RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013

2 RELAZIONE In data 12 ottobre 2012, in seguito alla delibera del Collegio Docenti del 7 Settembre, 2012, mi è stata conferito ufficialmente, da parte del Dirigente scolastico, l incarico di Funzione strumentale Area 1, con i seguenti compiti: 1. Coordinamento POF e attività di orientamento e continuità. 2. Gestione sito Web della scuola. 3. Autovalutazione di Istituto. Interventi effettuati nel corso dell anno di questo primo periodo dell anno scolastico nello svolgimento della Funzione. 1. MODIFICA E AGGIORNAMENTO DEL PIANO L analisi del documento elaborato nel precedente anno scolastico ha evidenziato la necessità di una revisione alla luce del report INVALSI 2010/2011, dei risultati dell Autovalutazione d Istituto condotta nel giugno 2012, di quanto stabilito dal Collegio dei Docenti e visto il parere del Consiglio d Istituto, all inizio del corrente anno scolastico. La rielaborazione si è sviluppata attraverso varie fasi: a. rielaborazione di alcuni contenuti e stesura delle parti mancanti; b. ripetuta revisione del lavoro in itinere; c. revisione grafica; d. stampa e diffusione del documento tramite il sito web dell Istituto. In particolare: Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 2

3 a. per quanto attiene la rielaborazione è stato necessario rivedere l elenco dei progetti inerenti l offerta formativa e l ampliamento dell offerta formativa stessa in base alle nuove scelte operate dal Collegio dei Docenti; b. data l ampia gamma di proposte, è stato necessario effettuare successive revisioni e aggiornamenti dovuti anche alla naturale selezione operata dalle famiglie sulla base di quanto indicato dai docenti dei tre ordini di scuola; c. la revisione grafica è stata parziale e fondamentalmente limitata ad alcune correzioni; d. la stampa e la successiva diffusione del documento attraverso il sito dell Istituto hanno concluso questa prima parte del lavoro. Il lavoro è stato svolto in collaborazione di un apposita commissione e dei referenti dei Progetti. 2. REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO INTERNO E DEL PATTO DI CORRESPONSABILITÀ. Si è proceduto all aggiornamento del Regolamento d Istituto, in collaborazione con i genitori. Una accurata revisione è stata operata anche per il Patto di Corresponsabilità tra scuola e le Famiglie del Comune di Maniace. Il Patto educativo è esplicitato nel contratto formativo che si stabilisce tra docenti, genitori, alunni. 3. RACCOLTA E CLASSIFICAZIONE DI TUTTO IL MATERIALE INERENTE PROGETTI E ATTIVITÀ. Sono stati allegati agli atti i documenti, le relazioni, i Progetti inerenti le attività del Piano pervenuti nel corso dell anno: tutta la documentazione è stata depositata presso gli uffici di segreteria. Per quanto concerne l aspetto strettamente organizzativo, si è operato in sinergia con la vicaria, ins. Carmela Caggegi, con le Funzioni Strumentali, con la Fiduciaria di plesso ins. Marisa Caruso, con la commissione, con tutti i docenti referenti e responsabili delle varie attività, oltre che con il DSGA, con il personale non docente addetto alla segreteria e con i vari collaboratori. Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 3

4 Il Documento ufficiale è stato poi pubblicato sul sito della Nostra scuola. GESTIONE DEL SITO WEB DELLA SCUOLA La gestione del sito Web della scuola ha richiesto, all inizio, molto impegno da parte della scrivente, poiché la struttura già esistente, è stata studiata, e aggiornata. Molto positivi sono stati gli incontri con il Prof. Luciano Mondello e il Prof. Vincenzo Costanzo che, l anno scorso, hanno curato il sito. Agli incontri hanno partecipato anche il DSGA e la signora Vasta. Sono stati individuati i compiti specifici di ciascuno per l inserimento dei documenti. Mi sono preoccupata sin dall inizio di inserire gradualmente le attività didattiche e le manifestazioni realizzate in questo primo periodo dell anno: uscita a Torrepalino per la vendemmia; festa di San Martino; realizzazione del Presepe Vivente. Sono state inserire le circolari e i Bandi di Concorso. Ho creato due pagine specifiche per la Disabilità e per i D.S.A e i relativi collegamenti ai link ufficiali. AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO La valutazione e l autovalutazione sono due campi che ho cercato e continuo a sviluppare da diversi anni, con una formazione continua che mi ha arricchito professionalmente. A completare il quadro sull autovalutazione d Istituto, fondamentale è stato il Rapporto annuale del Sistema di Valutazione Nazionale INVALSI, punto di partenza per la rielaborazione del Piano Annuale di partenza. A maggio del 2012 è iniziata la formazione dell Autovalutazione Mirata CAF and Education promossa dal MIUR, un percorso alquanto difficoltoso, ma che ci ha permesso di avere un realtà più chiara dei diversi punti di criticità della nostra scuola. Il CAF indica le aree nelle quali è essenziale iniziare a misurare. È strutturato in criteri e sottocriteri. I criteri riguardano i fattori abilitanti di un Istituzione scolastica. Questi si traducono in Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 4

5 ciò che l organizzazione fa e nell approccio adottato per raggiungere i risultati desiderati. A fine giugno e settembre è stata condotto un indagine, attraverso la somministrazione di questionari, rivolti a tutto il personale della scuola, è stato nominato il GAV (Gruppo autovalutazione) di cui fa parte anche la scrivente, come Funzione Strumentale, che dopo aver raccolto i dati si è riunito per l elaborazione del Rapporto di Autovalutazione. Lo stesso è stato inviato al responsabile dello Staff del percorso di Autovalutazione Guidata, Teresa Ascione. È stato, in seguito elaborato un Piano di Miglioramento, socializzato con il Collegio docenti nella seduta del primo Marzo c.a. Nel mese di dicembre mi sono dedicata, coadiuvata dalla Prof.ssa Lucia Pittalà, ad un attenta lettura dei dati che annualmente vengono restituiti dal S.N.V. per poter programmare interventi finalizzati al miglioramento dei diversi punti di criticità e ridurre al minimo l insuccesso formativo. I Dati sono riferiti agli allievi che non hanno BES. I risultati in esito alle prove di Italiano e Matematica del SNV 2012,vengono presentati per livello scolastico. Le elaborazioni dei dati raccolti permettono di confrontare i punteggi medi e le distribuzioni dei punteggi per macro-aree geografiche, per regioni e per l Italia nel suo insieme. Per ogni livello la presentazione dei risultati si articola nel modo seguente: i risultati generali; le differenze dei risultati all interno delle prove. A partire dal presente rapporto, i risultati delle prove sono riportati su una scala di punteggio analoga a quella utilizzata nelle ricerche internazionali (OCSE-PISA, IEA-TIMSS, IEA-PIRLS, ecc.) sugli apprendimenti e non più in termini di percentuali di risposte corrette. La predetta scala si basa sui punteggi di Rasch il cui vantaggio principale è quello di esprimere con la stessa metrica il risultato conseguito da ciascun allievo e il livello di difficoltà di ogni quesito. In questo modo è possibile effettuare analisi e comparazioni più solide e maggiormente informative, sia tra le diverse aree geografiche del Paese sia tra le diverse parti delle prove. Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 5

6 Oltre a considerare la prova nel suo complesso, per ogni livello si guarda alle differenze all interno di ciascuna prova. Si distingue tra le diverse tipologie di testo per la prova di Italiano, tra i diversi ambiti di contenuto per la prova di Matematica. La nostra scuola partecipa anche al Progetto Vales. Con il progetto VALeS - di durata triennale - si intende definire un modello valutativo che possa fornire indicazioni utili per la definizione del futuro Sistema Nazionale di Valutazione. Il progetto coinvolge scuole di tutti i gradi nella definizione di un percorso ciclico che lega la valutazione al miglioramento. Con questa iniziativa le scuole vengono coinvolte in una ricerca partecipata, all'insegna di un'autonomia scolastica responsabile e qualificata. In tale percorso sono organicamente inserite la valutazione delle scuole e la valutazione del dirigente scolastico, al fine di definire in modo integrato il piano di miglioramento della scuola e gli obiettivi di risultato della dirigenza scolastica. L INVALSI nel progetto VALeS ha il compito di supportare le scuole nel processo di autovalutazione e di realizzare la valutazione esterna delle scuole. Nello specifico il gruppo di ricerca INVALSI si occupa di definire indicatori, strumenti e procedure di valutazione, formare e coordinare i team di valutazione esterna. Per la definizione delle linee progettuali l INVALSI si avvale inoltre di un Comitato tecnico scientifico. Nei giorni 19/20/22/25 febbraio i genitori, gli alunni delle classi quinte della S.P. e delle classi Prime della S.S.P.G. e tutti i docenti sono stati invitati alla compilazione di questionari relativi alla fase di valutazione di valutazione interna del progetto VALES. Ho curato personalmente la fase di compilazione dei questionari da parte dei genitori, che hanno partecipato con molto interesse. Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 6

7 RELAZIONE FINALE Nel mese di marzo ho partecipato al Seminario di Autovalutazione, presso l Aula magna del Liceo scientifico G. Galilei, finalizzato a promuovere il processo di Autovalutazione. È stato chiarito che, per intraprendere un buon processo di Autovalutazione sono necessari DATI: Dati identificativi Dati di contesto Esiti formativi ed educativi Risorse finanziarie STRUMENTI: Dati INVALSI Fascicolo Scuole in chiaro Strumenti di Autovalutazione della Scuola. In data 16 aprile 2013, ho partecipato, insieme alla prof.ssa Pittalà, al Seminario Provinciale di Formazione sulle Indicazioni Nazionali, per l elaborazione del Curricolo in verticale, presso l I.P.S.S.A.R. karol Wojtyla di Catania. Dopo i saluti della Dott.ssa Marinella Calì, Dirigente dell Istituto capofila XX Settembre di Catania, il Prof. Piero Cattaneo, Dirigente dell Istituto Casalpusterlengo di Lodi, ha messo a confronto le Indicazioni Nazionali del Ministro Moratti, Fioroni e Profumo, sottolineandone le analogie e differenze. In modo particolare si è soffermato sulle Competenze che indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termine di responsabilità e autonomia. Ha sottolineato l importanza dell utilizzo della Didattica per Competenze che prevede: Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 7

8 1. situazioni di apprendimento in cui gli alunni siano parte attiva nell elaborazione, nella presa di decisioni e nel controllo degli esiti e del processo di apprendimento; 2. valorizzazione e uso delle situazioni reali favorevoli all introduzione di nuovi argomenti, partendo da problemi e cercando soluzioni; 3. il lavoro di gruppo o comunque socializzato è preferito al lavoro individuale; 4. il gruppo di lavoro è centrato su compiti autentici o compiti di realtà; 5. uso sistematico di rubriche valutative. A conclusione dei lavori la Dott.ssa Marinella Calì, ha sottolineato l importanza della tempistica: 1. entro giugno: studio e analisi sulle Indicazioni Nazionali da parte dei docenti delle singole scuole e costituzione di un Team di lavoro, che individui i campi di studio-intervento su cui avviare un approfondimento e formulare ipotesi per la costruzione del curriculo; invio del materiale prodotto dalla scuola alle scuole capofila di ciascun Nucleo 2. a settembre: provinciale; seminari regionali di confronto sulle tematiche proposte dai gruppi di studio dei Nuclei; formazione specifica di docenti che possano svolgere il ruolo di Tutor nelle scuole in rete, per sostenere la costruzione del curriculo verticale a cura del Gruppo di coordinamento dell U.S.R. Nel mese di maggio ho curato tutte le fasi di somministrazione del Sistema Nazionale di Valutazione. Nelle diverse giornate di somministrazione sono stata coadiuvata dalla prof.ssa Pittalà, per la compilazione dei verbali e per l organizzazione logistica, affinché le Prove si svolgessero nella massima serenità e trasparenza. Sono state regolarmente scaricate le maschere per il caricamento delle risposte degli allievi e nei giorni stabiliti ho provveduto all unpload delle stesse. Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 8

9 La nostra scuola ha sperimentato quest anno anche l esperienze delle prove di ancoraggio, anch esse svolte nell assoluta serenità da parte degli allievi opportunamente preparati per affrontare la prova. Ho predisposto altresì tutto il materiale per la somministrazione della Prova Nazionale per l esame di terza della Scuola secondaria di primo grado; anche in questo caso fattiva è stata la collaborazione della prof.ssa Pittalà. Tutto il materiale prodotto è stato tempestivamente pubblicato sul sito della scuola, dalle circolari alle attività realizzate, alla relazioni sui Progetti corredati da materiale fotografico. Ho collaborato con l insegnante Caggegi, per la stesura del rapporto di AUTOVALUTAZIONE del progetto VALES, dopo aver attentamente analizzato i diversi aspetti e gestito le fasi precedenti, siamo passati all individuazione degli obiettivi di Miglioramento. Quest ultimo periodo è stato dedicato alla fase di monitoraggio per la stesura dell Autoanalisi d Istituto. Ho somministrato i questionari agli alunni delle classi quinte della scuola primaria, alle terze della scuola secondaria di primo grado, ai genitori delle classi coinvolte e a tutti i docenti. Dopo aver raccolto i dati mi sono preoccupata di elaborare i grafici che illustrano in maniera chiara i risultati. Ho evidenziato i PUNTI FORZA E PUNTI DI CRITICITÀ. Per quanta riguarda i progetti realizzati nell ambito dell offerta formativa, sono stati esperienze alquanto positive che hanno visto la partecipazione attenta e una fattiva collaborazione sia da parte dei genitori che degli alunni. Un esperienza formativa che ha coinvolto l intera comunità di Maniace è stato il Presepe Vivente, per testimoniare ancora una volta che la scuola non è solo il luogo in cui la conoscenza si crea, si esperisce e si evolve, ma diventa anche custode privilegiata di antiche tradizioni ed assolve ad uno dei suoi compiti primari: raccogliere e tramandare i segni di infinite generazioni. Tutto il materiale fotografico è stato utilizzato per la realizzazione di un filmato che illustra tutte le manifestazioni realizzate dalla scuola come ampliamento dell Offerta Formativa. Il video è parte integrante della presente relazione. Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 9

10 PROGETTI REALIZZATI 1. DISPERSIONE SCOLASTICA (Recupero) 2. PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE 3. EDUCAZIONEALLA SALUTE Educazione Alimentare: Frutta nelle Scuole 4. PROGETTO RICERCA E SPERIMENTAZIONE: ICF. Dal Modello dell OMS alla progettazione per inclusione. DISLESSIA C.A.F. AUTOVALUTAZIONE V.A.L.E.S. 5. PROGETTO ATTIVITÀ SPORTIVE: Psicomotricità (Scuola Dell infanzia) Gioco- Sport (Scuola Primaria) Giochi Sportivi Studenteschi (Scuola Secondaria Di Primo Grado) 6. PROGETTO VIAGGI DI ISTRUZIONE-VISITE GUIDATE 7. PROGETTO CONTINUITÀ/ ORIENTAMENTO 8. PROGETTO ATTIVITA CULTURALI NATALE: PRESEPE VIVENTE. 9. PROGETTO LEGALITÀ E PARI OPPORTUNITÀ (Capaci di crederci ancora) 10. SAGGIO DI FINE ANNO SCUOLA INFANZIA Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 10

11 PROGETTI P.O.N LE TECNOLOGIE DIDATTICHE MATEMATICA MENTE OKKIO ALLE SCIENZE MATEMATICA MENTE2 OKKIO ALLE SCIENZE2 COMUNICAZIONE VERBALE E SCRITTA IN LINGUA MADRE COMUNICAZIONE VERBALE E SCRITTA IN LINGUA MADRE2 PERCORSO IN LINGUA INGLESE PROGETTO DISPERSIONE F3 Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 11

12 GALLERIA FOTOGRAFICA di alcune Manifestazioni realizzate dagli alunni dell Istituto Comprensivo Carlo Levi di Maniace VENDEMMIA TORREPALINO Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 12

13 SAN MARTINO Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 13

14 PRESEPE VIVENTE Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 14

15 CORO DI NATALE CARNEVALE Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 15

16 BENEDIZIONE PASQUA CONTINUITA Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 16

17 CAPACI DI CREDERCI ANCORA Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 17

18 USCITA PRIMAVERA Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 18

19 EDUCAZIONE AMBIENTALE GIACCHE VERDI OKKIO ALLE SCIENZE Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 19

20 Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 20

21 RISULTATI DEL MONITORAGGIO POPOLAZIONE SCOLASTICA A SEGUITO DEL MONITORAGGIO DELLE INIZIATIVE REALIZZATE EMERGE QUANTO SEGUE: S.P.; 256 ISCRITTI; 195 S.P.; 256 AMMESSI; INFANZIA ISCRITTI BES BES; 6 S.P.; 7 0 AMMESSI NON AMMESSI; 10 0 S.P.; 0 NON AMMESSI S.P. SSPG INFANZIA S.P. SSPG Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 21

22 QUESTIONARIO ALUNNI 2012/2013 CLASSE a cui appartiene V Primaria Secondaria di I grado Mentre aspetti il suono della campana com è il Buono noioso rapporto con i compagni? buono Ti trovi bene nella tua classe? Si No Pensi che altre classi siano uguali, peggiori o migliori della tua? Oppure non ti interessa il confronto. migliori peggiori uguali Non mi interessa Nella classe c è qualche compagno prepotente? si no Nella classe c è qualche compagno noioso? si no Nella classe c è qualche compagno in difficoltà? si no Ti senti in grado di aiutare un compagno in difficoltà? si a volte si no Come valuti il rapporto con i tuoi insegnanti? buono normale pessimo Come valuti il rapporto con il personale di segreteria? buono normale pessimo Come valuti il rapporto con il personale ausiliare? buono normale pessimo Le valutazioni degli insegnanti ti sembrano giuste? Si No Le regole della scuola sono troppo rigide? Si No Pensi che le regole siano necessarie? Si No L aula è accogliente? Si No Ti piacciono i laboratori pomeridiani? Si No Ti senti valorizzato dai compagni? Si No Ti senti valorizzato dai docenti? Si No Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 22

23 SCUOLA PRIMARIA Mentre aspetti il suono della campana com è il rapporto con i compagni? NOIOSO 6% GRAFICO 1 ABB.BUONO 31% BUONO 63% Ti trovi bene nella tua classe? GRAFICO 2 21% 3% 76% SI NO ABBASTANZA Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 23

24 Pensi che altre classi siano uguali, peggiori o migliori della tua? Oppure non ti interessa il confronto. GRAFICO 3 17% 51% 23% 9% MIGLIORI PEGGIORI UGUALI NON MI INTERESSA Nella classe c è qualche compagno prepotente? Grafico N 4 29% 71% Si No Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 24

25 Nella classe c è qualche compagno noioso? Grafico N 5 24% 76% Si No Nella classe c è qualche compagno in difficoltà? Grafico N 6 8% Si No 92% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 25

26 Ti senti in grado di aiutare un compagno in difficoltà? Grafico N 7 10% 29% 61% Si A volte No Come valuti il rapporto con i tuoi insegnanti? Grafico N 8 3% 26% 71% Buono Normale Pessimo Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 26

27 Come valuti il rapporto con il personale di segreteria? Grafico N 9 0% 45% 55% Buono Normale Pessimo Come valuti il rapporto con il personale ausiliare? Grafico N 10 39% 61% Buono Normale Pessimo Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 27

28 Le valutazioni degli insegnanti ti sembrano giuste? 13% Grafico N 11 3% Si No 84% Le regole della scuola sono troppo rigide? Grafico N 12 5% 50% 45% Si No Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 28

29 L aula è accogliente? Grafico N 13 8% 41% 51% Si No Ti piacciono i laboratori pomeridiani? Grafico N 14 3% 19% 78% Si No Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 29

30 Ti senti Valorizzato dai compagni? Grafico N 15 11% 37% 52% Si No Ti senti valorizzato dai docenti? Grafico N 16 32% 47% Si No 21% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 30

31 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Mentre aspetti il suono della campana com è il rapporto con i compagni? Grafico N 1 16% 0% 84% Buono Noioso Ti trovi bene nella tua classe? 2% Grafico N 2 4% Si No 94% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 31

32 Pensi che altre classi siano uguali, peggiori o minori della tua? Oppure non ti interessa il confronto? Grafico N 3 4% 6% 12% 78% Migliori Peggiori Uguali Non mi interessa Nella classe c è qualche compagno prepotente? Grafico N 4 49% 51% Si NO Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 32

33 Nella classe c è qualche compagno noioso? Grafico N 5 40% 60% Si No Nella classe c è qualche compagno in difficoltà? Grafico N 6 11% Si No 89% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 33

34 Ti senti in grado di aiutare un compagno in difficoltà? Grafico N 7 12% 26% 62% Si A volte No Come valuti il rapporto con i tuoi insegnanti? Grafico N 8 0% 40% 60% Buono Normale pessimo Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 34

35 Come valuti il rapporto con il personale di segreteria? Grafico N 9 0% 55% 45% Buono Normale Pessimo Come valuti il rapporto con il personale ausiliare? Grafico N 10 2% 34% 64% Buono Normale Pessimo Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 35

36 Le valutazioni degli insegnanti ti sembrano giuste? Grafico N 11 9% 9% 82% Si No Le regole della scuola sono troppo rigide? Grafico N 12 18% 24% Si No 58% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 36

37 Pensi che le regole siano necessarie? Grafico N 13 12% 44% 44% Si NO L aula è accogliente? Grafico N 14 17% 22% 62% Si No Abbast Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 37

38 Ti piacciono i laboratori pomeridiani? Grafico N 15 5% 39% 56% Si No Ti senti valorizzato dai compagni? Grafico N 16 40% 8% 52% Si No Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 38

39 Ti senti valorizzato dai docenti? Grafico N 17 26% 32% Si No 21% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 39

40 QUESTIONARIO GENITORI 2012/2013 Suo figlio frequenta Infanzia Primaria Secondaria di I grado In quale misura Lei partecipa ai seguenti momenti della vita scolastica? - Assemblee/riunioni dei genitori molto abbastanza poco per niente -Colloqui con insegnanti molto abbastanza poco per niente -Manifestazioni scolastiche/spettacoli molto abbastanza poco per niente -Elezioni scolastiche molto abbastanza poco per niente -Ritiene di essere informato sulla vita della molto abbastanza poco per scuola? -In che modo viene informato di quello che avviene a scuola? Dal figlio Avvisi scritti della scuola Dai rappresentanti di classe niente Non vengo informato -Avere colloqui con il Dirigente Scolastico le risulta: Molto facile Facile Difficile Molto difficile -Avere colloqui con gli insegnanti di suo figlio le risulta : Molto facile Facile Difficile Molto difficile -Il servizio offerto dal personale di segreteria le Ottimo Buono Sufficiente Scarso risulta -Il servizio offerto dal personale ausiliare le Ottimo Buono Sufficiente Scarso risulta: -Come valuta i servizi e le attrezzature esistenti Ottimi Buoni Sufficienti Scarsi nella scuola di suo figlio? -Come valuta l organizzazione complessiva Ottima Buona Sufficiente Scarsa della scuola? -Come valuta il clima scolastico (rapporti tra Ottimo Buono Sufficiente Scarso alunni, tra insegnanti e famiglie tra insegnanti e alunni)? -Come valuta le attività integrative (laboratori, Ottime Buone Sufficienti Scarse spettacoli, viaggi, attività con l esterno)? -Ritiene che gli orari di ricevimento della Adeguati Accettabili Non adeguati segreteria, in rapporto alle sue esigenze, siano -In complesso si ritiene soddisfatto della scuola molto abbastanza poco per niente Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 40

41 IN QUALE MISURA LEI PARTECIPA AI SEGUENTI MOMENTI DELLA VITA SCOLASTICA? Assemblee/riunioni dei genitori SCUOLA PRIMARIA Grafico N1 7% 0% 50% 43% Molto Poco Per Niente Colloqui con insegnanti Grafico N 2 7% 4% 50% 39% Molto Poco Per Niente Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 41

42 Manifestazioni e spettacoli Grafico N 3 0% 21% 43% Molto Poco Per Niente 36% Elezioni scolastiche Grafico N 4 15% 4% 22% Molto Poco Per Niente 59% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 42

43 Ritiene di essere informato sulla vita della scuola? Grafico N.5 0% 64% 36% Molto Poco Per niente In che modo viene informato sulla vita della scuola? Grafico N 6 6% 0% 44% 50% Dal Figlio Avvisi Rappresentanti Non vengo informato Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 43

44 Avere colloqui con il Dirigente Scolastico le risulta: Grafico N 7 11% 4% 14% Molto facile Facile Difficile Molto difficile 71% Avere colloqui con gli insegnanti di suo figlio le risulta: Grafica N 8 3% 0% 61% 36% Molto facile Facile Difficile Molto difficile Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 44

45 Il servizio offerto dal personale di segreteria le risulta: Grafico N 9 19% 0% 35% 46% Ottimo Buono Sufficiente Scarso Il servizio offerto dal personale ausiliario le risulta: Grafico N 10 12% 15% 50% Ottimo Buono Sufficiente Scarso 23% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 45

46 Come valuta i servizi e le attrezzature esistenti nella scuola di suo figlio? Grafico N 11 12% 15% 50% Ottimo Buono Sufficiente Scarso 23% Come valuta l organizzazione complessiva della scuola? Grafico N 12 18% 11% 30% Ottima Buona Sufficiente Scarsa 41% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 46

47 Come valuta il clima scolastico ( rapporti tra alunni, tra insegnanti e famiglie tra insegnanti e alunni)? Grafico N 13 0% 19% 37% Ottimo Buono Sufficiente Scarso 44% Come valuta le attività integrative (laboratori, spettacoli, viaggi, attività con l esterno)? Grafico N 14 21% 7% 25% Ottime Buone Sufficienti Scarse 47% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 47

48 Ritieni che gli orari di ricevimento della segreteria, in rapporto alle sue esigenze siano: Grafico N 15 11% 21% Adeguati Accettabili Non adeguati 68% In complesso ti ritieni soddisfatto della scuola? Grafico N 16 7% 11% 14% Molto Poco Per Niente 68% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 48

49 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO IN QUALE MISURA LEI PARTECIPA AI SEGUENTI MOMENTI DELLA VITA SCOLASTICA? Assemblee/riunioni dei genitori Grafico N1 2% 0% 50% 48% Molto Poco Per Niente Colloqui con insegnanti Grafico N 2 10% 27% 53% Molto Poco Per Niente 10% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 49

50 Manifestazioni e spettacoli Grafico N 3 8% 24% 30% Molto Poco Per Niente 38% Elezioni scolastiche Grafico N 4 13% 25% 35% Molto Poco Per Niente 27% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 50

51 Ritiene di essere informato sulla vita della scuola? Grafico N.5 16% 0% 42% 42% Molto Poco Per niente In che modo viene informato sulla vita della scuola? Grafico N 6 7% 0% 22% 71% Dal Figlio Avvisi Rappresentanti Non vengo informato Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 51

52 Avere colloqui con il Dirigente Scolastico le risulta: Grafico N 7 13% 0% 25% Molto facile Facile Difficile Molto difficile 62% Avere colloqui con gli insegnanti di suo figlio le risulta: Grafica N 8 0% 8% 25% Molto facile Facile Difficile Molto difficile 67% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 52

53 Il servizio offerto dal personale di segreteria le risulta: Grafico N 9 19% 2% 21% Ottimo Buono Sufficiente Scarso 58% Il servizio offerto dal personale ausiliario le risulta: Grafico N 10 12% 10% 31% 47% Ottimo Buono Sufficiente Scarso Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 53

54 Come valuta i servizi e le attrezzature esistenti nella scuola di suo figlio? Grafico N 11 16% 4% 39% 41% Ottimo Buono Sufficiente Scarso Come valuta l organizzazione complessiva della scuola? Grafico N 12 6% 16% 21% Ottima Buona Sufficiente Scarsa 57% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 54

55 Come valuta il clima scolastico (rapporti tra alunni, tra insegnanti e famiglie tra insegnanti e alunni)? Grafico N 13 6% 14% 22% Ottimo Buono Sufficiente Scarso 58% Come valuta le attività integrative (laboratori, spettacoli, viaggi, attività con l esterno)? Grafico N 14 6% 18% 22% Ottime Buone Sufficienti Scarse 54% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 55

56 Ritiene che gli orari di ricevimento della segreteria, in rapporto alle sue esigenze, siano: Grafico N 15 15% 28% Adeguati Accettabili Non adeguati 57% In complesso si ritiene soddisfatto della scuola? Grafico N 16 24% 0% 22% Molto Poco Per Niente 54% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 56

57 QUESTIONARIO DOCENTI 2012/2013 In quale settore insegni? Infanzia Primaria Secondaria di I grado Sei soddisfatto del lavoro che svolgi? molto abbastanza poco per niente Ti senti parte attiva nell Istituto in cui operi? molto abbastanza poco per niente Pensi che il tuo lavoro sia apprezzato dai colleghi? molto abbastanza Poco per niente Ritieni che il tuo lavoro sia ben noto e ben valutato dal dirigente? molto abbastanza poco per niente Pensi che il tuo lavoro sia apprezzato di genitori degli alunni? molto abbastanza poco per niente Pensi di essere stimato dai tuoi alunni? molto abbastanza poco per niente Ritieni che i genitori si occupino dello studio dei propri figli? molto abbastanza poco per niente Ti ritieni appoggiato dalla famiglia nel processo educativo? molto abbastanza poco per niente Ti ritieni soddisfatto della collaborazione data dal personale ATA? molto abbastanza poco per niente Sostieni le iniziative o proposte del Dirigente e /o del Collegio Docenti? molto abbastanza poco per niente Sei in grado di stabilire buoni rapporti di relazione (con i colleghi) in seno agli organi collegiali? molto abbastanza poco per niente Consideri produttivo il ruolo dei genitori negli organi collegiali? molto abbastanza poco per niente Le tue idee(pareri o proposti) sono prese in considerazione: Dal Dirigente molto abbastanza poco per niente Dai colleghi molto abbastanza poco per niente Dai genitori molto abbastanza poco per niente Ritieni che il Fondo d Istituto sia ripartito in modo equo? molto abbastanza poco per niente Hai proposte alternative? Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 57

58 Sei soddisfatto del lavoro del lavoro che svolgi? Grafico N 1 2% 0% 58% 40% Molto Poco Per Niente Ti senti parte attiva dell Istituto in cui operi? Grafico N 2 0% 16% 8% Molto Poco Per Niente 76% Giuseppina Di Marco Strumentale Area 1 Pagina 58

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO RELAZIONE FINALE AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCENTE: Maria Rosaria Sebastiani DATA: 12 giugno 2013 FIRMA Il presente progetto è stato rivolto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania

Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Istituto Comprensivo P.Carrera di Militello in Val di Catania Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo Sviluppo finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Avviso Prot. Num. prot. AOODGAI/2373 DEL

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014

Prot. n. 2737 F/PON Francavilla Fontana, 18 settembre 2014 LICEO CLASSICO SCIENTIFICO SCIENTIFICO TECNOLOGICO E DELLE SCIENZE APPLICATE 7202 - FRANCAVILLA FONTANA (BR) Viale V. Lilla, 25 Tel.: 083.84727 Fax: 083.83744 72024 - ORIA (BR) Via A. Negri, Tel.: 083.87097

Dettagli