IP Multicast Routing. Silvano GAI Fulvio RISSO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IP Multicast Routing. Silvano GAI Fulvio RISSO. http://staff.polito.it/fulvio.risso/"

Transcript

1 IP Multicast Routing Silvano GAI Fulvio RISSO 1

2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo ed i copyright relativi alle slides (ivi inclusi, ma non limitatamente, ogni immagine, fotografia, animazione, video, audio, musica e testo) sono di proprietà degli autori indicati a pag. 1. Le slides possono essere riprodotte ed utilizzate liberamente dagli istituti di ricerca, scolastici ed universitari afferenti al Ministero della Pubblica Istruzione e al Ministero dell Università e Ricerca Scientifica e Tecnologica, per scopi istituzionali, non a fine di lucro. In tal caso non è richiesta alcuna autorizzazione. Ogni altra utilizzazione o riproduzione (ivi incluse, ma non limitatamente, le riproduzioni su supporti magnetici, su reti di calcolatori e stampate) in toto o in parte è vietata, se non esplicitamente autorizzata per iscritto, a priori, da parte degli autori. L informazione contenuta in queste slides è ritenuta essere accurata alla data della pubblicazione. Essa è fornita per scopi meramente didattici e non per essere utilizzata in progetti di impianti, prodotti, reti, ecc. In ogni caso essa è soggetta a cambiamenti senza preavviso. Gli autori non assumono alcuna responsabilità per il contenuto di queste slides (ivi incluse, ma non limitatamente, la correttezza, completezza, applicabilità, aggiornamento dell informazione). In ogni caso non può essere dichiarata conformità all informazione contenuta in queste slides. In ogni caso questa nota di copyright non deve mai essere rimossa e deve essere riportata anche in utilizzi parziali. 2

3 Cos è il Multicast Possibilità di trasmettere la medesima informazione a più utenti finali senza essere costretti ad indirizzare questi ultimi singolarmente e senza avere, quindi, la necessità di duplicare per ciascuno di essi l'informazione da diffondere Multicast e la multimedialità non sono la stessa cosa, ma sono due concetti estremamente correlati quando si entra nell'ambito delle comunicazioni Es. servizi di videoconferenza 3

4 IP e il multicasting Trasmissione di pacchetti IP multicast Non c è alcuna differenza rispetto a pacchetti unicast Gli host non hanno quindi alcun problema a trasmettere dati multicast Il multicast è visto semplicemente come un indirizzo IP un po diverso Recapito a destinazione dei pacchetti IP Multicast Il recapito di pacchetti multicast a destinazione è decisamente diverso da quello dei pacchetti unicast un problema Unicast: il routing è fisso, i protocolli devono semplicemente riportare che un certo host H è localizzato in una certa zona della rete Internet Multicast: il protocollo deve individuare dove sono localizzati tutti gli hosts che vogliono ricevere quella trasmissione e trasmettere il flusso solo sulle reti interessate 4

5 Host Group Concetto nuovo, alla base del multicasting Ogni singolo host può aderire ad un host group e poi abbandonarlo Host Extensions for IP Multicasting, RFC1112 Ogni host group è contraddistinto da un indirizzo IP di classe D La trasmissione dei dati avviene inviando dei pacchetti con questo IPdest Ogni rete deve capire se, al suo interno, esistono degli host che hanno intenzione di ricevere i pacchetti destinati a questo host group Sono strutture dinamiche La composizione di un host group non è nè fissa nè limitata e varia nel tempo 5

6 Tipi di Host Group Permanente Ha un indirizzo ben noto e assegnato a priori Esiste sempre, anche se non esistono membri al suo interno Ad esempio gli indirizzi di multicast utilizzati da alcuni protocolli di routing (es. RIP o OSPF) per il loro funzionamento Temporaneo Esiste solo finché qualcuno ne fa parte Non esistono limitazioni di sorta Si può entrare e uscire dai gruppi a propri piacimento Non ci sono limiti sul numero di gruppi a cui è possibile appartenere contemporaneamente Viene rilasciato nel momento in cui il gruppo non ha più alcun membro, ed è disponibile alla creazione di un nuovo host-group 6

7 IP e il multicasting I Multicast Router (mrouter) instradano i pacchetti multicast La funzionalità di multicast router è integrata su un normale router IP Spesso è necessario abilitarla con un comando apposito Un mrouter ha un algoritmo di forwarding diverso per i pacchetti multicast rispetto a quelli unicast Un datagram inviato in multicast verrà consegnato a tutti i membri dell'host group di destinazione con il "miglior sforzo possibile", esattamente come accade per i pacchetti unicast. Pertanto sul datagram inviato in multicast non sono garantiti né il tempo né l'ordine di consegna 7

8 Indirizzi multicast Indirizzi di classe D Gli indirizzi che identificano un host group sono detti indirizzi di classe D iniziano con 1110 Nella notazione standard di Internet gli indirizzi multicast sono compresi nell'intervallo:

9 Indirizzi multicast Alcuni casi particolari L'indirizzo non viene assegnato a nessun gruppo è il gruppo permanente composto da tutti gli host Questo indirizzo viene utilizzato dagli mrouter per inviare messaggi di controllo agli host direttamente connessi su una data rete locale I messaggi destinati a questo gruppo non vengono mai inviati al di fuori della rete locale In caso contrario sarebbe una banalità intasare Internet Non esiste l'indirizzo globale di tutti gli host connessi ad Internet : indirizzo di tutti gli mrouter 9

10 Multicast sulle LAN Sulle LAN il multicast di livello 3 è realizzato tramite il multicast di livello MAC Si ottimizza il processo di ricezione, perché il multicast MAC è filtrato direttamente dall hardware della scheda Il pacchetto multicast IP è passato ai livelli superiori solo se la scheda lo riconosce come un pacchetto di un gruppo multicast riconosciuto Mapping degli indirizzi Sono disponibili i 23 bit meno significativi dell indirizzo MAC Lo spazio di indirizzamento IP dedicato al multicast è invece esteso su 28 bit (prefisso 1110) I 23 bit meno significativi dell'indirizzo IP vengono mappati negli omologhi bit dell'indirizzo multicast MAC corrispondente 10

11 Mapping IP MAC Ad un indirizzo MAC corrispondono 2 5 indirizzi IP Alcuni host riceveranno dei pacchetti IP che non sono destinati a loro; questi pacchetti vengono scartati a livello IP e non a livello MAC, aumentando l overhead sull host Per evitare il problema: fare attenzione all'assegnazione degli indirizzi multicast Bit che possono dare origine a collisione sull indirizzo MAC 1110 x 27 x 26 x 25 x 24 x 23 x 22 x 21 x 20 x 19 x 18 x 17 x x 0 Multicast IP address E 0x 22 x 21 x 20 x 19 x 18 x 17 x x 0 Multicast MAC address for IP Indirizzi MAC riservati dall IEEE per IP multicast: E E-7F-FF-FF (indirizzi Global Group)

12 Configurazione delle NIC card Bisogna abilitare o disabilitare la ricezione di indirizzi multicast sulla scheda di rete I driver della scheda di rete devono permettere due nuove funzioni JoinHostGroup (address, interface) LeaveHostGroup (address, interface) 12

13 Componenti fondamentali del multicast Trasmissione dati gli host trasmettono i dati ad un indirizzo particolare (multicast) Determinazione dell esistenza di ricevitori di un certo gruppo multicast su un particolare segmento di LAN Nel caso non esistano ricevitori, non è il caso di inoltrare quei pacchetti sulla LAN Propagazione dell esistenza e della localizzazione dei ricevitori Il routing multicast deve tenere traccia della localizzazione dei vari ricevitori, creando un albero coprente in modo da minimizzare i costi e recapitare i pacchetti a tutti Le reti che non hanno ricevitori vengono tagliate dall albero (pruning) 13

14 IGMP Internet Group Management Protocol È il protocollo per la gestione e lo scambio delle informazioni di controllo tra gli host e gli mrouter Scopo primario: permettere agli mrouter di mantenere sempre aggiornate al loro interno le tabelle che associano ad ogni rete locale gli host group presenti sulla rete stessa In realtà IGMP può essere utilizzato anche per lo scambio delle informazioni di controllo tra gli mrouter IGMP deve necessariamente essere abilitato su tutti gli host che vogliono ricevere, oltre che inviare, pacchetti multicast La versione attuale dell'igmp è la numero 2 esistono installazioni della 1 la numero 0 è obsoleta I messaggi IGMP vengono spediti in multicast per tutti gli host sulla LAN e sono incapsulati in un datagram IP con campo protocol type uguale a 2 14

15 Il pacchetto IGMP Version Type Unused Checksum Group Address Type 1 = Host Membership Query: inviate dal multicast router verso gli host, per tenere aggiornata la lista degli host group attivi sulla LAN 2 = Host Membership Report: inviate dall'host in risposta alle query del router Group Address Viene impostato a zero nelle query generali per scoprire quali gruppi operano sulla LAN Nei report contiene l'indirizzo dell'host group a cui appartiene un host 15

16 Il protocollo IGMP (1) I multicast router inviano periodicamente query per scoprire quali host group sono attivi su una LAN Le query sono indirizzate (a livello IP) al gruppo di tutti gli host ( ) e hanno TTL=1 Un pacchetto con TTL = 1 non esce dalla LAN Un multicast router è abilitato, di default, a ricevere tutti i gruppi multicast 16

17 Il protocollo IGMP (2) Gli host rispondono alle query generando dei report, con cui segnalano al multicast router tutti gli host group a cui appartengono La risposta avviene utilizzando il gruppo multicast di appartenenza In particolare, gli host rispondono inviando un report per ciascun host group a cui sono iscritti Il router abilitato invia periodicamente dei messaggi di query Se dopo un certo numero di tentativi non riceve alcun report per quel determinato gruppo, assume che non ci siano più membri Se un host ha appena aderito ad un gruppo multicast deve inviare immediatamente un report affinché sia in grado il prima possibile di ricevere i pacchetti indirizzati a quel gruppo 17

18 IGMP: Tecniche di ottimizzazione I messaggi di report possono intasare la rete. Per ovviare a ciò: Quando un host riceve una query avvia un timer per ciascun gruppo a cui appartiene: ogni timer viene fatto partire da un valore casuale scelto tra 0 e D secondi; allo scadere del timer si genera il report relativo. Oltre ad utilizzare i timer, ogni host resta in ascolto e se sente un report con un indirizzo multicast corrispondente ad uno dei suoi, non genera un altra risposta per quel multicast group È indifferente, per un router, sapere che sulla LAN ci sono 2 piuttosto che N receivers per quel gruppo 18

19 IGMP v. 2 (1) Arricchisce la versione 1, mantentendo la compatibilità con gli host che hanno tale versione Aggiunte Specifica la modalità con cui si elegge il designated router viene scelto quello con indirizzo IP più basso sull'interfaccia considerata In IGMP v.1 questa procedura viene demandata al protocollo di routing protocolli differenti potrebbero implementare tecniche di elezione del designated router differenti ed incompatibili tra loro, provocando la presenza di più designated router sulla stessa rete Messaggio Group-Specific Query Permette ad un router multicast di interrogare un ben specifico gruppo invece che tutti i gruppi presenti sulla LAN 19

20 IGMP v. 2 (2) Aggiunte Messaggio Leave-Group Accelera le operazioni di eliminazione di un gruppo da una LAN Inviato al gruppo All-Routers da un host che intende lasciare un certo gruppo multicast, specificando l'indirizzo del gruppo che si vuole abbandonare Quando il router riceve un messaggio di questo tipo inizia ad inviare una serie di Group-Specific Query verso quel particolare gruppo di destinazione e se continua a non ricevere risposta elimina la entry relativa al gruppo sull'interfaccia interessata Velocizza le operazioni di pruning di alberi multicast inutili 20

21 IGMP v. 3 Sostanzialmente aggiunge due nuovi comandi Inclusion Group-Source Report ed Exclusion Group-Source Report Un host può specificare da quale sorgente vuole o non vuole ricevere traffico multicast destinato ad un certo gruppo Se ci sono più sorgenti attive che inviano pacchetti ad un determinato gruppo, gli host possono scegliere di ricevere i pacchetti provenienti solo da una di queste sorgenti Si tratta di un mezzo per risparmiare banda, in quanto questa informazione può essere sfruttata dai router per potare ulteriori ramificazioni degli alberi di distribuzione 21

22 Multicast Router MULTICAST ROUTER Host Membership Report Host Membership Query HOST HOST HOST HOST 22

23 Protocolli di Instradamento (1) I protocolli di instradamento per pacchetti multicast gestiscono alberi di distribuzione multicast da una sorgente verso le destinazioni attive Originariamente sono stati definiti solo protocolli intradomain Successivamente, sono stati pensati anche protocolli inter-domain Ci si è accorti che un protocollo classico, intra-domain, non scala su Internet Il multicast è ancora un problema insoluto Ad una distanza di 20 anni rispetto alle proposte originarie (Deering), non esiste ancora il multicast su scala geografica 23

24 Protocolli di Instradamento (2) I protocolli intra-domain utilizzati sono DVMRP (Distance Vector Multicast Routing Protocol) basato sui distance-vector MOSPF (Multicast OSPF) è un protocollo di tipo link-state PIM (Protocol Independent Multicast) Il protocollo inter-domain proposto è BGMP (Border Gateway Multicast Protocol) 24

25 Algoritmi di instradamento Algoritmi proposti da Steve Deering Stephen E. Deering, "Multicast routing in internetworks and extended LANs," in SIGCOMM 88, pp , Aug Selective Flooding Reverse Path Forwarding Reverse Path Broadcasting Truncated Reverse Path Broadcasting Reverse Path Multicasting 25

26 Reverse Path Forwarding (1) Migliora il Flooding Quando un router riceve un pacchetto multicast, lo invia su tutte le altre interfacce a patto che quella da cui è arrivato sia sul cammino più breve tra il router e la destinazione Funziona solo se la rete è simmetrica (calcola il costo del reverse path) È utilizzabile in presenza di un algoritmo di routing unicast di tipo Distance Vector Ha le distanze del router da ogni destinazione 26

27 Reverse Path Forwarding (2) Problemi Non tiene conto del fatto che ci siano ascoltatori o meno (non fa pruning) Carica la rete in modo inaccettabile: non viene generato alcun albero di instradamento il pacchetto viene sempre distribuito su tutti i link Su alcuni link transitano più copie dello stesso pacchetto Ad esempio se X e Y hanno distanza minima da S dall interfaccia superiore, sulla LAN A transiteranno 2 copie dei pacchetti emessi da S Di conseguenza, transiteranno 2 pacchetti anche su LAN B Suppone la rete simmetrica X Z S Y LAN A LAN B 27

28 Reverse Path Broadcasting Evoluzione del RPF Si costruisce un albero di distribuzione multicast (come per costruire lo spanning tree), e i pacchetti raggiungono tutte le destinazioni passando sui rami di quest albero Non è più necessario trasmettere i pacchetti su tutti i link, ma solo su quello dove ci sono le interfacce figlie Viene creato un albero distinto per ogni sorgente (che si pone come nodo radice) 28

29 RPB: Costruzione dell albero di multicast Ogni router deve capire la sua posizione all interno dell albero di distribuzione Non è necessario che conosca l intero albero Due tipi di interfacce Interfaccia padre : interfaccia a distanza minore verso la sorgente Siccome RPB si appoggia su un protocollo di routing DV, questo è facile da scoprire Interfaccia figlie : le altre interfacce del router I pacchetti potranno essere ricevuti sia dalle interfacce padre, sia da quelle figlie Se il pacchetto arriva da un interfaccia padre Viene accettato ed eventualmente propagato Se il pacchetto arriva da un interfaccia figlia Viene sempre scartato 29

30 RPB: Propagazione dei pacchetti multicast Propagazione di pacchetti multicast Tra le interfacce figlie che sono affacciate su una LAN, è necessario identificare quella che ha il diritto di propagare il pacchetto a valle Viene selezionato il router designato per quel link Per ogni link a cui il router è affacciato, il router esamina i DV che gli sono arrivati dagli altri router presenti su quel link Il router che ha distanza inferiore verso la sorgente diventa router designato ed ha diritto a propagare i pacchetti su quella LAN In caso di costo uguale, viene presa l interfaccia con IP più basso 30

31 RPB: esempio Definizione dell interfaccia padre Ogni router sceglie l interfaccia a costo minore Interfacce superiori, sia per X, che per Y e Z Definizione del designated router Sulla LAN A ci sono 3 router, quindi il router padre è quello con costo minore verso S (cioè X) Propagazione dei pacchetti X e Y ricevono i pacchetti dall interfaccia superiore Solo X può propagare il pacchetto sulla LAN A Y si vede arrivare un pacchetto dall interfaccia inferiore, che non è un interfaccia padre, quindi non lo propaga Z invece propaga il pacchetto perché lo riceve dalla sua interfaccia padre X Y Z S LAN A LAN B 31

32 Reverse Path Broadcasting (4) Problemi: sostanzialmente gli stessi del RPF Non tiene conto del fatto che ci siano ascoltatori o meno (non fa pruning) Suppone la rete simmetrica 32

33 Truncated RPB (1) Inserisce il concetto di pruning Gli algoritmi precedenti lasciavano agli host il compito di filtrare i pacchetti, occupando banda inutilmente Implica che l albero di distribuzione dipenda dalla sorgente e dal gruppo di multicast (con RPB dipende solo dalla sorgente) Richiede che gli end-systems generino dei membership-reports Non invia il multicast sulle LAN foglia qualora queste non abbiano receivers È richiesto l uso di un protocollo che comunichi, ad ogni router, se su quella LAN ci sono receivers 33

34 Truncated RPB (2) LAN foglia: rete non usata da nessun altro router per raggiungere la sorgente multicast Determinazione di quali sono le LAN foglie : ogni router deve inserire nei propri DV l informazione del suo next hop per raggiungere ogni destinazione Questo è automatico in RIP con Split Horizon con Poisoning Reverse, perché tutte le destinazioni raggiunte attraverso il link sul quale l annuncio è inviato vengono poste con distanza pari a infinito Si supponga che il router Z propaghi la sorgente S a costo infinito verso la LAN A Questo significa che la LAN A è un link di transito, perché i pacchetti della sorgente S transiteranno su LAN A per andare a Z Quindi, se la entry relativa alla sorgente in esame è propagata con distanza infinita, quel link NON è una foglia Questa ottimizzazione semplifica l algoritmo, ma non impedisce che sui nodi interni dell albero ci sia traffico inutile 34

35 Reverse Path Multicasting (1) Supera le limitazioni di TRPB, realizzando il pruning di intere ramificazioni Algoritmo Primo pacchetto inviato dalla sorgente S: viene propagato secondo l algoritmo TRPB Se il pacchetto raggiunger un router i cui link sono tutte foglie prive di membri di quel gruppo, il router invia un messaggio di No-Membership-Report (NMR) al router padre Se il router padre riceve questi messaggi da tutti i suoi figli, genera a sua volta un NMR verso il padre 35

36 Reverse Path Multicasting (2) Messaggi NMR: hanno validità limitata Quando scadono, viene adottato nuovamente l algoritmo TRPB Problema: ci sono dei multicast storm periodici Messaggi Membership-Report Servono per comunicare al nodo padre che si è aggiunto un ascoltatore per quel gruppo In questo caso deve essere attivato rapidamente il ramo dell albero, senza aspettare il timeout precedente Scalabilità Critica, perché ogni router deve tenere molte informazioni per ogni coppia (source, group) 36

37 Link State Multicast Routing Basa il suo funzionamento sull esistenza di un protocollo di routing unicast di tipo LS Funzionamento Ogni router ha la mappa completa della rete, quindi è in grado di calcolare, per ogni source, l albero di distribuzione verso ogni potenziale receiver Viene creato un nuovo Link State Advertisement che annuncia l esistenza di un receiver in relazione ad un particolare host group Il pacchetto viene inviato in flooding, così che tutta la rete conosce esattamente la posizione di ogni receiver per ogni gruppo multicast Se un router riconosce di essere su un albero di distribuzione, si attiva a fare il forwarding degli eventuali pacchetti appartenenti a quel gruppo Non è più necessario il flood and prune 37

38 LS Multicast Routing: problemi (1) L instradamento del primo pacchetto di una trasmissione può richiedere parecchio tempo L albero dei cammini minimi viene calcolato solo nel momento in cui un utente inizia a trasmettere Quando il primo pacchetto arriva ad un router, questo deve calcolare l albero di instradamento per sapere su quali link lo deve forwardare Per i pacchetti successivi questo calcolo non è più necessario in quanto l informazione si troverà in cache 38

39 LS Multicast Routing: problemi (2) Memoria CPU Ogni router deve contenere una nuova entry (un nuovo LSP) per ogni rete con un membro di quel particolare host group Il calcolo dell albero di instradamento va fatto per ogni sorgente di ogni gruppo Il numero di alberi è molto elevato Ogni sorgente ha un albero distinto verso ogni destinazione La tabella di routing deve mantenere, anzichè semplicemente la destinazione (per il routing unicast), la coppia (sorgente, destinazione) Per ogni coppia è necessaria una entry distinta, in quanto ogni router deve calcolare un percorso distinto per ogni possibile destinazione 39

40 Core-Based Tree (1) Prevede la creazione di un unico albero di distribuzione multicast per tutto il gruppo G L albero è indipendente dalla sorgente Core router È il router principale dell albero di distribuzione Utilizzo di stati forti Non vengono inviate periodici messaggi di refresh sullo stato dei gruppi multicast; poco adatto a situazioni altamente variabili Tony Ballardie, Paul Francis, and Jon Crowcroft, "Core based trees (CBT)," in SIGCOMM 93, pp , ACM, Sept (also in Computer Communication Review 23 (4), Oct. 1992) 40

41 Core-Based Tree (2) Algoritmo di costruzione dell albero Quando un router periferico (leaf router) riconosce che un host nella sua rete vuole agganciarsi al gruppo di multicast, invia un messaggio particolare (Join Reques) al core router Tutti i router che ricevono questo messaggio marcano l interfaccia dalla quale il messaggio arriva come una interfaccia da usare per il forwarding dei pacchetti multicast per quel gruppo Nel caso in cui il messaggio raggiunga un router che fa già parte dell albero (prima di raggiungere il core rotuer) la segnalazione si ferma, e all albero precedente viene aggiunto un nuovo ramo 41

42 Core-Based Tree (3) Data Forwarding Un membro del gruppo invia semplicemente il pacchetto in multicast Ogni router che riceve un pacchetto lo invia su tutte le interfacce appartenenti a quel gruppo di multicast (definite nella fase di costruzione dell albero) tranne quella da cui il pacchetto è arrivato Problemi Il core-router è un single point of failure La posizione del core-router influenza pesantemente le performance dell algoritmo La scelta ottimale della posizione può essere decisamente complicata I percorsi non sono ottimizzati Vantaggi: scalabilità (poche informazioni di stato nei routers) 42

43 Algoritmi inter-domain Sono necessari algoritmi di tipo gerarchico La complessità degli algoritmi tradizionali (e le informazioni di stato da tenere) non permettono la scalabilità In generale, gli utenti sono sostituiti dai domini Routing non gerarchico: l utente Y vuole ricevere i gruppi A, B, C Routing gerarchico: Il dominio X vuole ricevere i gruppi A, B, C Entrano in gioco altre politiche (come per il BGP) 43

44 Classificazione dei protocolli LAN / Small Networks WAN / Autonomous System Internet Suitable Protocols DVMRP (RPM) MOSPF (linkstate) PIM-DM PIM-SM CBT BGMP (MASC) 44

45 DVMRP (1) DVMRP è definito nello RFC 1075 Protocollo Distance Vector, derivato dal RIP Versione 1: è basato sul TRPB Versione 3: viene adottato RPM DVMRP ignora le informazioni di routing degli altri protocolli DVMRP calcola route che possono differire da quelle utilizzate per il traffico unicast La duplicazione nel calcolo delle route unicast (è necessario avere, ad esempio, sia RIP che DVMRP sulla stessa rete) è dovuta al fatto che spesso la rete unicast e multicast non coincidono esattamente (ci possono essere router che solo solo unicast, ad es. Mbone) 45

46 DVMRP (2) Usa una metrica basata sul numero di hop Il cammino che collega due neighbor DVMRP può includere molte reti e molti router (unicast) I tunnel sono configurati manualmente DVMRP è attualmente usato da MBONE disponibile sui router disponibile anche sugli host (daemon mrouted) 46

47 MOSPF (1) Protocollo Link State, estensione di OSPF DVMRP è invece un protocollo completamente nuovo Essendo basato su OSPF, permette ai singoli router di avere una conoscenza completa della topologia della rete e dei costi relativi ai singoli collegamenti Crea una base dati che descrive la topologia dell'autonomous System I pacchetti multicast vengono instradati attraverso uno shortest path tree Usa una tecnica indicata con il nome di source/destination group routing Adatto a bassa densità di gruppi multicast Source/Destination routing In MOSPF il pacchetto multicast viene instradato sia in base all'indirizzo di destinazione (cioè l'indirizzo multicast) sia in base all'indirizzo della sorgente, cioè dell'host che ha generato il pacchetto 47

48 MOSPF (2) Funzionamento Il percorso di instradamento di un pacchetto multicast viene effettuato su richiesta i router intermedi, nel momento in cui si vedono arrivare il primo pacchetto destinato da una particolare sorgente verso un certo host group, creano, con un opportuno algoritmo, uno shortest path tree che permette di instradare il pacchetto lungo i cammini più brevi verso tutte le direzioni indicate dall'indirizzo multicast Questo funziona se l algoritmo ha raggiunto la stabilità del database degli LSA (altrimenti lo SPT non sarebbe comune su tutta la rete) 48

49 MOSPF (3) MOSPF è definito nello RFC1584 Broadcast periodico delle informazioni sui gruppi I router MOSPF possono essere mischiati con router OSPF I cammini scelti per i pacchetti multicast non passano per i router solo OSPF I router OSPF indicano di poter operare anche come router MOSPF utilizzando un nuovo bit (MC) nel campo Option dell header OSPF 49

50 MOSPF (4) È stato aggiunto un nuovo tipo di LSA Type 6 I router MOSPF producono LSA di tipo 6 per informare gli altri router nella loro area dei gruppi multicast attivi sulle loro reti Gli LSA tipo 6 non sono propagati tra le aree Gli ABR MOSPF producono LSA di tipo 6 per informare gli altri router nella backbone area dei gruppi multicast attivi sulle loro aree non backbone Un nuovo bit (W) è associato ai router link states Quando W=1 il router può essere scelto come gateway verso tutti i multicast group Il bit W è uguale a uno per gli MOSPF ASBR e per gli MOSPF ABR MOSPF è una buona scelta per il multicasting intra-dominio 50

51 PIM (1) Protocol Independent Multicast Calcolo dei cammini inversi: si basa sulle informazioni di routing derivate dai sottostanti protocolli di routing unicast, qualunque essi siano (DV o LS) Da qui deriva il nome di Protocol Independent Diversamente da DVMRP e MOSPF, non include pertanto meccanismi per il calcolo delle route unicast Come il DVMRP può attraversare più domini di routing unicast 51

52 PIM (2) Affronta due diverse problematiche relative alla spazialità dei ricevitori Reti estese con pochi ricevitori sparsi ai quattro venti PIM-SM - Sparse mode (RFC 2117) Derivato da CBT; ha un basso numero di stati generato ed è fortemente scalabile Reti con ricevitori molto concentrati PIM-DM - Dense Mode (Internet Draft) Adotta l algoritmo RPM, quindi assomiglia a DVMRPv3 PIM-SM e PIM-DM non possono coesistere in uno stesso dominio di routing multicast I router del dominio vanno configurati opportunamente 52

53 PIM: comportamenti di default Implicit Join Protocol PIM-DM (come DVMRP): in mancanza di indicazioni esplicite, i pacchetti vengono inoltrati in una certa rete È necessario generare messaggi di Prune per interrompere il traffico multicast Explicit Join Protocol PIM-SM (come MOSPF): in mancanza di indicazioni esplicite, i pacchetti non vengono inoltrati in una certa rete MOSPF: richiede però che tutte le informazioni di multicast siano distribuite a tutti i router del dominio, anche a quelli non interessati dal traffico multicast Non è in grado di limitare le informazioni solamente ai router interessati È necessario generare messaggi di Join per attivare il traffico multicast 53

54 PIM-DM (1) Adatto ad ambiti locali o metropolitani Non particolarmente parco in termini di banda Ci possono essere pacchetti inoltrati in zone non interessate dal particolare gruppo multicast La banda non è normalmente un problema in ambito LAN-MAN Gestione molto semplice Inoltra i pacchetti per la nuova coppia (src, grp) su tutte le interfacce figlie fino a quando viene ricevuto un Prune Prima di inoltrare il pacchetto, controlla il reverse path per vedere che arrivi dall interfaccia giusta 54

55 PIM-DM (2) È necessario confermare esplicitamente l esistenza di receivers nel proprio sottoalbero I messaggi sono pertanto inviati in multicast R3 1. PIM-DM Prune(grp) 2. PIM-DM Join(grp) Net1 R1 Net2 R2 55

56 PIM-DM (3) ip multicast-routing interface ethernet 1 ip pim dense-mode! interface ethernet 2 ip pim dense-mode 56

57 PIM-SM Nasce per rendere disponibile un protocollo sparse mode Pochi gruppi rispetto al numero di LAN L overhead introdotto dal multicast Dense Mode non è più trascurabile Si serve delle tabelle di unicast indipendentemente dal protocollo unicast che le ha costruite Si basa sul concetto di albero di distribuzione centralizzato ed è l'evoluzione del CBT Scalabile Adotta un approccio dinamico nella gestione delle entry di routing 57

58 PIM-SM Non usa mai il flooding Tre nodi speciali Designated router (DR), che si occupa di raccogliere le richieste degli host Rendez-vous point (RP), un punto di raccolta dei pacchetti destinati ad un certo gruppo multicast, che corrisponde al core router dell'algoritmo CBT Il RP dipende dal singolo gruppo di multicast Bootstrap Router (BSR), che si occupa di distribuire a tutto il dominio PIM-SM l elenco dei RP 58

IP Multicast Routing. Silvano Gai sgai@cisco.com. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Nota di Copyright. Multicast Backbone

IP Multicast Routing. Silvano Gai sgai@cisco.com. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Nota di Copyright. Multicast Backbone Nota di Copyright IP Multicast Routing Silvano Gai sgai@cisco.com Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle

Dettagli

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo IP Multicast Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Silvano Gai sgai@cisco.com Multicast - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Multicast

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Multicast RETI INTERNET MULTIMEDIALI Multicast MULTICAST Introduzione Nuove applicazioni possono richiedere l uso di collegamenti di tipo puntomultipunto audio e video streaming in broadcast giochi in rete (Quake),

Dettagli

Multicast e IGMP. Pietro Nicoletti www.studioreti.it

Multicast e IGMP. Pietro Nicoletti www.studioreti.it Multicast e IGMP Pietro Nicoletti wwwstudioretiit Multicast-2004-1 P Nicoletti: si veda nota a pag 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul

Dettagli

Se si vuole fare una query non per uno specifico gruppo multicast il campo Group Address viene lasciato a 0.

Se si vuole fare una query non per uno specifico gruppo multicast il campo Group Address viene lasciato a 0. LEZIONE 22 Le comunicazioni multicast vengono definite per risolvere il problema delle comunicazioni di gruppo. Una possibilità per realizzare questo è dire: se una stazione deve fare una trasmissione

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione Multicast IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei protocolli applicativi

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Multicast. Davide Guerri CASPUR

Multicast. Davide Guerri CASPUR Multicast Davide Guerri CASPUR 1 Nota di copyright Copyright 2006 by Davide Guerri (). Fatte salve esplicite autorizzazioni, la copia letterale e la distribuzione di questo documento

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai@cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota a

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO ARP e RARP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ARP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

IGRP Interior Gateway Routing Protocol

IGRP Interior Gateway Routing Protocol IGRP Interior Gateway Routing Protocol Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IGRP - 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Analisi delle problematiche nelle reti multicast ipv4

Analisi delle problematiche nelle reti multicast ipv4 Università degli Studi di Pavia Facoltà di ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Sede di Mantova Analisi delle problematiche nelle reti multicast ipv4 Relatore: prof. Giuseppe f. Rossi Tesi

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) OSPF I lucidi presentati al corso sono uno

Dettagli

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Pietro Nicoletti piero[at]studioreti.it HSRP-VRRP - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol

Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Nota di Copyright Hot Standby Routing Protocol e Virtual Router Redundancy Protocol Pietro Nicoletti nicoletti@studioreti.it www.studioreti.it! Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

ACCESS LIST. Pietro Nicoletti www.studioreti.it

ACCESS LIST. Pietro Nicoletti www.studioreti.it ACCESS LIST Pietro Nicoletti www.studioreti.it Access List - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Argomenti della presentazione. Nota di Copyright. Routing interdominio

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Argomenti della presentazione. Nota di Copyright. Routing interdominio Interdomain routing Principi generali e protocolli di routing Interdomain_routing - 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle

Dettagli

Multicast IPv6. Teoria e pratica. Marco d Itri IPv6 Task Force Italia - Luglio 2005. ITgate Network

Multicast IPv6. Teoria e pratica. Marco d Itri <md@linux.it> IPv6 Task Force Italia - Luglio 2005. ITgate Network Multicast IPv6 Teoria e pratica Marco d Itri ITgate Network IPv6 Task Force Italia - Luglio 2005 Indice 1 Introduzione 2 Formato degli indirizzi 3 Protocolli di routing 4 m6bone 5 Implementazioni

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo XIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo XIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2008/09 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Multicast Tutorial Il multicast nella rete dell'universita e della Ricerca: la conoscenza da uno a molti

Multicast Tutorial Il multicast nella rete dell'universita e della Ricerca: la conoscenza da uno a molti Multicast Tutorial Il multicast nella rete dell'universita e della Ricerca: la conoscenza da uno a molti Marco Marletta GARR-B NOC marco.marletta@garr.it 2 AGENDA Introduzione al Multicast Requisiti e

Dettagli

bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani copyright 2011 g. di battista, m. patrignani nota di copyright

bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani copyright 2011 g. di battista, m. patrignani nota di copyright bridge / switch il cuore delle lan g. di battista, m. patrignani nota di copyright questo insieme di slides è protetto dalle leggi sul copyright il titolo ed il copyright relativi alle slides (inclusi,

Dettagli

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Mario Baldi

Interdomain routing. Principi generali e protocolli di routing. Mario Baldi Interdomain routing Principi generali e protocolli di routing Mario Baldi Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Interdomain_routing - 1 Nota

Dettagli

ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30

ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30 ESERCITAZIONE 9 Lezioni di riferimento: 29, 30 Tecniche di instradamento Nel modello di riferimento OSI una rete di calcolatori è vista come un insieme di sistemi interconnessi. Su alcuni di tali sistemi

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS:

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS: Routing Introduzione Il routing sulla rete avviene grazie all indirizzamento gerarchico: ogni router non conosce tutte le possibili destinazioni. Routers di livello basso conoscono solo le sottoreti che

Dettagli

Link Aggregation - IEEE 802.3ad

Link Aggregation - IEEE 802.3ad Link Aggregation - IEEE 802.3ad Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti http://www.studioreti.it Basato sul capitolo 8 di: M. Baldi, P. Nicoletti,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.3 Interconnessione Prof. Filippini 2! Limitazioni LAN su grandi aree:! Propagazione! Disturbi! Protocolli di Accesso Multiplo! Occorrono

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols

Il routing in Internet Interior Gateway Protocols Il routing in Internet Interior Gateway Protocols A.A. 2004/2005 Prof. Carla Raffaelli diapositive preparate da: Walter Cerroni Routing Information Protocol (RIP) Protocollo distance vector, di implementazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES?

RETI DI CALCOLATORI. Che cosa sono gli IS e gli ES? RETI DI CALCOLATORI Domande di riepilogo Quinta Esercitazione Che cosa sono gli IS e gli ES? Il termine Intermediate System (IS) è un termine OSI che indica un nodo (tipicamente un router) che ha capacità

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Open Shortest Path First

Open Shortest Path First Open Shortest Path First Mario Baldi http://staff.polito.it/mario.baldi/ Giorgio Valent SSGRR Fulvio RISSO http://staff.polito.it/fulvio.risso/ OSPF - 1 OSPF - 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 4

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 4 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) Software di rete Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Se i protocolli

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Impiego e funzioni principali del LAN- Analyzer e del Wireless-LAN Analyzer. Pietro Nicoletti www.studioreti.it

Impiego e funzioni principali del LAN- Analyzer e del Wireless-LAN Analyzer. Pietro Nicoletti www.studioreti.it Impiego e funzioni principali del LAN- Analyzer e del Wireless-LAN Analyzer Pietro Nicoletti www.studioreti.it Lan-Analyzer - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

STP Spanning Tree Protocol

STP Spanning Tree Protocol STP Spanning Tree Protocol Introduzione Sviluppato da Perlman nel 1985 per la Digital Equipment Corporation (DEC); in seguito standardizzato dal IEEE come 802.1d Una LAN di grandi dimensioni deve essere

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Cognome Nome Matricola Tempo a disposizione per lo svolgimento: 1 ora e 20 min Avvertenza: Si usi lo spazio dopo ogni quesito per lo svolgimento.

Cognome Nome Matricola Tempo a disposizione per lo svolgimento: 1 ora e 20 min Avvertenza: Si usi lo spazio dopo ogni quesito per lo svolgimento. Infrastrutture e Protocolli per Internet Prof. A. Capone a Prova in itinere Luglio 004 Cognome Nome Matricola Tempo a disposizione per lo svolgimento: ora e 0 min Avvertenza: Si usi lo spazio dopo ogni

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Realizzazione e gestione di Local Area Network

Realizzazione e gestione di Local Area Network Realizzazione e gestione di Local Area Network Ceracchi Fabiana Mansi Luigi Tutor Angelo Veloce NETWORK La rete è un insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni messi in comunicazione tra

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Interconnessione di LAN Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Interconnessione di LAN Problema di Interconnesisone di LAN o Limitazioni: n Propagazione n Disturbi n Protocollo di Accesso Multiplo o Occorrono

Dettagli

Esercizi di Sniffing

Esercizi di Sniffing Esercizi di Sniffing Fulvio Risso Guido Marchetto Esercizi Sniffing - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi

Dettagli

Parte terza. Routing & forwarding

Parte terza. Routing & forwarding Parte terza Routing & forwarding Routing: due diverse attività forwarding (aspetto esecutivo) scegliere la direzione di uscita su cui inoltrare il datagram (... tramite la tabella) routing (aspetto algoritmico)

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini.

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini. Algoritmi di routing dinamici (pag.89) UdA2_L5 Nelle moderne reti si usano algoritmi dinamici, che si adattano automaticamente ai cambiamenti della rete. Questi algoritmi non sono eseguiti solo all'avvio

Dettagli

Socket API per il Multicast

Socket API per il Multicast Socket API per il Multicast Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy http://www.iac.cnr.it/

Dettagli

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte I semestre 02/03 Il Sistema di Routing Routing nell Interrete Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica

Dettagli

Parte terza. Routing & forwarding. Routing: due diverse attività. come un router processa un datagram IP D. Gerarchia in Internet

Parte terza. Routing & forwarding. Routing: due diverse attività. come un router processa un datagram IP D. Gerarchia in Internet Routing: due diverse attività Parte terza Routing & forwarding! forwarding (aspetto esecutivo) " scegliere la direzione di uscita su cui inoltrare il datagram (... tramite la tabella) routing (aspetto

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Gli indirizzi di IPv6

Gli indirizzi di IPv6 Nota di Copyright Gli indirizzi di IPv6 Silvano GAI sgai@cisco.com IPV6-ADD - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Open Shortest Path First

Open Shortest Path First Open Shortest Path First Fulvio Risso http://sites.google.com/site/fulviorisso/ Questa raccolta di trasparenze è basata su una versione precedente creata da Mario Baldi e Giogio Valent 1 Nota di Copyright

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN

Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN Progettazione di reti locali basate su switch - Switched LAN Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Reti di computer. Materiale estratto da:

Reti di computer. Materiale estratto da: Reti di computer Materiale estratto da: RETI LOCALI: DAL CABLAGGIO ALL'INTERNETWORKING (S. Gai, P. L. Montessoro e P. Nicoletti); Slides del corso Teach: spunti teorico- pratici per la progettazione di

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Interdomain routing Principi generali e BGP

Interdomain routing Principi generali e BGP Interdomain routing Principi generali e BGP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni

Politecnico di Bari. Facoltà di Ingegneria Elettronica. Corso di Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Elettronica Corso di Reti di Telecomunicazioni Internet Protocol versione 4 Generalità sulle reti IP... 2 Lo header IP versione 4... 3 Concetti generali sugli

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Componenti di una rete

Componenti di una rete Componenti di una rete Componenti di una rete Nelle reti informatiche alcuni apparati hanno funzionalità esclusivamente orientate a garantire il funzionamento, l'affidabilità e la scalabilità della rete

Dettagli

Ricerca ed analisi della causa di un problema o guasto di rete

Ricerca ed analisi della causa di un problema o guasto di rete Ricerca ed analisi della causa di un problema o guasto di rete Pietro Nicoletti www.studioreti.it Trouble- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel

Dettagli

Architetture e Protocolli per Internet

Architetture e Protocolli per Internet Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Architetture e Protocolli per Internet Jocelyne Elias 1 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2

Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2 Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Laboratorio di Reti di Comunicazione ed Internet Mod. 2 Quinta Lezione Sommario Rotte dinamiche con OSPF Reazione di OSPF

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Voce su IP e Telefonia su IP

Voce su IP e Telefonia su IP Voce su e Telefonia su Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Voce su IP e Telefonia su IP

Voce su IP e Telefonia su IP Voce su IP e Telefonia su IP Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi VoIP - 1 M. Baldi: see page 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Transparent bridging

Transparent bridging Transparent bridging Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Pietro Nicoletti Studio Reti nicoletti[at]studioreti.it http://www.studioreti.it Basato

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Multicast Routing. Protocolli di Multicast Routing

Multicast Routing. Protocolli di Multicast Routing Routing Applicazioni one to many Applicazioni many to many Applicazioni many to one RTSP Manage ment RSVP RTCP UDP RTP Reliable multicast protocol TCP IGMP Routing multicast IP switching Protocolli di

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino SIP e SDP Segnalazione nelle reti VoIP Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#73 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli