DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Istituto Ivo de Carneri - Civezzano I.T.A.S. indirizzo Biologico DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ A.S. 2012/2013

2 IVO DE CARNERI Personalità di rilievo in ambito scientifico italiano ed internazionale - fu Professore ordinario di Parassitologia presso l Università degli Studi di Pavia, Direttore del Laboratorio di Microbiologia dell Istituto di Ricerche Carlo Erba di Milano, Consulente dell Organizzazione mondiale della sanità per la conduzione dei piani di lotta alle parassitosi intestinali in Africa e in America Latina. Fu Autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche di parassitologia, mutagenesi e chemioterapia delle malattie parassitarie ed infettive. Nel 1994 è stata istituita la Fondazione Ivo de Carneri con l intento di raccogliere il patrimonio scientifico e umano del prof. Ivo de Carneri e di continuarne l opera. Nel 2004 la Cooperativa Oford di Civezzano ha deciso di contribuire a tener desta la memoria di questa personalità esemplare distintasi non solo come studioso, ricercatore, docente, ma anche per i molteplici interessi storico - culturali, etnografici, umani denominando Ivo de Carneri l Istituto che ha sede a Civezzano. 1

3 ISTITUTO PARITARIO IVO DE CARNERI A. LA MISSION La Cooperativa di docenti che gestisce l Istituto dal 1997 è impegnata a diffondere e a concretizzare in ambito educativo e didattico i valori della cooperazione. L Istituto si propone come scuola a misura di adolescente, nella quale le attività di insegnamento/apprendimento sono progettate allo scopo di formare personalità ricche di competenze, capaci di contestualizzare e di astrarre, di decidere autonomamente e di cooperare, di porsi in modo creativo di fronte alla complessità. Nell Istituto sono presenti i seguenti indirizzi IPIA ODONTOTECNICO TECNICO TURISTICO TECNICO BIOLOGICO TECNICO DEI SERVIZI DI ANIMAZIONE TURISTICO-SPORTIVA E DEL TEMPO LIBERO Essi consentono alle studentesse e agli studenti di - costruire la propria identità personale, culturale, sociale, professionale; - acquisire competenze professionali e strategiche, soprattutto in termini di progettualità; - vivere il significato dello studio e della preparazione alla professione come espressione e valorizzazione della persona e come opportunità di sperimentare insieme ad altre persone operatività, rigore metodologico, responsabilità; - sviluppare i valori cooperativi dell aiuto reciproco, della responsabilità, della democrazia, dell uguaglianza, dell equità, della solidarietà; - apprendere a convivere con il cambiamento, a misurarsi con problemi complessi, a gestire l incertezza. 2

4 I PIANI DI STUDIO BIOLOGICO Durata: 5 anni Titolo: Diploma di Istruzione secondaria superiore Istituto Tecnico Attività Sociali indirizzo Biologico PIANO ORARIO MATERIE DI STUDIO CL. 1^ CL. 2^ CL 3^ CL 4^ CL 5^ Religione/Attività alternative Italiano Lingua straniera (inglese) Storia Filosofia 1 2 Diritto ed Economia 1 2 Geografia 2 Matematica ed Informatica Scienza della Terra 4 4 Laboratorio fisica/chimica 4 3 Tecnologia e Disegno 2 3 Fisica 2 2 Biologia generale 3 Ecologia 3 Microbiologia 3 4 Morfologia e Fisiologia 3 2 Biochimica e Biologia molecolare 3 4 Chimica Generale 3 Chimica Organica ed Analitica 4 Chimica Strumentale 2 Economia ed Organizzazione Aziendale 2 Tecnologia dell'informazione e Comunicazione 1 1 Educazione Fisica TOTALE ORE SETTIMANALI Il piano viene completato da tre ore settimanali di moduli opzionali per la cui illustrazione è prevista un apposita voce. IL PROFILO DEL TECNICO BIOLOGO E un diplomato con una preparazione a forte spessore culturale, con conoscenze e competenze spendibili soprattutto all interno di laboratori di tipo chimico-microbiologico. È consapevole della continua evoluzione delle conoscenze nel settore biologico, e della necessità di dotarsi di competenze strategiche per imparare nuove metodiche. Padroneggia conoscenze sugli organismi, gli ecosistemi e lo sviluppo sostenibile, allo scopo di contribuire alla tutela della salute dell'uomo e all'equilibrio degli ambienti naturali. COSA E COME SI STUDIA Ampia parte del curriculum è dedicata alla conoscenza della Natura, studiata attraverso molteplici discipline. L insegnamento tenta di ricomporre le tradizionali fratture tra fisica, chimica, biologia e scienze della terra per offrire ai/alle giovani possibilità di osservare e di pensare in modo unitario: la pluralità delle discipline scientifiche non esclude che si possano ritrovare tra di esse aree di coincidenza e teorie unificanti. Il superamento negli ultimi decenni di una visione deterministica delle scienze chimico-fisiche ha avvicinato lo studio dei fenomeni fisico-chimici e dei fenomeni 3

5 biologici, facendo emergere strumenti e teorie interpretative comuni per affrontare fenomeni complessi. L apprendimento delle scienze è stimolato e facilitato da metodologie attive e laboratoriali. LE ATTITUDINI RICHIESTE AI/ALLE GIOVANI Interesse, amore per lo studio delle Scienze della Vita e della Terra. Desiderio di conoscere i sistemi viventi e l ambiente in cui si svolgono i fenomeni della vita. Curiosità per la conoscenza del nostro corpo, delle sue trasformazioni, delle patologie che possono interessarlo e dei modi per prevenirle. Attitudine a lavorare con concetti e su concetti, a ricercare e a costruire modelli esplicativi, a spiegare eventi complessi, anche facendo ricorso agli strumenti della storia e della narrazione, usando la terminologia propria delle discipline scientifiche. IL VALORE FORMATIVO DEGLI STUDI Gli studi in ambito biologico sviluppano competenze quali l osservazione dei fenomeni, la comparazione, il riconoscimento di relazioni causali, l elaborazione e la selezione di dati, la scoperta di regolarità, di modelli, leggi, teorie; abituano a cogliere la processualità dei fenomeni, a percepire e a comprendere il divenire di tutto ciò che esiste. Le competenze in ambito biologico sono spendibili in contesti diversi, ma soprattutto formano uno stile di pensiero, educano atteggiamenti propri di un cittadino consapevole delle caratteristiche del mondo in cui viviamo, del posto che la nostra specie vi occupa e dei problemi delicati che lo sviluppo pone all umanità. LE PROSPETTIVE PER IL DIPLOMATO Impiego presso strutture dove si eseguono principalmente analisi chimiche e microbiologiche, operanti nel settore alimentare, ambientale, igienico-sanitario, chimico e farmaceutico. Inserimento in qualsiasi posizione della filiera agroalimentare trentina, poiché il diplomato è in grado di misurare le caratteristiche microbiologhe dei prodotti e la loro salubrità. Prosecuzione degli studi nell ambito tecnico-scientifico e delle professioni sanitarie. 4

6 B. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5) Classe 5^ BIO A.S. 2012/2013 Coordinatore di classe prof. ssa Curzel Marina PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE Composizione del gruppo classe Anno scolastico N. alunni iscritti N. nuovi ingressi N. alunni promossi (1 trasferimento ad altro istituto) Eventuali note Due studenti con bisogni educativi speciali utilizzano il computer per gli elaborati e il software su chiavetta USB Erikson ALFA READER come strumento di compensazione per le difficoltà di lettura delle tracce e di scrittura. Per ulteriori informazioni prendere visione dei fascicoli personali. Continuità didattica nel triennio Disciplina 3 anno 4 anno 5 anno Religione/Attività alternative Prof.Deanesi Paolo Prof. Anderle Alessandro Prof. Anderle Alessandro Italiano Prof. ssa Tella Monica Prof. ssa Tella Monica/ Prof. ssa Tella Monica prof.ssa Torrisi Chiara Lingua straniera (inglese) Prof.ssa Iovino Rosaria Prof.ssa Iovino Rosaria Prof.ssa Iovino Rosaria Storia Prof. ssa Tella Monica Prof. ssa Tella Monica/ Prof. ssa Tella Monica prof.ssa Torrisi Chiara Filosofia - Prof. ssa Tella Monica/ Prof. ssa Tella Monica prof.ssa Torrisi Chiara Matematica ed Informatica Prof. ssa Bella Erika Prof. ssa Bella Erika Prof. ssa Bella Erika Fisica Prof. ssa Bella Erika Prof. ssa Bella Erika - Biologia generale Prof. Bettini Luca - - Ecologia Prof. Bettini Luca - - Microbiologia - Prof.ssa Curzel Marina Prof.ssa Curzel Marina Morfologia e Fisiologia Prof.ssa Oss Michela Prof.ssa Curzel Marina - Biochimica e Biologia molecolare - Prof.ssa Curzel Marina Prof.ssa Curzel Marina Chimica Generale Prof. ssa Leonardelli Laura - - Chimica Organica ed Analitica - Prof. ssa Leonardelli Laura - Chimica Strumentale - - Prof. ssa Leonardelli Laura Economia ed Organizzazione Aziendale - - Prof. Mattarei Alessio Educazione Fisica Prof. Merz Luisa Prof. Merz Luisa Prof. Merz Luisa Eventuali note --- 5

7 Sulla base dei criteri adottati dal consiglio di classe, emerge il seguente profilo: A. situazione della classe nel terzo anno Atteggiamenti I. Partecipazione alle attività Poco attiva per la maggior parte degli alunni X Motivata per la maggior parte degli alunni Attiva e critica II. Impegno Incostante per la maggior parte degli alunni X Regolare Responsabile III. Frequenza Discontinua X Regolare Conoscenze, abilità e competenze I. Conoscenze Disorganiche II. Abilità Modeste X Frutto di studio diligente e di accettabile elaborazione X Discrete per la maggioranza Elaborate e consolidate Ben sviluppate III Competenze linguistico espressive Modeste X Discrete Apprezzabili IV Competenze tecnico - professionali Modeste X Discrete Apprezzabili B. situazione della classe nel quarto anno Atteggiamenti I. Partecipazione alle attività Poco attiva per la maggior parte degli alunni X Motivata per la maggior parte degli alunni Attiva e critica II. Impegno Incostante per la maggior parte degli alunni X Regolare Responsabile III. Frequenza Discontinua X Regolare Conoscenze, abilità e competenze I. Conoscenze Disorganiche II. Abilità Modeste X frutto di studio diligente e di accettabile elaborazione X Discrete per la maggioranza Elaborate e consolidate Ben sviluppate 6

8 III Competenze linguistico espressive Modeste X Discrete Apprezzabili IV Competenze tecnico professionali Modeste X Discrete Apprezzabili C. progresso della classe nel quinto anno Atteggiamenti I. Partecipazione alle attività Poco attiva per la maggior parte degli alunni Motivata per la maggior parte degli alunni X Attiva e critica II. Impegno Incostante per la maggior parte degli alunni X Regolare Responsabile III. Frequenza Discontinua X Regolare Conoscenze, abilità e competenze I. Conoscenze Disorganiche II. Abilità Modeste X Frutto di studio diligente e di accettabile elaborazione X Discrete per la maggioranza Elaborate e consolidate Ben sviluppate III Competenze linguistico espressive Modeste X Discrete Apprezzabili IV Competenze tecnico - professionali Modeste Discrete X Apprezzabili TRAGUARDI FORMATIVI RAGGIUNTI (Competenze trasversali individuate dal Consiglio di classe) Livelli medi di raggiungimento Competenze tecnico - professionali Raggiunte da un gruppo Raggiunte dalla maggioranza X Raggiunte dalla quasi totalità Competenze strategiche Raggiunte da un gruppo X Raggiunte dalla maggioranza Raggiunte dalla quasi totalità Competenze relazionali Raggiunte da un gruppo Raggiunte dalla maggioranza X Raggiunte dalla quasi totalità Competenze di fronteggiamento Raggiunte da un gruppo X Raggiunte dalla maggioranza Raggiunte dalla quasi totalità 7

9 Per le CONOSCENZE E COMPETENZE RAGGIUNTE nell ambito delle singole discipline si rinvia alle schede di ogni docente (allegato A). ATTIVITÀ OPZIONALI OBBLIGATORIE Chimica strumentale - approfondimento di parti del programma - ripasso - sviluppo delle capacità di gestione ed elaborazione della Terza prova d Esame Per quanto riguarda i risultati raggiunti, si evidenzia un miglioramento delle capacità espositive e nell organizzazione del proprio lavoro. Matematica - approfondimento di parti del programma - esercitazioni e ripasso - sviluppo delle capacità di gestione ed elaborazione della Terza prova d Esame e del colloquio orale I risultati sono stati in linea con l andamento scolastico del triennio, evidenziando un livello di preparazione disomogeneo ma, nell insieme, sufficiente. Modulo Pluridisciplinare - ripasso ed approfondimento dei contenuti riguardanti Seconda e Terza prova dell Esame di Stato - elaborazione, organizzazione del lavoro e conclusione degli approfondimenti finali da esporre all interrogazione orale dell Esame di Stato - preparazione ai test d ingresso all Università La classe ha lavorato con impegno nella preparazione all esame. Tutti gli studenti hanno partecipato alle attività previste, completando i propri percorsi personalizzati in vista del colloquio d esame ed esercitandosi nelle prove scritte e nella simulazione dell orale. I risultati sono stati in linea con l andamento scolastico del triennio, evidenziando un livello di preparazione articolato, ma nell insieme, abbastanza soddisfacente. 8

10 STAGES Premessa Il tirocinio è formazione oltre aula. E legittimazione dei luoghi di lavoro come sedi di apprendimento affiancate alla scuola. Il tirocinio dunque è un percorso educativo che mira ad una cultura del lavoro attraverso un approccio diretto con la realtà lavorativa. Il tirocinio stimola nell alunno/a l attitudine ad apprendere, a comunicare, a lavorare in gruppo, a valutare la propria situazione. L azienda è per il/la giovane luogo importante ove mettersi alla prova, sperimentare regole, lavoro di squadra, autonomia decisionale, creatività. Il tirocinio, per costituire un momento-chiave della formazione del/della giovane, deve raccordarsi con l area culturale e l area di indirizzo: l allievo/a deve essere aiutato a comprendere che le competenze di cittadinanza e le competenze professionali di base, rappresentate dai saperi di indirizzo, sono irrinunciabili per modulare la sua crescita; tali competenze gli/le consentiranno durante il tirocinio di riconoscere i problemi, di fronteggiarli, di comprenderli e risolverli insieme ad altri. Il tirocinio è perciò parte integrante del progetto curricolare, che attiva il /la giovane a vivere il territorio come centro di formazione. Il progetto curricolare infatti contiene visite guidate, incontri con operatori degli enti locali e delle aziende, accoglienza in aula di testimoni del mondo del lavoro, percorsi con esperti su caratteristiche, organizzazione, legislazione del lavoro. Al tirocinio il/la giovane giunge dopo aver sperimentato e vissuto momenti formativi propedeutici. Pertanto l attività di tirocinio si articola in fasi: ideazione, progettazione, sostegno ed accompagnamento, esperienza in azienda, valutazione del tirocinio aziendale, circolazione dell informazione dentro la scuola; rilevamento del gradimento delle aziende e del gradimento degli alunni; certificazione. Alcune fonti sono di competenza della scuola, alcune dell azienda, altre saranno condotte di concerto con l azienda. Fondamentali sono il coinvolgimento dell allievo/a in ogni fase, la certificazione a conclusione dello stage, l autovalutazione dello/a stesso/a allievo/a. Finalità Il tirocinio ha finalità di: orientamento 9

11 L allievo/a alimenta il proprio progetto personale, si impegna a costruire la propria identità di persona, sociale e professionale; scopre grazie alla partecipazione, ai contesti di vita lavorativa, all osservazione, alla riflessione l importanza ed il senso dei saperi, superando la separazione tra teoria e pratica, sapere e saper fare; acquista maggiore consapevolezza dei propri punti di forza, delle proprie risorse e dei propri limiti (metacognizione). socializzazione al lavoro L allievo/a sperimenta e conosce le competenze trasversali richieste dal mondo del lavoro e delle professioni; sperimenta il valore della partecipazione ad una comunità di pratiche. rafforzamento, consolidamento di competenze professionali di base o specialistiche L allievo/a misura, applica, compara, approfondisce, specializza conoscenze ed abilità apprese grazie all apprendimento delle discipline di indirizzo; comprende - attraverso le performances tecnico professionali nelle quali è accompagnato dal tutor aziendale il perché ed il come delle pratiche lavorative, situazioni, differenziazioni, articolazioni diverse del settore produttivo; prende coscienza dell iter formativo da compiere per adeguare la propria formazione alle esigenze del mondo del lavoro e delle professioni. I contenuti formativi (frutto di una convenzione formativa tra scuola e luogo di lavoro, tra tutor scolastico e tutor aziendale) SCHEMA l allievo/a incontra e riconosce i protagonisti/attori dell esperienza di lavoro (chi sono, quali competenze hanno, quali ruoli svolgono, quali relazioni intercorrono tra loro e l ambiente esterno) l allievo/a conosce e riconosce i prodotti, i servizi offerti, le tecnologie usate l allievo/a verifica ed è aiutato a consolidare le conoscenze relative alla normativa sulla sicurezza l allievo/a è introdotto alla conoscenza delle fondamentali problematiche gestionali, economiche, di mercato in cui è impegnata l azienda l allievo/a è inserito nel contesto operativo con i seguenti compiti.è guidato a condurre le seguenti operazioni a prendere contatto con le seguenti strumentazioni ed attrezzature acquisisce conoscenze teoriche e pratiche grazie alle azioni di affiancamento del tutor aziendale 10

12 l allievo/a segue le indicazioni del tutor scolastico e del tutor aziendale, suoi riferimenti per qualsiasi esigenza; rispetta gli obblighi di riservatezza, rispetta i regolamenti aziendali, le norme in materia di igiene e di sicurezza; partecipa attivamente e con attitudine alle consegne l allievo/a tiene aggiornato il diario di bordo, ove registra compiti svolti, passaggi importanti, decisioni adottate, acquisizione di nuovi apprendimenti, impressioni sull esperienza. Fasi del percorso di tirocinio Progettazione 1. Individuazione di aziende, laboratori, studi professionali 2. Incontro con l azienda: il tutor aziendale, per concordare tempi, modalità di attuazione, finalità, contenuti formativi dei tirocini. 3. Incontro con allievi/e tirocinanti (significati e motivazione) 4. Informazione (lettera) rivolta ai genitori 5. Convenzione di tirocinio tra soggetto promotore (istituto) e soggetto ospitante (azienda) Attori del progetto Tutor scolastico (sentiti i docenti del Consiglio di classe, incontrati allievi/e tirocinanti, sentito il tutor aziendale) Segreteria scolastica (predispone le pratiche in accordo con il tutor scolastico) Il Consiglio di classe Il Collegio dei docenti Ruolo del Consiglio di classe Nomina il tutor scolastico in accordo con il Dirigente; Offre al tutor scolastico indicazioni sulle caratteristiche, sui bisogni formativi dei singoli alunni, sui contenuti formativi che potrebbero essere sperimentati durante lo stage; Analizza, al termine dello stage, i risultati comunicati dal tutor scolastico e considera le ricadute didattiche; Cura la circolazione delle esperienze di stage. Ruolo del Collegio dei docenti Indica, incoerenza con il progetto educativo di Istituto, le finalità dei tirocini, i criteri per la valutazione e la certificazione; 11

13 Nella prima seduta il Collegio è informato dai tutor scolastici circa l andamento dei tirocini svolti l anno precedente. Ruolo del tutor aziendale Accompagna, segue l allievo/a durante lo stage, lo aiuta ad orientarsi e ad organizzarsi sul lavoro; Ha presenti le finalità ed i contenuti formativi che ha concordato con il tutor scolastico; Facilita l integrazione tra esperienza scolastica ed esperienza formativa e guida l allievo/a ad acquisire eventuali competenze necessarie all esercizio dell attività richiesta; Mantiene contatti con il tutor scolastico; Valuta, compilando l apposita scheda, il percorso di tirocinio; Offre indicazioni allo scopo di un miglioramento della formazione dell allievo/a. Svolgimento del tirocinio L allievo/a compila il DIARIO DI BORDO annotando quanto richiesto dall apposita scheda. Il tutor scolastico sollecita l allievo/a a compilare il DIARIO DI BORDO, incoraggia e sostiene l allievo/a nel suo percorso, mantiene i contatti con il tutor aziendale per verificare l attuazione dei contenuti formativi, offre al tutor aziendale le informazioni utili per la valutazione e per la compilazione delle schede predisposte. Valutazione Il tutor scolastico, sulla base della valutazione espressa sull apposita scheda del tutor aziendale, degli incontri avuti con l allievo/a, della lettura del DIARIO DI BORDO, formula per ogni allievo/a una valutazione articolata, come prevista dalla scheda. Presenta tale valutazione al Consiglio di classe ed all allievo/a. Certificazione Ad ogni allievo/a che abbia svolto con esiti positivi il tirocinio sarà consegnato un attestato che certificherà le operazioni svolte e le competenze manifestate. Circolazione delle esperienze Il tutor scolastico ed i docenti del Consiglio di classe progettano momenti di riflessione collettiva sulle esperienze compiute, per considerarne la ricaduta sulla didattica e per apportare eventuali modifiche ai tirocini futuri. 12

14 Strutture presso le quali studentesse e studenti hanno operato A. In quarta (A.S. 2011/12) - Nosio spa - Trento - Trentingrana CON.CA.S.T. - Trento - Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Laboratorio di Patologia Clinica e Microbiologia Trento e Rovereto. - Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Laboratorio di Sanità pubblica - Latte Trento (Tn) - Museo Scienze Naturali di Trento - Farmacia S.Lucia di Roncegno - Menz&Gasser (Novaledo) - Centro BIOTEC (Università di Trento) - Areaderma( Pergine) - CET - SEA - Sandoz - Gourmet Italia (Borgo Valsugana) Risultati medi raggiunti Sulla base delle valutazioni fornite dai tutor aziendali e dei diari di bordo compilati dagli studenti, si evince che tutti i ragazzi hanno affrontato questa esperienza con impegno ed interesse. E stata apprezzata soprattutto la generale capacità di adattarsi alle attività del laboratorio e alla problematiche che via via si sono presentate, oltre che il rispetto costante dimostrato nei confronti delle persone e degli strumenti messi a disposizione. Le conoscenze e le abilità tecniche fornite dalla scuola si sono rilevate sufficienti per comprendere i tipi di analisi svolte nel laboratorio, rispettare le norme igieniche e di sicurezza e soprattutto per affrontare positivamente le situazioni nuove ed apprendere in modo efficace; grazie a questo tutti gli studenti sono stati in grado di portare a termine con successo i compiti assegnati. B. In quinta (A.S. 2012/13) - Fondazione E. Mach - S. Michele all Adige (Tn) - Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Laboratori di Patologia Clinica, Microbiologia e Anatomia Patologica di Trento, Rovereto,Borgo, Arco - Comune di Villalagarina - Dolomiti Energia - Farmacia S.Lucia di Roncegno - E-Pharma - Cavit - Latte Trento - Trentingrana CON.CA.S.T. Trento - Nosio spa - Trento - Cento BIOTEC (Università di Trento) - Gourmet Italia (Borgo Valsugana) Risultati medi raggiunti. Sulla base delle valutazioni fornite dai tutor aziendali e dei diari di bordo compilati dagli studenti, si evince che tutti i ragazzi hanno affrontato questa esperienza con impegno ed interesse. E stata 13

15 apprezzata soprattutto la generale capacità di adattarsi alle attività del laboratorio e alla problematiche che via via si sono presentate, oltre che il rispetto costante dimostrato nei confronti delle persone e degli strumenti messi a disposizione. Le conoscenze e le abilità tecniche fornite dalla scuola si sono rilevate sufficienti per comprendere i tipi di analisi svolte nel laboratorio, rispettare le norme igieniche e di sicurezza e soprattutto per affrontare positivamente le situazioni nuove ed apprendere in modo efficace; grazie a questo tutti gli studenti sono stati in grado di portare a termine con successo i compiti assegnati. APPROFONDIMENTI PERSONALI PER IL COLLOQUIO Candidato Argomento Materie coinvolte Agostini Andrea Il vino Biochimica, Microbiologia, Chimica, Filosofia, Inglese. Angheben Lorenzo Il cane Biochimica, Microbiologia, Filosofia, Inglese. Bettega Ale I tatuaggi:moda o modo di esprimersi? Anatomia, Inglese, Storia, Microbiologia. Bortolotti Eleonora L erboristeria Microbiologia, Biochimica, Chimica, Economia, Inglese, Fisiologia Carbone Micaela Il passaggio da alchimia e farmacologia Storia, Inglese, Italiano, Chimica Cont Jacopo Lo sviluppo sostenibile: un nuovo mondo è possibile Microbiologia, Economia, Ecologia, Inglese, Italiano, Storia dell arte Galetti Lorenzo La vivisezione Biochimica, Inglese, Microbiologia, Storia, Filosofia, Economia, Galvagni Laura La farfalla:vivere tra terra e cielo Morfologia, Biochimica, Inglese, Italiano, Ecologia Leonardelli Marta Edward Bach e il suo tempo storico Biochimica, Italiano, Inglese, Microbiologia, Filosofia. Loss Tommaso L ingegneria dei tessuti Biologia cellulare, Biochimica, Chimica, Inglese, Filosofia Nardon Denis Gli antibiotici Biochimica, Microbiologia, Chimica strumentale, Storia, Italiano, Inglese. Ottolini Stefano Il Reggae e le emozioni Anatomia e Fisiologia, Biochimica, Microbiologia, Inglese, Filosofia, Italiano, Storia Pasquazzo Renzo La canapa e le sue applicazioni mediche Inglese, Microbiologia, Filosofia, Italiano, Biochimica Tomazzolli Federico Il doping Biochimica, Inglese, Italiano, Filosofia. Zurlo Walter La genetica forense Biochimica, Microbiologia, Inglese, Storia, Chimica strumentale. 14

16 ATTIVITÀ EXTRA-CURRICOLARI SVOLTE NEL TRIENNIO (viaggi di istruzione, visite guidate, scambi, stages estivi, tirocini, mostre, conferenze, teatro, cinema, attività sportive ecc.) Anno scolastico 2010/2011: - Viaggio di istruzione a Berlino - Uscite sul territorio per campionamenti per monitoraggio ambientale Anno scolastico 2011/2012: - Viaggio di istruzione a Barcellona; - Visita all azienda farmaceutica E-pharma - Visita guidata al Museo delle Scienze di Trento con partecipazione alla mostra Distilla In stilla) - Esperienza sull individuazione e coltivazione dei batteri azoto fissatori del suolo (Museo delle Scienze di Trento) Anno scolastico 2012/2013: - Viaggio di istruzione in Toscana (Siena, Porto S.Stefano, Larderello) - Laboratori didattici presso l Università di Povo- Biotecnologie - Visita guidata a Gardone - Vittoriale degli Italiani - Partecipazione a Job orienta e alla giornata di presentazione delle professioni sanitarie - Laboratorio didattico al Parco delle Terme di Levico. CREDITI SCOLASTICI Nella valutazione globale dell alunno si è stabilito di considerare il credito scolastico e il credito formativo. Gli elementi costitutivi del credito scolastico sono: media dei voti dello scrutinio finale; la partecipazione all attività didattica (frequenza, rispetto delle consegne e delle scadenze, responsabilità nell apprendimento, continuità nello studio, partecipazione attiva e propositiva all attività didattica); partecipazione alla vita della scuola (rappresentanti di classe e di istituto); qualità di partecipazione alle attività integrative e/o di approfondimento previste dal consiglio di classe. Gli elementi costitutivi del credito formativo sono tutte le esperienze formative che lo studente ha maturato al di fuori della scuola, purché coerenti con il tipo di corso cui è iscritto e vengono valutati solo se debitamente documentati. Sono oggetto di valutazione: attività didattico culturali; 15

17 stage e attività lavorative coerenti con l indirizzo; attività sportive; attività di volontariato. NB: Confronta allegato B Premessa CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE La valutazione fonda la decisione didattica. Essa rileva informazioni relative al processo di apprendimento per individuare progressi e bisogni e per progettare e calibrare attività ed interventi. Sia il significato della valutazione sia i criteri di valutazione sono stati esplicitati ad alunne/i; è stata anche sollecitata la loro partecipazione allo scopo di creare l abitudine all autovalutazione. 1. Criteri generali - Qualità della collaborazione nella costruzione dei saperi e consapevolezza del ruolo di studentessa/studente - Disponibilità ad affinare le strategie di apprendimento e ad apprendere ad apprendere - Autonomia e capacità di utilizzare in modo efficace il tempo - Senso di appartenenza alla vita della classe e della scuola 2. Criteri specifici degli ambiti disciplinari - Conoscenze: la studentessa/lo studente conosce fatti (dati e informazioni), concetti, principi (regole che collegano i concetti), teorie(schemi mentali che consentono la spiegazione e/o la comprensione della realtà) - Competenze: la studentessa/lo studente comprende e organizza i concetti, coniuga conoscenza ed azione, manifesta la sua epertise in una molteplicità di contesti, mobilita emozioni, atteggiamenti, motivazioni grazie ai quali attribuisce senso e valore personale a ciò che costruisce. 3. Criteri per la valutazione finale - Conoscenze e competenze espresse nelle singole discipline, nelle attività opzionali obbligatorie, negli stages, nei percorsi interdisciplinari del FSE - Competenze trasversali, in particolare competenze relazionali e di fronteggia mento - Autonomia, creatività personale, capacità di agire con gli alfabeti disciplinari appresi, di arricchirli e adattarli alle diverse situazioni di problem solving e di imprevisto 4. Per le studentesse e gli studenti in difficoltà - Partecipazione attiva alle iniziative di recupero - Possibilità effettiva di frequentare con successo la classe successiva - Miglioramento rispetto ai livelli di partenza 16

18 METODOLOGIE, STRUMENTI E TIPOLOGIE DI VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI (vedasi in dettaglio anche le relazioni finali dei singoli insegnanti) Metodologie utilizzate per favorire l apprendimento degli alunni: spesso alcune volte mai Spazi utilizzati Lezione dialogata Palestra Dibattito in classe Laboratori informatici Attività laboratoriali Laboratorio di chimica e fisica Insegnamento per problemi Analisi del testo Applicazioni al computer Simulazioni Strumenti adoperati per Spesso alcune mai Metodologie di laboratorio per volte favorire l apprendimento le materie che lo prevedono Lavagna multimediale Lezioni frontali Proiettore per diapositive Esercitazioni individuali Registratore - audio Esercitazioni in gruppi Video-registratore Attività di ricerca guidata Computer Sistema multimediale Strumenti utilizzati per la verifica dell apprendimento Colloqui orali Elaborazioni scritte Prove strutturate e/o semistrutturate (di tipo misto: con esercizi, schemi-frasi da completare, problemi) Prove strutturate con quesiti a risposta singola Prove strutturate con quesiti a risposta multipla Saggi brevi (problemi a soluzione rapida) Trattazione sintetica di argomenti Relazioni individuali di laboratorio Griglie di osservazione e di correzione Schede di lettura spesso alcune volte Mai 17

19 TERZE PROVE EFFETTUATE Data Discipline coinvolte Durata Tipologia 14/11/2012 Inglese, Microbiologia, Filosofia, Matematica, Economia 3 ore B 12/12/2012 Inglese, Chimica, Biochimica, Storia, Matematica 3 ore B 20/03/2013 Inglese, Storia, Matematica, Microbiologia, Filosofia 3 ore B 22/05/2013 Inglese, Storia, Matematica, Microbiologia, Filosofia 3 ore B (Vedasi testi allegati delle prove effettuate in quinta) Criteri di valutazione adottati Vedasi scheda riportata in allegato C, approvata dal Consiglio di Classe Civezzano, 10/05/2013 Firma del Coordinatore di Classe timbro Firma del Dirigente Scolastico della scuola 18

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli