CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA""

Transcript

1 ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato commenti l affermazione ed esemplifichi le note illustrative dei seguenti conti: Impianti e macchinari Crediti verso clienti Risconti attivi Ratei passivi Resi su vendite Plusvalenze ordinarie Fondi per imposte Svalutazione impianti e macchinari Consideri, quindi, lo Stato patrimoniale e il Conto economico entrambi redatti in forma sintetica al 31/12/22 di Alfa spa sotto riportati: Stato patrimoniale ATTIVO A) Crediti verso soci B) - immateriali - materiali - finanziarie Totale immobilizzazioni PASSIVO A) Patrimonio netto - sociale - Riserva legale - Riserve statutarie - Altre riserve - Utile d esercizio Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri C) Attivo circolante - Rimanenze - Crediti - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni - Disponibilità liquide Totale attivo circolante D) Ratei e risconti Totale attivo C) Trattamento di fine rapporto D) Debiti E) Ratei e risconti Totale passivo

2 Conto economico A) Valore della produzione B) Costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione (A B) C) Proventi e oneri finanziari D) Rettifiche di valore di attività finanziarie E) Proventi e oneri straordinari Risultato prima delle imposte Imposte sul reddito dell'esercizio Utile dell'esercizio e rediga lo Stato patrimoniale e il Conto economico al 31/12/23, entrambi in forma sintetica, tenendo presente che nel corso dell esercizio la società ha compiuto, tra le altre, le seguenti operazioni: - stipulato un contratto di factoring; - attribuito in outsourcing la manutenzione dei beni strumentali; - sostituito un macchinario realizzando una plusvalenza; - terminata la costruzione in economia di un capannone; - interrotto il rapporto di lavoro con alcuni dipendenti; - emesso prestito obbligazionario sotto la pari e pagata la prima cedola; - acquistate partecipazioni in società collegata. Successivamente il candidato sviluppi uno dei seguenti punti. 1. Redigere le scritture contabili di Alfa spa relative ai fatti di gestione sopra elencati. 2. Effettuare l analisi per indici al 31/12/23 e redigere il report sulla situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società. 3. Presentare il Rendiconto finanziario in termini di variazione di capitale circolante netto che integra il bilancio di Alfa spa al 31/12/23. Dati mancanti opportunamente scelti. SVOLGIMENTO Stato patrimoniale e Conto economico 23 Per l illustrazione del piano dei conti e l esemplificazione riguardante le note illustrative dei conti si rimanda ai libri di testo della classe terza.

3 Ai fini della redazione del bilancio 23 si tiene conto delle operazioni elencate nella traccia e delle seguenti altre indicazioni: ROE 10% ROI 12% leverage 2,2 ROD 6% incremento del valore della produzione 5% durante l esercizio la Alfa spa ha stipulato un contratto di factoring alla clausola pro-solvendo con possibilità di richiedere l accredito anticipato fino all 80% dei crediti ceduti; la società in data 15/6 trasferisce al factor crediti derivanti da fatture emesse per complessivi 75 euro, scadenza adeguata a 90 giorni; il factor invia in data 19/6/03 un bonifico in c/c; in data 8/9 il factor comunica di aver riscosso le fatture e rilascia e addebita la propria fattura per 288 euro a titolo di commissioni e 12 euro a titolo di rimborso spese; in data 11/9 il factor invia alla Alfa spa. un bonifico a saldo la Alfa spa. decide di affidare a terzi la manutenzione dei propri beni strumentali e per questo motivo nel corso dell esercizio riceve fatture per 30 euro + IVA acquistato un macchinario per 250 euro + IVA; ceduto in permuta un macchinario per 78 euro + IVA (costo storico 4 euro, già ammortizzato per l 85%); regolamento a saldo con bonifico bancario avviata e conclusa durante l esercizio la costruzione in economia di un capannone: il valore al quale viene immesso nei cicli produttivi è di 2 euro durante l esercizio è stato liquidato e pagato TFRL a dipendenti dimissionari per 49 7 euro di cui 3 7 euro di competenza dell esercizio in corso; le ritenute fiscali a carico dei dipendenti sono pari a 7 4 euro l 1/9 è stato emesso a 98,20 un prestito obbligazionario quinquennale di 1 2 euro da rimborsare alla pari alla scadenza; tasso annuo lordo 3%, godimento 1/9 acquistata partecipazione in società collegata per 72 euro, valutata 60 euro a fine esercizio con il metodo del patrimonio netto ammortamento immobilizzazioni immateriali 80 euro, ammortamento immobilizzazioni materiali euro acquistato un impianto per euro le rimanenze di magazzino sono diminuite del 20% accantonate a fine esercizio quote TFRL per 110 euro di cui 1 euro per ritenute fiscali a carico dei dipendenti accantonate quote per oneri futuri per 7 euro utilizzati fondi oneri futuri per 25 euro l utile 22 è stato così distribuito: riserva legale 5%, riserva statutaria 2,5%, riserva straordinaria 30 euro. Si determina il capitale proprio 23 aggiungendo alle riserve presenti nel bilancio 22 la parte di utile del 22 non distribuita, quindi: Voci di 31/12/22 Utile 22 31/12/23 bilancio accantonato 3 3 sociale Riserva legale Riserva statutaria Altre riserve proprio

4 Conoscendo il capitale proprio (capitale sociale più riserve) e il ROE è possibile determinare l utile dell esercizio 23: euro (3 708 x 10%) euro utile d esercizio Conoscendo il capitale proprio e il leverage si determina il totale degli impieghi: euro (3 708 x 2,2) euro totale impieghi Conoscendo il totale degli impieghi, di determinare il reddito operativo: euro ( x 12%) euro reddito operativo il valore della produzione per effetto dell incremento del 5% è: euro ( x 1,05) euro le imposte d esercizio, ipotizzate per il 40% del risultato lordo di bilancio, sono pari a: : (1 40) X : 40 da cui X x euro imposte d esercizio Le rimanenze finali di magazzino sono diminuite del 20% rispetto alle rimanenze finali del 22, quindi: euro (2 250 x 0,8) euro 1 8 rimanenze finali Per la determinazione delle immobilizzazioni si procede come segue: Voci di bilancio 31/12/2 2 immateriali materiali finanziarie Totale immobilizzazioni Acquisti Incremen ti per lavori interni Vendite (valore netto) Ammortam enti 31/12/ euro ( ) euro 132 Fondi per rischi e oneri al 31/12/23 euro ( ) euro 873 Debiti TFRL al 31/12/23 per differenza i valori da inserire nello Stato patrimoniale sono i crediti, i debiti, le disponibilità liquide, i ratei e i risconti attivi e passivi. STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/ 23 A) CREDITI VERSO I SOCI 31/12/ 22 PASSIVO 31/12/ A) PATRIMONIO NETTO sociale 3 31/12/ 22 3 B) IMMOBILIZZAZIONI Riserva legale immateriali Riserva statutaria

5 materiali finanziarie Totale immobilizzazioni Altre riserve Utile d esercizio Totale C) ATTIVO CIRCOLANTE Rimanenze 1 8 Crediti Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni - - Disponibilità liquide Totale attivo circolante 6 B) FONDI RISCHI E ONERI 132 C)TRATTAMENTO FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO 873 D) DEBITI D) RATEI E RISCONTI D) RATEI E RISCONTI Totale attivo Totale passivo Conoscendo il ROD e il totale dei debiti è possibile determinare gli oneri finanziari; per ottenere il risultato del raggruppamento C) occorre diminuire gli oneri finanziari di un importo a scelta relativo ai proventi finanziari. Pertanto: euro ( ) x 6% euro oneri finanziari quindi, per quanto detto precedentemente: proventi e oneri finanziari euro 230 La svalutazione della partecipazione di 12 euro si iscrive nel raggruppamento D) Rettifiche di valore di attività finanziarie. Per differenza è possibile inserire in bilancio i costi della produzione e proventi e oneri straordinari. CONTO ECONOMICO esercizio 23 A) Valore della produzione B) Costi della produzione esercizio Differenza tra valore e costi della produzione (A-B) C) Proventi e oneri finanziari D) Rettifiche di valore di attività finanziarie E) Proventi e oneri straordinari Risultato prima delle imposte (A-B-C+D+E) Imposte dell esercizio Utile dell esercizio

6 Punto a scelta n. 1 Scritture in P.D. relative a operazioni di gestione A) CREDITI FATTORIZZATI CREDITI V/CLIENTI BANCA X C/C SOCIETA DI FACTORING C/C SOCIETA DI FACTORING C/C CREDITI FATTORIZZATI ONERI DI FACTORING DEBITI V/FORNITORI DEBITI V/FORNITORI SOCIETA DI FACTORING C/C BANCA X C/C SOCIETA DI FACTORING C/C B) MANUTENZIONI E RIPARAZIONI IVA NS/CREDITO DEBITI V/FORNITORI C) F.DO AMM.TO IMPIANTI E MACCHIN. D) E) F) IMPIANTI E MACCHINARI CREDITI COMMERCIALI DIVERSI IMPIANTI E MACCHINARI IVA NS/DEBITO IMPIANTI E MACCHINARI PLUSVALENZE ORDINARIE IMPIANTI E MACCHINARI IVA NS/CREDITO DEBITI V/FORNITORI DEBITI V/FORNITORI CREDITI COMMERCIALI DIVERSI BANCA X C/C IMPIANTI E MACCHINARI COSTRUZIONI INTERNE DEBITI PER TFRL TFRL PERSONALE C/LIQUIDAZIONE PERSONALE C/LIQUIDAZIONE DEBITI PER RITENUTE DA VERSARE BANCA X C/C DEBITI PER RITENUTE DA VERSARE BANCA X C/C OBBLIGAZIONISTI C/SOTT.NE DISAGGIO SU PRESTITI PRESTITI OBBLIGAZIONARI INTERESSI SU OBBLIGAZIONI OBBLIGAZIONISTI C/INTERESSI 75, 60, 75, 3, 3, 14 7, 30, 6, 340, 93 6, 18, 250, 50, 3, 2, 46, 3 7, 49 7, 7 4, , 21 6, 27, 75, 60, 75, 3, 3, 14 7, 36, 340, 78, 15 6, 18, 3, 93 6, 206 4, 2, 49 7, 7 4, 42 3, 7 4, 1 2, 27,

7 G) OBBLIGAZIONISTI C/INTERESSI BANCA X C/C PARTECIPAZIONI IN COLLEGATE BANCA X C/C 27, 72, 27, 72, Punto a scelta n. 2 Analisi di bilancio per indici Per rielaborare lo Stato patrimoniale è necessario distinguere i crediti e i debiti fra quelli scadenti entro la fine dell esercizio e quelli scadenti oltre la fine dell esercizio successivo. La riclassificazione dello Stato patrimoniale è effettuata considerando anche le seguenti informazioni: i fondi rischi e oneri sono considerati passività interamente a medio/lungo termine per il 23; la Alfa spa ritiene che durante l esercizio 24 pagherà quote TFR già maturate al 31/12/23 per 75 euro; durante l esercizio 23 sono stati pagati debiti per TFRL per 46 euro da considerarsi debiti a breve termine per l esercizio 22; le disponibilità finanziarie comprendono i ratei e i risconti attivi, i debiti a breve scadenza comprendono i ratei e i risconti passivi. Il prestito obbligazionario è da ritenersi una passività interamente a medio/lungo termine per il 23 I mutui passivi nel bilancio 22 pari a euro sono da ritenersi debiti a breve termine per 3 euro; la quota del mutuo da rimborsare nel 24 è sempre di 3 euro. Analisi dei debiti per scadenza Importi 31/12/23 Scadenza oltre 31/12/24 Importi 31/12/22 Scadenza oltre 31/12/23 Mutui passivi Prestiti obbligazionari Fondi per rischi e oneri Debiti per TFRL Totale Ammortamento del disaggio di emissione sul prestito obbligazionario Anni 23 Calcolo degli interessi di competenza 1 2 x 3 x Quote ammortame nto del disaggio , , x 3 x x 3 x , ,91

8 x 3 x x 3 x , 4 320, x 3 x x 3 x , 4 320, x 3 x x 3 x , , x 3 x , ,80 180, 21 6, Pertanto il disaggio su prestiti nel bilancio 23 è : euro ( ) euro Stato patrimoniale riclassificato Impieghi Fonti Disponibilità liquide Debiti a breve scadenza Disponibilità finanziarie Debiti a media e a lunga scadenza Rimanenze di debito Attivo corrente sociale Riserve immater Utile d esercizio mater. finanz. Attivo immobilizzato 60 - proprio Totale impieghi Totale fonti Calcolo degli indici e report della situazione economica, finanziaria e patrimoniale Per evitare ulteriori elaborazioni dei dati, i ricavi di vendita vengono considerati come la quasi totalità del valore della produzione. Gli oneri finanziari del 22 sono posti pari a 205 euro. Indici esercizio 23 esercizio 22

9 ROE Utile d esercizio proprio x % 240 x ,56 % ROI Reddito operativo Totale impieghi x % 630 x 1 8,41% ROD Oneri finanziari di debito x % 205 x ,71% ROS Reddito operativo Ricavi di vendita x ,99% 630 x ,57% Leverage Totale impieghi proprio , ,05 Tasso di incid. gest. non caratt. Ut. d eserc. Risult.oper at x ,88 % 240 x ,10 % Rotaz. impieghi Ricavi di vendita Totale impieghi , ,84 Indice di elasticità Attivo circolante Immobilizzazio ni x ,50 % x ,33 % Grado di capitalizzazion e proprio di debito , ,02 Autonomia finanziaria proprio Totale impieghi , ,49

10 Autocopertura delle immobiliz. proprio Immobilizzazio ni , ,87 Copertura globale delle immobiliz. Debiti consolidati proprio , ,26 Indice di disponibilità Attivo circolante 428 Debiti breve , ,69 Indice di liq. secondaria Disp. finanz. + Disp. liq Debiti breve , ,53 Rotazione del l attivo circolante Ricavi di vendita Attivo circolante , ,19 Rotazione dei crediti Ricavi di vendita IVA Crediti v/clienti , ,73 Dilazione media sulle vendite Indice di 13,02 rotazione ,73 22 La redditività del capitale proprio alla fine dell'esercizio 23, pur non essendo particolarmente soddisfacente, risulta sensibilmente migliorata rispetto all'esercizio precedente. Il motivo è da ricercarsi soprattutto nel notevole apprezzamento del ROI. L apprezzamento del ROI è stato determinato a sua volta da un significativo aumento della redditività delle vendite, che ha annullato la lieve riduzione della rotazione degli impieghi. L incremento del ROI ha ulteriormente ampliato la differenza tra ROI e ROD. L'indice di capitalizzazione e l indice di autonomia finanziaria evidenziano, alla fine dell'esercizio 23, un peggioramento nell equilibrio patrimoniale rispetto all esercizio precedente, mostrando una situazione di lieve sottocapitalizzazione. L indice di elasticità presenta nei due esercizi valori nella norma. La minore elasticità degli impieghi rilevata nell'esercizio 23 è essenzialmente dovuta all'investimento in nuove immobilizzazioni; il ridimensionamento del magazzino è stato compensato dall incremento dei crediti.

11 L'analisi finanziaria evidenzia una corretta correlazione tra fonti e impieghi. Rimane pressoché invariato e comunque positivo l indice di copertura globale delle immobilizzazioni. Gli indici di disponibilità e di liquidità secondaria segnalano nell esercizio 23 un adeguato livello di copertura finanziaria nel breve periodo. Infine, la dilazione media concessa ai clienti è cresciuta sensibilmente nel 23, rimanendo tuttavia a un livello accettabile. Punto a scelta n. 3 Rendiconto finanziario Flusso generato dalla gestione reddituale Utile d esercizio Costi non monetari: ammortamento immobilizzazioni immateriali 80 ammortamento immobilizzazioni materiali ammortamento disaggio su prestiti quota netta TFRL 34 accantonamenti per rischi e oneri svalutazione partecipazioni Ricavi non monetari: costi patrimonializzati per lavori interni - 2 plusvalenze ordinarie Flusso generato dalla gestione reddituale Rendiconto finanziario delle variazioni del patrimonio circolante netto Parte I Dimostrazione delle fonti e degli impieghi Parte II Variazioni intervenute nei componenti il patrimonio circolante netto Fonti di risorse finanziarie Variazioni delle attività a breve flusso generato dalla gestione disponibilità liquide 10 6 reddituale vendita immobilizzazioni 78 crediti v/clienti 3 emissione prestito obbligazionario rimanenze Totale fonti ratei e risconti (1) Totale variazioni delle attività a breve Variazioni delle passività a breve Impieghi di risorse finanziarie debiti a breve termine (2) acquisto immobilizzazioni 1 8 ratei e risconti - 11 acquisto partecipazioni 72 debiti per TFRL a breve termine + 29 distribuzione utili fondi rischi e oneri - 25 rimborso quote di mutui passivi 3 Totale variazioni delle passività a breve Totale impieghi Totale fonti Totale variazioni delle attività a breve Totale impieghi Totale variazioni delle passività a breve Incremento del patrimonio circolante netto 299 Incremento 628 del patrimonio circolante netto (1) per la variazione dei ratei e risconti attivi bisogna tener conto del disaggio di emissione da ammortizzare ( ) compreso nei ratei e risconti attivi del 23 (2) i debiti a breve termine sono calcolati sottraendo dai debiti di bilancio per il 22 la quota dei mutui passivi con scadenza oltre l esercizio successivo (750 ), per il

12 23 la quota dei mutui passivi con scadenza oltre l esercizio successivo (450 ) e il prestito obbligazionario (1 2 )

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Sessione ordinaria 2006 Seconda prova scritta ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La funzione finanza

Dettagli

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE Tema d esame PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Anno 1999 Tema di Economia Aziendale Traccia La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento del processo di attuazione dell Unione Europea grazie

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

www.net4students.org Pag. 1

www.net4students.org Pag. 1 TOMO 1-5. SOCIETÀ DI CAPITALI: FINANZIAMENTI A TITOLO DI CAPITALE DI DEBITO 5.2 confronto tra prestito obbligazionario e mutuo passivo Piano di ammortamento finanziario del prestito obbligazionario Anni

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali

Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali Introduzione XIII Capitolo 1 Il bilancio di esercizio: normativa e principi contabili nazionali 1 1.1 Le funzioni del bilancio di esercizio 3 1.2 Il quadro normativo nazionale 4 1.2.1 I postulati del bilancio

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo

GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo Temi in preparazione alla maturità GEsTIonE DEllE risorse umane, bilancio D EsErCIzIo, reddito fiscale, scritture D AssEsTAmEnTo di riccardo VAnDA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 materia: EConomIA D AzIEnDA (Classe

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE)

PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) PIANO DEI CONTI DI UNA SOCIETÀ PER AZIONI (CON ATTIVITÀ INDUSTRIALE) 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Azionisti c/sottoscrizione 00.02 Azionisti c/versamenti richiamati 00.05 Azionisti c/reintegro 01.00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC

QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC QUADRO DEI CONTI DI UN IMPRESA COMMERCIALE IN FORMA DI SNC 00.00 CREDITI V/SOCI 00.01 Socio c/conferimenti 00.10 Socio c/reintegro 00.20 Socio c/prelevamenti 01.00 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 01.01 Costi

Dettagli

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA

Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Anno 23 Indirzzo: Giuridico Economico Aziendale Progetto IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato, dopo aver brevemente illustrato e comparato

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale Tema di: Economia aziendale L impresa Pomodori S.p.A. di Napoli, azienda leader del

Dettagli

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE I L PIANO DEI CONTI Il piano dei conti Il piano dei conti si articola in: CLASSI RAGGRUPPAMENTI CONTI DI MASTRO SOTTOCONTI 1ª posizione 2ª posizione 3ª e 4ª posizione Posizioni successive (non sviluppato)

Dettagli

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile.

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile. NOTA DI RICLASSIFICAZIONE Come si evince dai prospetti di bilancio, l'azienda è proprietaria di un appezzamento di terreno: per il 50% è adibito ad uso industriale, mentre la restante parte ha destinazione

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a.

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Esercitazioni svolte 2008 Scuola Duemila 91 Esercitazione n. 17 Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Obiettivi Saper fare: effettuare le procedure di calcolo relative alle operazioni tipiche

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE

AZIENDA LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA CONDIZIONI PRODUTTIVE ACQUISITE LA LOGICA GENERALE DI DI COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI DI ESERCIZIO IL IL SISTEMA AZIENDA FATTORI CONDIZIONI PRODUTTIVE BENI E SERVIZI PRODOTTI USCITE MONETARIE O AUMENTO DI DEBITI AZIENDA ENTRATE MONETARIE

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc.

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc. PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI Costi Ricavi Costi sospesi (CS)/ Ricavi sospesi Abbuoni attivi X Abbuoni passivi X Aggio di emissione X Ammortamento

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

Analisi della situazione patrimoniale

Analisi della situazione patrimoniale Analisi della situazione patrimoniale È data la seguente Situazione patrimoniale della S.p.A. XY al 31/12/n (valori in migliaia di euro). Situazione patrimoniale Fabbricati commerciali Fabbricati industriali

Dettagli

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione

OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione OPERAZIONI DI INVESTIMENTO PLURIENNALE: Accadimenti e Alienazione Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, febbraio 2013 Le operazioni di investimento pluriennale: gli accadimenti e l alienazione

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

Reddito fiscale Calcolo dell IRES e dell IRAP

Reddito fiscale Calcolo dell IRES e dell IRAP Reddito fiscale Calcolo dell IRES e dell IRAP La Alfa S.p.A., che esercita un attività industriale, dopo la rilevazione degli assestamenti di fine periodo a eccezione delle imposte di competenza, presenta

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica.

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. L azienda e i suoi elementi costitutivi. Concetti di: patrimonio, investimento,

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Salvatore Nucci, gennaio 2011 L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale

Dettagli

BERGAMO MERCATI SPA BERGAMO VIA BORGO PALAZZO N. 207 CAPITALE SOCIALE EURO 103.292,00.= I.V.

BERGAMO MERCATI SPA BERGAMO VIA BORGO PALAZZO N. 207 CAPITALE SOCIALE EURO 103.292,00.= I.V. BERGAMO MERCATI SPA BERGAMO VIA BORGO PALAZZO N. 207 CAPITALE SOCIALE EURO 103.292,00.= I.V. ISCRITTA NEL REGISTRO IMPRESE DI BERGAMO AL N. 02517500167 (Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI

L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI Prof. Luigi Trojano L ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione 74 ESERCIZIO 6 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione di GIULIANO PAGANIN L attività aziendale può essere sostenuta attraverso le fonti, generatrici di

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Danilo Scarponi - Sandro Biondini 10/04/2008 Pagina 1 di 26

Danilo Scarponi - Sandro Biondini 10/04/2008 Pagina 1 di 26 Linee guida metodologiche per la determinazione sintetica dei flussi di cassa e la redazione del Rendiconto finanziario che espone le variazioni nella situazione patrimoniale e finanziaria in termini di

Dettagli

Esercitazione sull'elaborazione di un bilancio con i dati a scelta

Esercitazione sull'elaborazione di un bilancio con i dati a scelta Esercitazione sull'elaborazione di un bilancio con i dati a scelta L'esercitazione sul bilancio con dati a scelta è diversa da qualsiasi comune esercizio di contabilità: può essere ogni volta diversa a

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Simulazione di seconda prova sulla base del tema di esame dell anno 1999

Simulazione di seconda prova sulla base del tema di esame dell anno 1999 Simulazione di seconda prova sulla base del tema di esame dell anno 1999 L impresa industriale Geltax S.p.A. con capitale sociale di euro 400.000 e un fatturato dell importo di euro 3.852.000 nell esercizio

Dettagli

Le operazioni caratteristiche delle società per azioni

Le operazioni caratteristiche delle società per azioni IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI VARAZZE CLASSE 4^G VERIFICA DI ECONOMIA AZIENDALE Le operazioni caratteristiche delle società per azioni COSTITUZIONE, DESTINAZIONE DELL UTILE, COPERTURA DELLA PERDITA Anno

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI E BILANCIO D'ESERCIZIO

SCRITTURE CONTABILI E BILANCIO D'ESERCIZIO Corso di Ragioneria applicata - Esercitazione Relatore: Dott. Andrea Fidanza 28 gennaio 2012 Mail: andrea@fidanzastudio.it Internet: www.fidanzastudio.it Comporre le scritture di assestamento sulla base

Dettagli

Ragioneria Generale ed Applicata

Ragioneria Generale ed Applicata Ragioneria Generale ed Applicata Corso 00-49 LEZIONE n. 17 Prof.ssa Anna Paris anna.paris@unisi.it Università degli Studi di Siena School of Economics and Management Dip. di Studi Aziendali e Giuridici

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

ATTIVO: struttura finanziaria

ATTIVO: struttura finanziaria ATTIVO: Voci bilancio civilistico Riclassificazione SP secondo struttura finanziaria A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata - Quote non

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale - classe quinta PROPOSTA SVOLGIMENTO PROVA MATURITA 2005 Prof. Monica Masoch

Lezioni di Economia Aziendale - classe quinta PROPOSTA SVOLGIMENTO PROVA MATURITA 2005 Prof. Monica Masoch M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La globalizzazione dei mercati e il crescente sviluppo dei

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano

La riclassificazione del bilancio di esercizio. Prof. Luigi Trojano La riclassificazione del bilancio di esercizio Il Il bilancio Il sistema informativo di bilancio secondo la normativa vigente: stato patrimoniale; conto economico; nota integrativa. Requisiti fondamentali

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita C) VARIAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE -Riserve tecniche rami danni -Riserve

Dettagli

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 -

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 - SOLUZIONI ESERCIZIO 1 Bilancio consolidato In data 01/01/X la società ALFA acquista una partecipazione del 70% in BETA al prezzo di 21.000. Il patrimonio netto contabile di BETA alla data dell operazione

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 CONTABILITA ECONOMICO PATRIMONIALE Relazione Conto economico e stato patrimoniale Maggio 2014 1 Relazione economica 2014 Il D.Leg.vo n. 77/1995 ha introdotto

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale - Istituti Tecnici Commerciali di Gian Carlo Bondi Un modello userfriendly per imparare a costruire un Bilancio su due esercizi con dati liberamente

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli