Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale"

Transcript

1 Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale ACCORDO DI PROGRAMMA per la realizzazione del progetto Studio riguardante il monitoraggio sismico, la sismicità debole e la sismotettonica del territorio trentino Tra le Parti Provincia Autonoma di Trento, di seguito denominata anche Provincia o PAT, con sede a Trento, in piazza Dante, 15, codice fiscale e P. IVA rappresentata dal Presidente, Lorenzo Dellai, nato a Trento il 28 novembre 1959, a ciò autorizzato con deliberazione della Giunta provinciale n. di data e Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, (di seguito anche OGS) con sede in Sgonico (Trieste), Borgo Grotta Gigante n. 42/C, codice fiscale e partita IVA , rappresentato dalla prof.ssa Maria Cristina Pedicchio, che interviene ed agisce nella sua qualità di Presidente e Legale Rappresentante, a ciò autorizzata con atto del Presidente n. /2011 dd Premesso che: - l articolo 1 della legge provinciale 02 agosto 2005, n. 14 e s.m prevede l attuazione, da parte della Provincia, di una strategia di sviluppo territoriale basata sulla conoscenza, riconoscendo nella promozione, nella crescita e nella diffusione della ricerca e dell innovazione uno strumento fondamentale per la crescita del capitale umano, per lo sviluppo del sistema delle imprese e della qualità e competitività dell intero territorio provinciale; - l articolo 21, comma 2, della LP 14 del 2005 prevede che Nel rispetto della normativa statale in materia internazionale e nell ambito del sistema provinciale dell'articolo 4 la Provincia, inoltre, può promuovere la stipulazione di accordi o la definizione di specifici progetti con organismi di ricerca o università anche esteri, per favorire le collaborazioni scientifiche e per l'innovazione ; - al Dipartimento Centro di Ricerche Sismologiche di Udine (di seguito CRS) dell OGS, di cui all art. 8 della legge 11 novembre 1982 n. 828, è assegnato istituzionalmente, in base all art. 2, comma 3 della legge 30 novembre 1989 n. 399 e s.m., il compito di svolgere, in autonomia scientifica, anche in attuazione di quanto previsto al comma 1, lettera d) del medesimo articolo, Pag. 1 di 18

2 ricerche sulla sismicità e sulla sismogenesi dell Italia nord-orientale, gestendo e sviluppando inoltre la connessa rete di rilevamento sismico anche per fini di protezione civile; - il Dipartimento Centro di Ricerche Sismologiche di Udine dell OGS, gestisce per le finalità di monitoraggio sismico dell Italia nord-orientale le reti sismometriche delle Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto. Inoltre, il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine acquisisce in tempo reale i dati sismologici di altri gestori, quali la Provincia di Bolzano, il Centro Nazionale Terremoti dell Istituto Nazionale di Geofisica e di Vulcanologia di Roma, l Ufficio Centrale per la Meteorologia e la Geodinamica - Zentralanstalt für Meteorologie und Geodynamik (ZAMG) di Vienna (Austria), l Agenzia Slovena per l Ambiente - Agencija Republike Slovenije Za Okolje (ARSO) di Ljublijana (Slovenia), e il Servizio Sismico Svizzero - Schweizerischer Erdbebendienst (SED) di Zurigo (Svizzera), e ri-elabora questi dati nell ambito di una rete integrata al fine di migliorare le caratteristiche e l efficacia complessiva del proprio sistema di monitoraggio; - il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine, su incarico della Provincia Autonoma di Trento, ha gestito, nel periodo , l allerta sismica in tempo reale del Trentino a scopi di protezione civile. A tal fine le registrazioni delle stazioni sismiche della rete sismica della Provincia Autonoma di Trento, gestita dal Servizio Geologico, sono state integrate con quelle dell Italia nord-orientale già gestite dal CRS, il quale si è inoltre occupato delle localizzazioni degli eventi sismici di interesse per la Provincia Autonoma di Trento e della compilazione del relativo Bollettino degli eventi sismici; - la Provincia Autonoma di Trento è ora interessata a meglio sviluppare lo studio della sismicità del Trentino, soprattutto per quanto riguarda le aree maggiormente sismiche del territorio quali il Trentino meridionale (Ala-Avio e l area gardesana) ed orientale (bassa Valsugana e Primiero). In tal senso il progetto di ricerca Studio riguardante il monitoraggio sismico, la sismicità debole e la sismotettonica del territorio trentino elaborato dal Centro di Ricerche Sismologiche di Udine costituisce uno strumento per tale approfondimento e per il miglioramento dell allerta relativa agli eventi sismici sul territorio Trentino, ai fini di protezione civile; - per quanto sopra esposto, è di comune interesse della Provincia Autonoma di Trento e del Centro di Ricerche Sismologiche di Udine avviare una collaborazione per attività di ricerca in questo settore; - la Giunta provinciale, con deliberazione n del 14 dicembre 2010, ha approvato il Programma pluriennale della ricerca per la XIV legislatura, il quale individua gli obiettivi da perseguire e le linee generali di intervento, le aree di ricerca d interesse prioritario per il territorio provinciale e i criteri generali per la valutazione delle attività e dei progetti di ricerca; Pag. 2 di 18

3 - il progetto di ricerca Studio riguardante il monitoraggio sismico, la sismicità debole e la sismotettonica del territorio trentino, allegato al presente Accordo di Programma quale sua parte integrante e sostanziale, rientra nell area di ricerca d interesse prioritario Ambiente e gestione delle risorse naturali (ecologia, rischio ambientale), indicata nel Programma pluriennale della ricerca per la XIV legislatura della Provincia Autonoma di Trento; - il Comitato tecnico-scientifico per la ricerca e l innovazione della Provincia Autonoma di Trento ha esaminato il progetto Studio riguardante il monitoraggio sismico, la sismicità debole e la sismotettonica del territorio trentino e ha espresso un parere sostanzialmente favorevole in merito alla coerenza del progetto con gli obiettivi del Programma pluriennale della ricerca; - la deliberazione della Giunta provinciale n. del ha approvato la realizzazione del Progetto ed ha autorizzato la stipulazione del presente Accordo di Programma; - ai sensi dell art. 1, comma 2, lettera b), del D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252, la documentazione antimafia non è richiesta; tutto ciò premesso e considerato, si conviene quanto segue: Articolo 1 Premesse 1. Le premesse e il progetto allegato costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. Articolo 2 Oggetto 1. Con il presente Accordo di Programma le Parti concordano di garantire adeguato sostegno alla realizzazione delle attività di ricerca indicate nel progetto Studio riguardante il monitoraggio sismico, la sismicità debole e la sismotettonica del territorio trentino (di seguito anche Progetto ) allegato al presente Accordo quale sua parte integrante (Allegato A). 2. Il Progetto descrive gli obiettivi, la durata (pari a 36 mesi), i risultati attesi e precisa le modalità di attuazione nonché le risorse umane, finanziarie e strumentali destinate alla realizzazione dello stesso. Le attività di ricerca saranno svolte principalmente presso il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine, mentre le attività relative all Analisi sismotettonica (punto 3 delle Modalità di realizzazione descritte nel progetto allegato) saranno svolte presso gli uffici della Provincia Autonoma di Trento sotto la supervisione diretta del Servizio Geologico. A tal fine, l OGS attiverà un assegno di ricerca della durata di tre anni. L assegnista presterà il proprio periodo di ricerca presso gli uffici della Provincia Autonoma di Trento. 3. Il costo complessivo per realizzare le attività previste nel Progetto è pari ad Euro ,00. Pag. 3 di 18

4 Articolo 3 Impegni delle Parti 1. L attività del Centro di Ricerche Sismologiche di Udine, articolata in tre distinti ambiti, consisterà nello svolgimento delle attività descritte nel progetto allegato e suddivise rispettivamente in: o (Punto 1) Monitoraggio sismico; a) Gestione del sistema di acquisizione dei dati b) Servizio automatico di sorveglianza ed allerta c) Localizzazioni e Bollettino degli eventi sismici d) Calcolo e calibrazione della magnitudo locale o (Punto 2) Analisi della sismicità debole; o (Punto 3) Analisi sismotettonica. 2. Il Servizio Geologico della Provincia Autonoma di Trento si impegna a: o gestire e mantenere attive le stazioni di registrazione della propria rete sismica; o fornire in tempo reale le registrazioni effettuate dalle stazioni della propria rete sismica; o gestire l aggiornamento del proprio sito Web con i dati parametrici relativi agli eventi sismici localizzati e notificati dal CRS. 3. Le Parti si impegnano a sostenere i costi necessari per la realizzazione del Progetto, come indicati nella Tabella 2 (Piano finanziario), secondo le modalità di seguito indicate: a) il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine contribuirà alla realizzazione del Progetto attraverso la messa a disposizione di personale e la messa a disposizione di infrastrutture, attrezzature e strumentazioni; b) la PAT si impegna a sostenere le attività di ricerca del Progetto attraverso un contributo finanziario quantificato in Euro ,00 (centomila/00) all anno, a copertura dei costi indicati nella Tabella 2 (Piano finanziario) del progetto allegato, così ripartito per i tre diversi ambiti di attività: o Euro ,00 (cinquantamila/00) per Monitoraggio sismico (Punto 1); o Euro ,00 (diecimila/00) per Analisi della sismicità debole (Punto 2); o Euro ,00 (quarantamila/00) per Analisi sismotettonica (Punto 3). 4. Il finanziamento della Provincia dovrà essere utilizzato a fronte dei costi sostenuti nel periodo di vigenza dell Accordo, concernenti strettamente ed esclusivamente la realizzazione delle attività descritte nel Progetto. 5. I costi coperti dai finanziamenti provinciali non possono in alcun modo essere rendicontati anche ad altri soggetti, pubblici e/o privati, e viceversa. Pag. 4 di 18

5 Articolo 4 Responsabile scientifico 1. Le Parti concordano di designare un Responsabile Scientifico ed Esecutivo del Progetto, il cui nominativo dovrà essere comunicato alla Provincia con nota successiva. Al Responsabile Scientifico competono: a) la responsabilità scientifica dell impostazione, dell organizzazione ed esecuzione delle ricerche; b) la cura della qualità e dell omogeneità interpretativa dei risultati della ricerca; c) la responsabilità della gestione del piano finanziario del Progetto. Articolo 5 Tempi di realizzazione dell attività e preparazione delle relazioni tecnico-scientifiche 1. I risultati riguardanti le attività previste al Punto 1 ( Monitoraggio sismico ) di cui all articolo 3 saranno trasmessi al Servizio Geologico della PAT tramite la consegna di relazioni tecnicoscientifiche con cadenza annuale entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento. In particolare, i risultati riguardanti l attività prevista alla lettera c del Punto 1 (Localizzazioni e Bollettino degli eventi sismici) saranno consegnati al Servizio Geologico della PAT secondo le seguenti modalità: a) in riferimento alla rilevazione degli eventi sismici, invio con cadenza mensile tramite posta elettronica della lista delle finestre temporali relativa alla totalità degli eventi rilevati; b) in riferimento alla localizzazione degli eventi ed alla preparazione del Bollettino degli eventi sismici, consegna, entro il mese di aprile dell anno successivo rispetto a quello di riferimento, dei dati parametrici dei terremoti rilevati almeno da tre stazioni sismiche e della relazione tecnico-scientifica. 2. In riferimento alla relazione tecnico-scientifica di cui al comma precedente, essa illustrerà il funzionamento della rete, i miglioramenti apportati ed i risultati delle elaborazioni dei dati rilevati nel corso dell'anno di riferimento. Tale relazione fornirà un quadro sull andamento dell attività sismica registrata nell area nel periodo considerato, con l'indicazione delle aree caratterizzate da maggior attività sismica. Ad accompagnamento della relazione, verranno forniti anche i seguenti elaborati: a) carta regionale georeferenziata in scala 1: degli epicentri degli eventi sismici occorsi nell'anno di riferimento e graduati rispetto alla loro magnitudo; eventuali ingrandimenti riguarderanno aree caratterizzate da particolare attività sismica; b) dati parametrici dei terremoti registrati almeno da tre stazioni sismiche durante l anno di riferimento su supporto informatico: o la data dell evento; Pag. 5 di 18

6 o le coordinate geografiche dell epicentro; o la profondità dell ipocentro riferita al livello mare; o la magnitudo dell evento; c) il Bollettino annuale degli eventi sismici registrati durante l anno; d) registrazioni sismometriche degli eventi di interesse per il Trentino su supporto informatico, nel formato già utilizzato per la procedura automatica descritta in precedenza. 3. In riferimento al Punto 2 ( Analisi della sismicità debole ), entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento, il CRS consegnerà alla PAT una relazione tecnicoscientifica illustrante i risultati riguardanti lo studio della sismicità debole, completa di grafici e figure. 4. I risultati riguardanti l attività prevista al Punto 3 ( Analisi sismotettonica ) saranno trasmessi al Servizio Geologico della PAT tramite la consegna di relazioni tecnico-scientifiche con cadenza annuale, entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento. Le relazioni tecnicoscientifiche illustreranno i risultati riguardanti lo studio della sismotettonica, complete di grafici e figure. 5. Tutte le relazioni tecnico-scientifiche dovranno essere validate dal Responsabile Scientifico del progetto individuato al precedente articolo 4. Articolo 6 Modalità di erogazione 1. Le Parti concordano le seguenti modalità di erogazione del finanziamento provinciale da parte del Servizio Geologico della Provincia di Trento: un acconto, pari al 50% del piano finanziario riferito al primo anno del Progetto; versamenti successivi, previa verifica delle rendicontazioni intermedie e valutazione delle relazioni scientifiche, calcolati come somma algebrica del 50% del piano finanziario per l anno successivo a quello rendicontato e del saldo tra i costi rendicontati e ritenuti ammissibili e quanto già erogato dalla PAT come acconto sull annualità. La quota in acconto non è corrisposta nel caso in cui i costi rendicontati e ritenuti ammissibili siano inferiori a quanto già liquidato dalla Provincia; il saldo, nei limiti del finanziamento provinciale concesso, pari alla differenza tra quanto rendicontato e ritenuto ammissibile e quanto già liquidato dalla Provincia, sarà erogato ad avvenuta verifica della rendicontazione finale. Articolo 7 Modalità di rendicontazione 1. Le Parti concordano le seguenti modalità di rendicontazione: Pag. 6 di 18

7 a) Rendicontazioni intermedie: oltre alla presentazione delle relazioni tecnico-scientifiche di cui all articolo 5, il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine è tenuto a presentare annualmente, entro il 30 aprile di ogni anno, una rendicontazione dei costi sostenuti per i tre distinti ambiti di attività dell Accordo e delle eventuali entrate riscosse da altri soggetti, sottoscritta dal Responsabile Amministrativo dell Ente e dal Responsabile Scientifico del Progetto. b) Rendicontazione finale: oltre alla presentazione delle relazioni tecnico-scientifiche di cui all articolo 5, entro il 30 aprile dalla scadenza dell Accordo, il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine è tenuto a presentare: o la rendicontazione complessiva dei costi sostenuti e delle eventuali entrate riscosse, sottoscritta dal Responsabile Amministrativo dell Ente e dal Responsabile Scientifico del Progetto; o il provvedimento dell organo competente (o dichiarazione sostitutiva di atto notorio) che dà atto dell avvenuta realizzazione delle attività del Progetto e approva il rendiconto dei costi sostenuti e delle eventuali entrate riscosse. 2. Con riferimento alla possibilità di eccedenza delle erogazioni provinciali rispetto alle somme rendicontate, il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine provvede, contestualmente alla presentazione del rendiconto, a versare alla Provincia il relativo importo entro 30 giorni dall invio della rendicontazione finale. Ad avvenuto completamento dell esame della rendicontazione, le eventuali ulteriori somme che risultassero erogate in eccesso rispetto al finanziamento spettante, dovranno invece essere restituite entro 30 giorni dalla richiesta. 3. Fermo restando l importo complessivo del finanziamento provinciale, sono ammesse compensazioni entro il limite del 20% dei costi totali tra le diverse tipologie di spesa previste dalla Tabella 2 Piano finanziario (Costo globale del progetto in Euro), di cui all Allegato A) del presente Accordo, tranne che in incremento dei Costi generali per il supporto delle attività di ricerca. Eventuali maggiori scostamenti dovranno essere approvati dalle Parti, con scambio di corrispondenza, previo parere favorevole del Comitato tecnico-scientifico per la ricerca e l innovazione della Provincia. 4. Fermo restando l importo complessivo del finanziamento provinciale, indicato all articolo 3, a consuntivo il finanziamento provinciale non potrà essere superiore all importo finale dei costi rendicontati e ritenuti ammissibili. 5. Il mancato rispetto dei termini per la presentazione della rendicontazione intermedia e finale (scientifica ed economica) determina la riduzione del 5% del finanziamento spettante al momento del verificarsi dell evento, calcolato sui costi ritenuti ammissibili. Pag. 7 di 18

8 Articolo 8 Attività di monitoraggio. Sospensione e revoca del finanziamento 1. Per il monitoraggio delle attività, da svolgersi attraverso l esame delle relazioni tecnicoscientifiche, la Provincia può avvalersi del Comitato tecnico-scientifico per la ricerca e l innovazione della Provincia. 2. Nel caso in cui, a seguito del monitoraggio, risulti la non corretta realizzazione del Progetto di ricerca rispetto, anche disgiuntamente, ai contenuti approvati, la Provincia può disporre la sospensione del Progetto. 3. La sospensione è disposta con atto del Dirigente del Servizio Università e Ricerca Scientifica, previo parere del Servizio Geologico e fissa i termini entro i quali il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine è tenuto a fornire gli elementi utili a chiarire le difformità riscontrate. 4. Sulla base della valutazione degli elementi forniti, la Provincia, eventualmente sentito il proprio Comitato tecnico-scientifico per la ricerca e l innovazione, può disporre, con atto del Dirigente del Servizio Università e Ricerca Scientifica, previo parere del Servizio Geologico: la continuazione dell Accordo, con rideterminazione della conclusione, tenuto conto del periodo di sospensione, ed eventuale ridefinizione del finanziamento; la ridefinizione dell Accordo e del Progetto, con eventuale rideterminazione del finanziamento; la conclusione anticipata dell Accordo e la conseguente rideterminazione del finanziamento, fermo restando il riconoscimento dell attività svolta; la conclusione anticipata dell Accordo con revoca, parziale o totale, del finanziamento concesso. 5. Sono, inoltre, valutate come inadeguate modalità di attuazione dell Accordo e del Progetto, con revoca parziale o totale del finanziamento, le seguenti circostanze: a) mancata collaborazione con l attività di monitoraggio; b) mancata comunicazione delle informazioni riguardanti eventi o modifiche sostanziali del Progetto. 6. Per il recupero delle somme erogate in eccesso rispetto a finanziamenti revocati o rideterminati si applica quanto previsto dall articolo 51, comma 4 della legge provinciale n. 7 del 14 settembre Articolo 9 Proprietà del risultati 1. In accordo con quanto previsto dalla delibera della Giunta provinciale n di data 30 dicembre 2010, la Provincia di Trento manterrà la piena proprietà delle registrazioni sismometriche Pag. 8 di 18

9 effettuate dalla propria rete e degli elaborati realizzati nell'ambito del presente Accordo di Programma. 2. Le registrazioni sismometriche della Rete del Trentino ed i dati parametrici dei terremoti (magnitudo e coordinate ipocentrali) ottenuti con il contributo delle medesime registrazioni saranno archiviati dal CRS insieme ai dati acquisiti dalle altre reti e potranno essere utilizzati dal CRS nell ambito della sua attività di monitoraggio sismico dell Italia nord-orientale nonché per scopi di ricerca e divulgazione scientifica. 3. Per le pubblicazioni e le presentazioni scientifiche da parte dell OGS, ed in generale in ogni opera, scritto o prodotto relativo al Progetto concernenti i risultati dell attività del presente Accordo, dovrà essere indicato: Lavoro eseguito con il contributo della Provincia Autonoma di Trento. 4. L OGS si impegna e non divulgare e/o cedere a terzi il materiale fornitogli dalla Provincia di Trento. Eventuali richieste effettuate all OGS da terzi saranno esaminate in accordo con la PAT. Articolo 10 Durata 1. Il presente Accordo di Programma ha durata pari al Progetto (36 mesi) a decorrere dal 01/01/2012 (primo gennaio duemiladodici). 2. Entrambe le Parti potranno richiedere, con propria nota motivata, proroghe o sospensioni nell esecuzione delle attività, le quali dovranno pervenire alla controparte almeno 60 (sessanta) giorni prima della scadenza di riferimento. Le proroghe o sospensioni potranno riguardare disgiuntamente uno o più ambiti dell attività dell Accordo. 3. Comunque, la durata massima della proroga o della sospensione non può essere superiore a 12 mesi. La proroga sarà disposta con atto del Dirigente del Servizio Università e Ricerca Scientifica, previo parere del Servizio Geologico, su richiesta motivata da parte del Responsabile Scientifico del Progetto e non potrà dar luogo ad una richiesta di aggiornamento del finanziamento provinciale. 4. Durante la sospensione non possono essere imputati costi al progetto di ricerca di cui al presente Accordo di Programma. Articolo 11 Controversie 1. La soluzione di eventuali controversie derivanti dal presente Accordo è demandata all autorità giudiziaria ordinaria del Foro di Trento. Articolo 12 Responsabilità civile 1. La PAT e l OGS si danno reciproca manleva dalla responsabilità civile per fatti dannosi che, con esclusione dei casi di dolo o di colpa grave, possano accadere al personale da ciascuna adibito Pag. 9 di 18

10 presso la sede, i locali o l area di intervento dell altra Amministrazione per l esecuzione dell attività concordata. Articolo 13 Disposizioni generali 1. Agli effetti fiscali il presente Accordo rientra tra gli atti per i quali non vi è obbligo di richiedere la registrazione in temine fisso ai sensi della Tariffa, Parte II, articolo 4 e della Tabella, articolo 1 del DPR 26 aprile 1986, n L imposta di bollo relativa alla stipulazione del presente Accordo è a carico del Centro di Ricerche Sismologiche di Udine 3. Il presente atto è redatto in due originali, aventi unico effetto. Letto, accettato e sottoscritto. Pag. 10 di 18

11 Allegato A) all Accordo di Programma Studio riguardante il monitoraggio sismico, la sismicità debole e la sismotettonica del territorio trentino Modalità di realizzazione dell attività dell Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Centro di Ricerche Sismologiche L attività del Centro di Ricerche Sismologiche dell OGS, articolata in tre distinti ambiti, consisterà nello svolgimento delle attività descritte ai punti seguenti e suddivise rispettivamente in monitoraggio sismico (Punto 1), analisi della sismicità debole (Punto 2) ed analisi sismotettonica (Punto 3). Punto 1 Monitoraggio sismico L attività riguarda il servizio di monitoraggio sismico e le attività connesse al miglioramento delle procedure di rilevamento della sismicità, articolate in: a) Gestione del sistema di acquisizione dei dati Il flusso dei dati delle stazioni della Rete Sismometrica del Trentino sarà acquisito in continuo utilizzando il sistema di monitoraggio ed elaborazione Antelope. Sono previsti controlli periodici sulla qualità dei dati registrati ed eventuali interventi manuali di ripristino nei normali orari di ufficio. Il CRS si fa carico di coprire il costo di tutte le licenze software necessarie. b) Servizio automatico di sorveglianza ed allerta Il CRS curerà la gestione del sistema automatico di allarme, già sviluppato dal CRS nei tre anni precedenti, in grado di interagire con il sistema di acquisizione dei dati sismologici della PAT, riconoscere gli eventi sismici e fornire la localizzazione e la magnitudo dei terremoti che avvengono in Trentino e nelle aree limitrofe fino a circa 30 km dal confine, in un intervallo di tempo di circa 10 minuti dal loro verificarsi. I sismogrammi utilizzati per il riconoscimento e la localizzazione degli eventi sismici saranno quelli di tutte le stazioni sismiche utili della rete integrata gestita dal CRS. Per terremoti di magnitudo uguale o superiore a 2.5 il sistema provvederà a trasmettere in modo automatico via fax, via posta elettronica ed SMS, i dati parametrici (coordinate ipocentrali e magnitudo) stimati. I destinatari delle segnalazioni verranno forniti e/o aggiornati attraverso una comunicazione formale del Dirigente del Servizio Geologico della PAT al Direttore del Dipartimento CRS. Per motivi di praticità, gli eventi verranno selezionati sulla base di una finestra rettangolare compresa tra e di latitudine e e di longitudine (area A, Fig. 1), potendo Pag. 11 di 18

12 così essere segnalati terremoti avvenuti al di fuori dell'area minima garantita e localizzati con minore accuratezza. Il sistema fornirà, nei limiti del possibile e con minore grado di affidabilità, notifica di eventuali terremoti medio-forti (M>=4.0) avvenuti nell area compresa tra e di latitudine e 9 30 e di longitudine (area B, Fig. 2) che posson o essere percepiti in Trentino. Oltre alle notifiche automatiche già definite, le informazioni relative ai terremoti di interesse per il Trentino saranno riportate in tempo quasi reale (da 3 a 5 minuti dall evento per l area A, fino a 20 minuti per eventi più distanti) sul sito Web del CRS dove sono contenute le notifiche degli eventi sismici. Analogamente, alla PAT saranno inoltre inviati i dati parametrici relativi agli eventi sismici notificati per l aggiornamento in tempo quasi reale del sito Web della PAT. AREA A Figura 1 - Rappresentazione cartografica dell Area A. In blu è evidenziata l area che comprende il territorio della PAT ed una fascia esterna di circa 30 km, ovvero l area in cui le localizzazioni sono effettuate con accuratezza dalla rete sismometrica. Pag. 12 di 18

13 AREA B AREA A Figura 2 - Rappresentazione cartografica delle aree A e B. Al fine di permettere alla PAT di effettuare le proprie elaborazioni in modo autonomo e visualizzare i risultati sul proprio sito Web, per ciascuno degli eventi segnalati, il CRS provvederà a trasferire in maniera automatica su un calcolatore dello stesso (mediante protocollo scp o equivalente) un file contenente tutti i dettagli della localizzazione automatica (tempi di arrivo delle onde sismiche alle stazioni, coordinate ipocentrali, magnitudo, stima degli errori di localizzazione) nonché un file, con descrizione della stazione e dell evento nell intestazione, per ciascuno dei sismogrammi utilizzati. I sismogrammi saranno quelli delle stazioni della rete del Trentino. In aggiunta, saranno eventualmente forniti i sismogrammi delle stazioni delle reti limitrofe, facenti parte della rete integrata CRS, resi disponibili dagli Enti proprietari mediante specifici accordi di scambio dati. In assenza di tale disponibilità, i suddetti sismogrammi non saranno forniti, anche se comunque utilizzati da parte del CRS per l attività di localizzazione sopra descritta. La Tabella 1 riporta una sintesi dei servizi garantiti dal CRS in funzione del valore di magnitudo e dell area entro la quale si verifica l evento. M AREA A AREA B >= Allarme automatico >= Allarme automatico - Allarme automatico Tabella 1 Sommario delle modalità di attivazione del sistema di allarme sismico automatico Pag. 13 di 18

14 c) Localizzazioni e Bollettino degli eventi sismici Lettura dei tempi di arrivo delle stazioni della Rete Sismica del Trentino, localizzazione degli eventi e preparazione del Bollettino degli eventi sismici, il quale includa tutti gli eventi sismici tali da permettere una magnitudo di completezza (il livello di minima magnitudo per la quale la rete rileva tutti i terremoti) uguale od inferiore a 1.3. Per la localizzazione degli eventi e la compilazione del Bollettino degli eventi sismici saranno utilizzate le registrazioni di tutte le stazioni sismiche utili appartenenti alla rete integrata CRS. Il bollettino sarà costituito da un file in formato ASCII, analogo a quello che già il CRS produce, e recante le informazioni sui tempi di arrivo delle onde sismiche, le coordinate ipocentrali e la magnitudo dell evento, con la stima dei relativi errori. Questa attività sarà effettuata con il sistema di procedure off-line semi-automatico già sperimentato dal CRS, che riesegue il processo di riconoscimento dei terremoti avvenuti tramite una rielaborazione dei dati già acquisiti garantendo criteri simili a quelli adottati per il riconoscimento manuale. In tale ambito saranno inoltre criticamente analizzate le procedure base di localizzazione da adottare in funzione delle diverse finalità, al fine di poter definire alcune procedure standard. Il CRS si impegna inoltre a rendere disponibili alla PAT le forme d onda registrate dalle stazioni, esterne alla Rete Sismica del Trentino, utilizzate per le localizzazioni ed appartenenti alle rete integrata CRS, previa autorizzazione degli Enti proprietari. Sarà cura della Provincia di Trento richiedere tale autorizzazione, specificando esplicitamente il ruolo dell OGS come previsto dal presente accordo. Nel caso di mancata autorizzazione, si assicura che comunque tutti i sismogrammi utili allo scopo saranno utilizzati dal CRS per l attività sopra descritta. d) Calcolo e calibrazione della magnitudo locale Sarà effettuata tramite un modulo informatico extra Antelope così da poter essere all'occorrenza esteso al di fuori dei dati strettamente elaborati con Antelope. Accanto al valore di ML è prevista anche la restituzione dell'informazione circa il dato fisico di base per il suo calcolo, ovvero l'ampiezza Wood-Anderson. La valutazione statistica delle correzioni di stazione su un sottoinsieme di localizzazioni con qualità e distribuzione spaziale adeguata contribuirà infine a rendere più accurata e robusta la determinazione dei valori di magnitudo locale. Punto 2 Analisi della sismicità debole Riconoscimento della sismicità debole (microsismicità) e ri-localizzazione di precisione tramite tecniche non-standard (es. doppie differenze ), sulla base del sistema di rilevazione off-line spinto al riconoscimento della microsismicità. Lo sviluppo di un sistema di riconoscimento automatico spinto nell'ambito della sismicità debole (microsismicità) è finalizzato alla localizzazione di un numero maggiore di eventi sismici sia con l'applicazione di metodi tradizionali "evento singolo", attraverso l'interpretazione e la lettura manuale delle fasi, sia con l'utilizzo di tecniche non-standard Pag. 14 di 18

15 ("doppie differenze"), volte a migliorare la localizzazione relativa degli eventi e di conseguenza a evidenziare eventuali distribuzioni ordinate di eventi. Annualmente si rivaluterà la magnitudo di completezza per il periodo oggetto dello studio. Punto 3 Analisi sismotettonica Analisi della sismicità e studi mirati ad associare tutta la sismicità rilevata alle strutture tettoniche attive o potenzialmente attive. L attività si articola nei seguenti punti: a) Identificazione di strutture potenzialmente attive, sulla base della geologia, del Catalogo Sismico storico e strumentale, e dei risultati della tomografia sismica crostale (aggiornata con gli eventi sismici del periodo ). A tal fine potranno essere utilizzati i sismogrammi originali relativi a tutte le stazioni gestite dalla rete integrata CRS. b) Analisi spazio-temporale (identificazione di trend spazio-temporali, studio dei pattern sismici dal punto di vista spaziale/volumetrico); analisi della profondità dello spessore sismogenetico, in relazione al modello reologico crostale. c) Studio dei meccanismi focali e dei campi di sforzo/deformazione nell area di studio. Modalità di realizzazione dell attività della Provincia Autonoma di Trento Il Servizio Geologico della Provincia si impegna a: gestire e mantenere attive le stazioni di registrazione della propria rete sismica fornire in tempo reale le registrazioni effettuate dalle stazioni della propria rete sismica gestire l aggiornamento del proprio sito Web con i dati parametrici relativi agli eventi sismici localizzati e notificati dal CRS. Tempi di realizzazione dell attività I risultati riguardanti l attività prevista ai Punti 1 e 2 saranno trasmessi al Servizio Geologico della PAT tramite la consegna di relazioni tecnico-scientifiche con cadenza annuale entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento. In particolare, i risultati riguardanti l attività prevista alla lettera c, Punto 1 saranno consegnati al Servizio Geologico della PAT secondo le seguenti modalità: in riferimento alla rilevazione degli eventi sismici, invio con cadenza mensile tramite posta elettronica della lista delle finestre temporali relativa alla totalità degli eventi rilevati in riferimento alla localizzazione degli eventi ed alla preparazione del Bollettino degli eventi sismici, consegna, entro il mese di aprile dell anno successivo rispetto a quello di riferimento, dei dati parametrici dei terremoti rilevati almeno da tre stazioni sismiche e della relazione tecnico-scientifica. Pag. 15 di 18

16 I risultati riguardanti l attività prevista al Punto 3, saranno trasmessi al Servizio Geologico della PAT tramite la consegna di relazioni tecnico-scientifiche con cadenza annuale entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento. Risultati e relazioni tecnico-scientifiche In riferimento al Punto 1, il CRS consegnerà alla PAT una relazione tecnico-scientifica illustrante il funzionamento della rete, i miglioramenti apportati ed i risultati delle elaborazioni dei dati rilevati nel corso dell'anno di riferimento. Tale relazione fornirà un quadro sull andamento dell'attività sismica registrata nell'area nel periodo considerato, con l'indicazione delle aree caratterizzate da maggior attività sismica. Ad accompagnamento della relazione, verranno forniti anche i seguenti elaborati: carta regionale georeferenziata in scala 1: degli epicentri degli eventi sismici occorsi nell'anno di riferimento e graduati rispetto alla loro magnitudo; eventuali ingrandimenti riguarderanno aree caratterizzate da particolare attività sismica; dati parametrici dei terremoti registrati almeno da tre stazioni sismiche durante l anno di riferimento su supporto informatico: la data dell'evento; le coordinate geografiche dell'epicentro; la profondità dell'ipocentro riferita al livello mare; la magnitudo dell'evento; il Bollettino annuale degli eventi sismici registrati durante l anno; registrazioni sismometriche degli eventi di interesse per il Trentino su supporto informatico, nel formato già utilizzato per la procedura automatica descritta in precedenza. In riferimento al Punto 2, entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento il CRS consegnerà alla PAT una relazione tecnico-scientifica illustrante i risultati riguardanti lo studio della sismicità debole, completa di grafici e figure. In riferimento al Punto 3, entro il mese di aprile di ogni anno successivo a quello di riferimento il CRS consegnerà alla PAT una relazione tecnico-scientifica illustrante i risultati riguardanti lo studio della sismotettonica, completa di grafici e figure. Durata dell attività L attività prevista ha la durata complessiva di 36 (trentasei) mesi, a decorrere dal 01/01/2012 (primo gennaio duemiladodici). Pag. 16 di 18

17 Contributo finanziario L onere finanziario complessivo a carico della PAT per la realizzazione dell attività è stabilito in Euro ,00 (centomila/00) all anno, così ripartiti per i tre diversi ambiti di attività: a) Euro ,00 (cinquantamila/00) per Monitoraggio sismico (Punto 1) b) Euro ,00 (diecimila/00) per Analisi della sismicità debole (Punto 2) c) Euro ,00 (quarantamila/00) per Analisi sismotettonica (Punto 3) 1 anno 2 anno 3 anno TOTALE Punto 1 Monitoraggio sismico , , , ,00 Punto 2 Analisi della sismicità debole , , , ,00 Punto 3 Analisi sismotettonica , , , ,00 TOTALE , , , ,00 1 anno 2 anno 3 anno TOTALE Dettagli per tipologia di costo A) Personale , , , ,00 B) Spese di missione 1.000, , , ,00 C) Beni di consumo 6.000, , , ,00 D) Attrezzature (ammortamento) 2.000, , , ,00 E) Consulenze/costi specifici F) Altri costi G) Costi generali per il supporto delle attività di ricerca , , , ,00 TOTALE , , , ,00 Tabella 2 Piano finanziario (Costo globale del progetto in Euro) Utilizzo risorse umane E facoltà di entrambe le Parti, nell ambito delle attività previste dalla presente intesa, individuare proprie risorse umane di personale sia di ruolo sia appositamente reclutato che, ai fini di un ottimizzazione sinergica del loro operato, possano partecipare allo svolgimento delle attività. Tali risorse umane potranno operare, a seconda delle necessità, presso le rispettive Controparti, per il tempo necessario allo svolgimento delle attività programmate. In particolare, le attività relative al Punto 3 saranno svolte presso gli uffici della PAT sotto la supervisione diretta del Servizio Geologico della PAT. A tal fine, l OGS attiverà un assegno di Pag. 17 di 18

18 ricerca della durata di tre anni. L assegnista presterà il proprio periodo di ricerca presso gli uffici della PAT. Nelle sue varie forme, l attività scientifica dei vari soggetti coinvolti sarà svolta in autonomia scientifica e nel rispetto del lavoro intellettuale di ciascuno degli stessi. Pag. 18 di 18

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli