Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion."

Transcript

1 Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Elenco dei partecipanti Responsabile: Paolo Augliera - Primo Ricercatore INGV. Ezio D'Alema - Tecnologo INGV. Installazione e acquisizione dati. Gianlorenzo Franceschina - Ricercatore INGV. Acquisizione dati. Massimo Frapiccini - Tecnico INGV. Analisi qualità dei dati. Sara Lovati - Tecnologo INGV. Installazione e caratterizzazione siti. Simone Marzorati - Tecnologo INGV. Analisi qualità dei dati. Marco Massa, Ricercatore INGV. Analisi di qualità dei dati. Vera Pessina, Ricercatore INGV. Caratterizzazione siti. Francesco Mirabella - Ricercatore UniPG. Caratterizzazione siti. Dario Sudati - Tecnico INGV. Sviluppo Web. Parole chiave Reti sismiche; sensori strong motion; stazione multi- sensore. Obiettivi Installazione di dieci (10) sensori strong motion co- locati con i velocimetri della rete geofisica TABOO per il monitoraggio sismico dell'alta Valle del Tevere. Caratterizzazione geologica (morfologia, topografia) dei siti. Trasmissione dati in tempo reale con centro di acquisizione. Integrazione dei dati acquisiti negli archivi INGV (presso le sedi di Ancona, Roma e Milano) e loro distribuzione secondo standard di qualità internazionali. Attività già svolte propedeutiche alla realizzazione di questo programma Già da alcuni anni, nell'ambito del progetto TABOO (The Alto Tiberina Near Fault Observatory; l INGV ha sviluppato un infrastruttura di monitoraggio sismico e geodetico nell'area interessata dall'attività della Faglia Alto Tiberina (ATF). L attuale configurazione di TABOO deriva dall'integrazione di nuove stazioni geofisiche dedicate, con le 1

2 stazioni già esistenti della Rete Sismica Nazionale Centralizzata (RSNC), della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) e della Rete Sismica della Regione Marche (RSM). La struttura modulare dei sistemi di trasmissione dati e acquisizione sviluppati per la rete TABOO (Monachesi et al., 2011; Cattaneo et al., 2011), consentirà una semplice ed economica integrazione tra la nuova tipologia di sensori e quelli esistenti. L integrazione sarà inoltre facilitata anche dalla grande esperienza acquisita nella gestione di reti indirizzate al monitoraggio sismico, multi- parametrico, con l'installazione di sensori accelerometrici in parallelo ai sensori velocimetrici (vedi esempio in Figura 1.1; Monachesi et al., 2013). Figura 1.1: Esempio d installazione co- locata di sensore velocimetrico (Lennartz Le3D- 5s; a sinistra) e accelerometrico (Episensor FBA ES- T; a destra). A livello nazionale, l'ingv già gestisce l'acquisizione in tempo reale di dati provenienti da circa 130 stazioni strong motion, tre (3) delle quali nell'area dell Alta Valle del Tevere. Questo farà si che anche per la diffusione dei nuovi dati che andremo ad acquisire, avremo sin da subito a disposizione portali web e software, sia per la gestione che per il controllo della qualità del dato, già sviluppati per il portale accelerometrico dell INGV detto Italian Strong Motion Data (ISMD, Massa et al., 2012). Tutto ciò sarà ovviamente di notevole e immediato beneficio per tutta la comunità scientifica di riferimento. Sono state anche sviluppate procedure di distribuzione delle forme d onda verso i principali archivi dei dati europei (ad esempio, EIDA: European Integrated Data Archive); le stesse già in uso sin dalle prime fasi del progetto TABOO. Anche i sistemi di acquisizione, trasmissione e gestione dati sono già stati ampiamente collaudati per la rete TABOO (D Alema et al., 2011). In particolare gli acquisitori sismici sono facilmente espandibili per la registrazione dei tre (3) nuovi canali accelerometrici; inoltre i canali trasmissivi sono stati dimensionati, in fase di progettazione della rete, in modo da consentire un flusso continuo di dati superiore a quello previsto dalle prime installazioni, per cui l'aggiunta dei nuovi canali di acquisizione non comporterà nessuna modifica ai vettori di trasmissione (Monachesi e Cattaneo, 2010). 2

3 Motivazione scientifica I sensori velocimetrici ad alta sensibilità, essenziali per un monitoraggio di dettaglio mirato alla caratterizzazione della micro- sismicità relativa all attività della faglia Alto Tiberina previsto dal progetto TABOO, mal si prestano a registrare terremoti di magnitudo elevata (M>5). Ci sono, infatti, esempi di terremoti di magnitudo moderata avvenuti nell area di studio in tempi recenti, quali il terremoto di Gubbio del 1984 di magnitudo M S 5.2 (Haessler et al., 1988). Questa eventualità porterebbe così a distorsione e/o saturazione del segnale registrato. Cosa che non succederebbe invece con i sensori di tipo strong motion che a loro volta però non consentirebbe, a causa della minore sensibilità, un corretto monitoraggio della micro- sismicità. Tutto ciò per dire come solo l'integrazione dei due tipi di sensori consente di coprire l'intero spettro di ampiezze di movimento che va dalle frazioni di nanometro per secondo (nm/s) ai metri al secondo (m/s), se espressi in termini di velocità di spostamento del terreno. Con il finanziamento previsto in PLUTO per questa linea di sviluppo, sarà possibile coprire i costi di almeno dieci (10) sensori, installazione inclusa, riuscendo così a ottenere un monitoraggio strong- motion di dettaglio per tutto il settore centrale dell'area. Con quest operazione l'area diventerebbe una delle potenziali strutture sismogenetiche d'italia meglio monitorata e caratterizzata. Infine, la collaudata esperienza nella gestione e nel controllo di qualità del dato accelerometrico, ci permetterà già nella fase immediatamente successiva all installazione dei nuovi sensori, di applicare al flusso dei dati accelerometrico acquisito in tempo reale, tutte le metodologie d analisi scientifica, da noi sviluppate e testate (Massa et al., 2012). Attività La prima attività prevista riguarda la verifica della logistica, la selezione dei siti più idonei e l'adattamento di tali siti per l'installazione della nuova strumentazione. Dopo l'installazione si procederà invece alla configurazione dei sistemi di acquisizione e all immissione dei nuovi flussi di dati nei sistemi di gestione e acquisizione dei dati. Parallelamente procederemo alla necessaria caratterizzazione dei siti oggetto delle nuove installazioni, in termini di: topografia, morfologia, litologia superficiale e velocità di propagazione delle onde S negli strati più superficiali. Per quanto riguarda invece gli aspetti tecnologi, ricordiamo che l acquisizione dei dati alle stazioni remote della rete TABOO si basa su acquisitori del tipo Gaia2 (Salvaterra et al., 2008), uno strumento sviluppato dal Laboratorio di Sismologia del Centro nazionale Terremoti dell'ingv. Tale acquisitore, nella sua versione base, è equipaggiato con quattro (4) canali di digitalizzazione ad alta dinamica. La necessaria aggiunta di una scheda di estensione dell acquisizione, operazione semplice perché già prevista e testata, ci permetterà di avere a disposizione ulteriori quattro (4) canali, assolutamente analoghi come caratteristiche. Per quanto riguarda invece il sistema di acquisizione presente alle stazioni remote (SeisComP; questa consente di gestire in modo flessibile l'acquisizione sui differenti canali, per cui renderà possibile la digitalizzazione dei canali velocimetrici e accelerometrici con campionamento differente. 3

4 Infine, particolare attenzione dovrà essere rivolta ai sistemi di alimentazione. Questo perché l aggiunta della nuova strumentazione comporterà un aumento dei consumi che dovrà in alcuni casi essere bilanciato da un potenziamento di pannelli solari e batterie tampone. Prevediamo inoltre, in alcuni casi particolari, di dover installare sistemi complementari di alimentazione, come celle a metanolo. Tipologia di attività Selezione e preparazione siti Installazione strumentazione e configurazione acquisizione Caratterizzazione siti Controllo qualità, prima interpretazione dati trimestri/anno Diagramma di GANTT per i 18 mesi di attività finanziati dal progetto. Risultati attesi Alla fine del primo anno di progetto ci aspettiamo di aver: selezionato e preparato siti idonei all'installazione di sensori strong- motion; acquistato e installato tali sensori; configurato la rete per una corretta acquisizione e gestione dei dati; iniziato la caratterizzazione dei siti. Mentre, per la fine dei 18 mesi, ci aspettiamo di aver: ultimato la caratterizzazione di siti; introdotto il flusso dati nel sistema di controllo di qualità e elaborazione dati. Riferimenti bibliografici Cattaneo M., D Alema E., Frapiccini M., Marzorati S., Monachesi G., Acquisizione presso la sede di Ancona, Miscellanea INGV, 10, ISSN , D Alema E., Cattaneo M., Frapiccini M., Marzorati S., Monachesi G., Ferretti M., Rete Sismometrica Marchigiana e sua integrazione con la RSN e Rete AVT. In Cattaneo M. e Moretti M (eds). Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico. Miscellanea INGV, 10, ISSN , Haessler H., Gaulon, R., Rivera, L., Console, R., Frongneux, M., Gasparini, G., Martel, L., Patau, G., Siciliano, M., Cisternas, A., The Perugia (Italy) earthquake of 29, April 1984: a microearthquake survey. Bulletin Seismological Society of America 78, ,

5 Massa M., Lovati S., Sudati D., Franceschina G., Russo E., Puglia R., Ameri G., Luzi L., Pacor F., Augliera P., INGV strong- motion data web- portal: a focus on the Emilia seismic sequence of May- June Annals of Geophysics, 55, 4, ; doi: /ag- 6120, Monachesi G., Cattaneo M., D Alema E., Frapiccini M., Marzorati S., Ferretti M., Sistemi di controllo in uso al centro di acquisizione della sede di Ancona. In Cattaneo M. e Moretti M (eds). Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico. Miscellanea INGV, 10, ISSN , Monachesi G., Cattaneo M., La dorsale radio Wi- Fi per il monitoraggio multiparametrico in Alta Val Tiberina. Rapporti Tecnici INGV, 129, 36 pp., Monachesi G., Cattaneo M., Ladina C., Marzorati S., D Alema E., Frapiccini M., Carannante S., Ferretti M., Sebastianelli M., Delladio A., Selvaggi G., Esperienze di monitoraggio integrato: il caso della Rete Sismometrica dell Italia Centro Orientale, di quella accelerometrica marchigiana e dei suoi servizi. Quaderni di Geofisica, 106, 29 pp., Salvaterra L., Pintore S., Badiali L., Rete sismologica basata su Gaia2. Rapporti Tecnici INGV, 68, 28 pp., Breve CV del Responsabile MODULO 1: Dott. Paolo Augliera. Dal 2001, Paolo Augliera è Primo Ricercatore dell'istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). I suoi principali interessi di ricerca sono legati alla sismologia strumentale, all'acquisizione ed analisi automatica dei segnali sismici, alla propagazione delle onde ed allo studio degli effetti di sito. E' il responsabile della Rete Accelerometrica in Italia Settentrionale e dal luglio 2012 è Direttore della Sezione di Milano- Pavia dell INGV. Selezione pubblicazioni. P.L. Bragato, M. Sugan, P. Augliera, M. Massa, A. Vuan and A. Saraò, Moho reflection effects in the Po plain (Northern Italy) observed from instrumental and intensity data. Bull. Seism. Soc. Am. 101, , P. Augliera, M. Massa, E. D Alema and S. Marzorati, RAIS: a real time strong- motion network in northern Italy. Annals of Geophysics 54, 23-34, E. Del Pezzo, F. Bianco, S. Marzorati, P. Augliera, E. D Alema and M. Massa, Depth- dependent intrinsic and scattering seismic attenuation in north central Italy. Geophysical Journal International 186, , S. Parolai, S. Orunbaev, D. Bindi, A. Strollo, S. Usupaev, M. Picozzi, D. Di Giacomo, P. Augliera, E. D Alema, C. Milkereit and J. Zschau, Site effect assessment in Bishkek (Kyrgyzstan) using earthquake and noise recording data. Bull. Seism. Soc. Am. 100, , P. Augliera, M. Cattaneo and C. Eva, Seismic multiplets analysis and its implication in seismotectonics. Tectonophysics 248, ,

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Paolo Augliera, Ezio D Alema,, Domenico Di Giacomo, Simone Marzorati,, Marco Massa Brescia 14 novembre 2006 L INGV http://www.ingv.it.

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + ATTIVITÀ DELLA RETE SISMICA MOBILE (RSM) La RSM nasce nei primi anni 70 come struttura finalizzata

Dettagli

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Calcolo detection Primo input: relazione empirica ampiezza magnitudo

Dettagli

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV 1 Monitoraggio sismico a scala Nazionale: La rete sismica nazionale 2 Monitoraggio sismico

Dettagli

Esperienza con l'umts con le stazioni GAIA2 e REFTEK-130

Esperienza con l'umts con le stazioni GAIA2 e REFTEK-130 Esperienza con l'umts con le stazioni GAIA2 e REFTEK-130 E. D'Alema, S. Marzorati, S. Carannante, C. Ladina, M. Cattaneo, G. Monachesi e M. Frapiccini INGV-CNT Ancona Precari con diritto allo straordinario

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 236. apporti. tecnici

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 236. apporti. tecnici t ISSN 2039-7941 Anno 2012_Numero 236 apporti tecnici Emergenza sismica 2012 in Emilia Romagna: attività sperimentali di supporto alla Rete Sismica Mobile INGV svolte dal personale della sede di Ancona

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli PAS Progetto Antenne Sismiche Manuale tecnico a

Dettagli

tecnici apporti NETHIX WE-120: un dispositivo di telecontrollo per l ottimizzazione di sistemi di trasmissione di dati sismologici in tempo reale

tecnici apporti NETHIX WE-120: un dispositivo di telecontrollo per l ottimizzazione di sistemi di trasmissione di dati sismologici in tempo reale t ISSN 2039-7941 Anno 2014_Numero 278 apporti tecnici NETHIX WE-120: un dispositivo di telecontrollo per l ottimizzazione di sistemi di trasmissione di dati sismologici in tempo reale Istituto Nazionale

Dettagli

INGV. Riassunti estesi del I Workshop Tecnico

INGV. Riassunti estesi del I Workshop Tecnico missn 2039-6651 Anno 2011_Numero 10 miscellanea INGV Riassunti estesi del I Workshop Tecnico Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell'arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana INGV DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma t Anno 2009_Numero 116 apporti tecnici Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) INGV Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico. FAAS: an automatic system for seismic alerting

FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico. FAAS: an automatic system for seismic alerting Bragato P.L., Govoni A. Dip. Centro Ricerche Sismologiche di Udine Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico Riassunto. FAAS (Friuli Automatic Alert

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA Giovanni Iannaccone Osservatorio Vesuviano (Napoli) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Requisiti tecnici

Dettagli

Esperienze nella gestione di enti ed organismi di ricerca e di università

Esperienze nella gestione di enti ed organismi di ricerca e di università Curriculum Vitae del Prof. Marco Mucciarelli Dati anagrafici e personali completi Luogo e data di nascita: Porretta Terme (BO), 14 gennaio 1960 Residenza: Via Mazzini 51, 85100 Potenza (PZ) C.F.: MCCMRC60A14A558G

Dettagli

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Enrico Priolo Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Centro

Dettagli

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory. stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici 1 Schema di una stazione sismica D POWER Display keyboard S ADC CPU I/O DRIVE CLOCK S POWER ADC CPU I/O CLOCK D sensore alimentazione

Dettagli

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2009_Numero 112 apporti tecnici Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT) Sara

Dettagli

MONITORAGGIO. Sistemi e strumenti di misura EDAX 24 SYSTEM > UNITÀ REMOTA DI ACQUISIZIONE PER RETI SISMICHE E/O ACCELEROMETRICHE FINO A 6 CANALI

MONITORAGGIO. Sistemi e strumenti di misura EDAX 24 SYSTEM > UNITÀ REMOTA DI ACQUISIZIONE PER RETI SISMICHE E/O ACCELEROMETRICHE FINO A 6 CANALI EDAX 24 SYSTEM L EDAX 24 è un sofisticato sistema di acquisizione a 24 bit progettato per fornire una completa soluzione per il monitoraggio sismico ed accelerometrico. L alta risoluzione e la flessibilità

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

LA RETE SISMICA DEL MONTANA (U.S.A.): PERFORMANCE DI LOCALIZZAZIONE E MAGNITUDO DI COMPLETEZZA

LA RETE SISMICA DEL MONTANA (U.S.A.): PERFORMANCE DI LOCALIZZAZIONE E MAGNITUDO DI COMPLETEZZA Pettenati F., Sirovich L., Sandron D. and C. Papaioannou (2010). Earthquake sources retrieved from intensities: seven successes in Greece. Proc. 14ECEE, Ohrid, Macedonia, Aug. 30-Sept. 3, 2010. CD Paper

Dettagli

Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale RESPONSABILI WP 1-2- 5-6 - 9

Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale RESPONSABILI WP 1-2- 5-6 - 9 Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale RELAZIONE PER LA STAZIONE DI CONTROLLO 2 10 MESI

Dettagli

5.1 OASIS - The OGS Archive System of Instrumental Seismology

5.1 OASIS - The OGS Archive System of Instrumental Seismology Capitolo 5 Banche dati 5.1 OASIS - The OGS Archive System of Instrumental Seismology E. PRIOLO 1, G. LAURENZANO 1, C. BARNABA 1, P. BERNARDI 1, L. MORATTO 1 E A. SPINELLI 2 1 Istituto Nazionale di Oceanografia

Dettagli

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Presso la sede INGV si riuniscono i responsabili dei task del progetto S4. Sono presenti Luca Malagnini (INGV, coordinatore) Daniele Spallarossa (DIPTERIS,

Dettagli

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE INDICE CONTENUTI Pag. PREMESSA 1 Cap. 1 I TERREMOTI 2 Cap. 2 STRATEGIE 4 2.1 Abaco storico delle osservazioni sismiche 5 2.2 Il territorio di CAGNANO VARANO 7 2.3 Storicità degli eventi sismici 9 Cap.

Dettagli

SISTEMA MONITORAGGIO BARRIERE PARAMASSI Comune di Torgnon Sito di Petit Monde 21/22

SISTEMA MONITORAGGIO BARRIERE PARAMASSI Comune di Torgnon Sito di Petit Monde 21/22 SISTEMA MONITORAGGIO BARRIERE PARAMASSI Comune di Torgnon Sito di Petit Monde 21/22 Layout Presentazione Chi ha partecipato Dove è stato installato Come si voleva farlo funzionare Come è stato pensato

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

LADINA CHIARA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM SOMMARIO. Nome e Cognome: Chiara Ladina. Luogo e data di nascita: Milano, 13-05-1982

LADINA CHIARA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM SOMMARIO. Nome e Cognome: Chiara Ladina. Luogo e data di nascita: Milano, 13-05-1982 LADINA CHIARA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Nome e Cognome: Chiara Ladina Luogo e data di nascita: Milano, 13-05-1982 Residenza: via Sandro Pertini, 28. 26831 Casalmaiocco (LO) Domicilio: via Marconi,

Dettagli

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Lorenzo Amato Istituto di Metodologie per l Analisi Ambientale (IMAA)

Dettagli

tecnici apporti Procedura automatica per il calcolo delle ShakeMaps e rilocalizzazione degli eventi presso la sede di ISSN 2039-7941

tecnici apporti Procedura automatica per il calcolo delle ShakeMaps e rilocalizzazione degli eventi presso la sede di ISSN 2039-7941 t ISSN 2039-7941 Anno 2012_Numero 225 apporti tecnici Procedura automatica per il calcolo delle ShakeMaps e rilocalizzazione degli eventi presso la sede di Ancona dell'ingv-cnt Istituto Nazionale di Geofisica

Dettagli

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS)

Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) Documento illustrativo di presentazione del sito web GeoHeritage-GIS (GH-GIS) M.Stella Giammarinaro Dipartimento di Geologia e Geodesia-Università di Palermo Introduzione La crescente vulnerabilità delle

Dettagli

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica a cura di Giovanna Cultrera, Antonella Cirella, André

Dettagli

corso di consolidamento degli edifici storici

corso di consolidamento degli edifici storici Università IUAV di Venezia corso di consolidamento degli edifici storici Alcune considerazioni sulla definizione di azione sismica 8 marzo 2012 luisa berto Definizione di azione sismica e risposta degli

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale Relazione di fine tirocinio formativo curricolare: MONITORAGGIO STRUTTURALE presso ABBAZIA DI CASAMARI A VEROLI (FR) Studentessa: NOEMI FIORINI (mat. 404740) Tutor Universitario: Prof. GIANMARCO DE FELICE

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

Sismalog A c q u i s i t o r e s i s m i c o d i t i p o s t a n d - a l o n e www.mae-srl.it

Sismalog A c q u i s i t o r e s i s m i c o d i t i p o s t a n d - a l o n e www.mae-srl.it A c q u i s i t o r e s i s m i c o d i t i p o s t a n d - a l o n e www.mae-srl.it REVISIONE DATA 1.0 Febbraio 2013 Sommario Capitolo 1. CAMPI DI AZIONE... 3 1.1 MONITORAGGIO SISMICO TERRITORIALE...

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

Prof. Alessandro Capra. Dip. DIMeC - Università di Modena e Reggio Emilia

Prof. Alessandro Capra. Dip. DIMeC - Università di Modena e Reggio Emilia Laboratorio di Geomatica DIMeC Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Reti GNSS pubbliche e private in Italia Prof. Alessandro Capra Dip. DIMeC -

Dettagli

EIDA: broad band seismic waveforms Integrazione dei dati della RSM

EIDA: broad band seismic waveforms Integrazione dei dati della RSM EIDA: broad band seismic waveforms Integrazione dei dati della RSM S. Mazza, A. Bono, V. Lauciani, C. Marcocci, A. Mandiello, L. Margheriti, F. Mele, M. Moretti, S. Pintore, M. Quintiliani, L. Scognamiglio,

Dettagli

Anno 2010_Numero 137. apporti. tecnici. La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2010_Numero 137. apporti. tecnici. La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2010_Numero 137 apporti tecnici La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT) Sara

Dettagli

tecnici apporti Integrazione dei dati sismologici delle reti sismiche permanenti e temporanee. Regolamento e procedure ISSN 2039-7941

tecnici apporti Integrazione dei dati sismologici delle reti sismiche permanenti e temporanee. Regolamento e procedure ISSN 2039-7941 t ISSN 2039-7941 Anno 2014_Numero 276 apporti tecnici Integrazione dei dati sismologici delle reti sismiche permanenti e temporanee. Regolamento e procedure Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO

RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO Giuseppe Borriello, Ciro Buonocunto, Marco Capello, Giovanni

Dettagli

IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014

IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014 AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014 a cura di S. Paolini, G. Bongiovanni, P. Clemente, S. Hailemikael, G.

Dettagli

La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di. Geofisica e Vulcanologia

La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di. Geofisica e Vulcanologia La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di Dal 2004, l Istituto Nazionale di (INGV) ha intrapreso la creazione di una infrastruttura tecnologica con il proposito di studiare alcuni

Dettagli

Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità Introduzione 1 Metodologia

Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità Introduzione 1 Metodologia Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità A. Rebez Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, Trieste (e-mail: rebez@ogs.trieste.it) Introduzione Un'informazione

Dettagli

Potenza. 20-22 novembre 2012 Teatro Comunale F. Stabile. ATTI Tema 2: Caratterizzazione sismica del territorio

Potenza. 20-22 novembre 2012 Teatro Comunale F. Stabile. ATTI Tema 2: Caratterizzazione sismica del territorio 1 Potenza 20-22 novembre 2012 Teatro Comunale F. Stabile ATTI Tema 2: Caratterizzazione sismica del territorio IL BLOG INGVTERREMOTI: UN NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE PER MIGLIORARE L INFORMAZIONE SUI

Dettagli

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare.

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti SEA_LAB Tel www.rotospeed.it Premessa SEA_LAB è un innovativo laboratorio marino galleggiante, trasportabile, e dotato di sonde

Dettagli

RAPPORTI SPETTRALI H/V DI RUMORE SISMICO AMBIENTALE NEL COMUNE DI CATANIA

RAPPORTI SPETTRALI H/V DI RUMORE SISMICO AMBIENTALE NEL COMUNE DI CATANIA E. Priolo, A. Michelini e G. Laurenzano Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale OGS, Trieste RAPPORTI SPETTRALI H/V DI RUMORE SISMICO AMBIENTALE NEL COMUNE DI CATANIA Riassunto.

Dettagli

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Temi Trasversali Coordinati

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Temi Trasversali Coordinati Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Temi Trasversali Coordinati Raccolta dei programmi (TTC n. 1-6, 9) e degli studi di fattibilità (TTC rimanenti) 10 dicembre 2004 TTC1 Monitoraggio sismico

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE DI UN SITO UBICATO NELLA LOCALITA' VOLTOLE, COMUNE DI GUALDO TADINO

ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE DI UN SITO UBICATO NELLA LOCALITA' VOLTOLE, COMUNE DI GUALDO TADINO 1 ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA LOCALE DI UN SITO UBICATO NELLA LOCALITA' VOLTOLE, COMUNE DI GUALDO TADINO Committente: Bazzucchi Rita Silvia Rappresentate Legale di ARGILLE TOSCANE TERRECOTTE Maggio

Dettagli

Introduzione: stato delle conoscenze

Introduzione: stato delle conoscenze Introduzione: stato delle conoscenze L Appennino Meridionale è tra le aree geografiche del territorio italiano maggiormente esposte a rischio sismico. In particolare tutta l area Irpina è caratterizzata

Dettagli

GLOSSARIO 1. Accelerometer (Analog or Digital)

GLOSSARIO 1. Accelerometer (Analog or Digital) GLOSSARIO 1 Parola chiave Accelerometer (Analog or Digital) Significato Strumento di misura dell accelerazione del moto sismico. Si distingue principalmente tra: strumento analogico: l accelerazione del

Dettagli

La nuova rete accelerometrica della Svizzera

La nuova rete accelerometrica della Svizzera La nuova rete accelerometrica della Svizzera La rete accelerometrica della Svizzera nel 2019 Blu: prima fase del progetto (2009 2013), 30 stazioni installate. Rosso: seconda fase del progetto (2013 2019),

Dettagli

Registrazione di terremoti con geofoni da sismica attiva in downhole. Ezio D'Alema, Simone Marzorati e Paolo Augliera RAPPORTO TECNICO INGV MI

Registrazione di terremoti con geofoni da sismica attiva in downhole. Ezio D'Alema, Simone Marzorati e Paolo Augliera RAPPORTO TECNICO INGV MI Registrazione di terremoti con geofoni da sismica attiva in downhole Ezio D'Alema, Simone Marzorati e Paolo Augliera RAPPORTO TECNICO INGMI Luglio 2005 1 Riassunto La Pianura Padana è caratterizzata da

Dettagli

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE Committente: Ottobre 2008 I geologi Marco Catalano Francesco Cuccurullo

Dettagli

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001 Progettazione ed installazione di tre telecamere di sorveglianza per il monitoraggio dell attività dell Etna nel periodo Luglio-Agosto 2001 E. Pecora, G. Laudani, B. Saraceno Riassunto La sorveglianza

Dettagli

Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2)

Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2) Effetti direzionali in registrazioni sismometriche da aree in frana e bordi di bacino Maria Rosaria Gallipoli (1, 2) Marco Mucciarelli (2) (1) I.M.A.A. CNR, Tito Scalo (Potenza) (2) D.I.S.G.G. Università

Dettagli

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano La piattaforma GEOSIS E uno strumento di sintesi e di consultazione rapida di informazioni relative agli eventi

Dettagli

INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Milano-Pavia Modifica del codice SeisRisk III per l utilizzo con dati di intensità

INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Milano-Pavia Modifica del codice SeisRisk III per l utilizzo con dati di intensità INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Milano-Pavia Modifica del codice SeisRisk III per l utilizzo con dati di intensità a cura di Augusto Antonio Gómez Capera e Dario Ivano Sudati

Dettagli

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Asse I: Sostegno ai mutamenti strutturali Obiettivo Operativo 4.1.1.4: Potenziamento

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO

LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO D. Pesaresi e R. Console Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia LA RETE MULTIDISCIPLINARE DELLA CTBTO: IL COINVOLGIMENTO ITALIANO Riassunto. L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2011_Numero 209. apporti. tecnici. Test-box per accelerometro Episensor FBA ES-T. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

ISSN 2039-7941. Anno 2011_Numero 209. apporti. tecnici. Test-box per accelerometro Episensor FBA ES-T. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t ISSN 2039-7941 Anno 2011_Numero 209 apporti tecnici Test-box per accelerometro Episensor FBA ES-T Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento.

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento. Assessorat des Ouvrages publics, de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Presidenza della Regione Direzione Protezione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 MASW (Multichannel

Dettagli

Allegato 1 tratto da: An appraisal of underground gas storage technologies and incidents, for the development of risk assessment methodology Prepared by the British Geological Survey for the Health and

Dettagli

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami A. Armigliato (1), S. Tinti (1), G. Pagnoni (1), G. Mastronuzzi (2), C. Pignatelli

Dettagli

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico - Numerical and experimental methods for estimating ground motion amplifications Alessandro Pagliaroli CNR-IGAG, Istituto

Dettagli

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 . conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 1 Terremoto dell Aquila 6 aprile 2009 Mr = 5,9 Mw = 6,3 Tr = 300-350

Dettagli

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Enzo Boschi Venezia, 1 febbraio 2007 Crustal Plate Boundaries Sismicità crostale e profonda del Mediterraneo La Rete Sismica Nazionale Come si generano i terremoti

Dettagli

Quarant'anni fa ad Ancona

Quarant'anni fa ad Ancona Che cosa accadde: il punto della situazione Quarant anni fa, il 25 gennaio 1972, iniziò ad Ancona un lungo periodo sismico. Le prime registrazioni della sequenza in corso furono effettuate da due stazioni

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc

TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc TRENI E VIBRAZIONI Alcune considerazioni P. Suhadolc DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Universita degli Studi di Trieste www.dst.units.it Introduzione In Europa il numero di linee ferroviarie in galleria

Dettagli

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica DiSGG, Università della Basilicata ReLUIS, Rete di Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica CRiS, Centro di Competenza sul Rischio

Dettagli

TASK 4 GARDA - DELIVERABLE D13 SCENARI DI SCUOTIMENTO AL BEDROCK A VARI LIVELLI DI COMPLESSITÀ

TASK 4 GARDA - DELIVERABLE D13 SCENARI DI SCUOTIMENTO AL BEDROCK A VARI LIVELLI DI COMPLESSITÀ Scenari di scuotimento in aree di interesse prioritario e/o strategico Responsabili: Francesca Pacor (INGV-MI) e Marco Mucciarelli (Unibas) TASK 4 GARDA - DELIVERABLE D13 SCENARI DI SCUOTIMENTO AL BEDROCK

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

FENOMENOLOGIA DEL NOISE SISMICO AMBIENTALE: DALLA CONOSCENZA DEL SEGNALE ALLE APPLICAZIONI EMPIRICHE. Simone Marzorati

FENOMENOLOGIA DEL NOISE SISMICO AMBIENTALE: DALLA CONOSCENZA DEL SEGNALE ALLE APPLICAZIONI EMPIRICHE. Simone Marzorati UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE GEOLOGICHE E GEOTECNOLOGIE DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE GEOLOGICHE E GEOTECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO XIX CICLO FENOMENOLOGIA

Dettagli

tecnici apporti Progettazione e realizzazione del portale web istituzionale e del logotipo della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV

tecnici apporti Progettazione e realizzazione del portale web istituzionale e del logotipo della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV t ISSN 2039-7941 Anno 2015_Numero 312 apporti tecnici Progettazione e realizzazione del portale web istituzionale e del logotipo della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV Istituto Nazionale di

Dettagli

tecnici apporti Progettazione e realizzazione del Centro Operativo Emergenza Sismica (COES) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

tecnici apporti Progettazione e realizzazione del Centro Operativo Emergenza Sismica (COES) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2010_Numero 172 apporti tecnici Progettazione e realizzazione del Centro Operativo Emergenza Sismica (COES) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele

Dettagli

La Rete Dinamica Nazionale e il sistema di riferimento geodetico nazionale

La Rete Dinamica Nazionale e il sistema di riferimento geodetico nazionale Laboratorio di Geomatica DIEF Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia La Rete Dinamica Nazionale e il sistema di riferimento geodetico nazionale Prof. Alessandro

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

IL LABGIS@INGV DI GROTTAMINARDA, ATTIVITA' E PROSPETTIVE

IL LABGIS@INGV DI GROTTAMINARDA, ATTIVITA' E PROSPETTIVE IL LABGIS@INGV DI GROTTAMINARDA, ATTIVITA' E PROSPETTIVE Maurizio PIGNONE (*), Raffaele MOSCHILLO (*) (*) ISTITUTO NAZIONALE DI GEOFISICA E VULCANOLOGIA, Centro Nazionale Terremoti Via Castello D Aquino,

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

Anno 2011_Numero 183. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2011_Numero 183. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2011_Numero 183 apporti tecnici La campagna sismica del progetto Alto Lazio: rapporto delle attività 2008-2009 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board

Dettagli

LA NUOVA RETE SISMICA ELLENICA UNIFICATA (HUSN): SVILUPPO, PERFORMANCE E PROSPETTIVE

LA NUOVA RETE SISMICA ELLENICA UNIFICATA (HUSN): SVILUPPO, PERFORMANCE E PROSPETTIVE dità ipocentrale risulta invece ben vincolata solo nel settore nord-occidentale, con errori che comunque non scendono sotto i 6 km. La Fig. 5 mostra la mappa del rischio sismico dello stato del Montana,

Dettagli

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA Dott. Geol. Jean Vincent C.A. Stefani C.da Saponaro 70, 74023 Grottaglie (TA) Tel. 099.5610224 cell. 3388641493 Fax 099.5610224 E-mail stefani.geologo@libero.it COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE

Dettagli

Vademecum per la verifica sismica. di edifici esistenti

Vademecum per la verifica sismica. di edifici esistenti Vademecum per la verifica sismica di edifici esistenti a cura di Giuliano Panza Professore Ordinario Dipartimento di Matematica e Geoscienze, Università degli Studi di Trieste panza@units.it Fabio Romanelli

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli