FORMAZIONE E. CERTIFICAZIONE 3.0 Modelli di apprendimento in rete. A cura del Centro Studi EIPASS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE E. CERTIFICAZIONE 3.0 Modelli di apprendimento in rete. A cura del Centro Studi EIPASS"

Transcript

1 FORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3.0 Modelli di apprendimento in rete A cura del Centro Studi EIPASS

2 2

3 3 FORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3.0 Modelli di apprendimento in rete

4 4 Redazione Dott. Domenico Pontrandolfo Prof.ssa Emanuela Capodiferro Dott. Filippo Vasco Prof. Roberto Castaldo Dott.ssa Annie Pontrandolfo Redazione grafica Daniele Cacciapaglia Copyright 2014 Attribuzione - Non commerciale CC BY-NC Condividi, copia e distribuisci il documento con ogni mezzo e in ogni formato. Adatta, trasforma e rielabora il materiale citando l origine. Il materiale non può essere usato per fini commerciali.

5 5 Il Centro Studi EIPASS, da sempre protagonista delle istanze di rinnovamento nel settore delle competenze digitali in ambito formativo, dedica queste pagine a tutti gli insegnanti e i formatori che ogni giorno affrontano, con impegno e professionalità, la più grande rivoluzione culturale sperimentata dall umanità. Il presente lavoro nasce quale agile contributo volto a evidenziare le novità e le radicali trasformazioni in atto nel mondo della formazione. Centro Studi EIPASS

6 6 INDICE PREMESSA... 7 WEB LIFELONG LEARNING: EVOLUZIONE CONTINUA FORMAZIONE E SVILUPPO PROFESSIONALE DI DOCENTI E FORMATORI NUOVE COMPETENZE I FONDAMENTI DELLA FORMAZIONE COME CAMBIA IL MONDO DELLA FORMAZIONE TRA WEB 2.0 E INTRODUZIONE RICONOSCERE IL BISOGNO DI CAMBIAMENTO DEFINIRE L IDEA ANALIZZARE IL SISTEMA PIANIFICARE LE AZIONI ADOTTARE UN PROGETTO SVILUPPARE L EDUCAZIONE MONITORARE E AGGIORNARE CONCLUSIONE FORMAZIONE E CERTIFICAZIONE... 30

7 7 PREMESSA Il medium che si utilizza per comunicare, inevitabilmente, influenza non solo la comunicazione ma gli stessi contenuti e la visione degli uomini che lo utilizzano. Le teorie di Mc Luhan 1 sono illuminanti in questo senso, e famosa è la sua profetica affermazione apparsa nel 1964: Il medium è il messaggio L impiego delle tecnologie informatiche si è ormai diffuso a livelli impensabili fino a pochi anni fa, e ormai permea ogni ambito della nostra esistenza diventando, quello che sempre Mc Luhan aveva teorizzato, un escrescenza del nostro corpo e della nostra mente. L evoluzione del Web è particolarmente esplicativa da questo punto di vista, ha prodotto, sta producendo e produrrà modifiche sostanziali nel nostro approccio alla cultura 2, caratterizzate da una rapidità mai sperimentata dagli esseri umani che ci hanno preceduto. Gli effetti, soprattutto per le generazioni di mezzo, possono essere spiazzanti, nonostante ciò, l habitus tecnologico è entrato di prepotenza nelle nostre vite e solo l educazione può fornirci un supporto fondamentale per affrontare i radicali cambiamenti che caratterizzano il nostro presente. In questo breve saggio abbiamo introdotto il discorso con il concetto di Web 3.0, sulla cui struttura diventa imprescindibile costruire il sistema di Formazione 3.0. Abbiamo rilevato i caratteri salienti del rinnovamento della rete, individuandoli nell uniformità dei linguaggi, nell aumentata e migliorata possibilità di lavorare (e nel nostro caso apprendere e insegnare) in mobilità, e in ultimo, nell interazione, non solo degli utenti della rete, com è tipico nel Web 2.0, ma anche degli stessi contenuti, gestiti da software sempre più intelligenti, capaci non solo di ordinare i dati ma anche di interpretarli per noi. Successivamente abbiamo aperto il discorso alle necessità formative di chi si occupa di formare; il concetto fondamentale in questo ambito è sicuramente la necessità di formazione continua, espressa felicemente dall espressione lifelong learning. Ci è parso 1 Herbert Marshall McLuhan (Edmonton, 21 luglio 1911 Toronto, 31 dicembre 1980) è stato un sociologo canadese noto per le sue teorie sulla comunicazione e sulla società nella sua interezza ma anche sul comportamento individuale in relazione ai mezzi tecnologici. Per McLuhan essi sono in grado di determinare i caratteri costitutivi della comunicazione producendo effetti profondi sul modo di intendere il mondo e sulla personale forma mentis. 2 Qui cultura è intesa con l accezione più ampia del termine cioè come tutto quello che contribuisce alla formazione dell individuo sul piano intellettuale, morale e sociale.

8 8 importante evidenziare alcuni aspetti, in particolare l esigenza di far emergere le azioni formative rivolte a chi insegna, dagli stessi ambiti di lavoro. In modo che le azioni non appaiano come ingerenza esterna ma come bisogno consapevole. In questo senso si è detto anche delle nuove competenze richieste in ambito formativo, ponendo l accento sull inclusività, per meglio promuovere l integrazione degli allievi in ogni sistema scolastico e formativo, e, per quanto appartenenti ad un ambito diverso, si è posta in rilievo la necessità di mantenere aggiornate le competenze digitali, essenziali per sostenere le sfide continue poste da una realtà in repentina trasformazione. Una parte essenziale di questo sintetico saggio è sicuramente lo spazio dedicato ai processi formativi e alla loro rimodulazione, declinata secondo un sistema che promuove la partecipazione di tutti gli attori della formazione e che integra la realtà esterna in modo nuovo e propositivo. Le ultime pagine sono dedicate al tema della certificazione e della sua centralità nell ambito della Formazione 3.0 quale contributo sostanziale alla uniformazione dei linguaggi e delle competenze. Presidente CERTIPASS Dott. Domenico Pontrandolfo

9 9 WEB 3.0 Ci troviamo di fronte ad un eterogenea montagna di dati creati grazie all ampia disponibilità e all uso di personal computer, social media, dispositivi mobile, la cui crescita esponenziale è stata favorita dall accelerazione del progresso delle tecnologie web, delle infrastrutture di rete, della comunicazione senza fili e del Cloud Computing. L evoluzione comprende anche la democratizzazione della creazione dei contenuti; infatti, quando internet ha cominciato a diffondersi, la creazione dei contenuti era una prerogativa delle grandi organizzazioni e di pochi tecnici preparati e capaci di usare e condividere le risorse informatiche di solito per uso scientifico. Oggi, con l avvento del Web 2.0, ognuno può portare il proprio personale contributo alla rete: condividendo e scambiando dati, informazioni e opinioni. Ma anche la tipologia di contenuti è variata notevolmente, nella sostanza e nella forma, senza contare anche l aspetto quantitativo. Il traffico di dati è passato dagli iniziali pochi megabyte al mese dei primi anni 90 agli 84 miliardi di Gigabyte del 2000, generato dall accesso di circa 400 milioni di utenti, e oggi ormai tocca cifre che è difficile persino esprimere e coinvolge oltre 2 miliardi di utenti a livello globale. Oggi, con l avvento del Web 2.0, ognuno può portare il proprio personale contributo alla rete: condividendo e scambiando dati, informazioni e opinioni.

10 10 Per l aspetto sostanziale dell evoluzione del Web possiamo sinteticamente rappresentare lo sviluppo di internet nel seguente schema: Si rende necessario capire verso quale futuro internet sta andando, cercando di tendere sempre verso la giusta direzione, in modo da poter competere in un mondo in così rapida trasformazione. Anche nel settore della formazione è importante conoscere teorie ed esperienze che permettano di mantenere un livello ottimale e oggi non è più possibile fermarsi alle conoscenze acquisite durante il proprio percorso accademico, le nuove tecnologie da una parte ci pongono sempre davanti a nuove sfide, dall altra ci permettono di dare concretezza a tutte le più recenti teorie sull apprendimento. Il Web 2.0 si concentra nel termine condivisione, infatti il principale risultato di questa rivoluzione è stata la possibilità di scambiare in rete ogni genere di informazione, senza più la necessità di utilizzare complicati protocolli o procedimenti comprensibili solo per i tecnici dell informatica.

11 11 Oggi con i social media siamo ogni giorno online, esprimiamo i nostri pensieri e i nostri stati d animo, condividiamo i nostri gusti e partecipiamo alle vite dei nostri amici, dei nostri colleghi, dei conoscenti con una semplicità mai sperimentata prima d ora. Inoltre lo sviluppo inaspettato - almeno con questo tenore - della tecnologia mobile, ci permette di essere online anche fuori dalle nostre case e dai nostri uffici. Oggi con i social media siamo ogni giorno online, esprimiamo i nostri pensieri e i nostri stati d animo, condividiamo i nostri gusti e partecipiamo alle vite dei nostri amici, dei nostri colleghi, dei conoscenti con una semplicità mai sperimentata prima d ora. Applicazioni di ogni genere ci invitano a comunicare continuamente e con diverse modalità, offrendo alla curiosità di molti, informazioni sui nostri spostamenti e sui nostri viaggi, sui locali che amiamo frequentare e persino su quelli che ci hanno delusi. Volendo, possiamo raccontare a tutti dei nostri acquisti o di quello che prepariamo a cena, anche gli sconosciuti sanno quando partecipiamo a un dato evento o aderiamo ad un certo programma politico.

12 12 Per quanto possa piacerci o meno la nuova realtà, è con essa che dobbiamo fare i conti anche in veste di formatori e docenti. Non è possibile evitarla se non escludendosi dalla vita sociale, con l ulteriore risultato di allontanare l intero Sistema Scuola dagli allievi e dal loro mondo; ben più saggio è confrontarsi, conoscere e imparare a utilizzare le nuove tecnologie, con matura consapevolezza e seguendone l incalzante evoluzione. Evoluzione rapida che è una delle principali caratteristiche delle nuove tecnologie e della rivoluzione rappresentata dall ICT 3, il passaggio tra Web 1.0 e Web 2.0 è stato graduale così come non è immediatamente avvertibile l attuale passaggio verso il Web 3.0, che pure è in atto. Occorre dire che normalmente usiamo il web senza renderci conto delle tecniche con cui è sviluppato, per cui è opportuno capire quali sono le caratteristiche del Web 3.0 per provare a riconoscerlo. Nel Web 3.0 ogni utente trova una sorta di assistente personale che conosce, praticamente, ogni cosa sui suoi gusti e sulle sue abitudini di ricerca, può accedere a tutte le informazioni presenti su internet e fare qualsiasi tipo di domanda. Molti rappresentano il Web 3.0 come un gigantesco database; mentre il Web 2.0 usa Internet per: realizzare connessioni tra le persone, il Web 3.0 usa Internet per connettere tra loro le informazioni. Nel Web 3.0 ogni utente trova una sorta di assistente personale che conosce, praticamente, ogni cosa sui suoi gusti e sulle sue abitudini di ricerca, può accedere a tutte le informazioni presenti su internet e fare qualsiasi tipo di domanda. Cerchiamo di comprendere il funzionamento del Web 3.0 con un esempio: decidiamo di andare in vacanza in Sudafrica e abbiamo un budget di 3000 per il nostro viaggio. Vogliamo soggiornare in un bel posto ma il denaro che abbiamo a disposizione è limitato e abbiamo bisogno di prenotare un volo che rientri nelle nostre possibilità. Con le risorse Web attualmente disponibili, dovremmo fare molteplici ricerche per trovare le migliori opzioni per la nostra vacanza. Avremmo bisogno di ricercare potenziali destinazioni e decidere quella adeguata alle nostre aspettative e ai nostri bisogni. 3 ICT: Information and Communication Technology

13 13 Potremmo visitare due o tre siti Web di viaggi scontati e confrontare i prezzi per voli e camere d'albergo. Indubbiamente impiegheremo un mucchio di tempo per vagliare i risultati dei motori di ricerca. Con il Web 3.0 possiamo sederci e lasciare che Internet faccia tutto il lavoro di ricerca al posto nostro, possiamo non solo utilizzare il servizio di ricerca ma restringere i parametri di essa con dei filtri. È possibile raccogliere, analizzare e visualizzare i dati con assoluta semplicità, ed effettivamente alcune applicazioni di questo genere sono già presenti sulla rete, soprattutto nei settori legati al marketing, ma il sistema si amplierà perfezionandosi e allargandosi a tutti i settori di ricerca, in quanto la principale caratteristica del Web 3.0 è quella di comprendere le informazioni presenti in rete. Oggi, a meno di usare motori di ricerca specifici (pensiamo soprattutto a portali di ricerca per i viaggi), il motore non è in grado di capire realmente quello che stiamo cercando. La ricerca è semplicemente testuale e ci mostra le pagine Web che contengono le parole chiave inserite nei nostri termini di ricerca. Il motore di ricerca non può dire se la pagina Web è effettivamente rilevante per la nostra ricerca. Si può solo dire che sicuramente la parola chiave appare sulla pagina web, ma è facile che i risultati comprendano voci che non sono assolutamente di nostro interesse. È sempre difficile fare previsioni sui possibili sviluppi di una tecnologia, nel caso del Web 3.0, buona parte degli esperti Internet pensano che permetterà agli utenti un esperienza di navigazione più ricca. Molti ritengono che ogni utente di Internet avrà un unico profilo, basato sulla sua cronologia di navigazione. Il Web 3.0 userà questo profilo per adattare l esperienza di navigazione, basandola sulle peculiarità di ogni individuo. Questo significa che se due persone differenti faranno una stessa ricerca su Internet, otterranno risultati diversi in base alle proprie abitudini di ricerca. Qualcosa che parzialmente accade anche oggi, infatti se abbiamo un

14 14 profilo registrato su Google, spesso alla richiesta per esempio di ristoranti, i primi risultati sono quelli vicini alla nostra località, perché il nostro browser sa già dove siamo, inoltre se cerchiamo spesso alcuni termini, nelle ricerche successive quei termini emergono subito e sono posti in rilievo con un colore differente. Naturalmente questo è solo l inizio. Le tecnologie e i software richiesti per il Web 3.0 non sono ancora completamente sviluppate, anche se ci sono applicazioni che utilizzano impostazioni e modalità ad esso riconducibili: un esempio è Shazam che ci aiuta a capire quale musica vogliamo comprare e ascoltare, dove possiamo farlo, e ci suggerisce anche brani, autori e album che potremmo apprezzare in quanto affini ai gusti che abbiamo già espresso. Funzionano così numerosi siti web e portali, soprattutto quelli presenti su device mobile, l evoluzione del Web 3.0 consiste proprio nel far funzionare allo stesso modo i principali motori di ricerca. Teoricamente il nuovo sistema web è stato già prefigurato da Tim Berners-Lee, inventore del World Wide Web nell ormai lontano 1989, il primo ad ipotizzare e concretizzare quello che oggi è senza dubbio il media egemone. Berners-Lee ha - sin dall inizio pensato - ad una rete destinata a trasformarsi in Web semantico, anche se oggi la struttura del Web è ancora organizzata per essere interpretata e utilizzata dagli essere umani che link dopo link arrivano alle informazioni di loro interesse. I computer non sono ancora in grado di farlo perché i motori di ricerca possono solo eseguire scansioni delle parole chiave sulle pagine web, attraverso i cosiddetti tag che gli sviluppatori e gli stessi utenti lasciano per etichettare immagini, file di testo o multimediali, e rendere così ricercabili nella rete i contenuti pubblicati, ma non hanno la capacità di ricavare un senso logico dalla loro presenza in rete. Il Web semantico si basa sull ausilio l ausilio dei cosiddetti agenti semantici 4 ; essi hanno il compito di 4 Gli agenti semantici sono software che raccolgono, elaborano e scambiano informazioni e risultati con altri programmi.

15 15 percorrere il web alla ricerca di informazioni rilevanti e logicamente collegate tra loro, grazie alla presenza di informazioni strutturate gerarchicamente, denominate ontologie 5, che dovranno essere dettagliate e complete per aumentare l efficacia del meccanismo. Nella visione di Berners-Lee, le ontologie dovrebbero esistere sotto forma di metadati, cioè informazioni presenti nel codice delle pagine Web, invisibili agli esseri umani, ma interpretabili dai computer. La costruzione di ontologie richiede molto impegno, come si può immaginare, è probabilmente questo il maggiore ostacolo che non ha ancora permesso l affermazione del Web Semantico. D'altra parte tutti gli utenti sono ormai abituati ad assegnare tag ai contenuti che condividono sul web o alle immagini e ai vari file multimediali, quindi è naturale che gli stessi utenti stiano iniziando a contribuire alla costruzione del Web semantico. Tutti i blog prevedono di assegnare tag alle pagine pubblicate, rendendo più semplice classificare le varie voci sotto più argomenti specifici. Siti di condivisioni di immagini, come Flickr, permettono agli utenti di contrassegnare le foto con i tag. Secondo alcuni esperti, il Web 3.0 sarà in grado di associare logicamente tra loro i tag e le etichette, restituendo così risultati più utili e adatti all'utente. Probabilmente il Web 3.0 unirà il concetto di Berners-Lee del Web Semantico con i procedimenti di tagging del Web 2.0. Tutti gli utenti sono ormai abituati ad assegnare tag ai contenuti che condividono sul web o alle immagini e ai vari file multimediali, quindi è naturale che gli stessi utenti stiano iniziando a contribuire alla costruzione del Web semantico. 5 L ontologia in informatica è una definizione dei termini usati in un certo dominio e delle relazioni esistenti tra di loro.

16 16 LIFELONG LEARNING: EVOLUZIONE CONTINUA LIFELONG LEARNING Gli obiettivi primari dell Unione Europea sono legati allo sviluppo personale, della società e dell economia nei Paesi membri. L Educazione rappresenta, oggi più che in passato, un fattore fondamentale per il cambiamento sociale, in quanto la natura stessa del lavoro cambia e mutano soprattutto le competenze necessarie per lavorare in modo produttivo. Il Sistema formativo deve assicurare a tutti, e sempre, uguali possibilità e opportunità di partecipazione alla vita economica, senza subire negativamente i continui cambiamenti che caratterizzano i nostri tempi. I processi di insegnamento e apprendimento rappresentano un bisogno fondamentale e un diritto sancito dall Unione Europea 6, in quanto sono lo strumento per creare e impiegare le competenze che permettono di dominare efficacemente gli sviluppi tecnologici e la globalizzazione. Il Sistema formativo deve assicurare a tutti, e sempre, uguali possibilità e opportunità di partecipazione alla vita economica, senza subire negativamente i continui cambiamenti che caratterizzano i nostri tempi. 6 Competenze chiave per un mondo in trasformazione: <http://europa.eu/legislation_summaries/education_training_youth/general_framework/ef0020_it.htm>

17 17 Possiamo però andare oltre, e citando Lindman 7, ricordare che educazione e formazione, non sono solo preparazione alla vita, ma sono vita esse stesse. Un primo aspetto da considerare è la crescente sfiducia che la scuola ha generato attorno a sé nella nostra società. La cronaca riporta molto spesso fatti scabrosi ed esecrabili avvenuti tra le mura di una scuola, e non è raro che personaggi del mondo dello spettacolo o addirittura della cultura, evidenzino o addirittura sbandierino una precaria formazione scolastica, senza contare il modo in cui la scuola viene spesso intesa, più un ente assistenziale che un vero motore del progresso. Si tratta di un atteggiamento, se non addirittura di una moda, non responsabile e corretto. D altra parte esperienze educative e formative extra scolastiche sono nella prassi e anzi rispondono all esigenza di auto-educazione, un aspetto essenziale della maturazione dell individuo, tuttavia è evidente che non è possibile rinunciare all Istituzione Scuola quale centro propulsore delle pratiche formative, e per rendere efficace il suo ruolo non resta che curare la qualità, l efficienza e l efficacia delle sue azioni. In questo contesto resta fondante il concetto di lifelong learning ed in particolare di capacità di imparare ad imparare, competenza trasversale e fondamentale per proseguire il proprio percorso di crescita (personale e professionale) anche successivamente al periodo della formazione scolastica; quest ultima però non può limitarsi a fornire conoscenze modulate per le domande dei quiz di selezione ma deve concretizzarsi nell esercizio e sviluppo delle capacità di analisi, di compendio, di argomentazione e di risoluzione dei problemi. In questo contesto resta fondante il concetto di lifelong learning ed in particolare di capacità di imparare ad imparare, competenza trasversale e fondamentale per proseguire il proprio percorso di crescita (personale e professionale) anche successivamente al periodo della formazione scolastica. 7 Eduard C. Lindeman ( ) è un formatore americano noto per essere tra I primi ad occuparsi specificamente dell educazione degli adulti. Il suo contributo è affidato al suo libro The Meaning of Adult Education.

18 18 FORMAZIONE E SVILUPPO PROFESSIONALE DI DOCENTI E FORMATORI Durante la Conferenza di Lisbona del 2007, dedicata alle strategia per la crescita dei Paesi europei, uno degli assunti espressi con maggiore vigore fu quello di migliorare l istruzione e la formazione per insegnanti e formatori. La costruzione di coerenti percorsi di formazione iniziale e continua, che faccia riferimento allo sviluppo professionale del docente e al rapporto con l organizzazione scolastica, rappresenta una sfida comune ai sistemi formativi, soprattutto se si considera lo sfasamento tra le enfatiche affermazioni sul valore intrinseco della professione docente e l oggettivo declino del suo status sia sociale sia economico. L istruzione e la formazione sono i pilastri dell investimento sociale per lo Stato, uno strumento politico essenziale alla costruzione di un circolo virtuoso tra innovazione e competitività, da un lato, e coesione e capacità di accogliere dall altro. Non ci può essere una società del sapere senza un sistema di formazione in grado di rispondere alla sua continua trasformazione ed evoluzione. In sede Europea si sono stabiliti precisi obiettivi comuni e azioni di monitoraggio per migliorare i sistemi scolastici e fornire ai giovani i saperi e le competenze necessari. Le due questioni principali sono la volontà di creare una scuola realmente inclusiva, e quindi l adozione di sistemi pedagogici nuovi e modalità di lavoro che superino il modello scolastico unico, e quella messa in campo dall innovazione tecnologica. La seconda questione, che ha mutato completamente la realtà quotidiana, richiede approcci innovativi e specifiche competenze per i formatori, il cui ruolo resta insostituibile, a fronte della necessità di un continuo processo di aggiornamento per essere per essere pienamente funzionale alle rinnovate modalità e potenzialità di apprendimento. In sede Europea si sono stabiliti precisi obiettivi comuni e azioni di monitoraggio per migliorare i sistemi scolastici e fornire ai giovani i saperi e le competenze necessari. Le due questioni principali sono la volontà di creare una scuola realmente inclusiva, e quindi l adozione di sistemi pedagogici nuovi e modalità di lavoro che superino il modello scolastico unico, e quella messa in campo dall innovazione tecnologica.

19 19 Per i formatori è importante impiegare nuovi metodi di comunicazione basati su modalità intertestuali e crossmediali, che permettano l acquisizione di concetti e competenze tra loro integrati, capaci di potenziarsi a vicenda, esattamente come avviene nel campo dei media, della pubblicità e del marketing. Occorre dire che i risultati delle azioni per adeguare il livello di insegnanti e formatori non sono ancora del tutto soddisfacenti; probabilmente ciò dipende dal fatto che tali azioni non provengono sempre dal mondo della scuola e sono avvertite spesso come una sorta di indebita e pericolosa ingerenza. Una valida possibilità di successo è rappresentata dalla formazione fra pari, che permette di coinvolgere maggiormente formatori e docenti contribuendo all evoluzione della stessa dignità di chi insegna. Ostacoli da superare restano l individualismo della professione e la realizzazione di una reale autonomia limitata da un eccesso di burocrazia che, pur con le migliori intenzioni, ha provocato negli ultimi anni un eccessivo immobilismo. Per porre fine a questa situazione è importante dar vita a una concreta condivisione che preveda comunità di lavoro integrate che abbiano tra i loro fini la ricerca di nuove metodologie, l adozione dei processi di rinnovamento, lo scambio di idee sull insegnamento e l apprendimento. Qualsiasi riforma della scuola non può prescindere dal coinvolgimento degli stessi insegnanti, che vanno impegnati e resi protagonisti di qualsiasi tentativo di sviluppo e attuazione di azioni di rinnovamento. A questo riguardo, l apprendimento permanente andrebbe ripensato, costruendo i meccanismi di formazione in base alle necessità delle persone e della professione, e investendo nella realizzazione di reti di lavoro collettivo che siano di supporto a politiche della formazione fondate sulla condivisione e sul dialogo. Qualsiasi riforma della scuola non può prescindere dal coinvolgimento degli stessi insegnanti, che vanno impegnati e resi protagonisti di qualsiasi tentativo di sviluppo e attuazione di azioni di rinnovamento.

20 20 NUOVE COMPETENZE L apprendimento di qualità riveste importanza fondamentale nella vita di un individuo, non solo per la carriera professionale ma anche per il suo ruolo attivo nella società. Il sistema scolastico dell obbligo è in parte cambiato nella percezione dall esterno e nelle aspettative di famiglie e allievi. Infatti non si inizia a pensare come l Istituzione che permette di acquisire le nuove competenze chiave: se un tempo era necessario solo fare di conto, leggere e scrivere, oggi è indispensabile leggere e parlare fluentemente almeno una lingua straniera, le conoscenze e competenze informatiche non sono più deputate a tecnici e ingegneri ma diventano essenziali per tutti. In generale le competenze sociali, civiche e culturali aumentano e si evolvono in parallelo con la nostra società sempre più complessa. Tra le competenze che rivestono maggiore rilievo un ruolo fondamentale è quello di imparare ad imparare, abilità trasversale a qualsiasi disciplina e fondamento di qualsiasi creazione e accumulo di conoscenza, che rappresenta il presupposto essenziale dell apprendimento continuo. Per quanto l istruzione sia una necessità ed un obbligo, è evidente che l accesso e soprattutto l ottenimento di conoscenze e competenze di base, non sia garantito a tutti in ugual modo. Tra le competenze che rivestono maggiore rilievo un ruolo fondamentale è quello di imparare ad imparare, abilità trasversale a qualsiasi disciplina e fondamento di qualsiasi creazione e accumulo di conoscenza, che rappresenta il presupposto essenziale dell apprendimento continuo. Si rende indispensabile la lotta agli abbandoni scolastici e l impegno per limitare al massimo gli insuccessi scolastici, un aspetto da considerare attentamente anche nell ambito della formazione dei docenti. Altro fattore da prendere in considerazione è l eterogeneità del gruppo degli insegnanti, in quanto hanno formazione e competenze molto differenti tra loro.

21 21 I confini tra le diverse categorie devono necessariamente diventare osmotici e la formazione dei docenti deve comprendere i seguenti tre ambiti: l area delle conoscenze, delle informazioni e della tecnologia; l area della comunicazioni e dell operatività con allievi, colleghi e altri collaboratori; l area dei rapporti con il sociale. La prima area è abitualmente ritenuta il fulcro della professione. In base al profilo del docente sono necessarie conoscenze di vario tipo. Naturalmente è fondamentale un notevole livello di approfondimento delle proprie materie, ma a prescindere da questo, tutti i docenti dovrebbero essere in grado di ricercare, esaminare, schematizzare, dialogare, facilitare l acquisizione di conoscenze ed abilità, e infine determinare una valutazione, il tutto con l ausilio della tecnologia in genere e di quella informatica in particolare. Ogni docente o formatore deve essere capace di attuare delle scelte riguardo ai metodi organizzare l insegnamento e favorire l apprendimento in modo adeguato, identificando i differenti bisogni dei propri allievi e guidandoli e sostenendoli verso un apprendimento autonomo e permanente. Infine, deve imparare le pratiche di tipo riflessivo, cioè essere in grado di valutare analiticamente il proprio lavoro, soppesando successi e insuccessi, per perfezionare le proprie strategie e tecniche didattiche e nello stesso tempo accrescere e partecipare alla produzione di nuove idee nel campo dell educazione e della formazione. Le competenze fondamentali per la seconda area (comunicazione) confermano che il mestiere dell insegnante non può ricondursi a semplice trasmissione di dati e conoscenze; esso si basa sui valori dell inclusione sociale e dell attenzione allo sviluppo personale. Il lavoro dell insegnante richiede una buona capacità di comprensione delle capacità, degli interessi e delle necessità specifiche degli studenti di qualsiasi età.

22 22 Ogni insegnante deve sviluppare il potenziale di ciascun allievo. Ancora, una formazione di qualità deve sortire da un lavoro di squadra che coinvolga allievi, altri docenti e personale interno, ma anche soggetti che operano all esterno della scuola; di conseguenza l insegnante deve incrementare le proprie capacità di comunicazione e collaborazione, e sostenere un buon grado di fiducia nei rapporti con gli altri. Infine, la terza area (sociale) interessa il processo educativo in genere, al di là del singolo studente o della classe o dello stesso istituto scolastico. Concerne i rapporti che collegano l allievo, l insegnante e la scuola con l intera società. Aspetto fondamentale resta quello che docenti e formatori devono essere autonomi e, presupposto di ciò, è possedere adeguate conoscenze e competenze. Un insegnante che si comporta come un tecnico, occupandosi solo della trasmissione delle conoscenze, non è quello di cui la scuola ha bisogno. Per preparare i loro allievi a fronteggiare i diversi ruoli nella società, è necessario che sia chiara l importanza del ruolo dell educazione in termini di dinamiche sociali; il docente deve saper valutare la diversità delle culture e dei sistemi di valori dei loro allievi e determinare il processo di apprendimento di ciascuno in base al principi di uguaglianza sociale. Ogni insegnante deve sviluppare il potenziale di ciascun allievo. Ancora, una formazione di qualità deve sortire da un lavoro di squadra che coinvolga allievi, altri docenti e personale interno, ma anche soggetti che operano all esterno della scuola; di conseguenza l insegnante deve incrementare le proprie capacità di comunicazione e collaborazione, e sostenere un buon grado di fiducia nei rapporti con gli altri. In ogni caso, la riflessione sul lavoro e sulle competenze dell insegnante non può avvenire al di fuori del tempo e dello spazio reali. Come abbiamo già sottolineato, le nuove sfide non possono essere affrontate solo da pochi esperti che si dedicano professionalmente alla formazione degli insegnanti. Si tratta invece di processi che vanno radicati e connessi profondamente con i mutamenti e le esigenze della società, rilevanti per tutte le categorie interessate, e quindi, per tutti i cittadini. Una profonda riflessione su questo tema è oggi essenziale in tutti i paesi dell Unione Europea e a livello nazionale. Del resto, questo discorso deve fare riferimento anche al contesto più allargato, e non soltanto alle peculiarità e alle tradizioni nazionali; oggi come domani i sottosistemi scolastici dei singoli Paesi

23 23 non possono svilupparsi in modo efficiente, se non prendono in considerazione ciò che accade intorno, nel continente o nel mondo. I FONDAMENTI DELLA FORMAZIONE La formazione dei formatori oggi non può prescindere da due principi, evidenziati chiaramente anche in sede europea: aumentare il livello di formazione di chi insegna e le aspettative di un più elevato livello di conoscenze e competenze da parte dei docenti; assicurare ai docenti l apprendimento permanente, in quanto per la natura stessa del loro lavoro devono costantemente aggiornarsi, continuando ad incrementare il loro bagaglio di conoscenze. Analizzando il quadro attuale emergono alcune aree che richiedono un approfondimento. L aspetto caratteristico del ruolo dell insegnante risiede nel suo ruolo di co-protagonista e facilitatore nel processo di apprendimento. Non intendiamo con ciò rendere secondaria la figura del docente la cui azione non deve essere limitata dalle differenze sociali e culturali dei discenti; al contrario, è necessaria un azione ancora più coerente e differenziata, legata al contesto e fondata su conoscenze approfondite e aggiornate: il tutto, in funzione della materia insegnata, dei processi di apprendimento, del contesto degli studenti, degli insegnanti e delle scuole. Senza dimenticare la pertinenza e la motivazione delle strategie di lavoro da adeguare in base alla loro regolamentazione continua. In quanto abbiamo appena affermato sulla funzione dell insegnare - e in cui risiedono le stesse ragioni

24 24 dell esistenza della figura dell insegnante / formatore / docente - dobbiamo rintracciare le metodologie di acquisizione del sapere di un insegnante e il suo rapporto con la ricerca nel campo dell insegnamento e della formazione, in particolare con quella metodologia formativa nota come pratica riflessiva. Come detto precedentemente, il sapere specifico e distintivo richiesto per insegnare è di natura articolata ed eterogenea e non può ridursi alla conoscenza delle materie o delle aree di specializzazione dell insegnante; né d altronde può essere ricondotto al solo sapere esperienziale sebbene entrambi questi aspetti siano necessari. Quello che identifica le conoscenze professionali che rendono idoneo un formatore a insegnare, coincide con il continuo e consapevole processo di formazione ed aggiornamento, che di fatto permette il corretto sviluppo professionale di un docente. Solo così egli sarà in grado di offrire: Come detto precedentemente, il sapere specifico e distintivo richiesto per insegnare è di natura articolata ed eterogenea e non può ridursi alla conoscenza delle materie o delle aree di specializzazione dell insegnante; né d altronde può essere ricondotto al solo sapere esperienziale sebbene entrambi questi aspetti siano necessari. una prestazione didattica di qualità; la capacità di basare su regole e metodologie le proprie azioni; avere la padronanza degli strumenti e delle modalità che permettono di conseguire buoni esiti formativi. É utile dunque operare una destrutturazione dell idea del formatore sia come tecnico della formazione che come semplice portatore del sapere formalizzato. Il concetto di insegnamento legato a quello di esperienza, nella definizione che ne danno gli insegnanti e i formatori, ricorrente in innumerevoli studi e ricerche contemporanee, indirizza verso una cultura professionale che si dimostra rigidamente resistente alla rimodulazione dell attività dell insegnare, e in conclusione risulta incapace di riorientare l operato dei docenti nel senso di una organicità dell apprendimento da offrire a chi chiede formazione.

25 25 COME CAMBIA IL MONDO DELLA FORMAZIONE TRA WEB 2.0 E 3.0 INTRODUZIONE Il processo di cambiamento richiede dei passaggi così individuabili: Spesso si sorvola sulle modalità organizzative delle azioni formative, ma è facile comprendere come esse siano indispensabili per rendere efficaci gli interventi stessi.

26 26 RICONOSCERE IL BISOGNO DI CAMBIAMENTO Questo passo permette al formatore di interrogarsi su aspetti strategici come: Cos è la Formazione 3.0? Cosa comporta in pratica? Cosa è necessario fare per attivarsi? Chi dirige la scuola deve capire la natura delle trasformazioni nel campo della formazione e determinare se i suoi docenti sono pronti o meno. Spetta infatti al dirigente scolastico o a chi si occupa di gestire un ente di formazione il compito di evidenziare la necessità di rinnovamento dei processi formativi, e di motivare il personale docente mettendo nella giusta evidenza i capisaldi del nuovo sistema di Formazione nel suo contesto storico, mostrando altresì esempi concreti di quello che il cambiamento produce dal punto di vista degli studenti, delle famiglie e dei docenti. Durante questa fase la scuola dovrebbe iniziare a valutare i cambiamenti curriculari, tecnici e normativi indispensabili per favorire l approccio alla Formazione 3.0. DEFINIRE L IDEA In questa fase è importante che la scuola o l istituto che eroga formazione realizzi la visione progettuale di quello che significherà nella vita degli allievi l attuazione delle trasformazioni. In linea con le idee di Formazione 3.0 emerse all inizio del processo di cambiamento, chi si occupa di guidare il cambiamento deve quindi delineare un quadro delle prospettive formative nella propria scuola, basando il tutto sulle nuove forme di insegnamento e apprendimento, sull aggiornamento dei curricula, sulla revisione delle norme e sul ruolo centrale della rete tecnologica necessaria per la Formazione 3.0.

27 27 La comunità scolastica esaminerà quindi più da vicino le attività dei docenti e i bisogni formativi dei discenti, in piena ottica Formazione 3.0, raccogliendo le idee chiave e gli esempi più illuminanti sulle le novità evidenziate dagli sviluppi del nuovo corso formativo, e realizzerà una rappresentazione schematica o multimediale della giornata-tipo di uno studente nella sua scuola trasformata. L idea viene messa a punto da un gruppo di educatori che collaborano con studenti, genitori, consulenti scolastici e del mondo aziendale. Il risultato è una presentazione multimediale, oppure un testo ben strutturato, che possa documentare a tutti la progettazione di base per attuare il cambiamento. del nuovo sistema di Formazione nel suo contesto storico, mostrando altresì esempi concreti di quello che il cambiamento produce dal punto di vista degli studenti, delle famiglie e dei docenti. Durante questa fase la scuola dovrebbe iniziare a valutare i cambiamenti curriculari, tecnici e normativi indispensabili per favorire l approccio alla Formazione 3.0. ANALIZZARE IL SISTEMA È il momento di esaminare la scuola o l organizzazione del centro di formazione e compararla con l immagine di essa che abbiamo delineato per il futuro. La presentazione o il testo strutturato, possono essere accompagnati da una serie di sondaggi che contribuiscono a far evolvere positivamente questo processo. Docenti, studenti e, in generale, tutti gli attori facenti capo alla Comunità Scolastica prendono parte alla sua approfondita analisi, contribuendo nel suggerire buone pratiche, idee o opportunità e possibilità da sviluppare.

28 28 risorse in questa fase predispongono una sorta di elencazione per la Formazione 3.0, un analisi delle infrastrutture tecniche e un attenta osservazione dell organizzazione della Formazione attuale. PIANIFICARE LE AZIONI In questa fase la scuola o l organismo formativo si impegnano a realizzare un dettagliato progetto per trasformare l idea di partenza in realtà. Partendo dai risultati emersi dall analisi effettuata nella fase precedente, la scuola definisce i cambiamenti necessari nelle infrastrutture tecniche e nell organizzazione formativa necessari per il cambiamento. Il progetto viene definito da un gruppo formato da docenti, studenti, responsabili scolastici, esperti tecnici e membri della comunità. Gli strumenti per questa fase rendono necessario l adozione di un modello progettuale, che tenga adeguatamente conto anche delle altre realtà scolastiche che hanno già sperimentato il cambiamento o sono in una fase di sperimentazione più avanzata, e un azione di controllo sugli aspetti tecnologici di maggiore rilievo. Il progetto deve comprendere il piano economico, una programmazione temporale e l indicazione di una persona responsabile per ogni aspetto della trasformazione. ADOTTARE UN PROGETTO I dirigenti scolastici a questo punto devono comunicare il progetto, creare un gruppo di supporto, chiedere e ottenere l approvazione delle Istituzioni anche perché il tipo di trasformazione richiesto dalla Formazione 3.0 richiede investimenti pubblici di una certa rilevanza. Il gruppo di supporto, in questa fase, deve coadiuvare il dirigente nella realizzazione della relazione di accompagnamento e nella presentazione della stessa, magari avvalendosi di una presentazione multimediale.

29 29 SVILUPPARE L EDUCAZIONE 3.0 Infine è il momento di implementare la pianificazione: la scuola o l istituto formativo, ai fini della realizzazione del piano, devono intraprendere due percorsi distinti ma strettamente correlati tra loro: da una parte l adeguamento tecnologico, dall altra quello formativo. È bene evidenziare che nessun azione che punta all innovazione tecnologica può prescindere dalla fase progettuale (infrastruttura e didattica), il rischio è di investire ed acquisire strumentazioni senza aver preventivamente identificato attentamente le figure di riferimento, i loro compiti specifici e stabilito le metodologie didattiche da seguire. MONITORARE E AGGIORNARE In questa fase, che sarà necessariamente ripetuta e periodica, il gruppo di supporto costituito nella scuola o nell istituto formativo segue l evoluzione delle trasformazioni innescate dal processo, e aggiorna il programma in base ai bisogni che emergono. Inoltre pianifica e somministra una serie di sondaggi ed effettua analisi approfondite che permettono di supportare la scuola nel raggiungimento dell obiettivo iniziale, cioè il potenziamento e il miglioramento delle azioni educative e formative.

30 30 CONCLUSIONE FORMAZIONE E CERTIFICAZIONE I tempi della nostra società diventano sempre più rapidi e incalzanti, la necessità di fare bene e fare presto è un obbligo ormai in ogni settore, Scuola e formazione non possono tirarsi indietro. Un modo per rispondere all esigenza di rapidità è anche l acquisizione e il possesso di competenze certificate e aggiornate, volte a evitare frequenti prove attitudinali con dispendio di tempo e risorse. Occorre aggiungere ulteriori tasselli: la mobilità della figura dei formatori e la necessità che determinate abilità e competenze si uniformino a standard precisi per poter operare in qualsiasi contesto territoriale. Parlare con un unico linguaggio, operare con le medesime modalità sono requisiti ormai irrinunciabili, che permettono di operare in sinergia in un Europa che diviene sempre più villaggio globale. Una delle caratteristiche più rilevanti del Web 3.0, lo abbiamo visto nel primo capitolo, è il fatto di far comunicare device diversi tra loro e ovviamente con lo stesso linguaggio. Oggi comunicano tra loro non solo computer e tablet o smartphone ma anche frigoriferi e sistemi di allarme, televisori e lettori mp3, impianti di riscaldamento e robot da cucina, addirittura sono in sperimentazione abiti dotati di microchip e sistemi tecnologici che consentono di collegarsi in rete, di segnalare emergenze, di termoregolare o rispondere al telefono. Formazione 3.0 significa anche permettere ai formatori di comunicare tra loro in base a competenze e linguaggi finalmente condivisi. A questo proposito rappresentano una guida esemplare gli standard delineati dall UNESCO 8 per quanto concerne le competenze digitali dei docenti. Parlare con un unico linguaggio, operare con le medesime modalità sono requisiti ormai irrinunciabili, che permettono di operare in sinergia in un Europa che diviene sempre più villaggio globale. Formazione 3.0 significa anche permettere ai formatori di comunicare tra loro in base a competenze e linguaggi finalmente condivisi. 8 ICT Competency Standards for Teachers: <http://unesdoc.unesco.org/images/0015/001562/156207e.pdf>

31 31 Il quadro incrocia i tre approcci alla formazione basati sullo sviluppo delle capacità umane alfabetizzazione informatica; approfondimento delle conoscenze; creazione di nuove conoscenze. con i sei componenti del sistema educativo: visione e linee guida; curriculum e valutazione; pedagogia; ICT; organizzazione e amministrazione; sviluppo professionale dei docenti. Dall incontro dei precedenti elementi si ricavano dei moduli che rispondono a specifici obiettivi, necessari per affrontare le sfide educative poste ai docenti e ai formatori nell era del Web 3.0.

32

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli