Introduzione allo studio del bilancio di esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione allo studio del bilancio di esercizio"

Transcript

1 Introduzione allo studio del bilancio di esercizio art 2424 contenuto dello stato patrimoniale art 2424 bis disposizioni relative alle singole voci dello SP art 2426 criteri di valutazione art 2427 contenuto della nota integrativa logica di valutazione del capitale di funzionamento scopo principale del bilancio di esercizio = risultato economico RISULTATO ECONOMICO verifica: 1. raggiungimento della condizione di min. economicità (tutti i fattori produttivi remunerati) 2. processo di autovalutazione (se l autofinanziamento consente il mantenimento di un certo sviluppo) 3. motivazione del soggetto economico scopo primario è la distribuzione della ricchezza e sopravvivenza dell azienda.. poi viene la distribuzione della ricchezza perciò la det. del REDDITO DISTRIBUIBILE è fine secondario ipotesi della scindibilità dell esercizio => occorre individuare criteri di scindibilità del reddito sopratutto per il concorso al risultato economico di operazioni in atto decreto 127 per valutare i singoli elementi: 1. COMPETENZA economica del periodo ( es costo di competenza del 1 periodo ) mediante rettifiche e integrazioni di fine esercizio individuazione del valore storico e prospettico 2. PRUDENZA : il valore + attendibile è quello determinabile con minore icertezza =====> poi si procede alla ricomposizione del sys di valori (aggiustamenti per evitare la riserva occulta e annacquamento del capitale ) =====> logica di destinazione del risultato economico (verifica del sovrarreddito e riparto) NB bisogna considerare anche problemi di svalutazione della moneta ecc. principi di redazione del bilancio art bis c.c. introduce principi contabili generali nella valutazione delle singole poste => è guida per reddito di esercizio e capitale di funzionamento CRITERIO GERARCHICO cc BIS cc cc art.2423 cc comma 1 : continuità (competenza). comma 2 prudenza a) COMMA 1 : CONTINUITA è competenza: 1. temporale 2. economica :[ contrapposizione tra costi consuntivi e ricavi conseguiti...non definito solo dalla norma...prinipi contabili: 1) i ricavi e le vendite sono di competenza dell esercizio in cui sono avvenuti gli scambi o servizi 2) i costi devono essere correlati ai ricavi 3) altrimenti sono di competenza dell esercizio in cui si manifestano ] i criteri di valutazione non possono essere modificati da un esercizio all altro nella det. del reddito devono essere accolti anche accantonamenti e svalutazioni originati da eventi futuri prevedibili e perdite stimabili certe... gli elementi che compongono le voci di sintesi debbono essere valutati separatamente b) COMMA 2: PRUDENZA possono essere contabilizzati solo gli utili realizzati alla chiusura dell esercizio mentre le perdite lorde devono essere riflesse in bilancio

2 componenti pos. solo se certi.. comp. negativi anche se incerti [non sono divieti assoluti.. ma varizioni devono essere motivae nella nota integrativa] valutazione analitica delle poste del bilancio essa viene condotta attraverso questo schema : 1. normative civilistiche ( codice civile ) 2. criteri economici aziendali 3. sintesi dei principi contabili dei dottori commercialisti 4. normativa fiscale

3 Esempi di contabilità generale costituzione di una società di capitale az. c/sottoscrizione a cap sociale 200M # banche c/c vincolato a az. c/sottoscrizione 30M # az c/decimi richiamati a az. c/sottoscrizione 70M # cassa a azion.c/decimi richiamati 70M# banca y c/c a cassa 70 M# Immobile a az.c/sottoscrizione 100M..svincolo dei decimi a 31M 30,7 Erario c/ritenuta 300 (30%interessi) a interessi attivi bancari 1M a banca cc/c vincolato 30M svalutazione immobili svalutazioni a immobili 20M...reintegrazione az. c/reintegro a svalutazioni 20M# banca a azioni c/reintegro...recesso dalla società az. c/liquidazione a 100M a immobili 80M a svalutazioni 20M fattura per compensi professionali a debiti v/fornitori 1,39 costi di impianto 1,2 iva n/credito 0,19 #...e all atto di pagamento debiti v/fornitori a a cassa 1,2 a erario c/rit da versare 0,19...entro il 15 del mese successivo.. versamento dell erario erario c/rit da versare a cassa 0,19 arrotondamento erario alle 1000L Erario c/rit. da versare a a cassa a arrotondamenti attivi 200 variazione in aumento del cap.sociale az.c/sottoscriz a a capitale sociale 200M a Riserva sovrapprezzo azioni 10M (100 L ogni azione da 1000) rimborso azioni sopra la pari a azionisti c/rimborso 12M capitale sociale 10M riserve 2M# acquisti : impegni merci da ricevere a fornitori c/impegni ACQUISTO a fornitori 238

4 merci c/acquisti 200 Iva a credito 38 spese di trasporto sost dall acquirente a fornitori spese di trasporto Iva n/s credito versamento anticipo (1 M+iva) fornitori a 1,19M# a fornitori 1,190 (ricevimento fatt antic) fornitori c/anticipi 1M iva n/s crediti 190m# a 3,38 M (ric. fatt. acquisto merci) Merci c/acquisti 3M Iva n/s credito 380 a Fornit c/anticipo 1M a Fornitori 2,38M resi su acquisti debiti v/fornitori a a resi su acquisti a iva n/s credito VENDITE clienti c/impegni a merci da consegnare# crediti v/clienti a a merci c/vendite a iva n/s debito # autoconsumo crediti v/clienti a 357 a merci c/vendite 300 a iva n/s debito 57# prelevamento extragestione a crediti v/clienti 357 CAMBIALI (e tutti gli effetti commerciali) clienti a a ricavi di vendita a rimborso spese di vendita a iva a debito# cambiali attive a clienti # presentazione allo sconto in banca cambiali allo sconto a cambiali attive 100# a cambiali allo sconto sconti passivi 3 presentazione in banca al SBF banca c/anticipi SBF a cambiali attive 100# a banca c/anticipi SBF ,7 spese incasso effetti 0,3

5 presentazione in banca al dopo incasso cambiali all incasso a cambiali attive # a cambiali all incasso spese incasso cambiali protesti spese di protesto a cassa # effetti insoluti e protestati a a effetti attivi a rimborso spese di protesto ricevimento dell effetto protestato effetti ins.e protest. a Banca c/c# clienti a effetti ins. e protestati rinnovo degli effetti commerciali cassa a clienti 200#(ricevimeno parziale pagamento)# clienti a cambiali attive 500 (annullamento effetto)# clienti a interessi attivi 10# cambiali attive a clienti 310# RICEVUTE BANCARIE con accredito al dopo incasso clienti c/ricevute bancarie a clienti# (incasso alla scadenza e accredito) a clienti c/ric. bancarie oneri bancari con accredito salvo buon fine a banca c/ric bancarie oneri bancari #(emissione) (dopo l incasso) banca c/ric bancarie a clienti contratto di FACTORING senza anticipo (sys supplementare) soc. di fac. c/crediti dati a fact. a crediti dati a fact.# a soc di factoring (fruttifero) commissioni di factoring iva n/s credito (incasso e accredito) soc di fact c/c a clienti # banca a soc di fact. c/c # (sys supplementare) cred. dati a fact. a soc. di fact c/cred. dati a fact factoring con rivalsa Soc. di fact. c/crediti anticipati a crediti dati a fact 100# a soc. di fact c/c comm. di factoring 1 iva n/s credito.190# (incasso)

6 a clienti 100M soc. di fact. c/c 90 Banca c/c 10 # crediti dati a factoring a soc.di fact. c/crediti antic. 100 factoring senza rivalsa soc. di fact a clienti 100 M # a soc. di factoring c/c commissioni su factoring 3 iva n/s credito.57# a soc di factoring c/c# (chiusura periodica del c/c) a soc. di factoring c/c int passivi su factoring commissioni di factoring iva n/s credito (solo sulle commissioni) gli anticipi su fatture (con la banca) crediti v/clienti a 23,8 a merci c/vendite 20 a iva n/s credito 3,8# banche c/cessione fatture a banche c/fatture cedute 23,8# banche c/c a banche c/anticipato su fatture19,04# banche c/fatture cedute a banche c/cessione fatture23,8# a crediti v/clienti 23,8 banche c/anticipi su fatture 19,04 banche c/c 4,76# interessi passivi a banche c/c tot# gestione delle immobilizzazioni : acquisto a debiti v/fornitori impianti iva n/s credito produzione interna rilevazione al impianti in costruzione a costruzione interne (31-12) ultimata costruzione interna esercizio successivo impianti a a impianti in costruzione a costruzioni interne costi incrementativi con sostegno di 3i a debiti v/fornitori fabbricati iva n/s credito eliminazione delle immobilizzazioni vendita sul mercato fondo amministrazione. macchinari a macchinari 15,6# crediti v/s clienti a 3,57 a macchinari3m a iva ns/ debito #570m minusvalenze a macchinari 400m# cassa a crediti v/clienti 3,57M

7 permuta fondo ammort. a automezzi 30M# crediti v/clienti a 20,23 a automezzi 17M a iva n/s debito 3,23# automezzi a plusvalenze 7M# a debiti v/fornitori 77,35 automezzi 65 iva ns/ credito 12,35# radiazione fdo ammort. macchinari a macchinari 45,9 sopravvenienze passive a macchinari 8,1 cessione gratuita (con iva) minusvalenza a macchinari 300M iva indetraibile a iva n/s debito LEASING (sys degli impegni) beni in leasing a creditori c/leasing 8,04# a debiti v/fornitori 0,7973 canoni leasing 0,670 iva n/s credito 0,127# debiti v/s fornitori a 0,7973 creditori c/leasing a beni in leasing 0,670# (seguente riscatto dopo 3 anni) a debiti v/fornitori impianti iva ns/credito maxicanone e competenza a fornitori canoni leasing 40M iva a credito# (canone medio=5m) risconti attivi a canoni leasing 35M gestione del personale versamento degli anticipi personale c/anticipi a cassa liquidazione del costo del personale salari e stipendi a dipendenti c/retribuzioni liq. degli assegni familiari : noi per conto dell inps enti previdenziali e assistenziali a dip. c/retribuzioni liq. delle ritenute obbligatorie a carico del dipendente dip. c/retrib. a enti prev. e assistenziali pagamento delle retribuzioni dip c/retribuz a a personale c/anticipi a erario c/ritenute liq. degli oneri sociali a n/s carico oneri sociali a enti prev. e ass.

8 contributi del 0,5% da versare all inps per cto dei dip. recuperabili dal TFR dip c/recupero contributi a enti previdenziali e assist vesamento delle ritenute all erario con arrotondamento erario c/ritenute a a cassa a arrotondamenti attivi liquidazione con beni aziendali dip c/retribuzioni a a merci c/vendite a iva a debito# salari e stipendi a dip c/retrib finanziamenti a titolo di capitale di 3i liquidazione interessi a società (trattenuta su interessi 30%) a interessi attivi bancari banca erario c/ritenute 30% sconto di pagherò diretti (sovvenzione cambiaria) bollo 11L ogni 1000 a banche c/sovvenzioni cambiarie 12M 11,2 interessi passivi bancari 0,8# (rinnovo parziale) a 12,6 banche 12M interessi passivi bancari0,6 a cassa 3,6 a banca c/sovvenzioni bancarie 9M (estinzione) banche c/sovv. bancarie a anticipazioni sul pegno (sys supplementare) depositari ns/titoli a ns/titoli in garanzia 50M 1)=> anticipazione a scadenza fissa <= a banche c/sovvenzioni garantite 40M banche c/c 36,5 interessi passivi bancari 3,5# (scadenza) banche c/sovvenzioni a banche 40M ns titoli in garanzia a depositari ns/titoli 50M 2)=>anticipazione in c/c <= trimestralmente... interessi passivi bancari a banche c/c garantiti MUTUI 9,5 a mutuo passivo 10M (rimborso mediante rate...) a 1,3 mutuo passivo 1M int passivi su mutui (esenti iva) 0,3 PRESTITI OBBLIGAZIONARI emissione sotto alla pari

9 a prestito obbligazionario 100 obbligazionisti c/sottoscrizione 95 disaggio di emissione 5 giorno di collocamento posteriore al gg di decorr.degli interessi a erario c/ritenute subite (12,5 su inter) a obbligazionisti c/sottoscrizioni a interessi su obbligazioni (calcolo degli interessi: tot x gg x i / ) giorno di collocamento anteriore al gg di decorr.degli interessi a interessi passivi su obbligazioni a obbligazionisti c/sottoscrizioni a erario c/ritenute premi di sorteggio premi di sorteggio a obbligazionisti c/premi obbligazionisti c/premi a a banca a erario c/ritenute estinzione delle obbligazioni prestito obbligazionario a obbligazioni estratte 10M obbligazioni estratte a 10M se estinzione sopra la pari obb. estratte a a erario c/rit (12,5% su guadagno) compravendita di valori immobiliari corso telquel = corso secco + Interessi acquisto a titoli interessi su titoli oneri bancari bolli passivi a banca a erario c/ritenuta vendita a banca erario c/rit oneri bancari bolli passivi a interessi su titoli a titoli riscossione delle cedole cedole a interessi su titoli a cedole erario c/ritenute (12,5%) aquisto di titoli azionari

10 a titoli azionari oneri bancari bolli passivi vendita di titoli azionari..rilev. di utile a oneri bancari bolli passivi a titoli azionari a utile su titoli bolli (ogni minimo 2500) diretta tra le parti azioni 140 obblig 16 itermediaz. della banca az 50 ob 9 fra ag. di cambio o sim az 12 ob 9 liquidazione dell iva rilevazione iva a debito a erario c/iva erario c/iva a iva a credito versamento : a banca erario c/iva arrot. passivi 100 (se contrib. minimo con liquidazione trim. interessi del 1,5%) assestamento al integrazione determinazione dei ratei (interessi sui titoli) 1/ (x+1) ratei attivi a Interessi su titoli (31-12 ratei attivi a ricavo) (31-12 costo a ratei passivi) trattamento di fine rapporto TFR a debiti per TFR (TFR= salario/13,5) rivalutazione del TFR rivalutazione TFR a debiti per TFR [1,5+75/100(variazione istat)]% fatture da ricevere/emettere fatture da emettere a merci c/vendite merci c/acquisto a fatture da ricevere 15-1 (errore di valutazione a emiss. fattura) clienti a a fatture da emettere a soprevvenienze attive a iva a debito fondi per rischi accantonamento per rischi su cambi a fdo oscillazioni cambio

11 fondi per oneri accantonamento x manutenzione a fdo manutenzione ammortamento nuova normativa ammort.. automezzo a automezzo vecchia normativa ammort. automezzo a fdo ammort. automezzo automezzo 100 fdo.amm aut 35 =65 immobilizzazioni immateriali ammortamento brevetto a brevetto rettifica con pagamento anticipato per principio di competenza 5-12 cassa a fitti attivi 1M fitti attivi a risconto passivo 161 valutazioni merci in magazzino merci a merci c/rimanenze finali conto economico (ve ordinarie e straordinarie escluse pluriennali) conto economico a (costi) (ricavi) a conto economico conto economico a utile d esercizio stato patrimoniale finale (cf e ce pluriennali) stato patrimoniale finale a (conti con saldo dare) (conti con saldo avere) a stato patrimoniale finale (lo SPF si deve chiudere automaticamente) riapertura dei conti (vfa ve-) a stato patrimoniale iniziale stato patrimoniale iniziale a (vfp ve+) tratto da Questi appunti sono stati inviati da utenti alla redazione del portale Se questi appunti sono tuoi e non vuoi più che siano pubblicati, oppure se hai riscontrato degli errori, contattaci all indirizzo Se anche tu vuoi condividere i tuoi appunti con la community del portale, inviaceli all indirizzo:

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc.

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc. PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI Costi Ricavi Costi sospesi (CS)/ Ricavi sospesi Abbuoni attivi X Abbuoni passivi X Aggio di emissione X Ammortamento

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE I L PIANO DEI CONTI Il piano dei conti Il piano dei conti si articola in: CLASSI RAGGRUPPAMENTI CONTI DI MASTRO SOTTOCONTI 1ª posizione 2ª posizione 3ª e 4ª posizione Posizioni successive (non sviluppato)

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI Contabilità e Bilancio Prof. Matteo POZZOLI Le scritture di assestamento La sintesi dei valori contabili Siamo al 31.12 dell esercizio X o meglio stiamo predisponendo il bilancio dell esercizio X - cosa

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti prime applicazioni del metodo della partita doppia Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti.../ /200n VEN Merci c/ acquisti D 300,00.../ /200n VFN Cassa A 300,00 D Cassa A D Merci

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c.

CONTI FINANZIARI. Contanti. Cassa. Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 2. C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c. CONTI FINANZIARI Cassa Contanti Assegni Oppure: - cassa sede centrale - cassa negozio 1 - cassa negozio 2 C/C BANCARI - Un sottoconto per ciascun c/c CLIENTI Italia Estero Un sottoconto per ogni cliente

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

Prof. D. Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria

Prof. D. Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

Le principali scritture di fine esercizio

Le principali scritture di fine esercizio Le principali scritture di fine esercizio A cura di: Dott Renzo Gangai Alberton Dott Cristian Gangai Alberton Dott.ssa Michela Bettella Dott Maurizio Reffo Prima di procedere con la rilevazione delle scritture

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità Esercitazioni di Ragioneria Generale ed Applicata Modulo 1 a cura della Dott.ssa S. Basta Materiale didattico riservato esclusivamente a circolazione interna SETTIMANA 3 ARGOMENTI: SCRITTURE CONTINUATIVE:

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

ESAMI DI STATO ESPERTI CONTABILI

ESAMI DI STATO ESPERTI CONTABILI ESAMI DI STATO ESPERTI CONTABILI II SESSIONE 2011 PRIMA PROVA SCRITTA (30/11/2011) TEMA N. 1 (Tema estratto) Il candidato sviluppi il tema della riduzione del capitale per perdite nelle società per azioni

Dettagli

Piano dei Conti 01 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI S 02 COSTI PLURIENNALI S 03 RIMANENZE S 05 CASSA S 06 BANCHE S 10 CLIENTI S 12 ERARIO C/I.V.A.

Piano dei Conti 01 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI S 02 COSTI PLURIENNALI S 03 RIMANENZE S 05 CASSA S 06 BANCHE S 10 CLIENTI S 12 ERARIO C/I.V.A. 20/01/2012 Pagina 1 di 5 01 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI S 0101 TERRENI S 0102 FABBRICATI CIVILI S 0104 COSTRUZIONI LEGGERE S 0105 IMPIANTI GENERICI S 0106 IMPIANTI SPECIFICI S 0107 MACCHINARI S 0108 ATTREZZATURE

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Le operazioni accessorie

Le operazioni accessorie Albez edutainment production Le operazioni accessorie III Classe ITC 1 I servizi di riscossione Sono servizi svolti dalla banca per conto dell impresa e riguardano principalmente le disposizioni elettroniche

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12

ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 780 del 21 maggio 2013 pag. 1/12 Piano dei conti ATTIVITA' CREDITI PER QUOTE ASSOCIATIVE DA INCASSARE Crediti per quote associative da incassare Crediti

Dettagli

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo

Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Dispensa di Contabilità generale di Paolo Di Santo Premessa Chi gestisce la contabilità di un impresa lo fa perché alla fine di ogni anno di gestione ha bisogno di conoscere due cose fondamentali relative

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte

RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte Ragioneria generale - ESERCIZIO N. 1 (versione semplificata non si tiene conto dell IVA) Si proceda a contabilizzare in P.D. i seguenti fatti amministrativi commentando

Dettagli

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI CHIUSURA GENERALE DEI CONTI Una volta effettuate le scritture di assestamento per la determinazione della competenza economica dei costi e dei ricavi, si procede all'epilogo dei conti al "Conto del Risultato

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Appunti in tema di contabilità A.A. 2003-2004 Appunti di contabilità

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Corso on line di contabilità generale:

Corso on line di contabilità generale: ON02 Nisaba Solution Corso on line di contabilità generale: Il piano dei conti La contabilità ordinaria FEBBRAIO 2014 P a g. 1 Sommario INTRODUZIONE... 2 1. IL PIANO DEI CONTI... 3 2. CONCLUSIONI... 11

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

Ragioneria Generale ed Applicata

Ragioneria Generale ed Applicata Ragioneria Generale ed Applicata Corso 00-49 LEZIONE n. 17 Prof.ssa Anna Paris anna.paris@unisi.it Università degli Studi di Siena School of Economics and Management Dip. di Studi Aziendali e Giuridici

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica

Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica conomia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica INDICE Le informazioni finanziarie ed economiche... 3 Il metodo della partita doppia... 4 Gli acquisti nel mercato nazionale... 5 Acquisto di beni

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü I crediti di natura commerciale ü Le partite da liquidare ü I crediti dubbi e in contenzioso ü i crediti tributari ü I crediti verso altri 2 1 COLLOCAZIONE NELLO STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Piano dei Conti. Contabilità Semplificata (Esempio) Irap +/- Irpef +/- Codice Descrizione Tipo Categoria

Piano dei Conti. Contabilità Semplificata (Esempio) Irap +/- Irpef +/- Codice Descrizione Tipo Categoria 01-- IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Patrimoniale Alt 01-01- Costi Impianto e Ampliamento Patrimoniale Imm 01-01-00001 SPESE DI COSTITUZIONE E IMP. Patrimoniale Imm 01-01-00002 SPESE DI MODIFICHE STATUTARIE

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003

FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003 FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003 Al 30/11/2002, le poste contabili della MaeBI s.n.c. presentano i seguenti

Dettagli

Le rilevazioni contabili

Le rilevazioni contabili Le rilevazioni contabili Una rilevazione contabile consiste nella raccolta e nella elaborazione dei dati relativi alla gestione, al fine di rappresentarli e interpretarli. Le rilevazioni contabili si concretano

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME:

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE ooooooooo Con riferimento

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

Srl La predisposizione del piano finanziario

Srl La predisposizione del piano finanziario Srl La predisposizione del piano finanziario 1 Srl stato patrimoniale al 31/12/24 Attività Passività Software e licenze 55., 22., Impianti generici 15., 28., Mobili ed arredi 124., 12., Macchine elettroniche

Dettagli

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali.

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI CLASSE 4G PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE. Questionario: Il bilancio d'esercizio

IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI CLASSE 4G PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE. Questionario: Il bilancio d'esercizio IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI CLASSE 4G PROVA STRUTTURATA DI ECONOMIA AZIENDALE Questionario: Il bilancio d'esercizio 1. Il bilancio d'esercizio delle società di capitali: a) è composto dallo Stato patrimoniale

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

LA CONTABILITÀ GENERALE

LA CONTABILITÀ GENERALE LA CONTABILITÀ GENERALE OGGETTO: IL SISTEMA DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCOPO: 1) DETERMINAZIONE PERIODICA CAPITALE DI FUNZIONAMENTO E REDDITO 2) CONTROLLO CONTINUO MOVIMENTI FINANZIARI ED ECONOMICI STRUMENTO:

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ANNO 2006 PRIMA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 1) Il candidato rediga il I Bilancio di verifica al 31/12/2005 della società

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * *

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * * AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG Codice fiscale 02101190169 * * * * * NOTA INTEGRATIVA ABBREVIATA 2013 EX ART. 2427 E 2435 BIS CODICE CIVILE Signori Soci,

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER IMPIEGATI AMMINISTRATIVI

CORSO DI FORMAZIONE PER IMPIEGATI AMMINISTRATIVI CORSO DI FORMAZIONE PER IMPIEGATI AMMINISTRATIVI I CORSO 02 LUGLIO 2007-30 LUGLIO 2007 PROVA RELATIVA AL MODULO AMMINISTRATIVO-CONTABILE-GESTIONALE ESERCIZIO N. 1 Specificare per ogni affermazione se questa

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a.

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Esercitazioni svolte 2008 Scuola Duemila 91 Esercitazione n. 17 Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Obiettivi Saper fare: effettuare le procedure di calcolo relative alle operazioni tipiche

Dettagli

17/03/09 PIANO DEI CONTI Nr. 4 - Piano dei conti uno Pagina: 1

17/03/09 PIANO DEI CONTI Nr. 4 - Piano dei conti uno Pagina: 1 17/03/09 PIANO DEI CONTI Nr. 4 - Piano dei conti uno Pagina: 1 ----------- 1. LIQUIDITA' 1. 01. CASSA Cod. Azienda Cod. Utente 1. 01. 001. CASSA CONTANTI 1. 01. 002. VALORI BOLLATI 1. 01. 003. CASSA ASSEGNI

Dettagli

CAPRIS S.R.L. Bilancio al 31/12/2012 Redatto in forma abbreviata

CAPRIS S.R.L. Bilancio al 31/12/2012 Redatto in forma abbreviata Reg. Imp. 08635330015 Rea 988433 CAPRIS S.R.L. Sede in VIA SANTA MARIA N.1-10100 TORINO (TO) Capitale sociale Euro 60.000,00 i.v. Bilancio al 31/12/2012 Redatto in forma abbreviata Stato patrimoniale attivo

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

di Giovanni Maria Garegnani

di Giovanni Maria Garegnani APPUNTI ED ESERCIZI DI RAGIONERIA APPLICATA di Giovanni Maria Garegnani Indice Capitolo 1: Esercizi sulle scrittura di partita doppia...3 a) Ciclo acquisti... 3 b) Ciclo vendite... 4 c) Scritture relative

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. II parte

ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. II parte ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE II parte 1 L AZIENDA: i caratteri distintivi 1) E una comunità di persone che assume la funzione di creare valore per soddisfare i bisogni umani 2) E un organismo,

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

Ragioneria Generale ed Applicata

Ragioneria Generale ed Applicata Ragioneria Generale ed Applicata Corso 00-49 LEZIONE n. 15 Prof.ssa Anna Paris anna.paris@unisi.it Università degli Studi di Siena School of Economics and Management Dip. di Studi Aziendali e Giuridici

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

www.net4students.org Pag. 1

www.net4students.org Pag. 1 TOMO 1-5. SOCIETÀ DI CAPITALI: FINANZIAMENTI A TITOLO DI CAPITALE DI DEBITO 5.2 confronto tra prestito obbligazionario e mutuo passivo Piano di ammortamento finanziario del prestito obbligazionario Anni

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO SCRITTURE DI STORNO HANNO LO SCOPO DI RINVIARE ALL ESERCIZIO SUCCESSIVO COSTI E RICAVI GIA RILEVATI IN CONTABILITA CHE PER IL LORO VALORE INTERO, O SOLO PER UNA QUOTA, SONO CONSIDERATI NON DI COMPETENZA

Dettagli