I. LA FILIERA DEL KIWI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I. LA FILIERA DEL KIWI"

Transcript

1 produttrice. Fattori questi che avvicinano il consumatore all agricoltore e al territorio. Una grande opportunità potrebbe essere per gli imprenditori agricoli sistemizzare le risorse, al fine di caratterizzarsi ed aumentare il livello di riconoscibilità. È dunque necessario fare sistema con gli operatori grossisti del CAR: un SISTEMA per lo sviluppo delle potenzialità del settore e modello per il recupero e la riqualificazione dell offerta sul mercato romano e nazionale, grazie alla promozione e allo sviluppo di sinergie con i principali stakeholder e al perseguimento di una politica commerciale finalizzata alla promozione dei prodotti commercializzati, al fine di migliorarne la qualità e la sicurezza e innalzare il loro livello di riconoscibilità per i consumatori, anche attraverso un marchio di qualità del Centro Agroalimentare Roma. I. LA FILIERA DEL KIWI a cura di Cesare Ippolito La coltura dell actinidia (Actinidia chinensis) fin dalla fine degli anni 70, ma soprattutto dagli anni in poi, ha rappresentato per la Provincia di Roma, in particolare per i Comuni dei Castelli Romani (Colonna, Lanuvio e Velletri in primis) una valida alternativa alle colture arboree della zona, ovvero pesco e più ancora vigneto, sia da tavola ma anche da vino. Nei primi anni dell arrivo in Italia dell actinidia si procedeva alla sostituzione degli impianti di uva da tavola piantando le piante sul cosiddetto palo morto della struttura del vigneto, dove cioè non c era la pianta di vite, che poi dopo 3 anni veniva eliminata per far spazio solo all actinidia. In questo modo lo sviluppo dell actinidia era più ritardato, ma l agricoltore si assicurava un reddito con l uva fino a che la nuova specie non fosse entrata in produzione. Questa tecnica, non certo ottimale dal punto di vista agronomico, forse era anche dettata da una non ben chiara fiducia nelle potenzialità produttive e quindi economiche della nuova specie. Dopo questi primi anni di sviluppo della coltura ben presto i nuovi impianti sono stati messi a dimora con nuove strutture dedicate alla sola actinidia. Da subito il frutto dell actinidia, comunemente chiamato kiwi, è stato presentato come il frutto della salute per la sua alta percentuale di vitamina C, superiore agli stessi agrumi, come le arance in particolare. Infatti la vitamina C, essendo un agente antiossidante delle cellule, ne allunga la vita, il che, ad esempio a livello delle cellule epiteliali, rende la pelle più giovane ed elastica. Ma molti altri aspetti positivi sono stati evidenziati nel kiwi, come la presenza di zeaxantina che consente un minor invecchiamento della vista, la luteina che da recenti studi si è dimostrata efficace nel contenimento dell ipertensione, oppure dell aminoacido arginina che combatte l impotenza maschile, o della xantofilla che può aiutare la prevenzione del tumore alla prostata. Alle donne in gravidanza viene anche consigliato di mangiare un kiwi al giorno per assorbire acido folico per la prevenzione delle malformazioni della spina bifida o dell anencefalia. È stato addirittura riscontrato un effetto cardioprotettivo per la diminuzione di trigliceridi nel sangue a seguito di assunzione di kiwi nella dieta umana. Dal punto di vista dell attività sportiva, i kiwi, per il loro contenuto in potassio, limitano i crampi muscolari ed inoltre aiutano a recuperare velocemente le energie. Infine è ben nota anche l azione lassativa di questo frutto. 97

2 Per quanto concerne la difesa dai patogeni siano insetti o crittogame, questa specie raramente ne viene aggredita, risultando immune alla maggior parte dei parassiti. Ciò significa che i frutti immessi sul mercato, quasi sempre sono esenti da fitofarmaci e quindi particolarmente salubri. La varietà più importante per volumi di fatturato è certamente la Hayward, selezionata nel 1920 ad Auckland e che per molti anni ha dettato gli standard di mercato. All inizio degli anni 2000 è iniziata una diversificazione varietale con l introduzione di nuove varietà a maturazione precoce tra cui Green Light, Early Green, Summerkiwi sel. 3373, con l intento di anticipare ed estendere il calendario di offerta e conquistare fasce di mercato esclusive del prodotto di provenienza neozelandese. Successivamente sono state introdotte varietà a polpa gialla appartenenti ad un altra specie (Actinidia deliciosa): la prima di queste è stata la Hort 16 A, di proprietà esclusiva della neozelandese Zespri, cui ne sono seguite altre come Jin Tao anche questa legata ad un marchio commerciale, e Soreli la cui coltivazione risulta libera da vincoli. Queste hanno originato un forte interesse commerciale creando i presupposti per una importante riconversione varietale. L actinidia, come è noto, è una pianta che proviene dalla Cina poi diffusa in Nuova Zelanda, ha trovato in Italia, e specialmente nel territorio laziale, segnatamente nelle Province di Roma e Latina, un territorio particolarmente vocato al suo sviluppo tanto da superare da tempo la Nuova Zelanda nella produzione totale di actinidia. La produzione mondiale nel periodo si è attestata nel mondo mediamente intorno ad 1,8 milioni di tonnellate. I primi cinque paesi produttori sono Cina t, Italia t, Nuova Zelanda t, Cile t e Grecia t. Questi 5 paesi rappresentano circa l 87% dell offerta produttiva mondiale. Le esportazioni sono arrivate recentemente a livello mondiale a raggiungere 1,2 milioni di tonnellate a cui l Italia concorre con il 33%, la Nuova Zelanda con il 31%, il Cile con il 12%, la Grecia con il 5%, mentre la rimanente quota del 19% è ridistribuita fra gli altri paesi produttori. La produzione di kiwi è quindi molto concentrata e lo stesso si può dire per la situazione italiana dove, dalle ultime stime, si rileva una superficie di quasi ettari, concentrati per circa l 80% in quattro regioni così rappresentate: Lazio, 32%, Piemonte, 21%, Emilia-Romagna, 14%, Veneto, 13%, Calabria, 6%. Queste cinque regioni insieme producono circa l 86% della produzione nazionale. In riferimento al Lazio la produzione risulta concentrata prevalentemente nelle province di Roma e Latina, che in effetti, dal punto di vista territoriale rappresentano un tutt uno per questa coltura, La zona di Roma, prevalentemente a sud, vede aziende strutturate dove la coltura dell actinidia, trovando la zona vocata, ha generato un elevata specializzazione territoriale e produttiva, con positive ricadute sullo sviluppo socioeconomico e occupazionale, anche se permangono forti criticità inerenti la conservazione e lavorazione per valorizzare il prodotto in una prospettiva di marketing territoriale integrato. Infatti, mancando strutture di stoccaggio, lavorazione e commercializzazione, in particolare cooperative, il prodotto viene acquistato da organizzazioni provenienti dal nord Italia, soprattutto Emilia Romagna e Piemonte. Di conseguenza viene persa l opportunità di sfruttare appieno le potenzialità offerte da questo frutto in termini di conservazione, confezionamento e commercializzazione, assistendo anche, per questi motivi, al conseguente ritorno nelle catene commerciali della provincia del prodotto acquistato in zona, lavorato in altre regioni, e rispedito nella zona di produzione. Ovviamente, le realtà produttive ben affermate continuano a migliorare la loro specializzazione produttiva e la loro vocazionalità, in un processo che tende ad autoalimentarsi e autoimplementarsi, La vocazionalità per l Actinidia del territorio laziale è stata riconosciuta anche a livello europeo con la concessione 98

3 del marchio IGP del kiwi. Non tutto il territorio laziale si può fregiare di questo riconoscimento, ma solo alcuni comuni delle Province di Latina e di Roma, nella quale ultima sono stati individuati i seguenti: Ardea (parte), Pomezia (parte), Marino, Castel Gandolfo, Albano Laziale, Ariccia, Genzano di Roma, Lanuvio, Velletri. Lariano. Artena (parte), Palestrina, Zagarolo. San Cesareo, Colonna. Questa caratterizzazione del kiwi laziale proviene dopo lunghi anni di studi, riconoscimenti, analisi ed anche divulgazioni a livello giornalistico. Uno studio condotto nel 1990 dall Istituto Sperimentale per la Valorizzazione Tecnologica dei Prodotti Agricoli di Milano (Gorini et al, 1987), documentava in modo sperimentale le innegabili caratteristiche del kiwi ottenuto nelle zone sopra menzionate. Nel corso di questi 30 anni, sia la stampa quotidiana sia le riviste specializzate del settore a tiratura nazionale ed internazionale (Il Messaggero, Latina Oggi, Economia Pontina, L Informatore Agrario, Terra e Vita, Italia Agricola, Lazio Agricolo, Rivista di Frutticoltura, Asiafruit Magazine, solo per citarne alcuni) hanno seguito e dedicato ampi articoli al progressivo sviluppo dell'actinidia nella provincia di Roma e Latina, le quali offrono un habitat pedoclimatico ottimale e produzioni quanti-qualitative altamente competitive. Nelle prove di valutazione sensoriale condotte con l ausilio di un panel taste, dopo 3 mesi di conservazione frigorifera, i frutti maturi sono stati valutati per il grado di accettabilità che teneva conto dell'aspetto della polpa, del sapore e della sensazione di piacevolezza. I frutti del Lazio hanno registrato un grado di accettabilità molto elevato (Gorini et al, 1987). Questa maggiore piacevolezza e sapidità tipica di dolce-acidulo gradevole a completa maturazione deriva dalla combinazione di più fattori favorevoli alla coltura quali clima e suoli molto simili a quelli della zona di origine. È noto ed accertato che in alcune zone del comune di Roma segnatamente alle zone dei colli, la bontà dei frutti e lo stato vegetativo delle piante supera quelli di origine. Nei primi anni dello sviluppo di questa coltura, la remunerazione al produttore ha raggiunto livelli impensabili ed inimmaginabili, con quotazioni addirittura di lire al chilo. Nel tempo ovviamente questi prezzi sono rapidamente diminuiti, ma generalmente rimanendo a livelli senz altro più soddisfacenti della maggior parte delle colture frutticole, pur ovviamente con le dovute eccezioni, come ad esempio nell anno 1992 in cui i prezzi sono stati sensibilmente bassi e non remunerativi. Ma volendo sintetizzare, il motivo per cui i produttori della provincia di Roma hanno puntato molto sulla coltura dell actinidia, và ricercato essenzialmente nella sufficiente remunerazione ottenuta da questa coltura. Possiamo dire che la stabilizzazione dei prezzi di questi ultimi anni mostra una oscillazione media intorno ai e/q.le Su quanto delineato si inserisce oggi un fattore limitante di portata eccezionale su scala mondiale: in particolare dal , si è andata sviluppando una malattia batterica causata da Pseudomonas syringae syringae pv actinidiae già nota nel nostro paese ed in particolare nel Lazio con la prima segnalazione proprio in Provincia di Roma nel Fino al 2008, però, questo patogeno non rappresentava un pericolo reale, manifestandosi molto sporadicamente e soprattutto con un aggressività bassissima, bastando eliminare le parti infette per non vederne più i sintomi negli anni successivi. In seguito ad una mutazione dello Pseudomonas, come successivamente è stato verificato da ricerche scientifiche, questo batterio inizialmente ha attaccato pesantemente le varietà a polpa gialla, per poi aggredire in maniera 99

4 diversa (in particolare gli impianti giovani, ad esempio) la varietà verde Hayward. Cure nel vero senso della parola non ne esistono, per cui deve essere applicata una lotta integrata tra i fattori produttivi, operazioni agronomiche, gestione delle risorse idriche, nutrizione, potature ecc. per mettere le piante in condizioni di equilibrio. Dopo un inizio di previsioni allarmistiche che ipotizzavano addirittura la scomparsa della coltura dell actinidia (cosa per altro in effetti avvenuta quasi per intero per alcune varietà a polpa gialla), la situazione appare gestibile almeno per la varietà Hayward. Senz altro, al momento, un impatto sulla coltura c è stato in termini di ettari coltivati (espianti ci sono stati), ed i nuovi impianti hanno subito una battuta d arresto, avendo timore l agricoltore che il nuovo impianto possa ben presto manifestare la malattia e disseccare, vista la conclamata maggior sensibilità media degli impianti giovani. Di conseguenza la produzione totale ha subito una leggera contrazione sia per diminuzione di superfici produttive, sia, in certe annate, per eventi meteorologici favorenti la batteriosi e che in maniera alternata hanno interessato le diverse zone produttive. Riassumendo le possibili conseguenze negative dovute a questa malattia sono: espianti con diminuzione sensibile di produzione in particolare di varietà a polpa gialla, o varietà a maturazione precoce diminuzione di rese per ettaro dovute essenzialmente a pseudomonas viridiflava, in particolare in annate piovose durante la fioritura che provocano una scarsa impollinazione con disseccamento dei fiori Chiaramente, a fronte di diminuzioni produttive, i danni causati dalla batteriosi possono avere ripercussioni anche sul piano del valore della filiera agricola e in termini occupazionali. Ma uno scenario come sopra evidenziato crea comunque delle opportunità verosimili, in quanto: A livello economico, la minore disponibilità di prodotto dovrebbe conseguentemente determinare un innalzamento delle quotazioni di mercato. Nel lungo periodo, è ipotizzabile che aziende più specializzate riescano a mettere in atto più facilmente strategie idonee a contrastare la diffusione della malattia; tale processo potrebbe comportare un innalzamento della resa media. PUNTI DI FORZA PUNTI CRITICI Zona vocata, riconoscimento IGP Elevata qualità qualità organolettiche conservabilità Alto grado di specializzazione Vicinanza mercato di Roma, legati a densità elevata, più turismo Importanti opportunità offerte da filiera corta e km zero Normative europee che incentivano un offerta sempre più organizzata (O.P. ecc.) Eccellenti qualità nutrizionali Burocrazia eccessiva Mancanza credito Mancanza strutture di conservazione, lavorazione e commercializzazione Batteriosi Senilizzazione accentuata degli imprenditori e difficoltà di rinnovamento gestionale Scarsa funzionalità del consorzio di tutela del marchio I.G.P. riconosciuto dalla UE Avversione verso le forme di aggregazione dell offerta, con notevoli perdite di forza contrattuale 100

5 PUNTI DI FORZA Zona vocata/elevata qualità: come sopra esposto il kiwi ha trovato nella Provincia di Roma la zona ottimale per ottenere le migliori produzioni Grazie al clima, alla maggiore radiazione globale e la mancanza o quasi di gelate precoci si ha la possibilità di posticipare la raccolta fino alla seconda decade di novembre ed anche oltre. Ciò consente il raggiungimento nei frutti di un contenuto zuccherino di 6,5-7 gradi Brix alla raccolta pari a circa gradi Brix al consumo, ed una percentuale elevata di sostanza secca che si traduce poi in maggior serbevolezza ed ottenimento di un giusto equilibrio dolce acidulo nel frutto, ottenendo nel contempo una migliore e più duratura conservazione nelle celle frigorifere, tanto che il kiwi di queste aree può essere conservato e quindi venduto fino ai primi di giugno, quando il prodotto di altre zone mostra già problemi di tenuta della polpa alcuni mesi prima. Alto grado di specializzazione: grazie alla estesa diffusione di questa coltura, gli agricoltori hanno raggiunto un elevato grado di specializzazione in particolare in tutte le operazioni colturali legate alle fasi produttive, potendo vantare inoltre un offerta importante in termini di volume di prodotto biologico certificato. Vicinanza mercato di Roma/Filiera corta: la metropoli di Roma, con tutto il contorno delle attività di servizi (mense, ospedali, scuole, ecc) nonché del turismo cultural-gastronomico, rappresenta ovviamente un mercato di importanza strategica per le opportunità in fatto di quantità di prodotto che potrebbe essere consumato a km zero o quasi. PUNTI CRITICI Burocrazia eccessiva: gli adempimenti sotto i più svariati aspetti cui sono sottoposti ormai gli agricoltori, pur giusti ed apprezzabili, rappresentano senz altro una difficoltà nello sviluppo del settore, anche a causa del fatto che l agricoltore di per sé è poco portato, poco incline ad avere a che fare con pratiche burocratiche, spesso anche inutilmente troppo complesse e contradittorie, creando i presupposti per un impossibilità di adempiere a tutti gli obblighimettendo così il coltivatore in condizione di operare in situazioni di semiclandestinità. Inoltre i tempi eccessivamente dilatati con cui vengono erogati i contributi su normative agroambientali o PSR, costringono le aziende a fare fronte ad una scarsa liquidità. Mancanza di credito: in particolare con la crisi recente l accesso al credito, sia agevolato che non, da parte degli agricoltori è praticamente impossibile o molto limitato. Ciò mette in difficoltà l agricoltura non solo per l ordinaria gestione delle aziende, ma soprattutto in ordine ai nuovi investimenti, al rinnovamento dell azienda già strutturata, proprio in un momento in cui è assolutamente indispensabile essere orientati al mercato. Mancanza di strutture di conservazione, lavorazione e commercializzazione: questo è l aspetto più grave e specifico nel settore della frutticoltura ed in particolare della kiwicoltura. La Provincia di Roma vede l assenza o quasi di queste strutture, tipiche delle cooperative dell Emilia Romagna o del settentrione in generale, tanto che la maggior parte del kiwi prodotto nella provincia viene trasferito al nord dove viene stoccato, lavorato, confezionato e commercializzato, togliendo valore aggiunto al territorio della provincia dal punto vista agricolo, ma anche sociale, in quanto vengono perdute grandi opportunità occupazionali, tra l altro di elevata specializzazione. Stimando in q.li la produzione media annua di kiwi nella Provincia di Roma e considerando una capacità ordinaria di 2 q.li di prodotto confezionato all ora per persona ed aggiungendo un 20% di lavoro indiretto 101

6 (movimentazione, amministrazione, ecc), in termini occupazionali la Provincia di Roma perde circa giornate di lavoro annue, pari a 300 posti di lavoro stagionali, senza considerare l indotto generato da strutture di conservazione e lavorazione (fabbriche di cartone e di materiali vari da packaging, personale tecnico a supporto delle strutture frigorifere, ecc). Oltre a tutto, ciò si traduce anche in un dispendio di energie e di negative ricadute ecologiche a causa del trasporto, tradizionalmente operato su gomma, visto che il prodotto compie due viaggi, uno per andare grezzo al nord ed uno per tornare in loco ormai confezionato. Batteriosi: come accennato, questa malattia, che ha azzerato o quasi il kiwi a polpa gialla (ora si stanno testando nuove varietà se non resistenti, almeno tolleranti al batterio), rappresenta un temibile rischio per il futuro della coltura, anche se si deve dire che le misure messe in atto negli ultimi anni per la difesa, unita ad una maggiore tolleranza della vecchia varietà Hayward rispetto alle varietà a polpa gialla, lasciano ancora ampi spazi di prospettive positive Per sopperire o almeno ridurre l impatto dei punti di debolezza visti sopra sarebbe auspicabile una serie di interventi da mettere in campo allo scopo: Migliorare ed incentivare i collegamenti tra enti di ricerca e mondo della produzione: spesso i due mondi sono separati tra loro o quanto meno vi è la difficoltà di far giungere al mondo produttivo in modo semplice e chiaro i risultati delle ricerche intraprese nel campo dell agricoltura. Stimolare sostenendo, la creazione di strutture adatte alla conservazione e lavorazione della frutta. Incentivare e implementare una innovazione nel senso di adeguamenti strutturali e di know-how, eventualmente indirizzando le aziende verso un ricambio generazionale ove possibile. Integrare i nuovi soggetti in strutture commerciali come le O.P. o strutture coperative, capaci di una migliore penetrazione nei mercati e di esercitare una forza contrattuale non in possesso degli stessi soggetti se non in forma aggregata. Coordinare queste nuove realtà nell ambito del consorzio di tutela del marchio I.G.P. per avvalersi al meglio delle opportunità che questo può offrire. 102

Disciplinare dell'indicazione Geografica Protetta Kiwi Latina

Disciplinare dell'indicazione Geografica Protetta Kiwi Latina Disciplinare dell'indicazione Geografica Protetta Kiwi Latina Arti \'.:. /' ' ' ;'.Q/ Denominazione L'Indicazione Geografica Protetta KIWI LATINA è riservata esclusivamente al kiwi rispondente alle condizioni

Dettagli

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia La Cia ha più volte espresso la sua posizione sulla Riforma della Pac e sul documento base presentato dalla Commissione

Dettagli

Analisi economico-finanziaria delle produzioni frutticole: costi e. in Europa

Analisi economico-finanziaria delle produzioni frutticole: costi e. in Europa Centro Servizi Ortofrutticoli Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Alma er Studiorum Università di Bologna Analisi economico-finanziaria delle produzioni frutticole: costi e redditività dell'actinidia

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Clorosi ferrica, disponibilità di altri elementi nutritivi e necessità di acqua irrigua sono alcuni dei maggior punti dolenti della coltura.

Clorosi ferrica, disponibilità di altri elementi nutritivi e necessità di acqua irrigua sono alcuni dei maggior punti dolenti della coltura. home >> schede tecniche colturali di sintesi >> Actinidia Actinidia Premessa Strana coltura quella del kiwi, poiché, per vantaggiose condizioni di mercato e per le potenzialità produttive, ha trovato collocazione

Dettagli

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100)

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100) Il mercato della frutta in Italia Nelle ultime settimane il mercato della frutta è stato contraddistinto dai prodotti tipici del periodo estivo ed in particolare: pesche, nettarine, percoche, albicocche,

Dettagli

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti Chi siamo Fruttagel è un consorzio cooperativo, il cui scopo è dare valore a tutti gli stadi della filiera agroindustriale. A monte vi è il socio produttore, o il fornitore, che viene assistito per garantire

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

Gli strumenti di Politica Agraria

Gli strumenti di Politica Agraria Gli strumenti di Politica Agraria Prof. Andrea Segrè 1 Motivazioni degli interventi di politica agraria Migliorare il collegamento delle imprese agricole con il mercato Facilitare la concentrazione Stabilizzare

Dettagli

IL PUNTO SULLA PRODUZIONE DI PROGETTI APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE

IL PUNTO SULLA PRODUZIONE DI PROGETTI APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE CSO - ALBICOCCHE UE / ALBICOCCHE: trend della produzione A livello generale la produzione di albicocche nella UE è sostanzialmente stabile e si aggira, recentemente, sulle 650.000 tonnellate annue ma è

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

L OLIVICOLTURA SUPERINTENSIVA ITALIANA DEVE PUNTARE ALL ALTA QUALITA DEL PRODOTTO

L OLIVICOLTURA SUPERINTENSIVA ITALIANA DEVE PUNTARE ALL ALTA QUALITA DEL PRODOTTO L OLIVICOLTURA SUPERINTENSIVA ITALIANA DEVE PUNTARE ALL ALTA QUALITA DEL PRODOTTO A cura di : Alessandro Mersi - www.olivolio.net - info@olivolio.net Consulente Tecnico in Olivicoltura, Tecniche e Sistemi

Dettagli

Claudio Ansanelli. Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania

Claudio Ansanelli. Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania Claudio Ansanelli Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania Un altro convegno, ma non se ne fanno giàtroppi? Stamattina ci occuperemo fondamentalmente

Dettagli

Considerazioni sulla convenienza economica del kiwi alla luce della problematica emergente della batteriosi da PSA

Considerazioni sulla convenienza economica del kiwi alla luce della problematica emergente della batteriosi da PSA Considerazioni sulla convenienza economica del kiwi alla luce della problematica emergente della batteriosi da PSA Graziano Vittone e Davide Nari COME SI DETERMINA IL COSTO DI PRODUZIONE? COSTI ESPLICITI

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto Luciano Trentini Marco Mingozzi Piemonte Ha 5.000 20% Veneto Ha 3.700-14% Emilia-Romagna 4.000 Ha - 15% Lazio Ha 7.350 30% Il

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE.

PRESENTAZIONE AZIENDALE. PRESENTAZIONE AZIENDALE. AZIENDA AGRICOLA PARISI DONATO c/da SCINETTO 87068 ROSSANO(CS) L Azienda Agricola Parisi Donato condotta dal Titolare da cui l Azienda prende appunto il nome, è situata nel territorio

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA La fotografia La rilevanza del comparto L elevata vocazione produttiva del territorio nazionale ed il consolidarsi di tradizioni colturali hanno consentito

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI Progetto GAIA Strumento innovativo per l efficienza economica delle imprese vitivinicole Mis. 124 Cooperazione per lo sviluppo

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

IL MERCATO DELLE ARANCE

IL MERCATO DELLE ARANCE IL MERCATO DELLE ARANCE tendenze recenti e dinamiche attese Catania, 11 luglio 2013 QUALI ELEMENTI DI CRITICITÀ dimensione aziendale medio-bassa, impianti poco moderni, problemi fitosanitari (virosi) filiera

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato La gestione del rischio Gregorio Rigotti Dipartimento Territorio, Agricoltura, Ambiente e Foreste Trento, 6 marzo 2014 Contenuti La

Dettagli

REPORT IKO 2012. Settembre 2012

REPORT IKO 2012. Settembre 2012 Settembre 2012 L incontro annuale dell IKO (International Kiwifruit Organization) si è tenuto quest anno in California (USA), ad Healdsburg, dal 23 al 25 settembre. Erano presenti le delegazioni di Italia,

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie

Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie Rivoira, nuovo magazzino hi-tech e nuove strategie Confezionamento in diretta ed elevata automazione Eugenio Felice L impianto più avanzato d Europa per la lavorazione di frutta estiva e kiwi si trova

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

Attivatore delle autodifese della pianta per la lotta contro il cancro batterico dell actinidia (PSA)

Attivatore delle autodifese della pianta per la lotta contro il cancro batterico dell actinidia (PSA) BION 50 WG Attivatore delle autodifese della pianta per la lotta contro il cancro batterico dell actinidia (PSA) BION 50 WG ha ottenuto la registrazione di emergenza fitosanitaria ai sensi dell art. 53,

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Il sistema agro-alimentare

Il sistema agro-alimentare Il sistema agro-alimentare Aziende produttrici di input per l agricoltura Aziende agricole (di coltivazione e di allevamento) Aziende di trasformazione alimentare dei prodotti agricoli Aziende della distribuzione

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Andrea Bonfiglio Direttore editoriale Agrimarcheuropa Dipartimento di Scienze economiche e sociali Università Politecnica delle Marche VENERDÌ

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

SPECIALE INTERVISTE ORTOFRUTTA D ITALIA PANORAMA FRAGOLE: VARIETÀ, INNOVAZIONI STRATEGIE DI SVILUPPO DELLE AZIENDE LEADER ITALIANE

SPECIALE INTERVISTE ORTOFRUTTA D ITALIA PANORAMA FRAGOLE: VARIETÀ, INNOVAZIONI STRATEGIE DI SVILUPPO DELLE AZIENDE LEADER ITALIANE SPECIALE INTERVISTE ORTOFRUTTA D ITALIA PANORAMA FRAGOLE: VARIETÀ, INNOVAZIONI STRATEGIE DI SVILUPPO DELLE AZIENDE LEADER ITALIANE L Italia è uno dei paesi europei più importanti per la produzione di fragole

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla Mercato del biologico La Filiera Relazione dott. G.Tecilla Il mercato BIO in Italia Il BIO in Italia vale 3 miliardi di euro e continua a crescere: la spesa domestica di prodotti biologici è salita nel

Dettagli

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Indice Le motivazioni del futuro imprenditore agricolo Le difficoltà Opportunità

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «COSTA VIOLA» Approvato con DM 27.10.1995 G.U. 266-14.11.1995 Modificato con DM 24.07.2009 G.U. 184-10.08.2009 Modificato con DM 30.11.2011

Dettagli

Il metodo biologico per la produzione di uva da tavola

Il metodo biologico per la produzione di uva da tavola Il metodo biologico per la produzione di uva da tavola Consiste nell impiego di bio fungicidi - insetticidi per la protezione della vite dai parassiti. Per le malattie più temibili sono impiegati lo zolfo

Dettagli

ANNO Superficie (ha) 1929 2.832 1955 4.839 1960 5.206 1965 4.992 1975 6.652 2000 7.800 2006 12.057 2014 16.624

ANNO Superficie (ha) 1929 2.832 1955 4.839 1960 5.206 1965 4.992 1975 6.652 2000 7.800 2006 12.057 2014 16.624 Il nocciolo è coltivato in Piemonte fin dalla fine del XIX secolo. La varietà utilizzata era conosciuta come Tonda Gentile del Piemonte o Ronde du Piémont. Il prodotto veniva esportato nei paesi esteri,

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE NOTIZIARIO DOCUMENTI Alessandro Corsi Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia S. Cognetti de Martiis AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE ab agricoltura biologica L Agricoltura biologica

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Documento programmatico Settore FLOROVIVAISTICO

Documento programmatico Settore FLOROVIVAISTICO Documento programmatico Settore FLOROVIVAISTICO La cooperativa è un'associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici, sociali e culturali comuni

Dettagli

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009)

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009) Obiettivo 14-2010 in collaborazione con Mercato Italiano GRANO TENERO Il panorama generale del mercato nazionale può essere definito leggermente migliore: il ridursi della disponibilità di prodotto nazionale

Dettagli

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE SEMINARIO: IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE PER LA PAC E LO SVILUPPO RURALE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE REGIONE PIEMONTE D.ssa Caterina

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

5.3.1.3.2 MISURA 132 - Sostegno agli agricoltori che partecipano ai sistemi di qualità alimentare

5.3.1.3.2 MISURA 132 - Sostegno agli agricoltori che partecipano ai sistemi di qualità alimentare 5.3.1.3.2 MISURA 132 - Sostegno agli agricoltori che partecipano ai sistemi di qualità alimentare Riferimenti normativi Articolo 32, Regolamento CE 1698/05 Articolo 22 del Regolamento CE n. 1974/2006 e

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili

Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili ISTAT - Censimento 2000 Provincia Arezzo Coltivazioni arboree ha 23.509,74 ISTAT - Censimento 2010 Provincia

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Documenti FLAI. Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE

Documenti FLAI. Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE PER USCIRE DALLA CRISI E GUARDARE AL FUTURO SERVE UNA POLITICA INDUSTRIALE Le proposte della Cgil Documenti FLAI Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE Giovedì 8 Ottobre 2009 Sala del Tempio

Dettagli

I risultati economici delle aziende biologiche

I risultati economici delle aziende biologiche I risultati economici delle aziende biologiche di Davide Marino e Alfonso Scardera 1 Analisi economica comparata dei processi produttivi biologici e di quelli convenzionali Sebbene l'attenzione degli economisti

Dettagli

Bevande a base di Aloe Vera

Bevande a base di Aloe Vera Bevande a base di Aloe Vera Cibo in un bicchiere Per secoli l Aloe Vera è stata usata da molte civiltà nel mondo per le sue proprietà curative e per i suoi effetti benefici sulla salute. Il suo Gel contiene

Dettagli

La pericoltura si colloca ormai da

La pericoltura si colloca ormai da Tecnica SPECIALE PERO La redditività premia Abate Fetel, da migliorare la valorizzazione della William ALESSANDRO PALMIERI - CARLO PIRAZZOLI Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Università di

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 2009 3 RAPPORTO OGGETTO E SOGGETTO DELL OSSERVATORIO OGGETTO Ciò che è nuovo per l azienda che,

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve

Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo breve Torna all indice Convegno di Studio: Le biomasse agricole e forestali nello scenario energetico nazionale Progetto Fuoco (Verona 18-19 Marzo 24) Redditività delle colture forestali energetiche a ciclo

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020

Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020 IX Edizione Frutta dell Autunno XXVII Mostra Pomologica Incontro La Biodiversità vegetale della Campania La biodiversità nella programmazione PSR 2014-2020 Caserta, 10 ottobre 2014 CRA- Unità di Ricerca

Dettagli

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano Semine 2012 Con le semine del 2012 si è completata la vecchia riforma: tutti gli aiuti accoppiati sono stati

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Convenzione MPS-MIVA: Aziende vitivinicole clienti dei Vivaisti associati MIVA

Convenzione MPS-MIVA: Aziende vitivinicole clienti dei Vivaisti associati MIVA Siena, 2009 Spett.le MIVA Moltiplicatori Italiani Viticoli Associati Via Volterrana 57 50124 FIRENZE FI C. Att. Fabio Burroni Oggetto: Collaborazione Banca MontePaschi con MIVA Signori, in relazione allo

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Protocollo di micropropagazione di cultivar meridionali di olivo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Nella prova spwerimentale il miglior adattamento alla coltura in vitro è

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

Banco Alimentare Campania ONLUS

Banco Alimentare Campania ONLUS La Rete Banco Alimentare opera da 21 anni sul territorio nazionale e provvede, in particolare, alla raccolta delle eccedenze di produzione agricole, dell industria, specialmente alimentare, della Grande

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo Indagini di clima Metodologia Panel Ismea Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo I Panel Ismea Ismea conduce sistematicamente delle indagini congiunturali e tendenziali

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015 Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo Incontro con la stampa Bologna, 5 giugno 2015 COPROB rappresenta il sogno del Sen. Giovanni Bersani che nel 1962

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE

FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE FITOPATOLOGIA METODI DI DIFESA DELLE PRODUZIONI AGRARIE PRINCIPI DI FITOPATOLOGIA DEFINIZIONE MALATTIA: insorgenza nelle pianta di processi fisiologici anormali di tipo persistente o semipersistente che

Dettagli

Art. 1 Oggetto dell avviso pubblico

Art. 1 Oggetto dell avviso pubblico Allegato 1 AVVISO PUBBLICO CONCORSO DI IDEE PER LA PRESENTAZIONE DI IDEE INNOVATIVE E BUONE PRATICHE GIÀ SVILUPPATE E OPERANTI IN TOSCANA COERENTI CON IL TEMA DI EXPO MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA

Dettagli