Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Programma di Attivazione della Rete Pubblica Regionale in banda larga.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Programma di Attivazione della Rete Pubblica Regionale in banda larga."

Transcript

1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Programma di Attivazione della Rete Pubblica Regionale in banda larga. pag. 1/28

2 1. Indice 1. Indice Glossario Premesse Sicurezza fisica Rete Pubblica Regionale Descrizione Costi di attivazione Catasto infrastrutture Descrizione Costi di attivazione Laboratorio per Rete Pubblica Regionale Descrizione Costi di attivazione Sistema informativo infrastruttura di rete Descrizione Monitoraggio della rete Gestione e manutenzione delle infrastrutture attive di rete Gestione e manutenzione delle infrastrutture passive di rete Integrazione delle componenti del Sistema informativo infrastruttura di rete Costi di attivazione Attivazione RUPAR su Rete Pubblica Regionale Descrizione Sedi attivate Attività Catalogazione sedi e costi di attivazione Costi di attivazione Centro di controllo di traffico Descrizione Costi di attivazione Sistema di controllo Wi-Fi Descrizione Costi di attivazione Quadro economico riassuntivo Completamento e ulteriori sviluppi del Programma di attivazione Allegato A Tempi di attivazione nei Comuni della Regione...16 pag. 2/28

3 2. Glossario CCT: acronimo di Centro di Controllo Traffico, inteso come il sistema centralizzato che assicuri il rispetto delle condizioni di sicurezza per i flussi di dati scambiati tra gli Enti afferenti la RPR; Client (cl): sede collegata alla rete geografica mediante un punto di connessione ad un minipop; la sede potrà essere connessa al minipop via cavo (tipicamente con collegamente in fibra o in rame) o mediante tecnologie wireless; CNIPA: Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (anche DigitPA); ERMES: Programma per lo sviluppo delle infrastrutture di information e communication technology nella Regione Friuli Venezia Giulia, approvato con DGR n del 14/10/2005; GIS: acronimo di Geographical Information System, è un sistema adatto per catturare, immagazzinare, manipolare, analizzare, gestire e rappresentare tutti i tipi di dati geografici. Hiperlan: acronimo di High Performance Radio LAN, è uno standard definito in sede ETSI per la realizzazione di radio LAN; Hot Spot: costituisce il punto di accesso ad una rete con tecnologia Wireless; MAN: acronimo di Metropolitan Area Network, ovvero una rete di telecomunicazioni con un estensione limitata al perimetro metropolitano; minipop (p): sede presso la quale avverrà l attestazione del drop di cavo di dorsale, dove verranno installati gli apparati di rete e dalla quale verranno effettuati i collegamenti verso i siti client; MPLS: acronimo di Multi Protocol Label Switching, è una tecnologia per reti IP che permette di instradare flussi di traffico multiprotocollo tra un nodo di origine (Ingress Node) e un nodo di destinazione (Egress Node); NOC: acronimo di Network Operation Center, ovvero il centro di controllo della RPR dal quale si monitora lo stato di funzionamento dell infrastruttura di telecomunicazioni; POP/Centro stella (c): acronimo di Point of Presence, centro di gestione della rete presso il quale si ha l attestazione di più cavi di dorsale; QoS: acronimo di Quality Of Service, rappresenta l insieme delle condizioni tecniche alle quali i servizi vengono offerti su una rete di telecomunicazioni; RPR: acronimo di Rete Pubblica Regionale, ovvero la rete di telecomunicazioni pubblica come definita all art. 30 della L.R. 18 marzo 2011, n. 3; RUPAR: Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale; SPC: acronimo di Servizio Pubblico di Connettività, ovvero l insieme di specifiche che disciplinano il collegamento delle reti della Pubblica Amministrazione; pag. 3/28

4 3. Premesse Ai fini della piena operatività della Rete Pubblica Regionale (RPR) è necessario intraprendere un insieme di attività susseguenti la posa dell infrastruttura fisica, che complessivamente costituiscono la cosiddetta fase di attivazione della rete. Tali attività sono indispensabili per garantire le condizioni di continuità operativa, sicurezza, gestibilità e qualità del servizio offerto sulla nuova infrastruttura di telecomunicazioni regionale. L attivazione della RPR richiede lo svolgimento di un ampio insieme di attività che, in conseguenza dell estensione e della capillarità della rete in corso di realizzazione, interesseranno tutto il territorio regionale. La RPR infatti ha una struttura logicamente gerarchica, imperniata attorno a 5 POP/Centri stella, ciascuno localizzato in un ben definito e distinto ambito territoriale. A ciascun POP è quindi riconducibile un certo numero di minipop, collocati tipicamente presso le sedi municipali, presso cui vengono attestati i cavi di dorsale, e ai quali vengono collegate le sedi client diffuse sul territorio. L ampiezza della rete ed il suo livello di complessità richiedono di intraprendere le attività di integrazione descritte nel presente Programma di attivazione. Alcune di queste attività riguardano interventi diffusi sul territorio presso le sedi minipop e Client, al fine di predisporre quanto necessario al funzionamento a regime della rete secondo standard prestabiliti e uniformi (attività di cui al Paragrafo 4 Sicurezza fisica RPR e al Paragrafo 8 Attivazione RUPAR su RPR). Le rimanenti attività riguardano tipicamente la realizzazione e l integrazione di sistemi centralizzati, che consentano la manutenzione, la gestione e l erogazione dei servizi secondo standard prestabiliti, con prestazioni e livelli di QoS adeguati. Nel seguito si descriveranno le singole attività previste dal Programma di attivazione con i costi associati. Il Paragrafo 11 riporta il quadro economico complessivo. pag. 4/28

5 4. Sicurezza fisica Rete Pubblica Regionale 4.1 Descrizione Una rete di telecomunicazioni distribuita sul territorio, quale la RPR, è caratterizzata da un notevole numero di siti minipop nei quali sono terminate le fibre ottiche e nei quali trovano collocazione gli apparati di gestione del traffico dati, oltre alle infrastrutture tecnologiche atte a garantire i necessari livelli di condizionamento ambientale ed approvvigionamento energetico. Le apparecchiature sono collocate in locali tecnici equipaggiati con armadi da interno, oppure presso appositi shelter, minishelter o armadi da esterno. L accesso a tali siti deve essere opportunamente regolamentato per consentire il regolare svolgimento delle operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, o di interventi a seguito del verificarsi di emergenze. Le politiche di accesso, al pari delle tecnologie di sicurezza adottate contro gli accessi non autorizzati, devono essere uniformate e codificate al fine di non creare difficoltà all accesso in situazioni di emergenza, consentendo al contempo il maggior grado possibile di controllo sulla concessione delle autorizzazioni. L intervento prevede di uniformare i sistemi meccanici che garantiscono la sicurezza fisica per l accesso ai minipop della RPR. 4.2 Costi di attivazione Si riporta di seguito la valutazione dei costi relativa all implementazione della sicurezza fisica della RPR. A.1 Fornitura e installazione sistemi di sicurezza meccanica per l accesso ai minipop ,00 A.2 IVA (21% di A.1) 3.750,60 A.3 Totale costi di attivazione sicurezza fisica RPR ,60 5. Catasto infrastrutture 5.1 Descrizione La realizzazione di un inventario informatico regionale così come stabilito dall articolo 37 della L.R. 3/2011 comma 1, o più semplicemente Catasto Infrastrutture, è orientato alla gestione dei cavidotti con il fine di facilitare i procedimenti amministrativi con altri enti regionali e non, in particolare per ciò che riguarda lo scambio di informazioni. Per fare questo, il sistema utilizzerà anche parti di basi informative gestite da altre componenti del sistema informativo della RPR (v. sistema di gestione delle infrastrutture passive al Paragrafo 7). Il catasto può essere d aiuto nel contesto di un insieme di azioni strategiche per lo sviluppo delle infrastrutture di telecomunicazioni a banda larga e ultralarga, come strumento di supporto alla progettazione e alla gestione di tutte le infrastrutture di rete regionali e per consentire un uso condiviso e razionale delle infrastrutture anche civili già esistenti. L articolo 37 della L.R. 3/2011 comma 1, stabilisce che la Regione FVG debba implementare un inventario informatico regionale dei cavidotti e dei relativi pozzetti di giunzione e derivazione per i sistemi cablati di telecomunicazioni a banda larga la cui realizzazione è stata o sarà eseguita non solo da Regione FVG ma anche da tutti gli Enti Locali ed Enti Pubblici nel contesto della realizzazione di opere stradali o di altre infrastrutture civili. Lo stesso articolo 37 sancisce che l inventario debba includere i dati geografici dei tracciati delle infrastrutture necessari a localizzarle, i dati tecnici e dimensionali relativi alle infrastrutture e i dati relativi alla proprietà dei cavidotti. A livello di diffusione pag. 5/28

6 delle informazioni relative all'inventario l articolo 37 indica che tali dati debbano essere pubblicati sul portale internet della Regione a disposizione dei soggetti pubblici e privati interessati. La necessità espressa nell Art. 37 comma b di comprendere nel catasto informatizzato dei cavidotti per telecomunicazioni anche la componente cartografica/territoriale degli elementi censiti, permette di ipotizzare una soluzione tecnologica basata su un sistema informativo territoriale (o Geographical Information System GIS). Soluzioni GIS sono già utilizzate da numerose Direzioni Centrali dell Amministrazione regionale ai fini di realizzare, gestire, monitorare ed analizzare banche dati territoriali tematiche inerenti le loro competenze istituzionali. Per le finalità del Catasto infrastrutture sarà sufficiente implementare le specifiche funzioni di sportello e, per certi aspetti, collegare la base informativa a quella gestita dal sottosistema per la gestione della infrastruttura passiva (si veda il Paragrafo 7). In particolare si segnala che la definizione dei possibili flussi di alimentazione dell inventario cavidotti da parte degli Enti esterni all amministrazione Regionale, una volta definito il modello dati standard, può trarre vantaggio dalle procedure di raccolta e diffusione del dato territoriale progettate e realizzate nel contesto del Progetto IRDATfvg (Infrastruttura Regionale Dati Ambientali e Territoriali Regione FVG) e dalle relative norme e protocolli di condivisione. In particolare gli Enti Locali e Pubblici possono aderire all infrastruttura IRDATfvg beneficiando di un insieme di strumenti informatizzati e di un assistenza operativa. 5.2 Costi di attivazione La seguente tabella rappresenta il quadro economico per l attività di progettazione e di predisposizione in ambiente GIS standard regionale del catasto cavidotti per infrastrutture in fibra ottica. B.1 B.2 Predisposizione ambiente GIS standard regionale per strutturazione catasto cavidotti Definizione formati di interscambio GIS per ricezione dati da Enti Locali e Pubblici , ,20 B.3 Predisposizione ambiente WebGIS standard regionale per la visualizzazione e consultazione Catasto Cavidotti 8.532,60 B.4 Totale ,00 B.5 IVA (21% di B.4) 8.518,86 B.6 Totale costi attivazione catasto infrastrutture ,86 6. Laboratorio per Rete Pubblica Regionale 6.1 Descrizione Al fine di garantire il corretto funzionamento della RPR con gli adeguati livelli di servizio e sicurezza, con particolare riferimento alle utenze critiche che saranno servite dalla RPR, si rende necessaria la realizzazione di un laboratorio di test. Tale necessità è fondamentale sia per testare nuove funzionalità e nuovi servizi, sia per valutare gli effetti delle modifiche configurative necessarie durante la normale evoluzione della rete, che se non opportunamente testate potrebbero creare disservizi agli utenti nel momento della loro applicazione. Gli obiettivi primari che si vogliono perseguire con la costituzione del laboratorio RPR e con il suo utilizzo come ambiente di sviluppo e collaudo sono: pag. 6/28

7 Fornire supporto alle attività di progettazione e di sviluppo della RPR, consentendo di applicare in ambiente controllato i nuovi sviluppi progettuali, testare nuovi servizi, valutare l integrazione di nuovi apparati e nuove tecnologie; Facilitare le attività di gestione consentendo di provare l effetto degli aggiornamenti di software degli apparati che sono rilasciati su base regolare dai produttori, e l'effetto di modifiche configurative, anche effettuate con strumenti automatici, in un ambiente di collaudo prima di applicarli agli apparati in produzione; Supportare le attività di manutenzione, consentendo di riprodurre in laboratorio i problemi riscontrati sul campo, che possono quindi essere analizzati e le cui soluzioni possono essere testate. Ad esempio in caso di sostituzione di schede o apparati, il laboratorio consente di predisporne in anticipo la configurazione software ed hardware e di verificare il funzionamento, velocizzando successivamente le operazioni on site e riducendo i tempi di disservizio. Il laboratorio consente inoltre l addestramento del personale adibito alla manutenzione delle macchine. La soluzione proposta è quella di riprodurre in laboratorio, con le medesime caratteristiche hardware e software, una versione essenziale di un nodo della rete MPLS, di una configurazione minipop, e degli apparati in uso nelle varie tipologie di utenza. 6.2 Costi di attivazione Si riportano nel seguito i costi per l acquisto degli apparati destinati al laboratorio di test, nonché del personale Insiel impiegato per la sua messa in opera. C.1 Fornitura Hw e Sw per laboratorio di test RPR ,88 C.2 Personale Insiel per messa in opera laboratorio 8.046,80 C.3 Totale ,68 C.4 IVA (21% di C.3) ,21 C.5 Totali costi attivazione laboratorio RPR ,89 7. Sistema informativo infrastruttura di rete 7.1 Descrizione Il sistema informativo infrastruttura di rete costituisce un insieme di strumenti integrati per la gestione e la manutenzione della RPR. Obiettivo primario del sistema è di fornire un supporto immediato e operativo alle quotidiane attività gestionali e di manutenzione delle varie componenti costituenti la RPR. Si vuole inoltre in questo modo consolidare ed organizzare un patrimonio di conoscenze sia relativo all infrastruttura fisica di telecomunicazioni, sia all utilizzo della stessa da parte della Pubblica Amministrazione. Il modello del sistema informativo previsto per la RPR si configura come un integrazione a diversi livelli architetturali di differenti piattaforme software, che si distinguono per le diverse funzionalità offerte pur operando sugli stessi oggetti (ad esempio apparati e tratte di rete fisiche). Questa visione risulta preferibile, anche al fine di preservare la continuità operativa e tecnologica con gli strumenti attuali, rispetto a quella di un unico nuovo sistema monolitico, per altro difficilmente reperibile sul mercato, che tratti i dati in modo centralizzato e presenti tutte le funzionalità necessarie agli utenti. Tale sistema pag. 7/28

8 monolitico sarebbe inoltre di difficile realizzazione e gestione per la sua elevata complessità e non garantirebbe una struttura modulare in grado di permettere la sostituzione di uno degli elementi componenti qualora si rendesse necessario. Si evidenzia la necessità che la transizione che porterà all utilizzo della RPR dovrà avvenire in modo graduale e senza pregiudicare il funzionamento delle soluzioni attualmente adottate in ambito RUPAR. Questo comporta che gli strumenti attualmente utilizzati dovranno continuare a funzionare per un lasso di tempo compatibile con i vincoli di continuità operativa e gestionale indotti. Le soluzioni proposte tengono conto di questa necessità oltre che all opportunità di non vincolare l Amministrazione Regionale a spese che potrebbero non corrispondere a effettivi vantaggi tecnici nella fase di transizione. A regime si potranno poi privilegiare soluzioni più articolate e costose sia a fronte di maggior funzioni offerte sia a fronte di una migliore manutenibilità e sviluppo del sistema informatico stesso. Si riporta nel seguito una descrizione più approfondita delle singole componenti architetturali che costituiranno il sistema informativo infrastrutture di rete. 7.2 Monitoraggio della rete La componente di Monitoraggio della Rete ha il compito di operare una vigilanza continua su alcuni parametri di funzionalità degli apparati di rete (router, switch, ecc) al fine di evidenziare la raggiungibilità degli strumenti e sorvegliare la completa operatività della rete nel suo complesso. Rappresenta lo strumento di riferimento per gli operatori NOC, attraverso la disponibilità di cruscotti operativi semplificati e personalizzabili che permettono l analisi dei malfunzionamenti, nonché l analisi dei parametri di rete che consentono di prevedere l insorgere di potenziali problemi. I dati relativi al monitoraggio possono essere anche utilizzati per controllare la QoS del servizio erogato, in termini di connettività degli apparati, di utilizzazione della larghezza di banda, di tipologia del flusso di dati, ecc. 7.3 Gestione e manutenzione delle infrastrutture attive di rete La Gestione e Manutenzione delle infrastrutture attive di rete ha come obiettivo la conduzione e il controllo dell infrastruttura della RPR nel suo complesso. Risulta di particolare importanza, tramite una piattaforma software specifica, una gestione evoluta ed efficace delle configurazioni software degli apparati di rete multivendor, che garantisca un veloce recovery in caso di guasto e una storicizzazione degli stati delle configurazioni. Inoltre, per quanto riguarda la problematica del log managment, si provvederà all acquisizione di una piattaforma software che offra possibilità di analisi evolute dei dati di Log con una ricerca agile, versatile ed efficace anche su enormi volumi di dati, consentendo di analizzare e risolvere rapidamente gli incidenti, fornendo strumenti di analisi statistica e correlazione, nonché offrendo un interfaccia interattiva per la rilevazione, il controllo, il reporting e l analisi dei dati. 7.4 Gestione e manutenzione delle infrastrutture passive di rete La gestione dell infrastruttura fisica in fibra ottica che costituirà la RPR necessita di un sistema per la documentazione, anche cartografica, degli elementi di progetto previsti e realizzati (tratte, shelter, apparati di rete) al fine di effettuare un monitoraggio e una gestione sia sull avanzamento delle attività di realizzazione sia di quanto già realizzato ed operativo, sottoposto ad attività manutentive. L approccio proposto è quello di strutturare e rappresentare gli elementi dell infrastruttura passiva associando a ciascuno di essi una sua identità progettuale e unendo una sua rappresentazione cartografica sul continuum territoriale regionale. Un approccio di modellazione di questo tipo permette di costituire una base informativa georiferita sul territorio che costituirebbe un primo nucleo dell inventario informatico dei cavidotti così come richiesto dall articolo 37 della L.R. 3/2011; una tale base informativa sarebbe immediatamente integrabile, tramite gli strumenti GIS standard regionali di pag. 8/28

9 cui al paragrafo 5, con tutto il patrimonio informativo territoriale prodotto da Regione FVG e dagli Enti Locali. Il sistema di gestione delle infrastrutture di rete passive rappresenta lo strumento di supporto essenziale per tutte le attività di manutenzione conseguenti alla messa in esercizio delle tratte di fibra realizzate. 7.5 Integrazione delle componenti del Sistema informativo infrastruttura di rete Come già anticipato precedentemente, la realizzazione del sistema informativo complessivo per la gestione e manutenzione della RPR necessita di una forte attività di integrazione di sistemi distinti e autonomi, sia già esistenti ed operativi, sia di nuova acquisizione. Si tratta non solo dei sistemi citati nei paragrafi precedenti per il monitoraggio della rete e per la gestione delle infrastrutture attive e passive, ma anche di sistemi che completano i flussi operativi e gestionali della RPR, come ad esempio l interazione tra la gestione delle segnalazioni dei malfunzionamenti/guasti (sistema TeleADB di e- ticketingregionefvg) e il monitoraggio della rete. Si segnala che Insiel stessa ha sviluppato un proprio software (denominato GAP o Gestione Automatica Procedure) per agevolare, ad uso interno, la gestione delle procedure e l iter temporale di gara pubblica per la realizzazione dell infrastruttura in fibra. Gli elementi su cui GAP si basa comprendono essenzialmente delegazioni amministrative e procedimenti pubblici ma anche elementi come tratti in fibra, apparecchiature di rete, sedi regionali, utenti, fornitori e manutentori legati alle procedure di gara. Questi ultimi sono a tutti gli effetti gli stessi elementi su cui operano e opereranno i software specifici per il monitoraggio di rete e per la gestione delle infrastrutture di rete attive e passive. Le basi dati trattate dagli strumenti precedentemente elencati sono parzialmente o completamente sovrapposte; è necessario pertanto progettare e realizzare attività di integrazione a livello sistemico. La progettazione dell integrazione partirà quindi dall analisi delle distinte basi dati esistenti e proporrà una possibile integrazione tra i sistemi a livello sia strutturale sia di flussi di alimentazione. L integrazione permetterà di operare su una base informativa logicamente univoca a supporto di tutte le attività di gestione e manutenzione della RPR. 7.6 Costi di attivazione Si riportano nel seguito i costi delle attività previste nel Programma di attivazione della RPR per il Sistema informativo infrastrutture di rete. D.1 Fornitura Hw e Sw per sistema monitoraggio RPR ,00 D.2 Personale Insiel per configurazione e avviamento ambiente di monitoraggio RPR ,10 D.3 Sw per gestione e manutenzione infrastrutture attive di rete 8.750,00 D.4 D.5 Personale Insiel per configurazione e avviamento ambienti di gestione e manutenzione infrastrutture attive di rete Acquisizione e personalizzazione Sw per gestione e manutenzione infrastrutture passive di rete , ,00 D.6 Personale Insiel per set up e avviamento ambiente di gestione infrastrutture passive ,70 D.7 Personale Insiel per analisi e progettazione dell integrazione del sistema informativo di rete ,50 D.8 Totale ,30 D.9 IVA (21% di D.8) ,39 D.10 Totali costi attivazione Sistema informativo infrastrutture di rete ,69 pag. 9/28

10 8. Attivazione RUPAR su Rete Pubblica Regionale 8.1 Descrizione L attivazione della RUPAR su RPR è un attività in itinere iniziata il 15 dicembre 2010 con l attivazione del nodo di rete di Trieste per l accesso ad Internet e al data center presso Insiel S.p.A. in via San Francesco 43, e che procede seguendo il completamento delle tratte che compongono la RPR. Si deve notare che l attività di attivazione della RUPAR su RPR è da intendersi come il risultato finale di un processo di analisi, test, progetto e realizzazione della rete pubblica regionale. Solo a valle di un processo che prevede i passi appena citati si può pensare di procedere con la fase di attivazione, mantenendo al tempo stesso un ragionevole livello di certezza che il risultato finale sia tale da soddisfare gli utenti della rete. L attività di attivazione si sostanzia nello spostare le attestazioni degli utenti dall attuale RUPAR, costituita da linee di provider terzi, alla nuova RPR che è un infrastruttura di proprietà regionale, mantenendo la comunicazione fra gli utenti che via via vengono migrati e gli utenti che ancora non lo sono. 8.2 Sedi attivate Di seguito si riportano le sedi già attivate: AMARO POP Comunale AMARO COMUNE DI AMARO AMARO MPLS AMARO AMARO SEDE EX MERCURIO AMPEZZO CENTRO POLIFUNZIONALE AMPEZZO CIAT AMPEZZO AMPEZZO SCUOLE ELEMENTARI/MEDIE AMPEZZO STAZ. FOREST. AMPEZZO AMPEZZO POP Comunale AMPEZZO COMUNE DI AMPEZZO ENEMONZO CENTRO SOCIALE ENEMONZO SCUOLA ELEMENTARE ENEMONZO POP Comunale ENEMONZO COMUNE DI ENEMONZO FORNI DI SOPRA BIBLIOTECA FORNI DI SOPRA CIAT TURISMO FVG FORNI DI SOPRA SCUOLA FORNI DI SOPRA STAZIONE FORESTALE FORNI DI SOPRA POP Comunale FORNI DI SOPRA COMUNE DI FORNI DI SOPRA FORNI DI SOTTO POP Comunale FORNI DI SOTTO COMUNE DI FORNI DI SOTTO PREONE PALAZZO LUPIERI PREONE POP Comunale PREONE COMUNE DI PREONE SOCCHIEVE SCUOLA ELEMENTARE SOCCHIEVE POP Comunale SOCCHIEVE COMUNE DI SOCCHIEVE TOLMEZZO POP Comunale TOLMEZZO COMUNE DI TOLMEZZO TOLMEZZO COMUNITA' MONTANA CARNIA TRIESTE Via Udine 9 TRIESTE Via Giulia 75/1 pag. 10/28

11 TRIESTE Via Nordio 15 TRIESTE Ospedale Maggiore TRIESTE Ospedale Cattinara TRIESTE P.za Oberdan 6 TRIESTE P.za Unità d Italia 1 TRIESTE Vai del Farneto 3 TRIESTE P.le Canestrini 2 TRIESTE Via Trento 2 TRIESTE C.so Cavour 1 TRIESTE Via Carducci 6 VILLA SANTINA POP Comunale VILLA SANTINA COMUNE DI VILLA SANTINA 8.3 Attività Si riportano di seguito le attività che sono richieste durante l attivazione delle sedi della RPR: 1. sopralluogo presso i siti volto a verificare le predisposizioni necessarie all attivazione; 2. verifica conformità apparati ed accessori, aggiornamento software ed inserimento della configurazione di raggiungibilità; 3. predisposizione delle configurazioni degli apparati MPLS e degli apparati di trasporto per l'interconnessione con la Rete ERMES. L attività consiste nel predisporre, in base al Comune ed alla tipologia di sito, i dati di configurazione degli apparati in base alle specifiche di progetto. 4. applicazione delle configurazioni agli apparati e verifica da remoto del funzionamento e raggiungibilità degli stessi; 5. inserimento degli apparati nei sistemi di monitoraggio e gestione; 6. attivazione delle utenze, comprendente la riconfigurazione dei sistemi (aggiornamenti di linee, modifica routing, nuove linee, nuove installazioni). L'analisi e la predisposizione delle utenze e' fatta al massimo un mese prima dell'attivazione per i siti minori, mentre per gli ospedali e siti particolarmente critici anche due-tre mesi prima; 7. migrazione delle utenze: le utenze vengono spostate dalle linee attuali alle linee connesse alla rete Ermes. Consiste in una prima fase di analisi dell'esistente che si conclude con la definizione della configurazione specifica per il contesto degli utenti attestati (Regione, Sanità, Enti locali, Pasi, ecc), sempre nel rispetto delle specifiche di progetto. La seconda fase è la definizione delle modalità di migrazione, tenendo anche conto dell'eventuale mantenimento delle linee preesistenti come linee di backup. La terza fase è quella operativa nella quale le utenze sono migrate una alla volta alla rete in f.o. La terza fase si conclude con una serie di test di funzionalità. La quarta ed ultima fase consiste nell'aggiornamento dei sistemi di monitoraggio per tutte le utenze migrate; 8. aggiornamento documentazione: viene stilata la documentazione di as built per ogni sito attivato. 8.4 Catalogazione sedi e costi di attivazione Per ciascuna tipologia di sede sono state valutate sia le eventuali forniture (materiale vario e/o apparati) necessarie a dare completa funzionalità all infrastruttura, sia le attività relative al personale Insiel, essenziali per la configurazione e attivazione degli apparati. pag. 11/28

12 In particolare le sedi sono state catalogate in quattro categorie, per le quali sono state definite in linea di massima le forniture e le attività di personale Insiel necessarie a procedere con l attivazione, stimandone di conseguenza i relativi costi, fatta eccezione per un numero limitato di sedi che necessiteranno della fornitura di apparati specifici per risolvere problematiche contingenti. Le quattro tipologie di sedi prese in considerazione sono le seguenti (tra parentesi l abbreviazione): - POP/Centro Stella (c): centro di gestione della rete presso il quale si ha l attestazione di più cavi di dorsale. - minipop (p): sede presso la quale avverrà l attestazione del drop dal cavo di dorsale dove verranno installati gli apparati di rete e dalla quale verranno effettuati i collegamenti verso i siti Client. - Client (cl): sedi ubicate nel territorio comunale e collegate al minipop di afferenza. - Ospedale (o): sede di primaria importanza nell ambito sanitario presso la quale è prevista l attestazione del drop del cavo di dorsale. Per ciascuna categoria di sede, si hanno i seguenti costi medi di attivazione, che tengono conto delle forniture standard previste, e dello svolgimento delle attività sopra riportate al Paragrafo precedente: Tipologia sede Hardware/Apparati Personale Totale POP / Centro Stella , ,30 minipop 92, , ,03 Ospedale , , ,78 Client 5,35 349,26 354,61 L elenco completo delle sedi che verranno attivate, suddiviso per Comune e comprensivo della tipologia delle sedi nonché del semestre previsto per l attivazione, è riportato nell Allegato A Tempi di attivazione nei Comuni della Regione. Si evidenzia come dalla corrente formulazione del Programma di attivazione risultano escluse le sedi delle reti metropolitane (MAN) in corso di progettazione nelle città di Trieste, Udine, Pordenone e Gorizia. 8.5 Costi di attivazione Si riportano di seguito i costo complessivi per l attivazione delle sedi riportate nell Allegato 1 al presente Programma di attivazione, che riguardano 5 POP/Centro stella, 209 sedi minipop, 13 sedi Ospedaliere e 529 sedi client. E.1 Totale forniture Hw e Sw ,93 E.2 Personale Insiel ,35 E.3 Totale ,28 E.4 IVA (21% di E.3) ,25 E.5 Totale costi attivazione RUPAR su RPR ,53 Si evidenzia inoltre come si stimino ulteriori costi per l attivazione della RPR con riferimento alle sedi connesse dalle reti metropolitane (MAN), come evidenziato nella seguente tabella. pag. 12/28

13 F.1 Totale forniture Hw e Sw (MAN) 1.385,65 F.2 Personale Insiel ,82 F.3 Totale ,47 F.4 IVA (21% di F.3) ,13 F.5 Totale costi attivazione client su reti MAN ,60 9. Centro di controllo di traffico 9.1 Descrizione Il contesto in cui la nuova RPR si colloca è stato delineato dal CNIPA tramite l emanazione dell insieme di linee guida e specifiche denominate SPC - Servizio Pubblico di Connettività. In tale ambito lo scambio di comunicazioni digitali (il cosiddetto traffico nell ambito delle reti di telecomunicazioni) tra diversi enti pubblici viene classificato e vengono specificate le misure minime di sicurezza alle quali tale traffico deve essere sottoposto per la realizzazione di una rete di telecomunicazioni aderente agli standard predefiniti. La filosofia che si intende seguire per la nuova RPR è quella di sfruttare l enorme capacità trasmissiva offerta dalle fibre ottiche posate nell ambito del progetto Ermes, per realizzare un centro di controllo del traffico inter-ente centralizzato. Tale soluzione evita di dover distribuire sul territorio le apparecchiature e le tecnologie per l implementazione dei richiesti standard di sicurezza, consentendo di soddisfare le specifiche di sicurezza per il traffico inter-ente richieste dal CNIPA mediante la realizzazione di un Centro di Controllo di traffico unico e condiviso, adeguatamente ridondato, ove i meccanismi di sicurezza richiesti per i flussi da ente a ente possano essere implementati e gestiti in maniera univoca e semplificata. Tale soluzione è stata adottata per motivi di ordine operativo, pratico ed anche economico. La realizzazione di un Centro di Controllo Traffico (di seguito CCT) centralizzato permette di rendere fin da subito la Nuova RUPAR quanto più prossima possibile alle specifiche CNIPA e, al tempo stesso, non esclude, ma anzi facilita, l eventuale passaggio ad un modello di sicurezza distribuito che potrà essere sempre adottato in futuro se ritenuto opportuno ed economicamente sostenibile in termini sia di investimento iniziale che di collegati oneri di manutenzione e gestione. Risulta evidente come, al fine di incrementare la resilienza della RUPAR e scongiurare la vulnerabilità data dalla presenza di un unico Centro di Controllo Traffico seppur ridondato in locale, sia doveroso considerarne in futuro la replica nell ottica di assicurare la continuità della gestione della rete e dei servizi di connettività come previsto dalla LR 3/2011 art. 33 comma 13. La soluzione individuata è basata su apparati di tipo service gateway in configurazione ridondata, che svolgono contemporaneamente le funzioni di routing, firewalling e intrusion detection. 9.2 Costi di attivazione Si riportano di seguito i costi di attivazione del Centro di Controllo Traffico per la RPR. G.1 Totale forniture Hw e Sw ,00 G.2 Personale Insiel avviamento centro di controllo traffico ,40 G.3 Totale ,40 G.4 IVA (21% di G.3) ,62 pag. 13/28

14 G.5 Totale costi attivazione Centro di Controllo di Traffico , Sistema di controllo Wi-Fi 10.1 Descrizione Il sistema di controllo Wi-Fi ha lo scopo di realizzare un infrastruttura per l offerta ai cittadini di accesso ad Internet gratuito, con tecnologia di tipo Wi-Fi, nella regione autonoma Friuli Venezia Giulia. Tale soluzione si conforma alle attuali previsioni normative in materia di telecomunicazioni, e con le best practice adottate a livello nazione per iniziative analoghe. Obiettivo primario del progetto è rendere disponibili connessioni Wi-Fi Internet a larga banda nei comuni della regione serviti dalla rete in fibra del programma ERMES. Si vuole in questo modo accrescere la diffusione del Wi-Fi pubblico e gratuito, diminuire il divario digitale esistente in molte zone della Regione e promuovere la cultura digitale e il diritto di accesso a internet presso le pubbliche amministrazioni regionali. Per la parte di accesso e per i sistemi centrali sarà utilizzata un architettura basata sulla suite open source OpenWISP, con il centro stella ospitato presso il Data Center di Insiel (centro stella). Insiel fornirà i servizi centrali, l accesso ad Internet, le pagine intyernet informative e gestirà l infrastruttura nel suo complesso. I sistemi centrali svolgono le funzioni comuni a tutti gli utenti del sistema e sono indipendenti dal tipo di trasporto o di accesso utilizzato. I sistemi centrali sono il collettore di tutto il traffico proveniente dagli hotspot verso Internet, realizzano le funzionalità di sicurezza e di limitazione d accesso agli utenti, in configurazione ad alta affidabilità. Il servizio di hotspot potrà essere erogato in ogni luogo purché sia presente alimentazione elettrica ed una connessione verso il data center Insiel o verso Internet. L azione di seguito descritta è rivolta ai siti raggiunti dal programma regionale ERMES, ma la piattaforma è aperta a tutti i siti nei quali non sarà presente la rete regionale e dove sarà sufficiente un accesso ad Internet. Il trasporto geografico dei dati sarà realizzato, per i siti raggiunti dal programma regionale, sulla rete in fibra ottica. Ciò garantirà elevate velocità ed economicità. Per consentire una maggiore copertura del territorio e poter distribuire gli hotspot dove opportuno, in mancanza di connettività cablata si potrà utilizzare una distribuzione wireless di tipo Hiperlan. L utilizzo della tecnologia Hiperlan, oltre a essere ragionevolmente flessibile, permette di utilizzare i link Hiperlan già realizzati in numerosi comuni nell ambito del programma ERMES. La realizzazione del centro di controllo Wi-Fi si inquadra nell insieme di attività conseguenti all adesione alla rete federata nazionale del Progetto FreeItaliaWiFi, avvenuta con Deliberazione di Giunta regionale n. 732/2012. La disponibilità della connettività ERMES sarà solamente successiva all attivazione del collegamento in fibra ottica di cui all allegato 6 del Programma di attivazione. Insiel effettuerà, congiuntamente con i referenti indicati dall Ente, un sopralluogo ricognitivo volto a definire i siti oggetto delle installazioni. Gli Enti sottoscriveranno l adesione al progetto Regionale FVGWiFi ed un contratto di comodato relativamente agli apparati che gli verranno forniti. Insiel fornirà agli Enti che ne faranno richiesta, previa autorizzazione della Direzione Centrale Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione territoriale e Lavori pubblici, due tipologie di kit: kit Wi-Fi outdoor: Composto da un apparato da esterno, una targa segnaletica da palo, 10 vetrofanie, 100 brochure informative; pag. 14/28

15 kit Wi-Fi indoor: Composto da un apparato da interno, una targa in plexiglass, 5 vetrofanie, 100 brochure informative; Gli Enti provvederanno autonomamente ed a proprie spese alla predisposizione dei cablaggi dati ed energia concordati e ad ogni opera si rendesse necessaria oltre che all installazione degli apparati forniti da Insiel e delle targhe segnaletiche. Gli Enti provvederanno altresì all applicazione degli adesivi ed alla distribuzione delle brochure secondo le modalità che riterranno opportune. Insiel effettuerà, congiuntamente con i referenti indicati dall Ente, un sopralluogo volto alla verifica funzionale delle installazioni operate dagli Enti. A seguito della positiva verifica funzionale e di espressa richiesta di attivazione da parte dell Ente, Insiel provvederà all attivazione del servizio. In caso di guasto degli apparati Insiel invierà agli Enti apparati di tipologia omogenea con quanto precedentemente installato. Gli Enti provvederanno alla sostituzione degli apparati guasti ed alla restituzione ad Insiel di questi ultimi Costi di attivazione Di seguito si riportano i costi di predisposizione e di attivazione del centro di controllo Wi-Fi. E prevista la fornitura di 1 hot spot indoor e di 19 hot-spot outdoor, in via sperimentale nei primi Comuni raggiunti dall infrastruttura in fibra ottica. H.1 Totale forniture Hw e Sw centro stella ,45 H.2 Personale Insiel avviamento centro stella ,00 H.3 Fornitura e attivazione hot-spot Indoor (in numero pari a 17) ,35 H.4 Fornitura e attivazione hot-spot Outdoor (in numero pari a 63) ,56 H.5 Totale ,36 H.6 IVA (21% di H.5) ,426 H.7 Totale costi attivazione Sistema di controllo Wi-Fi , Quadro economico riassuntivo Si riporta di seguito il quadro economico riassuntivo del Programma di attivazione della Rete Pubblica Regionale in banda larga. Attività Importo (con IVA) I.1 Sicurezza fisica RPR ,60 I.2 Catasto infrastrutture ,86 I.3 Laboratorio per RPR ,89 I.4 Sistema informativo infrastruttura di rete ,69 I.5 Attivazione RUPAR su RPR ,53 I.6 Centro di controllo di traffico ,02 I.7 Sistema di controllo Wi-Fi ,79 I.8 Totale , Completamento e ulteriori sviluppi del Programma di attivazione Si evidenziano ulteriori attività inerenti l attivazione della RPR che sono state rimandate a una fase temporale successiva: pag. 15/28

16 Lo studio di un sistema centralizzato per l accesso ai siti della RPR, basato sull utilizzo di tecnologia RFID e di sistemi di videosorveglianza, che completi le soluzioni di cui al paragrafo 4. Lo studio dell integrazione delle reti di monitoraggio e di pubblica utilità, che consenta di definire le modalità di utilizzo in tale ambito della rete regionale in fibra ottica e dell insieme di infrastrutture realizzate dalla Regione nell ambito di Ermes; la RPR potrebbe infatti essere sfruttata dalle reti di monitoraggio sia come rete di dorsale, per consentire le comunicazioni delle stazioni con i singoli centri di gestione, sia come rete di backup. L attivazione delle sedi delle reti in area metropolitana (MAN), attualmente interessate dalle fasi iniziali di progettazione. L estensione del sistema descritto al Paragrafo 10, aumentando la copertura pubblica con tecnologia Wi-Fi sul territorio regionale. I costi stimati per queste ulteriori attività sono riportati nella seguente tabella: Attività Importo (con IVA) L.1 Studio accessi centralizzati per la sicurezza fisica RPR ,67 L.2 Studio integrazioni delle reti di monitoraggio ,64 L.3 Attivazione RUPAR su RPR Attivazione siti MAN ,60 L.4 Completamento sistema Wi-Fi ,02 I.8 Totale , Allegato A Tempi di attivazione nei Comuni della Regione Si riporta di seguito la pianificazione relativa alle attività di attivazione previste nel triennio Si evidenzia che eventuali criticità riscontrate nel corso delle attività di realizzazione ed attivazione possono comportare modifiche alla seguente pianificazione. Comune Tipo sede utente Numero Attivazione AIELLO DEL FRIULI MiniPOP II Sem AIELLO DEL FRIULI Cablata 3 AMARO Centro stella 1 ANDREIS MiniPOP II Sem ANDREIS Cablata 3 ANDREIS Wireless 2 AQUILEIA MiniPOP I Sem AQUILEIA Cablata 1 ARBA MiniPOP I Sem ARBA Cablata 1 ARTA TERME MiniPOP I Sem ARTA TERME Cablata 2 ARTA TERME Wireless 1 pag. 16/28

17 Comune Tipo sede utente Numero Attivazione ARTEGNA MiniPOP I Sem ARTEGNA Cablata 2 ARZENE MiniPOP I Sem ARZENE Cablata 1 ATTIMIS MiniPOP I Sem ATTIMIS Cablata 1 AVIANO MiniPOP I Sem AVIANO Cablata 2 AZZANO X MiniPOP I Sem AZZANO X Cablata 2 BAGNARIA ARSA MiniPOP II Sem BAGNARIA ARSA Cablata 1 BARCIS MiniPOP II Sem BARCIS Cablata 3 BARCIS Wireless 2 BASILIANO MiniPOP II Sem BASILIANO Cablata 2 BERTIOLO MiniPOP II Sem BERTIOLO Cablata 1 BERTIOLO Wireless 3 BICINICCO MiniPOP II Sem BICINICCO Cablata 6 BORDANO MiniPOP I Sem BORDANO Cablata 1 BORDANO Wireless 4 BRUGNERA MiniPOP I Sem BRUGNERA Cablata 1 BUDOIA MiniPOP I Sem BUDOIA Cablata 1 BUJA MiniPOP I Sem BUJA Cablata 1 BUTTRIO MiniPOP I Sem BUTTRIO Cablata 2 CAMINO AL TAGLIAMENTO MiniPOP II Sem CAMINO AL TAGLIAMENTO Cablata 1 CAMPOFORMIDO MiniPOP II Sem CAMPOFORMIDO Cablata 1 CAMPOLONGO TAPOGLIANO MiniPOP II Sem CAMPOLONGO TAPOGLIANO Cablata 4 CANEVA MiniPOP I Sem CANEVA Cablata 1 pag. 17/28

18 Comune Tipo sede utente Numero Attivazione CAPRIVA DEL FRIULI MiniPOP I Sem CAPRIVA DEL FRIULI Cablata 2 CARLINO MiniPOP II Sem CARLINO Cablata 1 CASARSA DELLA DELIZIA MiniPOP I Sem CASARSA DELLA DELIZIA Cablata 2 CASSACCO MiniPOP I Sem CASSACCO Cablata 1 CASTELNOVO DEL FRIULI MiniPOP I Sem CASTELNOVO DEL FRIULI Cablata 1 CASTELNOVO DEL FRIULI Wireless 2 CASTIONS DI STRADA MiniPOP II Sem CASTIONS DI STRADA Cablata 1 CASTIONS DI STRADA Wireless 3 CAVASSO NUOVO MiniPOP I Sem CAVASSO NUOVO Cablata 1 CAVASSO NUOVO Wireless 3 CAVAZZO CARNICO MiniPOP I Sem CAVAZZO CARNICO Cablata 1 CERCIVENTO MiniPOP II Sem CERCIVENTO Cablata 2 CERCIVENTO Wireless 1 CERVIGNANO DEL FRIULI MiniPOP II Sem CERVIGNANO DEL FRIULI Cablata 3 CHIONS MiniPOP I Sem CHIONS Cablata 1 CHIOPRIS VISCONE MiniPOP II Sem CHIOPRIS VISCONE Cablata 4 CHIUSAFORTE MiniPOP II Sem CHIUSAFORTE Cablata 1 CHIUSAFORTE Wireless 1 CIMOLAIS MiniPOP II Sem CIMOLAIS Cablata 4 CIVIDALE DEL FRIULI MiniPOP I Sem CIVIDALE DEL FRIULI Cablata 2 CIVIDALE DEL FRIULI Ospedali 1 CLAUT MiniPOP II Sem CLAUT Cablata 4 CLAUZETTO MiniPOP I Sem CLAUZETTO Cablata 1 CLAUZETTO Wireless 3 pag. 18/28

19 Comune Tipo sede utente Numero Attivazione CODROIPO MiniPOP II Sem CODROIPO Cablata 3 CODROIPO Wireless 5 COLLOREDO DI MONTE ALBANO MiniPOP I Sem COLLOREDO DI MONTE ALBANO Cablata 2 COMEGLIANS MiniPOP II Sem COMEGLIANS Cablata 3 CORDENONS MiniPOP I Sem CORDENONS Cablata 3 CORDOVADO MiniPOP I Sem CORDOVADO Cablata 1 CORMONS MiniPOP I Sem CORMONS Cablata 4 CORNO DI ROSAZZO MiniPOP I Sem CORNO DI ROSAZZO Cablata 1 COSEANO MiniPOP II Sem COSEANO Cablata 1 DIGNANO MiniPOP II Sem DIGNANO Cablata 1 DOBERDO' DEL LAGO MiniPOP II Sem DOBERDO' DEL LAGO Cablata 6 DOGNA MiniPOP II Sem DOGNA Cablata 1 DOLEGNA DEL COLLIO MiniPOP I Sem DOLEGNA DEL COLLIO Cablata 1 DRENCHIA MiniPOP I Sem DRENCHIA Cablata 1 DRENCHIA Wireless 1 DUINO AURISINA MiniPOP II Sem DUINO AURISINA Cablata 3 ERTO E CASSO MiniPOP II Sem ERTO E CASSO Cablata 2 FAEDIS MiniPOP I Sem FAEDIS Cablata 1 FAGAGNA MiniPOP II Sem FAGAGNA Cablata 2 FANNA MiniPOP I Sem FANNA Cablata 1 FANNA Wireless 1 FARRA D'ISONZO MiniPOP I Sem FARRA D'ISONZO Cablata 1 pag. 19/28

20 Comune Tipo sede utente Numero Attivazione FIUME VENETO MiniPOP I Sem FIUME VENETO Cablata 2 FIUMICELLO MiniPOP II Sem FIUMICELLO Cablata 1 FLAIBANO MiniPOP II Sem FLAIBANO Cablata 1 FOGLIANO REDIPUGLIA MiniPOP I Sem FOGLIANO REDIPUGLIA Cablata 1 FOGLIANO REDIPUGLIA Wireless 3 FONTANAFREDDA MiniPOP I Sem FONTANAFREDDA Cablata 2 FORGARIA NEL FRIULI MiniPOP I Sem FORGARIA NEL FRIULI Cablata 1 FORGARIA NEL FRIULI Wireless 2 FORNI AVOLTRI MiniPOP II Sem FORNI AVOLTRI Cablata 3 FORNI AVOLTRI Wireless 2 FRISANCO MiniPOP I Sem FRISANCO Cablata 1 FRISANCO Wireless 2 GEMONA DEL FRIULI MiniPOP I Sem GEMONA DEL FRIULI Cablata 1 GEMONA DEL FRIULI Wireless 4 GEMONA DEL FRIULI Ospedali 1 GONARS MiniPOP II Sem GONARS Cablata 3 GORIZIA MiniPOP I Sem GORIZIA Cablata 3 GORIZIA Wireless 2 GORIZIA Ospedali 1 GRADISCA D'ISONZO MiniPOP I Sem GRADISCA D'ISONZO Cablata 1 GRADO MiniPOP I Sem GRADO Cablata 3 GRIMACCO MiniPOP I Sem GRIMACCO Cablata 1 LATISANA MiniPOP II Sem LATISANA Cablata 1 LATISANA Ospedali 1 LAUCO MiniPOP I Sem LAUCO Cablata 1 pag. 20/28

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza Friuli Venezia Giulia

5 per mille 2012 Distribuzione delle scelte e degli importi per attività sociali del comune di residenza Friuli Venezia Giulia 00466330305 AIELLO DEL FRIULI UD FRIULI VENEZIA GIULIA 51 1.050,92 84002950305 AMARO UD FRIULI VENEZIA GIULIA 30 364,25 84001250301 AMPEZZO UD FRIULI VENEZIA GIULIA 36 483,56 81000570937 ANDREIS PN FRIULI

Dettagli

INDICE DEGLI ALLEGATI

INDICE DEGLI ALLEGATI ALLEGATI 122 INDICE DEGLI ALLEGATI 1 Allegato 1. Metodo di calcolo della quantità di rifiuti speciali di imballaggio prodotti 124 2 Allegato 2. Questionario 125 3 Allegato 3. Approfondimento sulle modalità

Dettagli

INFORMASALUTE UDINE. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE UDINE. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O.

NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O. NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O. Compilato: F. Fabbro Rivisto: Autorizzato: M. Colonello D. Licursi Versione: 1 Variante: 9 IL PRESENTE DOCUMENTO COSTITUISCE REGISTRAZIONE

Dettagli

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2011

CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2011 CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Archivio di Stato di Udine

Archivio di Stato di Udine Ministero per i Beni e le Attività Culturali Archivio di Stato di Udine SCHEDA FONDO 3.1.3 Data/e 3.1.4 Livello di descrizione 3.1.5 Consistenza e supporto dell'unità archivistica 3.2.1 Denominazione del

Dettagli

Tab. 1 Reddito imponibile medio per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014

Tab. 1 Reddito imponibile medio per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014 Tab. 1 Reddito imponibile per regione (euro), dichiarazioni Irpef 2014 n. Regione Reddito imponibile N. di contribuenti 1 Lombardia 22.970 7.080.404 2 Lazio 21.836 3.850.722 3 Emilia-Romagna 21.079 3.349.347

Dettagli

ALLEGATO 5 Criteri localizzativi

ALLEGATO 5 Criteri localizzativi ALLEGATO 5 Criteri localizzativi 260 Provincia di Udine Direzione d Area Ambiente Servizio Risorse Ambientali Programma provinciale attuativo del Piano regionale di gestione rifiuti Sezione rifiuti speciali

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2014 Settore residenziale. UDINE a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre 2014 Settore residenziale. UDINE a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel II semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di data di pubblicazione: 26 giugno 2015 periodo di riferimento: secondo semestre

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2012

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO 2012 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN FRIULI VENEZIA GIULIA ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Classificazione sismica del territorio del Friuli Venezia Giulia

Classificazione sismica del territorio del Friuli Venezia Giulia Allegato 1 Classificazione sismica del territorio del Friuli Venezia Giulia (Ordinanza n. 3519 del 28.04.2006 pubblicata sulla G.U. n. 108 del 11.05.2006 - Decreto del Ministro delle infrastrutture del

Dettagli

indirizzo sede legale (via) (n.) (cap) (Comune di) (Provincia di)

indirizzo sede legale (via) (n.) (cap) (Comune di) (Provincia di) Modello di domanda ai sensi dell art. 20 della LR 29/2007 e del regolamento emanato con DPReg. 0279/2011 1 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO (da non utilizzare) data di arrivo SPAZIO RISERVATO AL BOLLO Nota

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Caratteristiche dell attività professionale richiesta

Art. 1 Finalità. Art. 2 Caratteristiche dell attività professionale richiesta BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER SOLI TITOLI, PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI RILEVATORI DEL 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA Art. 1 Finalità L Ufficio Regionale di

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2013 Settore residenziale a cura dell Ufficio Provinciale di Maria Deganutti (referente OMI) data di pubblicazione: 29 novembre 2013 periodo

Dettagli

Descrizione della Rete di Telecomunicazioni

Descrizione della Rete di Telecomunicazioni Allegato A Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica facenti parte Rete Pubblica Regionale del Friuli Venezia Giulia _CSAG Gestione e manutenzione di infrastrutture in fibra ottica Pag.2

Dettagli

Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi SERVIZI UTILI AL CICLOTURISTA

Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi SERVIZI UTILI AL CICLOTURISTA Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi SERVIZI UTILI AL CICLOTURISTA PREMESSE Il progetto Terra dei Patriarchi della Provincia di Udine, finanziato dalla

Dettagli

Sangue cordonale. Organizzazione del trasporto a cura della Protezione Civile della Regione

Sangue cordonale. Organizzazione del trasporto a cura della Protezione Civile della Regione Sangue cordonale Organizzazione del trasporto a cura della Protezione Civile della Regione Hanno aderito 120 Comuni oltre 700 volontari Grazie!!! Tempi di consegna Le unità di sangue cordonale raccolte

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 1 2 Comuni di: AMPEZZO, COMEGLIANS, ENEMONZO, FORNI AVOLTRI, FORNI DI SOPRA, FORNI DI SOTTO, LAUCO, OVARO, PRATO CARNICO, PREONE, RAVASCLETTO, RAVEO, RIGOLATO,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. (59_60-61)

LEGGE REGIONALE N. (59_60-61) approvata dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 2 ottobre 2014 -----

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 AVIANO CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Consorzio per il Centro di Biomedicina Molecolare - Soc.cons. a r.l. Società 3.000,00 6,00 % COLLOREDO DI MONTE ALBANO CONSORZIO COMUNITA' COLLINARE DEL

Dettagli

ASSEMBLEA D AMBITO DEL 19.12.2012 DELIBERAZIONE N. /12

ASSEMBLEA D AMBITO DEL 19.12.2012 DELIBERAZIONE N. /12 AUTORITA D AMBITO ATO CENTRALE FRIULI ASSEMBLEA D AMBITO DEL 19.12.2012 DELIBERAZIONE N. /12 Oggetto: Convenzioni tra AATO Centrale Friuli e Enti gestori salvaguardati:modifiche ed integrazioni - B) CAFC

Dettagli

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 (CONSUNTIVO)

ELENCO DEI CONSORZI E DELLE SOCIETA' PARTECIPATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER L'ANNO 2009 (CONSUNTIVO) AVIANO CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Consorzio per il Centro di Biomedicina Molecolare - Soc.cons. a r.l. Società 6.000,00 6,00% AVIANO CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO Pharmadiagen

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA Trieste, 26 agosto 2003 DIREZIONE E REDAZIONE: PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - TRIESTE - PIAZZA UNITÀ D ITALIA, 1 - TEL. 3773607

Dettagli

Punto Operativo Indirizzo Città CAP Tel. Fax Prov. ABI CAB AQUILEIA VIA G. AUGUSTA 34 UDINE 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620

Punto Operativo Indirizzo Città CAP Tel. Fax Prov. ABI CAB AQUILEIA VIA G. AUGUSTA 34 UDINE 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620 AQUILEIA VIA G. AUGUSTA 34 UDINE 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620 AVIANO VIA PORDENONE 17 AVIANO 33081 0434 652600 0434 652998 PORDENONE 06340 64770 AZZANO DECIMO VIA XXV APRILE 39 AZZANO

Dettagli

La rete bibliotecaria del Friuli Venezia Giulia

La rete bibliotecaria del Friuli Venezia Giulia La rete bibliotecaria del Friuli Venezia Giulia Al fine di garantire a tutti i cittadini un adeguato servizio bibliotecario, La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in attuazione dei principi stabiliti

Dettagli

(Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia n. 9 del 22 ottobre 2014) IL CONSIGLIO REGIONALE.

(Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia n. 9 del 22 ottobre 2014) IL CONSIGLIO REGIONALE. Numero Atti:49419 Aggiornato al: 15 dicembre 2014 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA ettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 EGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Legge regionale 16

Dettagli

Area Ambiente. Produzione. rifiuti urbani e Raccolta Differenziata. nella Provincia di Udine

Area Ambiente. Produzione. rifiuti urbani e Raccolta Differenziata. nella Provincia di Udine Area Ambiente Produzione rifiuti urbani e Differenziata nella Provincia di Udine REPORT 2009-2010 Progetto per la pianificazione delle strategie finalizzate alla riduzione della produzione dei rifiuti

Dettagli

PREMESSE OBIETTIVI sistema di rete fra le risorse locali a carattere turistico

PREMESSE OBIETTIVI sistema di rete fra le risorse locali a carattere turistico Regolamento di Adesione al Club di prodotto Il Cicloturismo nella Terra dei Patriarchi PREMESSE Il progetto Terra dei Patriarchi della Provincia di Udine, finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

La detrazione IRPEF sulle spese per gli interventi di recupero (aggiornato al 1 aprile 2015)

La detrazione IRPEF sulle spese per gli interventi di recupero (aggiornato al 1 aprile 2015) A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale di Confartigianato Udine La detrazione IRPEF sulle spese per gli interventi di recupero (aggiornato al 1 aprile 2015)

Dettagli

Adottato con decisione della Commissione C(2015) 6589 finale del 24 settembre 2015 PACCHETTO GIOVANI. Marzo 2016

Adottato con decisione della Commissione C(2015) 6589 finale del 24 settembre 2015 PACCHETTO GIOVANI. Marzo 2016 Adottato con decisione della Commissione C(2015) 6589 finale del 24 settembre 2015 PACCHETTO GIOVANI Marzo 2016 La presente pubblicazione ha unicamente lo scopo di orientare i potenziali fruitori del Pacchetto

Dettagli

La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo. Gennaio 2015

La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo. Gennaio 2015 La Carnia in cifre: tra crisi e strategie di sviluppo Gennaio 2015 osservatorio della montagna friulana ANALISI SOCIO ECONOMICA DELLA MONTAGNA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA gennaio 2015 Via Morpurgo 4-33100

Dettagli

Anagrafe impianti del progetto Carburanti Agevolati Regione F.V.G

Anagrafe impianti del progetto Carburanti Agevolati Regione F.V.G COMUNE COD ISTAT COMUNE PROVINCIA AIELLO DEL FRIULI 030001 UDINE AIELLO DEL FRIULI 030001 UDINE AMARO 030002 UDINE AMPEZZO 030003 UDINE AMPEZZO 030003 UDINE AQUILEIA 030004 UDINE AQUILEIA 030004 UDINE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE. N. 43 DEL 22 ottobre 2014. Anno LI n. 43

BOLLETTINO UFFICIALE. N. 43 DEL 22 ottobre 2014. Anno LI n. 43 BOLLETTINO UFFICIALE N. 43 DEL 22 ottobre 2014 Anno LI n. 43 Il Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia si pubblica di regola il mercoledì; nel caso di festività la pubblicazione

Dettagli

INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA FINANZIATI AI SENSI DELL'ART. 48 D.L. 66/2014 - DELIBERA CIPE DEL 30.6.2014 - REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA ENTE RICHIEDENTE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 TRIESTE TS Scuole

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 416 DEL 15 MARZO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 416 DEL 15 MARZO 2012 ALLEGAT ALLA DELIBERA N. 416 DEL 15 MARZ 2012 Regolamento per la concessione e l erogazione di contributi per il sostegno alla costituzione di nuove imprese avvenuta nell ambito del Progetto Imprenderò,

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA - GIULIA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2007-2013 AREE 107.3,C

REGIONE FRIULI VENEZIA - GIULIA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI 2007-2013 AREE 107.3,C ELENCO DEI REFERENTI PER L'INDIVIDUAZIONE DELLE AREE 107.3.c Per i Comuni parzialmente ammessi in area 107.3.c, sono stati inseriti i riferimenti dei soggetti cui rivolgersi al fine di individuare con

Dettagli

Tabelle riassuntive oneri istruttori

Tabelle riassuntive oneri istruttori Tabelle riassuntive oneri istruttori 1. Oneri istruttori Comuni della Provincia di Pordenone per scarichi rientranti in AUA. Oneri istruttori per Oneri istruttori per Oneri istruttori per Comune nuova/modifica

Dettagli

TIPO PUNTO LATITUDINE LONGITUDINE

TIPO PUNTO LATITUDINE LONGITUDINE TIPO PUNTO LATITUDINE LONGITUDINE Media 45.87276 13.3628 Media 45.87276 13.3628 Elementare 45.87205 13.36294 Materna 45.87276 13.3628 Materna 46.37662 13.09821 Elementare 46.37662 13.09821 Elementare 46.41568

Dettagli

SOS servizi in Alto Friuli

SOS servizi in Alto Friuli SOS servizi in Alto Friuli Gemona del Friuli, 12 Marzo 2015 Sos Servizi in Alto Friuli 1 Il futuro assetto territoriale UTI N. COMUNI POPOLAZIONE SUPERFICIE DENSITA CARNIA 28 38.554 1.223,9 31,50 ALTO

Dettagli

Programma ERMES e Banda Ultralarga. Udine, martedì 28 luglio 2015

Programma ERMES e Banda Ultralarga. Udine, martedì 28 luglio 2015 Programma ERMES e Banda Ultralarga Udine, martedì 28 luglio 2015 Indice Cessione della fibra ottica agli operatori Avanzamento ERMES Banda Ultralarga OFFERTA ERMES OPERATORI DGR 1373/2014 Con Delibera

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE DELL AGJENZIE REGJONÂL PE LENGHE FURLANE 2014-2016

PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE DELL AGJENZIE REGJONÂL PE LENGHE FURLANE 2014-2016 PIANO TRIENNALE DELLA PRESTAZIONE DELL AGJENZIE REGJONÂL PE LENGHE FURLANE 2014-2016 1 INDICE 1. CONTESTO DI RIFERIMENTO pag. 03 1.1 ANALISI DEI DATI SOCIOLINGUISTICI pag. 03 1.2 LA MINORANZA LINGUISTICA

Dettagli

ALLEGATO 1 LE AREE RURALI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

ALLEGATO 1 LE AREE RURALI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 6 INDICE ALLEGATO 1 LE AREE RURALI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 7 ALLEGATO 2 LE ZONE SVANTAGGIATE DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA 15 ALLEGATO 3 INDENNITà PER SVANTAGGI NATURALI A FAVORE DI

Dettagli

Incontro con Manager e Mediatori

Incontro con Manager e Mediatori Incontro con Manager e Mediatori FORMAZIONE Progetto di formazione permanente rivolto agli operatori di protezione civile Prima fase: 2002 2003 Impostazione del progetto e formazione teorica di alcune

Dettagli

Sintesi non tecnica del rapporto ambientale

Sintesi non tecnica del rapporto ambientale ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 2271 DEL 24 NOVEMBRE 2011 Sintesi non tecnica del rapporto ambientale valutazione ambientale strategica del Piano di azione regionale DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, ENERGIA E POLITICHE

Dettagli

Il Direttore Centrale

Il Direttore Centrale Contributi destinati a sostenere il servizio di fornitura di libri di testo in comodato gratuito, in attuazione di quanto previsto dall articolo 5, commi 1, 1 bis e 2 della legge regionale 26 gennaio 2004,

Dettagli

GENERALITA' E DEFINIZIONI

GENERALITA' E DEFINIZIONI GENERALITA' E DEFINIZIONI ARTICOLO 1 (Natura e contenuti dei Criteri) Le presenti norme contengono i Criteri per l'insediamento sul territorio del Comune di Reana del Rojale delle medie strutture di vendita

Dettagli

Progetto grafico della copertina: Ufficio stampa Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Progetto grafico della copertina: Ufficio stampa Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alla programmazione, risorse economiche e finanziarie, patrimonio e servizi generali Direzione centrale programmazione, risorse economiche e finanziarie

Dettagli

Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate. (Art. 1, comma 735, legge 296/2006)

Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate. (Art. 1, comma 735, legge 296/2006) COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA 33028 TOLMEZZO (UD) Nomine e Compensi degli Amministratori di Parte Pubblica nelle Società Partecipate (Art. 1, comma 735, legge 296/2006) Pag. 1 di 12 Il presente report

Dettagli

Filiali Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia

Filiali Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia A ORG A CARIFVG VIA DEL MONTE, 1 UDINE 33100 - - UDINE 06340 - AQUILEIA VIA G. AUGUSTA, 34 AQUILEIA 33051 0431 918601 0431 919370 UDINE 06340 63620 AREA COR PUB E. CEN VIALE DELL'ARTE 21 ROMA 00144 - -

Dettagli

Provincia di Gorizia. Centro Informagiovani via Gradenigo, 24-34073 Grado tel e fax 0431 877139 www.comune.grado.go.it info@informagiovanigrado.191.

Provincia di Gorizia. Centro Informagiovani via Gradenigo, 24-34073 Grado tel e fax 0431 877139 www.comune.grado.go.it info@informagiovanigrado.191. Provincia di Gorizia Puntogiovani via Vittorio Veneto, 7-34170 Gorizia tel e fax 0481 537089 www3.comune.gorizia.it/it/punto-giovani puntogiovani@gmail.it Centro Informagiovani via Gradenigo, 24-34073

Dettagli

Offerta ERMES Operatori. Avviso OEO-1 501. Offerta ERMES Operatori AVVISO

Offerta ERMES Operatori. Avviso OEO-1 501. Offerta ERMES Operatori AVVISO Offerta ERMES Operatori AVVISO per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica di risorse della Rete Pubblica Regionale (RPR) ai sensi della D.G.R. 1 37 3 del 1 8 luglio 2 01 4 ID AVVISO:

Dettagli

AQUA Marchio di qualità concesso dalla regione Friuli Venezia Giulia. Prodotto: Mela

AQUA Marchio di qualità concesso dalla regione Friuli Venezia Giulia. Prodotto: Mela Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale E.R.S.A AQUA Marchio di qualità concesso dalla regione Friuli Venezia Giulia Prodotto: Mela DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Di

Dettagli

MONITORAGGIO CAMPAGNA ELETTORALE ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE 2009 PARTE SPECIALE

MONITORAGGIO CAMPAGNA ELETTORALE ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE 2009 PARTE SPECIALE Struttura di supporto 2 settembre 2009, Trieste MONITORAGGIO CAMPAGNA ELETTORALE ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE 2009 PARTE SPECIALE DONNE E POLITICA. ANALISI DELLE DIFFERENZE DI TRA CANDIDATURE, RISULTATI

Dettagli

RUMORE. Luca Piani ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico

RUMORE. Luca Piani ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico RUMORE 219 RUMORE L inquinamento acustico nuoce sempre di più alla salute e alla qualità della vita dei cittadini. L aumento del traffico, la musica ad alto volume e la costruzione di abitazioni vicine

Dettagli

Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO

Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE ALL INIZIATIVA LAVORI IN CORSO - EDIZIONE 2015 Progetto di avvicinamento dei giovani al mondo del lavoro attraverso un

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL

MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 3.2 Carnia MATERIALI DI LAVORO PER L AGGIORNAMENTO DEL PROFILO DI COMUNITÀ SEZIONE MINORI A CURA DELL OSSERVATORIO POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA

Dettagli

pianura 273.168 montagna 73.673 pianura 17.553 montagna 14.081 montagna 87.754 totale 378.475 378.475 378.475

pianura 273.168 montagna 73.673 pianura 17.553 montagna 14.081 montagna 87.754 totale 378.475 378.475 378.475 1 Visto il Reg. (CE) n. 1788/2003 del Consiglio del 2 settembre 2003, che stabilisce un prelievo nel settore del latte e dei prodotti lattiero-caseari; Visto il Reg. (CE) n. 594/2004 della Commissione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 BILANCIO DI PREVISIONE 2012 PRESENTAZIONE ALLA CITTADINANZA Martedì 10 aprile 2012 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2012 VARIAZIONE TRASFERIMENTI REGIONALI ORDINARI 2 VARIAZIONE TRASFERIMENTI REGIONALI ORDINARI

Dettagli

Offerta turistica della Provincia di Udine.

Offerta turistica della Provincia di Udine. 100387 luglio 2011 Progetto grafi co: Stampa: Italprint Offerta turistica della Provincia di Udine. VERSIONE 11-07-2011 Palazzo Antonini Belgrado Piazza Patriarcato, 3-33100 Udine Tel. +39.0432.2791 -

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE DELLE RISORSE AGRICOLE, NATURALI E FORESTALI SERVIZIO PER LA MONTAGNA

REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE DELLE RISORSE AGRICOLE, NATURALI E FORESTALI SERVIZIO PER LA MONTAGNA Programma INTERREG III B "Spaziio Allpiino" Progetto QUALIMA REGIONE AUTONOMA FRIULI - VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE DELLE RISORSE AGRICOLE, NATURALI E FORESTALI SERVIZIO PER LA MONTAGNA UNIVERSITÀ

Dettagli

Campionati a squadre 2015 Squadre regionali che hanno acquisito il diritto a partecipare ai vari campionati a squadre

Campionati a squadre 2015 Squadre regionali che hanno acquisito il diritto a partecipare ai vari campionati a squadre Campionati a squadre 2015 Squadre regionali che hanno acquisito il diritto a partecipare ai vari campionati a squadre Serie A1 Femminile - - Serie A2 TC TRIESTINO 1a squadra TS promossa da serie B - Serie

Dettagli

8. CONCLUSIONI. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia. di Sergio Sichenze e FedericaFlapp

8. CONCLUSIONI. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia. di Sergio Sichenze e FedericaFlapp dell Ambiente del 8. CONCLUSIONI di Sergio Sichenze e FedericaFlapp 152 A conclusione di questo lavoro, possiamo provare a riassumere a grandi linee i risultati salienti della ricerca, con tutti i rischi

Dettagli

UDINE NOTA TERRITORIALE. a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE Maria Deganutti (referente OMI)

UDINE NOTA TERRITORIALE. a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE Maria Deganutti (referente OMI) UDINE NOTA TERRITORIALE a cura dell Ufficio Provinciale di UDINE Maria Deganutti (referente OMI) Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2011 Settore residenziale con la collaborazione della Direzione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, ENERGIA E POLITICHE PER LA MONTAGNA

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, ENERGIA E POLITICHE PER LA MONTAGNA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, ENERGIA E POLITICHE PER LA MONTAGNA SERVIZIO TUTELA DA INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO ED ELETTROMAGNETICO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

TABELLE VALORI AGRICOLI 2015

TABELLE VALORI AGRICOLI 2015 COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELL INDENNITA DI ESPROPRIO DI CUI ALL ART. 41 DEL D.P.R. 327/2001 Deliberazione Commissione Provinciale Espropri della Provincia di Pordenone n. 478 del 30/01/2015

Dettagli

Popolazione, giovani e lavoro in Carnia osservatorio della montagna friulana

Popolazione, giovani e lavoro in Carnia osservatorio della montagna friulana Popolazione, giovani e lavoro in Carnia osservatorio della montagna friulana 1 Popolazione, giovani e lavoro in Carnia 1 La popolazione residente in Carnia al censimento del 2011 raggiunge le 38.554 unità.

Dettagli

AOOUSPPN prot. n. 3129 /U Pordenone, 12 maggio 2015 e - mail. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia LORO SEDI

AOOUSPPN prot. n. 3129 /U Pordenone, 12 maggio 2015 e - mail. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia LORO SEDI AOOUSPPN prot. n. 3129 /U Pordenone, 12 maggio 2015 e - mail Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia LORO SEDI Alle OO.SS. di Categoria LORO SEDI Agli ATTI Al sito web

Dettagli

F.I.G.C. L.N.D. Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia. Classifiche Ufficiali e Coppa Disciplina

F.I.G.C. L.N.D. Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia. Classifiche Ufficiali e Coppa Disciplina F.I.G.C. L.N.D. Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Classifiche Ufficiali e Coppa Disciplina Stagione Sportiva 2014 / 2015 CAMPIONATO ECCELLENZA (*) Promossa al Campionato di Serie D (**) Retrocessa

Dettagli

Paolo Blarasin. Via L. Garzoni 2/B - 33010 Cassacco (UD)

Paolo Blarasin. Via L. Garzoni 2/B - 33010 Cassacco (UD) F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Indirizzo studio professionale Paolo Blarasin Via L. Garzoni 2/B - 33010 Cassacco (UD) Via Nazionale

Dettagli

Elenco degli utenti amministratori (aggiornamento al 24 dicembre 2014) - 1 di 21 ENTE/COMUNE COGNOME NOME E-MAIL TELEFONO

Elenco degli utenti amministratori (aggiornamento al 24 dicembre 2014) - 1 di 21 ENTE/COMUNE COGNOME NOME E-MAIL TELEFONO Elenco degli utenti amministratori (aggiornamento al 24 dicembre 2014) - 1 di 21 A.S.P. Cordenonese Arcobaleno MORAS FRANCO protocollo@aspcordenonese.it 0434 930440 SANTAROSSA DOMENICA protocollo@aspcordenonese.it

Dettagli

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE D.P.REG. 0237/PRES DEL 07.08.2006 entrato in vigore il 31.08.2006 e s.m.i. di cui al D.P.REG.

Dettagli

REGIONE IN CIFRE edizione 2008

REGIONE IN CIFRE edizione 2008 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Servizio statistica REGIONE IN CIFRE edizione 2008 SISTAN Sistema Statistico Nazionale "Regione in cifre" è realizzato da: Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI

Dettagli

Piano per la grande distribuzione.

Piano per la grande distribuzione. L.R. 8/1999, art. 8 bis, c. 1 B.U.R. S.O. 27/6/2005, n. 17 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 aprile 2005, n. 781. Piano per la grande distribuzione. VISTA la legge regionale 19 aprile 1999, n. 8,

Dettagli

U.S.R.-UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PORDENONE SCUOLA PRIMARIA - POSTI VACANTI PER IMMISSSIONE IN RUOLO - ANNO SCOLASTICO 2015/16

U.S.R.-UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PORDENONE SCUOLA PRIMARIA - POSTI VACANTI PER IMMISSSIONE IN RUOLO - ANNO SCOLASTICO 2015/16 U.S.R.-UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE PER LA PROVINCIA DI PORDENONE SCUOLA PRIMARIA - PER IMMISSSIONE IN RUOLO - ANNO SCOLASTICO 2015/16 PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA COMUNE 31/8/2016 SCUOLA COMUNE

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI SINDACI EMERITI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ALBO REGIONALE DEI SINDACI EMERITI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ALBO REGIONALE DEI SINDACI EMERITI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA N. Nome e Cognome Luogo e data di nascita Sindaco del comune di 1 Amos D'Antoni Basiliano, 20/12/1940 Basiliano giugno 1980 dicembre 1992 1019/AAL

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica. Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento Tecnico Scientifico

Istituto Nazionale di Statistica. Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento Tecnico Scientifico Istituto Nazionale di Statistica Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento Tecnico Scientifico Direzione Centrale dei Censimenti Generali Circolare n. 8 Ai Responsabili degli Uffici

Dettagli

Inventario dei prati stabili naturali - Terzo aggiornamento straordinario Richieste di esclusione accolte integralmente

Inventario dei prati stabili naturali - Terzo aggiornamento straordinario Richieste di esclusione accolte integralmente Comune censuario Sezione Foglio Mappale Numero appezzamento Elemento CTR 10.000 Arba B 12 85 203 065020 Arba A 5 558 358 065020 Arba A 1 207 1005 065020 Arba A 7 450, 451, 467, 593 284 065060 Aviano A

Dettagli

Il criterio del costo nella stima immobiliare

Il criterio del costo nella stima immobiliare AESTIMUM 62, Giugno 2013: 111-127 Giovanni Battista Cipolotti Università degli Studi di Udine E-mail: giovanni.cipolotti@uniud.it Keywords: Appraisal, value, real estate evaluation, production cost Parole

Dettagli

Offerta ERMES Operatori. Avviso OEO-1401 AVVISO. per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica

Offerta ERMES Operatori. Avviso OEO-1401 AVVISO. per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica AVVISO per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica di risorse della Rete Pubblica Regionale (RPR) ai sensi della D.G.R. 1373 del 18 luglio 2014 ID AVVISO: OEO-1401 8 agosto 2014 1 1

Dettagli

ABBONAMENTO ANNUALE AL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO COME FARE

ABBONAMENTO ANNUALE AL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO COME FARE CONSULTA DEI GENITORI POZZUOLO DEL FRIULI consultapozzuolo@libero.it ABBONAMENTO ANNUALE AL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO riservato agli studenti corse illimitate su una

Dettagli

Prot. n. 5699/C17 San Daniele del Friuli, 15.12.2015

Prot. n. 5699/C17 San Daniele del Friuli, 15.12.2015 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di studio: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico -------------------------------------------

Dettagli

SETTIMANA REGIONALE NATI PER LEGGERE PROVINCIA DI UDINE

SETTIMANA REGIONALE NATI PER LEGGERE PROVINCIA DI UDINE SETTIMANA REGIONALE NATI PER LEGGERE PROVINCIA DI UDINE BIBLIOTECA EVENTO E CURATORI LUOGO DATA E ORA A scuola di libri Aiello del Friuli incontro riservato alle classi prime e seconde della scuola primaria

Dettagli

P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li. So gg Be nl eg _P ro v. Dom_ Nume ro_pro tocoll o. Pro g_d urat a. Prog_Preven tivototalea mmesso

P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li. So gg Be nl eg _P ro v. Dom_ Nume ro_pro tocoll o. Pro g_d urat a. Prog_Preven tivototalea mmesso Denominazione sede legale Dom_Data_ Protocollo Dom_ Nume ro_pro tocoll o So gg Be nl eg _P ro v Prog_Titolo Prog_Descrizione Pro g_d urat a P r o g _ O c c u p a ti I n iz ia li Prog_Preven tivototalea

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.) PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.) TRA la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (di seguito Regione ), con sede

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2014-2016

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2014-2016 COMUNE DI PREPOTTO RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2014-2016 - Modello ufficiale Comune di Prepotto RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2014-2016 INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI Sezione 1 - Caratteristiche

Dettagli

A.O. Santa Maria degli Angeli (PN) Pordenone SIMEUP-FVG IL VOSTRO BAMBINO PIANGE?

A.O. Santa Maria degli Angeli (PN) Pordenone SIMEUP-FVG IL VOSTRO BAMBINO PIANGE? A.O. Santa Maria degli Angeli (PN) Pordenone SIMEUP-FVG IL VOSTRO BAMBINO PIANGE? Il pianto costituisce, per il bambino, un modo importante di comunicare con voi prima di saper parlare. I bambini piangono

Dettagli

PRINCIPALI ATTIVITA SVOLTE NEL PERIODO 2009-2015

PRINCIPALI ATTIVITA SVOLTE NEL PERIODO 2009-2015 PRINCIPALI ATTIVITA SVOLTE NEL PERIODO 2009-2015 Consiglio dei delegati 27 Aprile 2015 PROGRAMMA DELLE OPERE FINANZIATE DALLA REGIONE O DAL MINISTERO Dall anno 2009 il Consorzio di Bonifica Ledra Tagliamento

Dettagli

L importanza della messa in rete delle esperienze: ALLEANZA NELLE ALPI. Toni Zambon

L importanza della messa in rete delle esperienze: ALLEANZA NELLE ALPI. Toni Zambon L importanza della messa in rete delle esperienze: ALLEANZA NELLE ALPI Toni Zambon Alleanza nelle Alpi vuole applicare la Convenzione delle Alpi lì, dove la politica è più vicina alle persone lì, dove

Dettagli

Realtà museali firmatarie dell accordo di collaborazione 2014-2016

Realtà museali firmatarie dell accordo di collaborazione 2014-2016 Realtà museali firmatarie dell accordo di collaborazione 2014-2016 Comune Nome del museo Indirizzo Museo 1 Aiello Del Friuli Museo della Civiltà Contadina del Friuli Imperiale Museo della Civiltà Contadina

Dettagli

GRUPPO 5. Curriculum professionale ING. ANTONIO NONINO

GRUPPO 5. Curriculum professionale ING. ANTONIO NONINO Curriculum professionale ING. ANTONIO NONINO DATI PERSONALI Nato a Udine il 7 gennaio 1954; residente in Udine, via Lauzacco 1/a; studio professionale in Udine, via Baldasseria Bassa, 160; Tel. 0432 294922

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Agenzia del Lavoro e della formazione professionale

Agenzia del Lavoro e della formazione professionale Agenzia del Lavoro e della formazione professionale Piano di gestione della situazione di grave difficoltà occupazionale delle imprese collocate nei territori montani delle province di Udine e Pordenone

Dettagli

LEGENDA. Variazioni storiche di impegno e creazione di subimpegni. Var. : Prescrizioni. Pre. : Ins. : Insussistenze

LEGENDA. Variazioni storiche di impegno e creazione di subimpegni. Var. : Prescrizioni. Pre. : Ins. : Insussistenze LEGENDA. :. :. : iazioni storiche di impegno e creazione di subimpegni scrizioni ussistenze - 2013 Pag. 1 / 29 iazioni in iazione in EPF 2007 300 PRESTAZIONI DI SERVIZI 38 Servizio di configurazione router

Dettagli

P R O V I N C I A D I U D I N E

P R O V I N C I A D I U D I N E P R O V I N C I A D I U D I N E ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI U.O. SOLIDARIETA SOCIALE P R O T O C O L L O D' I N T E S A TRA PROVINCIA DI UDINE E COMUNI PER IL COORDINAMENTO DELLE PROGETTUALITA'

Dettagli

BIBLIOTECHE DELLA PROVINCIA DI GORIZIA APPUNTAMENTI SECONDA SETTIMANA REGIONALE NATI PER LEGGERE 2009

BIBLIOTECHE DELLA PROVINCIA DI GORIZIA APPUNTAMENTI SECONDA SETTIMANA REGIONALE NATI PER LEGGERE 2009 BIBLIOTECHE DELLA PROVINCIA DI GORIZIA APPUNTAMENTI SECONDA SETTIMANA REGIONALE NATI PER LEGGERE 2009 DATA ORA LUOGO SEDE EVENTO CURATORE MONFALCONE 17.11.2009 17.00 Monfalcone comunale 17.11.2009 18.00

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

Direzione Centrale Pianificazione Territoriale, Energia, Mobilità e Infrastrutture di Trasporto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ERMES

Direzione Centrale Pianificazione Territoriale, Energia, Mobilità e Infrastrutture di Trasporto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ERMES Direzione Centrale Pianificazione Territoriale, Energia, Mobilità e Infrastrutture di Trasporto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ERMES an Excellent Region in a Multimedia European Society Programma

Dettagli

REGIONE IN CIFRE edizione 2009

REGIONE IN CIFRE edizione 2009 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale programmazione, risorse economiche e finanziarie Servizio statistica REGIONE IN CIFRE edizione 2009 SISTAN Sistema Statistico Nazionale "Regione

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo 330-33100 Udine URP SANITARI 4 Centralino 0432 55 312 Fax 0432 806 005 URP - UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 0432 806 051 - Fax 0432 806 005 urp@mediofriuli.it

Dettagli