l'economia IN MOVIMENTO Un Anno di Attività 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l'economia IN MOVIMENTO Un Anno di Attività 2010"

Transcript

1 l'economia IN MOVIMENTO Un Anno di Attività 2010

2 INDICE L ASSOCIAZIONE 4 Assetto istituzionale 4 Obiettivi 5 Gli associati 7 Governance 10 Articolazioni interne 12 Sistema Confindustria 13 Sistema Camerale 13 Strutture collegate 14 La struttura operativa L ATTIVITA 19 Agevolazioni commerciali 20 Ambiente e Sicurezza 24 Competitività e sviluppo 25 Aleanza tra imprese per una maggiore competitività 26 Energia 27 Finanza d impresa 29 Fiscale e societario 30 Formazione finanziata 33 Gruppo Giovani Imprenditori 37 Indagini economiche e congiunturali 38 Internazionalizzazione 43 Misure di sostegno alle imprese 46 Rapporti con il territorio 47 Rapporti con la scuola 50 Sindacale Lavoro e Previdenza 54 Territorio e infrastrutture CORSI E INCONTRI

3 L ASSOCIAZIONE

4 ASSETTO ISTITUZIONALE ALI - Associazione Industriale Alto Milanese, in breve Confindustria Alto Milanese, è l Associazione di rappresentanza delle imprese industriali dell Alto Milanese. Fondata nel 1945 come ALI - Associazione Legnanese dell Industria, è una delle 100 Associazioni Territoriali del Sistema Confindustria, cui aderisce; contestualmente fa parte di Confindustria Lombardia, l organizzazione che raggruppa le 12 Associazioni Territoriali attualmente presenti sul territorio lombardo. Le Imprese iscritte al 31 Dicembre 2010 erano 522, appartenenti ai diversi settori di attività presenti sul territorio, complessivamente con addetti. Carta fondamentale della vita associativa è lo Statuto, del quale nel 2006 è stata portata a compimento una profonda revisione per adeguarlo a quanto suggerito dall esperienza associativa dell ultimo decennio, al mutato contesto economico sociale, agli indirizzi ed ai nuovi Regolamenti di Confindustria. Il territorio, sul quale attualmente l Associazione opera per diretta previsione dello Statuto, comprende 20 Comuni, tutti nella Provincia di Milano: Legnano, Arconate, Buscate, Busto Garolfo, Canegrate, Castano Primo, Cerro Maggiore, Dairago, Magnago, Nerviano, Nosate, Parabiago, Pogliano Milanese, Rescaldina, Robecchetto, San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona, Turbigo, Vanzaghello, Villa Cortese. OBIETTIVI L Associazione ha lo scopo di favorire la crescita delle imprese del territorio, sostenendone la capacità competitiva sui mercati interni ed internazionali e favorendo l insediamento di nuove iniziative economiche e produttive. A tali fini l azione dell Associazione anche nel corso del 2010 si è sviluppata su due linee fondamentali: rappresentanza e tutela delle imprese associate nei rapporti con le Istituzioni, le Amministrazioni pubbliche, gli Enti, le Organizzazioni economiche, sindacali e sociali, contribuendo allo sviluppo del territorio, delle infrastrutture, dei servizi necessari al sistema delle imprese; assistenza delle imprese associate in tutte le aree di attività che le riguardano, sia attraverso la propria struttura interna sia promuovendo i servizi, gli accordi di collaborazione, gli studi e tutte le iniziative necessarie. Nel rispetto rigoroso della norma statutaria, non è stato perseguito alcun fine politico né di lucro. Tutti i proventi associativi sono stati destinati all attività istituzionale. CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

5 GLI ASSOCIATI LE IMPRESE Imprese ed Addetti al 31 dicembre 2010 GRUPPI MERCEOLOGICI IMPRESE ADDETTI % % 2009 % % 2009 MEDIA ADDETTI Meccanica ,5 37, ,9 42,4 31,2 Terziario ,6 23, ,9 13,4 15,9 di cui Terz. Innov ,5 11,0 486,0 3,3 3,6 8,8 Tessile 64 12,3 12, ,8 20,6 45,0 Chimico/Plastica 52 10,0 9, ,0 9,2 28,1 Costruzioni ed impianti 42 8,0 7, ,4 5,0 18,8 Calzaturiero 26 5,0 5, ,4 7,0 41,6 Varie 24 4,6 4, ,7 2,5 16,5 TOTALE ) ) 28,0 1) Valori assoluti Il ruolo della piccola, media e grande impresa CLASSI DIMENSIONALI (*) IMPRESE % Piccola impresa ,0 Media impresa 52 10,0 Grande impresa 37 7,0 TOTALE 522 (*)Tabella elaborata sulla base della definizione comunitaria di piccola, media e grande impresa, tenuto conto quindi di: numero di addetti, fatturato, totale dell attivo di bilancio, controllo societario. Le diverse vocazioni delle Aree IMPRESE ADDETTI AREE Tutti i Settori di cui Terziario % Tutti i Settori di cui Terziario % Legnano (1) , ,4 Castano e Parabiago (2) , ,8 Altre 76 40, ,5 TOTALE (1) Comuni: Canegrate, Cerro Maggiore, Dairago, Legnano, Rescaldina, San Giorgio su Legnano, San Vittore Olona e Villa Cortese (2) Comuni: Arconate, Buscate, Busto Garolfo, Castano Primo, Magnago, Nerviano, Nosate, Pogliano, Parabiago, Robecchetto con Induno, Turbigo, Vanzaghello 5 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

6 MARKETING ASSOCIATIVO Variazioni nel corso del 2010 GRUPPI MERCEOLOGICI nuove iscritte Cessate (a) saldo IMPRESE ADDETTI IMPRESE ADDETTI IMPRESE ADDETTI Meccanica Terziario Tessile Chim.-Plast.-Gom Costruzioni-impianti Calzaturiero-Access Varie TOTALE (a) complessivamente: per dimissioni, 28 imprese per 292 addetti; per altre cause (cessazione dell attività, trasferimento dell unità produttiva), 19 imprese per 783 addetti. Azioni per lo sviluppo Gestione del database Sviluppo, anche attraverso l acquisizione di dati da Società esterne specializzate. Ricerca di contatti diretti con le imprese non associate, secondo priorità e tempistiche definite ma lasciando comunque al funzionario dedicato allo Sviluppo la possibilità di tenere conto di situazioni contingenti o particolari interessi aziendali (ove rilevabili), quali problematiche di PGT, opportunità di finanziamenti, ricerca di aree di insediamento, esigenze connesse a procedure sindacali, ecc. Diffusione della comunicazione istituzionale dell Associazione, attraverso la stampa ed i propri notiziari Inoltro a campione o a rotazione per periodi limitati di tempo, anche ad imprese non associate del territorio, di circolari informative e di pubblicazioni di presentazione dell Associazione, dei servizi offerti, delle convenzioni in essere Inviti a seminari, incontri, corsi specialistici gratuiti o comunque a costi nettamente inferiori a quelli di mercato Convenzioni sottoscritte con altre Associazioni Alla convenzione di doppio inquadramento storicamente in essere con Anci, l Associazione nazionale delle aziende calzaturiere e quella in vigore dal 2009 con Confindustria Alberghi, nel corso del 2010 si è aggiunto l Accordo di completo inquadramento con Assotravel, l Associazione Nazionale delle agenzie di Viaggio e Turismo. CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

7 E altresì in essere la Convenzione Organizzativa con AIOP (Associazione Italiana Ospedalità privata), rinnovata nel gennaio Prosegue l Accordo interassociativo con FIAIP (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionisti), che scadrà a fine Sempre operativo nel 2010 l Accordo con Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici che consente a rappresentanti dell Associazione di partecipare a Comitati d Area, Gruppi e Tavoli di lavoro e all attività dell Assemblea della Federazione e del Comitato Nazionale di Coordinamento Territoriale (CNCT). L accordo permette inoltre di ricevere le newsletter mensili e di approfondire eventuali specifiche tematiche, per il tramite degli Uffici dell Associazione. RAPPORTI INTERNI Comunicazione interna E stata curata attraverso lettere del Presidente, dei Presidenti di Gruppo e del Direttore, oltre a visite aziendali ed all organizzazione di specifici momenti di incontro. Welcome Day Il Welcom Day con i rappresentanti delle imprese nuove associate nel corso del 2010 si è tenuto il 25 ottobre, alla presenza del Presidente, dei Vice Presidenti e del personale tutto dell Associazione. I nuovi associati, a cui è stato consegnato il distintivo con il logo confederale, hanno avuto modo di presentare brevemente l attività della propria azienda agli altri partecipanti e conoscere personalmente tutti i funzionari dell Associazione. Auguri di Natale Oltre duecento i partecipanti, tra imprenditori, rappresentanti delle Istituzioni e della stampa, Forze dell Ordine, familiari, che sono intervenuti alla serata organizzata da Confindustria Alto Milanese per il consueto scambio di auguri natalizi. Una serata piacevole, che ha adottato la formula più dinamica dell happy hour per facilitare e favorire la conoscenza tra tutti. GOVERNANCE La governance dell Associazione viene esercitata dai rappresentanti delle imprese iscritte, attraverso gli Organi e secondo le regole previste dallo Statuto: Assemblea dei soci, con voto proporzionato al proprio peso contributivo Organi direttivi, rappresentati dal Presidente, dai Vice Presidenti e dal Consiglio Direttivo Organi di controllo, rappresentati da Giunta, Collegio dei Revisori Contabili e Probiviri Responsabile della Struttura operativa, rispondendo direttamente al Presidente, è il Direttore. 7 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

8 ASSEMBLEA E l organo di base dell Associazione, formato dai rappresentanti di tutte le imprese aderenti. Ciascun partecipante esprime i voti spettanti all impresa che rappresenta, determinati in ragione dell ammontare dei contributi dovuti per l esercizio sociale in corso. Assemblea Generale Ordinaria Sessione privata Avendo introdotto il criterio della rotazione delle sessioni pubbliche tra Associazione, Gruppo Giovani e Piccola Impresa, il 7 giugno si è svolta solo la sessione privata dell Assemblea Generale Ordinaria dell Associazione. Dopo la relazione sull attività tenuta dal Presidente Corrado Bertelli, che ha illustrato i momenti salienti dell attività svolta nel corso del 2009, e dopo l approvazione del bilancio al si è proceduto alla nomina dei componenti elettivi la Giunta per il biennio , dei Probiviri e del Collegio dei Revisori Contabili per il quadriennio Successivamente il prof. Valter Lazzari, Preside della Facoltà d Economia della Liuc, è intervenuto sul tema: Crisi finanziaria & crisi fiscale: possibili scenari economici. ORGANI DIRETTIVI Presidente Rappresenta in ogni sede l Associazione e sovrintende all andamento della stessa, vigilando sull esecuzione delle delibere degli Organi associativi, sul coordinamento delle attività dell Associazione e di tutte le articolazioni interne. Ricopre altresì la carica di Presidente delle due società controllate dall Associazione: Immobiliare Astra ed Assoservizi Legnano. Corrado Bertelli (A.D della BMP Materie Plastiche), eletto dall Assemblea Generale 2007 per il quadriennio , fa parte del Consiglio Regionale di Confindustria Lombardia e del Consiglio Direttivo di Assolombarda. Vice Presidenti Coadiuvano il Presidente nell azione interna ed in quella esterna di rappresentanza. Vice Presidenti elettivi. In carica per il biennio 2009/2011: Gian Angelo Mainini, Vicario - Presidente Gruppo Metalmeccanico - (Elettromeccanica Colombo) - e Bruno Paneghini - Presidente Gruppo Terziario Innovativo - (Reti). Vice Presidenti di diritto: da giugno 2010 Mimmo Lobello (SM Impianti)] è stato eletto Presidente del Gruppo Piccola Impresa per il quadriennio , in sostituzione di Eugenio Camera Magni (Nearchimica) che ha terminato il proprio mandato. Sempre da giugno 2010 Alessandro Venegoni (Salumificio Venegoni) è subentrato a Mimmo Lobello nella carica di Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori, fino al CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

9 Consiglio Direttivo In quanto Organo collegiale ristretto, provvede a definire l azione a breve termine dell Associazione ed a pianificare quella a medio-lungo termine, a nominare i rappresentanti dell Associazione presso Enti od Organismi esterni, a definire con il Presidente le direttive utili per il migliore funzionamento della struttura organizzativa. Esamina ed approva le domande di adesione all Associazione. Con il Presidente ed i Vice Presidenti ne hanno fatto parte: i componenti eletti dalla Giunta: Antonio Gandolfi (Icap Leather Chem), con funzioni di Tesoriere e Luca Rancilio (Rancilio Group), che ha ricevuto la delega per i temi del credito e della finanza, in sostituzione di Paolo Guaitamacchi. i componenti cooptati dal Consiglio stesso su proposta del Presidente: Alessandro Spada (Vice-Presidente e Delegato di Assolombarda). Il Consiglio si è riunito il 25 gennaio, 8 febbraio, 9 marzo, 6 maggio, 13 luglio, 20 settembre, 8 novembre. Ha partecipato con funzione consultiva il Direttore. ORGANI DI CONTROLLO Giunta Come Organo collegiale allargato, rappresentativo delle diverse componenti la base associativa, vigila sul perseguimento dei fini statutari; approva nei termini previsti dallo Statuto i bilanci preventivo e consuntivo nonché la delibera contributiva; delibera ove necessario sugli atti di carattere patrimoniale e finanziario eccedenti l ordinaria amministrazione nonché sulla partecipazione ed eventuale contribuzione ad Organismi esterni. Della Giunta hanno fatto parte: il Presidente, i Vice Presidenti e gli altri componenti il Consiglio Direttivo il Past-President Antonella Rudoni (Tessitura Rudoni) i Presidenti dei Gruppi di Imprese i componenti elettivi. Neo-eletti o riconfermati dall Assemblea Generale per il biennio : Eugenio Camera Magni (Nearchimica); Eugenio Colombo (Fonderia Getti Speciali); Pietro Cozzi (F.lli Cozzi); Luca Crespi (Crespi Bonsai); Maria Grazia Fiori (Heads Hunters); Fabrizio Garberi (Tessitura Candiani); Francesco Ghilardi (Roveda); Marina Lazzati (Tessitura Fibre Artificiali); Andrea Massari (Mollificio Legnanese); Vincenzo Nicolosi (Selex Galileo); Ernesto Pirovano (TTN); Gabriella Rimoldi (Vito Rimoldi); Rolando Rotilio (Color System); Anna Stiatti (Rain); Silvano Vaghi (Dolce & Gabbana); Giuliana Zanzottera (Intesa). Il cooptato Corrado Di Rito (Poste Italiane). Hanno partecipato, con funzione consultiva: gli ex Presidenti: Antonio Gandolfi; Paolo Guaitamacchi; Silvano Guffanti (Forgiatura San Giorgio) il Direttore 9 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

10 i Revisori Contabili i Probiviri componenti il Collegio Speciale gli invitati: Giovanni Milesi (delegato Assolombarda) ed i signori Roberto Carnovali, Fabrizio Natali e Giuseppe Scarpa componenti il Comitato P.I. La Giunta si è riunita l 8 febbraio, 18 maggio, 13 luglio, 30 settembre, 25 novembre. Collegio dei Revisori Contabili Il Collegio vigila sull andamento della gestione economico-finanziaria dell Associazione e sui relativi atti di amministrazione. I componenti del Collegio partecipano senza diritto di voto alle riunioni della Giunta ed il Presidente alle riunioni del Consiglio Direttivo. Riconfermati dall Assemblea generale del 7 giugno 2010 per il quadriennio , ne hanno fatto parte: Giuseppe Colombo (Fonderia Quaglia e Colombo), Presidente; Gualtiero Castiglioni (Studio Stanglino-Castiglioni); Ercole Gorlini (Gorlini Remo). Probiviri Organo tipicamente di controllo etico-giuridico. Oltre ai compiti di vigilanza ed eventuale arbitraggio loro riconosciuti, i componenti il Collegio Speciale partecipano senza diritto di voto alle riunioni della Giunta. Neo-eletti o riconfermati dall Assemblea Generale 2010 per il quadriennio , hanno ricoperto la funzione: Silvano Guffanti; Virginio Belloni (Ifaba); Gianfranco Bigatti (Giovanni Crespi); Renzo Massari (Mollificio Legnanese); Mario Rizzoli (avvocato); Componenti il Collegio Speciale: Virginio Belloni, Silvano Guffanti e Renzo Massari. ARTICOLAZIONI INTERNE PICCOLA IMPRESA Per la trattazione delle specifiche problematiche lo Statuto prevede la costituzione, all interno dell Associazione, del Gruppo Piccola Impresa, cui appartengono le imprese fino a 50 addetti. L Assemblea del Gruppo del 7 giugno, dopo aver approvato un proprio Regolamento ha proceduto all elezione del proprio Presidente per il quadriennio ed alla costituzione del Comitato Piccola Impresa per il biennio Presidente P.I. è risultato eletto Mimmo Lobello, Amministratore Delegato di SM Impianti Srl, il quale ha quindi messo a disposizione la carica di Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori ricoperta dallo scorso anno. Lobello, che è subentrato ad Eugenio Camera Magni a termine del suo mandato quadriennale, è Vice Presidente di diritto dell Associazione e fa parte quindi del Consiglio Direttivo e della Giunta oltre che del Comitato Regionale PI di Confindustria Lombardia. CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

11 Nel Comitato Piccola Impresa sono risultati eletti: Gabriella Rimoldi (Vito Rimoldi), in qualità di Vice Presidente; Roberto Carnovali (Carnovali Telecomunicazioni); Fabrizio Natali (Natali MVF); Anna Stiatti (Rain) e Giuseppe Scarpa (Freccia International). I componenti del Comitato P.I., che già non ne fanno parte ad altro titolo, sono invitati in modo permanente in Giunta. GRUPPI DI IMPRESE Lo Statuto prevede che all interno dell Associazione possano essere costituiti Gruppi di Imprese aventi interessi comuni e/o complementari in ragione del settore merceologico, dell appartenenza territoriale, in generale delle caratteristiche dell attività esercitata. Questi i Gruppi merceologici attualmente costituiti, con i Presidenti eletti nel 2008 (Donelli eletto nel 2009) dalle rispettive Assemblee per il biennio : Gruppo Meccanici, Gian Angelo Mainini (Elettromeccanica Colombo); Gruppo Tessili, Vincenzo Bianchi (Mimoska); Gruppo Calzaturieri, Diego Rossetti (Calzat. F.lli Rossetti); Gruppo Chimico-Materie plastiche, Marco Tortelotti (Rossini); Gruppo Terziario Innovativo, Bruno Paneghini (Reti); Gruppo Terziario Industriale e varie: Alberto Riva (Ecologica Naviglio); Gruppo Costruzioni Edili, Materiali ed Impianti: Piero Donelli (Impresa Donelli). Poiché tutti i Gruppi rappresentano ciascuno almeno il 5% dei voti complessivamente spettanti in Assemblea, i Presidenti sono entrati di diritto a far parte della Giunta dell Associazione. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI Il Gruppo Giovani, che a fine 2010 era composto da 108 iscritti, ha perseguito con grande impegno il raggiungimento dei propri obiettivi: la diffusione dei valori e della cultura d'impresa nella società civile, la crescita professionale dei propri iscritti, la maggiore partecipazione dei Giovani Imprenditori a progetti di comune interesse. Attive all interno del Gruppo sono state una serie di Commissioni, ciascuna con specifici incarichi: Rapporti interni: comunicazione e marketing associativo Formazione, Scuola e Università Energia, ambiente e sicurezza sul lavoro Internazionalizzazione. Alessandro Venegoni è subentrato nella Presidenza del Gruppo a Mimmo Lobello, eletto Presidente del Comitato Piccola Impresa dell Associazione. Ad oggi fanno parte del Consiglio Direttivo del Gruppo Giovani, oltre ad Alessandro Venegoni: Vice Presidenti: Luca Donelli (Impresa Donelli), Paola Guffanti (Forgiatura S Giorgio), Carlo Mazzarella (Carnovali TLC), Stefania Solari (Dev at Work). Consiglieri: Luisa Bamonte (SBC Consulting), Carlo Locatelli Banfi (Banfi Engineering), Fabrizio Natali, Michele Pesci (Carnovali TLC), Elisabetta Pirovano (TTN spa). 11 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

12 Assiduo l impegno di tutto il Gruppo per fare fronte ai tanti momenti istituzionali della vita associativa, a livello locale, regionale, centrale: Il Presidente Venegoni ha partecipato ai lavori della Commissione "Energia, Ambiente ed Infrastrutture a livello centrale, mentre Franco Massari è stato componente, fino ad aprile 2011, il Consiglio Centrale dei Giovani di Confindustria. Mimmo Lobello ha partecipato al Comitato di Redazione di Quale Impresa. Fabrizio Natali e Carlo Mazzarella hanno partecipato, come delegati, al Consiglio Regionale del Gruppo Giovani di Confindustria Lombardia, mentre Daniele Barbone (B&Partners) ha collaborato direttamente con la Presidente Regionale dei Giovani Imprenditori, Alessia Zucchi, nell ambito dei progetti di internazionalizzazione, oltre che all organizzazione del 41 Convegno di Santa Margherita Ligure. Altri componenti il Gruppo hanno collaborato ai lavori delle diverse Commissioni costituite a livello regionale e centrale. SISTEMA CONFINDUSTRIA L Associazione aderisce a Confindustria, di cui adotta il Logo ed i segni distintivi, acquisendo per sé e le imprese iscritte i relativi obblighi e diritti, assumendo il ruolo di componente territoriale della maggiore organizzazione rappresentativa delle imprese manifatturiere e dei servizi in Italia. Le 100 Associazioni Territoriali sono raggruppate in 18 Federazioni Regionali, tra le quali Confindustria Lombardia, dove Confindustria Alto Milanese è presente insieme ad altre 11 Associazioni provinciali. La partecipazione ad un unico Sistema ha sollecitato anche nel 2010 la presenza in una serie di Organi, Commissioni, Gruppi di lavoro necessari per assicurare una comune linea di azione verso obiettivi condivisi. Ulteriori impegni istituzionali sono derivati, oltre che dagli stretti rapporti di collaborazione da tempo in essere con Assolombarda e l Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani (Anci), dalla nostra presenza in Federmeccanica. Confindustria Assemblea Generale (Presidente e Delegati) Consulta dei Presidenti Gruppo Giovani Imprenditori: Consiglio Centrale (Presidente e Delegato) e Commissioni Confindustria Lombardia Giunta e Consiglio Regionale (Presidente) Collegio dei Revisori Contabili (Silvano Guffanti) Probiviri (Antonio Gandolfi) Comitato Regionale Piccola Industria (Presidente Gruppo Piccola Impresa) Coordinamento Regionale del Terziario Avanzato per i Servizi Innovativi e Professionali (Presidente Gruppo Terziario Innovativo) Gruppo Giovani Imprenditori: Consiglio Regionale (Presidente e Delegati) e Commissioni Assolombarda Consiglio Direttivo (Presidente) Giunta (Paolo Guaitamacchi) CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

13 Federmeccanica Assemblea (Presidente Gruppo Meccanici) Delegato Permanente Piccola (Pia Borgio Landini) Componente la Giunta (Vincenzo Nicolosi) Revisore dei Conti (Eugenio Colombo) Anci Giunta (Presidente Gruppo Calzaturiero) Consiglio Direttivo (Luciano Padovan, Giovanna Ceolini, Diego Rossetti). SISTEMA CAMERALE Il Past President Paolo Guaitamacchi è Consigliere della Camera di Commercio di Milano (quinquennio 2007/2012) ed è stato riconfermato (triennio 2010/2013) Vice Presidente vicario di Formaper - Azienda Speciale per la formazione volta a sostenere la creazione d impresa -. Guaitamacchi è stato inoltre Consigliere di Amministrazione di O.S.M.I. Borsa Immobiliare (triennio 2007/2010) e fa parte di diversi Gruppi di lavoro sul Programma pluriennale STRUTTURE COLLEGATE SOCIETÀ CONTROLLATE Assoservizi Legnano Srl. La società, con l ausilio di personale distaccato dall Associazione e qualificate collaborazioni esterne, fornisce servizi specialistici a costi controllati. Presidente: Corrado Bertelli. Consiglieri: Alberto Duvia, Antonio Gandolfi. Anche nel 2010 le principali voci di attività sono state rappresentate da: organizzazione di corsi; predisposizione richieste di finanziamenti agevolati; elaborazione retribuzioni; traduzioni; informazioni commerciali. Immobiliare Astra Spa. La Società è proprietaria dell immobile in cui ha sede l Associazione. Il Consiglio di Amministrazione, per il triennio 2008/2010, è così composto: Presidente: Corrado Bertelli. Consiglieri: Eugenio Colombo, Alberto Duvia, Antonio Gandolfi, Antonella Rudoni. SOCIETÀ PARTECIPATE Espansione (attraverso Assoservizi Srl). La società, costituita con le Associazioni di Varese, Lecco e Como, opera come grossista sul mercato elettrico. Consigliere: Silvano Guffanti. Euroimpresa Legnano. Società consortile, a maggioranza pubblica. Presidente: Fabio Colombo (Giola Service Srl). E proseguita la collaborazione per lo sviluppo dell attività di Energy Cluster e per la promozione della filiera della Termoelettromeccanica. Centrocot. Sostiene, attraverso servizi specializzati, lo sviluppo tecnologico e commerciale delle aziende operanti nella filiera tessile-cotoniero-abbigliamento. 13 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

14 Assocaaf. Centro di assistenza fiscale, costituito tra le Associazioni Industriali della Lombardia. Agenzia confederale per le reti di imprese - RetImpresa. Agenzia costituita in ottobre 2009, intende favorire il coordinamento delle organizzazioni del sistema Confindustria sui nuovi modelli di aggregazione, previsti dal "contratto di rete" (Legge n. 33 del 9 aprile 2009). Energy cluster. Associazione senza scopo di lucro, costituita nel marzo 2009, aggrega le imprese lombarde che costruiscono, o contribuiscono a costruire, prodotti utilizzati per la generazione e la distribuzione dell energia. Tra i componenti il Consiglio Direttivo Alberto Ribolla, Presidente: Gian Angelo Mainini, Vice Presidente; Mario Scandellari (Franco Tosi Meccanica); Francesco Giani (Pensotti Fabbrica Caldaie Legnano); Andrea Pontani (Confindustria Alto Milanese). STRUTTURE PROMOSSE DALL'ASSOCIAZIONE Confidi Province Lombarde. Consiglieri: Giorgio Colombo (ICMA S. Giorgio) componente l Esecutivo; Alberto Duvia fino a luglio 2010 (Direttore Confindustria Alto Milanese). Federfidi Lombarda. E la cooperativa di garanzia fidi di secondo livello, intersettoriale. Consorzi energia: Energi.Va (in collaborazione con Univa; Consigliere: Rolando Rotilio, di nomina consortile) ed Assoutility (in collaborazione con Assolombarda). Consentono, aggregando la domanda, di accedere alle migliori offerte di energia elettrica e gas metano. LA STRUTTURA OPERATIVA DIREZIONE GENERALE Rispondendo direttamente al Presidente, il Direttore (Alberto Duvia) ha provveduto all esecuzione delle delibere degli Organi direttivi, alle cui riunioni ha partecipato come Segretario. Responsabile del buon funzionamento della struttura operativa, ha altresì curato l attività delle Società controllate dall Associazione ed assicurato il coordinamento con le Società ed i Consorzi collegati. LE AREE E GLI UFFICI L attività dell Associazione, strutturata per Aree, è stata curata dai singoli Uffici avvalendosi essenzialmente di collaboratori interni e di collaborazioni esterne in funzione di specifiche necessità. Aree di attività: Ambiente e Sicurezza Centro Studi Comunicazione e rapporti con i media Economia e Finanza d Impresa CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

15 Fiscale e Societario Internazionalizzazione Lavoro e Sindacale Organizzazione d Impresa Scuola e Formazione Territorio e Infrastrutture. A queste si sono affiancate: Marketing e Sviluppo Associativo; Amministrazione; Segreteria e Servizi generali. Il numero dei collaboratori nel 2010 si è attestato a quindici. Per l Area Fiscale e Societario il servizio è stato reso dagli Uffici di Assolombarda, sulla base degli accordi intercorrenti tra le due Associazioni. Assoservizi, Astra e Confidi Province Lombarde si sono avvalsi anche della collaborazione di personale distaccato a tempo parziale dall Associazione. Attività svolta L assistenza resa dagli Uffici sia come consulenza sia come tutoraggio ed in alcuni casi anche come supporto diretto - di adempimenti aziendali, le iniziative avviate, i progetti seguiti, gli interventi curati al fine della rappresentanza generale degli interessi delle imprese, sono indicati in sintesi nella successiva Sezione di questa Relazione. Attraverso la gestione del database contatti e l analisi sia del ricorso ai servizi sia in generale della partecipazione alla vita associativa, si è reso possibile seguire l andamento dei rapporti associativi, singolarmente e nel loro complesso. I contatti con i singoli associati hanno superato gli Tra questi: centinaia le procedure e le controversie sindacali seguite, individuali o collettive; migliaia i partecipanti a corsi, convegni, momenti di aggiornamento, con il rilascio di centinaia di attestati di frequenza; oltre ventunmila le ore di formazione erogate; quasi trecento le istruttorie per finanziamenti attraverso Confidi. Numeri importanti, ma non esaustivi della rilevanza del lavoro svolto, in termini sia qualitativi sia quantitativi. Occorre considerare, a questo riguardo, la complessità giuridica e/o di fatto di molte situazioni o in genere di problematiche aziendali, che - come nel caso di ristrutturazioni aziendali - possono richiedere l impegno del funzionario per più giorni di lavoro per la singola pratica. Altrettanto dicasi per l organizzazione delle attività istituzionali e la predisposizione in genere di eventi - convegni, corsi, seminari - considerando i diversi momenti di analisi del tema, predisposizione del materiale ed eventualmente ricerca dei relatori, comunicazione. LA SEDE Nel corso del 2010 si è provveduto ai normali interventi di manutenzione dell immobile. E stato dato corso agli adempimenti previsti dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i. (esercitazione antincendio, riunione periodica, sorveglianza sanitaria) oltre che dalle disposizioni vigenti in materia di protezione dei dati personali. E stata curata la normale manutenzione dell hardware e del software per le 17 postazioni di servizio della rete informativa interna, tutte in rete e collegate ad un server centrale con controller di 15 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

16 dominio, e, per quanto concerne Internet, ad un router con firewall integrato. Per l Amministrazione è stata ulteriormente migliorata la possibilità di scambio dei dati tra lo specifico programma gestionale utilizzato e gli altri database (Access, Excel) in uso. Consolidata la gestione: del database associati, per l anagrafica delle aziende e per le posizioni contributive; delle liste di spedizione, , postale e fax; della protocollazione ed archiviazione elettronica dei documenti, sia in arrivo che in partenza, assicurando la loro immediata reperibilità sull intranet; della registrazione, a cura direttamente dei funzionari, delle richieste di consulenza e di assistenza da parte degli associati, con l obiettivo di monitorare le esigenze delle aziende; del database non associati, per supportare l azione di marketing e sviluppo associativo. LA COMUNICAZIONE Circolari La necessità di provvedere ad una informazione aggiornata e tempestiva ha comportato anche per il 2010 un impegno considerevole, nell approfondimento degli argomenti, nell elaborazione dei testi, nella stampa e distribuzione delle 869 circolari complessivamente trasmesse: ambiente sicurezza: 226 formazione: 38 organizz. d impresa: 110 fiscale e societario: 93 lavoro previdenza: 108 sistema associativo: 72 economia e finanza: 84 mercati esteri: 138 Proseguendo nell impostazione da tempo adottata, le circolari sono state: pubblicate in tempo reale sul sito inviate il giorno seguente attraverso il servizio Newsletter, personalizzate alle aziende, agli indirizzi segnalati e con il link alle circolari messe in rete relativamente alle aree di interesse indicate per ciascun indirizzo; Alinews supplemento Il trimestrale, rinnovato nella parte grafica, rappresenta un momento di approfondimento di temi di attualità ed al tempo stesso di richiamo dell attività svolta dall Associazione ed in generale dal Sistema Confindustria. Rinnovata attenzione è stata data altresì alla presentazione di casi aziendali esemplari. Il periodico è stato inoltrato, oltre che agli Associati, ad un rilevante numero di referenti esterni, istituzioni ed operatori socio-economici oltre che imprese non associate del territorio. Messaggeria fax Lo strumento è stato utilizzato per comunicazioni con carattere d'urgenza o di richiamo di incontri o momenti di particolare rilievo. CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

17 Sito Internet Si è provveduto a sviluppare un nuovo sito internet, all indirizzo Oltre che alle circolari, particolare attenzione è stata data alle sezioni Scadenziario, Corsi e Incontri, Documenti, Convenzioni. Il nuovo sito internet dell Associazione prevede in home page una sezione dedicata alle aziende associate interessate a far conoscere i propri prodotti e/o servizi. L inserimento delle aziende nella sezione Imprese in vetrina, è a titolo gratuito, mentre la consultazione è pubblica e quindi aperta a tutti. In questo modo le imprese associate possono presentarsi attraverso una sintetica scheda informativa in italiano ed inglese. Nella sezione dedicata ai Giovani Imprenditori è stata puntualmente segnalata l attività del Gruppo. Un anno di attività In occasione dell'assemblea si è provveduto come consueto alla stesura della relazione sull attività svolta l anno precedente. Il relativo fascicolo, distribuito agli associati, è stato altresì inserito nella brochure di presentazione dell Associazione e diffuso nell ambito dell attività di promozione. Rapporti con i media Grande attenzione è stata data ai rapporti con la stampa locale, sempre informata ed invitata agli eventi organizzati presso l Associazione. In particolare si è provveduto a: organizzare conferenze stampa; diramare comunicati stampa; rilasciare interviste in relazione agli andamenti complessivi dell industria locale, per segnalare o ribadire le criticità del Sistema e le istanze del mondo produttivo, per informare su eventi ed attività svolte dall Associazione. La rassegna dei principali interventi apparsi nel corso del 2010 sulla stampa locale è stata distribuita, insieme alla relazione sull attività, nel corso dell Assemblea Generale. Partecipazione ad eventi Per quanto impegnativa, si è cercato di assicurare la più ampia partecipazione ad eventi esterni, importanti sia come occasione di approfondimento o di scambio di esperienze, sia come momenti di comunicazione. 17 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

18 L ATTIVITÀ

19 AGEVOLAZIONI COMMERCIALI Convenzioni Nel corso del 2010 alle 80 convenzioni già in essere si sono aggiunte le seguenti: Marchi e Brevetti: Studio Torta Ambiente e sicurezza: Keisdata Energia: Keisdata Internazionalizzazione: servizio nuovi mercati Complessivamente le convenzioni in essere al 31 dicembre 2010, derivanti sia da accordi raggiunti direttamente dall Associazione sia da intese stipulate a livello Confindustria e valide per l intero Sistema, riguardavano i seguenti servizi e/o prodotti: agevolazioni finanziarie comunicazione ed immagine noleggio auto aziendali ambiente sicurezza igiene energia elettrica e gas norme tecniche assicurazioni formazione paghe e contributi assistenza fiscale hotel e ristorazione promozioni aziendali banche informatica ricerca & gestione del personale carburanti informazioni commerciali sistemi di gestione aziendale carte di credito innovazione tecnologica spacci aziendali certificazione internazionalizzazione telefonia consulenze legali marchi e brevetti viaggi ASSOSERVIZI LEGNANO SRL In parallelo con l attività ed i servizi resi direttamente dalla struttura interna, gli associati hanno potuto fruire a condizioni vantaggiose di ulteriori supporti specialistici forniti dalla Società di servizi controllata dall Associazione. L attività in particolare ha riguardato: organizzazione di corsi, soprattutto sul tema dell ambiente e della sicurezza sul lavoro elaborazione di cedolini e la gestione di adempimenti connessi informazioni commerciali istruttoria di pratiche di finanziamento agevolato 19 CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA 2010

20 AMBIENTE E SICUREZZA PROVVEDIMENTI I significativi cambiamenti intervenuti a livello normativo hanno impegnato l Area in una costante attività di: aggiornamento attraverso la predisposizione di circolari e documenti informativi; organizzazione di incontri di approfondimento e di formazione; consulenza su tematiche specifiche e assistenza diretta, anche attraverso il raccordo con l attività degli Organi di vigilanza, di Enti ed Uffici preposti; partecipazione a Tavoli di lavoro, anche a livello di Confindustria Lombardia. Di seguito i principali provvedimenti intervenuti. SISTRI. Il nuovo sistema informatico di tracciabilità e gestione dei rifiuti (SISTRI), istituito dal Ministero dell Ambiente a fine 2009, ha suscitato nel corso dell anno assieme a un grande interesse anche molti dubbi sulle modalità applicative, comportando un cambiamento radicale nelle procedure amministrative seguite dalle imprese fin dal 1997, a seguito del decreto Ronchi. Tra le novità di fondo: la sostituzione, per la quasi generalità delle aziende, del sistema cartaceo (registro di carico e scarico dei rifiuti, formulario di identificazione e modello unico di dichiarazione ambientale Mud) a favore di una gestione elettronica tramite chiavetta Usb e la dotazione della black-box (essenzialmente un dispositivo GPS di rilevamento della posizione dell automezzo che trasporta i rifiuti), con la possibilità quindi di tracciare in tempo reale il percorso dei rifiuti stessi. I dispositivi elettronici USB, necessari per collegarsi al sistema informatico operativo, sono stati distribuiti dalle Camere di Commercio a partire dal mese di agosto. A tal fine la nostra Associazione ha sottoscritto con la CCIAA di Milano una convenzione per consentire alle imprese di ritirare le chiavette USB direttamente presso i nostri uffici anziché presso la sede camerale. Nel complesso sono stati distribuiti circa 130 dispositivi a 110 aziende associate. Le concrete e numerose difficoltà che le aziende hanno incontrato nella fase transitoria (registro e formulario) del Sistri hanno portato il Ministero dell Ambiente a protrarre la fase sperimentale fino al 31 dicembre. Anche la nostra Associazione ha contribuito attivamente all attività di lobby di Confindustria mediante un indagine sull operatività di Sistri, condotta i primi di dicembre, che ha evidenziato su un campione di 120 imprese associate una trentina di casi di malfunzionamento. I risultati sono stati messi a disposizione di Confindustria, che è intervenuta presso il Ministero dell Ambiente, ottenendo una nuova proroga di ulteriori 5 mesi del sistema e del relativo apparato sanzionatorio. Per informare le imprese sul nuovo sistema di gestione e indirizzarle correttamente nell adempimento delle incombenze rispetto alle diverse casistiche aziendali, l Associazione in collaborazione con la CCIAA di Milano ha organizzato nel corso dell anno una serie di incontri, svoltisi in febbraio, luglio e novembre, cui hanno aderito circa 430 partecipanti. Direttiva Macchine - Decreto di recepimento: novità per le imprese. Nel mese di marzo è entrato in vigore il decreto di recepimento della direttiva comunitaria 2006/42/CE, che rappresenta il nuovo riferimento per la costruzione e la marcatura delle macchine. CONFINDUSTRIA ALTO MILANESE - ATTIVITA

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Assifact. Annuario 2012 del Factoring

Assifact. Annuario 2012 del Factoring Assifact Annuario 2012 del Factoring Assifact, Annuario 2012 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

LO STUDIO. Lo Studio conta su 15 collaboratori che operano nelle sedi di Novara, Milano e Fagnano Olona, in provincia di Varese.

LO STUDIO. Lo Studio conta su 15 collaboratori che operano nelle sedi di Novara, Milano e Fagnano Olona, in provincia di Varese. LO STUDIO Ballarè Sponghini e Associati - Studio Commercialisti e Consulenti Tributari, opera nei principali settori dell economia aziendale e del diritto, trattando tutti i temi propri della vita delle

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 STATUTO Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 Atto registrato dal Notaio Cavandoli in Mantova in data 11.06.1999 con il n.2209 Art.1 È costituito in Mantova il COLLEGIO COSTRUTTORI

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

ARGOMENTI. Euro.PA s.r.l.

ARGOMENTI. Euro.PA s.r.l. INIZIATIVE A BANDA LARGA CONNESSIONI IN RETE PER UN NUOVO MODELLO DI SVILUPPO DELL ALTOMILANESE 14 NOVEMBRE 2012 ARGOMENTI 1. La banda Larga nell Altomilanese; 2. Progetti di connessione in rete: i finanziamenti

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

LE ATTIVITÀ DEL COLLEGIO COSTRUTTORI EDILI PER LE IMPRESE ASSOCIATE

LE ATTIVITÀ DEL COLLEGIO COSTRUTTORI EDILI PER LE IMPRESE ASSOCIATE LE ATTIVITÀ DEL COLLEGIO COSTRUTTORI EDILI PER LE IMPRESE ASSOCIATE 108 INFORMATIVA E AGGIORNAMENTO SU DISPOSIZIONI INTERESSANTI IL SETTORE Aggiornamento e informazione su ogni disposizione legislativa

Dettagli

Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING

Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING Assifact, Annuario 2013 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 5 CORSI TECNICO SPECIFICI 6 FORMAZIONE FORMATORI 7 RSPP 8 RLS 10 PREPOSTI 11 PREVENZIONI

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori Studio Commerciale Associato Balestieri - Galdenzi Data: 21 luglio 2009 Circolare: 17/2009 Argomento: RESPONSABILE SICUREZZA Destinatari: Clienti in indirizzo Dott. Paolo Balestieri Dottore Commercialista

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

STATUTO NAZIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA (Ce.A.G.) Il Centro di Azione Giuridica ha sede in Roma, Via Salaria n.

STATUTO NAZIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA (Ce.A.G.) Il Centro di Azione Giuridica ha sede in Roma, Via Salaria n. STATUTO NAZIONALE CENTRO DI AZIONE GIURIDICA (Ce.A.G.) DI LEGAMBIENTE ONLUS Approvato il 14.04.2013 ART. 1. Organizzazione e sede del Ce.A.G. Il Centro di Azione Giuridica ha sede in Roma, Via Salaria

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI Art. 1 (Finalità e oggetto della legge) 1. La presente legge, nel rispetto del decreto legislativo 2 febbraio 2006,

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti.

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti. SISTEMI INTEGRATI Nasce dall esigenza di proporre alle aziende un servizio sempre più flessibile ed organizzato per meglio adattarsi alle necessità del mercato e nel contempo ampliare i servizi offerti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università Cattolica del Sacro Cuore, con sede legale in Milano, per lo svolgimento di tirocini di formazione

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007 DIPARTIMENTO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.420.35.91 FAX 06.484.704 e-mail: dssl@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda.

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. Catalogo Corsi Sicurezza Rischio Medio (d.lgs 81/08 e suc. mod.) Per la gamma completa di prodotti visita www.aforabruzzo.it corsi base 2 Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA HOLDING S.P.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

STATUTO NAZIONALE. Art. 1 COSTITUZIONE

STATUTO NAZIONALE. Art. 1 COSTITUZIONE GRUPPO GIOVANI SPEDIZIONIERI STATUTO NAZIONALE Art. 1 COSTITUZIONE Nell ambito della e su iniziativa della stessa è costituito con sede in Milano il Gruppo Giovani Spedizionieri, di seguito denominato

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

Spett.le FEDERAZIONE ITALIANA JUDO, LOTTA, KARATE, ARTI MARZIALI Comitato Lombardo via Piranesi, 44/B 20137 Milano. Alla C.A. Sig.

Spett.le FEDERAZIONE ITALIANA JUDO, LOTTA, KARATE, ARTI MARZIALI Comitato Lombardo via Piranesi, 44/B 20137 Milano. Alla C.A. Sig. Spett.le FEDERAZIONE ITALIANA JUDO, LOTTA, KARATE, ARTI MARZIALI Comitato Lombardo via Piranesi, 44/B 20137 Milano Alla C.A. Sig. Santo Pesenti OGGETTO: OFFERTA PER L ASSUNZIONE DI INCARICO DI RSPP CON

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA

CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA Piano Mirato di Prevenzione CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA RELAZIONE SULL ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI DALLE SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE COMPILATE DALLE DITTE SELEZIONATE Documento a

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 Attività F. e S. D.Lg.81/2008 FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 e D. Lgs. 106/2009 8(orrettivo del D.Lgs. 81/08) IIS Da Vinci Ripamonti Formazione docenti di nuova nomina

Dettagli