anno VII febbraio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "anno VII febbraio 2010"

Transcript

1 Mensile dei dipendenti di ENAV SpA - Controllo e sicurezza della navigazione aerea 2 anno VII febbraio 2010 Editoriale Gestione Enav 2008: Giudizio positivo della Corte dei conti Il Ministro Matteoli all ACC di Roma ENAV ottiene la certificazione di Organizzazione di Formazione CISM: a Forlì il 5 Meeting Nazionale Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% DCB - Roma

2 GESTIONE ENAV 2008: GIUDIZIO POSITIVO DELLA CORTE DEI CONTI PUBBLICHIAMO IL COMUNICATO STAMPA DIRAMATO DALLA CORTE DEI CONTI IL 23 FEBBRAIO SCORSO Corte dei conti Sezione control lo Enti Pres. M. Alemanno, Rel. E. Basile. Determinazione n. 8/2010 del 12 febbraio 2010 Relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria ENAV S.p.A. per l esercizio zione con la controllata Techno Sky ed ai positivi risultati di quest ultima; integrazione che ha inciso in modo rilevante sulla performance complessiva non solo in termini di qualità e di efficienza operativa, ma anche di consistente riduzione di costi per ENAV per oltre 20 milioni all anno rispetto al precedente affidamento in outsourcing delle medesime attività. Di assoluto rilievo sono state altresì la costanza e la qualità dei rapporti con le organizzazioni sindacali che hanno determinato per l anno 2008 l assenza di qualsiasi azione di sciopero di carattere nazionale. Nella Relazione la Corte riconosce inoltre come siano proseguiti, anche nel periodo di riferimento, la corretta attività amministrativo-contabile e l equilibrato andamento gestionale degli ultimi anni. L esercizio 2008 si chiude con un utile ante imposte di 35,6 milioni di euro, che, detratte le imposte, determina un utile netto di 23,8 milioni di euro (+ 58,1% rispetto al 2007). Su tale risultato hanno soprattutto inciso: la forte contrazione della domanda di traffico nell ultimo trimestre dell anno, che ha influito sulla crescita della componente ricavi, determinando comunque un risultato a fine esercizio sostanzialmente in linea con quello del 2007; la svalutazione dei crediti per complessivi 17,6 milioni di euro derivanti principalmente 2 L a relazione della Corte dei conti sul controllo eseguito sulla gestione di ENAV S.p.A. conclude, anche per l esercizio 2008, con un giudizio positivo. Nella Relazione al Parlamento la Corte sottolinea come ENAV abbia migliorato ulteriormente la propria efficienza operativa e gestionale, grazie anche all impiego di consistenti risorse finanziarie per garantire, con nuovi investimenti tecnologici, i sempre più elevati standard di sicurezza e di qualità del settore, e ad un attenzione sempre maggiore ai costi ed alla politica tariffaria. Con questa performance ENAV risulta essere attualmente il service provider europeo più efficiente tra i cinque principali fornitori di servizi della navigazione aerea europei. Per il raggiungimento di tali risultati, fondamentali sono stati non soltanto gli ingenti investimenti in tecnologia, ma anche l aumentato dominio dell esercizio tecnico della stessa, grazie alla perfezionata integradalla dichiarazione di insolvenza del Gruppo Alitalia; il minor carico fiscale per 23,5 milioni di euro connesso principalmente al rigiro delle imposte differite iscritte sugli ammortamenti dedotti ai fini fiscali per 18,2 milioni di euro e per la rilevazione delle imposte anticipate su fondi tassati per 4,2 milioni di euro che hanno inciso positivamente sul risultato netto d esercizio; l incremento negativo della gestione finanziaria per 8,3 milioni di euro determinato essenzialmente dai maggiori interessi passivi per 7,2 milioni di euro, come effetto del ricorso al mercato bancario che si è reso necessario in attesa della riscossione dei crediti verso lo Stato collegati alla stipula, non ancora avvenuta, del contratto di servizio con lo Stato. In proposito, come nelle precedenti relazioni, la Corte ha confermato l auspicio che lo Stato, nello spirito di necessaria collaborazione istituzionale, indirizzi la propria azione a sostegno della missione cui ENAV è deputata, provvedendo alla tempestiva erogazione alla Società delle somme concernenti i servizi istituzionalmente resi, i costi connessi ai numerosi nuovi aeroporti militari in transito, nonché i fondamentali (ed onerosi) programmi internazionali di ricerca e di investimento sui sistemi di controllo del traffico aereo nel Cielo Unico Europeo del futuro.

3 IL MINISTRO ALTERO MATTEOLI VISITA IL CENTRO DI CONTROLLO D AREA DI ROMA di Luca Morelli Funzione Relazioni Esterne Comunicazione Interna e Immagine ENAV MATTEOLI: IL PAESE PUÒ CONTARE SU UN AZIENDA DI ALTISSIMO SPESSORE E AFFIDABILITÀ Il vertice di ENAV al completo ha accolto il Ministro delle Infra strut - ture e dei Trasporti, Sen. Altero Mat - teoli, nel corso della visita presso il Centro di Controllo d Area di Roma, accompagnato dal suo Capo Ufficio Stampa, Sebastiano Teramo. Un oc - casio ne molto importante per la Società che raccoglie ancora un consenso dalle istituzioni in un momento difficile per tutto il trasporto aereo. È un grande orgoglio per ENAV presentare questo Centro di Controllo Da sinistra: l Amministratore Delegato ENAV Guido Pugliesi, il Sen. Altero Matteoli, il Direttore Generale ENAV Massimo Garbini, il Presidente ENAV Luigi Martini, il Presidente dell ENAC Vito Riggio all ACC di Roma. d Area, riconosciuto anche all estero per le sue avanzate capacità. Le piattaforme tecnologiche di cui è dotato questo ACC costituiscono, così come quelle delle altre tre strutture omologhe dislocate sul territorio del Paese, un gioiello di tecnologia tutto italiano, ha detto il Presidente, Coman - dante Luigi Martini, nel suo discorso di benvenuto al Ministro. Nel corso dell incontro l Amministra tore Delegato, Guido Pu glie si, ha presentato la struttura operativa ENAV ricordando che: Per il futuro è necessario reperire risorse economiche per migliorare le tecnologie previste dal programma SESAR e per affrontare il passaggio ad ENAV degli aeroporti militari. ENAV ha continuato Pugliesi è solo un anello della catena dell intero sistema del Trasporto aereo ma è necessario che anche gli aeroporti facciano i loro investimenti, solo così potremmo finalmente correlare il nostro sistema del traspor to con il Cielo Unico Europeo. Anche il Direttore Gene rale della Società, Massimo Garbini, ha svolto un ampia presentazione, illustrando le principali attività internazionali per l evoluzione dei sistemi del controllo del traffi - co aereo nelle quali ENAV è direttamen - te coinvolta, SESAR e BLUE MED in particolare. All incontro è intervenuto anche il 3 Il Direttore Generale ENAV Massimo Garbini mostra al Ministro Altero Matteoli alcune fasi del controllo del traffico aereo. Presidente del l ENAC, Vito Riggio, sottolineando la necessità di accelerare velocemente il passo prima che la ripresa di traffico travolga un sistema oggi in ritardo negli investimenti infrastrutturali. La visita è continuata all interno della Sala Radar, cuore pulsante della struttura, dove il Ministro ha potuto osservare direttamente sui monitor dei Controllori in turno, il reale traffico aereo in attraversamento sui cieli italiani. Al termine della visita il Senatore Matteoli ha assicurato il totale appoggio ad ENAV verso il Cielo Unico Europeo, rilasciando la seguente dichiarazione: Ho apprezzato l alta professionalità dei Controllori di Volo e le più avanzate tecnologie che consentono ai nostri aerei civili e militari di solcare i cieli nella massima sicurezza. Ho altresì apprezzato molto i programmi di ENAV che già si pone come protagonista tra i provider europei e non solo nell imminenza dell entrata in vigore del Cielo Unico Europeo. Il governo appoggerà gli sforzi di ENAV in questa fase di evoluzione nella convinzione che ciò serva al Paese che può contare su un azienda di altissimo spessore e affidabilità.

4 L Amministratore Delegato di ENAV Guido Pugliesi riceve il certificato da Alessio Quaranta Direttore Generale di ENAC ENAV OTTIENE LA CERTIFICAZIONE DI ORGANIZZAZIONE DI FORMAZIONE AI FINI DEL SINGLE EUROPEAN SKY di Giuliano Nardini Responsabile settore Qualità Academy ENAV Il 9 febbraio 2010 il Direttore Generale di ENAC, Alessio Quaranta, ha consegnato all Amministratore Delegato di ENAV, Guido Pugliesi, l attestato che certifica la Società, quale Organizzazione di Formazio ne ai fini del Single European Sky. La certificazione riguarda la fornitura del servizio di formazione per allievi e Controllori del Traffi co Aereo che ENAV svolge attraverso la Funzione ANS Training di Academy. Alla cerimonia di consegna erano presenti per ENAV, oltre all AD, Guido Pugliesi, il Direttore Generale Massimo Garbini, il Safety Manager (focal point ENAC/SES) Roberto Di Carlo, il Responsabile di Academy Luciano Sorvillo, il Responsabile Risorse Umane, Sicurezza sul Lavoro e Qualità Umberto Mu setti, il Responsabile dell Area Operativa Massimo Bellizzi, il Responsabile Relazioni Esterne Ales - sandro Di Giacomo, il Responsa bile ANS Training Alberto Valentini, il Responsa - bile Qualità e processi tecnico operativi Florenziano Bettini (focal point per le funzioni della Direzione Generale). Ad accompagnare il DG Alessio Quaranta per ENAC vi erano numerosi dirigenti tra cui: il Direttore Centrale regolazione spazio aereo Gen. di S. A. Valerio Pomponi, il Direttore Certificazione servizi spazio aereo Marco Silanos e i componenti del team di certificazione T.Col. Virginio Berna bei (team leader), T.Col. Dino Senatore e T.Col. Bruno Vescovo. COME SI È ARRIVATI ALLA CERTIFICAZIONE Possiamo affermare che il documento ESARR 5 (ATM Services Personnel) pubblicato da EUROCONTROL nell aprile 2002 rappresenta l avvio del processo di certificazione che si è poi definito attraverso una serie di norme applicative europee e nazionali quali: regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 550/2004, regolamento della Commiss ione europea (CE) n. 2096/2005, direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 2006/23/CE, Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 118, regolamento ENAC per la definizione dei requisiti della licenza comunitaria di Controllore del Traffico Aereo, Linee guida ENAC sui requisiti di riferimento per la certificazione di Academy. Academy ANS Training ha iniziato i lavori propedeutici al raggiungimento di questo obiettivo nel 2006 con la costituzione di un gruppo di lavoro interno che ha modificato, aggiornato e reso conformi agli standard tecnici di riferimento di EURO- CONTROL ( Guidelines for air traffic controller Common Core Content Initial Training ), i principali programmi di formazione esistenti. Contempora nea men te veniva approvato dall A.D. Guido Pugliesi il Regola - mento Didattico ATM & related training che recependo le disposizioni tecniche nazionali ed internazionali rendeva l assetto didattico coerente con le normative di settore. L anno successivo sono state approvate ed emesse dall allora responsabile Academy Mauro Trichilo: l appendice A del citato Regola mento, relativo alla natura e struttura dei corsi e l appendice B, l Albo Istrut tori Academy e il Registro Docenti che disciplinano l impiego professionale del corpo insegnanti. Il 24 gennaio 2008, entro i termini di scadenza fissati da ENAC al 31/01/2008, in uno scenario tecnico-normativo ancora poco ben definito, ENAV ha comunque presentato domanda di certificazione al regolatore. A metà 2008 è stato costituito da ENAC il team di certificazione che ha svolto, come da prassi, un primo esame documentale e successivamente, a giugno 2009, una verifica sul campo (onsite) presso la sede Academy di Forlì. Con - temporaneamen te sono stati esaminati dettagliatamente ed approvati da ENAC i programmi formativi di riferimento. A fine 2009 si sono finalmente compiuti tutti gli atti che hanno portato all emissione del Certificato riconosciuto dalle autorità nazionali di vigilanza dei paesi membri dell Unione Europea. REQUISITI Per ottenere la certificazione ENAV ha dovuto dimostrare di disporre di personale ed attrezzature adeguati e di operare in un ambiente appropriato per l erogazione della formazione necessaria all ottenimento o mantenimento di licenze di studente controllore del traffico aereo e di licenze di controllore del traffico aereo, dimostrando la conformità ai seguenti requisiti: avere un adeguata competenza tecnica ed operativa, nonchè capacità di organizzare corsi di formazione ido- 4 nei ad assicurare che gli studenti soddisfino gli obiettivi della formazione di base (basic training) e della formazione per l abilitazione (rating training) fissati nella pubblicazione tecnica di EUROCONTROL, e che, nel loro futuro ruolo di controllori, siano in grado di gestire il traffico aereo in modo sicuro, efficiente ed ordinato; disporre di una struttura organizzativa efficiente e sufficiente personale dotato di abilitazioni ed esperienza adeguate ad erogare la formazione in conformità alle norme stabilite dal presente regolamento; possedere installazioni, tecnologie, attrezzature e locali appropriati per il tipo di formazione offerta; rendere nota la metodologia utilizzata per stabilire i dettagli relativi al contenuto, l organizzazione e la durata dei corsi, i programmi di formazione, i programmi di addestramento di unità operativa, le modalità organizzative degli esami o delle valutazioni e, per gli esami relativi alla formazione iniziale, anche le abilitazioni che devono essere in possesso degli esaminatori; fornire prova del sistema di gestione della qualità, utilizzato per verificare la conformità e l adeguatezza alle norme dei sistemi e delle procedure che disciplinano i servizi di formazione; dimostrare di disporre di capacità finanziarie sufficienti ed un adeguata copertura assicurativa. CONCLUSIONI Il lavoro svolto congiuntamente in questi anni dal personale di ENAC ed ENAV ha permesso alla Società di diventare la prima Organizzazione di Formazione approvata in ambito nazionale e, nel contempo, ad ENAC di rivestire a pieno titolo il ruolo di Autorità nazionale di regolazione, certificazione, vigilanza e controllo anche per gli aspetti relativi alla formazione dei Controllori del Traffico Aereo. Ciò rappresenta non solo la conclusione di un iter iniziato il 24 gennaio 2008, ma, soprattutto, l avvio di un percorso volto al raggiungimento di livelli d eccellenza nel campo della formazione che vede coinvolta tutta la Società. Questo riconoscimento rappresenta un ulteriore passo verso l europeizzazione e verso l offerta di servizi di formazione a terzi.

5 BLUE MED AVANTI TUTTA CON IL FORTE SVILUPPO DEL PROGETTO MEDITERRANEO ENAV POTENZIA LE SUE STRUTTURE ISTITUENDO LA FUNZIONE FAB BLUE MED di Giovanni Torre Responsabile Funzione FAB BLUE MED ENAV Lo scorso dicembre 2009 ha ufficialmente preso il via il percorso implementativo del Single European Sky 2 (SES2). Questo nuovo pacchetto normativo, rispetto alla precedente versione (SES1) in vigore dal 2004, segna un evoluzione importante verso una fornitura di servizi per la navigazione aerea più integrata a livello regionale, nonché orientata alle performance ed all ottimizzazione dei costi. Tra le misure contenute all interno del SES2, l elemento relativo ai FABs (Functional Airspace Blocks), già presente nella versione del 2004, risulta particolarmente rinforzato nella sua veste di strumento preferenziale per una implementazione efficace ed efficiente del Single European Sky, nei tempi espressi dalla normativa stessa. Le iniziative FAB attualmente in corso di definizione in Europa sono 9 e ad ognuno dei progetti corrisponde un elevata aspettativa degli utenti dei servizi e dell intera comunità ATM, quale rimedio rispetto all elevata frammentazione nella gestione dei servizi del traffico aereo attualmente esistente in Europa. Come diretta risposta alla normativa SES2, Il progetto BLUE MED è l iniziativa FAB che ENAV guida con il ruolo di Project Coordinator, ruolo ufficialmente assegnatole anche dalla Com - missione Europea unitamente ad oltre 2.8 milioni di Euro di finanziamento per la Fase di Definizione attualmente in corso. Il programma BLUE MED ha fin dall inizio manifestato un forte spirito d iniziativa ed un elevata attitudine alla condivisione delle proprie esperienze con gli altri FAB ed i vari stakeholder interessati, anche non europei, circostanza quest ultima che tra l altro caratterizza il FAB Blue Med rispetto alle altre analoghe iniziative. In risposta all elevata complessità dei processi ed al fine di coordinare al meglio le attività relative al FAB BLUE MED, ENAV ha deciso di dotarsi di una struttura apposita che si occuperà di gestire l intero progetto e di facilitare e coordinare l attività di oltre 150 esperti provenienti da set - te paesi dell Area Mediterranea. La Funzione FAB BLUE MED assicurerà la necessaria accelerazione dell implementazione del FAB, facilitando la produzione di tutte le evidenze da sottoporre al vaglio dei decision-maker nazionali, come previsto alla chiusura della Fase di Definizione. 5 La creazione della Funzione FAB BLUE MED, all interno della visione per un sistema integrato di gestione del traffico aereo, armonizzato e complessivamente interoperabile, con un focus attento sugli aspetti tecnologici per favorire e assicurare gli sviluppi industriali necessari per l istituzione del FAB, rappresenta una risposta efficace alla sfida lanciata dalla Comu nità Europea per incrementare l efficienza della navigazione aerea, con riduzione dei ritardi e conseguimento di significativi benefici a carattere ambientale ed economico. Tra le opportunità imminenti che la Funzione FAB BLUE MED si occuperà di coordinare per tutto il FAB, in collaborazione con l Area Am ministra - tiva e la Direzione Generale, è la partecipazione di BLUE MED alla Call for Tender TEN-T, lanciata lo scorso 16 Febbraio. BLUE MED concorrerà per l acquisizione di fondi comunitari con l intento di sviluppare la propria fase di implementazione, concentrando i propri sforzi su elementi prioritari per il FAB quali il SYSCO level 1, l ADS-B, la gestione integrata regionale dei piani di volo e l estensione al FAB del backbone dati enet. La costituzione della nuova Funzione FAB BLUE MED è stata accolta con interesse da parte dei diversi attori che compongono il FAB e dagli altri sogget - ti interessati, con i quali la Funzione ha da subito avuto modo di confrontarsi stabilendo un rapporto di cooperazione e fiducia, testimoniando allo stesso tempo la bontà della scelta di costruire un apposita struttura dedicata all istituzione del FAB.

6 CRITICAL INCIDENT STRESS MANAGEMENT A FORLÌ IL 5 MEETING NAZIONALE Il gruppo di Peer che ha partecipato al meeting di Forlì di Plinio Frasca Responsabile Human Factors ENAV 6 Lo scorso mese di febbraio si è svolto presso il Centro di Formazione ENAV di Forli il 5 Meeting Nazionale dei Peer CISM (vedi box). La struttura ENAV che ha ospitato l evento, ha da sempre dimostrato grande interesse per le tematiche CISM, come testimonia anche l inserimento delle stesse nei programmi di formazione. Dopo il saluto ai partecipanti da parte del Responsabile ANS/Training di Academy, Alberto Valentini, l avvio ai lavori è iniziato con una sintesi delle attività CISM 2009 svolte sia a livello nazionale che locale. A livello nazionale, in occasione della conclusione della fase di implementazione del CISM (avvenuta nel mese di novembre 2009 con la formazione dell ultimo gruppo di 19 Peer) si è inteso fare un bilancio delle attività svolte a partire dal 2004, anno in cui fu formato il primo gruppo, fino al 31 dicembre 2009, con la presentazione di una relazione riepilogativa. A livello locale, i Peer hanno riportato sulle attività effettuate nel 2009 sia in termini di informazione e formazione, con l erogazione di conferenze e seminari, che di interventi di supporto effettuati presso i vari enti. Sono state espresse considerazioni in riferimento ai risultati raggiunti e ai possibili miglioramenti da porre in essere, tra queste: la necessità di standardizzare le procedure di attivazione intervento; l esigenza di estendere il programma anche agli AFIS, FISO; il bisogno di avere a disposizione dei riferimenti per eventuale consulenza psicologica. L intervento del Responsabile dell Area Operativa Massimo Bellizzi ha evidenziato quanto i valori dei CTA siano ben rappresentati dai Peer, a questi ha rivolto il ringraziamento per il lavoro svolto. Il tema del miglioramento dei livelli di sicurezza in ENAV è sempre presente. Ne è esempio l istituzione del nuovo settore Human Factors composto da un team multidisciplinare e dove il CISM ha trovato la sua giusta collocazione organizzativa. A testimoniare l interesse e l attenzione del Vertice aziendale per il programma CISM alla riunione è intervenuto anche il Direttore Generale, Massimo Garbini che nel suo intervento ha sottolineato: La promozione della cultura passa anche attraverso l impegno che ciascuno di noi assume. La prima giornata si è conclusa con l aggiornamento professionale, caratterizzato dalla visione di un Role Playing. La discussione plenaria che ne è seguita ha evidenziato importanti elementi sui quali, poi, è stata focalizzata l attenzione. Primi tra tutti l osservazione e l ascolto, indispensabili per l efficacia dell intervento. Sono, inoltre, emersi confronti con le differenti esperienze individuali che hanno contribuito ad ampliare le conoscenze e le possibili modalità di trattamento, sempre nel rispetto del protocollo di intervento, costruendo, così, una maggiore comune consapevolezza. Nel secondo giorno di lavori sono state affrontate le seguenti tematiche: Attività Internazionale ENAV partecipa al gruppo di lavoro istituito in ambito EUROCONTROL, chiamato CISM User Group, che ha come missione quella di agire come piattaforma europea per lo scambio di esperienze e per la promozione dell implementazione, con un approccio armonizzato e standardizzato, del CISM in tutta l area ECAC. Inoltre il gruppo è portatore di proposte per gli affinamenti delle linee guida esistenti ed elabora gli ulteriori sviluppi. Siamo presenti, sin dalla sua costituzione (2006), anche nell Icisf European Office Advisory Group. Scopo principale dell Advisory Group è quello di supportare l ufficio europeo ICISF per la promozione dei programmi CISM e per la creazione di un network di supporto tra pari su base europea. Presentazione Settore Human Factors Il programma CISM è strutturato nel settore Human Factors, disp. Org 37/2010, del quale costituisce uno dei 5 ambiti lavorativi. È stato descritto il programma di attività del settore HF nel suo insieme. In modo più specifico ci si è soffermati sulle attività di mantenimento e sviluppo del programma CISM successive alla fase di implementazione conclusasi a novembre La Resilienza di Gianluigi Gallo (Peer di Bologna) La resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza perdere la propria umanità, trasformando un episodio negativo di vita in opportunità. È una capacità che, derivando dalle nostre esperienze, può essere appresa sia consciamente che inconsciamente. L intervento CISM soprattutto nel rapporto uno a uno o nel piccolo gruppo costituisce anche una forma di apprendimento. Il processo di acquisizione, tramite l esperienza vissuta prima e l intervento del Peer poi, rafforza, rivivendo una esperienza simile, e fortifica in generale. Il Cerchio Blu: un esperienza di supporto tra pari con cui confrontarci di Franco Staccioli (Peer di Firenze) Il Cerchio Blu è il primo progetto italiano per la creazione di un sistema di sostegno psicologico tra pari in Polizia Municipale ideato e creato dal Servizio Prevenzione della Polizia Municipale del Comune di Firenze nel Scopo principale di questa presentazione era quello di mettere in evidenza le differenze e le comunanze con il programma CISM. Le differenze maggiormente riscontrabili sono riferibili alle modalità di formazione ed alla tipologia di causa d intervento; in entrambi gli scenari resta valido il concetto per cui avvenimenti esterni hanno la capacità di influenzare la nostra psiche e questa ha la capacità di metabolizzare, elaborare, trasformare gli effetti degli avvenimenti. Dal punto di vista metodologico, gli interventi condotti dai Peer del Cerchio Blu

7 possono essere paragonati alle modalità dei nostri interventi sia di gruppo che individuali. Entrambi i gruppi dei Peer sono consapevoli che il trauma è solo la punta dell iceberg e che il compito si deve concentrare sui numerosi (e sommersi) eventi minori. Per questo un ambiente che offre supporto, porta valore aggiunto all interno di una cultura organizzativa. Analisi questionari CISM - Roma ACC e Padova ACC Al fine di avere riscontri sul programma CISM sono stati presentati i risultati dei questionari somministrati ai CTA degli ACC di Roma nel maggio 2009 e di Padova nel gennaio (Vedi box con i risultati di Padova ACC). I dati dei questionari sono riferiti al singolo Ente, da qui l idea di estendere l indagine conoscitiva a livello nazionale con coinvolgimento di tutte le sedi territoriali e con la predisposizione di un questionario standard. Conclusione Nella conclusione sono state sintetizzate le tematiche salienti che hanno caratterizzato il 5 meeting nazionale Peer CISM. L aumento di consapevolezza raggiunta dai Peer italiani. Una vera e propria maturazione che ha caratterizzato il dibattito: per la natura degli interventi, per gli approfondimenti richiesti e riportati e per la consistenza delle tematiche trattate. È stato rilevato che, grazie anche alle modalità di approccio dei Peer CISM, si avverte un migliore clima collaborativo come confermato dai questionari. In secondo luogo, l avvenuto riconoscimento organizzativo del programma di intervento CISM, ora inserito strutturalmente all interno del settore Human Factors e dipendente direttamente dal Responsabile dell Area Operativa. Ne scaturisce come conse- guenza la rivisitazione delle varie procedure di attuazione dell intero programma di intervento. In terzo luogo, l argomento della resilienza: cosa è, come funziona e come si accresce. In questi 5 anni di attività Cism abbiamo constatato che a seguito di informazione, formazione e supporto si può contribuire a far aumentare la resilienza organizzativa. Come nota di fondo si riporta che sono emerse nel gruppo dei Peer italiani delle forme di specializzazione: nell erogazione dell informazione, nell elaborazione di questionari, nell utilizzo delle tecniche di intervento, nella trattazione di tematiche specifiche. Diventando adulti, più maturi, si modifica anche il livello delle aspettative che diviene più alto, più esigente e articolato. Il programma di mantenimento e di sviluppo dovrà, quindi, cogliere questi aspetti e partire da una base più elevata. CHE COS E IL CISM Il CISM è un assistenza strutturata che ha lo scopo di moderare l impatto dello stress generato da un evento critico. Ovvero, l evento di qualsiasi tipo (di solito inaspettato) con risvolti emozionali tali da sopraffare le usuali capacità di una persona ad affrontarlo. Ne deriva perdita della sensazione di controllo tale da interferire con le capacità di ottemperare alle proprie funzioni lavorative, sia al momento che in seguito. Il CISM è un programma completo che comprende diversi strumenti di intervento. Aiuta le persone colpite ad affrontare le loro reazioni di stress. È un processo di aiuto attivo immediato, da svolgersi possibilmente entro 72h. Si concretizza come intervento specifico (primo soccorso) concepito per mitigare le risposte emotive, in modo da diminuire la probabilità di consequenziali disordini psicologici. Gli obiettivi del protocollo di intervento CISM sono quelli di: Ridurre le reazioni dello stress da evento critico il più velocemente possibile; Normalizzare l esperienza anomala e le reazioni da essa provocate; Riattivare le funzioni e i processi cognitivi affetti dall evento; Recuperare le abilità per lo svolgimento delle normali attività al più presto. Il programma CISM è rivolto ai CTA, la cui prestazione ha diretto effetto sulla fornitura del servizio di controllo del traffico aereo. Al fine di comprendere meglio le reazioni che si possono provare a seguito di un evento critico, il programma di intervento CISM prevede l impiego di altri colleghi, opportunamente addestrati e certificati, chiamati Peers (Pari). Nel mese di gennaio 2010 è stato proposto al personale CTA di Padova ACC un sondaggio, in forma anonima, volto ad accertare il grado di assimilazione del programma CISM in Sala Operativa. Hanno partecipato 172 su 192 CTA, raggruppati in due fasce di età: 20/35, 98 CTA, colore blu; da 36 anni in su, 78 CTA, colore magenta; totale 168; 4 non hanno risposto alla domanda. La fascia verde esprime il campione totale. Le percentuali sono riferite alle risposte date ad una domanda. 1) Che opinione ti sei fatto in questi anni del CISM? Molto utile utile ininfluente inutile Fino a 35 47,83% 46,74% 5,43% 0,00% Da 36 in su 23,08% 56,41% 19,23% 1,28% TOT 36,47% 51,18% 11,76% 0,59% 2) Se hai avuto un colloquio CISM, esprimi liberamente i tuoi commenti Positivo Non so Negativo Fino a 35 92,31% 0,00% 7,69% Da 36 in su 66,67% 16,67% 16,67% TOT 80,00% 8,00% 12,00% QUESTIONARIO PADOVA ACC 3) Qual è, allo stato attuale la tua percezione circa la AFFIDABILITA dei peers? Positivo Negativo Non so Fino a 35 82,54 3,17 14,29 Da 36 in su 76,67 13,33 10,00 TOT 79,67 8,13 12,20 4) Se, a seguito di un coinvolgimento emotivo per un evento, il CSO\SPV ti proponesse un colloquio con il PEER, tu risponderesti: Si No grazie Non so Fino a 35 65,26% 4,21% 30,53% Da 36 insu 50,00% 9,46% 40,54% TOT 58,58% 6,51% 34,91% 5) Se rispondi SI, per quale ragione? Curiosità Stima verso Male Utile\ Peer non fa Aiuto Fino a 35 4,41% 5,88% 5,88% 83,82% Da 36 in su 2,50% 5,00% 7,50% 85,00% TOT 3,70% 5,56% 6,48% 84,26% 6) Perché secondo te ci si candida a PEER? Visibilità Carriera Professionalizzarsi Fare Corsi Vocazione/Aiutare Non So Varie Fino a 35 3,09% 3,09% 2,06% 0,00% 65,98% 3,09% 22,68% Da 36 in su 10,20% 5,10% 4,08% 6,12% 54,08% 5,10% 15,31% TOT 6,67% 4,10% 3,08% 3,08% 60,00% 4,10% 18,97% 7

8 Rotta IFR a 3000 ft Torino-Venezia SE L ATTICO È CONGESTIONATO PERCHÉ NON SFRUTTIAMO I PIANI BASSI? DA TORINO A VENEZIA: UNA ROTTA IFR A BASSA QUOTA PER ELICOTTERI ATTRAVERSO LA PIANURA PADANA di Roberto Di Carlo Responsabile Funzione Safety,Validazione e Qualità Tecnico-Operativa ENAV Durante la cerimonia di inaugurazione della nuova aerostazione dell aeroporto di Roma Urbe lo scorso gennaio, l AD di ENAV Guido Pugliesi ricordava, in relazione al tipo di scalo, base ideale di un Vertiporto: Proprio di recente ENAV, insieme con ENAC e Agusta- Westland, ha condotto un importante sperimentazione con navigazione satellitare con elicottero tra Torino-Malpensa-Venezia conseguendo risultati positivi e molto incoraggianti in termini di precisione e di scostamento dalla rotta. Ma di cosa si tratta? In altre parole l AD di ENAV faceva riferimento alla positiva sperimentazione in Italia della prima infrastruttura di navigazione IFR (ovviamente ci vogliono anche gli eliporti e i vertiporti che non rientrano però nella competenza di ENAV) a supporto del Volo Verticale (VV), operazioni con elicotteri oggi e convertiplani domani. Perché un apposita infrastruttura? Il VV ha infatti specifiche esigenze e fondamentali differenze rispetto alle operazioni con mezzi ad ala fissa (i tradizionali aeroplani) che comprendono: Dinamica del volo Gli aerei tradizionali atterrano e poi si fermano, mentre gli elicotteri si fermano e poi atterrano. Gli elicotteri possono volare più lentamente, a quote più basse, e sono molto più flessibili in fatto di atterraggi e avvicinamenti con la conseguenza che molte delle regole sviluppate per l ala fissa non sono applicabili agli elicotteri. Ambiente Operativo Gli elicotteri decollano e operano anche da zone fitte di ostacoli e con costrizioni di spazio come elisuperfici su ospedali, eliporti cittadini, aree di atterraggio prossime ad altre modalità di trasporto, ad esempio i treni. Capaci di volare più lentamente risultano più flessibili e consumano meno spazio. Impianti di atterraggio Gli aeroplani atterrano su piste sulle quali la lunghezza di pista strumentale è di ft. Gli elicotteri invece volano verso una superficie di atterraggio di 75 x 75 ft. Quindi le procedure sviluppate per le piste non vanno necessariamente bene per gli elicotteri. Operazioni simultanee non interferenti Gli elicotteri possono volare avvicinamenti simultanei ad eliporti posti in prossimità di aeroporti e atterrare su quest ultimi portando passeggeri senza rallentare gli avvicinamenti degli aeroplani. Quote di crociera Gli elicotteri devono mantenere quote adatte alle loro operazioni (tra i e i ft), quindi tali da non comportare la formazione di ghiaccio e da non imporre una cabina pressurizzata. La proposta di rotta IFR a bassa quota cui si è fatto cenno in apertura è nata nel contesto della mancata differenziazione tra elicottero ed aeroplano a discapito delle specificità operative dell ala rotante. Il processo ha implicato che ENAV individuasse una rotta, traiettoria e profilo verticale, il più possibile svincolata dalla struttura usata dagli aeroplani e mettesse in cantiere la progettazione di procedure di avvicinamento-decollo con guida verticale non interferenti con l ala fissa per aree di atterraggio degli elicotteri localizzate in prossimità di uno scalo aeroportuale. Oltre a progettisti di procedure sono state necessarie molte ore di calcolo concorrente con speciali calcolatori per simulare coperture di radioassistenze e radar, prevedere interferenze elettromagnetiche, elaborare profili digitali del terreno, studiare la geografia ATS, ecc. L attività, frutto di una collaborazione tra ENAC ed ENAV, con il contributo di Agusta- Westland, ed il supporto dell Aeronautica Militare si inserisce nell ambito di varie iniziative finalizzate allo sviluppo del trasporto aereo con elicottero ed è volta alla definizione di una rete di rotte IFR a bassa quota dedicate ai mezzi ad ala rotante. Lo scorso 28 luglio 2009 si è conclusa positivamente la prima fase di sperimentazione mirata alla qualificazione di una rotta IFR a bassa quota per elicotteri che attraversa la Pianura Padana da Torino a Venezia. Tale attività è stata portata a termine utilizzando un elicottero AW139 equipaggiato per rilevare i dati relativi ai segnali di vari sistemi di navigazione. In particolar modo, considerando i previsti sviluppi dei sistemi di navigazione satellitare, sono state verificate l affidabilità e le capacità di navigazione avanzata propria di un elicottero di ultima generazione. La navigazione basata sulle radio assistenze tradizionali è destinata nell arco di pochissimi anni ad essere affiancata da sistemi di navigazione GNSS che utilizzeranno la tecnologia satellitare come sensore primario con vari benefici tra cui una maggiore precisione di navigazione, maggiore flessibilità nella scelta delle rotte e negli avvicinamenti, sorveglianza continuativa delle fasi del volo da parte degli enti ATS. Questa rotta IFR permetterà agli elicotteri, in caso di avverse condizioni meteorologiche, di svincolarsi dall utilizzo della struttura dello spazio aereo IFR classico che normalmente utilizza quote medio-alte (da ft in su) non essendo così più obbligata a salire a livelli che non gli sono congeniali. 8 Come è facile osservare la rotta, attraversando la Pianura Padana in tutta la sua larghezza, incrocia i sentieri di avvicinamento di molti importanti aeroporti civili (Malpensa, Linate, Verona) e militari, ma la quota massima prescritta di ft consente all elicottero il passaggio sotto i sentieri di avvicinamento. Questo ha richiesto che si verificasse durante il volo che gli Enti ATS, fossero in grado di tracciare l elicottero senza soluzione di continuità controllando sia la necessaria copertura radar lungo la rotta sia l elevata precisione di navigazione dell AW139 sull intero percorso di circa 210 miglia nautiche (385 km circa). A titolo di esempio si riportano i grafici di copertura dei radar di Peschiera e Lambro (ovviamente gli estremi della rotta sono coperti da altri radar quali Torino, Bergamo, Verona, Venezia, ecc.) in relazione alla Transpadana. Tale situazione consente un costante monitoraggio degli elicotteri in volo lungo la rotta e una continua visione della situazione di traffico attorno alla rotta. Copertura a 3000, 5000 e 7000 ft radar Peschiera e Lambro Ai fini dell ottimizzazione del sistema complessivo del controllo del traffico aereo si manifesta quindi necessario prevedere specifiche procedure strumentali per i mezzi ad ala rotante e rotte a quote inferiori a quelle degli aerei, specie nelle aree circostanti le principali città, ove i problemi legati al controllo del traffico sono relativamente maggiori: i recenti sviluppi nel campo della navigazione aerea, infatti, permettono il volo strumentale in tutta sicurezza anche a quote più basse delle attuali, garantendo la separazione dei flussi di traffico e, dunque, superando larga parte delle limitazioni e dei vincoli fino ad oggi esistiti. Tornando al discorso dell AD di ENAV si può concludere che la Società è pronta ad impegnarsi in questa ricerca di ulteriore capacità che potrà consentire l impiego di elicotteri idoneamente equipaggiati con le più moderne tecnologie salvaguardando la massima sicurezza del traffico aereo. Con questo ENAV vuole essere in grado di dare sempre una risposta, la sua missione è garantire una sicura distribuzione di uso dello spazio aereo a chiunque lo chieda e, ogni volta possibile, secondo le esigenze espresse.

9 CLEARED NEWS IL PAPA INCONTRA I LAVORATORI DEL TRASPORTO AEREO Lo scorso 20 febbraio, il Pontefice ha incontrato i dipendenti di ENAC ed ENAV, accompagnati in Vaticano dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta, e dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli. All Udienza hanno partecipato anche i dipendenti di molti altri soggetti del trasporto aereo italiano (Compagnie Aeree, Società di Gestione, Industria aeronautica, Agenzie ed Enti diversi, Forze dell Ordine), fino a riempire la Sala Nervi di migliaia di entusiasti fedeli. Durante l Udienza, Papa Benedetto XVI ha sottolineato come i compiti di ENAV e dell Ente Nazionale per l Aviazione Civile siano veramente notevoli nel regolare e controllare il traffico aereo e nel provvedere all efficienza del sistema nazionale dei trasporti. Sua Santità ha anche ringraziato per la collaborazione offerta ai suoi viaggi internazionali e a quelli compiuti da Paolo VI e Giovanni Paolo II: Negli ultimi decenni ha detto anche per il Successore di Pietro, l aereo è diventato un insostituibile strumento di evangelizzazione. Di questo prezioso servizio non posso che ringraziare voi tutti (nella foto il Capo Sala Operativo Mattia Palermo con il Santo Padre). EGNOS AL SAT EXPO EUROPE 2010 ENAV INTERVIENE AL CONVEGNO Si è tenuta a Roma la manifestazione SAT Expo Europe 2010, nell ambito della quale ENAV è intervenuta con la partecipazione alla conferenza dal titolo: Pronti per EGNOS. La manifestazione, che oltre ad essere stata negli ultimi anni il riferimento per i progetti satellitari nell ambito del Mediterraneo, oggi con la partecipazione dell IRSO ( agenzia spaziale Indiana) e della prestigiosa agenzia spaziale statunitense NASA ha raggiunto un ambito di livello internazionale. A rappresentare la Società nella conferenza, è stato il Responsabile dei Sistemi Satellitari ENAV, Giovanni Del Duca che nel suo intervento ha rappresentato il contributo conferito da ENAV in questi ultimi anni nell ambito del progetto EGNOS, mediante l erogazione di ingenti investimenti e di un intensa attività di sperimentazione nell applicazione della gestione del traffico aereo e nelle procedure ATM. Per poter permettere l effettivo utilizzo di EGNOS nella campo ATM ha spiegato Del Duca sarà necessario lo sviluppo di specifiche procedure di volo che riguarderanno gli aeroporti, i quali non avranno bisogno, per le caratteristiche del segnale, di infrastrutture terrestri specifiche. Del Duca, in chiusura del suo intervento, ha posto in risalto come il lavoro svolto in questi anni da ENAV in ambito EGNOS, conferirà maggiore flessibilità nel disegno delle procedure, permettendo avvicinamenti di precisione con risparmio di tempo e carburante,ed avvicinamenti disegnati in maniera da ridurre l impatto acustico nelle aree ad alta densità di popolazione, con evidenti vantaggi economico ambientali, il tutto garantendo sempre l adeguato livello di sicurezza degli spazi aerei. ROADMAP TOWARDS IMPLEMENTING THE SINGLE EUROPEAN SKY ENAV PARTECIPA ALL HIGH LEVEL CONFERENCE DI MADRID Il Direttore Generale di ENAV, Massimo Garbini, ha partecipato a Madrid il febbraio all High Level Conference organizzata dalla Commissione Europea illustrando, nel Panel dedicato alle Performance, la posizione ed i risultati del nostro Service Provider nel contesto implementativo del SES. Il secondo pacchetto Single European Sky ha detto Garbini nel suo intervento di presentazione rappresenta un ulteriore passo verso un sistema 9 del Trasporto Aereo più sicuro, efficiente ed ecologico. ENAV da parte sua ha continuato ancora ha lavorato negli ultimi in totale armonia con i modelli ispirati dalle performance, producendo significativi risultati nel campo operativo e finanziario; l alta qualità del servizio ha concluso il DG è la condizione necessaria per raggiungere veri benefici per la comunità.

10 ALOHA ENAV FLIGHT 1234 DA SAN FRANCISCO AD HONOLULU: CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO SUL PACIFICO di Roberto Di Carlo Responsabile Funzione Safety, Validazione e Qualità Tecnico-Operativa ENAV Cominciamo con uno sguardo generale sui principali sistemi di rotte aeree che interessano l Oceano Pacifico. In pratica tutta l area gialla è competenza degli ACC di Anchorage e di Oakland, è proprio di quest ultimo che ci dobbiamo occupare. Per non essere astrattamente pedagogici, ipotizziamo di essere in California e che ci viene concesso di seguire, dalla sala operativa del centro di controllo di Oakland, il nostro aereo, nominativo di chiamata ENAV Flight 1234, in partenza da San Francisco per Honolulu. Qualche numero per capire il contesto: l estensione dello spazio aereo affidato ad Oakland ACC è approssimativamente di 21.3 milioni di miglia quadrate e confina a nord con la FIR di Anchorage, a ovest con quella di Tokyo, a sud con Auckland e a est con la linea costiera degli USA. In confronto i 20 ACC rimanenti degli USA continentali abbracciano complessivamente grosso modo solo 3 milioni di miglia quadrate. La superficie dell area di servizio di Oakland rappresenta il 9,56% dell intera superficie terrestre; oltre i 2 settori radar sulla costa, il controllo oceanico è costituito da 8 settori procedurali, con un organico di 90 controllori che assistono ca 600 voli al giorno. Nonostante la vastità della zona di servizio, i voli per la maggior parte devono volare lungo strutture di rotte fisse e adottare standard di separazione laterale che si estendono a 100 miglia nautiche, separazione longitudinale di 15 minuti e verticale di ft. Le rotte che interessano il volo ENAV sono le CEP in quanto collegano la costa occidentale degli USA con le Hawaii. I Settori Oceanici 3 (OC-3) e 4 (OC-4) gestiscono il traffico lungo queste rotte. Ecco lo schema organizzativo dell area di servizio dell ACC e la freccia di direzione del nostro volo che ha uno sviluppo di ca nm senza copertura radar e a quote RVSM. PACOTS Pacific Organized Track System. Rotte flessibili generate 2 volte al giorno, a seconda dei venti, tra Nord America e Hawaii verso Asia e Australia. Le PACOTS esistono anche nelle zone NOPAC, CENPAC e SOPAC NOPAC North Pacific Serie di rotte fisse e di transiti che collegano l Alaska all Asia. Usate estensivamente da Est USA a Estrem o Oriente queste rotte possono essere particolarmente lunghe e quindi vulnerabili ai venti contrari GUAM Zona di rotte fisse con un gran numero di incroci. Anche le PACOTS attraversano questa zona contribuendo alla sua complessità. SOPAC Hawaii to South Pacific Misto di rotte fisse e random di grande lunghezza comprendenti anche le PACOTS da Los Angeles a S. Francisco per Auckland e Sidney CEP Central East Pacific Struttura di rotte ad alta densità di traffico composta da rotte mono e bidirezionali USA occidentali e Hawaii. CEPNPAC Central Pacific Sistema di rotte formato dalle PACOTS da Hawaii a Giappone e viceversa, Giappone a Costa Occidentale USA e viceversa. Lunghe tratte e complesse situazioni meteo caratterizzano la zona CENPAC 10

11 Clearance Oceanica (OC) Per stabilire le separazioni è necessario richiedere ed ottenere la Clearance Oceanica. Il nostro aereo è pronto e inizia a rullare verso la posizione attesa della pista. E il momento di coordinare l emissione della clearance; chiamiamo al telefono il settore oceanico di entrata informandolo di quando, dopo il decollo, il nostro aereo prevede di essere sul punto di riporto iniziale della rotta (bisogna stare sul punto entro una finestra di 5 altrimenti si deve chiedere un altra clearance): Richiesta di clearance oceanica per ENAVFLIGHT 1234, FL350, punto SEDAR alle 15:22Z. Settore: ENAVFLIGHT 1234 approvata. Ottenuta la OC, il nostro aereo decolla e si dirige verso la rotta oceanica; passando sui punti di riporto effettua la sua chiamata come segue: ENAVFLIGHT 1234: 1234 è su ZAALE alle 17:15 Zulu, FL360. Stima ZURIC alle 17:55 Zulu, ZIGIE prossimo. Mach point 84, velocità al suolo 510 nodi. Cambio. Settore: ENAVFLIGHT 12:34, San Francisco Radio, copiata la posizione. Avvertite 5 minuti prima di ZURIC. Le separazioni Gli aeromobili devono chiamare frequentemente i settori (viene usato anche il SELCAL nelle aree non coperte da radio VHF) dando i loro rapporti di posizione (attenzione all effetto dei mutevoli venti in quota) sui quali i controllori basano la valutazione di mantenimento delle separazioni. Infatti la cosa più importante per i controllori è verificare che continua ad esserci uno spaziamento di 15 tra 2 successivi aeromobili alla stessa quota in avvicinamento allo stesso punto di riporto. Ma quali sono le tecniche di separazione? La separazione verticale: mantenere gli aerei a quote diverse. La separazione laterale: mantenere gli aerei su rotte diverse. La separazione longitudinale: mantenere 2 successivi aerei sulla stessa rotta e alla stessa quota ad un intervallo di 15 sugli orari stimati di attraversamento di un punto di riporto. Questo obiettivo può essere raggiunto imponendo una limitazione: Settore: ENAVFLIGHT 1234, attraversate ZIBUD a o dopo le 21:04Z ENAVFLIGHT 1234: Riduciamo la velocità per attraversare ZIBUD alle 21:04Z. 11 Al posto della regola dei 15 minuti, quando le velocità degli aerei sono riportate in numero di Mach, si può usare il seguente metodo: Se l aereo 2 è Mach 0.02 più lento del primo, assicurarsi che attraversi il punto di riporto 9 minuti dopo. Se l aereo 2 è Mach 0.03 più lento del primo, assicurarsi che passi 8 minuti dopo. Se l aereo 2 è Mach 0.04 più lento del primo, assicurarsi che passi 7 minuti dopo. Se l aereo 2 è Mach 0.05 più lento del primo, assicurarsi che passi 6 minuti dopo. Se l aereo 2 è Mach 0.06 più lento del primo, assicurarsi che passi 5 minuti dopo. Questa regola è chiamata ad Oakland Regola dell 11 ed è un una mnemonica di quanto abbiamo appena detto: 2+9; 3+8; 4+7; ecc. Nel frattempo il nostro aereo sta per raggiungere il limite dello spazio aereo oceanico: ENAVFLIGHT: San Francisco Radio da Settore: ENAVFLIGHT 1234, avanti ENAVFLIGHT: 1234, avvisiamo che saremo su ZURIC tra 5 minuti. Settore: ENAVFLIGHT 1234, state per lasciare lo spazio aereo di settore. Cambiate con Honolulu sulla frequenza , buona notte. ENAVFLIGHT: Honolulu Control questo è ENAVFLIGHT 1234, buon giorno Honolulu: ENAVFLIGHT 1234, Aloha, avanti con il vostro messaggio.

12 LA PAROLA A... MASSIMO MASSINI PRESIDENTE IBAR IBAR (Italian Board Airline Representatives) è l Associazione che riunisce le 78 Compagnie Aeree di linea presenti in Italia Massimo Massini ha maturato una notevole esperienza nel settore del trasporto aereo, in cui ha esordito nel Ha iniziato infatti il suo percorso professionale nel mondo delle Compagnie Aeree già giovanissimo, durante gli anni dell Università, presso la Compagnia di bandiera australiana Qantas. Lo scorso 1 ottobre 2009 Massimo Mas si - ni è stato nominato Presidente di IBAR, l Associazione che unisce le 78 Compagnie Aeree di linea presenti in Italia. Dallo scorso Luglio è anche Vice-Presidente della FAIRO l associazione che cura le Relazioni Industriali delle Compagnie Aeree. Lo scorso mese di Febbraio ha ricevuto a Milano il Premio Excellent 2010 prestigioso riconoscimento a chi opera nel settore del Turismo e della promozione del Made in Italy nel mondo. L a sua recente nomina a Presi - dente dell IBAR giunge in un momento cruciale per il trasporto aereo. Cosa si attende dalle diverse Istituzioni del trasporto aereo per le Compagnie Aeree che Lei rappresenta? Credo che la cosa migliore che si possa auspicare sia quella di stabilire dei tavoli consultivi prima di intraprendere decisioni che vanno ad impattare sulle normali funzionalità degli aeroporti e dei loro fruitori. Crediamo che per troppo tempo si siano prese decisioni, rivelatesi poi in molti casi non idonee, che alla fine penalizzavano (sia economicamente che dal punto di vista operativo) i vettori ed i passeggeri. Recentemente anche la IATA ha scritto una lettera all Aviazione Civile rammentando il ruolo fondamentale (consultivo) dell IBAR. Inoltre, ho recentemente incontrato il Presi den - te Riggio che mi è parso favorevole a questo tipo di approccio. Cosa ritiene che i Vettori possono fare per una maggiore qualità ed efficienza del trasporto aereo? Anche per i Vettori c è molto da fare a partire dalle cose più piccole, come aiutare gli amici controllori in Torre a fare bene il loro lavoro e chiamare la messa in moto quando il volo è effettivamente pronto a partire, fino ad arrivare ai grandi investimenti a tutela dell ambiente e dell efficienza. A questo proposito spero mi sia consentito menzionare quello che stiamo facendo in Emirates con lo sviluppo della tecnologia Flextracks che mi piacerebbe veder sviluppata anche in Italia. Quale sarà, a suo avviso, il futuro delle grandi Compagnie di bandiera e quale quello delle low cost? Quella del Low Cost è stata un idea formidabile che ha avuto il successo che merita; ultimamente la gente sta realizzando però che non è tutto come sembra; accade ad esempio che coloro che pagano il sovraprezzo per il posto poi finiscono nel bus con tutti gli altri. Comunque queste Compagnie si sono ritagliate una bella fetta di mercato che continuerà ad esserci ma credo che, se vorranno aumentare il fatturato, dovranno scendere a qualche compromesso con il loro business model attuale. Le grandi Compagnie di bandiera secondo me dovranno tornare a cercare una loro identità definita lasciando indietro il concetto di alleanze che credo non abbia poi dato quei risultati, almeno per le compagnie medio/piccole, che pensavano avrebbero avuto. C è da auspicare che i Governi finalmente diano il via ad una completa liberalizzazione degli accordi bilaterali che permettano a chi vuole investire in un certo mercato di farlo, generando benessere per quel dato Stato; purtroppo ancora oggi in Europa assistiamo a casi di protezionismo, a volte fuori dal tempo, per come si sta evolvendo il traffico aereo civile. Un ultima menzione và sicuramente per Alitalia; non è un segreto la mia ammirazione per quello che Alitalia ha rappresentato per noi italiani nel mondo sia come icona del nostro Paese sia come esempio di professionalità (e mi riferisco ai piloti ma sopratutto ai tecnici). Auspico che quanto di buono sta facendo la nuova dirigenza riporti Alitalia ai livelli che le competono. ENAV in questi ultimi anni ha posta molto attenzione alla qualità del servizio offerto, adottando allo stesso tempo una politica di contenimento delle tariffe. I risultati di tali azioni sono stati una consistente diminuzione dei ritardi ed una riduzione del 5% delle tariffe nel periodo Alla luce dell attuale momento, quanto fatto da ENAV rappresenta, secondo lei, un sufficiente aiuto per le compagnie aeree? È sotto gli occhi di tutti quanto ENAV ha fatto negli ultimi anni in termini di investimenti e sopratutto di servizio ed è indubbio che le compagnie aeree ne stanno traendo benificio. È assolutamente importante però non fermarsi a quanto fatto ma andare avanti esplorando strade fin ora non percorse (ad esempio la pubblicità). La riduzione delle tariffe è sicuramente importante ed è un segnale di attenzione che non è passato inosservato ma anche qui credo che si possa fare di più in termini di ottimizzazione delle risorse. c l e a r e d Editore: ENAV SpA Consiglio di Amministrazione: Luigi Martini (Presidente), Guido Pugliesi (Amministrazione Delegato) Ilario Floresta, Giorgio Piatti Cleared Direttore responsabile: Alessandro Di Giacomo Comitato editoriale: Massimo Bellizzi, Roberto Di Carlo, Francesco Fidenzoni, Loris Padella, Jacopo Prissinotti, Elvira Savini Nicci Redazione: Via Salaria, Roma. Tel /2487 Fax enav.it Coordinamento Editoriale: Luca Morelli In redazione: Silvia Chirico Ha collaborato: Federico Maranghi (grafica) Impaginazione e stampa: Marchesi Grafiche Editoriali SpA Roma Registrazione Tribunale di Roma n. 526 del Numero chiuso in redazione il 26 febbraio 2010

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est

Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est RIFERIMENTI AIRAC - AIP/ENR 6.3 AMDT 12/13 28 NOV Data di entrata in vigore 9 Gennaio 2014 NUOVI SPAZI AREI del NORD - EST Come sono dal 09.01.2014 e sperimentali per sei

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli