ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA"

Transcript

1 ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009

2 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON FONDI LEGGE SPECIALE PER VENEZIA: PROGETTO QUADRO SISTEMA DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELLA RETE IDRICA SCOLANTE IN LAGUNA DI VENEZIA ed INTERVENTI STRUTTURALI IN RETE DI BONIFICA ESTENSIONE DEL SISTEMA DI TELECONTROLLO NEL BACINO SCOLANTE AZIONI FONDAMENTALI: Rete di stazioni per il monitoraggio di qualità e portata di corsi d acqua Rete di telecontrollo su manufatti e canali di bonifica Potenziamento di laboratori di analisi e centri specializzati Implementazione del Centro di Riferimento

3 SISTEMA DI MONITORAGGIO AUTOMATICO QUALI-QUANTITATIVO La rete di monitoraggio idrologico è composta da 11 stazioni automatiche per il monitoraggio delle portate sulla base di misure correntometriche effettuate in continuo col sistema a tempo di transito. La rete di monitoraggio della qualità è composta da 8 stazioni principali poste in prossimità delle foci dei corpi idrici dove si misurano le concentrazioni di nutrienti (azoto nitrico, azoto ammoniacale ed ortofosfati), di parametri chimico-fisici (temperatura, ph, potenziale Redox, conducibilità, ossigeno disciolto, torbidità, precipitazione e 8 stazioni secondarie poste in sezioni di chiusura di importanti sottobacini idrografici, dove si misurano i parametri chimico-fisici Tutte le cabine sono provviste di un sistema di campionamento automatico refrigerato.

4 MONITORAGGIO DI EVENTI IDROLOGICI RILEVANTI Naviglio Brenta inizio evento Fine evento Durata evento Precipitaz. Totale Carico di N-NH4 Carico di N-NO3 Portata max oraria 14/09/06 ore /09/06 ore ore 180 mm 5,58 t 35,75 t 35 m 3 /s Caratterizzazione dell evento L aumento della concentrazione di azoto nitrico si registra dopo circa 23 ore dall inizio delle precipitazioni. Nella seconda fase dell evento la concentrazione di azoto nitrico aumenta fino a circa 4,2 mg/l. La concentrazione di azoto ammoniacale e di fosforo da ortofosfato presentano un primo picco contemporaneo nella prima fase dell evento, con ogni probabilità legato ad importanti fenomeni di sfioro fognario. I carichi di azoto nitrico ed ammoniacale veicolati durante l evento ammontano complessivamente a circa 41,3 t. La componente prevalente è quella dell azoto nitrico (86,5%); importante anche quella veicolata come azoto ammoniacale (13,5% ).

5 MONITORAGGIO MANUALE DELLA QUALITA DEI CORPI IDRICI SUPERFICIALI LA RETE È COMPOSTA DA 41 STAZIONI DI CAMPIONAMENTO MANUALE GRUPPI DI ANALISI MONITORATI Parametri di base Microinquinanti inorganici disciolti e totali Microinquinanti organici: tensioattivi, solventi organo alogenati, pesticidi, erbicidi, composti organo aromatici, fenoli, Tributilstagno, microinquinanti organici persistenti. FREQUENZA DI ANALISI Mensile, bimensile e trimestrale

6 LIM CLASSIFICAZIONE DELLO STATO AMBIENTALE AI SENSI DEL D.L.gs. 152/99 Livello Inquinamento da Macrodescrittori STATO ECOLOGICO PUNTEGGIO MACRODESCRITTORI CONSIDERATI NEL CALCOLO Macrodescrittore Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Livello 5 Ossigeno disciolto % di sat BOD COD Azoto ammoniacale Azoto nitrico Fosforo totale Escherichia coli IBE classe ,2, < STATO AMBIENTALE STATO ECOLOGICO 1 STATO ECOLOGICO 2 STATO ECOLOGICO 3 STATO ECOLOGICO 4 STATO ECOLOGICO 5 ELEVATO BUONO SUFFICIENTE SCADENTE PESSIMO Concentrazione Microinquinanti INFERIORE Valori soglia SCADENTE SCADENTE SCADENTE SCADENTE PESSIMO Concentrazione Microinquinanti SUPERIORE Valori soglia Conc. Microinquinanti Tab. 1 All. 1 D.Lgs. 152/99 Arsenico, Cadmio, Zinco, Cromo totale, Mercurio, Nichel, Piombo, Rame, PCB, TCDD, IPA, Pesticidi organo clorurati

7 LIVELLO DI INQUINAMENTO DA MACRODESCRITTORI SULLA BASE AL D.Lgs. 152/99 Periodo

8 LIVELLO DI INQUINAMENTO DA MACRODESCRITTORI SULLA BASE AL D.Lgs. 152/99 Il miglioramento è da attribuire soprattutto alle componenti: azoto ammoniacale, Escherichia coli, COD ed ossigeno disciolto. In particolare il punteggio relativo all azoto ammoniacale, legato soprattutto agli scarichi civili non trattati, migliora di circa il 20% fra il triennio ed il triennio Al contrario non si rileva una tendenza al miglioramento delle concentrazioni di azoto nitrico.

9 MONITORAGGIO INDICE BIOTICO ESTESO SULLA BASE AL D.Lgs. 152/99 Periodo

10 STATO AMBIENTALE SULLA BASE AL D.Lgs. 152/99 Periodo

11 VERIFICA OBIETTIVI QUALITÀ CORPI IDRICI DEL BACINO SCOLANTE SULLA BASE DEL DMA I dati di: Selenio, Argento, Mercurio, Cadmio, Cromo, Cobalto, Piombo, Berillio si riferiscono al monitoraggio ad alta risoluzione Cadmio, molibdeno, cromo, cobalto, nichel, boro, rame, TDP, arsenico, piombo, zinco, TDN, berillio, erbicidi e tensioattivi anionici (MBAS) " selenio, alluminio, fenoli, ferro, fluoruri, argento, manganese, antimonio, BOD, mercurio, vanadio, solventi organici alogenati e pesticidi organo fosforici.

12 CARICHI MASSIMI AMMISSIBILI DI NUTRIENTI SVERSATI IN LAGUNA PREVISTI DAL DMA DEL E CARICHI ANNUI SCARICATI I carichi medi annui scaricati dal bacino scolante, calcolati sul periodo , sono di circa 4900 t/anno di azoto e 300 t/ anno di fosforo. Pur nell incertezza legata alla bassa numerosità ed all interferenza dovuta alle precipitazioni, con i dati a disposizione al momento si individua un trend in diminuzione. Dal calcolo dei carichi sono escluse le deposizioni atmosferiche e i carichi di Venezia Centro storico

13 SITUAZIONE FIUME ZERO Il livello di inquinamento da macrodescrittori (LIM) complessivo del fiume Zero è in miglioramento, specie in relazione alle componenti COD, Azoto Ammoniacale, BOD. Non migliora l azoto nitrico. Dalla sorgente alla foce in generale si ha un leggero degrado, salvo per l azoto nitrico, la cui concentrazione diminuisce leggermente. Le concentrazioni sono espresse come media dei valori annui del 75 percentile.

14 SITUAZIONE FIUME ZERO Il rilevamento automatico dei nitrati nella stazione n. 143 a Carmason mostra la variabilità temporale e l incremento nell ultimo periodo. Dati provvisori.

15 CARICHI MASSIMI AMMISSIBILI DI MICROINQUINANTI SVERSATI IN LAGUNA PREVISTI DAL DMA DEL E CARICHI MEDI SCARICATI CONTAMINANTE UM Carico fiumi Bacino Scolante [ARPAV ] Carico Area Ind. Porto Marghera, I.D. Fusina [MAV SAMA 2002] Carico Bacino Scolante, Area Ind. Porto Marghera, I.D. Fusina CARICO TOTALE MASSIMO AMMISSIBILE DM 9/2/99 Alluminio t/a 4,04 (d) 4,04 (d) 640 (p+d) 64 (d) Antimonio t/a < 0,9 < 0,9 8,4 Argento t/a 0,002 (*) 0,002 (*) 0,06 Berillio t/a 0,01 (*) 0,01 (*) 0,04 Cobalto t/a <0,6 <0,6 1,7 Cromo t/a 1,9 0,7 2,6 9,7 Ferro t/a 454 (d+p) <14 (d) 40 (d+p) 494 (d+p) 14 (d) 2400 (d+p) 120 (d) Manganese t/a 51 (d+p) <9 (d) 51 (d+p) <9 (d) 480 (d+p) 160 (d) Nichel t/a 2,9 2 4,9 25,2 Rame t/a 3,4 1,3 4,7 23,9 Selenio t/a < 4,6 < 4,6 7,6 Vanadio t/a 2,1 2,1 7 Zinco t/a 9,5 (d+p) 5,1 (d) 12 (d+p) 21,5 (d+p) 5,1 (d) 80 (d+p) 13 (d) Tensioattivi anionici t/a Tensioattivi non ionici t/a <66 <66 88 Fenoli totali t/a <0,07 <0, Diclorofenoli t/a <0,05 <0,05 6,5 Pentaclorofenoli t/a <0,05 <0,05 5,9 Solventi organici alogenati ( Σ ) t/a <0,99 5,1 <6, Pentaclorobenzene t/a <0,09 <0,09 0,6 Composti organici aromatici ( Σ ) t/a <0,96 1 <1,96 40 benzene t/a <0,95 <0,95 17 toluene t/a <0,92 <0,92 40 xileni t/a <0,79 <0,79 26 Pesticidi organo fosforici ( Σ ) t/a <0,01 <0,01 2 Erbicidi e assimilabili ( Σ ) t/a 0,48 0,48 1

16 ACQUE SOTTERRANEE RETE DI MONITORAGGIO LA RETE È COMPOSTA DA 140 PUNTI DI MONITORAGGIO PUNTI DI MONITORAGGIO QUANTITATIVO 109 PUNTI DI MONITORAGGIO QUALITATIVO 99 GRUPPI DI ANALISI MONITORATI Quantitativi Parametri di base Microinquinanti inorganici totali Microinquinanti organici: Solventi Organo Alogenati, Pesticidi, Erbicidi FREQUENZA DI ANALISI Semestrale per la chimica e trimestrale per le misure quantitative

17 ACQUE SOTTERRANEE - CLASSIFICAZIONE STATO CHIMICO ACQUE SOTTERRANEE. ANNO 2007 CONCENTRAZIONE MEDIA NITRATI

18 MANUFATTI IDRAULICI TELECONTROLLATI PROGETTO QUADRO Consorzi interessati: Adige Bacchiglione, Bacchiglione Brenta; Dese Sile, Sinistra Medio Brenta Numero manufatti: 114 (compresi quelli del Sinistra Medio Brenta la cui trasmissione dati partirà a breve) PARAMETRI Portata, Ph, ossigeno disciolto, temperatura acqua, potenziale redox, torbidità, pioggia, % di apertura sostegno, livelli, quota superiore altezza deflusso libero dal fondo, flag di accensione / spegnimento blocco pompa, flag di presenza tensione ai quadri di comando, flag di adescamento sifone di derivazione, intervento elettrovalvola di disadescamento sifone di derivazione, velocità del vento, direzione del vento ANNO Numero dati disponibili fino al 20/2/

19 IL MODELLO SWAT Soil and Water Assessment Tool Fisicamente basato Modello dinamico Simulazione a scala di bacino Simulazioni fino alla scala giornaliera Software sviluppato dallo US Department of Agriculture molto noto a scala internazionale Molte applicazioni anche in ambito europeo e nazionale; Disponibile liberamente Supporto da parte degli sviluppatori del software per risolvere criticità locali Compatibilità con SIT ARPAV Possibilità di considerare idrografie complesse e diversi ambiti di gestione delle risorse (es. consorzi irrigui/ bonifica) Possibilità di modellizzare le sorgenti puntuali e diffuse

20 PORTATE DI TEMPO SECCO Inlet 3.05 m 3 /s Puntuali 0.32 m 3 /s Risorgiva 1.2 m 3 /s Diffuso 0.13 m 3/s Consumo Agricolo 0.8 m 3 /s MISURATO 3 m 3 /s LAGUNA Area delle risorgive Schematizzazione del bilancio in tempo secco del bacino del Dese-Zero. Fiume Zero Fiume Dese I canali principali Dese e Zero e fascia delle Risorgive.

21 OUTPUT DI SIMULAZIONE E PORTATE MISURATE ALLA CHIUSURA DI BACINO PER GLI ANNI DAL 2002 AL 2006

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011

IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 IL MONITORAGGIO DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO IN VENETO NELL ANNO 2011 Servizio Osservatorio Acque Interne agosto 2012 ARPAV Direttore Generale: Carlo Emanuele Pepe Direttore Area Tecnico-Scientifica:

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Treviso

Dipartimento Provinciale di Treviso Dipartimento Provinciale di Treviso Modellistica di dispersione degli inquinanti atmosferici emessi dal cementificio Industria Cementi Giovanni Rossi SpA nel Comune di Pederobba (Treviso) anno 2008 valutazione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

pagina 1 di 24 Premessa

pagina 1 di 24 Premessa DIRETTIVA B NORME TECNICHE IN MATERIA DI UTILIZZO IN AGRICOLTURA DI FANGHI DI DEPURAZIONE E DI ALTRI FANGHI E RESIDUI NON TOSSICO E NOCIVI DI CUI SIA COMPROVATA L UTILITÀ AI FINI AGRONOMICI NORME TECNICHE

Dettagli

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale

Allegati alla Parte III (All.ti I-XI) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Allegato 1 (1276) Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualità ambientale Il presente allegato stabilisce i criteri per il monitoraggio e la classificazione dei corpi

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA?

DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? DOSSIER ACQUA DI RETE, ACQUA MINERALE DOV E LA DIFFERENZA? MARZO 2007 TESTI ED ELABORAZIONE DATI: GIORGIA BUSINARO ELABORAZIONE GRAFICA: LISA CHERUBIN 2 Indice: Introduzione 3 Cap. I. La situazione mondiale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi ottobre-novembre 2008 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Prof. Ing.. Maria Laura MASTELLONE Docente di Impianti

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati * * * Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee * * * Aprile

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Le acque destinate al consumo umano

Le acque destinate al consumo umano Le acque destinate al consumo umano Vincenzo Riganti Università di Pavia, Dipartimento di Chimica generale, Cattedra di Chimica merceologica (riganti@unipv.it) La normativa. La direttiva comunitaria 80/778/CEE

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante

Dettagli

CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE TESI DI LAUREA SPECIALISTICA CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità Esempi introduttivi Esempio tipico di problema della meccanica razionale: traiettoria di un proiettile. Esempio tipico di problema idraulico: altezza d'acqua corrispondente a una portata assegnata. Come

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima.

L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. L.R. 31-5-2006 n. 20 Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Toscana 7 giugno 2006, n. 17, parte prima. Epigrafe Premessa Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli