ZertifikateChamps. Relazione sulla gestione. relativa all'esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ZertifikateChamps. Relazione sulla gestione. relativa all'esercizio"

Transcript

1 Relazione sulla gestione relativa all'esercizio dal 1 agosto al 2013 al 31 luglio 2014

2 Società di gestione: ZertifikateChamps KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz Telefon: (0732) Telefax: (0732) Banca depositaria: Raiffeisenlandesbank Oberösterreich Aktiengesellschaft Gestione dei fondi: Alpenbank Aktiengesellschaft Kaiserjägerstraße 9, 6020 Innsbruck Revisore: KPMG Austria GmbH, Wirtschaftsprüfungs- und Steuerberatungsgesellschaft ISIN delle singole tranche: Quota di capitalizzazione Quota di capitalizzazione integrale AT0000A037P2 AT0000A04RV7 Avvertenza: KPMG Austria AG ha conferito la sua certificazione solo per la versione completa in lingua tedesca. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 2

3 Indice ZertifikateChamps Informazioni generali sulla società di gestione 4 Dati generali sul fondo 5 Relazione sull'andamento del mercato finanziario e relazione sulla politica di investimento del fondo 7 Conto economico ed evoluzione del patrimonio del fondo Evoluzione del valore nel periodo in esame 11 Risultato del fondo 12 Evoluzione del patrimonio del fondo 13 Destinazione del risultato del fondo 13 Prospetto patrimoniale 14 Composizione del patrimonio del fondo 17 Relazione di revisione 18 Trattamento fiscale 20 Allegato: Statuto del fondo Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 3

4 Informazioni generali sulla società di gestione ZertifikateChamps Azionisti: Raiffeisenlandesbank Oberösterreich Aktiengesellschaft Oberösterreichische Landesbank Aktiengesellschaft Oberösterreichische Versicherung Aktiengesellschaft Commissari statali: Jutta Raunig Ingrid Oberleitner Consiglio di sorveglianza: Christian Ratz Franz Jahn, MBA Uwe Hanghofer Ludwig Hirnschrott-Diehl, MBA Othmar Nagl Johann Schillinger Direzione: Andreas Lassner-Klein Dott. Robert Gründlinger, MBA Procuratori: Dott. Michael Bumberger Rudolf Gattringer Bernhard Hiebl Uli Krämer Renate Mittmannsgruber I dati e le informazioni sono stati raccolti e verificati con la massima cura. Non si assume tuttavia alcuna responsabilità né garanzia per l'attualità, la correttezza e la completezza dei dati messi a disposizione. Le fonti consultate sono state considerate affidabili. Il software utilizzato effettua calcoli con una precisione maggiore delle due cifre decimali mostrate. Non è possibile escludere discrepanze tra ulteriori calcoli e i risultati mostrati. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 4

5 ZertifikateChamps Stimati investitori, la società KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. è lieta di presentarvi la relazione sulla gestione del fondo "ZertifikateChamps" OICVM ai sensi degli artt. 2 e 50 della legge sui fondi di investimento 2011 (fondi di comproprietà) - relativa al 8 esercizio, dal 1 agosto 2013 al 31 luglio La società di gestione percepisce per la propria attività di gestione un compenso annuale massimo dell 1,60% (esclusa la remunerazione collegata ai risultati) 1) del patrimonio del fondo. Confronto tra i dati del fondo alla data di riferimento e all'inizio del periodo in esame Dati del fondo al 31/07/2013 al 31/07/2014 EUR EUR Volumi del fondo , ,89 Valore calcolato per quota di capitalizzazione 81,01 86,84 Prezzo di emissione per quota di capitalizzazione 83,45 89,45 Valore calcolato per quota di capitalizzazione integrale 87,74 94,05 Prezzo di emissione per quota di capitalizzazione integrale 90,37 96,87 Pagamento al 15/10/2013 al 15/10/2014 EUR EUR Pagamento per quota di capitalizzazione 0,0000 0,0000 Pagamento per quota di capitalizzazione integrale 2) 0,0000 0,0000 Quote correnti ZertifikateChamps alla data di riferimento Quote di capitalizzazione al 31/07/ ,892 Emissioni 171,786 Riscatti ,630 Quote di capitalizzazione al 31/07/ ,048 Quote di capitalizzazione integrale al 31/07/ ,241 Emissioni 353,826 Riscatti ,589 Quote di capitalizzazione integrale al 31/07/ ,478 1) La commissione di gestione effettivamente calcolata per il fondo (si veda il dato riportato nel conto economico e nell'evoluzione del patrimonio del fondo) può ridursi in presenza di eventuali accrediti. 2) Se tutte le quote della tranche sono possedute da possessori esenti dall'imposta sul reddito da capitale, il versamento dell'imposta può essere omesso Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 5

6 Panoramica degli ultimi cinque esercizi Quote di capitalizzazione Patrimonio del fondo Numero di Valore calcolato Pagamento Evoluzione Data totale (EUR) quote (EUR) (EUR) del valore in % 31/07/ , ,780 78,85 0,7785 5, , ,230 81,55 1,5557 4, , ,420 72,90 0,0000-8, , ,892 81,01 0, , , ,048 86,84 0,0000 7,20 Quote di capitalizzazione integrale Patrimonio del fondo Numero di Valore calcolato Pagamento Evoluzione Data totale (EUR) quote (EUR) (EUR) del valore in % , ,303 82,70 0,0000 1) 5, , ,902 86,36 0,0000 1) 4, , ,202 78,95 0,0000 1) -8, , ,241 87,74 0,0000 1) 11, , ,478 94,05 0,0000 1) 7,19 L'evoluzione del valore in passato non è indicativa dell'evoluzione futura del valore di un fondo. 1) Se tutte le quote della tranche sono possedute da possessori esenti dall'imposta sul reddito da capitale, il versamento dell'imposta può essere omesso. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 6

7 Relazione sull andamento del mercato finanziario 31/07/ /07/2014 Variazione Variazione 5 anni p.a. 31/07/ /07/2014 Variazione INDICI AZIONARI (in valuta locale) (in EUR) (in EUR) RENDIMENTI OBBLIGAZIONARI (10 anni in %) US: Dow Jones Ind , ,3 +6,9% +6,0% +14,0% Stati Uniti 2,58 2,65-2 BP US: S&P , ,7 +14,5% +13,6% +15,8% Germania 1,67 1,16-51 BP US: Nasdaq 3.626, ,8 +20,5% +19,5% +18,6% Austria 2,08 1,39-69 BP EU: Europa Stoxx , ,5 +12,5% +12,5% +3,4% Regno Unito 2,36 2, BP DE: DAX 8.276, ,5 +13,7% +13,7% +12,0% Giappone 0,80 0,54-26 BP AT: ATX 2.337, ,4-1,2% -1,2% +0,5% TASSI DEL MERCATO MONETARIO (3 mesi in %) GB: FTSE , ,1 +1,6% +12,2% +9,5% Stati Uniti 0,27 0,24-3 BP JP: Nikkei , ,8 +14,3% +8,4% +8,1% Zona euro 0,23 0,21-2 MSCI World (USD) 3.902, ,2 +16,0% +15,0% +14,2% Regno Unito 0,51 0,56 BP +5 BP MSCI Emerg. Mkts. (USD) 385,1 444,1 +15,3% +14,4% +8,7% Giappone 0,16 0,13-3 BP TASSI DI CAMBIO TASSI DI RIFERIMENTO DELLE BANCHE CENTRALI (in %) EUR/USD 1,3276 1, ,8% -1,2% US: Fed Funds 0,25 0,25 +0 BP EUR/JPY 130,53 137,66 +5,5% +0,4% EL: Tasso Refi 0,50 0,15-35 BP EUR/GBP 0,8748 0,7927-9,4% -1,5% GB: Base-Rate 0,50 0,50 +0 BP EUR/CHF 1,2326 1,2166-1,3% -4,4% JP: Diskont 0,07 0,07 +0 BP MATERIE PRIME TASSI DEI PRODOTTI SPREAD (media in tutti i periodi in %) Oro (USD/oz) 1.308, ,2-2,0% -2,8% +7,5% Emerging Markets 5,73 5,14-59 BP Argento (USD/oz) 19,5 20,42 +4,7% +3,9% +9,3% EmMa-Spread (BP) BP Greggio (Brent) 107,7 106,0-1,6% -2,4% +9,5% Corporates A 2,22 1,60-63 BP Indice delle materie prime 283,9 294,4 +3,7% +2,9% +4,0% Corporates BBB 3,07 2, BP Fonte: Bloomberg Ultimo aggiornamento: 31/07/2014 L'evoluzione del valore in passato non è indicativa dell'evoluzione futura del valore di un fondo. Le oscillazioni monetarie negli investimenti non in euro possono incidere sull'andamento del valore e determinare l'aumento o la riduzione dei ricavi. Panoramica dei mercati Nel terzo trimestre del 2013, il PIL statunitense ha acquistato maggiore slancio mettendo a segno un incremento del 4,5% (crescita trimestrale annualizzata). Tale crescita è ascrivibile ai consumi privati che rappresentano oltre i due terzi della performance economica, nonché al più elevato livello delle scorte. Nel quarto trimestre, il prodotto interno lordo è aumentato del 3,5% (crescita trimestrale annualizzata). Per la prima volta da marzo 2011, gli Stati Uniti hanno nuovamente fatto registrare nel primo trimestre 2014 una crescita negativa con un -2,1%, mentre nel secondo trimestre (rispettivamente crescita trimestrale annualizzata) il PIL è salito in modo sorprendentemente forte con un 4,0%. Per il 2014 gli analisti prevedono una crescita economica del 1,7%. Il tasso di disoccupazione è sceso dal 7,3% al 6,2%. Un incremento minimo è invece stato registrato a livello di inflazione, passata dal 2,0% al 2,1% (giugno 2014). Nel mese di settembre 2013 è inoltre giunto a scadenza il termine fissato per l accordo, conclusosi con un nulla di fatto tra democratici e repubblicani, nell ambito del conflitto sul bilancio statunitense. Per la prima volta dal 1996 si è arrivati al cosiddetto government shutdown e alla chiusura delle strutture governative che ha costretto alle ferie forzate circa funzionari statali rimasti senza retribuzione. Verso metà ottobre, all ultimo minuto, democratici e repubblicani hanno finalmente risolto le proprie controversie nell ambito del conflitto sul bilancio, evitando così una catastrofe finanziaria. Tuttavia il danno economico cagionato dalle ferie forzate durate due settimane nella pubblica amministrazione si aggirano intorno ai 24 miliardi di dollari statunitensi. La Federal Reserve (Fed) - banca centrale statunitense blocca il tasso di riferimento fra lo 0 e lo 0,25%. Da dicembre 2013, sono stati nuovamente ridotti i fondi destinati al programma per l acquisto di titoli di stato e di titoli immobiliari. Da allora la somma è stata progressivamente ridotta da 85 miliardi agli attuali 25 miliardi di dollari statunitensi. Da febbraio 2014, per la prima volta nella storia centenaria della banca centrale americana, a capo della Fed siede una donna, Janet Yellen. Nel terzo trimestre, il prodotto interno lordo dell area euro è aumentato dello 0,1% rispetto al secondo trimestre. Nell ultimo trimestre 2013 e nel primo trimestre 2014 la performance economica è aumentata, rispettivamente, dello 0,3% e dello 0,2% rispetto al trimestre precedente. Nel periodo in esame, l inflazione dei 18 paesi dell area euro ha dato segnali di indebolimento passando dall 1,6% allo 0,4%. Nel terzo trimestre l economia tedesca è cresciuta dello 0,3%. Nell ultimo trimestre del 2013, la crescita è aumentata dello 0,4%, contro un aumento dello 0,8% registrato nel primo trimestre Attualmente, per l intero 2014, in Germania si prevede un aumento del 2,0%. Un leggero miglioramento si è avuto invece in Spagna. Con un incremento dello 0,6%, la penisola iberica ha fatto registrare nel secondo trimestre 2014 l aumento del PIL più consistente dall inizio della crisi. All inizio di novembre la Bce ha abbassato il tasso di riferimento allo 0,25%, reagendo così al basso tasso d inflazione registrato nei 18 paesi dell area euro. A giugno 2014, la Bce ha nuovamente abbassato il tasso di riferimento al minimo storico dello 0,15%. Alla base di tale manovra si colloca la volontà di reagire alla persistente bassa inflazione e di stimolare la crescita del credito. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 7

8 Con lo 0,3% nel terzo trimestre e lo 0,1% nel quarto trimestre, la crescita giapponese ha fatto registrare negli ultimi due trimestri del 2013 un andamento moderato. Nel primo trimestre 2014, la crescita ha nuovamente subito un accelerata attestandosi all'1,6%. Notizie positive giungono anche dal mercato del lavoro, dove a fine giugno si registra un tasso di disoccupazione pari al 3,6%. Il nuovo governatore della banca centrale nipponica, Haruhiko Kuroda, intende ora procedere all acquisto di titoli di Stato pluriennali, al fine di contribuire alla riduzione dei tassi di interesse a lungo termine e alla lotta contro la deflazione. Come obiettivo in termini inflazionistici, la banca centrale ha fissato il 2% per i prossimi due anni. Tale misura inizia a mostrare i suoi effetti e il Giappone intravede già la fine di un crollo dei pezzi durato per anni. A giugno l inflazione si attestava al 3,7%. Per il 2014 le accise sono stati aumentate dal cinque all'otto per cento e per i prossimo anno è previsto un ulteriore aumento al dieci per cento. Un passo questo resosi necessario a causa dell'elevato debito pubblico pari al 237 per cento. Il tasso di riferimento nipponico resta invariato allo 0,1%. Il timore di una escalation del conflitto in Siria e di un possibile attacco militare hanno invece determinato una forte impennata del prezzo del petrolio nel mese di agosto dello scorso anno. Un accordo in seno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per una nuova risoluzione sulla Siria ha contribuito a un rilassamento del mercato petrolifero. Il nuovo rialzo del prezzo del petrolio avutosi verso la fine dello scorso anno è da attribuirsi al calo delle riserve petrolifere statunitensi. L ulteriore rialzo del prezzo del petrolio registrato nel primo trimestre del 2014 è invece imputabile ai dati provenienti dalla Cina indicativi di una debole congiuntura economica del paese nonché alla crisi ucraina. Nonostante tali incertezze sul mercato, è stato registrato verso metà giugno un calo del prezzo del petrolio. Secondo gli analisti, all origine di tale andamento si colloca il fatto che gli investitori hanno momentaneamente ridotto le proprie attività speculative e che anche la Libia è tornata sul mercato petrolifero. Attualmente un barile di Brent del Mare del Nord si attesta a 106,0 dollari statunitensi. Dall inizio di settembre 2013 fino all inizio di maggio 2014 il cambio euro dollaro è salito a quota 1,3925, per poi vedere la moneta unica perdere vistosamente terreno e scendere vertiginosamente sotto la soglia di 1,34 dollari. La svolta nella politica monetaria della banca centrale statunitense unitamente a una politica monetaria meno rigorosa della Bce nonché alla crisi in Ucraina e in Medio Oriente determinano attualmente l andamento del mercato valutario, facendo sì che l euro sia scambiato a 1,3385 dollari statunitensi. Sviluppo dei mercati obbligazionari L agenzia di rating statunitense Moody s ha nuovamente innalzato l affidabilità creditizia di un livello a Ba1. Con il prossimo innalzamento il paese colpito dalla crisi potrebbe avvicinarsi nuovamente all investment grade. Il rendimento dei titoli portoghesi decennali si attesta a fine luglio a quota 3,60%. Durante la crisi del debito sovrano il rendimento decennale è salito a oltre il 17%. Standard & Poor s resta ferma su una massima solvibilità di AAA per la Germania alla luce della competitività della sua economia. I titoli di stato tedeschi con scadenza decennale rendono attualmente l 1,16% (-51 pb). Mentre i corrispondenti titoli statunitensi, ossia gli US-Treasuries a 10 anni, registrano invece nel periodo di in esame un rendimento inferiore di due punti base, pari al 2,56% Le obbligazioni Emerging Markets si sono invece lasciate alle spalle un anno piuttosto turbolento. Le maggiori oscillazioni di corso registrate nello scorso anno sono attribuibili all annuncio della banca centrale statunitense di voler uscire dalla politica monetaria espansiva, a cui si sono aggiunte successivamente le turbolenze valutarie registrate in alcuni paesi (quali Argentina e Turchia) e i conflitti politici in corso (Ucraina e Medio Oriente). Da febbraio 2014 si è però registrata una chiara ripresa delle obbligazioni Emerging Markets. Il rendimento medio delle obbligazioni Emerging Markets, emesse in dollari statunitensi, si attesta al 5,14%. Le obbligazioni corporate di tipo high grade (con rating AAA - BBB) hanno registrato nel periodo in esame una performance solida. Andamento particolarmente favorevole è stato registrato per le obbligazioni subordinate emesse da società finanziarie. Grazie alle consistenti nuove emissioni, molte società sono riuscite a vedersi garantito un tasso d interesse nominale relativamente basso sul lungo periodo. Le obbligazioni corporate di tipo high yield (con rating BB - CCC) hanno invece registrato una performance ancora migliore. Nel periodo in esame il default rate si è collocato ancora su livelli relativamente bassi. Tale classe di investimenti ha altresì potuto beneficiare del calo dell'avversione al rischio, favorendo così profitti significativi. L attività di nuova emissione è rimasta su livelli relativamente elevati. Sviluppo dei mercati azionari I bassi tassi di riferimento in Europa, Stati Uniti e Giappone hanno contribuito a una ripresa dei mercati azionari internazionali nonché al raggiungimento di nuovi massimi. Il timore di un attacco militare contro la Siria ha portato a fine agosto 2013 a un crollo dei corsi azionari. La distensione in Medio Oriente ha a sua volta determinato il diffondersi di un clima positivo nelle borse, mentre a produrre effetti negativi a fine settembre, spingendo i corsi nuovamente verso il basso, ci ha pensato il conflitto sul bilancio statunitense. All accordo per risolvere il conflitto sul bilancio statunitense ha fatto seguito la reazione sollevata a livello mondiale degli investitori. A causare invece nervosismo e tensione sono adesso i conflitti in Ucraina e nel Medio Oriente. Nel periodo in esame l indice industriale Dow Jones ha fatto registrare un aumento del 6,9%, per raggiungere a giugno 2014 con oltre punti un nuovo record storico. L indice azionario tedesco è invece cresciuto nello stesso periodo del 13,7% per chiudere per la prima volta a giungo oltre i punti. Attualmente si attesta a 9.407,5 punti. A dicembre 2013 l indice Nikkei ha superato quota punti, segnando a sua volta un nuovo record storico. Attualmente l indice quota a ,8 punti. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 8

9 Politica d'investimento ZertifikateChamps Secondo la gestione del fondo il periodo in esame si è chiuso con una performance del tutto soddisfacente (prima del sovrapprezzo d'emissione). Il contesto ancora particolarmente difficile caratterizzato da tassi d'interesse ai minimi storici e, almeno fino a fine giugno, da una volatilità anch'essa storicamente bassa, pone la gestione del fondo continuamente di fronte a importanti sfide. L'orientamento del fondo rispetto all'impiego delle varie strutture di certificati è diventato sempre più offensivo. Ciò significa che si è rinunciato pressoché completamente all'utilizzo delle classiche strutture di sconto e che la copertura del portafoglio del fondo è stata gestita talvolta attraverso una riserva di contante più consistente. Fra gli ulteriori elementi a cui si è attinto per un orientamento leggermente più difensivo del fondo si annoverano le strutture Express, che alla fine della durata presentano una copertura del rischio fino al 45%. Sono state impiegate altresì strutture Bonus classiche sull'indice DJ Eurostoxx50 con rendimenti laterali ridotti, dotati però di barriere maggiori. La crescita costante e ininterrotta degli indici azionari europei protrattasi fino a giugno a seguito di un ridotto calo dei prezzi ha reso necessario scambiare strutture Bonus, Bonus/CAP e Discount Plus Pro in scadenza ovvero con rendimento residuo ridotto. In tal senso si è voluto puntare sugli stessi sottostanti delle strutture di certificati in scadenza. Solo in casi eccezionali si è reso necessario procedere alla vendita di certificati prima della rottura della barriera. Dopo l'aumento della volatilità registratosi soltanto verso la fine del periodo in esame a seguito dell'inasprimento delle crisi internazionali - come quelle in Ucraina, Siria/Iraq e nella Striscia di Gaza la gestione del fondo ipotizza che la prossima stagione di rendicontazione potrebbe essere soggetta a maggiori oscillazioni. Con disponibilità liquide pari a circa il 10% e quasi il 30% di certificati con una copertura delle perdite fra il 30% e il 50%, la gestione del fondo potrà reagire con maggiore tranquillità anche in presenza di riduzioni dei prezzi più significative nel breve periodo. Nel periodo in esame non sono state concluse operazioni di prestito titoli, pronti contro termine né total return swap. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 9

10 Dati sulla determinazione del rischio complessivo nel periodo in esame: Metodo di calcolo rischio complessivo: Patrimonio di riferimento impiegato: Approccio value-at-risk (VaR assoluto) Patrimonio comparabile esente da derivati (non applicabile) Valore minimo: 4,89% Value-at-risk: Valore medio: 7,18% Valore massimo: 11,57% Modello applicato: Simulazione storica Livello di leverage applicando il metodo di calcolo value-at-risk: 87,22 % (media) Somma assoluta di tutti i derivati (equivalente titoli ovvero valore nominale) senza considerare eventuali accordi di netting e di hedging Il valore del VaR viene calcolato conformemente al 4 capitolo del 4 ordinamento austriaco in materia di calcolo del rischio di derivati e di reporting (Derivate-Risikoberechnungs- und MeldeVO). La società di gestione impiega per il calcolo del rischio l approccio value-at-risk (VaR). Quest ultimo fornisce indicazioni sulla perdita massima prevedibile cui un portafoglio possa essere soggetto con un dato grado di durante un determinato periodo di tempo (holding period). Nel calcolo vengono considerati i seguenti parametri: 1. Intervallo di confidenza del 99% 2. Holding period di 20 giorni (come da giorni bancari) 3. Periodo di osservazione effettivo dei fattori di rischio di almeno un anno (250 giorni feriali), salvo laddove un periodo di osservazione più breve sia giustificato dall aumento significativo della volatilità dei prezzi determinata da condizioni di 4. Aggiornamento t t trimestrale o superiore dei dati, qualora i 5. Calcoli almeno giornalieri Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 10

11 Conto economico ed evoluzione del patrimonio in EUR 1. Evoluzione del valore nel periodo in esame EUR Calcolo secondo il metodo del Depositario Centrale austriaco (OeKB): per quota in valuta del fondo (EUR), esclusi i sovrapprezzi di emissione Quote di capitalizzazione Valore della quota all'inizio dell'esercizio 81,01 Pagamento al 15/10/2013 (corrispondente a 0,0000 quote) 1) 0,0000 Valore della quota alla fine dell'esercizio 86,84 Valore totale complessivo delle quote (nozionali) acquisite tramite distribuzione/pagamento 86,84 Ricavi netti per quota 5,83 Evoluzione del valore di una quota nel periodo in esame 2) 7,20% Quota di capitalizzazione integrale Valore della quota all'inizio dell'esercizio 87,74 Valore della quota alla fine dell'esercizio 94,05 Valore totale complessivo delle quote (nozionali) acquisite tramite distribuzione/pagamento 94,05 Ricavi netti per quota 6,31 Evoluzione del valore di una quota nel periodo in esame 2) 7,19% 1) Valore calcolato per una quota di capitalizzazione al 15/10/2013 (ex dividendo) EUR 83,94 2) Le differenze tra l'evoluzione del valore delle quote di distribuzione e delle quote di capitalizzazione sono dovute agli arrotondamenti. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 11

12 2. Risultato del fondo EUR A) Risultato del fondo realizzato Ricavi (escluse le componenti valutarie) Interessi attivi ,37 Redditi da dividendi esteri + 0,00 Ritenute alla fonte estere + 0,00 Redditi da dividendi interni + 0,00 Ritenute alla fonte interne + 0,00 Redditi da comparti esteri + 0,00 Redditi da fondi immobiliari + 0,00 Redditi da prestito titoli + 0,00 Altri ricavi + 0, ,37 Interessi passivi - 0,00 Costi Compenso della società di gestione 3) ,14 Commissioni di deposito dei titoli ,89 Commissione della banca depositaria ,67 Costi per i revisori e per la consulenza fiscale ,00 Costi di pubblicità e di vigilanza ,46 Altre spese amministrative ,64 Rimborso di spese amministrative - 0,00 Commissione di intermediazione sui comparti - 0, ,80 Risultato ordinario del fondo (esclusa l'equalizzazione dei ricavi) ,43 1) 2) 4) Risultato valutario realizzato Utili realizzati ,84 Utili realizzati su strumenti derivati + 0,00 Perdite realizzate ,43 Perdite realizzate su strumenti derivati - 0,00 Risultato valutario realizzato (esclusa l'equalizzazione dei ricavi) ,41 Risultato ordinario del fondo (esclusa l'equalizzazione dei ricavi) ,98 B) Risultato valutario non realizzato 1) 2) 4) Variazione del risultato valutario non realizzato ,78 C) Equalizzazione dei ricavi Equalizzazione dei ricavi ,75 Risultato complessivo del fondo ,01 1) Gli utili realizzati e le perdite realizzate non sono ripartiti per competenza e non sono necessariamente collegati alla variazione del valore del fondo nell esercizio. 2) Risultato valutario totale, esclusa l'equalizzazione dei ricavi (risultato valutario realizzato esclusa l'equalizzazione dei ricavi, più le variazioni del risultato valutario non rea 3) La commissione di gestione effettivamente applicata al fondo può essere inferiore in presenza di eventuali accrediti. 4) I costi delle operazioni registrati ammontano a EUR 6.550,00. Gli eventuali costi impliciti per operazioni non rientranti nella sfera di competenza di KEPLER-FONDS KAG non sono compresi in questo valore. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 12

13 3. Evoluzione del patrimonio del fondo EUR Patrimonio del fondo all'inizio dell esercizio 1) ,53 Pagamento (per le quote di capitalizzazione) il 15/10/2013-0,00 Variazione del capitale Saldo delle emissioni e dei riscatti di certificati (esclusa l'equalizzazione dei ricavi) ,65 Risultato complessivo del fondo (il risultato del fondo è illustrato in dettaglio al punto 2) ,01 Patrimonio del fondo alla fine dell'esercizio 2) ,89 4. Prospetto degli impieghi (delle fonti) Fonte del risultato del fondo Risultato del fondo realizzato (compresa l'equalizzazione dei ricavi) ,23 Perdite portate a nuovo dall esercizio precedente ,89 Risultato distribuibile ,66 Destinazione del risultato del fondo Quota di capitalizzazione Pagamento (imposta sui redditi da capitale) il ,00 Quote di capitalizzazione + 0,00 Perdite portate a nuovo ,04 Quota di capitalizzazione integrale Capitalizzazione integrale + 0,00 Perdite portate a nuovo , ,66 1) Quote in circolazione all'inizio dell'esercizio: ,892 quote di capitalizzazione; ,241 quote di capitalizzazione integrale 2) Quote in circolazione alla fine dell'esercizio: ,048 quote di capitalizzazione; ,478 quote di capitalizzazione integrale Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 13

14 Prospetto del patrimonio al 31 luglio 2014 ISIN Denominazione del titolo Nominale in migliaia Acquisti Vendite Corso Valore di mercato Quota Unità Acquisizioni Cessioni in EUR in % Patrimonio in titoli Titoli ammessi alle contrattazioni ufficiali o su altri mercati regolamentati Certificati/certificati indicizzati denominati in EUR DE000BP7YJG2 BNP PAR.EHG BONUSZ15 SX5E , ,00 3,26 DE000PA5CE75 BNP PAR.EHG CAP.BZ15 VOW , ,00 1,11 DE000CF6UG02 CITI.GL.M. CA.BO.Z15 INN , ,00 1,22 DE000CF8NAM1 CITI.GL.M. CA.BO.Z15 SDF , ,00 1,15 DE000CF8PLH3 CITI.GL.M. CA.BO.Z15 VVD , ,50 1,18 DE000CR10R48 COMMERZBANK BO.C.Z15 BAS , ,50 1,09 DE000CR14GE5 COMMERZBANK BO.C.Z15 TKA , ,00 1,15 DE000CR14E80 COMMERZBANK DPLPRZ15 SX5E , ,00 6,76 DE000DK0BKU7 DEKABANK 6863 REZ19 SX5E , ,00 4,82 DE000DK0BMJ6 DEKABANK 801 C.B.Z15SX5E , ,52 4,84 DE000DT02Q95 DEUT.BANK BONUSZ14 SX5E , ,00 9,48 DE000DZH9NG8 DZ BANK CA.BO.Z15 AXA , ,00 1,12 DE000DZQ3BQ4 DZ BANK CA.BO.Z15 BAYN , ,00 1,21 DE000DZR98S6 DZ BANK CA.BO.Z15 RWE , ,00 1,12 DE000DZX1LV8 DZ BANK CA.BO.Z15 SIE , ,00 1,14 DE000GT1YPH1 GOLDM.S. BONUSZ15 SX5E , ,00 4,42 DE000TD179V3 HSBC T+B CAP.BO.Z15 ADS , ,00 1,13 DE000TD04649 HSBC T+B CAP.BO.Z15 BMW , ,50 1,23 DE000TD0YHT8 HSBC T+B CAP.BO.Z15 MEO , ,00 1,08 DE000TD0NP62 HSBC T+B CAP.BO.Z15 TUI , ,00 1,05 DE000LB0P2B6 LBBW BONUSZ 15 SX5E , ,00 4,56 CH LEON.SEC(GG) EXPZ.19 SX5E , ,00 4,53 AT0000A13Y73 RAIF.CENTRO. C.BOZ16 SX7E , ,00 4,58 DE000AA7KWM0 RBS PLC BONUSZ14 SX5E , ,20 4,68 DE000SG48260 SG EFF. CAP.BON.Z15 LXS , ,00 1,12 DE000SG45860 SG EFF. MEM.EXP.Z21 SX5E , ,00 3,00 DE000US01NH1 UBS LDN BO.C.Z15 ARRB , ,00 1,18 DE000US0YUS3 UBS LDN BO.C.Z15 DAI , ,50 1,13 DE000US0YXW9 UBS LDN BO.C.Z15 IFX , ,00 1,16 DE000UA7LF22 UBS LDN BO.C.Z15 LHA , ,00 1,15 DE000HY21XN1 UC-HVB CA.BO.Z15 SXKE , ,10 4,74 DE000VZ5FXK2 VONT.FINL PR BOC.Z16 SX5E , ,00 9,13 Totale patrimonio in titoli ,82 90,52 Depositi bancari/passività ,27 9,61 EUR ,63 6,60 ALTRE VALUTE DELL'UE 0,00 0,00 VALUTE DIVERSE DALL'EURO 0,00 0,00 SOMME VINCOLATE ,64 3,01 Altri elementi patrimoniali ,20-0,13 PAGAMENTI IN SOSPESO ,01-0,12 COMMISSIONI DIVERSE -889,77-0,01 DIRITTI A DIVIDENDI 0,00 0,00 MARGINI 0,00 0,00 ALTRI DIRITTI 0,00 0,00 INTERESSI ATTIVI 29,91 0,00 INTERESSI SU CONTI DI INVESTIMENTO 37,67 0,00 Patrimonio del fondo ,89 100,00 Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 14

15 I componenti del patrimoni separato sono stati valutati sulla base dei cambi e dei tassi di mercato al 30 luglio 2014, o i più recenti noti. Regole per la valutazione del patrimonio Il valore di una quota si ottiene dalla divisione del valore complessivo del fondo d investimento, compresi i ricavi, per il numero di quote. Nel caso dei fondi d investimento con più classi di quote, il valore di una quota appartenente a una data classe si evince dalla divisione del valore di una classe di quote ivi inclusi i ricavi per numero di quote in circolazione appartenenti a tale classe. Il valore complessivo del fondo d investimento è calcolato sulla base dei pertinenti valori di mercato dei titoli presenti nel fondo, degli strumenti del mercato monetario, delle quote in fondi d investimento e delle opzioni di acquisto, unitamente al valore degli investimenti finanziari appartenenti al fondo d investimento, degli importi di liquidità, dei sald dei crediti e degli altri diritti, al netto delle passività. I valori di mercato degli elementi patrimoniali sono calcolati come segue: a) Il valore degli elementi patrimoniali quotati o negoziati in borsa o su un altro mercato regolamentato viene determinato in linea di principio sulla base dell'ultima quotazione disponibile. b) Se un elemento patrimoniale non è quotato o negoziato in borsa o su un altro mercato regolamentato, oppure se la quotazione di un elemento patrimoniale quotato o negozia o su un altro mercato regolamentato non ne rispecchia adeguatamente il reale valore di mercato, si utilizzano le quotazioni indicate da banche dati affidabili o, in alternativa, i oppure altri metodi di valutazione approvati. c) Le quote di un OICVM o un OIC sono valutate agli ultimi prezzi di rimborso disponibili ovvero, qualora le quote siano negoziate in borse o mercati regolamentati (es. ETF) agli ultimi prezzi di chiusura disponibili. d) Il valore di liquidazione di future e opzioni negoziate in una borsa valori o un altro mercato regolamentato è calcolato sulla base degli ultimi prezzi di liquidazione disponibili. Per la determinazione del prezzo del fondo d'investimento vengono impiegati sostanzialmente gli ultimi corsi pubblicati o disponibili relativi ai valori patrimoniali acquisiti dal fondo d Laddove sulla base della situzione politica o economica l'ultimo corso pubblicato non corrisponde affatto e non solo in via eccezionale ai valori reali sarà possibile omettere una de dei prezzi per il fondo d'investimento, qualora quest'ultimo abbia investito una quota pari o superiore al 5% del proprio patrimonio in valori patrimoniali privi di alcun corso ovvero i c conformi all'andamento di mercato. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 15

16 Acquisti e vendite di titoli effettuati nel corso del periodo in esame non evidenziati nel prospetto patrimoniale: Acquisti ISIN Denominazione del titolo Unità/Nominale in migliaia Unità/Nominale in migliaia Vendite Patrimonio in titoli Titoli ammessi alle contrattazioni ufficiali o su altri mercati regolamentati Certificati/certificati indicizzati denominati in EUR DE000BP6N0E1 BNP PAR.EHG CAP.BZ13 BAS DE000BP8WRW4 BNP PAR.EHG CAP.BZ14 BAS DE000CF48SG8 CITI.GL.M. CA.BO.Z14 BMW DE000CF1U8W1 CITI.GL.M. CA.BO.Z14 HEI DE000CF0HK66 CITI.GL.M. CA.BO.Z14 LXS DE000CF0GUX7 CITI.GL.M. CA.BO.Z14 MEO DE000CF8E4Q5 CITI.GL.M. CA.BO.Z15 LHA DE000CZ2QMW7 COMMERZBANK DPLPRZ13 SX5E DE000CB0MDT3 COMMERZBANK DPLPRZ14 SX5E DE000DK9FUU8 DEKABANK 6455 RBC Z14 DAX DE000DX5K0M8 DEUT.BANK BONUSZ14 SX5E DE000DX64GK3 DEUT.BANK CA.BO.Z14 ARRB DE000DX64A19 DEUT.BANK CA.BO.Z14 INN DE000DX4TCX7 DEUT.BANK CA.BO.Z14 LHA DE000DX87ZA5 DEUT.BANK CA.BO.Z14 MUV DE000DX8CB08 DEUT.BANK CA.BO.Z14 SIE DE000DZA5NT6 DZ BANK BONUSZ15 SX5E DE000DZH9HM8 DZ BANK CA.BO.Z14 AXA DE000DZQ8G56 DZ BANK CA.BO.Z14 LHA DE000DZQ07C3 DZ BANK CA.BO.Z14 RWE DE000DZA54Z0 DZ BANK CA.BO.Z14 RWE DE000DZQ3WB2 DZ BANK CA.BO.Z14 VOW DE000DZQ3X76 DZ BANK CA.BO.Z15 RWE DE000DZ9HXD7 DZ BANK DISC.Z14 SDF DE000TB4GJX7 HSBC T+B CAP.BO.Z14 AXA DE000TB4QEV1 HSBC T+B CAP.BO.Z14 INN DE000TB47345 HSBC T+B CAP.BO.Z14 MEO DE000TB4MPR4 HSBC T+B CAP.BO.Z14 SDF DE000TD0FE24 HSBC T+B CAP.BO.Z14 WCH DE000TB52VA0 HSBC T+B CAP.BO.Z14 WCH DE000TD0FE40 HSBC T+B CAP.BO.Z14 WCH DE000TB4G378 HSBC T+B DISC.Z14 HOT DE000LB0P2A8 LBBW BONUSZ 15 SX5E CH LEON.SEC(GG) EXP.Z.19SX5E 540 CH LEON.SEC(GG) EXPZ.19 BSKT AT0000A0U9N4 RAIF.CENTRO. BONUSZ DE000AA6Z664 RBS PLC R.BOZ14 SX5E 500 DE000SG3TAW9 SG EFF. EXPRESS Z19 SX5E DE000UA1G2C7 UBS LDN BO.C.Z14 BMW DE000UA7N9U9 UBS LDN BO.C.Z15 TKA DE000UU1WMT6 UBS LDN BONUSZ15 SX5E DE000UBS5DX6 UBS LDN R.BONUSZ14 DAX DE000HV763C6 UC-HVB DIZ14 BAYN DE000HV9S3H5 UC-HVB DIZ14 CON DE000HV77DG5 UC-HVB DIZ14 IFX DE000HV93VK6 UC-HVB DIZ14 TUI DE000VT87HK2 VONT.FINL PR BO.Z14 SX5E DE000VT7UB23 VONT.FINL PR BO.Z14 SX5E DE000VZ08BY9 VONT.FINL PR BO.Z15 SX5E DE000VZ1SAR7 VONT.FINL PR BOC.Z14 MUV Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 16

17 Composizione del patrimonio del fondo ZertifikateChamps Wertpapiervermögen EUR % Titoli ammessi alle contrattazioni ufficiali o su altri mercati regolamentati Certificati/certificati indicizzati ,82 90,52 Totale patrimonio in titoli ,82 90,52 Depositi bancari/passività ,27 9,61 Altri elementi patrimoniali ,20-0,13 Patrimonio del fondo ,89 100,00 Linz, 14 novembre 2014 KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Andreas Lassner-Klein dott. Robert Gründlinger, MBA Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 17

18 Relazione di certificazione Abbiamo sottoposto a revisione l'allegata relazione sulla gestione al 31 luglio 2014 redatto dalla società KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h., Linz, in qualità di società di gestione, relativa al fondo ZertifikateChamps, fondo di comproprietà, per l'esercizio dal 1 agosto 2013 al 31 luglio 2014, comprese le scritture contabili. Responsabilità dei rappresentanti legali riguardo alla relazione sulla gestione, alla gestione del patrimonio separato e alla tenuta delle scritture contabili I rappresentanti legali della società di gestione del fondo e la banca depositaria sono responsabili delle scritture contabili, della valutazione del patrimonio separato, del calcolo delle trattenute fiscali, della stesura della relazione sulla gestione nonché della gestione del patrimonio separato, il tutto in conformità con le disposizioni della legge sui fondi d'investimento, le disposizioni integrative contenute nello statuto del fondo e le norme in materia fiscale. Tale responsabilità comprende: l'istituzione, l'attuazione e il mantenimento di un sistema di controllo interno, qualora ciò sia rilevante ai fini del rilevamento e della valutazione del patrimonio separato, oltre che della stesura della relazione sulla gestione, in modo che questa risulti priva di dichiarazioni sostanzialmente inesatte, dovute a frode o a errore; la scelta e l'applicazione di adeguati metodi di valutazione; l'esecuzione di stime che appaiano ragionevoli in base alle circostanze. Responsabilità della società di revisione e descrizione della modalità e dell'ambito della revisione legale della relazione sulla gestione La nostra responsabilità è di esprimere un giudizio in merito alla relazione sulla gestione sulla base della nostra revisione. Abbiamo effettuato la nostra revisione in conformità con l'art. 49, comma 5 della legge sui fondi d'investimento, nel rispetto delle disposizioni di legge e dei principi di revisione contabile vigenti in Austria. Tali principi impongono di ottemperare a criteri etici e di pianificare ed eseguire la revisione in modo tale da stabilire con ragionevole certezza se la relazione sulla gestione sia priva di dichiarazioni sostanzialmente inesatte. Ogni revisione contabile prevede una serie di procedure volte a ottenere prove verificabili degli importi e delle dichiarazioni contenuti nella relazione sulla gestione. La scelta delle procedure da seguire è a discrezione della società di revisione, ivi compresa la valutazione dei rischi di presenza di dichiarazioni sostanzialmente inesatte, siano esse dovute a frode o a errore. Nell'effettuare tale valutazione, la società di revisione prende in considerazione il sistema di controllo interno, qualora esso sia rilevante ai fini della stesura della relazione sulla gestione e della valutazione del patrimonio separato, al fine di definire procedure adeguate alle circostanze, ma non per esprimere un giudizio sull'efficacia dei controlli interni della società di gestione del fondo e della banca depositaria. La revisione comprende inoltre la valutazione dell'adeguatezza dei criteri di valutazione adottati e della ragionevolezza delle stime fondamentali effettuate dai rappresentanti legali, oltre che la valutazione della presentazione complessiva dei rendiconti. Riteniamo che gli elementi di revisione da noi ottenuti siano sufficienti e adeguati a fornire una base per il nostro parere. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 18

19 Parere La nostra revisione non ha condotto ad alcun rilievo. In base alle informazioni acquisite durante la revisione, a nostro giudizio la relazione sulla gestione al 31 luglio 2014 relativa al fondo ZertifikateChamps, fondo di comproprietà, è conforme alle disposizioni di legge. Dichiarazione sulla conformità con la legge sui fondi d'investimento e lo statuto del fondo L'ambito della nostra revisione si è inoltre esteso, in conformità con l'art. 49, comma 5 della legge sui fondi d'investimento, all'accertamento del rispetto delle disposizioni della legge federale sui fondi comuni d'investimento (legge sui fondi d'investimento) e dello statuto del fondo. Abbiamo condotto la nostra revisione in conformità con i principi sopra citati, in modo tale da stabilire con ragionevole certezza se sono state sostanzialmente rispettate le disposizioni della legge sui fondi d'investimento e dello statuto del fondo. In base alle informazioni acquisite durante la revisione, a nostro giudizio le disposizioni della legge federale sui fondi d'investimento (legge sui fondi d'investimento) e dello statuto del fondo sono state rispettate. Dichiarazione sulle attività svolte nel corso dell'esercizio in esame Le dichiarazioni del consiglio di amministrazione della società di gestione in merito alle attività svolte nel corso dell'esercizio in esame contenute nella relazione sulla gestione sono state da noi esaminate criticamente, ma non sono state oggetto di specifiche procedure di verifica secondo i predetti principi. Pertanto, non esprimiamo alcun parere su tali dichiarazioni. Tuttavia, le dichiarazioni in merito alle attività svolte nel corso dell'esercizio in esame sono coerenti con i dati numerici contenuti nella relazione sulla gestione. Linz, 14 novembre 2014 KPMG Austria GmbH Società di revisione contabile e consulenza fiscale Ulrich Pawlowski Revisore Cäcilia Gruber Revisore Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 19

20 Principi di tassazione ZertifikateChamps Esercizio: dal 01/08/2013 al 31/07/2014 Le informazioni che seguono si riferiscono esclusivamente a investitori soggetti d'imposta senza limitazioni in Austria (investitori con sede, residenza o dimora abituale in Austria). Quote Gli altri investitori devono attenersi alle proprie leggi nazionali. Quote di di capitalizzazione capitalizzazione integrale AT0000A037P2 AT0000A04RV7 EUR EUR A. Dati per le dichiarazioni fiscali e altre dichiarazioni agli uffici fiscali 1. Quote nel patrimonio privato a) Per i redditi provenienti dal fondo in presenza di dichiarazione facoltativa la trattenuta per l'imposta sui redditi da capitale è a titolo di imposta: non è necessario riportarli nella dichiarazione dei redditi. Sono comunque fatti salvi i punti da 1.b. a 1.f riguardanti la compensazione e il rimborso delle trattenute. b) Se non si è presentata una dichiarazione facoltativa: Redditi da capitale non sottoposti a trattenuta: 0,0000 c) In presenza di aliquota di imposta sui redditi inferiore devono essere riportati nella dichiarazione dei 1) redditi ai fini del rimborso (parziale) dell'imposta sui redditi da capitale i seguenti importi: - Redditi da capitale derivanti da investimenti di capitale imponibili a titolo d'imposta ad aliquota piena: Valori da rilevare in depositi con dichiarazione facoltativa: 0,0000 Valori da rilevare in depositi senza dichiarazione facoltativa: 2) 0, Imposta sui redditi da capitale, se riguarda redditi da capitale imponibili a titolo di imposta: Valori da rilevare in depositi con dichiarazione facoltativa: 0,0000 Valori da rilevare in depositi senza dichiarazione facoltativa: 0,0000 d) Diritto nel quadro della convenzione contro la doppia imposizione alla compensazione (parziale) delle trattenute alla fonte estere sull'imposta sui redditi austriaci o al relativo rimborso: Cfr. punto 11 nella sezione B. e) Redditi non imponibili secondo la convenzione contro la doppia imposizione 0,0000 (per informazioni dettagliate cfr. Sezione B): Diritto alla compensazione o al rimborso dell'imposta sui redditi trattenuta per i redditi non imponibili secondo la convenzione contro la doppia imposizione: 0,0000 f) Trattenute alla fonte estere praticate all'estero da amministrazioni fiscali estere rimborsabili secondo la convenzione contro la doppia imposizione: Cfr. punto 11 nella sezione B. 2. Quote nel patrimonio aziendale di imprese individuali o societarie (come OHG, KG) a) Per i redditi provenienti dal fondo in presenza di dichiarazione facoltativa la trattenuta per l'imposta sui redditi da capitale è sostanzialmente a titolo d'imposta; devono essere tassati unicamente i capital gain alle seguenti aliquote: 3) 0,0000 Sono comunque fatti salvi i punti da 2.c. a 2.f. riguardanti la compensazione e il rimborso 9) delle trattenute. b) In assenza di dichiarazione facoltativa: Invece che l'importo di cui alla lettera a. è necessario considerare dal punto di vista fiscale: Redditi non sottoposti a trattenuta: 0,0000 c) In presenza di aliquota di imposta sui redditi inferiore, a prescindere dalla trattenuta a titolo d'imposta, 4) devono essere riportati nella dichiarazione dei redditi ai fini del rimborso (parziale) dell'imposta sui redditi da capitale: - anziché gli importi della lettera a. (con dichiarazione facoltativa) o b. (senza dichiarazione facoltativa) Si considerano imponibili: 0, Imposta sui redditi da capitale da compensare: Per i depositi con dichiarazione facoltativa: 5) 0,0000 Per i depositi senza dichiarazione facoltativa: 5) 0,0000 d) Diritto nel quadro della convenzione contro la doppia imposizione alla compensazione (parziale) delle trattenute alla fonte estere sull'imposta sui redditi austriaci o al relativo rimborso: Cfr. punto 11 nella sezione B. Redditi non imponibili secondo la convenzione contro la doppia imposizione (per informazioni dettagliate cfr. Sezione B): e) 0,0000 Diritto alla compensazione o al rimborso dell'imposta sui redditi trattenuta per i redditi non imponibili secondo la convenzione contro la doppia imposizione: 0,0000 f) Trattenute alla fonte estere praticate all'estero da amministrazioni fiscali estere rimborsabili secondo la convenzione contro la doppia imposizione: cfr. punto 11 nella sezione B. Relazione sulla gestione per il periodo dal al Pagina 20

KEPLER FONDS. ZertifikateChamps. Relazione semestrale. dal

KEPLER FONDS. ZertifikateChamps. Relazione semestrale. dal KEPLER FONDS ZertifikateChamps Relazione semestrale dal 1 agosto 2014 al 31 gennaio 2015 Società di gestione: KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz Telefono: (0732) 6596-25314

Dettagli

AlpenBank Bond Strategy

AlpenBank Bond Strategy KEPLER FONDS AlpenBank Bond Strategy Relazione semestrale dal 1 maggio 2014 al 31 ottobre 2014 Società di gestione: KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz Telefono: (0732)

Dettagli

AlpenBank Equity Strategy

AlpenBank Equity Strategy Relazione sulla gestione relativa all'esercizio dal 1 agosto 2014 al 31 luglio 2015 Società di gestione: AlpenBank Equity Strategy KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz

Dettagli

AlpenBank Equity Strategy

AlpenBank Equity Strategy KEPLER FONDS AlpenBank Equity Strategy Relazione semestrale dal 1 agosto 2014 al 31 gennaio 2015 Società di gestione: KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz Telefono: (0732)

Dettagli

P R O S P E T T O. del fondo. ZertifikateChamps

P R O S P E T T O. del fondo. ZertifikateChamps P R O S P E T T O del fondo ZertifikateChamps Fondo d investimento ai sensi del 2 comma 1 e 2 in combinazione con 50 della Legge sui fondi d investimento (in prosieguo InvFG ) (o.i.c.v.m.) di KEPLER-FONDS

Dettagli

AlpenBank Bond Strategy. Relazione semestrale

AlpenBank Bond Strategy. Relazione semestrale Relazione semestrale dal 1 maggio 2015 al 31 ottobre 2015 Società di gestione: KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz Telefono: (0732) 6596-25314 Fax: (0732) 6596-25319

Dettagli

AlpenBank Bond Strategy

AlpenBank Bond Strategy Relazione sulla gestione relativa all'esercizio dal 1 maggio 2014 al 30 aprile 2015 Società di gestione: AlpenBank Bond Strategy KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.h. Europaplatz 1a 4020 Linz Telefono:

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito

Morning Call 14 GENNAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Morning Call 14 GENNAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cresce la produzione industriale in Italia, in forte calo l inflazione nel Regno Unito Tassi:

Dettagli

Prospetto informativo semplificato. Raiffeisen Bond Total Return (R)

Prospetto informativo semplificato. Raiffeisen Bond Total Return (R) Prospetto informativo semplificato per il fondo Raiffeisen Bond Total Return (R) Fondo comune ai sensi dell art. 20 della Legge sui fondi comuni d investimento ISIN a distribuzione: ISIN ad accumulazione:

Dettagli

Prospetto informativo semplificato. Raiffeisen Azionario Europeo

Prospetto informativo semplificato. Raiffeisen Azionario Europeo Prospetto informativo semplificato per il fondo Raiffeisen Azionario Europeo Fondo comune ai sensi dell art. 20 della Legge sui fondi comuni d investimento ISIN a distribuzione: ISIN ad accumulazione:

Dettagli

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Morning Call 30 MARZO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Tassi: resta sui

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

Prospetto informativo semplificato

Prospetto informativo semplificato Prospetto informativo semplificato per il fondo Raiffeisen Azionario Fondamentale Globale Fondo comune ai sensi dell art. 20 della Legge sui fondi comuni d investimento ISIN ad accumulazione: ISIN fondo

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Prospetto informativo semplificato

Prospetto informativo semplificato Prospetto informativo semplificato per il fondo Raiffeisen 337 Strategic Allocation Master I (R) Fondo comune ai sensi dell art. 20 della Legge sui fondi comuni d investimento ISIN ad accumulazione totale

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

Regolamento dei Fondi Interni

Regolamento dei Fondi Interni Regolamento dei Fondi Interni Art.1 Istituzione dei Fondi Interni Intesa Sanpaolo Vita S.p.A., di seguito denominata Compagnia, ha istituito e gestisce, al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti. Morning Call 22 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Ibex: andamento I temi del giorno Macro: oggi il dato finale del Pil Usa del terzo trimestre Il voto spagnolo e lo stallo politico pesano su azionario

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO INTERNO La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità

Dettagli

Prospetto informativo semplificato

Prospetto informativo semplificato Prospetto informativo semplificato per il fondo Raiffeisen Azionario Infrastrutture Fondo comune ai sensi dell art. 20 della Legge sui fondi comuni d investimento ISIN a distribuzione: ISIN ad accumulazione:

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Morning Call 9 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Tassi: spread

Dettagli

Q&A: Dachfonds Südtirol

Q&A: Dachfonds Südtirol La soluzione bilanciata flessibile prudente di Raiffeisen Capital Management Pagina 1 di 5 Nel presente documento potrà trovare le risposte alle sue domande relative al nostro fondo bilanciato flessibile

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 30 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 30 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Treasury a 10 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Pil Usa del terzo trimestre a +1,5% annualizzato; meglio delle

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO "SECURASSET BNL ATHENA CLASSIC QUANTO SU AZIONI APPLE"

SCHEDA PRODOTTO SECURASSET BNL ATHENA CLASSIC QUANTO SU AZIONI APPLE SCHEDA PRODOTTO "SECURASSET BNL ATHENA CLASSIC QUANTO SU AZIONI APPLE" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello

Dettagli

Morning Call 23 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa del terzo trimestre rivisto al +2,1% trimestrale annualizzato

Morning Call 23 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa del terzo trimestre rivisto al +2,1% trimestrale annualizzato Morning Call 23 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva spot a scadenza dei tassi Euribor I temi del giorno Macro: Pil Usa del terzo trimestre rivisto al +2,1% trimestrale annualizzato Scambi ridotti in

Dettagli

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

La sintesi di tutte le specialità del reddito fisso di casa Raiffeisen in un solo fondo: il Raiffeisen Fund Conservative

La sintesi di tutte le specialità del reddito fisso di casa Raiffeisen in un solo fondo: il Raiffeisen Fund Conservative La soluzione obbligazionaria flessibile di Raiffeisen Capital Management Pagina 1 di 6 La sintesi di tutte le specialità del reddito fisso di casa Raiffeisen in un solo fondo: il Raiffeisen Fund Conservative

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO VARIABILE CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 ISIN IT0004753445 EMESSE

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 10 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Grecia, rendimento del benchmark a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: in rialzo il saldo della bilancia commerciale tedesca a 19,1 mld di euro;

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua

Morning Call 18 AGOSTO 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Morning Call 18 AGOSTO 2014 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: invariato t/t il Pil dell Area nel Q2, +0,7% su base annua Nuovi minimi storici per

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM DATA VALIDITA : dal 28/02/2013 Art. 1 Gli aspetti generali del Fondo interno La Compagnia costituisce e gestisce, secondo le modalità del presente Regolamento,

Dettagli

P R O S P E T T O I N F O R M A T I V O. Raiffeisen Obbligazionario EuroCorporates

P R O S P E T T O I N F O R M A T I V O. Raiffeisen Obbligazionario EuroCorporates P R O S P E T T O I N F O R M A T I V O per il fondo Raiffeisen Obbligazionario EuroCorporates Fondo comune d investimento ai sensi dell articolo 20 InvFG (legge sui fondi d investimento) della Raiffeisen

Dettagli

Comparto 1 Obbligazionario Misto Euro

Comparto 1 Obbligazionario Misto Euro REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI DI NUOVA ISTITUZIONE ARTICOLO 1: ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità descritte nel

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Settembre 2015 La volatilità torna alla ribalta Nel 2015 l indice azionario S&P 500 non solo ha fatto registrare

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 03.02.2012 / 03.02.20154,75% ISIN IT0004792161 EMESSE

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Obbligazionario Mercati Emergenti Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Obbligazionario Mercati Emergenti Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile.

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile. Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120 CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO FISSO CR Cento 23.09.2011 / 23.03.20143,50% ISIN IT0004762495 EMESSE

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 9 APRILE 2015 Sotto i riflettori Tasso implicito del future Euribor 3 mesi dic 2019: andamento I temi del giorno Macro Area euro: vendite al dettaglio in rialzo del 3,0% su base annua; deludono

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FOSBURY COUPONS AUTOCALLABLE

CENTRA SOGE-PARTNERS REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FOSBURY COUPONS AUTOCALLABLE Regolamento del fondo interno Fosbury Coupons Autocallable A) OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL FONDO Il fondo Fosbury Coupons Autocallable è un fondo interno di tipo N (vale a dire accessibile a una pluralità

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO "BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD"

SCHEDA PRODOTTO BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD SCHEDA PRODOTTO "BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Maggio 2014. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Maggio 2014. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Maggio 2014 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari FED. Il temuto rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti potrebbe essere più lontano di quanto

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO STEP-UP/STEP-DOWN CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 Step-Up ISIN IT0004753437 EMESSE

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Floored Floater. Questa configurazione le offre i seguenti vantaggi:

Floored Floater. Questa configurazione le offre i seguenti vantaggi: su tasso Libor CHF a 3 mesi con obbligazione di riferimento «Newmont Mining» Floored Floater su tasso EURIBOR EUR a 3 mesi con obbligazione di riferimento «Newmont Mining» Nel contesto attuale di tassi

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

ISPL Unit Private Style

ISPL Unit Private Style Prospetto d offerta Offerta al pubblico di ISPL Unit Private Style Prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked Si raccomanda la lettura della Parte I (Informazioni sull investimento e sulle coperture

Dettagli

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bonos a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Tassi: rendimenti

Dettagli

Cam era dei D eputati - 8 1 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1

Cam era dei D eputati - 8 1 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 8 1 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 8 2 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA

Dettagli

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 17 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia, oggi il via libera dei Paesi Ue al prestito ponte da 7mld; nuovi fondi Ela per la banche greche

Dettagli

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Morning Call 10 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Cambio Usd/Yuan: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Banche centrali:

Dettagli

Am Tucherpark 16 80538 Monaco di Baviera, Germania

Am Tucherpark 16 80538 Monaco di Baviera, Germania PROSPETTO Kurzinformation INFORMATIVO SEMPLIFICATO ishares Dow Jones U.S. Select Dividend (DE). Ottobre 2007 Il Fondo ishares Dow Jones U.S. Select Dividend (DE) è stato costituito il 28.09.2005 sensi

Dettagli

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Morning Call 31 MARZO 2015 Sotto i riflettori Fiducia delle imprese in Italia: andamento I temi del giorno Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Tassi: nuovi

Dettagli

ATLANTE TARGET ITALY FUND

ATLANTE TARGET ITALY FUND Gli Amministratori di Atlante Funds plc (la Società ) i cui nominativi sono riportati nella sezione del Prospetto informativo intitolata LA SOCIETÀ si assumono ogni responsabilità in ordine alle informazioni

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli