Notizie sugli artisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie sugli artisti"

Transcript

1 Notizie sugli artisti JOSEPH BEUYS Krefeld, 1921; Düsseldorf, Dopo la chiamata nell esercito nel 1940, viene addestrato e reclutato come aviere durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel 1943 il suo aereo viene colpito dalla contraerea russa e precipita; viene salvato e soccorso dai Tartari. Dopo la guerra decide di interessarsi esclusivamente ai propri interessi artistici: nel 1947 si iscrive all Accademia di Belle Arti di Düsseldorf, frequentando la classe del prof. Enseling. Nel 1949 si iscrive alla scuola di Ewald Matarè, in cui viene valorizzato l aspetto di manualità nella creazione artistica. Dal 1949 al 1952 Beuys lavora alle proprie prime opere plastiche, che si aggiungono alla produzione di disegni a partire dall immediato dopoguerra. Nei primi anni Cinquanta lavora principalmente su commissione privata; i fratelli var der Grinten iniziano a collezionare incisioni su legno e disegno e nel 1953 aprono la prima personale di Beuys a Kranenburg. Nel 1954, terminati gli studi, affitta uno studio in un edificio di Düsseldorf. Tra il 1962 e il 1965 stabilisce dei contatti con il gruppo Fluxus e partecipa a diverse manifestazioni, comprese alcune tenute all Accademia di Belle Arti di Düsseldorf, dove insegnava dal Interessato dall elemento musicale, collabora con musicisti come Henning Christiansen, John Cage e Stockhausen. In questo periodo dà vita anche alle prime azioni quali ad esempio Symphonie, I. Satz e Komposition für zwei Musikanten. Nel 1963 partecipa ad un serata alla Galleria Zwirner a Colonia e utilizza per la prima volta il grasso, poi usato costantemente nella propria produzione artistica. Il suo primo incontro con il grande pubblico avviene in occasione della Documenta III del 1964, in cui partecipa con disegni e sculture relativi al periodo Da questo momento fino al 1986 Joseph Beuys espone in numerose esposizioni, tra cui Documenta (Kassel, 1968, 1972, 1977, 1982), Biennale di Venezia (Venezia, 1976,1980, 1984), Skulptur Project (Münster, 1977), e nei più importanti musei e gallerie di carattere internazionale. Il video esposto in mostra, Coyote I like America and America likes me, è il risultato di una lunga azione compiuta da Beuys nel 1974 alla galleria Renè Block di New York. L artista, giunto alla galleria a bordo di un ambulanza per non toccare il suolo americano, trascorrerà tre giorni in una gabbia con un coyote. A poco a poco la presenza di Beuys viene riconosciuta e accettata dall animale selvaggio e tra i due si instaura una sorta di comunicazione silente, che fa cambiare di segno tutto il contesto: il tempo si dilata, dando corpo ad una realtà utopica ed il luogo diviene una sorta di spazio sospeso, in cui si sta svolgendo un rituale. MARCEL BROODHTAERS Brussels, 1924; Colonia, Studente di chimica, abbandona gli studi per concentrarsi sulla poesia, in particolare sulle opere di Mallarmè. Alla fine degli anni Cinquanta pubblica la sua prima raccolta di poesie in quattro volumi Mon livre d Ogre e produce il suo primo film La Clef de l Horlogne, un poème cinematographique, in onore a Kurt Schwitters. Nel 1963 posa la propria ultima raccolta su un piatto e la espone come fosse una scultura; dal 1964 al 1970 le sue opere si sposteranno proprio su questo fronte, coinvolgendo l assemblaggio e l accumulazione di materiali ad un generale senso di assurdo e di ironia. Nel 1968 si proclama conservatore del Musée d'art Moderne département des aigles che egli stesso ha creato, con l obiettivo di ragionare sul significato del termine museo e sulle sue funzioni. Nell ultima fase della sua produzione, sposta la sua attenzione sul film e sul montaggio di diapositive e trasforma le sue esposizioni in opere d arte che abbiano per tema la critica alla visione e al mostrare, il senso ed il contesto, la messa in scena della mostra e il museo. I lavori di Broodthaers sono stati esposti in varie mostre personali, tra cui Der Adler vom Oligozän bis Heute, Städtische Kunsthalle (Düsseldorf, 1972), Section Financière, Galerie Michael Werner, fiera di Colonia (Colonia, 1971), Section Cinéma, Haus Burgplatz (Düsseldorf, 1971), Section XIXème Siècle, Rue de la Pépinière, Brussels 1969 Section XVIIIème Siècle, Galerie (Antwerp, 1968). Tra le esposizioni collettive a cui ha preso parte Documenta 5 (Kassel, 1972), Between 4, Städtische Kunsthalle (Düsseldorf, 1970). La Pleuie (Projet pour un texte) è un brevissimo video, della durata di due minuti, che vede l artista ripreso mentre tenta di scrivere un testo sotto la pioggia: mentre scrive le sue parole vengono a mano a mano cancellate dall acqua e l inchiostro dilavato assume le sembianze di un vero e proprio disegno.

2 JOHN CAGE Los Angeles, 1912; New York, John Cage è allievo di F.Ch. Dillon ed in seguito studia composizione a Parigi con R.Buhling, A.Weiss, H.Cowell e A.Schoenberg. Insegna in varie istituzioni americane, fra cui Cornish School di Seattle ( ), Mills College in Oakland (1938), Chicago Institute of Design(1941), Black Mountain College (1948, 1952), New School for Social Research di New York ( ). Nel 1948 inizia la collaborazione con il ballerino M. Cunningham. Nel 1949 ottiene delle sovvenzioni dalla Fondazione Guggenheim ed in seguito dalla National Academy of Arts and Letters per ricerche in campo musicale. Partecipa a numerosi festival di musica d avanguardia negli Stati Uniti e in Europa, ampliando progressivamente il concetto di musica fino ad eliminare ogni definizione che distingua e separi questa manifestazione artistica dalle altre. In un primo periodo, Cage si dedica quasi esclusivamente alla musica percussiva, caratterizzata dalla ricerca di soluzioni timbriche e ritmiche originali e che porterà alla nascita del pianoforte preparato(tra il 1938 e il 1951); allo stesso periodo risalgono anche Quartet per 12 tom-tom (1935), Imaginary Landscape n.1 (1939) e First Construction (1939), composizioni che fanno ricorso a differenti sistemi percussivi attraverso l utilizzo ad esempio di tazzine da riso, cerchi di automobile, latte di benzina, ecc. Tra il 1940 e il 1950 Cage si avvicina al buddismo Zen che si stava diffondendo in USA e che non rappresenterà solo una fonte di ispirazione per l artista, ma una vera e propria impostazione teorico-filosofica in base alla quale ridiscutere il concetto stesso di musica ed in cui si farà spazio l idea di silenzio come unica possibilità di rappresentare l illuminazione, meta senza intenzione della meditazione zen. Non-intenzionalità e silenzio rappresenteranno a partire da questo periodo il fondamento della musica di Cage. Dalla non intenzione deriverà soprattutto il ricorso a tecniche aleatorie e casuali volte a eliminare l aspetto soggettivo dal processo compositivo, che deve così essere subordinato alla disorganizzazione propria della realtà. Anche in Please Play or The Mother, the Father or the Family il silenzio sembra governare la scena. Un pianoforte giace a terra, rovesciato, nell impossibilità di emettere dei suoni e, sotto di lui, una pila di stoffe lo tengono sospeso dal suolo. I tessuti, collocati in corrispondenza della cassa armonica, ribadiscono un intenzione silenziosa: infatti, anche se le corde stessero vibrando, i panneggi attutirebbero qualsiasi suono, rendendolo impercettibile. MIRCEA CANTOR È nato nel 1977 a Cluj. Vive e lavora a Parigi e Cluj. Originario della Romania, dopo l apertura delle frontiere dei paesi dell Est nei primi anni Novanta, ha viaggiato molto in Europa, facendo diventare parte della propria ricerca artistica l analisi delle differenti culture e realtà incontrate e del particolare fenomeno legato al turismo di massa. Anche lo sguardo, captato da questa sorta di consumismo del viaggio, viene tratto in inganno e cade in una rete di biases, di incomprensioni e di fraintendimenti interpretativi che impediscono la fruizione dell esperienza e l artista cerca, attraverso l utilizzo di media che spaziano tra video, fotografia, installazione, scultura, azione collettiva e pubblicistica - di capire in che modo sia possibile trovare uno spazio per la partecipazione del singolo, per l introduzione di gesti minimi che portino lo sguardo a ri-focalizzarsi sulla realtà vissuta. L opera esposta in mostra, Deeparture, crea in chi la osserva una forte aspettativa, una continua attesa di una svolta: sulla scena si muovono infatti un cervo e un lupo, chiusi in una stanza. Tra i due animali non si scatena invece alcuna lotta e le azioni si cadenzano e alternano in modo razionale, quasi irreale. Ha esposto in mostre personali quali Mircea Cantor: Born to be burnt, GAMeC Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo (2006), Deeparture, Yvon Lambert, New York (2005), Si tu marche plus vite, il pleut moins fort, Centro arte moderna, Gulbenkian Fondation, Lisbona (2005), Preview, Magazzino d'arte Moderna, Roma (2004), Corporate identity, FRAC des Pays de la Loire, Carquefou (2003). Nel 2004, in qualità di vincitore del Paul Ricard Prize ha esposto in una personale presso il Centre George Pompidou di Parigi. Tra le esposizioni più recenti a cui ha preso parte Busan Biennial, Busan, Korea del Sud (2006), Printemps de septembre, Toulouse (2006), 4th Berlino Biennial for contemporary art, Berlino (2006), Notre Histoire..., Palais de Tokyo, Parigi (2006), War is over, The Freedom of Art from Picasso to Warhol and Cattelan, GAMeC-Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo (2005), On Difference, Wuertenmbergischer Kunstverein, Stoccarda (2005), Tirana Biennale 2, National Gallery of Arts, Tirana (2002), Biennale di Venezia (2003, 2001). GIUSEPPE CHIARI Firenze, 1926; Firenze, Giuseppe Chiari intraprende parallelamente gli studi di ingegneria e quelli di pianoforte e composizione, con l intenzione di diventare un pianista jazz; si interessa inoltre da subito ad architettura, cinema, arti visive e letteratura. A Firenze negli anni Cinquanta entra in contatto con i risultati delle ricerche musicali di John Cage, portati nella città da Sylvano Bussotti; comincia ad interessarsi anche alle ricerche sperimentali legate alla musica visiva e con Pietro Grossi - entusiasta dalla preparazione matematica di Chiari e dalla sua conoscenza delle avanguardie musicali - costituisce l associazione Vita musicale contemporanea, punto di incontro per raffronti tra discipline matematiche e musicali. A partire dagli anni Sessanta Chiari, insieme a Bussotti e Cage, inizia ad addentrarsi nell aspetto grafico-visivo della scrittura musicale, basandosi sulla parole in libertà e sulle parolibere futuriste, iniziando a creare delle partiture in grado di trasformarsi in diagrammi, non eseguibili, bensì guardabili. Dal 1962 aderisce al gruppo Fluxus, interessato all idea di rifuggire la storia e sostituirla con il quotidiano, con il vivere hic et nunc, ricordando che il compito dell artista sta proprio nel raccordare intime relazioni tra l essere umano quotidiano e l universo circostante. Nello stesso anno, al Festival di Wiesbaden, esegue l opera Gesti sul piano, esempio emblematico del pensiero sviluppato dall artista; in questa azione le mani si muovono sulla tastiera mentre si mettono in movimento le altre parti del corpo, si intrecciano le braccia, si bloccano, riprendono ad agitarsi. Lo strumento musicale viene infatti vissuto da Chiari non come un mezzo, ma come un prolungamento corporeo, in grado di provocare esperienze estetiche/plastiche e atteggiamenti espressivi, in totale simbiosi con il corpo umano. Tale

3 simbiosi viene confermata anche da altre performance di Chiari, tra cui Suonare il piano da lontano, dove l artista, seduto a tre metri di distanza del pianoforte, immobile, riesce grazie alla complicità estetica instaurata con lo strumento, a far immaginare un suono effimero, invisibile. L opera in mostra presenta un pianoforte considerato in modo completamente differente: è lì, immobile e statico, senza suono. Chiari intitola infatti l opera emblematicamente Scultura per pianoforte, come se lo strumento fosse lì per essere osservato per le sue qualità plastiche ed estetiche e non per il suo potenziale sonoro. JIMMIE DURHAM È nato ad Arkansas nel Vive e lavora a Roma. La sua ricerca spazia dall arte visiva alla saggistica; Durham è anche attivista politico dell American Indian Movement. Durante gli anni Settanta si dedica maggiormente al teatro e alla performance artistica, mentre durante gli anni Ottanta inizia a creare installazioni e assemblage che hanno come base la propria cultura, nel tentativo di decostruire gli stereotipi e i pregiudizi insiti nella cultura occidentale. Il recupero dei materiali e della materialità, unito all interesse per gli oggetti, vuole in qualche modo essere una risposta, spesso ironica, alla diffidenza dimostrata dalla cultura occidentale nei confronti di credenze e modelli di vita differenti. Anche l opera in mostra, Stoning the Refrigerator, del 1996, vuole essere una critica alla società occidentale: Durham scaglia infatti delle pietre contro un frigorifero fino ad arrivare a distruggerlo, in segno di protesta contro il mondo tecnologico ed il consumismo che produce. Jimmie Durham ha preso parte a numerose esposizioni internazionali, tra cui la Whitney Biennial (New York, 2006), la Biennale di Venezia (Venezia, 2005, 2003, 2001, 1999), la Biennale di Tirana (Tirana, 2005) e la Biennale di Sidney (Sidney, 2004), Documenta IX (Kassel, 1992). Tra le esposizioni più recenti a cui ha partecipato QUAUHNAHUAC - Die Gerade ist eine Utopie, Kunsthalle Basel, Basilea (2006), THE 1980s - A TOPOLOGY, Museu Serralves - Museu de Arte Contemporânea, Porto (2006), Collectiepresentatie XVI - Attributen en Substantie, MuHKA Museum voor Hedendaagse Kunst Antwerpen, Anversa (2006), JIMMIE DURHAM Glass ANNE SCHNEIDER -...und Wachs!, Christine König Galerie, Vienna (2006), Fuori Uso 2005: La strada, Pescara (2005), MuHKA Museum voor Hedendaagse Kunst Antwerpen, Anversa (2005, 2004), (my private) Heroes, MARTa Herford, Herford (2005), 100 Artists See God, ICA - Institute of Contemporary Arts London, Londra (2004), Le ragioni della leggerezza, Galleria Francosoffiantino Artecontemporanea, Torino (2004), Jimmie Durham - Semi-Specific Objects and Almost-Related Words, Leopold Hoesch Museum, Düren (2003), Gelijk het leven is, SMAK - Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, Gent (2003), RETROSPECTACLE: 25 Years of Collecting Modern and Denver Art Museum, Denver (2002), Over The Edges, SMAK - Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, Gent (2000). JAN FABRE È nato ad Anversa nel Vive e lavora ad Anversa. La sua ricerca spazia in campi differenti, dalla scultura al disegno, dalla regia alla scrittura di drammi teatrali. I lavori di Fabre si imperniano attorno ad una ricerca costante attorno ai temi della vita e della morte, della caducità e del dolore, modellandoli fino ad assumere le differenti forme della poesia, dell installazione, del video, della performance. Dal 1976 al 1982 ha dato vita a numerose performances, tra cui Bill us later alla Mott Street Gallery (New York, 1979) e Ilad of the Bic-Art alla galleria the Appel di Amsterdam (1980), replicata al Salon Odessa (Leiden, 1981). Dal 1977 Fabre ha realizzato numerosi film, quali The flight (1979), Two worms (1979), Suicide (1980), The Bag (1980), The Meeting/Vstrecha (1997), The Problem (2001), Je suis sang (2001), Angel of Death (2002), The crying body (2004). Tra le opera pubbliche maggiormente conosciute, quelle al Tivoli Castle in Mechelen (1990), The man who measures the clouds (SMAK, Gent, 1998)e Heaven of Delight (Royal Palace, Brussels, 2002). Sue mostre personali si sono tenute in vari musei, tra i quali ad esempio Kunsthalle Basel, Centro de Arte Moderna Lissabon, Palais des Beaux-Arts Brussels, Kunstverein Hannover, Stedelijk Museum Amsterdam, Ludwig Muzeum Budapest, Muhka Antwerp, Haggerty Museum of Art Milwaukee, Museum of Contemporary Art Warshaw, Sprengel Museum Hannover, Smak Ghent, Kunstnernes Hus Oslo, Fundacio Joan Miro Barcelona, Musée d Art moderne et d Art Contemporain Nice and Musée d Art Contemporain Lyon. Nel 2005 Fabre ha preso parte alla mostra La Belgique visionnaire al Palais des Beaux Arts di Brüssel, ultima esposizione curata da Harald Szeemann; dello stesso anno la grande mostra Homo Faber al Muhka Museum of Contemporary Art and the Royal Museum for Fine Arts di Anversa, curata da Giacinto di Pietrantonio. Dall 8 giugno al 21 settembre 2007 a Venezia si è tenuta la mostra Jan Fabre. Anthropology of a Planet, a cura di Giacinto di Pietrantonio, evento collaterale alla 52 Biennale d Arte di Venezia. Jan Fabre ha preso parte a numerosi eventi di carattere internazionale quali Biennale di Venezia (Venezia, 2007, 2003, 1990, 1984), Documenta (Kassel, 1992, 1982), Sao Paolo Biennal (1991), Biennale di Lyon (Lyon, 2000), Valencia Biennal (Valencia, 2001) e Istanbul Biennale (Istanbul, 2001, 1992). Nell opera in mostra, reso visibile dalla luce di uno spot, compare il capo dell artista: questo emerge da un cumulo di terra, come scordato ed abbandonato dopo una sepoltura frettolosa e disattenta. Ma questa è proprio l accorta ed impietosa punizione per l artista, che non può trovare pace nemmeno nella morte. Quello che di lui continuerà a spuntare dalla terra, sarà infatti sempre il cervello, sede dell immaginazione, della creazione artistica, dei contraddittori dibattimenti tra le emozioni, del pensiero. La luce che illumina l artista è blu e riporta al concetto dell ora blu utilizzato da Fabre in molte opere: questa è infatti l ora che l artista preferisce, particolare momento in cui le luci della notte trasfondono in quelle dell alba. C è nell ora blu un silenzio quasi sublime, in cui le cose sembrano scivolare e aprirsi al cambiamento e l artista è all erta, pronto per cogliere un qualcosa indefinito ed imprevedibile che potrebbe avere luogo.

4 LARA FAVARETTO È nata nel 1973 a Treviso. Vive e lavora a Torino. Dopo aver frequentato l'accademia di Belle Arti di Brera a Milano ed il Corso Superiore di Arte Visiva alla Fondazione Antonio Ratti di Como (1998) ha ottenuto in rapida successione una serie di riconoscimenti vincendo nel 2001 il Premio Furla per l arte ed una borsa di studio annuale al PS1 di New York, conseguendo successivamente una borsa di studio istituita dal Castello di Rivoli nel 2004 e ricevendo infine nel 2005 il premio alla Biennale di Venezia per la giovane arte italiana con il video La terra è troppo grande. Dello stesso anno anche E una risata vi seppellirà (Omaggio a Gino De Dominicis), opera in cui una scatola nera messa a terra riproduce uno scoppio di risa che si prolunga, suscitando smarrimento e sorpresa nello spettatore che la osserva. Il titolo dell opera fa riferimento al famoso slogan anarchico di fine Ottocento una risata vi seppellirà, molto popolare anche durante gli anni Settanta del 1900 a significare, in segno di protesta, che oppressione e disuguaglianza sarebbero state eliminate grazie ala gioia di chi ha la consapevolezza di lottare per il giusto, per i propri diritti. Del 1971 anche l opera D IO di Gino De Dominicis, realizzata alla Galleria Sargentini a Roma: il pubblico, invitato a visitare la galleria durante i lavori di ristrutturazione, si trovava di fronte ad una lunga risata che risuonava negli spazi vuoti della galleria. Alla base dei lavori di Lara Favaretto sta spesso proprio l idea che l opera è una sorpresa. È imprevedibile e si esplica in una serie di opere in cui il risultato è cercato per avvicinamenti ed elaborazioni successive ed è spesso eluso, rischiando di non essere nemmeno trovato. In Doing (1998) o Per imparare a cantare dovete cantare (1999) l artista sceglie infatti di spostarsi a lato, perdendo il controllo totale e assumendo il ruolo di orchestratore attento, ma aperto a risultati inaspettati e soluzioni sconosciute. Lara Favaretto ha dato vita a numerose performances, tra cui Confetti Canyon (MOCA The Museum of Contemporary Art, Los Angeles 2005; SMAK, Gent 2003, Palazzo delle Papesse, Siena 1999), Treat or Trick (Eldorado project room, GAMeC Galleria d'arte Moderna e Contemporanea, Bergamo 2003; MART Museo d'arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Palazzo delle Albere, Trento 2003; Place Saint Cathrine, Bruxelles 2003), Per imparare a cantare dovete cantare (Futuro, Roma 1999) e Doing (Palazzo delle Papesse, Siena 1998). Tra le mostre personali dell artista quelle alla Galerie Klosterfelde, Berlin (2005), alla Galleria Franco Noero, Torino (2004), Treat or Trick, Eldorado project room, GAMeC Galleria d'arte Moderna e Contemporanea, Bergamo (2002) e Shy As a Fox, Galleria S.A.L.E.S., Roma (2000). Ha preso parte a varie mostre nazionali ed internazionali, come Il diavolo del focolare, Triennale, Milano (2006), Ecstasy. In and About Altered States, MOCA The Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2005), Fuori tema/italian feeling, XIV Quadriennale di Roma, GNAM, Galleria Nazionale d Arte Moderna, Roma (2005), VideoZone 2, Tel Aviv Biennale, Tel Aviv (2004), Forse Italia, SMAK, Gent (2003). WILLIAM KENTRIDGE È nato nel 1955 a Johannesburg. Vive e lavora a Johannesburg. Nel 1976 si è laureato all all Università di Witwatersrand a Johannesburg e dal 1976 al 1978 ha studiato arte presso la Johannesburg Art Foundation. Cifra costante del lavoro di Kentridge sono delle animazioni video costruite a partire da disegni a carboncino: i disegni, invece di essere prodotti a centinaia, sono pochissimi, a cui vengono apportate modifiche successive e in cui il procedimento di cancellatura rimane sempre visibile, dando alle opere un idea di immediatezza e riflettendo un processo che sembra sempre incompiuto, in corso d opera. I suoi lavori sono stati presentati all interno di grandi esposizioni internazionali, tra cui Biennale di Venezia (Venezia, 2005, 1999), Documenta (Kassel, 2002, 1997), Istanbul Biennale (Istanbul 1999, 1995), Johannesburg Biennale (1996, 1995). Tra le mostre personali più recenti dell artista William Kentridge / The Magic Flute: drawings and projections, Maria Goodman Gallery, New York (2006), William Kentridge: 9 Drawings for Projection, Museum of Modern Art, New York (2006), William Kentridge: Black Box / Chambre Noire, Museum der Moderne, Salzburg, Johannesburg Art Gallery, Johannesburg, Museum Höxter-Corvey, Höxter (2006), Guggenheim Museum, Berlin (2005), William Kentridge, Galleria Lia Rumma, Napoli (2005), William Kentridge, a small exhibition of works from the collection of the museum, Metropolitan Museum (2004). Ha preso parte a numerose esposizioni, quali The Starry Messenger: Visions of the Universe, Compton Verney, United Kingdom (2006), Africa Remix, Art of a Continent, Mori Art Museum, Tokyo (2006), The Divine Comedy, Vancouver Art Gallery, Canada (2004), Africa Remix, Museum Kunst Palast, Düsseldorf, Hayward Gallery, London, Centre Georges Pompidou, Paris, Mori Art Museum, Tokyo (2004), Transferts, Palais des Beaux-Arts, Brussels (2003), William Kentridge: Thinking In Water, Gallery at Dieu Donné Papermill, New York (2003). Nell opera in mostra, il video Zeno Writing,l artista fa un incursione nella storia e nella letteratura europea: il lavoro affonda infatti le proprie radici nelle vicende narrate da Italo Svevo nel 1923 in La coscienza di Zeno. Zeno Cosini, dipendente dal vizio del fumo, fa così capolino nei disegni che si susseguono, portando nello spettatore una sensazione di profonda inadeguatezza, di sottile dolore, di senso di perdita e di costante incertezza, motivi pervasi sempre dalla dolente e amara ironia che caratterizza e accomuna la poetica di Svevo e di Kentridge. LA MONTE YOUNG È nato nel 1935 nell Idaho. Vive e lavora a New York. La Monte Young è uno dei più influenti compositori del XX secolo, conosciuto maggiormente per le composizioni musicali definite minimali. Nei primi esperimenti degli anni , quali le composizioni For Brass (1957) e For Guitar (1958) appare chiaramente l interesse da un lato per la musica dodecafonica e dall altro per il concettualismo di Cage, che viene tenuto come punto di partenza per tutta la successiva ricerca. Nel 1959 conosce a Darmstadt Stockhausen, che segna un punto fondamentale nella sua carriera e nella radicalità delle sue composizioni. Il Poem For Tables, Chairs and Benches dell'anno dopo, ad esempio, consiste semplicemente in un certo numero di ordini per spostare i mobili di una stanza, e il risultato è determinato dal processo di spostamento di questi. Tornato nel 1961 in America si unisce a Cage nel laboratorio di musica aleatoria ed è uno dei promotori del gruppo Fluxus, all interno del

5 quale contribuisce con varie opere concettuali come Any Integer To Henry Flint. Nel 1961 per la prima volta utilizza il termine dream house per designare una soffitta di New York in cui si radunava con Young, Marian Zazeela e The Theatre Of Eternal Music, di cui facevano parte tra gli altri il violinista Tony Conrad, il violista John Cale, il trombettista Jon Hassell, il violista David Rosenboom e l'organista Terry Riley. Durante le performances il gruppo elaborava un suono continuo e costante, mentre Young costruiva di persona apparecchi per la generazione artificiale del suono. Tra le composizioni di questo periodo Death Chant (1961), The Second Dream Of The High-tension Line Stepdown Transformer (1962). Nel 1964 la dream house diviene un locale chiuso, costruito per produrre musica, in cui è sempre presente un suono costante di cui l ascoltatore percepisce le modulazioni cambiando posizione nello spazio. Nel giugno 1969 alla galleria Heiner Friedrick di Monaco si tenne la prima presentazione pubblica di un modello di dream house. Di questo periodo il brano The Tortoise His Dreams And Journeys. Nel 1964 Young compose anche A Well Tuned Piano, costruito per toni esatti. Dagli anni Settanta il percorso di Young resta maggiormente legato alla ricerca sui raga e sulla musica indiana, da cui trae suggestioni per le sue composizioni. L opera esposta Piano Piece for David Tudor #1 fa parte delle tre composizione create dall artista nel 1960 per il pianista David Tudor. Nella prima, tra le indicazioni di esecuzione, si poteva leggere la richiesta di portare sul palco, accanto al piano, una balla di fieno ed un secchio d acqua: al pianista veniva poi lasciata la decisione se utilizzare o meno i due elementi per nutrire il pianoforte. FILIPPO TOMMASO MARINETTI Alessandria d Egitto, 1876; Bellagio, Filippo Tommaso Marinetti è poeta e romanziere e fondatore ed ideologo del Movimento Futurista. Compie i suoi primi studi a Parigi, formandosi nel particolare clima culturale della fine dell Ottocento. Nel 1905 fonda la rivista Poesia, in cui vengono pubblicati i documenti di adesione italiana al gusto simbolista; successivamente partecipa alla tendenza che avvia il simbolismo stesso verso la propria dissoluzione alla ricerca di nuove espressioni, che possano far sì che venga fondata una nuova estetica della vita moderna e della macchina. Il 20 febbraio 1909 paga la pubblicazione del Manifesto del Futurismo sul giornale quotidiano parigino Les Figaro, manifesto che risulterà da subito inno alla libertà in tutti i suoi aspetti e condanna del passato, dell accademia, della tradizione. Nel 1910 scrive il Manifesto della Letteratura futurista, in cui sostiene le poetiche adatte a rendere il senso del movimento e della materia, attraverso il rovesciamento delle regole della sintassi e della punteggiatura, e le parole in libertà disposte senza regole nello spazio della pagina. Queste parole in libertà sono state successivamente percepite come composizioni artistico-letterarie ed esposte alla Galleria Angelelli di Roma nel Tra i suoi testi di questo periodo Mafarka il futurista del 1910 e la poesia Zaff Tumb Tumb. Adrianopoli, ottobre 1912 del Nella dialettica di Marinetti, fanno parte del nuovo linguaggio del Futurismo temi come quelli della città, della velocità e del dinamismo, assieme alla ripresa della mistica del superuomo che caratterizzava soprattutto le sue prime opere. L opera in mostra è stata realizzata a partire dalle indicazioni dello stesso Marinetti, come già avvenuto in occasione della mostra Pianofortissimo, presso la Fondazione Mudima a Milano nel gennaio Gli elementi, delle scarpe con i tacchi a spillo, uno scopino per togliere la polvere ed uno spazzolino, tolgono al pianoforte il suo romanticismo e la sua retorica, dandogli un connotato differente, antiromantico, lo fanno diventare un mobile d uso quotidiano, da appoggiare in un angolo della casa e tenere in silenzio, ricordandosi di spolverarlo di tanto in tanto. KRIS MARTIN È nato nel 1972 a Kortrijk. Vive e lavora a Gent. Centrale nella ricerca artistica di Kris Martin è la questione temporale, indagata ed esposta attraverso diversi mezzi e nelle sue differenti caratteristiche. Nelle sue opere appare con forza lo scorrere del tempo ed il tentativo di comprenderne il senso ed il movimento, a prescindere dal valore assunto dalla particolare condizione presente e della temporalità del lavoro artistico stesso, che si fa spesso indecidibile e viene sempre trascesa e spinta verso un ipotetico futuro o demandata all interpretazione dello spettatore. In opere quali ad esempio 100 Years (2004) o Mandi III (2003) il tempo viene così ad assumere attribuzioni soggettive, precarie ed ambigue, lasciando all osservatore il compito di decidere l ipotetico valore da attribuire, il ritmo e la scansione di ciò che osserva, il confine tra inizio e fine della temporalità che si affaccia di fronte a lui. Tra le esposizioni personali dell artista quella al P.S.1 MoMA, Contemporary Art Center, New York (2007) e alla Sies + Höke Galerie, Düsseldorf (2007), My Private #5, Piazza San Marco, Venezia (2007), Deus ex machina, Johann König, Berlin (2006), Wahnsinn, Garden of Museum Dhondt- Dhaenens, Deurle, Belgium (2000) e quelle alla Neuer Aachener Kunstverein di Aachen, alla Sies + Höke Galerie di Düsseldorf (2005) e alla Beaulieu Gallery a Wortegem-Petegem (2004).Ha preso parte a varie mostre nazionali ed internazionali tra cui The Office, Tanya Bonakdar Gallery, New York (2007), Learn to Read, Tate Modern, London (2007), Gehen Bleiben, Kunstmuseum Bonn, Bonn (2007), My private escaped from Italy, International Center of Art and Landscape on the island of Vassivière, Beaumont du Lac (2006), Protections. Das ist keine Ausstellung, Kunsthaus Graz, Landesmuseum Joanneum, Graz (2006), Of Mice and Men, 4th Berlin Biennial for Contemporary Art, Berlin (2006), Post Notes, Midway Contemporary Art, Minnesota (2005), Gelijk het leven is, SMAK Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, Gent (2003), othe distance between Me and You, Lisson Gallery, London (2003), Verklärte Nacht, Sonsbeek 9, Arnheim (2001). Conductor utilizza un solo elemento, una bacchetta per la direzione d orchestra e si insinua nel contesto, nell ambiente che la circonda: attaccata al ramo di un albero si muove ed oscilla ad ogni soffio di vento, dirigendo un orchestra di macchine e passanti in base ad una partitura sconosciuta, imprevedibile, sempre nuova, in cui altezze e durate si affidano ai cambiamenti atmosferici, e la fine, sempre posticipata di qualche attimo, sembra non arrivare mai.

6 SHIRIN NESHAT È nata nel 1957 a Qazvin. Vive e lavora a New York. I lavori di Shirin Neshat affonda le proprie radici all interno della cultura islamica, sulla quale pone lo sguardo rivolgendosi in particolare alla donna, al ruolo che investe nel contesto sociale e culturale. Nelle foto e nei video dell artista compaiono corpi spesso velati, che devono confrontarsi con temi quali il terrorismo e la violenza, che danno origine ad immagini fortemente connotate ed intense. La sua ricerca non indugia sui luoghi comuni e si allontana dagli stereotipi tanto della cultura Occidentale che Orientale, con l obiettivo costante di rinvenire un nuova forma di linguaggio che permetta flessibilità, ambiguità e un ampia gamma di possibilità. Tra le sue mostre personali più recenti Shirin Neshat: The Last Word, Centro Atlantico de Arte Moderno, Las Palmas de Gran Canaria (2006), Shirin Neshat, Stedelijk Museum CS, Amsterdam (2006), Hamburger Banhof, Museum Für Gengewart, Berlino (2005), Museo de Arte Contemporaneo, Leon (2005), Hiroshima City Museum of Contemporary Art, Hiroshima (2005), Auckland Art Gallery, New Zealand (2004), Miami Art Museum (2003), Castello di Rivoli (2002). Ha preso parte a numerose esposizioni collettive, tra cui Kapital, Kent Gallery, New York (2006), Some Stories, Kunsthalle Vienna, Vienna (2005), Non Toccare La Donna Bianca, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2004), From Bonifatius to Beuys, Kunsthalle Erfurt, Erfurt (2004), Bill Viola and Shirin Neshat, he State Hermitage Museum, St Petersburg (2003), Fantasies of the Harem and the New Sherezades, Centre de Cultura Contemporania, Barcelona (2003). Le due opere Shoja e I am its secret (from unveiling series) riflettono i temi affrontati da Shirin Neshat, presentandone i caratteri distintivi: le figure infatti sono ritratte in bianco e nero simbolo di una contrapposizione dicotomica e l artista fa uso di un linguaggio calligrafico che le decora, riportando echi della tradizione di scrittura iraniana. MELIK OHANIAN È nato nel 1969 in Francia. Vive e lavora a Parigi. Il campo di ricerca artistica di Melik Ohanian si muove su diversi fronti, realizzando delle installazioni che combinano elementi video, scultorei, sonori e testuali e che sono sempre caratterizzati da una forte attenzione all aspetto estetico. L artista franco-armeno si sofferma spesso nei suoi lavori sul concetto di tempo e sui suoi interstizi, intervalli, sulle sue durate, sulla sua continuità e discontinuità. Fa spesso riferimento, come ad esempio nei lavori Island of an Island o Welcome to Hanskville, all idea di un territorio precluso agli esseri umani, presente visivamente solo per evocare costantemente altri territori, altre posizioni geografiche e politiche. Anche l opera The Hand parla di uno spaesamento, di una perdita, di una preclusione: le mani di alcuni lavoratori armeni che hanno perso il loro lavoro si muovono su nove schermi, e vengono scelte per parlare di un occupazione persa, di un inattività sofferta che comporta un non riconoscimento, una perdita di identità. Tra le sue mostre personali più recenti quelle alla Galleria Chantal Crousel a Parigi,alla Galleria Yvon Lambert di New York, al Museum in Progress a Vienna, alla Galleria BF15 a Lyon, al Palais de Tokyo a Parigi. Ha preso parte a numerose mostre collettive, tra cui Biennale di San Paolo (2004), Biennale di Sydney (2004), Biennale di Berlino (2004), Mediterraneo, Macro-Mattatoio, Roma (2004), Moltitudini- Solitudini, Museion, Museo d arte contemporanea, Bolzano (2003), Less Ordinary, Artsonje Center, Seoul e Museum of Modern Art, Kyungju, Korea (2002), Traversees, ARC, Musee d Art Moderne de la ville de Paris (2001), Mobile TV, Le COnsortium, Dijon (1998; progetto in collaborazione con Pierre Huygue). YOKO ONO È nata a Tokyo nel Vive e lavora a New York. Nel 1951, dopo aver frequentato a Tokyo i gruppi d avanguardia giapponese, caratterizzati da una particolare attenzione all espressione del sé e alla libertà individuale, si trasferisce a New York. Frequenta lo Sarah Lawrence College studiando musica ed interessandosi in particolare alle avanguardie e alla corrente minimalista; allo stesso periodo risalgono anche le prime performance che indagano il suono in modo sperimentale. Nel 1962 è tra i promotori del gruppo Fluxus. Da subito la sua ricerca spazia dalla musica alla scrittura, performance, pittura fino alle installazioni, sculture e ai film. Nel 1964 organizza un happening multimediale A Grapefruit in The World of Park e realizza la performance Cut Yoko, poi replicata nel 2003 a Parigi. Nel 1964 esce anche il libro Grapefruit, comprendente una serie di istruzioni il cui completamento e l interpretazione sono affidate alla mente del lettore, quali Nascondino: nasconditi finché tutti si dimenticano di te o Nasconditi finché tutti muoiono. Tra il 1964 e il 1972 dirige anche alcuni film, tra cui viene in particolare ricordato No.4, conosciuto anche con il titolo Bottoms. Tra le opere più recenti dell artista Wish Tree, un albero sui cui rami i visitatori possono appendere un bigliettino riportante un proprio desiderio, Ex It, opera presentata a Valencia, Città del Messico, Guadalajara, Biennale di Venezia, ecc., Odyssey of a Cockroach, installazione che vuole mettere in scena l esperienza di uno scarafaggio all interno della città di New York. Negli ultimi anni Yoko Ono ha ricevuto una rapida successione di riconoscimenti: nel 2001 la mostra retrospettiva da lei organizzata YES YOKO ONO riceve il premio di migliore mostra museale svoltasi a New York dall associazione internazionale dei critici d arte e la laurea honoris causa in Legge dell Università di Liverpool; nel 2002 le viene offerta la laurea in Belle Arti al Bard College e nel 2005 riceve il Lifetime achievement award dalla Società giapponese di New York. We are all water, opera del 2006, riprende lo stesso tema di una canzone degli anni Settanta dell artista: le 118 bottiglie riportano all esterno un etichetta con nomi di personaggi vissuti in epoche diverse e legati ad ambienti differenti, quali la politica, la storia, l arte, la cultura, ecc, accumunati dal fatti di appartenere a fiumi differenti che si riversano nello stesso enorme oceano e che sono destinati, un giorno, ad evaporare tutti insieme.

7 ADRIAN PACI È nato nel 1969 a Shkoder. Vive e lavora a Milano. Le opere di Adrian Paci si accentrano sull idea di appartenenza ad un contesto e di come questa possa influenzare ed interagire con l esterno. In particolare l artista osserva come l essere sia messo in una condizione di disorientamento che è cifra della contemporaneità, in cui fatica ad individuare con certezza un qualcosa da definire propria casa. Adrian Paci si lascia così stimolare nella propria ricerca da questa specie di umanità instabile, esposta al rischio ma anche legata ad un forte senso di vita, ritenendo importante lasciarsi infettare da questi elementi per poi tradurli nel lavoro artistico. Adrian Paci ha avuto numerose mostre personali in varie istituzioni quali BAK Basis voor actuel kunst, Utrecht (2006), P.S.1 Contemporary Art Center, New York (2005), Galleria Francesca Kaufmann, Milano (2004), Baltic Art Center, Visby, Svezia (2003), Galerie Peter Kilchmann, Zürich (2003), GAMeC Galleria d'arte Moderna e Contemporanea, Bergamo (2002). Tra le mostre personali anche Home to Go, Yale University, New Haven, CT (2005), Perspective 147: Adrian Paci, Contemporary Arts Museum Houston (2005), Sorella Morte, Galleria Francesca Kaufmann, Milano (2002), Home Sweet Home, Galleria Artopia, Milano (2001), ALBàNIa, Fondazione Lanfranco Baldi, Firenze (2001), Albanian Stories, Bildmuseet, Umea, Svezia. Ha partecipato a numerosi eventi internazionali, tra cui La Biennale di Venezia (2005 e 1999), la Biennale di Tirana (2003 e 2001), la Manifesta (2000) e a varie esposizioni quali Ecce Uomo (33+1 artisti contemporanei da collezioni private), Spazio Oberdan, Milano (2006), Irriducibile: Contemporary Short Form Video, Miami Art Central, Miami (2005), Skin Deep. Il corpo come luogo del segno artistico, MART Museo d'arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto (2003), Fragments d un discours italien. Isola (Art) Project, MAMCO Musée d'art Moderne et Contemporaine, Genève (2003), The horse would know, but the horse can t talk, Palazzo Querini Stampalia, Venezia (2002). In Turn on l artista pone l attenzione su un gruppo di uomini disoccupati, seduti su una gradinata in attesa di un lavoro occasionale. Paci non mette in scena una storia, ma si sofferma su queste persone silenziose e immobili, legate dal fatto di essere lì, in silenzio, con in mano una lampadina accesa, tutti in attesa di un lavoro che si spera prima o poi possa arrivare. DIEGO PERRONE È nato nel 1970 ad Asti. Vive e lavora tra Asti, Milano e Berlino. La ricerca artistica di Diego Perrone si situa in una zona di confine, dove si ritrovano condensate visionarietà e quotidianità, dilatate e riesposte fino ad assumere una dimensione quasi mitica, che sfugge dalla temporalità della storia. All interno dei lavori si ritrova una forte densità, una sintesi tra evocazione, spazio simbolico e immaginario collettivo che interrogano il potere delle immagini, la loro capacità evocativa e quasi magica, e mettono alla prova il livello di resistenza delle stesse ad assorbire e trasmettere un elevato grado di emozionalità. In La stanza dei cento re che ridono appaiono cento re e tutti e cento ridono. Ognuno ha dismesso la propria altera mimica facciale e ha disteso le labbra in un sereno sorriso, che l ha fatto sembrare un uomo come gli altri, una persona comune, solo vestita in un modo molto ricercato, relegato ad un etichetta d altri tempi. Com è possibile che i re dipinti da Tiziano ed altri insigni pittori si siano messi a ridere tutt un tratto? Con un piccolo ritocco digitale l artista ha tolto la pesantezza della storia ed ha messo il potere e la regalità nella mani di chi, trattenendo il riso, li sta osservando. Tra le mostre personali dell artista Remain in Light, Galerie Andreas Huber, Vienna (con Ergül Cengiz e Isa Schmidlehner, 2006), Due orecchie e un angolo, Galleria Massimo De Carlo, Milano (2005), Totò nudo e la fusione della campana, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2005), I pensatori di buchi, Casey Kaplan Gallery, New York (2002), Zero Arte Contemporanea, Piacenza (2001), Guida, Bolzano (2001), Today, today, today. Spazi mentali, spazi reali, Pitti Immagine Discovery, Firenze (con Mark Leckey e Philippe Parremo, 2000). Ha preso parte a varie mostre nazionali ed internazionali tra cui Of Mice and Men, 4th Berlin Biennial for Contemporary Art, Berlino (2006), Girato a Palermo, nell'ambito di Kals'art 2006, Ex-deposito Locomotive Sant'Erasmo, Palermo (2006), Bidibidobidiboo. La Collezione Sandretto Re Rebaudengo per i dieci anni della Fondazione, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2005), 11th Triennale India, Lalit Kala Akademi, New Dehli (2005), 7th Buenos Aires International Independent Film Festival, Buenos Aires (2005), Dialectics of Hope, First Moscow Biennale, Moscow (2005), I nuovi mostri. Una storia italiana, spazi Milano e Venezia (2004), La Zona all interno della Biennale di Venezia - 50, Venezia (2003). MIGUEL ANGEL RIOS È nato nel 1943 in Argentina. Vive e lavora tra il Messico e New York. Ha studiato all Academia Nacional de Bellas Artes de Buenos Aires, Argentina ed insegnato dal 1966 al 1969 al National University of Tucumán, Argentina e dal 1970 al 1972 alla School of Fine Arts, National University of Buenos Aires, Argentina. Caramarca, città di origine dell artista, è lontana sia geograficamente che culturalmente dall atmosfera eurocentrica di Buenos Aries e questo si riflette nel pensiero e nelle dicotomie presenti nei suoi lavori. Nelle opere dei due decenni passati, l artista ha manipolato delle mappe e delle cartografie del Nuovo Mondo, rielaborandole dopo averle tagliate e ricostruite, aggiungendovi nuovi elementi e materiali. Dal 2000 Rios ha iniziato ad utilizzare media differenti, come installazioni sonore e video, realizzando lavori come A Morir ( til Death) del 2003, in collaborazione con Rafael Ortega. Uno dei suoi temi di ricerca è il gioco, presente anche nel lavoro in mostra, On the edge: il giocare viene esplorato dall artista per la sua capacità di rompere, fare e disfare in continuazione le regole e considerato come metafora del gioco politico che avviene tra l America Latina e gli altri giocatori mondiali. Proprio in Messico, a Tepztlan ci sono i più esperti giocatori di trottola e questa diventa simbolo del giro del potere, delle trasformazioni imprevedibili del mondo politico contemporaneo. Tra le esposizioni più recenti a cui ha preso parte, The color line, Jack Shainman Gallery, New York (2007), Allusive Moments, Rena Bransten Gallery, San Francisco, CA (2007), Shift - Im Spiegel der Verunsicherung, Galerie Grita Insam, Vienna (2006), A Morir, Galerie Thomas Schulte, Berlino (2005), Hirshorn Museum, Washington DC (2005), Galeria de Arte Nuevo Espacio Ruth Benzacar, Buenos

8 Aires, Argentina (2005), LOVE, Marco Noire Contemporary Art, Torino (2005), LACE, Los Angeles Contemporary Exhibition, Los Angeles, California USA (2004), White Box, New York, USA (2003). LUIGI RUSSOLO Portogruaro, 1885; Cerro di Laveno, Luigi Russolo nasce e viene cresciuto in una famiglia di musicisti, essendo il padre organista del duomo di Portogruaro (città natale dell artista) e direttore della Schola Cantorum di Latisana; anche i suoi fratelli sono diplomati al Conservatorio. Nel 1901 si trasferisce a Milano dove frequenta l Accademia di Belle Arti di Brera ed ha la possibilità di prendere parte al periodo di restauro del Cenacolo di Leonardo a Santa Maria delle Grazie. Dopo un inizio artistico legato alla tecnica pittorica divisionista, nel 1910 incontra Filippo Tommaso Marinetti e aderisce al movimento futurista; l 11 febbraio 1910 sottoscrive il Manifesto dei pittori futuristi e l 11 aprile dello stesso anno il Manifesto tecnico della pittura futurista. Da quel momento la sua militanza futurista diventa effettiva e Russolo partecipa a tutte le serate futuristi e agli eventi organizzati in Italia e all estero. L 11 marzo 1913 l artista pubblica L arte dei Rumori, in cui la musica viene presentata sotto una veste differente, antiromantica, riletta in chiave completamente rovesciata: questa deve infatti essere il risultato non di equilibri tra suoni armonici, ma di rumori. Si tratta di rumori estrapolati dalla vita di tutti i giorni, mescolati assieme senza alcuna necessità di un ordine o di una gerarchia, come se tutta la partitura fosse soggetta ad un improvvisazione: tra queste sonorità vengono simulati ululati, rombi, sfegolii, ronzii, scoppi e per riprodurre questi effetti vengono appositamente realizzati degli strumenti. Nel 1913 nasce infatti l intonarumori, in grado di rendere ululati e simili suoni e nel 1922 viene creato anche il rumorarmonio, mezzo necessario per poter ampliare i suoni degli intonarumori, soprattutto nelle serate con delle esecuzioni dal vivo. L opera in mostra Risveglio di una città viene per la prima volta diretta da Russolo al Teatro Dal Verme di Milano l 11 gennaio In programma, insieme a Risveglio di una città, anche Si pranza sulla terrazza del Kursaal e Convegno d areoplani e d automobili. L orchestra, composta da 18 intonarumori divisi in sezioni di gorgogliatori, crepitatori, ululatori, rombatori, scoppiatori, sibilatori, ronzatori, stropicciatori e scrosciatori provoca delle violente reazioni nel pubblico e fra spettatori e futuristi scoppiano dei litigi che necessitano l intervento della forza pubblica. MUNGO THOMSON È nato nel 1969 a Davis. Vive e lavora a Los Angeles. Mungo Thomson ha frequentato l Independent Study Program al Whitney Museum di New York e ha ricevuto l MFA all UCLA di Los Angeles nel La ricerca di Mungo Thomson si caratterizza per l esplorazione compiuta dall artista all interno della cultura americana, dalla sua spiritualità alla musica popolare, fino alle espressioni folk, ripercorrendone la storia ed osservandone la ricaduta nella società contemporanea. L artista si muove all interno di questo ambito sottolineando con ironia i momenti in cui all interno della comunicazione globale si verifica una frattura, un cedimento, si apre uno spazio in cui la creatività individuale può esplicarsi e trasmettersi attraverso modalità e stilemi comunicativi propri. Il suo lavoro è stato esposto in numerose esposizioni, tra cui Mungo Thomson-Negative Space Variations, GAMeC, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Bergamo (2006), Prophets of Deceit, CCA Wattis Institute for Contemporary Arts, San Francisco (2006), The Show will be open when the show..., Kadist Art Foundation, Parigi (2006), Yes Bruce Nauman, Zwirner & Wirth, New York (2006), PERFORMA 05, New York (2005), Mungo Thomson, UAM-University Art Museum, Long Beach (2004), 2004 California Biennial, Orange County Museum of Art, Newport Beach (2004), VIDEODROME: 27 International Artists, Santa Barbara Contemporary Arts Forum, Santa Barbara (2004), Doubleheart-Hear the art WUK, Kunsthalle Exnergasse, Vienna (2002), Record All- Over, Mamco, Musée d Art Moderne et Contemporain, Ginevra (2001), (extra)super[meta], Yerba Buena Center for the Arts, San Francisco (2000). Nell opera The American Desert (for Chuck Jones)l artista ha rimosso i personaggi e gli elementi narrativi dei disegni animati di un famoso cartone, lasciando immutato solamente lo sfondo. Lo spettatore viene allora tratto in inganno da un immaginario che conosce: immediatamente si aspetta di veder comparire i personaggi del cartone, ma la sua aspettativa verrà delusa e nel video si avvicenderanno solo gli scenari noti, intervallati di tanto in tanto da qualche suono o da un improvviso rumore. BILL VIOLA È nato nel 1951 a New York. Vive e lavora a Long Beach. Sia che lavori in deserti sperduti, o guardi a dipinti antichi, o pensi alla propria esperienza familiare, l arte di Bill Viola ha sempre incorporato un senso di spiritualità, di pensiero alto e profondo. Il suo immaginario ruota nella vita contemporanea, ispirandosi spesso ad antiche religioni e filosofie e ad un attento studio sull iconografia classica. Iniziato nel 1976, il percorso di Bill Viola vaga tra Tunisia, Giappone e Australia, utilizzando come mezzo preferenziale il video. Successivamente nelle installazioni museali, ha esperimentato nuove tecniche e diversi formati. Nel 1995, invitato a partecipare alla Biennale di Venezia, Bill Viola realizza The Greeting, una versione reinterpretata in modo personale del dipinto del Cinquecento di Pontormo, che fa leva sul lento movimento che sottolinea espressioni, gesti e movimenti, creando un nuovo campo espressivo. Tra i lavori più conosciuti dell artista The Passing, Nantes Triptych, The Reflecting Pool, The Crossing, Five Angels for the Millennium, and The Greeting, The Passions. Tra le esposizioni più recenti LOVE/DEATH The Tristan Project, Haunch of Venison (London, 2006), Bill Viola Video, 2006 Recipient of the NORD/LB Art Prize, Kunsthalle Bremen (Brema, 2005), Bill Viola: The Passions, Fundación "la Caixa" (Madrid, 2005), Bill Viola Visions, ARoS Aarhus Kunstmuseum, Aarhus (Denmark, 2005), Bill Viola: Temporality and Transcendence, Guggenheim (Bilbao, 2004), Bill Viola: Five Angels for the Millennium, Ruhrtriennale, Gasometer (Oberhausen, 2003), Bill Viola: The Passions, Getty Museum (Los Angeles, 2003), Bill Viola: Going Forth By Day, Deutsche Guggenheim (Berlino, 2002), Bill Viola: Five Angels for the Millennium, Anthony d'offay Gallery (Londra, 2000). Hatsu Yume First Dream si distende in un tempo che sembra non avere limite, che si dilata rendendo i punti

9 di svolta tra le situazioni così graduali da non sembrare nemmeno avvenuti. Grande importanza nel video assume la luce: da una situazione di buio quasi totale si giunge alla fine del video ad un momento luminoso e la luminosità viene usata e distesa dall artista come fosse una qualità pittorica prima appena balenata da un colpo di pennello e poi spalmata a piene mani, invadendo tutta la scena. JORDAN WOLFSON È nato nel 1980 a New York. Vive e lavora tra Berlino e New York. Ha studiato al Konstfack College of Arts & Krafts a Stoccolma ( ) e al Rhode Island School of Design a Providence ( ). Wolfson utilizza nei propri lavori differenti media, dalle animazioni virtuali a film, video, fotografie ed installazioni sonore, indirizzando il meccanismo dell immagine verso quello usato dall industria dei media; il risultato di questo processo è spesso assimilabile al frame di un film e porta lo spettatore ad essere coinvolto dal meccanismo evocativo dell immagine. Lo sguardo del soggetto che guarda quel video viene subito proiettato in una dimensione affettivamente forte, ma è spesso in relazione ambigua e dubbiosa con il reale che l immagine presume di mostrare: è in questo spazio di incertezza che l artista si insinua, ponendo in rilievo il rapporto tra ciò che si vede e la soggettività di chi osserva, tra linguaggio globale e dimensione individuale. L artista compie così una profonda ricerca attraverso i mezzi comunicativi, con un atteggiamento che definisce come post-ironico e che tenta di esplorare il significato proprio del momento che la società sta affrontando. Jordan Wolfson ha esposto in alcune mostre personali, tra cui Neverland, Jordan Wolfson, Yvon Lambert, Parigi (2005), Jordan Wolfson, Kunsthalle Zurich, Zurigo (2004), Infinite Melancholy, Galleri Brändström & Stene, Stoccolma (2004), Radar, Galleri Brändström & Stene, Stoccolma (2002). I suoi lavori sono stati inoltre esposti ad Art Basel (2007), alla Biennale di Mosca (2007), alla Young Artist Biennal di Bucharest (2006), alla Biennale del Whitney Museum di New York, alla Serpentine Gallery a Londra e al KunstWerke di Berlino. Chaplin Piece è un lavoro che attinge a due immaginari differenti: da un lato l estetica del film del 1967 The Perfect Human e dall altra The Great Dictator di Charlie Chaplin del In entrambi i film secondo l artista si pone la stessa domanda riguardo la possibilità per l essere umano di vivere in armonia, seppure con risultati opposti: da un lato infatti l interrogativo viene letto ironicamente come un impossibilità, mentre dall altro ribadito come utopia possibile e necessaria. Sta dunque allo spettatore dell opera provare a porsi nuovamente la domanda, cercando una propria risposta.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

index Un classico: Cirkant Sferos 50... P15

index Un classico: Cirkant Sferos 50... P15 index TAL showroom... P03 Novità: Siebe.... P04 Santiago vince il Red Dot Award... P05 Progetto: Selfridges London... P06 Manifestazione fieristica: Ecobuild... P07 Prodotto: Eckon... P08 Progetto: Office

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 NUMERO LOTTO N 1 DESCRIZIONE E Frullatore da cucina Quick Batter Omre di Monza Prodotto tra gli anni '60 e '70. Spina originale.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I VIAGGIATORI DI IN VIAGGIO SULLE OROBIE 2015

I VIAGGIATORI DI IN VIAGGIO SULLE OROBIE 2015 I VIAGGIATORI DI IN VIAGGIO SULLE OROBIE 2015 GIULIO BEGGIO - Guida alpina Classe 1958, guida alpina erbese, imprenditore nel settore dell attrezzatura da montagna, Giulio Beggio è un profondo conoscitore

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli