Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano"

Transcript

1 Gruppo Aziendale UILCOM-UIL Rai Rai Way Milano Info Rai TV n. 174 del 16 agosto 2012 Sommario: 1. Rapporto Akamai 2012: Italia al 44 posto al mondo per banda larga 2. Addio Giostra dei Gol, la Rai non compra i diritti della Serie A 3. Frequenze tv, la vendita slitta ancora: l'agcom chiede più tempo per stilare la gara 4. Risparmio energetico e fotovoltaico: Italia sul podio 5. Benzina, Codacons: «Rincari-stangata: in autostrada arriva a 1,98 euro al litro» 6. Carburanti: Coldiretti, benzina ha superato del 50% il prezzo del latte 7. "Il governo non accorperà le festività" 8. Tariffe/ Cgia:Boom negli ultimi 10 anni, acqua +69,8%, gas +56,7% 9. Torna Megaupload ma sarà indistruttibile 10. Un futuro con energie rinnovabili e risparmio 11. La guerra dei brevetti tra Apple e Samsung 12. Mediaset: -73% l'utile netto del primo semestre a 43 mln. I ricavi calano a 1,9 mld Rapporto Akamai 2012: Italia al 44 posto al mondo per banda larga Fonte: TV Digital Divide 16 ago di quezal (Matteo Bayre) Cambridge, MA Akamai Technologies, Inc., grazie ai dati registrati dal suo gigantesco network CDN (Content Deliverly Network), ha pubblicato il nuovo Rapporto sullo Stato di Internet per il primo trimestre Sulla base dei dati raccolti dalla Akamai Intelligent Platform, il rapporto disegna un quadro globale sulla grande Rete definendo paramentri e risultati come la penetrazione di Internet, le velocità di connessione mobili, le origini di traffico attacco e velocità di connessione globale e regionale. Il nuovo rapporto di Akamai fornisce anche l analisi delle interruzioni di Internet del primo trimestre dell anno segnalati in Iran e in Australia. I modelli di traffico provenienti da tutta la piattaforma di Akamai in queste regioni mostrano l impatto di accesso a Internet e la durata di tali interruzioni. Internet penetrazione globale Sono più di 666 milioni gli indirizzi IP unici da 238 paesi e regioni di tutto il mondo connessi alla piattaforma Akamai Intelligent nel primo trimestre del Ciò rappresenta un aumento del 6% rispetto al quarto trimestre del 2011 e quasi un aumento del 14% rispetto al primo trimestre del Gli indirizzi IP unici dei primi 10 paesi rappresentato quasi il 66% della cifra globale, una concentrazione di circa un punto percentuale in meno rispetto al quarto 1

2 trimestre del A differenza del 2011 si registra una crescita al di sopra del 20% dei numeri degli indirizzi in Cina, Brasile, Italia e Russia. Tra i primi 10 paesi in classifica si registra una crescita che va dallo 0,3% in Germania, a un solido 9,2% in Italia. La Corea del Sud ha visto un calo del 1,2% trimestre su trimestre, anche se il numero di indirizzi IP è calato del 12% in un anno. Anche il Giappone ha visto in un anno un declino (-8,5%) di indirizzi IP unici. Dopo il lancio mondiale IPv6 nel mese di giugno, Akamai ha rilevato un maggior numero di connessioni col nuovo protocollo. Ridefinire la connettività high broadband A partire dal primo trimestre 2012, Akamai ha ridefinito i termini broadband e high broadband, con la nuova definizione di banda larga, ora più in linea con gli obiettivi di velocità fissati dagli Stati Uniti, la Cina e la Commissione europea. Le connessioni a banda larga sono ora definite come 4 Mbps o superiore, mentre la banda ultralarga ora include le connessioni per la piattaforma Akamai Intelligent a 10 Mbps o superiore. Alla luce di questa nuova definizione, l adozione globale di banda ultralarga ha raggiunto il 10%, in crescita del 19% trimestre su trimestre. Tra i primi 10 paesi per l adozione della banda ultralarga, al solito la Corea del Sud è in cima alla lista con il 53% di penetrazione, poi Giappone (37%), Hong Kong (28%), Lettonia (26%) e Paesi Bassi (24%). L Italia si dimostra ancora una volta indietro posizionandosi solamente al 37 posto nella classifica EMEA con l assurda e scarsa penetrazione del 2,6% di connessioni high broadband, mentre è ancora più in basso (al 44 posto) nella classifica EMEA per diffusione della banda larga (cioè connessioni superiori ai 4 Mbps) con il 32% di penetrazione. Velocità di connessione Se si parla invece di velocità di connessione media, i primi 10 paesi della classifica Akamai registrano aumenti di velocità. 125 paesi registrano un aumento e solo 10 paesi hanno subito cali velocità di connessione. La velocità di connessione globale media del primo trimestre è stata di 2,6 Mbps. Ancora una volta la Corea del Sud (15,7 Mbps) si aggiudica la velocità media di connessione più veloce. Seguono Giappone (10,9 Mbps), Hong Kong (9,3 Mbps), Paesi Bassi (8,8 Mbps e primi in Europa) e Lettonia (8,8 Mbps). Nella speciale classifica EMEA sulla velocità media delle connessioni in Europa/Medio Oriente/Africa l Italia si piazza tristemente al 41esimo posto con 4,1 Mbps di velocità, dopo Israele e Spagna. Nel 2012 la media globale velocità media di connessione di picco è aumentato del 25%, e gli aumenti sono stati osservati anche in tutti i primi 10 paesi. A livello mondiale, circa 130 paesi hanno beneficiato dell aumento delle velocità di picco, che vanno dal 3,8% di crescita in Pakistan (a 5,9 Mbps) ad un salto 213% in Libia (a 3,8 Mbps). Solo cinque paesi hanno subito un calo annuale di velocità di connessione di picco, con la più grande perdita in Tanzania a meno 21% (a 5,1 Mbps). Nel primo trimestre 2o12, Hong Kong si aggiudica il primato per la velocità media di connessione di picco (49,3 Mbps), superando la Corea del Sud (47,8 Mbps). Seguono il Giappone (39,5 Mbps), Romania (38,8 Mbps) e Lettonia (33,5 Mbps). Nella classifica EMEA sulla velocità media delle connessioni di picco l Italia è ancora molto indietro rispetto ai maggiori paesi Europei. Mentre la Romania, l Olanda (29,4 Mbps), il Belgio (29,2 Mbps), l Irlanda (25,5), la Germania (23,4) si posizionano ai primi 25 posti al mondo, il Belpaese del digital divide si posiziona solo al 46 posto con solo 17,7 Mbps di velocità media di picco. Velocità di connessione mobile Nel primo trimestre del 2012, Akamai ha rilevato che un operatore di telefonia mobile in Germania ha fornito la massima velocità di connessione media che ha sfiorato i 6 Mbps. Tra tutti gli operatori mobili esaminati, cinque avevano una velocità media di connessione superiore a 4 Mbps, mentre 65 operatori mobili hanno avuto una velocità di connessione media superiore a 1 Mbps. Solo tre fornitori hanno fornito velocità di connessione media inferiore a 500 kbps. Nelle velocità di connessione di picco, un fornitore di Hong Kong ha offerto la più alta velocità media di connessione di 32,2 Mbps di picco. Un fornitore tedesco è arrivato a 31,2 Mbps. Nel complesso, sei operatori di telefonia mobile hanno avuto medie di picco di velocità di connessione superiore a 20 Mbps (sono raddoppiate rispetto al trimestre precedente). 31 2

3 fornitori hanno fatto registrare in media una velocità di connessione di picco superiori ai 10 Mbps e tutti i fornitori avevano una velocità media di connessione di picco superiore a 2 Mb. Traffic Attack Akamai gestisce un insieme distribuito di agenti distribuiti su Internet che monitorano il traffico di attacco. Sulla base dei dati raccolti da questi agenti, Akamai è in grado di identificare i principali paesi da cui ha origine il traffico di attacco. Nel primo trimestre del 2012, oltre il 42% del traffico di attacco informatico osservato è stato originato nella regione dell Asia Pacifica/Oceania; dall Europa provengono circa il 35% degli attacchi; dal Nord e Sud America sono stati rilevati il 21%, e poco meno del 1,5% è venuto dall Africa. Nell esaminare il traffico attacco per ogni paese di origine, Akamai ha registrato una crescita per trimestre della percentuale di traffico di attacco dalla Cina (16% e paese numero uno della top 10), Stati Uniti (11%), Russia (7%), Turchia (5,7%), Romania (3%) e Germania (1,9%), Italia (1,9%). Paesi come Taiwan (5,3%), Corea del Sud (4,3%), e il Brasile (4%) hanno invece abbassato la propria percentuale di attacchi rispetto al trimestre precedente. Addio Giostra dei Gol, la Rai non compra i diritti della Serie A Fonte: TV Blog Pubblicato il 16 ago 2012 da Gabriele Capasso Gli abbonati a Rai International rischiano di perdere il contenuto di maggior pregio offerto dalla tv di stato ai suoi clienti stranieri. In tempi di spending review la tv pubblica non ha (ancora) acquistato i diritti della Serie A per poter trasmettere la sua trasmissione di maggior successo: la Grande Giostra dei Gol. Il programma che segue tutta la domenica della Serie A, a partire dalla gara delle 12.30, non potrà andare in onda quando domenica 26 (in realtà sabato 25 considerando gli anticipi) prenderà il via il campionato di calcio italiano con la prima giornata In realtà Rai International ha perso tutti i diritti della Serie A e così non potrà trasmettere nemmeno i due posticipi del sabato e della domenica sera. Le gare tradizionalmente mandata in onda con commento personalizzato erano 4 per ogni turno, un offerta completa e assolutamente concorrenziale per i tanti italiani all estero che vogliono seguire la Serie A con il privilegio di un commento nella loro lingua d origine. La decisione è naturalmente legata ai costi: i diritti tv per lo sport sono una voce di spesa importante, le difficoltà nel garantire 90 Minuto e la Domenica Sportiva nonostante il successo delle pay tv sono note, ma questa volta la Rai ha deciso di non mettere sul piatto le risorse che servivano ad impreziosire il palinsesto di Rai International con la Giostra dei gol. Il problema è legato anche all impossibilità di valutare, fra tutti i provider via cavo e via satellite che forniscono il segnale di Rai Internazionale, l audience del programma con la conseguente difficoltà nel vendere gli spazi pubblicitari che pure, sulla carta, dovrebbero essere molto appetibili. Tranne ripensamenti in extremis gli italiani all estero dovranno organizzarsi in un altro modo. Frequenze tv, la vendita slitta ancora: l'agcom chiede più tempo per stilare la gara Fonte: Digital Sat Inserito da:simone Rossi (Satred) Fonte: MF-Dow Jones L'Autorita' per le Comunicazioni intende chiedere al governo piu' tempo per redigere il disciplinare di gara per la vendita delle frequenze tv digitali terresti. La necessita' di avere qualche settimana in piu' del previsto, scrive MF, deriva dal fatto che la nuova Agcom si e' appena insediata, sotto la guida del neopresidente Angelo Marcello Cardani 3

4 e vuole essere in grado di compiere il primo atto formale post cancellazione del beauty contest, l'assegnazione gratuita, stabilita nell'aprile scorso dal ministro dello Sviluppo Corrado Passera. I 120 giorni di tempo fissati dallo stesso ministero dello Sviluppo per riformulare l'intero sistema di assegnazione sono quasi scaduti ed e' quindi evidente che servira' una proroga, forse solo amministrativa, per permettere poi all'esecutivo di avviare davvero la competizione dimenticata, di cui nessuno piu', da Mediaset alla Rai passando per La7 e Sky, sembra sentire l'esigenza. Risparmio energetico e fotovoltaico: Italia sul podio Fonte: Life Wired Un primo vasto studio sull'efficienza energetica delle principali economie del mondo ci mette al terzo posto. Intanto, la diffusione del fotovoltaico è ai massimi nel nostro Paese 16 agosto 2012 di Michela Dell'Amico Se ancora resta molto da fare in fatto di ambiente ed energia, l'italia porta a casa riconoscimenti incoraggianti: è terza al mondo in efficienza energetica, soprattutto grazie a un parco auto rinnovato, e un rapporto di Bloomberg ci mette al primo posto nel 2011 per impianti fotovoltaici installati. Come conferma anche il gestore per l'energia, Gse, nel solare c'è stato addirittura un salto di +9,3% rispetto al 2010, con impianti quintuplicati in 12 mesi. A dare al nostro Paese il terzo posto in efficienza energetica, dopo Regno Unito e Germania, è stato il primo studio internazionale sull'argomento, condotto dall' American Council for an Energy-Efficient Economy (Acee) analizzando le 12 principali economie del mondo. Dopo di noi ci sono il Giappone, la Cina, la Francia e l'australia, ma soprattutto gli Stati Uniti, che si guadagnano un magro nono posto giustificato dall'acee per gli sforzi limitati e scarsi adottati a livello nazionale verso l'efficienza energetica. L'Italia è sopra la media europea, che nel suo insieme rappresenta il sesto posto. In fondo alla graduatoria anche il Brasile, il Canada, la Russia. Tutte e 12 le economie considerate formano il 78% del consumo di energia domestica mondiale spiega il rapporto - il 63% del consumo globale di energia e il 62% delle emissioni di anidride carbonica. Lo studio ha assegnato un massimo di 100 punti in 27 diverse categorie. Primo il Regno Unito, poi Germania, Italia, Giappone, Francia, Unione europea, Australia e Cina pari merito, Stati Uniti, Brasile, Canada e Russia. Le 27 categorie fanno riferimento a 4 principali temi, ritenuti i punti chiave per il consumo di energia: politiche nazionali generali, edifici, industria, trasporti. Per ogni punto, sono stati presi in considerazione sia le relative scelte politiche che le performance raggiunte. Ad esempio si è valutata la presenza di un target di risparmio energetico nazionale, di standard di consumo per i veicoli e di parametri di efficienza energetica per gli apparecchi elettronici. Per considerare le performance raggiunte invece sono stati presi come parametri la quantità di energia consumata in ogni Stato per uso domestico, i chilometri percorsi in media dai cittadini con auto private e l'energia consumata negli edifici residenziali. Lo studio rappresenta insomma un'affascinante collezione di buone pratiche, mette in luce le innovazioni e le scelte che possono accelerare la crescita economica, garantire sicurezza energetica e risparmiare soldi privati e pubblici, ha detto il ministro dell'energia e Cambiamenti Climatici britannico, Edward Davey, chiamato a commentare il primo posto. L'efficienza energetica è il cuore delle nostre politiche, ha spiegato. Rispetto al nostro Paese, nel dettaglio, abbiamo raggiunto il massimo (1) nel settore trasporti, bene l'industria (2), male le politiche nazionali (5) e malissimo l'efficienza negli edifici residenziali (7). Guardando da vicino le diverse categorie, si vede che l'ottimo punteggio ottenuto nei trasporti non è certo dovuto all'utilizzo di mezzi pubblici (punteggio minimo), ma al nostro parco auto: rinnovato grazie agli incentivi per l'acquisto di auto nuove - gli ultimi approvati riguardano l'auto elettrica con contributi da 3 a 5mila euro - ma anche grazie ai limiti 4

5 d'accesso per i veicoli inquinanti nelle grandi città. I passi da fare restano dunque moltissimi, anche considerando che il consumo di energia nelle abitazioni, ad esempio, è probabilmente basso anche in relazione a un clima più mite. La vera sfida però evidenzia il rapporto devono affrontarla gli Stati Uniti, che difficilmente saranno competitivi in un'economia globale se continuano a sprecare soldi ed energia, sottolinea il rapporto. Altro aspetto importante, il nostro crescente amore per il fotovoltaico. L'Italia è stata il primo Paese al mondo per impianti fotovoltaici venduti nel 2011, con un totale di circa 540 megawatt prodotti. Lo ha rivelato il rapporto The solar portfolio hunters: focus on the acquisition and valuation of solar asset pubblicato da Bloomberg new energy finance. Come è logico, gli impianti si concentrano al Sud, che accoglie il 30% di aziende alimentate dall'energia del sole, su un totale di circa aziende potenzialmente interessate alla Green economy in Italia, specifica l'agenzia Napoletana Energia Ambiente (Anea) sulla base di uno studio di Unioncamere-Infocamere e Movimprese. Nelle regioni del Mezzogiorno si stima che nel 2020 l'energia da fonti rinnovabili in generale potrebbe raggiungere la cifra record di 38,4 Tw ora. Puglia, Calabria, Campania e Sicilia possono contare infatti sul Programma operativo interregionale (Poi) energie rinnovabili e risparmio energetico , per incrementare la quota di energia pulita consumata e promuovere le opportunità di sviluppo del tessuto sociale ed economico. Secondo quanto confermato anche dal rapporto del gestore elettrico Gse, la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel 2011 ha garantito all'italia il 24% della domanda elettrica nazionale, circa il 2% in più rispetto al GSE conferma che la crescita maggiore l'ha registrata il solare, con una produzione nel 2011 di Gwh, ovvero cinque volte quella del 2010: una crescita record che segna un ottimo +9,3 GW. Nonostante il balzo in avanti del solare, continua il rapporto, la principale fonte di generazione rinnovabile italiana rimane con GWh prodotti - l'idroelettrico, che tuttavia diminuisce la sua produzione energetica rispetto agli anni precedenti, per via del calo delle precipitazioni. Benzina, Codacons: «Rincari-stangata: in autostrada arriva a 1,98 euro al litro» Fonte: Il Messaggero «Per un pieno di carburante 19 euro in più rispetto al 2011» ROMA - Parte malissimo la seconda metà di agosto sul fronte dei carburanti. Il Codacons denuncia come oggi, sulle autostrade «la benzina arrivi a costare 1,98 euro al litro, sfiorando la soglia psicologica dei due euro al litro. Così chi si è messo in viaggio quest'oggi ha dovuto fare i conti con ulteriori rincari dei listini». Codacons: quasi 20 euro in più ogni pieno rispetto a un anno fa. «Con i prezzi di benzina e gasolio a questi livelli - afferma il presidente dell'associazione dei consumatori, Carlo Rienzi - per un pieno di benzina occorre spendere 18,6 euro in più rispetto al 16 agosto Una vera e propria sciagura per gli italiani che si accingono a partire per le vacanze e per quelli alle prese col rientro. Una stangata complessiva per gli automobilisti che il Codacons stima attualmente in 560 milioni di euro, ma la cui entità si aggrava di giorno in giorno». Carburanti: Coldiretti, benzina ha superato del 50% il prezzo del latte Fonte: Asca Carburanti Coldiretti benzina_ha_superato_del_50_percento il_prezzo_del_latte att.html (ASCA) - Roma, 16 ago - Con gli ultimi aumenti il prezzo di un litro di benzina ha sfiorato i due euro e ha superato del 50 per cento quello di un litro di latte fresco. E' quanto afferma in una nota la Coldiretti in riferimento all'analisi del Codacons nel sottolineare che con gli aumenti un 5

6 pieno di benzina per una automobile di media cilindrata con un serbatoio di 50 litri sfiora i cento euro e condiziona la capacita' di spesa delle famiglie. Un litro di benzina - sottolinea la Coldietti - e' arrivato a costare ben piu' di un chilo di pasta, come un chilo di pesche e poco meno di tre chili di cocomero. Una situazione insostenibile che mette a rischio la ripresa dell'economia in un Paese in cui l'88 per cento delle merci viaggia su strada. A subire gli effetti del caro carburanti sono - continua la Coldiretti- anche le imprese agricole che in questo momento consumano grandi quantita' di gasolio per garantire l'irrigazione nei campi per salvare le coltivazioni agricole dal caldo e dalla siccita'. A subire gli effetti dell'aumento dei costi energetici e' in realta' - conclude la Coldiretti - l'intero sistema agroalimentare, produzione, trasformazione e distribuzione, dove si stima che i costi di trasporto e della logistica siano circa un terzo del totale. "Il governo non accorperà le festività" Fonte: La Stampa Il ministro Gnudi parla del rilancio del turismo italiano a radio Anch'io Gnudi: "Ipotesi accantonata. Marchio Italia per rilanciare il turismo nel nostro Paese" ROMA Il giorno dopo Ferragosto, giro di boa della stagione estiva, il ministro Piero Gnudi rilancia l allarme sul turismo e chiede a tutti uno sforzo congiunto per il rilancio del Marchio Italià, le cui quote faticano a tenere il passo dei più diretti competitor europei, Spagna su tutti. Quindi, basta con le "Regioni fai da te" e via a un progetto d insieme, anche se ci sono «problematiche d ordine costituzionale che non è certamente facile risolvere subito». Dai microfoni di Radio anch io il ministro del Turismo tenta, insomma, di somministrare al Paese un antidoto efficace in un estate minata dall Imu, dall immancabile fiammata dei prezzi della benzina e da un -22% del giro d affari, almeno secondo i dati di Federalberghi. Da Radio Rai il ministro ha colto l occasione per annunciare il nò del governo all accorpamento delle festività, che secondo alcuni avrebbe giovato ai flussi dei vacanzieri. E l arrivo, da qui a un mese, di un decreto legislativo che dovrebbe mettere la parola fine alla querelle sulle concessioni balneari nel rispetto della direttiva Bolkenstein. «Il turismo balneare rappresenta al momento il 30% del giro d affari totale e certamente - ha chiarito - non vogliamo penalizzarlo, quindi sono certo che troveremo il giusto modo per garantire tutti gli addetti del settore». Contro la crisi, che ha sgonfiato sensibilmente i portafogli degli italiani, e dopo un Ferragosto che ha visto tantissimi rimanersene a casa (secondo dati di Assoedilizia rispetto a 5 anni fa le presenze nelle città sarebbero aumentate del 50%), Gnudi ha ricordato l avvio imminente del Piano Strategico e le sue 46 azionì, «molte delle quali avranno un impatto immediato sul settore», che tenteranno di rimetterlo in piedi «dopo essere stato trattato a lungo come una Cenerentola». Quindi ha esortato «a fare una promozione migliore del marchio Italia all estero, evitando, com è stato fatto finora, che ogni Regione promuova soltanto il proprio territorio». In questi anni, ha ricordato, «il turismo italiano, che ha 3,3 milioni di addetti, è passato dal 6% al 4% di quota, a fronte di un mantenimento del 6% della Spagna, e quindi al momento in Europa siamo scesi alla terza posizione». Gnudi trova il tempo di chiarire il suo parere anche sulla tassa di soggiorno, applicata da circa 500 comuni: «Non è negativa, il problema è che queste risorse dovrebbero essere girate al settore». Alla trasmissione di Radio Rai ha detto la sua anche il direttore del centro studi di Federalberghi Alessandro Cianella, che ha contestato i dati di Confartigianato, secondo cui i prezzi degli alberghi sarebbero lievitati quest estate del 12%. «Secondo i nostri calcoli gli albergatori in questo momento stanno facendo pagare le stanze a un costo inferiore al tasso di inflazione», ha chiarito. «Naturalmente possono essere ridotti all osso ma - ha detto - bisogna capire che i nostri operatori debbono sopportare la competizione di altri Paesi con costi del 6

7 lavoro più bassi». Ma non tutto sta andando male: secondo il presidente del Sindacato italiano balneari, Riccardo Borgo, «se il clima caldo proseguirà fino a fine mese forse sarà possibile recuperare anche qualcosa che avevamo perso a inizio stagione, quanto il tempo aveva fatto un pò di capricci». Tariffe/ Cgia:Boom negli ultimi 10 anni, acqua +69,8%, gas +56,7% Fonte: TM News Aumenti vertiginosi anche per rifiuti e biglietti ferrovie Roma, 16 ago. (TMNews) - Negli ultimi 10 anni le tariffe pubbliche hanno subito degli aumenti vertiginosi. A fronte di un incremento del costo della vita pari al 24%, le bollette dell'acqua sono cresciute del 69,8%, quelle del gas del 56,7%, quelle della raccolta rifiuti del 54,5%, i biglietti ferroviari del 49,8%, i pedaggi autostradali del 47,5%, l'energia elettrica del 38,2% e i servizi postali del 28,7%. Solo la telefonia ha subito un decremento del prezzo: -7,7%. E' questo il risultato emerso da un'analisi condotta dall'ufficio studi della Cgia di Mestre che ha analizzato l'andamento dei prezzi delle tariffe pubbliche nel periodo 2002/2012. "A nostro avviso - afferma il segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi - l'introduzione dell'euro c'entra relativamente poco. Questa impennata dei prezzi, almeno per alcune delle voci analizzate, va ricondotta al costo sempre più crescente registrato dalle materie prime, in particolar modo dal gas e dal petrolio, dall'incidenza delle tasse e dei cosiddetti oneri impropri, che gonfiano enormemente le nostre bollette, e ai modestissimi risultati ottenuti con le liberalizzazioni. Per le bollette dell'acqua potabile - conclude Bortolussi - è vero che la variazione percentuale è stata la più consistente, ma va anche sottolineato che gli importi medi pagati da ciascuna famiglia italiana sono ancora adesso tra i più bassi d'europa." Dal 2000 (anno di liberalizzazione del settore) al 2011, i biglietti dei trasporti ferroviari sono aumentati del 53,2%, contro un aumento del costo della vita pari al 27,1%. Secondo la Cgia, poi, dal anno di apertura del mercato del gas - al 2011, il prezzo medio delle bollette è aumentato del 33,5%, mentre l'inflazione è cresciuta del 17,5%. Se tra il 1999 (anno di apertura del mercato) ed il 2011, il costo delle tariffe dei servizi postali è aumentato del 30,6%, pressoché pari all'incremento dell'inflazione avvenuto sempre nello stesso periodo (+30,3%), per l'energia elettrica la variazione delle tariffe, avvenuta tra il 2007 ed il 2011, è stata sempre positiva (+1,8%), anche se più contenuta rispetto alla crescita dell'inflazione (+8,4%). Solo nei servizi telefonici le liberalizzazioni hanno abbattuto i costi. Tra il 1998 (anno di liberalizzazione) ed il 2011, le tariffe sono diminuite del 15,7%, mentre l'inflazione è aumentata del 32,5%. Torna Megaupload ma sarà indistruttibile Fonte: Ansa Annuncio di King Dotcom su Twitter: 'So che tutti lo aspettate' SYDNEY - King Dotcom, il fondatore del sito web di file-sharing Megaupload, accusato di violazione di copyright e ricercato dagli Stati Uniti, ha preannunciato su Twitter, sia pure in maniera criptica, il ritorno del sito in versione ''indistruttibile'' e la creazione di una boutique di musica online. 'So che tutti lo aspettate. Arriva. Quest'anno. Lo giuro. Piu' grande. Piu' capace. Piu' veloce. 100% di sicurezza e indistruttibile', ha twittato il re tedesco del file sharing, che combatte contro l'estradizione dalla Nuova Zelanda, senza nominare il sito Megaupload, chiuso da gennaio. 7

8 King Dotcom, vero nome Kim Schmitz, ha promesso il lancio entro fine anno di Megabox, un sito simile alle boutique di musica online come itunes, ma promette agli artisti che potranno contare sul 90% dei diritti pur aggirando le case discografiche. Non ha pero' precisato come intende finanziare un ipotetico ritorno a Megaupload o il lancio della nuova piattaforma musicale, dato che le autorita' neozelandesi hanno congelato la maggior parte dei suoi beni e sequestrato i suoi conti bancari. Kim Schmitz, 38 anni, e' stato arrestato a gennaio nella sua sontuosa residenza ad Auckland su richiesta dell'fbi, e liberato su cauzione dopo un periodo di detenzione. La giustizia neozelandese ha convocato un'udienza il prossimo marzo per esaminare la richiesta di estradizione presentata da Washington. Un futuro con energie rinnovabili e risparmio Fonte: Leggi la Notizia Castel San Pietro Terme (BO). Il futuro non può che guardare alle energie rinnovabili e al risparmio dei consumi. A quasi un anno dall approvazione del Piano energetico comunale, l assessorato all Ambiente del Comune presenta alla città un pieghevole informativo per fare il punto sulla situazione attuale e su quello che si dovrà ancora fare. Il pieghevole è già in distribuzione in questi giorni allo Sportello cittadino e sarà diffuso nelle scuole nel prossimo anno scolastico nell ambito di incontri e iniziative da concordare con gli insegnanti nelle classi. La Comunità Europea, pensando al futuro, si è posta un obiettivo ambizioso: arrivare gradualmente nel 2050 a limitare la dipendenza dal petrolio al 20% dei consumi interni di ogni paese - spiega l assessore Stelio Montebugnoli che, anche negli scorsi anni, ha tenuto personalmente incontri sui temi ambientali con gli studenti e con il Consiglio comunale dei Ragazzi -. L 80% dell energia dovrà quindi essere generata da fonti di energia rinnovabili. Per rispettare la direttiva della Ue occorre, quindi, consumare molto meno e dall altro produrre energia da fonti rinnovabili, fino ad arrivare nel 2020 alla quota richiesta (8,9% dell energia consumata a livello locale e 17% nazionale). Per essere più incisivi possibile sul risparmio energetico si dovranno soprattutto correggere i consumi dove questi sono più elevati. Ecco che a questo punto entra in ballo il Piano energetico comunale che fornisce una fotografia esatta dei consumi nei settori termico, dei trasporti e dell elettricità, e dei luoghi dove questi avvengono. E importante ridurli per ottimizzare i costi e avere meno energia da fonti rinnovabili da produrre. Il Pec ha fornito risultati molto interessanti ed utili per capire dove introdurre dei correttivi. Consumiamo molto, il 41%, per riscaldare acqua (a uso sanitario e per riscaldamento). La seconda fetta dei consumi, pari al 36%, è costituita dai trasporti (benzina e gasolio) e per ultimi ci sono i consumi di elettricità con il 23%. Poi vi sono le fonti rinnovabili, come si sta attrezzando il territorio di Castel San Pietro Terme? Sono previsti impianti fotovoltaici e impianti a biomasse in rete (umide e secche), con la collaborazione di compagnie specializzate in questo tipo di interventi (Esco). In particolare è già stato realizzato un importante impianto fotovoltaico da 1.6 MW (circa 2 GWh/anno) su un terreno di proprietà del Comune (Cà il Rio). Inoltre si sta lavorando per concretizzare la costituzione di una Comunità Solare con impianti che saranno installati principalmente su tetti di edifici pubblici. Al pieghevole realizzato dall assessorato all Ambiente, Solaris, la società di proprietà dei Comuni di Castel San Pietro Terme e Ozzano che gestisce alcuni importanti servizi comunali, ha allegato un inserto contenente le azioni messe in atto per il risparmio energetico e per l utilizzo di fonti rinnovabili, e un decalogo delle azioni utili a risparmiare energia. La guerra dei brevetti tra Apple e Samsung Fonte: Il Post E le accuse che ognuna fa all'altra, per punti, in vista dello storico processo che inizia lunedì in California 8

9 In una delle aule del tribunale di San Jose (California), lunedì 30 luglio inizierà un processo che potrebbe condizionare il futuro degli smartphone più conosciuti e diffusi al mondo, come gli iphone e i Galaxy. La causa vede coinvolti i due principali produttori del settore, Apple e Samsung, che da mesi si accusano a vicenda di aver violato diversi brevetti per le tecnologie inserite nei loro dispositivi. La battaglia legale, che vede coinvolto anche il sistema operativo Android di Google, va avanti da tempo e ha portato a diverse iniziative nei tribunali di mezzo mondo, con ingiunzioni per la sospensione delle vendite di alcuni dispositivi prodotti da Samsung in particolari paesi. Samsung, che usa Android nei propri telefoni, secondo gli analisti ha superato Apple nelle vendite degli smartphone nei primi tre mesi di quest anno. Samsung, che ha sede in Corea del Sud, avrebbe eseguito il 29 per cento delle consegne di nuovi smartphone, contro il 23 per cento di Apple. Secondo quest ultima, Samsung avrebbe eseguito il sorpasso grazie a una strategia tesa a copiare tutte le principali scelte eseguite da Apple. Samsung, invece, sostiene di non aver copiato nulla e accusa Apple di aver violato altri brevetti, legati anche alle tecnologie per la trasmissione delle informazioni tramite rete cellulare. In più di una occasione i legali e i massimi responsabili delle due società hanno provato a trovare un accordo, un compromesso per sospendere le vertenze legali e compensare gli eventuali torti subiti, ma senza raggiungere nulla di concreto. Lo scorso mese, Lucy H. Koh, il giudice che si occupa delle dispute legali tra le due società in California, ha imposto a Samsung di interrompere le vendite del proprio tablet Galaxy Tab in attesa del processo. La vicenda tra Apple e Samsung è molto seguita e fa parte di un filone molto più ampio, avviato da una prima causa tra Apple e Nokia nel Da allora ci sono state decine di nuove iniziative legali che hanno portato alla cosiddetta guerra dei brevetti sugli smartphone. Le società hanno investito centinaia di milioni di dollari in avvocati per difendersi, o per lanciare nuovi attacchi contro la concorrenza. Secondo diversi analisti, le controversie degli ultimi tre anni dimostrano quanto sia diventato inefficace il sistema per la gestione e la registrazione dei nuovi brevetti: ne vengono assegnati troppi e per funzioni basilari, che consentono poi ai loro possessori di avviare cause spesso pretestuose alla ricerca di accordi milionari. Il Wall Street Journal ha analizzato la documentazione presentata da Apple e Samsung in vista del processo e ne ha pubblicato alcuni estratti. Emerge una notevole ostilità tra le due società, a conferma dell impossibilità di trovare fino a ora un accordo. Che cosa cercherà di dimostrare Apple - Samsung non può negare che i suoi prodotti sono chiaramente simili a quelli di Apple, protetti dai brevetti. Proverà a difendersi con un guazzabuglio di cavilli legali per confondere la giuria. - I documenti di Samsung dimostrano che la somiglianza dei suoi prodotti con quelli di Apple non è casuale o dovuta a una evoluzione naturale. Derivano da un piano deliberato di Samsung di sfruttare il successo degli iphone e ipad copiando il loro inconfondibile design e la loro interfaccia intuitiva. - Quando Samsung mise in vendita i suoi smartphone di imitazione nel luglio del 2010, Apple chiese immediatamente alla società di fermare il plagio. Diversi manager di Apple mostrarono a Samsung, con dei confronti diretti, come il design del Galaxy imitasse quello degli iphone e illustrarono quali brevetti erano stati violati. Samsung non cambiò nulla e continuò a vendere i suoi prodotti. - Questa strategia ha permesso a Samsung di superare Apple nella classifica dei più grandi produttori di smartphone al mondo. Samsung ha ottenuto miliardi di dollari di profitti grazie alla violazione della proprietà intellettuale di Apple. - I prodotti innovativi realizzati da Apple non violano i brevetti di Samsung, funzionano in modi diversi e sono basati su tecnologie più moderne che differiscono nella sostanza da quelli datati presenti nei brevetti Samsung. - L amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha spiegato efficacemente qual è la posizione della società nella vicenda: Per Apple è importante non diventare uno sviluppatore per tutti gli altri. Vogliamo che gli altri inventino le loro cose. Che cosa cercherà di dimostrare Samsung 9

10 - Samsung si occupa di ricerca e sviluppo nel campo della telefonia mobile da almeno 20 anni, e ha inventato buona parte delle tecnologia usata negli smartphone di oggi. Apple, che è nel mercato della telefonia da pochi anni, non avrebbe potuto vendere nemmeno un iphone senza i benefici delle tecnologie brevettate da Samsung. - Apple sta cercando di escludere Samsung dal mercato, sostenendo che Samsung ha usato lo stesso design adottato da Apple, che però fu a sua volta copiato da altri concorrenti, come Sony, per sviluppare l iphone. Gli stessi documenti interni di Apple dimostrano questa condizione. - A differenza dell immagine che Apple cerca di dare di sé, la società ha ammesso in diversi documenti interni che la sua forza sta non nello sviluppare nuove tecnologie, ma principalmente nel commercializzarle con successo. Samsung non ha bisogno di copiare e fa di tutto per produrre prodotti nuovi e innovativi. - Prima dell annuncio del primo iphone, avvenuto nel gennaio del 2007, Samsung stava già sviluppando numerosi prodotti e modelli con un design simile a quello che ora Apple sostiene le sia stato copiato. La nuova generazione di cellulari fu progettata da Samsung a partire dall estate del 2006 sulla base dell andamento del mercato, che chiedeva schermi più grandi. In quell occasione, i progettisti immaginarono un cellulare semplice, con gli angoli smussati e un grande schermo con un unico tasto. - Apple ha fatto grande affidamento sulle tecnologie di Samsung per entrare nel mercato dei dispositivi mobili, e usa ancora quelle soluzioni nei suoi iphone e ipad. Samsung fornisce, per esempio, le memorie e altri chip per gli iphone. Apple usa anche alcune tecnologie brevettate di Samsung senza averne mai pagato la licenza. Si tratta di sistemi per consentire ai dispositivi di interagire con altri dispositivi di altri produttori e altre soluzioni, che Samsung sviluppò per i propri sistemi. - Samsung mise a disposizione l utilizzo in licenza delle tecnologie brevettate per il 3G ben prima che Apple annunciasse di avere in cantiere qualsiasi prodotto che ne richiedesse l utilizzo. Dopo la messa in vendita di questi prodotti, Samsung offrì un accordo a Apple per usare in licenza le proprie tecnologie, come già facevano altre società, ma Apple si rifiutò di stringere un accordo. A differenza delle altre società del settore, Apple sostiene che i brevetti per quelle tecnologie non possono essere pretesi. Mediaset: -73% l'utile netto del primo semestre a 43 mln. I ricavi calano a 1,9 mld Fonte: Newslinet Per quanto riguarda le previsioni della seconda parte dell'anno infatti, il gruppo stima che "difficilmente potra' vedere nel secondo semestre una radicale inversione di tendenza sia in Italia sia in Spagna" rispetto a quanto evidenziato nel primo semestre. In questo periodo, i costi operativi delle attivita' italiane segnano un calo del 7,6% a 895,5 milioni e la societa' "conferma l'attuazione del programma di riduzione strutturale dei costi di funzionamento di tutte le principali aree aziendali". In Italia i ricavi netti scendo a 1,525 miliardi da 1,712 miliardi mentre gli utili scendono a 27,5 milioni da 128,4 milioni. Il cda, "per semplificare la struttura della catena partecipativa con conseguente riduzione dei costi generali", ha approvato il progetto di fusione per incorporazione di Mediaset Investimenti (interamente controllata) in Mediaset. (Il Sole 24 Ore Radiocor) Comunicato stampa Mediaset Mediaset: approvati i risultati del Primo Semestre 2012 Consiglio di Amministrazione Mediaset 31 luglio 2012 Bilancio Consolidato Ricavi netti: 1.999,3 milioni di euro Utile netto: 43,1 milioni di euro Italia 10

11 Ricavi netti: 1.525,8 milioni di euro Costi operativi: -7,6% Utile netto: 27,5 milioni di euro Ascolti in crescita: Canale 5 prima rete italiana sul target commerciale in tutte le principali fasce orarie I canali Mediaset confermano la leadership in prime time e nel totale giornata tra il pubblico anni Spagna Ricavi netti: 474,0 milioni di euro Utile netto: 37,6 milioni di euro Ascolti: le reti Mediaset España leader in prima serata e 24 ore Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset, riunitosi oggi sotto la Presidenza di Fedele Confalonieri, ha approvato la relazione sul primo semestre RISULTATI CONSOLIDATI GRUPPO MEDIASET I risultati economici del semestre includono gli effetti del consolidamento integrale delle attività acquisite a seguito della fusione di EI Towers con DMT (oggi EI Towers spa) con efficacia gennaio L'andamento dei primi sei mesi del 2012 è sintetizzato nei seguenti risultati I ricavi netti consolidati del Gruppo Mediaset ammontano a 1.999,3 milioni di euro rispetto ai 2.253,4 milioni del primo semestre L'Ebit è pari a 146,4 milioni di euro rispetto ai 341,5 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. L'utile netto di competenza del Gruppo ammonta a 43,1 milioni di euro rispetto ai 162,8 milioni del primo semestre dell'anno precedente, in presenza di una maggiore incidenza degli oneri indeducibili connessi all'irap e di componenti non ricorrenti nelle partecipate estere. L'indebitamento finanziario netto di Gruppo scende da ,5 milioni di euro del 31 dicembre 2011 a ,1 milioni di euro al 30 giugno Il Free Cash Flow del semestre è pari a 303,1 milioni di euro in crescita rispetto ai 249,3 milioni del 30 giugno ANALISI DEI RISULTATI PER AREE GEOGRAFICHE Italia Nel primo semestre 2012 i ricavi netti consolidati hanno raggiunto i 1.525,8 milioni di euro rispetto ai 1.712,9 milioni del Più in particolare: - La raccolta pubblicitaria complessiva di Publitalia '80 e Digitalia '08, comprensiva anche dei canali digitali pay e dei contenuti video distribuiti sul portale web Mediaset.it, raggiunge i 1.286,3 milioni di euro contro i 1.459,7 milioni di euro del primo semestre 2011 (-11,9%). - Ricavi Mediaset Premium: i ricavi da attività caratteristica Premium, vendita di carte, ricariche, abbonamenti Easy Pay, si sono attestati a 260,1 milioni di euro in sostanziale tenuta rispetto ai 263,9 milioni del Ricavi EI Towers: hanno raggiunto i 117,0 milioni di euro rispetto ai 77,8 milioni del primo semestre Nel quadro del piano di efficienza triennale varato nel 2011 in atto con successo, i costi operativi segnano un calo del 7,6% passando da 968,6 milioni di euro del primo semestre 2011 a 895,5 milioni di euro del semestre L'Ebit è pari a 114,4 milioni di euro rispetto ai 239,1 milioni del primo semestre L'utile netto ha raggiunto 27,5 milioni di euro rispetto ai 128,4 milioni del primo semestre Ascolti televisivi: le reti Mediaset confermano la leadership nazionale in prime time e nelle 24 ore tra i telespettatori tra i 15 e i 64 anni (target commerciale). In particolare, nel periodo di garanzia primaverile i telespettatori Mediaset tra i 15 e i 64 anni sono cresciuti in prime time dell'1.6% rispetto alla primavera 2011, determinando una share totale del 40.8%. Crescono 11

12 anche i telespettatori di Canale 5 (+0.8%) che si conferma la rete italiana più vista nel target commerciale sia in prima serata (20.1%) che nelle 24 ore (18,6%). Spagna Nei primi sei mesi del 2012 i ricavi netti consolidati generati dal Gruppo Mediaset España hanno raggiunto i 474,0 milioni di euro rispetto ai 540,9 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. I ricavi pubblicitari televisivi lordi si sono attestati a 478,5 milioni di euro rispetto ai 540,0 milioni del primo semestre L'Ebit è stato pari a 32,0 milioni di euro rispetto ai 102,4 milioni del primo semestre 2011 L'utile netto è stato pari a 37,6 milioni di euro rispetto agli 81,6 milioni dei primi sei mesi del Ascolti televisivi: nel primo semestre 2012 le reti televisive del Gruppo Mediaset España ottengono la leadership sia in prime time (27,5%) che nelle 24 ore (28,0%). Telecinco si conferma la rete spagnola più vista nel totale giornata (14,2%). EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Poiché il quadro economico generale non prospetta verosimili segnali di ripresa nei prossimi mesi, l'andamento del mercato pubblicitario difficilmente potrà vedere nel secondo semestre una radicale inversione di tendenza, sia in Italia sia in Spagna, rispetto a quella registrata nel primo semestre. Sul fronte ricavi è quindi poco probabile ipotizzare una crescita rispetto al Sul fonte dei costi, procede invece con successo in Italia il piano di efficienza triennale varato nella seconda metà del Si conferma quindi l'attuazione del programma di riduzione strutturale dei costi di funzionamento di tutte le principali aree aziendali. Sulla base dei risultati conseguiti al termine dei primi sei mesi, il Gruppo conferma la previsione già annunciata al termine del primo trimestre di chiudere l'esercizio 2012 con un utile netto consolidato inferiore a quello registrato nel FUSIONE MEDIASET INVESTIMENTI SPA IN MEDIASET SPA Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset ha approvato il progetto di fusione per incorporazione di Mediaset Investimenti S.p.A. nella stessa Mediaset. L'operazione ha l'obiettivo di semplificare la struttura della catena partecipativa con conseguente riduzione dei costi generali. Mediaset Investimenti S.p.A. risulta interamente posseduta, in via diretta, da Mediaset e pertanto la fusione sarà effettuata in forma semplificata e beneficiando delle esenzioni previste dall'articolo 2505, comma 1, del Codice Civile. Le azioni Mediaset Investimenti S.p.A. saranno annullate senza concambio. Le situazioni patrimoniali di fusione di cui all'art quater del Codice Civile sono rappresentate dalle situazioni patrimoniali al 30 giugno Il progetto di fusione, la relazione illustrativa e le situazioni patrimoniali saranno resi pubblici nei modi e nei termini di legge e regolamento. Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Mediaset S.p.A., Luca Marconcini, dichiara, ai sensi del comma 2 art. 154-bis, del Testo Unico della Finanza, che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili. Cologno Monzese, 31 luglio

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno.

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno. Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 18,79 milioni di euro L Ebitda migliora di 1,02 milioni, a -0,91 milioni di euro Milano 14

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Ricavi in crescita a 92,7 milioni di euro (+5,3%)

Ricavi in crescita a 92,7 milioni di euro (+5,3%) Il Cda ha approvato i conti relativi ai primi nove mesi dell anno Ricavi in crescita a 92,7 milioni di euro (+5,3%) Milano, 14 Novembre 2011 Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunito

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Nuvola digitale. Quanto è pulita?

Nuvola digitale. Quanto è pulita? Nuvola digitale. Quanto è pulita? Presentazione del rapporto di Greenpeace International How clean is your cloud? La nuvola e noi Facebook, Amazon, Apple, Microsoft, Google, Yahoo! e altri nomi, magari

Dettagli

Il Cda ha approvato la semestrale. Ricavi a 61,11 milioni di euro (+1,0%)

Il Cda ha approvato la semestrale. Ricavi a 61,11 milioni di euro (+1,0%) Il Cda ha approvato la semestrale Ricavi a 61,11 milioni di euro (+1,0%) Pubblicità in crescita del 7,8% Milano, 25 Agosto 2011 Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, che si è riunito oggi,

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

Radio Tv News 28 MAGGIO 2015 - NUMERO 51. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità

Radio Tv News 28 MAGGIO 2015 - NUMERO 51. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità Radio Tv News 28 MAGGIO 2015 - NUMERO 51 03 Vita Associativa 04 Normativa e Giurisprudenza 05 Mercato e Pubblicità Direttore Responsabile: Emilio Carelli Direttore Editoriale: Andrea Franceschi In redazione

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 20,03 milioni di euro

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 20,03 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 20,03 milioni di euro Milano 14 Maggio 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012

La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Sintesi del Rapporto 1 La filiera delle TLC ha confermato il suo periodo di difficoltà, accentuato dalla crisi economica, con un ulteriore diminuzione dei ricavi nel 2012 Ulteriore peggioramento della

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto )

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) I Numeri della Giustizia a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) Fonti: Le analisi di Confindustria, Confartigianato, Banca d Italia e Banca Mondiale Vediamolo nei numeri, questo

Dettagli

TARIFFE PUBBLICHE: IN ITALIA RINCARI TRA I PIU ELEVATI D EUROPA

TARIFFE PUBBLICHE: IN ITALIA RINCARI TRA I PIU ELEVATI D EUROPA TARIFFE PUBBLICHE: IN ITALIA RINCARI TRA I PIU ELEVATI D EUROPA Nell ultimo anno boom dei rifiuti: con l introduzione della Tari abbiamo pagato il 12,2 per cento in più. Luce, gas e trasporti sono le voci

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione esamina i risultati al 31 dicembre

Dettagli

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE CRESCITA IN TUTTE LE AREE GEOGRAFICHE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO OGGI LA RELAZIONE FINANZIARIA TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2015, CHE VEDE IL PRIMO

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Milano 13 Novembre 2015

Milano 13 Novembre 2015 Il Consiglio di Amministrazione approva il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2015 Ricavi a 54,23 milioni di euro L Ebitda migliora del 15,3% (+29% a parità di perimetro e al netto di eventi

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

TARIFFE, RINCARI RECORD

TARIFFE, RINCARI RECORD TARIFFE, RINCARI RECORD Negli ultimi 10 anni l acqua è aumentata dell 85,2 per cento, i rifiuti dell 81,8 per cento e i pedaggi autostradali del 50,1 per cento. Purtroppo, le liberalizzazioni non hanno

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE MEDIASET HA APPROVATO IL BILANCIO 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE MEDIASET HA APPROVATO IL BILANCIO 2014 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE MEDIASET HA APPROVATO IL BILANCIO 2014 Highlights Gruppo Mediaset 2014 Ricavi netti: 3.414,4 milioni di euro Risultato operativo (Ebit): 248,8 milioni

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 -

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A: - Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - - Progetto di fusione per incorporazione in Sviluppo Idrico S.p.A.

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN Radiocor - Il cda di Poste Italiane ha chiuso i nove mesi con un utile pari a 622 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto ai 333 milioni

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Approvati dal Consiglio i risultati 2013: Il bilancio consolidato 2013 conferma i risultati già riportati nel resoconto intermedio di gestione

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE MEDIASET HA APPROVATO IL BILANCIO 2015

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE MEDIASET HA APPROVATO IL BILANCIO 2015 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE MEDIASET HA APPROVATO IL BILANCIO 2015 Highlights di Gruppo 2015 Ricavi netti: 3.524,8 milioni di euro Risultato operativo (Ebit): 231,4 milioni di euro

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Le tariffe per l abbonamento ADSL in Europa: analisi su prezzi e velocità proposti dai principali Provider europei INDICE p. 1 1. Le tariffe ADSL in Europa e in

Dettagli

AZIONE ENERGIA SOLARE

AZIONE ENERGIA SOLARE PROGRAMMA 2013 Presentazione dell associazione e programma 2013 per il settore fotovoltaico Italiano AES Chi siamo Azione Energia Solare è una associazione di categoria del mondo fotovoltaico Italiano

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA.

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. I rincari del carburante non rappresentano più una sorpresa per gli automobilisti italiani. I prezzi della

Dettagli

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q4 26 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q4/6 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

mhtml:file://e:\articoli DA PUBBLICARE\Facebook sotto indagine in Germania...

mhtml:file://e:\articoli DA PUBBLICARE\Facebook sotto indagine in Germania... Page 1 of 9 Argomenti del Sole Persone Aziende Autori Dossier Newsletter Versione Digitale Servizi Mappe Meteo Mobile Cerca Avvocato Abbonamenti Mutui Trova Casa Prestiti Trova auto Giochi Widget Tutti

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1 Energia felice Roberto Meregalli 1 L Italia è uno dei paesi più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energie rinnovabili. Ricordiamo che già lo scorso anno abbiamo raggiunto il target previsto

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 Sommario 1. Chi siamo Istituzione e obiettivi Quadro comunitario (focus DDA) 2. Come

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Servizi per l Energia Solare SunEdison. Fornitura di Servizi Completi per Centrali Solari in tutto il Mondo

Servizi per l Energia Solare SunEdison. Fornitura di Servizi Completi per Centrali Solari in tutto il Mondo Servizi per l Energia Solare SunEdison Fornitura di Servizi Completi per Centrali Solari in tutto il Mondo SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEGLI ATTIVI 2 Con garanzie in termini di Sicurezza, Qualità e Valore

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2013

Comunicato Stampa 12 novembre 2013 Landi Renzo: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2013. o Fatturato pari a 164,6 (203,4 milioni di euro al 30 settembre 2012) o EBITDA pari a 8,1 milioni di euro (23,7 milioni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201 RASSEGNA STAMPA 23 201 Agenzia Dire (ER) RAI. CNA: DIETROFRONT SU CANONE PER PC, LA PROTESTA PAGA ALLA SODDISFAZIONE SI SOMMA STOP SENATO A NORMA RISARCIMENTO AUTO (DIRE) Bologna, 22 feb. - "La dura presa

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

Indici di settore. semestrale. Rivelate le maggiori tendenze dell industria alberghiera

Indici di settore. semestrale. Rivelate le maggiori tendenze dell industria alberghiera Indici di settore TripAdvisor 2012 Rendiconto semestrale Rivelate le maggiori tendenze dell industr alberghiera Il sondaggio sugli Indici di settore TripAdvisor 2012, il più esteso sondaggio sugli hotel

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: il consiglio di amministrazione approva i risultati consolidati del primo semestre 2008.

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 Parmalat consegue un EBITDA di 330,5 milioni di euro al lordo delle differenze cambio e 316,3 milioni di

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

GRUPPO DIGITAL BROS:

GRUPPO DIGITAL BROS: COMUNICATO STAMPA Il CdA del Gruppo Digital Bros ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2016 (terzo trimestre dell esercizio 2015 2016) GRUPPO DIGITAL BROS: RICAVI A 61,3 MILIONI

Dettagli