MALAYSIA INVESTIMENTI NEL SETTORE MANIFATTURIERO. Politiche, Incentivi e Agevolazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALAYSIA INVESTIMENTI NEL SETTORE MANIFATTURIERO. Politiche, Incentivi e Agevolazioni"

Transcript

1 MALAYSIA INVESTIMENTI NEL SETTORE MANIFATTURIERO Politiche, Incentivi e Agevolazioni

2 NOTIZIE SULLA MALESIA AREA TOTALE 330 kilometri quadrati ( Miglia quadate) STRUTTURA POLITICA Federazione di 13 Stati SISTEMA DI GOVERNO Democrazia Parlamentare con Monarchia Costituzionale Vancouver San Jose Los Angeles Chicago Boston New York CAPITALE FEDERALE Kuala Lumpur CENTRO AMMINISTRATIVO Putrajaya POPOLAZIONE 27,73 milioni PRINCIPALLI GRUPPI ETNICI Malesi, Cinesi, Indiani, Kadazans, Ibans LINGUE PRINCIPALI Malese (lingua ufficiale), Inglese, Mandarino, Tamil RELIGIONI PRINCIPALI Islamismo, Buddismo, Cristianesimo, Induismo Buenos Aires ORARIO GMT +8 ore US Tempo Standard Orientale +13 ore CLIMA Tropicale caldo e soleggiato tutto l anno. Le temperature giornaliere variano da 33 C (90 F) a mezzogiorno fino a 22 C (70 F) durante la notte. VALUTA Ringgit Malaysia (RM) diviso in 100 centesimi TASSO DI CAMBIO Il tasso di cambio del Ringgit opera in regime di fluttuazione controllata nei confronti del paniere-monetario delle valute. Rinuncia Nessuna parte di questo libro puo essere riprodotta, salvata in un sistema di recupero in nessuna forma e per nessun motivo, incluso l elettronica, la fotocopiatura, registrazione o altro senza aver ottenuto, anticipatamente Il permesso scritto dal MIDA Gennaio 2009 Per ulteriori aggiornamenti si prega di visitare il sito web del MIDA MIDA ha fatto tutto il possibile affinche tutte le informazioni siano aggiornate e corrette al momento di andare in stampa. Noi non ci assumiamo Nessuna responsabilita per nessuna informazione non corretta o per omissioni pubblicate in questo libro-guida. MIDA - All right reserved

3 Stockholm London Paris Amsterdam Cologne Frankfurt Vienna Zurich Milan Rome Cairo Istanbul Dubai Karachi New Delhi Beijing Guangzhou Seoul Shanghai Taipei Osaka Tokyo Mumbai Yangon Bangkok Hongkong Vientiane Phnom Manila Penh H.C. Minh City MALAYSIA Kuala Lumpur Singapore B.S.Begawan Jakarta Cape Town Sydney Auckland PERLIS KEDAH PENANG PERAK KELANTAN M A L A Y S I A SABAH TERENGGANU PAHANG SELANGOR Kuala Lumpur NEGERI SEMBILAN MALACCA JOHORE SARAWAK IL POSIZIONAMENTO La Malesia e situata poco al di sopra dell Equatore, proprio nel cuore del Sud Est Asiatico. La penisola Malese, con 11 Stati, e la punta piu a sud del Continente Asiatico, mentre gli stati del Sabah e del Sarawak sono situati sulla costa nord ed est dell isola del Borneo. Localizzazione degli Uffici del MIDA

4 Il Ministero del Commercio Internazionale e dell Industria (MITI) si occupa dello sviluppo delle attivita industriali per favorire ulteriormente la crescita dell economia della Malesia. Come agenzia dipendente dal MITI, il Malaysian Industrial Development Authority (MIDA) e responsabile della promozione e del coordinamento dello sviluppo industriale nel paese. Il MIDA e il primo punto di contatto per gli investitori che intendono iniziare, in Malesia, progetti nel settore manifatturiero e nel settore dei servizi. Con il suo Quartier Generale nella capitale della Malesia, Kuala Lumpur, il MIDA ha creato una rete globale di 19 uffici all estero che coprono il Nord America, l Europa e l Asia Pacifico per assistere gli investitori interessati a creare progetti manifatturieri ed attivita di servizio In Malesia. All interno della Malesia, il MIDA ha 12 sedi distaccate nei vari Stati per agevolare gli investitori nel miglioramento e nella funzionalita dei loro progetti. Chi desidera ricercare opportunita di investimenti in Malesia, e pregato di contattare il MIDA per ulteriori informazioni ed assistenza nel prendere le proprrie decisioni. (Si prega di guardare la copertina posteriore interna per detaggli sui contatti del Quartier Generale del MIDA, e dei suoi uffici nazionali ed esteri).

5 PER INIZIARE... INCENTIVI PER GLI INVESTIMENTI... IL SISTEMA FISCALE... PROCEDURE PER L IMMIGRAZIONE... LA FORZA LAVORO PER L INDUSTRIA... BANCHE, FINANZA ED AMMINISTRAZIONE DEI CAMBI... PROTEZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUAL... CONTROLLO AMBIENTALE... INFRASTRUTTURE DI SUPPORTO... INDIRIZZI UTILI

6 INDICE GENERALE Capitolo 1 PER INIZIARE 1. APPROVAZIONE DI PROGETTI MANIFATTURIERI Legge sul Coordinamento Industriale Linee Guida per L Approvazione di Progetti 4 Industriali 2. COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ Modalità Operative per fare Business in 4 Malaysia 2.2 Procedura per la Costituzione di una Societa Registrazione di Società Estere 7 3. LINEE GUIDA SUGLI INVESTIMENTI ESTERI Politiche sulle Partecipazioni nel Settore 8 Manifatturiero 3.2 Protezione degli Investimenti Stranieri 9 Capitolo 2 INCENTIVI PER GLI INVESTIMENTI 1. INCENTIVI PER IL SETTORE MANIFATTURIERO INCENTIVI PER IL SETTORE AGRICOLO INCENTIVI PER L INDUSTRIA 33 BIOTECNOLOGICA 4. INCENTIVI PER L INDUSTRIA TURISTICA INCENTIVI PER CONTROLLI AMBIENTALI INCENTIVI PER RICERCA E SVILUPPO (R&S) INCENTIVI PER L INDUSTRIA DI 44 ATTREZZATURE MEDICHE 8. INCENTIVI PER LA FORMAZIONE INCENTIVI PER PROGETTI DI SERVIZI APPROVATI INCENTIVI PER L INDUSTRIA MARITTIMA 49 E DEI TRASPORTI 11. INCENTIVI PER IL SUPERCORRIDOIO 50 MULTIMEDIALE (MSC) 12. INCENTIVI PER TECNOLOGIA (ICT) 51 INFORMATICA E COMUNICAZIONI 13. INCENTIVI PER UN ECONOMIA FONDATA 51 SULLA CONOSCENZA 14. INCENTIVI PER SERVIZI RELATIVI ALLA 52 PRODUTTIVITA 15. INCENTIVI PER SEDI OPERATIVE (OHQ) INCENTIVI PER CENTRI INTERNAZIONALI DI 57 APPOVVIGIONAMENTO/CENTRI REGIONALI DI DISTRIBUZIONE 17. UFFICI DI RAPPRESENTANZA E UFFICI 58 REGIONALI 18. ALTRI INCENTIVI 60 Capitolo 3 IL SISTEMA FISCALE 1. IL SISTEMA FISCALE IN MALESIA FONTI DI REDDITO IMPONIBILE IMPOSTA SULLE SOCIETA IMPOSTA SULLE PERSONE FISICHE Persone Fisiche Residenti Soggetti non Residenti TASSA CEDOLARE DI ACCONTO IMPOSTE SUI REDDITI FONDIARI IMPOSTE SULLE VENDITE IMPOSTA SUI SERVIZI TASSA SULLE IMPORTAZIONI IMPOSTA SUI CONSUMI TRIBUNALE D APPELLO PER LA DOGANA E 77 REGOLAMENTI DOGANALI 12. ACCORDI SULLA DOPPIA TASSAZIONE 77 Capitolo 4 PROCEDURE PER L IMMIGRAZIONE 1. REQUISITI PER IL VISTO E IL PASSAPORTO ENTRATA IN MALESIA Permessi rilasciati al punto di entrata Permessi rilasciati all arrivo in Malesia IMPIEGO DI PERSONALE ESPATRIATO DOMANDE PER L ASSUNZIONE DI 86 PERSONALE ESPATRIATO 5. IMPIEGO DI PERSONALE STRANIERO 87 Capitolo 5 LA FORZA LAVORO PER L INDUSTRIA 1. LA FORZA LAVORO DELLA MALESIA SVILUPPO DELLA FORZA LAVORO Facilitazioni per la formazione di 91 personale tecnico 2.2 Fondo per lo Sviluppo delle Risorse Umane Personale Dirigente COSTO DEL LAVORO ASSISTENZA PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO Legge sull Impiego, L Ordinanza sul Lavoro, Sabah e 95 L Ordinanza sul Lavoro, Sarawak 5.3 Legge sul Fondo di Previdenza 95 Lavoratori Legge sulla Sicurezza Sociale dei 96 Lavoratori Legge sulla Compensazione dei 96 Lavoratori Legge Sulla Sicurezza e Salute Sul 96 Lavoro RELAZIONI INDUSTRIALI Sindacati dei Lavoratori Legge sulle Relazioni Industriali Relazioni industriali in Fabbriche senza 100 Rappresentazione Sindacale

7 Capitolo 6 BANCHE, FINANZA ED AMMINISTRAZIONE DEI CAMBI 1. IL SISTEMA BANCARIO IN MALESIA La Banca Centrale Istituti Finanziari Malesia come Centro di Finanziamento 105 Islamico 2. RIFINANZIAMENTO CREDITI ALL ESPORTAZIONE Criteri di Eleggibilita Tipi di agevolazioni Metodo di Finanziamento Periodo ed Importo del finanziamento IL MERCATO DEI TITOLI IN MALESIA Commissione Titoli Bursa Malaysia Berhad SERVIZI FINANZIARI OFFSHORE Autorità per i Servizi Finanziari Offshore 109 di Labuan (LOFSA) 4.2 Incentivi per Servizi Finanziari Offshore NORME PER IL CONTROLLO DEI CAMBI Investimenti e attivita Finanziarie per 113 Non-Residenti 5.2 Investimenti ed attivita Finanziarie 118 per Residenti 5.3 Stato Speciale riconosciuto a Societa 125 Selezionate Capitolo 7 PROTEZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUAL 1. PROTEZIONE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Brevetti Marchi di Fabbrica Disegno Industriale Divieto di Riproduzione Disegno di Tracciato di Circuiti Integrati Indicazioni Geografich 131 Capitolo 8 CONTROLLO AMBIENTALE 1. POLITICA REQUISITI AMBIENTALI Rapporti di Valutazione dell Impatto 136 Ambientale per le Attività indicate 2.2 Chi puo eseguire gli Studi EIA? Valutazione dell adeguatezza del Sito 140 per attivita non-proibite 2.4 Permesso Scritto per Costruire Approvazione Scritta per l installazione 141 di Inceneritori, Macchinari e Ciminiere per bruciatori di carburanti 2.6 Licenza di Occupazione di Proprieta 141 Stabilite e di Concessioni Stabilite 2.7 Standard di Emissione e di Scarich Controllo di sostanze che disperdono 142 Ozono (ODS) 2.9 Gestione programmata dei rifiuti INCENTIVI PER IL CONTROLLO AMBIENTALE 144 Capitolo 9 INFRASTRUTTURE DI SUPPORTO 1. SUPPORTI INDUSTRIALI Aree Industriali Zone Franche Depositi Produttivi Autorizzati FORNITURA DI ELETTRICITÀ FORNITURA IDRICA SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE TRASPORTO AEREO MERCI PORTI MARITTIMI TRASPORTO MERCI Trasporto Containers Spedizione di Merci AUTOSTRADE SERVIZI FERROVIARI SUPER CORRIDOIO MULTIMEDIALE 153 INDIRIZZI UTILI MINISTERI 157 ORGANIZZAZIONI PERTINENTI 158 UFFICI MITI ALL ESTERO 159 UFFICI MATRADE ALL ESTERO 160 UFFICI MATRADE IN MALESIA 162 UFFICI MIDA IN MALESIA 163 UFFICI MIDA ALL ESTERO 164 TASCA POSTERIORE Appendice I Lista delle attivita e dei prodotti Pubblicizzati - Generale Appendice II Elenco delle Attivita Promosse - Servizi relativi al Manifatturiero Appendice III Lista delle attivita promosse e prodotti - Aziende ad alta tecnologia Appendice IV Lista delle attivita promosse e prodotti - Programma di Collegamento Industriale Appendice V Lista delle attivita promosse e prodotti - Piccole Industrie

8

9 1 Capitolo 1 PER INIZIARE 1. APPROVAZIONE DEI PROGETTI MANIFATTURIERI 1.1 Legge sul Coordinamento Industriale Linee Guida per L Approvazione di Progetti Industriali 2. COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ 2.1 Modalità Operative per fare Business in Malaysia Struttura della Società Società per Azioni (delimitata da Azioni) 2.2. Procedura per la Costituzione di una Societa Requisiti Relativi per una Società Costituita Localmente 2.3. Registrazione di Società Estere 3. LINEE GUIDA SUGLI INVESTIMENTI ESTERI 3.1 Politiche sulle Partecipazioni nel Settore Manifatturiero 3.2 Protezione degli Investimenti Stranieri

10 Capitolo 1 PER INIZIARE 1. APPROVAZIONE DEI PROGETTI MANIFATTURIERI 1.1 Legge sul Coordinamento Industriale 1975 L obiettivo della Legge sul Coordinamento Industriale del 1975 (Industrial Coordination Act -ICA) è quello di assicurare la crescita ed un ordinato sviluppo del settore manifatturiero. L ICA stabilisce che le aziende manifatturiere con capitale sociale pari o superiore a RM2,5 milioni o con 75 o più dipendenti a tempo pieno, debbano ottenere una licenza da parte del Ministero del Commercio Internazionale e dell Industria (MITI). Tutte le domande per licenze industriali devono essere indirizzate nella forma prescritta al Direttore Generale dell Agenzia per lo Sviluppo Industriale della Malesia (MIDA) a Kuala Lumpur, Malesia. Il MIDA è un agenzia governativa, gavernata dal MITI, per la promozione ed il coordinamento industriale in Malesia. L ICA stabilisce quanto segue: Con il termine "Attività industriale" si definiscono le attività relative a fabbricazione, modifica, miscelazione, decorazione, rifinitura o qualsiasi altro trattamento o adattamento di ogni articolo o sostanza in funzione del suo impiego, vendita, trasporto, consegna o cessione, compreso l assemblaggio di parti e la riparazione di navi ma, esclude ogni attività normalmente associata alla vendita al dettaglio o al commercio all ingrosso. "Capitale sociale" definisce l ammontare complessivo del capitale versato di una società, le riserve, il conto premio di commissione, ed il prospetto di riparto degli utili, dove: - l capitale versato si riferisce ad azioni privilegiate e azioni ordinarie ma con esclusione di qualsiasi importo relativo ad azioni gratuite nella misura in cui le stesse siano state emesse mediante prelievo da riserve di capitale create tramite rivalutazione di immobilizzazioni tecniche. - le riserve sono di tipo diverso dalle riserve di capitale create tramite rivalutazione di immobilizzazioni tecniche e accantonamenti per ammortamenti, rinnovi o sostituzioni e svalutazione di beni. - il conto premio di commissione esclude qualsiasi importo ivi accreditato per la copertura di azioni gratuite a premio derivante da riserve statutarie create tramite rivalutazione di immobilizzazioni tecniche. "Dipendenti retribuiti a tempo pieno " sono definite tutte le persone che lavorano normalmente in un azienda per almeno sei ore giornaliere ed almeno 20 giorni al mese per 12 mesi durante l anno e ricevono un salario. La definizione comprende anche personale addetto alle vendite esterne, agli uffici tecnici, alle manutenzioni e riparazioni, o persone che siano retribuite e soggette al controllo da parte dell azienda. 3

11 Si intendono dipendenti retribuiti a tempo pieno anche gli amministratori di aziende collegate tranne coloro che ricevono solo un gettone di presenza per la partecipazione alle riunioni del Consiglio di Amministrazione. Sono altresì compresi nella definizione i collaboratori domestici che ricevano regolare stipendio o gratifiche e che versino i contributi al Fondo Previdenziale (EPF) o altri fondi pensioni. 1.2 Linee Guida per L Approvazione di Progetti Industriali Lo sviluppo industriale della Malesia nell ultima decade e stato molto rapido. Cio ha creato una forte domanda di manodopera nel settore manifatturiero che, per contro, ha causato un deterioramento della situazione nel mercato del lavoro. In relazione a quanto sopra, il Governo ha stabilito le linee guida per l esame di progetti industriali in base al Rapporto Investimento Capitale per Dipendente (C/E). A partire dal 26 Agosto 1995, i progetti con un Rapporto C/E inferiore a RM 55,000 vengono definiti come progetti ad alta intensità di manodopera e, in quanto tali, gli stessi sono esclusi dalla concessione di licenze industriali ed incentivi fiscali. Tuttavia, sono esenti dalle citate linee guida quei progetti che prevedano uno dei seguenti criteri: Se il valore aggiunto è uguale o superiore al 20%; Se l Indice Gestionale, Tecnico e di Supervisione (GTS) è il 15% o superiore; Se il progetto prevede attività o prodotti configurabili come attività o prodotti promossi di alta tecnologia come indicato nelle Liste di Riferimento. Se il progetto è localizzato nelle Aree promosse e cioe lo Stato del Perlis, Sabah o Sarawak, o nel Corridoio Orientale della malesia (negli Stati del Kelantan, Terengganu, Pahang, e nel distretto di Mersing nello Stato del Johor) Societa gia esistenti (praticamente gia esenti) che richiedano una licenza produttiva. Espansione della Capacita produttiva e Diversificazione del Prodotto Una Societa costituita che desidera espandere la sua capacita produttiva o diversificare la gamma dei suoi prodotti, producendo articoli aggiuntivi, dovra presentare un richiesta al MIDA. 2. COSTITUZIONE DI UNA SOCIETÀ 2.1 Modalità Operative per fare Business in Malaysia In Malesia una società può essere registrata secondo una delle seguenti forme: i. Da una persona fisica operante come impresa individuale ii. iii. Da due o più persone (fino ad un massimo di 20) in impresa collettiva Da un azienda costituita in Malesia o da un azienda straniera registrata ai sensi della Legge sulle Società del 1965 PER INIZIARE 4

12 Tutte le imprese individuali e le società in nome collettivo devono essere registrate presso la Commissione delle Imprese delle Malesia (SSM) ai sensi del Decreto sulla Registrazione delle Imprese del Nel caso di impresa collettiva, i soci sono responsabili sia congiuntamente che individualmente nei confronti dei debiti ed impegni della società nel caso in cui il patrimonio risultasse insufficiente. I soci possono redigere un formale contratto di società che regoli diritti e doveri di ciascun socio, ma ciò non è obbligatorio Struttura della Società La normativa principale che regola le società in Malesia è la Legge sulle Imprese Ai sensi della Legge, una persona deve registrare la propria societa presso il SSM prima di svolgere qualsiasi attività. La Legge prevede tre tipi di società: i. Società per azioni, in cui la responsabilità personale dei soci è limitata al valore nominale delle azioni. ii. iii. Società a responsabilità limitata da garanzia, nella quale la responsabilità dei soci è limitata alla somma specificata nell Atto Costitutivo e nello Statuto Sociale, in caso di liquidazione della società. Una società a responsabilità illimitata nella quale non vi è limite alla responsabilità dei soci Società per Azioni (delimitata da Azioni) Il tipo più comune di struttura societaria in Malesia è la Societa per Azioni (delimitata da Azioni). Tali società possono essere sia private (Sendirian Berhad o Sdn. Bhd.) che pubbliche (Berhad o Bhd.). Una società che abbia un capitale azionario può essere costituita come società privata se l Atto Costitutivo o lo Statuto della stessa: i. Stabilisce vincoli sul diritto di trasferimento delle azioni; ii. iii. iv. Limita il numero dei soci a 50, esclusi i dipendenti della stessa o di sussidiarie ed alcuni ex-dipendenti della stessa o di sussidiarie. Vieta di emettere offerte pubbliche di sottoscrizione delle proprie azioni ed obbligazioni Vieta di invitare il pubblico ad effettuare depositi presso la società. Una società può essere costituita come società pubblica oppure, in alternativa, una società costituita come società privata può essere convertita in società pubblica, ai sensi della Sezione 26 della Legge sulle Imprese del Tali Società possono offrire le proprie azioni al pubblico se: i ii. Sia stato registrato un Prospetto Informativo presso la Commissione Titoli; Sia stata depositata una copia del Prospetto ed i relativi moduli presso il SSM prima o al momento della sua emissione. 5

13 Una società pubblica può richiedere di essere quotata alla Borsa Valori di Kuala Lumpur (KSLE) purche conforme ai requisiti stabiliti dalla stessa KLSE. Ogni successiva emissione di titoli (es. emissione per diritti o premio, o derivante da acquisizione, ecc.) richiede l approvazione della Commissione Titoli. 2.2 Procedura per la Costituzione di una Societa Il primo passo per la costituzione di una società consiste nell inoltro della relativa domanda al SSM, utilizzando l apposito Modulo 13A, con un pagamento di RM 30, per verificare se la denominazione che si intende dare alla costituenda società sia disponibile. La domanda può essere approvata se il nome richiesto sara disponibile e detto nome sara riservato al richiedente per un periodo di tre mesi. Entro tre mesi dalla data di approvazione da parte del SSM della domanda di riserva di nome, dovranno essere depositati presso il SSM i seguenti documenti: Atto costitutivo e Statuto Sociale Dichiarazione di Conformità (Modulo 6) Dichiarazione legale di una persona prima della nomina ad amministratore, oppure da parte di un socio fondatore prima della costituzione della società (Modulo 48A) L Atto Costitutivo è il documento attestante la denominazione, l oggetto, l ammontare dell eventuale capitale autorizzato con il quale la società intende costituirsi e la ripartizione dello stesso in azioni di valore predeterminato. Lo Statuto descrive le regole che governeranno la gestione interna degli affari e la conduzione delle operazioni. Al momento dell emissione del Certificato di Costituzione, i firmatari dell Atto Costitutivo unitamente ad altre persone che potranno di volta in volta diventare soci della società, diverranno una persona giuridica, capace di esercitare le funzioni di una società costituita e di citare ed essere citata in giudizio. Essa ha successione perpetua sotto sigillo comune e la facoltà di possedere terreni, ma i soci sono responsabili delle obbligazioni contrattuali in caso di liquidazione della società, come previsto dalla Legge Requisiti Relativi per una Società Costituita Localmente La società dovrà avere una sede legale in Malesia presso la quale saranno tenuti tutti i libri ed i documenti richiesti ai sensi della Legge. Il nome della società in lettere leggibili e il numero di registrazione dovranno apparire sul sigillo e su tutti i documenti come previsto dalla Legge. Non è consentito alle società di negoziare azioni proprie o detenere azioni della propria società di controllo. Ciascuna azione di una società pubblica dà diritto ad un solo voto nelle assemblee generali della società. Le società private possono invece stabilire regole diverse in merito ai diritti di voto dei propri azionisti. Il Segretario di una società dovrà essere una persone fisica adulta che abbia eletto a domicilio principale o esclusivo la Malesia. Dovrà essere membro di una associazione riconosciuta ed ottenere una licenza dal Registro delle Imprese. Per la revisione dei conti la società provvederà a nominare un Revisore dei Conti regolarmente abilitato in Malesia. PER INIZIARE 6

14 Gli amministratori delle società dovranno essere almeno due e avere residenza principale o esclusiva all interno della Malesia. Di norma il limite di età per gli amministratori di società pubbliche è di 70 anni.non è indispensabile che l amministratore sia anche azionista. 2.3 Registrazione di Società Estere Le società estere che desiderino fare business od operare in Malesia devono fare domanda di registrazione nel prescritto Modulo 13A e dietro pagamento di RM 30 presso il SSM a Kuala Lumpur o in ogni filiale nel paese per determinare la disponibilità del nome proposto dalla società estera. Se la denominazione è disponibile la domanda verrà approvata. Una volta ricevuta l approvazione, il richiedente dovrà depositare i seguenti documenti presso il SSM: i. Copia autenticata del proprio Certificato di Costituzione (o altro documento equipollente) da parte del paese di origine ii. iii. iv. Copia autenticata della sua Licenza, Statuto, o Atto Costitutivo o altro strumento con il quale si costituisce la società o se ne definisce la costituzione Elenco dei nomi degli amministratori corredato dei dati richiesti a norma di legge (Modulo 79) Qualora vi siano dei direttori locali, un memorandum in cui siano descritti i poteri assegnati a tali direttori v. Atto di nomina o procura generale con la quale si autorizza una o più persone residenti in Malesia a ricevere a nome della società mandati di comparizione nonchè qualsiasi altra notifica destinata alla società vi. Una dichiarazione legale nella forma di legge, redatta dal rappresentante legale della società (Modulo 80). La persona fisica alla quale siano stati conferiti i poteri di rappresentanza legale risponde della puntuale esecuzione di tutti gli atti che la società è tenuta a compiere ai sensi della Legge sulle Società del Qualsiasi variazione relativa alla rappresentanza legale dovrà essere comunicata al SSM entro un mese dalla data di cambiamento unitamente ai previsti costi. Tutte le società straniere, entro il termine di un mese dalla data in cui hanno stabilito una sede operativa o iniziato un attività in Malesia, sono tenute a notificare nei modi previsti al SSM l ubicazione della propria sede legale in Malesia. Le società costituite all estero sono tenute a depositare ogni anno, entro un mese dalla data dell Assemblea Generale Annuale, una copia della propria Relazione Annuale, ed entro due mesi dalla data dell Assemblea Generale Annuale, una copia del bilancio patrimoniale della società di appartenenza, una dichiarazione debitamente certificata relativa al patrimonio e alle passività derivanti dalle attività in Malesia, nonchè un conto economico debitamente certificato. 7

15 Presentazione Elettronica La presentazione elettronica, conosciuta anche come Faldone Elettronico e una delle iniziative elettroniche del SSM a sostegno del Programma Elettronico Governativo. Detto servizio permettera alle Societa, agli affaristi o loro personale, di depositare specifiche documentazioni o documenti richiesti, attraverso Internet utilizzando il mygovernment portal/public Service Portal (PSP) Per ulteriori informazioni, visitare il Siti Webb del SSM 3. LINEE GUIDA SUGLI INVESTIMENTI ESTERI 3.1 Politiche sulle Partecipazioni nel Settore Manifatturiero Il Governo malese ha sempre accolto con favore gli investimenti esteri nel settore manifatturiero. Nel perseguire l'obiettivo di una sempre maggiore partecipazione malese nelle attività industriali, la politica del Governo è volta ad incoraggiare i progetti basati su joint ventures tra imprenditori malesi e stranieri. Politiche di Partecipazione a Nuovi Investimenti, Espansioni o Diversificazioni Il livello delle esportazioni e stato utilizzato per determinare la partecipazione azionaria straniera nei progetti manifatturieri. Tuttavia, a partire dal 31 Luglio 1998, il governo malese ha liberalizzato la politica di partecipazione azionaria nel settore manifatturiero in materia di nuovi investimenti, espansioni o diversificazioni. A seguito di questa liberalizzazione, gli investitori stranieri possono ora possedere il 100% del pacchetto azionario senza limitazioni per quanto riguarda le esportazioni. Tuttavia tale condizione non è applicabile a specifiche attività e prodotti per i quali le imprese malesiane abbiano competenza e capacità. Tali attività e prodotti sono: imballaggi in carta; imballaggi in plastica (bottiglie, pellicole, fogli e sacchi); componenti sagomati a iniezione plastica; stampaggio metallico e fabbricazioni metalliche, cablaggio; centri di servizio per stampature metalliche. Per tali attività e prodotti prevarranno le specifiche linee guida sulle partecipazioni. Per esaltare ulteriormente questo clima di investimenti in Malesia, le partecipazioni azionarie in tutti i progetti manifatturieri sono stati totalmente liberalizzati dal 17 Giugno Gli investitori stranieri possono ora possedere il 100% del pacchetto azionario in materia di nuovi investimenti, espansioni o diversificazioni senza limitazioni per quanto riguarda le esportazioni e senza nessuna esclusione di prodotto/attivita. La nuova politica di partecipazione azionaria si applica anche a: i) Aziende precedentemente esenti dall ottenere una licenza di produzione ma il cui capitale ha ora raggiunto RM 2,5 milioni o abbia raggiunto 75 o piu dipendenti a tempo pieno e percio gli e concessa la licenza. ii) Aziende esistenti con licenza precedentemente esenti dall ottemperare alle condizioni di partecipazione, ma ora devono ottemperare in quanto il loro capitale ha raggiunto RM 2,5 milioni. PER INIZIARE 8

16 Politica sulle Partecipazioni Applicabile alle Imprese Esistenti Le condizioni di partecipazione ed esportazione imposte alle aziende prima del 17 Giugno 2003 saranno mantenute. Tuttavia, le imprese possono richiedere la rimozione di queste condizioni. Il Governo sara flessibile nel considerare queste richieste ed le approvazioni saranno garantite basate sui meriti di ogni caso. Le aziende con condizioni per l esportazione possono fare richiesta al MIDA per poter vendere sul mercato locale basandosi sulle seguenti linee guida: Fino al 100% dei propri manufatti prodotti a dazio zero o per quelli non prodotti da aziende locali; Fino all 80% dei propri prodotti, se la disponibilità sul mercato locale è inadeguata o nel caso in cui si sia verificato un aumento delle importazioni dall ASEAN di prodotti con dazio CEPT pari o minore del 5%. 3.2 Protezione degli Investimenti Stranieri L impegno della Malesia di creare un ambiente dall investimento sicuro, ha persuaso piu di 4,000 societa internazionali da piu di 50 paesi nel fare della Malesia la loro base estera. Proprietà Azionaria Una società che sia stata autorizzata ad una determinata partecipazione azionaria non sarà più tenuta a ristrutturare la propria partecipazione, purchè continui ad assolvere le condizioni in base alle quali la prima autorizzazione è stata concessa e mantenga le caratteristiche originarie del progetto. Accordi di Garanzia per gli Investimenti La disponibilità della Malesia a stipulare Accordi di Garanzia per gli Investimenti (IGAs) testimonia il desiderio del Governo di accrescere la fiducia degli investitori stranieri in Malesia. IGAs garantira quanto segue: Protezione nei confronti di nazionalizzazioni ed espropri. Tempestivo ed adeguato indennizzo nel caso di nazionalizzazioni od espropri. Libero trasferimento di profitti, capitali o altri compensi. Risoluzione di controversie sugli investimenti nell ambito della Convenzione per la Risoluzione di Controversie sugli Investimenti, alla quale la Malesia ha aderito sin dal La Malesia ha stipulato Accordi di Garanzia per gli Investimenti con I seguenti raggruppamenti e nazioni (in ordine alfabetico): Raggruppamenti * Associazione dei Paesi del Sud Est Asiatico (ASEAN) * Organizzazione dei Paesi Islamici (OIC) 9

17 Nazioni Albania Algeria Argentina Arabia Saudita Austria Bahrain Bangladesh Belgio-Lussemburgo Bosnia Herzegovina Botswana Burkina Faso Cambogia Canada Cile Cina Corea del Nord Corea del Sud Croazia Cuba Danimarca Egitto Emirati Arabi Etiopia Finlandia Francia Germania Ghana Gibuti Giordania Guinea India Indonesia Iran Italia Kazakistan Kuwait Laos Libano Macedonia Malawi Marocco Mongolia Namibia Norvegia Olanda Pakistan Papua Nuova Guinea Peru Polonia Repubblica Ceca Repubblica del Kyrgisistan Romania Senegal Spagna Sri Lanka Stati Uniti Sudan Svezia Svizzera Taiwan Turchia Turkmenistan Ungheria Uruguay Uzbekistan Vietnam Yemen Zimbabue Convenzione sulla Risoluzione di Controversie sugli Investimenti In base alla politica stabilita per l incentivazione e la tutela degli investimenti stranieri, il Governo malese ha ratificato le clausole della Convenzione per la Risoluzione di Controversie sugli Investimenti nel Creata sotto gli auspici della Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (lbrd), la Convenzione mette a disposizione servizi di conciliazione e arbitrato internazionale per mezzo dell International Centre for Settlement of lnvestment Disputes ubicato presso la sede principale dell IBRD a Washington. Kuala Lumpur, Centro Regionale di Arbitrato Il Centro Regionale di Arbitrato di Kuala Lumpur è stato costituito nel 1978 sotto gli auspici dell Asian-African Legal Consultative Committee (AALCC) - un organizzazione intergovernativa che collabora con il Governo della Malesia e gode dell appoggio dello stesso. Il Centro è stato creato per servire la regione dell Asia Pacifico. E un organizzazione senza fini di lucro che ha lo scopo di concorrere alla risoluzione delle controversie a beneficio delle parti che svolgono attività commerciali e investimenti con la regione e all interno della stessa. Ogni disputa, controversia o reclamo derivante da o relativo a un contratto, o l inadempimento, cancellazione o invalidazione saranno definiti tramite arbitrato in base ai Regolamenti di Arbitrato del Centro Regionale di Arbitrato di Kuala Lumpur. PER INIZIARE 10

18

19 2 Capitolo 2 INCENTIVI PER GLI INVESTIMENTI 1. INCENTIVI PER IL SETTORE MANIFATTURIERO 2. INCENTIVI PER IL SETTORE AGRICOLO 3. INCENTIVI PER L INDUSTRIA BIOTECNOLOGICA 4. INCENTIVI PER L INDUSTRIA TURISTICA 5. INCENTIVI PER CONTROLLI AMBIENTALI 6. INCENTIVI PER RICERCA E SVILUPPO (R&S) 7. INCENTIVI PER L INDUSTRIA DI ATTREZZATURE MEDICHE 8. INCENTIVI PER LA FORMAZIONE 9. INCENTIVI PER PROGETTI DI SERVIZI APPROVATI 10. INCENTIVI PER L INDUSTRIA MARITTIMA E DEI TRASPORTI 11. INCENTIVI PER IL SUPERCORRIDOIO MULTIMEDIALE (MSC) 12. INCENTIVI PER TECNOLOGIA (ICT) INFORMATICA E COMUNICAZIONI 13. INCENTIVI PER UN ECONOMIA FONDATA SULLA CONOSCENZA 14. INCENTIVI PER SERVIZI RELATIVI ALLA PRODUTTIVITA 15. INCENTIVI PER SEDI OPERATIVE (OHQ) 16. INCENTIVI PER CENTRI INTERNAZIONALI DI APPOVVIGIONAMENTO/CENTRI REGIONALI DI DISTRIBUZIONE 17. UFFICI DI RAPPRESENTANZA E UFFICI REGIONALI 18. ALTRI INCENTIVI

20 INCENTIVI PER GLI INVESTIMENTI 1. INCENTIVI PER IL SETTORE 15 MANIFATTURIERO 1.1 Principali incentivi per le Aziende Manifatturiere 15 (i) Stato di Impresa Pioniere 15 (ii) Detrazioni Fiscali sugli Investimenti Incentivi per spostare le Attivita Manifatturiere in 16 Aree Predestinate 1.3 Incentivi per le Imprese ad Alta Tecnologia Incentivi per Progetti Strategici Incentivi per le Piccole e Medie Imprese Incentivi per il Rafforzamento del Programma 18 di Collegamento Industriale 1.7 Incentivi per l Industria dei Macchinari ed 19 Attrezzature Incentivi per la Produzione di Macchinari 19 Specializzati ed Attrezzature Incentivi Addizionali per la Produzione di 19 Macchinari Pesanti Incentivi Addizionali per la Produzione di 20 Macchinari ed Attrezzatura 1.8 Incentivi Moduli per Componenti Automobilistici Incentivi addizionali per l utilizzo della Biomassa 21 da Olio di Palma (i) Nuove Aziende 21 (ii) Aziende Esistenti che Reinvestono Incentivi addizionali per il Settore Manifatturiero 21 (i) Detrazioni per Reinvestimenti (RA) 21 (ii) Detrazioni Accelerate in Conto Capitale (ACA) 22 (iii) Detrazioni Accelerate in C/ Capitale su 22 macchinari per mantenere Qualita della fornitura di Energia (iv) Detrazioni Accelerate in C/ Capitale per il 23 controllo delle attrezzature di sicurezza (v) Incentivi per Sistemi di Edifici Industriali 23 (vi) Esenzione Fiscale sul Valore di Maggiori 23 Esportazioni (vii) Assistenza ai Raggruppamenti INCENTIVI PER IL SETTORE 25 AGRICOLO 2.1 Incentivi principali per il settore Agricolo 25 (i) Stato di Impresa Pioniere 25 (ii) Detrazioni Fiscali sugli Investimenti (ITA) 26 (iii) Incentivi per la Produzione di Alimenti 26 (iv) Incentivi per Reinvestimenti in Attivita 28 di Produzione di Alimenti 2.2 Incentivi addizionali per il Settore Agricolo 28 (i) Sussidio per Reinvestimenti 28 (ii) Incentivi di reinvestimento per Industrie 29 di risorse di base (iii) Incentivi per l ammodernamento degli 29 allevamenti di polli e anatre (iv) Detrazioni Accelerate in Conto Capitale (ACA) 30 (v) Sussidi per l Agricoltura 30 (vi) Sussidi Accelerati per l Agricoltura per le 31 Piantagioni di Alberi di Legno di Caucciu (vii) Detrazione Totale per Spese in Conto 31 Capitale in Progetti Agricoli Approvati (viii) Esenzione Fiscale per l aumento delle 32 Esportazioni (ix) Incentivi per le Aziende che forniscono 32 Impianti per la Catena del Freddo e Servizi per I Prodotti Alimentari (x) Doppia Detrazione delle Spese per 33 l Ottenimento del Certificato Halal ed il Certificato dei Sistemi e Standards di Qualità (xi) Doppia Detrazione sulle Spese di Trasporto 33 l esportazione di Rattan e Prodotti in Legno 3. INCENTIVI PER L INDUSTRIA 33 BIOTECNOLOGICA 3.1 Principali incentivi per Industrie biotecnologiche Incentivi per investimenti in societa con lo Stato 34 di Impresa BioNexus (i) Investimenti Societari Individuali 34 in Societa Bio-Nexus (ii) Incentivi Fiscali per Fusioni con Societa 34 Biotecnologiche 3.3 Finanziamenti per Societa Biotecnologiche INCENTIVI PER L INDUSTRIA 35 TURISTICA 4.1 Principali Incentivi per l Indutria degli Hotels e 35 del Turismo (i) Stato di Impresa Pioniere 35 (ii) Detrazioni Fiscali sugli Investimenti (ITA) 35 (iii) Maggiori incentivi per Nuovi Investimenti 36 (iv) Incentivi per Reinvestimenti in 36 Alberghi e Progetti Turistici (v) Incentivi per l Industria di barche di Lusso Incentivi Aggiuntivi per l Industria del Turismo 37 (i) Doppia Detrazione per la Promozione all 37 Estero (ii) Doppia Detrazione per Fiere Commerciali 37 Approvate (iii) Esenzione Fiscale per Operatori Turistici 37 (iv) Esenzione Fiscale per la Promozione di 38 Convegni Internazionali e Fiere (v) Esenzione Fiscale per Spettacoli Culturali 38 (vi) Incentivi per gli Operatori di autonoleggio INCENTIVI PER CONTROLLI 38 AMBIENTALI 5.1 Incentivi per Progetti di Piantagioni Forestali Incentivi per la Raccolta, Trattamento e 39 Smaltimento di Rifiuti Tossici e Pericolosi 5.3 Incentivi per attivita di Riciclaggio Immondizie Incentivi per Risparmi Energetici 40 a) Societa fornitrici di Risparmi Energetici 40 b) Societa che attuano il Risparmio energetico 40 per il loro consumo 5.5 Incentivi per Produzione di Energia usando 40 Risorse di Energia Rinnovabile 5.6 Incentivi per Produzione di Energia Rinnovabile 41 per il Proprio Consumo 5.7 Sussidi accellerati in conto Capitale per 41 Controllo Ambientale 6. INCENTIVI PER RICERCA E 42 SVILUPPO (R&S) 6.1 Principali Incentivi per Ricerca e Sviluppo (R&S) 42 (i) Contratti per Societa di Ricerca e Sviluppo 42 (ii) Società di R&S 42 (iii) Ricerca Intra-Aziendale 43 (iv) Riassegnazione degli incentivi 43 (v) Incentivi per la commercializzazione di 43 Ricerca e Sviluppo del Settore Pubblico R&S 6.2 Incentivi Aggiuntivi per Ricerca e Sviluppo (R&S) 44 (i) Doppia Detrazione per Ricerca e Sviluppo 44 (ii) Incentivi per Ricercatori per 44 Commercializzare i risultati delle Ricerche 7. INCENTIVI PER L INDUSTRIA DI 44 ATTREZZATURE MEDICHE 7.1 Incentivi per Attrezzature Mediche di Laboratori 44 di Prova (i) Societa che investono in Nuovi Laboratori 44 di Prova per Collaudare le Attrezzature Mediche (ii) Societa che migliorano i Laboratori di 45 Prova Esistenti per Collaudare le Attrezzature Mediche 8. INCENTIVI PER LA FORMAZIONE Pricipali Incentivi per la Formazione Incentivi Aggiuntivi per la Formazione 46 (i) Incentivi per Progetto di Formazione 46 di Graduati Disoccupati (ii) Detrazione costi per Recrutamento Lavoratori 46 (iii) Esenzione per Formazione di Pre-impiego 47 (iv) Esenzione per Formazione di Non-impegati 47 (v) Esenzione per Contributi in Contanti 47 (vi) Detrazione Speciale per l Industria Edilizia 47 (vii) Esenzione Tasse per Materiale Educative 47 (viii) Esenzione sul pagamento delle Royalties 47 (ix) Doppia Detrazione per Corsi Approvati 47 (x) (HRDF) Fondo per lo Sviluppo delle Risorse 48 Umane

NOTIZIE SULLA MALESIA

NOTIZIE SULLA MALESIA NOTIZIE SULLA MALESIA AREA TOTALE 330 kilometri quadrati (127.000 Miglia quadate) STRUTTURA POLITICA Federazione di 13 Stati SISTEMA DI GOVERNO Democrazia Parlamentare con Monarchia Costituzionale Vancouver

Dettagli

MALAYSIA INVESTIMENTI NEL SETTORE MANIFATTURIERO. Politiche, Incentivi e Agevolazioni

MALAYSIA INVESTIMENTI NEL SETTORE MANIFATTURIERO. Politiche, Incentivi e Agevolazioni MALAYSIA INVESTIMENTI NEL SETTORE MANIFATTURIERO Politiche, Incentivi e Agevolazioni NOTIZIE SULLA MALESIA AREA TOTALE 330 kilometri quadrati (127.000 Miglia quadate) STRUTTURA POLITICA Federazione di

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

Ordinanza 1 del DFF sul computo globale d imposta

Ordinanza 1 del DFF sul computo globale d imposta Ordinanza 1 del DFF sul computo globale d imposta Modifica del 15 settembre 2014 La Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, visto l articolo 5 dell ordinanza 1 del DFF del 6 dicembre

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

Turchia CENNI FISCALI

Turchia CENNI FISCALI Turchia CENNI FISCALI I dati contenuti nel presente documento sono a puro titolo informativo e potrebbero variare a seconda della specificità dei casi. Per ottenere informazioni più dettagliate si prega

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI

IL DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI Traduzione non ufficiale N.B. Il testo facente fede è unicamente quello in lingua serba In base all art. 7 della Legge sul budget della Repubblica di Serbia per l anno 2012 ( Gazzetta Ufficiale della Repubblica

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

AVCONEWS. Il Portogallo è la nuova moda

AVCONEWS. Il Portogallo è la nuova moda AVCONEWS b a r c e l l o n a l i s b o n a m a d r i d m i l a n o i s ta n b u l v i g o Certo, non stiamo ancora vivendo una nuova età d oro ma possiamo dire d esserci allontanati dal momento peggiore.

Dettagli

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino Scheda Paese Repubblica di San Marino Repubblica di San Marino Il presente documento è stato predisposto da ANIS (Associazione Nazionale Industria San Marino) con la supervisione di KPMG, Studio Associato

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI Progettare l Internazionalizzazione d impresa COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI 20 21 ottobre 2009 Principali incentivi per l internazionalizzazione: PROGRAMMI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 La Repubblica di Cuba è un arcipelago formato da più di 1.600 isole e isolotti; la maggiore è Cuba, seguita per estensione

Dettagli

Gli Investimenti italiani in Ucraina.

Gli Investimenti italiani in Ucraina. Gli Investimenti italiani in Ucraina. L'Ucraina ha adottato da anni una specifica e ampia regolamentazione sugli investimenti esteri (L. U. 16/07/1999-997-XIV). Le forme di investimento ammesse comprendono:

Dettagli

1 Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione.

1 Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE FINANZA, CONTABILITA E BILANCIO Roma, 14 settembre 1999 Circolare n. 176 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali,

Dettagli

START UP INNOVATIVE. Dr. Sabino Barbarossa. Le Start Up Innovative

START UP INNOVATIVE. Dr. Sabino Barbarossa. Le Start Up Innovative START UP INNOVATIVE Dr. Sabino Barbarossa Circolare n. 11 del 06 maggio 2013 L ASSONIME (Associazione fra le Società Italiane per Azioni), ha fornito una serie di chiarimenti con riferimento alle start

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

Modalità di attuazione dell articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n.

Modalità di attuazione dell articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. Modalità di attuazione dell articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, recante incentivi fiscali all investimento in start-up

Dettagli

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a.

Economia Applicata all Ingegneria. Docente: Prof. Ing. Donato Morea. Lezione n. 11 del 05.11.2013. - Il bilancio d impresa. a.a. Università degli Studi di Roma Tor Vergata Macroarea di Ingegneria ----------------------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA

IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA Ufficio di Tirana IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA Fiscalita albanese Quadro normativo il Sistema Tributario albanese Dal 1995, con l avvio del processo di apertura e di liberalizzazione del mercato,

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI OPEN 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

Minibond- il regime fiscale per gli investitori

Minibond- il regime fiscale per gli investitori Minibond- il regime fiscale per gli investitori Le cambiali finanziarie, obbligazioni e titoli similari negoziati in mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione degli Stati membri dell

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 8 febbraio 2013 LA START-UP INNOVATIVA E INCUBATORE CERTIFICATO SCADENZA 16.02.2013 Gli articoli dal 25 al 32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito

Dettagli

BULGARIA CENNI FISCALI

BULGARIA CENNI FISCALI BULGARIA CENNI FISCALI I dati contenuti nel presente documento sono a puro titolo informativo e potrebbero variare a seconda della specificità dei casi. Per ottenere informazioni più dettagliate si prega

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

indice 06. Aspetti generali 07. Imposizione persone fisiche 08. Imposizione persone giuridiche 11. Accordi bilaterali internazionali

indice 06. Aspetti generali 07. Imposizione persone fisiche 08. Imposizione persone giuridiche 11. Accordi bilaterali internazionali QATAR CENNI FISCALI I dati contenuti nel presente documento sono a puro titolo informativo e potrebbero variare a seconda della specificità dei casi. Per ottenere informazioni più dettagliate si prega

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Dott. Emanuela Villa Partita IVA 02288380963 Codice Fiscale VLL MNL 61R42 E617I COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Via F. Cavallotti, 98 20900 Monza Tel: 039 748134 Fax 039 741106 E-mail: e.villa@studiovillacommercialisti.it

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

SERVIZI DIVERSI ESTERO

SERVIZI DIVERSI ESTERO Allegato PDF: Foglio N. 6.10.00 informativo Categoria Estero Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Incentivi agli investimenti in Serbia

Incentivi agli investimenti in Serbia Incentivi agli investimenti in Serbia Indice INCENTIVI STATALI INCENTIVI FISCALI Il qadro generale degli incentivi agli investimenti... 2 Come ottenere le agevolazioni finanziarie... 3 Come creare il vostro

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no e dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero 29/2014 Pagina 1 di 8 Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero : 29/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : DICHIARAZIONI

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

Statuto di Swiss Life Holding SA

Statuto di Swiss Life Holding SA Statuto di Swiss Life Holding SA (Traduzione dal testo originale in lingua tedesca) I. Ragione sociale, scopo e sede 1. Ragione sociale, forma giuridica Sotto la ditta Swiss Life Holding AG (Swiss Life

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA Mattia Corbetta Segreteria tecnica del Ministro Cos è una startup? Nozione intuitiva È un impresa 1. nuova o di recente costituzione che ambisce a crescere

Dettagli

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento E stato recentemente redatto un nuovo rapporto sulle impronte ecologiche delle nazioni, sempre a cura dei ricercatori dell associazione californiana Redefining

Dettagli

FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA ARGENTINA SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA ARGENTINA SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA ARGENTINA SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo della Repubblica Argentina, qui di seguito denominate

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR)

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) Traduzione 1 Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) 0.741.621 Conchiuso a Ginevra, il 30 settembre 1957 Approvato dall Assemblea federale il 4 dicembre

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi I. Disposizioni generali 1. Validità Le presenti condizioni generali disciplinano la conclusione, il testo e l esecuzione

Dettagli

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino Torino, lunedì 20 ottobre 2014 LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI DI CUI AL D.L. N. 179/2012

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

Klako Group. Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale. Ottimizzazione e Controllo di Qualità

Klako Group. Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale. Ottimizzazione e Controllo di Qualità Klako Group Incorporazione, Contabilità E Consulenza Fiscale Ottimizzazione e Controllo di Qualità Beijing Hong Kong Shanghai Shenzhen Visitate il nostro sito http://www.klakogroup.com La nostra Società

Dettagli

Unioncamere Emilia-Romagna

Unioncamere Emilia-Romagna Start up innovative Unioncamere Emilia-Romagna L introduzione delle start up innovative nel nostro ordinamento -Con il Dl Lavoro (DL n. 76/2013), convertito con modificazioni nella Legge 9 agosto 2013

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I Art. 1 Costituzione E costituita una Associazione denominata "Editum", con sede in Ariccia (RM) L Associazione è senza fine di lucro e con divieto di distribuzione

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

Comune di Novedrate Provincia di Como

Comune di Novedrate Provincia di Como Comune di Novedrate Provincia di Como REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE CONCESSIONI DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI, GRUPPI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del

Dettagli

GRECIA 0- TAVOLE SINOTTICHE: TASSAZIONE DI RESIDENTI E NON-RESIDENTI 5- QUALE TRATTAMENTO E' RISERVATO ALLE MINUSVALENZE PATRIMONIALI?

GRECIA 0- TAVOLE SINOTTICHE: TASSAZIONE DI RESIDENTI E NON-RESIDENTI 5- QUALE TRATTAMENTO E' RISERVATO ALLE MINUSVALENZE PATRIMONIALI? GRECIA 0- TAVOLE SINOTTICHE: TASSAZIONE DI RESIDENTI E NON-RESIDENTI 1- BREVI CENNI DI DIRITTO SOCIETARIO 2- QUANDO LE SOCIETA' IN GRECIA POSSONO ESSERE CONSIDERATE RESIDENTI O NON RESIDENTI? 3- QUALE

Dettagli

BULGARIA CENNI FISCALI

BULGARIA CENNI FISCALI BULGARIA CENNI FISCALI I dati contenuti nel presente documento sono a puro titolo informativo e potrebbero variare a seconda della specificità dei casi. Per ottenere informazioni più dettagliate si prega

Dettagli

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA

1. I MOTIVI DELLA RIFORMA 1. I MOTIVI DELLA RIFORMA La riforma del Codice Doganale Comunitario, avvenuta con l adozione del Regolamento (CE) n. 450 del 2008 1, trova il suo fondamento giuridico nella disposizione contenuta all

Dettagli

27.281 permessi rilasciati

27.281 permessi rilasciati Corso Libertà 66 / Freiheitsstraße 66 39100 Bolzano / Bozen Alto Adige / Südtirol Tel. ++39 0471 414 435 www.provincia.bz.it/immigrazione www.provinz.bz.it/einwanderung 10/09/2007 Riproduzione parziale

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA AVV. ALESSANDRO ALBICINI Avv. Alessandro Albicini Studio Legale Albicini Via Marconi,, 3 40122

Dettagli

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto)

Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) Convenzione Fonia Amavet (Gruppo Filo Diretto) V 1.0 FASTWEB Business Unit Executive Strettamente confidenziale 1. Convenzione Fonia Amavet La presente offerta FONIA è valida per le sole Aziende Business

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA INDIANA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA INDIANA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA INDIANA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI www.prochile.gob.cl Il Cile sorprende per la sua geografia diversificata. Le sue montagne, valli, deserti, boschi e migliaia di chilometri di costa

Dettagli

FEDERLEGNOARREDO desiderio di fare impresa

FEDERLEGNOARREDO desiderio di fare impresa FEDERLEGNOARREDO desiderio di fare impresa FEDERLEGNOARREDO è il cuore della filiera italiana del legno-arredo. Dal 1945 difendiamo il nostro saper fare, sosteniamo lo sviluppo delle nostre imprese, siamo

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio abbreviato Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Paolo Massinissa Magini Ambito soggettivo Ai sensi dell art.2435-bis

Dettagli

LEXUS EURO ASSISTANCE 24 Assistenza stradale abbinata alla garanzia Lexus.

LEXUS EURO ASSISTANCE 24 Assistenza stradale abbinata alla garanzia Lexus. LEXUS EURO ASSISTANCE 24 Assistenza stradale abbinata alla garanzia Lexus. Indice 1. Assistenza Europea 2. Modalità del Servizio 3. Informazioni Importanti pag. 3 pag. 4 pag. 6 1. ASSISTENZA EUROPEA 3

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana.

Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. Sicuri su ogni terreno Dicembre 2012 Avviare un attività commerciale in Svizzera Il mercato svizzero è da sempre particolarmente allettante per l imprenditoria italiana. La Svizzera offre agli imprenditori

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

COMPANIES ACTS, 1963-2006 A PUBLIC COMPANY LIMITED BY SHARES

COMPANIES ACTS, 1963-2006 A PUBLIC COMPANY LIMITED BY SHARES COMPANIES ACTS, 1963-2006 A PUBLIC COMPANY LIMITED BY SHARES SOCIETÀ D INVESTIMENTO A CAPITALE VARIABILE FONDO A OMBRELLO A RESPONSABILITÀ LIMITATA DEI FONDI NATIXIS INTERNATIONAL FUNDS (DUBLIN) I PUBLIC

Dettagli

Come costituire una società in Croazia

Come costituire una società in Croazia Come costituire una società in Croazia di Clizia Cacciamani (*) In un mondo economico ed imprenditoriale sempre più teso verso la globalizzazione e verso mercati esteri lontani, sarebbe illogico non affrontare

Dettagli

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE ALLEGATO n. 1 TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE Il personale docente e ATA (limitatamente a direttori dei servizi generali e amministrativi e assistenti amministrativi) può partecipare alle prove

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it. SIMEST in BRASILE

CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it. SIMEST in BRASILE CORSO VITTORIO EMANUELE II, 323-00186 ROMA TEL: +6 686351 FAX: +6 68635404 www.simest.it SIMEST in BRASILE SIMEST è la merchant bank a capitale pubblico (Ministero delle Attività Produttive 76%) e privato

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli