Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) DSA E DISPOSITIVI COMPENSATIVI. A076 Trattamento testi, calcolo, contabilità elettronica e applicazioni gestionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) DSA E DISPOSITIVI COMPENSATIVI. A076 Trattamento testi, calcolo, contabilità elettronica e applicazioni gestionali"

Transcript

1 Università di Pisa Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) DSA E DISPOSITIVI COMPENSATIVI Elaborato presentato per il conseguimento dell Abilitazione all insegnamento nella Classe di concorso A076 Trattamento testi, calcolo, contabilità elettronica e applicazioni gestionali Relatore: Prof. Paolo MILAZZO Candidata: Lorella BURALLI (matr ) Anno Accademico 2013/14 1

2 INDICE INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1 DSA E INTERVENTI COMPENSATIVI Conoscenza della dislessia e sua presa in carico... 5 CAPITOLO 2 ESPERIENZE NELLASCUOLA CON DSA E METODOLOGIE COMPENSATIVE Metodologie didattiche Attività didattica in classe... 8 CONCLUSIONI APPENDICE BIBLIOGRAFIA SITOGRAFIA

3 INTRODUZIONE Grazie agli strumenti informatici, la comunicazione a scuola è notevolmente cambiata rispondendo, in questo modo, alle richieste europee inserite nell agenda di Lisbona. Le tecnologie offrono nuove opportunità per assolvere ad uno dei compiti principali e irrinunciabili: formare individui dotati di spiccate capacità critiche ed analitiche tali da renderli autonomi e consapevoli nelle decisioni. Non si tratta soltanto di possedere le capacità strumentali per padroneggiare un mondo sempre più computerizzato, ma di sfruttare la modernità per raggiungere più agevolmente una meta senza tempo: il libero esercizio della ragione. L introduzione delle tecnologie informatiche e l uso di Internet nella didattica comportano una nuova alfabetizzazione culturale. Un esempio può essere offerto dall'ideazione e realizzazione di ipertesti, ovvero testi elettronici che possono essere sfogliati in più direzioni in base all'interesse ed alle conoscenze dello studente, con spostamenti tematici e cognitivi tramite semplici click del mouse. La creazione di un ipertesto presuppone una serie di passaggi e operazioni molto differenti rispetto alla scrittura di un testo sequenziale: organizzazione dei concetti principali in una struttura reticolare, raggruppamento dei nodi contenutistici secondo una struttura gerarchica, inserimento di strumenti per la navigazione (links e menù), creazione di un testo aperto modificabile da altre persone. La teoria del codice duale afferma che la rappresentazione delle conoscenze nella memoria a lungo termine è basata sia su forme iconiche (immagini) sia su forme simboliche (parole). Le informazioni vengono conservate più facilmente se immaginate e codificate tramite codice verbale e codice visivo (cioè per mezzo di più sistemi simbolici), mentre i concetti astratti vengono conservati più faticosamente perché codificati solo mediante stringhe verbali. 3

4 La tecnologia informatica (software specifici per la didattica, computer, scanner, proiettori ecc.) esercita un forte potere attrattivo per quei docenti che intendono farne prassi quotidiana; attraverso la progettazione di percorsi formativi ben strutturati e adattabili alle specifiche esigenze della classe, si mette in moto un processo di apprendimento non meccanico e passivo, ma vissuto e partecipato, grazie all'adozione di software didattici non ripetitivi e rigidi, dotati di interfaccia grafica accattivante. Gli insegnanti, attraverso l'uso di appositi programmi che gestiscono i percorsi di apprendimento, possono inoltre monitorare più efficacemente il percorso formativo degli alunni e valutare se apportare modifiche e diversificarlo in base alle differenti capacità, consentendo agli alunni di apprendere e gestire criticamente l'enorme massa di informazioni offerte dalle nuove tecnologie. In quest ottica, si colloca il lavoro di docente della A076, come insegnante di sostegno e di fatto, è quanto ho svolto negli ultimi anni presso gli istituti professionali dove sono stata incaricata. A tale proposito, ho cercato di unire le due anime della mia professione, quella di trattamento testi e l altra di insegnante di sostegno. In quest ambito ho potuto avvalermi di varie tecnologie informatiche per far fronte alle molteplici disabilità e difficoltà che i ragazzi con problemi hanno posto. In particolar modo, mi sono occupata di dislessia e autismo, nel cui ambito le tecnologie informatiche sono ormai diventate prassi consolidate e riconosciute nella prima, mentre per quanto riguarda la seconda, ancora si procede in modo sperimentale e del tutto empirico. 4

5 Capitolo 1 DSA E INTERVENTI COMPENSATIVI 1.1 Conoscenza della dislessia e sua presa in carico La Dislessia è un Disturbo Specifico dell'apprendimento (DSA). Con questo termine ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità di base importanti per l apprendimento scolastico ed in particolare a: dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia. La principale caratteristica di questa categoria è la sua specificità, ovvero il disturbo interessa uno specifico dominio di abilità (lettura, scrittura, calcolo) lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Ciò significa che per avere una diagnosi di dislessia, l alunno non deve presentare alcun deficit di intelligenza, né deficit sensoriali o neurologici. Tale disturbo è determinato da un'alterazione neurobiologica che caratterizza i DSA (disfunzione nel funzionamento di alcuni gruppi di cellule deputate al riconoscimento delle lettere-parole e il loro significato). Chi si occupa del bambino/ragazzo DSA deve effettuare una "presa in carico", un processo cioè integrato e continuativo con cui si garantisce un coordinamento di interventi che sfociano nella stesura di un Piano Didattico Personalizzato (PDP) favorendo la riduzione del disturbo, l'inserimento scolastico, sociale e lavorativo e il più completo sviluppo delle potenzialità dei singoli individui. Dopo la diagnosi, fatta da un centro specializzato o da una qualunque ASL, si può intervenire con programmi riabilitativi, fatti presso i centri stessi che hanno diagnosticato il disturbo, o presso centri adeguati, tramite software riabilitativi e/o trattamenti logopedici. 5

6 Si è visto che i trattamenti più efficaci sono quelli che utilizzano procedure informatizzate per automatizzare il processo di riconoscimento lessicale e sublessicale. L uso di software specifici nel disturbo del ragazzo dislessico, permette di affrontare più serenamente le richieste scolastiche e di riabilitare le competenze deficitarie. Sul mercato, si possono trovare programmi atti ad automatizzare il processo di lettura per quanto riguarda le abilità strumentali (correttezza e rapidità), oppure programmi che permettono di migliorare gli aspetti metacognitivi per una maggiore comprensione del testo scritto. Esistono poi software che fungono da strumenti compensativi come l'editor di testi, una tipologia di software che consente di scrivere dei testi e può essere usato in abbinamento o in sostituzione al tradizionale quaderno, la sintesi vocale, che trasforma in audio il testo digitale, importato o scritto, il traduttore automatico, programma in grado di tradurre testi in diverse lingue e i libri digitali, che sono libri scolastici forniti dalle case editrici, direttamente in formato digitale. 6

7 Capitolo 2 ESPERIENZE NELLA SCUOLA CON DSA E METODOLOGIE COMPENSATIVE 2.1 Metodologie Didattiche Mi sono occupata personalmente degli studenti DSA che arrivano alle scuole superiori dopo aver ricevuto attenzioni didattiche specifiche, sia nella scuola primaria che nella secondaria di 1 grado. Le Indicazioni Nazionali (decreto ministeriale n 254 del 16 novembre 2012.) insistono sul dovere professionale di qualsiasi docente di aiutare ad accrescere competenze e apprendimenti, utilizzando gli strumenti e le modalità più adatte al destinatario del suo intervento educativo. In una scuola superiore che richiede conoscenze e competenze più complesse, la difficoltà maggiore per i DSA è gestire le problematiche a livello attentivo, essendoci difficoltà nell autonomia e quindi nell organizzazione e nella pianificazione delle risorse. Riportando quella che è stata la mia esperienza didattica con questi ragazzi, vorrei parlare, in particolar modo, di quegli strumenti compensativi 1 che sostituiscono e facilitano la prestazione richiesta nell attività deficitaria. Questi permettono di aggirare le difficoltà legate alle abilità di base, per focalizzare l attenzione sui processi cognitivi di problem solving, sull organizzazione delle informazioni e sulle capacità critiche metacognitive. Quando si parla di strumenti compensativi, il pensiero corre alla tecnologia informatica e ciò è molto giusto, basti pensare ad un problema di 1 Oltre agli strumenti compensativi, vi sono varie misure dispensative, oltre quelle già contenute nella normativa. Potrebbe risultare utile dispensare gli alunni DSA dall appartenere ad una classe troppo numerosa, dall usare testi stampati di difficile comprensione dal punto di vista della codifica, da contenuti troppo vasti o contenuti lessicali troppo ricchi di parole ecc. 7

8 disgrafia e di come l uso della tastiera possa agevolmente aiutare l alunno, inoltre è bene ricordare che questi strumenti sono più efficaci se usati in un ambito di apprendimento tra pari, vale a dire usare il computer a coppie è molto più utile che in attività individuali. Per quanto riguarda la mia esperienza, ho usufruito del laboratorio di trattamento testi, all interno del quale i ragazzi con problemi di dislessia o più in generale i DSA, hanno potuto agevolmente usare il computer in piccoli gruppi di lavoro, per acquisire competenze utili allo svolgimento dell attività e alla realizzazione dei compiti. Per realizzare il lavoro che andrò a descrivere, l intera classe si è trasferita nel laboratorio di trattamento testi nelle ore in cui l aula era a disposizione. Il mio lavoro con i ragazzi DSA si è svolto in laboratorio ed anche in classe, in collaborazione con l insegnante curriculare e, in accordo con le disposizioni ministeriali; ho provveduto ad inserire nel normale svolgimento delle lezioni, misure di didattica individualizzata e personalizzata, alla luce di una prassi educativa inclusiva. 2.2 Attività didattica in classe Lavorare con ragazzi DSA, molto spesso implica una progettazione, che permetta all insegnante di sostegno di attuare tutti quegli accorgimenti dovuti, per la riduzione del disagio e che conducano al successo scolastico. Progettare vuol dire, dopo un periodo di osservazione, iniziare a lavorare concretamente con i ragazzi. All interno del consiglio di classe con gli insegnanti curricolari, sono stabiliti, (attraverso la strutturazione di un Piano Didattico Personalizzato PDP, che farà da guida per tutto l anno scolastico), gli strumenti compensativi che verranno introdotti. Viene quindi concordato l uso del computer per svolgere compiti scritti, traduttori vocali per seguire le lezioni, calcolatrici, tavole pitagoriche, formulari personalizzati per agevolare il calcolo (ricordiamo che nell area del calcolo gli strumenti compensativi e dispensativi riducono il carico 8

9 di lavoro, ma non aumentano le competenze dell alunno), mappe concettuali sia in fase di studio che di esposizione inoltre, modalità di somministrazione e tempi di esecuzione, sono opportunamente calibrati. L esperienza che mi accingo a descrivere è stata fatta in un Istituto professionale ed in una classe prima, ad indirizzo socio sanitario, con alunni in possesso di requisiti minimi in ingresso. Su una classe di ventotto studenti, tre presentavano disturbi specifici dell apprendimento, due alunni con disabilità cognitive medio gravi per cui, le ore assegnate in totale, ammontavano a sei settimanali, garantendomi una presenza abbastanza costante in quella classe e consentendomi di lavorare con la modalità del piccolo gruppo. La mia attività si svolgeva nelle ore di metodologie operative e cultura medica. Durante le ore di metodologie operative, con l insegnante curricolare, vista la problematicità della classe a seguire in modo adeguato le spiegazioni delle varie unità didattiche e, la presenza di diversi alunni con difficoltà, abbiamo deciso di operare attraverso la strategia del cooperative learning: l intervento si è svolto nell arco di un mese e l argomento affrontato dagli studenti è stato l unità d apprendimento riguardante la famiglia. In un primo momento abbiamo suddiviso la classe in piccoli gruppi ai quali abbiamo assegnato paragrafi dell unità da svolgere. In questa prima fase di strutturazione del lavoro, si è trattato di usare proprio quelle metodiche di sostegno di cui i ragazzi DSA hanno bisogno, prima di affrontare un qualsiasi argomento. È diventato necessario comunicare in modo preciso gli obiettivi da raggiungere e i compiti da eseguire, quindi buona parte della prima lezione è stata proprio dedicata a fornire le indicazioni nel modo più chiaro possibile. Attraverso la costruzione di mappe concettuali 2, usando il libro di testo, è stato 2 Per costruire le mappe, abbiamo usato Cmap applicazione free, della quale possiamo trovare informazioni in questo lavoro nella sezione Appendice, altrimenti direttamente sul sito dell Associazione Italiana Dislessici. 9

10 richiesto di capire e ragionare su quali fossero i concetti principali, nonché di eliminare i dati non essenziali e riuscire a formulare domande significative. Alla fine, le domande nate da questo lavoro circolavano fra i gruppi e ognuno doveva fornire le risposte con l ausilio del testo e delle mappe realizzate. E possibile, quindi, comprendere come la costruzione di una mappa concettuale, significhi per chiunque si approcci a questa modalità, riuscire a trasmettere e a restituire, informazioni chiare e dati utili. Partendo da questi presupposti, è possibile dire che una mappa concettuale non è altro che una rappresentazione grafica (un disegno schematico, un quadro riassuntivo) di un ragionamento che è stato fatto e che si vuole comunicare agli altri, evidenziandone l'oggetto, i punti fondamentali, il percorso e i legami fra i concetti espressi. Appare evidente la valenza formativa e didattica dello strumento "mappa concettuale" (strumento di rappresentazione del pensiero utilizzabile dalle elementari fino all'università), che costringe chi la prepara a correlare le idee e i dati a disposizione, a riflettere sulle proprie conoscenze e a cercare di rendere la comunicazione più chiara possibile. Ovviamente le mappe nate in questo percorso sono state strutturate in modo molto semplice, adeguato al livello della classe. Il primo lavoro nel costruire la mappa concettuale riferita al compito assegnato, è stato quello di visualizzare la natura dei concetti, esplicitarne le relazioni mettendo in rilievo i rapporti gerarchici. E' quindi evidente che una mappa concettuale, è stata costruita, quando sono già state raccolte le idee chiave e i concetti fondamentali. Individuazione dell argomento di partenza: in questo caso l idea principale è stata la famiglia Siamo poi passati alla raccolta dei concetti più importanti ad essa collegati: famiglia patriarcale e nucleare Abbiamo poi evidenziato, attraverso l assegnazione delle parole legame, le connessioni con i nodi individuati (i nodi sono come i 10

11 capitoli e i paragrafi di un libro, ovvero insiemi organizzati di informazioni autoconclusive) Sono stati posti i concetti di pari livello sullo stesso asse, mentre quelli subordinati sono stati messi più in basso ed infine le frecce sono state orientate nel senso della lettura del collegamento. Fig. 1.1 Mappa concettuale del lavoro svolto in classe durante le ore di metodologia (anno scolastico 2012/13) costruita con Cmap. I ragazzi DSA hanno lavorato molto bene con questa metodica in quanto, all interno di un piccolo gruppo, la condizione di interdipendenza positiva ha determinato in ciascuno la constatazione di essere indispensabile, con buone ricadute, non solo sulla motivazione e sull'impegno, ma anche sulla qualità delle 11

12 relazioni interpersonali, cosa essenziale per alunni di questo tipo, dove molto spesso l autostima è minata da sentimenti di inadeguatezza. Durante tutta l'attività, ho potuto seguire i miei alunni con particolare attenzione ed ho fornito quegli strumenti compensativi (in questo caso estesi a tutto il gruppo classe) che all interno del lavoro di gruppo avrebbero agevolato la loro partecipazione: il computer nella formulazione e trascrizione delle domande e l uso di Cmap per costruire le Mappe concettuali (ovviamente in questa fase si sono avvalsi del mio tutoraggio). Al termine di questa prima parte di lavoro, si è trattato di riuscire a costruire domande e risposte, che soddisfacessero la richiesta di apprendimento dell unità sottoposta. Con la video scrittura, è stato fornito un aiuto fondamentale nella fase di compilazione delle domande e delle loro risposte: il controllo ortografico (questa funzione permette di individuare le parole che non sono ortograficamente corrette) e il facilitatore ortografico, permettendo di economizzare lo sforzo necessario per scrivere i testi; inoltre ho incentivato l uso del dizionario sul web, ogni volta vi sia stata incertezza sul significato di una parola. Per quanto riguarda la grafica è importante per gli alunni DSA, che questa risulti più chiara e lineare possibile. Qualora un testo si presenti particolarmente lungo, ho usato e fatto usare intestazioni di paragrafo facendo andare spesso a capo, magari dopo ogni punto di sospensione (capoversi). Quando possibile, ho usato lo STAMPATO MAIUSCOLO 3, mentre è da evitare l allineamento giustificato: lo spazio variabile tra le parole non aiuta i loro movimenti saccadici ed inoltre si evita di spezzare le parole per andare a capo. Le righe devono essere sufficientemente distanziate (ovvero usare un interlinea abbastanza spaziosa). Per quanto riguarda la scelta dei font ho usato quelli senza grazie, basta controllare che abbiano segni puliti, senza lineette aggiuntive, come ad es. il Comics, il Verdana, il Georgia, l Arial. È necessario impostare il 3 A questo proposito possiamo insegnare ai ragazzi come trasformare un testo qualsiasi di word in stampato maiuscolo e come accedere a pagine di video scrittura già definite, ovvero già formattate in modo da aiutare la comprensione del testo. 12

13 font in un formato ( corpo ) abbastanza grande: se un corpo di 12 punti può essere accettabile per il Verdana maiuscolo, per altri tipi di font più piccoli potrebbero servire almeno 14/16 punti. Per evidenziare le parole chiave ed i concetti più importanti, o per raggruppare concetti e contenuti tra loro correlati, ho usato il grassetto e/o colori diversi, facendo attenzione a non esagerare poiché il testo deve essere chiaro, pulito, senza inquinamento visivo. In questo modo, i ragazzi con problemi specifici d apprendimento sono stati messi in grado di collaborare fattivamente con il gruppo e costituirne un supporto qualitativo significativo, proprio per l uso di quei mezzi compensativi che ottimizzano il lavoro, inoltre ho potuto osservare come il gruppo sia riuscito a promuovere quelle condizioni che consentono all'individuo di acquisire abilità difficili da raggiungere da solo. Formattare il testo, in modo che risulti di più facile comprensione, usare il carattere maiuscolo dove è possibile, sono prassi comuni anche durante attività e discipline diverse, dove l alunno DSA, deve confrontarsi comunque con un testo. L'efficacia della cooperazione è stata data dal senso di responsabilità personale verso gli altri. In ogni attività cooperativa è stato fondamentale quindi concludere il compito assegnato, facilitare il lavoro dei compagni e sostenerne gli sforzi. In tal senso, il mio ruolo volto alla costruzione della responsabilità e al coinvolgimento individuale (nonché al monitoraggio dell azione sui DSA) è stato quello di sovrintendere con attenzione le varie dinamiche, redistribuendo i compiti qualora si fossero formate situazione di leader o gregario, sempre valorizzando le abilità individuali, tutte necessarie per l'esecuzione del compito Il monitoraggio che ho potuto effettuare mi ha fornito l opportunità per valutare quanto gli strumenti compensativi si siano dimostrati efficaci nel lavoro con il gruppo. Ho controllato la qualità delle spiegazioni e degli interscambi tra i membri e come venivano rielaborati in contenuti dai ragazzi DSA, inoltre ho potuto notare come l uso della video scrittura abbia reso, per tutto il gruppo, l attività più facile e meglio organizzata. Ciò che va bene per un ragazzo DSA in genere è funzionale per tutta la classe. 13

14 Dopo aver costruito le mappe, formulate le domande e date le risposte, sono nate le verifiche successive. Scartate le domande fornite dai ragazzi che risultavano ripetitive o obsolete, poco significative o non pertinenti, attraverso un lavoro di revisione, è stato possibile costruire la verifica scritta e orale dell unità affrontata. La verifica accompagna costantemente e sistematicamente i processi di insegnamento/apprendimento, realizzandosi in un circolo virtuoso tra analisi della situazione, progettazione, riprogettazione. Gli studenti nel nostro lavoro, sono stati coinvolti direttamente nella verifica del loro livello di apprendimento: hanno partecipato, prima alla preparazione delle prove stesse, poi alla correzione degli errori commessi, fase nella quale si sono sentiti particolarmente critici e coinvolti, ma al contempo orgogliosi e soddisfatti dei risultati raggiunti. Devo dire che questo tipo di lavoro cooperativo, ha permesso di sfruttare al meglio tutte le potenzialità degli strumenti compensativi forniti ai ragazzi DSA, in un ottica di una didattica inclusiva, grazie alla quale tutti gli alunni possono e devono operare e collaborare per raggiungere quegli obiettivi mirati alla costruzione di un apprendimento significativo dove ognuno ha la possibilità di migliorare le proprie potenzialità attraverso l azione condivisa e collaborativa con l altro, come dice Vygotskhj, ognuno possiede la propria zona di sviluppo prossimale 4 Sempre nell ottica dei dispositivi compensativi, abbiamo ritenuto interessante, vista la difficoltà di organizzazione di molti di questi ragazzi, introdurre, quasi alla fine dell anno scolastico, Sunbird, un programma che permette di gestire calendari, agende, memo, contatti, riunioni. Memorizzabile sul personal computer, oppure su un server remoto, permette di condividere lo stesso calendario con un gruppo di persone (ma in questo primo approccio abbiamo chiesto ai ragazzi di usarlo come agenda scolastica personale). Con Sunbird, è possibile scegliere se visualizzare solo gli eventi di un calendario, oppure più eventi contemporaneamente. Una funzionalità che permette 4 Lev Vygotskhj Pensiero e linguaggio Giunti Editore, Firenze

15 chiarezza tra un calendario e l altro, è quella di poter attribuire ad ognuno un colore diverso, in modo da distinguerne facilmente gli eventi. Ogni evento del calendario può essere corredato da diverse informazioni, tra cui una categoria (scelta tra un elenco predefinito o creata dall'utente); inoltre è possibile definire eventi ricorrenti, secondo varie periodicità (così da non doverli riscrivere singolarmente ogni volta). Il calendario può essere visualizzato con viste diverse: giornaliera, settimanale, multi-settimanale e mensile. Completano le funzionalità principali, la possibilità di stampare i calendari mediante diversi modelli (lista, agenda settimanale ed agenda mensile) e di impostare un allarme per essere avvisati all'approssimarsi di un evento. Introdurre Sunbird quasi alla fine dell anno scolastico, è stata una scelta concordata con gli insegnanti curricolari, all interno del consiglio di classe, una sorta di compito per le vacanze, dove l agenda, sempre aggiornata, avrebbe potuto fornire al rientro, la scansione degli impegni del ragazzo durante l estate, in una sorta di diario telematico dal quale ripartire per un nuovo anno scolastico. 15

16 CONCLUSIONI Le metodiche ora descritte, sono riconosciute tra le più idonee ed efficaci nella riduzione del disagio degli alunni DSA. È necessario però ricordare che negli ultimi anni la certificazione per DSA non viene più rilasciata, ma è prassi ormai consolidata nei vari istituti, di ogni ordine e grado, continuare a seguire i ragazzi utilizzando tutti gli strumenti che la scuola e la professionalità dei vari insegnanti possono mettere a disposizione. Come docente dell area A076, chiamata a svolgere didattica di sostegno, sento sempre maggiore l impegno di poter prestare le mie competenze e il mio operato al fine di garantire a tutti, nessuno escluso, il diritto di acquisire quegli obbiettivi chiave di cui raccomanda anche la comunità europea al fine di diventare cittadini attivi e consapevoli. A questo punto, si potrebbe ampliare la riflessione ponendoci il quesito se questi accorgimenti metodologici potrebbero essere utilizzati per tutti gli studenti, attraverso una didattica personalizzata, arrivando ad essere realmente inclusiva e cooperativa; in breve, a mio parere, trattare un testo mediante le mappe concettuali, potrebbe divenire una metodologia uguale per tutti e al tempo stesso diversa per ogni studente, perché ognuno di noi ha un proprio modo di apprendere. D altra parte gli studenti DSA, le loro famiglie e molti insegnanti, hanno capito e dimostrato che non c è un solo modo per apprendere, ma diverse sono le metodologie di apprendimento; se messo nelle condizioni giuste ognuno può elaborare la propria strategia e quindi, la costruzione di mappe di apprendimento, può rappresentare un ottimo strumento per orientarsi nel testo, recuperare parole specifiche e contenuti di varia natura. L esperienza didattica da me descritta, si è poi ripetuta durante tutto l anno scolastico per altre unità e in altre discipline, restituendo ogni volta una crescita motivazionale collettiva per il gruppo degli studenti e soddisfazione per i docenti, non più meri trasmettitori di conoscenze, ma orientatori e facilitatori dell apprendimento. 16

17 In questa nuova consapevolezza di essere docente, includo anche il mio percorso PAS, al termine del quale posso affermare di aver avuto la possibilità di rivedere alcuni aspetti disciplinari e didattici anche alla luce di una scuola in continuo movimento che ha favorito un confronto con vari docenti appartenenti non solo ad altre aree disciplinari, ma anche provenienti da esperienze didattiche diverse, contribuendo ad accrescere la mia consapevolezza come insegnante e a rafforzare la passione verso questa professione, complessa, ma pur sempre affascinante. 17

18 APPENDICE Dispositivi Informatici Quello che segue è un breve panorama degli strumenti a disposizione degli insegnanti, sia per quanto riguarda i software free che quelli a pagamento. Ovviamente nella scuola e nell esperienza didattica, non è possibile accedere ed avere la conoscenza di tutte queste piattaforme, sia per i costi, sia per i tempi che queste richiederebbero per la loro attuazione. L associazione Italiana per la dislessia (www.aiditalia.org) ha fornito questo elenco di dispositivi compensativi sempre aggiornato e di veloce consultazione, collabora fattivamente con le scuole, fornendo, ad esempio, su richiesta degli istituti, il formato digitale di quei libri non disponibile tramite l editoria; tutto questo per agevolare il lavoro di coloro che a livello educativo si occupano degli studenti DSA. Penso quindi sia corretto portare alla conoscenza del maggior numero di persone, che si occupano di educazione, tali metodologie informatiche in quanto, anche se nate per aiutare i dislessici, possono essere utilizzate a vario titolo e con le opportune modifiche anche per altre patologie o disagi negli apprendimenti. Software liberi Con il termine software libero si intendono programmi rilasciati con una licenza che permette a chiunque di utilizzarli e che ne incoraggia lo studio, le modifiche, la redistribuzione. Solitamente questi programmi sono gratuiti e spesso costruiti a fini didattici, educativi e sociali. Programmi gratuiti per la lettura dei libri digitali: Balabolka è un programma freeware (gratuito) di "screen reader" che legge testi di documenti o in finestre di Windows e li riproduce con voce sintetizzata attraverso gli altoparlanti del computer. Può leggere testi di documenti DOC, RTF, PDF, HTML, il contenuto degli Appunti di Windows e testi scritti direttamente dall utente nella finestra di lavoro. 18

19 Durante la lettura si può cambiare la velocità e l intonazione della voce ascoltata. Il testo letto può essere registrato in file WAV o MP3, per ascoltarlo anche con lettori audio in mobilità. Per funzionare utilizza i motori linguistici SAPI (Speech API) di Microsoft, dei quali in Windows potrebbero essere presenti solo quelli in inglese. Per evitare letture poco comprensibili, è preferibile installare i motori linguistici nella propria lingua. Nel sito del produttore, sono presenti diversi collegamenti a moduli di motori vocali in diverse lingue. Dalla stessa pagina Web del programma si può prelevare anche un file con 41 interfacce grafiche (skin) per cambiare l aspetto della finestra di lavoro. DSpeech è un programma in grado di leggere ad alta voce il testo scritto e di scegliere le frasi da pronunciare a seconda delle risposte vocali dell'utente. E' progettato specificamente per fornire in maniera rapida e diretta le funzioni di maggiore utilità pratica che si richiedono ai programmi di questo tipo, mantenendo al contempo al minimo l'invasività e il consumo di risorse (non si installa, non si integra nel sistema, è "leggerissimo", si avvia in un attimo e non scrive niente nel registro). Le principali caratteristiche di DSpeech sono: 1. Permette di salvare l'output sotto forma di file Wav o Mp3 2. Permette di selezionare rapidamente voci diverse e combinarle tra loro per creare dialoghi fra più voci. mappe: Programmi gratuiti per l'utilizzo con i libri digitali per la costruzione di CMAP è un programma Open Source multipiattaforma per progettare learning object specifico per l elaborazione di mappe concettuali, che può essere utilizzato per realizzare anche altre rappresentazioni delle conoscenze. Sviluppato in Java dall'institute for Human and Machine Cognition della Cornell University of West Florida, è distribuito gratuitamente dal sito produttore nella sezione downloads per sistemi Windows, Mac OSX, Linux e Solaris. Rende rapida la realizzazione di mappe concettuali anche 19

20 complesse ed offre anche strumenti di razionalizzazione e rappresentazione delle idee molto avanzati, con modalità di personalizzazione grafica funzionali per mappe altamente funzionali e allo stesso tempo gradevoli e di immediata lettura. L'ambiente richiede una certa pratica per impiegarlo nel modo migliore con tutte le funzioni fondamentali, poiché l'interfaccia non è di immediata comprensione. Le ultime versioni del software consentono di integrare file e documentazione nelle mappe, trascinandoli semplicemente con il mouse: è possibile creare collegamenti tra mappe e di condividerle attraverso archivi on line. E' scaricabile gratuitamente per fini educativi. Freemind è un editor per mappe mentali leggero e veloce. Per funzionare non necessita di una grande quantità di ram. Non ha grandi pretese neanche in termini di spazio; infatti, una volta installato, occupa circa 10 Mb nel disco fisso. E Open source e gratuito, liberamente scaricabile dal sito degli autori. Per stessa ammissione dei programmatori, Freemind non è un software per mappe mentali nel senso stretto del termine, così come è stato teorizzato dallo psicologo inglese Tony Buzan intorno al Nonostante questo aspetto, rimane il grande interesse per l applicazione che, oltretutto, permette di gestire alcune operazioni molto utili. Come, ad esempio, inserire collegamenti nei vari nodi, esportare la mappa in formato HTML, modificare l aspetto dei nodi con disegni e colori vari, e tante altre cose. Programmi gratuiti con correttore ortografico per scrivere documenti, fogli di calcolo, presentazioni... Per poter correggere ortograficamente e sintatticamente i testi scritti, possiamo usare un programma di videoscrittura con la correzione ortografica. Tralasciando i programmi Office di carattere proprietario (che hanno costi notevoli) possiamo consigliare il programma free "Open Office": notevolmente evoluto, è in italiano e la correzione è buona. Open Office è un pacchetto che comprende diversi programmi: videoscrittura, creazione di tabelle, creazione di presentazioni, disegno, database, sia per programmi Windows, che Linux,o Mac. 20

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Milano, 7 settembre

Dettagli