PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE AL PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE AL PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013"

Transcript

1 Agenzia per la Coesione Territoriale PIANO DI AZIONE COESIONE (PAC) PROGRAMMA DI AZIONE E COESIONE COMPLEMENTARE AL PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA APRILE 2015

2 INDICE 1. CONTESTO DI RIFERIMENTO STRATEGIA E OBIETTIVI LE RIPOGRAMMAZIONI DEL PON GOVERNANCE E AT PIANO FINANZIARIO DEL PROGRAMMA COMPLEMENTARE DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO (SIGECO) STRUTTURE RESPONSABILI GESTIONE RISORSE FINANZIARIE E CONTROLLI SORVEGLIANZA, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE LE SCHEDE INTERVENTO DEL PROGRAMMA COMPLEMENTARE PROGETTI IN SALVAGUARDIA N. 1 - Progetto Assistenza Tecnica alle strutture coinvolte nell attuazione del Piano di Azione Coesione N. 2 - Progetto Attività esterne di valutazione del Pon Governance e Assistenza Tecnica N. 3 - Progetto OpenCoesione N. 4 - Progetto Supporto alla valutazione del Quadro Strategico Nazionale N. 5 - Progetto Azioni di sostegno alle attività del Sistema Nazionale di Valutazione e dei Nuclei di Valutazione N. 6 - Progetto Open Pompei N. 7 - Progetto Consolidamento, Promozione e Diffusione dei Conti Pubblici Territoriali (CPT) N. 8 - Progetto Supporto alla definizione ed attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) N. 9 - Progetto Rete Ambientale N Progetto OpenCUP N Progetto Archivi dello Sviluppo Economico Territoriale (ASET) Modelli innovativi di conservazione e riuso delle fonti per la storia degli interventi straordinari per lo sviluppo del mezzogiorno N Progetto Progetto Operativo di Assistenza Tecnica alle Regioni dell Obiettivo Convergenza N Progetto Progetto Operativo di Assistenza Tecnica Per la Gioventù N Progetto Progetto Operativo di Assistenza Tecnica MEF IGRUE

3 N Progetto POAT MiBACT II fase Rete per la governance delle politiche culturali NUOVI PROGETTI N. 1 - Progetto Kublai: animazione della community e progettazione strategica N. 2 - Progetto Sistema Informativo per le Autorità dei Programmi Comunitari (SIAC ) N. 3 - Progetto Attivazione, implementazione e diffusione di soluzioni innovative destinate alla gestione dei processi relativi alle Politiche di Coesione N. 4 - Progetto Accompagnamento all attuazione delle politiche nazionali e regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy S3) N. 5 - Progetto "Officina Mezzogiorno" N. 6 - Progetto Sostegno all iniziativa OpenCoesione verso il ciclo di programmazione N. 7 - Progetto Supporto tecnico per l avvio della piena operatività del nuovo assetto istituzionale e organizzativo delle governance delle politiche di coesione (progetto ponte) N. 8 - Progetto Analisi e presidio strumenti finanziari N. 9 - Progetto Azioni di supporto all avvio della programmazione nell ambito dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea N Progetto Supporto tecnico alla Struttura di Missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche N Progetto Supporto tecnico alla Struttura di missione per il coordinamento e impulso nell attuazione di interventi di riqualificazione dell edilizia scolastica N Progetto Rafforzamento delle autorita ambientali N Progetto POAT MiBACT III fase rete per la governance delle politiche culturali N Progetto Affiancamento consulenziale specialistico alle Regioni Convergenza sulla tematica dell internazionalizzazione delle imprese N Progetto Supporto alle regioni Convergenza per l individuazione di opportunità nell ambito del turismo N Progetto Attività di supporto specialistico al Dipartimento della funzione pubblica nell ambito della gestione operativa della Banca Dati Esperti (BDE) e nelle attività di supporto all avvio della nuova programmazione

4 N Progetto Assistenza Tecnica al Dipartimento della Funzione Pubblica per l attuazione degli interventi finanziati nell ambito del Programma Azione e Coesione complementare al PON GAT e per la chiusura degli interventi di cui agli Obiettivi Operativi II.4 e II.5 del PON GAT FESR N Progetto Assistenza tecnica per il supporto alla chiusura degli interventi finanziati dal DFP nelle Regioni ob. Convergenza in tema di capacity building N Progetto Formanagrafe - Azioni di addestramento e accompagnamento del personale dei Comuni per la messa a regime dell Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente

5 1. CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel corso del 2011 è stata avviata, di intesa con la Commissione Europea, l azione per accelerare l attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali sulla base di quanto stabilito dalla Delibera CIPE 1/2011 e puntualmente concordato nel Comitato Nazionale del Quadro Strategico Nazionale (riunione del 30 marzo 2011) da tutte le Regioni, dalle Amministrazioni centrali interessate e dal partenariato economico e sociale. Questa azione di accelerazione ha prodotto alcuni significativi risultati in termini di avanzamento finanziario dei Programmi Operativi. Allo scopo di consolidare e completare questo percorso è stato predisposto il Piano di Azione Coesione, inviato il 15 novembre 2011 dall allora Ministro per i Rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale al Commissario Europeo per la Politica Regionale. Il Piano di Azione Coesione ha l obiettivo di colmare i ritardi ancora rilevanti nell attuazione e, al contempo, rafforzare l efficacia degli interventi, in attuazione degli impegni assunti con la lettera del Presidente del Consiglio al Presidente della Commissione Europea e al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011 e in conformità alle Conclusioni del Vertice dei Paesi Euro dello stesso 26 ottobre Il Piano di Azione Coesione impegna quindi le amministrazioni centrali e locali a rilanciare i programmi in grave ritardo, garantendo una forte concentrazione delle risorse su alcune priorità. L intervento, definito tenendo conto degli esiti del confronto con il partenariato istituzionale ed economico-sociale, si attua sulla base di quattro principi: concentrazione su tematiche di interesse strategico nazionale, declinate regione per regione secondo le esigenze dei diversi contesti, attraverso un confronto tecnico fra Governo e Regioni; definizione di risultati obiettivo in termini di miglioramento della qualità di vita dei cittadini; cooperazione rafforzata con la Commissione europea; azione di supporto e affiancamento da parte di centri di competenza nazionale. 4

6 La prima fase del PAC ha riguardato le quattro regioni Convergenza, dove si sono registrati (con forti differenze interne) i maggiori ritardi di attuazione. A queste regioni si sono associate quelle in sostegno transitorio Sardegna e Basilicata (con interventi relativi all Agenda digitale, all Occupazione e alle Reti) e le Regioni CRO Molise (limitatamente all Agenda Digitale e all Occupazione) e Abruzzo (per la sola priorità Occupazione). La seconda fase del PAC ha riguardato i Programmi Operativi Nazionali dell Obiettivo Convergenza tra cui il PON Governance e Assistenza Tecnica (per un importo di 50 milioni di euro derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale). Le priorità perseguite sono state Competitività e innovazione delle imprese, Giovani, Inclusione sociale - cura dell infanzia e degli anziani non autosufficienti - Aree di attrazione culturale. La terza fase del PAC ha riguardato l attivazione di tre tipologie di interventi: misure anticicliche, salvaguardia di interventi strategici, nuovi interventi. La quarta fase del PAC ha riguardato l attivazione di misure straordinarie per la promozione dell occupazione in particolare giovanile e la coesione sociale. La quinta ed ultima fase del PAC prevede la rimodulazione di importi già programmati nel PAC su azioni non avviate o comunque in ritardo di attuazione. La riprogrammazione necessaria a riorientare risorse sul Piano, prevede le seguenti modalità operative: - una forte concentrazione delle risorse liberate in quanto ancora non utilizzate nei Programmi operativi regionali su linee di attività concernenti i quattro comparti individuati dagli impegni assunti con gli accordi Commissione Europea e Stato membro; - un innalzamento dei tassi di cofinanziamento comunitario (nelle regioni ob. Convergenza fino al 75% e per le Regioni CRO fino al 50%) ed una contestuale riduzione dell ammontare totale delle risorse programmate con i PON ed i POR; una tale revisione finanziaria libererà risorse del cofinanziamento dello SM (L. 183/87) che potranno essere destinate a nuovi programmi finalizzati ai comparti soprarichiamati. I Programmi potranno quindi essere realizzati al di fuori della tempistica prevista dalla regolamentazione comunitaria e potranno quindi presumibilmente determinare una più agevole implementazione. 5

7 In tale contesto, il PON Governance e Assistenza Tecnica FESR, ha aderito al Piano sia nel 2012 che nel 2014 rispettivamente con risorse pari a 50 e 42 milioni di euro derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale, il che ha condotto a due diverse riprogrammazioni entrambe approvate sia dal Comitato di Sorveglianza che dalla Commissione Europea. La riprogrammazione del 2014, in adesione al Piano di Azione Coesione, costituisce l oggetto del presente Programma di Azione e Coesione complementare al PON Governance e Assistenza Tecnica (d ora in avanti Programma Complementare ). Il quadro che segue riporta i principali riferimenti normativi relativi al Piano di Azione Coesione. RIFERIMENTI NORMATIVI - Dichiarazioni del Vertice Europeo di Bruxelles del 26 ottobre 2011; - Lettera del Governo Italiano al Presidente della Commissione Europea ed al Presidente del Consiglio Europeo del 26 ottobre 2011 in risposta alle dichiarazioni del Vertice Europeo; - Piano Nazionale per il Sud: Sud Piano di Azione Coesione I e II aggiornamento - Piano di Azione Coesione III e ultima fase - Nota MISE DPS DG PRUC prot. 974 del 25/1/2012: Riduzione della quota nazionale modalità di modifica dei Programmi Operativi ; - Nota MEF RGS- IGRUE prot del 6/4/2012: Procedure per l utilizzo delle risorse della legge 183/87 rivenienti dalla riduzione del tasso del cofinanziamento statale dei programmi strutturali UE 2007/2013; - Nota MEF RGS -IGRUE prot del 8/5/2012: Monitoraggio Piano di Azione Coesione ; - Nota MISE DPS DG PRUC prot.8196 del 18/6/2012: Indicazioni per il percorso di riprogrammazione dei Programmi Operativi Errata corrige nota MISE-DPS DG PRUC prot del 24 luglio 2012; - Nota MEF RGS - IGRUE prot del 26/10/2012: Vademecum sul monitoraggio del Piano di Azione Coesione ; 6

8 - Delibera CIPE n. 96 del 03/08/2012, recante Presa d atto del Piano di azione coesione ; - Delibera CIPE n. 113 del 26/10/2012, recante Individuazione delle amministrazioni responsabili della gestione e dell attuazione di programmi/interventi finanziati nell ambito del piano di azione coesione e relative modalità di attuazione ; - Nota MEF RGS - IGRUE prot del 31/01/2013 (modificata con prot del 13/02/2013) Procedure di utilizzo risorse concernenti gli interventi finanziati nell'ambito del Piano Azione Coesione. 2. STRATEGIA E OBIETTIVI La riprogrammazione del 2014, in adesione al Piano di Azione Coesione, è stata il risultato di un attento monitoraggio procedurale e finanziario avviato con tutti i Beneficiari del PON Governance e Assistenza Tecnica ed in collaborazione con l Organismo Intermedio (Dipartimento della Funzione Pubblica) per i Progetti afferenti gli obiettivi operativi delegati (II.4 e II.5) nel mese di luglio 2014 ad esito del Comitato di Sorveglianza del 20 giugno A conclusione della descritta indagine ricognitiva, l Autorità di Gestione del Programma con nota ID del 7 agosto 2014 ha presentato al Gruppo di Azione del Piano di Azione Coesione una specifica proposta di riprogrammazione. Con successiva nota prot. n del 5 settembre 2014, il Gruppo di Azione approvava la proposta di adesione per complessivi 42 milioni di euro a valere sulle risorse di cofinanziamento nazionale, in esito alla Decisione CE di riprogrammazione del PON. La nota di assenso confermava, inoltre, la destinazione delle risorse indicate, derivanti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale, alla messa in salvaguardia di interventi già avviati e all implementazione di nuove azioni prevalentemente anticipatorie del ciclo di programmazione Il Programma Complementare, quindi, nel rispetto di quanto stabilito dal Gruppo di Azione in fase di approvazione della riprogrammazione ha previsto il finanziamento di due tipologie di azioni, tra quelle ammissibili all interno della regolamentazione PAC e destinate: 7

9 - alla salvaguardia di interventi validi già avviati ma in ritardo di attuazione per un importo di 25 milioni di euro; - all implementazione di nuove azioni prevalentemente anticipatorie del ciclo di programmazione per un importo di 17 milioni di euro. 2.1 LE RIPOGRAMMAZIONI DEL PON GOVERNANCE E AT Come già precisato il PON Governance e Assistenza Tecnica , che originariamente aveva un costo totale pari a ,00, è stato riprogrammato una prima volta, in adesione alla II fase del Piano di Azione Coesione, per 50 milioni di euro derivanti dalla riduzione del tasso di cofinanziamento nazionale. Tale riprogrammazione è stata approvata dal Comitato di Sorveglianza in data 31 maggio 2012 e dalla Commissione Europea con Decisione C(2012) 7100 del 9 ottobre Il PON quindi, con l approvazione della riprogrammazione, disponeva di una dotazione complessiva pari a euro ,00 (di cui il 61,05% contributo comunitario FESR). La riprogrammazione del PON del 2012 risultava finalizzata a: migliorare la qualità e l efficacia delle azioni in corso ed assicurare il più efficace orientamento delle risorse, procedendo alla revisione del quadro finanziario; massimizzare l orientamento ai risultati delle azioni privilegiando, quindi, un approccio per progetti mirati volti a conseguire progressi valutabili nella capacità di azione delle PA; supportare la fase negoziale per il periodo di programmazione e rafforzare la capacità delle Amministrazioni impegnate ad attuare interventi nel nuovo ciclo di programmazione. La riprogrammazione del 2012 ha consentito, già, il riorientamento di alcuni interventi approvati verso finalità di accompagnamento al nuovo ciclo e l ammissione a finanziamento di nuove iniziative progettuali. Successivamente, a circa un anno e mezzo dal termine di ammissibilità delle spese, l Autorità di Gestione, come sopra precisato, ha inteso avviare nel mese di luglio

10 un esame approfondito sullo stato di attuazione finanziario e procedurale di tutti i progetti ammessi al PON attraverso il coinvolgimento diretto dei Beneficiari del Programma. Le iniziative di monitoraggio sono state, in particolare, finalizzate: 1. alla ricognizione delle criticità riscontrate in fase di attuazione, che avevano determinato i ritardi di realizzazione progettuale; 2. all intercettazione di eventuali e potenziali economie di progetto individuate in importi non impegnati e che non si prevedeva di spendere entro le relative scadenze progettuali; 3. all individuazione di nuovi fabbisogni regionali di assistenza tecnica sulla base dei quali avviare specifiche iniziative o riorientare la fase finale di quelle esistenti. L esito delle indagini effettuate ha condotto l Autorità di Gestione del Programma a presentare al Gruppo di Azione una proposta di riprogrammazione in adesione al Piano di Azione Coesione secondo le indicazioni contenute nel documento Iniziative di accelerazione e di miglioramento dell efficacia degli interventi dei Programmi comunitari 2007/2013, per come rivisto a seguito della seduta del Comitato del QSN del 9 aprile 2013, ed, in particolare, secondo le modalità indicate nel punto 2.b del documento Indicazioni per il percorso di riprogrammazione dei Programmi Operativi trasmesso con nota DPS prot. n U del 18 giugno Successivamente, ottenuto il relativo assenso, è stato formalmente avviato il processo di riprogrammazione in base a quanto previsto dall art. 33 del Regolamento (CE) n. 1083/2006. La proposta di riprogrammazione prevedeva esclusivamente un ridimensionamento finanziario del Programma mediante la riduzione del cofinanziamento nazionale lineare sui due Assi Prioritari, con l obiettivo di innalzare il tasso di cofinanziamento comunitario al 75,00%, ossia entro la soglia regolamentare. Le risorse rinvenienti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale sarebbero state destinate ad un Programma parallelo al PON. La riduzione complessiva di cofinanziamento nazionale, pari dunque a euro ,00 e come sopra specificato, avrebbe consentito di: 9

11 salvaguardare l attuazione di interventi di supporto ed accompagnamento all avvio della nuova programmazione comunitaria, già approvati nel Programma e che attualmente manifestano rallentamenti in fase di start up, garantendone il perseguimento delle finalità di supporto tecnico operativo anche oltre il periodo di ammissibilità della spesa del Programma ; proteggere e riqualificare le potenziali economie di Programma (ivi comprese le economie progettuali derivanti dalla riduzione del costo ammesso di alcuni Progetti già finanziati ad esito della ricognizione effettuata) e che diversamente potrebbero tradursi in una perdita netta di risorse a fine programmazione, orientandole su nuove iniziative in linea con i fabbisogni emersi ed emergenti prioritariamente in accompagnamento al ciclo A seguito dell esame e approvazione da parte dei componenti del Comitato di Sorveglianza (attivato con procedura scritta), la modifica al PON Governance e Assistenza Tecnica è stata approvata dalla Commissione Europea con Decisione C(2014) 9103 del 26 novembre 2014 e conseguentemente l attuale costo totale del Programma ammonta a ,00 (di cui il 75,00% contributo comunitario FESR). 10

12 3. PIANO FINANZIARIO DEL PROGRAMMA COMPLEMENTARE Di seguito si riporta l elenco dei 34 Progetti ed il Piano finanziario complessivo delle risorse assegnate al Programma Complementare. I Progetti e gli importi sono aggregati secondo la suddivisione Progetti in salvaguardia (15 Progetti) e Nuovi progetti (19 Progetti). Vengono, inoltre, indicati nell ultima colonna della Tabella 1 gli interventi in gestione delegata all Organismo Intermedio. n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) In delega Organismo Intermedio Progetti in salvaguardia 1 2 Assistenza Tecnica alle strutture coinvolte nell attuazione del Piano di Azione Coesione Attività esterne di valutazione del Pon Governance e Assistenza Tecnica , ,92 Fondo di Rotazione , , ,00 ( 1 ) In aggiunta all importo ammissibile sul programma, per i Progetti in salvaguardia che risultavano già cofinanziati nel PON Governance e Assistenza Tecnica in quanto progetti QSN (cfr. PON Governance e AT par. 6.2) e per quelli che ad oggi risultano assegnati ad Invitalia come Beneficiario che cofinanzia i relativi progetti per un importo pari al 4% del Costo totale, si prevede uno specifico cofinanziamento che allo stato attuale ammonta a complessivi ,28 euro. 11

13 Progetti in salvaguardia n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) 3 OpenCoesione , , Supporto alla valutazione del Quadro Strategico Nazionale Azioni di sostegno alle attività del Sistema Nazionale di Valutazione e dei Nuclei di Valutazione Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) , , , ,01 Fondo di Rotazione Fondo di Rotazione Fondo di Rotazione , , ,52 6 Open Pompei , ,00 Consolidamento, Promozione e Fondo di 7 Diffusione dei Conti Pubblici , , ,00 Rotazione Territoriali (CPT) 8 Supporto alla definizione ed attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) , ,00 9 Rete Ambientale , ,00 10 OpenCUP , ,00 22% Fondo di Rotazione + 4% cofinanziamento Beneficiario Invitalia Fondo di Rotazione Fondo di Rotazione , , ,00 In delega Organismo Intermedio 12

14 Progetti in salvaguardia n. Titolo Progetto Archivi dello Sviluppo Economico Territoriale (ASET) Modelli innovativi di conservazione e riuso delle fonti per la storia degli interventi straordinari per lo sviluppo del mezzogiorno Progetto Operativo di Assistenza Tecnica alle Regioni dell Obiettivo Convergenza DFP Progetto Operativo di Assistenza Tecnica Per la Gioventù Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) , ,00 Fondo di Rotazione ,00 In delega Organismo Intermedio , ,00 X , ,47 X 14 POAT MEF IGRUE II Ciclo , ,00 X 15 POAT MiBACT II fase Rete per la governance delle politiche culturali , ,00 X TOTALE SALVAGUARDIA , , ,75 13

15 Nuovi progetti n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) 1 KUBLAI - animazione della community e progettazione , ,00 strategica Sistema Informativo per le Autorità dei Programmi , ,00 Comunitari (SIAC ) 3 Attivazione, implementazione e diffusione di soluzioni innovative destinate alla gestione dei processi , ,00 relativi alle Politiche di Coesione Accompagnamento all attuazione delle politiche nazionali e regionali di ricerca e innovazione , ,00 (Smart Specialisation Strategy S3) 5 Officina Mezzogiorno , ,00 6 Open Coesione II fase , ,00 7 Supporto tecnico per l avvio della piena operatività del nuovo assetto istituzionale e organizzativo delle governance delle politiche di coesione (progetto ponte) , ,60 In delega Organismo Intermedio 14

16 Nuovi progetti n. Titolo Progetto Analisi e presidio strumenti finanziari Azioni di supporto all avvio della programmazione nell ambito dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Supporto tecnico alla Struttura di Missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche Supporto tecnico alla Struttura di Missione per il coordinamento e impulso nell'attuazione di interventi di qualificazione dell'edilizia scolastica POAT - Rafforzamento delle Autorità Ambientali Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) , , , , , ,00 Cofinanziamento Beneficiario Invitalia (4%) , ,00 Cofinanziamento Beneficiario Invitalia (4%) , ,00 In delega Organismo Intermedio , ,00 X 13 POAT MiBACT III fase Rete per la governance delle politiche culturali , ,00 X 15

17 Nuovi progetti n. Titolo Progetto POAT MISE - Affiancamento consulenziale specialistico alle Regioni Convergenza sulla tematica dell internazionalizzazione delle imprese POAT Turismo - Supporto alle regioni Convergenza per l individuazione di opportunità nell ambito del turismo Attività di supporto specialistico al Dipartimento della funzione pubblica nell ambito della gestione operativa della Banca Dati Esperti (BDE) e delle attività di pianificazione propedeutiche all avvio della nuova programmazione Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) In delega Organismo Intermedio , ,47 X , ,00 X , ,00 X 16

18 Nuovi progetti n. Titolo Progetto Costo ammissibile sul Programma di Azione e Coesione complementare al PON GAT (Euro) Cofinanziamento (eventuale) ( 1 ) totale (Euro) (Euro) Fonte finanziaria a b c d(a+b) In delega Organismo Intermedio Assistenza Tecnica al Dipartimento della Funzione Pubblica per l attuazione degli interventi finanziati nell ambito del pac e per la chiusura degli interventi di cui agli Obiettivi Operativi II.4 e II.5 del PON GAT FESR , ,00 X Assistenza tecnica per il supporto alla chiusura degli interventi finanziati dal DFP nelle Regioni , ,46 X ob. Convergenza in tema di capacity building Formanagrafe - Azioni di addestramento e accompagnamento del personale dei Comuni per la messa a regime , ,00 X dell Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente TOTALE NUOVI PROGETTI , , ,53 TOTALE PROGRAMMA COMPLEMENTARE , , ,28 Tabella 1 17

19 4. DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO (SIGECO) Ai sensi della Delibera CIPE n. 113 del 26 ottobre 2012 ciascuna Amministrazione responsabile della gestione degli interventi individuati dal Piano di azione coesione individua, con atto formale, le strutture deputate a dare esecuzione a tali interventi, con l'attribuzione delle relative responsabilità di gestione, monitoraggio e controllo. Inoltre, in base a quanto previsto nella nota MEF RGS - IGRUE prot del 31/01/2013 (modificata con prot del 13/02/2013), Allegato 3 Descrizione dei sistemi di gestione e controllo concernenti gli interventi finanziati dalle risorse del Fondo di Rotazione nell ambito del Piano di Azione Coesione : le Amministrazioni sopra richiamate già titolari di Programmi Operativi 2007/2013, oppure individuate come Organismi Intermedi in Programmi Operativi 2007/2013, possono confermare - anche parzialmente (fino ai controlli di l livello) e per i soli aspetti di rilievo descritti nel seguito - il sistema di gestione e controllo in essere approvato ai sensi dell' art. 71 del Regolamento (CE) 1083/2006. tutte le altre Amministrazioni procedono con atto formale alla individuazione delle strutture nel rispetto degli elementi minimi relativi al sistema di gestione e di controllo. Alla luce di quanto sopra, le regole di funzionamento, gestione e controllo del presente Programma saranno mutuate dal Si.Ge.Co. del PON Governance e AT FESR, nel rispetto delle regole relative agli obiettivi specifici di provenienza delle risorse rinvenienti. Nello specifico gli interventi in salvaguardia o i nuovi progetti derivanti da economie progettuali afferenti gli Obiettivi operativi II.4 e II.5 delegati all Organismo Intermedio continueranno a seguire la pertinente regolamentazione specifica, (l ultima colonna della tabella 1 del capitolo 3 indica i progetti rientranti in delega dell Organismo Intermedio). Nel paragrafo successivo sono indicate le strutture responsabili per le principali funzioni elencate nella citata nota del MEF-RGS-IGRUE. Per quanto non precisato all interno della tabella che segue si rinvia alla Descrizione dei sistemi di gestione e controllo ed alla Manualistica vigente ad uso dell AdG e dell Organismo Intermedio del PON Governance e Assistenza Tecnica che deve intendersi pienamente vigente anche per il Programma Complementare in tutte le sue fasi e procedure riferite alle Autorità coinvolte, 18

20 giusti gli opportuni adattamenti della relativa modulistica che saranno oggetto di una specifica nota circolare. Per questi motivi accanto ad ogni Autorità del Programma Complementare viene riportato anche il riferimento all equivalente Autorità del PON. A quanto sopra descritto fa eccezione l Autorità di Audit del PON che, relativamente al Programma Complementare, non risulta assegnataria di alcuna funzione. 4.1 STRUTTURE RESPONSABILI Nome struttura Programma Complementare Struttura di coordinamento del Programma Complementare Struttura di gestione finanziaria del Programma Complementare Funzioni Assicura la corretta e puntuale gestione dell Intervento: attuazione procedurale e fisica: procedure di selezione delle operazioni o degli attuatori; atti di finanziamento (o revoca parziale/totale); sorveglianza del cronogramma di attuazione finanziaria; valutazione; informazione e pubblicità; messa in opera di ogni iniziativa finalizzata a prevenire, rimuovere e sanzionare eventuali frodi e irregolarità nell attuazione degli interventi; rapporto annuale e finale di esecuzione; relazioni interistituzionali tra i diversi livelli di governo. Assicura l esecuzione finanziaria dell Intervento: gestione delle scritture contabili dell intervento (tracciabilità delle fonti finanziarie); richiesta dell anticipazione iniziale; presentazione della domanda di pagamento intermedio; presentazione della domanda di saldo finale; gestione delle irregolarità e frodi e relativi recuperi. Corrispondenza struttura PON Autorità di Gestione del PON Governance e Assistenza Tecnica (e per quanto compatibile con la descrizione dei Sistemi di gestione e controllo del PON, l Organismo Intermedio per gli interventi di pertinenza) Autorità di Certificazione del PON Ufficio Agenzia per la coesione territoriale Ufficio AdG ex DGPRUC DPS Div. VI Organismo Intermedio Dipartimento della Funzione Pubblica Agenzia per la coesione territoriale Ufficio AdC ex DGPRUC DPS Div. VII 19

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015

Burc n. 57 del 7 Settembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 22 dicembre 2014. Cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo. Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo. Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO FSE Obiettivo

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica AdG e AdC Fabbisogno di n. 26 esperti per l espletamento di attività di Assistenza tecnica indirizzata alla gestione, sorveglianza, valutazione, informazione

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico PROTOCOLLO D INTESA Piano di Azione Coesione Terza riprogrammazione Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania In attuazione dell articolo

Dettagli

PON FESR AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE - ANNO 2011

PON FESR AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE - ANNO 2011 PON FESR AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE - ANNO 2011 L avanzamento del PON FESR nel 2011 in sintesi L attuazione del PON FESR mantiene e rafforza gli elementi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi OGGETTO: Progetto interregionale Verso un sistema integrato di alta formazione. Approvazione dell Avviso Parte prima Ammissione degli organismi e delle offerte formative, destinato all ammissione di organismi

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari

Articolo 1 Finalità generali Articolo 2 Risorse finanziarie disponibili 9.000.000,00 Articolo 3 Destinatari Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell Igiene Sanità e dell Assistenza Sociale DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1 INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2002 DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE E CONOMICA UNITÀ DI VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo e sul Parere Annuale

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il 14/05/2014

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

REGIONE PUGLIA COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POR PUGLIA FESR 2007-2013. Q.S.N. obiettivo Convergenza 2007-2013 CCI 2007IT161PO010 REGOLAMENTO INTERNO

REGIONE PUGLIA COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POR PUGLIA FESR 2007-2013. Q.S.N. obiettivo Convergenza 2007-2013 CCI 2007IT161PO010 REGOLAMENTO INTERNO REGIONE PUGLIA COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POR PUGLIA FESR 2007-2013 Q.S.N. obiettivo Convergenza 2007-2013 CCI 2007IT161PO010 REGOLAMENTO INTERNO Art.1 (Composizione) In conformità alle disposizioni

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 29-10-2015 DELIBERAZIONE N. 592 OGGETTO: PAR FSC MOLISE 2007-2013. ASSE IV "INCLUSIONE E SERVIZI SOCIALI" - LINEA

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE (POIN) ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO. Progetto operativo per l Asse Assistenza Tecnica PROPOSTA TECNICA

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE (POIN) ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO. Progetto operativo per l Asse Assistenza Tecnica PROPOSTA TECNICA PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE (POIN) ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO Progetto operativo per l Asse Assistenza Tecnica PROPOSTA TECNICA Roma, settembre 2009 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2.

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

PERFORMANCE FRAMEWORK, RESERVE E REVIEW NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020. ROMA, 25 FEBBRAIO 2014 (update 14 APRILE 2014)

PERFORMANCE FRAMEWORK, RESERVE E REVIEW NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020. ROMA, 25 FEBBRAIO 2014 (update 14 APRILE 2014) PERFORMANCE FRAMEWORK, RESERVE E REVIEW NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 ROMA, 25 FEBBRAIO 2014 (update 14 APRILE 2014) OBIETTIVI E STRUMENTI Il quadro di riferimento dell attuazione (performance framework)

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 13 ottobre 2015, n. 540 OGGETTO: POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione della Scheda Modalità Attuative (MAPO) relativa all'azione

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

Deliberazione giunta regionale n.

Deliberazione giunta regionale n. Deliberazione giunta regionale n. del 148 27.5.2013 A.G.C. 9 - Rapporti con gli Organi Nazionali ed Intern. in materia Interesse Regionale Settore: 2 - Direttive CEE in Materia di PIM, FEOGA, FSE - Attività

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 303 del 08/08/2013 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PIANO DI

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA. Approvazione convenzione

COMUNE DI SERDIANA. Approvazione convenzione Approvazione convenzione Approvazione convenzione, per la costituzione del partenariato tra i Comuni di Maracalagonis, Muravera, Serdiana e Villasimius (capofila Serdiana), per il finanziamento di un progetto

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PIANO DI AZIONE E COESIONE MISE-DGIAI RELAZIONE SINTETICA 2013 SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E ATTIVITÀ SVOLTE

PIANO DI AZIONE E COESIONE MISE-DGIAI RELAZIONE SINTETICA 2013 SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E ATTIVITÀ SVOLTE PIANO DI AZIONE E COESIONE MISE-DGIAI RELAZIONE SINTETICA 2013 SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E ATTIVITÀ SVOLTE INDICE 1. L attuazione del Programma... 3 1.1 Articolazione programmatica in

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

- 1999 IT 16 1PO 001 -

- 1999 IT 16 1PO 001 - MINISTERO dello SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI UNIONE EUROPEA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE ASSISTENZA

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici;

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici; 6374 sarà trasmesso in copia conforme all originale alla Segreteria della Giunta Regionale; sarà disponibile nel sito ufficiale della regione Puglia: www.regione.puglia.it; sarà trasmesso in copia all

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE ANAGRAFE E SVILUPPO SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE E CONTROLLO Decreto n. 26 del 24 febbraio 2014 Oggetto: Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli Sostegno metodologico alle valutazioni di convenienza economico-finanziaria della spesa infrastrutturale delle Amministrazioni Centrali: avvio dell iniziativa Roma 29 ottobre 2013 Collocazione istituzionale

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli