BeeNet Apicoltura e ambiente in rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BeeNet Apicoltura e ambiente in rete"

Transcript

1 BeeNet Apicoltura e ambiente in rete Proposta di ampliamento e di ristrutturazione della rete nazionale di monitoraggio, del sistema delle segnalazioni e della Squadra di Pronto Intervento Apistico (SPIA)

2 Apenet: monitoraggio e ricerca in apicoltura Struttura Interazione di più fattori (CRA-API, UNIBO, UNIUD, IZS-VE, UNINA, IGB-CNR, UNIBAS, IGA UD, IZSLER) Api e agrofarmaci (UNIBO, CRA-API, UNITO, UNIPD) Api e mais conciato (CRA-ING, CRA-PAV, CRA-MAC) Api e patologie (UNIUD, UNINA, CRA-API, IGA UD, IGB- CNR, UNIBAS, UNIFE) Sistema immunitario dell ape (UNINA, UNIUD, CRA-API, IGA UD, IGB- CNR, UNIBAS, UNIFE) Api e fattori ambientali (CRA-API, UNIUD, UNISS, CRA-CMA, ARPA- ER, Istituzioni locali) Monitoraggio (IZS-VE, UNIBO, CRA-API, CRA-CMA, ISPRA, ISS, UNIPI, Istituzioni locali) Scheda monitoraggio : messa a punto di una rete di monitoraggio nazionale per la valutazione dello stato di salute delle api

3 Progetto Apenet Messa a punto di una rete di monitoraggio nazionale per la valutazione dello stato di salute delle api nelle zone a maggior rischio e nelle aree naturali protette Creazione di una rete di monitoraggio nazionale costituita da moduli regionali di rilevamento (1 modulo =5 apiari di 10 alveari ciascuno) Georeferenziazione degli apiari Raccolta di informazioni sul contesto ambientale Raccolta di informazioni sullo stato sanitario degli alveari Approfondimenti analitici su matrici apistiche Messa a punto di un software per la registrazione dei dati accessibile da parte dei operatori Elaborazione statistica dei dati

4 Reti regionali Apiari Alveari Finanziamento Rete regionale Lombardia Regione Lombardia Rete regionale Piemonte Regione Piemonte Rete regionale Friuli V.G. (solo nel 2009) Regione Friuli V.G.

5 Da Apenet a BeeNet

6 Istituzioni coinvolte CRA-API CRA -Unità di Ricerca di Apicoltura e Bachicoltura, Bologna Unità operativa capofila con funzioni di coordinatore IZS-VE Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Centro di Referenza Nazionale per l Apicoltura, Padova Unità operativa del progetto con funzioni di partner tecnico (rete di monitoraggio) UNIBO Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Università degli Studi di Bologna Unità operativa del progetto con funzioni di partner tecnico (Sistema segnalazioni e SPIA) SIN Sistema Informativo Nazionale per lo sviluppo dell agricoltura Unità operativa del progetto con funzioni di partner tecnologico (Sistema informativo).

7 Inquadramento del progetto Il progetto si inquadra negli obiettivi delle azioni della Rete Rurale Nazionale, in particolare nell Azione Laboratori interregionali per lo sviluppo, che prevedono l istituzione di osservatori rurali e reti di interscambio, in grado di monitorare in tempo reale la situazione nelle diverse regioni italiane, anche attraverso la creazione di database e archivi informatici accessibili al pubblico. Questo progetto, inoltre, per il suo carattere innovativo e dimostrativo, risponde perfettamente all esigenza di diffusione delle buone prassi e delle conoscenze, che rappresenta uno dei criteri portanti della Rete Rurale.

8 Il contesto europeo Altre iniziative europee di riferimento Gruppo europeo COLOSS (Prevention of COlony LOSSes), la cui finalità è indagare sull importanza di diversi potenziali fattori nella salute delle api e nella comparsa di fenomeni di spopolamento. Comprende 49 Paesi europei tra cui l Italia; vi partecipano 4 ricercatori afferenti alle istituzioni proponenti. Rete di monitoraggio francese gestita da AFSSA, anni , e Rete di monitoraggio tedesca DEBIMO, anni , per l identificazione delle cause delle ingenti perdite di alveari di quegli anni. L elaborazione della rete di monitoraggio BeeNet prende spunto anche dall esperienza di istituzioni europee come la tedesca BBA (Biologische Bundesanstalt) e la francese AFFSA (Agence Française de Sécurité Sanitaire des Aliments), oggi ANSES (Agence Nationale de Sécurité Sanitaire de l Alimentation de l Environnement et du Travail). A quest ultima è stato recentemente attribuito il Centro di referenza comunitario per la salute delle api (EURL for bee health, Regolamento (EU) n. 87/2011 della Commissione del 2 febbraio 2011).

9 Il contesto europeo visione strategica supportata da: Direttiva Europea 2010/21/UE del 12 marzo 2010, che modifica l allegato I della Direttiva 91/414/CEE del Consiglio per quanto riguarda le disposizioni specifiche relative a clothianidin, thiamethoxam, fipronil e imidacloprid. La stessa direttiva detta le norme precauzionali da adottare nell utilizzo di questi prodotti e dispone che gli Stati membri provvedano affinché: siano introdotti programmi di monitoraggio per verificare l esposizione effettiva delle api da miele ai principi attivi in aree molto utilizzate da api bottinatrici o da apicoltori, ove e come necessario. Essendo la sorveglianza dello stato di salute degli alveari negli areali maidicoli uno degli obiettivi prioritari del progetto proposto, ciò risulta perfettamente in linea con le prescrizioni della Commissione Europea

10 Livelli di organizzazione Coordinamento nazionale: gruppo tecnico di coordinamento del progetto, formato dal personale delle quattro unità operative CRA-API, IZS-VE, UNIBO e SIN Referenti centrali: esperti del coordinamento nazionale che gestiscono sia la rete di monitoraggio che il sistema di segnalazioni e la SPIA. Responsabili Regionali istituzionali: referenti nominati dalle Regioni (Assessorati all Agricoltura e alla Sanità) che hanno il compito di coordinare, insieme alle altre figure ed Enti coinvolti e in collaborazione con i Referenti centrali, le attività del Progetto BeeNet a livello regionale; in particolare le attività della rete di monitoraggio e della SPIA. Referenti di modulo: Tecnici o esperti apistici con il compito di effettuare i controlli di campo e le attività dei moduli della rete di monitoraggio sotto le direttive del Coordinamento regionale e di quello centrale. Super referente: Figura scelta fra i Referenti di modulo operanti nella regione con la funzione di capofila e che interviene in caso di segnalazione con sopralluogo affiancando le attività della SPIA. Coordinamento regionale: livello regionale di coordinamento costituito dai Responsabili Regionali (Assessorati all Agricoltura e alla Sanità) istituzionali, dalle Associazione degli apicoltori, dagli Enti (Servizi Veterinari e Fitosanitari della Regione, Università, IZS, ecc.) coinvolti dai Responsabili Regionali e dai Referenti di Modulo. Comitato tecnico: comitato formato dai responsabili di CRA-API, IZS-VE, UNIBO, SIN e dai rappresentanti nazionali delle Associazioni di apicoltori; il comitato tecnico si riunisce ogni 3 mesi per esaminare lo stato di avanzamento della rete e del sistema informativo e produrre bollettini periodici. Comitato di progetto: comitato formato da uno o più rappresentanti del MiPAAF, della Rete Rurale, del Ministero della Salute, del CRA sede centrale, delle Associazioni degli apicoltori, oltre che dai membri del comitato tecnico; il comitato di progetto si riunisce almeno una volta all anno per valutare l andamento del progetto.

11 Organigramma funzionale Coordinamento nazionale Referenti centrali della rete (CRA-API, IZS-VE, UNIBO) Sistema informativo (SIN) Coordinamento regionale Referenti regionali Referenti istituzionali MONITORAGGIO Referenti dei moduli SISTEMA SEGNALAZIONI Tecnici locali Squadra di Pronto Intervento Apistico (SPIA) Istituzioni locali (AASSLL, IIZZSS Servizi veterinari, Associazioni apicoltori)

12 Prospettive e finalità del progetto 1) Incremento e stabilizzazione della rete di monitoraggio nazionale per la valutazione dello stato di salute delle api 2) Sviluppo e potenziamento del sistema delle segnalazioni Squadra di Pronto Intervento Apistico (SPIA) 3) Messa a punto di un sistema informatico di rilevazione dati e diffusione dei risultati

13 1) Incremento e stabilizzazione della rete di monitoraggio

14 Apenet: 28 moduli 135 postazioni (apiari), 1350 alveari BeeNet: 75 moduli 375 postazioni (apiari), 3750 alveari

15 Struttura della rete BeeNet MODULO apiario E prevista un installazione di base di almeno 2 moduli (10 apiari) per regione. Ulteriori 15 moduli (75 apiari) sono stati programmati in aree intensamente coltivate della nostra Penisola o in regioni territorialmente estese Altri moduli ( apiari) sono a disposizione in sede di consultazione e di discussione del progetto con le Regioni e le Associazioni degli apicoltori Per ogni apiario verrà installato un pannello esplicativo. apiario apiario apiario apiario

16 Regione N moduli APENET N moduli integrativi BEENET Abruzzo Totale Note Basilicata 2 (1 regionale) - 2 Bolzano 1-1 Calabria 4 (3 regionali) - 4 Comprensorio intensamente coltivato ad agrumi (es. piana di Sibari) spesso interessato da intense mortalità di api per avvelenamento da agrofarmaci Campania Regione con aree (es. piana del Volturno e piana del Sarno) intensamente coltivate Emilia-Romagna 3 (3 regionali) 1 4 Friuli Venezia-Giulia Lazio Liguria Regione con zone agrarie ad indirizzo colturale diverso (frutticolo, orticolo, viticolo, sementiero, cerealicolo ecc.) Lombardia Regione con la più ampia superficie maidicola nazionale Marche Molise Piemonte Regione con un ampia superficie destinata a mais e con la presenza di estese zone viticole e frutticole (provincia di Cuneo) Puglia La copertura di questa estesa regione comporta l installazione di almeno tre moduli Sardegna Sicilia La copertura di questa estesa regione comporta l installazione di almeno tre moduli Toscana 4 (3 regionali) - 4 Trento 1-1 Regione con la compresenza di vaste aree con diversi indirizzi colturali inframmezzate con importanti aree naturali Umbria 2 (1 regionale) - 2 Valle d Aosta Veneto 2 (2 regionali) 2 4 Totale Regione con un ampia superficie destinata a mais e con la presenza di estese zone viticole

17 Funzionamento della rete BeeNet La gestione dei moduli della rete seguirà l impostazione già stabilita nell ambito del progetto Apenet, con alcune varianti Controlli periodici Sono previsti un minimo di 4 controlli annuali, da parte del referente del modulo, secondo queste cadenze: - 1 controllo: ultima settimana di marzo/prima decade di aprile; - 2 controllo: ultime tre settimane di giugno; - 3 controllo: ultima settimana di agosto/prima decade di settembre; - 4 controllo: ultima settimana di ottobre/prima decade di novembre Raccolta dei campioni Campioni di api e di covata vengono raccolti nel corso dei controlli primaverili (1 ) e di fine estate (3 ), per tenere sotto costante sorveglianza i livelli di infestazione delle colonie da parte di varroa, nosema e virus. Nelle aree a coltivazione intensiva, ove sia più alto il rischio di avvelenamento (ad es. gli areali maidicoli o quelli viticoli e frutticoli) saranno effettuati, in corrispondenza di uno o più controlli di routine, prelievi di campioni per la ricerca degli specifici principi attivi. In tutti gli altri casi, la raccolta di campioni avviene solo in caso di presenza di sintomi di malattia o di sospetto avvelenamento (campioni straordinari). Nei casi di sospetta patologia soggetta a denuncia, l apicoltore è sempre tenuto a darne comunicazione alla ASL competente per territorio.

18 Analisi delle matrici raccolte Campione raccolto Numero Analisi da effettuare Competenza istituzionale 10 api/alveare Nosema (qualitativa) Servizio veterinario ASL api/alveare Nosema (quantitativa) Servizio veterinario ASL Api vive 10 api/alveare Virologiche (qualitativa) Servizio veterinario ASL api/alveare Varroa (quantitativa) Servizio veterinario ASL 30 api api/alveare o 300 api/apiario Analisi dei residui (pesticidi e acaricidi) Servizio veterinario ASL e Servizio Fitosanitario Favo con covata 1 campione/alveare Peste americana/europea (qualitativa) Servizio veterinario ASL Polline da favo 1 campione/apiario Analisi palinologica Valore nutrizionale Enti di ricerca Cera d opercolo 1 campione/apiario Analisi dei residui (pesticidi e acaricidi) Enti di ricerca, ASL e Servizio Fitosanitario Miele 1 campione/apiario Spore di peste americana Nosema Servizio veterinario ASL Servizio veterinario ASL

19 2) Sviluppo e potenziamento del sistema delle segnalazioni Squadra di Pronto Intervento Apistico (SPIA)

20 Situazione attuale MORTALITA e/o SPOPOLAMENTO ANOMALO Singolo apicoltore Denuncia al Servizio Veterinario AUSL di competenza Associazione CRA-API DiSTA IZSVE Eventuale intervento del Servizio Fitosanitario regionale

21 Sistema segnalazioni BeeNet SEGNALAZIONE CHI? COME? DOVE? Singolo apicoltore Associazione territoriale Via Internet, fax o telefono Sistema informativo BeeNet Coordinatori BeeNet Ministeri, Regioni Servizi veterinari ASL

22 COME FUNZIONA? Segnalazione tramite il Sistema informativo BeeNet Compilazione di un semplice modulo : Chi: Dove:. Quando: Cosa:. Ipotesi:.. Referenti centrali e regionali SPIA Referenti centrali Referenti regionali Tecnici locali Attivazione SPIA A Valutazione oggettiva dell evento Intervento sul posto e prelievo campioni Analisi campioni Servizio Veterinario AUSL (patologie) Servizio fitosanitario (avvelenamenti) B Richiesta invio campioni Analisi campioni Banca dati del Sistema Infomativo BeeNet

23 3) Messa a punto di un sistema informatico di rilevazione dati e diffusione dei risultati

24 OBIETTIVI DEL PROGETTO SISTEMA DI MONITORAGGIO SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI BANCA DATI SIAN SISTEMA DIFFUSIONE DEI RISULTATI

25 UTENTI SISTEMA DI MONITORAGGIO FUNZIONI DEL MONITORAGGIO BANCA DATI SIAN SERVIZIO AGROMETEO CONTROLLI APIARIO CONTROLLI ALVEARE MODULI APIARI ALVEARI FASCICOLO AZIENDALE BANCA DATI TERRITORIALE CAMPIONAMENTO BEENET

26 SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI UTENTI PUBBLICI UTENTI PRIVATI INVIO SEGNALAZIONE SUL PORTALE RRN LINK SOS-API GESTIONE PRATICA E ARCHIVIAZIONE DOCUMENTI DIGITALI ALERT! INTERVENTO S.P.I.A

27 OSSERVAZIONI SUL COMPORTAMENTO DIFFUSIONE DEI RISULTATI REGIONE MODULO APIARIO ATTIVITA' BOTTINATRICI DI VOLO CON POLLINE MORTALITA' ap ap EMILIA ROMAGNA 1 ap ap ap ATTIVITA DI VOLO ap.1 ap.2 ap.3 ap.4 ap MORTALITA API REGIONE OSSERVAZIONI SUL COMPORTAMENTO ATTIVITA' DI BOTTINATRICI CON VOLO POLLINE MORTALITA' BASILICATA CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA LAZIO LIGURIA LOMBARDIA MARCHE MIPAAF MOLISE P.A. BOLZANO P.A.TRENTO PIEMONTE PUGLIA SARDEGNA SICILIA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE UMBRIA VALLE D'AOSTA VENETO BASILICATA CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA LAZIO LIGURIA LOMBARDIA MARCHE MIPAAF MOLISE P.A. BOLZANO P.A.TRENTO PIEMONTE PUGLIA SARDEGNA SICILIA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE UMBRIA VALLE D'AOSTA VENETO 4 1 2

28 Attività di formazione Nell ambito delle attività della rete sono previsti corsi di formazione e di aggiornamento per i referenti dei moduli, per la definizione dei protocolli operativi e delle modalità di azione nell ambito del funzionamento della rete di monitoraggio. Saranno programmati incontri con gli amministratori e gli operatori locali di ASL e Assessorati regionali, con l obiettivo di stimolare, all interno delle singole istituzioni locali, la partecipazione dei funzionari pubblici all attività di sorveglianza. Saranno inoltre organizzati corsi specifici sulle tematiche di patologia apistica e di risposta alle emergenze sanitarie in apicoltura, destinati ai veterinari delle regioni che lo richiedano. Tali corsi saranno tenuti dagli esperti del coordinamento centrale, in collaborazione con esperti di patologia apistica (es. veterinari).

29 Stato attuale e azioni da intraprendere Rete di monitoraggio 2011: attivazione dei soli moduli ex-apenet Sistema delle segnalazioni 2011: attuata su base volontaria e con le modalità Apenet Prime azioni da intraprendere per l organizzazione della rete BeeNet e della SPIA (operative per il 2012): 1) Nomina dei referenti regionali della rete da parte degli Assessorati di agricoltura e salute di tutte le Regioni e Province autonome 2) Indicazioni da parte delle Associazioni Nazionali di apicoltori (UNAAPI, FAI e ANAI) dei loro rappresentanti in ogni Regione o Provincia autonoma 3) Incontri regione per regione tra il Coordinamento centrale, i Coordinamenti regionali e i rappresentanti delle Associazioni locali per decisioni sul posizionamento dei nuovi moduli e la scelta dei referenti 4) Definizione del protocollo operativo della SPIA 5) Organizzazione di corsi di formazione per i referenti dei moduli e i tecnici locali della SPIA

Programma Rete Rurale Nazionale 2007-2013

Programma Rete Rurale Nazionale 2007-2013 Programma Rete Rurale Nazionale 2007-2013 ATTIVITA 2014 SIN Luogo e data Roma, 22 settembre 2015 Servizi contrattualmente affidati alla SIN S.p.A. Codice contratto Attività e servizi contrattualmente affidati

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni Verona, 28 gennaio 2011 3 Domande Perché siamo arrivati alla costruzione di un sistema informativo

Dettagli

Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette

Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette Valter Bellucci 1, Stefano Lucci 1, Francesco Campanelli 1, Roberto Sannino

Dettagli

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Brisighella 13 settembre 2013 1 Diapositiva

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

RETE RURALE NAZIONALE 1

RETE RURALE NAZIONALE 1 RETE RURALE NAZIONALE 1 Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Rete Rurale Nazionale BeeNet Apicoltura e ambiente in rete Bollettino Monitoraggio Apistico A cura del Coordinamento Nazionale:

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale

Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione umana e animale sul territorio nazionale Gruppo di Lavoro Tecnico Interregionale sul tema degli OGM istituito dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome WORKSHOP 20-21 febbraio 2008 Il controllo ufficiale degli OGM nell alimentazione

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE a cura di Marco Perelli Ercolini

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE a cura di Marco Perelli Ercolini I MEDICI DI MEDICINA GENERALE a cura di Marco Perelli Ercolini Diminuiscono i medici di medicina generale. I medici di famiglia sono passati dai 47.262 del 1999 ai 46.97 del. Infatti, per garantire una

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

03/11/2015. Lo stato dell'arte del programma di farmacovigilanza in Italia. Ugo Moretti

03/11/2015. Lo stato dell'arte del programma di farmacovigilanza in Italia. Ugo Moretti Lo stato dell'arte del programma di farmacovigilanza in Italia Ugo Moretti 1 Farmacovigilanza La scienza e le attività collegate alla identificazione, valutazione, conoscenza e prevenzione delle reazioni

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 16 aprile 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 10 del 1 aprile 201 1. CAMPIONATI NAZIONALI - SPORT DI SQUADRA AMMISSIONE ALLE FINALI NAZIONALI E COMPOSIZIONE DELLE FASI INTERREGIONALI - Under 14, Allievi, Juniores, Top Junior,

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007

DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 DOCUMENTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN EDILIZIA 2008-2010 29 novembre 2007 1. Premessa: a) la Commissione Salute delle Regioni e Province Autonome ha approvato il

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Paola Marcello Indirizzo S.V. Logulentu Badde Tolta, 7/a 07100 Sassari (SS) Telefono 3286768290 Fax 079 328058

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

TRASMISSIONE DI RELAZIONI

TRASMISSIONE DI RELAZIONI REGIONI TRASMISSIONE DI RELAZIONI 2 varie 2 In materia di accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche (Doc. CCI): 3 In materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio (Doc.

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ufficio VI PIANO

Dettagli

Randagismo e Pappataci, un fattore di rischio per la diffusione della Leishmaniosi. Luciano Venturi

Randagismo e Pappataci, un fattore di rischio per la diffusione della Leishmaniosi. Luciano Venturi Progetto integrato di formazione dei Dipartimenti di Sanità Pubblica Area Vasta Romagna - Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Una panoramica sui principali infestanti urbani di interesse sanitario

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali Friuli Venezia Giulia I dati di seguito presentati sono estrapolati da quelli

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

AUTORITA REGIONALI COMPETENTI

AUTORITA REGIONALI COMPETENTI AUTORITA REGIONALI COMPETENTI REGIONE ABRUZZO Direzione Sanità Ufficio IAN - Servizio Prevenzione Collettiva Via Conte di Ruvo, 74 - PESCARA Tel. 085 7672673/606 REGIONE BASILICATA Dipartimento Sicurezza

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA)

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) 10/022/CR6d/C7 Accordo di collaborazione (ex art. 15 Legge 7 agosto 1990, n

Dettagli

SCHEDA APENET Monitoraggio e ricerca in apicoltura

SCHEDA APENET Monitoraggio e ricerca in apicoltura SCHEDA APENET Monitoraggio e ricerca in apicoltura Titolo Analisi dei fattori di rischio per la salute delle api Studio effettuato da: CRA unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura Descrizione attività:

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Cod. ISTAT INT 00051 AREA: Ambiente e territorio Settore di interesse: Ambiente Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Titolare: Dipartimento

Dettagli

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014 Conferenza Stampa Garanzia Giovani Roma, 10 dicembre 2014 2 Garanzia Giovani Obiettivo: migliorare l occupabilità Nasce da una raccomandazione europea 1.135 mln di fondi europei 378 mln. cofin. nazionale,

Dettagli

L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA

L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione delle poli che di sviluppo

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco associate UNPLI. PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI

Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco associate UNPLI. PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI CONVENZIONE ASSICURATIVA tra UNPLI UNIONE NAZIONALE PRO LOCO D ITALIA - e UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Divisioni: LA FONDIARIA LA PREVIDENTE NUOVA MAA - SAI Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile?

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? IV Workshop 2013 Coordinamento Nazionale PASSI Dati PASSI a supporto delle politiche per la sicurezza stradale Gianluigi

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Città e CAP Telefono Fax E-mail PEC P.IVA 02881870733 Dott. SILVESTRE FABIO Codice Fiscale SLVFBA80L15L049I Nazionalità Italiana Data

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN)

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DI.VA.P.R.A. Via Leonardo da Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) DIPARTIMENTO DI VALORIZZAZIONE E PROTEZIONE DELLE RISORSE AGROFORESTALI Settore Entomologia e Zoologia applicate

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 293/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.11.2005 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia

Dettagli

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL 1 MALATTIE PROFESSIONALI L incontro odierno costituisce un importante

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Stato di avanzamento della campagna vaccinale per l HPV: dati di copertura vaccinale al 31/12/2013 Rapporto Semestrale

Stato di avanzamento della campagna vaccinale per l HPV: dati di copertura vaccinale al 31/12/2013 Rapporto Semestrale Stato di avanzamento della campagna vaccinale per l HPV: dati di copertura vaccinale al 31/12/2013 Rapporto Semestrale Cristina Giambi (Reparto di Epidemiologia di Malattie Infettive del CNESPS, ISS) Il

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

INCONTRO ANNUALE 2010

INCONTRO ANNUALE 2010 Cagliari,14-15 ottobre 2010 INCONTRO ANNUALE 2010 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR La ricerca nei POR 1 Presentazione 1. Attività di ricerca delle imprese

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 L apicoltura è una attività zootecnica minore,

Dettagli