Tachicardie sopraventricolari (TSV)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tachicardie sopraventricolari (TSV)"

Transcript

1 Tachicardie sopraventricolari (TSV) Sono le più frequenti aritmie cardiache del cane e del gatto Trattasi di aritmie ipercinetiche, sincronizzate o non che hanno origine nel nodo SA nell atrio e nel nodo-giunzione AV Sono sincronizzate: Le tachicardie sinusali e da rientro Le tachicardie atriali da rientro e focali Le tachicardie nodo-giunzionali da rientro e focali T reciprocanti AV Sono desincronizzate: La FA Il FlA (solo parzialmente) Le tachicardie atriali focali con blocco AV (parzialmente)

2 Tachicardie sopraventricolari (TSV) La frequenza cardiaca è: > 140 (cani di grossa mole) > 180 (cani di piccola mole) > 240 (gatti) Le TSV vengono distinte in: Nodo AV indipendenti*: TS, TA, automatiche, triggerate e da rientro, FlA e FA Nodo dipendenti: T. nodo-giunzionali focali e da rientro, la T. reciprocante (ortodromica) AV *che non necessitano del NAV per perpetuare il circuito anomalo

3 Tachicardie sopraventricolari (TSV) TSV con QRS stretto oppure largo (>0.06 c. e >0.04 g.), per : Conduzione aberrante: tipo BB, ingrandimento V. sx, pre-eccitazione V. e BB Parossistiche (atriali, nodali e giunzionali) Persistenti o incessanti (croniche): durata > 12 h Sostenute: durata > 30 Non sostenute: durata < 30 Cane con TA prima (A) e dopo (B) manovre vagali: QRS 0.08 per ingr. V. sx

4 Tachicardie sopraventricolari (TSV) Aberranza Negli schemi A e B vengono raffigurati i periodi refrattari delle branche (BS, BD), indicati dalle barre orizzontali

5 Tachicardie sopraventricolari (TSV) Aberranza Rapporti fra ciclo R-R precedente e durata del periodo refrattario delle branche. A. Il ciclo 1-2 è breve, per cui i periodi refrattari delle branche dopo il battito 2 sono brevi. B. Il ciclo 1-2- è lungo, per cui i periodi refrattari delle branche sono più lunghi. C. L intervallo 1-2 è breve, identico a quello che si osserva in A; l impulso 3 è condotto normalmente. D. L intervallo 1-2 è lungo per cui l impulso 3 è condotto con aberranza per la prolungata refrattarietà.

6 Tachicardie sopraventricolari (TSV) Aberranza Rapporti fra freq. cardiaca, durata del pot. d azione e periodo refrattario delle branche. L aberranza presuppone un diverso periodo di refrattarietà delle branche

7 Tachicardie: Elettrogenesi A. Esaltazione del normale automatismo Fattori diversi possono accentuare l automatismo per: A aumento della pendenza della fase 4 B riduzione del pot. di riposo (meno neg) C riduzione del pot. soglia (più neg)

8

9 Tachicardie: Elettrogenesi B. Automatismo anormale Cellule che non posseggono normale autom. o nelle quali è molto basso (es. c. Purkinie), lo acquisiscono per: danni alla membrana cellulare (ipossia, ischemia) scariche catecolaminiche, con flusso ionico verso l interno, di Na, Ca e Cl (canali lenti) per cui il pot. a riposo diviene meno neg ( mv)

10 Tachicardie: Elettrogenesi C. Attività triggerata: attività segnapassi innescata da post-depolarizzazione Diversamente dall automatismo spontaneo in cui la dep. inizia autonomamente, nell attività triggerata necessitano uno o più impulsi scatenanti (trigger) che avviano la depolarizzazione Detti pot. possono essere seguiti da post-pot. precoci o tardivi di bassa ampiezza (oscillazioni), che se raggiungono il v. soglia possono autosostenersi e dare tachicardie

11 Tachicardie: Elettrogenesi I post-pot. precoci si hanno nella fase 2-3, a valori mv I post-pot. tardivi si verificano durante la fase 4 o di refrattarietà ( mv) I post-pot. precoci sono associati a ridotta permeabilità della membrana cell. al K e favoriti da acidosi, ipossia I farmaci che prolungano o danno dispersione del Q-T (sotalolo, chinidina, ecc.) spesso sono responsabili di ppp Le aritmie indotte più di freq. sono: la torsione di punta e il bigeminismo extrasistolico ventricolare

12 Tachicardie: Elettrogenesi I post-pot. tardivi sono indotti da iperca e favoriti da ipomg ed ipok; il verapamil li inibisce, la digitale invece li promuove Aritmie da post-pot. tardivi sono quelle da scariche di catecolamine, da caffeina e da digitale, per aumento del Ca intracitopl. I post-pot. tardivi sono tachicardia dipendenti, mentre i post-p precoci, bradicardia dipendenti

13 C. ATTIVITA TRIGGERATA

14 D. RIENTRO ATRIALE

15 D. RIENTRO ATRIALE

16 D. RIENTRO NODALE

17 D. RIENTRO attraverso VIA ACCESSORIA e LE BRANCHE

18 La compressione digitale esercitata sul glomo carotideo, viene trasmessa attraverso il nervo di Hering ai centri vasomotori. Il vago stimolato, porta ad un rallentamento dell automatismo SA e della conduzione AV. Con la riduzione della freq. cardiaca si ha anche una riduzione della pressione a. (A). Con la stimolazione di entrambi i glomi si ha un improvvisa caduta della pressione ed arresto cardiaco (C)

19 Manovre vagali: A. Compressione dei globi oculari. B. Massaggio dei glomi carotidei

20 Risposta a farmaci che innalzano la refrattarietà nodale e/o riducono l automatismo: Ca-antagonisti ß-bloccanti Adenosina Edrofonio Digitale

21 Specialità farmaceutiche Isoptin (verapamil) fl 5 mg: mg/kg ev Inderal (propranololo) fl 5 mg: mg/kg ev Brevibloc (esmololo: az ultrabreve) fl 100 mg: mg/kg ev Adenoscan (adenosina) fl 30 mg/10 ml: mg/kg ev Tensilon (edrofonio) fl 10 mg: mg/kg ev Lanoxin (digossina) fl 0.5 mg: 0.01 mg/kg ev

22 Effetti Nelle TS si ha solo rallentamento temporaneo della freq. Le TA o nodo-giunzionali da rientro si interrompono Nella FA e nel Fl si ha riduzione della penetranza V. Le TA focali generalmente persistono; è possibile riduzione della freq. V. per BAV funzionale (P non condotte) o per soppr. a. triggerata Le T. da rientro AV si interrompono (ortodromiche) Controindicazioni: SSS e nelle razze brachicefaliche

23 TSV Eziologia A. Fattori extracardiaci Fattori diversi Dolore, paura Ipertermia, sepsi Ipovolemia (shock) Anemia, neoplasie Lavoro, ecc. Turbe del sistema nervoso autonomo Aumento del tono simpatico Diminuzione del tono vagale

24 TSV Eziologia Squilibri elettrolitici ed acido-basici Acidosi/alcalosi Ipo-iperkaliemia Ipo-ipercalcemia Ipomagnesiemia Endocrinopatie Ipertiroidismo Addison Feocromocitoma Effetti tossici dei farmaci Digitale, catecolamine, broncodilatatori Patologie organiche Epatiche, renali, neurologiche, respiratorie, ecc.

25 TSV Eziologia B. Fattori cardiaci Patologie del pericardio Patologie del miocardio Primitive (cardiomiopatie CMD) Secondarie (flogistico-degenerative) Patologie endocardiche Endocarditi Valvulopatie (congenite ed acquisite) Cardiopatie congenite Presenza di vie accessorie (WPW)

26 Tachicardie sinusali Aumento dell automatismo del nodo del seno Cause: eccitazione, anemia, febbre, shock, ipotiroidismo, ICC Polso piccolo e freq., itto spesso rinforzato I tono rinforzato, II affievolito, embriocardia, adinamia

27 Tachicardie sinusali ECG P positive nelle der. standard, correlate al QRS Intervallo P-Q costante Intervallo T-P accorciato, fino a fusione delle P nelle T Inizio e fine della T. graduale, non improvviso Frequenze > 240, sostenute, indicano gravi danni miocardici

28 Tachicardie sinusali Manovre vagali Rallentano senza interrompere la TS Onde P identiche sia durante la TS che dopo rallentamento Terapia: digitale (ICC), beta-bloccanti (ipertir.), Ca-antag. (CMI), ecc.

29 TS in un cane con febbre: notare le P inscritte nelle T a freq. 250, quando la T scende, la freq. si abbassa e riaffiorano le P (B) (C) Dopo sfebbramento completo D (D) TS a freq. 272 in un cane con shock: notare il T-P molto corto

30 Tachicardie atriali ectopiche, monofocali (automatiche e triggerate) Cause: endocardiosi mitralica, neoplasie infiltranti, intoss. digitalica (K ), CM, ipertir. (g) Originano da un focus atriale ectopico con automatismo intrinseco acquisito o innescato (attività triggerata) Iniziano e terminano gradualmente (riscaldamento e raffreddamento)

31 Tachicardie atriali ectopiche, monofocali (automatiche e triggerate) Non tutti gli stimoli sono condotti ai V.; si ha: TA con BAV funzionale (parz. sincronizzata) (P/QRS >1); in genere sono quelle ad alta frequenza TA senza BAV (sincronizzate) Le TA, parz. sincr. si hanno nell intoss. digitalica (K ): automat. esaltato, dromotropismo depresso

32 Tachicardie atriali ectopiche, monofocali (automatiche e triggerate) QRS P positive diverse dalle sinusali, più piccole, correlate al QRS P fuse con le T talora a ridosso del QRS che precede Il P-Q talora si allunga col ritorno al ritmo sinusale Il QRS può essere largo per cond. aberrante, ecc. * Può essere presente alternanza elettrica * Differenziare da: BB, ingrandimento V. sx, ritmo di fuga, TV

33 Tachicardie atriali ectopiche, monofocali (automatiche e triggerate) Manovre vagali Portano a temporaneo rallentamento per blocco AV ma non ad interruzione L intervallo P-P rimane stabile, mentre quello R-R si allunga per BAV II Differenziare la TSV dalle nodali e/o sinusali La presenza di P non condotte e l alternanza elettrica suggeriscono una TSV focale

34 Tachicardia atriale focale in cane con endocardiosi mitratica. La compressione dei golobi oculari riduce soltanto un temporaneo rallentamento della frequenza e rende visibili le onde P Tachicardia atriale focale con risposta temporanea alle manovre vagali Tachicardia sopraventricolare ectopica con BAV II funzionale ( P/QRS > 1)

35 A. T. focale a QRS larghi per aberranza e con alternanza elettrica; freq. >300 bpm B. Dopo impiego di propranololo, si riduce la conduzione AV e la freq. V. per progressivo blocco AV. Il massaggio carotideo porta ad ulteriore blocco AV ed a riduzione della freq. V. La freq. delle P non si modifica

36 A B Tachicardia atriale a QRS largo. Le onde P sono inscritte sulle T, frequenza 245 (A) Dopo manovre vagali la frequenza si riduce e si rendono evidenti le P (B) freq. 150 bpm. Permane il QRS largo per BB dx

37 TACHICARDIE ATRIALI ECTOPICHE PLURIFOCALI (RITMO CAOTICO) Onde P di 3 o più morfologie nella stessa derivazione Intervallo R - R irregolare (cfr FA) Anche gli intervalli P-Q sono variabili Le onde P possono non essere condotte ( P/QRS> 1) Meccanismo: attività triggerata ( pp tardivi, per ipok da digitale) Differenziare dal FLUTTER o FA L aritmia degenera in FA Terapia: Ca-antagonisti, e Amiodarone

38 Tachicardia atriale plurifocale con frequenza 230 in un cane con intossicazione digitalica. Notare l irregolarità del ritmo, la diversa forma delle P e il P-Q vairabile Tipico ritmo atriale caotico

39 Tachicardia nodo-giunzionale, focale (Ritmo nodo-giunzionale accellerato) Il focus iperattivo è a livello nodo-giunzionale Cause: spesso ipopotassiemia (digitale) La frequenza è < 160 bpm P negative, prima, dopo il QRS o fuse con esso (TG) Può essere presente dissoc. AV o retroconduzione QRS stretto oppure largo (aberranza, BB) Manovre vagali: solo rallentano Terapia: Ca-antagonisti, β-bloccanti, amiodarone

40 Ritmo nodo-giunzionale accelerato (aumentato). Le onde P sono negative in D2, la freq. è 160 bpm e non è regolare

41 Tachicardie sopraventricolari da rientro (Parossistiche) Cause: miocarditi virali, protozoarie, tossiche, ecc. Il rientro è correlato ad un focus atriale refrattario o alla presenza di 2 vie nodali: lenta e rapida Inizio e termine brusco; stim. vagale le interrompe Sono sincronizzate (rapporto P/QRS =1) Innesca il parossismo un extrasistole atriale La freq. cardiaca è elevata ma regolare (>200 bpm) Quando la freq. è > di 300 bpm considerare il WPW

42 Tachicardie sopraventricolari da ECG rientro (Parossistiche) A. Nelle TSVPA l intervallo P-Q è lo stesso del ritmo disusale Le P positive sono diverse dalle sin. (più piccole) (spesso ins. nelle T) B. Nelle TSVPN il P-R o R-P è in genere accorciato (o assente) TSVGP: P negative, prima, dopo o fuse col QRS Il QRS è in genere stretto Poiché la CAP scatenante segue la via lenta, l inizio della TNP ha P-Q lungo Differenziare da TVP: P non correlate col QRS, itto sollevante

43 A-B. TSV con QRS largo o TV? ; con la riduzione della freq. compaiono le onde P e la morfologia dei complessi, tipica dell impegno V. dx C-D. TSV a QRS larghi o TV? ; con la comparsa del ritmo sinusale permane il QRS largo legato a BB sx

44 TSVP in un cane: notare l inizio e la fine bruschi

45 La TSV a QRS stretto si interrompe bruscamente (TSVP) TGP (onde P negative)

46 Differenziazione tra TS e TA TS Conseguente ad eccitazione, febbre, anemia, shock, ecc. In genere è continua Le manovre vagali la rallentano senza interromperla: riprende dopo la manovra La compressione oculare non determina BAV (P/QRS =1) Le onde P sono identiche a quelle presenti nella normale frequenza sinusale Il P-Q è costante Gli intervalli R-R variano per l aritmia respiratoria Inizia gradualmente P/QRS =1 TA Si verifica nei cani vecchi, con grave IC Può occorrere a raffiche (TSVP) Si interrompe e rimane tale fino a nuovo episodio, se parossistica La compressione oculare può portare a BAV, se focale (P/QRS >1) Le P sono più piccole rispetto a quelle del ritmo sinusale Può aversi allungamento del P-Q al termine della T. Gli intervalli R-R tendono ad essere esattamente gli stessi se TSVP Inizia gradualmente se focale (riscaldamento), bruscamente se da rientro P/QRS 1

47 Differenziazione delle TSV Imprimere un colpo sulla regione precordiale monitorando con il palmo, sì da indurre una depolarizzazione. Se trattasi di TSVP si ha arresto cardiaco per 1-2 battiti (interruzione del rientro) Se invece trattasi di TS o TSV ectopiche, non si ha interruzione dell attività cardiaca

48 Tachicardie sopraventricolari TRC allungato Valutazioni cliniche Polso filiforme ed aritmico Turgore venoso I tono rinforzato, II tono affievolito, embriocardia Nelle TSV parzialmente disincronizzate i reperti del polso e dell ascoltazione simulano la FA

49 Tachicardie sopraventricolari Valutazioni cliniche Letargia Adinamia Tosse, dispnea Edema polmonare e/o Versamenti cavitari (a seconda del deficit del cuore: sx o dx) Ipotensione Atassia Sincope (TSVPs) Exitus improvviso

50 Trattamento delle TSV Manovre vagali Somministrazione digitale se presente IC Sospendere la digitale e s. fenitoina se presenti segni di tossicità Associare alla digitale: propranololo, diltiazen o verapamil Nelle TSV da rientro s. adenosina La cardioversione elettrica è riservata alla TSV refrattarie Usare cardiovertitore sincronizzato col QRS dell ECG Lo shock elettrico non deve essere applicato durante il periodo vulnerabile (intervallo Q-T) Non utilizzare l elettroshock nell intossicazione da digitale

51 Trattamento delle TSV Farmaco Tipo di aritmia Effetto Digitale Β-bloccanti (es. propranololo, esmololo, atenololo) Bloccanti i canali del Ca (es diltiazen, verapalim) Procainamide TA, FA e FlA; aritmie associate ad IC Tutte le TSV, TSVs indotte dalla digitale, TSV secondaria a WPW Tutte le TSV, TSVs a risposta ventricolare rapida TSVs secondaria a WPW; raramente nelle TSVs che non rispondono ad altre terapie Aumenta il tono vagale, riduce la conduzione del nodo AV, migliora la contrattilità cardiaca Inibiscono gli stimoli simpatici, diminuiscono la conduzione AV e l automatismo sinusale Riduconol eccitabilità e l automatismo sin. Prolungano la refrattarietà del nodo AV Prolunga la refrattariatà A. e V.; deprime la conduzione elettrica e l automatismo A. e V. Lidocaina Raramente impiegata nelle TSVs secondarie a WPW Deprime l automatismo soprattutto ventricolare Amiodarone o Betrilio TSVs, TSVs secondarie a WPW Adrenomoderatore; riduce l automatismo sin. e V., prolunga la refrattarietà del nodo AV, del sistema His-Purkinie e delle vie accessorie (WPW)

52 Trattamento delle TSV Farmaco Tipo di aritmia Effetto Anticolinergici (es atropina, glicopirrolato) Fenitoina T. giunzionale Riducono il tono vagale, permettono al nodo del seno di riprendere il controllo del ritmo Aritmie causate dalla digitale Deprime l automatismo, migliora la conduzione AV Adenosina TSV Apre i canali del K e rallenta il flusso di Ca; azione breve (10-20, tipo acetilcolina) TS: TSV focali e da rientro: TSV da intossicazione digitalica: TSVP (WPW): Β-bloccanti, digitale Β-bloccanti, Ca-antagonisti ed amiodarone fenitoina e Β-bloccanti procainamide, amiodarone e Β-bloccanti

53 Trattamento delle TSV

ARITMIE 1_ DISORDINI DI FORMAZIONE DELL IMPULSO 2_ DISORDINI DI CONDUZIONE DELL IMPULSO

ARITMIE 1_ DISORDINI DI FORMAZIONE DELL IMPULSO 2_ DISORDINI DI CONDUZIONE DELL IMPULSO ARITMIE 1_ DISORDINI DI FORMAZIONE DELL IMPULSO 2_ DISORDINI DI CONDUZIONE DELL IMPULSO ARITMIE IPERCINETICHE SOPRAVENTRICOLARI BATTITI PREMATURI (EXTRASISTOLI) TACHIARITMIE SINCRONIZZATE TPSV -FLUTTER

Dettagli

Meccanismi delle aritmie

Meccanismi delle aritmie U.O. di Malattie Cardiovascolari Ospedale Misericordia Grosseto Direttore Dott.ssa Silva Severi Corso di elettrocardiografia lezione N 10 Meccanismi delle aritmie Dr. Alessandro Costoli Meccanismi delle

Dettagli

Le Tachicardie Sopraventricolari

Le Tachicardie Sopraventricolari Le Tachicardie Sopraventricolari Catania 17 Aprile 2015 Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Ritmo Tachicardico Frequenza cardiaca

Dettagli

L Elettrocardiogramma : cosa esprime?

L Elettrocardiogramma : cosa esprime? L Elettrocardiogramma : cosa esprime? E la registrazione nel tempo degli eventi elettrici del cuore Esprime la somma vettoriale delle correnti elettriche generate dalle varie strutture cardiache ( atri,

Dettagli

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini ARITMIE CARDIACHE Prof. Carlo Guglielmini ARITMIA CARDIACA Definizione Alterazione della frequenza, o della regolarità, o della sede di origine dello stimolo cardiaco e/o disturbo di conduzione dello stimolo

Dettagli

RITMO IDIOVENTRICOLARE RITMO IDIOVENTRICOLARE ACCELERATO ARITMIE VENTRICOLARI

RITMO IDIOVENTRICOLARE RITMO IDIOVENTRICOLARE ACCELERATO ARITMIE VENTRICOLARI RITMO IDIOVENTRICOLARE RITMO IDIOVENTRICOLARE ACCELERATO ARITMIE VENTRICOLARI 31 Ritmi ventricolari 32 Ritmi ventricolari do 33 Aritmie ventricolari EXTRASISTOLI VENTRICOLARI TACHICARDIA VENTRICOLARE:

Dettagli

LE TACHICARDIE. 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology

LE TACHICARDIE. 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology 8 th Turin Cardiovascular Nursing Convention Advances in Cardiac Arrhythmias and Great Innovations in Cardiology Corso pratico di Elettrocardiografia LE TACHICARDIE Gerardo Di Filippo SOC Cardiologia,

Dettagli

Le tachicardie a QRS stretto. Attilio Del Rosso

Le tachicardie a QRS stretto. Attilio Del Rosso Le tachicardie a QRS stretto Attilio Del Rosso Definizioni Tachicardia a QRS stretto: Frequenza atriale e/o ventricolare 100 bpm e durata del QRS < 120 ms Tachicardia sopraventricolare: Tachicardia che

Dettagli

Capitolo 1 Principi generali Capitolo 2 La valutazione del paziente aritmico Capitolo 3 Eziologia generale delle aritmie

Capitolo 1 Principi generali Capitolo 2 La valutazione del paziente aritmico Capitolo 3 Eziologia generale delle aritmie INDICE Capitolo 1 Principi generali CLASSIFICAZIONE DELLE ARITMIE CARDIACHE... 11 PRINCIPI DI ELETTROFISIOLOGIA... 12 Premesse... 12 Meccanismo elettrogenetico... 13 Funzione contrattile e aritmie ipercinetiche...

Dettagli

ARITMIE ECG: Intervallo P-R è costante; Ad ogni onda P segue un complesso QRS; Regolare distanza tra due onde R consecutive.

ARITMIE ECG: Intervallo P-R è costante; Ad ogni onda P segue un complesso QRS; Regolare distanza tra due onde R consecutive. ARITMIE RITMO SINUSALE: durante il normale ritmo sinusale lo stimolo cardiaco origina dal nodo seno-atriale (SA) ad intervalli regolari e si diffonde attraverso gli atri, il nodo atrio-ventricolare (AV)

Dettagli

L elettrocardiogramma nella sindrome. di Wolff-Parkinson-White

L elettrocardiogramma nella sindrome. di Wolff-Parkinson-White L elettrocardiogramma nella sindrome 7 di Wolff-Parkinson-White Introduzione Nella sua forma più comune, questa anomalia [la sindrome di Wolff-Parkinson-White (WPW)] è causata dalla presenza congenita

Dettagli

LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI. Come riconoscerle

LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI. Come riconoscerle LE ARITMIE SOPRAVENTRICOLARI Come riconoscerle Meccanismo elettrogenetico L ischemia, i traumi, la flogosi, le alterazioni strutturali, le disionie, digitale concorrono all attivazione di correnti d ingresso

Dettagli

Cardiologia: Prof Gerardo Nigro Università della Campania L. Vanvitelli. Le aritmie cardiache

Cardiologia: Prof Gerardo Nigro Università della Campania L. Vanvitelli. Le aritmie cardiache Cardiologia: Prof Gerardo Nigro Università della Campania L. Vanvitelli. Le aritmie cardiache Normalmente il battito nasce a livello del nodo del seno che si trova tra atrio dx e vena cava superiore, poi

Dettagli

ARITMIA L ANORMALITÀ NELLA GENESI DELL IMPULSO PUÒ ESSER DOVUTA A:

ARITMIA L ANORMALITÀ NELLA GENESI DELL IMPULSO PUÒ ESSER DOVUTA A: ARITMIA In condizioni normali gli impulsi alla contrazione del miocardio sono originati nel nodo seno-atriale e da questo si propagano attraverso gli atri, il nodo atrioventricolare ed il sistema di His-Purkinje

Dettagli

Blocchi atrioventricolari

Blocchi atrioventricolari Blocchi atrioventricolari Frequenza di scarica dei pace maker cardiaci intrinseci Pacemaker primario Nodo seno-atriale (60-100 bpm) Pacemaker ausiliari Giunzione AV (40-60 bpm) Ventricolare (

Dettagli

Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica. Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG

Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica. Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG Corso di elettrocardiografia per operatori sanitari dell area critica Effetti degli elettroliti e dei farmaci sull ECG Alterazioni elettrolitiche - Ipopotassiemia Aumento della durata della fase 3 del

Dettagli

ADRENALINA - INDICAZIONI

ADRENALINA - INDICAZIONI ADRENALINA - INDICAZIONI ARRESTO CARDIACO ANAFILLASSI SHOCK CARDIOGENO (SECONDA SCELTA) ADRENALINA - DOSAGGIO ARRESTO CARDIACO: 1 mg OGNI 3 min 2005 FV/TV : dai adrenalina 1 mg ev se FV/TV persistono dopo

Dettagli

COCIS Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene

COCIS Aritmie cardiache e condizioni cliniche potenzialmente aritmogene 1989 COCIS 2009 Classificazione degli sport Lo screening cardiologico dell atleta Aritmie cardiache e condizioni potenzialmente aritmogene Cardiopatie congenite e valvolari acquisite Cardiomiopatie, miocarditi

Dettagli

LE ARITMIE IPOCINETICHE

LE ARITMIE IPOCINETICHE LE ARITMIE IPOCINETICHE Dr Domenico M. Carretta Struttura Complessa di Cardiologia Taranto Occidentale P.O.Castellaneta Definizione Sono delle aritmie dovute, spesso, ad un patologico rallentamento della

Dettagli

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare.

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare. Fibrillazione Atriale : Difficile identificazione delle Onde P in un tracciato con complessi ventricolari ad intervalli variabili. Intervallo RR variabile. Onda P sostituita da due o più ondulazioni (

Dettagli

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Blocco atrio-ventricolare di I grado 1. Frequenza: 55/min 2. Ritmo: sinusale 3. Conduzione: blocco atrio ventricolare di I grado, PQ 0.32 sec 4. Ripolarizzazione:

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE CHE COSA SONO? Le alterazioni della normale sequenza dei battiti cardiaci vengono dette aritmie. un aumento anomalo dei battiti si parla di TACHIARITMIE o TACHICARDIE. Se al contrario

Dettagli

Aritmie. I sintomi delle tachiaritmie saranno :

Aritmie. I sintomi delle tachiaritmie saranno : Aritmie Medicina Interna 06/03/2017 Prof. Durante La cosa fondamentale è distinguere tra aritmie sopraventricolare ed aritmie ventricolari: le prime avranno un QRS stretto ( < 0,12 sec ), le seconde avranno

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

6.0 ARITMIE. 01/05/11 Corso ECG 1

6.0 ARITMIE. 01/05/11 Corso ECG 1 6.0 ARITMIE 01/05/11 Corso ECG 1 DEFINIZIONE Aritmie: disturbo della formazione o della conduzione dell impulso Si distinguono in ipercinetiche ed ipocinetiche 01/05/11 Corso ECG 2 Iper ipo-cinetiche A.

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE CARATTERISTICHE CLINICHE E CLASSIFICAZIONE. Il cuore funziona come pompa perché tutte le cellule che compongono le quattro camere cardiache hanno attività elettrica sincronizzata e

Dettagli

I farmaci antiaritmici

I farmaci antiaritmici I farmaci antiaritmici Gaetano Oliva Dipartimento di Scienze Cliniche veterinarie gaeoliva@unina.it Cause più frequenti di aritmia Malattie del S.N.C. Alterazioni periferiche del tono neurale Infezioni

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Congresso Nazionale IRC Napoli 6-7 Giugno 2008 PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Gianluca Gonzi

Dettagli

DEFINIZIONE. E una breve e transitoria perdita di coscienza associata a perdita del tono posturale

DEFINIZIONE. E una breve e transitoria perdita di coscienza associata a perdita del tono posturale La Sincope Obiettivi formativi Capire cos è una sincope Conoscere i meccanismi fisiopatologici Conoscere le principali cause di sincope Sapere come intervenire in un paziente con sincope DEFINIZIONE E

Dettagli

Formazione dell impulso elettrico. Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Conduzione dell impulso elettrico

Formazione dell impulso elettrico. Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Conduzione dell impulso elettrico Formazione dell impulso elettrico Tessuto di conduzione. Elettrocardiogramma. aritmie cardiache. Nodo Seno-atriale Prof. Gerardo Nigro Cattedra di Cardiologia S.U.N. Conduzione dell impulso elettrico Conduzione

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Approccio al paziente con fibrillazione atriale. Clinica Medica

Approccio al paziente con fibrillazione atriale. Clinica Medica Approccio al paziente con fibrillazione atriale Clinica Medica Elementi essenziali Irregolarmente irregolare Frequenza cardiaca di solito elevata Spesso associata con cardiopalmo (esordio acuto) o facile

Dettagli

Action Potential of a Myocardial Cell

Action Potential of a Myocardial Cell aritmie cardiache Myocardium Muscle Action Potential Action Potential of a Myocardial Cell +25 Overshoot +10 mv 0-25 1 Corresponding ECG Overlay 2-50 0-75 Resting Potential - 90 mv -100 ARP RRP SNP

Dettagli

Aritmie Cardiache. Disturbi Bradi-aritmici. Disturbi Bradi-aritmici. Scaricata da Aritmia Cardiaca

Aritmie Cardiache. Disturbi Bradi-aritmici. Disturbi Bradi-aritmici. Scaricata da  Aritmia Cardiaca Aritmia Cardiaca Aritmie Cardiache Condizione caratterizzata da anomala origine e/o conduzione dell impulso elettrico cardiaco Fenomeni bradi-aritmici Fenomeni tachi-aritmici Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

FARMACI ANTIARITMICI. Aritmie Catecolamine, scompenso, equilibrio elettrolitico, farmaci

FARMACI ANTIARITMICI. Aritmie Catecolamine, scompenso, equilibrio elettrolitico, farmaci FARMACI ANTIARITMICI Aritmie Catecolamine, scompenso, equilibrio elettrolitico, farmaci Aritmie Sono anomalie del ritmo cardiaco, che si manifestano occasionalmente o continuativamente. Sono provocate

Dettagli

L Aritmia atriale della signora Pina. Dr. Giovanni Chiarelli Dr. Gino Barral

L Aritmia atriale della signora Pina. Dr. Giovanni Chiarelli Dr. Gino Barral L Aritmia atriale della signora Pina Dr. Giovanni Chiarelli Dr. Gino Barral CASO CLINICO TPSV Ø Donna 50 aa Ø Nessun fattore di rischio CV Ø Nessuna patologia degna di nota Ø Saltuari episodi di cardiopalmo

Dettagli

L Elettrocardiogramma

L Elettrocardiogramma Elettrocardiogramma L Elettrocardiogramma L elettrocardiogramma (ECG) è la registrazione alla superficie del corpo dei potenziali generati ad ogni istante dalla attività elettrica del muscolo cardiaco.

Dettagli

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIA ARITMICA Samuela COSTANTINO S.C.Cardiologia U Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino ARITMIA L'aritmia è l'alterazione

Dettagli

Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione

Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione Le Bradicardie e Disturbi di Conduzione Catania 17 Aprile 2015 Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Una Stimolazione Elettrica

Dettagli

Flusso dell attività elettrica cardiaca (potenziali d azione)

Flusso dell attività elettrica cardiaca (potenziali d azione) Flusso dell attività elettrica cardiaca (potenziali d azione) Nodo SA Andatura (stabilisce il ritmo cardiaco) Muscolo atriale Contrazione Nodo SA Nodo AV Ritardo Fascio AV Nodo AV Fibre di Purkinje Fibre

Dettagli

Catania 17 Aprile 2015 A.Privitera Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT

Catania 17 Aprile 2015 A.Privitera Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT Cenni Di Anatomia e Fisiologia Del Tessuto di Conduzione Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Catania 17 Aprile 2015 Il

Dettagli

Aritmie cardiache e implicazioni polmonari. A. Avella

Aritmie cardiache e implicazioni polmonari. A. Avella Aritmie cardiache e implicazioni polmonari A. Avella Le diverse alterazioni del ritmo cardiaco, siano esse tachiaritmie, bradiaritmie o semplici manifestazioni extrasistoliche, possono produrre manifestazioni

Dettagli

FARMACI ANTIARITMICI

FARMACI ANTIARITMICI FARMACI ANTIARITMICI Aritmie Sono anomalie del ritmo cardiaco, che si manifestano occasionalmente o continuativamente Qualsiasi modifica nella formazione o conduzione dell impulso è in grado di generare

Dettagli

le aritmie Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA

le aritmie Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA le aritmie Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Licata 6 febbraio 2016 Le aritmie Nella cornice delle Emergenze/Urgenze Aritmiche

Dettagli

La gestione delle aritmie sul territorio

La gestione delle aritmie sul territorio La gestione delle aritmie sul territorio Relatori: Dr.ssa Lacopeta, Inf. Mastronardi Matera 14 Giugno 2014 Auditorium Ospedale Madonna delle Grazie Argomenti da trattare 1. FA DI RECENTE INSORGENZA E FA

Dettagli

L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia

L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia L ECG nel paziente con sincope V. Guarnaccia EGSYS 2006 Cause di sincope Dati da 3 Syncope Units (Alboni 2001) 49% 39% 72% Neuromediata Cardiaca Inspiegata 12% 25% 3% Cardiopatia e/o ECG patologico Cardiopatia

Dettagli

ECG basale. L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore

ECG basale. L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore ECG basale L'elettrocardiogramma (ECG) rappresenta un metodo semplice e pratico per registrare l attività elettrica del cuore Riveste un ruolo fondamentale nella diagnosi di infarto miocardico acuto e

Dettagli

Quando il cuore diventa matto: Diagnosi e gestione delle aritmie nei primi due anni di vita F. De Luca, A. Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA Caso clinico 1 RITMO TACHICARDICO:

Dettagli

ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA

ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA ESECUZIONE e LETTURA di un ELETTROCARDIOGRAMMA SISTEMA MECCANICO OGNI ATTIVITA MECCANICA, ossia ogni CONTRAZIONE del CUORE è preceduta ed è determinata da una ATTIVITA ELETTRICA SISTEMA ELETTRICO Stato

Dettagli

CORSO ELETTROCARDIOG RAFIA

CORSO ELETTROCARDIOG RAFIA CORSO ELETTROCARDIOG RAFIA MEDICINA GENERALE Dr. Alberto Serio Corso formazione specifica M.G. MIOCELLULA OLARIZZATA + _ + _ + _ + _ + _ + + _ + _ + _ + _ + _ + + _ + _ + _ + + + + + + + + + + + + + +

Dettagli

(02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG

(02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG (02.45) INTERPRETARE LE FONDAMENTALI ANOMALIE DI UN TRACCIATO ECG L elettrocardiogramma (ECG) è uno strumento utile per la diagnosi di tutte quelle situazioni che provocano l alterazione dell attività

Dettagli

Terapie delle aritmie sopraventricolari dr. M. Larocca - P.S. Lagonegro

Terapie delle aritmie sopraventricolari dr. M. Larocca - P.S. Lagonegro Terapie delle aritmie sopraventricolari dr. M. Larocca - P.S. Lagonegro Melfi Villa d Agri Policoro Lagonegro Tachicardie sopraventricolari a QRS stretto

Dettagli

FIBRILLAZIONE ATRIALE

FIBRILLAZIONE ATRIALE FIBRILLAZIONE ATRIALE DEFINIZIONE La fibrillazione atriale è un aritmia sopraventricolare caratterizzata da desincronizzazione elettrica completa Vi corrisponde la perdita della funzione emodinamica (compromissione

Dettagli

Trattamento dell arresto cardiaco

Trattamento dell arresto cardiaco P.A.L.S. Supporto avanzato alle funzioni vitali in età pediatrica Trattamento dell arresto cardiaco Obiettivi della lezione Saper riconoscere il ritmo che si associa all assenza del polso Conoscere gli

Dettagli

Tachicardie parossistiche sopraventricolari

Tachicardie parossistiche sopraventricolari Università degli studi di Roma La Sapienza Iᵃ Facoltà di Medicina e Chirurgia Master in terapia intensiva pediatrica e neonatale Direttore: Prof Corrado Moretti Tachicardie parossistiche sopraventricolari

Dettagli

FOCUS ON LE ARITMIE IN EMERGENZA

FOCUS ON LE ARITMIE IN EMERGENZA FOCUS ON LE ARITMIE IN EMERGENZA M. Cazzaniga - G.F. Villa AUTOMEDICHE SSUEm LECCO DETTAGLI SOCCORSO 49% 51% Altro Motivo cardiocircolatorio SISTEMA DI CONDUZIONE SA node: RCA 55% LCA 45% AV node: RCA

Dettagli

ECG COSA SAPERE PER NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CARDIOLOGIA SASSUOLO DOTT.SA ERMENTINA BAGNI 11 OTTOBE 2016

ECG COSA SAPERE PER NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CARDIOLOGIA SASSUOLO DOTT.SA ERMENTINA BAGNI 11 OTTOBE 2016 ECG COSA SAPERE PER NON FARSI PRENDERE DAL PANICO CARDIOLOGIA SASSUOLO DOTT.SA ERMENTINA BAGNI 11 OTTOBE 2016 CUORE : Attività elettrica Attività meccanica L attivazione elettrica e vettori di attivazione

Dettagli

Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre. Arterie polmonari destre) Vena cava inferiore) Ventricolo destro

Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre. Arterie polmonari destre) Vena cava inferiore) Ventricolo destro Fisiologia cardiaca Arterie polmonari destre) Vena cava superiore) Arteria polmonare valvole semilunari Arterie polmonari sinistre Atrio destro Vene polmonari sinistre Valvola bicuspide (mitrale) Valvola

Dettagli

ANTIARITMICI (lezione introduttiva)

ANTIARITMICI (lezione introduttiva) ANTIARITMICI (lezione introduttiva) Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo I

Dettagli

V = vascolari. I = infiammatorie *** T = traumi *** A = anomalie congenite * M = malattie metaboliche ** I = idiopatiche *** N = neoplastiche ***

V = vascolari. I = infiammatorie *** T = traumi *** A = anomalie congenite * M = malattie metaboliche ** I = idiopatiche *** N = neoplastiche *** MALATTIE DEL PERICARDIO Prof. F. Guarda Università di Torino Prof. Carlo Guglielmini MALATTIE DEL PERICARDIO V = vascolari Prevalenza I = infiammatorie *** T = traumi *** A = anomalie congenite * M = malattie

Dettagli

IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE cuore (pompa) vasi di capacità (vene) vasi di pressione (arterie) vasi di scambio (capillari) gettata cardiaca: a riposo 5 l/min, in affaticamento 25 l/min Lezione 15 1 Il sistema

Dettagli

Inquadramento epidemiologico e clinico della FA: integrazione ospedale territorio (farmacie)

Inquadramento epidemiologico e clinico della FA: integrazione ospedale territorio (farmacie) Inquadramento epidemiologico e clinico della FA: integrazione ospedale territorio (farmacie) Como 31 gennaio 2019 Prof. Stefano Carugo Direttore Dipartimento Cardio-respiratorio ASST Santi Paolo Carlo

Dettagli

Aritmie In Emergenza. Aritmie In Emergenza

Aritmie In Emergenza. Aritmie In Emergenza Aritmie In Emergenza Corso Emergenze Mediche Prof. Raffaele Marfella Aritmie In Emergenza Tachicardie a complessi stretti: tachicardia sinusale tachicardia parossistica sopraventricolare Flutter atriale

Dettagli

ECG Divino. Caso clinico n. 6

ECG Divino. Caso clinico n. 6 ECG Divino Caso clinico n. 6 Dr. Federico Ferraris Ospedale Molinette, Torino V. G. 42 anni, femmina Episodio sincopale Valutazione cardiologica tre settimane dopo ECG 6 settembre, tre settimane dopo la

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO. Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica. Gabriella De Rosa. Roma

DISTURBI DEL RITMO. Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica. Gabriella De Rosa. Roma Linee di Comportamento in Cardiologia Pediatrica Roma 22.10.2016 DISTURBI DEL RITMO Gabriella De Rosa Cardiologia Pediatrica-Policlinico Gemelli- Roma Le aritmie sono lo spauracchio di ogni pediatra, cardiologo

Dettagli

MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI

MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI MONITORAGGIO ECG E RICONOSCIMENTO RITMI E PRESENTE UNA QUALCHE ATTIVITA ELETTRICA? QUALE E LA FREQUENZA VENTRICOLARE (QRS)? IL RITMO (SUCCESSIONE DEI QRS) E REGOLARE O IRREGOLARE? IL COMPLESSO QRS E STRETTO

Dettagli

Insufficienza cardiaca cronica (ICC)

Insufficienza cardiaca cronica (ICC) Insufficienza cardiaca cronica (ICC) Dr. med Nicola Ferrari Medico capoclinica CCT 19 novembre 2011 Classi funzionali NYHA (New York Heart Association) Parametro di giudizio: sintomo Dispnea 1 2 3 4 Nessuna

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Fisiologia Cardiaca.

Fisiologia Cardiaca. Fisiologia Cardiaca www.slidetube.it Arterie = vasi il cui flusso si allontana dal cuore Vene = vasi il cui flusso si avvicina al cuore 100% il flusso si inverte gap junctions muscolo scheletrico

Dettagli

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO PER ARITMIE CARDIACHE E ANGINA PECTORIS L. 22

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO PER ARITMIE CARDIACHE E ANGINA PECTORIS L. 22 TRATTAMENTO FARMACOLOGICO PER ARITMIE CARDIACHE E ANGINA PECTORIS L. 22 MUSCOLO CARDIACO E CONDUZIONE DELL IMPULSO MUSCOLO CARDIACO E CONDUZIONE DELL IMPULSO I PRINCIPALI IONI CHE PRENDONO PARTE ALLA REGOLAZIONE

Dettagli

La tachicardia atriale

La tachicardia atriale La tachicardia atriale La tachicardia atriale è un disturbo del ritmo cardiaco che origina negli atri. Essa è definita come una tachicardia sopraventricolare che non richiede la partecipazione della giunzione

Dettagli

Dottoressa Siboldi Alessandra

Dottoressa Siboldi Alessandra Dottoressa Siboldi Alessandra Piccolo di 11 mesi, peso 8 Kg. Anamnesi: nulla di rilevante. Negativa per cardiopatie congenite e/o morte improvvisa in età giovanile. In una sera di giugno giunge in P.S

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE

LE ARITMIE CARDIACHE LE ARITMIE CARDIACHE Obiettivi formativi Capire cos è una aritmia Conoscere i meccanismi fisiopatologici di base Conoscere le principali forme di aritmia Conoscere le principali conseguenze clincihe delle

Dettagli

Dr. Francesco Santarelli U.O.C. di Cardiologia-UTIC-Emodinamica Ospedale civile di Teramo

Dr. Francesco Santarelli U.O.C. di Cardiologia-UTIC-Emodinamica Ospedale civile di Teramo Dr. Francesco Santarelli U.O.C. di Cardiologia-UTIC-Emodinamica Ospedale civile di Teramo Sabato 9 maggio 2015 Il sistema elettrico del cuore Il cuore è dotato di un sistema elettrico interno deputato

Dettagli

LO SCOMPENSO (insufficienza) CARDIACO (IC)

LO SCOMPENSO (insufficienza) CARDIACO (IC) LO SCOMPENSO (insufficienza) CARDIACO (IC) Cause e origine Lo scompenso origina da una disfunzione sistolica e/o diastolica ed è tra le cause più comuni di invalidità e di morte nelle nazioni industrializzate

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 3 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 3 http://www.hackmed.org CAPITOLO 3 IL RITMO CARDIACO Fino ad ora, abbiamo considerato soltanto la propagazione dell'onda di depolarizzazione generata dalla normale attivazione del NODO SA. Quando la depolarizzazione comincia

Dettagli

Tessuto muscolare cardiaco

Tessuto muscolare cardiaco Tessuto muscolare cardiaco Le cellule muscolari cardiache sono ramificate, possiedono un unico nucleo e sono unite tra loro da giunzioni specializzate dette dischi intercalari in corrispondenza dei quali

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

ECG. Cosa sapere per non farsi prendere dal panico. cardiologia sassuolo. Dott.sa Ermentina Bagni. 5 Aprile 2018

ECG. Cosa sapere per non farsi prendere dal panico. cardiologia sassuolo. Dott.sa Ermentina Bagni. 5 Aprile 2018 ECG Cosa sapere per non farsi prendere dal panico cardiologia sassuolo 5 Aprile 2018 Dott.sa Ermentina Bagni CUORE : Attività elettrica Attività meccanica L attivazione elettrica e vettori di attivazione

Dettagli

Ecg basic II Step. Francesco De Luca. Siracusa 21 maggio U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA

Ecg basic II Step. Francesco De Luca. Siracusa 21 maggio U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA Ecg basic II Step Francesco De Luca U.O. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Siracusa 21 maggio 2016 F. De Luca U.O. Cardiologia Pediatrica Ferrarotto

Dettagli

La refertazione del tracciato cardiotocografico

La refertazione del tracciato cardiotocografico La refertazione del tracciato cardiotocografico Refertazione Valutazione del tracciato cardiotocografico Valutazione parametri di salute fetale Attività contrattile Inquadramento clinico della gravidanza

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

Malattie del Cuore. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche. Marco Cei/Alberto Genovesi Ebert Spedali Riuniti, Livorno

Malattie del Cuore. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche. Marco Cei/Alberto Genovesi Ebert Spedali Riuniti, Livorno Malattie del Cuore Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Marco Cei/Alberto Genovesi Ebert Spedali Riuniti, Livorno 1 Il Cuore Dimensioni Pesa di un pugno circa 300 gr. Pompa circa 6000

Dettagli

Aritmie ipercinetiche: meccanismi e trattamento. Tachicardie parossistiche sopraventricolari. Renato Ometto

Aritmie ipercinetiche: meccanismi e trattamento. Tachicardie parossistiche sopraventricolari. Renato Ometto ritmie ipercinetiche: meccanismi e trattamento Tachicardie parossistiche sopraventricolari Renato Ometto Tachicardie Sopraventricolari Classificazione I. Tachicardia sinusale a. Fisiologica b. Non fisiologica:

Dettagli

Sistema cardiovascolare e trattamento delle aritmie cardiache

Sistema cardiovascolare e trattamento delle aritmie cardiache Sistema cardiovascolare e trattamento delle aritmie cardiache Cuore, vasi, sangue Circolazione sistemica Circolazione polmonare Valvole cardiache Controllo nervoso della contrazione Il PdA si genera

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 2 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 2 http://www.hackmed.org CAPITOLO 2 LA CONDUZIONE ED I SUOI PROBLEMI Abbiamo visto precedentemente che l'attivazione elettrica comincia normalmente nel nodo seno atriale e genera un'onda di depolarizzazione che si propaga dal

Dettagli

CORSO ECG PER INFERMIERI. Ecchia Monica UO di Cardiologia Ospedale Maggiore Bologna

CORSO ECG PER INFERMIERI. Ecchia Monica UO di Cardiologia Ospedale Maggiore Bologna CORSO ECG PER INFERMIERI. Ecchia Monica UO di Cardiologia Ospedale Maggiore Bologna Cos è l ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG)? E' la registrazione grafica delle variazioni elettriche che si verificano durante

Dettagli

GITTATA CARDIACA E CONTROLLO NERVOSO CARDIACO

GITTATA CARDIACA E CONTROLLO NERVOSO CARDIACO GITTATA CARDIACA E CONTROLLO NERVOSO CARDIACO GITTATA CARDIACA Per gittata (o portata) cardiaca si intende il volume di sangue che viene espulso da un ventricolo in un minuto o che passa in un minuto attraverso

Dettagli

SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto. Dott. M. Pignalosa

SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto. Dott. M. Pignalosa SINDROME DI BRUGADA: 2 casi clinici a confronto Dott. M. Pignalosa SINDROME DI BRUGADA PATOLOGIA ARITMOGENA GENETICA (IN GENERE LEGATA AL GENE SCN5A) A TRASMISSIONE AUTOSOMICA DOMINANTE CON PENETRANZA

Dettagli

Basi teoriche dell'elettrocardiografia Stephen Scheidt Frank H. Netter Ciba- Gegy Interpretazione dell'ecg Dubina Dale Edizioni Monduzzi 2008

Basi teoriche dell'elettrocardiografia Stephen Scheidt Frank H. Netter Ciba- Gegy Interpretazione dell'ecg Dubina Dale Edizioni Monduzzi 2008 BIBLIOGRAFIA http://it.wikipedia.it Corso base di interpretazione e lettura dell'ecg per l'infermiere Prof. Francesco Fedele (corso FAD PREX). Lettura e interpretazione ragionata dell'elettrocardiogramma

Dettagli

European Heart Journal (2010)

European Heart Journal (2010) European Heart Journal (2010) Definizione Aritmia Cardiaca che presenta le seguenti caratteristiche: 1) assoluta irregolarità degli intervalli RR 2) Assenza di una onda P identificabile (talvolta può essere

Dettagli

13. ARITMIE Bradicardia sinusale

13. ARITMIE Bradicardia sinusale 13. ARITMIE 13.1 Bradicardia sinusale Si parla di bradicardia quando la frequenza è inferiore ai 60 bat/min.si presuppone una genesi sinusale se le onde P sono regolari e positive nelle derivazioni II,

Dettagli

Prefazione...III Curatori... IV Premessa... V Abbreviazioni...XI

Prefazione...III Curatori... IV Premessa... V Abbreviazioni...XI Indice Prefazione...III Curatori... IV Premessa... V Abbreviazioni...XI Cenni di elettrofisiologia e terminologia... 1 Disposizione degli elettrodi e derivazioni... 1 Taratura e velocità di scorrimento

Dettagli

-Le tachiaritmie in età pediatrica: quali differenze rispetto all'adulto? Gabriele Bronzetti (Bologna)

-Le tachiaritmie in età pediatrica: quali differenze rispetto all'adulto? Gabriele Bronzetti (Bologna) -Le tachiaritmie in età pediatrica: quali differenze rispetto all'adulto? Gabriele Bronzetti (Bologna) S. J, 7 etti UTIN Notte di guardia G.A, 70 kili, G2 protesi aortica ADENOSINA Donna di 70 anni Donna

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

Quando non si riesce a determinarne la causa si parla di aritmia criptogenetica.

Quando non si riesce a determinarne la causa si parla di aritmia criptogenetica. Aritmie Definizione Per aritmia si considera ogni situazione non classificabile come ritmo cardiaco normale, inteso come ritmo a origine dal nodo del seno, regolare, con normale frequenza e conduzione.

Dettagli

Origine e propagazione dell impulso elettrico IN OUT IN OUT

Origine e propagazione dell impulso elettrico IN OUT IN OUT Elettro'isiologia di base della miocellula in relazione con i disturbi di eccitoconduzione cardiaca; trasposizione dell elettro'isiologia miocardica al segnale ECG come somma vettoriale Dr. Massimo Zecchin

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Tuttavia, nonostante queste considerazioni cliniche, l ECG del paziente non è affatto tranquillizzante.

Tuttavia, nonostante queste considerazioni cliniche, l ECG del paziente non è affatto tranquillizzante. Interpretazione caso Dal punto di vista clinico la perdita di coscienza del nostro paziente appare del tutto suggestiva per una sincope a basso rischio. Infatti l esposizione al caldo e la fase post prandiale

Dettagli