Fast Fashion Supply Chain. Giorgio Torresani Senior Executive, Accenture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fast Fashion Supply Chain. Giorgio Torresani Senior Executive, Accenture"

Transcript

1 Fast Fashion Supply Chain Giorgio Torresani Senior Executive, Accenture

2 Overview Fast Fashion performance I risultati 2009 evidenziano che tra le aziende piùperformanti nel settore Fashion sono presenti i Fashion che commercializzano prodotto Fast Fashion TOP Ten Performers by Sales Growth Company Country Cluster Sales Growth Deckers Outdoor US Leather Goods 18% Hennes & Mauritz Sweden Fashion Retail 15% G-III Apparel Group US Apparel 13% Hermès France Leather Goods 8% Chico's US Fashion Retail 8% Burberry UK Apparel 7% Inditex Spain Fashion Retail 7% Urban Outfitter US Fashion Retail 6% Etam France Fashion Retail 5% Marks and Spencer UK Department Stores 5% Fonte: Osservatorio Altagamma FY 2009

3 Overview Fast Fashion performance Il segmento Fast Fashion sta continuando a crescere a tassi elevati e particolarmente in Europa Il segmento Fast Fashion ha riportato un CAGR del 20% dal 2001 al CAGR Fast Fashion % Il primo mercato per il Fast Fashion è l Europa che rappresenta circa l 80% dei ricavi totali 28% 18% 14% CHINA EUROPE USA Fonte: Accenture analysis Revenues growth (%)

4 Agenda Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Aziende e trend Segmentazione prodotto Definizione Supply Chain Strategy Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Merchandising & Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution

5 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Caratteristiche e trend Luxury Brand Nel settore Fashion possiamo trovare diverse tipologie di aziende con diversi modelli di Supply Chain Integrazione a monte MAKE BUY Industrializzato Commercializzato Luxury Brand LUXURY BRAND Elevata integrazione a monteper assicurare una qualitàsuperiore e un esperienza esclusiva alla propria clientela (trend setter) Approccio produttivo tipicamente industrializzato. Elevata complessità e attenzione nella gestione dello sviluppo prodotto Focus su presidio canale e distribuzione: controllo mercato grigio e nero Da business tradizionale su canale wholesale a focus su sviluppo canale Retail(integrazione a valle) per migliorare l immagine del Brand Wholesaler Integrazione a valle

6 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Caratteristiche e trend Sportswear / Urban Brand Nel settore Fashion possiamo trovare diverse tipologie di aziende con diversi modelli di Supply Chain Integrazione a monte MAKE BUY Industrializzato Commercializzato Wholesaler Sportswear / Urban Brand Luxury Brand Integrazione a valle SPORTSWEAR / URBAN BRAND Trend setteralla ricerca dell equilibrio tra stile/qualitàe margini Approccio produttivopuò essere misto(sia industrializzato che commercializzato) in funzione della categoria merceologica (confezione, jersey, maglieria), della complessitàe del posizionamento del prodotto Ufficiin loco in Far Eastper presidiare qualitàdi processo e prodotto delle factory (commercializzato) Approccio multi supply chain per segmento di prodotto Strategia di differenziazione assortimento e servizio per canale Apertura Flagship(integrazione a valle)

7 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Caratteristiche e trend Fashion Nel settore Fashion possiamo trovare diverse tipologie di aziende con diversi modelli di Supply Chain Integrazione a monte MAKE BUY Industrializzato Commercializzato Sportswear / Urban Brand Luxury Brand Fashion FASHION RETAILER (Produttori) Trend Follower: lo stile prende ispirazione da marchi luxury/ sportswear (trend setter) Approccio multi supply chainin funzione del segmento di prodotto gestito Aumento quotadi gestione del prodotto Fast Fashion Integrazione a monteper aumentare la flessibilitàed accorciare il Time To Market Supply Chain sempre piùtirata dalla domanda(logica Pull) Focus su inventory management negli store, esecuzione e controllo del Visual Merchandising Wholesaler Integrazione a valle

8 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Caratteristiche e trend Nel settore Fashion possiamo trovare diverse tipologie di aziende con diversi modelli di Supply Chain Integrazione a monte MAKE BUY Industrializzato Commercializzato Sportswear / Urban Brand Luxury Brand Fashion LICENSOR Il Licensingèuna pratica comunemente utilizzata da molti marchi della moda per lanciare nuove linee prodotto e/o categorie facendo leva sulle competenze distintive del partnero Licensee: know how specifico sul prodotto, copertura canale distributivo, disponibilitàdi risorse specializzate, comprensione del posizionamento strategico del marchio Focus su collaborazione e condivisione delle informazionie del workflowtra e Licenseedallo sviluppo della collezione alla distribuzione Wholesaler Integrazione a valle

9 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Caratteristiche e trend / Distributor Nel settore Fashion possiamo trovare diverse tipologie di aziende con diversi modelli di Supply Chain Integrazione a monte MAKE BUY Industrializzato Commercializzato Wholesaler Sportswear / Urban Brand Distributor Luxury Brand Integrazione a valle Fashion MULTI BRAND RETAILER Mancanza gestione di processi a monte(plm, produzione) in quanto buyer di diversi brand Tendenza di integrazione a monte (private label e/o acquisizione brand) Focus su gestione stocke riduzione capitale circolante Collaborazione con fornitoriper aumentare visibilitàsell thru e andare verso SC demand driven MULTI BRAND DISTRIBUTOR Focus su efficienza distributiva(utilizzo soluzioni cross docking) Sviluppo canale retail(integrazione a valle)

10 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Caratteristiche e trend Macro Trends Sono in atto diversi trend che impattano la strategia di Supply Chain delle aziende Fashion Integrazione a monte MAKE BUY Commercializzato Industrializzato Sportswear / Urban Brand Luxury Brand Fashion Distributor 4 Wholesaler Integrazione a valle 1. Aziende Luxury e Sportswear/Urban sviluppano canale retail (integrazione a valle) per aumentare posizionamento 2. Fashion si integrano a monte per ridurre Time To Market 3. multibrand lanciano o acquisiscono proprie linee prodotto 4. Distributori multibrandsviluppano il canale retail per aumentare i margini e comprendere la domanda di mercato

11 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Segmentazione prodotto e SC Strategy Possono essere identificati 4 segmenti principali di prodotto, che richiedono diverse strategie di Supply Chain Prevedibilità Stagionalità e stile Lifecycle SC Strategy domanda Efficienza Continuativo Scarsa influenza tendenze moda > di 6 mesi Elevata prevedibilità domanda Continuous replenishment: SC make to stock con focus su efficienza. Stagionale Elevata influenza tendenze moda > di 12 settimane Minore prevedibilità domanda Agile Supply Chain: pianificazione mista MTS e MTO in base vincoli SC (LT, capacità, ). Fast Fashion Elevato contenuto stile in base ultime tendenze (trend follower) 4-8 settimane Domanda imprevedibile Integrated & Lean SC: segmento completamente acquistato in-season. Adozione pratiche postponment. Top Collection (prima linea) Elevato contenuto stile (trend setter) Variabile Scarsa prevedibilità domanda Adaptable SC: focus su innovazione, stile e qualità prodotto. Competenze distintive. Efficacia

12 Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Segmentazione prodotto e SC Strategy Le aziende Fashion devono definire il proprio modello di SC per ciascun segmento di prodotto gestito. Nel seguito sono evidenziati i fattori abilitanti per la gestione del Fast Fashion da parte dei Fashion Azienda Segmento prodotto MAKE Industrializzato Luxury Brand Continuativo Integrazione a monte BUY Commercializzato Sportswear / Urban Brand Fashion Stagionale Fast Fashion Wholesaler Distributor Integrazione a valle Top Collection (prima linea) Modello di Supply Chain Merchandising & Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution

13 Agenda Gestione della Supply Chain nel settore Fashion Aziende e trend Segmentazione prodotto Definizione Supply Chain Strategy Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Merchandising & Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution

14 Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Segmentazione prodotto e SC Strategy Il segreto del successo del Fast Fashion può essere spiegato da diverse motivazioni, quali ad esempio: Aumento competitività e posizionamento: Fast Fashion come elemento distintivo e che porta clienti Fashion-Conscious (minore sensibilità al prezzo) Condizionamento del comportamento di acquisto del consumatore in 2 dimensioni principali: aumento propensione della spesa (grazie all elevato contenuto di stile) ed aumento tasso conversione e frequenza di visita (ciclo di vita 4-8 settimane).

15 Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Overview Fattori abilitanti per la gestione della Supply Chain del Fast Fashion per area Merchandising & Supply Chain Planning Modello di pianficazione Push / Pull: Gestione Open to Buy pre-season Assortment planning in-season Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution Gestione sviluppo prodotto reattiva e in tempi compressi Comunicazione strutturata e collaborazione interna Prossimità fornitori / terzisti Lean Production Prioritizzazione dell allocazione e della distribuzione per segmento di prodotto Esecuzione Visual Merchandising

16 Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Merchandising & Supply Chain Planning Merchandising &Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution Gestione pre-season Pianificazione assortimento in-season Il Merchandise Financial Planning deve prevedere una quota di Fast Fashion, organizzata per categoria / cluster in modo da indirizzare gli acquisti di materie prime e l allocazione di capacità produttiva La selezione delle materie prime pre-seasonda acquistare deve consentire la massima flessibilitàper soddisfare le tendenze di moda in-season La pianificazione dell assortimentoper il Fast Fashion ègestito in-seasonin base analisi degli hot trend di mercato Gli store managersono figure chiaveper fornire analisi qualitativesu risposta del mercato a tipologie di stile proposti DA. Approccio tradizionale sequenziale/push: i processi di pianificazione sono gestiti pre-season A. Approccio Push-Pull: il Fast Fashion richiede un approccio Push-Pull dove i processi di pianificazione sono gestiti sia pre che in season Merchandising & SC Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution Logistics & Distribution Merch. & SC Planning PLM Sourcing & Production

17 Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Product Lifecycle Management Merchandising &Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution Gestione sviluppo prodotto reattiva ed in tempi compressi Comunicazione strutturata e collaborazione interna Nel Fast fashion il design dei capitrae ispirazione da modelli di marchi Luxury o Sportswear che hanno particolarmente successo durante la stagione in corso. In altri casi può essere il fornitore stesso a proporre articoli all interno della sua offerta. Gestione timing & workflow di collezione, condiviso internamente ed esternamente per controllare ed accorciare tempi di comprensione specifiche prodotto e ciclo di campionatura(approvazione prototipo e avvio produzione immediato) Processo strutturato di identificazione dei trend emergenti Interazione continua con gli store: raccolta di input quantitativi e qualitativi per guidare decisioni Product Manager L identificazione del corretto bilanciamento tra stile, costi, facilitàdi industrializzazione può essere raggiunta solo grazie ad una collaborazione continua tra merchandiser, buyer, rete vendita, modelleria e stilisti Gli store manager contribuiscono direttamente alla definizione della collezione

18 Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Sourcing & Production Merchandising &Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution Prossimità fornitori / terzisti Lean Production Identificazione del corretto trade off tra flessibilità/livello di servizio dei fornitori e contenimento dei costi Diverse aziende retail hanno spostato il bacino di fornituraverso aree Near Shore(mediterraneo, est europa) piuttosto che Far East. Per i prodotti Fast Fashion questo consente di accorciare i Lead Time di trasporto e quindi il Time to Market. Near Shore Far East Flessibilità: lotti di produzione ridottiper evitare eccessi di stock e elevata frequenza di lancio delle commesseper essere continuamente allineati alla domanda Adozione di pratiche di postponment: ritardare il più possibile (fino alla raccolta di informazioni sulla domanda) fasi produttive che sono differenzianti rispetto ai gusti dei consumatori (es: acquisto di greige al buio e tintura tirata da domanda) Collaborazione / Partnership ed integrazione di fasi critiche della filiera a monteconsentono di ottenere benefici sia in termini di flessibilità che di livello di servizio Livello di servizio: qualità e puntualità consegne Vertical integration Flexibility Ops Partnership Traditional Relationship Strategic Partnership Basic and Opportunistic Relationship Service Level

19 Gestione della Supply Chain nel Fast Fashion Logistics & Distribution Merchandising &Supply Chain Planning Product Lifecycle Management Sourcing & Production Logistics & Distribution Prioritàdell allocazione e della distribuzione per segmento di prodotto Esecuzione Visual Merchandising Il flusso di distribuzione del Fast Fashiondeve avere maggiore prioritàdegli altri segmenti per accorciare il lead time di attraversamento Il modello distributivo deve supportare l aggregazione nel centro distributivo del tema/total lookper consentire la sincronizzazione della consegna negli store Il prodotto Fast fashion deve essere gestito prevalentemente come capo appesoper consentire maggiore velocità di allestimento Il prodotto Fast fashion ha una vita di allestimento di 4-8 settimane, la consegna aggregata del total look Fast Fashion deve essere identificata e prioritizzatain tempi immediati dallo staff degli store Monitoraggio del completamento dei planogrammi (istruzioni di allestimento inviate dal Visual Merchandising) e interazione continua tra sede-vm locali e store per comprendere efficacia espositivadel Fast Fashion e indirizzare attività di re-merchandising sulla rete vendita

20 Conclusioni Non esiste un modello universale di gestione della Supply Chain nel mondo Fashion Le aziende Fashion devono definire la corretta strategia di Supply Chain partendo dalle caratteristiche dei prodotti che gestiscono Diverse strategie di Supply Chain possono coesistere all interno di un azienda Gli ultimi anni hanno visto un grande successo del Fast Fashion: collezioni di abbigliamento di capi all ultima moda a prezzi ridotti, con un elevato contenuto di stileed un ciclo di vitadi 4-8 settimane Il Fast Fashion richiede una strategia che mira ad accorciare tutti i processi di Supply Chain, dallo sviluppo prodotto alla consegna, per rispondere tempestivamente ai gusti dei clienti in continua evoluzione

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Trend e Evoluzioni del Mondo della Moda

Trend e Evoluzioni del Mondo della Moda Trend e Evoluzioni del Mondo della Moda Prof. Ing. Rinaldo Rinaldi Responsabile Scientifico LogisLab Firenze 5 Novembre 2013 Agenda Il contesto di riferimento IT4Fashion e i suoi insegnamenti Nuovi modelli

Dettagli

Il Go to Market nelle aziende del lusso

Il Go to Market nelle aziende del lusso Il Go to Market nelle aziende del lusso Presentazione al Supply Chain Forum Milano, 15 Maggio 2013 2013 AchieveGlobal, Inc. ACHIEVEGLOBAL (ITALY) corso Monforte, 36 20122 Milano tel. +39 02 210951.1 fax

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE BICOCCA IMPRESE Demand e Supply Chain Management: Le iniziative e gli strumenti più efficaci per capire e sfruttare le evoluzioni della domanda e ridurre i costi ed i tempi logistici e produttivi Tecnologie

Dettagli

Luigi Battezzati Ph.D.-Università Carlo Cattaneo LIUC

Luigi Battezzati Ph.D.-Università Carlo Cattaneo LIUC Luigi Battezzati Ph.D.-Università Carlo Cattaneo LIUC La lean philosophy: dalle intuizioni Toyota alla moderna metodologia: come applicarla al mondo del fashion Lean e fashion: contatto/contrapposizione

Dettagli

Tendenze del mercato e loro impatto nella innovazione della Supply Chain

Tendenze del mercato e loro impatto nella innovazione della Supply Chain TRACE-ID 2011 Tendenze del mercato e loro impatto nella innovazione della Supply Chain Milano, 10 novembre 2011 Agenda Scenario macroeconomico: alcuni spunti Fare clic sull'icona per inserire una tabella

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

Contract istruzioni per l uso

Contract istruzioni per l uso Contract istruzioni per l uso v. 1.0 Gennaio 2014 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo uso del personale Cliente. Nessuna parte può

Dettagli

La collaborazione con I fornitori oggi nel mondo fashion é alla base della strategia di crescita, SAP PLM la soluzione. Il caso Alliance Footwear

La collaborazione con I fornitori oggi nel mondo fashion é alla base della strategia di crescita, SAP PLM la soluzione. Il caso Alliance Footwear La collaborazione con I fornitori oggi nel mondo fashion é alla base della strategia di crescita, SAP PLM la soluzione. Il caso Alliance Footwear Agenda Il contesto aziendale: Alliance Fottwear Company

Dettagli

9. Strategia delle Operazioni

9. Strategia delle Operazioni 9. Strategia delle Operazioni LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella OBJECTIVES Concetto di strategia delle

Dettagli

La pianificazione della domanda per i nuovi prodotti

La pianificazione della domanda per i nuovi prodotti supply chain management Demaning planning 36 marzo 2013 La pianificazione della domanda per i nuovi prodotti La continua introduzione di nuovi prodotti sul mercato globale rappresenta un fattore critico

Dettagli

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali

KaiZen. La cornice per partire: i trend attuali KaiZen La cornice per partire: i trend attuali FORZE ESTERNE GLOBALIZZAZIONE Quantità vendute La coda lunga Prodotti Competitività per crescere Modello di business Se funziona è vecchio Prodotto Processi

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Director marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

Esperienzedi Implementazione ebiz

Esperienzedi Implementazione ebiz Esperienzedi Implementazione ebiz Eva Coscia TXT e-solutions 2012, Luglio 12 - Indice Il Pilota ebiz Mustang Chi sono TXT e Mustang? Contesto Architettura della soluzione Benefici Ostacoli Una esperienza

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

1. Il Mercato di riferimento

1. Il Mercato di riferimento IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELLA DOMANDA I risultati della filiera Farmaceutica e il caso GlaxoSmithKline Riccardo Bottura (Supply Chain Director) Andrea Giarola (Head Demand & Distribution) 1. Il Mercato

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Mobile Retail: Il caso Luxottica Stars

Mobile Retail: Il caso Luxottica Stars Mobile Retail: Il caso Luxottica Stars Firenze, 29 aprile 2011 Alexander MacRae Brown International Key Account Development Manager Luxottica Group Mobility Review Mobile Retail: Il caso Luxottica Stars

Dettagli

COMPANY PROFILE 2014

COMPANY PROFILE 2014 COMPANY PROFILE 204 THE NAME WHAT S BEHIND THE BRAND PRIMADONNA IL MARCHIO PRIMADONNA COLLECTION NASCE NEL 200 DA UN'INTUIZIONE DEL FONDATORE NONCHÉ CEO IL SIG. VALERIO TATARELLA. È IL FRUTTO DI UN LAVORO

Dettagli

Company profile QUANDO ESSERE VIZIATI NON È UN PECCATO

Company profile QUANDO ESSERE VIZIATI NON È UN PECCATO Alexys Agency raccoglie con interesse tutte le richieste poste dagli operatori di questo complesso settore, attivandosi per esaudirle in modo professionale, prefiggendosi come obbiettivo la soddisfazione

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Page Salary Survey Salary 2009 - Survey Human 2012 Resources - Retail 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page,

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

SALARY SURVEY 2014. Retail. Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it. Retail

SALARY SURVEY 2014. Retail. Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it. Retail SALARY SURVEY 2014 Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2014 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2014. Michael

Dettagli

Le strategie di internazionalizzazione

Le strategie di internazionalizzazione Le strategie di internazionalizzazione Elisabetta Marafioti Il processo di internazionalizzazione delle imprese Brescia, mercoledì 3 marzo 2010 Cos è una strategia di internazionalizzazione? Stiramento

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

FashionAble Enterprise 2.0

FashionAble Enterprise 2.0 FashionAble Enterprise 2.0 FashionAble Enterprise 2.0 Obiettivo MASSIMIZZARE LE PERFORMANCE DELLA DISTRIBUZIONE E DEL RETAIL I modelli di business stanno evolvendo progressivamente verso una visione collaborativa

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione

Il processo di internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione Brescia, 16 aprile 2015 CONTENUTI Chi e Crossbridge Le fasi del processo di internazionalizzazione Le esperienze Le opportunità nel Far East I partner di Crossbridge

Dettagli

Conoscenza di mercato e internazionalizzazione. Simone Guercini Università degli Studi di Firenze. Prato, 24 maggio 2005

Conoscenza di mercato e internazionalizzazione. Simone Guercini Università degli Studi di Firenze. Prato, 24 maggio 2005 Conoscenza di mercato e internazionalizzazione Simone Guercini Università degli Studi di Firenze Prato, 24 maggio 2005 Sommario 1) La conoscenza di mercato nella prospettiva del decisore aziendale 2) Interazione

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

30 ANNI DI INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA MODA

30 ANNI DI INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA MODA Firenze, 3 aprile 2014 30 ANNI DI INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA MODA Luca Tonello Sales Executive & Channel Manager - DDway 2 Dedagroup Titolo della presentazione 3 DDway Fashion Business Unit 200 Professionisti

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

FAST MOVING CONSUMER GOODS

FAST MOVING CONSUMER GOODS FAST MOVING CONSUMER GOODS Rilevazione della disponibilità e disposizione della merce, rilevazione del prezzo, analisi dei prodotti della concorrenza, rispetto degli accordi nella disposizione della merce,

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

Un caso di successo _ produttore di cucine

Un caso di successo _ produttore di cucine Un caso di successo _ produttore di cucine Sintesi intervento 2008-2011 Vers. 1.3 18 luglio 2012 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA DELLA LOGISTICA DI PRODUZIONE

NUOVE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA DELLA LOGISTICA DI PRODUZIONE NUOVE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA DELLA LOGISTICA DI PRODUZIONE LEAN PRODUCTION MEANS LEAN LOGISTICS Lazise, 13 novembre 2014 Alessandro Dandolo (Managing Partner) ALFAPROJECT.NET PROFILE Supportare le

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Company Profile. www.valuelab.it

Company Profile. www.valuelab.it Company Profile www.valuelab.it 1 Profilo VALUE LAB è una innovativa società di consulenza di management e IT solutions specializzata in Marketing, Vendite e Retail. Aiutiamo le Aziende di produzione,

Dettagli

L esperienza di Timberland online. Lisa Calatroni Ecommerce Operations Manager EMEA 21/01/2014

L esperienza di Timberland online. Lisa Calatroni Ecommerce Operations Manager EMEA 21/01/2014 L esperienza di Timberland online Lisa Calatroni Ecommerce Operations Manager EMEA 21/01/2014 Chi è Timberland in VF VF è una multinazionale leader globale nel lifestyle apparel nata nel 1899 in US Il

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation

Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Business Intelligence @ Work Applicazioni Geografiche e su Palmare per il CRM e la Sales Force Automation Nuovi approcci e nuovi strumenti Marco Di Dio Roccazzella Partner marco.didio@valuelab.it www.valuelab.it

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

Cessione del quinto. La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale. Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008

Cessione del quinto. La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale. Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008 Cessione del quinto La profittabilità di lungo periodo come driver per lo sviluppo industriale Convegno ABI - Assofin Credito alle Famiglie 2008 Il mercato e l industria in Italia e in Europa Roma, 9 giugno

Dettagli

Istituto di Formazione per la Moda

Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Accademia del Lusso è l istituto italiano specializzato nella formazione di figure professionali per i principali settori della moda:

Dettagli

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management SDG SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management People Process Performance Svelare il vero valore dei «dark data» 10% Use Analytics Today Missing new insights Not utilizing all the information

Dettagli

IL VALORE DEL TALENTO

IL VALORE DEL TALENTO IL VALORE DEL TALENTO ACCADEMIA DEL LUSSO Accademia del Lusso è l istituto italiano specializzato nella formazione di figure professionali per i principali settori della moda: marketing, management, stile,

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 2 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

PLM SAP nei settori emergenti: il caso Lavazza

PLM SAP nei settori emergenti: il caso Lavazza PLM SAP nei settori emergenti: il caso Lavazza Agenda Quali sono i settori emergenti PLM footprint Possibili applicazioni nei settori emergenti Il caso Lavazza: SAP PLM per il la gestione ciclo di vita

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 RETAIL Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre ai propri

Dettagli

LABORATORI DI IMPRESA. Industria & Servizi. Bologna, 16 maggio 2012

LABORATORI DI IMPRESA. Industria & Servizi. Bologna, 16 maggio 2012 LABORATORI DI IMPRESA Industria & Servizi Bologna, 16 maggio 2012 GLI OBIETTIVI DI QUESTO INTERVENTO 1. Presentare SCS ed il Mercato Industria & Servizi 2. Introdurre ( brevemente ) le caratteristiche

Dettagli

Che cos è una supply chain? Definizione

Che cos è una supply chain? Definizione Che cos è una supply chain? Definizione L espressione supply chain descrive le forme di collegamento esistenti fra le organizzazioni (fornitori, produttori, distributori e clienti) Servizi Fornitori Operations

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Milano, Giugno 2014. www.marketknowledge.it

Milano, Giugno 2014. www.marketknowledge.it Milano, Giugno 2014 www.marketknowledge.it MARKET KNOWLEDGE Un approccio problem solving al servizio di oltre 100 clienti, presidiando ogni tipologia di canale distributivo. La nostra MISSION: il presidio

Dettagli

TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration

TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration WWW.GRUPPOTESI.COM TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration Santa Vittoria 25.09.2013 La forma e i contenuti della presente documentazione sono da intendersi riservati tra il Cliente e Tesi SpA

Dettagli

TOYOTA INDUSTRIES CORPORATION. 5 Business Segments TOYOTA MATERIAL HANDLING ITALIA 3

TOYOTA INDUSTRIES CORPORATION. 5 Business Segments TOYOTA MATERIAL HANDLING ITALIA 3 TOYOTA MATERIAL HANDLING ITALIA stronger together UN SERVICE DI VALORE Roberto Landriscina Supply Chain Manager Casalecchio di Reno (BO) 17 Marzo 2010 AGENDA Toyota Material Handling Una scelta strategica

Dettagli

Offerta formativa commerciale 4. Metodologia 5. Corsi formativi Custom 8. Corsi a Catalogo 12. Docenti 20

Offerta formativa commerciale 4. Metodologia 5. Corsi formativi Custom 8. Corsi a Catalogo 12. Docenti 20 Offerta formativa commerciale 4 Metodologia 5 Corsi formativi Custom 8 Corsi a Catalogo 12 Docenti 20 Percorsi e Strumenti di formazione commerciale 3 La proposta formativa di ER nasce da un percorso lungo

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

Il percorso formativo è organizzato in OTTO AREE TEMATICHE che corrispondono agli standard ELA:

Il percorso formativo è organizzato in OTTO AREE TEMATICHE che corrispondono agli standard ELA: INTRODUZIONE La Formazione AILOG fornisce i più alti standard qualitativi in linea con le direttive della European Logistics Association (ELA), la federazione delle associazioni europee di logistica. Gli

Dettagli

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea 2009. Consultazioni

Dettagli

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Assemblea Assogiocattoli 27 maggio 2010 Antonio Fossati Managing Partner RDS Consulting Università Pavia 1 2 REMAP YOUR SALES RESHAPE YOUR

Dettagli

Retail. Know-how from inside.

Retail. Know-how from inside. 1 Retail. Know-how from inside. 2 Il retail dal punto di vista migliore. Retail from inside, ovvero il retail dall interno, esattamente come lo vede chi agisce nel settore. È questa la nostra filosofia

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

Alleanze strategiche nelle SC

Alleanze strategiche nelle SC Alleanze strategiche nelle SC Modalità operative per una funzione logistica Attività interne (Gerarchia) Transazioni arm s lenght (Mercato) Forme intermedie Alleanze strategiche nella logistica Third-party

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia Il caso Keyline Gianni Pelizzo Espedia Agenda Presentazione azienda cliente: Think Different @ Keyline Obiettivi del progetto e strumento utilizzato Overview SAP PPM Il caso aziendale: demo a sistema Prossimi

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Dall'ottimizzazione della produzione alla gestione integratadellasupplychain Ing. Giulio Cavitelli Ing. Stefano Garisto Sintesi 2 La gestione della produzione

Dettagli

Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi e persone

Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi e persone Breganze, 26 novembre 2013 1 Lean Organization Innovare organizzazioni e processi per crescere nel mercato globale Accrescere la produttività e la soddisfazione dei clienti tramite l integrazione di processi

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

Sixty Group. De.Ma.S.S.

Sixty Group. De.Ma.S.S. Group De.Ma.S.S. un progetto IT per la condivisione, l aggregazione, la divulgazione di informazioni in tutte le aree creative, produttive commerciali delle aziende moda. Firenze, 29-apr-2011 Fabrizio

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation?

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? Lean Services Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? L approccio JMAC per il mondo dei servizi La nostra proposta Il nostro modello di riferimento: lo schema S2P Mercato / Voice of the Customer

Dettagli

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR 7 marzo 2011 Comunicato Stampa Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR Antonio Gentile, ex General Manager di Qurius Italia, è ufficialmente entrato a far parte del team Altea a

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

01 the BRAND 02 the ECONOMIC REPORt 03 the stores 04 the COMMuNICAtION

01 the BRAND 02 the ECONOMIC REPORt 03 the stores 04 the COMMuNICAtION COMPANY PROFILE 2014 01 02 03 04 the BRAND the economic report the stores the communication 01 THE BRAND THE NAME WHAT S BEHIND THE BRAND PRIMADONNA IL MARCHIO PRIMADONNA COLLECTION NASCE NEL 2001 DA UN

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto GS1 Italy Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto EDI Fatti non parole Principali evidenze della ricerca condotta da GS1 UK sui primi 15 gruppi britannici nella distribuzione

Dettagli

IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI

IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI KAIZEN: MIGLIORAMENTO ED INNOVAZIONE CONTINUI. IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI.

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Sales & Marketing 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

Focalize InfoLab ebiz visto da Objtec

Focalize InfoLab ebiz visto da Objtec Focalize InfoLab ebiz visto da Objtec ebiz evento nazionale in Italia Modena 7 Giugno 2010 Relatore: Massimiliano Morbilli Product Manager Objtec srl Objtec s.r.l. - via Svizzera 4/a 41012 Carpi (MO) ITALY

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT OPERATIONS & SUPPLY CHAIN PERCORSO EXECUTIVE IN SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva NOVEMBRE 2014 OTTOBRE 2015 I.P. AREA TEMATICA E OBIETTIVI DEL CATALOGO

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation L innovazione che conta Innovazione di Prodotto Innovazione di Servizio Innovazione del modello di Business Innovazione nei processi di Business Innovazione nei processi di management e nella cultura aziendale

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli