolgono soprattutto attività gli indici sono alti, e questo significa che nonostante l attività prevalente, è raro imbattersi in strutture che non intrattengono rapporti con il pubblico. La più alta intensità di utilizzo delle fidejussioni per l anticipo dei contributi si trova tra le cooperative con sede nel Centro e Sud Italia. Fidejussioni/anticipo contributi (Campione = 500) Livello utilizzo Fidejussioni/anticipo contributi (Campione = 175) Non utilizzo 65,0% Utilizzo 35,0% alto 17,1% Alto 15,4% Né né 22,9% Basso 25,1% basso 19,4% di utilizzo Fidejussioni/anticipo contributi Settore principale fatturato Assistenza socio sanitaria Assistenza socio sanitaria Servizi educativi e di formazione Servizi educativi e di formazione Servizi ambientali Servizi ambientali Altri prodotti e servizi Altri prodotti e servizi 3,10 2,90 2,43 3,19 2,17 3,09 2,55 3,05 Generale 2,86 Attività 1-3 anni 5, anni 2, anni 2,77 > 20 anni 3,00 Generale 2,86 Area Nord Est 2,73 Nord Ovest 2,75 Centro 2,97 Sud 3,02 Generale 2,86 basso Indice alto 22

23 UTILIZZO STRUMENTI: SERVIZI POS E POS VIRTUALE Il 27.0% delle cooperative intervistate dichiara di aver utilizzato il servizio POS o POS virtuale negli ultimi 12 mesi. Di queste però quasi la metà afferma di averne fatto un utilizzo limitato (utilizzo basso o Basso ). Gli indici di utilizzo del POS e del POS virtuale sono più alti tra le cooperative più giovani mentre diminuiscono, anche se in misura lieve, all aumentare degli anni di attività. È diffuso in maniera eguale tra tutte le tipologie di cooperative ad eccezione dei Consorzi in cui il dato risulta più basso. I servizi POS e POS virtuale vengono adoperati in maggior misura dalle cooperative che lavorano prevalentemente per il Mercato e in particolare da chi offre Servizi Ambientali. Servizi POS e POS virtuale (Campione = 500) Livello utilizzo Servizi POS e POS virtuale (Campione = 135) Non utilizzo 73,0% Utilizzo 27,0% alto 10,4% Alto 12,6% Né né 30,4% Basso 24,9% basso 20,7% di utilizzo Servizi POS e POS virtuale Tipologia Consorzio di cooperative sociali 1,60 Cooperativa sociale di tipo A 2,57 Cooperativa sociale di tipo B 2,88 Cooperativa sociale di tipo A+B 2,75 generale 2,66 Attività 1-3 anni 3, anni 2, anni 2,67 > 20 anni 2,50 Generale 2,66 Settore principale fatturato Assistenza Socio Sanitaria 2,59 Servizi educativi e di formazione 2,57 Servizi Ambientali 3,20 Altri Prodotti e Servizi 2,71 Generale 2,66 Settore principale fatturato Mercato 2,80 Pubblico 2,62 Generale 2,66 basso Indice alto 23

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015 IV Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Executive summary Marzo 2015 Con il contributo scientifico di 1 Finalità dell Osservatorio 5 Contenuto e metodologia dell

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA Con la forte contrazione dei prestiti bancari avvenuta in questi ultimi anni, soprattutto nei confronti delle imprese di piccola dimensione,

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI Febbraio 2013 METODOLOGIA Il campione è di 653 studi dentistici, proporzionalmente suddivisi per aree Nielsen. North West Piemonte, Val d Aosta, Lombardia,

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Osservatorio regionale sul credito dell Emilia-Romagna

Osservatorio regionale sul credito dell Emilia-Romagna Osservatorio regionale sul credito dell UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE INDAGINE DICEMBRE 2012 DOMANDA ED OFFERTA DI CREDITO IN PROVINCIA DI FORLI - CESENA 1.1 L assetto finanziario

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo OSSERVATORIO CONGIUNTURALE FEDERALIMENTARE i risultati a chiusura del primo semestre 2012. le prospettive nel breve periodo Roma 28 settembre 2012 (11128zv) agenda à metodo à clima di fiducia à andamento

Dettagli

Domanda e offerta di credito Resta ancora bassa la percentuale di imprese del commercio, del turismo e dei servizi che nel secondo trimestre 2014 si

Domanda e offerta di credito Resta ancora bassa la percentuale di imprese del commercio, del turismo e dei servizi che nel secondo trimestre 2014 si Osservatorio credito regionale: al sud finanziamenti col contagocce by Redazione 8 ottobre 2014 Nel secondo trimestre del 2014, per quasi la metà delle imprese del terziario (48%) resta critica la capacità

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

primo trimestre 2012

primo trimestre 2012 osservatorio congiunturale sulle imprese della provincia di Latina primo trimestre 2012 Pierluigi Ascani Format Research Sala Conferenze Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza, Sede di Latina

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

SURVEY SUI RISTORANTI ITALIANI

SURVEY SUI RISTORANTI ITALIANI SURVEY SUI RISTORANTI ITALIANI criteri di scelta e posizionamento dei vini del Trentino Luglio 2014 UNIVERSO DI RIFERIMENTO: ristoranti/trattorie/wine bar presenti nelle principali guide italiane (Michelin,

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso

Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Social Bond UBI Comunità: Valore condiviso Damiano Carrara 1 dicembre 2015 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 3 Gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione Circa

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli