GeoNet: un software per la compensazione di reti topografiche integrate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GeoNet: un software per la compensazione di reti topografiche integrate"

Transcript

1 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 GeoNet: un software per la compensazone d ret topografche ntegrate Lorenzo Ross (*), Danele Sampetro (**), Fernando Sansò (*) (*) Poltecnco d Mlano, Polo Regonale d Como, Va Valleggo Como Italy, web: (**) GReD, Va Valleggo 11, Como, Italy, Tel , Fax , emal: Rassunto L'uso congunto d rcevtor GNSS e stazon total, ogg sempre pù frequente, pone l problema dell ntegrazone d osservazon classche e GNSS e de rspettv sstem d rfermento. Il software GeoNet, svluppato da student, govan rcercator del Laboratoro d Geomatca del Poltecnco d Mlano n collaborazone con lo spn off GReD, rsolve l problema con una compensazone rgorosa a mnm quadrat d tutte le osservazon topografche drettamente n coordnate global geodetche. Tale scelta, che evta d consderare separatamente sottomodell planmetrco ed altmetrco, è necessara per poter garantre una corretta ntegrazone delle osservazone satelltar, generalmente espresse n un sstema d rfermento globale geodetco, con le osservazon topografche classche, dsponbl nvece solamente n un sstema d rfermento locale. Questo approcco, oltre a rsultare formalmente pù corretto, presenta anche l vantaggo d consderare ntrnsecamente l effetto della curvatura terrestre, non trascurable per ret con dmenson d qualche centnao d metr. Il software GeoNet sfrutta noltre le nformazon del modello globale del campo d gravtà EGM08 per ntrodurre gl effett della devazone della vertcale e dell ondulazone del geode nella compensazone della rete, operazone assolutamente necessara per ntegrare n modo corretto osservazon GNSS e topografche. Il software d compensazone GeoNet, realzzato sfruttando l lnguaggo d programmazone offerto dall'applcatvo d calcolo matrcale Matlab è noltre completo d una semplce nterfacca grafca che permette l mportazone da var format d fle e la gestone delle osservazon e de rsultat. Il lavoro è corredato da una sere d test d compensazon d ret che offrono la possbltà d apprezzare la correttezza del software e le dfferenze, che possono arrvare anche ad alcun centmetr n termn d poszonamento assoluto, tra metod classc e GeoNet. Abstract The combned use of GNSS recevers and total statons s becomng nowadays more and more frequent, presentng the problem of the ntegraton of classcal and GNSS observatons and ther reference systems. The GeoNet software, developed by students and young researchers of the Laboratory of Geomatcs at Poltecnco d Mlano n collaboraton wth GReD (spn off company of Poltecnco d Mlano), solves the problem wth a rgorous least squares compensaton of all the observatons drectly n a global reference frame, usng geodetc coordnates. Ths choce, whch avods to consder separately the planmetrc and altmetrc submodels, s necessary n order to ensure a correct ntegraton of satellte observaton, generally expressed n a global geodetc reference system, wth the classc observatons, avalable only n a local reference system. Ths approach, beyond beng formally correct, has also the advantage of naturally consder the effect of the curvature of the earth, not neglgble even for networks wth dmensons of a few hundred meters. Moreover GeoNet s able to consder the effects of the deflecton of the vertcal and geod undulaton n the network adustment (derved from the global model of the gravtatonal 1157

2 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 feld EGM08), operaton requred n order to properly ntegrate GNSS observatons and classc surveyng. The GeoNet software s bult usng the programmng language offered by Matlab applcaton and s equpped wth a smple graphcal nterface that allows to mport varous fle formats and to manage observatons and results. In the present work a seres of tests of network adustments that prove the ablty to apprecate the correctness of the software and the dfferences, whch may reach several centmeters n terms of absolute postonng, between the tradtonal methods and GeoNet are also shown. Introduzone Il dffonders ed l mgloramento della qualtà d osservazone della strumentazone topografca satelltare e n partcolare de sstem GNSS rende ogg sempre pù frequente l utlzzo congunto d questa tecnologa e d strumentazone topografca classca (.e. stazone totale e lvello) per var gener d rlev. I sstem GNSS e la strumentazone topografca classca presentano, nfatt, caratterstche complementar: se da un lato la strumentazone satelltare è d pù facle utlzzo e fornsce rsultat drettamente n un sstema d rfermento globale dall altro presenta un decadmento della qualtà nel poszonamento quando non sano vsbl abbastanza satellt, oppure quando la loro geometra non sa adeguata. Vceversa le osservazon classche, anche se rchedono maggor cura e competenza, possono sempre essere effettuate e portano a rsultat, generalmente n un sstema d rfermento locale, d elevata accuratezza. Un utlzzo ntegrato de due sstem porta notevol vantagg: n partcolare è possble msurare tutto cò che non è osservable con l GPS utlzzando la strumentazone classca e qund compensare tutte le osservazon contemporaneamente. Negl ultm ann anche produttor d strument s sono moss n questa drezone producendo ognuno l propro sstema ngrato GNSS- Stazone totale (come ad esempo Leca SmartStaton). Tuttava una volta raccolte le osservazon è necessaro ntegrarle n un unca compensazone a mnm quadrat che ottmzz la stma delle coordnate della rete. Per far questo è necessaro rscrvere le equazon d osservazone classche n forma vettorale nel sstema d rfermento globale usato da sstem GNSS (WGS 84). È mportante sottolneare che nella rscrttura delle equazon d osservazone è necessaro consderare tutta una sere d fattor qual, ad esempo, la devazone della vertcale e l ondulazone del geode, assolutamente necessar per garantre una corretta ntegrazone tra sstem d rfermento. Questa forma delle equazon consente, noltre, d consderare ntrnsecamente la curvatura terrestre elmnando la necesstà d correggere le osservazon a monte della compensazone. Il modello rsulta essere n questo modo formalmente pù corretto ed adatto a ret d qualunque dmensone: dalla rete costruta all nterno d un cantere, dove probablmente non sarà apprezzable la dfferenza ne rsultat, a polgonal catastal, d nquadramento terrtorale e d montoraggo, dove scuramente è presente una dfferenza notevole ne rsultat rspetto a metod classc, soprattutto per quanto rguarda l aspetto altmetrco. Nel presente lavoro vene presentato l software GeoNet, svluppato dal Laboratoro d Geomatca del Poltecnco d Mlano n collaborazone con l suo spn off GReD n grado d ntegrare correttamente osservazon GNSS e osservazon classche n un unca compensazone rgorosa trdmensonale a mnm quadrat. Il software è stato svluppato sfruttando l lnguaggo d programmazone offerto dall applcatvo d calcolo matrcale MatLab, con cu è stato possble anche creare una semplce nterfacca grafca (fgura 1) per mportare e gestre le osservazon, oltre che per poter vsualzzare ed esportare rsultat ottenut. GeoNet è n grado d processare ret trdmensonal con osservazon d angol azmutal, zental, dstanze, dslvell e osservazon GPS sa sngle pont che baselne. Per valor della devazone della vertcale e dell ondulazone del geode GeoNet può utlzzare modell local o global del 1158

3 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 campo gravtazonale; n partcolare attualmente l software utlzza l modello globale EGM08 (Pavls et al. 2008). Fgura 1. Schermata prncpale del software GeoNet. Equazon d osservazone Per poter ntegrare le osservazon GNSS con quelle della stazone totale è necessaro esprmere tutte le equazon d osservazone n forma vettorale nello stesso sstema d rfermento. Nel software GeoNet s è scelto d utlzzare l sstema d rfermento WGS84, defnendo la poszone de punt tramte le coordnate ellssodche. Le ncognte del problema rsultano qund essere lattudne, longtudne ed altezza ellssodca, d ora n po espresse rspettvamente con smbol φ, λ, h. Scelto l sstema d rfermento è possble scrvere le equazon d osservazone per tutte le tpologe d strumentazone: n partcolare s tratteranno nell ordne le equazon delle osservazon d stazone totale, strumentazone satelltare ed, nfne, lvellazone. Consderando due punt P (punto d stazone) e P (punto osservato) e facendo rfermento alla fgura 2, è possble defnre le osservazon della stazone totale (dstanza D, angolo zentale ζ e drezone azmutale A ) come: D = r r [1] ( n r ) = arccos[ ( ν + ) r ] ζ = arccos δ [2] r b r e λ A = arctan η r a = arctan [3] r e ϕ dove r, r sono vettor d poszone de punt P, P, r = r - r, ν è la normale all'ellssode n P, δ è la devazone della vertcale n P ed nfne e b sono due versor ortogonal nel pano orzzontale 1159

4 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 con rvolto allo 0 del cercho azmutale. S not che la drezone d è defnta tramte l'angolo η tra ed l versore rvolto ad est e λ (s veda la fgura 2). Per quanto rguarda le osservazon angolar della stazone totale l software GeoNet è n grado, nel pretrattamento de dat, d esegure le correzon tra letture drtte e rovesce (regola d Bessel). ν r P r r e e ϕ P e ϕ n P ν ζ r e λ P P b A h r ϑ η h e a e λ P e λ (a) (b) (c) Fgura 2. Smbologa utlzzata nella scrttura delle equazon d osservazone lnearzzate, per la dstanza (a), l angolo zentale (b) e la drezone azmutale (c). n, ν n (b) ndcano rspettvamente la drezone della vertcale e della normale all ellssode; (c) è nel pano orzzontale passante per l punto ; η è l orentamento ncognto della stazone, e h, r h sono la proezone sul pano orzzontale d e, r. Le osservazon esegute con strumentazone satelltare devono essere nserte nella procedura d calcolo prevo pretrattamento: n partcolare per motv d semplctà s è scelto d fornre al software drettamente l valore delle coordnate d un sngolo punto (modaltà sngle pont) oppure le dfferenze d coordnate tra due rcevtor (modaltà baselne). Queste quanttà possono essere comunque rcavate a partre da osservazon GNSS grezze utlzzando software commercal, e.g. LGO o Bernese (Dach et al. 2007), oppure freeware e.g. GoGPS (Realn et al., 2010). A entrambe le tpologe d osservazon vene assocata, e d conseguenza utlzzata nella compensazone, la relatva matrce d varanza/covaranza. In ogn caso l osservazone vene espressa n coordnate cartesane geocentrche per evtare problem con le untà d msura delle matrc d covaranza n partcolare le equazon d osservazone GNSS mplementate sono: X SP = r = Y [4] Z X X BL = r = r r = Y Y [5] Z Z Per la lvellazone è possble scrvere l equazone n termn d coordnate ellssodche: per far questo è necessaro ntrodurre l ondulazone del geode nelle equazon d osservazone: Δ = H H = h + N ( h + N ) = h h + ΔN [6] Dove Δ è l dslvello osservato tra l punto P (d quota ortometrca H ) e l punto P (d quota ortometrca H ), N è l ondulazone del geode e h l altezza ellssodca. 1160

5 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 È mportante sottolneare che l termne d varazone dell ondulazone del geode ΔN può essere trascurato solo se la dstanza tra due punt P e P è nferore a un centnao d metr. Ad esempo nella provnca d Como tale varazone è dell ordne d 1 cm per 100 m (Sampetro e Garca Pablos, 2010, Barzagh et al., 2011). Dato che questa condzone non rsulta sempre verfcata s può calcolare la varazone d ondulazone a partre dalla devazone della vertcale, ottenendo come rsultato la seguente equazone dove l termne δ è la devazone della vertcale meda tra due punt sempre calcolata a partre dal modello EGM08: Δ = H H = h h + ΔN = h h + r δ [7] Essendo le equazon 1, 2, 3, 4, 5 e 7 non lnear nelle ncognte per poter effettuare una compensazone a mnm quadrat è necessaro lnearzzarle nell ntorno d una soluzone approssmata. Per una trattazone dettaglata della lnearzzazone d tal equazon e la loro ntegrazone nel software s veda (Brovell, Sansò, 1989; Sansò e Venut, 2005 e Ross, 2011) Esemp e test effettuat D seguto verranno rportat due test d compensazone con GeoNet effettuat su dat real. Gl scop degl esemp scelt sono quell d verfcare l mportanza della correzone applcata per l effetto della devazone della vertcale, attraverso l confronto del rsultato con quello ottenuto usando metodologe d compensazone classche, e d dmostrare la possbltà d utlzzo n cas real d questo metodo. Il prmo test (fgura 4-a) è stato effettuato su quattro punt appartenent alla rete per l montoraggo della subsdenza della cttà d Como (Barzagh et al., 2011). In partcolare le dstanze recproche tra quattro vertc sono dell'ordne d 1 km. (a) (b) Fgura 4. Le due ret real utlzzate per test d compensazone con l software. Su ogn punto è stata poszonata la stazone totale e sono state esegute msure verso tutt gl altr punt vsbl, mentre solo su due de quattro vertc sono state esegute osservazon GPS statche della durata d svarate ore (pù d 20 ore per ogn punto osservato), asscurando un' accuratezza mllmetrca nella determnazone della poszone globale d quest due vertc. Graze a queste msure, qund, è possble compensare la rete n un sstema d rfermento globale, noltre, consderando la dmensone de lat sarà evdente l effetto della devazone della vertcale. Per verfcare la sua ncdenza s può confrontare la compensazone eseguta n GeoNet con quella tradzonale, eseguta usando l software commercale Serrasoft Topko 2011 (ved tabella 3). Prma d analzzare rsultat è necessaro esegure un confronto tra le modaltà d calcolo per caprne appeno le dfferenze. La prma e pù mportante è che con una compensazone tradzonale bsogna sceglere un sstema cartografco, n questo caso l tutto è stato proettato n UTM (Hager et 1161

6 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 al. 1989), per poter unre tutte le tpologe d msure. È mportante sottolneare che, come ben noto n letteratura, ad esempo n (Rchardus e Adler 1972), n generale le proezon cartografche ntroducono deformazon. Data la dversa natura del rsultato fnale ottenuto, per poter confrontare rsultat s è scelto d trasformare l output della compensazone ottenuto con l software commercale n coordnate global WGS84. Le dfferenze tra rsultat del software commercale e la compensazone con GeoNet rguardano prncpalmente la coordnata altmetrca con dscrepanze fno a 6 cm crca. Dfferenza compensazon Dev. St. GeoNet Dev. St. Topko PUNTO dφ (mm) dλ (mm) dh (mm) φ (mm) λ (mm) h (mm) Plan. (mm) h (mm) CANTIERE GENO MOLO OLMO Tabella 3. Confronto compensazone tradzonale con GeoNet della rete n fgura 4-a. Per quanto rguarda le coordnate planmetrche le dfferenze sono dell ordne d poch mllmetr paragonabl all' accuratezza fnale de rsultat. S può noltre notare come la dfferenza n quota tra le due compensazon su punt dove sono present osservazon GPS (CANTIERE e OLMO) sa pratcamente nulla: questo è dovuto al fatto che la compensazone con Topko assuma l osservazone satelltare come assolutamente vertera. Tuttava questo comporta che tutto l'errore delle osservazon classche vada a dstrburs sulle coordnate degl altr punt. Inoltre nella metodologa d compensazone tradzonale non vene n nessun modo consderato l'effetto dovuto alla dfferenza d drezone tra la normale al geode e quella all ellssode n cascun punto. È facle verfcare come, essendo tale dfferenza dell'ordne d 20" nella zona d Como, questo effetto non sa trascurable per lat d 1 km. Consderando punt GENO e MOLO le due compensazon presentano dfferenze n quota fno a 6 cm, compatbl appunto con l'effetto dovuto alla devazone della vertcale. Il secondo esempo è mrato a verfcare la possbltà d applcare l metodo d compensazone ntegrato d GeoNet su ret real e complesse. L esempo scelto è una rete per l rlevo d un complesso d fabbrcat nquadrato nella magla fducale catastale (fgura 4-b). Utlzzando l rlevo ntegrato è stato possble semplfcare molto lo schema d rlevo (fgura 5), n partcolare problem legat a: - presenza d molta vegetazone che rendeva mpossble l collegamento ad alcun punt fducal, a meno d esegure delle polgonal molto lunghe e complesse, rducendo così la qualtà della soluzone; - mpossbltà d msurare tutt punt del rlevo con rcevtor GPS (a causa della vegetazone e della necesstà d msurare de fabbrcat). I problem sono stat rsolt eseguendo osservazon con stazone totale e GPS, n modo d sopperre con uno a problem dell altra e vceversa. Le msure satelltar sono state esegute n modaltà RTK con correzone d area fornta dal servzo d poszonamento ITALPOS, con una permanenza massma su cascun punto d una decna d mnut e la possbltà d lavoro con un solo rcevtore rover, a patto d trovars n una zona coperta da segnale telefonco. Rspetto alla rete del prmo esempo s dmostra anche la rapdtà e la semplctà d osservazone d una rete complessa resa possble appunto dall'ntegrazone d osservazon classche e GPS. Nella compensazone le osservazon satelltar sono state espresse sotto forma d baselne n modo da poter fssare l sstema d rfermento del rlevo sulla stazone base della rete ITALPOS. Questa operazone permette, n caso d necesstà, d aggungere osservazon al rlevo anche n un secondo momento ed anche d conoscere la qualtà d poszonamento della rete stessa nel sstema d rfermento globale usato. La compensazone con GeoNet ha permesso d ottenere rsultat d elevata accuratezza, error dell'ordne d 1 cm n planmetra e 2 cm n quota (standard devaton). 1162

7 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 Fgura 5. Rsultat compensazone GeoNet della rete n fgura 4-b. Concluson e svlupp futur La compensazone ntegrata con modello ellssodco è su molt front la mglor soluzone al problema attualmente adottable. Infatt, mentre con una compensazone eseguta secondo lo schema tradzonale non è possble consderare contemporaneamente tutt gl effett dovut alla forma della terra ed a sstem d rfermento usat (ma ognuno deve essere trattato sngolarmente), utlzzando le equazon d osservazone nel sstema d coordnate globale le vare correzon sono mplctamente defnte nelle equazon stesse. L uso d GeoNet per la compensazone, oltre che proporre una soluzone del problema pù elegante dal punto d vsta matematco, presenta anche seguent vantagg: - l unca correzone che è necessaro modellzzare a pror è la devazone della vertcale (stmata a partre dal modello d gravtà EGM 08), mentre tutte le altre sono consderate drettamente nell equazone (e.g. la curvatura terrestre), oppure sono elmnate (e.g. deformazone dovute alla proezone cartografca). 1163

8 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre la semplctà d ntegrazone d msure d topografa classca e satelltare, potendo nglobare tutto n un solo modello senza necesstà d ntrodurre proezon cartografche, sfruttando drettamente le osservazon GPS, che se espresse sotto forma d baselne servono anche a fssare l sstema d rfermento sulla stazone base, così da far rsultare l S.R. veramente concdente con quello globale fssato, ad esempo, per le stazon permanent de servz d poszonamento. Nonostante gl ottm rsultat ottenut rmangono ancora delle queston da mplementare. Infatt, è ben noto che per garantre una precsone sotto l centmetro è necessaro correggere le osservazon della strumentazone topografca classca anche per gl effett d rfrazone atmosferca. Attualmente questo problema non è stato trattato nel software e qund rsulta necessaro effettuare la correzone manualmente sulle sngole osservazon. Il software svluppato è stato studato per poter essere ntegrato da modul agguntv e qund n futuro rsulterà molto facle poter mplementare anche questa operazone. Rferment bblografc Barzagh R., Passon D., Pnto D., Sansò F. (2011), Lvellazone d alta precsone e msurazone d rete GNSS d controllo per l'anals della subsdenza della sponda merdonale del lago d Como, Relazone tecnca, Dpartmento d Ingegnera Idraulca, Ambentale, Infrastrutture vare, Rlevamento (DIIAR) del Poltecnco d Mlano. Brovell M., Sansò F. (1989), Equazon d osservazone della topografa n coordnate cartesane local: scrttura, lnearzzazone e anals de relatv ambt d valdtà, Bollettno d Geodesa e Scenze Affn, 5 (n 3): Dach R., Hugentobler U., Frdez P., Mendl M. (2007), Bernese GPS Software Verson 5.0. Astronomcal Insttute, Unversty of Bern. Hager J.W., Behensky J.F., Drew B.W. (1989), The Unversal Grds: Unversal Transverse Mercator (UTM) and Unversal Polar Stereographc (UPS). Edton 1, Washngton, DC, Defense Mappng Agency Techncal Report TM Pavls N. K., Holmes S. A., Kenyon S. C., Factor J. K. (2008), An Earth Gravtatonal Model to Degree 2160: EGM2008, EGU General Assembly 2008, Venna, Austra, Aprl 13-18, 2008 Realn E., Yoshda D., Patocch L., Reguzzon M., Raghavan V. (2010), "Portng gogps from MATLAB to Java: performance analyss, tests and results". Att del FOSS4G 2010, 6-9 Settembre 2010, Barcellona, Spagna. Rchardus P., Adler R. K. (1972), Map Proectons, North-Holland, Amsterdam-London. Ross L. (2011), GeoNet: un software per la compesnsazone d ret topografche ntegrate trdmensonal, Tes d laurea, Poltecnco d Mlano, Como Sampetro D., Garca Pablos A. (2010), Ret 3D mste gps/total staton e devazone della vertcale, att 14a conferenza nazonale Asta, 9-12 novembre 2010, Bresca, Italy, Sansò F., Venut G. (2005), NETLAB: un laboratoro numerco per ret 3D classche e GPS, att 9a conferenza nazonale Asta, novembre 2005, Catana, Italy,

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR ESAME D STATO 2010 - L TUO ESAME - MATERE http://\vw\v. trampi.istruzione.it/esamistato/ricercacommisione.do?. tuo Esante di Stat -,:il' ;'--.,- A44001 BORTOLON CARLO SCUOLA STATALE GROLAMO FRACASTORO

Dettagli

La sfida della scienza del clima. Antonio Navarra Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

La sfida della scienza del clima. Antonio Navarra Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia La sfda della scenza del clma Antono Navarra Isttuto Nazonale d Geofsca e Vulcanologa INGV - Ist tuto Nazonal le d Geofsca e Vulcanologa - Italy Arstotele Raffello, la Scuola d Atene De Meteorologca le

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Tipi di proiezioni. A cura di Camillo Berti Creative Commons

Tipi di proiezioni. A cura di Camillo Berti Creative Commons Tipi di proiezioni Nonostante le inevitabili deformazioni, le proiezioni possono mantenere inalterate determinate caratteristiche geometriche della superficie terrestre (angoli, aree, lunghezze). Si parla

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche Università degli Studi di Perugia DICA Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Via G. Duranti 93 06125 Perugia Centro Interregionale di Coordinamento e Documentazione per le Informazioni Territoriali

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ON LINE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ON LINE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE ON LINE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE Collegati allo sportello internet studenti (click su login ed inserisci nome utente e password). Clicca su Laurea. Clicca sul

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII Captolo 8 CAPITOLO 8 8. Frae 8.. Fattor e cause de movmet fraos Per fraa s tede u rapdo spostameto d ua massa d rocca o d terra l cu cetro d gravtà s muove verso l basso e verso l estero. I prcpal fattor

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli