Revue de Presse Italienne Rassegna Stampa. Tony Clifton Circus - Mission Roosevelt

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Revue de Presse Italienne Rassegna Stampa. Tony Clifton Circus - Mission Roosevelt"

Transcript

1 Revue de Presse Italienne Rassegna Stampa Tony Clifton Circus - Mission Roosevelt

2 Missione Roosevelt : il mondo da una sedia a rotelle Pratosfera.com - 04/10/2014- Lorenzo Tempestini La performance di Contemporanea 2014 che ha visto protagoniste tante persone per una missione difficilissima: quello di vivere per poche ore la quotidianità di un portatore di handicap. Partiamo dall idea che voi non siete un pubblico e che questo di conseguenza non è uno spettacolo. Questa è un esperienza o forse meglio un esperimento, voi ne sarete allo stesso tempo attori, cavie ed unici fortunati beneficiari. In Missione Roosevelt vogliamo attraversare uno spazio urbano, fare un percorso e lasciare un segno, una traccia colorata al suolo. Vogliamo condividere con voi il piacere del proibito, il piacere di utilizzare un oggetto tabù. Utilizzare un oggetto per la prima volta, forse solo questo basta, forse solo questo giustifica tutto. La sedia a rotelle è lo strumento e l oggetto di Missione Roosevelt, il simbolo di tutto ciò che non ci riguarda oggi si fa nostro, la metafora dello svantaggio attraverso la quale conquistare la città. Un esperienza urbanistica, una performance partecipata in cui il pubblico, accomodato su una sedia a rotelle, si trasforma in un piccolo plotone, una gioiosa macchina da guerra. Missione Roosevelt invade la città.

3 Questa è la presentazione che Tony Clifton Circus fa di Missione Roosevelt (in replica anche oggi a Prato, sabato 4 ottobre, alle ore 18,30): una missione segreta (dedicata all uomo che cambio le sorti del mondo a bordo di una sedia a rotelle) che ha come obiettivo quello di stravolgere il punto di vista, di chi partecipa al gioco, di chi si ritrova il centro della città invaso da sedie a rotelle. La missione comprende prove ardue come attraversare un incrocio, scendere da un marciapiede, frenare su una discesa, andare al supermercato a comprare una lattina di aranciata. Tutte missioni che a volte, tutti i giorni diventano impossibili per chi è costretto a spostarsi su una seggiola a rotelle. Tutto diventa difficile, faticoso: un esperienza che andrebbe provata e fatta provare, che non ti lascia un senso di compassione nei confronti di chi questa condizione è costretto a viverla tutti i giorni, ma piuttosto un senso d incazzatura e una frase in testa basterebbe così poco. Basterebbe così poco per rendere a misura di handicap la città. Son cose che sappiamo tutti e troppe volte ci diciamo, ma viverle sulla propria pelle sempre in maniera giocosa e divertente grazie anche alla bravura dei performer di Tony Clifton Circus o anche solo osservarle con attenzione, come ieri hanno fatto decine di pratese, è tutta un altra cosa. E allora andate a provarlo oggi pomeriggio e basta. Adesso smetto perché mi fanno male le mani e le braccia dallo sforzo che ho fatto ieri muovermi con la carrozzina.

4 Missione Roosevelt - Tony Clifton Circus In giro per la città, Prato PaperStreet.it - 03/10/ Manuela Margagliotta Missione Roosevelt è una missione. Certo si potrebbe dire basta leggere il titolo. Ma nel titolo non c'è scritto che è una missione segreta e che sarà portata avanti su una sedia a rotelle per la tranquilla e "sonnolenta" città di Prato. A questo punto si potrebbe chiedere chissà cosa significa Roosevelt! Niente. Roosevelt significa quel che è: il nome di un Presidente americano che per "quarant'anni ha governato il mondo da una carrozzina"; saranno i signori Roosevelt, piuttosto, a svelare il piano - ma qui occorre una precisazione. Per due ore circa, gli "spettatori" si trasformeranno in una ventina di signore o signori Roosevelt platealmente in incognito, ma fra tutti due "Franklin D." si distingueranno in particolar modo: perché hanno ideato Missione Roosevelt, perché saranno gli unici a camminare sui propri piedi e perché vestiranno un iconico abbigliamento da Blues Brothers. Sono i Tony Clifton Circus Nicola Danesi de Luca e Iacopo Fulgi che, in smoking nero e camicia rossa, radunano al Teatro Metastasio il

5 pubblico e forniscono i dettagli del piano. La "giostra Roosevelt", così, esce dalla sala e si "incammina" su due ruote per la città, ma è un rullo compressore in cui gli spettatori diventano agenti, attori, performer, sempre "in missione per conto dei Signori Roosevelt" per citare la celeberrima battuta di Dan Aykroyd e John Belushi. Da principio le sedie a rotelle sono legate l'una all'altra, poi, dopo un po' di pratica e un comodo paio di guanti per le mani, che per i "normalmente abili" già sono doloranti dopo neanche pochi minuti, il percorso verrà affrontato da ognuno singolarmente, ciascuno secondo le proprie capacità: la missione infatti prevede alcune prove. Sennonché, quelle già "naturalmente" offerte dall'architettura urbanistica del centro storico cominciano ben presto ad alimentare un dubbio: per chi è stata pensata la città? Le vie apparentemente livellate svelano pendenze inaspettate e faticose, le radici degli alberi che gonfiano il marciapiede (quando c'è) sono salite improbabili che costringono a tornare indietro e optare per il lato opposto, il tempo che passa tra il verde e il rosso di un semaforo rivela la sua brevità. Solo qualche parola con il Roosevelt occasionale compagno di viaggio e l'ironia mista a ostentata indifferenza dei Tony Clifton Circus che dettano il "passo" di questa marcia-manifesto fanno tornare alla mente che c'è una missione da compiere. Ecco allora che si varcano le porte di un supermercato per comprare qualcosa: una vera e propria invasione di "diversamente disabili" che formano abilmente la coda più lunga (forse) mai vista a una "cassa prioritaria" (dove, per inciso, una signora è già in fila sebbene non ne abbia i requisiti). Con le luci della sera calate sulla città, i Tony Clifton Circus sono costretti a togliersi gli occhiali e Missione Roosevelt volge al termine: a separare i provati signori Roosvelt dalla meta manca ormai solo un ultimo rush finale. Ed è lì che tutti stentano alla dipartita, sebbene la sedia a rotelle non li leghi più, perché occorre parlare di quello che si è vissuto negli appena quattro chilometri lottati lungo due ore in formazione. Un plotone di "spettatori" assai cambiati rispetto alla partenza, grazie alle prove dei due "clown moderni" beffardi ed esaltanti che sono riusciti ad attrarli in una situazione "limite" della mente, del corpo, della città, della società dalle atmosfere surreali. Proprio così e su una sedia a rotelle è stato possibile mettere "le mani sulla città" e toccare il realismo impietoso di cui si è vittime e carnefici. Missione compiuta si spera.

6 Tony Clifton in 'Missione Roosevelt' Krapp's Last Post - 21/09/ Michele Ortore La "Missione Roosevelt" comincia suonando un citofono: non sarà l'inizio più epico che si possa immaginare, con un titolo così, ma del resto chi ha deciso di partecipare all'ultimo lavoro (impossibile chiamarlo spettacolo, e neppure performance, forse semplicemente teatro: forse!) dei Tony Clifton Circus non dovrebbe avere troppe pulsioni militaresche da sfogare. Si va in cerca, piuttosto, di quel sano cinismo e quell'esplosivo gusto per l'esagerazione con cui i Tony sferzano da sempre il loro pubblico. Ma neanche qui, in realtà, sta il segreto dello strano esperimento di questa Missione. L'idea è semplice, evidente, spalancata come certe finestre a cui si ha paura di affacciarsi: agli spettatori vengono affidate poche banali azioni da compiere lungo un tragitto urbano, che nel nostro caso si sviluppa attraversando un breve tunnel, un paio di strade molto trafficate, un supermercato, il ponte di Testaccio, concludendosi poi alla Pelanda del Macro, lo spazio canonico di Short Theatre Che differenza c'è rispetto a tanto teatro itinerante? Quella non sottile che il percorso va portato a termine spostandosi su una carrozzina, provando a condividere concretamente l'esperienza quotidiana di chi, purtroppo, alla carrozzina è costretto ogni giorno. I partecipanti, dunque, usciti dall'appartamento da cui comincia la missione, trovano lungo il marciapiede il "mezzo" che è stato loro assegnato. Bisogna familiarizzare subito con movimenti solo all'apparenza semplici: adeguare la postura, spingere i due corrimani al giusto ritmo, aumentare la velocità se c'è da contrastare la pendenza del suolo.

7 Si scambia qualche battuta coi compagni d'avventura, si scruta incuriositi la reazione dei passanti: non capita tutti i giorni di incontrare una torma di venti carrozzine che, come vedremo, non fa nulla per passare inosservata. I marciapiedi romani sono notoriamente terra ostile per i disabili: quelli di piazzale della Radio confermano la fama funesta, in un sali e scendi di asfalto riottoso, anche quando s'incontrano gli scivoli fatti teoricamente ad hoc per una carrozzina. Le ruote si bloccano facilmente, serve l'aiuto e la spinta di qualcuno. Già qui succedono le prime cose interessanti: vicino al tunnel di stazione Trastevere un signore in auto si ferma per lasciar passare le carrozzine sulle strisce; quando si stupisce per la lunghezza del corteo, apre lo sportello, scende e comincia a spingerle una ad una fino al marciapiede opposto. Per chi si ritrova ad essere soccorso la reazione è ambigua: senz'altro c'è gratitudine, ma anche il senso di colpa di chi, finto disabile, sta approfittando della solidarietà altrui. Un'ambiguità che in fondo ha qualcosa di profondamente vero, e quindi fa benissimo: toglie fin da subito alla "Missione Roosevelt" ogni briciolo di moralismo (se mai il rischio ci fosse stato, conoscendone gli ideatori), rendendo la performance non solo un esperimento sulla reazione urbana al malato, ma soprattutto un'esperienza personale - oseremmo dire esistenziale, se solo non suonasse appunto troppo moralista per il contesto - capace di cambiare a lungo la nostra visione di una realtà così difficilmente riconducibile a noi stessi. Sì, perché la prova corporea, la fatica visibile nelle espressioni di molti, la paura di cadere, il bisogno e allo stesso tempo il senso di colpa per essere aiutati insegnano molto più della complessità di certe estetiche impegnate. In due ore scarse si assesta un duro colpo all'indifferenza con cui spesso (anche solo per pigrizia) ci si difende, perché il corpo ha la memoria lunga, e i nostri occhi faranno più fatica a relegare le braccia sudate di un disabile a mero fondale urbano, essendo state quelle braccia anche le nostre. Il cordone delle carrozzine è costretto a dividersi per guadare uno stradone largo e trafficatissimo. Alcuni vigili si offrono di fermare il traffico, qualche passante aiuta chi ha più difficoltà, un ragazzino continua imperterrito la sua camminata veloce. Gli adepti di Roosvelt arrivano alle porte automatiche di un supermercato, dove ognuno di loro - come da protocollo - ha qualcosa di preciso da comprare. Alla cassa si forma una coda lunghissima di ruote: sembra un risciò fuori misura. Fuori dal supermercato accadono due di quelle coincidenze significative che, se fossimo joyciani, varrebbe la pena di chiamare epifanie. Vicino all'ingresso, una vecchietta dallo sguardo di vetro osserva il vuoto, attaccata al respiratore e stretta anche lei ad una carrozzina: rimane da sola tutto il tempo, senza un movimento, un cenno, senza che in almeno venti minuti chiunque l'abbia parcheggiata lì si faccia vivo. Nel frattempo Mr e Mrs Roosvelt (Diane Bonnot e Iacopo Fulgi), che accompagnano il grupo per tutto il percorso, incitandolo e ricordando gli obiettivi, cominciano a cantare un motivetto improvvisato, facendosi lasciare una mancia dalle varie carrozzine. Il tempo di distogliere lo sguardo dalla vecchietta e incrocio quello di una mendicante, occhi azzurri vispissimi di chi conosce il mondo: seduta per terra, il palmo vuoto di spiccioli, indica con un gesto della testa Mr e Mrs Roosvelt e mima la loro musichetta battendo le nocche su un bidone, facendo una smorfia sardonica come per dirmi «lo so fare anch'io, se voglio, sono dei buffoni!».

8 Due modeste epifanie, giusto per dimostrare quanto sia dura aprirsi davvero all'altro da sé, svincolandosi dalle contraddizioni, perfino quando la grammatica è quella tutt'altro che pacificante dei Tony Clifton Circus. Il viaggio sgangherato continua in salita, verso il ponte di Testaccio, dove quella della cordata di carrozzine smette di essere una metafora: i partecipanti legano l'uno all'altro i telai, sono costretti a stabilire un ritmo comune nelle spinte, per riuscire ad affrontare senza sbilanciarsi una pendenza lieve solo per chi è abituato ad affrontarla a piedi o in auto. Superato il ponte, si distribuiscono lungo un curvone e, alzando delle lettere a comporre un messaggio, diventano il miglior segnale stradale vivente: un ammonimento molto esplicito sulle conseguenze di una curva presa con troppa velocità. Il Macro ora è vicino: per completare la "Missione Roosvelt" manca soltanto la gincana finale; si possono riposare i bicipiti e divertirsi a far scoppiare palloncini con le ruote, senza in realtà nemmeno rilassarsi troppo, visto che al microfono uno dei Tony avverte della presenza di (pseudo) letame esplosivo, il cui slalom è davvero l'ultimo ostacolo da superare. Ci si rialza dalla carrozzina e la vivacità dei polpacci sembra più piacevole che mai. Chissà se la "Missione Roosevelt" è davvero riuscita; chissà quanto arriva in profondità questa punta grama di risentimento per la facilità con cui - senza motivo - a noi è dato scegliere che vita vivere e ad altri no; chissà per quanto il nostro sguardo sui disabili sarà davvero meno indifferente. Eppure soltanto in questo chissà, nella forbice del dubbio che resta aperta senza alcun conforto, il teatro può essere davvero sé stesso. Ai Tony Clifton Circus il merito di avercelo ricordato con mezzi semplici: è con mezzi semplici, d'altronde, che ci si dovrebbe "allenare" all'inclusione piuttosto che all'esclusione dell'altro, ogni giorno, senza smettere di domandarsi se la missione stia avendo successo oppure no.

9 Missione Roosevelt: la performance "scorretta" di Tony Clifton Circus MyWord.it - 19/09/ Graziano Graziani L'odissea quotidiana di tanti disabili alle prese con le barriere architettoniche, diventano occasione per una pazza performance per le vie di Roma. Tony Clifton Circus allestisce una missione impossibile. La allestisce e non la mette in scena, perché siamo noi, il pubblico, un gruppo di novelli agenti segreti, a doverla compiere. Il signor e la signora Roosevelt siamo noi, privati della nostre identità e dei nostri documenti; ma lo sono anche i due performer in abiti rossi e occhiali scuri (Diane Bonnot e Iacopo Fulgi) che ci forniscono le istruzioni per la missione. Quale? Attraversare un incrocio pericoloso come Piazzale della Radio a Roma a bordo di una sedia a rotelle, andare al supermercato a comprare una bibita e poi dirigersi verso il teatro dove si svolge il festival. Insomma, un azione quotidiana che richiederebbe dieci minuti in tutto, ma che in carrozzina diventa un avventura di quasi due ore: barriere architettoniche, sanpietrini, scalini, corridoi troppo stretti. Anche se immersi in un atmosfera allegra e clownesca (si faranno trenini, corse a ostacoli addobbati coi palloncini, e si gioca un po con le persone per la strada che ci credono davvero disabili) la fatica che si fa per compiere il percorso ci trasporta di colpo in una realtà diversa. Tutto diventa più difficile, com è quotidianamente per chi è disabile. Una cosa che sappiamo, ma viverla è davvero un altra cosa. Sarà per questo che, quando si parla di barriere architettoniche, ci si indigna con facilità ma con altrettanta facilità ci si dimentica di colpo.

10 Giovani critici / Short theatre 8 - Missione Roosvelt un progetto di Tony Clifton Circus con Diane Bonnot e Iacopo Fulgi Roma Repubblica - 15/09/ Alice Gussoni Uscire dai propri schemi, esplorare nuovi orizzonti, cambiare punto di vista, provare a guardare dal basso in su: questo e altro può essere il teatro, questo sicuramente sembra affermare con forza un gruppo come il Tony Clifton Circus. Nessun palcoscenico né uno spazio privilegiato, quel cerchio magico entro cui ciò che accade si distingue nettamente da ciò che rimane in quella zona di sicurezza occupata dal pubblico. Nessun attore, solo qualche comparsa, nessuno spettacolo ma solo il canovaccio di una fantomatica Missione Roosvelt, titolo di questa strana avventura a cui gli spettatori sono invitati a partecipare accettando di seguire regole non scritte, per vivere due ore fuori da quello spazio addomesticato della zona sicura Ma quale sia esattamente lo scopo di mettere le persone in condizione di forte disagio, facendogli percorrere 2 Km di strada urbana su una sedia a rotelle, riguarda solamente la coscienza intima di ognuno. Per questo motivo ritengo di poter raccontare questa esperienza solo in prima persona, perché la mia è stata una performance personale, in cui ho dovuto confrontarmi con preconcetti, riflessioni e capacità di adattamento, che ognuno sviluppa in modo autonomo. Se alcuni sono stati coinvolti come si fosse trattato di una gara sportiva, altri hanno cercato di creare una rete di mutuo soccorso. Senza dilungarsi sulla critica sferzante per le condizioni in cui versano i marciapiedi di Roma, forse il fatto più interessante possono essere considerati gli interventi degli ignari passanti, che nonostante l handicap che mostravamo fosse palesemente incredibile, hanno comunque cercato di dare una mano, spingendo dove le barriere architettoniche rendevano impossibile il passaggio, sorridendo e prestando il loro supporto morale. E a costo di sembrare retorica aggiungerei che a intervenire con maggiore slancio sono stati proprio alcuni immigrati arabi che gravitano intorno ai fast food di Piazzale della Radio e Viale Marconi, coinvolti in modo quasi gioioso, come se fosse nell ordine naturale delle cose aiutare chi si trova in stato di bisogno. E gli anziani, forse perché consapevoli della fatica che stavamo compiendo. Lo sforzo fisico è stato grande, ma quello che ho provato alla fine è indescrivibile, vicino forse a uno stato d innamoramento, e non per il semplice fatto di poter camminare di nuovo, quanto piuttosto per la consapevolezza di aver condiviso qualcosa di profondo con perfetti estranei. Non saprei dire se sia davvero uno spettacolo quello dei Tony Clifton Circus, ma del teatro conserva la forza eversiva, e la capacità di farsi ricordare a lungo.

11

12

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Primo Pilastro del Biker Vincente Domina ogni terreno con lo sguardo Qual è secondo te la differenza tra un biker vincente, (quelli che ti superano

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Come arrivare all Area51 A cura di Left 3ye

Come arrivare all Area51 A cura di Left 3ye Come arrivare all Area51 A cura di Left 3ye Indice: Per chi scende alla stazione di Firenze Rifredi Per chi scende alla stazione Campo di Marte Per chi scende alla stazione di Santa Maria Novella Per chi

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La prima mezza maratona

La prima mezza maratona Allenamento/ passo successivo La prima mezza maratona A cura della redazione Foto: Michele Tusino Siete ormai in grado di correre per un ora. E adesso? Quanti chilometri riuscite a percorrere in questi

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

Inchiostro in libertà

Inchiostro in libertà Autopubblicati Inchiostro in libertà di Roberto Monti Ci sono parole nascoste in noi, elementi celati negli angoli invisibili dell anima. Fondamenta per la logica umana Abbiamo tutti il diritto ai nostri

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Il bambino, il suo sviluppo e la lettura Queste brevi indicazioni ti possono servire a seguire e comprendere lo sviluppo del tuo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Un viaggio veramente speciale La nostra amica Muu Muu, decide di andare in vacanza con i suoi amici, Quatto

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

Eccoci... La partenza...

Eccoci... La partenza... Eccoci... Noi siamo due ragazzi che vogliono esplorare tutti i tipi di natura... dopo lunghi anni di ricerca siamo riusciti ad esplorarla tutta quanta e vi abbiamo portato un riassunto del nostro viaggio...

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

UN LAB-ORATORIO TEATRALE

UN LAB-ORATORIO TEATRALE UN LAB-ORATORIO TEATRALE IL GIALLO DELLA ZIZZANIA Dalla parabola al campo dell oratorio Come trasformare la parabola del buon grano e della zizzania l Icona evangelica di «A TUTTO CAMPO» in una parabola

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

HOLTER MONITOR. Illustrazione di Matteo Pericoli 2002

HOLTER MONITOR. Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 HOLTER MONITOR Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Che strano apparecchio, mi sembrava un lettore di cd, ma vedo che ha dei fili che finiscono sotto la tua maglietta... A che cosa servono? Lei.

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

LA NOSTRA SCUOLA. Sceneggiatura. Dall apertura della vetrata vediamo la mano di prima porgere un foglio, un altra mano firmarlo.

LA NOSTRA SCUOLA. Sceneggiatura. Dall apertura della vetrata vediamo la mano di prima porgere un foglio, un altra mano firmarlo. LA NOSTRA SCUOLA Sceneggiatura SCENA PRIMA: A SCUOLA! Immagine in primo piano di una mano che sta aprendo il lucchetto della catena appesa al cancello d entrata principale dell Istituto. La mano gira la

Dettagli

Concorso per i migliori elaborati sulla disabilità

Concorso per i migliori elaborati sulla disabilità INSTABILITÀ Un elemento stabile comunemente fermo come la sedia compie l'azione di salire le scale. La sedia in primo piano quasi osserva tristemente la scena contemplando la sua diversità. Istituto Statale

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli