VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA"

Transcript

1 VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA Giovedì 30 aprile 2015 C/o Avanzi, Via Ampére 61/A, Milano Il giorno giovedì 30 aprile 2015 alle ore 19 a Milano, in via Ampère 61/a (presso la sede di Avanzi) si è riunita in l Assemblea ordinaria dei Soci di è nostra società cooperativa per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: 1. progetto di bilancio 2014; 2. nomina revisore legale; 3. proposta regolamento prestito sociale; 4. proposta regolamento ristorno soci; 5. determinazione quantità minima di azioni del socio finanziatore; 6. determinazione del sovrapprezzo sulle azioni. Assunta la presidenza, Davide Zanoni comunica che l'assemblea generale è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti (v. art. 20 dello Statuto). Zanoni constata la presenza fisica di 4 soci aventi diritto di voto - Davide Zanoni, Gianluca Ruggieri, Pino Tebano, quest'ultimo con delega a rappresentare anche Retenergie - e di 13 soci aventi diritto regolarmente registrati per effettuare il voto per via telematica tramite la piattaforma Eligo: Costanza Boggiano Pico, Roberto Carnevali, Salvatore Frandina, Gianfranco Padovan (con diritto di voto in qualità di socio persona fisica e di Rappresentante Legale di EnergoClub), Giampaolo Quatraro, Valter Spinelli, Guido Viero, Germano Zanini (con diritto di voto in qualità di socio persona fisica e di Rappresentante Legale di ForGreen), Gabriele Nicolis e Matteo Zulianello. Partecipano all'assemblea in presenza fisica i soci (non aventi diritto di voto perchè approvati con delibera del CdA da meno di 90 giorni rispetto alla data dell'assemblea) Sara Capuzzo e Massimo Bedoni, Ermanno Piccolo, mentre seguono via Periscope Guido Viero, Federico Tarantino, Giuditta Peliti. Tra gli uditori presenti Anna Maria Oliviero, Giuliana Piccolo, Daniele Di Bert. Viene nominata Sara Capuzzo a fungere da segretario, la quale accetta. Si ricorda che hanno diritto di voto solo i soci regolarmente iscritti da 90 giorni. In totale i soci che rispondono al requisito sono 30. Tre giorni prima dell'assemblea è stato è nostra energia condivisa 1 / 16

2 attivato il sistema di voto on line tramite la piattaforma Eligo, da cui era possibile registrarsi e votare i 6 punti all'ordine del giorno. I documenti da approvare sono stati inviati ai soci con diritto di voto con una specifica . Il presidente passa la parola a Matteo Zulianello che illustra l'iniziativa. La votazione on line è una sperimentazione importante. è nostra crede molto nella trasparenza e per questo si è scelto di mostrare in streaming l'assemblea; anche per il processo di votazione dei punti all OdG, sapendo che non tutti potevano essere a Milano si è cercato di adottare un sistema semplice e certificato. Chi ha diritto di voto ha ricevuto nei giorni scorsi le credenziali per poter votare dalla piattaforma Eligo. Zulianello invita anche gli aventi diritto che seguono l assemblea online è a segnalare eventuali problemi in modo di poter rigenerare le credenziali per tempo. Si comunicano tutti gli strumenti attraverso i quali è possibile comunicare e intervenire: Periscope, twitter, facebook, , skype. Si comunica ai presenti e attraverso gli strumenti sopra citati che, se non ci saranno esigenze differenti, l'assemblea probabilmente si concluderà prima perciò la votazione verrà chiusa alle 21. Punto 1 PROGETTO DI BILANCIO Viene presentato il progetto di Bilancio 2014 con anche il supporto del bilancio contabile analitico 2014 partendo dallo stato patrimoniale. Le voci fondamentali presentate sono le seguenti: Crediti verso soci: soci che hanno già fatto la richiesta di adesione e devono completare il versamento del capitale sociale Immobilizzazioni: è un importo significativo. Sono costi di start up e societari. Sono le spese di costituzione della società (costi notarili) mentre nei costi di startup societari rientrano tutti i costi riconosciuti come costi di avviamento e quindi ammortizzabili in 5 anni. Tra questi costi riconosciuti dalle norme contabili come costi di avviamento rientrano tutte le spese effettuate per la campagna (realizzazione sito, definizione immagine coordinata, contenuti e tutte le attività che abbiamo affidato all'agenzia Smarketing, altri costi promozionali stampa materiali ecc.) e poi altre voci molto importanti sono il contributo di attività lavorativa che le 4 organizzazioni promotrici hanno fornito nello sviluppo dell'attività da luglio a dicembre 2014, nelle persone di Gianluca Ruggieri, Matteo Zulianello, Sara Capuzzo, Gabriele Nicolis e Davide Zanoni. Le immobilizzazioni finanziarie si riferiscono a due partecipazioni: è nostra ha comprato delle azioni di Banca Popolare Etica (BPE) diventandone socia, perché sposa i valori di BPE, perché ritenuto partner strategico e per usufruire dei servizi è nostra energia condivisa 2 / 16

3 vantaggiosi riservati ai soci; lha inoltre versato la quota di adesione a Retenergie che è un socio produttore. Crediti vari sono i crediti per imposte. Sul lato passività la voce più importante è il patrimonio netto composto dal capitale sociale e pari al valore delle azioni sottoscritte al momento della costituzione a luglio 2014 dai 4 soci fondatori e da 7 persone fisiche. A causa dell'interruzione del collegamento Periscope si sospendono momentaneamente i lavori per il tempo necessario al ripristino. Attraverso gli strumenti a disposizione si comunica il nuovo link per tornare a seguire l'assemblea in streaming. Dopo qualche minuto iprendono i lavori. Il capitale sociale a dicembre 2014 era di euro (per calcolare il capitale sociale ad oggi si consideri che i soci che hanno completato l'iter sono 205 per 150 euro ciascuno). Procedendo nella lettura dello stato patrimoniale lato passivo abbiamo le fatture da ricevere dai 4 soci fondatori persone giuridiche (relative al lavoro svolto per lo startup d impresa) che non sono state ancora emesse alla data del 31 dicembre I corrispettivi non sono stati ancora erogati per non appesantire il conto economico di è nostra. Poi vi sono debiti erariali e la rilevazione dei versamenti di potenziali soci ancora in attesa della delibera del CdA. Il conto economico E' un conto per così dire povero. 'Costi per servizi' sono costi sostenuti per lo più per consulenze di tipo fiscale da parte del commercialista soprattutto nella fase di set up della macchina amministrativa. 'Consulenze per altre attività' ha a che fare con il servizio della cooperativa sociale EiTeam di Padova che ha sviluppato il Fund Facility, il sistema che ci permette di effettuare i pagamenti on line e poi altri servizi commerciali. Poi ci sono piccole voci amministrative. Sul lato ricavo abbiamo un credito per imposte anticipate calcolate sulla perdita d esercizio fiscale di 964 euro. Alcune note a margine del bilancio Due elementi fondamentali: se tutto va come previsto, si avranno i contratti da poter far firmare per la fornitura di energia probabilmente già a giugno Dalla firma del contratto all'effettiva erogazione trascorreranno per legge 6-8 settimane, quindi presumibilmente appena dopo l'estate ci è nostra energia condivisa 3 / 16

4 sarà il primo flusso di ricavi. La prospettiva è di arrivare a luglio con un numero di soci almeno doppio rispetto a quello attuale. Tale successo è legato soprattutto a due condizioni: la prima è che si è evitato di appesantire la cooperativa di costi fissi. La struttura e le funzioni sono gestite in modo flessibile, in parte dai soci fondatori persone giuridiche come è già stato fatto nel 2014, in parte da altri fornitori di service relativamente a CRM clienti, contabilità, parte operation e dispacciamento energia. A proposito dell'energia due cose fondamentali: l'energia sarà acquistata da impianti selezionati e valutati e poi verrà dispacciata tramite un operatore terzo e fatturata direttamente da è nostra al socio consumatore in bolletta. La gestione del socio cliente sarà esclusivamente di è nostra. In ogni caso la decisione presa in CdA è quella di uscire con un prezzo dell'energia in linea con il servizio di maggior tutela (ad esempio una persona che su Milano ha una bolletta A2A servizio di maggior tutela verrebbe a pagare esattamente lo stesso importo). Sul 2015 questo prezzo è qualcosa a cui tenevamo perché l'avevamo promesso, ma la conditio sine qua non per avere in un anno e mezzo la sostenibilità economica è quella di far crescere il numero dei soci in maniera molto rapida. Dalle stime fatte l'obiettivo è di raggiungere per la fine del 2015 un numero di soci utenti e poi arrivare a raddoppiare questo numero entro il Se ad oggi l'unica leva è stata quella della fiducia ringraziamo per questo tutte le persone che ci hanno creduto fin dall'inizio - siamo convinti del fatto che quando avremo i contratti da firmare in cui sarà chiaro che è nostra porterà davvero l'elettricità sostenibile nelle case dei soci con un prezzo certo, questo sarà l'elemento che darà la spinta alla campagna di adesione soci. L'invito rivolto alle persone presenti e a quelle che seguono in streaming è quello di attivarsi in prima persona con il passaparola che, dati i valori e l'identità di è nostra, è lo strumento principale per la nostra comunicazione. In questa fase non è previsto un budget per fare investimenti pubblicitari, eccetto un nuovo lancio con spot su Radio Popolare, visto che è disponibile l'impianto degli spot realizzati in occasione della fiera Fa' La Cosa Giusta!. Il presidente passa la parola a Gabriele Nicolis per l'illustrazione delle tariffe. Il primo obiettivo che ci siamo posti come è nostra è quello, per così dire, di essere un fornitore di tutela : in qualche modo partecipando a un progetto di questo tipo miriamo a tutelarci da soli. Per questo la prima proposta di è nostra è un prezzo allineato a quello dell'autorità, che si configura come un prezzo medio di mercato, con tariffe standard monorarie e biorarie. In pratica non cambierà nulla in termini tariffari per i nostri soci, cambierà invece il fatto che saranno loro a fornirsi l'energia. Una seconda tariffa che inseriremo da subito è l'offerta Sole-relax, vantaggiosa per chi, è nostra energia condivisa 4 / 16

5 avendo l'impianto fotovoltaico sul tetto di casa, di giorno si autoproduce l'energia e di notte preleva dalla rete, e per chi lavora fuori casa e consuma di sera o nei fine settimana. Nella sostanza entrambi i target hanno oltre il 70% dei consumi in F23 (dalle 19 di sera alle 8 del mattino più sabato e domenica) perciò traggono benefici da una tariffa conveniente in F23. L'altra offerta che stiamo studiando sono le cosiddette tariffe flat D1, propriamente utilizzate per le pompe di calore oggi in via sperimentale. Per accedervi oggi bisogna presentare delle asseverazioni fatte da tecnici abilitati. Bisogna certificare che il consumo per la produzione di calore sia esclusivamente legato alla pompa di calore. Non appena ci sarà chiarezza inseriremo anche questa tariffa tra le offerte di è nostra. Il nostro obiettivo non è vendere più chilowattora ma di far risparmiare i nostri soci. L'importante è sviluppare la comunità dei soci. Più siamo e più riusciremo a migliorare ulteriormente queste condizioni e a offrire servizi per la riduzione dei consumi. Quando decido di tagliare dell'1-2% la tariffa sulla componente energia, che oggi è il 30% di una bolletta, faccio uno sforzo incredibile per tagliare di qualche euro. Se invece aiuto il socio a ridurre kwh di consumo è molto più importante come risultato e l'obiettivo nostro è in questa direzione. Come si diceva con l'estate avremo i contratti nuovi ed entreremo in fornitura. Un altro aspetto importante è che avremo la fortuna che le prime fatture di energia le emetteremo con il nuovo formato. Sapete che da settembre 2015 è previsto che tutte le fatture energetiche avranno il formato della bolletta 2.0 che sarà molto più semplificate e trasparente. Era già un nostro obiettivo e la normativa ci aiuta in questo senso. Cosa comporta cambiare fornitore? Tecnicamente non cambia a nulla a casa del socio consumatore. L'operazione è interamente gestita da è nostra in qualità di nuovo fornitore ed è un passaggio tecnico. Per tutte le offerte domestiche in bassa tensione, in termini tecnici si cambia con fine mese 30 giorni. Al 30 del mese in cui riceve il contratto, è nostra fa richiesta al distributore locale di fare lo switch, che avverrà in un intervallo di tempo di 1-2 mesi (es. se faccio la richiesta il 25 aprile, la comunicazione al distributore viene fatta il 30 aprile e lo switch avviene al massimo il 1 giugno). Il socio non ha nessuna variazione visibile, nessuna interruzione di servizio e nessun costo. Si chiede solamente l'invio dell'ultima bolletta per raccogliere i dati (codice POD, codice fiscale, ecc.). Se ci saranno mai guasti tecnici o black out il numero di riferimento in bolletta resta sempre quello del distributore locale che è indipendente dal venditore. La separazione tra reti e vendita in Italia funziona bene. Qualsiasi disservizio tecnico è sempre in capo al distributore locale, qualsiasi sia il venditore. è nostra energia condivisa 5 / 16

6 Il socio Pino Tebano propone di creare una rete di sportelli (punti vendita) per avvicinare i potenziali soci. Ad esempio per Retenergie abbiamo la presenza fisica in sede di un tecnico un giorno alla settimana. Quella stessa occasione potrebbe essere utile per gestire il potenziale socio di è nostra che viene con la bolletta. Si fa la procedura di iscrizione si inputano i dati, si fa firmare il contratto ecc. Può capitare infatti che il socio non abbia sufficiente dimestichezza con gli strumenti informatici utilizzati perciò sarebbe utile qualche agevolazione. A nome di Retenergie Tebano offre la disponibilità a fare questa operazione presso la propria sede. Ad esempio Retenergie utilizza le botteghe equosolidali per fare gli sportelli energia in cui diamo informazione alle persone interessate. Anche questi punti potrebbero essere utilizzati dalla rete di è nostra per offrire questo vantaggio con una presenza fisica in modo da conoscere fisicamente la persona che ti vende l'energia. Anche il socio Guido Viero, via skype, evidenzia il fatto che è nostra possa avvalersi di una struttura anche locale tipo i nodi territoriale di Retenergie. L'assemblea recepisce la proposta di Tebano e Viero e si impegna a svilupparla. Nicolis evidenzia che il progetto è per sua natura partecipato, pertanto ben vengano le opportunità e idee in questo senso. Gli stessi soci promotori con le loro attività possono coprire in pratica il nord Italia da ovest a est. Voto punto 1 OdG favorevoli a Milano 4 contrari a Milano 0 astenuti a Milano 0 favorevoli online 12 voti nulli online 1 astenuti 1 scheda bianca 0 contrari online 0 TOTALE FAVOREVOLI 16 Il punto 1 è approvato La socia Sara Capuzzo legge le domande inviate via mail dal socio Federico Tarantino: Io volevo sapere il nome della società trader del mercato elettrico (nel caso in cui il kwh si compra a pool): è la stessa E' nostra insieme ad altre cooperative?? è nostra energia condivisa 6 / 16

7 Poi quanta dell'energia elettrica che verrà venduta ai soci proviene da contratti bilaterali??in questo caso, dove sono collocati questi impianti? di che taglia sono? Risponde Gabriele Nicolis responsabile della parte operation. Per quanto riguarda la prima domanda è nostra sta concludendo un accordo con una società trader, ma non è possibile dichiarare nulla ufficialmente finché l'accordo non è concluso. Come è nostra siamo indipendenti, vogliamo creare la cooperativa di consumo che di fatto non esiste in Italia. Anzi, ci proporremo come potenziali fornitori per le cooperative che fanno solo produzione. Per quanto riguarda la seconda domanda, i contratti bilaterali sono contratti tra produttore e chi dispaccia l'energia. L'energia viene acquistata o con contratto bilaterale o sul mercato elettrico. Il contratto bilaterale è quello che ci permette di scegliere la produzione. Quanti più impianti riusciremo a coinvolgere in questo progetto, in base alle caratteristiche di sostenibilità, tanti più contratti bilaterali andremo ad attivare. A regime noi andremo ad acquistare tanta energia elettrica quanta sarà la domanda, anche se non ci sarà la contemporaneità e utilizzeremo il mercato elettrico come polmone d'accumulo. Ad esempio se compriamo 15 milioni di kwh da fotovoltaico, che produce di giorno, e consumiamo come soci 15 milioni di kwh dovremo utilizzare il mercato elettrico come un serbatoio per far transitare quell'energia. A regime acquisteremo tanta energia quanta ne consumiamo. C'è il rischio in queste prime battute di utilizzare un po' di più il mercato elettrico, perché evidentemente la crescita dei soci sarà auspicabilmente tumultuosa e quindi è difficile programmare. In più i contratti bilaterali sono annuali, quindi è un'attivazione che viene fatta di anno in anno in base al numero dei soci o alle proiezioni che avremo. Non dobbiamo comprare eccessivamente per non fare il lavoro di trader. Gianluca Ruggieri aggiunge una riflessione sul concetto di trader. Quando inizierà la fornitura di è nostra significa che arriveranno le bollette a nome e con il logo di è nostra. Per fare arrivare queste bollette a casa dei soci, che diventano clienti, serve tutta una serie di operazioni, la maggior parte di queste operazioni verranno svolte da un soggetto terzo. Questo consente di avere dei costi operativi bassi. Noi partiremo con numeri piccoli. Per poterlo fare abbiamo scelto di affidare all'esterno delle operazioni contabili e tecniche. Tutte le scelte che contano sono in capo alla cooperativa, quando avremo i numeri potremmo internalizzare anche queste operazioni. Altrimenti ci troveremmo a far pagare l'elettricità il doppio o il triplo rispetto agli altri fornitori, portando un danno ai propri soci. è nostra energia condivisa 7 / 16

8 Per quanto riguarda la domanda su tipologia e ubicazione degli impianti, è presto per dire dove sono collocati perché non abbiamo ancora stipulato contratti bilaterali. Si tratta di trovare un equilibrio tra diverse tipologie di impianto per far in modo che la produzione e il consumo dei nostri soci siano il più possibile contemporanei più sono sfasati nel tempo e più questo diventa un problema di gestione e quindi, ad esempio non si può puntare solo sul fotovoltaico perché altrimenti avremmo una produzione solo diurna. Sulla taglia si stanno facendo dei ragionamenti perché per alcune tecnologie l'impianto piccolo significa impatto piccolo, per altre tecnologie paradossalmente avere tanti impianti piccoli può determinare impatti maggiori. Stiamo facendo un lavoro con chi si occupa di qualificare gli impianti. Ad esempio gli impianti idroelettrici: ci sono alcuni impianti su canali irrigui, su acquedotto o comunque combinati ad elementi fortemente antropizzati dove gli impatti ambientali sono bassi; al contrario se operiamo su un fiume realizzando tanti impianti piccoli andiamo a determinare tanti impatti, laddove un impianto più grande ma curato meglio potrebbe esercitare un impatto minore. A questo tema ci dedicheremo nei prossimi mesi. Nel sito internet andranno inseriti i dati, incluse le coordinate geografiche degli impianti e organizzeremo anche delle visite sul posto. Zanoni integra riportando l'attenzione ai temi di responsabilità sociale delle imprese che producono energia, sottolineando che i criteri adottati permetteranno di scegliere solo i soggetti che o per forma giuridica o per gestione rispondono a una griglia di criteri sociali e di responsabilità. Punto 2 Nomina del revisore legale In base agli adeguamenti della normativa occorsi nel 2014, non è più obbligatorio nominare un collegio sindacale. Da statuto la Cooperativa ha l'obbligo di nominare un revisore legale come parte terza con competenze contabili che controllerà l'operato degli Amministratori. Su proposta di Sergio Saracino, esperto di cooperative, abbiamo ricevuto la candidatura di Chiara Del Re (CV agli atti). Libera professionista iscritta all'ordine dei dottori commercialisti dal 2008, componente della Commissione Enti no profit dell'ordine dei Commercialisti di Milano. La proposta è di un compenso di euro annui, con disponibilità ad abbassarlo nel caso il carico di lavoro si dimostri inferiore a quanto previsto. Riteniamo questa candidatura opportuna e perciò proponiamo all'assemblea di votarla. Interviene il socio Pino Tebano riportando l'esperienza di Retenergie e confermando che il quanto richiesto è in linea con i valori di mercato. Lo stesso importo è stato richiesto a Retenergie, seppure per una mole di è nostra energia condivisa 8 / 16

9 lavoro decisamente superiore, è ragionevole dunque pensare di rilanciare con un leggero ritocco al ribasso. Voto punto 2 favorevoli a Milano 4 4 contrari a Milano 0 0 astenuti a Milano 0 0 favorevoli online voti nulli online 1 1 astenuti 1 1 scheda bianca 0 0 contrari online 0 0 TOTALE FAVOREVOLI Il punto 2 è approvato Punto 3 Proposta regolamento prestito sociale Si esamina il Regolamento, inviato a tutti i soci con diritto di voto. Sono riportati alcuni passaggi sul regolamento che definisce le tipologie di prestito sociale. Lettura articolo 1 in cui si specifica che la raccolta riguarda solo i soci regolarmente iscritti nel libro soci. Non è in alcun modo una raccolta di pubblico risparmio e questo distingue la cooperativa da altre imprese. Gli importi ed i limiti di remunerazione stabiliti dall'art. 13 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601, e successive modificazioni (in particolare ex artt. 10 e 21, legge 31 gennaio 1992, n. 59) citati nell'art. 3 del Regolamento sono di euro massimo pro capite. Il tasso di interesse massimo che si può applicare sui depositi del socio è del 2,5% più il tasso dei buoni fruttiferi postali (attualmente un ulteriore 2,5%). La raccolta complessivamente effettuata dalla Cooperativa non può superare 3 volte il patrimonio della cooperativa stessa, per evitare rischi di carattere finanziario. Art. 4 Di fondo il prestito sociale si configura come un libretto di deposito. I versamenti e i prelievi saranno fatti dai soci tramite bonifico e/o con altri mezzi elettronici; il socio è libero di poter prelevare o aumentare questo deposito quando e come vuole. Non è stato definito nel regolamento un importo minimo. Art. 8 In qualsiasi momento il socio può integrare il deposito oppure richiedere il rimborso parziale o totale del prestito, fatta eccezione per le somme per le quali abbia convenuto un vincolo temporale. Il socio può decidere se lasciare il deposito libero (non è nostra energia condivisa 9 / 16

10 vincolato) o optare per un vincolo di 12, 24, 36 mesi che dà diritto al tasso di interesse di riferimento (v. art. 11). In relazione al preavviso di 30 giorni riportato nell'art. 8, il socio Tebano evidenzia che ci possono essere dei problemi tecnici a gestire un volume di entrate elevato da parte dei soci prestatori potrebbe essere un limite perché troppo breve. Nel caso di Retenergie la restituzione avviene semestralmente. Il socio Ruggieri evidenzia che nel patrimonio di è nostra il grosso sarà il capitale sociale dei soci, rispetto a una situazione come quella di Retenergie dove invece c'è un certo equilibrio tra capitale sociale e prestito sociale. Questa è una possibilità in più che si è scelto di lasciare soprattutto per chi ha richiesto di partecipare non avendo il contatore intestato. Tebano sottolinea che comunque è un'opportunità di poter richiedere a terzi per il tasso sicuramente più conveniente rispetto a quello bancario e conveniente per il socio di quello che ottiene come liquidità rispetto ai propri strumenti finanziari. Art. 11 Il tasso di interesse effettivo viene deliberato dal CdA con facoltà di riconoscere tassi di interesse differenziati in funzione di vincoli temporali del rimborso. Il Presidente illustra l'art. 12 chiarendo che nel caso in cui il CdA decidesse di optare per un tasso di interesse variabile e questo si modificasse nel corso dell'anno, il socio ha facoltà di recedere senza penali. Il Presidente conclude il Punto 3 proponendo di mantenere il Regolamento così come proposto riservandosi di approfondire il tema della modifica dei termini di preavviso per la restituzione. Voto punto 3 favorevoli a Milano contrari a Milano astenuti a Milano favorevoli online voti nulli online astenuti scheda bianca contrari online TOTALE FAVOREVOLI Il punto 3 è approvato Punto 4 Proposta regolamento ristorno soci Il modello di è nostra prevede da statuto la non distribuzione degli utili. Il meccanismo di ristorno è l'unico strumento che la Cooperativa prevede per l eventuale ripartizione tra i è nostra energia condivisa 10 / 16

11 soci di avanzi di gestione. Nello statuto sono previste le figure del socio consumatore o utente, del socio lavoratore e del socio produttore. Il primo è il socio utente che compra energia elettrica o altri servizi per l'efficienza energetica, il secondo ed il terzo possono essere una cooperativa o altra impresa che apporta energia o altri soggetti, persone fisiche o giuridiche, che apportano servizi. I soci fondatori sono soci lavoratori e produttori. Il meccanismo del ristorno deve essere definito per tutte le categorie di soci. Nel regolamentare il ristorno ai soci utenti si è individuato un meccanismo volto a premiare chi ha avuto un comportamento virtuoso. Il criterio è descritto nell'art. 4 del Regolamento, che recita: La tariffa elettrica degli utenti domestici è espressa come somma di tre componenti: 1. una quota fissa per punto di prelievo all'anno; 2. una quota variabile e proporzionale con la potenza contrattuale impiegata; 3. una quota variabile con l'energia consumata. Al fine di evitare di sostenere i comportamenti energivori ingiustificati e per promuovere usi elettrici efficienti, il ristorno annuale andrà a diminuire il contributo fisso (punto 1) e la quota variabile prevista per la potenza impiegata (punto 2) secondo una suddivisione che verrà proposta dall'organo amministrativo e non verrà calcolato sulla base della quota variabile dell'energia consumata (punto 3). Il socio Ruggieri che l'ha concepito descrive il principio. La quota fissa della nostra bolletta è indipendente dai nostri consumi (dipende solo dal fatto di avere un contatore). A questa si aggiunge una quota che dipende dalla potenza impegnata. La cosa più naturale sarebbe stata di mettere lo sconto sul prezzo del kwh. Così facendo avremmo però perso l'occasione per incentivare il risparmio di energia. Per ovviare a questo si è pensato di mettere lo sconto sulla quota fissa. In questo modo lo sconto di euro, sarà uguale per tutti i soci che avranno la stessa potenza impegnata (punto 2) ma, percentualmente sul totale della bolletta il risparmio sarà tanto maggiore quanto minori saranno i consumi. Questo criterio è applicabile in quanto rispetta la normativa delle cooperative. Il socio Zulianello puntualizza che questa soluzione favorisce chi adotta comportamenti virtuosi, ad esempio installando una pompa di calore al posto della caldaia a gas. In questi casi infatti è necessario aumentare la potenza impegnata e quindi si beneficia di un bonus maggiore, nonostante non venga riconosciuto al kwh consumato. Voto punto 4 favorevoli a Milano 4 è nostra energia condivisa 11 / 16

12 contrari a Milano 0 astenuti a Milano 0 favorevoli online 12 voti nulli online 1 astenuti 0 scheda bianca 1 contrari online 0 TOTALE FAVOREVOLI 16 Il punto 4 è approvato Punto 5 Determinazione quantità minima di azioni del socio finanziatore Lo statuto riconosce anche la figura del socio finanziatore. È una persona che non ha al momento un contatore intestato ma che intende sostenere la cooperativa acquistando delle azioni. La nostra proposta è di definire un numero minimo di 5 azioni del valore nominale di 25 euro ciascuna, con un sovrapprezzo di 5 euro ad azione (totale 150 euro) in modo tale che il finanziatore possa in qualsiasi momento divenire socio consumatore. Si è valutato di proporre una soglia tutto sommato bassa perché, da un lato tali azioni non danno nessun rendimento (al contrario del prestito sociale che invece garantisce una rendita) ed è quindi improbabile che una persona scelga di associarsi come finanziatore, dall'altro si intende semplificare ed agevolare l'eventuale passaggio a socio consumatore laddove le condizioni siano cambiate (ovvero il finanziatore abbia un contatore intestato o comunque possa usufruire dei servizi della Cooperativa). In relazione alla quota di 150 euro del socio consumatore, il socio Tebano riprende la proposta anticipata via dal socio Tommaso Gamaleri di rateizzare la quota associativa. L'invito è di trovare una modalità, ad esempio la possibilità di entrare con la quota minima di 25 euro e successivamente pagare le altre azioni in bolletta fino al totale di 150 euro. Il Presidente coglie l'occasione per spiegare come sono stati definiti i 150 euro. Di fatto rappresentano il valore che, una volta che è nostra arriverà a completare tutte le fasi produttive e distributive, saranno necessarie in termini di garanzie e fidejussioni. Il vero costo dell'ingresso nel mercato dell'energia come fornitore è quello della fidejussione che l'operatore deve prestare a nome della società ed è quantificabile in euro. Quindi come capitale sociale la stessa è nostra ha ritenuto che 150 è l'importo che ogni socio mette a garanzia della sua permanenza come consumatore nella Cooperativa. È vero che è nostra non coprirà subito tutte è nostra energia condivisa 12 / 16

13 queste fasi, ma non aveva senso fare una prima raccolta e un aumento di capitale, ma anche per il bene patrimoniale della cooperativa si è ritenuto di stabilire tale quota. In più non conoscendo con certezza il sistema di pagamento in bolletta, era molto difficile far pagare oggi una parte, e successivamente il resto. Questa è un'opportunità che potremo considerare non prima di avere il sistema di pagamento delle bollette a regime. In ogni caso il valore minimo da versare è 25% del valore nominale delle azioni più tutta la quota di sovrapprezzo per un totale di 56,5 euro. Questa comunque sarebbe la soglia. Si mette agli atti la proposta di Gamaleri. Voto punto 5 favorevoli a Milano 4 contrari a Milano 0 astenuti a Milano 0 favorevoli online 12 voti nulli online 1 astenuti 1 scheda bianca 0 contrari online 0 TOTALE FAVOREVOLI 16 Il punto 5 è approvato 6. Determinazione del sovrapprezzo sulle azioni. Questo punto è una formalità perché sin dall'inizio della campagna di adesione è stato definito 5 euro di sovrapprezzo ad azione. Chiediamo di ratificare questa decisione. Se 125 è il valore nominale delle azioni che viene restituito in caso di recesso del socio, 25 euro è la quota di capitale che viene impiegato dalla cooperativa per le spese di gestione soci. Appurato che non ci sono osservazioni, si procede al voto. Voto punto 6 favorevoli a Milano 4 contrari a Milano 0 astenuti a Milano 0 favorevoli online 11 voti nulli online 1 astenuti 2 scheda bianca 0 contrari online 0 è nostra energia condivisa 13 / 16

14 TOTALE FAVOREVOLI 15 Il punto 6 è approvato Prende la parola la socia Capuzzo che si complimenta, in particolare con Matteo Zulianello, per il successo della gestione degli strumenti interattivi, attivati per allargare l'assemblea alla più ampia partecipazione possibile, inclusa l'opportunità di registrarsi e votare on line. Si trattava di un esperimento che si può senz'altro ritenere ben riuscito. Capuzzo propone di rivedere l'intervallo temporale delle votazioni on line cercando di far sì che avvengano il più possibile in contemporanea allo svolgimento dei lavori. In questa prima assemblea il voto è stato aperto con alcuni giorni di anticipo rispetto al momento di apertura ufficiale dei lavori. La scelta è dovuta alla volontà di far sì che il maggior numero di soci potesse esprimere il suo voto ha votato il 57% degli aventi diritto condizionando per contro la possibilità, per chi ha partecipato fisicamente, di intervenire con eventuali modifiche ai punti da deliberare. Il Presidente recepisce lo spunto e coglie l'occasione per precisare che in questa prima occasione si trattava di aspetti più formali. Nelle prossime occasioni si metteranno in pratica tutti gli strumenti a disposizione per facilitare la partecipazione sia fisica che in remoto. Capuzzo aggiorna i soci sull'imminente meeting nazionale, già anticipato nelle comunicazioni via e via web, quale prima occasione ufficiale di scambio, confronto e conoscenza reciproca. Assolte infatti le formalità previste per legge, si apre una fase di coinvolgimento della comunità di soci che avverrà, salvo complicazioni o imprevisti, a Padova il 20 giugno, nella cornice degli Energy Days, previsti a giugno nell'ambito della Sustainabole Energy Week, la Campagna di sensibilizzazione europea al risparmio energetico. Si è pensato a Padova per diverse ragioni: per la posizione strategica rispetto al nucleo di soci veneti (il Veneto è la seconda regione per numero di soci dopo la Lombardia), per l'ottima relazione esistente con l'amministrazione comunale, per la forte attenzione alla partecipazione che caratterizza Padova (da diversi anni nucleo attivo Agenda21), per la presenza di Banca Etica, partner strategico di è nostra e per non rischiare di essere considerati troppo milanocentrici. Capuzzo coglie l'occasione per aggiornare i soci sugli altri eventi imminenti e, in particolare, sull'esperienza del Tour Fuori il carbone dalla nostra bolletta, che vede Retenergie ed è nostra, promotori dell'iniziativa, far tappa, da nord a sud, negli hot spot è nostra energia condivisa 14 / 16

15 delle centrali a carbone d'italia, in collaborazione con i Comitati locali attivi nella lotta ai danni ambientali e sociosanitari legati alla combustione della risorsa fossile. Prende la parola Ruggieri per enfatizzare la crucialità per il progetto dei mesi di maggio e giugno invitando gli attuali soci ad attivarsi per coinvolgere e sensibilizzare nuovi soci. Quando, a fine giugno, si potranno siglare i contratti, bisognerà invitare i singoli soci a sottoscriverlo e a entrare in fornitura. Il socio Bedoni chiede delucidazioni sulla selezione degli impianti e sull'organo di validazione delle scelte. Ruggieri spiega le funzioni del Comitato Scientifico che supervisiona il lavoro del CdA, validandone o meno le scelte. Il Presidente riprende e descrive la procedura: ci sarà una pagina del sito in cui un proponente inserirà i dati del proprio impianto secondo una check-list predefinita. I contenuti per il primo screening sono già definiti. In collaborazione invece con il Comitato è in fase di definizione la matrice per la successiva valutazione dettagliata di impianto e impresa. L'energia sarà acquistata da soci produttori ma anche da produttori non soci che candideranno il proprio impianto con una soglia minima di 200 kw di potenza. In futuro si spera di poter acquistare energia anche da piccoli impianti fotovoltaici. Oggi ci sono due vincoli: chi ha l'impianto FV ha convenienza a restare in regime di scambio sul posto con il GSE e il costo di gestione di tanti piccoli impianti sarebbe troppo elevato per la Cooperativa. Daniele Di Bert propone una forma di contratto tra soci. Ruggieri spiega che tecnicamente non è possibile fare questo passaggio e racconta che all'epoca Retenergie aveva mandato le proprie osservazioni sulla Strategia Energetica Nazionale con delle proposte. Oggi il condominio che ha l'impianto non può vendere energia al condomino. Deve necessariamente passare dalla rete e poi il condomino acquista l'energia che preleva dalla rete. È nostra fa parte di una rete europea che ha l'obiettivo di fare lobbying anche per modificare questo tipo di regolamentazione. Si recepisce la richiesta di Di Bert che chiede la disponibilità di una sorta di kit di comunicazione (presentazione, cartoline, roll up, ecc.) per presentare è nostra ad amici e persone sensibili. Alle si dichiara chiusa la votazione on line. Il Presidente invita Zulianello a fare il resoconto e ricorda ai soci presenti che per i Punti 1, 2, 5 e 6 basta la maggioranza dei è nostra energia condivisa 15 / 16

16 voti espressi; per i Punti 3 e 4, siccome i regolamenti sono argomento di Assemblea straordinaria, serve la maggioranza dei 3/5 dei voti espressi. On line hanno votato 14 soci aventi diritto, ma un socio (Fabio Temporiti) non si è preregistrato (non ha inserito la carta di identità) perciò il suo voto non risulta valido. è nostra energia condivisa 16 / 16

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

GLOSSARIO. Elettricità. Quadro sintetico. Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO. Elettricità. Quadro sintetico. Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

Oggi parliamo di. Liberalizzazione del mercato elettrico

Oggi parliamo di. Liberalizzazione del mercato elettrico The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. it does not necessarily reflect the opinion of the European Communities. The European Commission is not responsible for

Dettagli

www.gala.it/bollettatrasparente

www.gala.it/bollettatrasparente GLOSSARIO BOLLETTA ENERGIA ELETTRICA QUADRO SINTETICO: INFORMAZIONI RELATIVE AL CLIENTE FINALE, AL PUNTO DI PRELIEVO E ALLA TIPOLOGIA CONTRATTUALE Mercato Libero. Dal 1 luglio 2007 il mercato dell'energia

Dettagli

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse:

Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente. Prima di spiegare cosa sono e quanto valgono, servono due premesse: INFORMA Lo SCAMBIO SUL POSTO (SSP): cos è, come funziona, quanto rende economicamente Premessa Attualmente il contributo di scambio sul posto e il pagamento dell eccedenza (oltre le detrazioni di costi

Dettagli

Progetto «Cambio Fornitore» www.retenergie.it

Progetto «Cambio Fornitore» www.retenergie.it Progetto «Cambio Fornitore» Il Mercato dell energia elettrica Dal 1 luglio 2007 in Italia, come nel resto dell Unione Europea, è scattata, con il Decreto Bersani n.79/99, la completa liberalizzazione del

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

Il contratto di fornitura

Il contratto di fornitura Il contratto Il contratto di fornitura Per avere l'energia elettrica bisogna stipulare un contratto con un fornitore che si impegna a fornirla in cambio di denaro Una volta stipulato il contratto, le parti

Dettagli

DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO

DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO DOMANDE più FREQUENTI SUL SOLARE FOTOVOLTAICO Superficie per kilowatt. A seconda del tipo di pannello 7-8 metri quadrati producono un kilowatt. Nel caso di coperture di tetti con guaina flessibile 20 metri

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO INTRODUZIONE Il Glossario è uno strumento rivolto ai Clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA DOMESTICO - Stima della spesa annua ( ) escluse le imposte Contratto 3 kw per abitazioni di NON residenza - IV Trimestre 2012 *

ENERGIA ELETTRICA DOMESTICO - Stima della spesa annua ( ) escluse le imposte Contratto 3 kw per abitazioni di NON residenza - IV Trimestre 2012 * ENERGIA ELETTRICA DOMESTICO - Stima della spesa annua ( ) escluse le imposte Contratto 3 kw per abitazioni di N residenza - IV Trimestre 2012 * * La spesa annua riportata in tabella è anche indicativa

Dettagli

INFO PRECONTRATTUALI

INFO PRECONTRATTUALI INFO PRECONTRATTUALI Se sei un cliente Consumatore ecco cosa devi sapere prima di aderire ad un offerta luce e gas con Acea Energia sul Mercato Libero Chi siamo Acea Energia S.p.A Sede Legale in Piazzale

Dettagli

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI Testo predisposto dalla Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione In cosa

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico Il Conto Energia fotovoltaico : quali forme di incentivazione Con il meccanismo di incentivazione del conto energia, oltre al riconoscimento ed all emissione delle tariffe incentivanti per tutta la quantità

Dettagli

Produco di giorno e consumo la sera o la notte Come fare?

Produco di giorno e consumo la sera o la notte Come fare? Produco di giorno e consumo la sera o la notte Come fare? Servizio di Scambio sul Posto (SSP) Quindi: Produco di giorno e conto quanto immetto in rete (al netto dell autoconsumo istantaneo) Consumo la

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Elettricità Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 luglio 2007 il mercato dell energia è

Dettagli

Energia COME COMPORTARSI?

Energia COME COMPORTARSI? Energia COME COMPORTARSI? Vantaggi, limiti e opportunità del libero mercato dell energia. Informazioni e suggerimenti utili per le famiglie e gli utenti consumatori. A cura di RiL saving S.r.l. Dott. Roberto

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica per le utenze domestiche

I prezzi dell energia elettrica per le utenze domestiche I prezzi dell energia elettrica per le utenze domestiche - III trimestre 2012 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: La fornitura di energia elettrica per le famiglie I costi del servizio elettrico

Dettagli

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo Workshop 1 Quadro normativo Con legge n. 481 del 14 novembre 1995 è stata istituita l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (www.autorita.energia.it) che ha il compito di tutelare gli interessi dei

Dettagli

Concorso a premi "ILLUMINATI DALLA FORTUNA" indetto da EDISON ENERGIA S.p.A.

Concorso a premi ILLUMINATI DALLA FORTUNA indetto da EDISON ENERGIA S.p.A. Concorso a premi "ILLUMINATI DALLA FORTUNA" indetto da EDISON ENERGIA S.p.A. REGOLAMENTO IMPRESA PROMOTRICE EDISON ENERGIA S.p.A., con sede legale in Milano (MI) - Foro Buonaparte, 31- Codice Fiscale e

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Descrizione offerta Link

Descrizione offerta Link Descrizione offerta Link OFFERTA LA LUCE LINK PER LA LUCE è l offerta del mercato libero di eni che blocca oggi per un anno una quota della spesa per la luce. Tale quota è il Corrispettivo Luce, che per

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

La detrazione fiscale del 50% non è da confondere con quella del 65%!!!

La detrazione fiscale del 50% non è da confondere con quella del 65%!!! Gli impianti fotovoltaici realizzati sul tetto di casa, al pari di qualsiasi altra ristrutturazione edilizia, beneficiano da parte del governo di un interessante forma di sostegno: le detrazioni fiscali

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2014 CON SCAMBIO SUL POSTO E DETRAZIONE FISCALE

IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2014 CON SCAMBIO SUL POSTO E DETRAZIONE FISCALE AmBios Srl V. J. Gagarin, 3 06073 CORCIANO (PG) info@ambios.eu mail@pec.ambios.eu www.ambios.eu P. IVA 03121950541 Cap. Soc. 20.000,00 i.v. Tel. +39.075.7826856 Fax. +39.075.7823717 IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica Informativa in base Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (Attuazione della direttiva 96/92/CE norme per il mercato

Dettagli

Cambia energia: scegli è nostra. enostra.it

Cambia energia: scegli è nostra. enostra.it Cambia energia: scegli è nostra Cos'è è nostra È il primo fornitore a finalità mutualistica che fornisce elettricità rinnovabile e sostenibile ai propri soci nel mercato domestico. Si fonda su partecipazione

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica per le utenze domestiche

I prezzi dell energia elettrica per le utenze domestiche I prezzi dell energia elettrica per le utenze domestiche - II trimestre 2012 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: La fornitura di energia elettrica per le famiglie I costi del servizio elettrico

Dettagli

Mediamente per realizzare 1 kw di impianto fotovoltaico occorrono almeno 7 m2.

Mediamente per realizzare 1 kw di impianto fotovoltaico occorrono almeno 7 m2. Cos'è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico è un impianto che consente la produzione di energia elettrica attraverso l energia solare, sfruttando le proprietà di materiali sensibili alla luce

Dettagli

Esempio di Conto Energia

Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia Esempio di Conto Energia fotovoltaico Ecco un esempio di Conto Energia per un impianto fotovoltaico da 3kw con Scambio sul Posto. Supponiamo di installare sul tetto della nostra

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 20 novembre 2012 Spett.le Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Infrastrutture Piazza Cavour 5 20121 Milano OSSERVAZIONI AL DCO 453/2012/R/COM ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

SEU e FV: opportunità per gli operatori e i consumatori. Averaldo Farri Vice Presidente ANIE Gifi Napoli, 27 marzo 2014

SEU e FV: opportunità per gli operatori e i consumatori. Averaldo Farri Vice Presidente ANIE Gifi Napoli, 27 marzo 2014 SEU e FV: opportunità per gli operatori e i consumatori Averaldo Farri Vice Presidente ANIE Gifi Napoli, 27 marzo 2014 Indice Deliberazione AEEG 12 Dicembre 2013578/2013/R/EEL Alcune definizioni Vantaggi

Dettagli

La cooperativa di utenza per la fornitura di energia È un progetto di Confcooperative

La cooperativa di utenza per la fornitura di energia È un progetto di Confcooperative La cooperativa di utenza per la fornitura di energia È un progetto di Confcooperative www.powerenergia.eu - info@powerenergia.eu CHI SIAMO Società che opera per la fornitura di energia elettrica e gas

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

Ren Italia. L energia che ti serve

Ren Italia. L energia che ti serve Ren Italia. L energia che ti serve La tua energia, il tuo futuro. La tua piccola centrale elettrica per un mondo più pulito Il mondo è cambiato, e continua a cambiare sempre più velocemente. Lo sviluppo

Dettagli

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Art. 1 Scopo Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da Soci, sia persone fisiche che giuridiche, in conformità all art. 4 dello Statuto

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Aosta, 09 Dicembre 2010 3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Rosalia Guglielminotti Parleremo di : IL TERZO CONTO ENERGIA COME FUNZIONA E PRINCIPALI NOVITA INSTALLARE UN IMPIANTO

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO

GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO GUIDA per PICCOLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI in CONTO ENERGIA con modalità di SCAMBIO SUL POSTO Premessa Il presente documento vuole essere una guida semplice, ma il più esauriente possibile, per consentire

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Roberto Meregalli as.ambiente@comune.calco.lc.it

Roberto Meregalli as.ambiente@comune.calco.lc.it Roberto Meregalli as.ambiente@comune.calco.lc.it Il sistema elettrico Mercato libero o a maggior tutela? Mercato libero o a maggior tutela? Gli Oneri A2 decommissioning nucleare A3 incentivi alle fonti

Dettagli

GLOSSARIO della bolletta per la fornitura di ENERGIA ELETTRICA

GLOSSARIO della bolletta per la fornitura di ENERGIA ELETTRICA GLOSSARIO della bolletta per la fornitura di ENERGIA ELETTRICA Bolletta SINTETICA La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

SERVIZIO CLIENTI, RECLAMI E COMUNICAZIONI AUTOLETTURE

SERVIZIO CLIENTI, RECLAMI E COMUNICAZIONI AUTOLETTURE Viale dell Industria 23 - VI pag. 1/6 Codice Cliente: 10398069 Contratto: 2012 / 84724 Numero fattura: 2014/0000450955 Emessa il: 10/11/2014 Periodo Fatturazione: 01/08/2014-31/10/2014 BOLLETTA STIMATA

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese!

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! 2 Il Prestito Sociale di Coop Centro Italia Il Prestito Sociale è uno strumento semplice, sicuro e conveniente attraverso il quale puoi

Dettagli

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Andrea Rosazza Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione Mercati UNAE Veneto - Padova 26 settembre

Dettagli

Cognome e Nome. Nato a Pr. il. Indirizzo residenza N. C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax. Cell. C.F. Indirizzo e.mail

Cognome e Nome. Nato a Pr. il. Indirizzo residenza N. C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax. Cell. C.F. Indirizzo e.mail DELEGA Dati Cliente Formulata ed esercitata dal sottoscritto Cognome e Nome Nato a Pr. il Indirizzo residenza N. C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax. Cell._ C.F. Indirizzo e.mail In qualità di Titolare/Rappresentante

Dettagli

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici

Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Modelli e politiche di valorizzazione energetica degli edifici Gianluca Ruggieri Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate DiSTA Uninsubria Brescia, Scuola Edile Bresciana 9 maggio 2013 La dipendenza

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l.

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale,12 - Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc.

Dettagli

Fotovoltaico: analisi economica

Fotovoltaico: analisi economica Fotovoltaico: analisi economica ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 1 Impianto fotovoltaico: non solo un impianto Nel momento in cui si

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA Il fotovoltaico conveniente PERCHÉ IL FOTOVOLTAICO Questione ambientale, il pianeta soffre degli effetti del surriscaldamento (effetto serra)ogni anno vengono immessi in

Dettagli

Energia elettrica: i nuovi prezzi biorari per i clienti domestici. Imola, 14 luglio 2010

Energia elettrica: i nuovi prezzi biorari per i clienti domestici. Imola, 14 luglio 2010 Energia elettrica: i nuovi prezzi biorari per i clienti domestici Imola, 14 luglio 2010 I nuovi prezzi biorari per i clienti domestici Dal 1 luglio 2010 i prezzi biorari interesseranno gradualmente tutti

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI

GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI GLI IMPIANTI DI ENERGIA FOTOVOLTAICI ASPETTI GESTIONALI PER I CONDOMINI 1 Alcuni parametri per la prefattibiltà In un impianto fotovoltaico 1 kw di picco produce mediamente: - al Nord Italia - c.a. 1.150

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation Cari membri della fondazione, dopo un'ampia discussione sia all'interno del Consiglio che all'interno dell'esecutivo, siamo giunti alla conclusione, pacifica e condivisa, che la Fondazione abbia raggiunto

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Dalle zucchine agli elettroni.. Proposta per fare un Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) sulla fornitura elettrica 100% verde e non solo.

Dalle zucchine agli elettroni.. Proposta per fare un Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) sulla fornitura elettrica 100% verde e non solo. Dalle zucchine agli elettroni.. Proposta per fare un Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) sulla fornitura elettrica 100% verde e non solo. Cosa sono i GAS?? Gruppi di Acquisto Solidale Hanno una storia di

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP. Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici. Pagina : 1/6

GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP. Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici. Pagina : 1/6 Pagina : 1/6 GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici Rev. 02 03 Dic. 2013 Scambio sul posto - Generalità Lo Scambio Sul Posto è un contratto che i

Dettagli

Corso Conciliatori e Operatori di

Corso Conciliatori e Operatori di PROTOCOLLO CONCILIAZIONE ENI Corso Conciliatori e Operatori di Sportello La liberalizzazione del mercato energetico La tutela del consumatore A CURA DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI 1/26 Struttura della

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA DOMESTICO - Stima della spesa annua ( ) escluse le imposte Contratto 3 kw per abitazioni di residenza - IV Trimestre 2011 *

ENERGIA ELETTRICA DOMESTICO - Stima della spesa annua ( ) escluse le imposte Contratto 3 kw per abitazioni di residenza - IV Trimestre 2011 * ENERGIA ELETTRICA DOMESTICO - Stima della spesa annua ( ) escluse le imposte Contratto 3 kw per abitazioni di residenza - IV Trimestre 2011 * * La spesa annua riportata in tabella è anche indicativa per

Dettagli

L efficienza energetica. Intervento del Dott. Giustino Vicepresidente Gruppo Piccola Industria Unione degli Industriali di Napoli

L efficienza energetica. Intervento del Dott. Giustino Vicepresidente Gruppo Piccola Industria Unione degli Industriali di Napoli L efficienza energetica Intervento del Dott. Giustino Vicepresidente Gruppo Piccola Industria Unione degli Industriali di Napoli Il punto di vista delle imprese I temi Quantità di energia consumata Qualità

Dettagli

È ora di cambiare il vecchio contatore. Manuale d uso per l utilizzo del nuovo contatore elettronico monofase

È ora di cambiare il vecchio contatore. Manuale d uso per l utilizzo del nuovo contatore elettronico monofase È ora di cambiare il vecchio contatore Manuale d uso per l utilizzo del nuovo contatore elettronico monofase Perchè un nuovo contatore elettronico Come stabilito dalla Delibera 292/06 dell Autorità per

Dettagli

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato.

Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. Codice di condotta commerciale di AEM Torino S.p.A. relativo alla fornitura di energia elettrica ai Clienti del mercato vincolato. PREMESSA Con riferimento all art.4, contenuto nella Deliberazione n.204/99

Dettagli

Delibera AEEG 578/2013 SEU. Rete pubblica. kwh SEU. kwh. Produttore Max 20 MW Fonte rinnovabile o cogenerazione ad alto rendimento

Delibera AEEG 578/2013 SEU. Rete pubblica. kwh SEU. kwh. Produttore Max 20 MW Fonte rinnovabile o cogenerazione ad alto rendimento Delibera AEEG 578/2013 SEU Sistemi Efficienti di Utenza Rete pubblica SEU Produttore Max 20 MW Fonte rinnovabile o cogenerazione ad alto rendimento Consumatore (cliente finale) Localizzati nella stessa

Dettagli

ALLEGATO A - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

ALLEGATO A - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO INTRODUZIONE Il Glossario è uno strumento rivolto ai Clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 4

Dettagli

2. Nella sezione Contatti trovi tutti i riferimenti per comunicare con noi, per ricevere informazioni e assistenza relative alle sue forniture. 4. In quest area trovi il totale da pagare, la data di scadenza

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà 23 Aprile 2015 Ennio Fano 1 Nelle recenti settimane sul tema dell energia elettrica si sono succedute: A) la proposta dell Autorità sulla riforma delle

Dettagli

Leggere la bolletta dell energia elettrica

Leggere la bolletta dell energia elettrica Leggere la bolletta dell energia elettrica Premessa Leggere ed interpretare correttamente la bolletta dell'energia elettrica può risultare un impresa ardua per i non addetti ai lavori. Ciò è assolutamente

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di energia elettrica Cosa riguarda Quando si applica Ulteriori obblighi Con la liberalizzazione del mercato dell energia elettrica, tutti i clienti hanno

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Tariffazione dell energia elettrica Classificazione dei costi dell energia elettrica Costi di generazione (oneri finanziari, costi di smantellamento, costi d esercizio,

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli