GeoNet: un software per la compensazione di reti topografiche integrate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GeoNet: un software per la compensazione di reti topografiche integrate"

Transcript

1 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 GeoNet: un software per la compensazone d ret topografche ntegrate Lorenzo Ross (*), Danele Sampetro (**), Fernando Sansò (*) (*) Poltecnco d Mlano, Polo Regonale d Como, Va Valleggo Como Italy, web: (**) GReD, Va Valleggo 11, Como, Italy, Tel , Fax , emal: Rassunto L'uso congunto d rcevtor GNSS e stazon total, ogg sempre pù frequente, pone l problema dell ntegrazone d osservazon classche e GNSS e de rspettv sstem d rfermento. Il software GeoNet, svluppato da student, govan rcercator del Laboratoro d Geomatca del Poltecnco d Mlano n collaborazone con lo spn off GReD, rsolve l problema con una compensazone rgorosa a mnm quadrat d tutte le osservazon topografche drettamente n coordnate global geodetche. Tale scelta, che evta d consderare separatamente sottomodell planmetrco ed altmetrco, è necessara per poter garantre una corretta ntegrazone delle osservazone satelltar, generalmente espresse n un sstema d rfermento globale geodetco, con le osservazon topografche classche, dsponbl nvece solamente n un sstema d rfermento locale. Questo approcco, oltre a rsultare formalmente pù corretto, presenta anche l vantaggo d consderare ntrnsecamente l effetto della curvatura terrestre, non trascurable per ret con dmenson d qualche centnao d metr. Il software GeoNet sfrutta noltre le nformazon del modello globale del campo d gravtà EGM08 per ntrodurre gl effett della devazone della vertcale e dell ondulazone del geode nella compensazone della rete, operazone assolutamente necessara per ntegrare n modo corretto osservazon GNSS e topografche. Il software d compensazone GeoNet, realzzato sfruttando l lnguaggo d programmazone offerto dall'applcatvo d calcolo matrcale Matlab è noltre completo d una semplce nterfacca grafca che permette l mportazone da var format d fle e la gestone delle osservazon e de rsultat. Il lavoro è corredato da una sere d test d compensazon d ret che offrono la possbltà d apprezzare la correttezza del software e le dfferenze, che possono arrvare anche ad alcun centmetr n termn d poszonamento assoluto, tra metod classc e GeoNet. Abstract The combned use of GNSS recevers and total statons s becomng nowadays more and more frequent, presentng the problem of the ntegraton of classcal and GNSS observatons and ther reference systems. The GeoNet software, developed by students and young researchers of the Laboratory of Geomatcs at Poltecnco d Mlano n collaboraton wth GReD (spn off company of Poltecnco d Mlano), solves the problem wth a rgorous least squares compensaton of all the observatons drectly n a global reference frame, usng geodetc coordnates. Ths choce, whch avods to consder separately the planmetrc and altmetrc submodels, s necessary n order to ensure a correct ntegraton of satellte observaton, generally expressed n a global geodetc reference system, wth the classc observatons, avalable only n a local reference system. Ths approach, beyond beng formally correct, has also the advantage of naturally consder the effect of the curvature of the earth, not neglgble even for networks wth dmensons of a few hundred meters. Moreover GeoNet s able to consder the effects of the deflecton of the vertcal and geod undulaton n the network adustment (derved from the global model of the gravtatonal 1157

2 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 feld EGM08), operaton requred n order to properly ntegrate GNSS observatons and classc surveyng. The GeoNet software s bult usng the programmng language offered by Matlab applcaton and s equpped wth a smple graphcal nterface that allows to mport varous fle formats and to manage observatons and results. In the present work a seres of tests of network adustments that prove the ablty to apprecate the correctness of the software and the dfferences, whch may reach several centmeters n terms of absolute postonng, between the tradtonal methods and GeoNet are also shown. Introduzone Il dffonders ed l mgloramento della qualtà d osservazone della strumentazone topografca satelltare e n partcolare de sstem GNSS rende ogg sempre pù frequente l utlzzo congunto d questa tecnologa e d strumentazone topografca classca (.e. stazone totale e lvello) per var gener d rlev. I sstem GNSS e la strumentazone topografca classca presentano, nfatt, caratterstche complementar: se da un lato la strumentazone satelltare è d pù facle utlzzo e fornsce rsultat drettamente n un sstema d rfermento globale dall altro presenta un decadmento della qualtà nel poszonamento quando non sano vsbl abbastanza satellt, oppure quando la loro geometra non sa adeguata. Vceversa le osservazon classche, anche se rchedono maggor cura e competenza, possono sempre essere effettuate e portano a rsultat, generalmente n un sstema d rfermento locale, d elevata accuratezza. Un utlzzo ntegrato de due sstem porta notevol vantagg: n partcolare è possble msurare tutto cò che non è osservable con l GPS utlzzando la strumentazone classca e qund compensare tutte le osservazon contemporaneamente. Negl ultm ann anche produttor d strument s sono moss n questa drezone producendo ognuno l propro sstema ngrato GNSS- Stazone totale (come ad esempo Leca SmartStaton). Tuttava una volta raccolte le osservazon è necessaro ntegrarle n un unca compensazone a mnm quadrat che ottmzz la stma delle coordnate della rete. Per far questo è necessaro rscrvere le equazon d osservazone classche n forma vettorale nel sstema d rfermento globale usato da sstem GNSS (WGS 84). È mportante sottolneare che nella rscrttura delle equazon d osservazone è necessaro consderare tutta una sere d fattor qual, ad esempo, la devazone della vertcale e l ondulazone del geode, assolutamente necessar per garantre una corretta ntegrazone tra sstem d rfermento. Questa forma delle equazon consente, noltre, d consderare ntrnsecamente la curvatura terrestre elmnando la necesstà d correggere le osservazon a monte della compensazone. Il modello rsulta essere n questo modo formalmente pù corretto ed adatto a ret d qualunque dmensone: dalla rete costruta all nterno d un cantere, dove probablmente non sarà apprezzable la dfferenza ne rsultat, a polgonal catastal, d nquadramento terrtorale e d montoraggo, dove scuramente è presente una dfferenza notevole ne rsultat rspetto a metod classc, soprattutto per quanto rguarda l aspetto altmetrco. Nel presente lavoro vene presentato l software GeoNet, svluppato dal Laboratoro d Geomatca del Poltecnco d Mlano n collaborazone con l suo spn off GReD n grado d ntegrare correttamente osservazon GNSS e osservazon classche n un unca compensazone rgorosa trdmensonale a mnm quadrat. Il software è stato svluppato sfruttando l lnguaggo d programmazone offerto dall applcatvo d calcolo matrcale MatLab, con cu è stato possble anche creare una semplce nterfacca grafca (fgura 1) per mportare e gestre le osservazon, oltre che per poter vsualzzare ed esportare rsultat ottenut. GeoNet è n grado d processare ret trdmensonal con osservazon d angol azmutal, zental, dstanze, dslvell e osservazon GPS sa sngle pont che baselne. Per valor della devazone della vertcale e dell ondulazone del geode GeoNet può utlzzare modell local o global del 1158

3 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 campo gravtazonale; n partcolare attualmente l software utlzza l modello globale EGM08 (Pavls et al. 2008). Fgura 1. Schermata prncpale del software GeoNet. Equazon d osservazone Per poter ntegrare le osservazon GNSS con quelle della stazone totale è necessaro esprmere tutte le equazon d osservazone n forma vettorale nello stesso sstema d rfermento. Nel software GeoNet s è scelto d utlzzare l sstema d rfermento WGS84, defnendo la poszone de punt tramte le coordnate ellssodche. Le ncognte del problema rsultano qund essere lattudne, longtudne ed altezza ellssodca, d ora n po espresse rspettvamente con smbol φ, λ, h. Scelto l sstema d rfermento è possble scrvere le equazon d osservazone per tutte le tpologe d strumentazone: n partcolare s tratteranno nell ordne le equazon delle osservazon d stazone totale, strumentazone satelltare ed, nfne, lvellazone. Consderando due punt P (punto d stazone) e P (punto osservato) e facendo rfermento alla fgura 2, è possble defnre le osservazon della stazone totale (dstanza D, angolo zentale ζ e drezone azmutale A ) come: D = r r [1] ( n r ) = arccos[ ( ν + ) r ] ζ = arccos δ [2] r b r e λ A = arctan η r a = arctan [3] r e ϕ dove r, r sono vettor d poszone de punt P, P, r = r - r, ν è la normale all'ellssode n P, δ è la devazone della vertcale n P ed nfne e b sono due versor ortogonal nel pano orzzontale 1159

4 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 con rvolto allo 0 del cercho azmutale. S not che la drezone d è defnta tramte l'angolo η tra ed l versore rvolto ad est e λ (s veda la fgura 2). Per quanto rguarda le osservazon angolar della stazone totale l software GeoNet è n grado, nel pretrattamento de dat, d esegure le correzon tra letture drtte e rovesce (regola d Bessel). ν r P r r e e ϕ P e ϕ n P ν ζ r e λ P P b A h r ϑ η h e a e λ P e λ (a) (b) (c) Fgura 2. Smbologa utlzzata nella scrttura delle equazon d osservazone lnearzzate, per la dstanza (a), l angolo zentale (b) e la drezone azmutale (c). n, ν n (b) ndcano rspettvamente la drezone della vertcale e della normale all ellssode; (c) è nel pano orzzontale passante per l punto ; η è l orentamento ncognto della stazone, e h, r h sono la proezone sul pano orzzontale d e, r. Le osservazon esegute con strumentazone satelltare devono essere nserte nella procedura d calcolo prevo pretrattamento: n partcolare per motv d semplctà s è scelto d fornre al software drettamente l valore delle coordnate d un sngolo punto (modaltà sngle pont) oppure le dfferenze d coordnate tra due rcevtor (modaltà baselne). Queste quanttà possono essere comunque rcavate a partre da osservazon GNSS grezze utlzzando software commercal, e.g. LGO o Bernese (Dach et al. 2007), oppure freeware e.g. GoGPS (Realn et al., 2010). A entrambe le tpologe d osservazon vene assocata, e d conseguenza utlzzata nella compensazone, la relatva matrce d varanza/covaranza. In ogn caso l osservazone vene espressa n coordnate cartesane geocentrche per evtare problem con le untà d msura delle matrc d covaranza n partcolare le equazon d osservazone GNSS mplementate sono: X SP = r = Y [4] Z X X BL = r = r r = Y Y [5] Z Z Per la lvellazone è possble scrvere l equazone n termn d coordnate ellssodche: per far questo è necessaro ntrodurre l ondulazone del geode nelle equazon d osservazone: Δ = H H = h + N ( h + N ) = h h + ΔN [6] Dove Δ è l dslvello osservato tra l punto P (d quota ortometrca H ) e l punto P (d quota ortometrca H ), N è l ondulazone del geode e h l altezza ellssodca. 1160

5 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 È mportante sottolneare che l termne d varazone dell ondulazone del geode ΔN può essere trascurato solo se la dstanza tra due punt P e P è nferore a un centnao d metr. Ad esempo nella provnca d Como tale varazone è dell ordne d 1 cm per 100 m (Sampetro e Garca Pablos, 2010, Barzagh et al., 2011). Dato che questa condzone non rsulta sempre verfcata s può calcolare la varazone d ondulazone a partre dalla devazone della vertcale, ottenendo come rsultato la seguente equazone dove l termne δ è la devazone della vertcale meda tra due punt sempre calcolata a partre dal modello EGM08: Δ = H H = h h + ΔN = h h + r δ [7] Essendo le equazon 1, 2, 3, 4, 5 e 7 non lnear nelle ncognte per poter effettuare una compensazone a mnm quadrat è necessaro lnearzzarle nell ntorno d una soluzone approssmata. Per una trattazone dettaglata della lnearzzazone d tal equazon e la loro ntegrazone nel software s veda (Brovell, Sansò, 1989; Sansò e Venut, 2005 e Ross, 2011) Esemp e test effettuat D seguto verranno rportat due test d compensazone con GeoNet effettuat su dat real. Gl scop degl esemp scelt sono quell d verfcare l mportanza della correzone applcata per l effetto della devazone della vertcale, attraverso l confronto del rsultato con quello ottenuto usando metodologe d compensazone classche, e d dmostrare la possbltà d utlzzo n cas real d questo metodo. Il prmo test (fgura 4-a) è stato effettuato su quattro punt appartenent alla rete per l montoraggo della subsdenza della cttà d Como (Barzagh et al., 2011). In partcolare le dstanze recproche tra quattro vertc sono dell'ordne d 1 km. (a) (b) Fgura 4. Le due ret real utlzzate per test d compensazone con l software. Su ogn punto è stata poszonata la stazone totale e sono state esegute msure verso tutt gl altr punt vsbl, mentre solo su due de quattro vertc sono state esegute osservazon GPS statche della durata d svarate ore (pù d 20 ore per ogn punto osservato), asscurando un' accuratezza mllmetrca nella determnazone della poszone globale d quest due vertc. Graze a queste msure, qund, è possble compensare la rete n un sstema d rfermento globale, noltre, consderando la dmensone de lat sarà evdente l effetto della devazone della vertcale. Per verfcare la sua ncdenza s può confrontare la compensazone eseguta n GeoNet con quella tradzonale, eseguta usando l software commercale Serrasoft Topko 2011 (ved tabella 3). Prma d analzzare rsultat è necessaro esegure un confronto tra le modaltà d calcolo per caprne appeno le dfferenze. La prma e pù mportante è che con una compensazone tradzonale bsogna sceglere un sstema cartografco, n questo caso l tutto è stato proettato n UTM (Hager et 1161

6 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 al. 1989), per poter unre tutte le tpologe d msure. È mportante sottolneare che, come ben noto n letteratura, ad esempo n (Rchardus e Adler 1972), n generale le proezon cartografche ntroducono deformazon. Data la dversa natura del rsultato fnale ottenuto, per poter confrontare rsultat s è scelto d trasformare l output della compensazone ottenuto con l software commercale n coordnate global WGS84. Le dfferenze tra rsultat del software commercale e la compensazone con GeoNet rguardano prncpalmente la coordnata altmetrca con dscrepanze fno a 6 cm crca. Dfferenza compensazon Dev. St. GeoNet Dev. St. Topko PUNTO dφ (mm) dλ (mm) dh (mm) φ (mm) λ (mm) h (mm) Plan. (mm) h (mm) CANTIERE GENO MOLO OLMO Tabella 3. Confronto compensazone tradzonale con GeoNet della rete n fgura 4-a. Per quanto rguarda le coordnate planmetrche le dfferenze sono dell ordne d poch mllmetr paragonabl all' accuratezza fnale de rsultat. S può noltre notare come la dfferenza n quota tra le due compensazon su punt dove sono present osservazon GPS (CANTIERE e OLMO) sa pratcamente nulla: questo è dovuto al fatto che la compensazone con Topko assuma l osservazone satelltare come assolutamente vertera. Tuttava questo comporta che tutto l'errore delle osservazon classche vada a dstrburs sulle coordnate degl altr punt. Inoltre nella metodologa d compensazone tradzonale non vene n nessun modo consderato l'effetto dovuto alla dfferenza d drezone tra la normale al geode e quella all ellssode n cascun punto. È facle verfcare come, essendo tale dfferenza dell'ordne d 20" nella zona d Como, questo effetto non sa trascurable per lat d 1 km. Consderando punt GENO e MOLO le due compensazon presentano dfferenze n quota fno a 6 cm, compatbl appunto con l'effetto dovuto alla devazone della vertcale. Il secondo esempo è mrato a verfcare la possbltà d applcare l metodo d compensazone ntegrato d GeoNet su ret real e complesse. L esempo scelto è una rete per l rlevo d un complesso d fabbrcat nquadrato nella magla fducale catastale (fgura 4-b). Utlzzando l rlevo ntegrato è stato possble semplfcare molto lo schema d rlevo (fgura 5), n partcolare problem legat a: - presenza d molta vegetazone che rendeva mpossble l collegamento ad alcun punt fducal, a meno d esegure delle polgonal molto lunghe e complesse, rducendo così la qualtà della soluzone; - mpossbltà d msurare tutt punt del rlevo con rcevtor GPS (a causa della vegetazone e della necesstà d msurare de fabbrcat). I problem sono stat rsolt eseguendo osservazon con stazone totale e GPS, n modo d sopperre con uno a problem dell altra e vceversa. Le msure satelltar sono state esegute n modaltà RTK con correzone d area fornta dal servzo d poszonamento ITALPOS, con una permanenza massma su cascun punto d una decna d mnut e la possbltà d lavoro con un solo rcevtore rover, a patto d trovars n una zona coperta da segnale telefonco. Rspetto alla rete del prmo esempo s dmostra anche la rapdtà e la semplctà d osservazone d una rete complessa resa possble appunto dall'ntegrazone d osservazon classche e GPS. Nella compensazone le osservazon satelltar sono state espresse sotto forma d baselne n modo da poter fssare l sstema d rfermento del rlevo sulla stazone base della rete ITALPOS. Questa operazone permette, n caso d necesstà, d aggungere osservazon al rlevo anche n un secondo momento ed anche d conoscere la qualtà d poszonamento della rete stessa nel sstema d rfermento globale usato. La compensazone con GeoNet ha permesso d ottenere rsultat d elevata accuratezza, error dell'ordne d 1 cm n planmetra e 2 cm n quota (standard devaton). 1162

7 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre 2012 Fgura 5. Rsultat compensazone GeoNet della rete n fgura 4-b. Concluson e svlupp futur La compensazone ntegrata con modello ellssodco è su molt front la mglor soluzone al problema attualmente adottable. Infatt, mentre con una compensazone eseguta secondo lo schema tradzonale non è possble consderare contemporaneamente tutt gl effett dovut alla forma della terra ed a sstem d rfermento usat (ma ognuno deve essere trattato sngolarmente), utlzzando le equazon d osservazone nel sstema d coordnate globale le vare correzon sono mplctamente defnte nelle equazon stesse. L uso d GeoNet per la compensazone, oltre che proporre una soluzone del problema pù elegante dal punto d vsta matematco, presenta anche seguent vantagg: - l unca correzone che è necessaro modellzzare a pror è la devazone della vertcale (stmata a partre dal modello d gravtà EGM 08), mentre tutte le altre sono consderate drettamente nell equazone (e.g. la curvatura terrestre), oppure sono elmnate (e.g. deformazone dovute alla proezone cartografca). 1163

8 Att 16 a Conferenza Nazonale ASITA - Fera d Vcenza 6-9 novembre la semplctà d ntegrazone d msure d topografa classca e satelltare, potendo nglobare tutto n un solo modello senza necesstà d ntrodurre proezon cartografche, sfruttando drettamente le osservazon GPS, che se espresse sotto forma d baselne servono anche a fssare l sstema d rfermento sulla stazone base, così da far rsultare l S.R. veramente concdente con quello globale fssato, ad esempo, per le stazon permanent de servz d poszonamento. Nonostante gl ottm rsultat ottenut rmangono ancora delle queston da mplementare. Infatt, è ben noto che per garantre una precsone sotto l centmetro è necessaro correggere le osservazon della strumentazone topografca classca anche per gl effett d rfrazone atmosferca. Attualmente questo problema non è stato trattato nel software e qund rsulta necessaro effettuare la correzone manualmente sulle sngole osservazon. Il software svluppato è stato studato per poter essere ntegrato da modul agguntv e qund n futuro rsulterà molto facle poter mplementare anche questa operazone. Rferment bblografc Barzagh R., Passon D., Pnto D., Sansò F. (2011), Lvellazone d alta precsone e msurazone d rete GNSS d controllo per l'anals della subsdenza della sponda merdonale del lago d Como, Relazone tecnca, Dpartmento d Ingegnera Idraulca, Ambentale, Infrastrutture vare, Rlevamento (DIIAR) del Poltecnco d Mlano. Brovell M., Sansò F. (1989), Equazon d osservazone della topografa n coordnate cartesane local: scrttura, lnearzzazone e anals de relatv ambt d valdtà, Bollettno d Geodesa e Scenze Affn, 5 (n 3): Dach R., Hugentobler U., Frdez P., Mendl M. (2007), Bernese GPS Software Verson 5.0. Astronomcal Insttute, Unversty of Bern. Hager J.W., Behensky J.F., Drew B.W. (1989), The Unversal Grds: Unversal Transverse Mercator (UTM) and Unversal Polar Stereographc (UPS). Edton 1, Washngton, DC, Defense Mappng Agency Techncal Report TM Pavls N. K., Holmes S. A., Kenyon S. C., Factor J. K. (2008), An Earth Gravtatonal Model to Degree 2160: EGM2008, EGU General Assembly 2008, Venna, Austra, Aprl 13-18, 2008 Realn E., Yoshda D., Patocch L., Reguzzon M., Raghavan V. (2010), "Portng gogps from MATLAB to Java: performance analyss, tests and results". Att del FOSS4G 2010, 6-9 Settembre 2010, Barcellona, Spagna. Rchardus P., Adler R. K. (1972), Map Proectons, North-Holland, Amsterdam-London. Ross L. (2011), GeoNet: un software per la compesnsazone d ret topografche ntegrate trdmensonal, Tes d laurea, Poltecnco d Mlano, Como Sampetro D., Garca Pablos A. (2010), Ret 3D mste gps/total staton e devazone della vertcale, att 14a conferenza nazonale Asta, 9-12 novembre 2010, Bresca, Italy, Sansò F., Venut G. (2005), NETLAB: un laboratoro numerco per ret 3D classche e GPS, att 9a conferenza nazonale Asta, novembre 2005, Catana, Italy,

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 L. Baron, F. Caul, D. Donatell, G. Farolf, R. Maserol, Servzo Geodetco - Isttuto geografco Mltare - Frenze 1. Premessa La Rete

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Errori nel Posizionamento Satellitare

Errori nel Posizionamento Satellitare Error nel Poszonamento Satelltare Tpologe Casual Sstematc o d Modello D Osservazone L accuratezza è stmata come l 1% della lunghezza d onda (Regola Emprca). Codce C/A: ±3 m; Codce P: ±0,3 m; Portant L1,

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti UNIVERSIA DEGLI SUDI DI CAGLIARI Facoltà d Ingegnera Elettronca Corso d Calcolo Numerco 1 A.A. 00/003 Anals e confronto tra metod d regolarzzazone drett per la rsoluzone d prolem dscret mal-post Docente:

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

10.2 Come stimare l amaro di una birra: le unita IBU 1

10.2 Come stimare l amaro di una birra: le unita IBU 1 10.2 Come stmare l amaro d una brra: le unta IBU 1 Il prncpale contrbuto al sapore amaro della brra provene dagl alfa-acd (abbrevato n AA) del luppolo che durante l processo d bolltura vengono trasformat

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER ACQUA Premessa II funzonamento degl mpant chmc rchede generalmente gross quanttatv d acqua: questa, oltre ad essere utlzzata drettamente n alcune lavorazon, come lavagg, dssoluzon,

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE GIOVANNI CRUPI, ANDREA DONATO SUMMARY. We characterze a set of

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE

MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE MONITORAGGIO A BREVE E A LUNGO TERMINE DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO TRAMITE SENSORI A FIBRE OTTICHE Branco GLISIC e Danele INAUDI SMARTEC SA, Va Pobbette 11, CH-6928 Manno, Svzzera Andrea DEL GROSSO

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VII Prof. Guseppe F. Ross E-mal: guseppe.ross@unpv.t Homepage: http://www.unpv.t/retcal/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà d Ingegnera A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucd

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

SOFTWARE NBSI (NEIGHBOURHOOD BASED STRUCTURAL INDICES)

SOFTWARE NBSI (NEIGHBOURHOOD BASED STRUCTURAL INDICES) SOFTWARE NBSI (NEIGHBOURHOOD BASED STRUCTURAL INDICES) DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL AMBIENTE FORESTALE E DELLE SUE RISORSE (DISAFRI) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA - Va San Camllo de Lells, 000 Vterbo

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO GLI ERRORI SPERIMETALI ELLE MISURE DI LABORATORIO MISURA DI UA GRADEZZA FISICA S defnsce grandezza fsca una propretà de corp sulla quale possa essere eseguta un operazone d msura. Msurare una grandezza

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud

Dettagli

Esercitazioni del corso: STATISTICA

Esercitazioni del corso: STATISTICA A. A. 0-0 Eserctazon del corso: STATISTICA Sommaro Eserctazone : Moda Medana Meda Artmetca Varabltà: Varanza, Devazone Standard, Coefcente d Varazone ESERCIZIO : UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Costruzioni in c.a. Metodi di analisi

Costruzioni in c.a. Metodi di analisi Corso d formazone n INGEGNERIA SISICA Verres, 11 Novembre 16 Dcembre, 2011 Costruzon n c.a. etod d anals Alessandro P. Fantll alessandro.fantll@polto.t Verres, 18 Novembre, 2011 Gl argoment trattat 1.

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL

Grafico di una serie di dati sperimentali in EXCEL Grafco d una sere d dat spermental n EXCEL 1. Inseramo sulla prma rga l ttolo che defnsce l contenuto del foglo. Po nseramo su un altra rga valor spermental della x e su quella successva valor della y.

Dettagli

LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE

LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE Lezone 6 - La statstca: obettv; raccolta dat; le frequenze (EXCEL) assolute e relatve 1 LA STATISTICA: OBIETTIVI; RACCOLTA DATI; LE FREQUENZE (EXCEL) ASSOLUTE E RELATIVE GRUPPO MAT06 Dp. Matematca, Unverstà

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015)

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015) Proa d erfca n.0 lettronca I (26/2/2015) OUT he hfe + L OUT - Fgura 1 Con rfermento alla rete elettrca d Fg.1, determnare: OUT / OUT / la resstenza sta dal generatore ( V ) la resstenza sta dall uscta

Dettagli

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale.

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale. . ll metodo del fattore d scala globale Il progetto d un sstema d controllo dgtale può avvalers del cosddetto metodo del fattore d scala globale (FSG), attraverso l quale è possble stablre una corrspondenza

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

L USO DI UN MODELLO DI SIMULAZIONE NELLA GESTIONE DEI CAMPIONAMENTI E DELLE STRATEGIE DI DIFESA DALLA MOSCA DELLE OLIVE

L USO DI UN MODELLO DI SIMULAZIONE NELLA GESTIONE DEI CAMPIONAMENTI E DELLE STRATEGIE DI DIFESA DALLA MOSCA DELLE OLIVE L USO DI UN MODELLO DI SIMULAZIONE NELLA GESTIONE DEI CAMPIONAMENTI E DELLE STRATEGIE DI DIFESA DALLA MOSCA DELLE OLIVE ECONOMIC AND ENVIRONMENTAL IMPLICATIONS IN THE USE OF A SIMULATION MODEL FOR THE

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Cenni di matematica finanziaria Unità 61

Cenni di matematica finanziaria Unità 61 Prerequst: - Rsolvere equazon algebrche d 1 grado ed equazon esponenzal Questa untà è rvolta al 2 benno del seguente ndrzzo dell Isttuto Tecnco, settore Tecnologco: Agrara, Agroalmentare e Agrondustra.

Dettagli

IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA

IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA IL RUOLO DEI DATI DI DANNEGGIAMENTO DEL TERREMOTO DEL FRIULI NELLO STUDIO DI MODELLI DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI IN MURATURA Stefano Grmaz, Fabrzo Meron, Vncenzo Petrn, Roberto Tomason, Gaetano

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Dpartmento d Informatca Sstemstca e Comuncazone Corso d Laurea n Informatca ALGORITMI DI MORPHING FACCIALE PER

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216

Manuale di istruzioni Manual de Instruções Millimar C1208 /C 1216 Manuale d struzon Manual de Instruções Mllmar C1208 /C 1216 Mahr GmbH Carl-Mahr-Str. 1 D-37073 Göttngen Telefon +49 551 7073-0 Fax +49 551 Cod. ord. Ultmo aggornamento Versone 3757474 15.02.2007 Valda

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali

Adattamento di una relazione funzionale ai dati sperimentali Adattamento d una relazone 1 funzonale a dat spermental Sno ad ora abbamo vsto come può essere stmato, con un certo lvello d confdenza, l valore vero d una grandezza fsca (dretta o dervata) con l suo ntervallo

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE Captolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE 1 INTRODUZIONE I sstem d condotte n pressone destnat all'approvvgonamento drco comprendono: - gl acquedott estern, che adducono l'acqua dalle font d'almentazone alle zone

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

Sviluppo e Applicazioni di Tecniche di Automazione in Fotogrammetria dei Vicini

Sviluppo e Applicazioni di Tecniche di Automazione in Fotogrammetria dei Vicini Unverstà degl Stud d Parma Facoltà d Ingegnera Dottorato d Rcerca n Ingegnera Cvle - XVIII Cclo Currculum: opografa e Cartografa (ICAR/6) Rccardo Roncella Svluppo e Applcazon d ecnche d Automazone n Fotogrammetra

Dettagli

6.1. Moody s KMV Credit Portfolio Manager

6.1. Moody s KMV Credit Portfolio Manager 6.. Moody s MV Credt Portfolo Manager 6... La struttura del modello L mpanto d Moody s MV (MMV) è costtuto dal modello d Merton e da un approcco d tpo fattorale per la stma delle correlazon. Attualmente,

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Alla scoperta NOVITÀ PER. del MARE LE SCUOLE. infanzia primaria secondaria

Alla scoperta NOVITÀ PER. del MARE LE SCUOLE. infanzia primaria secondaria Alla scoperta NOVITÀ PER LE SCUOLE nfanza prmara secondara del MARE Area Marna Protetta d Mramare Il settore ddattco dell Area Marna Protetta d Mramare nasce quas trent ann fa con la gestone del WWF Itala,

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Concetti principale della lezione precedente

Concetti principale della lezione precedente Corso d Statstca medca e applcata 6 a Lezone Dott.ssa Donatella Cocca Concett prncpale della lezone precedente I concett prncpal che sono stat presentat sono: I fenomen probablstc RR OR ROC-curve Varabl

Dettagli

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi

Regressione Multipla e Regressione Logistica: concetti introduttivi ed esempi Regressone Multpla e Regressone Logstca: concett ntroduttv ed esemp I Edzone ottobre 014 Vncenzo Paolo Senese vncenzopaolo.senese@unna.t Indce Note prelmnar alla I edzone 1 Regressone semplce e multpla

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

METODOLOGIA DI PROGETTO PER L'INDUSTRIALIZZAZIONE DI IMBARCAZIONI IN LEGNO

METODOLOGIA DI PROGETTO PER L'INDUSTRIALIZZAZIONE DI IMBARCAZIONI IN LEGNO AIAS ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI 43 CONVEGNO NAZIONALE, 9-12 SETTEMBRE 2014, ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA AIAS 2014-437 METODOLOGIA DI PROGETTO PER L'INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli