2000/ L'OVALE AZZURRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2000/2012 - L'OVALE AZZURRO"

Transcript

1

2 Il romanzo del Sei nazioni L OVALE AZZURRO Della stessa collana CENERENTOLA NON ABITA PIU QUI Ideazione e coordinamento editoriale: Stefano Tamburini A cura di: Fabrizio Zupo Copertina e progetto grafico: Federico Deidda Realizzazione tecnica: Fabio Di Donna Foto: Archivio Corbis e La Presse Finegil Editoriale Spa Direttore Editoriale: Luigi Vicinanza Gruppo Editoriale L Espresso, via Cristoforo Colombo, Roma Tutti i diritti di Copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita a termini di legge Finito di realizzare il 13 febbraio

3 Il romanzo del Sei nazioni La nazionale di rugby e le sue avventure nel torneo più bello del mondo L ovale azzurro a cura di Fabrizio Zupo 3

4 4

5 A Piero Rinaldi, compagno di lunghi viaggi rugbistici e fotoreporter. Questo libro è dedicato a Piero Rinaldi, scomparso a Padova il 4 febbraio all'età di 65 anni, da oltre 40 anni fotografo di cronaca con la sua agenzia Candid Camera per quotidiani e fedele documentatore di rugby per diversi quotidiani veneti, riviste specializzate e libri. Rinaldi ha seguito quattro coppe del mondo di rugby a partire dalla prima edizione nel 1987 in Nuovo Zelanda, oltre a mondiali under 20 e universitari, e per tre decenni la nazionale italiana di rugby nei test in Italia e in tour in Europa e nel mondo. Dal 2000 ha seguito il torneo delle Sei nazioni. È tra i fondatori del club ad inviti del XV della Colonna di Padova, selezione veneta che ha incontrato i maggiori club continentali sino a sfidare gli All Blacks di John Kirwan nel (f.z.) 5

6 6

7 INTRODUZIONE Un torneo che profuma di rito di Stefano Tamburini N on c è niente al mondo, in nessun altro sport, che somigli a questo Torneo delle Sei nazioni, nato come Quattro nazioni nel lontano E certo non solo perché questo sia il torneo più antico. C è qualcosa di speciale, di magico appunto di unico in questa serie di 15 partite giocate da 15 giocatori contro 15 che si gioca una volta all anno in un tempo relativamente ristretto, un mese e mezzo. Questo sport ha ovviamente la sua massima espressione nel Mondiale perché inspiegabilmente non trova spazio alle Olimpiadi ma in Europa non c è altro che tenga: è il Sei nazioni che regala il trofeo più ambito. Si gioca da 131 anni ed è stato iniziale accademia britannica, con i francesi aggiunti nel 1910 e gli azzurri solo nel Gli altri vengono considerati, e certamente lo sono, non degni di esserci. Ma per capire quanto sia difficile e quanto sia particolare questo torneo, i francesi hanno dovuto attendere 49 prima di vincerlo. E gli azzurri ancora non sanno quando potranno realmente ambire a farlo. Eppure, dai timori iniziali per non riuscire a riempire lo stadio Flaminio, adesso siamo comunque al tutto esaurito o quasi dello stadio Olimpico. Questo Sei nazioni per il rugby, qui in Italia, è un po come l attività di un grande tenore come Luciano Pavarotti per la lirica. Il personaggio che diffonde la musica alta e la porta fuori dal ristretto cerchio dei melomani qui è rappresentato dal torneo dalla formula magica: entrambi avvicinano, attraggono persone nuove. E dallo scambio tutti ci guadagnano: il rugby, che accresce la propria popolarità; quelli che si avvicinano perché lo spettacolo, rare eccezioni a parte, è sempre qualcosa di speciale. Certo, ci sono quelli che storcono il naso, che pensano che 7

8 siccome questo torneo non possiamo e forse non potremo vincerlo mai o chissà quando, allora è inutile partecipare. Sciocchezze, certo, ma son sempre parole al vento che girano. Pesano poco ma danno fastidio: nessuno si sogna di mettere in dubbio la partecipazione del Costa Rica al Mondiale di calcio, di sicuro si sa che non potrà mai vincerlo, però ci va. E come, se ci va. Lo sport e il rugby in questo è molto avanti dovrebbe essere una scuola di vita ancor prima che una scuola di tecnica. Si sa che dall altra parte c è un avversario ma non un nemico, e che più è forte e più potrà aiutare a migliorarti. E poi, non nascondiamolo, molti che erano ossessionati dalle immagini di violenza gratuita regalate dal calcio si sono appassionati a questi atleti che non si risparmiano colpi duri ma onesti può sembrare una contraddizione ma certo non lo è e che animano partite che in realtà sono battaglie. E si sono appassionati anche alla pace che anima il pubblico: avversari che seguono insieme la partita, che prima, durante e dopo bevono alla salute di vinti e vincitori. Così, questa magia che sembra quasi un rito, con passione crescente, è arrivata al quindicesimo anno con gli azzurri. Il collega Fabrizio Zupo ha scritto la storia dei primi 13 tornei che trovate in questo volume e ha dato un decisivo contributo a raccontare quella del 14esimo. Qui Zupo non vi farà vedere solo le imprese sportive e gli aspetti tecnici ma anche e soprattutto l aspetto umano; prima nell inseguimento a questa partecipazione, all ammissione al salotto buono; e poi anche nella ricerca dei migliori risultati possibili. Ci sono stati momenti buoni e momenti meno buoni, fino alle grandi gioie del 2007 e, soprattutto, del Al torneo 2013 quello dello scorso anno, appunto il 14esimo abbiamo dedicato un ebook a parte, perché è un ricordo fresco e necessitava più di una raccolta di ritagli di cronaca che di un racconto storico. Possiamo comunque dire che nella grande storia del torneo più antico del mondo, c è un piccolo romanzo che può appassionare, quello della partecipazione italiana al Sei nazioni. Abbiamo chiamato L Ovale azzurro questo volume elettronico, per rappresentare qualcosa che prima non c era 8

9 almeno in questa forma e sostanza e che adesso invece è solida realtà. Anzi, dallo scorso anno, come recita il titolo dell altro ebook ( Cenerentola non abita più qui ), gli azzurri non sembrano più gli ultimi arrivati. Cosa accadrà da qui in avanti ce lo dirà il resto del romanzo. Intanto godiamoci questa prima parte della storia, comunque una bella storia. 9

10 10

11 PRIMA PARTE Il biennio d oro della Nazionale 11

12 FRANCESCO COCO MAZZARIOL FESTEGGIA FRA IL PUBBLICO SUBITO DOPO LA VITTORIA A GRENOBLE SULLA FRANCIA (32-40) IL 22 MARZO 1997 A GRENOBLE 12

13 L exploit di Grenoble che apre le porte del Cinque nazioni di Fabrizio Zupo Sono già passati 19 anni dall inizio dell era Pro nel Rugby a 15 nata, dopo 172 anni di dilettantismo, nell estate del 1995 un paio di mesi dopo la chiusura del Mondiale in Sudafrica, quello di Mandela o di Invictus come viene ricordato dopo il film di Clint Eastwood. Il rugby in Italia è semidilettantistico fuorché per l eccellenza di due club: il Milan con Diego Dominguez e il Benetton Treviso con campioni indimenticabili come Ivan Francescato. Due vette, due franchigie ante litteram, il corpo stesso della Nazionale azzurra. Lì finiscono tutti i talenti d Italia che George Coste, il ct della svolta rimasto in sella dal 1993 al 1999, indica come possibili talenti azzurri. Fra rimborsi della Federazione e gli stipendi dei club, chi entra in questo giro può per la prima volta scrivere sulla carta d identità: professione rugbista. E per un breve lasso di tempo la forbice fra l élite azzurra e i colleghi europei è chiusa, per piccoli tratti aperta a vantaggio dei rugbisti nostrani (parliamo di un gruppo di 30/40 atleti). Un superclub con cui Coste miete vittime nel biennio costringendo le Union a correre ai ripari. Se per Francia e Inghilterra la risposta sta semplicemente nel correggere le formule dei propri campionati (il Top 14 e soprattutto la Premiere League), lasciando che il libero mercato e la concorrenza faccia il resto (per la prima volta i professionisti dell altro codice, il rugby league a XIII, sono attratti dal rugby Union a 15 e non viceversa come in sempre in precedenza, in un secolo esatto dalla scissione del 1895), le federazioni celtiche Galles, Irlanda e Scozia non hanno singolarmente la "massa critica" per produrre quell appeal economico e pubblicitario per finanziare lo sport di alto livello. 13

14 Finché non decidono raggruppare le forze e moltiplicare i bacini pubblicitari unendosi in quella Celtic League che porterà le franchigie a vincere molte edizioni di coppe europee e le loro nazionali a emergere nel nuovo Sei nazioni. Il Caso emblematico nei nostri confronti è rappresentato dall Irlanda che dalla batosta a Dublino del 1998 di cui faremo cenno, non ha più perso contro l Italia sino alla primavera scorsa (quindici lunghi anni). Ma prima che la forbice del divario si riaprisse a nostro svantaggio, gli azzurri hanno saputo approfittare della congiuntura e dare una spallata al portone del torneo sportivo più antico al mondo. Battere nell arco di un biennio Scozia, Irlanda (due volte) e Francia reduce da una settimana dal Grande Slam del Cinque nazioni non poteva essere un risultato da poter eludere. Il nostro Cinque nazioni ombra aveva cambiato gli equilibri e ai primi del 1998 arriva il sì dal summit di Parigi e apre il cantiere del Sei nazioni. Ma andiamo con ordine Dapprima i risultati. Quelli positivi, stringendo in campo europeo, perché nei confronti novembrini con le potenze dell emisfero Sud si subiscono sonore batoste. Lì il professionismo con il suo Tri Nations e il Super Twelve per le province ha messo il turbo a un primato che si perde nella storia di questo sport. Il 95 si apre con una sconfitta di misura (18-16) a Perth in Scozia, poi si vince a Treviso contro l Irlanda (22-12), al Mondiale registriamo la minor sconfitta di sempre (sino ad allora) contro gli inglesi (27-20) e c è la vittoria pur contestata (Dominguez chiama palla in spagnolo e segna al 77 ) sull Argentina per Nel 1996 siamo sotto di 5 punti a Cardiff (31-26) con il Galles e perdiamo la rivincita a Roma di 9 (22-31). Ma dal 4 gennaio 1997 al 24 gennaio 1998 inizia un altra storia: Irlanda battuta a Dublino per 29-37, il 22 marzo a Grenoble cade la Francia stellare di Villepreux per (si tratta della finale 14

15 del Fira, dove i galletti arrivano con la formazione maggiore), si pareggia con l Argentina e si strapazza la Romania, perdiamo la rivincita in Coppa Latina contro i bleus, ma dicembre infliggiamo a Bologna un all Irlanda e a gennaio è contro la Scozia. La serie si interrompe sotto di tre punti a Lanelli contro il Galles (23-20). La decisione però è presa. A Parigi le cinque federazioni più forti accolgono l Italia e indicano il 2000 come data di partenza. Grenoble 22 marzo 1997 La crescita dell Italia è preannunciata nelle sfide natalizie a cavallo dell anno. Sono il segno di una svolta mentale. Il gruppo azzurro di Massimo Giovanelli acquisisce il software della vittoria che ti indica una via da seguire, quando prima in genere cedevi. La differenza fra vittoria e onorevole sconfitta è piccola ma il salto da fare è lunghissimo. È una mentalità che salva quando le due squadre vanno in riserva fisica e solo la testa ti permette di essere lucido, continuare a fare sempre lo stesso gesto, arrivare a placcare, non buttare via i palloni, non entrare nel panico. Dal canto suo Coste usa delle tecniche allora ancora in fase embrionale nel rugby: acquisisce i videotape degli avversari e studia tutto, dal nome delle preziose giocate in touche, agli schemi più frequenti utilizzati in attacco. Gli azzurri sanno dove e come colpire. La vittoria è fatta di questi dettagli e oggi il videoanalist è una professione. A dicembre 1996 gli scozzesi guidati dalla coppia Redpath e Chalmers, aprono il salotto buono di Murrayfield (prima si giocava altrove) e i ragazzi di Coste (nella famiglia s è inserito da poco Walter Cristofoletto, 32 anni trevigiano, già un anziano per la serie A) li trafiggono 29-22, in una giornata che segna anche il ritorno di Marcello Cuttitta. Passa il Natale e due settimane dopo, il 4 gennaio, a Dublino il nuovo colpo. Grazie a Stoica (un rumeno emigrato da bambino in Italia con la famiglia) un centro alto e grosso come una seconda linea, un vero ariete che spiana la strada fra i trequarti, il nostro reparto arretrato (la cavalleria) va in paradiso con una 15

16 doppietta di Vaccari e mete di Dominguez e Maus Cuttitta. L Irlanda va sotto per L anno inizia nel migliore dei modi è sta per cambiare il destino dell Italia facendola saltare in corsa sul treno del Sei nazioni che chissà quando mai sarebbe ripassato. La primavera si apre con questa partita che, come tutte le sfide fra Italia e Francia è valida per il campionato Fira: da qualche edizione di svolge su base biennale. Quella di Grenoble è la finale di Coppa Europa e per la prima volta mette di fronte la più forte del Cinque nazioni e l emergente del Fira, considerata una serie B europea. Per i ct Villepreux e Skrelà, la partita viene presa come una passerella dei Bleus. Allo stadio viene distribuita una spilletta artigianale, con la foto dei campioni e la scritta grand chelem (grande slam in francese) centrato la settimana prima. Diciamo che sotto le Alpi si deve svolgere una celebrazione e gli azzurri sono degni solo di essere dei coinvitati, dei simpatici emergenti con cui festeggiare, buoni solo nel ruolo di sconfitti predestinati. Ma siamo a Grenoble come dice un detto popolare Ne parlez moi de Grenoble che sarà pure il titolo con cui Tf1 darà la notizia della sconfitta. Mentre in Italia il Tg1 apre i titoli con la vittoria ed è questa la vera notizia. Grenoble città di forte emigrazione italiana, la prima destinazione una volta scavalcate le Alpi. Qui è cresciuto il mito di Sergio Lanfranchi (con Zani i primi azzurri in trasferta) che nel 1954 portò il Grenoble a vincere il campionato. Qui nel 1963 gli azzurri di Lanfranchi e Levorato hanno sfiorato l unico successo sulla Francia vera per Giovanelli respira quest orgoglio italiano nella settimana di raduno e la restituisce ai compagni con un discorso dei suoi. Solo l amico Villepreux ex ct azzurro e consigliere della Fir per l ingaggio di Coste non si fida e, parlando della scelta della data la definisce Un capello nella minestra. Otto dei suoi15 titolari sono in giro per il mondo, chi con la nazionale Seven a Hong Kong come Benazzi però sostituito da Fabien Pelous, mentre rientrano due fuoriclasse come Saint-Andrè e Benetton. 16

17 IVAN FRANCESCATO 17

18 La partita La formazione azzurra (che patisce i problemi fisici di Problemi fisici per Stoica e Arancio) vede Pertile estremo, Vaccari e Marcello Cuttitta alle ali, Bordon e Francescato ai centri, Dominguez e Troncon in mediana, Gardner, Sgorlon e Giovanelli in terza, Croci e Cristofoletto in seconda, Properzi, Orlandi e Maus Cuttitta in prima linea. Poi entreranno Mazzariol e Guidi. La Francia scende con Sadourny; Ougier, Bondouy, Delaigue, Saint Andrè; Aucagne, Accocebery; Pelousc (capitano), Costes e Benetton; Miorin e Merle detto l uomo e mezzo tanto è grosso; Tournaire, Dal Maso, De Rougemont. C è il sole ma il clima è decisamente rigido, l aria è tersa e si vedono nitide le cime innevate delle Alpi. Il ricordo di quella partita è quella di un sentimento di incredulità, l idea che la consuetudine porti i francesi a vincere solo accelerando un po, dopo il primo colpo a freddo degli azzurri con Francescato che ci porta in vantaggio e nonostante alla pausa l Italia stia ancora conducendo Invece la Francia si incarta e l Italia cresce è dà continuità: difesa impenetrabile, pressione, lotta su tutti i palloni e gioco a viso aperto. La partita era iniziata con l affondo di quaranta metri di Francescato. Uno sprint che gli costerà uno stiramento e la sostituzione. Poi la prova di forza dei francesi col pack e i nostri avanti che prendono una meta tecnica per ripetuti crolli in mischia. Siamo sul 7-7 poi a forza di calci andiamo sotto di misura: Invece c è un gesto che va contro alla regola base di fare punti quando si deve, specialmente con i piazzati: non importa a quanti metri sei dalla meta. Ed è la svolta. Il mediano di mischia Troncon rinuncia al piazzato del pareggio, per partire alla mano e lanciare il pack oltre alla linea: a toccare in meta è Gardner (italo-australiano) per il Alla pausa, in tribuna stampa è tutto un guardarsi senza azzardare pronostici. E al rientro delle squadre i francesi ci mettono poco a ristabilire la gerarchia e pareggiano Sembra il loro momento e invece è il canto del cigno. La svolta si chiama Giambattista Croci che imposta l azione partendo dai nostri 22 18

19 e, 80 metri dopo, in cui la palla ha viaggiato fra le mani di cinque azzurri, va nuovamente in sostegno a riprendersi l ovale su passaggio di Marcello Cuttitta. Un azione da antologia. Loro non si riprendono più. Ci si mette anche Delaigue a sbagliare: recupera palla spezzando un azione travolgente di Vaccari e Cocco Mazzariol, ma fa un calcio di liberazione che porta l ovale nelle braccia di Gardner. L italo-australiano si trova a meta campo, pare esitare, poi inizia la corsa accelerando sempre di più, facendo lo slalom tra i francesi e chi non si sposta viene abbattuto. Una corsa inarrestabile fino alla meta. L Italia è sul tetto d Europa: per una volta quello del Fira è molto più alto di quello del Cinque nazioni. Nessuna squadra europea aveva inflitto 40 punti alla Francia dal lontano E questo dà la misura di tutto. La festa in campo e in spogliatoio Organizzazione francese paralizzata, i preparativi della festa tenuti in magazzino. Il campo è tutto dei tifosi italiani che sommergono la squadra, Giovanelli in trionfo portato a spalla dai compagni. Nello spogliatoio Troncon è sul lettino a farsi ricucire un arcata sopracciliare (il numero dei punti ricevuti in faccia durante la sua carriera è un record). E in una cerimonia improvvisata a Dominguez viene consegnata una statuetta: non esiste ancora il man of the match e gli sponsor hanno creato questo Talent d or : Questo è per tutta la squadra dice il mediano d apertura. Giovanelli è distrutto, accovacciato su una panca, a torso nudo. La sua maglia numero 6 è sparita, non ha più la casacca della miglior partita della sua vita. Coste cerca di blandirlo ma il capitano è furibondo. Mi hanno fregato la maglia. Lo sai dice all allenatore cosa significa per me. Coste annuisce. In realtà la maglia numero 6 è stata recuperata da un compagno, perché nella confusione non andasse persa. Il banchetto della Nazionale si tiene nell hotel dove gli azzurri sono ospitati e fuori ci sono i tifosi con grigliate improvvisate sulle aiuole e che li aspettano. È una festa infinita. La celebrazione di un avvenimento invisibile (la Rai vi aveva 19

20 rinunciato) si va consumando così fra bicchieri di prosecco e carne di porco ai ferri. Il giorno dopo su L Equipe una grande vignetta in prima pagina mostra un giocatore con una maglia tricolore bussare a un grande portone con su scritto Torneo delle Sei nazioni. Henri Bru, la prima firma del giornale, va oltre: stila la classifica, prendendo i risultati dell Italia contro le altre cinque Union, partendo dalla debacle autunnale contro l Inghilterra alle due vittorie di serie contro Scozia e Irlanda. Punti in più o punti in meno, l Italia arriva quarta. Anche David Hands del Times fa lo stesso calcolo e punta tutto sull analisi della classifica: l Italia è terza a pari punti. Se l Italia avesse giocato regolarmente con tutti con tre vittorie, allora la Francia sarebbe arrivata seconda scavalcata fatalità dall Inghilterra. Il costo della storia Tre milioni di lire per la vittoria (circa euro), altri tre perché si giocava in trasferta: sei in tutto come premio partita. Più altri cinque milioni fra indennità convocazione e raduno. Ogni azzurro per Grenoble intascherà 11 milioni (5.680 euro). Saranno 289 (140mila euro) nel totale quelli spesi dalla Fir per Grenoble. Va ricordato come la federazione di allora non godeva degli introiti del Sei nazioni ma solo di quelli del Coni: aveva un bilancio modesto e in quel momento ha anche un buco di 700 milioni. Il superclub ha i suoi costi: le convocazioni per il raduno valgono mille euro per ogni azzurro, per la presenza a referto. Ai 22 giocatori di prima fascia spettano poi 30 milioni di lire l anno (15 mila euro circa), ai 18 di seconda la metà: euro. Georges Coste trova subito l accordo per il contratto triennale sino al 2000, 250 milioni a stagione anche se poi la sua avventura azzurra finirà nell estate del 1999, durante il tour premondiale in Sudafrica dopo un forte contrasto con i senatori della Nazionale. L anno si chiude ribattendo l Irlanda e la telefonata dall Europa. L Irlanda affonda per la seconda volta. L anno finisce come era iniziato: in gennaio al Lansdowne Roads gli azzurri s erano imposti per 37-29, il 20 dicembre lo score migliora fissandosi sul 20

21 37-22 con le mete di Pilat e Stoica e 27 punti di Dominguez (fra piazzati e una meta). Si chiude un anno spettacolare di svolta, l Italia si vede proiettata alla pari delle Nazionali celtiche, sotto solo a Inghilterra e Francia. Il responso del campo è quello. E a giorni a Natale alla Fir arriva una telefonata di Vernon Pugh dell International Board: l Italia ha venti giorni di tempo per presentare un dossier che accompagni la richiesta di accedere al club più esclusivo d Europa. Parigi 16 gennaio 1998: addio Cinque nazioni Il 16 gennaio nella sede della federazione francese, il presidente della Fir Giancarlo Dondi con il suo dossier supera l esame quasi a pieni voti: quattro sì su cinque, gli inglesi si astengono ma non possono evitare l ingresso italiano. Un evento che ha cambiato tutto. Dal bilancio con il buco di 700 milioni lire, la Fir oggi gestisce (nonostante la crisi e i primi segni di una crescita che s è fermata) un budget di oltre 40 milioni di euro. Gli allora dubbi dell International Board non riguardano la Nazionale ma la capacità di organizzare l evento, l interesse nei media e nel pubblico italiano. Intanto una settimana dopo la grande notizia, a Treviso col Monigo stipato da diecimila e passa tifosi, si batte una Scozia super, quella che nel giro di un anno farà il Grande slam. Un match in cui ci tiene a galla il piede di Dominguez e che poi rischiamo di perdere, concedendo due mete per intercetto. Il furore del pubblico accende la mischia che sbatte sulla difesa ospite con il punteggio di bloccato sino a una manciata di minuti dalla fine quando si apre un varco per Troncon. Meta. Poi l arbitro ci ripensa, annulla e punisce un pugno di Castellani. Lì Giovannelli confeziona una delle sue frasi storiche, in cerchio con i compagni: «Adesso ne facciamo un altra» e così avviene, nel giro di un minuto, griffata Paolino Vaccari e trasformata da Diego. Inizia così il conto alla rovescia per l approdo allo stadio Flaminio sede iniziale del torneo delle Sei nazioni. 21

22 DIEGO DOMINGUEZ 22

23 2000 Il debutto azzurro ed è subito vittoria di Fabrizio Zupo Come ci si prepara per il sogno di tutti i rugbisti? L Italia del rugby ci arriva nel peggiore dei modi. Il 1999 è l anno orribile dell ovale azzurro. Iniziato con la morte di Ivan Francescato a gennaio: 32 anni, il miglior talento del gruppo. Da sempre. Perché se Dominguez è diventato forte con la tenacia di un Wilkinson, se Troncon è stato coltivato da giovane e ha avuto lo spazio in mediana (togliendolo proprio a Francescato), Ivan è sempre stato forte. Da ragazzino, quando le star erano i fratelli maggiori (Nello, Bruno, Rino a cui assomiglia per velocità), con la società dei talenti Tarvisium che porta in serie A, forte nonostante la pausa di un lavoro come quello a un distributore di benzina, istintivo nelle finte, rapido nelle scelte giuste, dribblatore di avversari se nel rugby non fosse quasi una bestemmia. Finché un giorno del 1990 qualcuno consigliò al ct Fourcade di provare quel ragazzo già stufo di giocare alla mediana, assieme agli altri candidati per il mondiale e, con una sola esibizione all Appiani di Padova, il delirio del pubblico, Francescato stacco il biglietto per l azzurro che non mollò mai più. La sua meta agli Usa al Mondiale 1991 fu trasmessa per settimane alla Bbc. Non fu premiata perché l Italia non passò ai quarti. Storia vecchia. La sua ultima partita fu col Sudafrica qualche mese dopo l impresa di Grenoble. Un guaio muscolare lo tenne fermo quasi un anno e una sera, dopo un cinema con la fidanzata, crollò nel corridoio di casa. Il fratello Nello, medico in ospedale, fu quello che tentò di rianimarlo. La tragedia di Ivan toccò tutta al sua generazione azzurra, quella famiglia di Coste e capitan Giovanelli che, dopo sei anni mitici, stava per disgregarsi. Un litigio durante il tour estivo e il gruppo che aveva guadagnato il Sei nazioni non c era più. Via Coste dentro il vice, l aquilano Massimo Mascioletti, per 23

24 traghettare gli azzurri al mondiale in Galles. Ma anche lì un tonfo. Si perdono tutte le partite e non era mai successo, battuti anche da Tonga allora veramente fatta da dilettanti (l isola conta 100 mila abitanti). E allora via anche Mascioletti e dopo lustri di guida francese (Villepreux, Fourcade, Coste) il presidente Dondi decide di puntare alla Nuova Zelanda vagliando come candidati: Wayne Smith (ex All Blacks già in Italia come giocatore-allenatore), John Boe (anche lui in Italia) e Brad Johnstone (ex pilone del tour del 1978 che fece tappa a Padova, ex allenatore dell Aquila) fresco ct delle Fiji che al citato Mondiale aveva portato i forti ma disordinati isolani agli spareggi per i quarti. Basta guardare i numeri del 1999, quello del 70 anniversario della Federazione italiana rugby, per capire i termini della frana: nei dodici mesi che separano dall esordio al Sei nazioni l Italia gioca dodici volte e vince due, contro le deboli Spagna e Uruguay. Si perde con cadenza mensile con medie di punti per volta e doppia punta di 101. È una escalation da gennaio a ottobre. Si affonda contro Francia (24-49), Scozia (30-12), Galles (21-60), Irlanda (39-30), Sudafrica due volte (74-3 e 101-0), Fiji (32-50) e poi al Mondiale con Inghilterra (67-7), Tonga (25-28) e All Blacks (101-3). Gli azzurri di Giovanelli, in virtù del recente passato, strappano contratti all estero e alla Federazione, ma la squadra non c è più. E neppure i sentimenti che avevano cementato la famiglia per cui si arriverà all ammutinamento. A due mesi dal debutto, nuovo coach, nuovo capitano, publico e dettagli organizzativi. La carta che Dondi pesca dal mazzo è Brad Johnstone. John Boe è in lizza per altri orizzonti, Smith sa già che dopo la debacle degli All Blacks al Mondiale (buttati fuori in una mitica semifinale a Twickenham che vede i tuttoneri crollare nella ripresa sino a buscare 43 punti, mai successo nella storia) toccherà a lui entrare nella cabina di comando. Ma avverte: «Brad non sa l italiano e voi il suo modo di giocare non piacerà». Sarà buon profeta, ma un miracolo sta per accadere. 24

25 Intanto la Scozia la prima avversaria in calendario per l Italia si laurea vincitrice con tanto di Grande Slam dell ultimo Torneo delle Cinque nazioni, quello che generazioni di rugbisti italiani hanno imparato ad amare grazie alle immagini della Bbc con il commento Rai di Paolo Rosi. Per la sede italiana del torneo si innesca un dibattito, molti lo vorrebbero in Veneto dove il pubblico riempie sempre gli spalti ma la tradizione è per la capitale dove il pubblico è caldo ma inizialmente scarso. Gli ottantamila all Olimpico si vedranno solo nel La questione del Flaminio come casa del Sei nazioni ha tenuto banco anni, l ipotesi veneta era stata scartata prima delle altre, quella di Genova ha resistito. Un po è sembrata una strategia per rafforzare la sede naturale di Roma, ottenere dagli enti locali un aiuto maggiore. Si scarta anche Bologna che aveva raccolto molto pubblico per la sua posizione al centro dei principali bacini rugbistici. La Fir spera che il pubblico del nord, veneto e lombardo, si sposti volentieri a Roma. E così avviene. Ogni anno, essendo cinque le sfide dell Italia, se ne giocheranno due o tre in casa. Il tutto esaurito c è alla prima partita con la Scozia e poi contro l Inghilterra. Ma dopo la prima vittoria si infileranno solo sconfitte per ben tre edizioni. Al Flaminio l anno dopo si vedranno spesso dei buchi. Incredibile che la stampa di Roma inizi ad accusare il nord di boicottaggio. Senza minimamente pensare che per un tifoso, spesso con famiglia a carico, quella trasferta a Roma (viaggio, albergo, vitto e prezzo del biglietto, per due o per tre) costi molto cara. A nessuno viene in mente che con un po di promozione qualsiasi, in un città da milioni di abitanti, 10-12mila biglietti sui 24miladi capienza dello stadio (gli altri 10mila vengono regolarmente acquistati dagli ospiti) dovrebbero bruciarsi in un attimo. Diecimila persone dovrebbero semplicemente cascarci dentro al Flaminio. Arrivandoci in tram. Spiegare con un esercizio dietrologico l insuccesso di un evento, è una forma paranoica di chi doveva organizzare o provvedere per il meglio. Non c è altro da dire. Lo stadio Flaminio comincerà invece a essere stretto dal 2008 quando, dopo il boom di Bergamasco e compagni nel 2007, la moda del rugby costringerà a raddoppiare quasi i posti costruendo 25

26 sopra gli spalti vincolati dalla Sovrintendenza ai Beni architettonici una struttura smontabile in tubi innocenti. Ma tornando a quel giorno del debutto non c è un manifesto in tutta Roma che ricordi l evento, in compenso ce ne sono a pacchi arrolati e buttati nelle sala stampa ricavata sotto la tribuna centrale. C è la grande novità di un sponsor per la prima volta sulle maglie azzurre (un gruppo farmaceutico) che finirà in eurovisione per qualcosa come 700 milioni di lire di allora (al cambio, poco più di 361mila euro). Tutti gli spazi del campo sono invece occupati da pubblicità inglesi: la partita viene mostrata in diretta dalla Bbc. Come spiegherà Dondi, l entrata in corsa del torneo non poteva far saltare contratti ancora aperti. L Italia per le prime due edizioni dovrà arrangiarsi: l incasso del botteghino è una delle voci maggiori. Il Sei nazioni comincerà a versare soldi nelle casse azzurre dal L arrivo dell Italia non ha sconvolto il meccanismo del calendario uguale da oltre 100 anni e non è difficile calcolare quali siano le partite fra altri cento. Gli azzurri giocheranno sempre le due partite fuori casa con Inghilterra e Scozia come nel 2000 e l anno dopo tre contro Irlanda, Francia e Galles come nel 2001 e come quest anno. Il gruppo è al suo canto del cigno ma Brad Johnstone non cambia molto: specie in mischia. Il suo gioco ha bisogno di gente affiatata. Con il samoano Vaea come assistente e Mark Harvey, una sorta di sergente di ferro, come preparatore atletico, introduce l approccio neozelandese al gioco che gli azzurri devono imparare velocemente. Il dogma del rugby del Sud, una delle tre P: pace, possession, progress. Ovvero velocità, possesso e avanzamento. Non mancano volti nuovi ma Johnstone non dà due chanche e il turn over sarà esteso nei tre anni della sua gestione. L esordio del Sei nazioni coincide con il debutto assoluto in azzurro per Aaron Persico da Wellington, e anche per Andrea Gritti (un solo cap per lui quattro anni prima). Fra gli emergenti c è anche il fiorentino Paoletti, mentre nasce la coppia dei fratelli Manuele e Dennis Dallan, e si registra il ritorno di Massimo Cuttitta dopo il forfait mondiale. C è spazio pure per la favola di Marco Rivaro e nel corso del torneo 26

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

L INNOVAZIONE? LEGGERA, ELEGANTE E SENZA CONFINI: STORIA DI FABRIZIO COCCO E DELLA SUA SOFTFOBIA

L INNOVAZIONE? LEGGERA, ELEGANTE E SENZA CONFINI: STORIA DI FABRIZIO COCCO E DELLA SUA SOFTFOBIA L INNOVAZIONE? LEGGERA, ELEGANTE E SENZA CONFINI: STORIA DI FABRIZIO COCCO E DELLA SUA SOFTFOBIA Non so se mi piacciono di più le sue immagini col sigaro o quelle in frac. O quelle in cui è spalmato sul

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli