PROGETTO PER UN CENTRO MULTIMEDIALE A PORDENONE SULLA FIGURA E L OPERA DI GIOVANNI ANTONIO DE SACCHIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO PER UN CENTRO MULTIMEDIALE A PORDENONE SULLA FIGURA E L OPERA DI GIOVANNI ANTONIO DE SACCHIS"

Transcript

1 Università Ca Foscari Venezia Dipartimento di Storia delle Arti e Conservazione dei Beni Artistici G. Mazzariol PROGETTO PER UN CENTRO MULTIMEDIALE A PORDENONE SULLA FIGURA E L OPERA DI GIOVANNI ANTONIO DE SACCHIS Dr.ssa Valeria Finocchi Dr.ssa Dunja Radetić Coordinamento: prof. Giuseppe Barbieri

2 PARTE PRIMA: LINEE GUIDA DEL PROGETTO 2

3 INTRODUZIONE Il centro multimediale dedicato all arte di Giovanni Antonio de Sacchis detto il Pordenone è una struttura complessa e articolata che risponde a diverse finalità ed esigenze didattico comunicative. In primo luogo, infatti, si pone come naturale prosecuzione del lavoro di riscoperta e ricostruzione critica di un artista di estrema importanza. Come ha giustamente chiarito Caterina Furlan nella sua monografia sul Pordenone (1988), se i conoscitori ottocenteschi si sono preoccupati di ricomporre il corpus delle opere sacchiane, la critica novecentesca si è invece preoccupata di storicizzare la figura del Pordenone e di chiarire gli elementi caratteristici della sua pittura. Questo lavoro di ricerca ha prodotto mostre e pubblicazioni, tra cui, le più significative e recenti, la già citata monografia di Caterina Furlan e il volume di Charles E. Cohen dal titolo The art of Giovanni Antonio da Pordenone (1996), nonché gli interventi inclusi nel volume La pittura nel Veneto. Il Cinquecento (1998). A partire da questi studi, il Centro vuole porsi come primario obiettivo quello di diffondere la conoscenza e di valorizzare la figura di un pittore che ha avuto un enorme peso nel panorama artistico italiano della prima metà del XVI secolo, peso riconosciuto già dalle fonti a lui contemporanee (come Vasari). Per portare a termine questo obiettivo, si è quindi pensato a un Centro multimediale concepito a partire dagli elementi connotativi più rilevanti del pittore, così come li hanno definiti le fonti e la letteratura critica, e sviluppato perseguendo una loro visualizzazione e fruizione interattiva: la straordinaria capacità di Antonio de Sacchis nell utilizzare diverse tecniche (affresco, disegno, pittura a olio), differenti registri linguistici (capacità di lavorare sui piccoli e sui grandi formati, varietà di temi iconografici, sapiente uso della prospettiva e dello scorcio, volontà di integrare la pittura e l architettura) e plurali influenze stilistiche (friulana, romana, veneziana, lombarda, umbra, emiliana). Analizzare e implementare multimedialmente questi fattori permette inoltre di fornire al visitatore strumenti e informazioni di base atti a creare un bagaglio di conoscenze utili per la lettura di un opera d arte. L arte del Pordenone diventa quindi un vero e proprio strumento didattico per target diversificati di visitatori. Non va di conseguenza sottovalutato, in un contesto comunicativo-didattico di tal genere, che ogni informazione, strumento, dispositivo e applicazione elaborati per i fruitori vengono da un lavoro di ricerca accurato e gestito in funzione del Centro. La ricerca e l implementazione didattica dovranno quindi procedere di pari passo, confrontandosi e influenzandosi l un l altra al fine di produrre contenuti coerenti e scientificamente corretti. 3

4 In questo senso il Centro multimediale sul Pordenone si propone alla comunità scientifica e al vasto pubblico come un esperienza pionieristica nel campo della valorizzazione e fruizione multimediale delle arti visive e, di conseguenza, diviene un vero e proprio laboratorio in cui sperimentare nuove forme di approccio alle opere d arte. Così un secondo, ma altrettanto importante, obiettivo sarà quello di stabilire una collaborazione efficace e continuativa con gli ambienti scientifici che si occupano di ricerca in questo campo (come le Università) e da essi trarre nuovi spunti per un continuo aggiornamento degli strumenti multimediali e delle possibilità di interazione da applicare nel Centro. In sintesi, quella che si propone è una struttura in costante divenire, sia per quanto riguarda i contenuti scientifici sulla figura di Giovanni Antonio de Sacchis, sia per quanto riguarda i mezzi con cui questi contenuti vengono preparati e messi a disposizione dei visitatori. 4

5 ORGANI DEL PROGETTO COMITATO PROMOTORE Rotary Club della Provincia di Pordenone Comune di Pordenone Diocesi di Pordenone e Concordia Sagittaria Banca Popolare FriulAdria PARTNER ISTITUZIONALI Provincia di Pordenone Regione Friuli Venezia-Giulia Camera di Commercio di Pordenone Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone Unione Industriali di Pordenone Confcommercio di Pordenone Confartigianato di Pordenone COMITATO SCIENTIFICO Giuseppe Barbieri, Università Ca Foscari Venezia Augusto Celentano, Università Ca Foscari Venezia Gian Luca Foresti, Università di Udine Caterina Furlan, Università di Udine Gilberto Ganzer, Musei Civici di Pordenone Guido Guerzoni, Università Bocconi di Milano Soprintendenza Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia Consorzio Universitario di Pordenone COMITATO DI PROGETTO Giuseppe Barbieri, Università Ca Foscari Venezia Augusto Celentano, Università Ca Foscari Venezia Caterina Furlan, Università di Udine Valeria Finocchi, Università Ca Foscari Venezia Dunja Radetić, Università Ca Foscari Venezia 5

6 SETTORI SETTORE AMMINISTRATIVO GIURIDICO SETTORE CONTENUTI STORICO-ARTISTICI SETTORE ELABORAZIONI MULTIMEDIALI SETTORE IMPLEMENTAZIONE INFORMATICA ATTIVITÀ SCIENTIFICHE PRELIMINARI E IN ITINERE Realizzazione della Base Dati e del sistema di accesso ai dati. È un lavoro che va effettuato prima dell apertura del Centro, ma mantenuto attivo anche dopo la sua apertura, per l eventuale integrazione dei dati (comparsa di nuovi documenti, nuove opere riferibili, nuove pubblicazioni, nuove tesi di laurea) e per la gestione dei dati di feedback. Il momento di raccolta dei materiali implementabili consiste nelle seguenti attività: Campagna fotografica e di ripresa video; Digitalizzazione e compilazione di schede OA; Stesura delle schede discorsive per catalogo virtuale; Progettazione dell architettura informativa del sistema; Sviluppo dell interfaccia utente per il web e per le attività multimediali del Centro. Il lavoro di ricerca, catalogazione, digitalizzazione e implementazione dei materiali, darà luogo a una base dati che si compone di: 1. Riproduzioni digitali delle opere ad altissima definizione; 2. Scheda catalografica per ciascuna opera (modello OA dell ICCD); tali schede saranno accessibili solo presso il Centro; 3. Scheda discorsiva, visibile anche online 4. Archivio digitale di documenti (scansione, campagna fotografica, trascrizione); 6

7 5. 6. Bibliografia(articoli in pdf per quanto possibile, riferimenti bibliografici generali, tesi di laurea consultabili a richiesta); Informazioni su progetto e artista. IL CENTRO MULTIMEDIALE Il Centro si compone di due ambiti di lavoro complementari: sito web e spazio fisico, che condividono le risorse della stessa base dati, al fine di fornire ai fruitori due modalità diverse di accesso ai contenuti. Il Centro multimediale deve svilupparsi in spazi concettualmente e fisicamente diversi e sono: a) ACCOGLIENZA TRADIZIONALE Spazio in cui situare bancone per la biglietteria / iscrizione al Centro, guardaroba, eventuale bookshop. b) AMBIENTE DI PRESENTAZIONE: sintetizza visivamente le finalità e le attività del Centro. Si compone di: 1. Parete della fortuna critica Proiezione audiovisiva di presentazione del pittore (fruizione tutti a uno): vengono proiettate immagini e parole di trattatisti, conoscitori, storici e critici d arte scelti tra le fonti coeve e la letteratura critica; 2. Parete delle opere e del contesto L applicazione ha lo scopo di fornire ai visitatori gli strumenti critici e tecnici per avvicinarsi all opera del Pordenone e, nello specifico, per poter affrontare la complessità dei materiali messi a disposizione nel Centro. L idea è quella di prendere a pretesto un nucleo di opere (potenziato nel corso del tempo) per raccontare la vicenda artistica e il contesto storico in cui agisce il Pordenone, attraverso contributi 7

8 audiovisivi tematici. L interazione con l applicazione avviene tramite l interrogazione di una didascalia elettronica visualizzata su un monitor touch screen, collegato a un proiettore. La didascalia è strutturata per voci linkate a informazioni multimediali che si attivano al tocco della voce stessa. 3. Parete feedback Tag cloud visiva (fruizione tutti a uno): parete feedback in cui un sistema automatizzato è collegato ai dispositivi di fruizione di tutto il Centro (ed eventualmente del sito web), e con scadenze prestabilite aggiorna il dispositivo con le opere più visitate, visualizzandole secondo un sistema gerarchico di dimensione. La parete feedback è quindi la rappresentazione visiva di ciò che succede dentro il Centro e sul sito web. c) SPAZI DI RICERCA E APPROFONDIMENTO Attorno all ambiente di presentazione si aprono (fisicamente o almeno metaforicamente) altri spazi: quello per la ricerca sarà ovviamente accessibile solo al personale. Gli altri sono invece dedicati al pubblico, tenendo conto delle diverse modalità e necessità di fruizione. Nello specifico: Ufficio di ricerca per l implementazione dei nuovi dati, aggiornamento, gestione sito e tutto ciò che riguarda la gestione del Centro. Lo spazio di ricerca, come si accennava nell introduzione al progetto, permette di ampliare il bagaglio di contenuti multimediali a disposizione dei fruitori. Questo vuol dire che il Centro potrà diventare operativo non appena saranno pronti un numero minimo di contenuti multimediali (quelli indicati nel progetto), mentre in itinere sarà possibile aggiungere materiali e sviluppare nuove strategie di interazione. Laboratori interattivi di fruizione singola (uno a uno), preferibilmente in zone separate, in quanto sono concepiti per due modalità di approccio diverse, cioè: 1. laboratorio di ricerca/studio: postazioni pc collegate al database centrale, da cui si accede a tutti i contenuti con la possibilità di acquisire materiali. In questo spazio si trova anche il materiale cartaceo (volumi, tesi di laurea, ecc). 8

9 2. laboratorio multimediale: dedicato alla fruizione interattiva dei contenuti. Postazioni composte da due schermi touch screen tra loro interconnessi, un primo interattivo (in cui i contenuti visivi sono progettati mediante un sistema di layer sovrapposti) e uno di visualizzazione semplice. Le opere vengono esplorate tramite dei sistemi di navigazione e delle voci tematiche e vengono connesse ad informazioni di vario genere (confronti, iconografia, tecnica ecc.) grazie alla mappatura informativa delle immagini. d) SPAZI PER LA DIDATTICA Spazio immersivo di fruizione multipla (uno a tutti): sala in cui vengono proiettati contenuti multimediali (clip audiovisive) sulle pareti, sula pavimento e sul soffitto della stanza. Le clip sono concepite con un livello di approfondimento maggiore rispetto a quelle in entrata e soprattutto viene visualizzata l opera nel suo contesto originale. La voce narrante accompagna le immagini e ne sottolinea le peculiarità. Le clip saranno arricchite da parti filmate, zoom e movimentazioni. La particolarità di questa sala è che è un fruitore che attiva la proiezione e sceglie l opera da visualizzare, attraverso una postazione touch screen posta al centro della sala, sulla quale saranno riprodotte e linkate tutte le opere collegate a proiezioni (circa 10 all apertura). IL SITO WEB Oltre alla visita del Centro, è prevista la possibilità di accedere ai contenuti del database centrale anche in remoto. Per questo motivo verrà implementato un sito web strutturato come un catalogo virtuale di riproduzione digitale delle opere, di schede informative, materiale archivistico e bibliografico. È auspicabile che la maggior parte dei materiali siano scaricabili in pdf (materiali d archivio digitalizzati e articoli specialistici non vincolati dal copyright). Una sezione del sito dovrebbe essere dedicata al pubblico non specialistico, quindi di impatto visivo più accattivante. 9

10 STRUMENTI DI FIDELIZZAZIONE E DI INTERCONNESSIONE TRA FRUIZIONE IN PRESENZA E IN REMOTO I due luoghi (fisico e virtuale: spazi del centro e sito web) in cui si sviluppano le attività del Centro multimediale non costituiscono, nella filosofia di questo progetto, due mondi separati, anzi vanno a costituire un sistema di fruizione integrato e polifunzionale. Questo vuol dire che il visitatore che si è recato negli spazi fisici del Centro deve essere messo in condizione di prolungare la sua visita anche al di fuori di essi, portando con sé una parte dei materiali che ha incontrato e approfondito durante l esplorazione delle applicazioni. Allo stesso modo, un fruitore che si accosta all artista inizialmente tramite il sito web, deve essere coinvolto a tal punto da sentirsi parte del sistema di fruizione e da progettare una visita reale al Centro multimediale (se in possibilità di farlo). In sintesi spazi fisici e sito web devono essere concepiti in modo da non sostituirsi gli uni all altro, ma nemmeno proporre una fruizione mutila, ma costruita in base alle caratteristiche peculiari di ciascun luogo di fruizione, attraverso un sempre costante scambio informativo tra essi. Gli spazi fisici del Centro, in particolar modo quelli immersivi e interattivi, sono concepiti per una fruizione in presenza dei materiali e per stimolare l attenzione del visitatore attraverso un coinvolgimento fisico ed emozionale, grazie all incisività visiva delle applicazioni inseritevi. La fruizione in remoto, invece, avviene tramite dispositivi meno complessi e fisicamente coinvolgenti (pc, palmare, telefoni cellulari di nuova generazione), ma permette una maggiore personalizzazione dell interazione, in termini di gestione e di tempi di approccio ai materiali. Questo avviene grazie a quella che potremmo definire costruzione e movimentazione dei materiali per mezzo del fruitore. Il materiale del Centro può muoversi in uscita e in entrata, sempre coinvolgendo il fruitore, con la conseguente sensazione di essere parte del sistema visivo-informativo. Questo sistema permette altresì di instaurare un rapporto di fidelizzazione col visitatore, che sarà quindi maggiormente invogliato a frequentare il centro ripetutamente o a collegarsi al sito web con assiduità. La movimentazione in uscita non è altro che la possibilità di acquisizione di materiali sperimentati nel centro per poterli fruire nuovamente in remoto (sul proprio pc). La movimentazione in uscita riguarda sia i materiali concreti (immagini, testi, bibliografie ecc), che i cosiddetti stati emozionali, cioè le tracce del passaggio di un singolo fruitore nel Centro. Nello specifico, si possono fornire al visitatore diverse strategie di acquisizione: 10

11 - tessera magnetica o con chip, che funga da chiave per l accesso ai materiali che questo stesso fruitore avrà consultato durante le sue sessioni di studio o di didattica all interno del centro. Questo sistema permetterà di interrompere e poi riprendere il lavoro in giorni diversi senza perdere informazioni, di richiedere materiali in formato cartaceo o digitale (consegnati al Centro o spediti via posta elettronica), di ricostruire il percorso concettuale ed emozionale compiuto durante le sue visite al Centro multimediale. - memoria portatile eventualmente fornita da uno sponsor (chiavetta usb, cd, dvd), nella quale scaricare i materiali in formato digitale, portarli a casa e lavorare con essi sul proprio pc; - invio di materiali tramite posta elettronica. La movimentazione in entrata, invece, riguarda tutti quei materiali che il fruitore può produrre e caricare tramite il sito web. In particolare potrebbe trattarsi di: - riprese fotografiche o video di opere del Pordenone nelle loro collocazioni originali; - rielaborazioni personalizzate di opere o schizzi elettronici elaborati a partire da esse, realizzati tramite pc o dispositivi portatili come palmari e cellulari di nuova generazione che contengano programmi per la modifica o la creazione di immagini; - proposte di confronto visivo con opere del pittore o di altri artisti, - videorecensioni di opere; - segnalazioni su nuove pubblicazioni, tesi di laurea, convegni, mostre ecc. Non bisogna dimenticare un altro strumento di diffusione di informazioni, che al giorno d oggi ha la capacità di attirare una notevole quantità di pubblico, ovvero i social network come Facebook o Twitter, nei quali è auspicabile inserire un account dedicato al Centro. Tutte queste attività di interrelazione con i visitatori in presenza e, soprattutto, in remoto, non possono assolutamente prescindere dal fatto che il Centro si doti di tutte le autorizzazioni necessarie in termini di copyright, in particolare per quanto riguarda i diritti di immagine sulle opere del Pordenone. Questo aspetto riguarda più che altro le opere di proprietà pubblica e quelle esposte in musei stranieri, che sono sottoposte a un regime legislativo diverso da quello italiano. 11

12 PARTE SECONDA: SCHEDE DI APPROFONDIMENTO 12

13 STRUTTURA BD E INTERFACCIA UTENTE PER IL SITO WEB E POSTAZIONI DI RICERCA INTERNI AL CENTRO BASE DATI La struttura della base dati e quella dell architettura delle informazioni sono strettamente collegate; per questa ragione è necessaria la consulenza con lo staff informatico al fine di ottimizzare i tempi della progettazione dell architettura informativa, logica di archiviazione, scelta delle tecnologie di sviluppo, e sistemi di ricerca all interno del sistema. Server database e apparecchiature per servizi di rete: Si prevedono almeno due server, uno per la gestione del/dei database e l altro per la gestione dei servizi di rete. Il software di base può essere Linux, il database può essere MySQL (open source) o Oracle (commerciale) in funzione dell eventuale software applicativo preesistente, soprattutto per quanto riguarda la gestione e le ricerche del catalogo che potrebbero appoggiarsi su software commerciale o compatibile con software già installato in altre istituzioni culturali. Può essere necessario prevedere un server separato per il sito web, sopratutto per disaccoppiarne la gestione dagli altri due, oppure per questa funzione ci si può appoggiare ad un provider esterno. La parte dei contenuti è a cura del comitato di Progetto che provvederà alla scelta e alla sistematizzazione del materiale. Il lavoro preliminare riguardante la BD sarà quello di stilare il catalogo completo dell opera del Pordenone. A questo scopo verrà utilizzata la bibliografia più aggiornata e potranno essere richieste le schede OA alle Sovrintendenze di riferimento. Per le opere non catalogate, sarà il personale del Centro a provvedere alla loro compilazione. 13

14 Schede delle opere Campi obbligatori Il passo successivo sarà quello di decidere quali saranno le voci delle singole schede, che dovranno essere standardizzate per tutte le opere, con lo scopo inoltre di agevolare e ottimizzare le query del sistema di ricerca. Data la complessità dell operazione, una delle possibilità potrebbe essere quella di appoggiare la struttura della BD agli standard ICCD, anche per la probabilità che la maggior parte delle opere del Pordenone sono già state catalogate con questo sistema. (non appena avremo a disposizione una di queste schede sarà possibile procedere con un ipotesi più dettagliata riguardo all effettiva struttura della scheda stessa) Altrimenti si può costruire un sistema alternativo, semplificato, che rispecchi il modello di catalogomonografia. Campi liberi Oltre ai campi obbligatori per tutte le opere, sarà necessario progettare una scheda descrittiva tipo, che dovrà contenere tutte le informazioni necessarie per la comprensione dell opera. Queste informazioni dovranno essere tratte dalla bibliografia aggiornata che verrà sempre allegata alla scheda. Questa scheda va compilata anche in previsione di essere pubblicata on line per cui il testo in questione dovrà essere concepito secondo le logiche dell ipertesto per sfruttare al massimo le potenzialità dell interconnessione tra i dati. Per evitare ripetizioni, le parole chiave più frequenti (per esempio motivi iconografici, tecnica, principali personaggi e avvenimenti storici) saranno collegate a una struttura a parte che dovrà contenere una sorta di vocabolario iconografico e thesaurus di termini, a cui di volta in volta rimandare il lettore. Dallo studio preliminare delle opere dovrebbero emergere le principali voci da includere in questo apparato, che dovrà comunque essere facile da ampliare e aggiornare. La scheda di ciascuna opera sarà documentata con la bibliografia critica completa e aggiornata. Sarà possibile visualizzare testi, saggi, tesi di laurea e altro materiale scientifico dalle postazioni del Centro, e per quanto possibile, in remoto. 14

15 Acquisizione delle riproduzioni digitali Ogni scheda deve essere corredata dalla fotografia digitale dell opera ad alta risoluzione e munita di un applicazione zoom per poter esplorarne i dettagli. Il lavoro preliminare prevede quindi una campagna fotografica limitata inizialmente a una selezione delle opere che saranno le stesse a essere inserite nel programma multimediale del centro. Per il resto delle opere si prevedono successive acquisizioni, fino a coprire tutte le schede della base dati. Documenti d archivio La BD dovrà contenere tutti i documenti d epoca relativi alla vita e all attività del pittore, digitalizzati e trascritti, con la possibilità di scaricarli in formato jpg o pdf. La raccolta e lo studio del materiale archivistico sarà a cura del Comitato di progetto, mentre la loro digitalizzazione e inserimento nella base dati sarà effettuata dal personale tecnico. Sito web Una parte dei contenuti sopra descritti sarà fruibile anche in remoto attraverso un sito web. Sarà da valutare se rendere disponibile on line tutto il materiale della base dati oppure limitare le schede delle opere solo ad alcuni campi (didascalia). La scelta dipenderà dalla decisione sul tipo di pubblico a cui sarà dedicato il sito, se a un pubblico di specialisti che richiedono l informazione complessa, oppure a un pubblico più vasto a cui rivolgersi con informazioni di taglio più divulgativo. Nel primo caso il sito web rispecchierà l intera base di dati, nel secondo caso, oltre alla scelta dei campi, ci sarà bisogno di preparare schede critiche delle opere adattate e semplificate, magari arricchite con citazioni e contenuti tratti dal materiale multimediale proposto dal Centro. Per esempio, per rendere più accattivante la grafica, si potrà proporre come menu di navigazione una timeline o cartina geografica interattive su cui presentare thumbnails delle opere. Come preview dei contenuti multimediali del Centro, si potrebbe presentare uno dei capolavori del pittore in forma mappata, corredata da file audio o video. Una parte importante riguarda la verifica dei termini di copyright per definire quali e quanti materiali sarà 15

16 possibile scaricare dal sito web. Le schede saranno sempre corredate dalla riproduzione dell opera con l applicazione zoom. Contenuti da inserire nel sito: Presentazione del Centro -attività del Centro -info pratiche -organico e staff con contatti -annunci e news (da pubblicare direttamente sulla home page) Biografia del Pordenone Le opere dell artista a cui si farà riferimento saranno linkate alle specifiche schede; nel caso di riferimento ad altri artisti e opere sarebbe auspicabile trovare risorse esterne a cui fare riferimento e sfruttare in questo modo le possibilità di connessione collaborativa tra le varie fonti di sapere. Catalogo delle opere Un catalogo di opere selezionate presentate mediante schede da catalogo e riproduzioni in alta definizione. All interno di ciascuna scheda potranno esserci link di approfondimento di particolari temi (motivi iconografici, tecnica, analisi comparativa con altri artisti) presentati in modo multimediale, in parte ricalcando i contenuti del Centro, in parte attraverso contenuti specifici creati apposta per la fruizione on line. Sezione interattiva Una sezione del sito web sarà dedicata all approccio ludico con l opera d arte. A questo fine verranno implementate alcune applicazioni interattive mediante le quali sarà possibile interagire direttamente con l immagine in vario modo (manipolazione delle forme e dei colori, giochi comparativi tra vari dettagli, ecc). Ciascuna di queste applicazioni sarà studiata in modo tale da non essere fine a se stessa ma di trasmettere conoscenza secondo una modalità alternativa a quella tradizionale. Ciò che si vuole raggiungere è sostanzialmente un imparare giocando : per esempio cambiando il colore delle vesti 16

17 dei personaggi potranno essere fornite alcune informazioni sulla simbologia dei colori nell arte. Un altra possibilità è quella di ordinare un immagine trascinando le componenti al posto giusto, ecc. Procedimento lavori: Il programma sopra descritto considera la produzione dei contenuti e dei materiali visivi (riproduzioni e documento d archivio digitali) che sarà svolto da parte del comitato di progetto, ma è sottinteso il parallelo sviluppo dei sistemi di tecnologia informatica necessari per il funzionamento del Centro. Una volta prodotti i materiali (file di testo, immagini) e impostata la struttura informativa e quella della BD, si propone di attivare dei tirocini per studenti che avranno come attività la compilazione della BD. Non meno importante l aspetto grafico dell insieme, per cui si propone di affidare a uno studio di grafica e di comunicazione lo sviluppo e la realizzazione di un programma grafico unitario per tutte le applicazioni e materiali informativi del Centro. Per quanto riguarda gli spazi del Centro, saranno necessarie due sale: 1) Ufficio gestione e implementazione, con postazioni di controllo PC classe media con funzioni multimediali standard, con collegamento di rete cablato, corredate di stampanti b/n e a colori condivise. 2) Laboratorio di ricerca/studio, acusticamente ben isolata, munita da quattro postazioni di computer con stampante e una libreria con tutto il materiale cartaceo pubblicato sul Pordenone per unificare in un unico spazio tutto il materiale necessario agli studiosi per svolgere la ricerca scientifica. 17

18 AMBIENTE DI PRESENTAZIONE Il primo ambiente che il visitatore incontra nel Centro multimediale è il cosiddetto ambiente di presentazione: con questa definizione si intende che il visitatore, attraverso le applicazioni posizionate in questo primo spazio, ha un primo contatto con le attività del centro e con la vicenda artistica del Pordenone. Questo ambiente (sufficientemente ampio, 80m² ca., in modo da poter accogliere una quarantina di persone) si propone come una sala che sintetizza visivamente le finalità e le attività del centro. Si tratta di un ambiente che deve essere concepito come un contesto suggestivo in cui il visitatore sente di essere entrato in una dimensione coinvolgente dal punto di vista emotivo ed estetico. Nell ambiente, immerso nella semioscurità, saranno i monitor e le proiezioni a fare da catalizzatore d attenzione per il visitatore. Esempio di sala per l ambiente di presentazione 18

19 I. PARETE: LA FORTUNA CRITICA La prima applicazione della sala è la parete della fortuna critica, che consiste in una proiezione ad alta definizione su muro di brani testuali tratti dai più importanti scritti relativi al Pordenone. I testi, proiettati nelle lingue originali e in traduzione, potranno essere associati a particolari visivi, come ritratti del pittore o dei trattatisti a lui coevi (come, ad esempio, Giorgio Vasari) e dettagli di opere. Le soluzioni di accostamento parola / immagine e di proiezione del testo dovranno variare il più possibile: ad esempio i testi potranno essere inseriti a scorrimento dall alto al basso, da sinistra a destra o apparire in dissolvenza dal fondo. L ambiente è dunque modellato come un percorso scenografico e sensoriale, che prepara emotivamente il visitatore al passaggio dall ambiente quotidiano in quello di una dimensione immersiva. Procedimento lavori 1) selezione delle citazioni 2) selezione delle immagini 3) realizzazione da parte dello staff di tecnici audio visivi delle clip da proiettare sulla parete Specifiche tecniche L applicazione non necessita di attrezzature particolarmente complesse e può essere impostata senza collegamento con un sistema centralizzato di gestione delle informazioni. Questo vuol dire che la successione delle citazioni andrà definita, impaginata e infine salvata su un dispositivo di memoria portatile con un DVD-rom, così da poter essere riprodotta tramite lettore dvd che sarà posizionato nei pressi del proiettore vero e proprio. Attrezzatura: Proiettore e lettore HD Specifiche professionali Comitato di progetto 19

20 II. PARETE: LE OPERE E IL CONTESTO Funzioni e attività Dopo che il fruitore ha potuto leggere le parole scritte nel corso di cinque secoli sul pittore e quindi aver avuto un approccio puramente conoscitivo alla sua vicenda artistica, egli incontra la seconda postazione della sala, che ha invece lo scopo di introdurre al visitatore le caratteristiche specifiche della pittura del Pordenone a partire dalle opere stesse. In particolare questa applicazione, definita Parete opere e contesto vuole dare al visitatore le nozioni, gli spunti critici e strumenti interpretativi che lo aiuteranno nell esplorazione delle applicazioni più complesse presenti nel centro. Questi elementi saranno di carattere biografico, storico (contesto dell opera), iconografico, stilistico e documentario. La visione d insieme del dispositivo presenta una proiezione HD su parete e, di fronte, una consolle touch screen che permette l accesso ai contenuti complessi. Lo spettatore è introdotto all uso dell applicazione mediante una breve demo dimostrativa che sintetizza in forma animata le principali funzioni del dispositivo e aiuta il fruitore a familiarizzarci. Anche se il sistema di interazione previsto è intuitivo e facile, in questo modo anche il fruitore meno esperto sarà rassicurato avendo appreso le istruzioni d uso e potrà successivamente concentrarsi completamente sull esperienza multimediale. Si può quindi prevedere che la consolle touch screen presenti una schermata di apertura dalla quale sarà possibile far partire la demo dimostrativa oppure che quest ultima sia proiettata in loop e termini nel momento in cui un fruitore inizia a interagire con la consolle. Al termine di ogni sessione di lavoro, quindi (dopo un tempo variabile tra i 10 e i 30 secondi), si ritornerà alla schermata iniziale o alla proiezione in loop. Dopo la fase preparatoria inizia la fase di esplorazione dei contenuti. Dalla schermata iniziale il fruitore accede al menu delle opere, presentate su una fascia scorrevole di icone. Lo scorrere di questa fascia avviene tramite il movimento del dito sullo schermo. Individuata l opera che gli interessa, il fruitore la selezionerà con un tocco singolo. A questo punto apparirà una didascalia elettronica organizzata in diverse aree tematiche attivate a richiesta dello spettatore, mentre sulla parete viene proiettata l opera. Le voci a disposizione sono quelle di una didascalia museale classica: Titolo, Data, Collocazione originaria, Committenza, Tecnica. 20

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Regole semplici per creare una buona presentazione

Regole semplici per creare una buona presentazione Regole semplici per creare una buona presentazione di Maria Rosa Mazzola Alla cl@sse 2.0 G.B. Piranesi Roma A.S. 2011-12 Le presentazioni offrono la possibilità di organizzare in modo sintetico i dati

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata Diamo forma ai tuoi bisogni Consulenti di soluzioni GRAFICA grafica cartacea - grafica online - grafica applicata BROCHURES CARTELLINE CATALOGHI LOCANDINE VOLANTINI MANIFESTI CALENDARI MENU LOGOMARCHI

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Perché un software gestionale?

Perché un software gestionale? Gestionale per stabilimenti balneari Perché un software gestionale? Organizzazione efficiente, aumento della produttività, risparmio di tempo. Basato sulle più avanzate tecnologie del web, può essere installato

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni ADOBE PREMIERE ELEMENTS Guida ed esercitazioni Novità Novità di Adobe Premiere Elements 13 Adobe Premiere Elements 13 offre nuove funzioni e miglioramenti che facilitano la creazione di filmati d impatto.

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli