Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman"

Transcript

1 Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

2 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

3 Milliman Chi siamo Milliman è una fra le più grandi società mondiali di consulenza attuariale e strategica. Fondata nel 1947, ha oltre 50 uffici nelle principali città di Stati Uniti, Europa, Sud America, Asia, Middle East ed Australia. Conta circa dipendenti ed un fatturato di US$ 754 milioni nel Ora circa 250 consulenti Una rapida crescita Gli uffici più grandi in: Parigi (ca. 60) Londra (ca. 50) Dublino (ca. 30) Amsterdam (ca. 25) Milano (ca. 15) Uffici più piccoli (ma in espansione): Bucarest Madrid Monaco di Baviera Dusseldorf Varsavia Zurigo Cipro (mercato greco) Uffici: principali a Milano, satellite a Verona, presenza a Roma, Firenze, Trieste Team di circa 15 persone tra cui: 2 Principal & 3 Senior Consultant

4 Milliman L evoluzione Il punto di partenza : - Consolidato know how statistico quantitativo - Consolidata esperienza nel Risk Management tradizionale (i.e. analisi, misurazione e gestione verticale delle diverse tipologie di rischio). Ad esempio: gestione del rischio operativo, gestione del rischio di spread, gestione del rischio di credito etc - Metodi e strumenti robusti per il supporto strategico a realtà del mondo finanziario Lo stato dell arte oggi: - Collaborazione internazionale (e.g. Ricerca Rischio Operativo Paola Luraschi Milano e Joshua Corrigan Sidney) - Creazione di gruppi di lavoro dedicati (e.g. Milliman Risk Institute) per contribuire alla definizione di best practice internazionali ed intersettoriali in tema di ERM

5 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

6 Rischio Cos è (1) «..con il termine rischio si intende ogni evento aleatorio, ossia una manifestazione possibile ma non certa,

7 Rischio Cos è (2) «..con il termine rischio si intende ogni evento aleatorio, ossia una manifestazione possibile ma non certa, del quale si può stimare la probabilità di accadimento e prevedere le conseguenze positive o negative che al suo verificarsi può determinare.» (1) RISCHIO SI POSSONO STIMARE PROBABILITÀ CONSEGUENZE (1) : Definizione tratta da «impresa di assicurazione e strategie di valore» L. Selleri

8 Rischio Come affrontarlo Intraprendendo una qualsiasi attività ci si trova davanti a un rischio; possono essere assunti diversi atteggiamenti dipendenti dalle decisioni:

9 Rischio Una visione di insieme STRATEGIA

10 Rischio Enterprise Risk Management: la struttura e gli obiettivi L ERM è un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dal management e da altri operatori della struttura aziendale, utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; l ERM è progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti accettabili e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. (*) COMITATI DEDICATI PROCESSI DI COMUNICAZIONE ATTIVITA DI CONTROLLO ERM MONITORAGGIO DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI (*) : Definizione fornita dal CoSO

11 Approccio ERM Componenti attuative L ERM è un processo di analisi di tipo olistico che non si limita alla identificazione / valutazione / gestione dei singoli rischi Componente attuativa. Ruolo chiave dell automazione con sistemi IT robusti (e.g. MillimanGRC) 1) Analisi del contesto aziendale PROCESSO DI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT 2) Identificazione dei rischi Componente di analisi strategica preliminare 3) Valutazione e confronto dei rischi con la propensione al rischio 4) Decisioni su quali rischi gestire e in quale modo affrontarli 5) Esecuzione delle azioni decise 6) Comunicazione dei risultati e aggiornamento delle azioni

12 Input componente di analisi strategica preliminare Rilevazioni oggettive e informazioni soggettive PERDITE EVENTI RELAZIONI STRUTTURA Negative Events (*) PASSATO PRESENTE FUTURO/NON RILEVATO (*) quali ad esempio: Rischio operativo dati di perdita (Loss Data Collection) Rischio demografico frequenza di decesso effettiva di un portafoglio assicurativo (**) Cfr Cfr slide successive per maggiori dettagli Key Risk Indicators (**) Expert Opinion (**)

13 KRI & KPI Overview (1) KRI (Key Risk Indicator) e KPI (Key Performance Indicator): sono quegli indicatori considerati chiave per il monitoraggio dei livelli di rischio e delle performance; i loro valori target ed effettivi rispecchiano le strategie in termini di obbiettivi e di situazione attuale riguardo al posizionamento di mercato, redditività, propensione al rischio, struttura operativa, immagine ecc..

14 KRI & KPI Overview (2) Approccio: TOP-DOWN Focus: INTERPRETABILITÀ Approccio: BOTTOM-UP Focus: OPERATIVITÀ L obiettivo è l estrapolazione delle informazioni necessarie per realizzare gli obbiettivi strategici.

15 KRI & KPI Overview (3) Key features: Rilevanza Con focus specifico o generico, questi indicatori devono riflettere l esposizione o la misura di un rischio o performance e aiutare nella gestione Misurabilità Devono esprimere una misura (ammontare, rapporto, percentuale, durata o numero) che sia di per sé interpretabile e poter essere confrontati in istanti temporali differenti Capacità predittiva Devono poter esprimere non solo una valutazione attuale, ma anche i possibili cambiamenti futuri nell esposizione o natura dei rischi Semplicità Devono essere sufficientemente semplici da calcolare, interpretare e monitorare, in termini di tempo, costo e risorse Chiarezza Devono permettere un audit agevole Confrontabilità Devono poter essere confrontabili con benchmark interni o esterni Automazione Il monitoraggio degli indicatori deve essere ove possibile automatizzato sia per garantire il tempismo che per evitare l introduzione di ulteriore rischio (operativo) Reportistica I report devono avere scadenze sufficientemente fitte per mantenere la validità del dato, ma allo stesso tempo non eccessivamente per non sovraccaricare i processi. I report devono supportare anche l analisi tendenziale

16 KRI & KPI Esempio 1 - monitoraggio KRI rischio spread SAFE AREA nessuna azione Current KRI KRI Trigger WARNING AREA Avviso al risk owner, obbligo di ri-validare la strategia corrente o eventualmente modificare la strategia DAMAGING AREA Avviso al risk owner, schedulazione del comitato di rischio con obbligo di ridefinire la strategia

17 KRI & KPI Esempio 2 - monitoraggio KRI rischio frode ANALISI PER FATTORI ANALISI TENDENZIALE

18 Focus sull Expert Opinion Rilevanza della cultura del rischio (1) Le peculiarità del rischio di ogni azienda fanno parte del know how del management

19 Focus sull Expert Opinion Rilevanza della cultura del rischio (2) Esperti e operatori forniscono le loro opinioni riguardo la dinamica e complessità del business Aspetti contrastanti della descrizione vengono identificati e rimossi Aspetti comuni, descritti con linguaggio diverso vengono unificati Workshop Interviste Map Stumenti di Analisi Rischi / Strategia Reports Expert Input Caratteristiche principali e loro dinamica catturate rapidamente e oggettivamente da una combinazione di matematica e tecniche mutuate dalla psicologia Analisi cognitiva Obiettivi gestionali & quantitativi

20 Strumenti componente attuativa Importanza degli Strumenti di ERM (MillimanGRC) (1) Senza strumenti adeguati il processo ERM non è integrato all attività day-by-day Aggiornare Comunicare

21 Strumenti componente attuativa Importanza degli Strumenti di ERM (MillimanGRC) (2) Flessibilità Interfacciabilità e automazione Trasferimento automatico di informazioni fra utenti Report e dashboard in tempo reale Documentazione adeguata e tracciabilità delle informazioni Implementazione modulabile Monitorare Identificare Comunicare Gestire Aggiornare Documentare

22 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

23 Misure sintetiche di rischio Economic Capital (1) Ogni azienda dovrebbe avere una capitalizzazione, basata sul proprio profilo di rischio, che soddisfi l esigenza di mantenere la solvibilità in condizioni avverse. L Economic Capital (i.e. livello di capitalizzazione) rappresenta il valore sintetico ultimo della valutazione del rischio dell impresa

24 alta frequenza bassa frequenza Misure sintetiche di rischio Economic Capital (2) Se consideriamo in termini probabilistici le perdite subite da un azienda e 0,5% la probabilità accettata dalla azienda di fallire per insolvenza, allora l Economic Capital sarà pari alla peggior perdita realizzabile con una probabilità del 99,5% Perdite limitate PERDITE Perdite elevate

25 Misure sintetiche di rischio Economic Capital (3) Economic Capital (Milioni di Euro) PEGGIOR PERDITA REALIZZABILE FISSATA LA PROBABILITÀ DI INSOLVENZA PERDITE

26 Rischio Operativo Definizione e Key features (1) Il rischio operativo è il rischio di subire perdite derivanti dall'inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi, oppure da eventi esogeni. Tale definizione ricomprende anche il rischio legale. Sono invece esclusi i rischi strategici e di reputazione (*) Il rischio operativo è ineliminabile da qualsiasi attività produttiva Il rischio operativo è una componente importante del requisito patrimoniale di investitori istituzionali Il rischio operativo presenta peculiarità che lo rendono atipico nella gestione e modellazione. Ad esempio: - la predominanza di «cigni neri» - l eterogeneità delle manifestazioni Per il rischio operativo è difficile poter disporre di un campione statistico che sia sufficiente e robusto. (*) Definizione data dal Comitato di Basilea

27 Rischio Operativo Definizione e Key features (2) Raccolta delle informazioni di perdita complessa da un punto di vista operativo: Necessità di avere diversi livelli di granularità (livello maggiormente granulare per la gestione e livello più sintetico per il management) Necessità di ideare adeguatamente il processo di raccolta al fine di renderlo sufficientemente capillare ma non troppo invasivo nell operatività standard Necessità di automatizzare il più possibile dati contabili e/o informazioni presenti negli archivi informativi della Compagnia

28 Rischio Operativo Definizione e Key features (3) ESEMPIO: Mondo bancario consorzio (ORX) con DB globale DATI INTERNI ogni Compagnia/ Area / Funzione fornisce i dati relativi alle perdite operative. DATI ESTERNI consentono di: Raccogliere dati sulle perdite operative di altre realtà Effettuare studi ed approfondimenti Avere una base dati più solida per le attività di valutazione DATABASE PERDITE OPERATIVE

29 MODELLI ALTERNATIVI Rischio Operativo Modelli valutativi ALCUNI MODELLI POSSIBILI BUSINESS DATI Approcci Standard Scenario Analysis (SA) Loss Distribution Approach (LDA) ESPERIENZA Modelli Causali SELEZIONE UTILIZZO STIME

30 Rischio Operativo Approcci Standard Il rischio operativo viene calcolato proporzionalmente a misure del business quali: Raccolta lorda Premi, sinistri, spese Passività, Attivi Capitale Semplice, trasparente, pratico, ma non è legato al meccanismo di generazione delle perdite operative Paese / Norma Indicatore Global, Basel II Raccolta lorda 12% - 18% EU, Solvency II Australia, LAGIC* BSCR*, premi, passività, spese Premi, passività, sinistri Factor (indicativo) Floor al 30% del BSCR* + 25% spese UL Varia tra Vita e Non-Vita Japan BSCR* 3% if P&L < 0 2% if P&L > 0 South Africa BSCR*, premi, passività, spese Varia tra Vita e Non-Vita; Floor al 30% del BSCR* + 25% spese UL Taiwan, RBC* Premi, Attivi 0.5% vita, 1% rendite, 1.5% altro, 0.25% Attivi USA, Europe ex EU, altro Asia, Russia, NZ Nessuno! (*) BSCR (Basic Solvency Capital Requirement), LAGIC (Life And General Insurance Capital), RBC (Risk Based Capital) - acronimi dei requisiti patrimoniali per la solvibilità definiti dall autorità locale

31 Rischio Operativo Formula Standard in Solvency II (*) Fattori Provisions Premiums Life 0,45% 4,00% Non-LIFE 3,00% 3,00% (*) formula standard secondo LTGA technical specification (part I)

32 Formula Standard Case study - Intero mercato assicurativo VITA STIMA 2013(**) SCR OP +43% 3,4 SCR OP(*) +137% -23% -18% -9% 4,2 3,2 2,6 2,4 PREMI PREMI +48% -18% -6% +11% +27% Riserve tecniche Vita (Solvency I) in miliardi di Euro (*) SCR OP determinato considerando l intero mercato vita come una singola Compagnia. Tutti i prodotti di ramo III sono stati considerati come senza garanzie e l Op provisions è stimato sulla base delle riserve Solvency I, non considerato il limite pari al 30%*BSCR. FONTE: relazione annuale 2012 ANIA (**) la stima del SCR OP è calcolata utilizzando i dati sulla raccolta pubblicati su ANIA TRENDS NUOVA PRODUZIONE VITA di luglio 2013 e applicando l incremento registrato da ANIA all intero 2013

33 Scenario Analysis L approccio (1) Il rischio è misurato in base alle «opinion» degli operatori e degli esperti

34 Scenario Analysis L approccio (2) La scenario analysis è una tecnica che traduce in modelli probabilistici la «expert opinion» e permette una valutazione del rischio (anche) in caso di carenza di informazioni storiche Le informazioni vengono raccolte tramite interviste, questionari, comitati, analisi di indicatori del business e del rischio. Le informazioni possono essere relative ai soli eventi di perdita media ed estrema ovvero più sofisticate. Un rigoroso processo di governance e una significativa componente di cultura aziendale del rischio sono alla base della robustezza del processo data la componente di soggettività. Qual è la perdita massima possibile su un orizzonte temporale di 1 anno? Qual è la perdita per il peggior evento che può accadere in 10,100,500 anni? Qual è la peggior perdita secondo un certo scenario economico/aziendale?

35 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (1) Negative Events Key Risk Indicators Expert Opinion ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

36 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (2) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

37 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (3) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

38 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (4) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

39 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (5) ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne Analisi singolo rischio Frequency Severity DATI Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) copula BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

40 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (6) ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne Analisi singolo rischio Frequency Severity DATI Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) copula BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

41 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (7) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

42 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (8) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

43 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (9) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

44 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (10) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

45 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (11) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% 150% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

46 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (12) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% 150% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

47 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (13) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

48 Modelli Strutturali/Causali Il processo (1) LDA: Analisi storica degli eventi di perdita completata da Expert opinion (futuro / indisponibilità dati) Modelli causali: Expert opinion (comprendere la struttura per prevedere) completata da Analisi storica degli eventi di perdita

49 Modelli Strutturali/Causali Il processo (2) 1.Estrapolare la struttura del sistema (*) 2. Identificare i risk driver critici 3. Definire gli stati dei risk driver 4. Definire le interrelazioni 5. Aggregare e analizzare (*) con sistema si intende un sistema complesso adattativo (complex adaptive system) Ovvero una struttura a rete con interconnessioni dinamiche al suo interno che evolvono reagendo in maniera aleatoria a modifiche degli input

50 Valore aggiunto Standard formula, SA, LDA e Modelli causali Quale scegliere? (1) Dipende da.. - obbiettivi Valutazione Economic Capital Gestione Rischio Operativo/Decisioni strategiche - complessità dei processi operativi Stabile o Dinamico - dimensione e disponibilità info su perdite potenziali. Ad esempio: Approcci Standard / LDA per eventi standard Modelli Causali per eventi estremi - budget (risorse umane ed economiche) Sviluppo Implementazione /Integrazione BI FS Indicatori base (BI) Formula Standard (FS) Scenario Analysis (SA) Loss Distribution Approach (LDA) Modelli causali (MC) SA LDA MC Impegno CRISI EVENTI RELAZIONI STRUTTURA

51 Standard formula, SA, LDA e Modelli causali Quale scegliere? (2) Perdita attesa di XXX ogni 20 anni La previsione allerta su quello che accadrà La spiegazione mostra come qualcosa potrebbe accadere? Quale evento causerà una perdita così grande?

52 Grazie per l attenzione! Domande?

53 Contatti Paola Luraschi Principal, Consulting Actuary Milliman S.r.l. Via San Clemente, Milano T : Cell: This presentation has been prepared for illustrative purposes only. It should not be further distributed, disclosed, copied or otherwise furnished to any other party without Milliman s prior consent. No reliance should be placed on the results or graphs presented herein and no inference made about the appropriateness of the information and different bases presented. In particular, independent verification and professional advice should be sought when establishing company bases and assumptions for the purposes of pricing, valuation and transaction purposes etc. Actual experience may be more or less favourable than the assumptions and illustrations presented in this presentation. To the extent actual experience differs from these, so will actual results differ from those presented.

Il rischio è non gestirlo

Il rischio è non gestirlo in collaborazione con Associazione Imprenditori Nord Milano Enterprise Risk Management: come gestire l evento incerto, individuare le opportunità e creare valore Presentato da: Paola Luraschi Principal

Dettagli

Best practice in tema di ERM

Best practice in tema di ERM Best practice in tema di ERM (Enterprise Risk Management) Paola Luraschi, Principal Milano, 24 Maggio 2012 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A Chi siamo

Dettagli

Milliman Enterprise Risk Management

Milliman Enterprise Risk Management Introduzione Il contesto economico di riferimento e l evoluzione normativa, sia essa trasversale ai settori di attività o specifica di taluni tipi di business, impongono sempre più spesso e con maggior

Dettagli

Milliman STAR Solutions - VEGA

Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman Solvency II Analysis and Reporting (STAR) Solutions Solvency II non è solo un cambiamento tecnico nel modo in cui gli assicuratori dovranno valutare i propri requisiti

Dettagli

DEFINIO REPLY BACKTESTING

DEFINIO REPLY BACKTESTING DEFINIO REPLY BACKTESTING La piattaforma Definio Reply può essere utilizzata come strumento di supporto per l implementazione del processo di Backtesting, inteso come metodologia per misurare il carattere

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Solvency II: le nuove regole sul rischio operativo per le imprese di assicurazione Roma, 27 giugno 2012 Lucilla Caterini Grossi Indice v Solvency

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Il risk management quale strumento di controllo interno

Il risk management quale strumento di controllo interno Il risk management quale strumento di controllo interno Corso Modelli d'impresa e corporate governance Università degli Studi di Verona, Facoltà di Economia Verona, 1 Agenda Corporate governance nelle

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Prologo La fiducia come asset

Prologo La fiducia come asset Ringraziamenti Prefazione, di Fabio Cerchiai Introduzione Prologo La fiducia come asset 1 Il nuovo regime di solvibilità: obiettivi, linee guida, implicazioni strategiche 1.1 LÕevoluzione della disciplina

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma No Risk, No Gain Evento sul Project Risk Management Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma Organizzato con Eureka Service Sponsor dell evento The

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato italiano I prodotti Variable Annuity sono nati negli Stati Uniti

Dettagli

Études et Dossiers No. 310. Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 &

Études et Dossiers No. 310. Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 & International Association for the Study of Insurance Economics Études et Dossiers Études et Dossiers No. 310 Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 & Solvency

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM Definio Reply è una piattaforma tecnologica in grado di indirizzare le esigenze di gestione, analisi e reporting su portafogli di strumenti finanziari (gestiti, amministrati,

Dettagli

Tecnica attuariale delle assicurazioni a.a.2010/2011

Tecnica attuariale delle assicurazioni a.a.2010/2011 Tecnica attuariale delle assicurazioni a.a.2010/2011 Prof.ssa Anna Maria Palazzo Donatella Rossi La solvibilità è il grado di garanzia che una compagnia di assicurazione possa far fronte ai propri obblighi

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Abstract Il progetto BALANCED SCORECARD del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi corona una famiglia di

Dettagli

Introduzione a PowerSchedO

Introduzione a PowerSchedO Il sistema di supporto alle tue decisioni Introduzione a PowerSchedO White paper Per maggiori informazioni http://www.powerschedo.it http://www.mbigroup.it PowerSchedO è un marchio registrato MBI. Questo

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency Il rating: come valutare le imprese Mauro Alfonso Head of Rating Agency Agenda Il rating Cosa fare per ottenere un rating A cosa può servire un rating 2 Cosa è un rating Il rating è un opinione sulle capacità

Dettagli

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N

I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N I D C A N A L Y S T C O N N E C T I O N Dan Vesset Program Vice President, Business Analytics B e s t P ractice p e r u n a strategia di B usiness I n t e l l i g e n c e e B usiness An a l yt i c s Febbraio

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria

Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria Deltas S.p.A. La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 Agenda Vincoli di conformità alla L. 262/20005 Soluzioni operative Nuove sfide

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS

Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto. Anselmo Marmonti SAS Processo ICAAP: Lo stato dell arte nella progettazione e implementazione dei sistemi di supporto Anselmo Marmonti SAS Agenda Premessa Evoluzione delle tematiche implementative di Basilea 2 Internal Rating

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 Milano, 3 ottobre 2008 AIDA Sezione Lombardia La compliance nelle assicurazioni: l adeguamento alla nuova normativa

Dettagli

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

DATA QUALITY MANAGEMENT E FUNZIONE ATTUARIALE

DATA QUALITY MANAGEMENT E FUNZIONE ATTUARIALE DATA QUALITY MANAGEMENT E FUNZIONE ATTUARIALE Studio Attuariale Visintin & Associati (SAVA S.r.l.) 1 DATA QUALITY MANAGEMENT Il DQ Management è uno degli obiettivi del Sistema dei Controlli Interni in

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Giovanni Andolfi giovanni.andolfi@bancalombarda.it Roma, 13 febbraio 2007 Banca Lombarda: una forte Rete in un area territoriale ricca

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Point of view: la Catena del Valore nel mercato assicurativo

Point of view: la Catena del Valore nel mercato assicurativo Insurance Lab Point of view: la Catena del Valore nel mercato assicurativo www.pwc.com/it L Insurance Lab L Insurance Lab è un iniziativa dedicata al mondo assicurativo e prevede un insieme strutturato

Dettagli

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1

Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assi- curativa e previdenziale Pagina 1 Specialista nei processi e nei servizi di intermediazione assicurativa e previdenziale Pagina 1 PARTNERS DEL PROGETTO per attività di docenza ed organizzazione stage la più antica mutua assicuratrice italiana,

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Polizze MULTIRAMO. Gestione applicativa. Luca Fontana. Flessibilità, Persistenza, Multicanalità. ROMA 8-9 Ottobre 2015.

Polizze MULTIRAMO. Gestione applicativa. Luca Fontana. Flessibilità, Persistenza, Multicanalità. ROMA 8-9 Ottobre 2015. ROMA 8-9 Ottobre 2015 Polizze MULTIRAMO Gestione applicativa Flessibilità, Persistenza, Multicanalità Luca Fontana Slide numero 1 Le attuali pressioni del mercato VITA per essere COMPETITIVI I sistemi

Dettagli

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009

Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Comunicazione n. DIN/DSE/9025454 del 24-3-2009 Oggetto: Istruzioni metodologiche per la determinazione dell informativa sul profilo di rischio e sull orizzonte temporale d investimento consigliato prevista

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4 White Paper Come affrontare un progetto di Workforce Management, dai Processi Aziendali al Ritorno Dell Investimento L adozione di un sistema integrato di workforce management nel contact center passa

Dettagli

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia

Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia Riccardo Sponza Technical Evangelism Manager Microsoft Italia SOA/EDA Composite Apps Software + Services Esercizio EAI Integrazione Punto-a-Punto Web services Consolidamento dell Infrastruttira Razionalizzazione

Dettagli

Milano, 30 gennaio 2012 Si comunica che il Consiglio di Amministrazione di Fondiaria-SAI

Milano, 30 gennaio 2012 Si comunica che il Consiglio di Amministrazione di Fondiaria-SAI COMUNICATO STAMPA FONDIARIA-SAI S.P.A.: AUMENTO DI CAPITALE Milano, 30 gennaio 2012 Si comunica che il Consiglio di Amministrazione di Fondiaria-SAI S.p.A. (la Società ), riunitosi nel pomeriggio di ieri,

Dettagli

L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management

L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management roma 15 marzo 2012 L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management Seminario tecnico Assoprevidenza Le nuove sfide della gestione previdenziale Davide Squarzoni Direttore

Dettagli

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI L ERM Da potenza ad atto Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 Agenda Cos è l ERM Evoluzione del RM ERMvsGRC Benefici dell ERM Duttilità Componenti del sistema Possibili difficoltà di implementazione

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

La CSR all'interno dello scenario aziendale italiano. "Se sei buono ti compro"

La CSR all'interno dello scenario aziendale italiano. Se sei buono ti compro www.pwc.com/it La CSR all'interno dello scenario aziendale italiano "Se sei buono ti compro" Paolo Bersani Indice Page 1 La Corporate Social Responsibility (CSR) 1 2 La CSR come strumento di competizione

Dettagli

Il valore della Risk Governance La gestione del rischio IT nella prospettiva della IS Governance

Il valore della Risk Governance La gestione del rischio IT nella prospettiva della IS Governance Il valore della Risk Governance La gestione del rischio IT nella prospettiva della IS Governance Gianluca Salviotti, SDA Bocconi School of Management Padova, 10 Aprile 2014 Agenda Elementi di contesto

Dettagli

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP richiesta di commenti Novembre 2013 1 Indice RICHIESTA DI COMMENTI SULLA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP... 3 LE MOTIVAZIONI... 4 I PRINCIPALI ELEMENTI

Dettagli

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali

Business white paper. Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Business white paper Sette best practice per creare applicazioni che rispondano alle esigenze aziendali Indice 3 Sommario esecutivo 3 Introduzione 3 Best practice a livello aziendale 5 Best practice a

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance

Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance AMMINISTRAZIONE & FINANZA Amministrazione e finanza nelle PMI innovative Nuove metriche per valutare la performance Amedeo De Luca FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced,

Dettagli

Milano, 23 dicembre 2011 Si comunica che il Consiglio di Amministrazione di Fondiaria - SAI

Milano, 23 dicembre 2011 Si comunica che il Consiglio di Amministrazione di Fondiaria - SAI COMUNICATO STAMPA FONDIARIA - SAI S.P.A.: AUMENTO DI CAPITALE Milano, 23 dicembre 2011 Si comunica che il Consiglio di Amministrazione di Fondiaria - SAI S.p.A. (la Società ), riunitosi in data odierna,

Dettagli

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo

IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES: un analisi delle prassi correnti, con un occhio al lungo periodo 07/07/2011 Sommario Verbale... 3 Presentation: IT PURCHASING BUSINESS PRACTICES : un analisi delle prassi

Dettagli

ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale

ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale ORMA Un sistema esperto di Risk Management per la governance nello scenario Assicurativo e Aziendale Se hai bisogno di una valvola che non perde fai di tutto pur di trovarla. Ma il mondo reale può darti

Dettagli

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI 59th UIA CONGRESS Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI Giovedì 29 ottobre 2015 LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI Enrique Sanz Fernández-Lomana C/ Serrano

Dettagli

L importanza dei benchmark nei periodi di cambiamento, sistemi di KPI ed indicatori di riferimento

L importanza dei benchmark nei periodi di cambiamento, sistemi di KPI ed indicatori di riferimento L importanza dei benchmark nei periodi di cambiamento, sistemi di KPI ed indicatori di riferimento Lazise 16 Maggio 2012 Experian and the marks used herein are service marks or registered trademarks of

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE

LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE LA SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA RESPONSABILITA SOCIALE Marina Migliorato Responsabile CSR e Rapporti con le Associazioni Relazioni Esterne Enel Roma, 21 giugno 2011 LUISS Business School

Dettagli

Proteggere il proprio Business: Il governo della sicurezza dell Informazione nell organizzazione aziendale

Proteggere il proprio Business: Il governo della sicurezza dell Informazione nell organizzazione aziendale Proteggere il proprio Business: Il governo della sicurezza dell Informazione nell organizzazione aziendale Visionest S.p.A. Padova, 11 giugno 2002 David Bramini david.bramini@visionest.com > Agenda Proteggere

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Maria-Cristina Pasqualetti - Deloitte Salvatore De Masi Deloitte Andrea Magnaguagno - IBM Scenario La

Dettagli

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE CONVINZIONE E RESPONSABILITA NELLA GESTIONE DI ATTIVI Con 80 miliardi di attivi in gestione, Candriam è un multi-specialista europeo della gestione patrimoniale

Dettagli

Un approccio olistico alle strategie di ottimizzazione del capitale

Un approccio olistico alle strategie di ottimizzazione del capitale Un approccio olistico alle strategie di ottimizzazione del capitale Carlo Gabardo Head of Basel Consulting, EMEA Daniele Vergari Head of Analytics, Italia Roma, 23 giugno 2015 2015 Experian Limited. All

Dettagli

Études et Dossiers No. 310. Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 &

Études et Dossiers No. 310. Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 & International Association for the Study of Insurance Economics Études et Dossiers Études et Dossiers No. 310 Solvency II: Strategic Stakes for the Insurance Industry Brussels, 14 November 2005 & Solvency

Dettagli

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti Company profile Agenda La società Industries I servizi Credentials Il network I contatti 1 La società Profile KEP Consulting è una società di consulenza indipendente creata da professionisti con esperienza

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Modelli quantitativi e trasferimento

Modelli quantitativi e trasferimento Modelli quantitativi e trasferimento dei Rischi Operativi i in una Utility Roberto Muscogiuri Attuario (già Insurance Risk Manager Gruppo ENEL) Gian Luca Noferi Gian Luca Noferi ENEL Head of Industrial

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

Come redigere un bilancio integrato

Come redigere un bilancio integrato Come redigere un bilancio integrato Matteo Brusatori Partner EY DAL BILANCIO ALL INTEGRATED REPORTING UNA PROSPETTIVA POSSIBILE? Studio Mercanti Dorio e Associati - Verona, 26 marzo 2015 Come redigere

Dettagli

SCOR inform - Aprile 2012. (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II

SCOR inform - Aprile 2012. (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II SCOR inform - Aprile 2012 (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II (Ri)-assicurazione vita nel contesto Solvency II Autore Thorsten Keil SCOR Global Life Colonia Redattore Bérangère Mainguy Tel:

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

Matteo Mille Direttore della divisione Server & Tools Microsoft Italia

Matteo Mille Direttore della divisione Server & Tools Microsoft Italia Matteo Mille Direttore della divisione Server & Tools Microsoft Italia Posizionamento Virtualization 360 Considerato nei Top4 management Vendor ** Crescita 4x il mercato Xx % Others WS08 Share growth

Dettagli

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT Definio Reply dà una risposta concreta ed efficiente alle richieste sempre più pressanti provenienti dal mercato del risparmio gestito, in termini di strumenti di analisi

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Assemblea Annuale ANIA. Roma, 5 luglio 2011. Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini

Assemblea Annuale ANIA. Roma, 5 luglio 2011. Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini Assemblea Annuale ANIA Roma, 5 luglio 2011 Intervento del Presidente dell ISVAP, Giancarlo Giannini Autorità, Signore e Signori, nella Relazione conclusiva dell ISVAP svolta poco meno di un mese fa ho

Dettagli

Solvency II : riassicurazione e dipendenze dei rischi

Solvency II : riassicurazione e dipendenze dei rischi UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA CALABRIA 24 MAGGIO 2007 Solvency II : riassicurazione e dipendenze dei rischi Marco Pirra Docente di Teoria del rischio per le assicurazioni contro i danni Università degli

Dettagli