Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman"

Transcript

1 Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

2 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

3 Milliman Chi siamo Milliman è una fra le più grandi società mondiali di consulenza attuariale e strategica. Fondata nel 1947, ha oltre 50 uffici nelle principali città di Stati Uniti, Europa, Sud America, Asia, Middle East ed Australia. Conta circa dipendenti ed un fatturato di US$ 754 milioni nel Ora circa 250 consulenti Una rapida crescita Gli uffici più grandi in: Parigi (ca. 60) Londra (ca. 50) Dublino (ca. 30) Amsterdam (ca. 25) Milano (ca. 15) Uffici più piccoli (ma in espansione): Bucarest Madrid Monaco di Baviera Dusseldorf Varsavia Zurigo Cipro (mercato greco) Uffici: principali a Milano, satellite a Verona, presenza a Roma, Firenze, Trieste Team di circa 15 persone tra cui: 2 Principal & 3 Senior Consultant

4 Milliman L evoluzione Il punto di partenza : - Consolidato know how statistico quantitativo - Consolidata esperienza nel Risk Management tradizionale (i.e. analisi, misurazione e gestione verticale delle diverse tipologie di rischio). Ad esempio: gestione del rischio operativo, gestione del rischio di spread, gestione del rischio di credito etc - Metodi e strumenti robusti per il supporto strategico a realtà del mondo finanziario Lo stato dell arte oggi: - Collaborazione internazionale (e.g. Ricerca Rischio Operativo Paola Luraschi Milano e Joshua Corrigan Sidney) - Creazione di gruppi di lavoro dedicati (e.g. Milliman Risk Institute) per contribuire alla definizione di best practice internazionali ed intersettoriali in tema di ERM

5 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

6 Rischio Cos è (1) «..con il termine rischio si intende ogni evento aleatorio, ossia una manifestazione possibile ma non certa,

7 Rischio Cos è (2) «..con il termine rischio si intende ogni evento aleatorio, ossia una manifestazione possibile ma non certa, del quale si può stimare la probabilità di accadimento e prevedere le conseguenze positive o negative che al suo verificarsi può determinare.» (1) RISCHIO SI POSSONO STIMARE PROBABILITÀ CONSEGUENZE (1) : Definizione tratta da «impresa di assicurazione e strategie di valore» L. Selleri

8 Rischio Come affrontarlo Intraprendendo una qualsiasi attività ci si trova davanti a un rischio; possono essere assunti diversi atteggiamenti dipendenti dalle decisioni:

9 Rischio Una visione di insieme STRATEGIA

10 Rischio Enterprise Risk Management: la struttura e gli obiettivi L ERM è un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dal management e da altri operatori della struttura aziendale, utilizzato per la formulazione delle strategie in tutta l organizzazione; l ERM è progettato per individuare eventi potenziali che possono influire sull attività aziendale, per gestire il rischio entro i limiti accettabili e per fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi aziendali. (*) COMITATI DEDICATI PROCESSI DI COMUNICAZIONE ATTIVITA DI CONTROLLO ERM MONITORAGGIO DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEI RISCHI (*) : Definizione fornita dal CoSO

11 Approccio ERM Componenti attuative L ERM è un processo di analisi di tipo olistico che non si limita alla identificazione / valutazione / gestione dei singoli rischi Componente attuativa. Ruolo chiave dell automazione con sistemi IT robusti (e.g. MillimanGRC) 1) Analisi del contesto aziendale PROCESSO DI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT 2) Identificazione dei rischi Componente di analisi strategica preliminare 3) Valutazione e confronto dei rischi con la propensione al rischio 4) Decisioni su quali rischi gestire e in quale modo affrontarli 5) Esecuzione delle azioni decise 6) Comunicazione dei risultati e aggiornamento delle azioni

12 Input componente di analisi strategica preliminare Rilevazioni oggettive e informazioni soggettive PERDITE EVENTI RELAZIONI STRUTTURA Negative Events (*) PASSATO PRESENTE FUTURO/NON RILEVATO (*) quali ad esempio: Rischio operativo dati di perdita (Loss Data Collection) Rischio demografico frequenza di decesso effettiva di un portafoglio assicurativo (**) Cfr Cfr slide successive per maggiori dettagli Key Risk Indicators (**) Expert Opinion (**)

13 KRI & KPI Overview (1) KRI (Key Risk Indicator) e KPI (Key Performance Indicator): sono quegli indicatori considerati chiave per il monitoraggio dei livelli di rischio e delle performance; i loro valori target ed effettivi rispecchiano le strategie in termini di obbiettivi e di situazione attuale riguardo al posizionamento di mercato, redditività, propensione al rischio, struttura operativa, immagine ecc..

14 KRI & KPI Overview (2) Approccio: TOP-DOWN Focus: INTERPRETABILITÀ Approccio: BOTTOM-UP Focus: OPERATIVITÀ L obiettivo è l estrapolazione delle informazioni necessarie per realizzare gli obbiettivi strategici.

15 KRI & KPI Overview (3) Key features: Rilevanza Con focus specifico o generico, questi indicatori devono riflettere l esposizione o la misura di un rischio o performance e aiutare nella gestione Misurabilità Devono esprimere una misura (ammontare, rapporto, percentuale, durata o numero) che sia di per sé interpretabile e poter essere confrontati in istanti temporali differenti Capacità predittiva Devono poter esprimere non solo una valutazione attuale, ma anche i possibili cambiamenti futuri nell esposizione o natura dei rischi Semplicità Devono essere sufficientemente semplici da calcolare, interpretare e monitorare, in termini di tempo, costo e risorse Chiarezza Devono permettere un audit agevole Confrontabilità Devono poter essere confrontabili con benchmark interni o esterni Automazione Il monitoraggio degli indicatori deve essere ove possibile automatizzato sia per garantire il tempismo che per evitare l introduzione di ulteriore rischio (operativo) Reportistica I report devono avere scadenze sufficientemente fitte per mantenere la validità del dato, ma allo stesso tempo non eccessivamente per non sovraccaricare i processi. I report devono supportare anche l analisi tendenziale

16 KRI & KPI Esempio 1 - monitoraggio KRI rischio spread SAFE AREA nessuna azione Current KRI KRI Trigger WARNING AREA Avviso al risk owner, obbligo di ri-validare la strategia corrente o eventualmente modificare la strategia DAMAGING AREA Avviso al risk owner, schedulazione del comitato di rischio con obbligo di ridefinire la strategia

17 KRI & KPI Esempio 2 - monitoraggio KRI rischio frode ANALISI PER FATTORI ANALISI TENDENZIALE

18 Focus sull Expert Opinion Rilevanza della cultura del rischio (1) Le peculiarità del rischio di ogni azienda fanno parte del know how del management

19 Focus sull Expert Opinion Rilevanza della cultura del rischio (2) Esperti e operatori forniscono le loro opinioni riguardo la dinamica e complessità del business Aspetti contrastanti della descrizione vengono identificati e rimossi Aspetti comuni, descritti con linguaggio diverso vengono unificati Workshop Interviste Map Stumenti di Analisi Rischi / Strategia Reports Expert Input Caratteristiche principali e loro dinamica catturate rapidamente e oggettivamente da una combinazione di matematica e tecniche mutuate dalla psicologia Analisi cognitiva Obiettivi gestionali & quantitativi

20 Strumenti componente attuativa Importanza degli Strumenti di ERM (MillimanGRC) (1) Senza strumenti adeguati il processo ERM non è integrato all attività day-by-day Aggiornare Comunicare

21 Strumenti componente attuativa Importanza degli Strumenti di ERM (MillimanGRC) (2) Flessibilità Interfacciabilità e automazione Trasferimento automatico di informazioni fra utenti Report e dashboard in tempo reale Documentazione adeguata e tracciabilità delle informazioni Implementazione modulabile Monitorare Identificare Comunicare Gestire Aggiornare Documentare

22 Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

23 Misure sintetiche di rischio Economic Capital (1) Ogni azienda dovrebbe avere una capitalizzazione, basata sul proprio profilo di rischio, che soddisfi l esigenza di mantenere la solvibilità in condizioni avverse. L Economic Capital (i.e. livello di capitalizzazione) rappresenta il valore sintetico ultimo della valutazione del rischio dell impresa

24 alta frequenza bassa frequenza Misure sintetiche di rischio Economic Capital (2) Se consideriamo in termini probabilistici le perdite subite da un azienda e 0,5% la probabilità accettata dalla azienda di fallire per insolvenza, allora l Economic Capital sarà pari alla peggior perdita realizzabile con una probabilità del 99,5% Perdite limitate PERDITE Perdite elevate

25 Misure sintetiche di rischio Economic Capital (3) Economic Capital (Milioni di Euro) PEGGIOR PERDITA REALIZZABILE FISSATA LA PROBABILITÀ DI INSOLVENZA PERDITE

26 Rischio Operativo Definizione e Key features (1) Il rischio operativo è il rischio di subire perdite derivanti dall'inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi, oppure da eventi esogeni. Tale definizione ricomprende anche il rischio legale. Sono invece esclusi i rischi strategici e di reputazione (*) Il rischio operativo è ineliminabile da qualsiasi attività produttiva Il rischio operativo è una componente importante del requisito patrimoniale di investitori istituzionali Il rischio operativo presenta peculiarità che lo rendono atipico nella gestione e modellazione. Ad esempio: - la predominanza di «cigni neri» - l eterogeneità delle manifestazioni Per il rischio operativo è difficile poter disporre di un campione statistico che sia sufficiente e robusto. (*) Definizione data dal Comitato di Basilea

27 Rischio Operativo Definizione e Key features (2) Raccolta delle informazioni di perdita complessa da un punto di vista operativo: Necessità di avere diversi livelli di granularità (livello maggiormente granulare per la gestione e livello più sintetico per il management) Necessità di ideare adeguatamente il processo di raccolta al fine di renderlo sufficientemente capillare ma non troppo invasivo nell operatività standard Necessità di automatizzare il più possibile dati contabili e/o informazioni presenti negli archivi informativi della Compagnia

28 Rischio Operativo Definizione e Key features (3) ESEMPIO: Mondo bancario consorzio (ORX) con DB globale DATI INTERNI ogni Compagnia/ Area / Funzione fornisce i dati relativi alle perdite operative. DATI ESTERNI consentono di: Raccogliere dati sulle perdite operative di altre realtà Effettuare studi ed approfondimenti Avere una base dati più solida per le attività di valutazione DATABASE PERDITE OPERATIVE

29 MODELLI ALTERNATIVI Rischio Operativo Modelli valutativi ALCUNI MODELLI POSSIBILI BUSINESS DATI Approcci Standard Scenario Analysis (SA) Loss Distribution Approach (LDA) ESPERIENZA Modelli Causali SELEZIONE UTILIZZO STIME

30 Rischio Operativo Approcci Standard Il rischio operativo viene calcolato proporzionalmente a misure del business quali: Raccolta lorda Premi, sinistri, spese Passività, Attivi Capitale Semplice, trasparente, pratico, ma non è legato al meccanismo di generazione delle perdite operative Paese / Norma Indicatore Global, Basel II Raccolta lorda 12% - 18% EU, Solvency II Australia, LAGIC* BSCR*, premi, passività, spese Premi, passività, sinistri Factor (indicativo) Floor al 30% del BSCR* + 25% spese UL Varia tra Vita e Non-Vita Japan BSCR* 3% if P&L < 0 2% if P&L > 0 South Africa BSCR*, premi, passività, spese Varia tra Vita e Non-Vita; Floor al 30% del BSCR* + 25% spese UL Taiwan, RBC* Premi, Attivi 0.5% vita, 1% rendite, 1.5% altro, 0.25% Attivi USA, Europe ex EU, altro Asia, Russia, NZ Nessuno! (*) BSCR (Basic Solvency Capital Requirement), LAGIC (Life And General Insurance Capital), RBC (Risk Based Capital) - acronimi dei requisiti patrimoniali per la solvibilità definiti dall autorità locale

31 Rischio Operativo Formula Standard in Solvency II (*) Fattori Provisions Premiums Life 0,45% 4,00% Non-LIFE 3,00% 3,00% (*) formula standard secondo LTGA technical specification (part I)

32 Formula Standard Case study - Intero mercato assicurativo VITA STIMA 2013(**) SCR OP +43% 3,4 SCR OP(*) +137% -23% -18% -9% 4,2 3,2 2,6 2,4 PREMI PREMI +48% -18% -6% +11% +27% Riserve tecniche Vita (Solvency I) in miliardi di Euro (*) SCR OP determinato considerando l intero mercato vita come una singola Compagnia. Tutti i prodotti di ramo III sono stati considerati come senza garanzie e l Op provisions è stimato sulla base delle riserve Solvency I, non considerato il limite pari al 30%*BSCR. FONTE: relazione annuale 2012 ANIA (**) la stima del SCR OP è calcolata utilizzando i dati sulla raccolta pubblicati su ANIA TRENDS NUOVA PRODUZIONE VITA di luglio 2013 e applicando l incremento registrato da ANIA all intero 2013

33 Scenario Analysis L approccio (1) Il rischio è misurato in base alle «opinion» degli operatori e degli esperti

34 Scenario Analysis L approccio (2) La scenario analysis è una tecnica che traduce in modelli probabilistici la «expert opinion» e permette una valutazione del rischio (anche) in caso di carenza di informazioni storiche Le informazioni vengono raccolte tramite interviste, questionari, comitati, analisi di indicatori del business e del rischio. Le informazioni possono essere relative ai soli eventi di perdita media ed estrema ovvero più sofisticate. Un rigoroso processo di governance e una significativa componente di cultura aziendale del rischio sono alla base della robustezza del processo data la componente di soggettività. Qual è la perdita massima possibile su un orizzonte temporale di 1 anno? Qual è la perdita per il peggior evento che può accadere in 10,100,500 anni? Qual è la peggior perdita secondo un certo scenario economico/aziendale?

35 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (1) Negative Events Key Risk Indicators Expert Opinion ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

36 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (2) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

37 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (3) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

38 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (4) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

39 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (5) ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne Analisi singolo rischio Frequency Severity DATI Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) copula BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

40 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (6) ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne Analisi singolo rischio Frequency Severity DATI Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) copula BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

41 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (7) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

42 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (8) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

43 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (9) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

44 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (10) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

45 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (11) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% 150% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

46 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (12) DATI Analisi delle Analisi singolo rischio relazioni tra i rischi Frequency matrice di ECONOMIC Severity CAPITAL = + 30% 150% correlazione convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali PERDITE o futuri

47 Loss Distribution Approach (LDA) L approccio (13) Analisi singolo rischio Frequency Severity convoluzione /montecarlo Distribuzione singolo rischio (marginale) DATI Distribuzione tutti i rischi (congiunta) MISURE DI RISCHIO ECONOMIC CAPITAL Analisi delle relazioni tra i rischi matrice di correlazione copula ILD (Internal Loss Data): dati relativi alle perdite interne ED (External Data): dati relativi a perdite registrate da concorrenti, nel settore o di settori simili, necessitano una trasformazione per essere omogenei ai dati interni BEICFs (Business Environment and Internal Control Fators): dati relativi ad evoluzioni del mercato, del settore o all interno dell azienda SA (Scenario Analysis): dati relativi a valutazioni di possibili scenari attuali o futuri

48 Modelli Strutturali/Causali Il processo (1) LDA: Analisi storica degli eventi di perdita completata da Expert opinion (futuro / indisponibilità dati) Modelli causali: Expert opinion (comprendere la struttura per prevedere) completata da Analisi storica degli eventi di perdita

49 Modelli Strutturali/Causali Il processo (2) 1.Estrapolare la struttura del sistema (*) 2. Identificare i risk driver critici 3. Definire gli stati dei risk driver 4. Definire le interrelazioni 5. Aggregare e analizzare (*) con sistema si intende un sistema complesso adattativo (complex adaptive system) Ovvero una struttura a rete con interconnessioni dinamiche al suo interno che evolvono reagendo in maniera aleatoria a modifiche degli input

50 Valore aggiunto Standard formula, SA, LDA e Modelli causali Quale scegliere? (1) Dipende da.. - obbiettivi Valutazione Economic Capital Gestione Rischio Operativo/Decisioni strategiche - complessità dei processi operativi Stabile o Dinamico - dimensione e disponibilità info su perdite potenziali. Ad esempio: Approcci Standard / LDA per eventi standard Modelli Causali per eventi estremi - budget (risorse umane ed economiche) Sviluppo Implementazione /Integrazione BI FS Indicatori base (BI) Formula Standard (FS) Scenario Analysis (SA) Loss Distribution Approach (LDA) Modelli causali (MC) SA LDA MC Impegno CRISI EVENTI RELAZIONI STRUTTURA

51 Standard formula, SA, LDA e Modelli causali Quale scegliere? (2) Perdita attesa di XXX ogni 20 anni La previsione allerta su quello che accadrà La spiegazione mostra come qualcosa potrebbe accadere? Quale evento causerà una perdita così grande?

52 Grazie per l attenzione! Domande?

53 Contatti Paola Luraschi Principal, Consulting Actuary Milliman S.r.l. Via San Clemente, Milano T : Cell: This presentation has been prepared for illustrative purposes only. It should not be further distributed, disclosed, copied or otherwise furnished to any other party without Milliman s prior consent. No reliance should be placed on the results or graphs presented herein and no inference made about the appropriateness of the information and different bases presented. In particular, independent verification and professional advice should be sought when establishing company bases and assumptions for the purposes of pricing, valuation and transaction purposes etc. Actual experience may be more or less favourable than the assumptions and illustrations presented in this presentation. To the extent actual experience differs from these, so will actual results differ from those presented.

Il rischio è non gestirlo

Il rischio è non gestirlo in collaborazione con Associazione Imprenditori Nord Milano Enterprise Risk Management: come gestire l evento incerto, individuare le opportunità e creare valore Presentato da: Paola Luraschi Principal

Dettagli

Best practice in tema di ERM

Best practice in tema di ERM Best practice in tema di ERM (Enterprise Risk Management) Paola Luraschi, Principal Milano, 24 Maggio 2012 Indice Chi siamo Il contesto Solvency II ed ERM Il rischio operativo Conclusioni Q&A Chi siamo

Dettagli

Milliman. Trieste, 14 Maggio 2015. Presentato da: Paola Luraschi Principal

Milliman. Trieste, 14 Maggio 2015. Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman Trieste, 14 Maggio 2015 Presentato da: Paola Luraschi Principal 1 Agenda Rischio e fattori di rischio Focus sul rischio sanitario Q&A 2 Rischio Cos è «con il termine rischio si intende un evento

Dettagli

Milliman. Gestione degli investimenti per l assicurazione vita in Italia. Un approccio moderno. 30 novembre 2011. Aldo Balestreri Ed Morgan

Milliman. Gestione degli investimenti per l assicurazione vita in Italia. Un approccio moderno. 30 novembre 2011. Aldo Balestreri Ed Morgan Milliman Gestione degli investimenti per l assicurazione vita in Italia. Un approccio moderno 30 novembre 2011 Aldo Balestreri Ed Morgan 2 Black Box o White Box? Senza trasparenza come possiamo avere la

Dettagli

Milliman Enterprise Risk Management

Milliman Enterprise Risk Management Introduzione Il contesto economico di riferimento e l evoluzione normativa, sia essa trasversale ai settori di attività o specifica di taluni tipi di business, impongono sempre più spesso e con maggior

Dettagli

Milliman STAR Solutions - VEGA

Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman Solvency II Analysis and Reporting (STAR) Solutions Solvency II non è solo un cambiamento tecnico nel modo in cui gli assicuratori dovranno valutare i propri requisiti

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance

Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Valutazione del sistema di controllo interno: un'unica modalità di approccio per i processi di business e di IT Governance Livorno 24-25 maggio 2007 Paolo Casati 1 Evoluzione delle attività di Internal

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato italiano I prodotti Variable Annuity sono nati negli Stati Uniti

Dettagli

Insight. Direttiva Solvency II

Insight. Direttiva Solvency II Insight N. 22 Dicembre 2008 Direttiva Solvency II Effetti sul Solvency Capital Requirement (SCR) derivanti dall applicazione del Modello Interno rispetto alla Formula Standard: il caso di una Compagnia

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

DEFINIO REPLY BACKTESTING

DEFINIO REPLY BACKTESTING DEFINIO REPLY BACKTESTING La piattaforma Definio Reply può essere utilizzata come strumento di supporto per l implementazione del processo di Backtesting, inteso come metodologia per misurare il carattere

Dettagli

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT Definio Reply dà una risposta concreta ed efficiente alle richieste sempre più pressanti provenienti dal mercato del risparmio gestito, in termini di strumenti di analisi

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO

Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Basilea 3 2012 Rischio operativo Convegno annuale DIPO Solvency II: le nuove regole sul rischio operativo per le imprese di assicurazione Roma, 27 giugno 2012 Lucilla Caterini Grossi Indice v Solvency

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency

Il rating: come valutare le imprese. Mauro Alfonso Head of Rating Agency Il rating: come valutare le imprese Mauro Alfonso Head of Rating Agency Agenda Il rating Cosa fare per ottenere un rating A cosa può servire un rating 2 Cosa è un rating Il rating è un opinione sulle capacità

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

Introduzione a PowerSchedO

Introduzione a PowerSchedO Il sistema di supporto alle tue decisioni Introduzione a PowerSchedO White paper Per maggiori informazioni http://www.powerschedo.it http://www.mbigroup.it PowerSchedO è un marchio registrato MBI. Questo

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari Riccardo Gandolfi Temporary Manager rigandol@tin.it http://it.linkedin.com/in/riccardogandolfi Presentazione dello

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

Prologo La fiducia come asset

Prologo La fiducia come asset Ringraziamenti Prefazione, di Fabio Cerchiai Introduzione Prologo La fiducia come asset 1 Il nuovo regime di solvibilità: obiettivi, linee guida, implicazioni strategiche 1.1 LÕevoluzione della disciplina

Dettagli

SoftwareSirio Modelli di Board

SoftwareSirio Modelli di Board SoftwareSirio Modelli di Board Business Intelligence e Performance Management vendite logistica e acquisti commesse scadenziari riclassificazione di bilancio Sirio informatica e sistemi SpA Sirio informatica

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Uberto Ventura Amministratore Delegato Aon S.p.A. Il punto di vista di Aon sul Credit Management in tempo di crisi

Uberto Ventura Amministratore Delegato Aon S.p.A. Il punto di vista di Aon sul Credit Management in tempo di crisi Uberto Ventura Amministratore Delegato Aon S.p.A. Il punto di vista di Aon sul Credit Management in tempo di crisi. Prospettive della crisi Conseguenze inevitabili? Profondo cambiamento della gestione

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Making the traveller s day better Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Milano, 2 Luglio 204 Group Enterprise Risk Management Contenuto del

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM Definio Reply è una piattaforma tecnologica in grado di indirizzare le esigenze di gestione, analisi e reporting su portafogli di strumenti finanziari (gestiti, amministrati,

Dettagli

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma No Risk, No Gain Evento sul Project Risk Management Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma Organizzato con Eureka Service Sponsor dell evento The

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Modelli quantitativi e trasferimento

Modelli quantitativi e trasferimento Modelli quantitativi e trasferimento dei Rischi Operativi i in una Utility Roberto Muscogiuri Attuario (già Insurance Risk Manager Gruppo ENEL) Gian Luca Noferi Gian Luca Noferi ENEL Head of Industrial

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali. Introduzione ai Processi aziendali

Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali. Introduzione ai Processi aziendali Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali Introduzione ai Processi aziendali Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Spiegare cosa siano obiettivi di business,

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Scenario di utilizzo Monitorare efficacemente e costantemente le performance aziendali diventa sempre più cruciale per mantenere alti i livelli

Dettagli

HePaS HEalth Patient Safety

HePaS HEalth Patient Safety HePaS HEalth Patient Safety Soluzione per la Gestione del Rischio Clinico Enzo Petrelli Consultant HeGoS Business Intelligence Santer Reply Santer è una società del gruppo Reply che opera nel mercato della

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR Definio Reply è la piattaforma che Fondaco SGR utilizza per la raccolta, il calcolo e la verifica di dati e misure finanziarie sui fondi gestiti e sui mandati

Dettagli

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Picture Credit San Polo Lamiere S.p.A. Italy. Used with permission. Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Partner Nome dell azienda San Polo Lamiere S.p.A. Settore Metal - Prodotti industriali

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI

59th UIA CONGRESS. Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI 59th UIA CONGRESS Valencia / Spagna 28 ottobre 1 novembre 2015 COMMISSIONE PENSIONAMENTO E PENSIONI Giovedì 29 ottobre 2015 LA SOLVIBILITÀ DELLE CASSE DEGLI AVVOCATI Enrique Sanz Fernández-Lomana C/ Serrano

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

L opportunitàdel rating pubblico per le PMI

L opportunitàdel rating pubblico per le PMI L opportunitàdel rating pubblico per le PMI Mauro Alfonso Amministratore Delegato Cerved Rating Agency Milano, 3 dicembre 2014 Cerved Rating Agency S.p.A. Agenda Il rating La metodologia di rating corporate

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE MODELLO INTERNO PER IL CALCOLO DEL PREMIUM E RESERVE RISK Studio Attuariale Visintin & Associati (SAVA S.r.l.) 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Proteggere il proprio Business: Il governo della sicurezza dell Informazione nell organizzazione aziendale

Proteggere il proprio Business: Il governo della sicurezza dell Informazione nell organizzazione aziendale Proteggere il proprio Business: Il governo della sicurezza dell Informazione nell organizzazione aziendale Visionest S.p.A. Padova, 11 giugno 2002 David Bramini david.bramini@visionest.com > Agenda Proteggere

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 Milano, 3 ottobre 2008 AIDA Sezione Lombardia La compliance nelle assicurazioni: l adeguamento alla nuova normativa

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani)

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) Obiettivo: Illustrare, anche con dibattito e casi concreti, gli strumenti, le regole

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE CONVINZIONE E RESPONSABILITA NELLA GESTIONE DI ATTIVI Con 80 miliardi di attivi in gestione, Candriam è un multi-specialista europeo della gestione patrimoniale

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012

Il modello di analisi dei mercati GME. Ottobre 2012 Il modello di analisi dei mercati GME Ottobre 2012 AGENDA La sinergia fra REF-E e MBI L approccio del modello emi 2 Le caratteristiche di emi 2 Esempi di utilizzo di emi 2 Sviluppi e servizi 2 AGENDA La

Dettagli

Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale

Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale Natalia Leonardi, Direttore Area Centrale Bilanci, Cerved Luca Cianci, Responsabile U.O. Progetti Speciali, Cerved AICS Meeting Day Lazise

Dettagli