BONFIGLIOLI CONSULTING INTERNATIONAL pag. 12 a Düsseldorf il 5 Annual European Manufacturing Strategies Summit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BONFIGLIOLI CONSULTING INTERNATIONAL pag. 12 a Düsseldorf il 5 Annual European Manufacturing Strategies Summit"

Transcript

1 Anno VI - Numero 2 - Novembre Rivista Quadrimestrale - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento Postale - 70% - DCB - Reggio Emilia N U M E R O 2009 LEAN SUMMIT 4 pag. 4 Ecco il cambiamento sostenibile PRIMO PIANO pag. 8 Leadership e dintorni. Una storia italiana : in libreria il nuovo libro di Romano Bonfiglioli BONFIGLIOLI CONSULTING INTERNATIONAL pag. 12 a Düsseldorf il 5 Annual European Manufacturing Strategies Summit HIGHLAND WORLDWIDE pag. 16 a Bologna il meeting AUTOMOTIVE / INDUSTRIAL GOODS

2 N U M E R O DUE 2009 Proprietario Bonfiglioli Consulting srl Via Isonzo, 61 Casalecchio di Reno (BO) Tel Autorizzazione del Tribunale di Bologna n 7277 del 10/12/2002 Direttore responsabile: Stefano Catellani Stampa Bertani&C. srl Via C.A. Dalla Chiesa, Cavriago (RE) Progetto grafico e Editing Artoni Grafica Montecchio Emilia (RE) sommario editoriale PAROLA D ORDINE sostenibilità pag. 3 primo piano LEAN SUMMIT 2009 USCIRE DALLA CRISI? SI PUO CON IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE pag. 4 LEADERSHIP E DINTORNI IL NUOVO LIBRO DI ROMANO BONFIGLIOLI pag. 8 UNA STORIA.. CHE AFFASCINA pag. 10 local & global BONFIGLIOLI INERNATIONAL EMS 2009: LA VIA ITALIANA PER USCIRE DALLA CRISI pag. 12 BONFIGLIOLI INTERNATIONAL ARE YOUR OPERATIONS AND PROCESSES EXCELLENT? pag. 14 HIGHLAND WORLDWIDE A BOLOGNA IL MEETING su Automotive / Industrial goods pag. 16 formazione WORKSHOP WORKSHOP LEAN R&D NEL SETTORE LIFE SCIENCES pag. 18 LEAN THINKING LEAN THINKING IN PROGETTAZIONE: DALLA TEORIA ALLA PRATICA pag. 20 l opinione LEAN THINKING NAUTICA A TUTTO LEAN pag. 22 web HIGHLAND NEWS ON LINE NUOVA SEZIONE DEL PORTALE INTERNET pag. 24 Manda ad un amico Da inviare via fax al N DESIDERO INVIARE UNA COPIA DEL PERIODICO IMPRESA & IMPRESE A NOME COGNOME FUNZIONE SOCIETÀ SETTORE DI ATTIVITÀ INDIRIZZO CAP PROVINCIA SEGNALATO DA Ai sensi della legge n. 196/93, qualora non desideri ricevere ulteriori comunicazioni barri la casella riportata qui a fianco. BONFIGLIOLI CONSULTING S.r.l. Via Isonzo, 61 Casalecchio di Reno (BO)- Tel Fax

3 t r e e d i t o r i a l e PAROLA D ORDINE sostenibilità Uscire davvero dalla crisi significa porre il mondo sul sentiero di una crescita che possa durare nel tempo senza sfociare in una nuova catastrofe: una crescita, come dicono gli economisti, sostenibile. Tommaso Padoa-Schioppa Scritta in cinese la parola crisi è composta di due caratteri. Uno rappresenta il pericolo e l altro rappresenta l opportunità. John Fitzgerald Kennedy Arrendersi è il più grande vantaggio che si può dare al nemico. Confucio Alcuni per paura di pericoli minori si cacciano in guai peggiori. Esopo Favolista greco del VI secolo a.c. Pensateci bene, l aggettivo sostenibile è sempre più usato quando si parla di ricette per uscire dalla crisi che stiamo vivendo. E usato perchè ha almeno tre significati. Il primo è economico-finanziario: per tutti i soggetti pubblici e privati ci deve essere un equilibrio durevole tra risorse impiegate e risorse disponibili. E in questa ottica di sostenibilità che alcuni tagli (anche di risorse umane qualificate) e alcuni blocchi a investimenti e progetti risultano poco comprensibili. E nella sostenibilità di lungo periodo che si deve misurare ogni azione imprenditoriale. I risultati a breve non sempre consentono di uscire dalla crisi. Il secondo è sociale: disparità di vita troppo grandi tra i popoli o i ceti offendono la solidarietà umana e minacciano pace e sicurezza. Il terzo è ambientale: la natura stessa, un tempo imperturbabile, è diventata fragile e chiede protezione. Il Cambiamento Sostenibile è stato il filo conduttore del quarto Lean Summit che ha riunito a metà maggio al Kilometro Rosso di Bergamo tantissimi imprenditori e manager. In tempi di crisi globale offriamo alle imprese le strategie per migliorare la competitività in modo concreto e duraturo ha detto Romano Bonfiglioli, presidente di Bonfiglioli Consulting annunciando il meeting. E quella nel Cambiamento Sostenibile la chiave per guardare oltre. La festa è finita è una celebre frase rivolta agli azionisti Fiat di Gianni Agnelli nel gennaio Anche oggi molti economisti convergono su una analisi durissima: la crescita ante 2007 era insostenibile sotto il profilo economicofinanziario, sotto il profilo sociale e sotto quello ambientale. L economista Tito Boeri prevede che il reddito medio degli italiani a fine 2009 sarà più o meno come quello del 1998: quindi abbiamo perso 10 anni. Secondo le stime FMI (il Fondo Monetario Internazionale) nel altri due paesi ci supereranno Grecia e Slovenia. Lo stesso sorpasso che ha fatto la Spagna. Cosa serve per invertire la tendenza? Servono Leader. Romano Bonfiglioli presentando il suo nuovo libro Leadership e dintorni. Una storia Italiana ha più volte ribadito la centralità del capo. In fasi come quella che stiamo vivendo, per trovare davvero una Exit Strategy Sostenibile servono grandi leader, a tutti i livelli. Dal reparto produttivo al vertice aziendale, dal piccolo Comune al Governo. Mario Monti, presidente dell Università Bocconi, ha scritto che la vera sfida dell Enciclica Caritas in veritate di Benedetto XVI è la richiesta di una unica Autorità Mondiale. Una leadership per governare i cambiamenti. La crisi ci aiuta a capire che la sostenibilità non è un orpello, ma sempre più un requisito indispensabile dello sviluppo. Si sapeva, certo, che il mercato meccanismo insostituibile per il benessere e la crescita è soggetto a fallimenti, non è sufficiente a garantire uno sviluppo sostenibile, richiede interventi di politica economica. Ma la crisi ci ha mostrato che la stessa economia di mercato può non essere sostenibile, non essere più accettata, se non affronterà efficacemente i problemi delle eccessive disuguaglianze ha scritto Mario Monti. Il prof Stefano Zamagni, docente all Università di Bologna ha aggiunto un altro elemento di analisi: Le più profonde origini della crisi attuale, sono da ritrovare nell eccesso di avidità degli operatori economici. Il Governatore di Bankitalia Mario Draghi accende però una luce oltre il tunnel fatto di fatturati dimezzati, di fabbriche semi chiuse e di paura: Grazie a un livello senza precedenti di cooperazione multilaterale, possiamo guardare oggi oltre la crisi con speranza. Il governatore della Banca d Italia, Mario Draghi, invitando a un prudente ottimismo ma anche a non interrompere gli sforzi. Anche se la crisi non è ancora finita e il suo impatto sull attività economica e sull occupazione continuerà a essere percepito nel mondo ancora per un po, sottolinea, dobbiamo iniziare a preparare la strada per la ripresa e per una crescita sostenuta rimuovendo gli ostacoli alla produttività e promuovendo l inclusività sociale. Gli imprenditori, trascinati dai problemi di sopravvivenza quotidiana, non possono comportarsi pensando qualunque cosa, pur di uscirne. Vi è la necessità di ripensare i fragili assetti, prima di tutto finanziari, con cui si è affrontato lo sviluppo dal dopoguerra a oggi. E servono imprese di famiglia capaci di costruire il futuro come hanno fatto in trent anni cambiando buona parte dell Italia: in meglio. In conclusione le parole di Jean-Claude Trichet, presidente della Bce (la Banca Centrale Europea): Molte imprese italiane, in particolare piccole e medie, si trovano di fronte a un momento di grandi sfide ; dovranno compiere grandi sforzi per ridurre i costi e darsi una più efficiente organizzazione della produzione (anche con meno occupati, si può presumere); ma alla fine sono certo che lo spirito imprenditoriale che è nei cromosomi di questa nazione, particolarmente evidente a Venezia, per la storia che questa città ha, prevarrà. Di questi e altri temi parliamo in questo numero, il secondo del 2009, di Impresa & Imprese. Di una via sostenibile per migliorare il sistema industriale italiano. Stefano Catellani

4 q u a t t r o p r i m o p i a n o L E A N S U M M I T USCIRE DALLA CRISI? SI PUÒ Al Kilometro Rosso di Bergamo l analisi sulle strategie per migliorare la competitività delle imprese con il cambiamento sostenibile Bonfiglioli Consulting ha presentato le applicazioni vincenti del Lean Thinking alla maniera italiana a oltre 100 imprenditori e manager. Appuntamento al 2011 Accelerare l uscita dalla crisi è possibile se le imprese scelgono la strada del cambiamento sostenibile. Se investono per rendere durature le riduzioni di costi e gli aumenti di competitività che si possono ottenere introducendo nuovi stili gestionali basati sul Lean Thinking. E questo il messaggio che esce dal Lean Summit 2009 che a metà maggio ha portato al Kilometro Rosso, il Parco scientifico tecnologico di Bergamo, tantissimi imprenditori e manager che hanno toccato con mano i risultati ottenuti in molte aziende italiane dal team Bonfiglioli Consulting di Bologna. Romano Bonfiglioli da oltre 35 anni promuove il cambiamento mirato alla competitività nelle imprese italiane e ogni due anni propone i nuovi scenari. La quarta edizione del Lean Summit ha sottolineato la dimensione globale della crisi e insieme la convinzione che le ricette per uscirne stanno prendendo forma per le imprese che non si arrendono e non bloccano i piani di sviluppo. Come stanno facendo, e lo hanno spiegato al Lean Summit 4, Videotec, Brovedani Group e Rolfo. In questa fase è decisivo il ruolo dei vertici aziendali, servono veri leader per guidare un cambiamento sostenibile nel tempo ha spiegato Romano Bonfiglioli, presidente e fondatore di Bonfiglioli Consulting la partecipazione di oltre 100 imprenditori e manager al Lean Summit 4 dimostra che le imprese italiane non stanno aspettando che la crisi passi, stanno investendo e reagendo. Avvertiamo un cambiamento di clima, in positivo, rispetto alla fine del Sono ansiose di riprendere la corsa. A dare la visione global sono arrivati gli olandesi di Twynstra Gudde e gli australiani di The LiTMUS Group che sono entrati nel network internazionale di consulenti Highland Worldwide. Da un anno anche Bonfiglioli Consulting è legato al network Highland Worldwide che mette in relazione 8 società di consulenza attive in tutto il mondo. Maurits Jan Vink e Hanna Boersema di Twynstra Gudde: Gli indicatori che raccogliamo nei paesi dove operiamo dicono che la fase acuta della crisi finirà nei primi mesi del prossimo anno ma già dopo l estate ci aspettiamo un clima complessivamente meno pesante. Brad Miller (The LiTMUS Group): L impatto di questa crisi è differenziato a livello di paesi (mercati) e settoriale. In Australia, ad esempio, stiamo vivendo una crisi meno pesante rispetto all Europa. I settori che ora stanno soffrendo di più saranno quelli che usciranno prima dalla crisi. Al Lean Summit 4 hanno portato

5 c i n q u e In un momento come questo è importante fare essenzialmente due cose: capire il contesto nel quale si gioca e capire come ogni impresa vuole giocare. Andrea Pontremoli CEO Dallara Automobili contributi Marco Casiraghi CEO di G.D. e del gruppo Coesia di Bologna: Il tema contingente del bilancio annuale, del budget non deve condizionare le vere scelte anti crisi. La crisi che viviamo deve indurre a una maggiore prudenza, ma si deve guardare avanti. Non dimentichiamo che le crisi formano i leader del futuro. Aspettare per vedere cosa succede non serve. Bisogna muoversi. La sintesi finale del Lean Summit 4 è arrivata da Andrea Pontremoli, CEO di Dallara Automobili di Varano Melegari: In un momento come questo è importante fare essenzialmente due cose: capire il contesto nel quale si gioca e capire come ogni impresa vuole giocare. Questa crisi ha un grande vantaggio costringe le imprese a fermarsi, a pensare. Viviamo tutti in una gigantesca supply chain che lavora in tempo reale e se si ferma un tassello si blocca tutto, di colpo. In futuro dovremo essere capaci di innovare a una velocità più alta rispetto al passato. Matteo Bonfiglioli, Amministratore Delegato di Bonfiglioli Consulting ha messo l accento sul cambiamento sostenibile: Cambiare una azienda per renderla più competitiva è certamente una sfida complessa. Le aziende sono fatte di persone e per ottenere risultati concreti devono cambiare le persone. Cambiarle su un progetto pilota o su un aspetto specifico della vita aziendale risulta facile. Estendere il cambiamento a tutta l azienda e renderlo duraturo è certamente più complesso, ma è questa la vera sfida. Serve una visione di lungo termine e per cambiare occorrono tempo, impegno e volontà. Michele Bonfiglioli, Amministratore Delegato di Bonfiglioli Consulting ha portato l attenzione

6 s e i p r i m o p i a n o L E A N S U M M I T sui grandi scenari: Vediamo che i piccoli obiettivi di breve termine portano a risultati limitati. Le imprese che sono fuori dalla crisi e hanno successo sono quelle solide di base e che hanno un idea a lungo termine di quello che vogliono essere sul mercato. Non c è una ricetta unica. Noi lavoriamo con le aziende per mettere a punto, impostare, realizzare e rendere stabili i cambiamenti che sono necessari per quel tipo di impresa. La crisi che stiamo vivendo ha reso evidenti situazioni di difficoltà aziendale che si sarebbero comunque manifestate. Le aziende che avevano problemi nel 2007 hanno solo accelerato la discesa mentre quelle solide accelereranno appena il mercato mondiale si riprenderà e avranno successo. Delle opportunità offerte dal Parco scientifico tecnologico Kilometro Rosso ha parlato Leonardo Marabini Direttore Marketing Pianificazione e Sviluppo di Kilometro Rosso: Siamo in una fase di grande sviluppo e le aziende che si insediano nel Kilometro Rosso sanno di avere a disposizione un ambiente favorevole, una rete di relazioni che aiuta a crescere e competere. Siamo a metà strada rispetto alla dimensione finale prevista ma siamo già, secondo il Censis, il secondo luogo di eccellenza per l innovazione in Italia. Entro la fine del 2010 saranno al lavoro oltre 1500 tra ricercatori e ingegneri. In più a livello internazionale siamo il primo Parco scientifico tecnologico che ha siglato un patto di collaborazione con il MIT di Boston e abbiamo la caratteristica di non essere monosettore e così si aprono molte prospettive. Il prossimo appuntamento con i grandi eventi di Bonfiglioli Consulting è già fissato al Abbiamo elaborato un programma di lavoro innovativo conclude Michele Bonfiglioli, Ad Bonfiglioli Consulting e anche il meeting di approfondimento che organizziamo ogni due anni nel 2011 riserverà vere novità per imprenditori e manager.

7 s e t t e Sono 114 le aziende che hanno pensato snello insieme a Bonfiglioli... alcune hanno scelto un nome in codice per i progetti lean. Ne elenchiamo alcuni... che formano una mini mappa che collega tutta l Italia. AZIENDA PROV. ANNO NOME DEL PROGETTO ACERBI-VIBERTI SPA AL 2008 ALPAG -ZEN ACMA GD SPA BO 2008 LEANQUID BALTUR SPA FE 2007 ALBATROSS BREVI SRL BG 2008 BCS BREVINI POWER TRANSMISSION SPA RE 2006 BMS (Brevini Manufacturing System) CETECO THYSSENKRUPP PI 2009 LEAN - CE COMER INDUSTRIES SPA RE 2003 NOI EFFER SPA BO 2002 LEPRE FARID INDUSTRIE SPA TO 2006 LINFA FASANO TRUCK SRL CN 2008 LEAN FASANO FAVA SPA FE 2004 FARO GSG INTERNATIONAL SPA BO 2007 ESPES ( Eliminare Sprechi Pensare Snello) IML MOTORI SPA LC 2009 I M Lean IMS DELTAMATIC SPA BG 2008 CLEAN INVER SPA BO 2009 LEANVER MENCI & C. SPA AR 2008 MEGLIO NAVALIMPIANTI SPA GE 2008 BELEAN PRDS MOULDING TECHNOLOGY SPA PD 2008 RDS LEAN ROLFO SPA CN 2007 LEAN ROLFO SPEEDLINE SRL VE 2009 SPEED - LOG VIDEOTEC SPA VI 2008 VILMA (Vidoetec Lean Manufacturing)

8 o t t o p r i m o p i a n o L E A D E R S H I P E D I N TO R N I LEADERSHIP E DINTORNI una storia italiana Tutto esaurito alla Marconi Business Lounge per la presentazione del nuovo libro di Romano Bonfiglioli Il decollo del Sistema Italia e delle imprese italiane è legato a doppio filo alla qualità dei leader dei capi che nelle aziende e in tutte le organizzazioni (pubbliche e private) hanno il compito di guidare il cambiamento. E questa la sintesi del confronto a più voci che ha concluso la presentazione del nuovo libro di Romano Bonfiglioli Leadership e dintorni. Romano Bonfiglioli presenta il suo nuovo libro Gino Cocchi Vice Presidente Unindustria Bologna Giuseppina Gualtieri Presidente Aeroporto G. Marconi di Bologna SpA Alla Marconi Business Lounge a metà giugno si sono ritrovati imprenditori e manager ma anche molti viaggiatori attirati dalla presentazione del volume e dalla tematica affrontata da Romano Bonfiglioli: che non è solo per manager e imprenditori ma è per tutti quelli che vogliono approfondire la tematica della leadership. Ne hanno parlato Giuseppina Gualtieri, presidente Aeroporto G. Marconi di Bologna SpA, Gino Cocchi, vice presidente di Unindustria Bologna e Andrea Pontremoli Amministratore Delegato di Dallara Automobili che ha appena annunciato il ritorno alle gare di F1. Tanti i temi affrontati: il ruolo delle donne leader (troppo poche), dei giovani (da valorizzare), del made in Italy manageriale che deve trovare più spazio e visibilità anche all estero. Le nuove frontiere della competitività che ogni azienda e il Sistema Italia ricercano ogni giorno passano infatti dal capo, da una forte figura di capitano d impresa e Romano Bonfiglioli dopo oltre 35 anni di consulenze a imprese e imprenditori italiani ha raccolto in duecento pagine la storia delle organizzazioni di successo. La presentazione in anteprima nazionale del volume Leadership e dintorni - Una storia italiana (il quarto dedicato ai temi del management e al Lean Thinking) ha fatto registrare un vero tutto esaurito con oltre cento persone e tantissime copie del volume autografate dall autore. Il punto di partenza di Romano Bonfiglioli è già una guida alla lettura: Se pensate che un grande leader si debba per forza chiamare John, Jack o Bob questo libro non fa per voi perché non vi troverete neanche uno di questi nomi e neanche una storia americana. Se invece pensate che sia utile un testo che spieghi i meccanismi e l importanza di una gestione efficace delle risorse umane e delle organizzazioni questo è il vostro libro e sarà interessante parlarne insieme scrive Romano Bonfiglioli. Leadership e dintorni - Una storia italiana infatti è il racconto, affascinante anche per i non addetti ai lavori delle cose d impresa, della vita vera di un manager consulente di direzione e imprenditore. E però nello stesso tempo un agevole trattato sul management che individua nella leadership dinamica ed efficace il segreto delle organizzazioni di successo.

9 n o v e LEADERSHIP IN VIAGGIO Molte le presentazioni del volume in tutta Italia per Romano Bonfiglioli Del nuovo libro di Romano Bonfiglioli hanno scritto diversi quotidiani e riviste. E in fase di preparazione anche un ciclo di meeting di presentazione del libro nelle principali città italiane. IL LIBRO ROMANO BONFIGLIOLI LEADERSHIP E DINTORNI Una storia italiana Guerini & Associati 194 pagine 19,50 euro

10 d i e c i p r i m o p i a n o L E A D E R S H I P E D I N TO R N I UNA STORIA.. CHE AFFASCINA Tanti inviti per Romano Bonfiglioli che racconta Leadership e dintorni Round Table e Club 41 di Bologna Federmanager di Bologna Lions Club di Cento Che non era un libro solo per manager e imprenditori era chiaro fin dalle prime bozze ma la conferma è stata superiore alle previsioni. Leadership e dintorni. Una storia italiana è una piacevole lettura e una occasione per rileggere un pezzo di storia italiana. E anche per questo che alle presentazioni legate al mondo imprenditoriale e manageriale si sono aggiunti tanti inviti (che continuano) per avere Romano Bonfiglioli che racconta il libro sulla leadership. Un tour iniziato in maggio all aeroporto Marconi che poi è decollato. Romano Bonfiglioli ha presentato il suo 5 libro alla biblioteca di Crevalcore (BO), è stato invitato da Federmanager Bologna (il Sindacato Dirigenti Aziende Industriali di Bologna guidato dal presidente Sergio Consolini) per un meeting a Villa Due Orologi (Mondo X, Bologna) che ha catalizzato l attenzione e ha prodotto altri Federmanager di Bologna inviti come quello al Lions di Cento (FE) (presidente Paolo Fava) e al Club 41 di Bologna (presidente Andrea Anderlini) per l occasione insieme a Round Table di Bologna (Presidente Simone Pazzaglia). Inviti che Romano Bonfiglioli accoglie e che lo porteranno nei prossimi mesi nel Nordest e nel Nordovest d Italia in un road show che toccherà anche alcune librerie. Lions Club di Cento

11 u n d i c i FAVA assume per superproduzione Fava (macchine per pastifici), con un portafoglio ordini da oltre 80 milioni di euro, continua ad assumere operai provenienti da altre realtà in crisi. Una bella opportunità per una fabbrica che vanta 72 anni di vita e un posizionamento al top nel settore a livello mondiale. Nonostante la crisi del tessuto produttivo emiliano romagnolo Fava spa di Cento continua a investire nella forza lavoro. Oggi i dipendenti sono 263 (all inizio del 2008 erano 230), di cui 24 assunti dall inizio dell anno e 15 interinali. L esercizio 2009 segnerà un nuovo record con un volume della produzione che supererà i 70 milioni di euro. L attuale portafoglio ordini è costituito invece da oltre 80 milioni di euro di lavoro da sviluppare, con la consegna prevista di trenta impianti e la recente acquisizione di un contratto per la fornitura di due linee in Africa. In aggiunta al fatto che il settore marcia a gonfie vele, in controtendenza alla congiuntura internazionale, Fava spa continua persino a fare meglio della concorrenza, confermando il proprio primato nel mercato di riferimento. Ciò è dovuto - spiega l ad Luigi Fava - alla credibilità che l azienda sta ottenendo per la buona qualità delle macchine e del prodotto finito, per il servizio garantito ai clienti e la fidelizzazione, oltre all intensa attività di ricerca e sviluppo orientata verso nuove tecnologie. L azienda di Cento ha realizzato le macchine più grandi al mondo e con la più alta capacità produttiva oraria: seimila kg/h per la pasta lunga e seimila per quella corta. Dispone inoltre di un gruppo di lavoro e un laboratorio dedicati a ricerca e sviluppo, ai quali vengono destinati investimenti annuali compresi tra i due e i tre milioni di euro. VALORE D, Nasce un associazione per sostenere le donne manager Nasce a Milano Valore D Donne al vertice per l azienda di domani. E la prima associazione di grandi imprese creata per sostenere la leadership femminile. Il progetto è stato realizzato su iniziativa delle top manager di 11 aziende, ovvero AstraZeneca, Enel, General Electric, Johnson&Johnson, Ikea, Luxottica, McKinsey&Company, Microsoft, Standard&Poors, Unicredit e Vodafone. La sua missione è aumentare la rappresentanza dei talenti femminili ai vertici delle aziende italiane e sostenerne la partecipazione alle dinamiche d impresa attraverso azioni tangibili e concrete. Prima presidente è Simona Scarpaleggia Deputy Country Manager Ikea Italia. IMPRESE: nel 2008 oltre 3mila nuovi leader in rosa Con nuove capitane d impresa si é ingrossato, nel 2008, l esercito delle donne alla guida di aziende arrivato a quota Si cimentano in mestieri tradizionalmente maschili (+8,5% nelle costruzioni, +6,8% nelle attività immobiliari, che comprende anche il noleggio, l informatica e la ricerca) e sono soprattutto nel centro Italia, anche se Roma, Milano, Napoli e Torino si confermano le province con il maggior numero di imprese femminili. E, in sintesi, il bilancio dell Osservatorio dell imprenditoria femminile, l indagine semestrale realizzata da Unioncamere sulla base dei dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. Saldo positivo con un +0,2%, quindi, nel 2008 delle imprese capitanate da donne che sempre più scelgono di puntare su una forma giuridica strutturata: oltre 200mila le società di capitali (14% del totale delle imprese femminili, lo 0,8% in più del 2007; si assottiglia, pur rimanendo prevalente, l impresa individuale con un totale di oltre 872mila registrate (61,1% del totale, -0,6% rispetto al 2007). In lieve incremento le cooperative ( pari a +0,1%) e in riduzione le società di persone ( pari a -0,2%). Per quanto riguarda i settori, i maggiori incrementi sono stati nelle attività immobiliari, noleggio, informatica e ricerca (oltre 10mila imprese femminili in più sul 2007) che conta in totale oltre 165mila imprese guidate da donne (+6,8%); supera le unità il saldo attivo di imprese femminili nelle costruzioni, nel quale operano oltre 58mila imprese rosa. In valori percentuali, elevatissimo l incremento (36%) del ristretto universo imprenditoriale femminile attivo nella produzione di energia (111 le imprese registrate in più rispetto al 2007). Stop, nel 2008, per le imprese femminili del commercio, la più corposa fetta delle aziende in rosa con 423mila imprese, mentre si è ridotta la presenza delle donne alla guida di imprese nei settori agricolo (5mila imprese in meno, con un calo del 1,9%) e manifatturiero (307 imprese in meno, -0,2%). Sono le donne del Centro quelle che maggiormente hanno puntato sul fare impresa: nuove imprese si sono infatti insediate in queste regioni, nel solo Lazio (+1,74%). Il Sud non traina più la crescita delle imprese al femminile: tra il 2007 e il 2008 è infatti l unica area del paese a registrare una variazione negativa (-0,13% pari a 652 imprese registrate in meno). Il Mezzogiorno resta comunque l area del Paese con il più elevato tasso di femminilizzazione delle imprese: a fine 2008 è pari al 25,76% (due punti percentuali in più rispetto alla media nazionale), seguito dal Nord-Est (20,9%, due punti in meno della media). Continuano a diffondersi anche le imprese femminili nel Nord-Ovest (722 in più pari a +0,2%), mentre le regioni nord-orientali mettono a segno un incremento decisamente più contenuto (sole 64 imprese femminili in più). news

12 d o d i c i l o c a l & g l o b a l B O N F I G L I O L I I N T E R N AT I O N A L EMS 2009: LA VIA ITALIANA per uscire dalla crisi Michele Bonfiglioli tra i relatori a Dusseldorf al 5 Annual European Manufacturing Strategies Summit (EMS) Bonfiglioli Consulting nell elite delle aziende internazionali Positioning manufacturers for the economic upturn ovvero: quale posizionamento devono avere le imprese per agganciare la ripresa economica. Era questo il filo conduttore della quinta edizione di EMS che ha portato a Dusseldorf top manager e imprenditori da tutto il mondo per fare il punto sulle strategie concretamente applicabili per accelerare l uscita dalla crisi e rendere stabili i nuovi livelli di competitività raggiunti. Tre giornate, dal 12 al 14 ottobre, con al centro una sensazione precisa: La ripresa economica è avvertita come imminente spiega Michele Bonfiglioli, AD Bonfiglioli Consulting è quindi fondamentale per le aziende (in tutti i settori) la ricerca di un nuovo posizionamento per rimanere competitivi e prepararsi per una rinnovata crescita partendo dal prossimo anno. Il 5 Annual European Manufacturing Strategies Summit (EMS 2009) è di fatto la vetrina mondiale delle buone pratiche per rendere le aziende più competitive. Al meeting hanno partecipato come uditori i top manager di colossi come ABB, Abbot, l Oreal, Lego Kraft Foods, Kimbely Clark, Larox, Michelin, Nestlè, Volvo Aero, Vaillant, Unilever, Tate & lyle, SSAB, SKF, Roche, Ricoh, Procter & Gamble, Henkel, Gambro, Findus, Esag, De Laval, Danone, Airbus, Bombardier, Braun, Carlsberg e l elenco di aziende al top nel mondo sarebbe davvero lungo. Un uditorio davvero speciale per il meeting promosso da World Trade Group e un importante riconoscimento, e non è il primo, a livello internazionale per il team Bonfiglioli Consulting che ha portato un po di Made in Italy anche nel summit tedesco. Michele Bonfiglioli è stato invitato da WTG per una relazione nel pomeriggio della giornata di apertura. Prima voce italiana nel super panel (oltre 40 relatori) che nei giorni successivi ha visto impegnati anche Luca Ruini Group People, Safety and Environment Director Barilla e Pierfrancesco Manenti, Research Director EMEA di IDC Manufacturing Insights.

13 t r e d i c i Il contributo di Michele Bonfiglioli è stato seguito con grande attenzione perché ha dato risposte concrete. Eccolo in sintesi Lean can be simple: 4 basic lessons learnt in 100 applications: Define the true long term philosophy The only way to be Lean is to involve suppliers Choose the right leaders to drive the change Problem-solving techniques as daily routines Ovvero i risultati delle applicazioni pratiche del Lean e una risposta alla domanda base del summit di Dusseldorf: Where can manufacturers cut costs to drive the business bottom line? Il tema scelto da Michele Bonfiglioli era centrato sul cambiamento Lean sostenibile e ha dato evidenza ai temi chiave: continuità e sostenibilità del cambiamento e importanza dei leader. Il tema dell Operational Excellence è centrale soprattutto in questo momento di crisi. Dal meeting in Germania è emersa una generale presa di coscienza del momento e della necessità di nuovi approcci: Lean, certamente ma anche Operational Excellence. E questa sarà la linea guida anche per Bonfiglioli Consulting già nei prossimi mesi. Oltre a Michele Bonfiglioli all EMS 2009 hanno portato un contributo di gruppo Highland WorldWide Andreas Renner (Managing Director Horvath&Partners) e Stefano Lorenzi (Innovation and Business Development Director Bonfiglioli Consulting). Abbiamo seguito i lavori di diverse sessioni e possiamo dire che tutto il meeting puntava ad aggiungere valore sulle questioni rilevanti con indicazioni anche operative per i decisori di alto livello nel settore manifatturiero. E un occasione di confronto che consente di incontrare un gruppo ampio e vario di aziende e, attraverso questa rete, di discutere ed esplorare le loro soluzioni specifiche per le molte sfide che dobbiamo affrontare al fianco delle imprese conclude Michele Bonfiglioli. Info

14 q u a t t o r d i c i l o c a l & g l o b a l B O N F I G L I O L I I N T E R N AT I O N A L ARE YOUR OPERATIONS and Processes Excellent? Guardare Oltre Michele Bonfiglioli annuncia un Benchmarking Study sulle Operational Excellence (OpEx) OpEx? Ecco di cosa parliamo L eccellenza operativa (OpEx Operational Excellence) è una filosofia di leadership, lavoro di squadra e di soluzione dei problemi che porta al miglioramento continuo in tutta l organizzazione aziendale. Il focus è orientato sulle esigenze del cliente, ma migliora anche il livello di formazione dei dipendenti e ottimizza le attività di tutta la catena produttiva. Sicurezza, qualità, produttività, sviluppo umano, e costi sono altrettanti focus nei processi di cambiamento mirati all Operational Excellence. L eccellenza operativa sottolinea la necessità di migliorare continuamente attraverso la promozione di un ambiente di lavoro che facilita il gioco squadra. L eccellenza operativa è un arma strategica che si basa in parte su strumenti e metodi di miglioramento della qualità come il Just-in-Time, il Kaizen, one-piece flow, Jidoka, e Heijunka o anche il Lean Thinking. Ma non si può migliorare se non si misura il miglioramento e anche di questo si preoccupano le strategie mirate all OpEx. Parte uno studio di settore su scala internazionale relativo all eccellenza nelle operations e definire le nuove best practice che consentono di migliorare la competitività e combattere la crisi Sono davvero eccellenti i processi operativi della tua azienda? In estrema sintesi è questa la maxi domanda che unisce il sondaggio lanciato su scala internazionale da Bonfiglioli Consulting e da Horvath&Partners per capire quali sono le nuove best practice (le buone pratiche) che consentono di migliorare la competitività delle industrie manifatturiere e di superare meglio la crisi. Bonfiglioli Consulting e Horvath&Partners fanno parte del network mondiale Highland WorldWide e si impegnano in un operazione che porterà risultati concreti nei servizi di consulenza offerti alle aziende. In collaborazione con il mondo universitario il sondaggio, che sarà sottoposto nei prossimi mesi a centinaia di imprese, punta a definire un metro di confronto su indicatori e best practice in ambito Operations. Lo studio è rivolto alle aziende internazionali del Risponde Michele Bonfiglioli Amministratore Delegato di Bonfiglioli Consulting settore Automotive (OEM, fornitori OEM), beni industriali (produttori di macchine / impianti e relativi fornitori). Attraverso un questionario on-line, la cui compilazione richiede 45 minuti (questionario disponibile anche in formato cartaceo), saranno raccolti i feedback di un panel selezionato di aziende, per poi proporre una vista d insieme e un focus su ciascuna specifica realtà (nel rispetto della privacy di ciascun soggetto). Alle aziende che parteciperanno attivamente al questionario sarà garantito un report riassuntivo complessivo entro la fine del primo quadrimestre 2010 e, se desiderato, sarà offerta la possibilità di una discussione mirata relativa al proprio posizionamento. Lo studio è il primo passo volto a costituire un database internazionale relativo ad indicatori e best practice in ambito Operations. TRE DOMANDE E TRE RISPOSTE Oltre 35 anni di impegno per migliorare la competitività delle aziende, dal 1998 avete implementato il Lean Thinking in Italia con oltre 100 casi di successo. Guardare Oltre è il filo conduttore perchè oggi è tempo di OpEx (Operational Excellence) e come si coniuga questo nuovo orizzonte con i progetti che avete realizzato fino a oggi? È una sua naturale evoluzione: attraverso il Lean Thinking (filosofia insostituibile per il miglioramento della competitività) abbiamo scardinato il modello lotti&code, portando nelle aziende un approccio

15 q u i n d i c i nuovo e risultati insperati come la riduzione drastica delle scorte e l aumento di produttività. Questo processo non si deve fermare mai, bisogna diventare eccellenti in un contesto globale sia come mercato di riferimento sia come processi aziendali (produzione, catene di fornitura, sviluppo nuovo prodotto). La dimensione internazionale che dal 2008 perseguite con l ingresso tra i partner di Highland WorldWide come si coniuga nel progetto OpEx? È la conditio sine qua non : dobbiamo valutare le nostre aziende in un campione internazionale e portarle all eccellenza fuori dai confini nazionali. Senza l ingresso in HWW ciò non sarebbe stato possibile. Dopo il questionario come si svilupperà il progetto OpEx e in che tempi? Due grandi passaggi: nel 2010 faremo due eventi di presentazione dei risultati dove interverranno sia persone di aziende che economisti. Poi da quel contesto promuoveremo una sorta di OpEx Award per le migliori aziende che hanno partecipato. Il secondo passaggio è allargare il campione (oggi Italia e Germania) alla Francia e poi al Nord Europa: questo lo faremo nel IMPRESE: il 68% preferisce mantenere gestione familiari Il 67,9% degli imprenditori italiani è più favorevole a mantenere la proprietà e la gestione dell azienda all interno della famiglia, mentre per il 17,9% è preferibile fare ricorso a manager esterni mantenendo la proprietà. Federica Guidi E uno dei dati analizzati nel volume Crescere al futuro. Leadership e continuità d impresaoltre la crisi, che prende spunto da una ricerca affidata all Università Luiss. Il libro è stato presentato a Santa Margherita Ligure, da Federica Guidi, presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, da Dario Prunotto, amministratore delegato di Unicredit Private Banking e da Vincenzo Nasi, vicepresidente Università Scuola e Formazione dei Giovani Imprenditori di Confindustria. Frutto della collaborazione tra Unicredit e i Giovani Industriali di Confindustria, il volume esamina, attraverso una serie di interviste, i temi della formazione e del mantenimento della leadership, del ruolo del sistema bancario nel passaggio generazionale, della compresenza delle generazioni alla guida delle aziende, dell apertura al management esterno. Se dovessimo provare ha detto Federica Guidi a combinare la leadership e la continuità d impresa con la crisi economica e finanziaria di questi tempi, per trovare una ricetta efficace per il nostro Paese, potremmo sperare di avere una nuova classe dirigente che sappia volgere lo sguardo avanti, al futuro, cercando di concentrarsi più che sul già fatto su quello che rimane da fare. Prunotto ha sottolineato che l obiettivo della banca é mettere a disposizione delle tante Famiglie spa capacità di consulenza diversificate e articolate. news Nasce la carta per le pari opportunità e l uguaglianza sul lavoro Realizzare un ambiente di lavoro che assicuri a tutti pari opportunità e il riconoscimento di potenziale e competenze individuali non rappresenta soltanto un atto di equità e coesione sociale, ma contribuisce anche alla competitività e al successo dell impresa. Diana Bracco L impegno delle aziende italiane alla realizzazione di questo obiettivo è facilitato dalla nascita della Carta per le Pari Opportunità e l uguaglianza sul lavoro, presentata a Milano in Assolombarda. Il documento è promosso da Fondazione Sodalitas, AIDAF (Associazione Italiana delle Imprese Familiari), AIDDA (Associazione Imprenditrici Donne Dirigenti d Azienda), Impronta Etica, UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), l Ufficio Nazionale Consigliera di Parità con l adesione del Ministero del Lavoro, della Salute, e delle Politiche Sociali e il Ministero per le Pari Opportunità. Diana Bracco, Presidente di Fondazione Sodalitas, illustrando il documento ha messo in luce come, sulla scia del successo delle iniziative francese (Charte de la Diversitè) e tedesca (Charta der Vielfalt), la Carta per le Pari Opportunità e l uguaglianza sul lavoro sia una dichiarazione di intenti, sottoscritta volontariamente da imprese di tutte le dimensioni, per la diffusione di una cultura aziendale e di politiche delle risorse umane inclusive, libere da discriminazioni e pregiudizi, capaci di valorizzare i talenti in tutta la loro diversità. Le 16 aziende che hanno sottoscritto la Carta per le Pari Opportunità e l uguaglianza sul lavoro sono: ABB SPA, ACCOR SERVICES ITALIA, BANCA POPOLARE DI MILANO, BRACCO SPA, DUAL SANITALY, GRUPPO NESTLE IN ITALIA, MARIOBOSELLI GROUP, IBM ITALIA SPA, INCARTEL GROUP, L OREAL ITALIA SPA, PIRELLI & C. SPA, PIRENE SRL, SAET SPA, SODEXO ITALIA SPA, UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO SPA, VIN SERVICE SRL.

16 s e d i c i l o c a l & g l o b a l H I G H L A N D WO R L DW I D E HIGHLAND WORLDWIDE A scuola nella Motor Valley Ecco come migliorare la competitività con uno sguardo global A BOLOGNA IL MEETING su Automotive / Industrial Goods Un meeting nel cuore della Motor Valley italiana dove nascono capolavori come Ferrari, Maserati, Lamborghini e le rosse Ducati. Il meeting, a metà giugno, ha portato i consulenti delle società che fanno riferimento a Highland WorldWide specializzati in Automotive/ Industrial Goods, a diretto contatto con i casi concreti di miglioramento della competitività grazie al Lean innovativo nel settore manifatturiero, ma anche a toccare con mano cosa sta cambiando nel mondo Automotive/Industrial Goods a livello globale grazie alle riflessioni allargate al pianeta Asia, portate in diretta dai nuovi partner di NorthHighland che lavorano nella sede a Shanghai aperta nel 2009 da Michael Adick e Hanson Chen. Harold Geert (partner di Twynstra Gudde), Troy Gautier (Executive Director di Highland WorldWide), Stefan Pedall e Stefan Paul (responsabili dell Automotive/ Industrial Goods Competence Center di Horvath&Partners), Brian Simmons (Vice President di NorthHighland), Michael Adick e Hanson Chen hanno partecipato al meeting a Bologna e hanno visitato lo stabilimento della Ducati Motor Holding dove Bonfiglioli Consulting ha portato il Lean Thinking già nel L incontro in Ducati Motor Holding è servito per ripercorrere l esperienza di Ducati nei progetti di Lean Thinking che è stata molto articolata: riorganizzazione dei flussi produttivi-logistici interni alla fabbrica, Supply Chain Management, studio del flusso di creazione del valore lungo tutta la catena, politiche di approvvigionamento, logistica in and out bound e indicatori logistici. Davide Stumpo (Operation Manager Business Unit Packer High Speed GD Spa) ha presentato il caso GD, in termini di applicazione dei criteri Lean nell azienda che da molti anni rimane il leader mondiale nella realizzazione di linee automatiche per la produzione e il confezionamento di sigarette. Un

17 d i c i a s e t t e Il Lean Thinking è un viaggio che ogni azienda deve intraprendere se spera di sopravvivere e prosperare nel settore Automotive / Industrial Goods di oggi. progetto in tre step realizzato da Bonfiglioli Consulting nell ambito della fabbricazione a flusso di nuove macchine ad alta velocità. Michele Bonfiglioli (Amministratore Delegato di Bonfiglioli Consulting) ha portato al meeting nuove riflessioni in tema di approccio Lean nella gestione della Supply Chain. Tutti i consulenti che hanno partecipato al meeting hanno aggiunto analisi su singoli casi, nei diversi Paesi, e riflessioni di scenario. Alcuni produttori del settore automobilistico hanno da tempo abbracciato i principi di Lean Manufacturing, realizzando risultati sorprendenti nella riduzione dei costi, riduzione dei tempi di attraversamento, riduzione dei costi di inventario, migliore qualità dei prodotti, e maggiore soddisfazione dei clienti. But is it enough? Ma è sufficiente? Dall Industry Meeting di Highland WordWide è emersa la necessità di estendere in tutta l intera catena di approvvigionamento la filosofia operativa snella. La globalizzazione richiede un notevole impegno su tutti gli aspetti del business automobilistico, dal trasporto alla logistica, per l acquisto, la produzione e le risorse umane quindi non basta introdurre il Lean in produzione. Serve un nuovo approccio su tutta l azienda e su tutta la catena di approvvigionamento. Forward-thinking automotive suppliers are extending Lean enterprise-wide. Una sorta di Lean enterprise-wide per fare fronte alle crescenti difficoltà (la crisi) dei mercati Automotive / Industrial Goods. Questo scenario richiede ai fornitori di istituire sistemi di produzione altamente integrati e processi collaborativi che permettono di impostare nuove operazioni in modo rapido ed efficiente, ovunque nel mondo. Toyota ha impiegato 25 anni per sviluppare i propri processi Lean e arrivare allo stato in cui sono oggi. La logica del tutto e subito evidentemente non basta. Quello che le industrie produttrici devono fare per creare un processo di rinnovamento su misura che comprenda l intera organizzazione, tutta l azienda. It s a journey not only worth taking, but a trip companies must take if they hope to survive and thrive in today s auto industry. E un viaggio lungo, ma ne vale la pena. E i risultati portati al meeting Highland WordWide a Bologna lo dimostrano. E un viaggio che ogni azienda deve intraprendere se spera di sopravvivere e prosperare nel settore Automotive / Industrial Goods di oggi.

18 d i c i o t t o f o r m a z i o n e WO R K S H O P WORKSHOP LEAN R&D nel settore Life Sciences per un efficace gestione nello sviluppo nuovi prodotti Bonfiglioli Consulting consolida l impegno nel settore Life Sciences e organizza per il 12 novembre 2009 a Milano (Palazzo Stelline) il workshop LEAN R&D NEL SETTORE LIFE SCIENCES per un efficace gestione dei laboratori e alla connessione e integrazione con i processi di produzione, sia interni che esterni alla casa madre. E una delle sinergie attivate con il network Highland WorldWide e propone una collaborazione tra Bonfiglioli Consulting e la francese Oresys. Introdurranno il meeting (alle 16) Michele Bonfiglioli (Bonfiglioli Consulting) e Antoine Canonne (Oresys). I focus tecnici sono affidati a Andrea Bozzoli (Consulente di Bonfiglioli Consulting, precedentemente ricercatore di GlaxoSmithKline) che parlerà di R&D nel settore Life Sciences: criticità e opportunità e a Mauro Lentoni (Bonfiglioli Consulting) che approfondirà le tematiche legate al Lean Thinking nell R&D. Sarà poi la volta della presentazione di casi applicativi reali con Antoine Canonne (Oresys). Il workshop vuole fornire una vista della metodologia Lean, e in particolare la sua efficacia nel processo di sviluppo prodotto attraverso la presentazione di casi aziendali nel settore Life Sciences esplicitando i benefici delle esperienze sul campo. E rivolto a Manager, Imprenditori, Project Leaders, Responsabili di laboratorio, Responsabili R&D ed in generale a coloro che desiderano avere un introduzione concreta all approccio Lean.

19 d i c i a n n o v e Affari global per Chiesi La società israeliana High Tech Lipids ha annunciato di aver siglato un accordo di collaborazione con la Chiesi Farmaceutici di Parma che finanzierà e aiuterà HTL a sviluppare una innovativa emulsione lipidica e, una volta ottenuta l approvazione da parte delle autorità regolatorie, a commercializzarla su scala mondiale. Bertold Fridlender, presidente del consiglio di amministrazione di HTL ha siglato l accordo con Paolo Chiesi, vice presidente e direttore R&D del Gruppo Chiesi. La società israeliana HTL Ltd ha iniziato la sua attività nel 2004 nell ambito del Misgav Venture Accelerator (un incubatore per nuove imprese nei settori delle biotecnologie,apparecchiature biomedicali e prodotti farmaceutici) e ha sviluppato una nuova molecola lipidica in grado di prevenire i disastrosi effetti collaterali legati all infusione endovenosa dei lipidi e di soddisfare tutti i bisogni nutrizionali dei neonati prematuri. La Chiesi punta con convinzione anche sul mercato americano. Attraverso l acquisizione del 51% della farmaceutica americana Cornerstone Therapeutics Inc che ha sede a Cary, North Carolina (quotata al Nasdaq) completata in estate e la commercializzazione diretta del proprio farmaco Curosurf, Chiesi costituirà la propria ventitreesima consociata nel più importante mercato farmaceutico mondiale. Fatturerà 95 milioni di Dollari nell intero 2009 e nel primo semestre ha segnato aumenti di vendite del 137% sul E atteso utile annuo in sensibile aumento sul Mercato certamente ma alla Chiesi prima di tutto c è la ricerca e a Parma su una superficie di mq sta nascendo il nuovo centro ricerche che sarà operativo dal 2011 e impiegherà più di 300 ricercatori altamente qualificati, italiani e stranieri. E investimento da 70 milioni di euro. Fondato nel 1935 a Parma, nel 2008 il Gruppo Chiesi ha fatturato 749 milioni di euro, segnando un +14,1%, quasi il triplo della crescita media del mercato europeo. Nel 2008 gli investimenti in R&D hanno superato i 108 milioni di euro, pari al 14,5% sul fatturato, avvicinandosi all obiettivo del 15% che l azienda intende raggiungere e mantenere per i prossimi anni. CRISI: filiera farmaceutica ottimista per il 2009, sondaggio Segnali di ottimismo per la filiera farmaceutica italiana. Nel primo semestre 2009, emerge da una rilevazione, il 70% delle imprese ritiene che il fatturato sarà stabile o in crescita, così come sarà stabile l occupazione. Quanto all export, solo il 15% delle imprese prevede un calo, mentre per il 24% aumenterà e nel 61% dei casi ci si attende una tenuta dei valori attuali. Si tratta dei dati di un indagine dell Osservatorio Pharmintech basata su un campione di 61 imprese dell indotto rappresentato da Pharmintech, fiera internazionale organizzata da Ipack-Ima Spa e dedicata a tecnologie, materiali, servizi per il processo e il confezionamento dei prodotti farmaceutici, parafarmaceutici e per la nutrizione. La ricerca è stata presentata al salone Ipack-Ima a Fieramilano. Altri dati: nelle stime per il secondo semestre 2008 il 61% del campione indica un fatturato stabile o in crescita rispetto ai primi sei mesi, mentre il restante 39% segnala un calo. L export è invece indicato in aumento nel 40% dei casi mentre un 16% denuncia un calo. Appena il 3% di imprese ha avuto una contrazione nel numero di addetti. Importante intesa siglata tra bolognafiere e ipack-ima spa: una nuova società gestirà la fiera Pharmintech Importante intesa siglata fra BolognaFiere e Ipack-Ima spa: una nuova società compartecipata al 51% da BolognaFiere e 49% da Ipack-Ima Spa, acquisisce il marchio e gestirà la manifestazione Pharmintech, la fiera di riferimento nel settore del packaging per l industria farmaceutica, parafarmaceutica e nutrizionale, la cui prossima edizione si terrà nel quartiere fieristico di Bologna dal 12 al 14 maggio La nuova società, alla cui gestione contribuirà anche Unindustria, sarà proprietaria del marchio e della manifestazione nonché titolare della gestione di Pharmintech. La segreteria organizzativa continuerà ad essere affidata ad Ipack-Ima Spa. Pharmintech si tiene a cadenza triennale nel quartiere fieristico bolognese e rappresenta la più qualificata vetrina europea per le tecnologie, i materiali e i servizi per il processo e per il confezionamento di prodotti farmaceutici, parafarmaceutici e per la nutrizione.la prossima edizione di Pharmintech vede riconfermata la Presidenza di Sergio Dompé e gode del patrocinio di Farmindustria, la principale associazione di categoria e, dall andamento delle adesioni, si prevede, per maggio 2010, una piena conferma delle presenze registrate nell edizione passata, che riaffermerà Pharmintech come punto di riferimento a livello europeo per la business community del settore. Le sinergie tra imprese del farmaco e i fornitori dell indotto afferma Sergio Dompé Presidente Farmindustria generano una spinta all innovazione. Gli stessi fornitori possono eccellere sui mercati internazionali, con un export che può arrivare al 90% del loro fatturato, e le imprese del farmaco aumentare l efficienza e rispondere così alle sfide della concorrenza internazionale. L accordo siglato può quindi rafforzare un settore made in Italy su cui investire per il rilancio industriale del Paese. news

20 v e n t i f o r m a z i o n e LEAN THINKING in progettazione: dalla teoria alla pratica E di queste opportunità che si è occupato il 10 novembre il workshop Lean Thinking in progettazione, dalla teoria alla pratica ospitato alla Videotec di Schio in provincia di Vicenza. Alla Videotec di Schio un workshop Quando il pensiero snello, il Lean Thinking entra in grande stile nell ufficio tecnico si aprono nuove opportunità per tutta l azienda. Videotec nasce nel 1986 producendo la prima generazione di custodie per telecamere e i primi prodotti elettronici per la gestione del video. Dopo l apertura della filiale francese nel 1992, Videotec ottiene la certificazione ISO9002 e raggiunge i 50 dipendenti. L anno 2000 si apre con il lancio del Programma Green Light Pronto Magazzino e l inaugurazione delle nuove filiali di Hong Kong e USA. Nel 2001 l azienda ottiene la certificazione ISO Il trasloco nel 2004 presso l attuale stabilimento di Schio (Vicenza) dà un ulteriore spinta al processo di automatizzazione industriale dell azienda che porta, l anno successivo, al lancio del programma di consegna in 24 ore dall ordine. Nel 2006 Videotec lancia il prodotto Ulisse, sistema integrato per il posizionamento della telecamera in esterno, che le assicura un posto nel concorso più prestigioso del settore, il Security Industry Awards Finalist a Ifsec. Seguono poi il lancio di Medusa, custodia a sfera antivandalismo, e diverse e sviluppate versioni di Ulisse. La presentazione nel 2008 di Albert, il nuovo sistema di video-sorveglianza intelligente, rivoluziona il mondo dell analisi digitale video. Albert è stato finalista nel concorso Security Industry Award a Ifsec 2009, nella categoria Prodotto CCTV dell anno. Nel 2009 è stato dato il via alla produzione di Ulisse Compact, l ultimo nato della famiglia di brandeggi Ulisse, riconosciuto per la sua efficienza, velocità e competitività. Nel 2008 in Videotec è arrivato il Lean Thinking. Il team aziendale e i consulenti Bonfiglioli Consulting hanno sviluppato VILMA, Videotec Lean Manufacturing e i risultati sono già evidenti e più che confermati nel corso del workshop: Si tratta di una vera e propria

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO

IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO MARINA CAPIZZI ULDERICO CAPUCCI IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO Leadership degli scopi, valore e modelli di management in un indagine sul ruolo dei capi d azienda italiani all epoca della crisi Marina

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive.

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Crediamo... che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Collaborazione di ampi gruppi, problem-solving e progettazione di soluzioni Conferenze,

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE Oggi aprono le pre-iscrizioni sul sito www.nuvolarosa.eu 150 corsi gratuiti,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli