Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto"

Transcript

1 DISTRETTO CALZATURIERO VENETO Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto Progetto di Ricerca: Relazione Finale

2 Metadistretto Calzaturiero Veneto Via Mazzini, Stra (Ve) Italy tel fax Si ringraziano per la realizzazione dello studio e la stesura del testo: Giorgio Gottardi, Enrico Scarso, Rosanna Fornasiero Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali dell'università di Padova Renzo Pasti, Matteo Toldo GMA Consulting s.r.l. Si ringraziano per la collaborazione alla realizzazione del progetto: Gianpiero Menegazzo Rappresentante Patto di Distretto Mauro Tescaro, Mario Zambelli, Cristina Chinellato Politecnico Calzaturiero scarl Maddalena Riccio ACRIB (Associazione Calzaturifici Riviera del Brenta) Franco Cestonaro, Vittorino Martarello CNA di Rovigo (Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa) Franco Scantanburlo Associazione Artigiani e Piccola Impresa Città della Riviera del Brenta Maurizio Simion Studio Simion & Partners - Studio Commercialisti Associati Auditors & Advisors s.r.l. Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta Le Aziende che hanno partecipato al Comitato Tecnico Scientifico: Agostini Srl, Ballin Srl, Srl, Barbato Srl, Bond Street Srl, Guardi Spa, IRIS Srl, Mima Srl, Peron Srl, Silcea Srl, Del Brenta srl. Le Aziende aderenti al progetto ed il loro personale dipendente per le attività di sperimentazione e ricerca Progetto grafico e impaginazione Lucio Monaro La Press Con il contributo della Regione Veneto L.R. 8/2003 In collaborazione con: Rovigo

3 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto Progetto di Ricerca: Relazione Finale / Dicembre 2008

4 Prefazione IL METADISTRETTO CALZATURIERO VENETO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE di Vendemiano Sartor In un momento di riflessione come quello attuale, caratterizzato dall'esigenza di affrontare nuove criticità internazionali che hanno determinato forti cambiamenti nel mondo economico, nelle regole e nelle ragioni di scambio, è indispensabile una generale riconsiderazione di rilancio e consolidamento della competitività dei territori produttivi regionali. Il Veneto che ha sofferto, più di altri, la velocità dei processi di globalizzazione, si è attrezzato e si sta attrezzando per fornire una risposta adeguata, consapevole che la propria realtà produttiva è ancora un valore saldo e con buone prospettive. La presentazione di questa pubblicazione che riassume il lavoro svolto e i risultati che il Metadistretto Calzaturiero Veneto ha raggiunto mi permette di esprimere la mia ammirazione all impegno di queste aziende manifatturiere, che cercano di far convivere giorno dopo giorno, tradizione e innovazione, antichi saperi con tecniche all avanguardia, storia e futuro ben interpretando la volontà del legislatore regionale. La vostra inventiva appare evidente nel momento in cui ci si confronta con la tipologia di prodotto che il mercato ed il consumatore richiedono e che sapienti artigiani realizzano incontrando le diverse esigenze. La realtà produttiva veneta, apprezzata in Italia e nel mondo, è supportata da una moderna politica di sostegno alle imprese grazie alla collaborazione di tutte le forze istituzionali. Più di cinque anni di azione efficace e mirata, se si pensa che i distretti veneti dai 28 del 2003, sono oggi 44 (di cui 34 Distretti e 10 Metadistretti) realtà riconosciute dalla Regione, con il coinvolgimento di più di imprese per un totale di quasi lavoratori. Dal 2003 al 2008 sono stati emanati 6 Bandi per i Distretti/Metadistretti per un totale di oltre 96 milioni di euro di stanziamenti regionali, a fronte di progettualità presentate, e quindi, per un volume economico di investimenti I

5 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto potenziale di circa 280 milioni di euro. La Legge regionale 8/2003 che il Metadistretto Calzaturiero Veneto ha saputo utilizzare ha dimostrato in questi cinque anni la fondatezza delle scelte operate dalla Regione Veneto che, proprio anche grazie alle indicazioni giunte dai destinatari della Legge, nel marzo 2006 ne ha approvato una rivisitazione, con un cammino veloce, concertato e concreto che è andato ben al di là degli schieramenti politici, inserendo al suo interno tante novità come i metadistretti, le aggregazioni di filiera, i nuovi parametri per favorire l aggregazione, il rafforzamento delle misure rivolte alla ricerca e all innovazione. L innovazione in quanto motore della produzione e fattore di valorizzazione della conoscenza e della ricerca è l elemento centrale della politica economica regionale, che mira a risolvere l equazione tra crescita economica, competitività e occupazione da una parte, sostenibilità ambientale e coesione sociale dall altra. Il ruolo cruciale svolto dai Distretti/Metadistretti produttivi, nel processo di sviluppo dell economia italiana e del Veneto in particolare, testimonia che alcune importanti opportunità si possono cogliere solo collettivamente, come ha ben dimostrato il Metadistretto Calzaturiero Veneto coinvolgendo e coordinando centinaia di imprese che vedono coinvolti migliaia di lavoratori e artigiani con risorse altamente specializzate. I progetti di ricerca e innovazione che avete realizzato partecipando agli annuali bandi di assegnazione delle risorse testimoniano che i distretti sono l'esempio che le politiche per lo sviluppo possono anche non concentrarsi esclusivamente sulla relazione tra innovazione e ricerca. Rappresentano infatti l'evoluzione del concetto stesso di innovazione che passa dal semplice modello lineare nel quale la R&S si trova al punto di partenza, al modello sistemico che nasce dalle interazioni tra aziende, organizzazioni, il loro ambiente operativo e le istituzioni locali, realizzando un circolo virtuoso nel quale la ricerca scientifica genera l'innovazione che a sua volta sostiene la crescita continuando ad assecondare la ricerca per creare nuove conoscenze. Vendemiano Sartor Assessore alle Politiche dell'economia, dello sviluppo, della ricerca e dell'innovazione - Regione Veneto II

6 Presentazione La sempre maggior competizione che caratterizza i mercati mondiali e la forte pressione proveniente dalle aree a basso costo del fattore lavoro, costringono le Aziende a rivedere le proprie strategie e a ripensare la propria organizzazione orientandola sempre più all efficacia e all efficienza. Questi ultimi due concetti di efficacia (capacità di raggiungere un obiettivo) e di efficienza (capacità di raggiungere obiettivi al costo minimo) devono essere ripensati nell ottica del valore percepito dal Cliente. Le dimensioni del valore che il cliente riconosce al prodotto Made in Italy non sono solo in contenuto fashion, ma anche in qualità, tempi di consegna, immagine, costi e quindi il giusto prezzo. Le moderne organizzazioni devono orientare i propri processi verso il valore ponendo particolare attenzione alle dimensioni del tempo e dei costi, senza andare ad intaccare aspetti fashion, qualità di prodotto e servizi. Lavorare su questi aspetti significa non solo migliorare le performance delle attività che generano qualità (le attività dirette di produzione), ma anche aggredire tutte le attività cosidette indirette. Il successo di un organizzazione orientata al valore dipende in modo sostanziale dalla sua capacità di individuare quali siano le attività e i processi organizzativi che generano il valore percepito dal cliente e dalla sua abilità nell eliminare o ridurre tutte quelle attività accessorie che nulla aggiungono al prodotto. Tali attività accessorie sono da considerarsi sprechi, che devono essere eliminati. Il progetto Studio, analisi e sperimentazione di nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del distretto calzaturiero veneto, realizzato nell ambito della Legge Regionale 4 aprile 2003, n.8: Disciplina dei Distretti Produttivi ed interventi di politica industriale locale Bando 2007, ha permesso lo sviluppo di una serie di strumenti che consentono alle Aziende del Metadistretto Calzaturiero Veneto di innovare le modalità operative dell intera filiera logisticoproduttiva eliminando gli sprechi, razionalizzando i processi e III

7 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto migliorando l efficienza e l efficacia dell intera organizzazione. L approccio utilizzato per la costruzione dei nuovi modelli operativi ha privilegiato la filosofia industriale del pensiero snello che vuole bandire gli sprechi dalle organizzazioni, intesi come attese, scorte, attività ripetute o non necessarie, scarti. L introduzione in Azienda di questo approccio consente di rendere più efficiente l organizzazione, migliorare i tempi di reazione alle sollecitazioni esterne, coordinare la complessa filiera produttiva della calzatura in termini di rapidità di risposta, puntualità ed affidabilità di calzaturifici e fornitori. Il progetto sviluppato, in collaborazione con le più importanti Aziende del Metadistretto, ha preso avvio con l analisi della situazione attuale attraverso la Mappatura del Valore che ha permesso di fotografare lo stato dell arte delle attività industriali di un calzaturificio e dei suoi fornitori. Questa mappa ha evidenziato gli sprechi e consentito la costruzione del Modello Futuro che elimina/riduce ogni forma di attesa, scorta, attività ripetute. I benefici attesi per le Aziende che hanno iniziato l implementazione di questo tipo di approccio possono essere riassunti in una maggior rapidità di risposta al mercato (eliminazione delle attese e sincronizzazione dell arrivo dei componenti), in un minor peso dei costi fissi legati ad attività indirette (solleciti, materiali, trasporti urgenti), in una maggior efficacia dei processi di sviluppo collezione (standardizzazione parti, parallelizzazione dei processi, configuratore di prodotto) in una maggior integrazione con i fornitori (contratti quadro). Giuseppe Baiardo Presidente ATI Metadistetto Calzaturiero Veneto IV

8 Sommario 1. INTRODUZIONE APPROCCIO METODOLOGICO LE FASI DEL PROGETTO PASSO 1 LA FILIERA SNELLA DEL METADISTRETTO PASSO 2 DIFFUSIONE PASSO 3 - ESTENSIONE I PROTAGONISTI DEL PROGETTO BREVE INTRODUZIONE AL PENSIERO SNELLO BREVE STORIA DEL PENSIERO SNELLO I PRINCIPI DEL PENSIERO SNELLO I MUDA O SPRECHI LA MAPPATURA DEL VALORE VSM LEAN E NUOVI PARADIGMI EMERGENTI INTRODUZIONE L APPLICAZIONE DELL APPROCCIO LEAN IL VALUE STREAM MAPPING AGILE AND ADAPTIVE MANUFACTURING GLI SVILUPPI RECENTI APPLICAZIONI AL SETTORE MODA I CASI AZIENDALI ANALISI ACTUAL STATE AZIENDA A Breve descrizione del contesto aziendale Ricerca e Sviluppo V

9 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto Industrializzazione Processo di produzione Analisi della catena di fornitura ANALISI ACTUAL STATE CALZATURIFICIO B Breve descrizione del contesto aziendale Ricerca e sviluppo Industrializzazione Il processo di produzione Analisi della catena di fornitura ANALISI DELLA FILIERA Tacchificio Suolificio QUICK CHECK-UP LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE L approccio metodologico Il SISTEMA ADOTTATO ALCUNI RISULTATI FUTURE STATE IL MODELLO A TENDERE PREMESSA VISIONE GENERALE AREA SVILUPPO PRODOTTO Modello area sviluppo prodotto Cantieri di lavoro AREA SUPPLY CHAIN Modello di filiera Syncro MRP Cantieri di lavoro COSTI E BENEFICI ATTESI ULTERIORI CANTIERI PER LA SUPPLY CHAIN VI

10 8. CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA VII

11 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto VIII

12 Capitolo 1 - Introduzione Capitolo 1 * INTRODUZIONE L industria italiana delle calzature rappresenta una realtà di spicco nel contesto nazionale e mondiale. Il nostro Paese, infatti, è oggi il primo produttore di calzature dell Unione Europea, e il sesto nel mondo, grazie a fattori quali: talento creativo, innovatività e flessibilità nei processi di fabbricazione, diffusa presenza di servizi e strutture di formazione; oltre alla disponibilità di materie prime, accessori e componenti tecnologicamente e stilisticamente all avanguardia. Malgrado ciò, il notevole aumento della competizione internazionale verificatosi nel decennio ha causato al settore enormi difficoltà che si sono tradotte in una rilevante diminuzione delle quantità prodotte, accompagnata da una contrazione del numero di aziende e di addetti. Lo scenario internazionale si è rapidamente trasformato sotto l azione congiunta di molteplici fattori. In primo luogo l ingresso di nuovi competitor ha contribuito a modificare i vecchi equilibri, introducendo elementi destabilizzanti a cominciare da un ampia disponibilità di manodopera a costi estremamente contenuti. Anche la domanda mondiale è andata ancor di più differenziandosi, e sta emergendo la tendenza alla micro-segmentazione all interno di delle varie fasce di consumatori. Altri fenomeni di rilievo vanno individuati nell evoluzione delle tecnologie produttive, nella concentrazione degli operatori della distribuzione e nell ingresso nel settore dei colossi della moda, che da tempo stanno puntando ad un offerta coordinata con linee di calzature collegate ai loro brand. Infine, negli anni più recenti si sono manifestate nuove pressioni dovute ad esempio al repentino incremento delle importazioni di prodotti dall estero e al rafforzamento dell euro, ulteriore elemento di difficoltà per un settore fortemente orientato all export. * A cura di Giorgio Gottardi e Enrico Scarso 1

13 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto In un ambiente così complesso, difficile e in continua evoluzione hanno operato le imprese del Metadistretto Calzaturiero Veneto che sono riuscite, attraverso strategie di estrema attenzione alle peculiarità dei singoli mercati internazionali, e di innalzamento della gamma, a mantenere i livelli produttivi, aumentando leggermente il fatturato. Elemento fondante di tali strategie è stato appoggiarsi in modo consistente alle grandi case di moda, od operando come licenziatarie, oppure accettando l ingresso di queste nella propria compagine societaria. Dal 2000, infatti, la presenza nel Metadistretto di griffe internazionali è progressivamente aumentata, e oggi la produzione per i brand del lusso è massiccia. In genere le case di moda controllano le fasi creative e di definizione stilistica, e spesso anche la distribuzione del prodotto finito, lasciando alle imprese del Metadistretto le fasi produttive vere e proprie (compresa la modelleria e l industrializzazione della calzatura), e gli approvvigionamenti. Questa strategia ha permesso alle imprese calzaturiere di sottrarsi alle pressioni sui prezzi provenienti dalle nazioni emergenti mantenendo più stabile la domanda. Chiaramente tutto questo ha comportato una certa perdita di autonomia strategica, ma soprattutto ha richiesto alle imprese la capacità di integrarsi in modo attivo all interno dei grandi network delle multinazionali della moda. È aumentato contemporaneamente il ricorso alla delocalizzazione all estero delle attività maggiormente labour intensive, l orlatura in primis. Tale fenomeno non ha interessato i fornitori specializzati, come tacchifici, formifici e suolifici, che, visto il ruolo importante che giocano anche nelle fasi di progettazione e realizzazione della calzatura, continuano ad essere reperiti su base locale o al più nazionale. Gli sforzi fin qui compiuti, sebbene importanti, non mettono tuttavia al riparo per quanto riguarda il futuro. Anzi, operare in un ambiente globale esige percorsi di miglioramento continuo tesi ad incrementare la capacità delle imprese di gestire in modo maggiormente efficiente processi che vedono la partecipazione di soggetti sparsi in tutto il mondo. In questo scenario si inserisce il progetto qui illustrato, che ha inteso valutare se e come sia possibile per le imprese del settore calzaturiero 2

14 Capitolo 1 - Introduzione recuperare efficienza ed efficacia attraverso l applicazione dei principi del pensiero snello, espressione che deriva dalla ben nota locuzione produzione snella (dall inglese lean manufacturing o lean production) con cui si identifica una filosofia industriale ispirata al Toyota Production System, volta a minimizzare gli sprechi fino ad annullarli. Il termine produzione snella deve la sua fama a Womack, Jones e Roos, e al loro libro del 1990 The Machine That Changed the World, in cui gli autori esaminano in dettaglio e confrontano le prestazioni del sistema di produzione dei principali produttori mondiali di automobili con la giapponese Toyota, rivelando le ragioni della sua superiorità rispetto ai concorrenti. Come sarà approfondito al capitolo 3 del presente volume, i principi della produzione snella si possono riassumere in: eliminare gli sprechi, di tutti i tipi (difetti, trasporti, attese, sovrapproduzione, magazzini, elaborazioni inutili, ecc.); ripensare il valore dei processi dalla prospettiva del cliente; identificare le attività che producono valore per il cliente, eliminando le fasi che non aggiungono valore; realizzare le fasi che aggiungono valore in flusso, in modo da svolgerle senza interruzione; lasciare che sia il cliente a tirare il processo, riducendo al minimo la produzione su previsione; perseguire l eccellenza tramite miglioramenti continui. Operare secondo questi principi significa considerare il processo produttivo in un ottica unitaria al fine di ridurne il più possibile la complessità, e puntare sulla sua flessibilità, coinvolgendo fin da subito le varie funzioni aziendali. La logica impostata sul citato pensiero snello è stata rapidamente estesa anche ad altre aree ed ambiti aziendali, ad esempio quello progettuale. Secondo i proponenti di quest approccio, rifarsi ai principi del pensiero snello non significa migliorare l efficienza dei processi aziendali in quanto tali, ma in relazione alle reali esigenze dei clienti. 3

15 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto Pertanto l organizzazione che segue questi principi punta a focalizzare le proprie energie sulle attività che creano valore per il cliente, eliminando quelle che questi non riconosce come tali: migliorando l efficienza delle sole attività che generano valore si finisce col migliorare l efficacia stessa dell azienda. I principi del pensiero snello hanno trovato inizialmente applicazione in ambito industriale, soprattutto nei settori vicini a quelli in cui l approccio ha avuto origine (automotive e meccanica). Da qualche anno a questa parte il suo impiego si è esteso al settore dei servizi, sia privati sia pubblici (ad esempio ospedali). In questi ambiti, infatti, si sta diffondendo la consapevolezza di quanto importante sia ridurre gli sprechi e porre una maggior attenzione al cliente. Venendo alle imprese calzaturiere, il settore ha mostrato da sempre un certo ritardo nell applicazione delle più moderne pratiche organizzative. Questo vale anche per i principi dell organizzazione snella, fino ad oggi estranei al settore, per molti aspetti ancora legato a modalità operative e organizzative tradizionali. Per quanto a nostra conoscenza, infatti, sono molto pochi e isolati i casi di imprese calzaturiere che si stanno organizzando secondo una logica snella. Non si hanno informazioni circa le modalità dell approccio e i risultati ottenuti. Appare quindi opportuno valutare l applicabilità dei principi e degli strumenti del pensiero snello a la consistenza dei relativi benefici. Questo si propone il progetto qui illustrato e discusso, che intende valutare i vantaggi che l approccio lean può fornire alla competitività della filiera calzaturiera. Va in premessa ricordato che il settore presenta alcune peculiarità che lo distinguono dai contesti tipici di applicazione del pensiero snello, e che concernono: un organizzazione produttiva basata sul decentramento di molte fasi del processo; un parco di fornitori e terzisti di piccola dimensione; un prodotto in continua evoluzione. Si tratta di fattori che, come sarà illustrato nel testo, hanno richiesto un adattamento del modello. Trattandosi di un progetto promosso dall Acrib (Associazione Calzaturieri della Riviera del Brenta), esso è rivolto all intero Metadistretto 4

16 Capitolo 1 - Introduzione Calzaturiero Veneto, e pertanto pone un attenzione particolare alla trasferibilità dei risultati raggiunti a tutte le imprese del raggruppamento. Questo spiega lo sforzo teso a sviluppare un modello di organizzazione snella da proporre alle imprese del Metadistretto, sforzo che ha trovato concretizzazione nella realizzazione di uno strumento di autodiagnosi organizzativa da proporre alle imprese dell area. Il progetto si è occupa non tanto di singole imprese quanto di filiere. Si è trattato di una scelta indispensabile, considerato che qui, forse più che in altri settori, il carattere distrettuale e l organizzazione a filiera tipica delle imprese dell area incidono in modo assolutamente determinate sulle loro prestazioni. Non è stato possibile, e sarebbe stato del tutto fuorviante, affrontare il tema dell organizzazione snella rimanendo all interno dei confini aziendali, senza coinvolgere nell analisi gli anelli principali della catena del valore. Tra l altro l estensione della soluzione lean all intera catena viene indicato da vari esperti come un ulteriore principio del pensiero snello. 5

17 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto 6

18 Capitolo 2 - Approccio metodologico Capitolo 2 * APPROCCIO METODOLOGICO In questo capitolo presentiamo una breve sintesi dell approccio metodologico del progetto. Il successivo capitolo 3 presenterà con maggior dettaglio le tematiche del pensiero snello, che sono parte integrante di questo progetto. Un progetto di organizzazione snella ha l obiettivo di riorganizzare i processi nelle aziende oggetto di studio ma anche in tutta la filiera secondo il driver del valore ovvero porre l organizzazione dell Azienda, o meglio di tutto il Metadistretto al servizio del mercato, garantendo economicità gestionale e qualità di prodotto. I principi della organizzazione snella (si rimanda per approfondimenti al capitolo 3) possono essere introdotti nella filiera della calzatura in due macro aree: Supply Chain ovvero i processi di acquisto, produzione e magazzino sui quali applicare i principi della Lean Production per: o identificare il valore percepito dal mercato; o individuare le attività non a valore aggiunto; o ridurre/eliminare le attività che non aggiungono valore la prodotto; o creare una filiera che costruisca il valore che il mercato percepisce come distintivo del prodotto (non solo design, ma anche prezzo, tempo e qualità). Sviluppo prodotto per rendere sempre più efficace e veloce la generazione di nuovi prodotti organizzando al meglio: o tecnologie esistenti e/o innovative; o le persone e il loro lavoro; o la gestione delle attività nei periodi di picco. * A cura di Renzo Pasti 7

19 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto 2.1 LE FASI DEL PROGETTO Il progetto è articolato secondo 3 passi metodologici, i primi due completati nel corso del 2008, il terzo da sviluppare nel 2009, in particolare: Passo 1- Definizione di nuovi modelli organizzativi per la filiera snella di MetaDistretto o a livello del Metadistretto Calzaturiero Veneto sono state definite le attività che concorrono alla creazione del valore attraverso l analisi dettagliata dei processi produttivi, e di sviluppo prodotto; o in un secondo momento sono state sviluppate le linee guida per la riprogettazione dei nuovi processi gestionali, che consentono di arrivare ad una Filiera Snella del Metadistretto; o queste attività sono state svolte e condivise con alcune Aziende del Metadistretto che ricomprendono i principali attori della filiera. Passo 2 -Diffusione o il nuovo modello sviluppato è stato proposto alle Aziende del Metadistretto; o è stato inoltre sviluppato uno strumento sintetico di Quick Checkup per l autodiagnosi che le singole aziende possono e potranno effettuare sulla propria realtà organizzativa. Passo 3 - Estensione o il modello proposto sarà recepito, nel corso del 2009, dopo attenta valutazione, da alcune aziende del Metadistretto Calzaturiero Veneto; o si passerà quindi alla fase realizzativa in ogni singola Azienda che aderisce al progetto. 8

20 Capitolo 2 - Approccio Metodologico 2.2 PASSO 1 - LA FILIERA SNELLA DEL METADISTRETTO In questo primo passo del progetto sono state coinvolte due calzaturifici rappresentativi del Metadistretto e due loro fornitori per l analisi della filiera. Nel dettaglio le attività svolte con le aziende sono state: definizione del valore percepito dal cliente ovvero le componenti cui è sensibile il cliente: design, qualità, consegne on time prezzo/costo, consegne frazionate/uniche; analisi dei processi aziendali e loro formalizzazione attraverso la mappa del valore attuale (Value Stream Mapping VSM Actual State, vedi anche capitolo successivo) per individuare tutte le attività che non aggiungono valore al prodotto. È stata definita una sequenza standard di attività e indicatori di riferimento che sono stati integrati nello strumento Quick Check-up ; approfondimento della mappa del valore con verticalizzazioni analitiche su base dati numeriche tra cui: o quantità prodotte per collezione, numero articoli; o tasso di mortalità ovvero il rapporto tra i prodotti che non raccolgono ordini e il totale dei modelli sviluppati; o livello di servizio richiesto ed erogato verso il cliente (data ordine, data richiesta consegna e data effettiva consegna); o livello di servizio richiesto ed erogato dal fornitore (data ordine, data richiesta consegna e data effettiva consegna); o livello scorte nei mesi di produzione; o tempi medi di attraversamento della filiera; o tempi di sviluppo collezione e numerosità collezione. Progettazione della mappa del valore futuro (Value Stream Mapping VSM Future State) ovvero di un flusso di attività (produttive o di ufficio tecnico), che prevede la riduzione di quelle senza valore aggiunto. Tale mappa è costituita da: o una visione generale; o un dettaglio dei processi da eliminare e da migliorare; 9

21 Nuovi modelli organizzativi e logistici per la competitività nella filiera del Metadistretto Calzaturiero Veneto o un piano di realizzazione. Condivisione della mappa futura con Aziende Campione e con il Politecnico Calzaturiero. Queste attività sono state svolte in stretta collaborazione con le Aziende Campione con particolare attenzione alla condivisione dello stato futuro, ovvero del modello che viene proposto nel Capitolo PASSO 2 DIFFUSIONE Una volta sviluppato il passo 1, che rappresenta la parte progettuale di ricerca, si è passati alla fase di diffusione alle altre Aziende del Metadistretto attraverso tre attività: definizione di uno strumento rapido di autodiagnosi chiamato Quick Check-up, per costruire la mappa attuale di ciascun azienda. Questo strumento, sulla falsariga delle attività svolte con le Aziende Campione, sarà disponibile per tutte le Aziende del Metadistretto e si articola in una richiesta di dati sintetici, ma significativi delle prestazioni della filiera di ciascuna Azienda; condivisione con il Comitato Tecnico Scientifico dei risultati della ricerca e redazione di una pubblicazione su: o risultati della fase di analisi sulla filiera e sulle realtà del Metadistretto Calzaturiero Veneto che hanno già utilizzato lo strumento di Quick Check-up ; o modello di miglioramento proposto; o stima di tempi, costi di realizzazione e possibili benefici dei singoli cantieri proposti; organizzazione di un evento per presentare il progetto, con sessioni dedicate alle Aziende interessate alla successiva realizzazione del modello proposto. 10

22 Capitolo 2 - Approccio Metodologico 2.4 PASSO 3 - ESTENSIONE Quest ultima parte del progetto dovrebbe realizzarsi nel corso del 2009, o degli anni seguenti, in funzione della disponibilità di risorse (in particolare di competenze umane) delle Aziende del Metadistretto. Si tratta di replicare le attività del passo 1 del progetto, declinandole nella realtà di ogni singola Azienda. In particolare: individuare il valore percepito dal cliente; definire la mappa del valore attuale (Value Stream Mapping VSM Actual State); progettare la mappa del valore futuro (Value Stream Mapping VSM Future State) prendendo come guida il modello presentato; apertura dei gruppi di lavoro (i cantieri) che permettono di portare la struttura dall Actual State al Future State su tematiche specifiche; follow up e mantenimento, estensione ad altre aree aziendali. Costituisce momento fondamentale di ogni singola realizzazione, il confronto tra la situazione attuale, e la possibilità di rendere operativo il modello proposto. Tale modello rappresenta una elaborazione di massima, studiata sulle Aziende Campione e quindi richiede un attenta analisi della realtà di ogni singola Azienda per: individuare le aree aziendali già funzionanti secondo lo schema proposto; scegliere gli aspetti del modello da realizzare; valutare la sequenza delle attività o dei cantieri da avviare; stimare con maggior dettagli o costi e benefici attesi. 11

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli