Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2010"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO Relazione finale sullo stato di attuazione del PROGRAMMA OPERATIVO 2010 DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA ISTITUZIONALI

2 Scheda progetto/attività n. 1.2 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Attività di ordinaria gestione Ultima modifica: Informatizzazione archivio storico del Consiglio regionale 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Ufficio archivio e protocollo Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Altro (vedi motivazione) Procedura P12 Gestire i servizi di posta e protocollo Finalità e risultati attesi Completamento del riordino dei documenti depositati fino all'anno 2005 presso l'archivo di Marcon e integrazione dell'inventario dell'archivio di deposito sui software Arianna STATO DI ATTUAZIONE In data 1 marzo 2010 è' stata avviata la fase di riordino dei documenti depositati presso l'archivio di Marcon fino all'anno 2005 da parte della società incaricata. Il riordino è iniziato con la documentazione afferente la Direzione amministrazione, bilancio e servizi e proseguita con la sistemazione della documentazione delle Commissioni consiliari. Essendosi manifestata una variazione in aumento del numero effettivo dei pezzi versati rispetto a quelli preventivati, è' stata autorizzata una proroga, dal 31 ottobre 2010, per permettere alla società incaricata al riordino di concludere le operazioni che si sono completate alla fine del 2010 con la consegna degli elaborati relativi al riordino e all'inventariazione. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza 3215 A B C = A -B - Riorganizzazione e informatizzazione archivio storico del Consiglio regionale , ,00 0, ,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

3 Avanzamento Attività 1. Completamento del riordino delle serie componenti l'archivio di deposito di Marcon con l'integrazione delle unità di conservazione e archivistiche successive al precedente riordino (anni ). Data prevista per la Data effettiva 2. Integrazione e implentazione della microfilmatura e delle immagini digitalizzate del materiale sottoposto a riordino. 30/12/ Progettazione della sezione separata d'archivio (archivio storico) in cui sarà collocata, con accessi separati, la documentazione inerente il periodo anteriore all'ultimo quarantennio (a partire dal ). Operazioni di selezione e scarto riferito alla documentazione (periodo ). 4. Integrazione dell'inventario dell'archivio di deposito. Per il 2011 si prevede la sua sostituzione dell'attuale titolario di classificazione con il titolario unico predisposto dal gruppo di lavoro nazionale sugli inventari delle regioni e la formazione del personale. Successivamente si provvederà alla sperimentazione del nuovo titolario. Si predisporrà un programma informatico di gestione delle immagini digitalizzate. 30/12/2011

4 Scheda progetto/attività n. 2.3 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Progetto che prosegue da anni precedenti e - democracy terzo veneto Ultima modifica: 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Ufficio e-democracy Altro (vedi motivazione) Deliberazione Ufficio di Presidenza n. 75 del 28 luglio 2009 Procedura --- Non attinente alle procedure Finalità e risultati attesi Aggiornamento portale e siti internet collegati. Implementazione e aggiornamento informazioni disponibili. STATO DI ATTUAZIONE Concluse tutte le attività previste : - Prorogato service di hosting, system management del web server e di editing dei contenuti del portale "Terzo Veneto" da febbraio 2010; - Realizzato restyling grafico e dei contenuti del portale Terzoveneto e dei siti collegati anche con modalità imobile ; Confermata attività di Human Digital Assistant" canone annuale e assistenzaformazione con aggiornamento contenuti; Sperimentazione utilizzo Piattaforma H D A con funzionalità di interpretazione di domande in linguaggio naturale - (canone annuale più sviluppo), Aggiornamento e implementazione Visual Tour con modalità imobile; - Attività di comunicazione formazione per le iniziative del portale e dei siti collegati : depliant - pieghevoli - manifesti - video dvd - spot per canale you tube - manuali - brochure ; Realizzazione concorso nazionale per video (sezione di Videopolis e web) sul tema e-democracy partecipazione ; Partecipazione a manifestazioni fieristiche :- FORUMPA Roma - progettazione Stand - Personalizzazione grafica - consulenze per contenuti; - Attività di progettazione Interreg; - Prosecuzione progetto CIVIL LIFE progetto formativo per i giovani e scuole in collaborazione co Uff Scol. Regionale, con implementazione del sito dedicato - laboratorio cartoon e-democracy e minori 2^ edizione - progetto partecipazione evento Exposcuola progetto "Seniors Forum" cittadinanza attiva senza età - animazione gestione contenuti siti e you tube - facebook; Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza 3230 A B C = A -B - Spese di gestione e sviluppo del progetto e- democracy - terzo veneto , , ,80 0,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

5 Avanzamento Attività 1. Proroga service di hosting, system management del web server e di editing dei contenuti del portale "Terzo Veneto" da febbraio 2010 Data prevista per la Data effettiva 2. Attività di implementazione e aggiornamento grafico e dei contenuti dei siti collegati al portale: "CORO consultazioni online"e Agenda delle Autonomie; Conferma dell'attività di Human Digitai Assistant" canone annuale e assistenza-formazione aggiornamento contenuti; Sperimentazione utilizzo Piattaforma H D A con funzionalità di interpretazione di domande in linguaggio naturale - (canone annuale più sviluppo). 3. Attività di comunicazione per le attività del portale e dei siti collegati: depliant - pieghevoli - manifesti - video dvd - spot per canale you tube - manuali brochure. Realizzazione concorso per video (sezione di Videopolis e web) sul tema e-democracy. Partecipazione a manifestazioni fieristiche: COMPA Milano - FORUMPA Roma - progettazione Stand - personalizzazione grafica - consulenze per contenuti. 4. Attività di consulenza per ricerche - "customer satisfaction" tra utenti web - attività di formazione con Università di Padova e Univiu S. Servolo - Assistenza progetti UE e Interreg 5. Prosecuzione "CIVIL LlFE" progetto formativo per i giovani e scuole in collaborazione con Uff. scol. Regionale, con implementazione del sito dedicato - laboratorio cartoon e-democracy e minori 2A edizione - partecipazione evento Expo scuola progetto "Senior Forum" cittadinanza attiva senza età - animazione gestione contenuti siti e you tube - facebook.

6 Scheda progetto/attività n. 3.0 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Nuovo progetto (miglioramento) Ultima modifica: 31/01/2011 Analisi dei processi di formazione delle decisioni regionali per la individuazione di nuove forme di comunicazione delle attività di consultazione orientate alla trasparenza Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Commissioni consiliari permanenti Direzione regionale per l'assistenza legislativa Nuovi spazi e strumenti di ascolto e consultazione - Direttiva X P01 Fornire assistenza agli organi consiliari nella produzione di leggi, provvedimenti amministrativi, Proposta legislativa modificativa della legge regionale n. 25/1974. STATO DI ATTUAZIONE attività per la quale non si è dato seguito Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

7 Avanzamento Attività 4. Elaborazione di una proposta di modifica delle norme che disciplinano la partecipazione al processo di formazione delle volontà della regione (l.r. n. 25/1974) integrata con le modalità di comunicazione ed informazione garantite dalla rete. Data prevista per la Data effettiva

8 Scheda progetto/attività n. 4.0 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Nuovo progetto (miglioramento) Osservatorio sulla spesa regionale Ultima modifica: 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) DIREZIONE REGIONALE PER I RAPPORTI EL E ATTIVITÀ ISTITUZIONALI Servizio di segreteria della Prima Commissione consiliare Ufficio per i problemi finanziari Strumenti per il concreto esercizio della funzione di controllo - Direttiva XI Procedura P01 Fornire assistenza agli organi consiliari nella produzione di leggi, provvedimenti amministrativi, Finalità e risultati attesi Analisi tecnico-finanziaria e d'impatto relativa a leggi regionali individuate dal Comitato guida dell'osservatorio STATO DI ATTUAZIONE - Organizzazione del convegno "Legiferare bene per spendere meglio" (15/01/2010) - Illustrazione del rapporto di monitoraggio sull'attuazione della l.r. 48/1993 "Interventi per finanziamenti agevolati alle imprese artigiane" (ultimato a dicembre 2009) - Realizzazione del rapporto di monitoraggio relativo all'attuazione dell'articolo 47 "Interventi nel settore della difesa idrogeologica" della l.r. 3/ Realizzazione del rapporto di monitoraggio relativo all'attuazione della legge 32/1999 "Organizzazione dei servizi di sviluppo agricolo" - Realizzazione del report sintetico sui canoni concessori in materia di acque minerali e termali (modifiche nei meccanismi della l.r. 40/1989, introdotte dalla legge di novellazione n. 22/2009) - Realizzazione del report sintetico su tre leggi regionali in materia culturale, tra loro complementari (n. 51/1984, 52/1984, 4/2006) - Realizzazione del report sintetico sul pdl n. 28 in materia di agriturismo, in riferimento alla copertura finanziaria degli effetti di spesa - Avviata la dell'aggiornamento (agli esecizi ) del monitoraggio sull'attuazione della l.r. 39/1991 "Interventi a favore della mobilità e della sicurezza stradale", già effettuato per gli esercizi Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza 3192 A B C = A -B - Spese per il funzionamento dell'osservatorio sulla spesa regionale , ,00 0,00 0,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

9 Avanzamento Attività 1. Attività di comunicazione previste dal Piano licenziato dall'ufficio di Presidenza nella seduta del 28 luglio Data prevista per la Data effettiva 2. Incarichi di collaborazione con Università ed enti ricerca

10 Scheda progetto/attività n. 5.0 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Progetto che prosegue da anni precedenti Ultima modifica: 31/01/2011 Osservatorio sulle dinamiche elettorali e sugli orientamenti di valore Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Servizio studi documentazione e biblioteca Ufficio statistica istituzionale elettorale Unità complessa sistema informativo Ufficio stampa L'integrazione degli strumenti e delle piattaforme di comunicazione - Direttiva VII Procedura --- Non attinente alle procedure Finalità e risultati attesi STATO DI ATTUAZIONE Raccolta, analisi ed elaborazione dati elettorali, proiezioni di voto regionali e loro di risultato diffusione. Pubblicazione dell'attività dell'osservatorio Nel mese di marzo si sono svolte le elezioni regionali. L'Osservatorio con il sito web ha garantito la più ampia attitvità di informazione assicurando anche ad un livello superiore dati e consulenza ai vari utenti interessati (candidati, collaboratori, enti locali) con risultati molto soddisfacenti e certificati dal Comitato Tecnico dell'osservatorio. Tali attività sono state realizzate utilizzando completamente gli stanziamenti previsti. Si è dato corso alla pubblicazione scientifica del volume denominato "Atlante elettorale del Veneto " con contemporanea presentazione nel corso nel convegno, organizzato dal Servizio Studi, documentazione e biblioteca, in data 13 dicembre E' in corso di perfezionamento l'attività relativa alla pubblicazione del nuovo sito dell'osservatorio elettorale. Si evidenzia che l'attività svolta è stata programmata nelle sedute dal Comitato Tecnico come risultante dai verbali. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza 3190 A B C = A -B - Spese per il funzionamento dell'osservatorio elettorale , , ,00 0,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

11 Avanzamento Attività 1. Gestione dell'osservatorio elettorale al fine di garantire la più ampia informazione sulle scadenze elettorali per il 2010 in particolare per il rinnovo del Consiglia regionale Nel corso delle scadenze elettorali si è dato corso alla più approfondita copertura degli eventi sia dal punto di vista documentale che dei dati elettorali 2. Attività, coordinate dal Comitato Tecnico, di messa a punto del sito internet. dedicato alle elezioni 2010 Creazione del sito "Speciale elezioni 2010" contenente i risultati delle elezioni regionali ed amministrative del Il sito ha consentito la gestione della diretta dello spoglio dei risultati con contemporanea proiezione dei risultati di lista. Si evidenzia il notevole numero di accessi durante e nei giorni immediatamente successivi alle elezioni 3. Attività di acquisizione dati da Ministero e Prefetture Si è proceduto correttamente all'acquisizione di dati dal Ministero, dalle Prefetture e da altri enti (Corecom, Agcom, Garante dalla Privacy) che ha consentito la rielaborazione e la pubblicazione in tempo reale dei dati e la dei siti (banche dati elettorali e documentazione legislativa, documentazione esplicativa e dell'atlante corredato da cd 4. Eventuali pubblicazioni e convegni post elezioni Si è realizzato il volume "Atlante elettorale del Veneto " corredato da cd contenente dati disaggregati per comune relativi alle elezioni europee, politiche, regionali svoltesi dal 1970 al 2010.(Pubblicazione che ha contribuito alle iniziative della celebrazione dei 40 anni della Regione). Il 13 dicembre 2010 si è tenuto il convegno "Veneto: anni di elezioni". Al medesimo hanno partecipato relatori di comprovata esperienza specialistica in materia elettorale ed importanti rappresentanti istituzionali di altre regioni ed enti, dando luogo ad approfondito dibattito con ampia risonanza a lvello nazionale tanto da doversi provvedere alla ristampa del volume. Verranno pubblicati, al più presto, gli atti del convegno. Data prevista per la Data effettiva 31/12/ /12/ /12/ /12/2010

12 Scheda progetto/attività n. 6.2 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Attività di ordinaria gestione Ultima modifica: Visite di scolaresche e di altri gruppi alla sede 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Ufficio amministrazione, organizzazione e cerimoniale Altro (vedi motivazione) P04 Fornire supporto alle relazioni istituzionali ed internazionali e all'attività di comunicazione Finalità e risultati attesi Migliorare i contenuti e le modalità di svolgimento delle visite scolastiche e di altri gruppi della società civile alla sede consiliare e migliorare la percezione dell'immagine del Consiglio regionale. STATO DI ATTUAZIONE Anche l'anno scolastico ha visto una soddisfacente attività di accoglienza in sede delle scolaresche provenienti da tutto il territorio veneto, a conferma del trend positivo iniziato l'ottava legislatura. L'obiettivo di avvicinare l'istituzione regionale agli studenti e, in generale, alla popolazione più giovane della Regione Veneto può ritenersi raggiunto. Tutte le richieste pervenute sono state evase. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Il Compilatore della scheda:. Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B Spese per iniziative promozionali per la divulgazione dell' attività del Consiglio o , , ,83 288,00 delle Commissioni consiliari Il piccolo scostamento può ritenersi congruo, in quanto aggiustamenti migliorativi in sede di spesa dimostrano che quanto preventivato è stato sostanzialmente impegnato. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

13 Avanzamento Attività 1. Gestione dell'attività di accoglienza in sede delle scolaresche e di altri gruppi della società civile e del servizio guida Durante l'a.s hanno fatto visita alla sede consiliare circa studenti e insegnanti; gli studenti provenivano da circa 65 istituti scolastici veneti: sono state accolte circa 25 scuole elementari,circa 15 scuole medie e circa 25 istituti superiori. 2. Realizzazione di iniziative legate al mondo della scuola da realizzarsi in sede e sul territtorio Sono stati realizzati laboratori didattici e attività di promozione della cittadinanza attiva nell'ambito del Progetto "Civil life" con alcuni istituti scolastici del Veneto che sono stati successivamente presentati nel corso dell'esposizione fiesistica Exposcuola che si è svolta presso la Fiera di Padova dall'11 al 13 novembre 2010; vedere la scheda DRAI n. 2 E- democracy. Data prevista per la Data effettiva 31/05/2010

14 Scheda progetto/attività n. 7.4 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Progetto che prosegue da anni precedenti PROGETTO "IDENTITA' VENETA" Ultima modifica: 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI DIREZIONE REGIONALE PER I RAPPORTI E LE ATTIVITA' ISTITUZIONALI Presidenza, Servizio relazioni esterne, Servizio studi e documentazione, Ufficio edemocracy Altro (vedi motivazione) --- Non attinente alle procedure Valorizzazione dell'identità veneta, produzione e aggiornamento di informazioni utili alla produzione legislativa STATO DI ATTUAZIONE Realizzate tutte le attività previste : Gestione implementazione del sito - Realizzazione cd di presentazione - Realizzazione cartoon di animazione con Amici del Dino - Attività di comunicazione on-line - Collaborazione con Giunta Regionale - Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B Progetto "identità Veneta" , , ,80 0,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

15 Avanzamento Attività 1. Sito aggiornamenti e integrazioni animazioni - rinnovo rapporto con Associazioni Veneto Nostro e Amici del Dino - cd e dvd - brochure per comunicazione. Data prevista per la Data effettiva 2. Presentazione e comunicazione attraverso iniziative di carattere seminariale, convegnistico, fieristico e/o editoriale delle attività svolte. 3. Realizzazione, partecipazione collaborativa diretta elo indiretta, patrocinio a progetti specifici a valenza scientifica tesi a promuovere ricerche nel campo della cultura veneta. Iniziative no profit di natura storica, archeologica o di documentazione con particolare riferimento al recupero dell'identità veneta, alla sua storia e alla sua presenza nei territori al di fuori degli attuali confini regionali, ivi compresi i territori esteri, individuando, rispetto quest'ultimi, come priorità quelli dell'lstria, della Dalmazia già previsti da specifiche leggi regionali, di Creta con riferimento alle fortificazioni venete ed in generale di quei territori che in passato hanno visto protagonista il dominio della Serenissima Repubblica.

16 Scheda progetto/attività n. 8.2 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Attività di ordinaria gestione Ultima modifica: Esternalizzazione del servizio posta presso la sede di Palazzo Torres Rossini 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Ufficio archivio e protocollo - centro posta Altro (vedi motivazione) Procedura P12 Gestire i servizi di posta e protocollo Finalità e risultati attesi Garantire il servizio postale presso la sede di Palazzo Torre Rossini. Livello di gradimento del servizio offerto STATO DI ATTUAZIONE A seguito del'aggiudicazione della gara d'appalto relativa alla fornitura di servizi "Global Services" si è provveduto a stipulare per il periodo un nuovo contratto con l'ati Minorelli/ISS. Il servizio con la ditta Manutencoop Facility Management srl di Zola Predosa (Bo) è stato svolto in modo soddisfacente. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza 3235 A B C = A -B - Estemalizzazione del servizio postale presso la sede di Palazzo Torres Rossini , , ,74 0,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

17 Avanzamento Attività 1. Allineamento scadenza contratto Manutencoop per i servizi di supporto all'ufficio posta con l'attuale contratto in essere per il servizio di facchinaggio. (scadenza 31 dicembre 2010). Data prevista per la Data effettiva

18 Scheda progetto/attività n. 9.3 Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Progetto che prosegue da anni precedenti Iniziative CALRE Ultima modifica: 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Gabinetto del Presidente del Consiglio regionale Direzione rapporti attività istituzionali Servizio studi, documentazione biblioteca Servizio relazioni esterne Conferenza Assemblee Legislative Regionali Europee Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali Altro (vedi motivazione) Deliberazione Ufficio di Presidenza n. 75 del 28 luglio Non attinente alle procedure Organizzazione tecnica di iniziative finalizzate allo sviluppo delle tematiche politico istituzionali e legislative di attualità in ambito CALRE STATO DI ATTUAZIONE Il cambio di legislatura ha comportato l'attribuzione della relativa delega al nuovo Presidente del Consiglio regionale. Si è proseguito con l'aggiornamneto della documentazione concernente l'attività posta in essere dalla CALRE che risulta conservata in una apposita cartella documentale presso la segreteria della Direzione DRAI. In ambito CALRE sono stati costituiti i diversi gruppi di lavoro e il Presidente del Consiglio regionale del Veneto è stato confermato coordinatore del Gruppo di lavoro sul Federalismo fiscale dedicato specificatamente al federalismo in ambito europeo; inoltre l'ufficio di Presidenza, come da verbale n. 28 della seduta del 13 gennaio 2011, ha stabilito le seguenti partecipazioni agli altri gruppi di lavoro sempre costituiti in ambito CALRE: Sussidiarietà: Consigliere segretario Raffaele Grazia; Modelli istituzionali regionali: Vicepresidente Matteo Toscani; E-democracy: Vicepresidente Franco Bonfante. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

19 Avanzamento Attività 1. Pubblicazione e presentazione di documentazioni a supporto delle iniziative e delle azioni internazionali programmate dall'assemblea regionale in ambito CALRE E' stata mantenuta l'attività di aggiornamento della documentazione prodotta in ambito CALRE. Il Presidente del Consiglio ha partecipato all'assemblea plenaria CALRE svoltasi a Trento il 4 e 5 ottobre 2010 e ha presentato una proposta di lavoro per il Gruppo di lavoro sul Federalismo fiscale. Data prevista per la Data effettiva

20 Scheda progetto/attività n Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Progetto che prosegue da anni precedenti Osservatorio sul federalismo fiscale Ultima modifica: 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) Direzione rapporti attività istituzionali, Servizio studi, documentazione biblioteca, Prima Commissione consiliare, Direzione assistenza legislativa Conferenza Assemblee Legislative Regionali Europee. Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali. Unioncamere del Veneto. L'attuazione del federalismo fiscale - Direttiva XVI Procedura --- Non attinente alle procedure Finalità e risultati attesi Organizzazione tecnica di iniziative finalizzate allo sviluppo delle tematiche politico istituzionali e legislative di attualità in materia di federalismo fiscale. STATO DI ATTUAZIONE E' stato rinnovato il protocollo d'intesa per la del progetto di ricerca denominato "Osservatorio regionale sul federalismo fiscale e la finanza pubblica" con Unioncamere-Eurosportello veneto per una durata di un anno fino al 26 0ttobre 2011 Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B - Spese per il funzionamento dell'osservatorio sul federalismo fiscale 6.000,00 0,00 0, ,00 - Spese per supporto tematiche federalismo fiscale , , , ,00 Il Compilatore della scheda:. Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

21 Avanzamento Attività 1. Osservatorio sul federalismo finanziario: attività di consulenza, pubblicazione e presentazione di documentazioni a supporto delle iniziative e delle azioni programmate dall'assemblea regionale in materia di federalismo. Data prevista per la Data effettiva 2. Rinnovo protocollo d'intesa tra Unioncamere Consiglio regionale per attività sviluppata da Eurosportello Veneto a supporto dell'osservatorio sul federalismo fiscale. 3. Acquisto banche dati di supporto all'attività dell'osservatorio sul federalismo fiscale.

22 Scheda progetto/attività n Relazione sull'attività di DRAI al 31/12/2010 Attività di ordinaria gestione Gestione CREL Ultima modifica: 31/01/2011 Centro di responsabilità (art. 12 Reg. Cont.) Struttura/Ufficio competente per la Struttura partner Direttiva di riferimento (o motivazione) DIREZIONE REGIONALE RAPPORTI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI Ufficio dinamiche economiche Gabinetto del Presidente del Consiglio regionale Direzione rapporti attività istituzionali Servizio studi, documentazione, biblioteca Servizio relazioni esterne Altro (vedi motivazione) Procedura Finalità e risultati attesi P23. Fornire assistenza alla costituzione ed al funzionamento degli organi consiliari STATO DI ATTUAZIONE La Conferenza non si è riunita nel primo semestre del 2010, a causa della situazione determinata dall'avvicinamento al cambio di legislatura, avvenuto in primavera. I componenti la Conferenza hanno partecipato ad un incontro congiunto con la Commissione per lo Statuto e il Regolamento, tenutosi il 30 luglio in aula consiliare. L'incontro avente ad oggetto "Il lavoro, l'impresa e il ruolo delle rappresentanze sociali nel futuro dello Statuto del Veneto" è scaturito da un impulso della stessa Commissione Statuto nell'ambito del percorso di audizioni svolte sul territorio per la stesura del nuovo Statuto della Regione Veneto. Attualmente il CREL è in fase di ricostituzione delle proprie componenti politico-istituzionali e delle rappresentanze sociali. In tal senso l'ufficio di Presidenza del Consiglio regionale ha approvato la deliberazione n. 1 del 20 gennaio E' stato realizzata l'edizione a stampa degli atti dell'incontro seminariale organizzato il 2 ottobre 2009 dalla Conferenza, dal titolo "Il Veneto crocevia dei corridoi europei: quale progetto di territorio?" Tale pubblicazione, rientrante nella convenzione stipulata tra Consiglio regionale e Cierre Edizioni, è disponibile nella collana Atti/Quaderni n. 19. La spesa di stampa di euro è stata impegnata al cap del bilancio 2010, di cui alla scheda SRE n. 20. L'attività del secondo semestre 2010 è stata parzialmente pagata con i residui del bilancio 2009, capitolo 6000, impegno n.572. Al momento risultano liquidate due fatture al coordinatore scientifico. Lo stanziamento iniziale di euro è stato ridotto a euro. Il dettaglio delle eventuali attività previste è riportato nell'allegato Avanzamento SPESE Capitolo Oggetto della spesa Stanziato Impegnato Mandati Differenza A B C = A -B Il Compilatore della scheda:. - Spese per compensi onorari e rimborsi 6000 per consulenze prestate da enti o privati (I.r n.5) , ,00 0, ,00 Il Dirigente titolare CdR: Roberto Valente

23 Avanzamento Attività 1. Consulenza scientifica ed organizzazione riunioni/seminari in materia di attività di studio e monitoraggio dei processi politici, legislativi amministrativi regionali e statali Data prevista per la Data effettiva

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PIANI PROGRAMMA 2008

PIANI PROGRAMMA 2008 PIANI PROGRAMMA 2008 ASSEMBLEA LEGISLATIVA E.R. 2 DIREZIONE GENERALE... 9 PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DEI RISULTATI...11 Scheda S698 Bilancio annuale di previsione, variazioni di bilancio

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Ministero degli Affari Esteri ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI D.P.R. 5 Gennaio 1967, n. 18 e successive modificazioni e integrazioni ORDINAMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE DEGLI AFFARI ESTERI

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 Regolamento per l'istituzione di borse di studio Art. 1 - Scopi e destinatari

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli