La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna"

Transcript

1 La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La rilevanza strategica della logistica nelle Aziende Sanitarie Stefano Villa, Ricercatore di Economia Aziendale, Facoltà di Economia, Università Cattolica (Roma) Responsabile Area Progetti, CERISMAS (Centro di Ricerche e Studi di Management Sanitario), Università Cattolica (Milano)

2 Agenda Che cosa è oggi strategico nel management sanitario Definizione della logistica sanitaria Qual è il possibile ruolo della logistica: le evidenze di alcuni studi Alcune precauzioni d uso Perché parlare di logistica e area vasta?

3 Le parole chiave dei piani di cambiamento Ricerca di efficienza nell uso delle risorse e di appropriatezza nell erogazione delle prestazioni Riduzione spesa per l acquisto di beni e servizi Riorganizzazione della rete ospedaliera Eliminazione di duplicazioni Potenziamento dei servizi sul territorio Sistema integrato Attività in forma associata dei MMG Superamento della frammentarietà Continuità e presa in carico Fonti: - Testo della spending review - Piano sanitario nazionale e regionale

4 Le macro fasi del flusso logistico Processi di produzione Trasporto alle U.O. Pianificazione della domanda e acquisti Risorse fin. Informazioni FLUSSI Cose e persone Gestione scorte e magazzini Richiesta e validazione

5 Logistica I driver di cambiamento Modello organizzativo - Centralizzazione - Outsourcing Ri-progettazione dei processi - Lean thinking - Ri-organizzazione operazioni preparazione, ricezione, stoccaggio - Stand. prodotti e Standardizzazione anagrafiche della domanda - Just In Time - Riduzione richieste urgenti Tecnologie e sistemi informativi - Prescrizione informatizzata - S.I. integrati - Armadi intelligenti - Dose unitaria - AGV

6 Le dimensioni di performance della logistica Benefici organizzativi Qualità del servizio - Tempestività - Affidabilità Sicurezza Appropriatezza Standardizzazione Ottimizzazione dell utilizzo delle risorse umane La performance della SC nelle aziende sanitarie Costi Operativi Benefici Finanziari Ottimizzazione della gestione delle scorte Risparmi di spesa Tecnologie Magazzino Risorse umane Servizi esternalizzati

7 Le evidenze di alcuni studi

8 Benefici organizzativi TEMPO INFERMIERSTICO Circa - 50% di tempo infermieristico dedicato alle operazioni di tipo logistico (e.g. gestione scorte a reparto) FO, V. Hebron MIGLIORAMENTO SICUREZZA V. Hebron Riduzione 50% errori somministrazione Eliminazione errori trascrizione farmaci (15-20% degli errori nella gestione del farmaco) Benefici Finanziari RIDUZIONE SCORTE DEL 35% (circa 2 MIL ) H. V. HEBRON ELIMINAZIONE FARMACI SCADUTI ( /anno) Riduzione del 2% della spesa Farmaceutica (da M a M ) Terapia personalizzata + prescrizione informatizzata Costi Operativi Bensa G., Da Bove M., Giusepi I., Villa S. (2010) Misurare la performance della logistica del farmaco: applicazione di una metodologia a due casi studio Mecosan 74, pp: 9-25 RAZIONALIZZAZIONE SPAZIO A REPARTO (400 M 2 TOT) V. HEBRON

9 L accentramento della logistica a livello sovra aziendale Benefici organizzativi Costi Operativi ESTAV CENTRO OTTIMIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE RISORSE UMANE STANDARDIZZAZIONE DEI PROCESSI (modello Kamban) % RESI 0,35%, % RICHIESTE URGENTI 0,5% RISPARMIO COSTI GESTIONALI DI 5,4 MIL /ANNO 4,8 MIL FTE utenze, affitti, ecc. Benefici Finanziari RIDUZIONE SCORTE DEL 50% (30,5 MIL ) + 57% INDICE DI ROTAZIONE - 30% INDICE DI COPERTURA Lega F., Marsilio M., Villa S. (2012) An evaluation framework for measuring supply chain performance in the public healthcare sector: evidence from the Italian NHS Production, Planning and Control (published on-line Mar 2012)

10 Benefici organizzativi Esternalizzazione Costi Operativi Benefici Finanziari ESTERNALIIZZAZIONE GESTIONE DEI MAGAZZINI RIDUZIONE SCORTE 25% A MAGAZZINO CENTRALE (1 MIL /ANNO) + 44% INDICE DI ROTAZIONE ESTERNALIZZAZIONE TRASPORTI: /anno Bensa G., Giusepi I., Villa S. (2009) Riprogettare la logistica nelle aziende sanitarie: esperienze a confronto in Cantù E. L aziendalizzazione della sanità in Italia, Rapporto OASI 2009, Egea, Milano ISBN:

11 Risparmi potenziali dell innovazione nella logistica Con le nuove stime, su un budget di $500 milioni l anno è possibile risparmiare fino a $65 milioni. Fonte: Brennan, C.D., (1998) Integrating the healthcare supply chain, Healthcare Financial Management, 52(1): 31 Fonte: Pricewaterhouse Coopers, 2000

12 Definizione di assetto nazionale per la razionalizzazione e innovazione della attività di supply chain: il caso UK Definizione «cabina di regia» a livello centrale per definizione di politiche e strategie di acquisto e logistica a livello di NHS Attivazione partnership di per la gestione di beni sanitari (DM) e servizi di logistica: NHS Supply Chain con DHL contratto 10 anni con obiettivo riduzione spesa di 1 miliardo di QIPP (Quality, Innovation, Productivity and Prevention) razionalizzazione della spesa per beni e servizi del 10 20% (1,5-3 miliardi di in 4 anni) 12

13 NHS SUPPLY CHAIN: i servizi offerti Gestione tutte le fasi della supply chian per circa ospedali ed altre strutture sanitarie Approvvigionamento di beni e servizi sanitari ed economali Gestione della logistica (dal produttore all azienda sanitaria) e dei servizi ad esso correlati Supporto nello sviluppo di soluzioni innovative nel campo della supply chain Gestione della logistica territoriale con un programma di home delivery Stimolo all innovazione di prodotti in campo sanitario con il programma Innovation Scorecard

14 La logistica a supporto dell assistenza territoriale - Invecchiamento della popolazione -Cambio del quadro epidemiologico con aumento della prevalenza di malattie croniche - Superamento della visione ospedale-centrica dei percorsi di cura - Necessità di spostare sul territorio i percorsi di diagnosi e cura superando i problemi di accesso - Organizzazione a rete - Sviluppo dell associazionismo tra MMG (e.g. NCP o Case della Salute) - Sviluppo della tecnologia portatile

15 E più difficile ottimizzare la logistica sul territorio - Focus sulla compliance del paziente - Unicità del paziente - Logistica frammentata - Presenza di diverse aree produttive disperse sul territorio - Rilevanza della di distribuzione e logistica in uscita - Processi di produzione altamente variabili e dinamici - Trattamento polungati (in alcuni casi l intera vita del paziente) - Necessità di un coordinamento tra i diversi attori - Rilevanza di aspetti non clinici

16 ma esistono significativi margini di miglioramento Processi di produzione Processi lunghi e frammentati Trasporto alle U.O. Pianificazione della domanda e acquisti Risorse fin. Informazioni FLUSSI Cose e persone Frammentazione dei punti di stoccaggio Gestione scorte e magazzini Richiesta e validazione Variabilità

17 Frammentazione dei punti di stoccaggio La rete dei magazzini sul territorio Magazzini di distretto Fornitori Fornitori Fornitori Magazzini Ospedali Magazzini Reparto Pz 2,3 milioni E. Magazzino Sovra- Aziendale E. 1,9 milioni E. 3,3 milioni E. C.C. Private RSA Farmacie Pz Cifalinò A., Villa S. (2012) La logistica territoriale: quali spazi per risparmiare e migliorare gli standard di servizio? Paper presentato all AIES (Associazione Italiana di Economia Sanitaria), 2012 Roma.

18 FLUSSO LOGISTICO - Ossigeno (stato liquido) Variabilità delle modalità di trasporto (il caso dell assistenza domiciliare) Impresa produttrice RESPONSABILITA A B D C Impresa produttrice - Farmaci Sedi ADI Operatore esterno - Materiale sanitario - Presidi per l incontinenza Impresa produttrice Coop. esterna, preparazione farm. ospedaliera Sedi ADI Distretto Farmacie esterne secondo il modello DPC Operatore esterno - Protesi (i) Distretto (ii) Sanitaria (iii) Società esterna Operatore esterno (i) Distretto (ii) Sanitaria (iii) Società esterna Servizio Infermieristico (i) Punti di distribuzione aziendale (ii) Impresa (iii) Sanitaria Impresa produttrice Servizio Infermieristico Domiciliare Servizio Infermieristico Servizio Infermieristico (i) Punti di distribuzione aziendale (ii) Impresa (iii) Sanitaria - Nutrizione Ritiro presso magazzini ADI Ritiro presso magazzini ADI Operatore logistico Servizio Infermieristico o ritiro presso magazzini

19 1 9 Prescrizione visita fisiatrica del MMG Prenotazione al CUP della visita fisiatrica per il collaudo 8 Ritiro dell ausilio Processi lunghi e frammentati Richiesta protesi 2 3 Prenotazione visita al CUP 7 10 Collaudo Consegna alla impresa del preventivo autorizzato Visita fisiatrica con prescrizione ausilio 6 4 Ritiro autorizzazione Impresa ortopedica per compilazione prescrizione come da Nomenclatore 5 Consegna prescrizione alla ASL

20 Perché innovare la logistica sanitaria? Gli insegnamenti dalle evidenze Realizzare risparmi economico-finanziari grazie alla ottimizzazione delle scorte Ottimizzare l utilizzo delle risorse umane Risparmiare attraverso una riduzione dei FTE Liberare tempo per attività a maggiore valore aggiunto (si pensi in particolare ad infermieri e farmacisti) Migliorare efficienza e recuperare costi Rendere i processi più funzionali alle esigenze dei reparto (impatto anche su sicurezza)

21 Alcune precauzioni d uso 1. Le specificità delle aziende sanitarie pubbliche 2. L unitarietà del sistema azienda

22 Le specificità della logistica sanitaria - Elevati costi di stock-out - Variabilità naturale (intrinseca) dei processi clinico assistenziali - Organizzazioni di tipo professionale - Elevati tassi di innovazione tecnologica - Sicurezza - Ruolo giocato da farmacisti e infermieri - Varietà dei prodotti e di aree produttive - Appropriatezza - Elevata interdipendenza tra i processi logistici e quelli clinico assistenziali

23 Innovazione logistica Regione ASSETTO ORGANIZZATIVO Processi di cura Attenzione alle esigenze clinico assistenziali Sistemi informativi integrati Strutture org. coerenti - separazione tra respo. logistiche e respo. Cliniche - Cabina di regia centralizzata PERSONE Obiettivi Istituzionali / Strategici Entusiasmo Competenze Attenzione alle esigenze dei clinici Leadership e committment della direzione aziendale Superamento professionalità sanitarie ed amministrative

24 Perché parlare di logistica e area vasta?

25 L evoluzione del processo di aziendalizzazione t 0 U. O. RISORSE COMPORTAMENTI AREE PRODUTTIVE t 1 : budget t 2 : governo clinico (clinical governance) t 3 : logistica / operations management / intensità delle cure

26 Processi primari Attività Clinico Assistenziali Ambulatorio Piattaforme logistico produttive Magazzini Blocco Operatorio Laboratorio Aree di Degenza Necessità di gestire queste piattaforme secondo principi diversi: economie di scala, condivisione delle risorse, logistica industriale, gestione per processi, lean management, ecc. t 4 : gestione di alcune di queste aree produttive a livello sovraaziendale

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto di Paola Boscolo * Isabella Giusepi*, Marta Marsilio** e Stefano Villa*** * Ricercatrice,

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Le innovazioni nella logistica in sanità EXECUTIVE SUMMARY

SDA Bocconi School of Management. Le innovazioni nella logistica in sanità EXECUTIVE SUMMARY SDA Bocconi School of Management Le innovazioni nella logistica in sanità EXECUTIVE SUMMARY 1 Trend nel settore sanitario: innovazione nella logistica Crescente attenzione nei SSR a soluzioni istituzionali

Dettagli

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria.

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Stefano Villa Responsabile Area Gestione delle Operations e Logistica CERGAS (Centro di Ricerche Sulla Gestione dell Assistenza

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 AREA FORMAZIONE LA SUPPLY CHAIN NELLE AZIENDE SANITARIE: MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 Telefono: 02-72.34.39.07 - Fax: 02-72.34.38.28 - E-mail: cerismas@unicatt.it

Dettagli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli Convegno A.R.E. Rimini 2009 L acquisto e la gestione del farmaco Governare il post-gara: magazzini farmaceutici interaziendali e problematiche relative alla gestione logistica efficiente del contratto

Dettagli

Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione

Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione Milano, 23 Febbraio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

L ESPERIENZA DELL AUSL DI VITERBO

L ESPERIENZA DELL AUSL DI VITERBO L e-procurement nell AUSL di Viterbo per perseguire la riduzione dei costi non solo sui prezzi di acquisto ma sull intero ciclo di approvvigionamento L ESPERIENZA DELL AUSL DI VITERBO Workshop CERISMAS

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. ottimizzazione dei processi

La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. ottimizzazione dei processi La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. La tracciabilità come garanzia di sicurezza e ottimizzazione dei processi Costi Standard e misurazione delle performance nei processi di approvvigionamento.

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA Riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e logistica Avv. Stefano Danieli, dirigente Area

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio. Isabella Giusepi

I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio. Isabella Giusepi I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio Isabella Giusepi Obiettivo Comprendere l impatto di un innovazione del sistema logistico sull organizzazione Indagare

Dettagli

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna La comunicazione nella riorganizzazione del Servizio Sanitario Regionale. Strumenti per l accessibilità e l integrazione dei servizi sociosanitari Regione Emilia Romagna Anna Darchini Resp. Innovazione

Dettagli

Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico-Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Sicilia

Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico-Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Sicilia Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico-Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Sicilia CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE

Dettagli

Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review

Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review Le Buone Pratiche in Sanita alla luce della Spending Review Rimodulazione e Ottimizzazione delle attività Territoriali in applicazione della Spending Review Dott. Primo Sergianni Direttore U.O.C. Assistenza

Dettagli

Art. 100 istituzione e natura giuridica

Art. 100 istituzione e natura giuridica Art. 100 istituzione e natura giuridica 1. Per l esercizio delle funzioni tecniche, amministrative e di supporto delle aziende sanitarie sono istituiti gli Enti per i servizi tecnico-amministrativi di

Dettagli

"La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario

La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario "La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario e obiettivi di finanza pubblica" Giangiuseppe Console Presidente SiNaFO Roberta Di Turi Segretario Generale Aggiunto SiNaFO

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cura: confronti nazionali e internazionali

Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cura: confronti nazionali e internazionali Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cura: confronti nazionali e internazionali La metodologia di analisi a supporto della gestione operativa. Ing. Irene Roma, 22 Ottobre 2012, Bologna Agenda

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Il farmacista ospedaliero:

Il farmacista ospedaliero: Il farmacista ospedaliero: il coordinatore dell intero processo logistico, dal fornitore al letto del paziente Marina Tommasi Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona 1 Le attività della Farmacia

Dettagli

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE:

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: AREA FORMAZIONE LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: STRUMENTI E SOLUZIONI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI DEI PAZIENTI V EDIZIONE MILANO, 14-15 APRILE 2015 Intervento formativo - La logistica del paziente

Dettagli

Area Vasta e Estav nella Regione Toscana. Il modello MAV dell Estav Nord Ovest. Le collaborazioni e le partnerhip

Area Vasta e Estav nella Regione Toscana. Il modello MAV dell Estav Nord Ovest. Le collaborazioni e le partnerhip Marcello Pani Area Vasta e Estav nella Regione Toscana Il modello MAV dell Estav Nord Ovest Il ruolo del Farmacista Le collaborazioni e le partnerhip Area Vasta e Estav nella Regione Toscana Il modello

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Paolo Biacoli Direttore Amministrativo Azienda Ospedaliera di Udine

Dettagli

Via Francesco Sforza 28 20122 - Milano. Contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Cergas Bocconi Via Roentgen 1, 20136, Milano

Via Francesco Sforza 28 20122 - Milano. Contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Cergas Bocconi Via Roentgen 1, 20136, Milano F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail GIUSEPI ISABELLA LAURA Nazionalità Italiana Data di nascita 28/07/1984 ESPERIENZA

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani

Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani La gestione dei Dispositivi Medici deve: garantire le necessità degli utilizzatori; assicurare la continuità nella fornitura del materiale secondo la programmazione

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE PER IL FARMACISTA SSN

CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE PER IL FARMACISTA SSN Coordinatore Dipartimento Assistenza Farmaceutica USLUMBRIA2 Dott. F. Bartolini CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE PER IL FARMACISTA SSN Centralizzazione vs esternalizzazione

Dettagli

INDICE. Presentazione

INDICE. Presentazione INDICE Autori Presentazione XI XIII 1 Tutela della salute, committenza, programmazione acquisto-controllo in sanità 1 Francesco Longo Bisogno, domanda e consumi in sanità 1 Quali gli obiettivi del governo

Dettagli

Gli attori. Paziente Struttura sanitaria Distribuzione intermedia Industria farmaceutica

Gli attori. Paziente Struttura sanitaria Distribuzione intermedia Industria farmaceutica Prescrizione informatizzata e somministrazione La tracciabilità della terapia per la sicurezzasicura del della terapia farmacologica al letto del paziente paziente e l'ottimizzazione della logistica di

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo

Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo La distribuzione territoriale nell assistenza farmaceutica prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo 1 La filiera farmaceutica: gli attori Industria

Dettagli

AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale

AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale Cesena, 22 Marzo 2013 Dott. Alessandro Pacelli Presidente Commissione Sanità Assologistica Partner Opta AUTOMAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES DI LOGISTICA FARMACEUTICA PER I SERVIZI DI FARMACEUTICA OSPEDALIERA E TERRITORIALE.

QUESTIONARIO: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES DI LOGISTICA FARMACEUTICA PER I SERVIZI DI FARMACEUTICA OSPEDALIERA E TERRITORIALE. QUESTIONARIO: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES DI LOGISTICA FARMACEUTICA PER I SERVIZI DI FARMACEUTICA OSPEDALIERA E TERRITORIALE. Informazioni Generali me e Cognome E-mail Telefono Qualifica (Farmacista

Dettagli

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO COORDINATORE INFERMIERISTICO SIG.RA VIGLIONE FRANCA Settembre 2009 Inaugurazione del nuovo Blocco Operatorio ubicato

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2. Simona Iaropoli IRES Piemonte

PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2. Simona Iaropoli IRES Piemonte PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2 Simona Iaropoli IRES Piemonte Torino, marzo 2015 Rapporto OASI 2014 Secondo il capitolo 10 del rapporto Oasi 2014 nel 2012 la spesa totale per beni e servizi

Dettagli

Progetto sviluppato da: it2b s.r.l. in collaborazione con

Progetto sviluppato da: it2b s.r.l. in collaborazione con Progetto sviluppato da: it2b s.r.l. in collaborazione con Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano Gruppo di Automazione e Organizzazione Sanitaria Polo Scientifico Tecnologico Lombardo

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Tecnologie sanitarie a domicilio: soluzioni a confronto. distribuzione. Servizi logistici sul territorio

Tecnologie sanitarie a domicilio: soluzioni a confronto. distribuzione. Servizi logistici sul territorio distribuzione 22 FEBBRAIO 2013 Servizi logistici sul territorio Tecnologie sanitarie a domicilio: soluzioni a confronto Nel nostro Paese, a fronte dell incremento della vita media della popolazione, si

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico-Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Piemonte-Valle d'aosta

Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico-Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Piemonte-Valle d'aosta Corso Interregionale Itinerante a cura dell Area Scientifico-Culturale SIFO Logistica in collaborazione con la regione Piemonte-Valle d'aosta CORSO BASE: IL PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

Il ruolo del farmacista ospedaliero e la sua collaborazione al Blocco Operatorio Centrale : L esperienza dell Ospedale Galliera

Il ruolo del farmacista ospedaliero e la sua collaborazione al Blocco Operatorio Centrale : L esperienza dell Ospedale Galliera IL FARMACISTA PUBBLICO E L'USO APPROPRIATO DELLE RISORSE NELL'ERA DELLA SPENDING REVIEW: STRUMENTI PER IL MONITORAGGIO GENOVA 24 MAGGIO 2013 Il ruolo del farmacista ospedaliero e la sua collaborazione

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie Convegno del 27/11/2013 L impatto dei sistemi di Patient Relationship Management (PRM): l esperienza nei Paesi Baschi Relatore: Roberto Giordano - Accenture Leadership,

Dettagli

La razionalizzazione dei flussi logistici in A.V.E.N.

La razionalizzazione dei flussi logistici in A.V.E.N. La razionalizzazione dei flussi logistici in COME CAMBIA LA SANITA' ITALIANA Proposte per una logistica della salute. Processi di outsourcing ed innovazioni tecnologiche Roma, 5 dicembre 2006 Sala delle

Dettagli

Convegno: Innovazione gestionale in sanità riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e

Convegno: Innovazione gestionale in sanità riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e Convegno: Innovazione gestionale in sanità riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e logistica: esperienze a confronto L esperienza della Regione Toscana F. Rossi Verona,

Dettagli

Le norme esistenti in

Le norme esistenti in La distribuzione domiciliare dei farmaci 40 Data la criticità del prodotto considerato (valore, vita utile, modalità di conservazione, effetti sulla salute, ecc.), la normativa si è sviluppata in maniera

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona Dr.Moretti Vincenzo Progetto Ministeriale

Dettagli

SUB-OBIETTIVO 1.3: REALIZZAZIONE CONTABILITA ANALITICA (CO.AN.)

SUB-OBIETTIVO 1.3: REALIZZAZIONE CONTABILITA ANALITICA (CO.AN.) SUB-OBIETTIVO 1.3: REALIZZAZIONE CONTABILITA ANALITICA (CO.AN.) INDICATORE VALORE OBIETTIVO Relazione annuale e completezza della Contabilità Analitica al 30/11/2013; valutazione finale al 31.12.2013 Implementazione

Dettagli

L'azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP)

L'azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti L'azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) di Milano ha attuato una riorganizzazione delle attività delle farmacie,

Dettagli

Il Processo logistico dei beni sanitari: centralizzazione ed efficacia. Realtà Aziendali: il magazzino dell ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna

Il Processo logistico dei beni sanitari: centralizzazione ed efficacia. Realtà Aziendali: il magazzino dell ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna Il Processo logistico dei beni sanitari: centralizzazione ed efficacia Realtà Aziendali: il magazzino dell ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara 25 febbraio

Dettagli

Castellanza, 28 novembre 2014

Castellanza, 28 novembre 2014 prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo 1 La filiera farmaceutica: gli attori Industria Farmaceutica Concessionario Depositario Trasportatore e operatore

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

Società Scientifiche

Società Scientifiche Milano, 7 giugno 2006 Un iniziativa sostenuta da Pfizer Società Scientifiche Intervento del Prof. Roberto Bernabei 2006 Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato ideato e preparato

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 08

PROTOCOLLO OPERATIVO 08 PAG.1 DI 10 Rev. Data Redatto ed Elaborato Approvato Firma Dr.Giancarlo Casolo Direttore U.O.C. Cardiologia e Responsabile TAO 0 20/06/2011 Dr. Francesco Vivaldi Responsabile centro TAO Dr.Roberto Diodati

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

LE VALUTAZIONI TECNICO SANITARIE SULLE OPERE DI COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA NEI VECCHI E NUOVI OSPEDALI

LE VALUTAZIONI TECNICO SANITARIE SULLE OPERE DI COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA NEI VECCHI E NUOVI OSPEDALI LE VALUTAZIONI TECNICO SANITARIE SULLE OPERE DI COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA NEI VECCHI E NUOVI OSPEDALI AOSTA - 24.5.2006 Dr. Roberto GERBI D.P.R. 128/1969 Art. 5 - Attribuzioni del direttore

Dettagli

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016

Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 Ospedale M.O. A. Locatelli di Piario: presente e futuro Piario, 14 aprile 2016 ASST Bergamo Est 1 Ambito Valle Seriana Superiore e valle di Scalve OSPEDALE M.O. A. LOCATELLI DI PIARIO 2 STRUTTURA dell

Dettagli

Logistica Farmaceutica e Medicale: Quale Evoluzione?

Logistica Farmaceutica e Medicale: Quale Evoluzione? . PUBLIC USE Logistica Farmaceutica e Medicale: Quale Evoluzione? Pina Putzulu, Sr BD Manager & C4L / Innovation Director, DHL Supply Chain Italia Presentation title Location xx Month 20xx 5 DHL Supply

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti

La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti Milano 14 novembre 2012 L EFFICIENZA DELLA SUPPLY CHAIN SANITARIA La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti Gianemilio Giuliani SERVIZIO DI FARMACIA L evoluzione dei processi logistici

Dettagli

Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26

Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26 Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26 DATA: 31.08.2009 rev. n 01 data: 20.01.2014 rev. n 02 data: 24.02.2014 Redatto Verificato Approvato Dr.ssa Maria Letizia Tosini Direttore Farmacia

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

11. IL RUOLO DELLA LOGISTICA OSPEDALIERA PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE OPERATIVE E DEL LIVELLO DI SERVIZIO AL PAZIENTE

11. IL RUOLO DELLA LOGISTICA OSPEDALIERA PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE OPERATIVE E DEL LIVELLO DI SERVIZIO AL PAZIENTE 11. IL RUOLO DELLA LOGISTICA OSPEDALIERA PER IL MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE OPERATIVE E DEL LIVELLO DI SERVIZIO AL PAZIENTE di I. Russo 11.1. Il ruolo delle logistica e dei fornitori per migliorare

Dettagli

GESTIONE E TRACCIABILITA DEL MAGAZZINO DEL BLOCCO OPERATORIO CON DISPOSITIVI MOBILI. Dott.ssa Darya Majidi www.rfidcare.it

GESTIONE E TRACCIABILITA DEL MAGAZZINO DEL BLOCCO OPERATORIO CON DISPOSITIVI MOBILI. Dott.ssa Darya Majidi www.rfidcare.it GESTIONE E TRACCIABILITA DEL MAGAZZINO DEL BLOCCO OPERATORIO CON DISPOSITIVI MOBILI Dott.ssa Darya Majidi www.rfidcare.it Dcare: alleanza DEDALUS & DAXO Dcare, joint venture tra Dedalus Group e DAXO Group,

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M.

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. PNEUMOLOGIA TERRITORIALE GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO Dr. P. Vivoli U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. Biagini E in costante aumento il numero di pazienti

Dettagli

L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria

L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria ASL DI ALESSANDRIA IL CONTESTO POPOLAZIONE n. 445.094 COMUNI n. 195 FARMACIE DI COMUNITA

Dettagli

Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione. Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino

Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione. Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino Si è vero, sembra strano, ma ancora oggi l Informatica entra faticosamente nell ambiente

Dettagli

La riorganizzazione sovra aziendale del processo di acquisti e logistica

La riorganizzazione sovra aziendale del processo di acquisti e logistica Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Dott. F. A. Compostella La riorganizzazione sovra aziendale del processo di acquisti e logistica Rovigo, 16.4.08 GLI SVILUPPI DEL SSSR VENETO DGRV n. 2846 del

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Organizzazione del POLIAMBULATORIO ALBERTONI e del CSC dell Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto

La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto. Venerdì 28 Novembre 2014 Ore 8.45 13.15 - Auditorium La LIUC Università Cattaneo è nata dalle imprese per

Dettagli

La gestione operativa in sanità

La gestione operativa in sanità La gestione operativa in sanità Operations management Isabella Giusepi (isabella.giusepi@unibocconi.it) 2 Maggio 2012 Efficienza nell impiego delle risorse Analisi dei processi produttivi, al fine di individuare

Dettagli

Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio

Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio Farmaceutico Territoriale Az. ULSS 9 (TV) Padova, 27/09/2013

Dettagli

L integrazione sovra aziendale delle attività di approvvigionamento e logistica nel processo di riorganizzazione delle aziende sanitarie del SSSR ESPERIENZE A CONFRONTO Venezia 28 Novembre 2007 L Area

Dettagli