PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE AL PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE AL PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013"

Transcript

1 Agenzia per la Coesione Territoriale PIANO DI AZIONE COESIONE (PAC) PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE AL PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA APRILE 2015

2 INDICE 1. CONTESTO DI RIFERIMENTO STRATEGIA E OBIETTIVI LE RIPOGRAMMAZIONI DEL PON GOVERNANCE E AT PIANO FINANZIARIO DEL PROGRAMMA COMPLEMENTARE DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO (SIGECO) STRUTTURE RESPONSABILI GESTIONE RISORSE FINANZIARIE E CONTROLLI SORVEGLIANZA, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE LE SCHEDE INTERVENTO DEL PROGRAMMA COMPLEMENTARE PROGETTI IN SALVAGUARDIA N. 1 - Progetto Assistenza Tecnica alle strutture coinvolte nell attuazione del Piano di Azione Coesione N. 2 - Progetto Attività esterne di valutazione del Pon Governance e Assistenza Tecnica N. 3 - Progetto OpenCoesione N. 4 - Progetto Supporto alla valutazione del Quadro Strategico Nazionale N. 5 - Progetto Azioni di sostegno alle attività del Sistema Nazionale di Valutazione e dei Nuclei di Valutazione N. 6 - Progetto Open Pompei N. 7 - Progetto Consolidamento, Promozione e Diffusione dei Conti Pubblici Territoriali (CPT) N. 8 - Progetto Supporto alla definizione ed attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) N. 9 - Progetto Rete Ambientale N Progetto OpenCUP N Progetto Archivi dello Sviluppo Economico Territoriale (ASET) Modelli innovativi di conservazione e riuso delle fonti per la storia degli interventi straordinari per lo sviluppo del mezzogiorno N Progetto Progetto Operativo di Assistenza Tecnica alle Regioni dell Obiettivo Convergenza N Progetto Progetto Operativo di Assistenza Tecnica Per la Gioventù N Progetto Progetto Operativo di Assistenza Tecnica MEF IGRUE

3 N Progetto POAT MiBACT II fase Rete per la governance delle politiche culturali NUOVI PROGETTI N. 1 - Progetto Kublai: animazione della community e progettazione strategica N. 2 - Progetto Sistema Informativo per le Autorità dei Programmi Comunitari (SIAC ) N. 3 - Progetto Attivazione, implementazione e diffusione di soluzioni innovative destinate alla gestione dei processi relativi alle Politiche di Coesione N. 4 - Progetto Accompagnamento all attuazione delle politiche nazionali e regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy S3) N. 5 - Progetto "Officina Mezzogiorno" N. 6 - Progetto Sostegno all iniziativa OpenCoesione verso il ciclo di programmazione N. 7 - Progetto Supporto tecnico per l avvio della piena operatività del nuovo assetto istituzionale e organizzativo delle governance delle politiche di coesione (progetto ponte) N. 8 - Progetto Analisi e presidio strumenti finanziari N. 9 - Progetto Azioni di supporto all avvio della programmazione nell ambito dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea N Progetto Supporto tecnico alla Struttura di Missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche N Progetto Supporto tecnico alla Struttura di missione per il coordinamento e impulso nell attuazione di interventi di riqualificazione dell edilizia scolastica N Progetto Rafforzamento delle autorita ambientali N Progetto POAT MiBACT III fase rete per la governance delle politiche culturali N Progetto Affiancamento consulenziale specialistico alle Regioni Convergenza sulla tematica dell internazionalizzazione delle imprese N Progetto Supporto alle regioni Convergenza per l individuazione di opportunità nell ambito del turismo N Progetto Attività di supporto specialistico al Dipartimento della funzione pubblica nell ambito della gestione operativa della Banca Dati Esperti (BDE) e nelle attività di supporto all avvio della nuova programmazione

4 N Progetto Assistenza Tecnica al Dipartimento della Funzione Pubblica per l attuazione degli interventi finanziati nell ambito del Programma Azione e Coesione complementare al PON GAT e per la chiusura degli interventi di cui agli Obiettivi Operativi II.4 e II.5 del PON GAT FESR N Progetto Assistenza tecnica per il supporto alla chiusura degli interventi finanziati dal DFP nelle Regioni ob. Convergenza in tema di capacity building N Progetto Formanagrafe - Azioni di addestramento e accompagnamento del personale dei Comuni per la messa a regime dell Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente

5 1. CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel corso del 2011 è stata avviata, di intesa con la Commissione Europea, l azione per accelerare l attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali sulla base di quanto stabilito dalla Delibera CIPE 1/2011 e puntualmente concordato nel Comitato Nazionale del Quadro Strategico Nazionale (riunione del 30 marzo 2011) da tutte le Regioni, dalle Amministrazioni centrali interessate e dal partenariato economico e sociale. Questa azione di accelerazione ha prodotto alcuni significativi risultati in termini di avanzamento finanziario dei Programmi Operativi. Allo scopo di consolidare e completare questo percorso è stato predisposto il Piano di Azione Coesione, inviato il 15 novembre 2011 dall allora Ministro per i Rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale al Commissario Europeo per la Politica Regionale. Il Piano di Azione Coesione ha l obiettivo di colmare i ritardi ancora rilevanti nell attuazione e, al contempo, rafforzare l efficacia degli interventi, in attuazione degli impegni assunti con la lettera del Presidente del Consiglio al Presidente della Commissione Europea e al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011 e in conformità alle Conclusioni del Vertice dei Paesi Euro dello stesso 26 ottobre Il Piano di Azione Coesione impegna quindi le amministrazioni centrali e locali a rilanciare i programmi in grave ritardo, garantendo una forte concentrazione delle risorse su alcune priorità. L intervento, definito tenendo conto degli esiti del confronto con il partenariato istituzionale ed economico-sociale, si attua sulla base di quattro principi: concentrazione su tematiche di interesse strategico nazionale, declinate regione per regione secondo le esigenze dei diversi contesti, attraverso un confronto tecnico fra Governo e Regioni; definizione di risultati obiettivo in termini di miglioramento della qualità di vita dei cittadini; cooperazione rafforzata con la Commissione europea; azione di supporto e affiancamento da parte di centri di competenza nazionale. 4

6 La prima fase del PAC ha riguardato le quattro regioni Convergenza, dove si sono registrati (con forti differenze interne) i maggiori ritardi di attuazione. A queste regioni si sono associate quelle in sostegno transitorio Sardegna e Basilicata (con interventi relativi all Agenda digitale, all Occupazione e alle Reti) e le Regioni CRO Molise (limitatamente all Agenda Digitale e all Occupazione) e Abruzzo (per la sola priorità Occupazione). La seconda fase del PAC ha riguardato i Programmi Operativi Nazionali dell Obiettivo Convergenza tra cui il PON Governance e Assistenza Tecnica (per un importo di 50 milioni di euro derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale). Le priorità perseguite sono state Competitività e innovazione delle imprese, Giovani, Inclusione sociale - cura dell infanzia e degli anziani non autosufficienti - Aree di attrazione culturale. La terza fase del PAC ha riguardato l attivazione di tre tipologie di interventi: misure anticicliche, salvaguardia di interventi strategici, nuovi interventi. La quarta fase del PAC ha riguardato l attivazione di misure straordinarie per la promozione dell occupazione in particolare giovanile e la coesione sociale. La quinta ed ultima fase del PAC prevede la rimodulazione di importi già programmati nel PAC su azioni non avviate o comunque in ritardo di attuazione. La riprogrammazione necessaria a riorientare risorse sul Piano, prevede le seguenti modalità operative: - una forte concentrazione delle risorse liberate in quanto ancora non utilizzate nei Programmi operativi regionali su linee di attività concernenti i quattro comparti individuati dagli impegni assunti con gli accordi Commissione Europea e Stato membro; - un innalzamento dei tassi di cofinanziamento comunitario (nelle regioni ob. Convergenza fino al 75% e per le Regioni CRO fino al 50%) ed una contestuale riduzione dell ammontare totale delle risorse programmate con i PON ed i POR; una tale revisione finanziaria libererà risorse del cofinanziamento dello SM (L. 183/87) che potranno essere destinate a nuovi programmi finalizzati ai comparti soprarichiamati. I Programmi potranno quindi essere realizzati al di fuori della tempistica prevista dalla regolamentazione comunitaria e potranno quindi presumibilmente determinare una più agevole implementazione. 5

7 In tale contesto, il PON Governance e Assistenza Tecnica FESR, ha aderito al Piano sia nel 2012 che nel 2014 rispettivamente con risorse pari a 50 e 42 milioni di euro derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale, il che ha condotto a due diverse riprogrammazioni entrambe approvate sia dal Comitato di Sorveglianza che dalla Commissione Europea. La riprogrammazione del 2014, in adesione al Piano di Azione Coesione, costituisce l oggetto del presente Programma di Azione e Coesione complementare al PON Governance e Assistenza Tecnica (d ora in avanti Programma Complementare ). Il quadro che segue riporta i principali riferimenti normativi relativi al Piano di Azione Coesione. RIFERIMENTI NORMATIVI - Dichiarazioni del Vertice Europeo di Bruxelles del 26 ottobre 2011; - Lettera del Governo Italiano al Presidente della Commissione Europea ed al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011 in risposta alle dichiarazioni del Vertice Europeo; - Piano Nazionale per il Sud: Sud Piano di Azione Coesione I e II aggiornamento - Piano di Azione Coesione III e ultima fase - Nota MISE DPS DG PRUC prot. 974 del 25/1/2012: Riduzione della quota nazionale modalità di modifica dei Programmi Operativi ; - Nota MEF RGS- IGRUE prot del 6/4/2012: Procedure per l utilizzo delle risorse della legge 183/87 rivenienti dalla riduzione del tasso del cofinanziamento statale dei programmi strutturali UE 2007/2013; - Nota MEF RGS -IGRUE prot del 8/5/2012: Monitoraggio Piano di Azione Coesione ; - Nota MISE DPS DG PRUC prot.8196 del 18/6/2012: Indicazioni per il percorso di riprogrammazione dei Programmi Operativi Errata corrige nota MISE-DPS DG PRUC prot del 24 luglio 2012; - Nota MEF RGS - IGRUE prot del 26/10/2012: Vademecum sul monitoraggio del Piano di Azione Coesione ; 6

8 - Delibera CIPE n. 96 del 03/08/2012, recante Presa d atto del Piano di azione coesione ; - Delibera CIPE n. 113 del 26/10/2012, recante Individuazione delle amministrazioni responsabili della gestione e dell attuazione di programmi/interventi finanziati nell ambito del piano di azione coesione e relative modalità di attuazione ; - Nota MEF RGS - IGRUE prot del 31/01/2013 (modificata con prot del 13/02/2013) Procedure di utilizzo risorse concernenti gli interventi finanziati nell'ambito del Piano Azione Coesione. 2. STRATEGIA E OBIETTIVI La riprogrammazione del 2014, in adesione al Piano di Azione Coesione, è stata il risultato di un attento monitoraggio procedurale e finanziario avviato con tutti i Beneficiari del PON Governance e Assistenza Tecnica ed in collaborazione con l Organismo Intermedio (Dipartimento della Funzione Pubblica) per i Progetti afferenti gli obiettivi operativi delegati (II.4 e II.5) nel mese di luglio 2014 ad esito del Comitato di Sorveglianza del 20 giugno A conclusione della descritta indagine ricognitiva, l Autorità di Gestione del Programma con nota ID del 7 agosto 2014 ha presentato al Gruppo di Azione del Piano di Azione Coesione una specifica proposta di riprogrammazione. Con successiva nota prot. n del 5 settembre 2014, il Gruppo di Azione approvava la proposta di adesione per complessivi 42 milioni di euro a valere sulle risorse di cofinanziamento nazionale, in esito alla Decisione CE di riprogrammazione del PON. La nota di assenso confermava, inoltre, la destinazione delle risorse indicate, derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale, alla messa in salvaguardia di interventi già avviati e all implementazione di nuove azioni prevalentemente anticipatorie del ciclo di programmazione Il Programma Complementare, quindi, nel rispetto di quanto stabilito dal Gruppo di Azione in fase di approvazione della riprogrammazione ha previsto il finanziamento di due tipologie di azioni, tra quelle ammissibili all interno della regolamentazione PAC e destinate: 7

9 - alla salvaguardia di interventi validi già avviati ma in ritardo di attuazione per un importo di 25 milioni di euro; - all implementazione di nuove azioni prevalentemente anticipatorie del ciclo di programmazione per un importo di 17 milioni di euro. 2.1 LE RIPOGRAMMAZIONI DEL PON GOVERNANCE E AT Come già precisato il PON Governance e Assistenza Tecnica , che originariamente aveva un costo totale pari a ,00, è stato riprogrammato una prima volta, in adesione alla II fase del Piano di Azione Coesione, per 50 milioni di euro derivanti dalla riduzione del tasso di cofinanziamento nazionale. Tale riprogrammazione è stata approvata dal Comitato di Sorveglianza in data 31 maggio 2012 e dalla Commissione Europea con Decisione C(2012) 7100 del 9 ottobre Il PON quindi, con l approvazione della riprogrammazione, disponeva di una dotazione complessiva pari a euro ,00 (di cui il 61,05% contributo comunitario FESR). La riprogrammazione del PON del 2012 risultava finalizzata a: migliorare la qualità e l efficacia delle azioni in corso ed assicurare il più efficace orientamento delle risorse, procedendo alla revisione del quadro finanziario; massimizzare l orientamento ai risultati delle azioni privilegiando, quindi, un approccio per progetti mirati volti a conseguire progressi valutabili nella capacità di azione delle PA; supportare la fase negoziale per il periodo di programmazione e rafforzare la capacità delle Amministrazioni impegnate ad attuare interventi nel nuovo ciclo di programmazione. La riprogrammazione del 2012 ha consentito, già, il riorientamento di alcuni interventi approvati verso finalità di accompagnamento al nuovo ciclo e l ammissione a finanziamento di nuove iniziative progettuali. Successivamente, a circa un anno e mezzo dal termine di ammissibilità delle spese, l Autorità di Gestione, come sopra precisato, ha inteso avviare nel mese di luglio

10 un esame approfondito sullo stato di attuazione finanziario e procedurale di tutti i progetti ammessi al PON attraverso il coinvolgimento diretto dei Beneficiari del Programma. Le iniziative di monitoraggio sono state, in particolare, finalizzate: 1. alla ricognizione delle criticità riscontrate in fase di attuazione, che avevano determinato i ritardi di realizzazione progettuale; 2. all intercettazione di eventuali e potenziali economie di progetto individuate in importi non impegnati e che non si prevedeva di spendere entro le relative scadenze progettuali; 3. all individuazione di nuovi fabbisogni regionali di assistenza tecnica sulla base dei quali avviare specifiche iniziative o riorientare la fase finale di quelle esistenti. L esito delle indagini effettuate ha condotto l Autorità di Gestione del Programma a presentare al Gruppo di Azione una proposta di riprogrammazione in adesione al Piano di Azione Coesione secondo le indicazioni contenute nel documento Iniziative di accelerazione e di miglioramento dell efficacia degli interventi dei Programmi comunitari 2007/2013, per come rivisto a seguito della seduta del Comitato del QSN del 9 aprile 2013, ed, in particolare, secondo le modalità indicate nel punto 2.b del documento Indicazioni per il percorso di riprogrammazione dei Programmi Operativi trasmesso con nota DPS prot. n U del 18 giugno Successivamente, ottenuto il relativo assenso, è stato formalmente avviato il processo di riprogrammazione in base a quanto previsto dall art. 33 del Regolamento (CE) n. 1083/2006. La proposta di riprogrammazione prevedeva esclusivamente un ridimensionamento finanziario del Programma mediante la riduzione del cofinanziamento nazionale lineare sui due Assi Prioritari, con l obiettivo di innalzare il tasso di cofinanziamento comunitario al 75,00%, ossia entro la soglia regolamentare. Le risorse rinvenienti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale sarebbero state destinate ad un Programma parallelo al PON. La riduzione complessiva di cofinanziamento nazionale, pari dunque a euro ,00 e come sopra specificato, avrebbe consentito di: 9

11 salvaguardare l attuazione di interventi di supporto ed accompagnamento all avvio della nuova programmazione comunitaria, già approvati nel Programma e che attualmente manifestano rallentamenti in fase di start up, garantendone il perseguimento delle finalità di supporto tecnico operativo anche oltre il periodo di ammissibilità della spesa del Programma ; proteggere e riqualificare le potenziali economie di Programma (ivi comprese le economie progettuali derivanti dalla riduzione del costo ammesso di alcuni Progetti già finanziati ad esito della ricognizione effettuata) e che diversamente potrebbero tradursi in una perdita netta di risorse a fine programmazione, orientandole su nuove iniziative in linea con i fabbisogni emersi ed emergenti prioritariamente in accompagnamento al ciclo A seguito dell esame e approvazione da parte dei componenti del Comitato di Sorveglianza (attivato con procedura scritta), la modifica al PON Governance e Assistenza Tecnica è stata approvata dalla Commissione Europea con Decisione C(2014) 9103 del 26 novembre 2014 e conseguentemente l attuale costo totale del Programma ammonta a ,00 (di cui il 75,00% contributo comunitario FESR). 10

12 3. PIANO FINANZIARIO DEL PROGRAMMA COMPLEMENTARE Di seguito si riporta l elenco dei 34 Progetti ed il Piano finanziario complessivo delle risorse assegnate al Programma Complementare. I Progetti e gli importi sono aggregati secondo la suddivisione Progetti in salvaguardia (15 Progetti) e Nuovi progetti (19 Progetti). Vengono, inoltre, indicati nell ultima colonna della Tabella 1 gli interventi in gestione delegata all Organismo Intermedio. n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) In delega Organismo Intermedio Progetti in salvaguardia 1 2 Assistenza Tecnica alle strutture coinvolte nell attuazione del Piano di Azione Coesione Attività esterne di valutazione del Pon Governance e Assistenza Tecnica , ,92 Fondo di Rotazione , , ,00 ( 1 ) In aggiunta all importo ammissibile sul programma, per i Progetti in salvaguardia che risultavano già cofinanziati nel PON Governance e Assistenza Tecnica in quanto progetti QSN (cfr. PON Governance e AT par. 6.2) e per quelli che ad oggi risultano assegnati ad Invitalia come Beneficiario che cofinanzia i relativi progetti per un importo pari al 4% del Costo totale, si prevede uno specifico cofinanziamento che allo stato attuale ammonta a complessivi ,28 euro. 11

13 Progetti in salvaguardia n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) 3 OpenCoesione , , Supporto alla valutazione del Quadro Strategico Nazionale Azioni di sostegno alle attività del Sistema Nazionale di Valutazione e dei Nuclei di Valutazione Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) , , , ,01 Fondo di Rotazione Fondo di Rotazione Fondo di Rotazione , , ,52 6 Open Pompei , ,00 Consolidamento, Promozione e Fondo di 7 Diffusione dei Conti Pubblici , , ,00 Rotazione Territoriali (CPT) 8 Supporto alla definizione ed attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) , ,00 9 Rete Ambientale , ,00 10 OpenCUP , ,00 22% Fondo di Rotazione + 4% cofinanziamento Beneficiario Invitalia Fondo di Rotazione Fondo di Rotazione , , ,00 In delega Organismo Intermedio 12

14 Progetti in salvaguardia n. Titolo Progetto Archivi dello Sviluppo Economico Territoriale (ASET) Modelli innovativi di conservazione e riuso delle fonti per la storia degli interventi straordinari per lo sviluppo del mezzogiorno Progetto Operativo di Assistenza Tecnica alle Regioni dell Obiettivo Convergenza DFP Progetto Operativo di Assistenza Tecnica Per la Gioventù Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) , ,00 Fondo di Rotazione ,00 In delega Organismo Intermedio , ,00 X , ,47 X 14 POAT MEF IGRUE II Ciclo , ,00 X 15 POAT MiBACT II fase Rete per la governance delle politiche culturali , ,00 X TOTALE SALVAGUARDIA , , ,75 13

15 Nuovi progetti n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) 1 KUBLAI - animazione della community e progettazione , ,00 strategica Sistema Informativo per le Autorità dei Programmi , ,00 Comunitari (SIAC ) 3 Attivazione, implementazione e diffusione di soluzioni innovative destinate alla gestione dei processi , ,00 relativi alle Politiche di Coesione Accompagnamento all attuazione delle politiche nazionali e regionali di ricerca e innovazione , ,00 (Smart Specialisation Strategy S3) 5 Officina Mezzogiorno , ,00 6 Open Coesione II fase , ,00 7 Supporto tecnico per l avvio della piena operatività del nuovo assetto istituzionale e organizzativo delle governance delle politiche di coesione (progetto ponte) , ,60 In delega Organismo Intermedio 14

16 Nuovi progetti n. Titolo Progetto Analisi e presidio strumenti finanziari Azioni di supporto all avvio della programmazione nell ambito dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Supporto tecnico alla Struttura di Missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche Supporto tecnico alla Struttura di Missione per il coordinamento e impulso nell'attuazione di interventi di qualificazione dell'edilizia scolastica POAT - Rafforzamento delle Autorità Ambientali Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) , , , , , ,00 Cofinanziamento Beneficiario Invitalia (4%) , ,00 Cofinanziamento Beneficiario Invitalia (4%) , ,00 In delega Organismo Intermedio , ,00 X 13 POAT MiBACT III fase Rete per la governance delle politiche culturali , ,00 X 15

17 Nuovi progetti n. Titolo Progetto POAT MISE - Affiancamento consulenziale specialistico alle Regioni Convergenza sulla tematica dell internazionalizzazione delle imprese POAT Turismo - Supporto alle regioni Convergenza per l individuazione di opportunità nell ambito del turismo Attività di supporto specialistico al Dipartimento della funzione pubblica nell ambito della gestione operativa della Banca Dati Esperti (BDE) e delle attività di pianificazione propedeutiche all avvio della nuova programmazione Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) In delega Organismo Intermedio , ,47 X , ,00 X , ,00 X 16

18 Nuovi progetti n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) In delega Organismo Intermedio Assistenza Tecnica al Dipartimento della Funzione Pubblica per l attuazione degli interventi finanziati nell ambito del pac e per la chiusura degli interventi di cui agli Obiettivi Operativi II.4 e II.5 del PON GAT FESR , ,00 X Assistenza tecnica per il supporto alla chiusura degli interventi finanziati dal DFP nelle Regioni , ,46 X ob. Convergenza in tema di capacity building Formanagrafe - Azioni di addestramento e accompagnamento del personale dei Comuni per la messa a regime , ,00 X dell Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente TOTALE NUOVI PROGETTI , , ,53 TOTALE PROGRAMMA COMPLEMENTARE , , ,28 Tabella 1 17

19 4. DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO (SIGECO) Ai sensi della Delibera CIPE n. 113 del 26 ottobre 2012 ciascuna Amministrazione responsabile della gestione degli interventi individuati dal Piano di azione coesione individua, con atto formale, le strutture deputate a dare esecuzione a tali interventi, con l'attribuzione delle relative responsabilità di gestione, monitoraggio e controllo. Inoltre, in base a quanto previsto nella nota MEF RGS - IGRUE prot del 31/01/2013 (modificata con prot del 13/02/2013), Allegato 3 Descrizione dei sistemi di gestione e controllo concernenti gli interventi finanziati dalle risorse del Fondo di Rotazione nell ambito del Piano di Azione Coesione : le Amministrazioni sopra richiamate già titolari di Programmi Operativi 2007/2013, oppure individuate come Organismi Intermedi in Programmi Operativi 2007/2013, possono confermare - anche parzialmente (fino ai controlli di l livello) e per i soli aspetti di rilievo descritti nel seguito - il sistema di gestione e controllo in essere approvato ai sensi dell' art. 71 del Regolamento (CE) 1083/2006. tutte le altre Amministrazioni procedono con atto formale alla individuazione delle strutture nel rispetto degli elementi minimi relativi al sistema di gestione e di controllo. Alla luce di quanto sopra, le regole di funzionamento, gestione e controllo del presente Programma saranno mutuate dal Si.Ge.Co. del PON Governance e AT FESR, nel rispetto delle regole relative agli obiettivi specifici di provenienza delle risorse rinvenienti. Nello specifico gli interventi in salvaguardia o i nuovi progetti derivanti da economie progettuali afferenti gli Obiettivi operativi II.4 e II.5 delegati all Organismo Intermedio continueranno a seguire la pertinente regolamentazione specifica, (l ultima colonna della tabella 1 del capitolo 3 indica i progetti rientranti in delega dell Organismo Intermedio). Nel paragrafo successivo sono indicate le strutture responsabili per le principali funzioni elencate nella citata nota del MEF-RGS-IGRUE. Per quanto non precisato all interno della tabella che segue si rinvia alla Descrizione dei sistemi di gestione e controllo ed alla Manualistica vigente ad uso dell AdG e dell Organismo Intermedio del PON Governance e Assistenza Tecnica che deve intendersi pienamente vigente anche per il Programma Complementare in tutte le sue fasi e procedure riferite alle Autorità coinvolte, 18

20 giusti gli opportuni adattamenti della relativa modulistica che saranno oggetto di una specifica nota circolare. Per questi motivi accanto ad ogni Autorità del Programma Complementare viene riportato anche il riferimento all equivalente Autorità del PON. A quanto sopra descritto fa eccezione l Autorità di Audit del PON che, relativamente al Programma Complementare, non risulta assegnataria di alcuna funzione. 4.1 STRUTTURE RESPONSABILI Nome struttura Programma Complementare Struttura di coordinamento del Programma Complementare Struttura di gestione finanziaria del Programma Complementare Funzioni Assicura la corretta e puntuale gestione dell Intervento: attuazione procedurale e fisica: procedure di selezione delle operazioni o degli attuatori; atti di finanziamento (o revoca parziale/totale); sorveglianza del cronogramma di attuazione finanziaria; valutazione; informazione e pubblicità; messa in opera di ogni iniziativa finalizzata a prevenire, rimuovere e sanzionare eventuali frodi e irregolarità nell attuazione degli interventi; rapporto annuale e finale di esecuzione; relazioni interistituzionali tra i diversi livelli di governo. Assicura l esecuzione finanziaria dell Intervento: gestione delle scritture contabili dell intervento (tracciabilità delle fonti finanziarie); richiesta dell anticipazione iniziale; presentazione della domanda di pagamento intermedio; presentazione della domanda di saldo finale; gestione delle irregolarità e frodi e relativi recuperi. Corrispondenza struttura PON Autorità di Gestione del PON Governance e Assistenza Tecnica (e per quanto compatibile con la descrizione dei Sistemi di gestione e controllo del PON, l Organismo Intermedio per gli interventi di pertinenza) Autorità di Certificazione del PON Ufficio Agenzia per la coesione territoriale Ufficio AdG ex DGPRUC DPS Div. VI Organismo Intermedio Dipartimento della Funzione Pubblica Agenzia per la coesione territoriale Ufficio AdC ex DGPRUC DPS Div. VII 19

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR LINEE GUIDA per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR Versione 1 Marzo 2011 Prot. n. AOODGAI 4564 del 01.04.2011 v Sito

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.)

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Regione Basilicata Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007/2013 V e r s i o n e n.2 m a g g i o 2 0 1 4 R e g i o n e B a s i l i c a

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013 PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013 Servizio Politiche Nazionali per lo Sviluppo - Proposta- Versione SETTEMBRE 2011 INDICE PREMESSA...V 1. ELEMENTI RILEVANTI

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013 Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013 CCI 2007 CB163 PO 034

Dettagli

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia 2015 XIV Commissione permanente Politiche dell Unione Europea Camera dei Deputati 14/01/2015

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Unione Europea P.O.N. - Competenze per lo Sviluppo (FSE) P.O.N. - Ambiente per l apprendimento (FESR) D.G. Occupazione, Affari Sociali e

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli