IPOTESI DI RIASSETTO DELLA VITIVINICOLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPOTESI DI RIASSETTO DELLA VITIVINICOLTURA"

Transcript

1 IPOTESI DI RIASSETTO DELLA VITIVINICOLTURA COOPERATIVA TRENTINA PREMESSE VIGNETO TRENTINO STRUTTURE ESISTENTI PROPOSTA DI NUOVO ASSETTO SITUAZIONE VITIVINICOLA GENERALE DATI DI ESPORTAZIONE NEL 2009 TRENTO, 3 MAGGIO

2 PREMESSE 1. Come conclusione della disamina sulla situazione vitivinicola generale, si può affermare che le difficoltà per il nostro settore hanno assunto un carattere strutturale di medio periodo. 2. In questo contesto la vitivinicoltura trentina sta perdendo la propria capacità di generare valore aggiunto di cui ha fruito negli ultimi 15 anni e si trova oggi in diretta competizione con altre Regioni vitivinicole in Italia e nel mondo, con l inevitabile perdita di valore medio delle uve prodotte. 3. La presenza prevalente di vitigni internazionali in Trentino, da un lato assicura espansione di mercato, dall altro rende inevitabile la necessità di competizione. 4. RCA Consulting mette chiaramente in evidenza come in alcune realtà della cooperazione i tentativi di crescita abbiano portato ad uno sviluppo inefficiente sotto il profilo economico e squilibrato sotto il profilo finanziario. 5. RCA Consulting pone elementi di preoccupazione nello squilibrio finanziario del sistema cooperativo trentino, che in molti casi pregiudica anche l equilibrio economico, aggravando la prevedibile diminuzione del valore delle uve nei prossimi anni. 6. Il sistema cooperativo vitivinicolo trentino contiene nel suo insieme importanti possibilità di miglioramento della gestione corrente e della situazione patrimoniale, tali da risolvere le necessità di reddito e di riduzione dell indebitamento. 7. In pieno accordo con le conclusioni di RCA Consulting, si ritiene necessaria la condivisione solidale delle azioni da intraprendere e ricercare il massimo effetto complessivo del sistema cooperativo e non della singola cooperativa. 2

3 VIGNETO TRENTINO Di solito il vino è figlio del territorio. In Trentino, rovesciando il consueto rapporto, il territorio è figlio del vino, il vigneto sovrasta il terreno dandogli forma e figura di paesaggio. In altre parole il vigneto trentino va difeso a tutti i costi e con esso tutto il tessuto sociale che lo coltiva. In Trentino in prevalenza è viticoltura di montagna, di grande qualità, con un costo di produzione delle uve elevato. Una buona prevalenza del vino trentino imbottigliato e commercializzato è posizionato nella fascia media con un prezzo finale che non remunera i maggiori costi di produzione. Il 40% delle quantità di vino rivendicato DOC TRENTINO viene Declassato a IGT con spreco di costi e perdita di valore. E evidente l urgenza di trovare più corrispondenza di qualità, costo, prezzo, fra uve prodotte e vino commercializzato. E obiettivo condivisibile che le grandi aziende imbottigliatrici CAVIT NOSIO - CONCILIO siano impegnate a sviluppare il proprio Marchio, sviluppare le quantità nel segmento di mercato in cui sono posizionate, con la necessità di mantenere i costi in relazione al prezzo di vendita, acquistando, se necessario, vino a costo inferiore, fuori Regione e creando, in qualche caso, eccedenze nelle cantine trentine. Nel breve periodo si possono eliminare sprechi e trovare risorse con un migliore coordinamento fra qualità prodotta e qualità venduta. 3

4 Nel medio periodo serve un maggiore sforzo delle aziende trentine per vendere prodotti posizionati nel segmento più alto del mercato, ma sicuramente è necessaria una nuova progettualità commerciale, in grado di valorizzare e remunerare la Viticoltura costosa di montagna. Le normative ai disciplinari di produzione delle DOC Trentine sono aggiornate, flessibili, con possibilità sempre di scelte vendemmiali in vigneto e in cantina, in grado di soddisfare il variare delle esigenze commerciali. 4

5 STRUTTURE COOPERATIVE ATTUALI 10 Cantine Sociali consorziate in CAVIT. Cantina Sociale Trento (Socio Cavit) con il controllo di CONCILIO SpA. La Vis con il controllo di CASA GIRELLI CESARINI SFORZA ETHICA. MEZZACORONA con il controllo di NOSIO. CRITICITÀ: Assenza di dialogo e di sinergie. Dannosa competizione fra i gruppi. Incapacità di gestire eccedenze e orientare la produzione. Cantine Socie di CAVIT, senza garanzia di conferimento, senza concrete iniziative commerciali autonome. Investimenti sbagliati o inutili se considerati in ottica complessiva. Costi di gestione fuori controllo e non ottimizzabili. Affiancano le strutture cooperative il gruppo di vignaioli (circa 80 produttori imbottigliatori) e di imbottigliatori/privati. Nonostante la quantità percentualmente ridotta commercializzata dai vignaioli, è rilevante il loro ruolo nella costituzione di valore (prestigio ed immagine) per il vino trentino. E utile che questo ruolo sia rispettato e reso sinergico. 5

6 PROPOSTA DI NUOVO ASSETTO 1. I produttori trentini messi al centro del sistema economico, uniti in un nuovo organismo centrale (Istituto del Vino Trentino o altro) con rappresentatività in proporzione agli ettari di vigneto. Avrà lo scopo di sviluppare e difendere l attività tecnica ed economica dei Soci ed avere potere di: - coordinamento produttivo; - gestione delle produzioni/eccedenze; - proposta di aggiornamento normativo; - rapporto con gli Enti Pubblici; - orientamenti degli investimenti promo-pubblicitari. Potranno aderire, senza diritto di volto, i rappresentanti degli organismi di comparto esistenti. E essenziale che il Presidente sia persona di provata competenza e professionalità. 2. CAVIT diventa Società per Azioni, attraverso un percorso societario tale da far emergere importanti plusvalenze nelle Cantine Socie. Queste avranno la possibilità di vendere quote CAVIT, fino ad un massimo del 49% a terzi o Enti provinciali o di scambiare quote fra Cantine. I rapporti fra CAVIT e CANTINE SOCIE saranno regolati da PATTI PARASOCIALI e REGOLAMENTI VINCOLANTI. CAVIT, liberata da molti obblighi nei confronti delle Cantine socie, dovrà produrre utili da distribuire. 3. LA.VIS dovrà attuare il piano proposto e cedere tutte le società controllate per riequilibrare la situazione finanziaria. 6

7 LAVIS dovrà essere aiutata nelle dismissioni dal sistema cooperativo e dall Amministrazione Provinciale per ottenere nel contempo un rafforzamento complessivo provinciale. CAVIT potrà trovare interesse ed aggiungere sviluppo nelle attività di Casa Girelli e Cesarini Sforza. Mezzacorona potrà trovare sinergie industriali e di dimensione con il settore frutticolo di LA.VIS. Enti pubblici provinciali potranno rilevare gli immobili liberati per essere valorizzati da destinazioni urbanistiche diverse. E fondamentale condividere e rispettare i ruoli e la finalità solidale di questa proposta. LA.VIS potrà ritornare al ruolo ante 2005, per la valorizzazione della qualità della propria base sociale e potrà tornare, dopo un certo periodo, ad essere parte importante del nuovo progetto delle Cantine Socie di CAVIT. 4. Cantina Sociale di TRENTO: si ritiene molto difficile o improbabile realizzare uno sviluppo importante di CONCILIO, appiattita su posizionamenti simili a quelli di CAVIT e di NOSIO e con maggiori vincoli strutturali e finanziari. Sarà preferibile puntare sulle produzioni di qualità di Le Meridiane (meglio Cantina Sociale di Trento) con uso tattico della distribuzione di CONCILIO e restando all interno del nuovo progetto Cantine Socie di CAVIT. 5. Mezzacorona con NOSIO potrà proseguire nello sviluppo programmato,secondo il modello in atto. Potrà e dovrà partecipare attivamente per una migliore gestione e valorizzazione della produzione trentina, in forma condivisa. 7

8 6. Le Cantine Socie di CAVIT potranno fruire delle importanti plusvalenze derivate dal passaggio a Spa di CAVIT, potranno vendereparte di minoranza delle quote, trovando soluzione alle posizioni debitorie. Devono essere impegnate ad un processo di razionalizzazione, diminuzione di costi, oggi molto al di sopra delle medie nazionali. Questo potrà avvenire con la fusione delle Strutture produttive fra RIVA e TOBLINO e fra VIVALLIS NOMI e ALDENO e, forse, ISERA con MORI. E decisamente consigliabile la fusione societaria rispetto ad altre formule miste possibili. Le cantine risanate dal punto di vista finanziario e riorganizzate secondo criteri di efficienza, devono avviare la valorizzazione delle qualità specifiche delle zone migliori con i propri marchi. La realizzazione di quanto sopra potrà avvenire tramite una nuova Società, più o meno vicina a CAVIT, con lo scopo di fornire servizi o commercializzare le produzioni delle singole Cantine o con aggregazioni fra le Cantine più simili fra loro. 8

9 SITUAZIONE GENERALE DEL SETTORE VITIVINICOLO Nel corso del 2009 si sono manifestati gli effetti devastanti della crisi sull economia reale: il commercio mondiale è calato dell 11%; in Italia ed il PIL ha perso il 5%; la produzione industriale è tornata a livelli di 10 anni fa; il tasso di disoccupazione ha raggiunto l 8%; la redditività delle imprese è al minimo storico, con conseguente aumento di fabbisogno finanziario; le banche sono impegnati a ricostruire i propri coefficienti patrimoniali ed hanno ridotto le concessioni di credito; è crollata quasi interamente la domanda di investimenti ed in parte minore sono diminuiti i consumi. La crisi reale è conseguenza della crisi finanziaria, del sistema finanziario che avrebbe dovuto gestire i rischi ed invece ne ha creati di nuovi e sconosciuti ed ha preferito giocare con la finanza anziché sostenere gli impieghi produttivi, il lavoro, le idee delle persone. Possiamo subito riaffermare la validità del modello cooperativo, finalizzato alla costruzione di patrimoni intergenerazionali, che sono all opposto della logica di ricerca di profitto a breve termine che ci ha precipitati in questa situazione. L agricoltura paga un prezzo pesantissimo alla crisi e quasi sempre lo paga il produttore, se non è integrato in sistemi di filiera. I consumi dei prodotti agroalimentari tengono, o diminuiscono poco, ma i prezzi di cessione alla distribuzione e all esportazione sono calati in maniera rilevante; quasi tutte le filiere agricole sono in perdita. 9

10 Evidentemente la crisi ha fatto esplodere i mali strutturali dei settori agricoli, ha messo in risalto le disfunzioni della filiera, l impostazione culturale degli operatori; se è così, la crisi passerà e l agricoltura continuerà a soffrire. Il settore vitivinicolo evidenzia ancora oggi mercati stanchi, prezzi in flessione e pessimismo degli operatori, forse un po mitigato con il Vinitaly appena conclusosi. Dobbiamo però ricordare che gli ultimi 15 anni da un punto di vista storico sono stati completamente anomali: consumi di vini di qualità in costante aumento; prezzi quasi ogni anno in aumento; ciclo delle scorte positivo, tutti hanno comperato più di quanto hanno consumato; investimenti importanti in vigna ed in cantina; aumento di valore dei terreni vitati. Oggi il cambio di passo ci sembra fortissimo, ma nessuno pensa ai vantaggi esagerati di prima, sicuramente in molte zone fra cui il Trentino. Il quadro della situazione a fine 2009 evidenzia: il prezzo medio del vino all origine è diminuito mediamente del 18% sull annata precedente: -21% per vini non doc -14% per vini doc/igt (fonte Ismea) mercato del vino sfuso fermo, senza interesse. Si compra svogliatamente modesti quantitativi destinati al fabbisogno di breve termine. Indicatore del mercato all origine di BARI dove oggi ci compra a 1,65/1,75 /ettogrado!! = uva 10 centesimi al kg!! Prezzo del vino imbottigliato in costante diminuzione. Il prezzo medio del vino esportato nel 2009 è calato del 13,3% rispetto al Si esportano decine di milioni di bottiglie di vino a 60/70 centesimi l una, anche di vini doc, questo significa: 10

11 filiera fortemente negativa, uva pagata abbondantemente sotto il costo di produzione, margini nulli per l imbottigliatore/esportatore; una forte e grave perdita di valore del comparto, perdita di immagine e prestigio costruito a fatica negli ultimi anni; rendere banale un prodotto che di per sé non è banale, anzi è portatore di valore esigenza edonistica stile di vita; perdita di importanza delle denominazioni. Un Chianti a 0,90 vuol dire che il Chianti non vale unulla; un Brunello a 3 / 4 euro è la distruzione di un mito. Ancor peggio se a praticare prezzi impossibili delle bottiglie sono cantine sociali che essendo azienda di filiera serie, posizionano chiaramente il vino al prezzo da loro praticato. Vengono indicati i soliti motivi: maggiori giacenze; aumento della produzione complessiva; riduzione dell export; riduzione dei consumi interni; l incertezza legata al mutato scenario normativo comunitario con l entrata in vigore della nuova OCM che toglie gli aiuti alla produzione (stoccaggio distillazione arricchimento) ed introduce nuove norme sulle designazioni (d.o.p. i.g.p. vitigni senza indicazione dell origine). In verità le cose non stanno proprio così, le esportazioni globalmente tengono, il consumo mondiale di vino è pressoché costante. Il prospetto che segue dimostra chiaramente che il vino italiano nel canale moderno di Italia, Germania, Inghilterra e Stati Uniti ha segnato una sostanziale tenuta. Ma la cosa 11

12 strana è che mentre i produttori si devono confrontare con la continua e preoccupante perdita di valore, il prezzo medio sugli scaffali è aumentato. A dimostrazione che le scelte miopi di molti produttori che pensano di battere la concorrenza con il prezzo non arrivano al consumatore. Totale Mercato Vino Confezionato - Totale Italia Iper+super+LSP ITALIA Vendite in Volume Var. % Vol. Vendite in Valore Var. % Val. Prezzo Medio Euro/litro Var. % Prezzo ANNO , ,5 2,45 2,4 GERMANIA Vendite in Volume GDO + DM incl ALDI e discounts Totale Vino Italiano Var. % Vol. Vendite in Valore Var. % Val. Prezzo Medio Euro/litro Var. % Prezzo ANNO , ,4 2,39 4,0 UK Vendite in Volume Totale Vino Italiano Var. % Vol. Vendite in Valore (sterline) Var. % Val. Prezzo Medio sterline/litro Var. % Prezzo ANNO , ,4 5,47 5,1 Totale Vino Italiano USA Vendite in Volume Var. % Vol. Vendite in Valore $ Var. % Val. TOTAL U.S. FOOD + TOTAL COMBINED SCANTRACK LIQUOR - WINE Prezzo Medio $/litro Var. % Prezzo ANNO ,5% ,1% 10,82 1,4% Il consumo di vino è in diminuzione nel fuori casa, i vini più costosi in tutto il mondo hanno riscontrato un consistente rallentamento. Il vino ha perso il sostegno della classe medica, demonizzato per l alcolismo giovanile, i controlli per la giuda in stato di ebbrezza, ma globalmente i fattori negativi non 12

13 giustificano un calo così forte delle quotazioni. I mercati e la crisi che li ha coinvolti non sono la causa diretta di reazioni così negative. Il comportamento confuso dei produttori, la mancanza culturale degli stessi verso il mercato e l internazionalizzazione hanno causato danni irreparabili. Credo che il mercato del vino abbia subito profonde evoluzioni, tali da ridisegnare lo scenario competitivo in cui le aziende devono operare. E cambiata la configurazione geografica della produzione di vino: si riduce il peso dell Europa (Vecchio Produttore) ed emergono Nuovi Paesi. E quasi raddoppiato il commercio mondiale, gli scambi di vino fra Regioni, Paesi, Continenti. Il mercato è globale, il nostro riferimento non è il Trentino, ma la California che produce più Pinot Grigio di noi. E cambiata la domanda. L evoluzione qualitativa del consumatore è cresciuta, la capacità di scelta, la volontà di confrontare, la volontà di comprare vini migliori al prezzo più conveniente. E cresciuta la domanda di qualità in termini assoluti ed in termini di valore / rapporto qualità/prezzo. Aumenta costantemente il potere della distribuzione (sempre più concentrata) contro un offerta sempre più frammentata e disordinata, con produttori piccoli e spesso culturalmente impreparati a dialogare con sistemi distributivi evoluti. Il quadro normativo in evoluzione con palese contrasto fra chi chiede continuità di rigore e controlli nella produzione e chi invoca più libertà, l eliminazione di vincoli e norme per essere più attuali con il mercato ed alla pari con i produttori del Nuovo Mondo. E cresciuta e cambiata la competizione anche per il vino di qualità. Sta crescendo l importanza della marca a vantaggio delle imprese più grandi perché in grado di sviluppare politiche di marca mentre le aziende più piccole sentono l esigenza di rafforzare i marchi collettivi, le denominazioni. 13

14 E cambiata la disciplina delle designazioni dei vini in etichetta. Per tutti questi cambiamenti significativi le imprese del settore dovranno pensare a nuove strategie e nuove forme di competitività. Anzitutto è evidente il vantaggio delle aziende di filiera che possono sommare i margini delle singole fasi. E evidente il ruolo strategico emergente della cooperazione, quella giusta, efficiente, manageriale, che può portare a sviluppo per via interna ed esterna, che può rappresentare un punto di coesione e compattezza in un sistema frammentato di aziende litigiose, senza capacità gestionali e senza etica nel comportamento. Oggi il concetto di etica ha assunto un ruolo sempre più importante nella qualificazione delle produzioni nelle relazioni con il consumatore ed i canali distributivi. Oggi il codice etico, oltre a tutelare i consumatori, garantisce la concorrenza leale tra i produttori ed in questa direzione l etica produttiva influisce sulla fissazione dei prezzi che devono tenere presente, oltre ai costi di garanzie e di qualità del prodotto, anche la sostenibilità ambientale, sociale ed economica. La cooperazione è dunque in primissimo piano. Gli ultimi anni sono stati caratterizzati anche da importanti cambiamenti nella distribuzione e nella ripartizione dei flussi fra i diversi canali. Il forte aumento degli scambi di vino in ambito nazionale ed internazionale ha stimolato la nascita di nuovi assetti organizzativi di raccordo tra la produzione e la distribuzione. I produttori di vino raramente hanno avuto una partecipazione attiva, spesso hanno subito. Anche la distribuzione al dettaglio specializzato (enoteche) è stata sottoposta ad una pressione evolutiva per trovare risposte alla concorrenza della Distribuzione Moderna. All estero sono nati nuovi soggetti che gestiscono catene di enoteche, catene di ristoranti, con volumi di acquisto molto rilevanti e procedure di acquisto accurate che richiedono ai fornitori maggiore professionalità e capcità. 14

15 In conclusione, per la costruzione di valore, e quindi per essere competitivi, i produttori di vino devono essere molto più innovativi nell organizzazione della produzione, della distribuzione e della promozione. In altre parole la soluzione della crisi per il vino non passa tanto dal mercato, quanto da nuove capacità degli operatori per far evolvere le strutture aziendali. Anche in questo caso la cooperazione dispone di maggiori opportunità. LA NUOVA OCM VINO Le esigenze cui una nuova politica comunitaria del vino dovrebbe dare risposta si possono condensare nel consentire e favorire il recupero di competitività del sistema di produzione europea. In pratica lo sforzo finanziario comunitario, tende a perdere forza nel sostegno del mercato, per puntare sullo sviluppo di misure di ristrutturazione e di consolidamento del comparto, favorendo l ammodernamento della filiera. Sono incluse importanti misure per la promozione commerciale per i Consorzi, per le aziende. Certamente le imprese e le organizzazioni del comparto vitivinicolo dovranno sforzarsi per cogliere tutte le opportunità che le nuove politiche comunitarie possono offrire. Si potrà fare questo riuscendo ad accelerare il motore della creatività, dell innovazione, dell integrazione funzionale tra imprese e realizzare la razionalizzazione delle strutture di trasformazione e commercializzazione. 15

16 Milionidi Euro ANDAMENTO DELLE ESPORTAZIONI DEL VINO ITALIANO NEL 2009 Il dato complessivo del 2009 mostra una netta flessione dei valori che passano da a milioni di pari ad una contrazione del 6,1% rispetto al 2008; i volumi mostrano un opposta vivacità variando da 18,5 a 19,7 milioni di ettolitri + 6,2% rispetto al EXPORT VINO ITALIANO IN VALORE GENNAIO/DICEMBRE * 2007 Dic Dic Dic. Var Val 08/09 TOTALE VALORE ,1% TOTALE VOLUME ,2% PREZZO MEDIO 1,83 1,98 1,75-11,6% *Dati in milioni di, migliaia di ettolitri e VMU /litro Fonte Assoenologi (EVI Esportazione Vino Italiano by Assoenologi) La domanda per il vino italiano è ancora sostenuta ma i valori medi unitari risultano essere schiacciati verso il basso, erodendo sempre più la sostenibilità finanziaria delle imprese del settore. I valori medi passano da 1,98 a 1,75/litro con una flessione del - 11,6%. EXPORT VINO ITALIANO IN VALORE VOLUME PER MESI GENNAIO DICEMBRE gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Valore Volume Grafico n. 1 Fonte Assoenologi (EVI Esportazione Vino Italiano by Assoenologi) 16

17 EXPORT VINO ITALIANO VALORE PRINCIPALI AREE GENNAIO DICEMBRE * 2007 Dic Dic Dic. Var Val 08/09 UNIONE EUROPEA ,0% ALTRI PAESI EUROPEI ,0% NORD AFRICA 0, ,2% ALTRI PAESI AFRICANI ,6% NORD AMERICA ,7% SUD AMERICA ,4% MEDIO ORIENTE ,5% ASIA CENTRALE ,2% ASIA ,0% OCEANIA ,0% MONDO ,1% Milioni di Fonte Assoenologi (EVI Esportazione Vino Italiano by Assoenologi) EXPORT VINO ITALIANO VOLUME PRINCIPALI AREE GENNAIO DICEMBRE * 2007 Dic Dic Dic. Var Vol 08/09 UNIONE EUROPEA ,7% ALTRI PAESI EUROPEI ,4% NORD AFRICA ,4% ALTRI PAESI AFRICANI ,5% NORD AMERICA ,3% SUD AMERICA ,0% MEDIO ORIENTE ,0% ASIA CENTRALE ,2% ASIA ,6% OCEANIA ,6% MONDO ,2% *Migliaia di ettolitri Fonte Assoenologi (EVI Esportazione Vino Italiano by Assoenologi) EXPORT VINO ITALIANO VALORE MERCATI PRINCIPALI GEN. / DIC * 2007 Dic Dic Dic. Var Val 08/09 Germania ,1% Regno Unito ,4% Paesi Bassi ,9% Francia ,6% Austria ,2% Danimarca ,3% Svezia ,2% Svizzera ,2% Stati Uniti ,0% Canada ,4% Giappone ,9% Milioni di Fonte Assoenologi (EVI Esportazione Vino Italiano by Assoenologi) 17

18 EXPORT VINO ITALIANO VOLUME MERCATI PRINCIPALI GEN. / DIC * 2007 Dic Dic Dic. Var Val 08/09 Germania ,7% Regno Unito ,2% Paesi Bassi ,3% Francia ,2% Austria ,0% Danimarca ,7% Svezia ,3% Svizzera ,5% Stati Uniti ,7% Canada ,5% Giappone ,1% *Migliaia di ettolitri Fonte Assoenologi (EVI Esportazione Vino Italiano by Assoenologi) 18

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Roberto Pinton Segretario della Sezione Soci Produttori e Trasformatori FederBio La genesi del regolamento è stata abbastanza sofferta.

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive

Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Organizzazioni di produttori di ortofrutticoli nell UE: situazione e prospettive Il settore ortofrutticolo riveste un importanza

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11 La sfida alle indicazioni geografiche Contributo n 38 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli