Eventi: Fillea Cgil, Legambiente, Edilizia sostenibile. Costruire il futuro, Chiavari, 12 settembre politiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Eventi: Fillea Cgil, Legambiente, Edilizia sostenibile. Costruire il futuro, Chiavari, 12 settembre 2014. 1 politiche abitative@filleacgil."

Transcript

1 Osservatorio Fillea Grandi Imprese e Lavoro Newsletter Costruzioni e Grandi Imprese 5 12 settembre 2014 A cura di Alessandra Graziani 1 e Giuliana Giovannelli 2 Congiuntura: Federlegno: dall aula al laboratorio, l arredo diventa hi-tech (Affari&Finanza, ) Federlegno: primo corso universitario sulle strutture in legno (Xylon, 09.14) Fondi Ue: delibera Cipe per i fondi (sito internet casa e clima, ) Arpinge: scelti 51 progetti da finanziare nel (Il Sole 24 Ore, ) Fondi Ue: Bruxelles mette a disposizione 11,9 mld per i trasporti europei (Milano Finanza, ) Grandi imprese delle costruzioni: Cementir: ancora incertezze sul futuro (Il Secolo XIX, ) Salini Impregilo: scommessa industriale per rilanciare il titolo (Affari&Finanza, ) Rubner: gli esperti europei riuniti a Chienes (Corriere Alto Adige, ) Margaritelli: mobilità per 31 dipendenti (Giornale dell Umbria, ) Italcementi: proteste per Porto Empedocle (Giornale di Sicilia, ) Poltrona Frau: si insedia nel Luxury District a Shanghai (Il Sole 24 Ore, ) Ikea: Pechino fiore all occhiello (Milano Finanza, ) Salini Impregilo: accontenta la famiglia (Milano Finanza, ) Santarossa: gli operai dicono si all intesa (Messaggero Veneto, ) Rapporti e studi: Min. Lavoro: sistema delle comunicazioni obbligatorie II trimestre 2014 (Comunicato Min. Lavoro, 09.14) Acimall: Mercato delle tecnologie per il legno, sorprese positive nel II trimestre 2014 (sito internet casa e clima, ) Eventi: Fillea Cgil, Legambiente, Edilizia sostenibile. Costruire il futuro, Chiavari, 12 settembre 2014 Congiuntura FederlegnoArredo ( ): Cinquanta giovani diplomati da formare e da inserire nelle aziende dell'arredo che operano nel distretto industriale della Brianza. Con questo ambizioso progetto parte a settembre il secondo livello di formazione, quella superiore, del nuovo Polo formativo gestito dalla Fondazione Its "Rosario Messina", nata nel dicembre scorso su iniziativa di FederlegnoArredo e con il supporto di Aslam per avvicinare i giovani a questo mondo e per soddisfare il fabbisogno occupazionale delle imprese della filiera. Un settore che, nonostante la crisi economica, rimane uno dei fiori all'occhiello del made in Italy con quasi 28 miliardi di fatturato e 367mila addetti. E sebbene a fine anno si preveda un saldo ancora negativo tra entrate e uscite (-3600 addetti), nel 2014 il comparto vedrà l'ingresso di circa 7mila nuovi dipendenti, la maggior parte dei quali giovani. Il nuovo corso di "tecnico superiore per il prodotto, il marketing e l'internazionalizzazione", è questo il suo nome, prenderà il via ad ottobre nel neonato Istituto Superiore del legno arredo. L'obiettivo dichiarato è di preparare una nuova generazione di professionisti in grado di affrontare le sfide della globalizzazione. Le lezioni si tengono principalmente presso la sede brianzola del Polo formativo del legnoarredo (via XXIV Maggio, Lentate sul Seveso) e la durata è di due annualità di 900 ore, per un totale di 1800 ore. Per ogni annualità sono previste 600 ore d'aula, di cui almeno il 50% erogate da professionisti provenienti dalle aziende del settore. Le restanti 300 svolte come tirocinio formativo presso aziende della filiera con sedi in Italia e all'estero. E' prevista la frequenza diurna giornaliera. Inoltre, previo esame finale, alla fine del percorso formativo verrà rilasciato dal Ministero della Pubblica istruzione un diploma di tecnico superiore di V livello Eqf. Il corso post diploma è però solo l'ultimo step di un percorso che il Polo del legno-arredo della Brianza sta proponendo. Percorso strutturato in modo da offrire diversi livelli di formazione. Spazio, quindi, anche a una "Formazione di base" funzionale al primo inserimento lavorativo dei giovani dove il profilo professionale individuato per la formazione di base è l'operatore meccatronico del legno-arredo". E' una figura di operatore polivalente in grado di operare sul legno o su altre materie prime tipiche del settore, anche attraverso strumenti e macchine a controllo numerico o comunque ricorrendo a tecnologie computeraided. Un'evoluzione in termini di innovazione delle tecnologie di processo e dell'organizzazione del lavoro, che permette di adeguare la figura tradizionale del falegname. «La creazione di questo nuovo Polo formativo - afferma Giovanni Anzani, vicepresidente di FederlegnoArredo delegato per il Polo formativo - è di importanza strategica, non solo perché è in gioco il ricambio generazionale delle aziende di uno dei settori più decisivi per l'economia nazionale e per la reputazione del made in Italy nel mondo, ma anche per la tenuta nel tempo di un patrimonio economico, sociale e culturale proprio dell'identità lombarda e italiana». FederlegnoArredo (09.14): A partire dal prossimo anno accademico 2014/15 il Politecnico di Milano avrà il suo primo corso universitario dedicato alle strutture e alle tecnologie per le costruzioni in legno. L'accordo tra 1 politiche 2

2 FederlegnoArredo e Politecnico di Milano è stato siglato a Milano durante il terzo Forum del Legno Arredo e permetterà l'attivazione nel prossimo anno accademico di insegnamenti universitari sulle strutture del legno e sulle tecnologie della lavorazione. A firmare l'accordo il presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero e il rettore del Politecnico, Giovanni Azzone. "Il nostro ateneo amplia la propria offerta formativa - ha detto il rettore - rafforzando la formazione in un settore importante e in forte crescita. Fondi Ue ( ): Sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.209 di oggi 9 settembre 2014 è stata pubblicata la delibera del Cipe del 18 aprile 2014 con la quale è approvata la proposta di accordo di partenariato - di cui al Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento e del Consiglio europeo del 17 dicembre concernente la programmazione dei Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) per il periodo L'Accordo di partenariato stabilisce la strategia di impiego dei Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE) per il periodo di programmazione indicando le priorità di investimento declinate nei seguenti undici obiettivi tematici (OT) previsti dal Regolamento (UE) di disposizioni comuni n. 1303/2013: - OT1: rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione; - OT2: migliorare l'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, nonchè l'impiego e la qualità delle medesime; - OT3: promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, il settore agricolo e il settore della pesca e dell'acquacultura; - OT4: sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori; - OT5: promuovere l'adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi; - OT6: tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse; - OT7: promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete; - OT8: promuovere l'occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilitò dei lavoratori; - OT9: promuovere l'inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione; - OT10: investire nell'istruzione, formazione e formazione professionale, per le competenze e l'apprendimento permanente; - OT11: rafforzare la capacità delle amministrazioni pubbliche e degli stakeholders e promuovere un'amministrazione pubblica efficiente. Nell'Accordo sono indicati, per ciascun obiettivo tematico, i risultati attesi, il quadro motivazionale delle priorità e delle azioni correlate e i metodi di intervento, sulla base degli orientamenti individuati nell'ambito del Quadro strategico comune. RISORSE PARI A 41 MILIARDI. La proposta di Accordo di partenariato prevede una ripartizione indicativa, tra gli 11 obiettivi tematici, delle risorse UE complessivamente assegnate all'italia per il periodo a valere sui Fondi strutturali e di investimento europei FESR, FSE e FEASR, nonche' sul FEAMP. L'importo complessivo di tali risorse a valere sui Fondi strutturali e di investimento europei FESR, FSE e FEASR, al netto del FEAMP, e' pari a ,4 milioni di euro per il periodo Arpinge ( ): I soldi di tre casse di previdenza private finanzieranno infrastrutture bloccate dalla crisi. L'iniziativa viene da Arpinge, società di investimenti partecipata dalle casse di previdenza dei geometri (Cipag), dei periti industriali (Eppi) e di ingegneri e architetti (Inarcassa). La novità è stata presentata ieri a Roma: le prime 4-5 iniziative potrebbero partire entro l'anno. Ma 15 progetti sono in stato più avanzato e 51 sono i progetti definiti «caldi», attivabili nel biennio , per un valore di 340 milioni, di cui 160 di Arpínge. «Le risorse ci saranno - assicura Paola Muratorio, presidente di Inarcassa - quello che mancano sono i progetti». A dare sostanza all'affermazione sono i primi numeri comunicati dall'amministratore delegato, Federico Merola, già direttore generale Ance e senior partner del fondo F2i: «In otto mesi abbiamo esaminato 133 proposte e solo 15 risultano bancabili». L'importo del singolo progetto varia tra 10 e 45 milioni, l'ordine di grandezza che interessa gli investitori. I settori sono valorizzazioni immobiliari, riqualificazioni con efficienza energetica, parcheggi, energia (idroelettrico e gas), residenze sanitarie per anziani. Tra i progetti individuati c'è anche la sostituzione di una scuola, con permuta e trasformazione del vecchio immobile e realizzazione della nuova struttura. «Spero di approvare entro l'anno almeno 4-5 di questi progetti», riferisce Merola, spiegando che, dopo aver passato un primo esame delle strutture, i progetti andranno all'esame del comitato investimenti e poi del consiglio di amministrazione. Quanto al ritorno dell'investimento - precisa Merola - «nell'equity non entriamo se non abbiamo un ritorno del 10% netto». «Gli sponsor non interverranno in alcun modo nelle scelte di investimento dice Muratorio È una condizione fondamentale per la buona gestione ed è anche un principio che dobbiamo ricordare alla politica quando dimentica che siamo un investitore istituzionale e ci considera solo un bancomat». (Massimo Frontera) Fondi Ue ( ): La Commissione Ue aumenta gli sforzi lo sviluppo dei collegamenti e del trasporto in Europa. Si apre oggi il primo bando nell'ambito del programma «Meccanismo per collegare l'europa». In totale i fondi destinati al trasporto nel periodo saranno pari a 26 miliardi di euro, triplicando i finanziamenti dei sei anni precedenti. Per questa prima finestra Bruxelles ha messo a disposizione 11,9 miliardi, importo che da solo supera gli 8 miliardi stanziati per il periodo I finanziamenti si concentrano su nove corridoi che vanno a costituire la rete centrale da istituire entro il 2030, che dovrà costituire l'asse portante dei trasporti nel mercato unico europeo. Una ragnatela che collegherà 94 porti e 38 aeroporti a grandi città e che prevede l5mila chilometri di linee ferroviarie convertite all'alta velocità e 35 progetti transfrotalieri, una delle priorità assieme alla necessità di sbloccare le strozzature all'interno della rete. La maggior parte dei finanziamenti sarà destinata a progetti prioritari lungo i nove corridoi. Sí tratta di 11 miliardi, di cui 4 riservati a investimenti per infrastrutture collegate ai trasporti negli Stati membri che rientrano nei Fondi, di coesione. Il resto dei fondi potrà invece essere usato per altri progetti rilevanti all interno della rete globale. La scadenza del primo bando è fissata per 26 febbraio Altri bandi saranno a disponibile già il prossimo anno e nel Non sono tuttavia state stabilite quote destinate ai singoli ì Paesi. I progetti saranno selezionati secondo un processo concorrenziale in due fasi, di cui la prima affidata a esperti indipendenti. L'Italia potrebbe però essere ben posizionata nella selezione, considerata la rilevanza di diversi progetti che la riguardano direttamente nello sviluppo dei nove corridoi. Per il corridoio mediterraneo svetta ad esempio la tratta Lione-Torino, assieme agli studi e ai lavori per la via navigabile Milano-Venezia. All'interno del corridoio renoalpino è compreso il collegamento Genova-Rotterdam, con snodi a Milano e Novara. Di rilievo è inoltre il tunnel base

3 del Brennero all'interno del corridoio scandinavo-mediterraneo. La presentazione alla Commissione delle proposte dettagliate spetta agli Stati. Come sottolineato dai tecnici del ministero dei Trasporti nella programmazione si dovrà tenere a mente che il contributo Ue copre solo parte del progetto. Per i grandi progetti di trasporto circa il 20% del costo di investimento. Si sale al 40% per gli studi e i lavori connessi a grandi progetti transfrontalieri e al 50% per gli studi individuali. Il resto deve però essere finanziato dal singolo Stato. (Andrea Pira) Grandi imprese delle costruzioni Cementir ( ): Situazione tesa alla Cementir di Arquata Scrivia. L'accordo siglato tra azienda e sindacati, che prevedeva una serie di ricollocazioni e riqualificazione del personale, secondo il segretario Fillea Cisl Massimo Coliandro, «non è stato rispettato». Un cambio al vertice del gruppo ha rallentato i rapporti tra le parti. «Avevamo chiesto alla nuova dirigenza un incontro ad inizio estate e non ci è ancora stato concesso. Ribadiamo la richiesta e vedremo se, come sembra, entro settembre saremo convocati». Anche i dipendenti Cementir sono in cassa integrazione e lo saranno ancora per tutto l'anno. Intanto, Cementir è rientrata nella partita del Terzo Valico dei Giovi. Grazie ad un accordo con Cociv (che ha parte degli uffici in loco proprio presso lo stabilimento arquatese Cementir), il cementificio fornirà calcestruzzo per l'opera. Salini Impregilo ( ): A dar retta oggi ai report degli analisti di Borsa, le azioni di Salini Impregilo sarebbero da comprare a man bassa. Il "prezzo- obbiettivo" medio ovvero quello che secondo gli esperti delle banche d'investimento, il titolo potrebbe raggiungere da qui a un anno - è di 4,39 euro secondo il consensus di Bloomberg. E si parte dai 3,34 euro di oggi. Dunque l'upside potenziale (ovvero la crescita possibile) è di circa il 32 per cento. Eppure, nonostante questi brillanti giudizi arrivati dopo la presentazione dei risultati del primo semestre del 2014 davvero è difficile vedere un consensus così univoco, le raccomandazioni sono tutte o "buy" o "outperform" con un solo "hold" e nessun "sell" - non sembra ci sia un affollamento in Borsa per comprare titoli Salini Impregilo, anche se è vero che nell'ultimo mese il titolo è risalito dell'1,71 per cento. Del resto, questa piccola risalita giunge dopo un vero tracollo: pensare che soltanto il 5 maggio scorso il titolo quotava a 4,67 euro, mentre lo scorso 15 novembre aveva toccato il picco di 5,14 euro. Già dalla seconda metà di maggio, però, le cose avevano preso un'altra piega, e piano piano il titolo era sceso fino al minimo di 2,83 euro dell'8 agosto scorso. A partire da quel momento il declino si è fermato, iniziando la debole ripresa che si vede oggi. Sembrano lontani anni luce i tempi delle spavalde dichiarazioni di Pietro Salini durante la guerra facilmente vinta sulla famiglia Gavio per la conquista di Impregilo. Anche le previsioni di crescita effettuate subito dopo la fusione della Salini con la preda appena acquisita si sono ridimensionate. «Ma ora - dice Andrea Scauri, analista di Mediobanca - appaiono del tutto realistiche». Ma perché l'improvviso tracollo del titolo fra maggio e primi di agosto, nonostante i report degli analisti parlino di un'azione che è largamente sottovalutata? In altre parole, se il valore possibile del titolo è di almeno 4,39 euro perché ora in Borsa ne vale soltanto 3,34? «Le ragioni sono diverse - spiega Giuseppe Puglisi di Intermonte -. Il fatto è che il processo di creazione di nuovo flottante, mediante collocamento del 10 per cento del capitale in mano a Pietro Salini e aumento di capitale per un altro 10 per cento - è avvenuto in un momento sfavorevole, a giugno, quando il mood degli investitori verso l'italia è repentinamente cambiato. I flussi di denaro provenienti da Stati Uniti e Regno Unito si sono ritirati e hanno colpito soprattutto le small & mid cap». Ma non basta. C'è stata in realtà un' overallocation del titolo. Il collocamento - guidato da Banca Imi e da Goldman Sachs - che doveva ricreare il flottante "fino al 25 per cento" (contro i 110 per cento già esistente), è in realtà cresciuto fino a sfiorare il 30 per cento, giacché oggi i titoli in mano al mercato sono il 38,1 per cento. Il punto, però, è che il book era stato coperto di fatto solo una volta, cosa che non accade quasi mai perché in genere le domande sono superiori all'offerta e quindi si va al riparto. È accaduto invece che tutti coloro che hanno chiesto azioni siano stati accontentati al 100 per cento. Quindi molti investitori, che non si aspettavano di ricevere tutte quelle azioni, hanno poi venduto, contribuendo alla forte discesa del titolo fra giugno e primi di agosto. Ma questo è il passato. Gli occhi degli analisti sono adesso rivolti al futuro, ovvero alla capacità della nuova Salini Impregilo di crescere sia in dimensioni che in redditività. E qui i giudizi, come si è già visto, sono ottimistici. Tutti ritengono che gli ambiziosi target resi noti dal management siano assolutamente raggiungibili senza troppe difficoltà. Il fatturato, che nel 2013 è stato di milioni di euro, dovrebbe salire quest'anno a oltre e poi ancora a oltre nel 2015 e sfiorare i nel L'Ebit, che nel 2013 era di 237 milioni di euro, dovrebbe salire a 243 quest'anno e andare a oltre 300 nel 2015 e 400 nel Bruno Permutti, analista di Banca Imi, ritiene che il target price di Salini Impregilo, basato sulle previsioni per il 2015, sia da collocarsi a 4,50 euro, quindi con un upside potenziale del titolo superiore a quello medio del consensus degli analisti. «Il prezzo di 4,50 euro - scrive l'analista nell'ultimo report di un mese fa - si ottiene applicando uno sconto del 30 per cento sul valore della società» rispetto ai peers delle costruzioni. «Riteniamo che questo sconto si potrà gradualmente 'restringere via via che il management raggiungerà i target di medio termine». È lo stesso report di Banca Imi a esplorare i rischi per il gruppo guidato con cipiglio da Pietro Salini, e cioè un «significativo portafoglio ordini in aree caratterizzate da una certa instabilità come Venezuela e Libia. Inoltre, il mercato italiano non dà ancora segni di una ripresa mentre l'arbitrato sul Canale di Panama rimane pendente». Finora i target annunciati dal management sono stati rispettati e addirittura nel primo semestre 2014 anche leggermente superati. Ciò che rende ottimisti gli analisti. Ma finora il gruppo è stato concentrato soprattutto sulla fusione (sinergie di costi) e sul ripristino del flottante, operazioni entrambe riuscite. Per il futuro però è dal business vero e proprio che si attendono conferme. E qui che Pietro Salini vincerà o perderà la sua scommessa. (Adriano Bonafede) Rubner ( ): Rubner Haus (300 dipendenti tra Chienes e Sarentino), leader italiano delle costruzioni in legno, chiude il ciclo di eventi per festeggiare il 500 anniversario: giovedì alle ore nel Rubner Center di Chienes si svolgerà il convegno «Costruire, Abitare, Futuro» con relatori di fama internazionale. L'introduzione e la moderazione saranno a cura di Norbert Lantschner, esperto di sostenibilità dell'edilizia e presidente della Fondazione ClimAbita, che parlerà su «Come superare la schizofrenia tra esigenze e realtà». Georg Binder di Proholz Austria, piattaforma austriaca per la promozione del legno, illustrerà il progetto «Wood box - Architettura in legno d'avanguardia», un'esposizione mobile dedicata all'architettura in legno che contribuisce alla diffusione più approfondita di questo materiale da costruzione. Chiara Tonelli dell'università RomaTre e team leader del primo gruppo italiano ammesso alla competizione internazionale Solar Decathlon Europe parlerà della vittoria dello scorso luglio a Versailles di Rhome for dencity, concreta soluzione per la rigenerazione urbana. Il prototipo italiano realizzato

4 dagli studenti dell'università con Rubner Haus si è aggiudicato il concorso battendo 19 team internazionali. Molto atteso, l'intervento su «Edilizia sostenibile - La casa attiva» di Werner Sobek dell'università di Stoccarda, ingegnere e architetto tedesco e direttore dell'institut Fiir Leichtbau Entwerfen und Konstruieren (Ilek). Nel pomeriggio visite interattive all'interno del Rubner Center con «Prospettive Legno», mostra permanente su 400 mq, l'esposizione mobile «Wood Box» e il «Med in Italy», il prototipo che ha vinto il bronzo 2012 del Solar Decathlon. Margaritelli ( ): Margaritelli SpA, una delle più grandi realtà imprenditoriali umbre (tre siti produttivi a Miralduolo, Palazzo d'assisi e Mantignana, con circa trecento dipendenti) ha comunicato, nell'incontro tenutosi a Perugia presso la sede di Confindustria Umbria, l'apertura della procedura di mobilità per 31 lavoratori della sede di Mantignana. ( ) Italcementi ( ): Ore di ansia, attesa, preghiere e speranza per i lavoratori dell'italcementi di Porto Empedocle che rischiano il licenziamento dopo due anni di cassa integrazione straordinaria. Si è protratto fino alla tarda serata di ieri il vertice convocato nel tentativo di salvataggio in extremis dei 41 lavoratori in esubero per i quali oggi scade la Cigs, mentre in 30 saranno quelli che rimarranno al lavoro nell'impianto di macinazione. L'azienda aveva già detto "no" ai contratti di solidarietà proposti dai sindacati, da qui lo sciopero ad oltranza dei lavoratori e la richiesta di un tavolo di confronto. ( ) Poltrona Frau ( ): Impossibile non vederlo, si trova nel punto più cool di Shanghai, giusto al beneaugurante civico 88 (per i cinesi, il numero perfetto) di Tongren Roan, in pieno Jing'An District, a due passi dall'epicentro del lusso shanghaiese: Nanjing Road. E il flagship store, il primo in Cina, di Poltrona Frau. Inaugurato ieri, vuole raccontare il valore aggiunto del marchio e la sua storia, ma è soprattutto la prova tangibile di un'inversione di rotta su questo mercato realizzata da Poltrona Frau già tre anni fa. Un coraggioso voltar pagina che adesso inizia a dare i primi frutti. L'anno scorso, a Pechino, lo sbarco in Easyhome, uno dei giganti della distribuzione del mobile cinese, ha rappresentato un ulteriore passo intermedio. Adesso è la volta del marchio in sé. «Oggi diversifichiamo - dice Dario Rinero, ad del gruppo -, e dopo aver fissato la nostra presenza in 13 città all'interno di strutture specifiche dedicate alla distribuzione del mobile, Poltrona Frau balla da sola. In questo mercato estremamente promettente per i mobili di design c'è bisogno di puntare decisamente sullo statement della marca. Qui, in questo crocevia, almeno due milioni e mezzo di persone transitano ogni giorno, questo è il punto in cui stare adesso». Rinero fa una chiara distinzione tra la necessità di realizzare volumi di vendita e quella di promuovere il marchio che già gode in Cina di una sua decisa notorietà. Certo, anche la Cina sta contribuendo all'incremento di fatturato del 60% nel 2013 rispetto al 2012 e alle buone prospettive dell'anno incorso. Ma il gruppo vuol farsi strada nel mercato high end, quello che fa tendenza e che garantisce la qualità del marchio stesso. Anche Poltrona Frau ha da raccontare ai cinesi una storia importante, un elemento che fa la differenza nella strategia di marketing, e lo fa utilizzando questi 370 metri quadri di showroom su due piani declinati da Jean-Marie Massaud, già utilizzato nei punti vendita Poltrona Frau nel mondo: dalla Vanity Fair anni Trenta, al divano Gran Torino di Jean-Marie Massaud (Wallpaper Award nel 2014), dal letto Bluemoon di Roberto Lazzeroni alla femminile poltroncina Lyra del La storia continua con il tavolo Bolero e la sedia Montera in pelle e cuoio. Per Valeria Lanzilotta, regional director Greater China and India, a capo di un team di una dozzina di persone, «questo flagship è un segnale di grande committement anche per i buyer e clienti cinesi più affezionati: l'anno prossimo si continua con Shenzhen, Tianjin, Chongqing, Suzhou». «Dietro l'angolo sottolinea Rinero - ci sono tre aperture in Vietnam, un Paese che ci sta riservando grandi soddisfazioni». (Rita Fatiguso) Ikea ( ): Nell'esercizio fiscale Ikea ha realizzato vendite per 28,7 miliardi di giuro (+3%), con un'ottima performance in Cina. «Continuiamo a rilevare segnali positivi nelle dinamiche di spesa dei consumatori ed è un piacere registrare una crescita in quasi tutti i mercati in cui operiamo», ha commentato l'amministratore delegato Peter Agnefjall. La Cina si è infatti rivelato il mercato a maggior crescita, mentre in India Ikea ha già annunciato l'apertura di 25 nuovi punti vendita. Salini Impregilo ( ): Nell'anno successivo alla conquista di Impregilo, Pietro Salini fa contenti i fratelli e il padre. Qualche settimana fa, l'assemblea dell'accomandita Salini Simonpietro & C. ha deciso di distribuire agli azionisti 6,6 milioni di dividendo, invariato rispetto all'anno prima, attinto interamente dalle riserve valere. L'accomandita vede come azionisti della Sapa, oltre a Pietro con il 49%, i fratelli Nicola e Marco e la sorella Luisa tutti con lo 0,1% ciascuno, assieme agli eredi Alexandra, Elisabeth, Frances, Maria Vittoria e Maria Eugenia (tutti ciascuno con lo 0,1%) mentre l'80enne papà Simonpietro detiene il restante 48,9%. Più significativi sono i numeri del bilancio consolidato, il primo che fotografa l'avvenuta integrazione dei due gruppi di engineering e costruzioni tanto che il totale dei ricavi lievita anno su anno da 1,2 a 3,4 miliardi, l' ebitda progredisce da 126,3 a 313,6 milioni, l'ebit migliora da 59,5 a 142,4 milioni con un risultato netto finale di 82,1 milioni. I margini di redditività, pur in presenza di rilevanti oneri non ricorrenti sostenuti per il perfezionamento dell' opa su Impregilo (circa 35 milioni), rappresentano livelli di eccellenza, con un ebitda margin e un ros rispettivamente del 9,1 e del 4,1%. Con un patrimonio netto salito da 553 a 843 milioni e una posizione finanziaria netta negativa per 537 milioni, l'accomandita registra un portafoglio lavori di oltre 28,8 miliardi (che significa oltre 8,5 anni di produzione prospettica), di cui il 76,3% allocato nelle costruzioni e il 23,7% nelle concessioni. E nelle costruzioni i lavori ferroviari pesano per 5,6 miliardi, l'alta velocità per 3,6 miliardi, i lavori idraulici per 5,5 miliardi e quelli stradali per 3,8 miliardi. La fotografia ritrae un gruppo con oltre addetti e sempre più internazionale poiché a livello di portafoglio ordini l'italia pesa ancora per il 38,4% (impiegando però solo il 4,6% degli addetti) ma è tallonata dall'africa col 23,7%, seguito da Europa (14,4%) e Sudamerica (13,9%). Nella relazione sulla gestione Salini sottolinea che il risultato netto delle attività cessate, pari a 87,7 milioni, si compone principalmente del risultato consolidato della Todini Costruzioni Generali «che per la prima volta viene valutata con un'ottica di cessione» (ANDREA GIACOBINO) Santarossa ( ): Via libera da parte dell'assemblea dei lavoratori della Santarossa spa all'accordo sindacale per l'affitto del ramo dell'azienda di Villanova di Prata, nucleo storico del Gruppo, da parte della Very system, società che fa parte della stessa famiglia e occupa un'ottantina di addetti. Il piano prevede il salvataggio di 140 dei 255 addetti: 110 saranno riassunti entro il 10 ottobre, mentre altri 30 entro settembre In base alle necessità, sarà valutata la possibilità di un ulteriore aumento dell'organico: l'azienda si è impegnata a riassorbire gli addetti del

5 mobilificio in cassa integrazione. L'impresa, inoltre, sulla base delle istanze delle maestranze, si è impegnata a individuare una soluzione per salvare anche il reparto del mobile moderno, che non rientra nella proposta d'affitto della Very system. Nel piano-salvezza, infatti, si parla solo del ramo accessori e mobile classico. «L'impegno è concreto - ha detto Sonia Quatrida di Filca Cisl -, ma per il momento non ci sono interlocutori. Intanto, l'assemblea dei lavoratori ha dato parere favorevole all'ipotesi di accordo sindacale: i termini dell'intesa sono stati accettati e quindi l'iter potrà procedere. Secondo l'accordo, l'affitto avrà durata di 30 mesi: al termine, l'azienda s'è impegnata all'acquisto». È stata, infatti, formulata una proposta irrevocabile di acquisizione aziendale, che non contempla però l'immobile. Ma se 140 posti di lavoro possono dirsi salvi, ne restano ben 115 a rischio: da qui anche la richiesta di trovare una soluzione per il reparto del mobile moderno, che potrebbe consentire il riassorbimento di un'altra fetta di organico. In questo momento, gli addetti di Villanova stanno usufruendo della cassa integrazione ordinaria, che scadrà a inizio novembre. Ma se l'azienda sarà ammessa al concordato, questo ammortizzatore decadrà e si passerà all'attivazione della cassa straordinaria. La produzione, comunque, non è ferma: un gruppo di maestranze sta lavorando per garantire la continuità e scongiurare la perdita di ordini e clienti. Oltre che per la realtà di Villanova, la proprietà ha presentato domanda di concordato con riserva anche per l'altra azienda del Gruppo, la Contract, che conta 93 addetti, ripartiti tra i siti di Caneva e Vallenoncello. Per tale impresa, specializzata nella produzione di sistemi e componenti di cabine e bagni per navi da crociera, è già stato siglato un contratto d'affitto con la Marine Interiors, una controllata di Fincantieri. L'accordo ha ottenuto il via libera da parte dell'assemblea dei lavoratori 1'8 agosto: dal punto di vista occupazionale, è contemplato l'impiego di tutti i 93 lavoratori (80 a tempo indeterminato, gli altri a termine). Quanto ai termini fissati dal tribunale, la Concrat ha 60 giorni per depositare il piano salvezza, mentre la spa di Villanova 90 (il commissario è Alberto Cimolai). (Giulia Sacchi) Rapporti e studi Ministero Lavoro (09.14): Nel II trimestre del 2014 il Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie ha registrato avviamenti di nuovi rapporti di lavoro dipendente e parasubordinato, in più rispetto al II trimestre del 2013 (+3,1%). Il 75% circa delle assunzioni registrate si concentra nel settore dei Servizi ( unità) comparto che, rispetto allo stesso trimestre del 2013, acquista il 3,4% dei contratti avviati. Da rilevare l incremento delle nuove contrattualizzazioni nell Industria in senso stretto (+13,4%) che guadagna assunzioni in più rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, mentre continuano a scendere gli avviamenti nel comparto delle Costruzioni (-3,4%). Su base tendenziale, si registra l incremento del numero dei contratti avviati a tempo indeterminato (+1,4%, pari a unità), dei contratti a tempo determinato (+3,9% pari a unità) e dell apprendistato (+16% pari a nuove attivazioni) mentre restano sostanzialmente invariate le collaborazioni. Acimall ( ): Acimall rende noti (con un leggero ritardo rispetto alla solita cadenza) alcuni interessanti dati sul mercato delle tecnologie per il legno, relativi al periodo aprile-giugno Una attesa giustificata dalla volontà degli analisti della associazione confindustriale dei costruttori di tecnologie per il legno di verificare numeri a cui è indispensabile guardare con grande attenzione. Dalla ormai tradizionale indagine congiunturale, svolta su un campione significativo, emerge un deciso aumento degli ordini. Nel secondo trimestre 2014 le commesse dal mercato nazionale hanno visto una crescita del 32,9 per cento rispetto all analogo periodo dell anno precedente. Ottimo risultato anche sul fronte delle vendite oltre confine, con ordini dai mercati esteri superiori del 28,5 per cento rispetto all aprile-giugno Complessivamente gli ordini crescono di un sostanzioso 28,7 per cento. Un dato certamente incoraggiante, che va però contestualizzato nello scenario economico del periodo di riferimento, decisamente positivo, per quanto i mesi seguenti non abbiano potuto non risentire dell acuirsi di forti tensioni politiche, etniche e religiose in molti mercati, spesso strategici. Uno scostamento significativo che va letto anche la luce del periodo precedente (gennaio-marzo 2014), che si può certamente definire sensibilmente depresso. Il rimbalzo è stato comunque sostanziale, confortato da un analogo andamento registrato da diversi altri comparti della meccanica strumentale italiana. ( ) L indagine qualitativa rivela che il 42 per cento degli intervistati indica un trend della produzione positivo, e il 47 per cento stabile, mentre l 11 per cento dichiara un livello produttivo in calo (era il 18 per cento nei tre mesi precedenti). L occupazione viene considerata stazionaria dall 84 per cento del campione e in crescita dal restante 16 per cento. Scompare, fortunatamente, la previsione del 27 per cento del campione di una ulteriore riduzione degli addetti manifestata nel gennaio-marzo. Le giacenze risultano stabili nel 74 per cento delle interviste, in diminuzione nel 21 per cento e in crescita nel rimanente 5 per cento. L indagine previsionale delinea le dinamiche di breve periodo del comparto. Nonostante l esplosione degli ordini, per il prossimo futuro gli imprenditori manifestano qualche preoccupazione, a dimostrazione di un contesto economico particolarmente sensibile agli accadimenti internazionali, troppo spesso drammatici. A proposito del mercato interno il 16 per cento del campione indica un calo, il 79 per cento una sostanziale stabilità e il 5 per cento una crescita (saldo pari a meno 11, contro il saldo uguale a 14 del gennaiomarzo). Il 26 per cento del campione è convinto che nel prossimo periodo ci sarà una crescita degli ordini dall estero, che saranno invece stabili per il 63 per cento, mentre l 11 per cento prevede un calo (saldo positivo pari a 15, era 46 nel precedente trimestre).

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana

Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana Priorità della programmazione 2014-2020 in Sicilia Priorità della programmazione 2014 2020 nella Regione Siciliana Emanuele Villa Istituto Arrupe Palermo, 21 maggio 2014 Priorità della programmazione 2014-2020

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN Radiocor - Il cda di Poste Italiane ha chiuso i nove mesi con un utile pari a 622 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto ai 333 milioni

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 2016

ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 2016 ANDAMENTO DEGLI ORDINI Primo trimestre 216 Il primo trimestre 216 evidenzia segnali confortanti sia sul mercato domestico che su quello estero. L industria italiana delle tecnologie per la lavorazione

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

sul tema ricerca scientifica e innovazione tecnoloe:ica tra

sul tema ricerca scientifica e innovazione tecnoloe:ica tra , - Protocollo d'intesa sul tema ricerca scientifica e innovazione tecnoloe:ica tra Conferenza dei Presidenti delle Ree:ionie delle Province autonome CGIL, CISL UIL, CONFINDUSTRIA Premesso che i risultati

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ

UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75% DELL OFFERTA DI UFFICI E OGGI DI BASSA QUALITÀ Nasce l Osservatorio sull offerta di immobili a uso uffici 1 Rapporto CRESME- II semestre 2014 Monitorati oltre 4.500 annunci per vendita e affitto UN FUTURO PER MILANO: CITTÀ DEL TERZIARIO? PIÙ DEL 75%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013

COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013 COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013 Previsioni 2012 in leggero calo dopo l esame dell andamento e delle prospettive dei contratti in portafoglio

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano "R"ipoli

Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020. Cristiano Ripoli Quadro finanziario pluriennale dell Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020 All interno di una «politica di coesione» (Politica di coesione 2014-2020)......mobilitare fino a 366,8 miliardi di euro

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue

Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue 16 aprile 2015 Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue Articolo pubblicato il: 16/04/2015 "Benissimo gli incentivi e gli strumenti per la crescita, ma lo strumento principe

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BOLOGNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BOLOGNA PROTOCOLLO D INTESA PER FAVORIRE E PROMUOVERE L'UTILIZZO DELLO STRUMENTO CONCORSUALE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO INNOVATIVO DI RIGENERAZIONE E AMMODERNAMENTO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA SCOLASTICA

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

Italia in sviluppo, grandi investimenti in logistica e sviluppo

Italia in sviluppo, grandi investimenti in logistica e sviluppo Italia in sviluppo, grandi investimenti in logistica e sviluppo Per il quinto anno consecutivo Assoimmobiliare in collaborazione con l'anci, Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, ha commissionato

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI per IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI ELEMENTI DI SINTESI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: 3,9 miliardi il valore degli investimenti in opere pubbliche

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna 16-02- 04 RASSEGNA STAMPA 16-02- 04 LA CGIL, PORTO, INACCETTABILE LO SCONTRO TRA AUTORITA' E ISTITUZIONI Resto del Carlino 16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO

Dettagli

Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green

Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green 1 Intesa Ance Salerno e Parco del Cilento per promuovere la filiera dell edilizia green Ance Salerno ed Ente Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, insieme per valorizzare la filiera dell edilizia

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Fondo Invest Real Security Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

ANSA 5 LUGLIO 2010 ANSA 6 LUGLIO 2010-07-20

ANSA 5 LUGLIO 2010 ANSA 6 LUGLIO 2010-07-20 ANSA 5 LUGLIO 2010 EDILIZIA: SINDACATI, NEL LAZIO COMPARTO COSTRUZIONI A PICCO ECO S43 QBXL EDILIZIA: SINDACATI, NEL LAZIO COMPARTO COSTRUZIONI A PICCO QUASI 6 MILA POSTI DI LAVORO IN MENO E 6,2% IMPRESE

Dettagli

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti

Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Osservatorio Assolombarda e Camera di commercio - Osmi Borsa Immobiliare Immobili d impresa: Milano torna ad attrarre investimenti Grazie ai prezzi più bassi e a una maggiore presenza di immobili di pregio

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3

Introduzione: uno strumento completo 3 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Le aziende del comparto dell involucro edilizio COSTRUTTORI DI SERRAMENTI 4 COSTRUTTORI DI FACCIATE 6 PRODUTTORI DI SISTEMI 8 PRODUTTORI DI ACCESSORI 11 Cambiamenti

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7%

Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7% Informazione al pubblico ai sensi della Delibera Consob n.11971 del 14 maggio 1999 Trimestrale Class Editori: Ricavi A 26,9 milioni di euro Costi a 23,2 milioni di euro, in calo del 5,7% Milano 15 maggio

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. Cesenatico

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. Cesenatico LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY Cesenatico Investimenti effettuati, inclusi club deals, ~1,4 miliardi di euro Partecipazioni in 9 società leader globali Fatturato aggregato delle partecipate di circa 13

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli