Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion."

Transcript

1 Modulo n 1 di progetto PLUTO Realizzazione rete accelerometrica attraverso l installazione di sensori strong motion. Elenco dei partecipanti Responsabile: Paolo Augliera - Primo Ricercatore INGV. Ezio D'Alema - Tecnologo INGV. Installazione e acquisizione dati. Gianlorenzo Franceschina - Ricercatore INGV. Acquisizione dati. Massimo Frapiccini - Tecnico INGV. Analisi qualità dei dati. Sara Lovati - Tecnologo INGV. Installazione e caratterizzazione siti. Simone Marzorati - Tecnologo INGV. Analisi qualità dei dati. Marco Massa, Ricercatore INGV. Analisi di qualità dei dati. Vera Pessina, Ricercatore INGV. Caratterizzazione siti. Francesco Mirabella - Ricercatore UniPG. Caratterizzazione siti. Dario Sudati - Tecnico INGV. Sviluppo Web. Parole chiave Reti sismiche; sensori strong motion; stazione multi- sensore. Obiettivi Installazione di dieci (10) sensori strong motion co- locati con i velocimetri della rete geofisica TABOO per il monitoraggio sismico dell'alta Valle del Tevere. Caratterizzazione geologica (morfologia, topografia) dei siti. Trasmissione dati in tempo reale con centro di acquisizione. Integrazione dei dati acquisiti negli archivi INGV (presso le sedi di Ancona, Roma e Milano) e loro distribuzione secondo standard di qualità internazionali. Attività già svolte propedeutiche alla realizzazione di questo programma Già da alcuni anni, nell'ambito del progetto TABOO (The Alto Tiberina Near Fault Observatory; l INGV ha sviluppato un infrastruttura di monitoraggio sismico e geodetico nell'area interessata dall'attività della Faglia Alto Tiberina (ATF). L attuale configurazione di TABOO deriva dall'integrazione di nuove stazioni geofisiche dedicate, con le 1

2 stazioni già esistenti della Rete Sismica Nazionale Centralizzata (RSNC), della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) e della Rete Sismica della Regione Marche (RSM). La struttura modulare dei sistemi di trasmissione dati e acquisizione sviluppati per la rete TABOO (Monachesi et al., 2011; Cattaneo et al., 2011), consentirà una semplice ed economica integrazione tra la nuova tipologia di sensori e quelli esistenti. L integrazione sarà inoltre facilitata anche dalla grande esperienza acquisita nella gestione di reti indirizzate al monitoraggio sismico, multi- parametrico, con l'installazione di sensori accelerometrici in parallelo ai sensori velocimetrici (vedi esempio in Figura 1.1; Monachesi et al., 2013). Figura 1.1: Esempio d installazione co- locata di sensore velocimetrico (Lennartz Le3D- 5s; a sinistra) e accelerometrico (Episensor FBA ES- T; a destra). A livello nazionale, l'ingv già gestisce l'acquisizione in tempo reale di dati provenienti da circa 130 stazioni strong motion, tre (3) delle quali nell'area dell Alta Valle del Tevere. Questo farà si che anche per la diffusione dei nuovi dati che andremo ad acquisire, avremo sin da subito a disposizione portali web e software, sia per la gestione che per il controllo della qualità del dato, già sviluppati per il portale accelerometrico dell INGV detto Italian Strong Motion Data (ISMD, Massa et al., 2012). Tutto ciò sarà ovviamente di notevole e immediato beneficio per tutta la comunità scientifica di riferimento. Sono state anche sviluppate procedure di distribuzione delle forme d onda verso i principali archivi dei dati europei (ad esempio, EIDA: European Integrated Data Archive); le stesse già in uso sin dalle prime fasi del progetto TABOO. Anche i sistemi di acquisizione, trasmissione e gestione dati sono già stati ampiamente collaudati per la rete TABOO (D Alema et al., 2011). In particolare gli acquisitori sismici sono facilmente espandibili per la registrazione dei tre (3) nuovi canali accelerometrici; inoltre i canali trasmissivi sono stati dimensionati, in fase di progettazione della rete, in modo da consentire un flusso continuo di dati superiore a quello previsto dalle prime installazioni, per cui l'aggiunta dei nuovi canali di acquisizione non comporterà nessuna modifica ai vettori di trasmissione (Monachesi e Cattaneo, 2010). 2

3 Motivazione scientifica I sensori velocimetrici ad alta sensibilità, essenziali per un monitoraggio di dettaglio mirato alla caratterizzazione della micro- sismicità relativa all attività della faglia Alto Tiberina previsto dal progetto TABOO, mal si prestano a registrare terremoti di magnitudo elevata (M>5). Ci sono, infatti, esempi di terremoti di magnitudo moderata avvenuti nell area di studio in tempi recenti, quali il terremoto di Gubbio del 1984 di magnitudo M S 5.2 (Haessler et al., 1988). Questa eventualità porterebbe così a distorsione e/o saturazione del segnale registrato. Cosa che non succederebbe invece con i sensori di tipo strong motion che a loro volta però non consentirebbe, a causa della minore sensibilità, un corretto monitoraggio della micro- sismicità. Tutto ciò per dire come solo l'integrazione dei due tipi di sensori consente di coprire l'intero spettro di ampiezze di movimento che va dalle frazioni di nanometro per secondo (nm/s) ai metri al secondo (m/s), se espressi in termini di velocità di spostamento del terreno. Con il finanziamento previsto in PLUTO per questa linea di sviluppo, sarà possibile coprire i costi di almeno dieci (10) sensori, installazione inclusa, riuscendo così a ottenere un monitoraggio strong- motion di dettaglio per tutto il settore centrale dell'area. Con quest operazione l'area diventerebbe una delle potenziali strutture sismogenetiche d'italia meglio monitorata e caratterizzata. Infine, la collaudata esperienza nella gestione e nel controllo di qualità del dato accelerometrico, ci permetterà già nella fase immediatamente successiva all installazione dei nuovi sensori, di applicare al flusso dei dati accelerometrico acquisito in tempo reale, tutte le metodologie d analisi scientifica, da noi sviluppate e testate (Massa et al., 2012). Attività La prima attività prevista riguarda la verifica della logistica, la selezione dei siti più idonei e l'adattamento di tali siti per l'installazione della nuova strumentazione. Dopo l'installazione si procederà invece alla configurazione dei sistemi di acquisizione e all immissione dei nuovi flussi di dati nei sistemi di gestione e acquisizione dei dati. Parallelamente procederemo alla necessaria caratterizzazione dei siti oggetto delle nuove installazioni, in termini di: topografia, morfologia, litologia superficiale e velocità di propagazione delle onde S negli strati più superficiali. Per quanto riguarda invece gli aspetti tecnologi, ricordiamo che l acquisizione dei dati alle stazioni remote della rete TABOO si basa su acquisitori del tipo Gaia2 (Salvaterra et al., 2008), uno strumento sviluppato dal Laboratorio di Sismologia del Centro nazionale Terremoti dell'ingv. Tale acquisitore, nella sua versione base, è equipaggiato con quattro (4) canali di digitalizzazione ad alta dinamica. La necessaria aggiunta di una scheda di estensione dell acquisizione, operazione semplice perché già prevista e testata, ci permetterà di avere a disposizione ulteriori quattro (4) canali, assolutamente analoghi come caratteristiche. Per quanto riguarda invece il sistema di acquisizione presente alle stazioni remote (SeisComP; questa consente di gestire in modo flessibile l'acquisizione sui differenti canali, per cui renderà possibile la digitalizzazione dei canali velocimetrici e accelerometrici con campionamento differente. 3

4 Infine, particolare attenzione dovrà essere rivolta ai sistemi di alimentazione. Questo perché l aggiunta della nuova strumentazione comporterà un aumento dei consumi che dovrà in alcuni casi essere bilanciato da un potenziamento di pannelli solari e batterie tampone. Prevediamo inoltre, in alcuni casi particolari, di dover installare sistemi complementari di alimentazione, come celle a metanolo. Tipologia di attività Selezione e preparazione siti Installazione strumentazione e configurazione acquisizione Caratterizzazione siti Controllo qualità, prima interpretazione dati trimestri/anno Diagramma di GANTT per i 18 mesi di attività finanziati dal progetto. Risultati attesi Alla fine del primo anno di progetto ci aspettiamo di aver: selezionato e preparato siti idonei all'installazione di sensori strong- motion; acquistato e installato tali sensori; configurato la rete per una corretta acquisizione e gestione dei dati; iniziato la caratterizzazione dei siti. Mentre, per la fine dei 18 mesi, ci aspettiamo di aver: ultimato la caratterizzazione di siti; introdotto il flusso dati nel sistema di controllo di qualità e elaborazione dati. Riferimenti bibliografici Cattaneo M., D Alema E., Frapiccini M., Marzorati S., Monachesi G., Acquisizione presso la sede di Ancona, Miscellanea INGV, 10, ISSN , D Alema E., Cattaneo M., Frapiccini M., Marzorati S., Monachesi G., Ferretti M., Rete Sismometrica Marchigiana e sua integrazione con la RSN e Rete AVT. In Cattaneo M. e Moretti M (eds). Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico. Miscellanea INGV, 10, ISSN , Haessler H., Gaulon, R., Rivera, L., Console, R., Frongneux, M., Gasparini, G., Martel, L., Patau, G., Siciliano, M., Cisternas, A., The Perugia (Italy) earthquake of 29, April 1984: a microearthquake survey. Bulletin Seismological Society of America 78, ,

5 Massa M., Lovati S., Sudati D., Franceschina G., Russo E., Puglia R., Ameri G., Luzi L., Pacor F., Augliera P., INGV strong- motion data web- portal: a focus on the Emilia seismic sequence of May- June Annals of Geophysics, 55, 4, ; doi: /ag- 6120, Monachesi G., Cattaneo M., D Alema E., Frapiccini M., Marzorati S., Ferretti M., Sistemi di controllo in uso al centro di acquisizione della sede di Ancona. In Cattaneo M. e Moretti M (eds). Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico. Miscellanea INGV, 10, ISSN , Monachesi G., Cattaneo M., La dorsale radio Wi- Fi per il monitoraggio multiparametrico in Alta Val Tiberina. Rapporti Tecnici INGV, 129, 36 pp., Monachesi G., Cattaneo M., Ladina C., Marzorati S., D Alema E., Frapiccini M., Carannante S., Ferretti M., Sebastianelli M., Delladio A., Selvaggi G., Esperienze di monitoraggio integrato: il caso della Rete Sismometrica dell Italia Centro Orientale, di quella accelerometrica marchigiana e dei suoi servizi. Quaderni di Geofisica, 106, 29 pp., Salvaterra L., Pintore S., Badiali L., Rete sismologica basata su Gaia2. Rapporti Tecnici INGV, 68, 28 pp., Breve CV del Responsabile MODULO 1: Dott. Paolo Augliera. Dal 2001, Paolo Augliera è Primo Ricercatore dell'istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). I suoi principali interessi di ricerca sono legati alla sismologia strumentale, all'acquisizione ed analisi automatica dei segnali sismici, alla propagazione delle onde ed allo studio degli effetti di sito. E' il responsabile della Rete Accelerometrica in Italia Settentrionale e dal luglio 2012 è Direttore della Sezione di Milano- Pavia dell INGV. Selezione pubblicazioni. P.L. Bragato, M. Sugan, P. Augliera, M. Massa, A. Vuan and A. Saraò, Moho reflection effects in the Po plain (Northern Italy) observed from instrumental and intensity data. Bull. Seism. Soc. Am. 101, , P. Augliera, M. Massa, E. D Alema and S. Marzorati, RAIS: a real time strong- motion network in northern Italy. Annals of Geophysics 54, 23-34, E. Del Pezzo, F. Bianco, S. Marzorati, P. Augliera, E. D Alema and M. Massa, Depth- dependent intrinsic and scattering seismic attenuation in north central Italy. Geophysical Journal International 186, , S. Parolai, S. Orunbaev, D. Bindi, A. Strollo, S. Usupaev, M. Picozzi, D. Di Giacomo, P. Augliera, E. D Alema, C. Milkereit and J. Zschau, Site effect assessment in Bishkek (Kyrgyzstan) using earthquake and noise recording data. Bull. Seism. Soc. Am. 100, , P. Augliera, M. Cattaneo and C. Eva, Seismic multiplets analysis and its implication in seismotectonics. Tectonophysics 248, ,

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Paolo Augliera, Ezio D Alema,, Domenico Di Giacomo, Simone Marzorati,, Marco Massa Brescia 14 novembre 2006 L INGV http://www.ingv.it.

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group

La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + La Rete Sismica Mobile del Centro Nazionale Terremoti e la Co.Re.Mo. Rete Sismica Mobile Working Group + ATTIVITÀ DELLA RETE SISMICA MOBILE (RSM) La RSM nasce nei primi anni 70 come struttura finalizzata

Dettagli

Esperienza con l'umts con le stazioni GAIA2 e REFTEK-130

Esperienza con l'umts con le stazioni GAIA2 e REFTEK-130 Esperienza con l'umts con le stazioni GAIA2 e REFTEK-130 E. D'Alema, S. Marzorati, S. Carannante, C. Ladina, M. Cattaneo, G. Monachesi e M. Frapiccini INGV-CNT Ancona Precari con diritto allo straordinario

Dettagli

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi

Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Ancona Taboo Team: Simona Carannante, Marco Cattaneo, Ezio D'Alema, Massimo Frapiccini, Chiara Ladina, Simone Marzorati, Giancarlo Monachesi Calcolo detection Primo input: relazione empirica ampiezza magnitudo

Dettagli

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV

Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio. Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV Monitoraggio sismico per la pianificazione del territorio Claudio Chiarabba Direttore Struttura Terremoti INGV 1 Monitoraggio sismico a scala Nazionale: La rete sismica nazionale 2 Monitoraggio sismico

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana INGV DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA

ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA ASPETTI TECNOLOGICI DI UN SISTEMA PER ALLERTA SISMICA: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA AMRA Giovanni Iannaccone Osservatorio Vesuviano (Napoli) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Requisiti tecnici

Dettagli

MONITORAGGIO. Sistemi e strumenti di misura EDAX 24 SYSTEM > UNITÀ REMOTA DI ACQUISIZIONE PER RETI SISMICHE E/O ACCELEROMETRICHE FINO A 6 CANALI

MONITORAGGIO. Sistemi e strumenti di misura EDAX 24 SYSTEM > UNITÀ REMOTA DI ACQUISIZIONE PER RETI SISMICHE E/O ACCELEROMETRICHE FINO A 6 CANALI EDAX 24 SYSTEM L EDAX 24 è un sofisticato sistema di acquisizione a 24 bit progettato per fornire una completa soluzione per il monitoraggio sismico ed accelerometrico. L alta risoluzione e la flessibilità

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

La Banca Dati Accelerometrica Italiana

La Banca Dati Accelerometrica Italiana DPC-INGV 2007-09: Progetto S4 La Banca Dati Accelerometrica Italiana Coordinatori Francesca Pacor (INGV Milano Pavia) Roberto Paolucci (Politecnico Milano) INGV Referenti DPC Antonella Gorini Adriano De

Dettagli

SISTEMA MONITORAGGIO BARRIERE PARAMASSI Comune di Torgnon Sito di Petit Monde 21/22

SISTEMA MONITORAGGIO BARRIERE PARAMASSI Comune di Torgnon Sito di Petit Monde 21/22 SISTEMA MONITORAGGIO BARRIERE PARAMASSI Comune di Torgnon Sito di Petit Monde 21/22 Layout Presentazione Chi ha partecipato Dove è stato installato Come si voleva farlo funzionare Come è stato pensato

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 236. apporti. tecnici

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 236. apporti. tecnici t ISSN 2039-7941 Anno 2012_Numero 236 apporti tecnici Emergenza sismica 2012 in Emilia Romagna: attività sperimentali di supporto alla Rete Sismica Mobile INGV svolte dal personale della sede di Ancona

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Osservatorio Vesuviano Napoli PAS Progetto Antenne Sismiche Manuale tecnico a

Dettagli

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare.

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti SEA_LAB Tel www.rotospeed.it Premessa SEA_LAB è un innovativo laboratorio marino galleggiante, trasportabile, e dotato di sonde

Dettagli

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.

stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory. stazione sismica Sistema di rilevazione e archiviazione dei segnali sismici 1 Schema di una stazione sismica D POWER Display keyboard S ADC CPU I/O DRIVE CLOCK S POWER ADC CPU I/O CLOCK D sensore alimentazione

Dettagli

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale

Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Rete di Collalto: esperienza nel monitoraggio sismico di un deposito naturale utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale Enrico Priolo Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Centro

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

tecnici apporti NETHIX WE-120: un dispositivo di telecontrollo per l ottimizzazione di sistemi di trasmissione di dati sismologici in tempo reale

tecnici apporti NETHIX WE-120: un dispositivo di telecontrollo per l ottimizzazione di sistemi di trasmissione di dati sismologici in tempo reale t ISSN 2039-7941 Anno 2014_Numero 278 apporti tecnici NETHIX WE-120: un dispositivo di telecontrollo per l ottimizzazione di sistemi di trasmissione di dati sismologici in tempo reale Istituto Nazionale

Dettagli

STARTUP innovativa fondata a inizio 2014 Accolta in I3P (incubatore del Politecnico di Torino) Pluripremiata nelle competizioni nazionali

STARTUP innovativa fondata a inizio 2014 Accolta in I3P (incubatore del Politecnico di Torino) Pluripremiata nelle competizioni nazionali STARTUP innovativa fondata a inizio 2014 Accolta in I3P (incubatore del Politecnico di Torino) Pluripremiata nelle competizioni nazionali Finanziamento europeo nell ambito di HORIZON 2020 Sistema innovativo

Dettagli

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano La piattaforma GEOSIS E uno strumento di sintesi e di consultazione rapida di informazioni relative agli eventi

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO Fleet Monitoring è costituito da un software client ed un software server. Il software client, dato in dotazione alla centrale operativa, ha il compito di permettere

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELL'INQUINAMENTO ACUSTICO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LA RETE DI MONITORAGGIO DELL'INQUINAMENTO ACUSTICO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA RETE DI MONITORAGGIO DELL'INQUINAMENTO ACUSTICO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO F. Gerola, L. Mattevi SOMMARIO Il lavoro descrive i criteri e le metodologie adottate nella realizzazione della rete

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio Francesco Antolini Emanuele Tavelli Geosciences and Information Technologies GIT 2015 - San Leo (RN), 17 Giugno 2015 Winet Srl Vu Pham

Dettagli

INGV. Riassunti estesi del I Workshop Tecnico

INGV. Riassunti estesi del I Workshop Tecnico missn 2039-6651 Anno 2011_Numero 10 miscellanea INGV Riassunti estesi del I Workshop Tecnico Monitoraggio sismico del territorio nazionale: stato dell'arte e sviluppo delle reti di monitoraggio sismico

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Presso la sede INGV si riuniscono i responsabili dei task del progetto S4. Sono presenti Luca Malagnini (INGV, coordinatore) Daniele Spallarossa (DIPTERIS,

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Analisi con due Velocità

Analisi con due Velocità Analisi con due Velocità Questo documento descrive il metodo di misura di due velocità. Analisi, interpretazione esperienze e documenti complementari si trovano nei manuali del Software PIT-W versione

Dettagli

11/5/2015 Segnalazione di eventi/boati in zona Vittorio Veneto Pieve di Soligo

11/5/2015 Segnalazione di eventi/boati in zona Vittorio Veneto Pieve di Soligo 11/5/215 Segnalazione di eventi/boati in zona Vittorio Veneto Pieve di Soligo Sgonico, 11 maggio 215 Ore 18: A seguito di una richiesta di approfondimento da parte della Centrale di Stoccaggio di Collalto

Dettagli

FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico. FAAS: an automatic system for seismic alerting

FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico. FAAS: an automatic system for seismic alerting Bragato P.L., Govoni A. Dip. Centro Ricerche Sismologiche di Udine Osservatorio Geofisico Sperimentale di Trieste FAAS: un sistema automatico per l'allarme sismico Riassunto. FAAS (Friuli Automatic Alert

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Lorenzo Amato Istituto di Metodologie per l Analisi Ambientale (IMAA)

Dettagli

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento.

Oggetto: Evento sismico del 04-4-2010. Nota di commento all evento. Assessorat des Ouvrages publics, de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica Presidenza della Regione Direzione Protezione

Dettagli

L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV

L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV L infrastruttura di Knowledge Management della Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell INGV Gianpaolo Cecere Istituto sede di Grottaminarda (AV) Nasce verso la fine del 2004 da un progetto finanziato

Dettagli

Sismalog A c q u i s i t o r e s i s m i c o d i t i p o s t a n d - a l o n e www.mae-srl.it

Sismalog A c q u i s i t o r e s i s m i c o d i t i p o s t a n d - a l o n e www.mae-srl.it A c q u i s i t o r e s i s m i c o d i t i p o s t a n d - a l o n e www.mae-srl.it REVISIONE DATA 1.0 Febbraio 2013 Sommario Capitolo 1. CAMPI DI AZIONE... 3 1.1 MONITORAGGIO SISMICO TERRITORIALE...

Dettagli

L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE

L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE Scheda Progetto L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE Stazione di monitoraggio meteo e webcam MONITORAGGIO METEOROLOGICO Dati meteo in diretta dalle località di interesse, visualizzati on-line

Dettagli

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Mirti Lombardi, Stefania Barletti, Daniela Giuliani ARPA Marche D.G.R. n. 3157 del 28/12/2001 Approvazione

Dettagli

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio La definizione della struttura della rete di monitoraggio (numero e tipo di sensori e loro localizzazione spaziale) dipende dall estensione e dalle caratteristiche

Dettagli

Le scelte progettuali

Le scelte progettuali OberoNET Dopo aver sviluppato Oberon, il software per l'installatore, Axel si è concentrata sul reale utilizzatore dei sistemi di sicurezza con OberoNET: la suite di applicativi per la gestione in rete

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Anno 2009_Numero 112. apporti. tecnici. Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t Anno 2009_Numero 112 apporti tecnici Il progetto per la rete dati della sede INGV di Ancona Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT) Sara

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 SASW (Spectral

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

Misura, raccolta, presentazione e analisi dati remotizzata e distribuita dei consumi energetici

Misura, raccolta, presentazione e analisi dati remotizzata e distribuita dei consumi energetici Misura, raccolta, presentazione e analisi dati remotizzata e distribuita dei consumi energetici Relatori: Prof. Alessandro Ferrero Prof. Dario Petri Ing. Stefano Longoni INTRODUZIONE AL MONITORAGGIO DEI

Dettagli

Nuovo sistema di regolazione wireless per ventilconvettori. FreeSabiana IL COMFORT AMBIENTALE

Nuovo sistema di regolazione wireless per ventilconvettori. FreeSabiana IL COMFORT AMBIENTALE Nuovo sistema di regolazione wireless per ventilconvettori FreeSabiana IL COMFORT AMBIENTALE FreeSabiana Free Sabiana è un innovativo sistema elettronico di comando e controllo di ventilconvettori idronici

Dettagli

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011

Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 30 convegno Analysis of temperature time series from thermal IR continuous monitoring network (TIIMNet) at Campi Flegrei Caldera in the period 2004-2011 F. Sansivero, G. Vilardo, P. De Martino, G. Chiodini

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

MIAPI è l acronimo di: Monitoraggio ed Individuazione delle Aree Potenzialmente Inquinate;

MIAPI è l acronimo di: Monitoraggio ed Individuazione delle Aree Potenzialmente Inquinate; Progetto M.I.A.P.I. MIAPI è l acronimo di: Monitoraggio ed Individuazione delle Aree Potenzialmente Inquinate; Si configura come il nuovo step del progetto MIADRA (Monitoraggio dell impatto ambientale

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma

tecnici apporti Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma t Anno 2009_Numero 116 apporti tecnici Reingegnerizzazione ed ottimizzazione della rete di acquisizione sismica e geodetica della sede di Roma Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

HM 2.5 4-6 Smart Meter. Smart metering residenziale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID)

HM 2.5 4-6 Smart Meter. Smart metering residenziale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) HM 2.5 4-6 Smart Meter Smart metering residenziale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) SMART GAS METER HM serie G2,5 - G4-G6 Il contatore ibrido HM è la naturale evoluzione del know-how e dell esperienza

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E TELECONTROLLO DA CENTRO REMOTO E/O LOCALE, PER LAMPIONE A LED INTELLIGENTE

SISTEMA DI MONITORAGGIO E TELECONTROLLO DA CENTRO REMOTO E/O LOCALE, PER LAMPIONE A LED INTELLIGENTE SISTEMA DI MONITORAGGIO E TELECONTROLLO DA CENTRO REMOTO E/O LOCALE, PER LAMPIONE A LED INTELLIGENTE - itrpled - INDICE 1. GENERALITA 2. DESCRIZIONE DEL SISTEMA 3. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA 4. VANTAGGI

Dettagli

Presentazione della rete ELDoNet e della linea di ricerca UV presso IBF-Pisa Roberto Marangoni Dipartimento di Informatica Univ. Pisa & Istituto di Biofisica del CNR - Pisa (marangon@di.unipi.it) Giornata

Dettagli

Prospettive dei servizi di posizionamento

Prospettive dei servizi di posizionamento Politecnico di Milano Polo Regionale di Como Prospettive dei servizi di posizionamento Ludovico Biagi, Stefano Caldera, Fernando Sansò Presentazione della Rete di Stazioni Permanenti GNSS dell Emilia Romagna

Dettagli

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE INDICE CONTENUTI Pag. PREMESSA 1 Cap. 1 I TERREMOTI 2 Cap. 2 STRATEGIE 4 2.1 Abaco storico delle osservazioni sismiche 5 2.2 Il territorio di CAGNANO VARANO 7 2.3 Storicità degli eventi sismici 9 Cap.

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

Luigi Falco. I Workshop Monitoraggio Sismico Nazionale Roma 20 21 dicembre 2010

Luigi Falco. I Workshop Monitoraggio Sismico Nazionale Roma 20 21 dicembre 2010 Luigi Falco I Workshop Monitoraggio Sismico Nazionale Roma 20 21 dicembre 2010 La sede Irpinia dell INGV acquisisce i dag di così suddivise : 337 stazioni sismiche 96 stazioni Nanometrics ( Libra VSAT)

Dettagli

Armadi per la gestione delle chiavi

Armadi per la gestione delle chiavi Key Manager Armadi per la gestione delle chiavi Marzo 2009 Key Manager Key Manager consiste in una linea di sistemi di gestione chiavi intelligenti e integrabili in impianti di controllo accessi, anti-intrusione,

Dettagli

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System)

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Sistema 3D-MBS 1 SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Il 3D-Multi Band System è un sistema integrato per la gestione della sicurezza

Dettagli

SMart Access to Data-Intensive Facilities

SMart Access to Data-Intensive Facilities SMart Access to Data-Intensive Facilities SMADIF Data di preparazione: 3 Marzo 2014 Piano di lavoro: pagina 1 di 8 Indice Sezione 1: Motivazioni scientifiche e tecnologiche... 3 1.1 Idea ed Obiettivi...

Dettagli

LADINA CHIARA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM SOMMARIO. Nome e Cognome: Chiara Ladina. Luogo e data di nascita: Milano, 13-05-1982

LADINA CHIARA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM SOMMARIO. Nome e Cognome: Chiara Ladina. Luogo e data di nascita: Milano, 13-05-1982 LADINA CHIARA CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Nome e Cognome: Chiara Ladina Luogo e data di nascita: Milano, 13-05-1982 Residenza: via Sandro Pertini, 28. 26831 Casalmaiocco (LO) Domicilio: via Marconi,

Dettagli

Cronoprogramma e Quadro Economico

Cronoprogramma e Quadro Economico Tutela della Biodiversità nel parco Regionale dei Castelli Romani Cronoprogramma e Quadro Economico 1 Indice generale 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELLE COMPONENTI DEL PROGETTO PER LA CONSERVAZIONE DELLA

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale Relazione di fine tirocinio formativo curricolare: MONITORAGGIO STRUTTURALE presso ABBAZIA DI CASAMARI A VEROLI (FR) Studentessa: NOEMI FIORINI (mat. 404740) Tutor Universitario: Prof. GIANMARCO DE FELICE

Dettagli

.onway. Orange Mobility srl

.onway. Orange Mobility srl .onway Orange Mobility srl .onway OnWay è la soluzione completa per la gestione della distribuzione alimentare. Ideata per rispondere alle problematiche della distribuzione in tentata vendita, consente

Dettagli

Enrico Priolo, Carla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan. Roberto de Franco, Adelmo Corsi, Antonio Morrone, Alberto Tento

Enrico Priolo, Carla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan. Roberto de Franco, Adelmo Corsi, Antonio Morrone, Alberto Tento Studi geofisici per la microzonazione della città di Perugia Enrico Priolo, arla Barnaba, Marco Romanelli, Alessandro Vuan Ist. Naz. di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale OGS Dip. entro di Ricerche

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE:

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE: per impianti fotovoltaici APPLICATION NOTE: SISTEMA DI TELEGESTIONE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 200907ANN01 @ MMIX, INGECO WWW.COM2000.IT Pagina 1 di 8 Sommario Introduzione...3 I vantaggi del sistema di

Dettagli

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano www.indaginistrutturali.it IndaginiStrutturalisrl opera nel settore della diagnostica di infrastrutture e manufatti di ogni tipo effettuando verifiche, controlli, monitoraggi, con particolare riguardo

Dettagli

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico - Numerical and experimental methods for estimating ground motion amplifications Alessandro Pagliaroli CNR-IGAG, Istituto

Dettagli

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001

Progettazione ed installazione di tre te- lecamere di sorveglianza per il monito- raggio del attività del Etna nel peri do Luglio-Agosto 2001 Progettazione ed installazione di tre telecamere di sorveglianza per il monitoraggio dell attività dell Etna nel periodo Luglio-Agosto 2001 E. Pecora, G. Laudani, B. Saraceno Riassunto La sorveglianza

Dettagli

Monitoraggio Sicurezza e Certificazione dei Servizi

Monitoraggio Sicurezza e Certificazione dei Servizi Monitoraggio Sicurezza e Certificazione dei Servizi ESIGENZE TrackingGPS - Monitoraggio in tempo reale Certificazione del servizio - Attività svolte Rilevazione Presenze - Controllo Accesso remoto Gestione

Dettagli

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica

La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia La previsione del moto sismico: il contributo degli scenari di scuotimento alla pericolosità sismica a cura di Giovanna Cultrera, Antonella Cirella, André

Dettagli

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Normativa del Garante della privacy sugli amministratori di sistema la normativa: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1577499

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Esperienze nella gestione di enti ed organismi di ricerca e di università

Esperienze nella gestione di enti ed organismi di ricerca e di università Curriculum Vitae del Prof. Marco Mucciarelli Dati anagrafici e personali completi Luogo e data di nascita: Porretta Terme (BO), 14 gennaio 1960 Residenza: Via Mazzini 51, 85100 Potenza (PZ) C.F.: MCCMRC60A14A558G

Dettagli

2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007. http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis

2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007. http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis Database geografici e report di eventi sismici 2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007 Maurizio Pignone http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis Premessa Progetto CESIS LABGIS INGV Grottaminarda

Dettagli

PROPOSTE DI ELABORATO FINALE PER GLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (TRIENNALE)

PROPOSTE DI ELABORATO FINALE PER GLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (TRIENNALE) Facoltà di Ingegneria PROPOSTE DI ELABORATO FINALE PER GLI STUDENTI DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (TRIENNALE) A) ELABORATO COMPILATIVO SU ARGOMENTI NON TRATTATI ESTESAMENTE

Dettagli

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA ESSEBI Srl NUOVE FRONTIERE DEL MONITORAGGIO STRUTTURALE MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA Roma, 4 maggio 2011 Facoltà di Architettura via Gramsci, 53 Roma MONITORAGGIO WIRELESS I principali

Dettagli

la possibilità di usufruire di un sistema di gestione documentale.

la possibilità di usufruire di un sistema di gestione documentale. UTAX propone ai propri clienti una vasta gamma di prodotti in grado di soddisfare tutte le svariate richieste che ogni giorno vengono sottoposte ad agenti e rivenditori. Elevata affidabilità, facilità

Dettagli

Str.Antica di None 2 FAX +39-011-39.87.727 I - 10092 Beinasco (TO) / ITALY E-MAIL: info@soft-in.com

Str.Antica di None 2 FAX +39-011-39.87.727 I - 10092 Beinasco (TO) / ITALY E-MAIL: info@soft-in.com Descrizione generale Il sistema di localizzazione è composto da un modulo di bordo senza connessioni al veicolo e da un software di centrale remota su Personal Computer, dotato di mappe cartografiche.

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento dei calori. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento dei calori. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento dei calori www.medria.fr Gentile cliente Vi ringraziamo per la fiducia che ci avete dato acquistando HeatPhone. Vi invitiamo a leggere attentamente il presente manuale d uso

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale

Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale PROGETTO SISMA Società Adriatica di Speleologia Trieste Relatore: Sergio Dambrosi Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale Descrizione Procedure di finanziamento Obiettivi Programma operativo

Dettagli

Sequenza Sismica Aquilana (2009): variazioni in frequenza della risposta di sito (intra-evento) osservata sulle registrazioni accelerometriche.

Sequenza Sismica Aquilana (2009): variazioni in frequenza della risposta di sito (intra-evento) osservata sulle registrazioni accelerometriche. Sequenza Sismica Aquilana (2009): variazioni in frequenza della risposta di sito (intra-evento) osservata sulle registrazioni accelerometriche. R. Ditommaso 1, M. Mucciarelli 1, M. Bianca 1, R. Puglia

Dettagli