LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEASING, LEASE-BACK E FACTORING"

Transcript

1 ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone da imputare a ciascun periodo d imposta deve essere determinata in base alla durata contrattuale facendo ricorso all istituto dei risconti contabili. Stipulazione nel dicembre dell anno n di un contratto di leasing (durata 24 mesi) con pagamento di maxicanone iniziale. Gli importi dovuti sono i seguenti: Maxicanone leasing: Canone leasing mensile: In questa ipotesi occorrerà: 1) determinare il canone mensile: Canone mensile = Totale canoni = = mesi 24 2) riscontare gli importi imputati a conto economico. In particolare nell anno n la società sarà tenuta a rilevare spese di leasing soltanto per dato che il macchinario è stato utilizzato per un solo mese. Contabilmente la società dovrà iscrivere un risconto attivo pari a così determinato: Maxicanone leasing: Canone leasing (dicembre): Totale Canone di competenza Risconto attivo al 31/12/n Le scritture contabili sono le seguenti: Diversi a Fornitori ,00 Canoni di leasing ,00 (maxicanone) IVA ns/credito 4.800,00 Diversi a Fornitori 4.800,00 Canoni di leasing 4.000,00 IVA ns/credito 800,00 Risconti attivi a Canoni di leasing ,00

2 96 Parte II: Eserciziario Nell anno n+1 i canoni complessivamente contabilizzati saranno pari a così determinati: Al momento di riapertura bilancio (storno dell articolo in P.D. dell esercizio precedente): Canoni di leasing a Risconti attivi ,00 Imputazione dei canoni mensili Diversi a Fornitori 4.800,00 Canoni di leasing 4.000,00 IVA ns/credito 800,00 I canoni di competenza dell esercizio n+1 sono pari a = Al termine dell esercizio la società sarà tenuta a rilevare un risconto attivo sui canoni di leasing per un importo pari a così determinato: Canone leasing in contabilità anno n+1: Canoni leasing di competenza rideterminati: ( ) Risconto attivo anno 31/12/n+1: Risconti attivi a Canoni di leasing ,00 Per quanto riguarda l ammortamento dei beni concessi in leasing, la normativa ha subìto modifiche ad opera della Finanziaria In particolare, l impresa concedente (imputando a conto economico i canoni) deduce quote di ammortamento determinate sulla base del piano di ammortamento finanziario. Per l impresa utilizzatrice le regole di nuova introduzione sono contemplate nella nuova versione dell art. 102 del Tuir. ESERCIZIO 2 LEASE-BACK CON OGGETTO BENI IMMATERIALI Il lease-back può essere definito come quell operazione attraverso la quale un soggetto imprenditore (leasee) vende un bene di sua proprietà (mobile o immobile) di natura strumentale per l esercizio della sua attività di impresa, ad una società di leasing (lessor), la quale paga il corrispettivo e, contestualmente, concede in locazione finanziaria lo stesso bene all originario proprietario-venditore contro il versamento periodico dei canoni di leasing per una durata fissata. I vantaggi del lease-back risiedono: a) nella possibilità di acquisire nuove risorse finanziarie; b) nella migliore rappresentazione debitoria risultante in bilancio; c) nell elasticità dell operazione; d) nei vantaggi fiscali da essi derivanti.

3 Leasing, lease-back e factoring Vendita del marchio: Data di effetto del contratto: Durata del contratto: mesi Maxicanone iniziale: Canone periodico: Numero canoni: 60 Prezzo riscatto: Costo sostenuto dal concedente: Valore complessivo del contratto compreso riscatto: ) Vendita del marchio alla società di leasing con rilevazione della plusvalenza Crediti v/clienti a Diversi Marchio Plusvalenza alienazione Iva ns/debito ) Sottoscrizione del contratto di leasing e iscrizione nei conti d ordine dell importo dei canoni di leasing e del prezzo di riscatto da pagare Impegni per beni a Creditori in leasing c/leasing ) Rilevazione del maxicanone iniziale Diversi a Debiti v/società di leasing Canoni di leasing Iva ns/credito ) Canoni di leasing periodico

4 98 Parte II: Eserciziario ) Storno parziale dei conti d ordine Viene effettuato lo storno parziale dei conti d ordine per adeguare il totale degli impegni al 31/ 12 rispetto al valore iniziale a seguito dei pagamenti dei canoni e del maxicanone Impegni per beni a Creditori in leasing c/leasing ) Rilevazione del risconto attivo per la parte di maxicanone di competenza esercizi futuri. Risconti attivi a Canoni di leasing ) La ripartizione della plusvalenza derivante dalla cessione del marchio La plusvalenza ai sensi dell art. 2425bis del c.c. (integrato dall art. 16 del D.Lgs. 28/12/2004 n. 310) prevede che le plusvalenze derivanti da operazioni di compravendita con locazione finanziaria siano ripartite in funzione della durata del contratto di locazione. Plusvalenza alienazione a Risconti passivi ) Riscatto del marchio Al momento del riscatto dovrà essere effettuata la scrittura: data Diversi a Debiti verso società leasing Marchio Iva ns/credito Iscrizione in bilancio L iscrizione in bilancio deve avvenire secondo il metodo patrimoniale; quindi: canoni di leasing devono essere annotati nel conto economico secondo il principio di competenza economica; il valore complessivo dei canoni di leasing devono essere annotati nei conti d ordine. Nella Nota Integrativa si dovrà riportare un prospetto in cui siano evidenziati i seguenti dati: il valore attuale delle rate di canone non scadute attraverso l utilizzo dei tassi di interesse pari all onere finanziario effettivo inerente ai singoli contratti nonché l onere finanziario effettivo attribuibile ad essi; l ammortamento complessivo a cui i beni oggetto del leasing sarebbero stati iscritti alla data di chiusura dell esercizio qualora fossero stati considerati immobilizza-

5 Leasing, lease-back e factoring zioni indicando separatamente gli ammortamenti, le rettifiche e le riprese di valore che sarebbero stati inerenti all esercizio. Rappresentazione negli schemi del conto economico e dello stato patrimoniale Stato patrimoniale D) Ratei e risconti E) Ratei e risconti Risconti attivi Risconti passivi (plusvalenza) Nei conti d ordine sarà indicato l importo dei canoni di leasing e del prezzo di riscatto ancora da pagare ESERCIZIO 3 Conto economico A) Valore della produzione 5. Altri ricavi e proventi (Plusvalenza di competenza dell esercizio) B) Costi della produzione 8. Per godimento di beni di terzi (canoni di locazione finanziaria) IL FACTORING Non esiste ad oggi una definizione univoca di factoring. Provandone tuttavia a darne una, si può affermare che il contratto di factoring consiste nel trasferimento di crediti commerciali dal loro titolare ad un factor che si assume l incarico della riscossione e ne garantisce il buon fine, anche in caso di insolvenza momentanea o di fallimento del debitore, con la ritenuta di alcune commissioni per il servizio reso. I crediti aziendali possono essere ceduti alle società di factoring per finalità diverse, ovvero: a titolo di garanzia da rischi di insolvenza, nell ipotesi di cessione senza azione di regresso; per finalità finanziarie, se la società di factoring anticipa al cedente delle somme a fronte dei crediti ceduti; per il mandato all incasso, se la società di factoring si limita a curare la riscossione per conto del cedente. Nello specifico, la cessione dei crediti può essere effettuata: a) senza azione di regresso (pro-soluto); b) con azione di regresso (pro-solvendo). 99

6 100 Parte II: Eserciziario Esercizio 3.1 Crediti ceduti senza azione di regresso (pro-soluto) Nella cessione senza azione di regresso (c.d. cessione pro-soluto) il cedente si limita a garantire l esistenza del credito ma non la solvibilità del creditore. In tale situazione: i crediti ceduti devono essere rimossi dal bilancio del cedente e l utile o la perdita riconosciuti per la differenza tra il valore ricevuto ed il valore cui erano iscritti in bilancio; la perdita su crediti deve ritenersi certa già al momento della cessione del credito alla società di factoring in quanto il cedente perde ogni diritto sui crediti ceduti. La società Alfa cede ad una società di factoring un credito verso il cliente X (valori nominali 1.000) per un ammontare pari a 700,00 con clausola pro soluto. Al momento della cessione il cedente rileverà: Crediti vs/factor a Crediti vs/cliente X 1.000,00 Al ricevimento della fattura con l addebito della commissione si registra: Diversi a Crediti vs/factor 12,00 Commissioni su 10,00 factoring IVA ns/credito 2,00 Quando il cedente riceve l accredito dell anticipazione concessa dal factor (per ipotesi in misura pari al 70% del credito ceduto al netto della commissione), si avrà la seguente scrittura: Banca c/c a Crediti vs/factor 688,00 Al ricevimento dell estratto conto degli interessi: Interessi passivi a Crediti vs/factor 5,00 factoring Alla scadenza del credito viene rilevato il versamento della quota trattenuta dal factor alla stipulazione del contratto. Questo versamento viene effettuato indipendentemente da eventuali insolvenze del debitore. Banca c/c a Crediti vs/factor 295,00

7 Leasing, lease-back e factoring Esercizio 3.2 Crediti ceduti con azione di regresso (pro-solvendo) Nella cessione con azione di regresso (c.d. cessione pro-solvendo) il cedente garantisce l esistenza del credito e risponde della solvibilità del cliente ceduto. La cessione può essere rilevata nel bilancio del cedente con una delle seguenti modalità: 1 Metodo Nella prassi i crediti vengono rimossi dallo stato patrimoniale e sono sostituiti con l ammontare dell anticipazione ricevuta e con il credito vantato nei confronti del factor per un importo pari alla differenza tra il valore nominale del credito ceduto e l anticipazione ricevuta (quest ultimo ammontare sarà restituito dal factor al cedente al momento dell incasso dal debitore ceduto). Pertanto, al momento della cessione, il cedente sarà tenuto a rilevare nella contabilità: la diminuzione dei crediti verso la clientela; l aumento delle disponibilità liquide al netto delle commissioni; l aumento dei crediti verso il factor per la parte non anticipata. Diversi a Crediti vs/cliente X 1.000,00 Crediti vs/factor 300,00 Banca c/c 688,00 Commissioni su 10,00 factoring IVA ns/credito (*) 2,00 Il rischio di regresso, che continua a gravare sul cedente, può trovare esposizione soltanto tra i conti d ordine, con una scrittura del seguente tipo: Rischi di regresso a Factor /rischi 700,00 di regresso Alla scadenza occorrerà rilevare: l estinzione del credito verso il factor per l importo non anticipato e il conseguente aumento delle disponibilità liquide; lo storno della scrittura precedentemente effettuata nei conti d ordine. Banca c/c a Crediti vs/factor 300,00 Factor /rischidi regresso a Rischi di regresso 700,00 In caso di insolvenza, andrà rilevata una diminuzione delle disponibilità liquide, in conseguenza dell esercizio del diritto di rivalsa del factor, nonché lo storno del credito per l importo non anticipato: Crediti in sofferenza a Diversi 1.000,00 Banca c/c 700,00 Crediti vs/factor 300,00 (*) Cfr. scrittura degli interessi presenti nel II metodo, a pag. seguente. 101

8 102 Parte II: Eserciziario 2 Metodo In alternativa al metodo illustrato, è possibile considerare i crediti come dati in garanzia a fronte dei prestiti ricevuti. In questo caso: i crediti continuano ad essere rilevati in bilancio; nell attivo di stato patrimoniale viene rilevata l anticipazione ricevuta (al netto delle commissioni); nel passivo verrà rilevato il debito verso il factor (mettendo, inoltre, in evidenza nella nota integrativa l importo nominale dei crediti ceduti). In questa ipotesi, in P.D., si avrà la seguente scrittura: Diversi a Factor c/anticipi 700,00 su crediti Banca c/c 688,00 Commissioni 10,00 di factoring IVA ns/credito 2,00 L importo accreditato a fronte della cessione del credito ( banca c/c ) va considerato (fino al momento del relativo incasso) alla stregua di un debito nei confronti del factor (in genere il factor anticipa solo una parte del credito, trattenendo la quota residua fino alla scadenza in garanzia). Alla scadenza, se il debitore paga regolarmente, il factor incassa il valore nominale del credito. In questo momento il cedente sarà tenuto a stornare dal proprio bilancio il credito con la seguente scrittura: Diversi a Crediti vs/clienti 1.000,00 Banca c/c 300,00 Factor c/anticipi 700,00 su crediti In caso di insolvenza del debitore, il factor esercita il diritto di rivalsa e addebita direttamente sul conto corrente del cedente l importo precedentemente anticipato. Contabilmente il cedente rileva l estinzione del debito sorto nei confronti del factor e una diminuzione delle disponibilità liquide: Factor c/anticipi su crediti a Banca c/c 700,00 In entrambi i casi prospettati gli interessi dovuti al factor sulle somme anticipate vanno imputati a conto economico nel rispetto del principio di competenza. Interessi passivi factoring a Banca c/c 5,00

9 ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone da imputare a ciascun periodo d imposta deve essere determinata in base alla durata contrattuale facendo ricorso all istituto dei risconti contabili. Stipulazione nel dicembre dell anno n di un contratto di leasing (durata 24 mesi) con pagamento di maxicanone iniziale. Gli importi dovuti sono i seguenti: Maxicanone leasing: Canone leasing mensile: In questa ipotesi occorrerà: 1) determinare il canone mensile: Canone mensile = Totale canoni = = mesi 24 2) riscontare gli importi imputati a conto economico. In particolare nell anno n la società sarà tenuta a rilevare spese di leasing soltanto per dato che il macchinario è stato utilizzato per un solo mese. Contabilmente la società dovrà iscrivere un risconto attivo pari a così determinato: Maxicanone leasing: Canone leasing (dicembre): Totale Canone di competenza Risconto attivo al 31/12/n Le scritture contabili sono le seguenti: Diversi a Fornitori ,00 Canoni di leasing ,00 (maxicanone) IVA ns/credito 4.800,00 Diversi a Fornitori 4.800,00 Canoni di leasing 4.000,00 IVA ns/credito 800,00 Risconti attivi a Canoni di leasing ,00

10 96 Parte II: Eserciziario Nell anno n+1 i canoni complessivamente contabilizzati saranno pari a così determinati: Al momento di riapertura bilancio (storno dell articolo in P.D. dell esercizio precedente): Canoni di leasing a Risconti attivi ,00 Imputazione dei canoni mensili Diversi a Fornitori 4.800,00 Canoni di leasing 4.000,00 IVA ns/credito 800,00 I canoni di competenza dell esercizio n+1 sono pari a = Al termine dell esercizio la società sarà tenuta a rilevare un risconto attivo sui canoni di leasing per un importo pari a così determinato: Canone leasing in contabilità anno n+1: Canoni leasing di competenza rideterminati: ( ) Risconto attivo anno 31/12/n+1: Risconti attivi a Canoni di leasing ,00 Per quanto riguarda l ammortamento dei beni concessi in leasing, la normativa ha subìto modifiche ad opera della Finanziaria In particolare, l impresa concedente (imputando a conto economico i canoni) deduce quote di ammortamento determinate sulla base del piano di ammortamento finanziario. Per l impresa utilizzatrice le regole di nuova introduzione sono contemplate nella nuova versione dell art. 102 del Tuir. ESERCIZIO 2 LEASE-BACK CON OGGETTO BENI IMMATERIALI Il lease-back può essere definito come quell operazione attraverso la quale un soggetto imprenditore (leasee) vende un bene di sua proprietà (mobile o immobile) di natura strumentale per l esercizio della sua attività di impresa, ad una società di leasing (lessor), la quale paga il corrispettivo e, contestualmente, concede in locazione finanziaria lo stesso bene all originario proprietario-venditore contro il versamento periodico dei canoni di leasing per una durata fissata. I vantaggi del lease-back risiedono: a) nella possibilità di acquisire nuove risorse finanziarie; b) nella migliore rappresentazione debitoria risultante in bilancio; c) nell elasticità dell operazione; d) nei vantaggi fiscali da essi derivanti.

11 Leasing, lease-back e factoring Vendita del marchio: Data di effetto del contratto: Durata del contratto: mesi Maxicanone iniziale: Canone periodico: Numero canoni: 60 Prezzo riscatto: Costo sostenuto dal concedente: Valore complessivo del contratto compreso riscatto: ) Vendita del marchio alla società di leasing con rilevazione della plusvalenza Crediti v/clienti a Diversi Marchio Plusvalenza alienazione Iva ns/debito ) Sottoscrizione del contratto di leasing e iscrizione nei conti d ordine dell importo dei canoni di leasing e del prezzo di riscatto da pagare Impegni per beni a Creditori in leasing c/leasing ) Rilevazione del maxicanone iniziale Diversi a Debiti v/società di leasing Canoni di leasing Iva ns/credito ) Canoni di leasing periodico

12 98 Parte II: Eserciziario ) Storno parziale dei conti d ordine Viene effettuato lo storno parziale dei conti d ordine per adeguare il totale degli impegni al 31/ 12 rispetto al valore iniziale a seguito dei pagamenti dei canoni e del maxicanone Impegni per beni a Creditori in leasing c/leasing ) Rilevazione del risconto attivo per la parte di maxicanone di competenza esercizi futuri. Risconti attivi a Canoni di leasing ) La ripartizione della plusvalenza derivante dalla cessione del marchio La plusvalenza ai sensi dell art. 2425bis del c.c. (integrato dall art. 16 del D.Lgs. 28/12/2004 n. 310) prevede che le plusvalenze derivanti da operazioni di compravendita con locazione finanziaria siano ripartite in funzione della durata del contratto di locazione. Plusvalenza alienazione a Risconti passivi ) Riscatto del marchio Al momento del riscatto dovrà essere effettuata la scrittura: data Diversi a Debiti verso società leasing Marchio Iva ns/credito Iscrizione in bilancio L iscrizione in bilancio deve avvenire secondo il metodo patrimoniale; quindi: canoni di leasing devono essere annotati nel conto economico secondo il principio di competenza economica; il valore complessivo dei canoni di leasing devono essere annotati nei conti d ordine. Nella Nota Integrativa si dovrà riportare un prospetto in cui siano evidenziati i seguenti dati: il valore attuale delle rate di canone non scadute attraverso l utilizzo dei tassi di interesse pari all onere finanziario effettivo inerente ai singoli contratti nonché l onere finanziario effettivo attribuibile ad essi; l ammortamento complessivo a cui i beni oggetto del leasing sarebbero stati iscritti alla data di chiusura dell esercizio qualora fossero stati considerati immobilizza-

13 Leasing, lease-back e factoring Vendita del marchio: Data di effetto del contratto: Durata del contratto: mesi Maxicanone iniziale: Canone periodico: Numero canoni: 60 Prezzo riscatto: Costo sostenuto dal concedente: Valore complessivo del contratto compreso riscatto: ) Vendita del marchio alla società di leasing con rilevazione della plusvalenza Crediti v/clienti a Diversi Marchio Plusvalenza alienazione Iva ns/debito ) Sottoscrizione del contratto di leasing e iscrizione nei conti d ordine dell importo dei canoni di leasing e del prezzo di riscatto da pagare Impegni per beni a Creditori in leasing c/leasing ) Rilevazione del maxicanone iniziale Diversi a Debiti v/società di leasing Canoni di leasing Iva ns/credito ) Canoni di leasing periodico

14 98 Parte II: Eserciziario ) Storno parziale dei conti d ordine Viene effettuato lo storno parziale dei conti d ordine per adeguare il totale degli impegni al 31/ 12 rispetto al valore iniziale a seguito dei pagamenti dei canoni e del maxicanone Impegni per beni a Creditori in leasing c/leasing ) Rilevazione del risconto attivo per la parte di maxicanone di competenza esercizi futuri. Risconti attivi a Canoni di leasing ) La ripartizione della plusvalenza derivante dalla cessione del marchio La plusvalenza ai sensi dell art. 2425bis del c.c. (integrato dall art. 16 del D.Lgs. 28/12/2004 n. 310) prevede che le plusvalenze derivanti da operazioni di compravendita con locazione finanziaria siano ripartite in funzione della durata del contratto di locazione. Plusvalenza alienazione a Risconti passivi ) Riscatto del marchio Al momento del riscatto dovrà essere effettuata la scrittura: data Diversi a Debiti verso società leasing Marchio Iva ns/credito Iscrizione in bilancio L iscrizione in bilancio deve avvenire secondo il metodo patrimoniale; quindi: canoni di leasing devono essere annotati nel conto economico secondo il principio di competenza economica; il valore complessivo dei canoni di leasing devono essere annotati nei conti d ordine. Nella Nota Integrativa si dovrà riportare un prospetto in cui siano evidenziati i seguenti dati: il valore attuale delle rate di canone non scadute attraverso l utilizzo dei tassi di interesse pari all onere finanziario effettivo inerente ai singoli contratti nonché l onere finanziario effettivo attribuibile ad essi; l ammortamento complessivo a cui i beni oggetto del leasing sarebbero stati iscritti alla data di chiusura dell esercizio qualora fossero stati considerati immobilizza-

15 Leasing, lease-back e factoring zioni indicando separatamente gli ammortamenti, le rettifiche e le riprese di valore che sarebbero stati inerenti all esercizio. Rappresentazione negli schemi del conto economico e dello stato patrimoniale Stato patrimoniale D) Ratei e risconti E) Ratei e risconti Risconti attivi Risconti passivi (plusvalenza) Nei conti d ordine sarà indicato l importo dei canoni di leasing e del prezzo di riscatto ancora da pagare ESERCIZIO 3 Conto economico A) Valore della produzione 5. Altri ricavi e proventi (Plusvalenza di competenza dell esercizio) B) Costi della produzione 8. Per godimento di beni di terzi (canoni di locazione finanziaria) IL FACTORING Non esiste ad oggi una definizione univoca di factoring. Provandone tuttavia a darne una, si può affermare che il contratto di factoring consiste nel trasferimento di crediti commerciali dal loro titolare ad un factor che si assume l incarico della riscossione e ne garantisce il buon fine, anche in caso di insolvenza momentanea o di fallimento del debitore, con la ritenuta di alcune commissioni per il servizio reso. I crediti aziendali possono essere ceduti alle società di factoring per finalità diverse, ovvero: a titolo di garanzia da rischi di insolvenza, nell ipotesi di cessione senza azione di regresso; per finalità finanziarie, se la società di factoring anticipa al cedente delle somme a fronte dei crediti ceduti; per il mandato all incasso, se la società di factoring si limita a curare la riscossione per conto del cedente. Nello specifico, la cessione dei crediti può essere effettuata: a) senza azione di regresso (pro-soluto); b) con azione di regresso (pro-solvendo). 99

16 100 Parte II: Eserciziario Esercizio 3.1 Crediti ceduti senza azione di regresso (pro-soluto) Nella cessione senza azione di regresso (c.d. cessione pro-soluto) il cedente si limita a garantire l esistenza del credito ma non la solvibilità del creditore. In tale situazione: i crediti ceduti devono essere rimossi dal bilancio del cedente e l utile o la perdita riconosciuti per la differenza tra il valore ricevuto ed il valore cui erano iscritti in bilancio; la perdita su crediti deve ritenersi certa già al momento della cessione del credito alla società di factoring in quanto il cedente perde ogni diritto sui crediti ceduti. La società Alfa cede ad una società di factoring un credito verso il cliente X (valori nominali 1.000) per un ammontare pari a 700,00 con clausola pro soluto. Al momento della cessione il cedente rileverà: Crediti vs/factor a Crediti vs/cliente X 1.000,00 Al ricevimento della fattura con l addebito della commissione si registra: Diversi a Crediti vs/factor 12,00 Commissioni su 10,00 factoring IVA ns/credito 2,00 Quando il cedente riceve l accredito dell anticipazione concessa dal factor (per ipotesi in misura pari al 70% del credito ceduto al netto della commissione), si avrà la seguente scrittura: Banca c/c a Crediti vs/factor 688,00 Al ricevimento dell estratto conto degli interessi: Interessi passivi a Crediti vs/factor 5,00 factoring Alla scadenza del credito viene rilevato il versamento della quota trattenuta dal factor alla stipulazione del contratto. Questo versamento viene effettuato indipendentemente da eventuali insolvenze del debitore. Banca c/c a Crediti vs/factor 295,00

17 Leasing, lease-back e factoring Esercizio 3.2 Crediti ceduti con azione di regresso (pro-solvendo) Nella cessione con azione di regresso (c.d. cessione pro-solvendo) il cedente garantisce l esistenza del credito e risponde della solvibilità del cliente ceduto. La cessione può essere rilevata nel bilancio del cedente con una delle seguenti modalità: 1 Metodo Nella prassi i crediti vengono rimossi dallo stato patrimoniale e sono sostituiti con l ammontare dell anticipazione ricevuta e con il credito vantato nei confronti del factor per un importo pari alla differenza tra il valore nominale del credito ceduto e l anticipazione ricevuta (quest ultimo ammontare sarà restituito dal factor al cedente al momento dell incasso dal debitore ceduto). Pertanto, al momento della cessione, il cedente sarà tenuto a rilevare nella contabilità: la diminuzione dei crediti verso la clientela; l aumento delle disponibilità liquide al netto delle commissioni; l aumento dei crediti verso il factor per la parte non anticipata. Diversi a Crediti vs/cliente X 1.000,00 Crediti vs/factor 300,00 Banca c/c 688,00 Commissioni su 10,00 factoring IVA ns/credito (*) 2,00 Il rischio di regresso, che continua a gravare sul cedente, può trovare esposizione soltanto tra i conti d ordine, con una scrittura del seguente tipo: Rischi di regresso a Factor /rischi 700,00 di regresso Alla scadenza occorrerà rilevare: l estinzione del credito verso il factor per l importo non anticipato e il conseguente aumento delle disponibilità liquide; lo storno della scrittura precedentemente effettuata nei conti d ordine. Banca c/c a Crediti vs/factor 300,00 Factor /rischidi regresso a Rischi di regresso 700,00 In caso di insolvenza, andrà rilevata una diminuzione delle disponibilità liquide, in conseguenza dell esercizio del diritto di rivalsa del factor, nonché lo storno del credito per l importo non anticipato: Crediti in sofferenza a Diversi 1.000,00 Banca c/c 700,00 Crediti vs/factor 300,00 (*) Cfr. scrittura degli interessi presenti nel II metodo, a pag. seguente. 101

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

Leasing e factoring: un confronto

Leasing e factoring: un confronto Leasing e factoring: un confronto Destinatari: alunni della classe quinta IGEA di Giuliana Airaghi Masina Obiettivi: l esercitazione si propone di consolidare le conoscenze e le competenze relative ai

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

4.5. Lottibroom S.p.A.

4.5. Lottibroom S.p.A. 4.5. Lottibroom S.p.A. La società Lottibroom S.p.A. è un impresa quotata alla Borsa Valori nazionale; la quotazione risale a qualche anno addietro, al periodo in cui la medesima ha avuto la necessità di

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

Prof. D. Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria

Prof. D. Nicolò Univ. Mediterranea di Reggio Calabria INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

IL LEASING E IL FACTORING. Nel turismo

IL LEASING E IL FACTORING. Nel turismo IL LEASING E IL FACTORING Nel turismo Il leasing Le imprese turistiche possono entrare in possesso delle immobilizzazioni materiali necessarie attraverso contratto di leasing: l azienda locatrice cede

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI Circolare N. 32 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 aprile 2011 LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI I ratei costituiscono quote di ricavi o costi di competenza dell esercizio ma la cui manifestazione

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario Le operazione di locazione finanziaria, nonostante la loro ampia diffusione, non hanno mai ricevuto una organica disciplina giuridica, consentendo

Dettagli

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali.

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI Contabilità e Bilancio Prof. Matteo POZZOLI Le scritture di assestamento La sintesi dei valori contabili Siamo al 31.12 dell esercizio X o meglio stiamo predisponendo il bilancio dell esercizio X - cosa

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

Scheda operativa Versione 11.04.0c00. Leasing

Scheda operativa Versione 11.04.0c00. Leasing 1 Normativa... 2 Operatività... 3 Gestione leasing... 3 1 Condizioni contrattuali... 4 2 Piano di ammortamento... 6 3 Ratei e risconti... 7 4 Studi di settore/parametri... 8 5 Prospetto leasing per nota

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 25 MAGGIO 2012

ESERCITAZIONE DEL 25 MAGGIO 2012 ESERCITAZIONE DEL 25 MAGGIO 2012 NUMERO 1 Nel bilancio di verifica della Giallo S.p.A. risultano, tra gli altri, i seguenti valori relativi ai crediti della società: Crediti verso clienti 52.000 Crediti

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi La disciplina dei ratei e risconti è ampliata prevedendo ulteriori disposizioni sulle condizioni per la loro rilevazione in bilancio. La disciplina

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Lezione 4 IAS 17: Leasing Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2012 2013 11 marzo 2013 Il PERCORSO BILANCIO

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 8 II) SCRITTURE DI GESTIONE G) Relative alle immobilizzazioni E sopravvenienze e insussistenze 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

INFORMAZIONI SUL LEASING

INFORMAZIONI SUL LEASING INFORMAZIONI SUL LEASING CHE COS'È IL LEASING Il leasing, o locazione finanziaria, è un contratto con il quale un soggetto (Utilizzatore) richiede ad una società finanziaria (Concedente) di acquistare

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

Compendio riassuntivo particolari operazioni di gestione classe quinta

Compendio riassuntivo particolari operazioni di gestione classe quinta - immobilizzazioni finanziarie - la gestione del personale - outsourcing e subfornitura - lo smobilizzo dei crediti - il sostegno pubblico alle imprese Compendio riassuntivo particolari operazioni di gestione

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco

AFFITTO AZIENDA. a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco AFFITTO AZIENDA a cura del Dott. Diego Boschiroli e del Dott. Francesco Monaco 1 ASPETTI CIVILISTICI } L affitto d azienda non ha una disciplina ad hoc NORME DEL CODICE CIVILE APPLICABILI : } L art. 2562

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L.

LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. LA CITTA' VERDE SOC. COOP. SOCIALE A R.L. Sede in VIA MASCARINI 14/A - 40066 - PIEVE DI CENTO (BO) Codice Fiscale 04049110374 - Rea 04049110374 BO 335969 P.I.:

Dettagli

Introduzione allo studio del bilancio di esercizio

Introduzione allo studio del bilancio di esercizio Introduzione allo studio del bilancio di esercizio art 2424 contenuto dello stato patrimoniale art 2424 bis disposizioni relative alle singole voci dello SP art 2426 criteri di valutazione art 2427 contenuto

Dettagli

IAS 17 - Le operazioni di leasing nei bilanci IAS/IFRS Differenze con la prassi nazionale Aspetti di transizione, contabili e fiscali

IAS 17 - Le operazioni di leasing nei bilanci IAS/IFRS Differenze con la prassi nazionale Aspetti di transizione, contabili e fiscali Rivista IASIFRS IAS 17 - Le operazioni di leasing nei bilanci IAS/IFRS Differenze con la prassi nazionale Aspetti di transizione, contabili e fiscali A cura del dott. Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI A.MARTINI Castelfranco Veneto (TV) GARA NAZIONALE - ANNO - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento due parti, la parte A e la

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico. SI CONSIGLIA UNA LETTURA ATTENTA PRIMA DI FIRMARE IL CONTRATTO. La F.I.S. Factoring

Dettagli

Bilancio - Corso Avanzato

Bilancio - Corso Avanzato Università di Roma Tre - M. TUTINO 101 Università di Roma Tre - M. TUTINO 102 Università di Roma Tre - M. TUTINO 103 Università di Roma Tre - M. TUTINO 104 Università di Roma Tre - M. TUTINO 105 Università

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME:

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE ooooooooo Con riferimento

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

4. La valutazione civilistica e fiscale delle voci di bilancio

4. La valutazione civilistica e fiscale delle voci di bilancio 4. La valutazione civilistica e fiscale delle voci di bilancio 4.1 Premessa Nel presente capitolo analizzeremo la corretta valutazione civilistica e fiscale di ogni singola voce di bilancio sulla base

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico. SI CONSIGLIA UNA LETTURA ATTENTA PRIMA DI FIRMARE IL CONTRATTO. La F.I.S. Factoring

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Gli intermediari finanziari non bancari

Gli intermediari finanziari non bancari Gli intermediari finanziari non bancari Intermediari creditizi non bancari A. Leasing B. Factoring C. Credito al consumo Art. 106 e 107 TUB Le società di leasing Elenco generale presso UIC Condizioni per

Dettagli

I servizi di finanziamento. Giuseppe G. Santorsola 1

I servizi di finanziamento. Giuseppe G. Santorsola 1 I servizi di finanziamento Giuseppe G. Santorsola 1 Strumenti di finanziamento sterilizzazione attivo securitisation smobilizzo Attivo Imm. mat. Imm. imm. Imm. finan. Mat. Prime Semilav. Prod. finiti Titoli

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Gruppo di studio: Myriam Amato, Franco Grasso, Fabio Mischi, Luisa Polignano, Barbara Premoli, Anna Maria Sanchirico, Tiziano Sesana (coordinatore),

Gruppo di studio: Myriam Amato, Franco Grasso, Fabio Mischi, Luisa Polignano, Barbara Premoli, Anna Maria Sanchirico, Tiziano Sesana (coordinatore), DOCUMENTO A CURA DELLA COMMISSIONE PRINCIPI CONTABILI dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano (Presidente Riccardo Bauer) Gruppo di studio: Myriam Amato, Franco Grasso, Fabio

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Foglio informativo OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

Foglio informativo OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING Foglio informativo OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING AOSTA FACTOR SPA Sede legale ed amministrativa: 11100 AOSTA, Av. du Conseil des Commis, 25, Tel. 0165 23

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

I CREDITI: APPROFONDIMENTI

I CREDITI: APPROFONDIMENTI I CREDITI: APPROFONDIMENTI 1 2 1. I crediti: l esposizione in bilancio Per quanto riguarda i CREDITI, li ritroviamo in tutte e quattro le macroclassi dell Attivo Circolante. A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010

Sito internet: Bilancio al 31/12/2010 CONSORZIO ASI LECCE Sede in: ZONA INDUSTRIALE - 73100 - LECCE (LE) Codice fiscale: 00380090753 Partita IVA: 00380090753 Capitale sociale: Euro 1.170.960,53 Capitale versato: Euro 1.170.960,53 Registro

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO OPERAZIONI DI PRONTI CONTRO TERMINE Documento n. 9 del 14 marzo 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Il Leasing Finanziario.

Il Leasing Finanziario. Leasing Finanziario e Leasing Operativo: elementi distintivi e principali differenze. di Pietro Bottani e Massimiliano Meoni Dottori Commercialisti in Prato Premessa. La formula del finanziamento in leasing,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING

IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING a cura di IPC CONSULTING Carlo Parenti Dottore Commercialista IL PROFILO FISCALE DELLE OPERAZIONI DI FACTORING Imposizione diretta per i cedenti Imposizione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING Enel.factor S.p.A. Codice Fiscale e partita IVA: 06152631005 Gruppo di appartenenza: Enel Sede legale: 00198

Dettagli

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012

FIARC. FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154. Bilancio al 31/12/2012 FIARC FIARC FEDERAZIONE ITALIANA ARCIERI DI CAMPAGNA 20142 MILANO (MI) Codice Fiscale 08888610154 Bilancio al 31/12/2012 Stato patrimoniale attivo 31/12/2012 31/12/2011 A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli