1.1 L AREA DEL PERMESSO DI RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 L AREA DEL PERMESSO DI RICERCA"

Transcript

1

2 INDICE 1 INTRODUZIONE L AREA DEL PERMESSO DI RICERCA MOTIVAZIONI DELLA RICHIESTA E CARATTERISTICHE DEL PROGETTO GEOTERMICO CARATTERISTICHE DEL PROGRAMMA DI LAVORO, TEMPI E COSTI COMPUTO ESTIMATIVO PER LA REMISSIONE IN PRISTINO DELLE AREE AL TERMINE DEI LAVORI Costi delle Remissione in Pristino delle Aree 6 2 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ OBIETTIVI PRIMARI DELL ESPLORAZIONE NELL AREA IN ISTANZA MODELLO GEOTERMICO DELL AREA DEL PERMESSO DI RICERCA ESPLORAZIONE DI SUPERFICIE MEDIANTE PROSPEZIONI GEOFISICHE Prospezione Elettromagnetica CSEM/TDEM Prospezione Sismica STIMA DELLE INTERFERENZE Atmosfera Ambiente Idrico Suolo e Sottosuolo Vegetazione, Flora e Fauna Rumore Paesaggio Vibrazioni Traffico Salute 20 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 21

3 1 INTRODUZIONE La presente relazione costituisce parte integrante del Programma Lavori allegato alla domanda di Permesso di Ricerca di risorse geotermiche denominato Boccea, ricadente nel territorio della Provincia di Roma (Regione Lazio), e contiene la descrizione delle operazioni e le caratteristiche tecniche dei lavori che si intende eseguire nell area dell istanza. 1.1 L AREA DEL PERMESSO DI RICERCA L area del Permesso di ricerca (di superficie pari a circa 100 km 2 ) interessa il territorio provinciale di Roma, in particolare i Comuni di Roma e Fiumicino (si veda Figura 1.1a). Tabella 1.1a Territori Comunali Interessati dall Area del Permesso di Ricerca Comune Provincia Superficie Interessata (km 2 ) % del Permesso Roma Roma Fiumicino Roma 2 2 La perimetrazione dell area del Permesso di Ricerca individuata risponde ai requisiti richiesti dall art. 9 comma 2 del D.P.R. 27/05/1991, n.395, secondo i quali la distanza tra i vertici estremi del Permesso non deve essere superiore a quattro volte la lunghezza media dell area, intesa come altezza del rettangolo equivalente avente per base tale distanza. In particolare la distanza massima tra i vertici risulta pari a circa 17,6 km, valore minore di quattro volte la lunghezza media dell area pari a 4 x 5,7 km. L area in oggetto interessa la zona ovest del quartiere Casalotti, della città di Roma, esternamente al Grande Raccordo Anulare. Il Permesso di Ricerca è così localizzato nella parte più meridionale dei Monti Sabatini. La zona è morfologicamente costituita da un vasto plateau vulcanico pianeggiante che degrada dolcemente da nord verso sud, da quote di poco superiori a 120 m s.l.m. fino a circa 30 m s.l.m.; al margine settentrionale dell area del Permesso, sono presenti le quote massime (Monte Contorto 126 m s.l.m., Monte Mariolo 124 m s.l.m. e Monte Proccio 125 m s.l.m.). Il plateau con morfologia dolcemente ondulata è solcato da importanti alvei torrentizi, ad andamento prevalente nord sud, che si innestano su una superficie 0 3

4 a pendenza generalmente modesta, localmente interrotta dai versanti acclivi presenti in prossimità delle incisioni di corsi d acqua minori. L area del Permesso di Ricerca è delimitata da una linea continua che congiunge i vertici, le cui coordinate geografiche (riferite a Monte Mario Roma), sono riportate nella seguente Tabella 1.1b (riferite a Monte Mario Roma). Tabella 1.1b Coordinate dei Vertici dell Area del Permesso di Ricerca (Monte Mario Roma) Coordinate Vertici (Monte Mario Roma) ID Longitudine Latitudine a b c d e f g h i l m n MOTIVAZIONI DELLA RICHIESTA E CARATTERISTICHE DEL PROGETTO GEOTERMICO Il progetto nasce dalla considerazione che l area in oggetto presenta caratteristiche geologiche favorevoli alla coltivazione della risorsa geotermica a media entalpia, con temperature attese del fluido geotermico di circa 150 C, a partire dalla profondità di m, fino a m. I miglioramenti dei rendimenti recentemente ottenuti dai costruttori di impianti a fluido intermedio (Ciclo Rankine), permettono di utilizzare tale risorsa per la produzione di energia elettrica con l estrazione di calore dal fluido geotermico e successiva re-iniezione a costi accettabili. L idea che sottende il presente progetto è quindi quella di identificare i siti potenzialmente adatti per lo sfruttamento delle risorse geotermiche a medio-alta entalpia (fluidi geotermici utilizzabili a scopi industriali), perforare pozzi produttivi con profondità di circa m, con l obiettivo di reperire fluidi geotermici con temperature maggiori di 150 C, sfruttare il calore del fluido in un ciclo Rankine e re-iniettare il fluido raffreddato di nuovo nel sottosuolo attraverso pozzi di reiniezione. In questa fase non è possibile classificare la risorsa geotermica presente nell area del Permesso, in accordo all art.1 del recente D.Lgs. n.22 del 11/02/2010 in quanto, ovviamente non ne sono note le caratteristiche chimico fisiche che potranno essere individuate solo dopo le perforazioni profonde; 0 4

5 pertanto lo schema sopra riportato deve considerarsi come l esito più probabile, alla luce delle attuali conoscenze bibliografiche disponibili. È per questo motivo che la presente richiesta mira ad accrescere tali conoscenze attraverso prospezioni geofisiche, prima dell eventuale proposta di perforazione di uno o più pozzi esplorativi, i cui esiti potranno determinare, in modo più dettagliato, le caratteristiche di un eventuale progetto di sviluppo geotermico. La perforazione di uno o più pozzi esplorativi profondi sarà quindi oggetto di una nuova istanza di autorizzazione, predisposta anche alla luce degli esiti delle attività descritte nel presente documento. L intero progetto, si suppone pertanto articolato nelle seguenti fasi: acquisizione del Permesso di Ricerca Boccea, per avviare le attività di studio di sintesi geostrutturale e termica e di prospezione geofisica di superficie (questa procedura); avvio della procedura di autorizzazione per pozzi esplorativi; acquisizione della successiva concessione di coltivazione per la produzione di energia elettrica con impianti a ciclo binario di potenza adeguata alla risorsa reperita (sistemi innovativi non tradizionali senza emissioni in atmosfera). 1.3 CARATTERISTICHE DEL PROGRAMMA DI LAVORO, TEMPI E COSTI Il Proponente intende svolgere nell area dell istanza di Permesso di Ricerca denominata Boccea un programma esplorativo per l individuazione e la successiva coltivazione di un serbatoio geotermico con fluidi orientativamente di temperatura maggiori di 150 C, ipotizzabile alla profondità di m. Nell area del Permesso di Ricerca Boccea è prevista la realizzazione di alcune prospezioni geofisiche per consentire una ricostruzione attendibile e di dettaglio delle varie strutture delle unità geologiche presenti nell area stessa. In particolare, sarà definito l andamento, sia areale sia in profondità, del tetto delle rocce calcareo dolomitiche mesozoiche della Serie Umbro-Sabina, che costituiscono il potenziale serbatoio geotermico regionale. Le prospezioni previste contribuiranno quindi ad indirizzare l esplorazione profonda che avrà l obiettivo di verificare la presenza di fluidi caldi nelle suddette rocce serbatoio. Nell ambito del Permesso di Ricerca verrà quindi svolto un programma che si articolerà come segue: fase preliminare per la raccolta di tutte le informazioni pubblicate per la redazione di uno studio di sintesi geostrutturale e termica, con particolare riguardo alla geologia e la gravimetria; fase di prospezione, per integrare ed ampliare le conoscenze termico strutturali già disponibili, consistente in: una prospezione elettromagnetica; 0 5

6 una prospezione sismica; successivamente, ed in funzione dei risultati delle prospezioni, verrà redatto un programma di ulteriori lavori (che saranno sottoposti ad una nuova procedura autorizzativa), per la perforazione dei pozzi esplorativi nei siti più favorevoli, per l esistenza della risorsa, e più idonei, sulla base dei vincoli ambientali e logistici. Sulla base del Programma Lavori, di cui la presente relazione costituisce allegato, si ritiene di completare i lavori del Permesso di Ricerca in circa 22 mesi, a partire dalla data di ottenimento del Permesso stesso. Il costo dei lavori previsti, nel presente Programma Lavori relativo alle prospezioni sopra indicate ammonta a circa euro. Scelta dei Contrattisti Oltre a quanto già previsto dalla legislazione vigente in materia di tutela ambientale e prevenzione degli infortuni sul lavoro, si ritiene opportuno sottolineare che, per uniformarsi ad una attenta politica ambientale e al fine di salvaguardare la propria immagine, Geothermics Italy Srl indirizzerà la scelta dei fornitori di servizi esterni verso aziende con comprovata esperienza nel settore geotermico e che abbiano dimostrato una particolare sensibilità verso le problematiche ambientali con l introduzione di particolari tecniche e procedure. In particolare si prevede la possibilità di utilizzare le competenze delle strutture di ricerca eventualmente presenti nel territorio. Tali procedure, alle quali tutto il personale tecnico si deve attenere, devono avere come scopo primario la riduzione al minimo dell impatto ambientale e garantire la sicurezza sul lavoro del personale addetto entro standard riconosciuti. 1.4 COMPUTO ESTIMATIVO PER LA REMISSIONE IN PRISTINO DELLE AREE AL TERMINE DEI LAVORI I lavori di prospezione previsti sono caratterizzati da infrastrutture di dimensioni modeste e di semplice costituzione, oltre che da limitata occupazione di suolo. Le caratteristiche sopra esposte consentono di asserire che, al termine delle attività minerarie relative alle prospezione indicate, gli interventi necessari per il ripristino dei luoghi di lavoro saranno di entità limitata, di tipologia non complessa e consentiranno di pervenire ad un rilascio dell'area nelle condizioni originarie Costi delle Remissione in Pristino delle Aree I costi di eventuali ripristini sono compresi in quelli indicati per le prospezioni illustrate. 0 6

7 2 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 2.1 OBIETTIVI PRIMARI DELL ESPLORAZIONE NELL AREA IN ISTANZA Come ricordato nell Introduzione, il principale obiettivo minerario che si intende perseguire per l area del Permesso di Ricerca denominato Boccea, è avviare l attività di accertamento della risorsa geotermica. La zona risulta caratterizzata da una anomalia geotermica positiva (Flusso di circa 150 mw/m 2 ), in presenza di un assetto geologico strutturale del sottosuolo che, ricostruito solo sulla base di pochi dati indiretti, deve essere necessariamente indagato con ulteriori esplorazioni di superficie, prima della perforazione dei pozzi esplorativi. L attività prevista nell ambito del Permesso di Ricerca, con lo scopo di migliorare le conoscenze indirette del substrato, prevederà quindi, dopo una preliminare raccolta di tutte le informazioni pubblicate per la redazione di uno studio di sintesi geostrutturale e termica, una fase di prospezione, consistente nell esecuzione di un rilievo elettromagnetico e di un profilo sismico. 2.2 MODELLO GEOTERMICO DELL AREA DEL PERMESSO DI RICERCA La successione verticale delle unità tettonico stratigrafiche, insieme alle informazioni geofisiche disponibili e con i dati dei pozzi perforati nelle aree limitrofe (pozzi dell area di Cesano, Sabatini 9 e Sabatini 9dir, Roma 1 e 2 - la bibliografia di riferimento è riportata in calce al seguente rapporto) permette di confermare nell area in esame il modello geotermico regionale: il Complesso argilloso-sabbioso del neoautoctono del Plio-Pleistocene costituisce la base impermeabile dell acquifero superficiale ed assicura, insieme al Complesso calcareo-marnoso-argilloso delle successioni flyschoidi cretaceo-oligoceniche (Liguridi s.l., Flysch della Tolfa) una efficace copertura impermeabile al sottostante potenziale serbatoio geotermico costituito dalle rocce delle Formazioni della Successione Carbonatica Basale, che possono essere disarticolate dalla tettonica subita in strutture complesse e disomogenee. L interesse geotermico dell area deriva dalle conoscenze delle citate perforazioni profonde e dai documenti regionali di sintesi delle caratteristiche geotermiche della Regione Lazio. La ricostruzione regionale delle temperature al tetto del potenziale serbatoio geotermico mostra una interessante prosecuzione verso sud e sud-ovest dell anomalia termica centrata sul Lago di Bracciano. L area in esame presenta 0 7

8 una struttura del tetto del potenziale serbatoio geotermico che, sulla base dei dati disponibili, sembra approfondirsi nella parte centrale del Permesso fino ad oltre m di profondità. Solo nel settore più settentrionale ed in quello meridionale la profondità del serbatoio dovrebbe essere compresa tra e m. Dall integrazione delle prospezioni geologiche e geofisiche (anomalia gravimetrica, anomalia geotermica), l area si presenta favorevolmente indiziata per il rinvenimento di fluidi geotermici con temperature di circa 150 C al tetto del potenziale serbatoio. I numerosi dati pubblicati, e la loro interpretazione integrata, consentono di limitare le nuove attività di ricerca a soli due tipi di prospezioni geofisiche, per integrare ed ampliare le conoscenze termico strutturali già disponibili. Stante quanto sopra, l attività prevista nell ambito del Permesso di ricerca sarà articolata nelle seguenti fasi principali: fase preliminare per la raccolta di tutte le informazioni pubblicate per la redazione di uno studio di sintesi geostrutturale e termica, con particolare riguardo alla geologia e la gravimetria; saranno inoltre utilizzati i dati dei pozzi e delle linee sismiche esistenti nelle aree limitrofe. I lavori relativi a tale fase verranno svolti prevalentemente in ufficio e con eventuali sopralluoghi per l osservazione diretta, utilizzando le strade esistenti per l avvicinamento e le strade secondarie per l accesso a piedi; fase di prospezione (questa procedura autorizzativa), consistente nell esecuzione di una prospezione elettromagnetica e di una prospezione sismica, con lo scopo di migliorare le conoscenze indirette del substrato; fase di esplorazione profonda (nell ambito di una nuova procedura di autorizzazione), caratterizzata dalla perforazione di uno o due pozzi esplorativi e dalle relative prove di produzione, per accertare la presenza di fluidi geotermici, nelle rocce della Successione Carbonatica Basale (Serie Umbro-Sabina). 2.3 ESPLORAZIONE DI SUPERFICIE MEDIANTE PROSPEZIONI GEOFISICHE Nell area del Permesso di Ricerca Boccea è prevista la realizzazione di alcune prospezioni geofisiche per consentire una ricostruzione attendibile e di dettaglio delle varie strutture delle unità geologiche presenti nell area stessa. In particolare, sarà definito l andamento, sia areale sia in profondità, del tetto delle rocce calcareo dolomitiche mesozoiche della Serie Umbro-Sabina, che costituiscono il potenziale serbatoio geotermico regionale. Le prospezioni previste contribuiranno quindi ad indirizzare l esplorazione profonda che avrà l obiettivo di verificare la presenza di fluidi caldi nelle suddette rocce serbatoio. Ad oggi le conoscenze strutturali del tetto del potenziale serbatoio nell area in oggetto derivano da una ricostruzione eseguita essenzialmente su dati gravimetrici, mentre da un punto di vista termometrico il quadro delle temperature 0 8

9 al tetto del serbatoio (Buonasorte et al., 1995) è stato ricostruito sulla base dei vari pozzi e pozzetti eseguiti da Enel pochi km a nord est dell area in oggetto (area di Cesano e Monti Sabatini) e dei pozzi Roma 1 e Roma 2, ubicati immediatamente all esterno del limite occidentale del Permesso. Sulla base dei dati pubblicati è possibile limitare le nuove attività previste di prospezione a due sole metodologie geofisiche per integrare e ampliare le conoscenze termico-strutturali già disponibili. In particolare è prevista l esecuzione di: prospezione elettromagnetica; prospezione sismica. L ubicazione preliminare e di massima delle aree interessate da tali prospezioni geofisiche è mostrata in Figura 2.3a. Sarà inoltre verificata la consistenza del database gravimetrico disponibile per acquisire i dati necessari ad eseguire interpretazioni integrate con altre tipologie di dati geologici e geofisici. 0 9

10 Figura 2.3a Ubicazione dei Rilievi Geofisici LEGENDA Permesso di Ricerca Traccia del Profilo Sismico Traccia del Profilo del Rilievo CSEM/TDEM Prospezione Elettromagnetica CSEM/TDEM Il serbatoio, per la sua litologia carbonatica, è caratterizzato da un contrasto di resistività molto netto (più di 1-2 ordini di grandezza) rispetto ai terreni di copertura a matrice prevalentemente argillosa, fatta eccezione per la copertura vulcanica, spesso ad elevata resistività. Nell area del Permesso, comunque, le 0 10

11 vulcaniti possono raggiungere spessori di qualche decina di metri solo verso nord, mentre sono del tutto assenti nella parte meridionale. Tra le metodologie che consentono di individuare anomalie di resistività associabili al sistema geotermico e di ricostruire il top del potenziale serbatoio, una prospezione elettromagnetica è la più realisticamente eseguibile per le caratteristiche dell area in oggetto, che presenta elevati livelli di rumore elettromagnetico e disturbi antropici vari. In particolare, le emittenti di Radio Vaticana localizzate a pochi km di distanza dall area settentrionale del Permesso in oggetto, rendono improponibile sia il metodo geoelettrico standard con sondaggi elettrici verticali (SEV), sia un rilievo Magnetotellurico (MT). L impiego di SEV, infatti, per le profondità d investigazione previste (> m), richiederebbe stendimenti elettrodici di lunghezza fino a circa 10 km, difficilmente realizzabili in quest area. Un rilievo MT, d altro canto, utilizzando come sorgente di energia il campo EM naturale, sarebbe accecato dalle potenti emittenti radio locali e fortemente disturbato dalle varie linee ferroviarie regionali e nazionali presenti nelle vicinanze dell area. La prospezione elettromagnetica, invece, tanto più se eseguita in modalità controlled source (CSEM), assicura alti rapporti segnali/rumore e, con l impiego di adeguati generatori e specifici layout di acquisizione, garantisce la necessaria profondità d investigazione ( m). Per le condizioni di urbanizzazione dell area, disponibilità di accessi e sviluppo geometrico dell area del Permesso stesso, bisognerà optare tra due diverse tipologie di rilievi EM a sorgente controllata, CSEM (Controlled Sourse ElectroMagnetic) o TDEM (Time Domain ElectroMagnetic), verificando quale garantisce le migliori condizioni di acquisizione e di data quality, in funzione del target di investigazione. Per utilizzare al meglio la viabilità esistente, il rilievo si svilupperà comunque lungo 5 profili, la cui ubicazione di massima è illustrata in Figura 2.3a. Due profili, orientati circa N-S saranno lunghi circa 15 km (quello più occidentale) e circa 17 km (quello più orientale), mentre altri tre profili, orientati circa E-W, saranno lunghi 5-6 km, per una lunghezza complessiva di circa 50 km. L opzione rilevo CSEM sarà possibile solo se, specialmente per i profili corti E-W, potrà essere garantita la necessaria profondità di investigazione. Lungo i profili programmati sarà posizionata la linea dei dipoli di ricezione (R X ) e, adiacente ad essa, la linea dei dipoli di trasmissione (T X ). I dipoli di trasmissione/ricezione sono costituiti da picchetti di rame di cm. Uno schema del layout di acquisizione è illustrato in Figura 2.3.1a. Entrambi i dipoli R X e T X saranno lunghi 100 m, con uno spacing variabile da 200 a 500 m, sulla base della disponibilità di accesso e della rumorosità dei siti. Lo spacing da utilizzare verrà stabilito in fase esecutiva da uno scouting specifico e preliminare dell area. 0 11

12 Per ridurre ulteriormente l impatto sul territorio del rilievo, i profili potranno essere realizzati lungo percorsi curvilinei, adattandosi il più possibile alla viabilità ed agli accessi esistenti. L unità di trasmissione è automontata ed equipaggiata con generatore da circa 250 kw, in grado di energizzare simultaneamente un array di 4 dipoli T X. Le variazioni del campo elettrico immesso nel terreno da ogni singolo dipolo T X e del relativo campo magnetico indotto saranno registrate da un array di 5 dipoli R X, con offset tra dipoli T X e R X variabile tra e m. Ad ogni posizione successiva del trasmettitore i ricevitori saranno riposizionati lungo il profilo, spostando l intero array R X. Pertanto, la presenza di cavi sul territorio interesserà uno stesso sito per distanze lineari massime di m (lungo le linee dei dipoli) e per periodi di circa 3 ore (per un singolo dipolo T X la durata massima dello sweep di trasmissione è di 30 minuti). Figura 2.3.1a Schema di Layout di Acquisizione del Rilievo CSEM Unità automontata di trasmissione Array di trasmissione lungo la linea Dipoli Trasmettitori 100 m m Unità di registrazione RX 1 RX m m Array di registrazione lungo la linea Dipoli ricevitori L unità automontata di trasmissione, come illustrato in Figura 2.3.1a, è costituita da un mezzo fuoristrada leggero per il trasporto del trasmettitore e da un motoregeneratore. Tutte le operazioni di posizionamento e ritiro dei sistemi di trasmissione e ricezione EM (cavi ed elettrodi) saranno eseguite da personale appiedato (in particolare un sistema completo di ricezione pesa poco più di una ventina di kg e può, per brevi distanze, essere facilmente trasportato in zaini da due persone) o con autovetture a trazione integrale (4WD); inoltre tutti gli spostamenti di autovetture (4WD o mezzi furgonati leggeri) saranno eseguiti utilizzando esclusivamente la viabilità esistente (primaria, secondaria e poderale). Sulla base di quanto sopra esposto è possibile affermare che il rilievo CSEM presenti un impatto sul territorio assolutamente trascurabile se non nullo. Nel caso in cui i profili CSEM in direzione E-W non garantiranno la necessaria profondità di investigazione, bisognerà optare per un rilievo TDEM con sondaggi distribuiti lungo gli stessi profili CSEM. 0 12

13 Il metodo si basa sulla induzione nel terreno di correnti elettriche. In particolare, un loop elettrico trasmittente (LT) disposto sul terreno genera un campo magnetico primario che varia ad ogni interruzione di corrente, inducendo nel sottosuolo correnti parassite. Queste si diffondono verso il basso e lateralmente a LT e producono, a loro volta, un campo magnetico secondario la cui diminuzione viene rilevato da un loop ricevente (LR), generalmente localizzato all interno di LT. Le variazioni nel tempo delle intensità delle correnti parassite e il decadimento del campo magnetico secondario sono influenzate dalla resistività dei terreni. La misura di questa variazione in funzione del tempo (frequenza) fornisce quindi informazioni sulla variazione della resistività in funzione della profondità. Per garantire la necessaria profondità di investigazione, oltre alla registrazione di un range di frequenze adeguato (da 300 ad almeno 0,075 Hz), sarà necessario predisporre un loop di trasmissione di circa 1 km di lato. Uno schema di un sondaggio di questo tipo, definito Large Loop TDEM (LL-TDEM), e con configurazione centrale è illustrato in Figura 2.3.1b. Figura 2.3.1b Layout di un Sondaggio LL-TDEM con Configurazione Centrale TRASMETTITORE Tx G RICEVITORE Rx Loop Ricevente 1 km Loop Trasmittente Il loop trasmittente è collegato ad un gruppo elettrogeno (G) da almeno 30 kw, che può erogare corrente fino a 40 A, e ad un trasmettitore (Tx), che invia al loop la corrente alla frequenza fissata. Il loop ricevente (o strumentazioni più recenti che impiegano 3C-coil) è collegato ad un ricevitore (Rx) che rileva e registra i dati sotto forma di curve di decadimento del campo magnetico secondario e le converte in curve di resistività. I sondaggi LL-TDEM saranno distribuiti lungo i suddetti profili, a distanza di m l uno dall altro (Figura 2.3.1c), quindi con possibili piccoli overlap tra sondaggi contigui, per un totale di circa 60 sondaggi. 0 13

14 Figura 2.3.1c Esempio di Allineamento di Sondaggi LL-TDEM n Un sondaggio LL-TDEM può richiedere fino a circa 4 ore per stendere sul terreno il loop trasmittente (posizionamento manuale di circa m di cavo), ma solo 1 ora per la registrazione dei dati. L incidenza temporale su uno stesso sito è quindi modesto. Inoltre, tutte le operazioni di movimentazione e riposizionamento della strumentazione di trasmissione e ricezione/registrazione dati saranno eseguite da personale appiedato o che si sposta con autovetture leggere 4WD. Comunque tutti gli spostamenti di autovetture saranno eseguiti utilizzando esclusivamente la viabilità esistente primaria, secondaria e poderale. Si può pertanto affermare che anche il rilievo LL-TDEM presenta un impatto sul territorio assolutamente trascurabile se non nullo. Sia nel caso di un rilevo CSEM sia in quello di un rilievo LL-TDEM possono essere necessari fino a un massimo di 4 mesi per completare al meglio le attività acquisizione Prospezione Sismica I margini d errore interpretativi della geofisica possono essere significativamente ridotti mediante l integrazione di metodologie diverse. A tale scopo sarà eseguito un rilievo sismico 2D che dovrà fornire una immagine sismica di dettaglio del sottosuolo, fino a profondità di oltre m, consentendo l individuazione di orizzonti ad elevata riflettività, associabili alle formazioni carbonatiche del potenziale serbatoio geotermico. Ciò permetterà di ricostruirne l assetto strutturale e di caratterizzarne i segnali sismici corrispondenti in termini di anomalia d ampiezza, parametro ricollegabile anche alla presenza di orizzonti fratturati e permeabili, potenzialmente produttivi. 0 14

15 Il rilievo sarà eseguito con strumentazioni e soluzioni tecnologico-operative adeguate che consentano di minimizzare l impatto ambientale ed i tempi di esecuzione. Il rilievo utilizzerà pertanto la metodologia VIBROSEIS come sorgente di energia sismica, meno impattante rispetto alla metodologia ad esplosivo, e consisterà in un profilo (si veda Figura 2.3a) orientato circa N-S attraversando l intera area del Permesso di Ricerca lungo l asse di maggior sviluppo. Le aree a copertura vulcanica sono note per ridurre significativamente la qualità del segnale sismico. Pertanto, benché nell area in oggetto lo spessore delle vulcaniti sia ridotto ed interessi prevalentemente il settore settentrionale, sarà necessario effettuare un test preliminare di assorbimento dell energia e prevedere, comunque, una copertura massima nominale almeno 40 ma alla profondità del potenziale target e nel settore centrale di maggior interesse. La lunghezza complessiva del profilo sarà di circa 17 km. La traccia illustrata in Figura 2.3a è solo indicativa in quanto, per adattarsi ulteriormente alla viabilità esistente, potrà seguire percorsi ancora più curvilinei. Sarà necessario comunque garantire la massima sovrapponibilità tra profilo sismico e profilo elettromagnetico. Operazioni di Campagna Sono prevedibili 3-4 mesi per garantire il completamento delle singole fasi dei lavori di campagna del rilievo in oggetto, che sarà così articolato: permitting e picchettamento topografico; stendimento delle linee di geofoni; acquisizione. Tali fasi di attività non sono nettamente separate, ma presentano fasce temporali di sovrapposizione. Permitting e Picchettamento Topografico Contestualmente all attività di permitting, durante la quale sono avvisate le Autorità competenti sul territorio e contattati i proprietari dei terreni interessati dal rilievo, viene svolta anche l attività di picchettamento topografico. Squadre di topografi muniti di strumentazione leggera, anche GPS, segnano sul terreno, con picchetti di legno, le posizioni dei ricevitori (geofoni) e dei punti di vibrazione. Il picchettamento potrà richiedere di aprire passaggi pedonali nel sottobosco e ripristinare la percorribilità di carrarecce già esistenti e invase, per mancata manutenzione, da vegetazione spontanea di sottobosco. 0 15

16 L impatto sul territorio di questa fase è sostanzialmente nullo, in quanto eseguito da personale appiedato o, comunque, con impiego di pochi automezzi leggeri (fuoristrada) che circolano solo lungo la viabilità esistente. Stendimento delle Linee di Geofoni e Lay Out di Acquisizione La fase successiva è costituita dal posizionamento sul terreno delle linee di geofoni e dal relativo collegamento delle stazioni periferiche di ascolto al sistema elettronico di registrazione. Anche per tale attività sono utilizzati fuoristrada leggeri e squadre appiedate, con impatto sul territorio assolutamente trascurabile. La copertura nominale massima richiesta (40 ma ), considerando di impiegare i diffusi sistemi di acquisizione a 240 canali, sarà garantita da un lay-out di acquisizione costituito da group interval di geofoni distanziati 20 m l uno dall altro e punti di vibrazione ogni 60 m, come illustrato schematicamente nella Figura 2.3.2a. Figura 2.3.2a Schema Lay-Out di Acquisizione Acquisizione Durante questa fase di attività, il tecnico che attiva le registrazioni dal laboratorio mobile di registrazione, dopo aver effettuato tutti i test di funzionalità della strumentazione, ordina via radio lo start delle vibrazioni. L acquisizione sarà eseguita attivando in successione un numero di canali e di punti di vibrazione che incidono su superfici limitate di territorio fino a ricoprire l intera lunghezza del profilo. Considerando che, come tutte le attività di campagna, anche la fase di acquisizione sarà svolta in orario esclusivamente diurno (7:00 19:00) e che non si prevede la circolazione di mezzi pesanti al di fuori di strade idonee, l impatto dell intero lavoro è da considerare trascurabile. Ciò è tanto più vero se si considera che la rumorosità delle vibrazioni è limitata sia per entità sia per 0 16

17 incidenza temporale su un sito specifico, avendo ogni vibrata una durata massima di secondi. Per limitare ulteriormente l impatto sul territorio, saranno impiegati vibratori con forza di picco massimo non superiore a kg e, quindi, di dimensioni ridotte come del tipo illustrato in Figura 2.3.2b. Figura 2.3.2b Veicolo Vibroseis Attività di Bonifica Ambientale Già durante le operazioni di acquisizione dati, il territorio non più interessato dalle registrazioni sarà bonificato, rimovendo tutto il materiale lasciato sul terreno (nastri, picchetti di legno,etc.). 2.4 STIMA DELLE INTERFERENZE In considerazione di quanto riportato nel quadro di riferimento progettuale e delle misure di mitigazione adottate, nel seguito si fornisce un quadro sintetico delle interferenze ambientali Atmosfera Per le prospezioni proposte le interferenze ambientali potenziali possono essere connesse esclusivamente alle emissioni dei mezzi di trasporto (automezzi leggeri) che circoleranno lungo la viabilità esistente per posizionare l unità di trasmissione automontata, nel caso della prospezione elettromagnetica, ed effettuare il picchettamento topografico e lo stendimento delle linee di geofoni, nel caso della prospezione sismica. Dato il numero esiguo di mezzi necessari, si ritiene che l impatto sia del tutto trascurabile e dunque lo stato della qualità dell aria risulti inalterato. 0 17

18 2.4.2 Ambiente Idrico Le attività connesse alle prospezioni elettromagnetica e sismica in progetto (con l impiego della metodologia vibroseis) non prevedono interferenze di alcun genere con la componente in esame Suolo e Sottosuolo L attività in oggetto, assimilabile ad un cantiere temporaneo, non prevede la realizzazione di nessun tipo di opera che possa essere soggetta a rischio sismico od occupazione di suolo permanente. L occupazione di suolo sarà infatti temporanea e limitata a pochi giorni e l area completamente ripristinata a valle delle attività Vegetazione, Flora e Fauna In questa fase non sono previsti impatti, se si eccettua la potenziale eliminazione di modeste zone di vegetazione spontanea (anche di tipo ruderale) in prossimità delle strade e delle carrarecce. Eventuali interferenze connesse all inquinamento acustico, per le quali potrebbero risultare coinvolte alcune specie faunistiche, sono trattate nella componente rumore. L attuale utilizzo dei suoli non sarà in alcun modo alterato dalle attività previste dal Permesso di Ricerca Rumore La fase di acquisizione sarà svolta in orario diurno (7:00 19:00) sia per le prospezioni elettromagnetiche che per le prospezioni sismiche. Come indicato nella Figura 2.3a le attività di prospezione avverranno all esterno delle aree protette, corrispondenti alle Classi Acustiche I e II. Le prospezioni elettromagnetiche non comportano emissioni sonore diverse da quelle emesse dal passaggio dei mezzi che trasportano il materiale necessario per l esecuzione dei rilievi. Considerando che verranno usati non più di due mezzi al giorno l impatto sulla componente sarà decisamente trascurabile. Le prospezioni sismiche comportano l utilizzazione di vibroseis, mezzi, che da un punto di vista acustico sono assimilabili ad autocarri in manovra. Secondo il Comitato Territoriale Prevenzioni Infortuni e Ambiente di Lavoro di Torino e Provincia del 1994 il livello sonoro di Vibroseis a 3 m sarebbe di 79 db(a) e quindi addirittura inferiore a quello di autocarri in manovra. In fase di energizzazione, il livello di potenza sonora della massa battente, in via cautelativa, senza silenziatore, deve risultare inferiore al valore stabilito dal D.Lgs. n. 262 del 04/09/2002 e s.m.i. recante Attuazione della Direttiva 2000/14/CE concernente l'emissione acustica ambientale delle macchine ed 0 18

19 attrezzature destinate a funzionare all'aperto, che impone limiti di emissione, espressi in termini di potenza sonora per le macchine operatrici. Il vibroseis, indicato nel D.Lgs. 262/02 come mezzo di compattazione, ha una potenza sonora massima di log 10 P dove P è la potenza generata dal mezzo in kw. Se ne deduce che, anche ipotizzando un mezzo di potenza attorno a 500 kw, la potenza emessa sarà sempre inferiore a 110 db(a) e quindi con livelli sonori inferiori a 60 db(a) già a 100 m di distanza 1. La successione dei test sismici prevede lo stazionamento del vibroseis lungo il bordo delle strade che meglio approssimano il percorso degli stendimenti mostrato nella Figura 2.3a. Il vibroseis, per ogni punto di stazionamento, utilizza una piastra vibrante che, da una posizione sollevata, sotto il pianale del mezzo, viene spinta tramite martinetti idraulici contro il suolo per energizzarlo. L operazione dura circa s e viene ripetuta 4-5 volte per ogni punto di stazionamento. Se si considera che i vibroseis saranno posizionati lungo strade e comunque a distanze di diverse decine di metri da abitazioni, se ne deduce che il disturbo connesso al rumore è limitato nel tempo e di entità paragonabile a quella di un autocarro in transito. L impatto dell intero lavoro è quindi da considerarsi trascurabile, in quanto del tutto assimilabile e confondibile con quello prodotto da traffico stradale o da attività agricole potenzialmente presenti nelle zone oggetto dell intervento. La maggior parte del territorio interessato dagli interventi in progetto ricade in Classe III, in accordo con le sue caratteristiche agricole, pertanto con limiti di immissione relativi al periodo di riferimento diurno (06:00-22:00) pari a 60 db(a). Si ritiene pertanto che gli interventi in progetto non determinino delle variazioni apprezzabili al clima acustico della zona, rispettando tutti i limiti previsti dalla normativa vigente (limite di emissione, limite di immissione e criterio differenziale) relativamente al periodo diurno Paesaggio Le attività di prospezione geofisica non comporteranno alcun tipo di variazione al paesaggio delle zone interessate in quanto, in seguito alle attività di indagine, la zona sarà completamente ripristinata. 1 La propagazione di rumore in campo libero ed in assenza di ostacoli su suolo agricolo può essere stimata con la seguente espressione: L P=L W 20 log d - 11 Dove: L W è la potenza sonora, d la distanza della sorgente-ricettore, L P il livello sonoro al ricettore; se L W=110 db(a) e d=100 m, risulta L P=59dB(A) 0 19

20 2.4.7 Vibrazioni Emissioni di vibrazioni sono connesse esclusivamente all utilizzazione dei vibroseis per la realizzazione delle linee sismiche. Le vibrazioni emesse dai vibroseis durante gli spostamenti da un punto di stazionamento all altro sono del tutto assimilabili a quelle di un normale mezzo meccanico gommato e pertanto ininfluenti. Gli impulsi di onde elastiche emessi durante le fasi di energizzazione, anch essi classificabili come vibrazioni, sono di intensità molto ridotta e di breve durata temporale (15-20 s), per 4-5 volte ogni postazione, e la loro propagazione in superficie risulta limitata. Le perturbazioni attese si verificano infatti nell immediato sottosuolo entro una ventina di metri dal punto di eccitazione: L energia indispensabile per il rilievo sismico è infatti data dalla piastra vibrante del vibroseis attraverso un impulso ondulatorio di breve durata, avente un range di frequenza tra 8 e 100 Hz. Le linee sismiche saranno inoltre scelte in modo da mantenere le distanze di sicurezza da eventuali abitazioni, pertanto nessuna vibrazione significativa raggiungerà gli eventuali ricettori presenti Traffico Dato il carattere temporaneo delle operazioni e la scarsità di mezzi impiegati non si prevedono interferenze sul livello di servizio delle strade di accesso ai siti di interesse: l impatto è paragonabile al transito di macchine agricole Salute Le attività previste per lo svolgimento delle prospezioni geofisiche non comportano rischi specifici connessi alla tecnologia o alle sostanze impiegate. Rischi di incidenti a persone e cose sono, per natura e livello, assolutamente simili a quelli di un qualsiasi cantiere dove si eseguono lavori con impiego di macchinari di tipo elettromeccanico. 0 20

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli