Software per l edilizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software per l edilizia"

Transcript

1 Software per l edilizia Antincendio Strutturale Termoacustica Ambiente Sicurezza Manutenzione Contabilità Progettazione Utilità

2 Antincendio Strutturale Termoacustica Ambiente Sicurezza Manutenzione Contabilità Progettazione Utilità L AZIENDA Namirial S.p.A. è una Innovation company, a capitale interamente italiano, che eroga prodotti e servizi nei settori vitali dell economia italiana sia privati (Professionisti, Aziende, Istituti bancari) sia pubblici (Enti, Ordini, Associazioni). Inoltre Namirial è: GESTORE DI PEC, dal 26/02/2007, accreditato presso DigitPA (Centro Nazionale dell informatica per le pubbliche amministrazioni) ed autorizzato alla gestione di caselle e domini di Posta Elettronica Certificata. ENTE CERTIFICATORE, dal 03/11/2010, accreditato presso DigitPA ed autorizzato all emissione di certificati qualificati conformi alla Direttiva europea 1999/93/CE, certificati CNS e marche temporali. Dal 2008, con l acquisizione della Microsoftware, della BM Sistemi, e del software CMP da CAIRE PRO, Namirial S.p.A. ha ampliato ulteriormente il portafoglio di soluzioni applicative, creando la divisione tecnica che sviluppa e commercializza software per l edilizia, con utenti di riferimento professionisti (ingegneri, architetti, geometri, periti, geologi, agronomi etc ), imprese edili ed operatori del settore tecnico professionale. Microsoftware e BM Sistemi, oggi due marchi leader del settore, operano nel mercato italiano rispettivamente dal 1982 e dal 1995, e da sempre si sono contraddistinti per l elevato standard di professionalità e qualità dei loro prodotti. NAMIRIAL SPA Sede legale Senigallia (AN) Via Caduti sul Lavoro, 4 Unità locale principale ANCONA Sviluppo, area commerciale e assistenza Ancona (AN) Via Brecce Bianche, 158/A Tel Fax Unità locale MODICA Sviluppo, area commerciale e assistenza Modica (RG) Via Sacro Cuore, 114/C Tel Fax Unità locale REGGIO EMILIA Sviluppo e assistenza Software Strutturale Reggio Emilia (RE) Via Meuccio Ruini, 6 Tel Fax Nel dettaglio oggi Namirial S.p.A. propone soluzioni nei seguenti settori, in alcuni dei quali è leader indiscusso del mercato: ANTINCENDIO - Gestione Attività, FSE, Progettazione Impianti, REI TERMOACUSTICA - Progettazione Termotecnica e Certificazione Energetica, Acustica, Ispesl, Libretto Impianto SICUREZZA CONTABILITÀ AMBIENTE STRUTTURALE PROGETTAZIONE MANUTENZIONE UTILITÀ - Cantieri, Lavoro, Ponteggi, Gestione - OHSAS/SGSL - Lavori, Cantieri - Energie rinnovabili, Impatto Ambientale, Certificazione Ambientale, Impatto Ambientale, EPD - Analisi e Calcolo - MEP progettazione impianti, Reti Gas, Camini, CAD - Opera, Strutturale - Guida Norme e Modelli documenti, Calcolo compensi, Gestione Ufficio e Documentale, Gestione Privacy, Successioni e IMU, Posta Elettronica Certificata, Firma Digitale, Firma Grafometrica, Fatturazione Elettronica, App Sopralluoghi La soddisfazione del cliente è l obiettivo principale della Namirial S.p.A.. Obiettivo che risulta essere la chiave del successo attuale e sulla quale l azienda punta come garanzia per il futuro. Esso viene realizzato in maniera tangibile attraverso la cura della relazione con i propri clienti, il che significa crescita e continua ricerca del contatto diretto sia attraverso la partecipazione ad eventi fieristici sia con l organizzazione di convegni e seminari tecnici. Namirial S.p.A. è: Certificata UNI EN ISO 9001:2008. certificato n rilasciato da Bureau Veritas Italia S.p.A. Certificata ISO/IEC 27001:2005 certificato n. IND U rilasciato da Bureau Veritas Italia S.p.A

3 SERVIZI ALLA CLIENTELA Comprare un software NAMIRIAL non significa avere solo un prodotto professionale e di qualità ma anche e soprattutto poter usufruire dei servizi specificatamente dedicati alla nostra clientela. ASSISTENZA, MANTENIMENTO ED AGGIORNAMENTO SOFTWARE Il servizio di Assistenza, Mantenimento ed Aggiornamento Software (CoMAS), sottoscrivibile a scelta dell utente, prevede: assistenza telefonica e online: è infatti possibile chiamare in azienda o mandare un al nostro servizio clienti operativo tutti i giorni negli orari lavorativi (anche nei periodi di fiere, convegni, corsi e seminari ed escluso il periodo di chiusura aziendale estiva); ricezione in automatico online di tutti gli aggiornamenti di normativa e funzionali che escono durante l anno solare relativi ai moduli acquistati (periodicamente viene inviato anche un supporto DVD); risoluzione di anomalie e migliorie dei prodotti (accessibile anche dai clienti non in assistenza); corso gratuito sull utilizzo di ogni applicativo presso le nostre sedi; possibilità di ulteriori corsi da remoto o presso le nostre sedi sull utilizzo dei software a prezzi convenienti; iscrizione ad una newsletter informativa per essere avvisati delle novità tecniche, delle nuove norme e delle novità commerciali; diritto ad acquistare nuovi prodotti/servizi della NAMIRIAL con sconti riservati; Il servizio di assistenza telefonica è attivo per tutti i programmi sia quelli in produzione sia per le ultime due versioni precedenti non più commercializzate. Per usufruire di questo servizio è necessario sottoscrivere il Contratto di Assistenza, Mantenimento e Aggiornamento Software che prevede il pagamento di una quota per anno solare (01 gennaio 31 dicembre). Antincendio CPI win è la famiglia di software leader in Italia per risolvere in modo professionale, veloce e intuitivo tutte le problematiche legate al settore della prevenzione incendi. Nata nel 1995, oggi è l unica suite che consente di operare secondo i nuovi indirizzi dell Ingegneria della Sicurezza Antincendio (FSE). La suite permette di espletare tutte le pratiche legate all ottenimento e al rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi, di progettare gli impianti antincendio, anche i più complessi e di verificare, con metodo tabellare e/o analitico, la resistenza al fuoco delle strutture. CPI win è l unica suite in Italia che consente inoltre di analizzare il fenomeno dell incendio e dell evacuazione delle persone mediante vere e proprie simulazioni sulla base dei modelli FDS ed EVAC. CPI win Attività CPI win FSE CPI win Impianti CPI win REI CONSULENZA TECNICA Il servizio di Consulenza Tecnica è incluso nel servizio di Assistenza, Mantenimento e Aggiornamento Software nei termini seguenti. Ogni cliente regolarmente in assistenza può richiedere un massimo di cinque (5) consulenze tecniche annuali su progetti realizzati che implicano la connessione da remoto o lo scambio dati legati al file oggetto di supporto. Dalla sesta consulenza in poi verrà applicato un costo fisso a chiamata o a scelta è possibile acquistare un pacchetto di consulenze ad esaurimento. NAMIRIAL coinvolgerà per la risoluzione dei questiti i consulenti tecnici competenti in materia che la supportano nello sviluppo e nell aggiornamento dei programmi. Il cliente può fare la richiesta della consulenza telefonicamente o direttamente on-line al nostro servizio tecnico; saranno poi i nostri addetti a rigirare il quesito al consulente specializzato. Condizioni necessarie per poter usufruire del servizio sono: essere un cliente NAMIRIAL; possedere il software per mettere in pratica la consulenza richiesta; essere in regola con il contratto di assistenza manutenzione ed aggiornamento del software; PROGETTAZIONE TECNICA Il servizio di Progettazione, non incluso nel servizio COMAS, ha lo scopo di coprire eventuali situazioni di sovrabbondanza di lavoro con tempi di consegna stretti, progetti particolarmente complessi e, magari, a coprire eventuali inesperienze in settori in cui ci si affaccia per la prima volta. L obiettivo è quelli di fornire, oltre al software, all assistenza e alla consulenza, un servizio che consenta al cliente di accrescere le sua abilità professionali all uso del software stesso. Il servizio di Progettazione è un servizio a pagamento su preventivo, il cui costo del servizio viene valutato in fase di richiesta a seconda del tipo di progetto. La richiesta del servizio deve essere rivolta ai tecnici del servizio di assistenza e sarete poi contattati dal commerciale per una quotazione personalizzata. Condizioni necessarie per poter usufruire del servizio sono: essere un cliente NAMIRIAL; possedere il software per la realizzazione del progetto; essere in regola con il contratto di assistenza manutenzione ed aggiornamento del software. FORMAZIONE NAMIRIAL dedica a tutti i professionisti la sezione Formazione: corsi di formazione organizzati in tutta Italia sui principali argomenti tecnici; formazione su piattaforma e-learning certificata con rilascio attestato da ente bilaterale E.BI.TEN Marche; videocorsi su Termotecnica e Impianti Sprinkler. Per tutte le informazioni riguardanti la formazione è possibile consultare la pagina dedicata sul nostro sito: 4 5

4 CPI win Attività è il software leader in Italia per la progettazione delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco, sia a normativa specifica che non, aggiornato agli ultimi sviluppi normativi imposti dal nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi, secondo il DPR 151/11, DM 07/08/2012, DM 20/12/2012. Il programma è aggiornato agli ultimi decreti attuativi delle nuove attività introdotte dal DPR 151, quali ad esempio i campeggi, attività 66.3.B gestita secondo il DM 28/02/2014, la demolizione di veicoli e simili, attività 55.1.B e 55.2.C gestita secondo il DM 01/07/2014 o gli asili nido, attività 67.3.B gestita secondo il DM 16/07/2014. I moduli che lo costituiscono rappresentano lo strumento ideale per i professionisti e soddisfano le esigenze dei più esperti, costituendo anche una insostituibile guida per coloro che si affacciano per la prima volta nel settore. Attraverso l applicativo, che guida l utente in ogni passo, è possibile ottenere automaticamente e in maniera integrata la relazione, oltre a tutta la documentazione obbligatoria associata, per espletare le pratiche dei Vigili del Fuoco secondo gli schemi e le modalità previste dall attuale normativa. Durante la fase di progettazione e/o verifica, il software indica in tempo reale l elenco delle anomalie riscontrate in rapporto alle norme, oltre ad eventuali incongruenze nei dati immessi o mancanti. Il software, nell ottica di dare sicurezza all utente e fornirgli un immediato riscontro a quanto evidenziato nell anomalia, ne indica l attività a cui è riferita, il tipo, la soluzione, oltre al punto sul corrispondente testo di riferimento normativo a cui essa si riferisce. L interattività fra la finestra messaggi e quella principale di input consente inoltre di individuare con un semplice click il punto di immissione dei dati oggetto di anomalia. Partendo dai dati immessi relativi all attività è possibile: trattare in un unico progetto tutte le attività connesse, definendo quella principale e quelle secondarie; il programma crea quindi una relazione unica, redatta secondo gli schemi e i principi previsti dalle normative; gestire i punti di deroga tramite un percorso automatizzato che parte dall individuazione della situazione fuori norma per arrivare alla compilazione del relativo modello; compilare in modo automatico i modelli ufficiali dei Vigili del Fuoco e in generale tutta la documentazione relativa alla pratica antincendio, partendo direttamente dai dati già immessi (MO- DELLI, vedi sezione Utilità); creare, anche automaticamente, la raccolta dei documenti da inviare al SUAP o VVF, e da consegnare al titolare dell attività per la creazione del fascicolo del titolare ai sensi del DM 07/08/2012 anche attraverso l utilizzo del software Telepratica. creare le planimetrie di emergenza e di prevenzione incendi; l immissione dei dati può avvenire sia tramite imputazione diretta secondo il percorso guidato, sia mediante lettura grafica delle planimetrie di emergenza create con un CAD integrato; Lettura automatica dei dati da CPI CAD CPI win Attività Attività normate (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) Attività NORMATE (Codice prodotto ANT 1.1) Progettazione delle attività soggette a normativa specifica Attività INDUSTRIE (Codice prodotto ANT 1.2) Progettazione delle attività NON soggette a normativa specifica Il modulo CPI win Attività (NORMATE E INDUSTRIE) consente la creazione delle relazioni per espletare le pratiche dei Vigili del Fuoco secondo il D.P.R. 151/11 e successive norme (compreso DM 07/08/2012 e 20/12/2012): parere di conformità, rilascio CPI, rinnovo e deroga. Tramite l inserimento manuale dei dati, e/o la lettura della planimetria realizzata con il modulo CAD (non incluso), il programma controlla la congruenza normativa, indicando eventuali anomalie e le relative soluzioni. Il software consente di trattare più attività connesse (principale e secondarie) in un unico progetto e creare un unica relazione completamente personalizzabile. Inoltre consente di gestire l intera documentazione connessa all espletamento e alla spedizione alle autorità della pratica, anche mediante l importazione dei documenti prodotti con altri moduli. Il modulo include la check-list per i sopralluoghi e i moduli GUIDA NORME e MODELLI. VALUTAZIONE RISCHIO (Codice prodotto ANT 1.3) Il modulo esegue la valutazione del rischio incendio per uno o più compartimenti e propone l analisi degli aspetti connessi a problematiche della sicurezza contro l incendio, con una serie di domande (personalizzabili) poste all utente. Le risposte (si/no/non pertinente), rielaborate conspecifici algoritmi, consentono di indicare, per compartimento trattato, i fattori contribuenti all aumento del rischio e quelli che, invece, ne favoriscono la sicurezza. Il modulo effettua il calcolo del rischio residuo e genera una relazione tecnica personalizzabile, tenendo conto anche del Carico di Incendio, imputabile manualmente o ricavabile in modo integrato dal modulo CARICO INCENDIO (non incluso). CARICO INCENDIO (Codice prodotto ANT 1.4) Il modulo calcola il carico d Incendio, la classe del comparto e la verifica tabellare della resistenza al fuoco delle strutture (comprese pareti portanti in muratura), secondo le recenti normative nazionali (e successivi aggiornamenti) e gli Eurocodici. Dopo aver indicato il livello di prestazione desiderato, si può scegliere fra un calcolo di tipo statistico (riferito direttamente ai poteri calorifici di attività complessive predefinite) oppure di tipo tabellare (riferito ad oggetti e a materiali contenuti in archivio, aggiornabile e integrabile dall utente). Il programma calcola il carico d incendio direttamente dai poteri calorifici, dalle quantità immesse e dai fattori aggiuntivi indicati dalle norme. Dai dati immessi e calcolati il modulo elabora la classe del comparto in esame. In aggiunta il software effettua la verifica tabellare delle strutture di compartimentazione, portanti, di tamponamento ed orizzontali, secondo le normative trattate (anche Eurocodici). eseguire la valutazione del rischio incendio secondo diverse metodologie (fino a 4 per le attività industriali); creare automaticamente il Piano di Emergenza sfruttando le informazioni già inserite per l attività in esame; stampare la check-list dei dati da recepire durante un eventuale sopralluogo; creare e gestire, con scadenziario automatizzato, il registro antincendio dei propri clienti; ricercare, visualizzare e stampare tutte le norme di settore (GUIDA NORME, vedi sezione Utilità) per evidenziare velocemente tutte le normative dell attività considerata. Lo strumento aiuta a trovare facilmente tutte le norme di settore, applicare filtri, stamparle e navigare attraverso di esse con link ipertestuali interni. Il servizio di download automatico assicura all utente di essere sempre aggiornato su tutte le novità; calcolare il carico d incendio e la classe di tutti i compartimenti presenti nelle attività di progetto, secondo il D.M. 09/03/2007 e successivi aggiornamenti. Si può eseguire il relativo calcolo sia tramite elenco dei materiali (con un ricco archivio personalizzabile) sia mediante il metodo statistico e l archivio delle attività predefinite; eseguire, attraverso la definizione del carico incendio, la verifica tabellare della resistenza al fuoco secondo il D.M. 16/02/2007 e successive variazioni, ottenendo una relazione completa e personalizzabile. CPI win Attività è immediato, veloce, di semplice comprensione e flessibile; infatti consente di lavorare con la certezza del rispetto normativo ma anche, sotto la propria responsabilità, di forzare i dati e la conseguente relazione. Tutti i moduli che compongono l applicativo comunicano integralmente tra loro scambiandosi i dati comuni in modo che uno stesso dato, all interno della stessa commessa, non venga trascritto più di una volta. Nell ottica delle nuove normative, la documentazione viene predisposta e organizzata in funzione del tipo di pratica da espletare (parere di conformità, rilascio CPI, rinnovo e deroga), indicando tutta la documentazione necessaria compresi i vari certificati e le omologazioni dei prodotti impiegati. Tutta la documentazione generata è in formato editabile e personalizzabile, nel formato e nel contenuto, sia nel caso di singola relazione, sia in modalità predefinita agendo direttamente sui modelli base tramite apposito strumento di supporto. CPI win Attività è integrato con il nuovo Telepratica (vedi sezione Utilità) per l invio della pratica CPI al SUAP e la gestione della firma, anche grafometrica. Wizard Attivita CPI CAD: cartellonistica di emergenza Calcolo Carico Incendio - verifica tabellare al fuoco CPI CAD: riferimenti esterni CPI CAD (Codice prodotto ANT 1.5) Il modulo creagli elaborati grafici necessari alla progettazione antincendio e alla sicurezza tramite una ricca simbologia (blocchi) a disposizione dell utente. Esso è anche e soprattutto un CAD estremamente simile per uso, funzionalità ed interfaccia, ad un AutoCAD LT, che consente di importare e modificare qualunque planimetria dxf/dwg, associando poi la simbologia necessaria. E possibile importare e leggere direttamente le informazioni dalle planimetrie dwg e predisporle sia per il computo metrico (conteggio dei costi della sicurezza) sia per la lettura automatica per la progettazione delle ATTIVITÀ. Esso inoltre permette la creazione automatica della legenda, secondo la simbologia effettivamente inserita in disegno, ed elabora una stampa tecnicamente perfetta, definendone scala e formati. Esportazione in formato dwg, apribile e modificabile con qualunque altro CAD. PIANO DI EMERGENZA (Codice prodotto ANT 1.6) Il modulo predispone il Piano di emergenza per qualunque attività, attraverso un comodissimo e veloce wizard che guida a step il tecnico nella realizzazione del documento, secondo le particolari esigenze organizzative dell attività. Vanno specificate tutte le informazioni necessarie per la corretta creazione del piano, in base a quanto indicato nel D. Lgs. 81/08 e nel D.M. 10 marzo Il documento creato viene elaborato conforme ai criteri di cui all allegato VIII del D.M. 10 marzo Il modulo è corredato da schede che indicano i comportamenti da seguire in caso di pericolo, selezionabili di volta in volta in funzione delle attività in esame. Caratteristica fondamentale è la completa integrazione con il modulo ATTIVITA e con quello SICUREZZA LAVORO (vedi sezione Sicurezza) di cui eredita tutti i dati comuni già inseriti. REGISTRO (Codice prodotto ANT 1.7) Il modulo gestisce, per un numero illimitato di clienti, il registro antincendio, da tenere aggiornato e rendere disponibile in occasione dei controlli delle autorità competenti. In esso sono automatizzati gli aspetti legati alla pianificazione e al controllo degli interventi tecnici delle aziende operanti nella manutenzione di impianti antincendio, permettendo la programmazione automatica delle visite e delle scadenze delle verifiche periodiche, revisioni, collaudi, ecc. Utilizzando l agenda, lo scadenziario, il database clienti e l archivio degli interventi e dei controlli, viene segnalata, con margine di tempo personalizzabile, la scadenza dei termini per un determinato intervento di controllo. Il modulo memorizza gli interventi dei relativi clienti e aggiorna, di volta in volta, il relativo registro. REGISTRO permette inoltre di poter compilare le schede relative all informazione, alla formazione del personale, e alle riunioni periodiche. E possibile, grazie agli archivi aperti, gestire qualsiasi tipo di manutenzione, secondo le scadenze poste. Il modulo è utilizzabile in rete senza limiti di utenza ma con una profilazione di accesso secondo le regole di sicurezza aziendale. Elenco documentazione da inviare ai VVF/SUAP Composizione automatica modelli Piano di Emergenza Registro antincendio 6 7

5 CPI win Impianti CPI win Impianti, integrato nella piattaforma MEP, è la sezione di software dedicata alla progettazione professionale degli impianti antincendio, in particolare ad idranti/naspi/monitori, sprinkler, CO2, e dei sistemi di rivelazione ed evacuazione del fumo e calore. Il rispetto normativo, la semplicità di utilizzo, la flessibilità d uso, la professionalità e la correttezza dei risultati e dell output in generale rendono l applicativo ed i suoi moduli i più completi nel panorama di settore. CPI win Impianti è caratterizzato da una nuovissima e moderna interfaccia CAD Render 3D molto intuitiva e con funzionalità di inserimento rapido per un disegno veloce ed estremamente preciso degli impianti; per tutti i moduli è possibile classificare i locali, leggere l impianto da un formato.dwg già realizzato, verificarlo e/o dimensionarlo, creare automaticamente la relazione in formato editabile, il computo metrico e il disegno esecutivo finale. I moduli per la progettazione degli impianti di spegnimento ad IDRANTI e SPRINKLER (SPIDI) consentono di progettare e verificare reti anche miste, di qualunque grandezza e forma se nella versione Sprinkler pro. Sono presenti limitazioni nella versione Sprinkler 500 relative al numero massimo di testine da poter utilizzare (500) e al numero di anelli (un singolo anello, Sprinkler 500 non calcola reti magliate). In entrambi i casi gli impianti vengono progettati secondo la norma UNI EN 12845, NFPA 13, UNI 10779:2007 (per impianti esistenti) e UNI 10779:2014. La flessibilità di Spidi consente di poter trattare e impostare qualunque dato normativo: è possibile progettare con norme FM (senza gestione dei controlli) impianti a diluvio, reti a schiuma, ecc. ottenendo dei risultati idraulicamente corretti. Dopo aver classificato i locali, è possibile disegnare l intera rete avvalendosi di wizard che permettono l inserimento di intere diramazioni, distribuzioni, griglie orizzontali e griglie verticali, come nelle scaffalature intermedie e colonne di idranti, con al massimo tre click del mouse. È possibile riempire con sprinkler o diramazioni aree di forma qualunque secondo i parametri geometrici desiderati, e di studiare le interferenze con le strutture grazie alle nuove funzioni di render e a quelle per importare l involucro solido nei formati sketchup o dwg. Nel caso in cui la rete sia già stata disegnata in.dwg, il software ne consente la lettura e il disegno automatico, rendendola pronta per ulteriori modifiche o impostazioni senza doverla ridisegnare. Con i moduli SPIDI è possibile dimensionare, verificare integralmente o parzialmente l intera rete, ottimizzarla nell efficienza e nei costi, controllare ogni singolo risultato ottenuto per ogni entità disegnata. È possibile scegliere il gruppo di alimentazione più idoneo (archivio pompe), creare le relazioni secondo la normativa utilizzata (anche in inglese nel caso di norma NFPA), e ottenere automaticamente il computo dettagliato secondo il sistema di lavorazione e montaggio impostato e dei relativi pezzi disponibili in generale sul mercato. Completano il lavoro, l inserimento automatico dei sostegni e dei giunti secondo le imposizioni normative, il controllo del numero degli sprinkler a valle di ogni stazione di controllo e il check-up di rilevazione di errori nella composizione della rete. SPIDI è l unico che consente un disegno esecutivo (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) IDRANTI (SPIDI) (Codice prodotto ANT 3.1) Il modulo IDRANTI permette la progettazione delle reti idriche antincendio a naspi, idranti e monitori senza alcuna limitazione, su singoli o più piani, consentendo la classificazione dei locali sia secondo l ultima UNI 10779:2014, che secondo quella del 2007 per la verifica di impianti esistenti, sia secondo eventuali prescrizioni specifiche delle attività normate, tenendo conto anche del DM 20/12/2012. La flessibilità consente di impostare qualsivoglia dato idraulico simulando anche altri tipi di impianto (esempio: versatori a schiuma). Il disegno consente l inserimento con un solo click di intere colonne di idranti per qualunque altezza, e tiene conto dell effettiva area di copertura di ogni terminale. Data una determinata prestazione idraulica Ii calcolo fornisce portata, pressione, dimensionamento o verifica della rete, considerando gli effettivi K dei terminali e le portate reali. SPRINKLER (SPIDI) (Codice prodotto ANT ) Il modulo SPRINKLER consente la progettazione di reti idriche antincendio a sprinkler, con la possibilità di trattare anche reti a diluvio e a schiuma. Il modulo si differenzia in due versioni: SPRINKLER 500 con il quale non è possibile inserire nel disegno più di 500 testine e dimensionare reti magliate e lo SPRINKLER PRO che non presenta alcuna limitazione. Il modulo classifica i locali secondo EN e NFPA 13, con la trattazione completa dei sistemi ESFR, CMSA, ECS, Large Drop. E possibile impostare anche i dati liberamente per il calcolo idraulico e il dimensionamento secondo altre norme e tipologie di impianti (es: a diluvio o water mist). I wizard presenti nel CAD integrato consentono di disegnare intere porzioni di rete velocemente, secondo tipologie di distribuzione prefissate (pettini, spine, griglie, ecc.). Il calcolo, rigorosamente a portate reali secondo i K utilizzati, determina i dati idraulici delle aree operative oggetto di analisi. Se in possesso del modulo per gli idranti, il calcolo è consentito anche per reti miste..dwg molto preciso (anche in modalità assonometrica) e la realizzazione automatica delle sezioni nei punti desiderati dall utente. Dispone di un utilissimo e preciso render dell intera rete integrata con gli altri eventuali impianti presenti e progettabili all interno dell ambiente MEP. Il modulo CO2 ricalca le funzionalità di SPIDI in input (disegno e classificazione) e output (relazione, esecutivo e computo), consentendo però il dimensionamento delle reti di spegnimento ad anidride carbonica, a bassa e alta pressione, secondo la normativa NFPA 12, tenendo conto del tipo di incendio ipotizzato (saturazione totale o applicazione locale) e calcolandone la quantità minima di gas e di bombole da installare secondo ingombri, aperture e sistemi di ventilazione presenti. CO2 consente la progettazione o verifica di tali impianti anche per specifiche installazioni navali, e consente l integrazione con render con gli altri impianti nell ambiente MEP. RIVELATORI è invece il modulo per la progettazione degli impianti di rivelazione di fumo e calore secondo l ultima UNI 9795, calcolando e verificando il numero minimo necessario di rivelatori in edifici con numero di piani qualunque e garantendo la completa copertura dell area interessata: il calcolo è specifico per rivelatori puntiformi e lineari (secondo quanto normato), e consente l inserimento grafico e a computo degli altri tipi di rivelatori, al fine di una definizione più completa dell impianto. Oltre al posizionamento automatico dei rivelatori per soffitto, controsoffitto e sottopavimento, all inserimento manuale di tutte le attrezzature di rilevazione, al controllo delle distanze, RIVELATORI è l unico che consente di definire graficamente lo schema della rete elettrica a servizio dell impianto. EVACUATORI è il nuovissimo modulo per verificare e/o dimensionare un impianto di evacuazione dei fumi sia di tipo naturale (SENFC) che di tipo forzato (SEFFC) secondo la nuova norma UNI 9494:2014, anche mediante il posizionamento automatico dei dispositivi trattati e tenendo conto di compartimentazioni, cortine, evacuatori a parete, aperture di aereazione, superfici utili e quant altro necessario. Tutti i moduli di CPI win Impianti, essendo all interno dello stesso ambiente MEP, hanno identiche modalità di inserimento e tutte le nuove moderne funzionalità di disegno, con render complessivo di tutti gli impianti dello stesso progetto e possibilità di identificazione di tutte le eventuali interferenze. Le relazioni di calcolo sono in formato editabile, realizzate secondo i contenuti normativi, e totalmente personalizzabili sia permanentemente operando sui modelli base sia di volta in volta modificando i documenti dopo la creazione. Gli esecutivi dxf/dwg sono totalmente compatibili e modificabili con qualunque CAD ed è possibile ottenere direttamente un pdf avanzato del disegno oltre al formato dwf. Idranti, Sprinkler e Rivelatori Idranti CO2 (Codice prodotto ANT 3.4) Il modulo consente la progettazione degli impianti ad anidride carbonica secondo la NFPA 12. Esso mantiene inalterate le funzionalità grafiche comuni del CAD, è integrato nella piattaforma MEP e, tramite dei wizard, esegue la classificazione dell impianto e il calcolo della quantità minima di gas per il tipo di incendio ipotizzato. CO2 tiene conto di ingombri, aperture e sistemi di ventilazione, consentendo il calcolo di impianti a bassa e alta pressione, a saturazione totale (incendio di superficie o di volume, a scarica prolungata o meno) o ad applicazione locale (metodo dell area o del volume). È possibile impostare direttamente portate, prevalenze, distanze dalla superficie da proteggere e angolo di installazione ai terminali per risolvere i problemi legati all applicazione locale. Funzionalità di eccellenza è la possibilità di gestire le problematiche relative alla protezione dei locali delle navi. Relazione, computo e disegno con le informazioni necessarie sono gli output garantiti dal modulo. RIVELATORI (Codice prodotto ANT 3.5) Il modulo per il dimensionamento e la progettazione di impianti di rilevazione di fumo o calore utilizza la stessa piattaforma MEP degli altri moduli di impianti, quindi la stessa interfaccia CAD di tutta la suite e consente di trattare edifici multipiano, con soffitto, controsoffitto e sottopavimento. Definite le zone, i locali, gli elementi sporgenti e i sistemi di protezione (che possono essere diversi nello stesso progetto), si determinano gli eventuali riquadri, calcolando il numero minimo di rivelatori secondo la norma UNI 9795 per ciascun locale e/o zona, e posizionandoli graficamente secondo il principio della maggiore uniformità. È possibile anche il posizionamento automatico dei ripetitori ottici di allarme per i rivelatori nascosti. RIVELATORI consente di calcolare tutti i rivelatori di tipo puntiforme e quelli lineari, e di inserire graficamente, per la redazione del computo, tutti gli altri tipi elencati nella normativa stessa e presenti sul mercato. Il disegno viene elaborato in dxf/dwg. Tra le funzionalità, è possibile disegnare e computare lo schema elettrico con i relativi oggetti (centrale di controllo e segnalazione, pulsanti manuali, ecc.). Spidi Dettaglio Rimessa autobus Maschera di calcolo Classificazione SPIDI: Funzionalità comuni Integrazione piattaforma grafica MEP Archivi tubi, pompe, pezzi, sprinkler, ecc. Lettura rete da dwg o disegno tramite CAD interno Classificazione dei locali Disegno veloce per travi, soffitto e pilastri Disegno tridimensionale solido, wireframe e unifilare (con assonometrie) Wizard di inserimento veloce delle reti Etichettatura entità per creazione di filtri multipli Controllo aree di copertura Inserimento automatico sostegni e giunti Reti grigliate orizzontalmente e verticalmente Check up di controllo progetto Dimensionamento e/o verifica a portate reali Dimensionamento e/o verifica tubo aspirazione Visualizzazione real-time prestazioni idrauliche delle singole entità Scelta gruppo di pompaggio (con NPSH) Creazione e personalizzazione delle relazioni secondo tipo di impianto e tipo di normativa Computo metrico (editabile o excel) generale e dettagliato secondo le forme di lavorazione prescelte Disegno in dwg con tutte le informazioni Creazione automatizzata delle sezioni lungo le linee prescelte. Rete antincendio e Evacuatori EFFC sprinkler ed Evacuatori ENFC Sprinkler autorimessa Stazione di Controllo EVACUATORI (Codice prodotto ANT 3.6) Il modulo, basato sulla stessa interfaccia CAD degli altri, dimensiona e/o verifica gli impianti di evacuazione dei fumi secondo la nuova UNI 9494, per impianti di evacuazione dei fumi sia di tipo naturale (SENFC) che di tipo forzato (SEFFC) e tenendo conto di distanze limiti, caratteristiche imposte ai sistemi (es. superficie utile), compartimenti, cortine e tutto ciò che è necessario per determinarne il numero minimo di progetto e/o verificarne la giusta progettazione. EVACUATORI esegue un posizionamento automatico successivamente modificabile dall utente. In output è possibile ottenere la relazione in formato editabile, il disegno in dxf/dwg e anche nei formati pdf e dwf, il computo metrico di quanto inserito. 8 9

6 CPI win REI CPI win REI è la sezione di software dedicati alla verifica analitica secondo i moderni Eurocodici della resistenza al fuoco delle strutture (REI), in particolare per quelle in cemento armato (c.a.), cemento armato precompresso (c.a.p.), acciaio, legno e per le pareti in muratura, portanti e non portanti. Il D.M. 16 febbraio 2007, e successivi, indica i metodi per la verifica della resistenza al fuoco delle strutture (tabellare, analitica). La metodologia tabellare, chiaramente conservativa, inserita all interno del modulo Carico Incendio (vedi sez. CPI win Attività), si basa su margini di sicurezza notevoli e spesso non dà soluzioni per gran parte delle tipologie strutturali. Quella analitica consente invece la verifica di qualsiasi struttura basandosi sulle effettive caratteristiche (rck, armature, classi di acciaio, rivestimenti protettivi, ecc.) e simulando la sezione in esercizio. La verifica è condotta utilizzando curve di incendio nominali o naturali, sottoponendo le strutture a condizioni di incendio più vicine alla realtà. L utilizzo di curve naturali di incendio, ottenute mediante i principi della Fire Safety Engineering (FSE), in alternativa alle curve standard proposte, consente un ulteriore avvicinamento alle condizioni reali di comportamento della struttura. CPI win REI consente l utilizzo sia delle curve di incendio standard che di quelle naturali (vedi sezione CPI win FSE), e offre al tecnico uno strumento indispensabile. Il programma consente di verificare le strutture in c.a. e in c.a.p. (comprensive anche di altri materiali al loro interno). Le sezioni possono essere ricavate da modelli in archivio o direttamente da un disegno dxf; tramite un percorso guidato, si inseriscono le armature, definendone le proprietà (diametro, resistenza, tipo acciaio, ecc.), si impostano i materiali (ricco archivio implementabile) e si indica l rck di tutti i tipi di calcestruzzo presenti in struttura. Una volta impostati i fronti di fuoco (diretti e non), le eventuali forme di protezione e i parametri relativi a conduzione e irraggiamento, il modulo esegue l analisi termica per i passi di tempo impostati. La curva di incendio di riferimento per i calcoli può essere standard (in archivio nel programma), reale di tipo parametrico (metodo del CNR o curva di Wickstrom secondo Eurocodici) o naturale, ricavata con studi di FSE (vedi sezione CPI win FSE). Il software restituisce graficamente anche tutte le temperature raggiunte da ogni mesh e armatura per ogni passo di calcolo. Al contrario di altri software che hanno scelto la metodologia semplificata, CPI win REI C.A. C.A.P., Mappatura termica sezione (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) C.A.- C.A.P. (Codice prodotto ANT 4.1) Il modulo consente la verifica analitica al fuoco delle strutture in c.a. e c.a.p, secondo Eurocodice 2. C.A.- C.A.P e UNI 9502 (in caso di necessità). permette la definizione delle sezioni, indicando forma, materiali, rck, armature e tipologie delle stesse (piegati compresi), l impostazione dei passi temporali di calcolo, scelta delle curve tempotemperatura di riferimento (standard, parametriche, naturali), l impostazione per mesh di tutti i fronti di fuoco, diretti e indiretti, e di eventuali protezioni adiabatiche presenti. Il modulo permette il calcolo dell andamento termico, con evidenziazione cromatica e anche diretta delle temperature per ogni mesh, esportabile in dxf per una stampa di alto livello. Vengono eseguite diverse verifiche tra cui: verifica per combinazioni di sollecitazione diverse secondo i coefficienti di sicurezza impostati, disegno delle staffe e verifica a taglio, verifica della stabilità del II ordine. Il tutto viene eseguito tenendo conto dei vincoli e delle sollecitazioni derivanti da eventuali deformazioni. Il software crea una relazione editabile e consente la stampa dei modelli VVF per la certificazione. ACCIAIO (Codice prodotto ANT 4.2) Il software esegue la verifica al fuoco (REI) per le strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3, e anche UNI 9503, in caso di bisogno per vecchia progettazione, scelte fra quelle standard d archivio o inserite manualmente, definendo i parametri geometrici caratteristici. Il modulo permette di importare il tipo di acciaio e le relative caratteristiche (anche da archivio); importare i passi temporali di calcolo, scelta delle curve tempo-temperatura di riferimento (standard, parametriche, naturali), e dei fronti di fuoco e dei vincoli strutturali. E possibile la verifica delle sezioni indifferentemente non protette, protette o inscatolate scegliendo il materiale di protezione direttamente da un archivio personalizzabile. ACCIAIO esegue tutte le verifiche in funzione dei coefficienti di sicurezza impostati, individuando la temperatura critica di collasso. Il software crea una relazione editabile e consente la stampa dei modelli VVF per la certificazione. esegue la valutazione analitica avanzata secondo l Eurocodice 2 (metodo agli stati limite), determinando le eventuali sollecitazioni aggiuntive sulla sezione in conseguenza di una eccessiva deformazione della stessa. È possibile la verifica contemporanea e la visualizzazione dei diagrammi con diverse combinazioni di sollecitazione, indicando i coefficienti di sicurezza a flessione e a taglio (determinati per ogni step di calcolo), il grado di resistenza globale della sezione e consentendo anche la verifica allo stato limite di instabilità. La parte di CPI win REI ACCIAIO dedicata alle strutture in acciaio segue la filosofia e le metodologie di calcolo comuni a tutti i prodotti CPI win REI (curve incendio, definizione dei passi, ecc.). Grazie ad un sistema guidato che rende semplice la scelta delle sezioni da una vasto archivio, l importazione di altre sezioni, l applicazione di rivestimenti (archivio personalizzabile) e la selezione di combinazioni di sollecitazione diverse, è possibile calcolare e verificare il valore della temperatura critica. Il software permette anche la verifica analitica al fuoco delle murature portanti e non, secondo UNI e Eurocodice 6. Per ciascuna parete viene effettuata contemporaneamente sia la verifica analitica sia quella tabellare secondo la nuova L.C del 31/03/2010, mostrando i risultati ottenuti nella maschera di riepilogo (per ognuno dei due metodi si possono creare relazioni diverse). L input avviene direttamente tramite il CAD utilizzato per tutti i moduli antincendio, definendo la struttura (anche su più piani), inserendo la geometria delle pareti e le caratteristiche geometriche e stratigrafiche di ciascuna di esse, indicando gli eventuali stati di sollecitazione e impostando per ciascuna le esposizioni al fuoco e le pareti da verificare, secondo scenari desiderati. Si possono inserire travi e pilastri per una corretta valutazione dei carichi concentrati su porzioni delle pareti. È possibile specificare le varie tipologie di murature come da norma (archivio materiali) ed effettuare una verifica SLU, dopo aver calcolato la trasmissione del calore e aver eseguito un analisi dei carichi secondo norma. Infine, il software permette la verifica delle strutture in legno per le sezioni rettangolari o circolari, tenendo conto delle dimensioni, del tipo di legno (archivio), dei fronti di fuoco, della presenza di eventuali rastremazioni, intagli e vincoli, e delle forme di protezione presenti (vernici, altri pannelli di legno, ecc.). Il calcolo avviene, a scelta, secondo UNI o Eurocodici e calcola la resistenza alle sollecitazioni impostate a seguito del consumo del legno (velocità di carbonizzazione) e delle dimensioni finali della sezione ipotizzata. Tutti i moduli condividono l archivio dei materiali, è possibile inserire i parametri relativi alla trasmissione del calore legate al variare delle temperatura. Tutti i moduli rilasciano una relazione completa editabile e personalizzabile e si interfacciano con il software MODELLI per la compilazione dei moduli VVF di certificazione delle strutture. Curve naturali d incendio e mappatura termica Profilato acciaio LEGNO (Codice prodotto ANT 4.3) Il modulo consente la verifica analitica al fuoco secondo norme Eurocodici 5 e UNI di strutture in legno (travi, solai, pilastri) di forma rettangolare o circolare. Tiene conto di eventuali rastremazioni, intagli, protezioni (vernici, pannelli, pannelli in legno, ecc.) e ovviamente vincoli e fronti di fuoco. E possibile considerare ai fini del calcolo la presenza di protezione generata da altri pannelli di legno (calcolata direttamente dal programma) o da vernici intumescenti (impostando la percentuale di riduzione equivalente della velocità di carbonizzazione). In funzione della velocità di carbonizzazione (in archivio per ogni tipo di legno e secondo le diverse norme) viene calcolata la sezione residua e su questa eseguita la verifica strutturale secondo le combinazioni di carico applicate e i valori di resistenza archiviati per ogni tipo di legna (modificabili anche per il singolo progetto). LEGNO crea un report ed una completa relazione di calcolo editabile, interfacciandosi con MODELLI per la stampa dei modelli di certificazione. MURATURE (Codice prodotto ANT 4.4) Il modulo verifica la resistenza al fuoco delle murature portanti e non, sia in forma tabellare ai sensi della L.C del 31 marzo 2010 che analitica secondo quanto indicato dall Eurocodice 6, consentendo l input grafico della struttura tramite CAD interno e inserimento delle pareti e dei solai (anche per strutture multipiano). Con MURATURE è possibile definire le caratteristiche geometriche e stratigrafiche delle pareti, tramite i materiali presenti nell archivio personalizzabile, nonché i carichi applicati (escluso il peso delle pareti anche nel caso di non portanti, verifica della EI). Il calcolo viene eseguito sulla base degli scenari indicati, delle pareti da verificare fra tutte quelle disegnate, delle esposizioni al fuoco impostate e delle curve di incendio associate (anche a tutti e due i lati), di tipo standard, parametrico e naturale derivante da FSE. Il modulo dopo aver calcolato la trasmissione del calore in ognuna delle pareti e aver eseguito un analisi dei carichi secondo le normative vigenti ed effettua una verifica agli Stati Limite Ultimi (SLU). Sezione con armature Curve dominio di resistenza Inserimento staffe Verifica trave in legno Verifica muratura portante 10 11

7 CPI win FSE Strutturale CPI win FSE (Fire Safety Engineering) è l unico software in Europa che consente di applicare i principi dell ingegneria della sicurezza per l antincendio e per l evacuazione delle persone verso luoghi sicuri. È uno strumento di analisi molto potente che permette di studiare la genesi del fenomeno incendio, simulandone sviluppo, propagazione ed effetti su persone, strutture e beni, secondo gli indirizzi del D.M. 9 Maggio Inoltre consente di studiare e verificare la corretta progettazione delle vie di esodo e la correttezza del piano di sicurezza previsto per la specifica attività. Il programma simula l evacuazione delle persone dal luogo soggetto al pericolo (con o senza incendio) e tiene conto del contesto strutturale, ambientale e del comportamento degli individui coinvolti. Se impossibilitati a rispettare le norme tecniche prescrittive o se ci si riferisce ai principi generali di prevenzione e protezione, occorre adottare misure compensative di sicurezza utilizzando metodologie basate su modelli matematici e validate tramite simulazioni di eventi incidentali. I metodi FSE sono particolarmente utili nell ottenimento delle deroghe di prevenzione incendi, nei rischi di incidenti rilevanti e nelle perizie sulla valutazione degli incendi (esempio: dolosità). CPI win FSE consente di riprodurre, partendo da un semplice ed intuitivo CAD, il layout ambientale (muri, porte, finestre, arredi vari, affollamento previsto, ecc.), una volta definite le caratteristiche degli oggetti e delle sostanze inserite e i parametri richiesti dai modelli FDS (Fire Dynamics Simulator) ed EVAC (Evacuation) tra i quali stratigrafie pareti, poteri calorifici, curve HHR, temperature di attivazione dispositivi, numero e tipo degli individui presenti, velocità di percorrenza, tempo di pre-evacuazione, ecc. Il software dispone di una libreria di oggetti predefiniti da utilizzare come origine dell incendio. Definiti poi tutti gli scenari di calcolo da analizzare, il software, tramite smokeview, genera e visualizza un filmato di simulazione dell evento calcolato, evidenziando in modo dinamico tutti i parametri caratteristici (temperature, gas sviluppati, ecc.). Un post-processore è in grado di trasformare tutti i risultati della simulazione ottenuta in diagrammi e curve facilmente interpretabili, semplificando la lettura dei dati di interesse: andamento delle temperature, livello di visibilità, percentuali di ossigeno, tempo necessario per l evacuazione delle persone, ecc. Inoltre, avendo impostato dei percorsi di esodo e definiti i relativi obiettivi, è possibile visualizzare tramite tabelle i tempi di decadimento in rapporto a quelli indicati fra gli obiettivi stessi. È possibile ottenere, in qualsiasi punto, le curve tempo-temperatura, per la verifica analitica della resistenza al fuoco sulla base delle curve naturali e non di quelle standard, più penalizzanti dal punto di vista del carico; ne consegue così una possibilità di risparmio ai fini dell eventuale compartimentazione. L applicativo produce una relazione per impostare una corretta pratica FSE e, grazie all interfacciabilità con CPI win Attività e ad un comodo wizard guidato, è possibile integrare l analisi del rischio con la descrizione del processo e dell attività in esame, ottenendo una documentazione tecnica in linea con tutte le indicazioni normative. FSE - Simulazione incendio magazzino FSE Risultati su grafico FSE - Simulazione incendio in teatro (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) FDS (Codice prodotto ANT 2.1) Il modulo consente l applicazione dei principi di FSE per la simulazione e l analisi del fenomeno incendio. È costituito da un pre-processore che consente l input dei dati e dei parametri fondamentali richiesti dal motore di calcolo FDS del NIST e riconosciuto a livello internazionale. Lanciato il modulo e creato il video della simulazione (smokeview), il programma attiva un post-processore in grado di semplificare (tramite curve e diagrammi) la lettura e l interpretazione dei risultati. Il pre-processore consente l input dei dati tramite un semplice CAD, utilizzando linee, blocchi e oggetti predefiniti in archivio, e definendone le proprietà (griglie di calcolo, muri, finestre, sonde, sprinkler, materiale di innesco, arredamento, ecc.), per creare l intero layout ambientale. Eseguito il disegno, è possibile definire uno o più scenari di simulazione per poi attivare il motore di calcolo FDS, che genererà il video della simulazione di sviluppo e propagazione sia dell incendio sia dei prodotti generati dalla combustione. Per la corretta interpretazione di quanto ipotizzato e simulato, il post-processore fornisce i valori fondamentali e necessari, dall andamento delle temperature, al livello di visibilità, alle percentuali di ossigeno, fino all ottenimento, per ciascuna termocoppia inserita, della relativa curva tempo-temperatura (curva di incendio naturale) da applicare alle strutture per calcolare analiticamente la resistenza al fuoco delle stesse (R) tramite i moduli CPI win REI. EVAC (Codice prodotto ANT 2.2) Il modulo permette di specificare in maniera dettagliata i tempi di intervento delle due fasi del processo di evacuazione da un ambiente, ovvero la fase di percezione del pericolo e quella di percorrenza, considerando anche il tempo perduto per effettuare le code. Dopo aver disegnato l ambiente oggetto di studio (nelle stesse modalità descritte per CPI win FSE FDS o direttamente partendo da quanto disegnato per la simulazione di incendio), si definisce il modello di evacuazione all interno dell attività specificando la tipologia delle persone presenti nell ambiente, indicandone numero, caratteristiche ed eventualmente associando a ciascuna categoria una velocità di movimento. Il motore di calcolo sviluppa la simulazione tenendo conto dei vari fattori che influenzano il processo di decisione degli evacuanti (legati al fuoco), tra cui la familiarità delle uscite considerate e la visibilità delle singole uscite, in funzione sia delle condizioni letali sia di quelle non letali di disturbo dell evacuante (es. effetto di oscuramento del fumo, ostacoli, temperatura, etc.). Per la corretta interpretazione di quanto ipotizzato e simulato, il post-processore fornisce i valori fondamentali e necessari, ovvero il tempo per l esodo delle persone da un determinato ambiente, considerando o meno gli effetti, qualora presente, dell incendio. La famiglia Strutturale è dedicata a tutti i professionisti che si occupano di calcolo e di analisi strutturale. Il Software Namirial CMP, nato dalla cooperativa CAIREPRO, è il programma dedicato all ingegneria strutturale che integra tutte le tematiche inerenti al calcolo strutturale, con modellazione, analisi e calcolo delle strutture di qualunque materiale in un unico ambiente e con la garanzia della massima flessibilità. Possibilità di verifica, anche al fuoco, delle strutture isostatiche precompresse. CMP Analisi Strutturale EVAC Simulazione evacuazione scuola 12 13

8 La linea comune che identifica tutti i prodotti Namirial è quella di fornire software progettati da chi li utilizza professionalmente ogni giorno, nel convincimento che il software deve essere uno strumento quanto più potente possibile ma pur sempre uno strumento che non si sostituisce o peggio, si trasforma nel tecnico esperto in materia. In quest ottica la società presenta Namirial CMP, il nuovo software sviluppato per chi vuole continuare a scegliere, giudicare e decidere: per chi vuole continuare a progettare mantenendo padronanza delle scelte effettuate. Realizzato secondo l esperienza decennale dello studio di architettura-ingegneria CAIREPRO, il software è stato sviluppato secondo l ottica di ricercare la massima integrabilità con i migliori software in ambiti complementari quali progettazione architettonica, progettazione strutturale di elementi in muratura qualsiasi, geotecnica, impiantistica, computazione metrico-estimativa, nella convinzione che il processo di progettazione di una qualunque opera richieda già ora, e sempre di più in futuro, che le diverse fasi progettuali non siano sviluppate utilizzando applicazioni che operano a compartimenti individuali, ma bensì sfruttando i migliori strumenti nei vari ambiti, tra loro integrati per garantire un agevole amministrazione globale del progetto, senza perdite di informazioni, di tempo, di denaro, per la massima efficienza e qualità. Ne deriva che in futuro il software sarà interfacciato con tutti gli altri prodotti Namirial che partono o prevedono un passaggio per l analisi strutturale in ottica progettazione integrata. Namirial CMP, completamente scritto a oggetti in un unico ambiente di lavoro (non moduli separati) multifinestra e multicomando, considera la gestione di ogni struttura in un unico file. Impostato per consentire la massima libertà e flessibilità di modellazione (qualsiasi geometria spaziale, qualsiasi tipologia strutturale, qualsiasi materiale, qualsiasi sezione), permette contemporaneamente di mantenere in ogni istante il controllo di tutte le fasi di generazione del modello attraverso visualizzazioni grafiche di riepilogo e interrogazione. Il programma è dotato oltre che degli elementi di calcolo (biella spaziale, trave svincolabile alle estremità normale o su suolo elastico, piastra/guscio anche su suolo elastico, elemento solido, elemento rigido, elemento di correlazione generico tra gradi di libertà) anche di elementi di supporto per la semplificazione della modellazione e della descrizione dei carichi agenti (linea, solaio/tamponamento, plinto, poligoni spaziali). Organizzato per gestire con semplicità modelli comunque complessi attraverso l utilizzo esteso ed originale di funzioni di filtro e parzializzazione della struttura (utilizzabili durante l intero processo di progettazione), il programma è fornito di potenzialità avanzate di Progettazione CMPAnalisiStrutturale Realizzazione CMP CXF (Codice prodotto STR 2.1) Modellatore, pre/post-processore grafico per programmi ad elementi finiti, che consente di: costruire il modello geometrico della struttura, assegnare proprietà, carichi, vincoli e tutti i dati di completamento necessari per l esecuzioni di analisi statiche e dinamiche; visualizzare graficamente i risultati dell analisi (sollecitazioni, deformate ecc...); progettare le sezioni e le armature per travi e pilastri; fornire le proprietà statiche di sezioni di forma qualsiasi composte da differenti materiali e armate in modo generico; eseguire, anche in automatico su tutta la struttura, le verifiche di resistenza a presso/tensoflessione e di stabilità per le aste in calcestruzzo, acciaio e altri materiali; visualizzare i risultati delle verifiche anche in modo aggregato sulla struttura analizzata. Calcoli e verifiche a norme vigenti. Sono supportati elementi monodimensionali, bidimensionali, tridimensionali (brick) ed elementi solaio per l esecuzione in automatico dell analisi dei carichi. Consente il calcolo di piastre in c.a. gettate in opera. Comprende il modulo per la realizzazione in automatico di disegni esecutivi: casserature di travate, pilastrate, telai, e solai; armature di travate e pilastrate; verifica di plinti di fondazione diretti e su pali, anche a partire dai dati dell analisi strutturale, con progetto e disegno esecutivo in automatico delle tavole di casseratura/armatura, compresi alloggiamenti per pilastri prefabbricati e armatura a punzonamento, progetto e verifica delle armature di elementi bidimensionali (lastre, piastre, gusci, setti). CMP CXF/d (Codice prodotto STR ) Modulo CXF completo di solutore XFinest, analisi statica e dinamica. CMP CXF/nL (Codice prodotto STR ) Modulo CXF con le estensioni non lineari, completo di solutore XFinest per analisi non lineare. CMP CXF LT/d (Codice prodotto STR ) Modulo CXF con limitazione a modelli fino a 500 nodi, completo di solutore XFinest Lite, analisi statica e dinamica. modellazione: funzioni di meshatura automatica, di copia-sposta-estrudi contemporanei, di foratura di superficie, di macrocomandi di generazione per tipologie strutturali ripetitive, di gestione archivi comuni per sezioni, punti, materiali, solai. È caratterizzato dalla possibilità di descrivere sezioni di forma assolutamente generica composte da una o più poligonali ciascuna con caratteristiche proprie (materiale diverso, pieno o vuoto, reagente o non reagente a trazione, strutturale o non strutturale, in parete sottile), utilizzabili come tali non solo in fase di calcolo ma anche in quelle di verifica, progetto e redazione dei disegni esecutivi. Il software è ricco di funzionalità di calcolo automatico dei carichi ricorrenti quali quelli derivanti da solaio/tamponamento, da vento, da azioni sismiche statiche equivalenti o dinamiche, e di distribuzioni di carico complesse quali distribuzioni di pressione generiche, definibili mediante funzioni e carichi mobili di qualunque forma che possono scorrere su generici percorsi spaziali. Il programma consente la gestione di fasi costruttive: possibilità di descrivere in un unico modello contemporaneamente diversi stati di configurazione della struttura (per vincoli, connessioni, geometrie, materiali), assoggettati ciascuno a diverse condizioni di carico e di analisi ed è in grado di svolgere analisi statiche e/o dinamiche, lineari e/o non lineari secondo le normative vigenti. L adozione di originali e produttive metodologie operative per la progettazione di elementi in C.A. permette di ottimizzare i tempi complessivi e mette a disposizione del progettista in forma sintetica la risposta della struttura. Attraverso un processo interattivo di dialogo tra software e progettista si procede all individuazione delle soluzioni progettuali più consone, comprese quelle non derivanti dal calcolo. Namirial CMP: - contiene funzionalità originali ed efficaci guidate dal progettista per la ricerca completa degli inviluppi di reazioni, spostamenti, sollecitazioni, qualunque sia il numero delle combinazioni possibili (efficace gestione delle combinazioni per stati limite e sismica). È lasciata completa libertà al progettista nel gestire modalità differenti di ricerca delle grandezze di inviluppo per differenti insiemi di elementi strutturali sui quali svolgere le fasi di verifica/progetto con configurazioni mirate. Telaio in legno Corpo della struttura Struttura in metallo Palazzina sisma CMP Post (Codice prodotto STR ) Postprocessor per sw di analisi e calcolo SAP2000 e Straus7 Modellazione all interno di SAP 2000 e di Straus7. Analisi statica, analisi modale con spettri di risposta. Lettura della geometria della struttura (beam e plate) e della forma di sezioni tipiche (sezioni generiche comunque ridefinibili in CMP), dello spessore degli elementi plate e delle caratteristiche dei materiali, degli spostamenti nodali delle condizioni di carico e spettrali, delle azioni interne di condizioni di carico elementari e spettrali. Rielaborazione inviluppi con ricerca automatica minimi e massimi azioni interne; verifiche TA ed SL per c.a. acciaio e altri materiali definibili per legami costitutivi e tensioni di progetto. Progetto e verifica interattivi di elementi mono e bidimensionali. Disegni esecutivi di carpenterie ed armature. Relazione di calcolo in formato.rtf personalizzabile dall utente. CMP PostGate (Codice prodotto STR 2.6) (Modulo non acquistabile singolarmente ma in coppia con il modulo CMP CXF, CXF/d e CXF/nl) Porta di collegamento per esportazione nel post CMP, valido per modelli analizzati e calcolati in SAP2000 e Straus7. CMP PIASTRE/XF (Codice prodotto STR 2.7) Applicativo autonomo Completo di solutore XFinest - Piastre Procedura per l analisi di piastre in c.a. gettate in opera di forma generica. Descrizione delle geometrie attraverso procedure dedicate basate sulla individuazione di entità tipiche: aree di piastra, fori, muri e pilastri. Creazione automatica del modello ad elementi finiti composto da elementi shell per la modellazione della piastra ed eventuali elementi brick per la modellazione degli elementi di appoggio (muri e pilastri), completo di definizione dei vincoli esterni, della configurazione elementi (spessore, materiale e orientamento shell), e della disposizione dei carichi. Analisi, ricerca massime sollecitazioni, calcolo e verifica armature minime sui diversi strati, progetto disposizione armatura, disegno esecutivo e computo materiali. CMP AEdEs (Codice prodotto STR 2.8) Funzioni di post-processor di CMP applicabili a modelli di struttura miste muratura-c.a. e acciaio o altri materiali creati con PC.E ver o successive: ricerca degli inviluppi di sollecitazioni, reazioni, spostamenti, e progetto-verifica secondo le normative in vigore concludendo con la redazione dei disegni esecutivi e la stesura della relazione di calcolo sulle parti in c.a. o acciaio. Progettazione Realizzazione Ponte Lotto 14 15

9 - È provvisto di procedure di verifica a Stati limite ultimi, stati limite di esercizio per elementi in Acciaio, in C.A., legno, XLam e altri materiali, tra cui verifiche specifiche per setti sismoresistenti in C.A., gerarchia delle resistenze, fessurazione per elementi mono e bidimensionali in C.A., e per questi ultimi anche verifiche con modello sandwich secondo EC2. - È caratterizzato da una particolare accuratezza e leggibilità dei disegni esecutivi sia di carpenteria sia di armatura - con sviluppo sempre tridimensionale delle barre d acciaio - i quali non necessitano di sostanziali modificazioni scaturendo sempre dalle scelte, dai giudizi o dalle decisioni del progettista. CMP attualmente integra e fornisce XFinest, solutore ad elementi finiti di riferimento in Italia, di cui supporta analisi statica, dinamica modale con spettri di risposta, buckling lineare e non lineare, analisi non lineare in grandi spostamenti e, a partire dalla versione 28, l analisi di pushover. Il software è inoltre corredato di procedure automatiche per la realizzazione guidata della computazione delle strutture progettate e della relazione di calcolo basata su modelli configurabili dal progettista ed è utilizzabile anche come post-processor di Sap 2000, Straus7, PC.E (AEdEs) da cui è in grado di leggere modelli completi su cui applicare le procedure di progetto, verifica e disegno come su ogni altro modello nativo di CMP. Modellazione di capannone prefabbricato esistente Stazione Metro Termoacustica Gli applicativi della famiglia Termoacustica sono dedicati alla risoluzione di tutte le problematiche inerenti la Termotecnica e l Acustica. Termo, certificato dal CTI come conforme alle norme UNI TS e già aggiornato alle nuove UNI/TS 2014, soddisfa gli adempimenti previsti dalla normativa vigente (Legge 10/91, D.P.R. n. 412/93, D.Lgs. 192/2005 così come modificato dal D.Lgs. 311/2006, D.Lgs. 115/2008, D.P.R. 59/2009 e D.M. 26/06/2009 linee guida nazionali per la Certificazione Energetica, D.Lgs. 63/2013, convertito in legge tramite la Legge 90/2013) in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici. Sono state recepite le più recenti normative in riferimento alla certificazione energetica degli edifici, secondo Finanziaria 2008 e D.M. 19/02/2007 aggiornato dal D.M. 07/04/2008 e D.M. 26/01/2010. Inoltre Termo effettua i calcoli relativi alle fonti rinnovabili, secondo il D.Lgs. 28/2011. Sono disponibili anche potenti moduli dedicati alla progettazione di Impianti termici e di climatizzazione. Lo strumento di riferimento è MEP Clima Impianti, completamente interfacciabile con Termo con cui viene effettuato un proficuo scambio dati di calcolo. Acustica permette di confrontare l isolamento acustico calcolato con i limiti previsti dal D.P.C.M. 5/12/97 oltre che determinare la classificazione acustica secondo la norma UNI Ispesl, per dimensionare e scegliere i dispositivi di sicurezza, espansione e protezione, e per risolvere la compilazione della denuncia dell Impianto Termico ad acqua calda sanitaria. Completa la famiglia il nuovo Libretto Impianto, soluzione web per la realizzazione elettronica del Libretto di impianto per la climatizzazione e dei Rapporti di Controllo di Efficienza Energetica. Termo Clima Impianti Acustica Ispesl Libretto Impianto Modellazione di struttura a pareti portanti Isotex Visualizzazione sollecitazioni in pareti Isotex Scala travata 16 17

10 Termo Termo, sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Energetica dell Università Politecnica delle Marche, risolve le esigenze dell utente in termini di massima versatilità, precisione e semplicità d uso. Il programma è aggiornato alle norme UNI/TS 11300:2014 parti 1 e 2 e alle UNI/TS parti 3 e 4 per il calcolo delle prestazioni energetiche di climatizzazione invernale, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria anche a mezzo di generatori a fonte rinnovabile. Il software ha inoltre recepito il DL 63/2013, poi convertito in legge dalla L 90/2013, che decreta la realizzazione dell attestato di Prestazione Energetica o APE in sostituzione dell attestato di Certificazione (ACE). Tutti gli attestati di prestazione energetica sono accompagnati da dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Sono forniti numerosi archivi di base che comprendono strutture opache disperdenti verticali e orizzontali comprensive delle tipologie normate presenti nell abaco della UNI/TR 11552:2014 e vetrate; l archivio dei soggetti è comune con le altre applicazioni. E presente una libreria contenente centinaia di materiali che combinati tra loro vanno a comporre ulteriori tipologie utilizzabili nei calcoli e un elenco predefinito dove sono selezionabili i retini dei materiali. Inoltre l archivio di base dei generatori è costantemente aggiornato con pompe di calore delle marche più note e comuni in commercio con i dati tecnici richiesti dalla UNI/TS parte 4. La nuova versione di Termo dispone inoltre di un archivio di generatori elettrici, di combustibili, di accumuli, di tubazioni e di testi, tramite il quale è possibile personalizzare parti degli elaborati tecnici prodotti dal software. Per ciascuna tipologia disperdente è possibile effettuare il calcolo e la stampa della verifica termoigrometrica (Glaser) che, attiva solo in modalità Verifica Legge 10, mette in evidenza l andamento delle temperature e delle pressioni, parziali e di saturazione, all interno di ogni strato della struttura evidenziando e misurando l eventuale formazione di condensa in superficie e all interno degli elementi, oltre a fornire il calcolo della condensa evaporabile durante il periodo estivo. La procedura, come da normativa, tiene conto degli apporti gratuiti interni e per irraggiamento. Il programma permette una gestione avanzata delle finestre con trasmittanza multipla, pannello opaco e l esportazione delle finestre nell archivio di base. L input dati può essere effettuato sia in modo tabellare sia mediante un intuitivo CAD interno che permette l inserimento dei dati con l ausilio di disegni in formato dxf/dwg/bitmap/jpeg ecc. All interno del CAD è possibile disegnare pareti tonde e tramite la funzione lametta, spezzare le pareti in uno o più segmenti. È prevista la stampa della relazione conforme alle indicazioni dell allegato E del D.Lgs. 311/2006 e tutta la modulistica riguardante la riqualificazione energetica/asseverazioni. Tutti i documenti possono essere integrati con la possibilità di inserire testi in formato libero per la descrizione di ogni tipo di impianto. LEGGE 10 (Codice prodotto TEA 1.1) Il modulo permette la redazione della Legge 10 con un agevole input dati tabellare, la stampa completa dei dati dell edificio, la stampa dettaglio calcoli con le dispersioni per locale, la verifica termoigrometrica GLASER e la stampa degli elementi terminali. È inoltre compreso nel modulo la stampa dell attestato di qualificazione energetica (AQE). Il modulo Legge 10 è il principale modulo del programma al quale possono essere affiancati i moduli accessori quali Certificazione energetica e CAD. CERTIFICAZIONE ENERGETICA (Codice prodotto TEA 1.2) Il modulo CERTIFICAZIONE ENERGETICA permette la stampa dell attestato di Prestazione Energetica Nazionale (APE), della regione Emilia Romagna (secondo DGR 1366/2011 e stampa dati aggiuntivi per la compilazione del portale SACE Emilia Romagna), regione Lombardia, della regione Piemonte (esportazione XML per SICEE), regione Liguria, della regione Veneto, della regione Abruzzo, della provincia di Trento e di tutte le altre regioni che utilizzano il modello nazionale. CAD (Codice prodotto TEA 1.3) (Modulo non acquistabile singolarmente ma in accoppiata TEA 1.1 e/o TEA 1.2) Il modulo CAD permette l input dati tramite un sofisticato e intuitivo CAD capace di caricare come sfondo di ogni piano o livello un file DXF/DWG/bitmap/jpeg con la planimetria del piano in esame e rendere immediato l inserimento delle pareti, dei locali e di tutti gli elementi necessari calcolando automaticamente il loro dimensionamento. Termo permette la stampa dell attestato di Certificazione Energetica Nazionale, Regionale ove previsto da normativa, la creazione dei file di interscambio per comunicare con i programmi CENED+ e CELESTE. A supporto del certificatore è disponibile nel software il modulo Interventi Migliorativi che, attraverso un analisi dei costi e dei benefici in termini di risparmio energetico, è in grado di valutare l efficacia degli interventi per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici. Visto il legame tra la certificazione energetica e la certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici, l applicativo può creare l export dei dati energetici per il programma Certificazione Ambientale. Termo è stato ampliato con il nuovo modulo ESTIVO che consente il calcolo dei carichi termici estivi negli edifici utilizzando il metodo Carrier - Pizzetti. Il modulo permette di calcolare sulla base del profilo orario impostato dall utente, il carico termico orario, il mese e l ora di carico massimo per il dimensionamento dell impianto di condizionamento estivo. Tutte le stampe possono essere esportate in formato editabile e in formato pdf. Tramite il software Telepratica è possibile procedere direttamente alla firma digitale ed eventuale invio per PEC degli attestati con pochi semplici passi. Inoltre il programma può scambiare i dati con Acustica, Termo Energia, Certificazione Ambientale, Clima Imapianti e App Sopralluoghi. Vista 3D del fabbricato ESTIVO (Codice prodotto TEA 1.5) Il modulo per il calcolo dei carichi termici estivi negli edifici utilizza il metodo Carrier - Pizzetti. I calcoli vengono eseguiti sulla base del profilo orario impostato dall utente. Il modulo calcola, il carico termico orario, il mese e l ora di carico massimo per il dimensionamento dell impianto di condizionamento estivo, creando relazioni di calcolo complete di dati climatici e grafici. Il programma dà la possibilità di esportare in excel le potenze estive calcolate. INTERVENTI MIGLIORATIVI (Codice prodotto TEA 1.6) (Modulo non acquistabile singolarmente ma in accoppiata con TEA 1.1 o TEA 1.2) Modulo di supporto del certificatore che, attraverso un analisi dei costi e dei benefici in termini di risparmio energetico, è in grado di valutare l efficacia degli interventi per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici. Il modulo consente di creare diversi scenari modificando dati strutturali (pareti, solai e finestre) e dati relativi agli impianti. Il certificatore può verificare la variazione della prestazione energetica per ogni scenario definito, con delle simulazioni precise e dettagliate e generare automaticamente le raccomandazioni da inserire nell attestato di prestazione energetica. Stratigrafia parete e diagramma di Glaser Definizione geometrica di una finestra Anteprima Attestato di Prestazione Energetica Visualizzazione termografica del fabbricato Calcolo estivo Carrier-Pizzetti 18 19

11 ClimaImpianti Clima Impianti su piattaforma MEP è la sezione di software dedicata alla progettazione professionale degli impianti termici a radiatori, ventilconvettori, termoconvettori e pannelli radianti. Grazie alle sue caratteristiche tecniche, alla precisione, al dettaglio di calcolo e alla potenza del nuovo ambiente grafico MEP, Clima Impianti si propone ora come uno degli strumenti più all avanguardia nella progettazione di settore. Clima Impianti è caratterizzato da un unica interfaccia CAD intuitiva e di rapido inserimento per un disegno veloce ed estremamente preciso degli impianti. Tra le importanti funzionalità presenti nel software, indichiamo: la lettura automatica di una rete già realizzata in formato dwg/dxf da altro CAD che sarà possibile verificare e/o dimensionare velocemente; la creazione automatica della relazione in formato editabile, il computo metrico e il disegno esecutivo finale. Il software è infatti pensato per dare ai tecnici progettisti un disegno esecutivo già completo e professionale con la possibilità di disegnare sia la rete di mandata sia quella di ritorno, non necessariamente simmetrica ottenendo un elaborato tecnico pronto per la consegna all installatore, senza ulteriori passaggi da altri CAD o strumenti di editing. Con Clima Impianti è possibile progettare più reti termiche contemporaneamente, anche con distribuzione verticale su più piani. Il software è in grado di dimensionare perfettamente reti a collettore, calcolandone pressioni e perdite ed eseguendo automaticamente la scelta del terminale più idoneo da utilizzare nel progetto tra quelli disponibili in archivio: la sua flessibilità permette comunque la personalizzazione del progetto e garantisce comunque al progettista la facoltà di fissare terminali e tubazioni manualmente. Il programma gestisce reti simmetriche e non, con la possibilità di generare in maniera automatica la rete di ritorno o di disegnarla autonomamente in caso di rete non simmetrica. FUNZIONALITÀ (Codice prodotto TEA 2.5) Integrazione piattaforma grafica MEP Archivi tubi, terminali (radiatori, fan coil, pannelli radianti, ecc.) Lettura rete da dwg o disegno tramite CAD interno Generazione automatica della rete di ritorno Disegno tridimensionale solido, wireframe e unifilare (con assonometrie) Generazione automatica delle spirali con interasse reale Predimensionamento e bilanciamento con valvole di taratura Check up di controllo progetto Dimensionamento e/o verifica a portate reali Verifica preliminare dei pannelli radianti Visualizzazione real-time prestazioni idrauliche delle singole entità Creazione e personalizzazione delle relazioni secondo tipo di impianto e tipo di normativa Computo metrico (editabile o excel) Disegno in dwg con tutte le informazioni La nuova gestione dei Pannelli radianti fornisce al progettista tutti gli strumenti per creare automaticamente e velocemente un elaborato tecnico preciso e professionale con generazione delle spirali con passo reale calcolato direttamente dal programma o fissato dal progettista. È inoltre disponibile lo strumento di verifica preliminare di grande rilevanza tecnica in quanto dà la possibilità di ottimizzare, in funzione di costi, passo e lunghezza della serpentina massima impostata, il numero di circuiti da installare, consentendo così la gestione in un unico calcolo di locali industriali di grande superficie e di effettuare un predimensionamento del circuito prima del calcolo vero e proprio. Clima Impianti si integra perfettamente con tutti gli altri software in ambiente MEP, consentendo una progettazione altamente professionale e multi disciplinare. È prevista inoltre l integrazione con il software Namirial Termo 3 da cui riceve tutte le informazioni di disegno inserite, compresi i dwg di sfondo e i dati di calcolo quali i carichi invernali, locale per locale. Clima Impianti può comunque lavorare in piena autonomia grazie alla possibilità data al progettista di inserire autonomamente i carichi invernali, di caricare e gestire dwg/dxf/jpeg ed altri formati come immagini di sfondo. È possibile effettuare un computo metrico degli elementi dimensionati e generare stampe in formato editabile. Gli elaborati tecnici, creati direttamente in formato dxf/dwg e generati in un unica tavola grafica, rendono il modulo uno strumento altamente professionale. Clima Impianti su piattaforma MEP Pannello proprietà Vista 3D Rendering 3D della rete di riscaldamento 20 21

12 Acustica Ispesl Acustica è un programma per la verifica dei requisiti acustici passivi degli edifici, secondo quanto prescrive il D.P.C.M. 5/12/1997 e la classificazione acustica secondo la norma UNI Il programma risolve le esigenze dell utente in termini di massima versatilità, precisione e semplicità d uso. È fornito un archivio con numerose strutture i cui valori, in frequenza o come indice di valutazione, sono il risultato di prove di laboratorio o di misurazioni in opera. Le strutture sono differenziate in: pareti, solai, serramenti, piccoli elementi, contropareti, pavimenti galleggianti e controsoffitti. Per strutture non presenti in archivio il programma consente di stimare i valori richiesti tramite delle formule empiriche. Il calcolo dell isolamento acustico degli edifici è effettuato secondo i criteri delle norme UNI EN parte 1, 2, 3, rispettivamente per il calcolo dell indice di valutazione del potere fonoisolante apparente R w, dell indice di valutazione del livello di pressione sonora di calpestio normalizzato rispetto all assorbimento acustico L n,w, dell indice di valutazione dell isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione D2m,nT,w. I calcoli possono essere effettuati per bande di terzi di ottava e/o per indici di valutazione. Nel caso di bande di frequenza, l indice di valutazione viene ricavato secondo le norme UNI EN ISO (isolamento acustico per via aerea) e UNI EN ISO (isolamento acustico del rumore di calpestio). Calcolati tutti gli indici di valutazione, il programma li confronta con i valori limite riportati nel D.P.C.M. 5/12/1997, a seconda della classificazione degli ambienti abitativi. La norma UNI definisce la classificazione acustica degli edifici e si applica a tutti i tipi di edifici esistenti con alcune eccezioni. La classificazione acustica prevede quattro classi di efficienza acustica, dal livello 1 (più silenzioso) al livello 4 (più rumoroso). La classe viene attribuita alle singole unità immobiliari e non all intero edificio. Sono oggetto di classificazione l isolamento di facciata, l isolamento rispetto agli ambienti adiacenti e il livello sonoro degli impianti. È possibile anche effettuare le verifiche secondo la bozza del DM 88/2009 di attuazione della norma UNI in iter di approvazione. È stata resa possibile la determinazione della classificazione acustica anche in fase di progetto e di stima dell isolamento. L inserimento dei dati può avvenire sia in maniera tabellare sia mediante input grafico attraverso un CAD ad oggetti che consente di inserire pareti e locali su tavole opportunamente predisposte, una per ogni piano dell edificio. Per facilitare il posizionamento delle pareti è possibile importare un disegno in formato dxf/dwg come sfondo. Il programma può scambiare i dati geometrici con Termo e con Clima ed una volta effettuati i calcoli può esportare i risultati in Certificazione Ambientale. È prevista la stampa della relazione tecnica, che riporta tutti i risultati ottenuti oltre all indicazione di conformità dell edificio, e la stampa dettagliata di tutti i calcoli. Tutte le stampe possono essere esportate in formato editabile e in formato pdf comprensivi di formattazione, disegni, ecc... (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) ISOLAMENTO (Codice prodotto TEA 3.1) Il modulo verifica la rispondenza dell isolamento acustico di progetto secondo il D.P.C.M. 5/12/1997, mediante due tipologie: utilizzando gli indici di valutazione (R w, D2m,nT,w, L n,w) o mediante il calcolo degli indici di valutazione dai valori in bande di terzi di ottava. La compilazione della relazione tecnica è resa più semplice dalla presenza di archivi delle strutture (solai, pareti, serramenti, contropareti, controsoffitti, pavimenti, ecc.), con le rispettive proprietà acustiche e dalla facilità di input dati sia in maniera tabellare (con wizard a step) sia tramite un CAD ad oggetti. CLASSIFICAZIONE (Codice prodotto TEA 3.2) Il modulo permette di stampare il dettaglio dei calcoli definendo la classe dell edificio secondo la norma UNI È possibile visualizzare la classe di un edificio in fase progettuale ed esistente. Inoltre il modulo permette il passaggio tra il modulo isolamento al modulo classificazione per determinare così la classe acustica dello stesso edificio. Ispesl è il software che permette di dimensionare e scegliere i dispositivi di sicurezza, espansione, protezione e controllo degli impianti termici ad acqua calda (sia a vaso chiuso che a vaso aperto) e di compilare in automatico le relazioni necessarie alla denuncia di impianto, relativamente ai moduli della relazione tecnica RD, RR, RR/1, nonché l elenco dei componenti ed i documenti complementari in conformità al D.M e alla Raccolta R dell ISPESL giugno 1982, Edizioni 2005 e PRATICHE, il modulo per la progettazione e\o verifica di centrali termiche, possiede una procedura guidata con cui l utente, in funzione del tipo di impianto, dimensiona il vaso di espansione (chiuso o aperto), la valvola di sicurezza o il tubo di sicurezza, la valvola di scarico termico, la valvola di intercettazione del combustibile, il tubo di collegamento al vaso di espansione, la taratura del pressostato, il fondo scala manometro e la pressione di precarica del vaso. Permette di gestire inoltre gli scambiatori di calore, i generatori di vapore, gli impianti solari termici, i generatori modulari e i generatori alimentati a biomasse. CENTRALI TERMICHE è il modulo grafico della suite ISPESL, con interfaccia di uso comune, che dispone di tutti i blocchi e i simboli necessari per costruire lo schema di qualunque centrale termica. Il modulo possiede tutte le principali funzioni di disegno tipiche dei più comuni e noti CAD, e permette input veloci, con una gestione intuitiva di tutti i blocchi, che possono essere ruotati, spostati e scalati rapidamente. Inserimento vaso di espansione Dettagli vaso impianto PRATICHE (Codice prodotto TEA 4.1) Il modulo permette il dimensionamento, in funzione del tipo di impianto, del vaso di espansione (chiuso o aperto), della valvola di sicurezza o del tubo di sicurezza, delle valvole di scarico termico e di intercettazione del combustibile, del tubo di collegamento al vaso di espansione, della taratura del pressostato, del fondo scala manometro e della pressione di precarica del vaso. Il software, aggiornato alla ultima raccolta R 2009, è corredato da un ampio archivio dei componenti tutti implementabili e modificabili dall utente. Di questi esso suggerisce in automatico solo quelli di volta in volta ammissibili secondo i parametri di calcolo (quali la potenza termica e la pressione nominale del generatore, l altezza idrostatica dell impianto, ecc.). Il modulo crea automaticamente tutta la documentazione necessaria ed esporta uno schema generale dell impianto in dwg/dxf. Inoltre, trasmette a CENTRALI TERMICHE l elenco dei componenti scelti, indicando automaticamente in disegno tutti i blocchi necessari a costruire lo schema di impianto. CENTRALI TERMICHE (Codice prodotto TEA 4.2) Il modulo è un CAD dotato di tutte le funzionalità grafiche e dall interfaccia semplice e intuitiva che consente una gestione delle linee e degli oggetti (blocchi) verticalizzata sulle problematiche trattate dal programma. Dispone di tutti i blocchi e i simboli necessari per costruire lo schema di qualunque centrale termica, compresi alcuni schemi standard, e di stampare e\o salvare poi lo schema in dwg\dxf o direttamente in pdf. CENTRALI TERMICHE scambia i dati con il modulo PRATICHE. LibrettoImpianto Inserimento verifica acustica tramite composizione guidata CAD integrato e rappresentazione 3D dell edificio Il nuovo LIBRETTO IMPIANTO è la soluzione web per la realizzazione elettronica del Libretto di impianto per la climatizzazione e dei Rapporti di Controllo di Efficienza Energetica come richiesto dalla normativa D.M. 20/06/2014. Già aggiornato con le implementazioni regionali di Lombardia, Veneto e a breve del Piemonte, il software è stato sviluppato interamente su piattaforma Web per consentire un facile accesso da qualsiasi postazione e una rapida acquisizione dei documenti creati ed archiviati direttamente online. La piattaforma permette di gestire i riferimenti di ogni cliente con uno o più impianti, il riferimento ai prodotti e quindi all efficienza energetica per ogni impianto. L utente potrà creare o modificare i dati raggruppati in schede, riferiti ad ogni prodotto dell impianto. Ogni scheda riporterà il codice del catasto con cui sarà identificato l impianto. FUNZIONALITÀ Gestire autonomamente una anagrafica clienti con la possibilità di collegare uno o più libretti di impianto Creare e modificare libretti di impianto e rapporti di efficienza energetica Esportare il libretto di impianto su device mobili per farlo firmare al cliente ed agli operatori interessati. Stampare ogni singola scheda del libretto di impianto e/o rapporti di efficienza energetica. Stampare l intero libretto di impianto selezionando le schede che ti interessano. È possibile creare o modificare i dati raggruppati in schede, riferiti ad ogni prodotto dell impianto. Login libretto impianto Calcolo isolamento acustico Calcolo classificazione acustica Scheda identificativa dell impianto

13 Ambiente TermoEnergia Ambiente è la nuova famiglia di software dedicata agli utenti che si occupano di progettazione di impianti ad energie rinnovabili, delle problematiche connesse agli studi di Impatto Ambientale e della Certificazione di Sostenibilità Ambientale. A completare ulteriormente il segmento Ambiente è ora disponibile anche la soluzione per l approccio semplificato all LCA (Life Cycle Assessment, Valutazione del ciclo di vita) che, grazie a EPD Building, consente la valutazione analitica della compatibilità ambientale dei componenti edilizi. Seguendo le direttive nazionali e internazionali è la famiglia che implementerà in futuro tutti gli sviluppi legati alle energie rinnovabili e alla gestione delle procedure di Sostenibilità Ambientale. Termo Energia Certificazione Ambientale Impatto Ambientale EPD Building Termo Energia è un software modulare per la progettazione di impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica di distribuzione (grid-connected) e impianti solari termici. La progettazione dell impianto fotovoltaico soddisfa quanto previsto dalla norma UNI EN e dalla norma UNI/TS Il calcolo della radiazione solare captata dai moduli fotovoltaici (che possono avere inclinazione e orientamento qualsiasi) avviene secondo la norma UNI/TR e i dati climatici disponibili nella norma UNI Il programma è in grado di gestire impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica BT o MT a struttura fissa o mobile. È possibile utilizzare un wizard che semplifica l inserimento dei dati nel caso di impianti di piccole dimensioni. È inoltre disponibile la preventivazione per elaborare, con pochi e semplici passaggi, una prima relazione di sintesi tecnico-economica. È prevista la possibilità di calcolare la riduzione delle emissioni di CO2 e il risparmio del combustibile utilizzato. L analisi dei cavi permette di stimare le perdite di tensione sia a valle sia a monte dell inverter in modo tale da scegliere la sezione più idonea dei cavi. La procedura genera in automatico una relazione tecnica di progetto in cui sono evidenziate le verifiche elettriche effettuate e lo schema unifilare dell impianto fotovoltaico in conformità alla norma CEI e CEI 0-21 (06/2012). Con Termo Energia è possibile progettare impianti solari termici sia per acqua calda sanitaria sia per riscaldamento di ambienti secondo quanto previsto dalle norme UNI EN e UNI/TS Il fabbisogno di acqua calda sanitaria può essere inserito dall utente o calcolato secondo la norma UNI/TS La progettazione dell impianto può essere effettuata in modo tale da verificare una percentuale minima di copertura del fabbisogno energetico come richiesto dal D.Lgs. 311/2006 e s.m.i. La procedura permette di calcolare la riduzione delle emissioni di CO2 e il risparmio del combustibile utilizzato e di generare in automatico una relazione tecnica di progetto e lo schema dell impianto. Termo Energia predispone un piano di ammortamento dettagliato che permette all utente di analizzare la resa economica dell impianto ed il tempo di ritorno dell investimento iniziale, tenendo in considerazione le detrazioni fiscali previste dalla legge o, per l impianto fotovoltaico, gli eventuali incentivi del Conto Energia. Un intuitivo CAD integrato permette di posizionare i collettori solari termici, i pannelli fotovoltaici, gli ostacoli locali e analizzare la distribuzione della radiazione solare annua e le ombre proiettate su una superficie. È possibile importare disegni in formato DXF/DWG da utilizzare come riferimento per il posizionamento degli elementi. L ombreggiamento causato dall orizzonte può essere desunto anche da immagini e fotografie. Tutte le stampe possono essere esportate in formato editabile e in formato pdf; inoltre il programma può scambiare i dati energetici con Termo e con Clima per la valutazione della classe energetica complessiva dell edificio e la contestuale realizzazione dell attestato di certificazione energetica. (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) FOTOVOLTAICO (Codice prodotto AMB 1.1) Il modulo FOTOVOLTAICO permette la progettazione di impianti fotovoltaici utilizzando un potente CAD per il disegno dei campi fotovoltaici ed una procedura guidata che agevola notevolmente l input dei dati. Il modulo permette la realizzazione di impianti fotovoltaici secondo le tipologie previste dal Conto Energia, sia a struttura fissa sia mobile (rispetto a un asse orizzontale, verticale o entrambi gli assi). Le modalità di allaccio alla rete elettrica previste sono: monofase in bassa tensione, trifase in bassa tensione e trifase in media tensione. È possibile gestire impianti trifase con personalizzazione delle fasi (impianti sbilanciati). Compresi nel modulo la preventivazione tecnico-economica, l analisi dei cavi, lo schema dell impianto, il calcolo del risparmio di combustibile, il calcolo della redditività dell impianto, il Conto Energia, il piano di ammortamento e molto altro ancora. Completano la procedura dei ricchi archivi di base completi di numerosissimi moduli fotovoltaici ed inverters. SOLARE TERMICO (Codice prodotto AMB 1.2) Il modulo consente la progettazione di impianti solari termici sia per acqua calda sanitaria che per il riscaldamento. Nel modulo SOLARE TERMICO sono presenti CAD integrato, gestione ombreggiamento e radiazione solare, schema grafico dell impianto esportabile in dxf, gestione costi, calcolo redditività, emissioni evitate. Il programma è fornito di completi archivi di base con centinaia di collettori solari termici e accumulatori. Dimensionamento cavi Layout impianto fotovoltaico Ombreggiamento e profilo dell orizzonte Schema elettrico impianto fotovoltaico 24 25

14 CertificazioneAmbientale ImpattoAmbientale Il software Certificazione Ambientale è pensato per supportare il tecnico nella compilazione dei protocolli di Sostenibilità Ambientale presenti in Italia (ITACA, VEA, LEED etc.). L utilizzo dell applicativo aiuta, nelle regioni dove è previsto come le Marche, nella stesura della domanda per usufruire delle agevolazioni previste dal Piano Casa regionale. Negli ultimi vent anni si sono sviluppati degli strumenti di valutazione delle prestazioni ambientali degli edifici. Si tratta di approcci non uniformi, sviluppati in diversi contesti sia di quadro normativo generale che di tradizione edilizia oltre che di stili di vita. Si tratta quasi sempre di strumenti volontari, che conferiscono una certificazione di qualità premiante, anche in termini di mercato, gli edifici che rispondono a certi requisiti. In Italia la certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici non è ancora richiesta da alcuna normativa nazionale ma è gestita a livello locale, ed è quindi prevalentemente un procedimento volontario, che offre un valore aggiunto all edificio. Obiettivo essenziale della certificazione di sostenibilità ambientale dell edificio è quello di fornire un percorso di realizzazione certificabile, che attesti la sostenibilità ambientale dell edificio dalla progettazione fino allo smaltimento degli scarti di demolizione, passando attraverso una vita utile che non imponga elevati carichi ambientali. Con il semplice inserimento dei dati necessari, il programma calcola l indicatore per ogni criterio, per poi assegnare un punteggio da una scala da -1 a +5, che verrà moltiplicato per il peso assoluto del relativo criterio. Lo zero rappresenta lo standard di paragone riferibile alla pratica costruttiva corrente, nel rispetto delle leggi o dei regolamenti vigenti.una volta calcolati i punteggi pesati di tutti i criteri, la loro somma costituirà il punteggio globale. E prevista la stampa della relazione tecnica ITACA contenente il dettaglio dei calcoli e dell attestato di certificazione VEA, l esportazione dei documenti in formato editabile, pdf e l esportazione di dati in excel. Il software Certificazione Ambientale permette di importare direttamente i dati energetici da Termo e Clima ed i dati acustici da Acustica velocizzando notevolmente l input dei dati. La Namirial ha arricchito il software con il modulo CasaCerta, protocollo volontario che si colloca tra protocolli ambientali (vedi ITACA o LEED) e protocolli energetici. Il protocollo è suddiviso in 5 ambiti, ciascuno con i relativi requisiti che, una volta compilati, restituiscono un punteggio che va da 0 a 1. Il punteggio finale CasaCerta, è rappresentato dalla somma dei punteggi assegnati ai criteri, moltiplicati per il corrispondente peso assoluto. Certificazione Ambientale permette la stampa e l esportazione della relazione dei dati inseriti in CasaCerta in formato editabile e pdf, e del riepilogo di CasaCerta in formato Excel. FUNZIONALITÀ (Codice prodotto AMB 3.1) Importazione dati da Termo, Clima e Acustica: Certificazione Ambientale importa direttamente i dati strutturali ed energetici dai software Termo e Clima e la classificazione acustica dal software Acustica Riepilogo e grafici dettagliati dei punteggi: è possibile visualizzare, ad ogni modifica dei dati, l andamento di tutti i vari punteggi all interno del protocollo, sia graficamente che in tabella Stampa riepilogo dei dati ed eventuali relazioni di calcolo: il programma fornisce la stampa di un dettaglia to riepilogo dei dati inseriti nelle varie sezioni (dati strutturali, dati energetici, criteri, etc.) in aggiunta a relazioni o altri documenti, dove previsto Esportazione in Excel del framework di calcolo: il programma permette di esportare i dati creado il framework del protocollo scelto PROTOCOLLI AMBIENTALI ITACA Marche ITACA Marche Sintetico ITACA Campania ITACA Piemonte ITACA Basilicata ITACA Puglia ITACA Lazio ITACA Nazionale 2011 VEA PROTOCOLLI VOLONTARI CasaCerta Per problematiche inerenti gli studi di impatto ambientale (SIA) è stato realizzato l applicativo Impatto Ambientale, per la determinazione dei dati climatici e nella fase di valutazione vera e propria. Il software è composto da due moduli: Diagrammi Climatici (DIACLI) da utilizzare in sede di stesura di analisi ambientali, studi di impatto ambientale, caratteristiche climatiche, studi preliminari, relazioni professionali di settore (agronomiche, forestali, geologiche etc.). Il modulo elabora i dati relativi alle precipitazioni e alle temperature medie mensili fornendo indici e grafici utilissimi con risultati validi, sia sul piano scientifico sia su quello pratico. Valutazione dell Impatto Ambientale (VIA) da utilizzare in sede di studi di impatto ambientale nella valutazione del progetto e nella stima dell entità degli impatti. VIA si basa su una serie di operazioni che consentono di verificare i valori di impatto elementare dell opera in progetto sulle singole componenti ambientali. Alla base del calcolo c è un sistema di equazioni lineari (nota come matrice a livelli di correlazione variabile ) che individua l entità dei livelli di correlazione e la loro somma complessiva. L impatto elementare si ottiene così dalla sommatoria dei prodotti tra l influenza ponderale di un fattore e la relativa magnitudo. All interno del programma sono presenti l archivio dei comuni completo, i rispettivi dati climatici, l archivio delle componenti (atmosfera, clima, suolo, sottosuolo, fauna, ecosistemi, ecc.) e l archivio dei fattori (modifiche morfologiche, caratteristiche geologiche e geotecniche, modifiche del drenaggio superficiale, modifiche idrogeologiche ecc.). Tutti gli archivi sono personalizzabili a seconda delle esigenze di ogni utente. Il software permette l esportazione dei documenti in formato editabile e pdf. DIACLI (Codice prodotto AMB 2.1) Partendo dai dati climatici del comune di appartenenza del progetto, il modulo consente di generare Diagramma Pluviometrico, Termometrico, Termopluviometrico, Ombrotermico, Precipitazioni-Temperature e Climogramma di Peguy e Diagramma di Walter & Lieth. Inoltre si possono calcolare alcuni indici di uso comune quali indice di aridità di De Martonne, pluviofattore di Lang, indice di Fournier, indice di Amman, indice di Angot, evaporazione idrologica di Keller. Il software genera una tabella che racchiude i valori degli indici e i grafici bidimensionali relativi ai Diagrammi. VIA (Codice prodotto AMB 2.2) Partendo dall inserimento di archivi personalizzabili dei fattori e delle componenti ed assegnando i livelli di correlazione, il programma predispone una matrice (specifica per l ambiente di progetto) per la stima degli impatti, aspetto centrale negli studi per la Valutazione d Impatto Ambientale. DIACLI - Indici VIA - Risultati di calcolo Inserimento dati EPDBuilding Valorizzazione criteri Riepilogo punteggi Esportazione in excel Namirial EPD Building è lo strumento informatico in grado di semplificare l approccio all LCA (Life Cycle Assessment, Valutazione del ciclo di vita) per la valutazione analitica della compatibilità ambientale dei componenti edilizi. Il software, principalmente rivolto a tutti gli operatori del settore edilizio, dai tecnici alle aziende produttrici di componenti e materiali edilizi, consente di redigere, ai sensi della norma UNI EN 15804:2013, un rapporto di progetto per il rilascio della dichiarazione ambientale del tipo III, di seguito denominata EPD (Environmental Product Declaration, Dichiarazione Ambientale di Prodotto), in cui si tiene conto dell energia e delle risorse naturali impiegate per la loro produzione. Valutazione di impatto ambientale e consumo di risorse Archivio dei processi FUNZIONALITÀ (Codice prodotto AMB 4.1) Redige una Dichiarazione ambientale di prodotto del III tipo (EPD) secondo la UNI EN ISO 14025:2010; Valuta gli indicatori di impatto ambientale (CML-IA versione 4.2 del aprile 2013), in linea con il Sistema Internazionale EPD (PCR for construction products and CPC 54 construction services, versione 1.2 del ) e la norma UNI EN 15804:2013 tra i quali: Riscaldamento Globale(GWP), Riduzione dello strato di ozono(odp), Acidificazione del suolo e delle acque(ap), Creazione di ozono fotochimico(pocp) e altro ancora; Dispone della banca dati europea ELCD v.3 sviluppata dall Institute for Environment and Sustainability (IES) del Joint Research Center (JRC) della Commissione Europea, contenente oltre 330 dataset; Analizza le criticità ambientali: il diagramma ad albero permette di identificare i punti critici

15 Sicurezza SicurezzaCantieri La famiglia Sicurezza è dedicato a tutti i professionisti che si occupano della sicurezza nei cantieri mobili e temporanei, della sicurezza legata al montaggio, uso e smontaggio dei ponteggi, della sicurezza nei luoghi di Lavoro e della sicurezza e prevenzione di infortuni e malattie. Sicurezza Cantieri consente la redazione del PSC, POS, PSS e FASCICOLO DELL OPERA, anche secondo i modelli semplificati previsti dal DI 9 Settembre 2014, permette inoltre di gestire in maniera efficace tutti gli ADEMPI- MENTI e le VERIFICHE di Cantiere, seguendo i requisiti normativi del D.Lgs. 81/2008 Testo unico sicurezza così come modificato dal D.Lgs. 106/2009. In Sicurezza Cantieri è integrato il modulo App. Sicurezza Cantieri riservato ai professionisti che usano i dispositivi di ultima generazione ios (ipad, iphone e ipod Touch) e Android (smartphone e tablet). Sicurezza Ponteggi è stato sviluppato rispettando fedelmente i requisiti normativi del D.Lgs. 81/2008 Testo unico sicurezza così come modificato dal D.Lgs. 106/2009, e comprende i moduli PIMUS e CALCOLO STATICO analitico. Sicurezza Lavoro, totalmente rivoluzionato, è il nuovo software integrato per la redazione del DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) in accordo a quanto stabilito dal D.Lgs 81/08 e succ. integrazioni, anche secondo le procedure standardizzate DVR-STD ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il software, inoltre, calcola analiticamente il rischio vibrazione, rischio rumore, rischio chimico, rischio movimentazione dei carichi, rischio microclima, R.O.A., rischio stress da lavoro correlato, rischio scariche atmosferiche, videoterminali, biologico, elettrico, incendio, meccanico, amianto, cancerogeno, R.O.N. (radiazioni ottiche naturali per lavori esterni), rischi generici (agenti fisici, ambientale, ecc.), rischio rapina e atmosfere esplosive (Atex polveri e gas). Sicurezza Gestione è la soluzione per chi realizza una politica aziendale interna finalizzata alla prevenzione di infortuni e malattie secondo gli adempimenti previsti dal D. Lgs 81/08, mediante l applicazione di un Sistema di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro (SGSL) conforme all art. 30 del D.Lgs. 81/2008. Il programma consente di adottare anche le procedure per l ottenimento della Certificazione OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series). Sicurezza Cantieri Sicurezza Ponteggi Sicurezza Lavoro Sicurezza Gestione Namirial Sicurezza Cantieri è un software modulare per la realizzazione degli adempimenti relativi alla sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nel pieno rispetto dei requisiti normativi, D.Lgs. 81/2008 Testo unico sicurezza così come modificato dal D.Lgs. 106/2009, sviluppato con l obiettivo di generare documenti essenziali facilmente consultabili in cantiere. I diversi moduli guidano l utente nella realizzazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), del Piano Sostitutivo di Sicurezza (PSS), della Notifica Preliminare, del Fascicolo dell opera, del Piano Operativo di Sicurezza (POS), del DUVRI di Cantiere e nell assolvimento di tutti gli adempimenti del Committente, del Coordinatore per la Progettazione, del Coordinatore per l Esecuzione, dell Appaltatore ecc. Il software integra inoltre i Nuovi Modelli Semplificati per la redazione del POS, PSC, PSS e Fascicolo dell Opera introdotti dal D.I. 9 settembre 2014 ed è aggiornato al D.I. 22 luglio 2014 (Decreto Palchi). L archivio di Sicurezza Cantieri contiene centinaia di schede già compilate riguardanti le fasi di lavorazione, opere provvisionali, sostanze e lavori particolari, comprensive di rischi, adempimenti, prescrizioni normative, segnaletica (aggiornata alla EN ISO 7010) e controlli da effettuare in cantiere. È stato arricchito di nuove lavorazioni per le manifestazioni fieristiche e gli spettacoli in linea con il nuovo Decreto Palchi (D.I. 22 luglio 2014), di un nuovo archivio per la gestione degli elementi organizzativi, nonché di un nuovo archivio di Rischi Aggiuntivi specifici per il PSC. Diagramma di Gantt CAD integrato per la creazione dei layout di cantiere PSC/PSS full (Codice prodotto SIC 1.17) Il modulo permette di redigere il PSC (Piano sicurezza e coordinamento), il PSS (Piano sostitutivo di sicurezza), il DUVRI (Documento Unico Valutazione Rischi Interferenti), il documento preliminare del PSC, la Notifica preliminare e il Fascicolo con le caratteristiche dell opera e inoltre permette la redazione di PSC/PSS e Fascicolo dell opera secondo i nuovi modelli semplificati (DI 9 Settembre 2014). Nel modulo è compreso un sofisticato CAD per la progettazione del layout di cantiere e il diagramma di Gantt per il coordinamento dei lavori, esportabile anche in dxf/jpg. Il modulo si avvale inoltre di un ricco archivio di base completo di fasi lavorative, organizzative, di fattori di rischio, segnali, elenchi prezzi ecc.. PSC/PSS, Fascicolo dell opera con i modelli semplificati (Codice prodotto SIC 1.7) Il modulo permette di redigere il PSC (Piano sicurezza e coordinamento), il PSS (Piano sostitutivo di sicurezza), il DUVRI (Documento Unico Valutazione Rischi Interferenti), il documento preliminare del PSC, la Notifica preliminare e il Fascicolo con le caratteristiche dell opera secondo i nuovi modelli semplificati (DI 9 Settembre 2014). Il modulo si avvale di un ampio archivio di fasi lavorative, rischi aggiuntivi, elementi organizzativi, fattori di rischio, segnali, elenchi prezzi ecc. E inoltre compreso un sofisticato CAD per la progettazione del layout di cantiere e il diagramma di Gantt per il coordinamento dei lavori, esportabile anche in dxf/ jpg, e la gestione dei rischi interferenti. POS full (Codice prodotto SIC 1.28) Il modulo permette di redigere il POS (Piano Operativo di Sicurezza) e il POS secondo i nuovi modelli semplificati (Allegato I del DI 9 Settembre 2014). L utente è guidato nella valutazione dei rischi specifici relativamente ai lavori eseguiti dall impresa, ottenendo in automatico le prescrizioni, le misure preventive e protettive e i dpi necessari. La personalizzazione del cantiere con l individuazione di attrezzature, macchine, sostanze pericolose e relative conformità normative si avvale di ampi archivi precompilati e di specifici algoritmi di calcolo per la valutazione rischio rumore, vibrazione e chimico con le relative banche dati. Nel modulo è compreso un sofisticato CAD per la progettazione del layout di cantiere. Piano operativo di sicurezza POS con i modelli semplificati (Codice prodotto SIC 1.8) Il modulo permette di redigere il POS (Piano Operativo di Sicurezza) secondo i modelli semplificati (DI 9 Settembre 2014). L utente è guidato nella valutazione dei rischi specifici relativamente ai lavori eseguiti dall impresa, ottenendo in automatico le prescrizioni, le misure preventive e protettive e i dpi necessari. La personalizzazione del cantiere con l individuazione di attrezzature, macchine, sostanze pericolose e relative conformità normative si avvale di ampi archivi precompilati e di specifici algoritmi di calcolo per la valutazione rischio rumore, vibrazione e chimico con le relative banche dati. Nel modulo è compreso un sofisticato CAD per la progettazione del layout di cantiere

16 SicurezzaPonteggi L applicativo permette di pianificare, tramite il diagramma di Gantt, un attenta organizzazione delle fasi di lavorazione risolvendo sovrapposizioni spaziali e temporali, evidenziando affollamento e individuando i rischi interferenti e il dettaglio dei rischi calcolati. È possibile inoltre sviluppare il calcolo degli uomini giorno e l incidenza dei costi della manodopera nelle lavorazioni. Tramite l utilizzo di check list, di verbali e di un registro cronologico dei sopralluoghi, il Coordinatore della sicurezza può esercitare correttamente il proprio ruolo in cantiere e dimostrare un attività di verifica coerente e coordinata. Il programma dispone del modulo App. Sicurezza Cantieri per esercitare la verifica direttamente sul luogo utilizzando dispositivi di ultima generazione ios (ipad, iphone e ipod Touch) e Android (smartphone e tablet). Un intuitivo CAD integrato permette facilmente e velocemente la progettazione grafica del cantiere automatizzando la scelta delle fasi organizzative che possono essere direttamente importate dagli archivi. Il programma gestisce anche la determinazione dei costi della sicurezza che può essere eseguita con l ausilio di numerosi elenchi prezzi al fine di una verifica analitica di tale valore. La procedura permette l inserimento nei documenti di testi da parte dell utente in formato editabile e di disegni in formato bmp, wmf, emf, jpg, dxf e dwg. Tutti i documenti possono essere esportati in formato editabile e pdf, comprensivi di formattazione e disegni. Fra i moduli che arricchiscono la suite per la Sicurezza Cantieri, grandi novità costituiscono il nuovo Piano delle Demolizioni e la versione dedicata esclusivamente alla gestione delle lavorazioni nel settore dell Ingegneria Naturalistica. Stima dei costi ADEMPIMENTI (Codice prodotto SIC 1.3) (Acquistabile con PSC e/o POS) ADEMPIMENTI consente con un solo click l assolvimento di tutti gli adempimenti del Committente, del Coordinatore per la Progettazione, del Coordinatore per l Esecuzione e dell Appaltatore. Il programma consente di auto compilare ed adattare al caso in esame centinaia di documenti come verbali, notifiche e dichiarazioni pronti per essere stampati ed archiviati. VERIFICA SICUREZZA (Codice prodotto SIC 1.4) Consente al Coordinatore in fase di Esecuzione lavori il controllo della messa in pratica della sicurezza in cantiere. Alle fasi lavorative ed organizzative sono associati migliaia controlli che permettono una completa gestione dell attività in cantiere con sopralluoghi e verifiche. Il modulo genera verbali di sopralluogo e le comunicazioni, comprese le lettere di contestazione e sospensione. Disponibile anche l App. Sicurezza Cantieri dedicata ai tecnici che utilizzano dispositivi ios (ipad, iphone e ipod Touch) e Android (smartphone e tablet) esercitando la verifica direttamente in cantiere. INGEGNERIA NATURALISTICA (Codice prodotto SIC 1.5) (Acquistabile con PSC e/o POS) Studiato per la valutazione dei cantieri di INGE- GNERIA NATURALISTICA, le cui attività si svolgono all esterno, in ambienti di lavoro con condizioni geografiche difficili (pendenza elevata, pietre instabili, ecc.), da condizioni climatiche variabili (temperature estreme, temporali, vento, sole, pioggia, neve, ecc.) e da condizioni igienico-ambientali particolari (pericoli biologici, quali insetti in genere, piccoli mammiferi, rettili, ecc.). Sono disponibili archivi verticalizzati sulle diverse tipologie di opere dell ingegneria naturalistica (con attrezzature, segnaletica, rischi, grafica, ecc. specifici). PIANO DELLE DEMOLIZIONI (Codice prodotto SIC 1.6) (Acquistabile con POS) Rappresenta uno specifico capitolo del POS in cui vengono decritti l ordine e la metodologia delle operazioni di demolizione in accordo al D.Lgs 81/08 (Titolo IV Sez. VII Artt ). L utente è guidato nell analisi dell ambiente di lavoro e delle strutture da demolire, nell individuazione della successione delle lavorazioni e delle attrezzature, opere provvisionali e procedure utilizzate. Sono disponibili ampi archivi verticalizzati sulle diverse tecniche e tipologie di demolizione (attrezzature, opere provvisionali, procedure, segnaletica, rischi, ecc.). Sicurezza Ponteggi è la nuova sezione dei software dedicati ai ponteggi, sia per la stesura del PIMUS, ovvero del documento obbligatorio per tutti i cantieri che ricorrono al ponteggio per l esecuzione dei lavori, sia per la verifica strutturale, CALCOLO STATICO, spesso obbligatoria. PIMUS, sviluppato con una nuova interfaccia più intuitiva e veloce, rispetta le disposizioni previste dal D.Lgs. 81/2008 Testo Unico Sicurezza e succ. integrazioni. Il PIMUS è un documento essenziale in cantiere per garantire la sicurezza sia del personale addetto al montaggio, uso e smontaggio durante l attività, sia quella di tutti gli altri individui (lavoratori del cantiere, abitanti di uno stabile in restaurazione, ecc.) che potrebbero trovarsi all interno del cantiere. Il programma permette di inserire in modo interattivo, tramite una procedura guidata (Wizard Ponteggio), i componenti dei ponteggi di uno stesso progetto e di generare automaticamente i disegni tridimensionali relativi a ciascuno di essi: per gli elementi del ponteggio vengono automaticamente create e riportate le rispettive prescrizioni di montaggio, uso e smontaggio. In tal modo è possibile realizzare, in modo semplice e rapido, il disegno esecutivo del ponteggio, in funzione della tipologia scelta (a tubi e giunti, a telai prefabbricati e a montanti e traversi prefabbricati), del numero di campate e di impalcati, dell interasse longitudinale e trasversale, dell altezza del primo impalcato e di quelli successivi e di tutto ciò che è necessario per ottenere una documentazione completa. CALCOLO STATICO si integra totalmente con il PIMUS e genera, dal disegno creato con il wizard, la struttura unifilare aste-nodi su cui eseguire le verifiche. L utente, tramite lo stesso wizard, viene totalmente guidato nell inserimento di tutte le informazioni necessarie ad un calcolo di grande precisione. CALCOLO STATICO utilizza un metodo analitico rigoroso per la determinazione delle caratteristiche di sollecitazione, secondo la UNI Le verifiche, secondo UNI, sono eseguite agli stati limite ultimi, attraverso un semplice iter professionale che supera tutte le limitazioni insite nel metodo semplificato, non applicabile dai tecnici per il calcolo e la verifica strutturale dei ponteggi. I moduli di Sicurezza Ponteggi contengono ricchi archivi con decine di prescrizioni relative alle fasi di montaggio, uso e smontaggio dei ponteggi classificate secondo tipologia e modalità di montaggio/smontaggio degli stessi. Inoltre sono presenti e personalizzabili archivi degli appoggi, degli ancoraggi, delle attrezzature, dei DPI e delle prescrizioni, contenenti già le schede compilate per ogni elemento, e non ultimo quello delle dimensioni geometriche per diverse tipologie di elementi del ponteggio. Nel caso del CALCOLO STATICO, sono presenti gli archivi dei materiali, degli impalcati e delle basette, organizzate anche per produttore, per consentire, dopo la selezione di un elemento, l automatica associazione delle caratteristiche geometriche, di peso e di carico relative al componente prescelto. Sono inoltre previste schede in grado di archiviare i modelli di ponteggio (con relativa documentazione) e gli apparecchi di sollevamento dei carichi utilizzati dalle ditte. Il programma permette all utente di inserire documenti editabili e disegni in formato bmp, wmf, emf, jpg o di acquisire immagini direttamente da scanner. Tutti i documenti e relazioni di calcolo possono essere esportati in formato editabile e in pdf. Sicurezza Ponteggi ha la possibilità di interscambio dati con Sicurezza Cantieri POS. Fasi di montaggio e smontaggio ponteggio Archivi del programma (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) PIMUS (Codice prodotto SIC 2.1) Il modulo PIMUS permette di redigere il Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio dei ponteggi, contiene una banca dati di prescrizioni di montaggio, uso, smontaggio per le diverse tipologie di ponteggi completa di rappresentazioni grafiche e consente l archiviazione dei lavori, ponteggi e apparecchi di sollevamento per ogni impresa. CALCOLO STATICO (Codice prodotto SIC 2.2) Il modulo calcola automaticamente le caratteristiche di sollecitazione con metodo analitico rigoroso secondo UNI 12811, esegue la verifica statica agli stati limite ultimi secondo UNI e calcola anche per tipologie miste di ponteggi differenziati anche per moduli. Il programma genera il disegno tridimensionale della struttura aste-nodi direttamente dal disegno del ponteggio con controllo di coerenza fra i due. Il software contiene banche dati di materiali, impalcati, basette per le diverse tipologie di ponteggi e secondo produttori, completi di caratteristiche tecniche geometriche e strutturali ai fini del calcolo statico, permette la personalizzazione delle informazioni per singola asta e nodo con possibilità di leggere e modificare carichi, tipologie, materiali e vincoli e la personalizzazione di ogni modulo per classe di carico, schermatura al vento, tipo di impalcato, caratteristiche ancoraggi e basette. PIMUS e CALCOLO STATICO Funzionalità comuni Dati generali, premessa, dati identificativi del cantiere, dati identificativi della ditta adibita al montaggio/smontaggio del ponteggio. Anagrafica ponteggi e apparecchi di sollevamento carichi. Layout di più ponteggi in pianta contemporaneamente e composizione automatizzata degli stessi. Generazione automatica tridimensionale dei disegni ponteggi. Archivi prescrizioni completo di immagini esplicative. Archivi delle sezioni, ponteggi per dimensioni geometriche personalizzate, ecc. Tra gli altri: ponteggi sfalsati, poggianti su quote diverse, telai a portale e ad H. Registro delle verifiche, con possibilità di stampa indipendente dal documento PIMUS. Dichiarazione di consegna del PiMUS. Esportazione dei documenti in formato editabile e PDF. Controllo completezza e correttezza dei documenti generati. Controllo automatico nuove versioni della procedura via internet. Copia automatica di emergenza. Correttore ortografico. Struttura unifilare aste e nodi Verifica sicurezza tramite tablet Tavolato del ponteggio 30 31

17 SicurezzaLavoro Namirial Sicurezza Lavoro è un software modulare per la redazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), del DUVRI e la valutazione di tutti i rischi specifici a cui sono soggetti i lavoratori nei luoghi di lavoro; è inoltre possibile redigere il DVR secondo le procedure standardizzate DVR-STD, ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i (obbligatorio per le imprese che occupano fino a 10 lavoratori ma può essere utilizzata anche dalle imprese fino a 50 lavoratori). Il software consente di descrivere l azienda ed il suo ciclo lavorativo in maniera veloce, grazie ad un ampio archivio di schede già compilate (ma ulteriormente personalizzabili da parte dell utente) riguardanti fasi di lavorazione, attrezzature, sostanze, impianti, tutte comprensive di rischi, dpi, misure attuate e da attuare, segnaletica, procedure specifiche. Per ogni tipologia di rischio (e per ogni gruppo di lavoratori e\o singoli individui), è possibile calcolare e attribuire un valore (alto, medio o basso) al pericolo individuato, specificare le misure di prevenzione attuate e da attuare (programma di miglioramento), indicare specifiche procedure, la sorveglianza sanitaria e i programmi di formazione e addestramento necessari. È inoltre presente un archivio in cui sono state già analizzate molteplici attività con rischi specifici (come lavori in spazi confinati, lavorazioni in quota, lavori di manutenzione su parti elettriche, ecc.). Sicurezza Lavoro è costituito dall integrazione di più moduli: un modulo base (DVR e/o DVR/STD) che riunisce le funzionalità comuni e la valutazione dei rischi generici, e altri moduli aggiuntivi (acqui- DVR Valutazione struttura (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) DVR (Codice prodotto SIC 3.1) Modulo specifico per redigere il DVR, secondo il D.Lgs. 81/08 e s.m.i., caratterizzato da database personalizzabili (oltre 600 fasi lavorative) e da una struttura ad albero che facilita l inserimento dei dati generali sino al calcolo dei rischi specifici integrati. Il modulo valuta gli ambienti i seguenti rischi: biologico, videoterminali, elettrico, incendio, meccanico, amianto, cancerogeno, rapina, R.O.N. e rischi generici. Completamente Integrabile con tutti gli altri rischi graduati. DVR-STD (Codice prodotto SIC 3.12) Permette di effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate. L impostazione dei dati in input segue rigorosamente i 4 passi previsti dalla procedura, guidando l utente nell inserimento dei dati fino alla stampa finale dei 1.1, 1.2, 2 e 3. DUVRI ( Codice prodotto SIC 3.2) Valutazione dei rischi da interferenze secondo la Legge 123/07 così come aggiornata dal D. Lgs. 81/08 e succ. D. Lgs del 3/08/2009, n Individuate le attività interferenti, il modulo consente l associazione dei rischi connessi e la creazione del Doc. Unico di Valutazione del Rischio Interferenze editabile e modificabile. RISCHIO VIBRAZIONI (Codice prodotto SIC 3.3) Valutazione analitica del rischio globale associato alle vibrazioni trasmesse al sistema manobraccio (HAV) e al corpo intero (WBV), con evidenza del superamento dei limiti di legge e redazione della relazione tecnica. Il modulo calcola e associa ad uno o più lavoratori l insieme di vibrazioni (archivio macchine e attrezzi), tenendo conto dei valori misurati (in archivio o inseriti direttamente dall utente), dichiarati (banca dati ISPESL o direttamente dall utente) e degli eventuali coefficienti correttivi imposti dalla norma nei vari casi, e crea la specifica relazione. RISCHIO RUMORE (Codice prodotto SIC 3.4) Valutazione del rischio rumore negli ambienti di lavoro, secondo le norme UNI 9432:11, UNI 9016:11, UNI EN 458:95, ISO1999:90 con redazione della relazione tecnica. Per ogni lavoratore o gruppo di lavoro, a seconda del tempo di esposizione, il modulo calcola il valore indicativo di esposizione al rumore, indicando necessità di informare e/o formare i lavoratori e le misure di tutela o riduzione dei tempi di esposizione. Il modulo stima e gestisce le incertezze associate ai valori misurati (da campionamento, da posizionamento strumento, tempi di esposizione, ecc.) e calcola l attenuazione della pressione acustica sull udito per uso dei DPI, secondo UNI EN 458:95 ( Metodo - Controllo HML o Metodo SNR). Archivi personalizzabili del CPT di Torino e di sorgenti varie. stabili e utilizzabili anche singolarmente) che ne ampliano le funzionalità e consentono in particolare l analisi dei rischi specifici con metodi analitici. Ciò consente all utente di costruire un pacchetto personalizzato di moduli, adeguato alle proprie specifiche esigenze di lavoro. Complessivamente il software integra l analisi e/o il calcolo dei seguenti rischi: VIBRAZIONI, RUMORE, CHIMICO, MOVIMENTAZIONE CARICHI, MICROCLIMA (severo caldo e severo freddo), R.O.A. (incoerenti e coerenti), STRESS, VIDEOTERMINALI, SCARICHE ATMOSFERICHE, biologico, elettrico, incendio, meccanico, amianto, cancerogeno, R.O.N. (radiazioni ottiche naturali per lavori esterni), rischi generici (agenti fisici, ambientale, ecc.), rischio rapina e atmosfere esplosive (ATEX POLVERI E GAS). Un potente CAD integrato, infine, permette di importare e modificare file in dwg, al fine di gestire e allegare informazioni grafiche al proprio documento. Sicurezza lavoro si distingue per gli archivi completi e personalizzabili, contenenti oltre 80 attività predefinite e oltre 600 fasi lavorative. Sono a disposizione, inoltre, ampi archivi di figure, mansioni, ambienti, attrezzi e macchinari, sostanze, impianti, procedure, rischi, DPI, segnali, agenti biologici, composti chimici, vibrazioni, rumore, gas e polveri, ecc. Tutti i moduli che compongono Sicurezza Lavoro sono in grado di condividere e interscambiare i dati, al fine di velocizzare e semplificare le operazioni di input e la gestione delle informazioni, e presentano una interfaccia comune che consente all utente un approccio immediato. DVR Ciclo lavorativo RISCHIO CHIMICO (Codice prodotto SIC 3.5) Modulo per la valutazione del rischio da esposizione ad agenti chimici pericolosi, che integra sia il Metodo MoVaRisCh (elaborato dalla Regione Emilia Romagna in collaborazione con la Regione Toscana), sia il Metodo Inforisk (elaborato dalla Regione Piemonte), sia la possibilità di effettuare il confronto delle misure ambientali con i Valori Limite (Metodo VLE). Aggiornato al regolamento CE 1272/2008 (CLP), permette di richiamare le sostanze e/o i preparati direttamente dal progetto o dall archivio delle sostanze, nonché di specificare propri composti a partire dai singoli agenti chimici che lo compongono, tenendo conto degli organi bersaglio, delle frasi di rischio associate, dei valori limite di esposizione (TLV-TWA o TLV-STEL). RISCHIO MOVIMENTAZIONE CARICHI (Codice prodotto SIC 3.6) Valutazione del rischio di patologie da sovraccarico biomeccanico per azioni manuali di sollevamento e trasporto di un carico, comprensive di spinta e traino e determinazione delle condizioni di Movimentazione dei Carichi secondo i metodi di calcolo ISO :2003 (sollevamento e trasporto), ISO :2007 (spinta e traino) e ISO :2007 (azioni ripetitive a carico degli arti superiori, metodi OCRA e check list). Inserimento dati mediante step o check-list di controllo. E possibile definire tutti i parametri per il calcolo del PLR e dell indice IS, calcolarli ed ottenere le misure di prevenzione conseguenti. RISCHIO MICROCLIMA (Codice prodotto SIC 3.7) Valutazione dei parametri microclimatici negli ambienti di lavoro secondo le UNI ISO Il modulo calcola l indice WBGT (Wet Bulb Globe Temperature), il valore limite oltre il si raggiunge una situazione di stress termico da severo caldo, e individua per ogni categoria di lavoratori esposti turni di riposo e misure di prevenzione e protezione. Per lo stress da severo freddo, si calcola l indice IREQ che valuta lo stato di malessere avvertito nell esposizione in condizione di basse temperature, tenendo conto degli indumenti protettivi indossati e dell intensità dell attività svolta. RISCHIO R.O.A. (Codice prodotto SIC 3.8) Calcola e relaziona il rischio da esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali, incoerenti e coerenti. Dal censimento delle sorgenti e dall eventuale giustificazione di quelle esenti da rischio, il software indica la necessità di approfondire la valutazione misurando, calcolando e confrontando analiticamente i valori di esposizione con i limiti normativi (VLE). sono gestiti gli errori sperimentali e le incertezze sulle grandezze d interesse. Il metodo di calcolo è conforme all Allegato XXXVII Parte I/II del D.Lgs.81/2008 e alle relative pubblicazioni dell ICNIRP. R.O.A. caratterizza il comportamento di ogni sorgente, calcola grandezze efficaci e limiti di esposizione pertinenti, accerta il possibile danno, l organo interessato e la patologia causata. DVR Rischi di processo DVR Piano di miglioramento 32 33

18 SicurezzaGestione Il modulo Adempimenti consente di autocompilare ed adattare al caso in esame decine di documenti come verbali, notifiche, check-list ed adempiere così a tutti gli obblighi previsti dalle disposizioni legislative vigenti, quali la nomina del RSPP, del Medico competente, del verbale della riunione periodica e di quello della consegna dei DPI, ecc. Il software produce un Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) integrato, in formato editabile, che è possibile personalizzare, così da ottenere sempre un elaborato adeguato alle esigenze personali. Esso è comprensivo del Programma di miglioramento aziendale (necessario per incentivare la crescita nel tempo dei livelli di sicurezza), del Piano di Emergenza e del D.U.V.R.I. Procedure Standardizzate DVR- STD permette di effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i (obbligatorio per le imprese che occupano fino a 10 lavoratori ma può essere utilizzata anche dalle imprese fino a 50 lavoratori). L impostazione dei dati in input segue rigorosamente i passi previsti dalla procedura, guidando l utente nell inserimento dei dati relativi a: Passo 1: Descrizione dell attività, del ciclo e delle mansioni; Passo 2: Identificazione dei pericoli presenti in azienda; Passo 3: Valutazione dei rischi associati ai pericoli identificati con le relative misure attuate; Passo 4: Definizione del programma di miglioramento. Il modulo dispone inoltre di tutti gli ampi archivi di Sicurezza Lavoro: centinaia di schede già compilate (fasi lavorative, rischi, attrezzature, impianti, dpi, segnaletica, procedure, ecc.) da inserire nel progetto con un semplice drag&drop. Il programma genera inoltre in automatico la stampa dei 1.1, 1.2, 2 e 3, conformemente a quanto individuato dai requisiti minimi di legge. Valutazione Rischio Videoterminale Valutazione Rischio Stress RISCHIO STRESS (Codice prodotto SIC 3.9) Valutazione dello stress lavoro correlato nei luoghi di lavoro cosi come richiesto dall articolo 28 comma 1 del D.Lgs. 81/2008 e s.i., aggiornato ai contenuti della Circ. 18/11/2010 e al Nuovo manuale INAIL edizione Mediante check list, individua gli indicatori fonti di stress, riferibili ai dati aziendali e al contesto e contenuto del lavoro. La valutazione può avvenire per azienda o per mansioni, con condizione di rischio Basso, Medio, Alto, individuando le relative misure di correzione e la loro pianificazione. RISCHIO ATEX GAS (Codice prodotto SIC 3.10) Calcolo, secondo CEI 31-10, CEI 31-35, del pericolo di atmosfere esplosive derivanti da gas, vapori e nebbie infiammabili. Esso determina distanza e/o superficie pericolosa, e classifica le zone di rischio analizzando, per sostanza, sorgente, grado di emissione e caratteristiche dell emissione e dell ambiente. Banca dati di sostanze e sorgenti di emissione (strutturali), e CAD per progettare e disegnare sia l area che la sorgente di emissione. ATEX GAS redige il documento sulla protezione contro le esplosioni. RISCHIO ATEX POLVERI (Codice prodotto SIC 3.11) Calcolo, secondo CEI 31-52, CEI 31-56, del rischio esplosioni per nubi o polveri combustibili. Definendo tipo di polvere e sorgente di emissione, esso determina il tipo di zona a rischio esplosione, ne calcola l estensione e associa le misure di prevenzione e protezione. Il tipo di polvere combustibile è ricavabile sia dalla banca dati (guida CEI 31-56), sia manualmente, ricavando dal calcolo la scheda di sicurezza. CAD integrato con rappresentazione grafica della sorgente di emissione e della sua estensione. RISCHIO SCARICHE ATMOSFERICHE (Codice prodotto SIC 3.12) Valutazione del rischio di fulminazione secondo CEI EN 62305:2013. Valutazione della tollerabilità del rischio legato alla perdita di vita umana e, in caso contrario, delle misure di protezione più idonee da adottare per la riduzione dello stesso a valori accettabili. L inserimento dei dati è facilitato da opportune finestre di scelta, da specifici archivi (es. numero medio di fulminazione annue per i comuni italiani) e da messaggi d aiuto. Sicurezza Gestione è la soluzione software semplice e completa, dedicata a chi intende realizzare una politica aziendale interna finalizzata alla prevenzione di infortuni e malattie mediante un efficace gestione di tutti i rischi. È infatti uno strumento altamente professionale che aiuta datori di lavoro e consulenti aziendali per la sicurezza sul lavoro, a gestire tutte le incombenze e gli adempimenti previsti dal D. Lgs 81/08, mediante l applicazione di un efficace Sistema di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro (SGSL). L adozione di un SGSL conforme all art. 30 del D.Lgs. 81/2008 (che esonera le persone giuridiche, le società e le associazioni dalla responsabilità amministrativa), oltre a garantire nel tempo un miglioramento dei livelli di sicurezza, permette di ridurre progressivamente i costi complessivi della Sicurezza sul Lavoro minimizzando i rischi a cui possono essere esposti i dipendenti o i terzi. Inoltre aumenta l efficienza e le prestazioni, e quindi la produttività aziendale, migliora l immagine interna ed esterna dell azienda nonchè il controllo degli adempimenti previsti dalla legge. L adozione di un sistema di gestione, inoltre, consente ad una azienda di ottenere agevolazioni fiscali quale per esempio la riduzione del premio assicurativo (l INAIL offre lo sgravio fiscale alle aziende che utilizzano un sistema di gestione per la sicurezza secondo le Linee Guida INAIL o la norma internazionale OHSAS 18001). Sicurezza Gestione consente quindi di adottare quelle procedure per l ottenimento della Certificazione OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series), rispettando gli standard internazionali identificati dalla norma. Sicurezza Gestione è perfettamente integrato con il software per ottenere il documento di valutazione dei rischi (Sicurezza Lavoro): con un semplice click infatti si passa dalla stesura del DVR (mediante apposito modulo acquistabile separatamente) a tutti gli adempimenti dell SGSL e della norma OHSAS. In particolare tutte le risorse coinvolte nella gestione degli adempimenti vengono memorizzate all interno della sezione Dati Generali, e tutte le informazioni sono gestite in modo comune accorciando notevolmente i tempi di imputazione dei dati e quindi di lavoro. Il modulo OHSAS è stato sviluppato con la consulenza di un Ente di Certificazione noto a livello internazionale che offre la possibilità ai possessori del software, di seguire l iter per l ottenimento della Certificazione OHSAS a prezzi convenzionati. SGSL Adempimenti SGSL Agenda (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) SGSL (Codice prodotto SIC 4.1) È il modulo che aiuta il datore di lavoro nello svolgimento di tutte le incombenze e gli adempimenti dettati dal D. Lgs. 81/08 e succ. integrazioni. E possibile definire le modalità per individuare all interno dell azienda i soggetti, i compiti, le procedure gestionali, le istruzioni, i controlli e le risorse. Funzionalità principali: agenda dei controlli e degli adempimenti; gestione delle anagrafiche aziendali, delle risorse umane e dei DPI; gestione degli infortuni, degli incidenti e dei comportamenti pericolosi tenuti dai lavoratori; gestione della manutenzione di strutture, impianti, macchinari, attrezzature e veicoli; gestione documentale. Il modulo è integrabile con il software Sicurezza Lavoro, ereditandone tutte le informazioni comuni. Il modulo consente di creare una documentazione cartacea collegata ad ogni operazione di inserimento eseguita dall utente. OHSAS (Codice prodotto SIC 4.2) Definisce le modalità per individuare, all interno dell azienda, le responsabilità, le procedure, i processi e le risorse per la realizzazione di una politica aziendale di prevenzione che rispetti gli standard internazionali identificati dalla norma OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series). Il modulo gestisce i rischi e gli aspetti legali relativi alla salute e alla sicurezza dei lavoratori, definisce obiettivi, finalità e programmi per un continuo miglioramento dell azienda, definisce responsabilità e modalità per la formazione, addestramento e coinvolgimento del personale, individua le modalità di identificazione e gestione delle azioni correttive (AC) e delle azioni preventive (AP). Inoltre vengono definiti controlli sistematici (infortuni, incidenti, non conformità, azioni correttive e preventive) e periodici sull adeguatezza del sistema gestionale, viene assicurato un corretto ed efficace flusso di informazioni all interno e all esterno dell azienda, vengono gestiti rischi e pericoli connessi ad attività svolte da terzi presso il sito dell organizzazione, vengono definite le misure più idonee atte ad individuare, prevenire e controllare i possibili eventi accidentali e le emergenze e viene garantita una gestione della documentazione. OHSAS è integrato con il modulo DVR, di cui eredita tutti i dati comuni. OHSAS Modelli istruzioni operative OHSAS Registro consegna DPI Valutazione Rischio Chimico Valutazione Rischio ATEX polveri 34 35

19 Manutenzione Manutenzione Manutenzione è la famiglia dedicata ai professionisti che devono redigere i Piani di Manutenzione Strutturale e il Piano di Manutenzione dell Opera completo. In futuro sarà ampliata con il Fascicolo del Fabbricato per la gestione delle informazioni riguardanti la vita di fabbricati ed immobili in generale. Il nuovo programma Manutenzione, basato sulla nuova interfaccia più intuitiva e veloce, contiene un ampia banca dati con tutte le informazioni sulle modalità d uso dell immobile e delle sue parti, sui livelli minimi delle prestazioni e le anomalie riscontrabili negli elementi tecnici, sugli interventi di controllo e di manutenzione necessari alla conservazione del bene e sulle frequenze e modalità di esecuzione degli interventi. Manutenzione è composto da due moduli: PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIO E STRUTTURALE DELL OPERA in conformità al D.P.R. n.207/2010, documento obbligatorio del progetto esecutivo che comprende al suo interno anche la parte strutturale e PIANO DI MANUTEN- ZIONE STRUTTURALE come previsto dalle Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14/01/2008) e regolato dalla Circolare n.617/2009 che va depositato, al Genio Civile del territorio. Il Piano di Manutenzione ordinario e strutturale dell opera ha lo scopo di stimare tutte le caratteristiche dell Opera per garantirne il mantenimento, mentre il Piano Strutturale è un documento in cui sono pianificate e programmate tutte le attività e gli interventi relativi solo alla parte strutturale dell Opera. Il progettista deve rispettare la forma richiesta dal regolamento di attuazione della legge quadro suddiviso nei seguenti documenti operativi: manuale d uso contiene tutte le informazioni relative all uso corretto delle parti dell opera; manuale di manutenzione indica la corretta manutenzione del bene, le anomalie riscontrabili e le operazioni di manutenzione; programma di manutenzione contiene i sottoprogrammi delle prestazioni, l elenco dei requisiti delle prestazioni per ogni elemento tecnico, l elenco dei controlli, quello delle verifiche e il sottoprogramma degli interventi possibili. Caratterizzato da un rigoroso rispetto della normativa, da una semplice interfaccia e da una comoda struttura ad albero, guida l utente passo passo nell impostazione rapida dell opera in oggetto, individuandone le parti costituenti (unità tecnologiche ed elementi tecnici), le strutture e gli impianti. Un ampio archivio (contenente oltre 1700 voci) consente di caratterizzare rapidamente e rigorosamente l opera, fornendone le prestazioni ed i livelli minimi, individuando le anomalie a cui sono soggetti gli elementi tecnici ed organizzando così gli interventi di controllo e manutenzione, corredati dalle frequenze di attuazione e dalle modalità esecutive. L archivio contiene elementi tecnici già completamente definiti e suddivisi per ambito. La procedura è caratterizzata da un estrema semplicità d uso e permette all utente di inserire un numero a piacere di rappresentazioni grafiche utilizzando sia la semplice operazione di copia/incolla sia importando immagini. La possibilità di allegare al programma di manutenzione i grafici delle frequenze dei controlli e delle manutenzioni risulta un valido strumento per sintetizzare la cadenza degli interventi. Il programma offre un ampia possibilità di personalizzazione della stampa dei piani i quali possono essere esportati in formato editabile e pdf. (Tutti i moduli sono acquistabili singolarmente) PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIO E STRUTTURALE DELL OPERA (Codice prodotto MAN 1.12) Il modulo PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIO E STRUTTURALE DELL OPERA consente la redazione del manuale d uso, del manuale di manutenzione e programma di manutenzione secondo il D.P.R. 207/2010 e il nuovo regolamento di esecuzione e di attuazione del codice dei contratti pubblici. Nel modulo è presente un ricco archivio di base con schede già compilate per tutte le parti del sistema edilizio composto da opere, unità tecnologiche ed elementi tecnici che vanno a definire il piano semplicemente importandole dall archivio di base. Al suo interno è compresa la parte strutturale. PIANO DI MANUTENZIONE STRUTTURALE (Codice prodotto MAN 1.2) l modulo PIANO MANUTENZIONE STRUTTURALE consente di realizzare il piano solo per gli elementi tecnici strutturali (come indicato nelle Norme Tecniche per le Costruzioni contenute nel D.M. 14 gennaio 2008). Il modulo automatizza il processo di importazione dei dati strutturali dall archivio e inoltre permette l estrazione del piano di manutenzione strutture da un classico piano di manutenzione. Esso è corredato di un completo archivio di base di opere, unità tecnologiche ed elementi tecnici esclusivamente strutturali. Importazione delle immagini in formato bmp, wmf, emf, jpg, dxf e dwg. Controlli del piano di manutenzione Grafico degli interventi Gestione immagini del piano Collocazione grafica elemento tecnico 36 37

20 Contabilità Regolo Contabilità è la famiglia tutta dedicata ai professionisti che si occupano di contabilità lavori e della gestione dei costi dell impresa edile. Regolo guida l utente nelle fasi di progettazione di opere pubbliche e private. Contabilità Industriale di Cantieri permette all utente un agevole e precisa gestione dei costi dell impresa edile, rendendo facile e veloce la gestione delle bolle, delle fatture, dei rapportini giornalieri, dei magazzini, delle giacenze e delle scadenze. Regolo Contabilità Industriale di Cantieri Regolo, ha come obiettivi prioritari la minimizzazione del lavoro manuale coniugata con la massima semplicità d uso. Un interfaccia intuitiva e gradevole guida l utente nella fase di progettazione con la stessa facilità che si ha lavorando su un foglio di carta ma con la certezza che i documenti prodotti siano sempre perfettamente allineati all evoluzione normativa. L utilizzo di Regolo da parte di migliaia di professionisti, imprese ed Enti in tutta Italia ha fatto sì che lo scambio dei documenti quali elenchi prezzi, computi metrici, libretti delle misure, ecc..., possa avvenire non più tramite supporto cartaceo, ma direttamente su supporto magnetico, minimizzando sia il lavoro di battitura che la possibilità di errori. È disponibile una fornita biblioteca di elenchi prezzi base già compilati (naturalmente sempre modificabili secondo le esigenze dell utente), tra cui quelli rilasciati dalle Amministrazioni Regionali, Provinciali, Camera di Commercio ecc... Tutti gli elenchi prezzi messi a disposizione possono essere scaricati tramite il programma o dal nostro sito. La funzione di ricerca consente di trovare una specifica parola, prezzo o codice della voce all interno del documento con le stesse modalità con cui l utente è abituato a operare con i più comuni programmi di videoscrittura. L aggiornamento continuo del programma con l adeguamento alle modifiche normative e l aggiunta di nuove funzioni sempre più semplici e potenti rendono Regolo un investimento estremamente conveniente. Con semplici operazioni di Drag&Drop o di Copia&Incolla è possibile copiare o spostare voci e/o misurazioni fra elenchi prezzi e computi e libretti anche di documenti diversi. È possibile inoltre definire l ordine di stampa delle voci di elenco per il computo metrico ed il libretto delle misure. Tra le principali funzionalità del software spiccano: la possibilità di personalizzare la descrizione delle voci e delle misurazioni nello stile o con immagini, i quadri economici di raffronto fra computi e libretti, la simulazione di contabilità e l esportazione di tutti gli elaborati in formato editabile RTF, in formato pdf oltre all esportazione del computo metrico, del libretto e dell elenco prezzi in formato Excel (con campi calcolati e formule). Tutte le stampe possono essere personalizzate nella copertina e nell intestazione. ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO/ANALISI (Codice prodotto CON 1.1) Il modulo in questione permette la redazione di computi metrici, la gestione degli elenchi prezzi e l analisi dei costi. Questo modulo è lo strumento ideale per chi deve creare agevolmente computi metrici di progetto o di variante, fare raffronti fra essi e gestire in dettaglio l analisi dei costi anche nidificata. La procedura è ricca di funzionalità che agevolano l inserimento, la copia e l organizzazione dei dati rendendo intuitivo l approccio con il software. CONTABILITÀ LAVORI (Codice prodotto CON 1.2) Il modulo implementa tutte le funzionalità relative alla contabilizzazione per lavori pubblici a corpo, a misura e in economia; consente la redazione del libretto delle misure, registri di contabilità, stati di avanzamento lavori, certificati di pagamento, ecc.. I dati possono essere importati da computi metrici o da altre contabilità. Tramite un grafico ed un chiaro quadro economico è possibile monitorare costantemente lo stato di contabilizzazione dei lavori. Il modulo consente anche la stampa del libretto dei ferri. Computo Metrico Gestione libretto contabilizzato delle misure Quadro sintetico situazione contabile Quadro economico 38 39

FSE: QUANDO APPLICARLA

FSE: QUANDO APPLICARLA Caratteristiche Tecniche FSE: QUANDO APPLICARLA In presenza di vincoli urbanistici, architettonici, strutturali o produttivi che rendono impossibile il rispetto delle norme tecniche prescrittive o nei

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it DESCRIZIONE GENERALE Software di calcolo strutturale, per il progetto

Dettagli

Corso di alta formazione

Corso di alta formazione Corso di alta formazione Fire Safety Engineering: dal prescrittivo al prestazionale Applicazione della FSE per lo studio del fenomeno incendio, simulazione ed evacuazione delle persone verso luogo sicuro

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI UNIVERSITA' DEGLI STUDI FACOLTA' DI INGEGNERIA RELAZIONE DI FINE TIROCINIO PER IL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE PER LA PROTEZIONE DAI RISCHI NATURALI (curriculum costruzioni civili) ADEGUAMENTO

Dettagli

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Due sono le esigenze che la relazione tenterà di conciliare: da un lato l obbligo di garantire la protezione

Dettagli

listino prodotti Prevenzione Incendi MODULI PROGETTAZIONE ATTIVITÀ

listino prodotti Prevenzione Incendi MODULI PROGETTAZIONE ATTIVITÀ listino prodotti MODULI PROGETTAZIONE ATTIVITÀ CPI win GUIDA NORME + MODELLI. Tutte le norme di prevenzione incendi, sicurezza e termotecnica su file. La guida, arricchita dall elenco di tutte le norme

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Sintec & Partners S.r.l.

Sintec & Partners S.r.l. Qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Sicurezza nei cantieri Privacy Software engineering Prevenzione incendi Rumore, impatto acustico Formazione Progettazione Marcatura CE Haccp Qualità UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

Milano 1/2 ottobre 2014

Milano 1/2 ottobre 2014 Milano 1/2 ottobre 2014 Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali quali: murature, cemento armato, solai in laterocemento e solai misti in lamiera grecata e calcestruzzo, mediante l applicazione

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Antincendio Fanno parte di questa area applicativa i seguenti moduli software:

Antincendio Fanno parte di questa area applicativa i seguenti moduli software: Antincendio Fanno parte di questa area applicativa i seguenti moduli software: Carico d'incendio Rilevatori di incendio Relazioni VVF Reti idranti e naspi Impianti Sprinkler (add on del modulo Reti idranti

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

Ovviamente rimango disponibile per valutare ogni altro Vs. suggerimento in merito per rendere ancora più gradita ed efficace la nostra proposta.

Ovviamente rimango disponibile per valutare ogni altro Vs. suggerimento in merito per rendere ancora più gradita ed efficace la nostra proposta. BM Sistemi srl Via Sacro Cuore 114/c 97015 Modica (RG) Tel/Fax 0932.763691/0932.459010 e-mail: info@bmsistemi.com web: www.bmsistemi.com Ordine degli ingegneri di Lecce Viale De Pietro 23 73100 Lecce Tel:

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Oggetto: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Sede Motorizzazione Civile di Roma Nord Sede M.C.T.C. Roma Nord - Via

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.) Corso di aggiornamento in prevenzione incendi Prato, 24/06/2015 INQUADRAMENTO NORMATIVO DELLA

Dettagli

ORDINE ARCHITETTI PPC PROVINCIA VARESE

ORDINE ARCHITETTI PPC PROVINCIA VARESE ORDINE ARCHITETTI PPC PROVINCIA VARESE organizza in collaborazione con PRO FIRE ENTE ACCREDITATO Corso tecnico di aggiornamento in materia di prevenzione Incendi Art. 7 D.M. 05/08/2011 AUTORIZZAZIONE IN

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA pag. 1 CERTIFICAZIONE ENERGETICA TermiPlan è il software per la certificazione energetica e la verifica delle prestazioni energetiche degli edifici, la redazione dell Attestato di Qualificazione Energetica

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO:

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: Sistema cartongesso Gypsotech Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Rimini, 16 Marzo 2011 FASSA Un esperienza che

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

GEMMA GEMMA ONLINE GEMMA PLUS

GEMMA GEMMA ONLINE GEMMA PLUS GEMMA GEMMA ONLINE GEMMA PLUS Semplificare e velocizzare la gestione delle manutenzioni di mezzi ed impianti antincendio, attraverso un sistema informativo che supporta e guida l attività del personale

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007 CONSULTA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ORDINI E COLLEGI PROFESSIONI TECNICHE DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TREVISO TREVISO incede per ignes CO N V E G N O PRESTAZIONI DEGLI EDIFICI E RESISTENZA

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Il Software sicuramente più completo nel settore della Prevenzione Incendi!

Il Software sicuramente più completo nel settore della Prevenzione Incendi! CPI win ATTIVITA è il software leader nella progettazione antincendio delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco, sia a normativa specifica che non, comprendendo la maggior parte delle attività

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA Seminario di aggiornamento professionale Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali Pistoia, 30 novembre 2012 "Dal progetto alla certificazione

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO VALORIZZAZIONE DELLA RISORSA LEGNO NELL AMBITO DELLE COSTRUZIONI ATTRAVERSO L INDIVIDUAZIONE DI MODALITA PER IL RAGGIUNGIMENTO DI ELEVATI STANDARD DI SICUREZZA

Dettagli

Catalogo formazione. Software per l edilizia CATALOGO FORMAZIONE

Catalogo formazione. Software per l edilizia CATALOGO FORMAZIONE Catalogo formazione Software per l edilizia CATALOGO FORMAZIONE 1 L AZIENDA CHI SIAMO Namirial S.p.A. è una Innovation company, a capitale interamente italiano, che eroga prodotti e servizi nei settori

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing.

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing. Approccio ingegneristico alla sicurezza contro il rischio di incendio FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA NECESSARIA EVOLUZIONE

Dettagli

SOFTWARE PER IL DISEGNO DI PONTEGGI, CASSEFORME E SOLAI

SOFTWARE PER IL DISEGNO DI PONTEGGI, CASSEFORME E SOLAI SOFTWARE PER IL DISEGNO DI PONTEGGI, CASSEFORME E SOLAI D à l a g i u s t a d i m e n s i o n e a i t u o i p r o g e t t i MEC CAD è una Software House specializzata nella produzione di software per CAD

Dettagli

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE Vigili del fuoco Belluno Ing. Giuseppe Lomoro ing. giuseppe lomoro 1 Certificazione (voce di Wikipedia) Il certificato, in

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: TECNICO DELLA REALIZZAZIONE DI ELABORATI GRAFICI ATTRAVERSO L'USO DI STRUMENTI INFORMATICI E PROGRAMMI CAD AGENZIA FORMATIVA: New Training

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA DELLA RELEASE

ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA DELLA RELEASE giugno 2015 MASTERSAP 2015 ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA DELLA RELEASE Cogliamo anche l occasione per segnalare alcuni dei progetti di sviluppo in corso, che con tutta probabilità saranno

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

SymCAD C.A.T.S. Software di progettazione impianti HVAC NUOVA VERSIONE 2014/2015

SymCAD C.A.T.S. Software di progettazione impianti HVAC NUOVA VERSIONE 2014/2015 SymCAD C.A.T.S Software di progettazione impianti HVAC NUOVA VERSIONE 2014/2015 1 PREMESSA SymCAD viene costantemente aggiornato, seguendo l evoluzione della normativa tecnica (europea, ma non solo) e

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

PRESENTAZIONE ES VISION PLUS

PRESENTAZIONE ES VISION PLUS PRESENTAZIONE ES VISION PLUS PREMESSA La logica del software è quella di semplificare lo sviluppo dei preventivi da parte del serramentista e nel contempo confrontare le prestazioni degli infissi individuate

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. maggio 2010 oggi Robustelli Test Geom. Mauro, Cascina Santa Maria Appiano Gentile (CO)

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. maggio 2010 oggi Robustelli Test Geom. Mauro, Cascina Santa Maria Appiano Gentile (CO) F ORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Cascina Santa Maria 22070 Appiano Gentile (CO) Telefono Ufficio +39 031 89 11 20 Cellulare + 39 366 31 43 432 Fax Ufficio +39 031

Dettagli

IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: METODOLOGIE E PRINCIPALI INNOVAZIONI

IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: METODOLOGIE E PRINCIPALI INNOVAZIONI XIV Incontro Convegno: LA SICUREZZA DEL LAVORO NEL XXI SECOLO: QUALI PROSPETTIVE? Ricordo del Prof. Ing. Werther Neri Aula 216 CNR Area della Ricerca di Bologna - Via Gobetti 101 Bologna IL CODICE DI PREVENZIONE

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011 LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO COI SISTEMI FASSA Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Milano, 26 Ottobre 2011 COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO La Prevenzione è una materia

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

MASTERSAP 2015 - Le principali novità

MASTERSAP 2015 - Le principali novità Maggio 2015 MASTERSAP 2015 - Le principali novità NTC 2015 L uscita della nuova versione di, la 2015, si avvicina: illustriamo pertanto le principali novità della release. Cogliamo anche l occasione per

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale VVF Taranto D.M.07/08/2012 - Con decreto del Direttore centrale per la prevenzione e sicurezza

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

Speed 3.0. Speed 3.0 Gestione dell ufficio spedizioni. Titolo: Procedura di gestione dell ufficio spedizioni. Presentazione prodotto. Pag.

Speed 3.0. Speed 3.0 Gestione dell ufficio spedizioni. Titolo: Procedura di gestione dell ufficio spedizioni. Presentazione prodotto. Pag. Pag. 1 di 28 Procedura di gestione dell ufficio spedizioni Pag. 2 di 28 Sommario Introduzione 3 Principali funzioni di Speed 5 5 Ordini clienti 6 Abbinamento ordini cliente / trasportatore 8 Automazione

Dettagli

In Touch With The Future Milano 10/10/2013. FIRMAGRAFOCERTA Ing. Luigi-Enrico Tomasini

In Touch With The Future Milano 10/10/2013. FIRMAGRAFOCERTA Ing. Luigi-Enrico Tomasini Milano 10/10/2013 FIRMAGRAFOCERTA Ing. Luigi-Enrico Tomasini Chi è Namirial Società di software e servizi per Enti, CAF, Banche, professionisti ed aziende. Ente Certificatore accreditato nel 2010 presso

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale. Seminario di progettazione

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale. Seminario di progettazione INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Seminario di progettazione RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE. III EDIZIONE D.M. 09.03.2007: Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ver. 6 Dario Flaccovio Editore srl Settembre 2011 ISBN 978-88-579-0105-8 PREMESSA Il programma Impianti di riscaldamento ver. 6 nasce dall esigenza di aggiornare la versione precedente

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO ESECUTIVO PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

NORME DI PREVENZIONE INCENDI GENERALI E SEMPLIFICATE: Un nuovo testo unico nel processo di rinnovamento e semplificazione.

NORME DI PREVENZIONE INCENDI GENERALI E SEMPLIFICATE: Un nuovo testo unico nel processo di rinnovamento e semplificazione. NORME DI PREVENZIONE INCENDI GENERALI E SEMPLIFICATE: Un nuovo testo unico nel processo di rinnovamento e semplificazione. DVD Alessandra Bascià Comando Provinciale VVF Venezia Il Contesto IL DOPO 151/2011

Dettagli

Sede corsi Sala San Satiro - Piazza S. Ambrogio 15

Sede corsi Sala San Satiro - Piazza S. Ambrogio 15 PRO FIRE organizza in cooperazione con COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MILANO ENTE ACCREDITATO Corso tecnico di aggiornamento in materia di prevenzione Incendi. D.M. art. 7

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02 N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Descrizione dei programmi scaricabili dal sito alla pagina http://www.ingegneriasoft.com/downloads.htm

Descrizione dei programmi scaricabili dal sito alla pagina http://www.ingegneriasoft.com/downloads.htm Descrizione dei programmi scaricabili dal sito alla pagina http://www.ingegneriasoft.com/downloads.htm Stru 3D Win. Preprocessore e postprocessore per Microsap, Sap90 e Sap2000. Clicca qui per scaricare

Dettagli

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Company profile MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Sede Legale Strada della Repubblica, 66 43121 Parma Sede amministrativa Via Rampognana,

Dettagli

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO DAI FORMA AL TUO SUCCESSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO GESTIONE DEL BUSINESS ANALISI DEI RISULTATI Accompagna il vostro sviluppo... E un sistema affidabile ed innovativo KING AZIENDA è la soluzione gestionale

Dettagli

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO DAI FORMA AL TUO SUCCESSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO GESTIONE DEL BUSINESS ANALISI DEI RISULTATI Accompagna il vostro sviluppo... E un sistema affidabile ed innovativo KING AZIENDA è la soluzione gestionale

Dettagli

Lo studio e la ricerca per la sicurezza antincendio

Lo studio e la ricerca per la sicurezza antincendio Lo studio e la ricerca per la sicurezza antincendio Studio sulla validazione dei sistemi wireless di rilevamento e allarme incendio 1 La motivazione Esperienze sulla sicurezza antincendio nel patrimonio

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

FIRESTOP. Manuale d uso

FIRESTOP. Manuale d uso FIRESTOP software tecnico CAD Manuale d uso Capitolo 1 Introduzione Capitolo 1 1.1 Introduzione Il software FireStopCAD consente il disegno interattivo degli Apprestamenti Antincendio e la stesura di una

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO

DAI FORMA AL TUO SUCCESSO DAI FORMA AL TUO SUCCESSO CONTABILITÀ E BILANCIO REDDITI ANALISI ANTICIPATA IMPOSTE Soluzione per il commercialista E un sistema affidabile ed innovativo KING STUDIO è progettato per il professionista

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI REVIT: PROGETTARE CON IL BIM. Il corso è stato pensato per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta a questo software e che vogliono imparare ad utilizzarlo per produrre tavole tecniche complete

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO

FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO 18 FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO FOCUS NORMATIVO LA PROTEZIONE AL FUOCO LA NUOVA NORMATIVA ANTINCENDIO D.M. 16.02.2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti

Dettagli

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione B7 Locali di pubblico trattenimento e svago - 04/01/10 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-7 Locali di pubblico trattenimento e svago R.D. n 773/1931 e s.m.i. artt. 68/69/80 1. Dati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Controllo tecnico delle Costruzioni. Verifica del progetto ai della Validazione. Organismo di controllo indipendente accreditato ISP N 061E

Controllo tecnico delle Costruzioni. Verifica del progetto ai della Validazione. Organismo di controllo indipendente accreditato ISP N 061E Controllo tecnico delle Costruzioni ISP N 061E Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Verifica del progetto ai della Validazione

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

Guida rapida all uso di Termo

Guida rapida all uso di Termo Guida rapida all uso di Termo 1 Introduzione Namirial Termo 3 è l evoluzione di Namirial Termo 2.7 per la certificazione energetica degli edifici residenziali e non residenziali. Si presenta nella nuova

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

Forum di Prevenzione Incendi Milano, 27 Settembre 2012 Relatore: Roberto Borraccino

Forum di Prevenzione Incendi Milano, 27 Settembre 2012 Relatore: Roberto Borraccino Forum di Prevenzione Incendi Milano, 27 Settembre 2012 Relatore: Roberto Borraccino 1 Com è noto, la straordinaria concentrazione di capolavori d arte nei musei, unitamente all immenso patrimonio culturale

Dettagli

Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura.

Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura. Prodotti per la protezione passiva dal fuoco di elementi, strutture e materiali in acciaio, legno, cemento armato e muratura. Vernici intumescenti (reattive), vernici fuoco ritardanti. I rivestimenti reattivi

Dettagli