Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi Via Otranto 1, angolo Cittadini Milano Tel /8 Fax Sito Cod. Fisc Prot.n 2778C/29d del 15/05/2012 n esp.albo 536 del 15/5/2012 ESAMI DI STATO a.s.2011/2012 Documento del Consiglio di Classe 5P Corso pomeridiano Diploma di TECNICO DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE

2 INDICE ELENCO DEI DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE pag. 3 ELENCO DEI CANDIDATI pag. 4 PROFILO PROFESSIONALE pag. 5 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE pag. 6 CONTENUTI DISCIPLINARI ITALIANO pag. 7 STORIA pag. 10 MATEMATICA pag. 11 INGLESE pag. 12 FRANCESE pag. 13 ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE RISTORATIVE pag. 14 LEGISLAZIONE pag. 16 ALIMENTI E ALIMENTAZIONE pag. 18 LABORATORIO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI RISTORATIVI pag. 23 PRESENTAZIONE AREA ALTERNANZA SCUOLA LAVORO pag. 24 ATTIVITA INTEGRATIVE pag. 24 SIMULAZIONI ESAMI DI STATO (DESCRIZIONE E TIPOLOGIA) pag. 25 CRITERI DI VALUTAZIONE pag. 26 MODALITÀ E STRUMENTI DI LAVORO DEL CDC pag. 27 GRIGLIE DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA pag. 29 SECONDA PROVA pag. 33 TERZA PROVA pag. 34 COLLOQUIO pag. 35 SI ALLEGANO: TESTI DELLE SIMULAZIONI DELLE TERZE PROVE D ESAME 2

3 COMPONENTI DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^P Alberghiero DISCPLINA DOCENTI FIRMA ITALIANO E STORIA MATEMATICA Maria Rizzuto Roberto Gualano INGLESE Maria Franca Milano FRANCESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE RISTORATIVE LEGISLAZIONE Massimo Fumagalli Francesco Lopez Filippo Lo Nobile ALIMENTI E ALIMENTAZIONE LABORATORIO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI RISTORATIVI Francesco Guida Natale Sirianni Milano, lì 15 maggio IL DIRIGENTE SCOLASTICO (LUCA AZZOLLINI) 3

4 ELENCO CANDIDATI E TITOLO DELLE TESINE/PERCORSI CANDIDATI ALIVERTI Federico ALLEVI Luca APAD Jennifer BALDISSERA Claudio COCO Mario COLUCCELLI Stefano DUEÑAS Olinda ELEZI Ardit EMINI Albana GIOVANOLI Matteo MALLARI Julian Christopher MILANA Maurizio RUZZANTE Reno Marco SIRBU Sergiu TITOLO TESINE/PERCORSI I distillati Il sushi Il riso Il caffè Il franchising L Irlanda Il vino La ristorazione rapida La storia della cucina moderna I cibi afrodisiaci Un prodotto della ristorazione rapida: il panino L alimentazione vegetariana Il sidro Il vino 4

5 PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE Il Tecnico dei Servizi della Ristorazione è il responsabile delle attività di ristorazione nelle varie componenti in cui essa si articola, in rapporto anche alla specifica tipologia di struttura ristorativa in cui opera. OBIETTIVI TRASVERSALI: saper rispettare tempi, spazi e consegne rispettare il Regolamento dell Istituto mantenere la concentrazione partecipare all attività didattica relazionarsi correttamente con compagni e docenti saper analizzare e sintetizzare un testo utilizzare il lessico specifico delle discipline sviluppare il senso critico COMPETENZE PROFESSIONALI: saper provvedere all approvvigionamento delle derrate saper controllare qualità-quantità-costi della produzione e della distribuzione dei pasti saper allestire buffet e banchetti saper organizzare e guidare un gruppo CONOSCENZE: il mercato ristorativo ed i suoi principali segmenti l andamento degli stili alimentari e dei consumi l igiene professionale i moderni impianti tecnologici, le attrezzature e le dotazioni di servizio le tecniche di lavorazione, la cottura e la presentazione degli alimenti la merceologia e le più innovative tecniche di conservazione degli alimenti l antinfortunistica i principali istituti giuridici che interessano la vita di un azienda ristorativa gli strumenti che può utilizzare un azienda per conoscere il mercato. Il Tecnico dei Servizi di Ristorazione deve saper utilizzare due lingue straniere e possedere capacità di comunicazione, di comprensione delle esigenze del personale e della clientela e di rappresentazione delle finalità dell azienda. 5

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da 15 alunni, 3 femmine e 12 maschi, appartenenti a una fascia di età che va dai 22 ai 39 anni. Di questi, 13 provengono dalla 4^P, uno proviene dalla 4^G del corso diurno e un altro, un ex alunno del corso pomeridiano ritiratosi nel 2009/2010, non ha mai frequentato. Il percorso scolastico degli alunni è estremamente diversificato. Solo un ristretto gruppo di loro è iscritto presso il nostro Istituto dal 1^ anno del corso pomeridiano, mentre numerosi sono stati gli inserimenti in vari momenti del quinquennio, spesso previo superamento degli esami integrativi e/o di idoneità, da parte di studenti provenienti da altri Istituti o che avevano abbandonato gli studi anni addietro. La classe è composta quasi per la metà da studenti di origine straniera, stabilitisi in Italia da un tempo più o meno lungo. Le conseguenti difficoltà di comprensione e, soprattutto, di espressione, per quanto si siano progressivamente ridotte anche grazie a interventi mirati da parte della scuola con ore di Italiano L2 e di sportello, non sono state del tutto superate e hanno continuato a influire sul rendimento di tali studenti, i quali, tuttavia, hanno sempre dimostrato grande impegno nel tentativo di colmare le loro lacune. Numerosi sono inoltre gli studenti lavoratori, per i quali non è stato sempre facile, nel corso dell anno scolastico, conciliare gli impegni lavorativi e familiari con gli impegni scolastici. Tutti gli alunni, indipendentemente dal fatto che svolgano o meno un attività lavorativa regolare, hanno chiesto di poter usufruire della modalità di Formazione a Distanza in tutte le materie. Durante il quinquennio, si è registrato un alto tasso di avvicendamento degli insegnanti di diverse discipline; in particolare, quattro docenti (Legislazione, Economia e gestione delle aziende ristorative, Alimenti e alimentazione e Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi) sono entrati a far parte del Consiglio di classe solo da quest anno, uno di questi ad anno scolastico già avviato (Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi). Ciò non ha assicurato alla classe la necessaria continuità didattica e ha comportato oggettive difficoltà agli studenti. Nella classe si è distinto un ristretto numero di alunni che ha dimostrato buone capacità logicoespressive e ha raggiunto un livello soddisfacente o più che soddisfacente di conoscenze e competenze; per la maggior parte della classe, la preparazione di base si è rivelata sufficiente o più che sufficiente, mentre alcuni alunni mostrano ancora lacune importanti, soprattutto dal punto di vista espressivo, causate in certi casi da una padronanza della lingua italiana non ancora del tutto acquisita, in altri da un percorso scolastico pregresso estremamente accidentato. Nonostante ciò, in tutti gli studenti, anche in quelli che hanno mostrato una maggiore debolezza, non sono mai mancati la motivazione all apprendimento, il grande impegno nel superare le difficoltà e l interesse nei confronti degli argomenti proposti nelle varie discipline e di tutte le iniziative extracurricolari organizzate dal Consiglio di classe. Il comportamento degli studenti è stato in generale sempre estremamente educato e rispettoso delle regole. 6

7 CONTENUTI DISCIPLINARI Disciplina: ITALIANO Docente: Maria Rizzuto GIOVANNI VERGA: La vita La stagione del verismo La "conversione" al Verismo: Nedda I racconti di Vita dei campi Il "ciclo dei Vinti" e i Malavoglia I Malavoglia Il significato del romanzo La sperimentazione linguistica e il doscorso indiretto libero Il "coro paesano" La trama Da I Malavoglia La famiglia Toscano Mastro Don Gesualdo Il romanzo di Gesualdo La prima parte: la "roba", l'amore La seconda parte: ascesa e decadenza del protagonista La struttura e la trama dell'opera Da Mastro Don Gesualdo: Gesualdo e Diodata alla Canziria, La morte di Gesualdo GIOVANNI PASCOLI: La vita e la personalità Il percorso delle opere La novità di Myricae I canti di Castelvecchio La poetica del fanciullino e il suo mondo simbolico La teoria del fanciullino Il poeta-fanciullo Il simbolismo pascoliano Presenza simboliche: le campane, i fiori, gli uccelli Il nido e la madre Lo stile e le tecniche espressive I suoni: l uso delle onomatopee La scelta lessicale: diversi livelli di linguaggio Un sintassi soggettiva 7

8 Da Myricae: Lavandare, Novembre, X Agosto Da Il fanciullino: Il fanciullo che è in noi ITALO SVEVO: La vita e il contesto culturale Il percorso delle opere Una vita: fra autobiografia e distanza critica Il tema dell inettitudine Da Una vita a Senilità La coscienza di Zeno: un libro nuovo per tempi nuovi La diversità di Zeno La coscienza di Zeno Zeno, un uomo malato in un mondo malato Il ruolo della psicoanalisiù L ambiguità e la testimonianza della crisi La sperimentazione narrativa La trama e la struttura dell opera Da La coscienza di Zeno: Il fumo, Il funerale mancato LUIGI PIRANDELLO: La vita Le idee e la poetica: relativismo e umorismo La personalità molteplice La poetica dell Umorismo L itinerario di uno scrittore sperimentale La ricca produzione novellistica Il teatro delle maschere nude Il percorso del teatro pirandelliano Il fu Mattia Pascal: Un avventura paradossale La novità delle strutture narrative La trama dell opera Da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato Da Il fu Mattia Pascal: Adriano Meis EUGENIO MONTALE: La vita L itinerario delle opere e i temi: La stagione ligure: Ossi di seppia La stagione fiorentina: Le occasioni e La bufera La stagione milanese: Satura e gli ultimi libri 8

9 La poetica e lo stile: Il poeta del male di vivere L essenzialità stilistica di Ossi di seppia Ossi di seppia: Una piccola, grande rivoluzione letteraria Il paesaggio ligure Da Ossi di seppia Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere, Meriggiare pallido assorto Modulo trasversale propedeutico alla prima prova scritta dell esame di Stato Tipologie: analisi del testo saggio breve articolo. traccia storica e/o di attualità Testi adottati: - Paolo Di Sacco, Mappe di letteratura, Il Settecento, L Ottocento - Paolo Di Sacco, Mappe di letteratura, Il Novecento 9

10 Disciplina: STORIA Docente: Maria Rizzuto LO SCOPPIO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE Un conflitto annunciato Le prime fasi della guerra DALLA GUERRA ALLA PACE La svolta del 1917 La fine della guerra L ITALIA FASCISTA La nascita della dittatura La società italiana LA GERMANIA NAZISTA: cenni GLI STRUMENTI DEL CONSENSO: PROPAGANDA E IMPERIALISMO Fascismo e propaganda Gli effetti del connubio informazione-regime LA SECONDA GUERRA MONDIALE L avanzata della Germania Italia e Stati Uniti in guerra La controffensiva degli alleati Verso la pace Testo adottato: R. Balzani, Biagio Bolocan, Forum storia, Novecento. 10

11 Disciplina: MATEMATICA Docente: Roberto Gualano N Moduli e relative unità didattiche 1 Ripasso e recupero dei temi trattati negli anni precedenti: Equazioni di I e II grado intere Disequazioni di I e II grado intere e fratte Definizione di funzione reale di variabile reale 2 Funzioni e loro proprietà: Definizione di funzione crescente e decrescente Definizione di dominio e codominio Lettura del grafico di una funzione (dominio, codominio, insieme di positività, intersezioni con gli assi, asintoti, crescere e decrescere, punti stazionari) 3 Funzioni reali di variabile reale: Classificazione delle funzioni reali di variabile reale Dominio e studio del segno delle funzioni razionali 4 Limiti: Definizione di intervalli: limitati e illimitati Definizione di intorno di un punto e di infinito Il concetto di limite Quattro definizioni di limite di una funzione per x tendente ad un valore finito o infinito Riconoscimento di limiti dal grafico Definizioni di asintoto verticale e orizzontale Definizioni di funzione continua in un punto e in un intervallo Algebra dei limiti 5 Calcolo dei limiti: Limiti di funzioni razionali intere e fratte (forme di indecisione del tipo [ ] e [0/0]) 6 Derivate: Concetto e definizione di derivata di una funzione Cenni al significato geometrico di derivata prima Derivate di funzioni elementari Calcolo delle derivate di funzioni razionali intere e fratte 7 Studio di funzione: Definizioni di punti di massimo e minimo relativi ed assoluti Determinazione degli intervalli in cui una funzione razionale risulta crescente Criterio per la determinazione degli eventuali punti di massimo e minimo relativo per le funzioni razionali Verifica della crescenza di una funzione razionale in un punto assegnato Testo adottato: Dodero, Baroncini, Manfredi, Formazione all analisi, Ghisetti & Corvi Editori 11

12 Disciplina: INGLESE Docente: Maria Franca Milano Contenuti: Food and tradition British meals A taste of Britain Festive days Shrove Tuesday St.Patrick s Day Easter Notting Hill Carnival Halloween Thanksgiving Day Christmas Hogmanay Food for thought Agricultural Revolution A little history Problems in food production Genetic modification Coffee coffee arabica and coffee robusta Fair trade Cocoa Cocoa production International cooking From muddy fields the golden grains of life Types of rice(ways in which the grains can be sold) Numbers of varieties of rice Different ways to cook the rice Great eating adventures in South-East Asia Chinese cooking Pechinese food Szechuan food Cantonese food Ordering a Chinese meal Recipe: Assorted meats with Cantonese rice Spice India Far Eastern cuisine Mexican cuisine The history of beer GRAMMAR: Modal verbs: must-have to, can-may,could-might Passive form. Si prevede inoltre di svolgere i seguenti argomenti: The brewing process The Food Pyramid The Mediterranean Diet Testo adottato: Caminada, Girotto, Hogg, Peretto, Between courses, ed. Hoepli 12

13 Disciplina: FRANCESE Docente: Massimo Fumagalli - Ripasso funzioni e strutture studiate negli anni precedenti - Strutture: i gallicismi: il futur proche, il passé récent, il présent progressif il passé composé di tutti i verbi gli accordi del participio passato nei tempi composti i pronomi relativi qui, que, où e dont i pronomi diretti - Ripasso contenuti classe IV: il mercato della ristorazione la ristorazione commerciale: definizione e formule (la ristorazione rapida, la ristorazione tradizionale o gastronomica, la ristorazione a tema, la ristorazione dei trasporti) la ristorazione sociale - La ricezione alberghiera: la ricezione alberghiera omologata la ricezione alberghiera non omologata le catene alberghiere la classificazione degli hotel l organigramma il room service il servizio di prima colazione il minibar - La Provenza-Alpi-Costa Azzurra: situazione geografica città principali e caratteristiche del territorio luoghi d interesse dal punto di vista turistico specialità enogastronomiche - La Bretagna: situazione geografica città principali e caratteristiche del territorio luoghi d interesse dal punto di vista turistico specialità enogastronomiche - L Alsazia: situazione geografica città principali e caratteristiche del territorio luoghi d interesse dal punto di vista turistico specialità enogastronomiche Testi adottati: - E. Carboni, M. Marchionni, M. Olivieri, Secteur Restauration, casa editrice Calderini - L. Beneventi, Grammaire facile du français, casa editrice Zanichelli (solo consigliato) 13

14 Disciplina: ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE RISTORATIVE Docente: Francesco Lopez Modulo 5 La gestione economica e finanziaria dell impresa ristorativa Unità didattica 1 Le rilevazioni contabili Le scritture contabili Le scritture contabili obbligatorie Le scritture elementari nelle imprese Le scritture sezionali nelle imprese ristorative La contabilità generale Il piano dei conti Le rilevazioni delle operazioni di gestione Unità didattica 2 Il bilancio d esercizio 2.1 Dalla contabilità al bilancio 2.2 Il bilancio secondo la normativa civilistica 2.3 I principi di redazione del bilancio 2.4 I criteri di valutazione 2.5 Il contenuto del bilancio d esercizio 2.6 La relazione sulla gestione 2.7 La relazione degli organi di controllo 2.8 Il bilancio in forma abbreviata 2.9 Il bilancio d esercizio secondo i principi contabili internazionali Unità didattica 3 Le imposte 3.1 La tipologia delle imposte 3.2 L imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) 3.3 La dichiarazione dei redditi 3.4 L IRES 3.5 L IRAP 3.6 L ICI 3.7 L IVA Unità didattica 4 Le fonti di finanziamento Le fonti di finanziamento L apertura di credito Lo sconto L accredito di portafoglio salvo buon fine (sbf) e gli anticipi su fatture Le anticipazioni bancarie 14

15 I crediti per firma Le obbligazioni Il credito a medio e lungo termine Come si finanziano le catene alberghiere e le grandi imprese della ristorazione L intervento finanziario pubblico Unità didattica 5 Il leasing e il factoring Il leasing Le forme tecniche del leasing Il factoring Unità didattica 6 L analisi finanziaria L analisi di bilancio La riclassificazione dello Stato patrimoniale La riclassificazione del Conto economico L analisi per indici (ratios analysis) Gli indici strutturali L analisi della solidità dell impresa ristorativa L analisi della solvibilità dell impresa ristorativa Gli indici di redditività Modulo 6 La gestione delle risorse umane Unità didattica 1 La politica del personale Le risorse umane nelle imprese delle ristorazione Il fabbisogno e la ricerca del personale Il collocamento dei lavoratori La selezione del personale delle imprese della ristorazione Il curriculum vitae La formazione del personale Testo: Batarra, Mainardi, Imprese ristorative: economia e gestione, ed. Tramontana 15

16 Disciplina: LEGISLAZIONE Docente: Filippo Lo Nobile UNITA 9: Le obbligazioni e il contratto L33 Le obbligazioni Il diritto di obbligazione Le fonti delle obbligazioni Le obbligazioni solidali Le obbligazioni pecuniarie L34 Adempimento e inadempimento delle obbligazioni L adempimento delle obbligazioni L inadempimento delle obbligazioni Le conseguenze dell inadempimento: il danno La responsabilità patrimoniale del debitore L35 Il contratto Il contratto in generale L autonomia contrattuale Gli elementi essenziali del contratto L36 Responsabilità precontrattuale e classificazione dei contratti La classificazione dei contratti L37 Invalidità, rescissione e risoluzione del contratto Cause di invalidità del contratto I vizi originari I vizi sopravvenuti UNITA 10: I principali contratti dell impresa L38 Il contratto di vendita Il contratto di vendita Gli obblighi del venditore Gli obblighi del compratore I contratti particolari di vendita L39: I contratti di trasporto e deposito Il contratto di trasporto Il contratto di deposito Il deposito irregolare L40: I contratti di franchising, leasing, factoring Il contratto di franchising Il contratto di leasing UNITA 11: I contratti specifici L43 I contratti di somministrazione, catering e banqueting Il contratto di somministrazione Il contratto di catering Il contratto di banqueting L44 Il contratto d albergo Gli obblighi delle parti La registrazione del cliente Tipologie di contratto d albergo La prenotazione La caparra La risoluzione delle controversie 16

17 L45 Il deposito in albergo La responsabilità dell albergatore Responsabilità limitata e illimitata UNITA 12 Il contratto di lavoro L46 Il diritto del lavoro e le sue fonti Lavoro autonomo e lavoro subordinato Il diritto del lavoro Le fonti del diritto del lavoro L47 Il diritto sindacale e il rapporto di lavoro subordinato Il rapporto di lavoro subordinato L assunzione Il contratto di lavoro La sospensione e la cessazione L48 La somministrazione e l appalto di lavoro Il contratto di somministrazione L49 Contratti di lavoro alternativi Contratti di lavoro alternativi Contratti che incidono sull orario di lavoro Contratti di collaborazione UNITA 15: La legislazione igienico-sanitaria L59 Requisiti strutturali nella ristorazione Requisiti minimi dei locali Gli ambienti nei ristoranti Requisiti di accessibilità per la clientela Tutela della salute dei non fumatori L60 L igiene alimentare L igiene degli alimenti La conservazione degli alimenti Igiene dei mezzi di trasporto Igiene del personale L61 Il sistema HACCP. Controlli e vigilanza Il sistema di autocontrollo: HACCP Obblighi del titolare dell impresa alimentare Manuali per la corretta prassi igienica Semplificazioni per l HACCP Enti di controllo Testo adottato: autori G. Bacceli, M. Micelli, Diritto delle imprese ristorative, ed. Scuola & Azienda 17

18 Disciplina: ALIMENTI E ALIMENTAZIONE Docente: Francesco Guida MODULO 1 - I PRINCIPI NUTRITIVI Unità didattica 1 - Contenuti Vitamine (A; D; E; K; C; gruppo B) Classificazione. Fonti alimentari. Principali funzioni, danni da carenza e eccesso. Unità didattica 2 - Contenuti Sali minerali (Ca; P; K; Na; Cl; I; Fe; F) Classificazione. Fonti alimentari. Principali funzioni, danni da carenza e eccesso. Unità didattica 3 - Contenuti Acqua Fonti alimentari. Le funzioni e il bilancio idrico. Fabbisogno. Danni da carenza e eccesso. MODULO 2 - COTTURA DEGLI ALIMENTI Unità didattica 1 - Contenuti I principali effetti positivi della cottura Le principali modificazioni da cottura a carico dei principi nutritivi Modificazioni a carico dei glucidi (la caramellizzazione; cottura in acqua e a secco dell amido). Modificazioni a carico delle proteine (la denaturazione; l idrolisi; la reazione di Maillard). Modificazioni a carico dei lipidi (l idrolisi; l acroleina e il punto di fumo; termossidazione). Modificazioni a carico di vitamine e sali minerali. 18

19 MODULO 3 - BIOENERGETICA E ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Unità didattica 1 Contenuti La bioenergetica Il metabolismo. Il dispendio energetico. Il metabolismo basale. La termogenesi indotta dalla dieta. La termoregolazione. Le attività fisiche e il fabbisogno energetico totale. Il bilancio energetico. Il peso teorico o desiderabile La composizione corporea (massa grassa e massa magra). Le pliche corporee. Il peso desiderabile e i fattori che lo influenzano. Determinazione del peso teorico tramite le formule di Broca e di Lorenz. L indice di massa corporea (IMC). Determinazione del peso teorico secondo il tipo morfologico. Unità didattica 2 Contenuti L alimentazione equilibrata I LARN e l alimentazione equilibrata. Le linee guida per una sana alimentazione. La classificazione degli alimenti. La piramide alimentare. La dieta nelle diverse età e condizioni fisiologiche: la dieta del neonato e del lattante; la dieta del bambino; la dieta dell adolescente; la dieta dell adulto; la dieta nella terza età; la dieta in gravidanza; la dieta della nutrice. Criteri generali per l elaborazione di una dieta equilibrata. Unità didattica 3 Contenuti Stili dietetici particolari La dieta mediterranea. La dieta vegetariana. Indicazioni generali sulla dieta dello sportivo. Caratteristiche ed elementi di criticità delle diete dimagranti. 19

20 Unità didattica 4 Contenuti Elementi di dietoterapia Ipertensione arteriosa. Iperlipidemie e aterosclerosi. Diabete. Obesità. Disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia). Alimentazione e cancerogenesi (stile di vita e rischio tumorale; esempi di sostanze cancerogene e anticancerogene presenti negli alimenti; ruolo della dieta nella prevenzione dei tumori). MODULO 4 - IGIENE DEGLI ALIMENTI Unità didattica 1 - Contenuti La contaminazione degli alimenti Concetti di contaminazione biologica, chimica e fisica. La contaminazione chimica e fisica degli alimenti La contaminazione da metalli pesanti: piombo, mercurio. La contaminazione da contenitori per alimenti. La contaminazione da fertilizzanti. La contaminazione da fitofarmaci. La contaminazione da pratiche zootecniche e veterinarie. I radionuclidi. La contaminazione biologica degli alimenti Agenti biologici (prioni, virus, batteri, muffe, lieviti, protozoi, elminti). Le modalità di contaminazione. I Fattori che influenzano la crescita dei microrganismi. Tossinfezioni, infezioni e intossicazioni alimentari. Le malattie da contaminazione di microrganismi: Infezione da shigelle spp; Infezione da Listeria monocytogenes; Infezione da Vibrio cholerae (Colera); Intossicazione stafilococcica; Intossicazione da Clostridium botulinum (Botulismo); Tossinfezione da Clostridium perfrigens; Tossinfezione da Bacillus cereus; Salmonellosi; Epatite A. Intossicazione da micotossine (aflatossine e ocratossine). Parassitosi: teniasi; anisakiasi. Encefalopatia spongiforme bovina (BSE). 20

21 Unità didattica 2 - Contenuti La prevenzione igienico sanitaria nei servizi ristorativi Igiene del personale, dei locali e delle attrezzature nell ambiente ristorativo. Linee essenziali sulla legislazione relativa all igiene degli alimenti, degli ambienti di lavoro e del personale: pacchetto igiene riguardante l Autocontrollo e il Controllo Ufficiale; Regolamento CE n.178/2002 sulla Sicurezza degli alimenti e la Rintracciabilità. L autocontrollo e il sistema HACCP. Le frodi commerciali e sanitarie. MODULO 5 - CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI - ADDITIVI ALIMENTARI E NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AGLI ALIMENTI Unità didattica 1 - Contenuti La conservazione degli alimenti Le cause di alterazione degli alimenti. La classificazione dei metodi di conservazione. I metodi fisici di conservazione: conservazione con basse temperature (refrigerazione, congelamento, surgelazione); conservazione con alte temperature (pastorizzazione, sterilizzazione); conservazione per sottrazione di acqua (concentrazione; essiccazione, liofilizzazione); conservazione in ambienti modificati (atmosfera controllata, atmosfera modificata, sottovuoto, cryovac), conservazione con radiazioni ionizzanti; tecnologie emergenti (trattamento ad alta pressione, trattamento con ultrasuoni). I metodi chimici di conservazione: impiego di sostanze chimiche naturali (sale, zucchero, aceto, alcool etilico, olio); impiego di conservanti chimici artificiali. I metodi chimico-fisici di conservazione: l affumicamento. I metodi biologici: le fermentazioni (alcolica, lattica, propionica, acetica). Unità didattica 2 Contenuti Gli additivi alimentari La classificazione degli additivi. Il rischio per la salute. Funzioni degli additivi alimentari: i conservanti antimicrobici; gli antiossidanti; gli addensanti, i gelificanti e gli stabilizzanti; gli emulsionanti; 21

22 i coloranti; gli esaltatori di sapidità; gli edulcoranti; gli aromatizzanti. Unità didattica 3 Contenuti Nuove tecnologie applicate agli alimenti Precotti. OGM. Testo adottato: A. Machado, Sicurezza alimentare e dietetica, ed. Poseidonia Scuola 22

23 Disciplina: LABORATORIO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI RISTORATIVI Docente: Natale Sirianni CONTENUTI: Contenuti: Modulo 1: l organizzazione della macchina ristorativa, organizzazione degli spazi e i servizio di prevenzione e protezione Modulo 2: L applicazione dei principi di sicurezza, documenti relativi al fabbricato, agli impianti, al personale, e documenti di ordine generale Modulo 3: Alcuni metodi di conservazione come congelamento e surgelamento degli alimenti, prodotti di prima, seconda, terza, quarta e quinta gamma; prodotti tipici DOP, IGP,STG, Biologici. Modulo 4: I nuovi prodotti alimentari sul mercato Modulo 5: Le bevande analcoliche, bibite gassate, bevande sportive ed energetiche, i succhi di frutta e le acque minerali. Modulo 6: Il vino, la vite, l uva, la vinificazione in rosso e bianco, le componenti chimiche, la fase di maturazione, differenti tipologie, regole generali d abbinamento vino-piatto, la degustazione dei vini. La birra, il processo di produzione, abbinamento cibo-birra, principali tipi di birra. I distillati, diversi tipi di distillazione, composizione chimica dei distillati. La grappa, il whisky, la vodka, il gin, la tequila, il rum, il brandy e il cognac. Modulo 7: principali forme di aziende di catering, industriale, sociale e a domicilio. Modulo 8: tipologie di servizio del banqueting e sua organizzazione gestionale ed operativa. Modulo 9: caratteristiche tecniche del servizio, le tipologie, le regole tecniche, l allestimento della sala e l esposizione del buffet. Testo adottato: P. Gentili, I servizi ristorativi. Laboratorio di organizzazione e gestione, casa editrice Calderini. 23

24 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO In riferimento all area in oggetto, nel corso degli anni scolastici 2010/2011 e 2011/2012, gli studenti sono stati coinvolti, per un totale di 132 ore (66 ore per anno scolastico), in un progetto di Impresa Formativa Simulata avente come finalità l apertura di un attività commerciale fittizia di tipo ristorativo, nell ambito della rete regionale dei Simucenter e utilizzando una metodologia quanto più possibile laboratoriale che lasciasse agli studenti la possibilità di sviluppare i propri interessi e le proprie competenze. In particolare, nel corso dell anno scolastico 2010/2011, gli studenti hanno lavorato intorno all idea imprenditoriale, accompagnati dai docenti di Economia e gestione delle aziende ristorative, di Legislazione e di Inglese. Nel corso del corrente anno scolastico, la classe, insieme ai docenti di Economia e gestione delle aziende ristorative, di Alimenti e alimentazione, di Inglese, di Francese e di Laboratorio di organizzazione dei servizi ristorativi, ha concretizzato il lavoro preliminare svolto l anno precedente producendo il Business Plan relativo a un azienda ristorativa e costituendo una S.r.l. denominata Ristorante IdeaFrisi. Al fine di caratterizzare l azienda ristorativa che è stata progettata e costituita, gli alunni hanno ideato un ristorante specializzato in particolare in cucina tipica del nord Italia, in quanto l ubicazione virtuale del ristorante coinciderebbe con l indirizzo dell Istituto di appartenenza, che utilizzi esclusivamente prodotti provenienti da agricoltura biologica certificata e che rivolga una particolare attenzione all ideazione di piatti e menu adatti anche a clienti affetti da particolari intolleranze alimentari, quali per esempio la celiachia. L apertura dei mercati, infatti, il progresso scientifico, e di conseguenza le sempre più approfondite e diffuse conoscenze nel campo dell alimentazione, nonché la consapevolezza sempre maggiore dei consumatori nei confronti dell idea di salute abbinata alle abitudini alimentari, hanno portato a una attenzione via via crescente nei confronti della qualità dei cibi. Il che ha condotto gli studenti alla creazione di un azienda ristorativa che rispondesse a queste nuove richieste dei consumatori, in una prospettiva di salvaguardia della salute anche e soprattutto attraverso ciò che mangiamo. ATTIVITA INTEGRATIVE ED EXTRA CURRICOLARI Uscita didattica a Trento presso le Distillerie Marzadro Uscita didattica a Torino presso la Fiera del Libro Conferenza sul tema della Shoa tenuta presso l Istituto Paolo Frisi dal prof. Bienati Spettacolo teatrale Sei personaggi in cerca d autore di Luigi Pirandello presso il Teatro Carcano di Milano 24

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli