Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman"

Transcript

1 Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

2 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

3 Milliman Chi siamo Milliman è una fra le più grandi società mondiali di consulenza attuariale e strategica. Fondata nel 1947, ha oltre 50 uffici nelle principali città di Stati Uniti, Europa, Sud America, Asia, Middle East ed Australia. Conta circa dipendenti ed un fatturato di US$ 754 milioni nel Ora circa 250 consulenti Una rapida crescita Gli uffici più grandi in: Parigi (ca. 60) Londra (ca. 50) Dublino (ca. 30) Amsterdam (ca. 25) Milano (ca. 15) Uffici più piccoli (ma in espansione): Bucarest Madrid Monaco di Baviera Dusseldorf Varsavia Zurigo Cipro (mercato greco) Uffici: principali a Milano, satellite a Verona, presenza a Roma, Firenze, Trieste Team di circa 15 persone tra cui: 2 Principal & 3 Senior Consultant

4 Milliman L evoluzione Il punto di partenza : - Consolidato know how statistico quantitativo - Consolidata esperienza nel Risk Management tradizionale (i.e. analisi, misurazione e gestione verticale delle diverse tipologie di rischio). Ad esempio: gestione del rischio operativo, gestione del rischio di spread, gestione del rischio di credito etc - Metodi e strumenti robusti per il supporto strategico a realtà del mondo finanziario Lo stato dell arte oggi: - Collaborazione internazionale (e.g. Ricerca Rischio Operativo Paola Luraschi Milano e Joshua Corrigan Sidney) - Creazione di gruppi di lavoro dedicati (e.g. Milliman Risk Institute) per contribuire alla definizione di best practice internazionali ed intersettoriali in tema di ERM

5 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

6 Rischio Cos è (1) «..con il termine rischio si intende ogni evento aleatorio, ossia una manifestazione possibile ma non certa,

7 Rischio Cos è (2) «..con il termine rischio si intende ogni evento aleatorio, ossia una manifestazione possibile ma non certa, del quale si può stimare la probabilità di accadimento e prevedere le conseguenze positive o negative che al suo verificarsi può determinare.» (1) RISCHIO SI POSSONO STIMARE PROBABILITÀ CONSEGUENZE (1) : Definizione tratta da «impresa di assicurazione e strategie di valore» L. Selleri

8 Rischio Come affrontarlo Intraprendendo una qualsiasi attività ci si trova davanti a un rischio; possono essere assunti diversi atteggiamenti dipendenti dalle decisioni:

9 Rischio Una visione di insieme STRATEGIA

10 Rischio Enterprise Risk Management: la struttura e gli obiettivi L ERM è un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dal management e da altri operatori della struttura aziendale, utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; l ERM è progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti accettabili e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. (*) COMITATI DEDICATI PROCESSI DI COMUNICAZIONE ATTIVITA DI CONTROLLO ERM MONITORAGGIO DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI (*) : Definizione fornita dal CoSO

11 Approccio ERM Componenti attuative L ERM è un processo di analisi di tipo olistico che non si limita alla identificazione / valutazione / gestione dei singoli rischi Componente attuativa. Ruolo chiave dell automazione con sistemi IT robusti (e.g. MillimanGRC) 1) Analisi del contesto aziendale PROCESSO DI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT 2) Identificazione dei rischi Componente di analisi strategica preliminare 3) Valutazione e confronto dei rischi con la propensione al rischio 4) Decisioni su quali rischi gestire e in quale modo affrontarli 5) Esecuzione delle azioni decise 6) Comunicazione dei risultati e aggiornamento delle azioni

12 Input componente di analisi strategica preliminare Rilevazioni oggettive e informazioni soggettive PERDITE EVENTI RELAZIONI STRUTTURA Negative Events (*) PASSATO PRESENTE FUTURO/NON RILEVATO (*) quali ad esempio: Rischio operativo dati di perdita (Loss Data Collection) Rischio demografico frequenza di decesso effettiva di un portafoglio assicurativo (**) Cfr Cfr slide successive per maggiori dettagli Key Risk Indicators (**) Expert Opinion (**)

13 KRI & KPI Overview (1) KRI (Key Risk Indicator) e KPI (Key Performance Indicator): sono quegli indicatori considerati chiave per il monitoraggio dei livelli di rischio e delle performance; i loro valori target ed effettivi rispecchiano le strategie in termini di obbiettivi e di situazione attuale riguardo al posizionamento di mercato, redditività, propensione al rischio, struttura operativa, immagine ecc..

14 KRI & KPI Overview (2) Approccio: TOP-DOWN Focus: INTERPRETABILITÀ Approccio: BOTTOM-UP Focus: OPERATIVITÀ L obiettivo è l estrapolazione delle informazioni necessarie per realizzare gli obbiettivi strategici.

15 KRI & KPI Overview (3) Key features: Rilevanza Con focus specifico o generico, questi indicatori devono riflettere l esposizione o la misura di un rischio o performance e aiutare nella gestione Misurabilità Devono esprimere una misura (ammontare, rapporto, percentuale, durata o numero) che sia di per sé interpretabile e poter essere confrontati in istanti temporali differenti Capacità predittiva Devono poter esprimere non solo una valutazione attuale, ma anche i possibili cambiamenti futuri nell esposizione o natura dei rischi Semplicità Devono essere sufficientemente semplici da calcolare, interpretare e monitorare, in termini di tempo, costo e risorse Chiarezza Devono permettere un audit agevole Confrontabilità Devono poter essere confrontabili con benchmark interni o esterni Automazione Il monitoraggio degli indicatori deve essere ove possibile automatizzato sia per garantire il tempismo che per evitare l introduzione di ulteriore rischio (operativo) Reportistica I report devono avere scadenze sufficientemente fitte per mantenere la validità del dato, ma allo stesso tempo non eccessivamente per non sovraccaricare i processi. I report devono supportare anche l analisi tendenziale

16 KRI & KPI Esempio 1 - monitoraggio KRI rischio spread SAFE AREA nessuna azione Current KRI KRI Trigger WARNING AREA Avviso al risk owner, obbligo di ri-validare la strategia corrente o eventualmente modificare la strategia DAMAGING AREA Avviso al risk owner, schedulazione del comitato di rischio con obbligo di ridefinire la strategia

17 KRI & KPI Esempio 2 - monitoraggio KRI rischio frode ANALISI PER FATTORI ANALISI TENDENZIALE

18 Focus sull Expert Opinion Rilevanza della cultura del rischio (1) Le peculiarità del rischio di ogni azienda fanno parte del know how del management

19 Focus sull Expert Opinion Rilevanza della cultura del rischio (2) Esperti e operatori forniscono le loro opinioni riguardo la dinamica e complessità del business Aspetti contrastanti della descrizione vengono identificati e rimossi Aspetti comuni, descritti con linguaggio diverso vengono unificati Workshop Interviste Map Stumenti di Analisi Rischi / Strategia Reports Expert Input Caratteristiche principali e loro dinamica catturate rapidamente e oggettivamente da una combinazione di matematica e tecniche mutuate dalla psicologia Analisi cognitiva Obiettivi gestionali & quantitativi

20 Strumenti componente attuativa Importanza degli Strumenti di ERM (MillimanGRC) (1) Senza strumenti adeguati il processo ERM non è integrato all attività day-by-day Aggiornare Comunicare

21 Strumenti componente attuativa Importanza degli Strumenti di ERM (MillimanGRC) (2) Flessibilità Interfacciabilità e automazione Trasferimento automatico di informazioni fra utenti Report e dashboard in tempo reale Documentazione adeguata e tracciabilità delle informazioni Implementazione modulabile Monitorare Identificare Comunicare Gestire Aggiornare Documentare

22 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

23 Misure sintetiche di rischio Economic Capital (1) Ogni azienda dovrebbe avere una capitalizzazione, basata sul proprio profilo di rischio, che soddisfi l esigenza di mantenere la solvibilità in condizioni avverse. L Economic Capital (i.e. livello di capitalizzazione) rappresenta il valore sintetico ultimo della valutazione del rischio dell impresa

24 alta frequenza bassa frequenza Misure sintetiche di rischio Economic Capital (2) Se consideriamo in termini probabilistici le perdite subite da un azienda e 0,5% la probabilità accettata dalla azienda di fallire per insolvenza, allora l Economic Capital sarà pari alla peggior perdita realizzabile con una probabilità del 99,5% Perdite limitate PERDITE Perdite elevate

25 Misure sintetiche di rischio Economic Capital (3) Economic Capital (Milioni di Euro) PEGGIOR PERDITA REALIZZABILE FISSATA LA PROBABILITÀ DI INSOLVENZA PERDITE

26 Rischio Operativo Definizione e Key features (1) Il rischio operativo è il rischio di subire perdite derivanti dall'inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi, oppure da eventi esogeni. Tale definizione ricomprende anche il rischio legale. Sono invece esclusi i rischi strategici e di reputazione (*) Il rischio operativo è ineliminabile da qualsiasi attività produttiva Il rischio operativo è una componente importante del requisito patrimoniale di investitori istituzionali Il rischio operativo presenta peculiarità che lo rendono atipico nella gestione e modellazione. Ad esempio: - la predominanza di «cigni neri» - l eterogeneità delle manifestazioni Per il rischio operativo è difficile poter disporre di un campione statistico che sia sufficiente e robusto. (*) Definizione data dal Comitato di Basilea

27 Rischio Operativo Definizione e Key features (2) Raccolta delle informazioni di perdita complessa da un punto di vista operativo: Necessità di avere diversi livelli di granularità (livello maggiormente granulare per la gestione e livello più sintetico per il management) Necessità di ideare adeguatamente il processo di raccolta al fine di renderlo sufficientemente capillare ma non troppo invasivo nell operatività standard Necessità di automatizzare il più possibile dati contabili e/o informazioni presenti negli archivi informativi della Compagnia

28 Rischio Operativo Definizione e Key features (3) ESEMPIO: Mondo bancario consorzio (ORX) con DB globale DATI INTERNI ogni Compagnia/ Area / Funzione fornisce i dati relativi alle perdite operative. DATI ESTERNI consentono di: Raccogliere dati sulle perdite operative di altre realtà Effettuare studi ed approfondimenti Avere una base dati più solida per le attività di valutazione DATABASE PERDITE OPERATIVE

29 MODELLI ALTERNATIVI Rischio Operativo Modelli valutativi ALCUNI MODELLI POSSIBILI BUSINESS DATI Approcci Standard Scenario Analysis (SA) Loss Distribution Approach (LDA) ESPERIENZA Modelli Causali SELEZIONE UTILIZZO STIME

30 Rischio Operativo Approcci Standard Il rischio operativo viene calcolato proporzionalmente a misure del business quali: Raccolta lorda Premi, sinistri, spese Passività, Attivi Capitale Semplice, trasparente, pratico, ma non è legato al meccanismo di generazione delle perdite operative Paese / Norma Indicatore Global, Basel II Raccolta lorda 12% - 18% EU, Solvency II Australia, LAGIC* BSCR*, premi, passività, spese Premi, passività, sinistri Factor (indicativo) Floor al 30% del BSCR* + 25% spese UL Varia tra Vita e Non-Vita Japan BSCR* 3% if P&L < 0 2% if P&L > 0 South Africa BSCR*, premi, passività, spese Varia tra Vita e Non-Vita; Floor al 30% del BSCR* + 25% spese UL Taiwan, RBC* Premi, Attivi 0.5% vita, 1% rendite, 1.5% altro, 0.25% Attivi USA, Europe ex EU, altro Asia, Russia, NZ Nessuno! (*) BSCR (Basic Solvency Capital Requirement), LAGIC (Life And General Insurance Capital), RBC (Risk Based Capital) - acronimi dei requisiti patrimoniali per la solvibilità definiti dall autorità locale

31 Rischio Operativo Formula Standard in Solvency II (*) Fattori Provisions Premiums Life 0,45% 4,00% Non-LIFE 3,00% 3,00% (*) formula standard secondo LTGA technical specification (part I)

32 Formula Standard Case study - Intero mercato assicurativo VITA STIMA 2013(**) SCR OP +43% 3,4 SCR OP(*) +137% -23% -18% -9% 4,2 3,2 2,6 2,4 PREMI PREMI +48% -18% -6% +11% +27% Riserve tecniche Vita (Solvency I) in miliardi di Euro (*) SCR OP determinato considerando l intero mercato vita come una singola Compagnia. Tutti i prodotti di ramo III sono stati considerati come senza garanzie e l Op provisions è stimato sulla base delle riserve Solvency I, non considerato il limite pari al 30%*BSCR. FONTE: relazione annuale 2012 ANIA (**) la stima del SCR OP è calcolata utilizzando i dati sulla raccolta pubblicati su ANIA TRENDS NUOVA PRODUZIONE VITA di luglio 2013 e applicando l incremento registrato da ANIA all intero 2013

33 Scenario Analysis L approccio (1) Il rischio è misurato in base alle «opinion» degli operatori e degli esperti

34 Scenario Analysis L approccio (2) La scenario analysis è una tecnica che traduce in modelli probabilistici la «expert opinion» e permette una valutazione del rischio (anche) in caso di carenza di informazioni storiche Le informazioni vengono raccolte tramite interviste, questionari, comitati, analisi di indicatori del business e del rischio. Le informazioni possono essere relative ai soli eventi di perdita media ed estrema ovvero più sofisticate. Un rigoroso processo di governance e una significativa componente di cultura aziendale del rischio sono alla base della robustezza del processo data la componente di soggettività. Qual è la perdita massima possibile su un orizzonte temporale di 1 anno? Qual è la perdita per il peggior evento che può accadere in 10,100,500 anni? Qual è la peggior perdita secondo un certo scenario economico/aziendale?

35 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (1) Negative Events Key Risk Indicators Expert Opinion ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

36 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (2) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

37 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (3) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

38 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (4) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

39 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (5) ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne Analisi singolo rischio Frequency Severity DATI Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) copula BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

40 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (6) ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne Analisi singolo rischio Frequency Severity DATI Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) copula BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

41 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (7) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

42 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (8) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

43 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (9) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

44 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (10) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

45 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (11) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% 150% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

46 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (12) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% 150% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

47 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (13) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

48 Modelli Strutturali/Causali Il processo (1) LDA: Analisi storica degli eventi di perdita completata da Expert opinion (futuro / indisponibilità dati) Modelli causali: Expert opinion (comprendere la struttura per prevedere) completata da Analisi storica degli eventi di perdita

49 Modelli Strutturali/Causali Il processo (2) 1.Estrapolare la struttura del sistema (*) 2. Identificare i risk driver critici 3. Definire gli stati dei risk driver 4. Definire le interrelazioni 5. Aggregare e analizzare (*) con sistema si intende un sistema complesso adattativo (complex adaptive system) Ovvero una struttura a rete con interconnessioni dinamiche al suo interno che evolvono reagendo in maniera aleatoria a modifiche degli input

50 Valore aggiunto Standard formula, SA, LDA e Modelli causali Quale scegliere? (1) Dipende da.. - obbiettivi Valutazione Economic Capital Gestione Rischio Operativo/Decisioni strategiche - complessità dei processi operativi Stabile o Dinamico - dimensione e disponibilità info su perdite potenziali. Ad esempio: Approcci Standard / LDA per eventi standard Modelli Causali per eventi estremi - budget (risorse umane ed economiche) Sviluppo Implementazione /Integrazione BI FS Indicatori base (BI) Formula Standard (FS) Scenario Analysis (SA) Loss Distribution Approach (LDA) Modelli causali (MC) SA LDA MC Impegno CRISI EVENTI RELAZIONI STRUTTURA

51 Standard formula, SA, LDA e Modelli causali Quale scegliere? (2) Perdita attesa di XXX ogni 20 anni La previsione allerta su quello che accadrà La spiegazione mostra come qualcosa potrebbe accadere? Quale evento causerà una perdita così grande?

52 Grazie per l attenzione! Domande?

53 Contatti Paola Luraschi Principal, Consulting Actuary Milliman S.r.l. Via San Clemente, Milano T : Cell: This presentation has been prepared for illustrative purposes only. It should not be further distributed, disclosed, copied or otherwise furnished to any other party without Milliman s prior consent. No reliance should be placed on the results or graphs presented herein and no inference made about the appropriateness of the information and different bases presented. In particular, independent verification and professional advice should be sought when establishing company bases and assumptions for the purposes of pricing, valuation and transaction purposes etc. Actual experience may be more or less favourable than the assumptions and illustrations presented in this presentation. To the extent actual experience differs from these, so will actual results differ from those presented.

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Manuale del Credit Manager canali consumi fuori casa

Manuale del Credit Manager canali consumi fuori casa Sommario Presentazione Note di lettura OBIETTIVI E MODELLI DI GESTIONE Resistenza e possibilità del cambiamento Premessa Paradigma: la natura dell impresa Sistema informativo e sistema informatico Caccia

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli