Implementare i principi di Supply Chain Management per ottenere un vantaggio competitivo: nuovi modelli di qualità nelle Operations

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Implementare i principi di Supply Chain Management per ottenere un vantaggio competitivo: nuovi modelli di qualità nelle Operations"

Transcript

1 Implementare i principi di Supply Chain Management per ottenere un vantaggio competitivo: nuovi modelli di qualità nelle Operations Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Introduzione Oggi la competizione è tra Supply Chain, non più tra singole aziende. Dalla strategia di Supply Chain derivano gli obiettivi di fondo delle operations. Vi sono infatti strategie orientate all efficacia nel servire il mercato e strategie orientate all efficienza dei processi. Ma si tratta veramente di una novità? Si pensi ad esempio a due approcci diffusi ormai da qualche decennio: l approccio per la riduzione degli sprechi che va sotto il nome di Lean e quello per il miglioramento della qualità chiamato Six Sigma. La criticità delle performance di Supply Chain è esasperata dai recenti trend: Cliente al centro dell attenzione aumento della varietà Riduzione del ciclo di vita dei prodotti Compressione dei tempi di risposta Trading Up riduzione della sostituibilità (cfr. Trading Up: The New American Luxury, di M.Silverstein e N.Fiske) Competizione dei paesi a basso costo della manodopera Aumento della regolamentazione Maggiore sensibilità verso aspetti etici/sociali Per questo risulta fondamentale, oggi più che mai, che le aziende riprendano in mano le tecniche per il miglioramento dei processi e le applichino in ogni ambito delle loro Supply Chain. 1

2 1 Toyota e la Lean Production Il termine "Lean Production" è relativamente recente. Nel testo "La macchina che ha cambiato il mondo" del 1991, se ne parla per descrivere le attività produttive della Toyota. Tuttavia le origini dell'approccio Lean sono più antiche, risalgono al secondo dopoguerra: nel 1950 il Presidente Eiji Toyoda organizzò con i suoi manager una tournée di 12 settimane per visitare gli stabilimenti automotive statunitensi. Al suo rientro convocò il direttore di stabilimento, Taiichi Ohno, e gli diede il mandato di migliorare i processi produttivi dell azienda Toyota fino a raggiungere la produttività di Ford. Ohno superarò le aspettative del Presidente, realizzando il Toyota Production System. Secondo Liker e Hoseus, autori di Toyota Culture: the heart and soul of the Toyota Way, la maggior parte delle aziende che cerca di implementare il pensiero snello lo fa nel modo sbagliato. Essi spiegano infatti che stanno "rendendo snello lo stabilimento" perché i costi sono troppo alti ma questo, a detta degli autori, è figlio dell'orientamento al breve termine tipico della cultura occidentale. È difficile che l approccio risultato vincente in Toyota riesca a funzionare nelle aziende occidentali senza qualche adattamento e il più assoluto supporto del top management. In Giappone il bene dell azienda viene prima del bene del singolo, mentre nella società occidentale il valore predominante è l individualismo. 2 - Motorola, General Electric e il Six Sigma La metodologia Six Sigma è stata sviluppata dalla Motorola, grazie al lavoro congiunto di alcune figure chiave, tra le quali Mikel Harry, Bill Smith e Bob Galvin. Nei due decenni trascorsi dal suo lancio, tuttavia, il Six Sigma ha seguito un notevole percorso evolutivo, grazie anche agli sforzi e ai contributi di numerose altre aziende. In particolare la metodologia, concepita come strumento a supporto del miglioramento dei processi produttivi, è stata trasformata da General Electric, nella metà degli anni 90, dapprima in un programma di qualità totale, per essere poi elevata a modello manageriale con cui gestire l intero business. L approccio Six Sigma si pone l obiettivo di migliorare la soddisfazione del Cliente, attraverso il miglioramento della capability dei processi, a sua volta ottenuto identificando in maniera corretta le caratteristiche Critical to Quality e in seguito implementando azioni migliorative che permettano di ridurre la variabilità dei processi in termini di caratteristiche CtQ. Tali obiettivi vengono perseguiti mediante il coinvolgimento di tutto il personale all uso della statistica, nelle attività di misura e rilevazione dati, nelle analisi e nelle azioni di miglioramento. Spesso il concetto di 6 sigma viene fatto coincidere con l obiettivo di 3 difetti per milione di unità prodotte. Il vero obiettivo della metodologia, tuttavia, non è tanto un determinato livello di qualità, quanto il coinvolgimento totale del management verso la filosofia dell eccellenza, della massima soddisfazione del cliente e del miglioramento continuo dei processi. I fattori di successo della metodologia Six Sigma sono i seguenti: si basa su un approccio rigoroso e strutturato, di tipo top-down e data-oriented. Gli strumenti utilizzati all interno del Six Sigma non sono nuovi. Nuovo è il fatto di esplicitare l unione tra livello strategico e tattico. integra la qualità nei processi e nelle funzioni aziendali piuttosto che mantenerla come entità separata. presuppone il coinvolgimento e supporto del management. È fondamentale che la direzione dell azienda metta la qualità come priorità al primo posto. nelle implementazioni di maggior successo, l applicazione del Six Sigma è stata estesa all intera azienda; sarebbe stato un errore limitare l implementazione ad alcune funzioni rilevanti si focalizza su obiettivi specifici, numericamente misurabili. Spesso viene coinvolta la direzione finanziaria, con il compito di validare i saving realizzati nei vari progetti di miglioramento. 2

3 propone una struttura organizzativa basata su ruoli precisi (Green Belt, Black Belt). È fondamentale attingere ai migliori talenti dell azienda e utilizzare i risultati conseguiti all interno del progetto Six Sigma come criterio alla base degli avanzamenti di carriera. 3 Le modalità di gestione del miglioramento aziendale Il miglioramento e l innovazione delle attività e dei processi aziendali rappresentano uno strumento importante di creazione di valore. L adeguamento dei prodotti/servizi alle attese dei clienti, la capacità di realizzare standard qualitativi più stringenti, l individuazione di input più economici e/o più efficaci, l utilizzo più efficiente delle risorse impiegate nel processo etc. rappresentano tutti modi di accrescere il valore delle attività svolte in azienda dalle persone, dai sistemi, dalle macchine, dagli impianti. I miglioramenti di qualità e di produttività di singole attività o di interi processi possono tradursi in riduzione di costi, incremento di profittabilità, aumento di cash flow, miglioramento delle condizioni di lavoro e più in generale in sviluppo della competitività aziendale. La necessità di rendere sistematica la creazione di valore tramite il miglioramento e l innovazione di attività e processi aziendali nonchè di aumentare l efficacia dell impegno e degli investimenti aziendali in quest ambito ha portato a sistematizzare in specifiche metodologie le esperienze via via maturate. Total Quality Management (TQM), Six Sigma, Lean Production, Value Added Management (VAM), Balanced ScoreCard (BSC), Business Process Reengineering (BPR) sono i principali framework messi a punto nel tempo per tale finalità. Questi diversi framework si differenziano per l approccio manageriale che li caratterizza mentre condividono le modalità impiegate per loro applicazione in azienda. Tali modalità possono sostanzialmente essere ricondotte alle seguenti: - l approccio day by day ; - l approccio per obiettivi; - l approccio kaizen blitz ; - l approccio per progetti. 3.1 L approccio day by day L approccio day by day considera il miglioramento come parte integrate del lavoro di ognuno e consiste in piccoli miglioramenti basati sull esperienza, sulla disponibilità e sullo spirito di iniziativa delle persone che svolgono le attività in azienda. Si tratta di una forma di miglioramento sostanzialmente destrutturata e che pertanto non utilizza specifici strumenti operativi. Negli ambienti più avanzati può prevedere una formazione delle persone alle tecniche di base di problem finding e di problem solving ( seven tools ) e la creazione della figura del process owner per la valutazione e l implementazione delle proposte di miglioramento. 3.2 L approccio per obiettivi L approccio per obiettivi prevede che il management definisca periodicamente specifici obiettivi di miglioramento delle prestazioni di ciascuna area aziendale e che orienti il comportamento organizzativo delle persone che operano in azienda verso il loro raggiungimento. Si tratta di un approccio manageriale rivolto ad incrementare l impegno, gli sforzi, la perseveranza per raggiungere gli obiettivi fissati. Gli strumenti operativi di quest approccio sono: - il goal setting, ossia lo schema aziendale di definizione degli obiettivi; - lo stile di leadership del management, che determina la prestazione individuale, di gruppo ed organizzativa. 3

4 Management by Objectives (MbO), Value Added Management (VAM), Balanced ScoreCard (BSC) sono i principali framework che ricorrono a tale modalità applicativa. 3.3 L approccio kaizen blitz L approccio kaizen blitz consente di ottenere rapidi e drastici miglioramenti delle attività e dei processi aziendali. Prevede di creare un team di 3-6 persone che si concentra per una settimana a tempo pieno su un dato problema. Il team è costituito da persone che lavorano dell area oggetto di miglioramento integrato da una figura esterna con il ruolo di facilitatore. Durante la settimana kaizen il team deve inquadrare il problema, analizzarne le cause, individuare la soluzione e provvedere operativamente alla sua implementazione. Si tratta di un approccio impiegato per l applicazione in azienda dei principi organizzativi lean. 3.4 L approccio per progetti L approccio per progetti, o project-based, applicando i principi del project management, dovrebbe assicurare il raggiungimento degli obiettivi di miglioramento fissati, di stabilire e rispettare i tempi ed i costi di realizzazione, di selezionare il team più adatto alla sua realizzazione, di metter a disposizione le risorse necessarie per il progetto. Un tale approccio si giustifica per interventi di miglioramento di adeguato spessore in termini di complessità e di obiettivi di miglioramento da realizzare. Viene impiegato dal Sei Sigma, dalla Lean production, dal Business Process Reengineering (BPR). Approccio Day by day Approccio per obiettivi Approccio Kaizen blitz Approccio per progetti Framework di riferimento TQM Lean MbO VAM BSC Lean BPR Sei Sigma Lean BPR Durata E parte integrante E parte integrante 3-5 giorni 3-6 mesi del lavoro di ognuno dell attività direzionale Costi Praticamente nulli Non vi sono costi Bassi Alti Benefici Piccoli miglioramenti continuativi Medi (in alcuni casi medio-alti) Alti Molto alti Tab. 1 Approcci al miglioramento 4 La gestione dei progetti di miglioramento nel Six Sigma Il Six Sigma costituisce un approccio al miglioramento fortemente strutturato. Esso prevede infatti: - una specifica metodologia di problem solving (DMAIC) il cui impianto logico definisce una rigorosa roadmap che guida l attività di miglioramento; - delle specifiche figure professionali (Black Belt, Green Belt, etc.) con skill certificate per la realizzazione dei progetti; - delle specifiche modalità operative di realizzazione dei progetti. Il rigore analitico di tale impostazione costituisce uno degli elementi di differenziazione del Sei Sigma, a cui viene fatta risalire la sua capacità di realizzare risultati di alto livello ( breakthrough ). 4

5 Nell ambito dell infrastruttura Six Sigma un ruolo importante è svolto dalla gestione dei progetti da realizzare. Infatti trattandosi di un approccio project-based le modalità di selezione, gestione e valutazione dei progetti rivestono un importanza determinante. All interno del six sigma si possono identificare diverse tipologie di progetti di miglioramento. 4.1 Quality problem Il Sei Sigma è fondamentalmente un approccio quality problem solving. La sua applicazione si sviluppa attraverso un susseguirsi di progetti focalizzati sui problemi che mano a mano emergono, condotti da gruppi di lavoro guidati, a seconda del tipo di progetto, da una Black Belt (BB) o da una Green Belt (GB). Per quality problem in un processo s intende una deviazione tra l output previsto (o richiesto) e quello effettivo, sufficientemente importante per rendere necessaria una correzione a tale deviazione. Il Problem Solving è l attività orientata a modificare l output effettivo rendendolo il più vicino possible a quello previsto. I quality problems affrontabili con progetti Six Sigma possono essere ricondotti alle seguenti tipologie fondamentali: a) problemi di non conformità delle caratteristiche del prodotto/servizio Tali problemi dipendono dal mancato rispetto degli standard fissati per le caratteristiche dell output del processo. Si tratta di problemi di qualità del prodotto/servizio che possono creare insoddisfazione dei clienti e maggiori costi all azienda ( costi della non qualità ). Esempi di questa tipologia di problemi sono: - dimensione fuori tolleranza; - resistenza alla corrosione in determinate condizioni ambientali per una durata inferiore a quella stabilita; - tempo di attesa di un call center superiore al valore massimo stabilito. L eliminazione di questi problemi richiede di migliorare la capability del processo in modo che esso sia in grado di realizzare gli standard fissati. b) problemi di prestazioni insoddisfacenti Si tratta di problemi connessi a prestazioni di attività/processi che si ritiene inadeguati e comunque migliorabili pur non essendo fissati per esse precisi requisiti prestazionali. La loro eliminazione richiede di misurare il livello di prestazione attuale e di modificare gli aspetti del processo/attività che consentono di ottenere livelli di prestazioni più elevati. Esempi di questa tipologia di problemi sono: - numero di ordini di vendita incompleti o con errori; - tempo di ritiro dei bagagli all aeroporto. c) problemi di inefficienza In questo caso il processo/attività è in grado di realizzare output che rispettano gli standard qualitativi ma ad un costo non competitivo. Pertanto il problema si riferisce alle risorse necessarie per il funzionamento del processo. Esempio di questa tipologia di problemi sono: - tempi di set-up e/o tempi di lavorazione superiori ai quelli standard; - idle time di un impianto per guasti macchina; - numero di pallet movimentati per unità di tempo. L eliminazione del problema richiede la riprogettazione tecnologica od organizzativa del processo per eliminare/ridurre il consumo di risorse ed eliminare gli sprechi. d) problemi di progettazione del prodotto/servizio 5

6 Si tratta di problemi relativi a standard tecnici di prodotto/servizio inadeguati per alcune caratteristiche del prodotto/servizio che genera problemi di qualità in esercizio con possibile insoddisfazione del cliente e costi di garanzia. Esempio di questa tipologia di problemi sono: - durata (ore) della resistenza alla corrosione del telaio di una montain bike; - resistenza a flessione (kn) della forcella di una montain bike; - rumorosità [db (A)]della girante di una ventilatore centrifugo. 4.2 Progetti di miglioramento In generale l emergere di un problema e quindi la necessità di attivare un progetto di miglioramento può nascere da: - indicazioni del mercato ( voce di clienti ); - misure delle prestazioni dell azienda ( voce dei processi ). Le indicazioni di mercato sono costituite da: - evoluzione delle esigenze dei clienti: necessità di adeguare le prestazioni dei prodotti/servizi ai nuovi standard prestazionali attesi/richiesti dai clienti; - comportamento dei concorrenti: necessità di allinearsi a nuovi standard di prestazioni realizzati da altri competitors; - feedback dei clienti: specifiche richieste dei clienti di miglioramento di alcune caratteristiche del prodotto/servizio; - indagini di customer satisfaction che rivelano insoddisfazione dei clienti per aspetti di qualità costruttiva del prodotto, dei livelli prestazionali realizzati, del servizio di assistenza, etc. La necessità di migliorare le prestazioni aziendali può riguardare i diversi aspetti da cui dipende qualità e produttività dell azienda, ad esempio: - standard qualitativi del prodotto/servizio; - livello di difettosità; - livello di scarti; - livello di produttività; - tempi di consegna; - costi del prodotto/servizio; - costi di struttura dell azienda. L impianto di project management del Sei Sigma prevede che la selezione dei progetti sia effettuata dal Champion ed approvata dallo Steering Committee. Il progetti selezionati vengono inseriti nel Portfolio Progetti e vengono lanciati secondo criteri di priorità mano a mano che una Black Belt si rende disponibile. 4.3 Le caratteristiche dei progetti di miglioramento Six Sigma La selezione dei progetti costituisce una aspetto importante del programma Sei Sigma. Infatti: - non tutti i progetti di miglioramento richiedono l approccio rigoroso e strutturato del Sei Sigma. Problemi di facile soluzione o di cui si è già intuita la soluzione possono essere affrontati con altre modalità che comportano minori costi; - l utilizzo del Sei Sigma per problemi di facile soluzione costituirebbe un ridimensionamento della metodologia a strumento di miglioramento incrementale; - i progetti abbandonati rappresentano spreco di risorse nonché perdita di credibilità del programma Sei Sigma in azienda. 6

7 Pertanto la selezione dei progetti di miglioramento dovrebbe basarsi su precisi criteri che tengano conto di: - impatto del progetto sulle prestazioni aziendali; - livello di complessità del progetto; - livello di miglioramento richiesto rispetto alla situazione attuale; - costi del progetto rispetto ai benefici attesi. Sulla base dei suddetti criteri è possibile definire una serie di specifici requisiti che il problema da risolvere dovrebbe avere per essere affrontato con l approccio Sei Sigma, ossia: - il problema deve riguardare uno specifico processo; - il problema deve essere ripetitivo; - il problema deve essere complesso; - il problema deve essere misurabile; - il problema non deve avere già una soluzione; - il progetto deve essere completabile in 3-6 mesi; - il progetto deve influenzare le prestazioni dei processi; - il successo del progetto deve essere quantificabile. a) Il problema deve riguardare uno specifico processo Il progetto deve essere focalizzato su un processo. Non vanno presi in esame proposte di progetti il cui scopo sia generico e troppo ampio, tipo: - ridurre i difetti in produzione; - aumentare la produttività del reparto stampaggio; - ridurre i tempi di consegna. Si tratta di problemi importanti ma che non possono essere risolti con un unico progetto. Un progetto Sei Sigma dovrebbe ad esempio prevedere di: - ridurre la difettosità del processo di stampaggio da 5% al 3%; - ridurre il tempo ciclo della linea di assemblaggio da 5 minuti a 4 minuti; - aumentare la produttività del linea di stampa rotocalco dal 70% all 80%; - ridurre i tempi di consegna dei prodotti della linea Arctech da 20 a 15 gg. b) Il processo che causa il problema deve essere ripetitivo La ripetitività del processo assicura la disponibilità di dati per la quantificazione del problema, l analisi delle cause, la validazione della soluzione individuata. Essa va valutata misurando la frequenza con cui il processo si ripete: giornaliera, settimanale, mensile, saltuaria. Ad esempio: - il processo di lavorazione di un prodotto fabbricato a lotti intermittenti dipende dal consumo annuo e dall entità del lotto di produzione - il processo di assemblaggio in linea dipende dai turni di lavoro e dal tempo ciclo; - il processo di restituzione dei bagagli all aeroporto si ripete centinaia di volte al giorno; - il processo di acquisizione degli ordini clienti si ripete diverse volte al giorno; - il processo di fatturazione ha una frequenza settimanale; - il processo di payroll di una società di lavoro interinale è mensile. c) Il problema deve essere opaco e complesso Problemi semplici e di facile soluzione non giustificano l utilizzo della metodologia Sei Sigma. Pertanto un Progetto Black Belt deve essere attivato nei casi in cui il comportamento del processo è opaco per cui è richiesta la misura di dati per valutare il suo comportamento, l analisi delle cause che generano il problema, la ricerca delle possibili soluzioni, la validazione della soluzione. d) Il problema deve essere quantificabile 7

8 Devono essere disponibili sufficienti dati per quantificare l entità del problema e per definire il livello di miglioramento ottenibile dal progetto. In mancanza di dati è necessario che essi possano essere raccolti nella fase di Measure. e) La soluzione del problema deve essere sconosciuta Se la soluzione del problema è già nota il progetto si ridurrebbe alla sola implementazione della stessa. In questo caso mancando il requisito della complessità non si giustifica l attivazione di un progetto Sei Sigma. f) Il progetto deve richiedere una durata di circa 3-6 mesi Tra le caratteristiche dell approccio Sei Sigma ci sono quelli di: - evitare insuccessi in quanto incrinerebbe la credibilità del programma Sei Sigma; - mantenere alta l attenzione e la tensione sul programma Sei Sigma attraverso il flusso continuo di progetti lanciati e di risultati raggiunti. Tali aspetti suggeriscono di mantenere la durata dei progetti tra i 3 mesi ed i 6 mesi. Progetti più lunghi dovrebbero essere suddivisi in più progetti, ciascuno con precisi risultati da raggiungere in tempi minori. In questo modo si riduce il rischio di insuccesso e si mantiene alta la tensione sull attività di miglioramento. g) Il progetto deve migliorare le prestazioni dei processi Se il progetto è rivolto ad implementare nuove practice che non impattano sulle prestazioni dei processi non si giustifica l attivazione di un Black Belt project. Per cui progetti di implementazione di un nuovo software, di introduzione di un sistema qualità etc. non sono trattabili con il Six Sigma e vanno gestiti con le tecniche di project management di tipo tradizionale (capo progetto, gruppo di lavoro, piano delle attività (WBS), Gantt/Pert delle attività, budget dei costi del progetto, controllo avanzamento del progetto) i) Il successo del progetto deve essere misurabile Il progetto deve definire in termini quantitativi gli obiettivi di miglioramento delle prestazioni ed i benefici economici attesi. Progetti che non apportino miglioramenti tangibili e/o intangibili non devono essere affrontati con il Six Sigma Conclusioni Il presente articolo si focalizza in modo particolare sull approccio per progetti proposto all interno della metodologia Six Sigma come mezzo per il miglioramento dei processi e della qualità, per giungere ad un vantaggio competitivo a livello di Supply Chain. Per i dettagli circa l infrastruttura organizzativa del Six Sigma (ruoli e responsabilità), la formazione delle figure coinvolte nel programma (le cosiddette Green Belt e Black Belt), gli strumenti del Six Sigma (in particolare gli approcci DMAIC e DFSS e gli strumenti impiegati nelle varie fasi di tali approcci), si rimanda alla ricca bibliografia divulgativa scritta negli ultimi anni. 8

La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale

La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale 1 - Motorola, General Electric e il Six Sigma La metodologia

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Sei Sigma: una strategia per la competitività

GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Sei Sigma: una strategia per la competitività Progetto grafico: PRC Roma Questa guida è stata realizzata grazie al contributo dell Accademia Italiana del Sei Sigma (www.aiss.it). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare

Dettagli

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop Lean Six Sigma Workshop 1 Origini del Six Sigma La metodologia Six Sigma nasce a metà degli anni 80 in Motorola estendendosi poi ad altre grandi aziende americane; è una metodologia per il miglioramento

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Le origini di Lean Six Sigma

Le origini di Lean Six Sigma 1 Le origini di Lean Six Sigma Le origini di Lean e Six Sigma risalgono agli anni 80 (e più indietro) Lean emerse come metodo per ottimizzare la produzione di automobili Venne sviluppato nei primi anni

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Corso di Specializzazione LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Meno sprechi in azienda! La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi del prodotto/servizio offerto sempre

Dettagli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli Capitolo 6 Total quality management: orientamento al Six Sigma

Dettagli

Il Pensiero Lean Copyright Bernardo Nicoletti 15 Giugno 2011

Il Pensiero Lean Copyright Bernardo Nicoletti 15 Giugno 2011 Il Pensiero Lean Indice La Gestione per Processi Il Pensiero Lean (Snello) Il Lean Six Sigma Gli strumenti Un esempio Indagine in Italia Inizialmente Oggi Il Pensiero Snello (Lean Thinking) Introdotto

Dettagli

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità TAVOLA ROTONDA SUL TEMA SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità Cosa si può fare concretamente per un reale miglioramento di Qualità/Affidabilità dei nostri prodotti? 1 Conviene riconoscere

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

Six Sigma - Le sfide per trasformare un intervento estemporaneo

Six Sigma - Le sfide per trasformare un intervento estemporaneo Six Sigma - Le sfide per trasformare un intervento estemporaneo in una iniziativa di miglioramento aziendale Alessandro Brun Dipartimento di Ingegneria Gestionale Alessandro.Brun@polimi.it Luci ed ombre

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi Mario Vianello Politecnico di Torino - Ingegneria dell Autoveicolo Incontro su SEI SIGMA SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi 1 Il Sei Sigma, è senz

Dettagli

Il Total Quality Management e il Sei Sigma

Il Total Quality Management e il Sei Sigma Il Total Quality Management e il Sei Sigma Francesco Aggogeri Università di Brescia, Dip. di Ingegneria Meccanica, Brescia, Italy; aggogeri@yahoo.it Abstract The dynamism of the market, defined by the

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Consulenza organizzativa e formazione www.consulman.it www.e-formazione.net SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Esperienze e Competenze Offerta di consulenza Tratto distintivo Criteri di lavoro

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it 1 Indice Il contesto Metodologie Agili L extreme Project Management Lean Thinking o pensiero Snello Convergenza dei vari approcci 2 Contesto Da

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI

AREA TEMATICA SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI AREA TEMATICA SVILUPPO DEI SISTEMI GESTIONALI Controllo di gestione I fondamentali 1 Corso base di controllo di gestione e budget 2 Fondamenti di supply chain 3 Supply chain management 4 Analisi organizzativa

Dettagli

Premio Manager per la Qualità

Premio Manager per la Qualità Premio Manager per la Qualità Dal primo progetto Sei Sigma al "Miglioramento Continuo di oggi" Quality Plant Manager Stabilimento Ciriè (TO) P. Colosimo Informazioni generali sito produttivo Ciriè (TO)

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

Open Day Lean Six Sigma 25 Giugno 2012, Milano. Lean Six Sigma Dalla Teoria alla Pratica: criticità e opportunità

Open Day Lean Six Sigma 25 Giugno 2012, Milano. Lean Six Sigma Dalla Teoria alla Pratica: criticità e opportunità Open Day Lean Six Sigma 25 Giugno 2012, Milano Lean Six Sigma Dalla Teoria alla Pratica: criticità e opportunità Gabriele Arcidiacono g.arcidiacono@unimarconi.it All rights are strictly reserved A&C 2010

Dettagli

La metodologia Six Sigma

La metodologia Six Sigma HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it La metodologia Six Sigma Page 2 1. Origini La metodologia

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Incontro su SEI SIGMA

Incontro su SEI SIGMA Silvia Martin Tesi di Laurea - Politecnico di Torino Contatto: silviavarese87@libero.it Incontro su SEI SIGMA Confronto parametrico fra i sistemi di Total Quality Management 1 Il Sei Sigmaa confronto con

Dettagli

Management integrato della qualità e miglioramento continuo

Management integrato della qualità e miglioramento continuo Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto CIM per la sostenibilità nell innovazione Management integrato della qualità e miglioramento continuo

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt

Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt Accademia Italiana del Sei Sigma Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt 19/20/21 novembre 2014 17/18/19 dicembre 2014 dalle 9,30 alle13 e dalle 14 alle 17,30 Prato Viale Vittorio Veneto,

Dettagli

L approccio Festo Consulenza e Formazione

L approccio Festo Consulenza e Formazione L approccio Festo Consulenza e Formazione Festo Consulenza e Formazione opera con un approccio integrato, attraverso un Customer Team che integra le competenze nei diversi ambiti aziendali (Operations,

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi e persone

Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi e persone Breganze, 26 novembre 2013 1 Lean Organization Innovare organizzazioni e processi per crescere nel mercato globale Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi

Dettagli

Un sistema integrato per il governo aziendale

Un sistema integrato per il governo aziendale Un sistema integrato per il governo aziendale Le nuove frontiere dei sistemi di misurazione delle performance a cura di Alessandro Saviotti saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Il ruolo «storico»

Dettagli

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing Il miglioramento in AVIO Il sei sigma e il lean manufacturing 1 Contenuti Introduzione ad AVIO S.p.A. La decisione di avviare il programma Il programma Cartesio Plus Lean Sei Sigma Alcuni esempi Conclusioni

Dettagli

La metodologia del Lean&Digitize Per una organizzazione eccellente

La metodologia del Lean&Digitize Per una organizzazione eccellente OPERATIONS MANAGEMENT La metodologia del Lean&Digitize Per una organizzazione eccellente Bernardo Nicoletti FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali,

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement Strategic Business Improvement 0.11 0.11 0.10 0.10 0.09 0.09 0.08 0.08 0.06 108.6 98.8 0.06 1-Di namico_sx _(g) 1-Di namico_sx _(g) 0.05 0.05 0.04 0.04 88.9 79.0 69.1 0.03 0.03 0.02 0.02 59.3 49.4 0.01

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

L adozione dell approccio qualitativo Sei Sigma nel sistema aziendale

L adozione dell approccio qualitativo Sei Sigma nel sistema aziendale L adozione dell approccio qualitativo Sei Sigma nel sistema aziendale Enrico Maria Mosconi* - Daniele della Rocca** *Dipartimento di Economia e Impresa dell Università degli studi della Tuscia ** Docente

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione. Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013

Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione. Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013 Lean & Digitize: Eccellenza nella Gestione Documentazione Bernardo Nicoletti, Milano, 19 settembre 2013 JIDOKA JUST IN TIME Il Toyota Production System Kiichiro Toyoda Taiichi Ohno Jidoka Anni 20 Just

Dettagli

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement Strategic Business Improvement 0.11 0.11 0.10 0.10 0.09 0.09 0.08 0.08 0.06 108.6 98.8 0.06 1-Di namico_sx _(g) 1-Di namico_sx _(g) 0.05 0.05 0.04 0.04 88.9 79.0 69.1 0.03 0.03 0.02 0.02 59.3 49.4 0.01

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda Roberto Candiotto Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Programma Lean Six Sigma (LSS)

Programma Lean Six Sigma (LSS) GRUPPO TELECOM ITALIA Programma Lean Six Sigma (LSS) Incontro AIDP Liguria Sede Confindustria Genova, 28 Gennaio 2011 Aldo Gallarà Responsabile Programma LSS Telecom Italia LSS: di cosa si tratta Disciplina

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

Diventare GREEN BELT

Diventare GREEN BELT La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Diventare GREEN BELT Accrescere le proprie potenzialità nel mondo del lavoro Percorso di Formazione e Certificazione

Dettagli

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale La cultura è ciò che resta GT Cooperation Consulting Il nome GT, oltre a ricordare le iniziali dei nomi dei soci fondatori, Giulio Care e Tullio

Dettagli

Introduzione alla filosofia Lean

Introduzione alla filosofia Lean Introduzione alla filosofia Lean La storia, il modello Toyota, i modelli europei applicati alle PMI Michele Bonfiglioli Cuneo, 28 giugno 2011 I pionieri: Taylor e Ford (prima metà del XX secolo) Per capire

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96 1. Il Lean Thinking Nelle Aziende Di Servizi 1.1 Introduzione... 27 1.2 Significato di azienda di servizi... 28 1.2.1 Intangibilità dei servizi... 29 1.2.2 Contestualità tra produzione e consumo... 29

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

LEAN IT CONCETTI BASE DEBORAH MEOLI SENIOR CONSULTANT QUINT ITALIA

LEAN IT CONCETTI BASE DEBORAH MEOLI SENIOR CONSULTANT QUINT ITALIA LEAN IT CONCETTI BASE DEBORAH MEOLI SENIOR CONSULTANT QUINT ITALIA AGENDA Qualità Lean Organization Lean IT, che cos è Lean IT, le fondamenta Lean IT e altri framework 2 QUALITÀ, CHE COS È? Non è semplice

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Advanced 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1138 I Edizione / Executive Education 26 OTTOBRE 2015 24 NOVEMBRE

Dettagli

Il Programma 6 sigma è stato messo a punto in

Il Programma 6 sigma è stato messo a punto in LORETTA DEGAN DESIGN FOR SIX SIGMA Da alcuni anni numerose aziende internazionali hanno sposato il Programma 6-sigma ottenendo risultati economici e di performance molto importanti. Le basi teoriche per

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

TOTAL QUALITY MANAGEMENT

TOTAL QUALITY MANAGEMENT Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Economia Corso di Analisi e Gestione dei Costi TOTAL QUALITY MANAGEMENT Studenti: Lemme Stefano Pezzi Daiana INDICE 1. Cenni storici 2. Definizione di qualità

Dettagli

La Lean Manufacturing come leva competitiva

La Lean Manufacturing come leva competitiva La Lean Manufacturing come leva competitiva Alberto Portioli Staudacher Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it POLITECNICO DI MILANO - 4 Luglio 2007 Lean Excellence Centre www.lean-excellence.it

Dettagli

Performance management

Performance management Performance management Valutare i risultati e valorizzare le competenze Una forte leva di sviluppo organizzativo e di gestione dei grandi processi di cambiamento che caratterizzano molte aziende Nicola

Dettagli

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1 00Pr_pag_CAROLI_2012 16/07/12 06.44 Pagina VII Prefazione alla quarta edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XVII XXI XXIII XXV Parte I La strategia nel sistema impresa 1 Il sistema

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 Ferdinando Azzariti 2 I criteri organizzativi su cui lavorare Organizzare

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

Confronto tra metodologia PQMI, Six Sigma e 5S

Confronto tra metodologia PQMI, Six Sigma e 5S Confronto tra metodologia PQMI, Six Sigma e 5S S. Gorla (*), R. Grassi (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia S.p.A. e consigliere di giunta AicqCN, (**) Partner Reconsult Per essere

Dettagli

Qualità/dei/ processi/e/analisi/ dei/sistemi/di/ misura/

Qualità/dei/ processi/e/analisi/ dei/sistemi/di/ misura/ / easypoli Qualità/dei/ processi/e/analisi/ dei/sistemi/di/ misura/ / / Strumentiemetodologiefunzionali almiglioramentocontinuo www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Capitolo(1(*(Misurare(la(qualità(dei(processi(

Dettagli

Informazioni contenute nel registro progetti: codice identificativo del progetto responsabile (project manager) e % di tempo dedicata al progetto

Informazioni contenute nel registro progetti: codice identificativo del progetto responsabile (project manager) e % di tempo dedicata al progetto BIBLIOGRAFIA G. Spina, La gestione dell impresa, Etas Daft, Organizzazione Aziendale, Apogeo, 2001 Grandori, L organizzazione delle attività economiche, Il Mulino, 1995 Mintzberg, La progettazione dell

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SNELLA

ORGANIZZAZIONE SNELLA presenta ORGANIZZAZIONE SNELLA interventi semplici e rapidi -> maggior efficienza dei processi -> riduzione dei costi Pollenzo, 21 maggio 2014 Albergo dell Agenzia GIANLUCA BARALE Consulente in organizzazione

Dettagli

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi ABSTRACT In questo articolo viene presentato un nuovo modo di prendere decisioni in azienda senza

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Lean Excellence Centre

Lean Excellence Centre Lean Excellence Centre La Lean Manufacturing come leva competitiva: Risultati preliminari della survey sulle aziende Italiane Alberto Portioli Staudacher, Marco Tantardini. Dipartimento di Ingegneria Gestionale,

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Master 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1139 I Edizione / Executive Education 13 NOVEMBRE 2015 19 DICEMBRE

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

Corso di Specializzazione ESPERTO IN LEAN MANUFACTURING

Corso di Specializzazione ESPERTO IN LEAN MANUFACTURING Corso di Specializzazione ESPERTO IN LEAN MANUFACTURING OBIETTIVI L obiettivo formativo del Corso di Specializzazione è quello di permettere ai partecipanti di costruirsi il proprio bagaglio di conoscenze

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Dal fordismo al toyotismo

Dal fordismo al toyotismo Dal fordismo al toyotismo Gestione della Produzione II Evoluzione storica dell OM Anni Concetti Tecniche Ideatori e paesi '10 Scientific management Studio dei tempi & metodi Taylor (USA) '30 Controllo

Dettagli

ESECUZIONE DEL BUSINESS PLAN

ESECUZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 IL BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN Chiamato anche piano strategico d azienda o, ancora più semplicemente piano industriale, è il documento maggiormente richiesto dagli investitori, dagli istituti di credito

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 « Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «Iso 9001:2015 i «Kata del miglioramento» Gazoldo, 28 Novembre 2014 CRITICITA E NODI Problema 5 Aumento della turbolenza e contrazione dei tempi operativi 1- Impegno

Dettagli