Migliorare il sistema produttivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Migliorare il sistema produttivo"

Transcript

1 Migliorare il sistema produttivo Obiettivi: massimizzare le performance dell'azienda in ognuna delle sue priorità competitive: qualità, prezzo, velocità di consegna, flessibilità e innovazione, attraverso il miglioramento dei processi il miglioramento della qualità del prodotto il controllo e la progressiva riduzione dei costi di produzione la flessibilità nel rispondere alle esigenze del mercato e del cliente il coinvolgimento e la motivazione delle persone che operano sui processi industriali. Il livello delle performance da raggiungere cambia nel corso del tempo, in funzione dell'evoluzione del mercato e dei concorrenti, e deve quindi essere inteso in maniera dinamica e ridefinito periodicamente, con il contributo di tutti coloro che operano sui processi. Ciò permette di consegnare il prodotto al cliente nei tempi e nella qualità richiesti e di eliminare contemporaneamente le attività a non valore aggiunto. Consente al Management di concentrarsi sul miglioramento, invece di rincorrere i problemi quotidiani. L'applicazione di un Production System consente il miglioramento radicale delle prestazioni del sistema produttivo. Pagina 1 di 34

2 Il sistema si basa sui seguenti principi: è introdotto e diffuso top down con il costante commitment del management è basato sul costante e diffuso contributo delle persone che operano in azienda è un modo di lavorare (e non un progetto) si rinforza e si sviluppa con il coinvolgimento di tutti richiede adattamenti di metodi e strumenti standard e una corretta applicazione porta a realizzare un sistema visibile e trasparente è efficace se mira all'essenziale Gli interventi organizzativi e formativi possono essere focalizzati su una o più delle diverse aree: Sicurezza Analisi dei costi Riduzione dei costi Manutenzione Organizzazione del posto di lavoro Controllo qualità Logistica e servizio al cliente Progettazione per la Prevenzione della Manutenzione Sviluppo delle competenze Ambiente Pagina 2 di 34

3 Sicurezza Safety Perché si fa Per soddisfare le esigenze degli addetti, assicurando il miglioramento continuo della sicurezza sul posto di lavoro. a ridurre drasticamente il numero degli incidenti a sviluppare la cultura della prevenzione per quanto riguarda la sicurezza a migliorare continuamente l ergonomia del posto di lavoro a sviluppare le competenze professionali specifiche Principali attività audit interni periodici sulla sicurezza degli impianti identificazione e valutazione dei rischi analisi sistematica degli incidenti avvenuti miglioramenti tecnici sulle macchine e sul posto di lavoro formazione, addestramento e controllo Risultati attesi eliminazione delle condizioni per potenziali incidenti e infortuni miglioramento dell'ambiente di lavoro Pagina 3 di 34

4 Analisi dei costi Cost Deployment Perché si fa Perché il management possa attuare un piano di miglioramento efficace che affronti con la massima energia e con le più corrette metodologie le causali di perdita più rilevanti e che offrano le maggiori potenzialità. a individuare in maniera scientifica e sistematica le principali voci di perdita presenti nel sistema produttivo - logistico di stabilimento a quantificare i benefici economici potenziali e attesi a indirizzare le risorse e l'impegno manageriale verso le attività con le maggiori potenzialità Principali attività localizzazione delle perdite (matrice perdite / processi) identificazione delle perdite sorgenti (matrice perdite sorgenti / conseguenti) valorizzazione delle perdite (matrice perdite sorgenti / costo) scelta metodologie per eliminare le perdite (matrice perdite / soluzioni) valorizzazione dei benefici attesi (matrice costi / benefici) Risultati attesi conoscenza oggettiva delle causali di perdita prioritarie crescita delle competenze manageriali verso una chiara padronanza delle priorità e una gestione pianificata delle attività e dei benefici sviluppo delle capacità di pianificare le competenze necessarie per l'applicazione delle metodologie scelte Pagina 4 di 34

5 Riduzione dei costi Focused Improvement Perché si fa Per eliminare le principali voci di perdita precedentemente individuate tramite il Cost Deployment, evitando di indirizzare impegno e risorse verso problematiche non prioritarie. a ridurre drasticamente le perdite più importanti presenti nel sistema produttivo di stabilimento, eliminando le inefficienze dei processi a eliminare le attività a non valore aggiunto, allo scopo di aumentare la competitività del costo del prodotto a sviluppare le competenze professionali specifiche di Problem Solving. Principali attività definizione delle attività da affrontare, degli obiettivi e delle risorse per la conduzione dei progetti addestramento dei gruppi e monitoraggio dell'andamento dei progetti realizzazione dei progetti garanzia del supporto specialistico necessario ai gruppi certificazione e consuntivazione dei risultati Risultati attesi Riduzione significativa dei costi attraverso: miglioramento efficienza impianti riduzione dei tempi di set-up riduzione degli sprechi crescita professionale e acquisizione del metodo sviluppo di una attitudine diffusa al miglioramento. Pagina 5 di 34

6 Manutenzione Autonoma (aree capital intensive) Autonomous Activities Autonomous Maintenance (AM) Perché si fa perché gli impianti sono spesso in condizioni degradate perché l'efficienza delle macchine non raggiunge gli obiettivi perché la motivazione delle persone è certamente migliorabile A migliorare l'efficienza globale del sistema produttivo attraverso: il fermo del deterioramento accelerato, il ripristino e il mantenimento delle condizioni di base il coinvolgimento delle persone lo sviluppo delle competenze sul prodotto e sul rimpianto la collaborazione tra conduttori e manutentori. Principali attività creazione dei team, addestramento e preparazione dell'attività pulizia iniziale (pulire per ispezionare e per conoscere) eliminazione delle sorgenti di sporco e delle aree di difficile accesso definizione e applicazione di cicli efficaci e sostenibili di pulizia, ispezione, lubrificazione e serraggio miglioramento delle modalità di ispezione, attraverso lo sviluppo delle competenze degli addetti focalizzazione delle attività degli addetti anche verso il il controllo della qualità del prodotto Risultati attesi miglioramento della efficienza globale degli impianti e della qualità dei prodotti incremento della vita utile degli impianti miglioramento del clima, della motivazione e della propositività Pagina 6 di 34

7 Manutenzione Professionale Professional Maintenance (PM) Perché si fa perché il numero dei guasti è elevato perché non c'è un'attività sistematica di Manutenzione Preventiva perché si fa raramente l'analisi dei guasti c'è una bassa collaborazione tra conduttori e manutentori ad aumentare l'efficienza delle macchine attraverso le accresciute competenze dei manutentori e l'uso delle tecniche di Analisi Guasto a facilitare la collaborazione tra conduttori e manutentori per raggiungere gli obiettivi della Manutenzione Autonoma Principali attività deployment, controllo e analisi dei guasti aumento delle competenze dei manutentori definizione di piani economicamente sostenibili di Manutenzione Pianificata supporto degli addetti impegnati nella Manutenzione Autonoma (eliminazione dei cartellini e aumento delle competenze ispettive) applicazione di nuove tecniche manutentive Risultati attesi riduzione dei guasti macchina incremento dell'efficienza Globale degli Impianti incremento della percentuale di Manutenzione Pianificata definizione di un piano di Manutenzione Preventiva motivazione e crescita professionale dei manutentori maggiore collaborazione tra conduttori e manutentori Pagina 7 di 34

8 Organizzazione del Posto di Lavoro Autonomous Activities Workplace Organization (WO) (aree labour intensive) Perché si fa perché i posti di lavoro, i materiali e le attrezzature sono spesso degradati, sporchi e disordinati perché la qualità del prodotto è ottenuta con troppi controlli e rilavorazioni perché la motivazione delle persone è certamente migliorabile A migliorare l'efficienza e la produttività del sistema produttivo attraverso: il ripristino e il mantenimento delle condizioni di base l'eliminazione di attività a non valore aggiunto il coinvolgimento delle persone lo sviluppo delle competenze sul prodotto e sull impianto. Principali attività creazione dei team, addestramento e preparazione dell'attività eliminazione di quanto non necessario, riordino e pulizia definizione e applicazione dei cicli di mantenimento analisi ed eliminazione di attività a non valore aggiunto miglioramento dei cicli di lavoro e della qualità del prodotto, attraverso lo sviluppo delle competenze degli addetti Risultati attesi eliminazione di perdite di manodopera e di materiali incremento della qualità del prodotto ottenuta mediante un processo robusto e a prova di errore miglioramento della produttività e costi del processo adeguati ergonomia e sicurezza del lavoro miglioramento del clima, della motivazione e della propositività Pagina 8 di 34

9 Controllo Qualità Quality Control Perché si fa perché la soddisfazione dei clienti non è adeguata perché a volte prodotti difettosi arrivano ai clienti perché sono elevati i costi di scarti e rilavorazioni ad assicurare prodotti di qualità per i clienti minimizzando i costi a definire le condizioni dei sistemi produttivi tali da impedire la comparsa di non conformità a mantenere le condizioni definite per garantire la conformità nel tempo ad accrescere le competenze degli addetti sulla soluzione di problemi di qualità Principali attività messa in atto di soluzioni per analizzare le origini delle non conformità ed eliminare difetti, rilavorazioni e scarti definizione delle condizioni operative che assicurino la qualità desiderata e il successo del processo costituzione, addestramento e gestione dei team di miglioramento compilazione della matrice X e definizione di cicli di prevenzione e mantenimento (aree capital intensive) definizione delle Standard Operating Procedure SOP (aree labour intensive) Risultati attesi crescita della soddisfazione del cliente riduzione significativa di difetti, scarti e rilavorazioni e quindi dei costi della non qualità diffusione competenze di problem solving aumento delle proposte di miglioramento della qualità del prodotto Pagina 9 di 34

10 Logistica e servizio Logistics/Customer Service al cliente Perché si fa perché le scorte di materiale in stabilimento sono elevate, con pesanti oneri finanziari perché il rischio di danneggiamento e obsolescenza è notevole, anche per lo stato dei contenitori e la necessità di sequenziamenti perché non è infrequente la necessità di riprogrammare la produzione a causa della mancanza di materiale a creare condizioni di flusso teso all'interno dello stabilimento e con i fornitori a ridurre in maniera significativa i livelli di stock a livellare i volumi e il mix produttivo e aumentare le saturazioni delle linee a minimizzare la movimentazione interna, anche con consegne dirette da fornitori a linea di montaggio a integrare le reti di vendita, produzione e acquisti Principali attività applicazione dell'analisi dei flussi (Value Stream Map) per individuare le perdite e le opportunità miglioramento dei sistemi di programmazione interna ed esterna, dei layout e dei contenitori diffusione delle principali metodologie di gestione materiali (JIT sincrono, Kanban, pieno contro vuoto, FIFO, trasporti esterni condivisi, ) Risultati attesi evasione ordini tempestiva riduzione stock e giro lavoro riduzione danneggiamenti e obsolescenza materiali aumento competenze logistiche di stabilimento Pagina 10 di 34

11 Progettazione per la Prevenzione della Manutenzione Early Equipment Management Perché si fa perché i tempi di avvio dei nuovi impianti sono spesso superiori alle attese perché l'impianto non è pensato per ottimizzare i costi ricorrenti a mettere in funzione i nuovi impianti nei tempi definiti a garantire uno start-up rapido e stabile a ridurre il Costo del Ciclo di Vita a progettare impianti facilmente manutenibili e ispezionabili Principali attività collocazione formale del EEM nell'ambito del processo di sviluppo prodotto tramite specifiche Design Review definizione di capitolati di offerta e di fornitura coerenti con le esigenze dell'utilizzatore (conduzione, manutenzione, ispezione, smaltimento) integrazione con i fornitori nel progettare in funzione del binomio uomo - macchina Risultati attesi costi di vita dell'impianto contenuti impianti affidabili, manutenibili, accessibili, ispezionabili, puliti, a bassa rumorosità cicli di Manutenzione Preventiva definiti in fase di progettazione ed economicamente sostenibili set-up e avvio rapidi qualità elevata del prodotto Pagina 11 di 34

12 Sviluppo delle competenze People Development Perché si fa perché le competenze e le modalità di lavoro sono spesso inadeguate ad una operatività priva di rischi di errori perché è carente il sistema di valutazione e sviluppo delle competenze perché sono insufficienti le competenze e le motivazioni al miglioramento per sostenere in modo mirato le competenze necessarie per lo sviluppo delle altre metodologie e dei progetti di miglioramento ad assicurare, attraverso un sistema strutturato di addestramento, le corrette competenze e abilità per ciascuna postazione di lavoro a sviluppare i ruoli di manutentori, tecnologi, specialisti come principali agenti di addestramento a documentare in modo semplice ed efficace le conoscenze e le capacità operative possedute e sviluppate da diffondere e mantenere Principali attività mappatura delle conoscenze necessarie e possedute analisi dei gap e definizione dei piani di addestramento sviluppo degli strumenti (One Point Lesson) e delle capacità di addestramento allestimento del Training Center con i materiali e le attrezzature necessari Risultati attesi applicazione del Quality Control per un buon controllo del processo da parte degli addetti: miglioramento della qualità buone competenze di manutenzione: miglioramento dell'efficienza applicazione della Manutenzione Autonoma: competenze e applicazione di pulizia, ispezione e lubrificazione da parte degli addetti zero errori umani: realizzazione e diffusione di modalità di lavoro a prova di errore (Poka Yoke) riduzione del rischio di incidenti miglioramento del clima e della motivazione Pagina 12 di 34

13 Ambiente Environment Perché si fa Per soddisfare le esigenze degli addetti e della società civile, assicurando una corretta gestione ambientale. a rispettare le esigenze e le normative di gestione ambientale a sviluppare la cultura della prevenzione per quanto riguarda l'ambiente a migliorare continuamente le condizioni dell'ambiente di lavoro, anche andando al di là degli obblighi derivanti da norme e leggi a sviluppare le competenze professionali specifiche Principali attività audit interni periodici sull'impatto della fabbrica verso l'ambiente circostante identificazione e prevenzione dei rischi applicazione delle normative ISO miglioramenti tecnici sugli impianti formazione e addestramento e controllo Risultati attesi riduzione dei consumi energetici riduzione della generazione di sostanze inquinanti e di rumore aumento delle quote di riciclo miglioramento dell'ambiente di lavoro eliminazione delle condizioni per potenziali incidenti ambientali Pagina 13 di 34

14 I principi metodologici Gli interventi organizzativi e formativi consistono nell'adattare le metodologie oggi più avanzate alle diverse realtà aziendali. Gli strumenti metodologici adottati possono essere: 4M Technique (Machine - Material - Method - Man) 5S 5W1H 5WHYS AM Tag Equipment ABC Prioritization FMEA Failure Mode and Effect Analysis Kanban NVAA Not Value Added Activity OPL One Point Lesson Poka Yoke QA Matrix Six Sigma SMED Single Minute Exchange of Die Value Stream Map X Matrix Pagina 14 di 34

15 4M Technique (Machine, Material, Method, Man) 4M (Macchine - Materiali - Metodo - Manodopera) Che cosè È uno strumento che serve ad analizzare un fenomeno facendo l'elenco dei possibili fattori (cause, con-cause, sottocause) che stanno all'origine di quel fenomeno (effetto) e successivamente ad organizzare in categorie i fattori elencati. A rappresentare il concetto di relazione e di causalità. La forma più diffusa di 4M è quella di Ishikawa (a spina di pesce): la sua diffusione è dovuta alla sua intrinseca capacità di far convergere il gruppo di lavoro verso la stratificazione dei fattori in categorie di maggiore ampiezza. Per classificare le cause di un problema, Ishikawa propone come metodo generalizzato quello delle quattro M: Metodo - Materiali - Manodopera - Macchine. A volte si aggiunge anche l'ambiente o il Management (fattori gestionali) o il Marketing (clientela - mercato). Come si applica Il 4M (chiamato anche Diagramma Causa-Effetto) è uno strumento di forte aggregazione per un Gruppo di lavoro multidisciplinare ed è utilizzabile in tutte le fasi del ciclo PDCA: in fase diagnostica, per generare le possibili teorie sulle cause di uno scostamento in fase decisionale, per generare soluzioni possibili e per valutare i rischi delle soluzioni in fase di pianificazione, per prevedere potenziali problemi. Pagina 15 di 34

16 5 S Che cosè È il nome di una metodologia sviluppata in Giappone per il miglioramento del posto di lavoro. Le 5 S sono le iniziali delle parole giapponesi che esprimono i concetti base su cui si fonda la metodologia. Seiri: separare Seiton: ordinare Seiso: pulire Shiketzu: standardizzare Seiketzu: sostenere e migliorare a creare in tutti l'abitudine mentale a mantenere il proprio posto di lavoro ordinato e pulito realizzando piccoli ma continui miglioramenti delle condizioni di lavoro a migliorare la produttività e la qualità riducendo i tempi di ricerca e le attività che non aggiungono valore riduzione dei tempi di ricerca riduzione dei problemi qualitativi creazione di un ambiente più sicuro e confortevole coinvolgimento di tutti in attività di miglioramento Come si applica L'approccio 5 S è: metodico: fornisce principi e regole da applicare permanente: deve essere applicato costantemente per garantire buoni risultati. Pagina 16 di 34

17 5W1H Che cosè E' uno strumento di analisi logica, utilizzato nelle tecniche di miglioramento della qualità, con lo scopo di assicurare all'analisi di un problema o di un argomento di discussione una visione completa su tutti i suoi aspetti fondamentali: Who (chi) o chi lo sta facendo?,chi dovrebbe farlo?,chi altro potrebbe farlo?,chi altro dovrebbe farlo? What (che cosa) o che cosa deve essere fatto? che cosa dovrebbe essere fatto? che cos'altro potrebbe essere fatto? che cos'altro dovrebbe essere fatto? Where (dove) o perché è quella persona a farlo? perché farlo? perché farlo li? perché farlo allora? perché farlo in quel modo? When (quando) o dove va fatto? dove si sta facendo? dove dovrebbe essere fatto? dove potrebbe essere fatto altrimenti? dove dovrebbe essere fatto altrimenti? Why (perché) o quando doveva essere fatto? quando dovrebbe essere fatto? quando potrebbe essere fatto altrimenti? quando dovrebbe essere fatto altrimenti? How (come) o come va fatto? come si sta facendo? come dovrebbe essere fatto? come potrebbe essere fatto altrimenti? come dovrebbe essere fatto altrimenti? Come si applica Le 5 domande servono per capire in maniera più approfondita una situazione aziendale, ogni volta che si ha necessità di nuovi stimoli. Attraverso di esse si focalizzano i problemi chiave. Queste domande possono essere utilizzate articolandole a più livelli, in base al grado di approfondimento che si vuole ottenere. Pagina 17 di 34

18 5 perché Che cosè 5 WHYS È uno strumento di Problem Solving che mira a ricercare le cause d'origine di un fenomeno anomalo attraverso una serie consecutiva di domande (perché) a cui si deve dare risposta. Fermandosi ai primi perché si rischia di non arrivare alla causa vera del problema. Si applica in: analisi dei guasti analisi di anomalie sporadiche analisi di perdite croniche originate da specifiche cause a identificare la causa alla radice di un determinato inconveniente in modo da eliminarla totalmente ad abituare le persone a porsi e a trovare risposte alle domande e cioè esercitare la propria intelligenza. Una delle tante definizioni dell'intelligenza è proprio la capacità di porsi e di rispondere alle domande. Punti di attenzione scendere nei minimi dettagli fino ad individuare la causa vera (non c'è limite ai livelli) descrivere con precisione tutte le cause (anche quelle che si rivelano errate) e le azioni (anche quelle che si decide di non applicare), per mantenere il controllo sulle analisi condotte usare dati piuttosto che espressioni generiche individuare, per ogni causa vera, azioni che la elimineranno per sempre Pagina 18 di 34

19 Cartellino AM Che cosè AM Tag E' un foglio di cartoncino che, opportunamente compilato, si applica sulla macchina, in prossimità di una qualunque anomalia individuata. La cartellinatura delle anomalie avviene tipicamente nei passi iniziali della Manutenzione Autonoma, durante apposite fermate dedicate alla pulizia ispettiva. Tuttavia indicare con cartellini le anomalie individuate è un'azione continua, ogni volta che l'addetto o il manutentore individuano un problema di non immediata soluzione o ricorrente. A segnalare, in modo visibile a tutti, qualunque anomalia, degrado, rumorosità eccessiva, mancanza di un componente, sorgente di sporco, zona di difficile accesso, rischio per la sicurezza dell'addetto o per la qualità del prodotto. Come si applica Il cartellino viene compilato da chi ha individuato l'anomalia ed è costituito da due copie: la prima viene posizionata nella apposita tasca sul tabellone per eseguire la successiva registrazione, analisi e per pianificare l'intervento la seconda rimane appesa sulla macchina in prossimità dell'anomalia fino alla soluzione definitiva del problema. Punti di attenzione 1. evidenziare le anomalie della macchina di qualsiasi tipo, anche se sembrano piccole 2. compilare il cartellino scrivendo chiaramente tutti i dati che si richiedono per facilitare la successiva fase di analisi 3. attaccare il cartellini a lato dell'anomalia. Se il problema riguarda una parte mobile della macchina, attaccarlo quanto più vicino possibile 4. registrare i dati nei moduli da riportare sul tabellone Pagina 19 di 34

20 Equipment ABC Prioritization Classificazione ABC delle macchine Che cosè È uno strumento per classificare gli impianti secondo la loro priorità, per ottimizzare l'utilizzo delle risorse manutentive (umane ed economiche). Questo consente di allineare le priorità della manutenzione agli obiettivi aziendali, in coerenza con il Cost Deployment. A individuare le macchine che rivestono maggiore importanza per lo stabilimento, in quanto impattano significativamente sulla sicurezza, sulla qualità del prodotto, sui costi di manutenzione, sui consumi energetici, sull'ambiente e sulle prestazioni dell'intero processo produttivo, avendo nel contempo un elevato coefficiente di utilizzo. Come si applica definire e elencare tutte le macchine, utilizzando un foglio di lavoro classificare le macchine utilizzando la metodologia TGPC: T - Tempo di Riparazione G - Grado di Influenza P - Probabilità di Guasto C - Criticità dell'impianto suddividere le macchine in 4 classi di numero, sulla base del risultato dell'analisi: < 20% Classe C 20%-80% Classe B 80%-95% Classe A >95% Classe AA verificare la coerenza dei risultati della classificazione con il Cost Deployment. Il risultato deve essere bilanciato con la sua relativa valutazione, in modo che il team di lavoro si concentri solamente sugli impianti con una significativa perdita o critici per il business. Pagina 20 di 34

21 FMEA Failure Mode and Effect Analysis Analisi dei guasti e dei loro effetti Che cosè È una tecnica di analisi preventiva sul prodotto o sul processo utilizzata per definire, identificare ed eliminare le failure, i problemi e gli errori prima che sia troppo tardi e quindi troppo costoso. a prevenire potenziali modi di guasto di prodotto e di processo produttivo riducendone quanto più possibile le conseguenze per l'azienda e per il cliente a individuare ed evidenziare le caratteristiche critiche di prodotto/parametri di processo per predisporne una adeguata gestione nella fabbricazione e nell'assistenza al cliente I passi del metodo costituire il team raccogliere e analizzare le informazioni identificare il prodotto o il processo da analizzare identificare le funzioni per ogni prodotto o processo da analizzare identificare i modi di guasto (rispettivamente degrado della funzione e difettosità del prodotto) individuare gli effetti di ciascun modo di guasto (in ottica cliente esterno ed interno) ricercare, organizzare ed elencare le cause dei modi di guasto descrivere le misure di controllo previste quantificare la probabilità di accadimento delle cause di ciascun modo di guasto (p) quantificare la gravità degli effetti dei modi di guasto (g) quantificare la rilevabilità dei modi di guasto (r), nel caso in cui questi si manifestino calcolare il rischio associato (calcolo dell'indice di probabilità di rischio: pgr = p x g x r) elencare in ordine di priorità e assegnare le azioni correttive mettere in atto le azioni correttive e rivalutare il rischio (calcolo del nuovo pgr) distribuire, riesaminare ed aggiornare le analisi Dove si applica FMEA di progetto: su componenti o parti di componenti FMEA di processo: su operazioni di processo e attrezzatura FMEA di mezzi di produzione: su componenti di macchinario, attrezzature e utensili Pagina 21 di 34

22 Cartellino Che cosè Kanban È uno strumento di programmazione e regolazione della produzione estremamente semplificato. Il Kanban opera a ritroso dai processi a valle ai processi a monte, dimensionando il flusso produttivo e ordinando le lavorazioni necessarie attraverso una logica Pull. Ogni operazione, prelevando i suoi fabbisogni dal deposito interoperazionale, autorizza la lavorazione a monte a ripristinare quanto prelevato. Il Kanban è lo strumento di comunicazione dei fabbisogni attraverso le diverse lavorazioni, nell'ottica in cui nulla deve essere prodotto (o approvvigionato) da parte di un centro di lavoro (o fornitore) se non a fronte di un preciso fabbisogno segnalato fisicamente da parte di un centro di lavoro a valle (cliente). a contenere le scorte a ridurre le scorte (riducendo il numero dei Kanban) a raggiungere un elevato livello qualitativo a sviluppare la gestione a vista a eliminare i tempi morti a semplificare le procedure Come si applica Si applica in un sistema Pull che definisce le proprie priorità da parte del processo produttivo a valle. In un sistema Pull il miglioramento della produttività avviene controllando i flussi di lavoro e attraverso: lotti di piccole dimensioni tempi brevi di allestimento delle macchine scorte minime e comunque controllate operai coinvolti nello stato di avanzamento del lavoro. Le fasi di implementazione Definizione del modello codificare i materiali definire i numeri codice di Kanban Pagina 22 di 34

23 Kanban segue dimensionare le scorte rilevare e definire i tempi di approvvigionamento definire la tipologia di contenitori Definizione delle procedure redigere le procedure sulla base dei risultati dell'analisi fornire i cartellini attivare le procedure per la fornitura delle rastrelliere dei contenitori Implementazione sperimentale implementare nelle Aree Pilota le procedure definite verificare sul campo la procedura precedentemente definita proporre eventuali migliorie delle procedure Diffusione in tutto lo stabilimento diffondere in tutto lo Stabilimento le procedure definite Pagina 23 di 34

24 NVAA Not Value Added Activity Attività a non valore aggiunto Che cosè È uno strumento per individuare le attività che non danno valore aggiunto (al cliente e/o all'azienda). Esempi di operazioni a non valore aggiunto di un processo, di una procedura o di un servizio sono movimenti non necessari, attese, conteggi, rilavorazioni, ispezioni e controlli. Attenzione! Le attività a non valore aggiunto rimangono tali anche se previste dal cartellino operazione e, quindi, pagate da Analisi Lavoro. Come si applica Per applicare lo strumento è stata realizzata un'applicazione informatica che permette di: visualizzare, suddividere e classificare le attività svolte da un addetto selezionare quali sono a valore aggiunto e quali non lo sono misurare la quota di attività a non valore aggiunto quantificare i margini di miglioramento possibili. Pagina 24 di 34

25 OPL One Point Lesson OPL Lezione su un punto Che cosè È uno strumento semplice ma efficace di formazione, che permette di focalizzare in un unico punto, in un breve tempo e in unico foglio l'oggetto della formazione. Il segreto perché una OPL sia chiara consiste nella preparazione di un testo facile da comprendere, privilegiando schizzi, disegni e fotografie. A descrivere e a diffondere le competenze di uno stabilimento. Si identificano quindi 3 tipologie di OPL: 1. Conoscenza di base. Per aumentare le competenze di base degli operatori con informazioni tecniche o gestionali, di cui necessita la conoscenza diffusa; servono ad insegnare come eseguire una certa attività, come funziona un componente dell'impianto, ecc. 2. Problema. Per insegnare agli operatori cosa fare in determinate situazioni, per evitare errori, guasti, difetti o incidenti; per far questo si preparano schizzi o foto che descrivono il problema e indicano chiaramente le avvertenze per evitarlo. 3. Miglioramento. Per diffondere la conoscenza di casi di miglioramento realizzati sull'impianto, sulle attrezzature, sul metodo di lavoro o sul prodotto, allo scopo di farli diventare know-how diffuso e applicarli trasversalmente in altre realtà simili; sono tipicamente strutturate in due fasi: Prima - Dopo. Come si applica L'addestramento con le OPL è realizzato tipicamente a cura della Manutenzione o del Tecnologo (vedi AM). La parte inferiore della OPL serve per registrare l'addestramento realizzato. Le OPL devono essere numerate, suddivise per argomenti e gestite opportunamente per la successiva diffusione. Pagina 25 di 34

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! VERONA ottobre 2013 IL METODO WORLD CLASS MANUFACTURING (WCM) RIDUZIONE DEI COSTI CON INCREMENTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE. ASPETTI RELATIVI ALLA SICUREZZA ED ALLA MANUTENZIONE

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

L INDUSTRIA MANIFATTURIERA

L INDUSTRIA MANIFATTURIERA COME? RILANCIARE L INDUSTRIA MANIFATTURIERA DAL LEAN THINKING AL WORD CLASS MANUFACTURING AL NEW LEAN THINKING, UNA EVOLUZIONE CONTINUA DELLE METODOLOGIE ORGANIZZATIVE PER FARE DI PIÙ E SPENDERE MENO Dott.

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Confronto tra metodologia PQMI, Six Sigma e 5S

Confronto tra metodologia PQMI, Six Sigma e 5S Confronto tra metodologia PQMI, Six Sigma e 5S S. Gorla (*), R. Grassi (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia S.p.A. e consigliere di giunta AicqCN, (**) Partner Reconsult Per essere

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

MIP Consulting offre anche percorsi formativi realizzabili. MIP Consulting è una società certificata UNI EN ISO

MIP Consulting offre anche percorsi formativi realizzabili. MIP Consulting è una società certificata UNI EN ISO Il Vostro Partner per il Miglioramento e l Innovazione. Sistemi di gestione Lean organization & Miglioramento continuo Corsi di Formazione 2016 Se ritenete che la formazione sia costosa, pensate a quanto

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L05

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli Processi snelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

LEAN THINKING 2015. Le nuove frontiere del Lean. WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT PERCORSI DI FORMAZIONE

LEAN THINKING 2015. Le nuove frontiere del Lean. WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT PERCORSI DI FORMAZIONE LEAN THINKING 2015 Le nuove frontiere del Lean PERCORSI DI FORMAZIONE WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT Aprile Dicembre 2015 Sommario pag. 3 4 4 6 6 7 8 11 14 14 15 PREMESSA ARTICOLAZIONE

Dettagli

LA NEW LEAN THINKING NELLA PRODUZIONE

LA NEW LEAN THINKING NELLA PRODUZIONE COME? RIDURRE GLI SPRECHI ED AUMENTARE LA FLESSIBILITÀ LA NEW LEAN THINKING NELLA PRODUZIONE Dott. G. TORRIDA - Presidente del Gruppo 2G Management Consulting - Responsabile divisione WCM e CSL3 del Gruppo

Dettagli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli Capitolo 6 Total quality management: orientamento al Six Sigma

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO

LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO LA GESTIONE PER PROCESSI: L ESPERIENZA IVECO Congresso AICQ - Settore Autoveicoli - Torino C. La Torre - Iveco S.p.A. 1 / 35 Argomenti Sviluppo del Sistema di Gestione per la Qualità Iveco Processi aziendali

Dettagli

Diventare GREEN BELT

Diventare GREEN BELT La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Diventare GREEN BELT Accrescere le proprie potenzialità nel mondo del lavoro Percorso di Formazione e Certificazione

Dettagli

Richard J. Schonberger, PhD Independent researcher, author, trainer, speaker Bellevue, Washington State, USA

Richard J. Schonberger, PhD Independent researcher, author, trainer, speaker Bellevue, Washington State, USA Premessa È per me un piacere e un onore scrivere questa prefazione al testo World Class Manufacturing: origine, sviluppo e strumenti. Coglierò l occasione per ripercorrere e analizzare l evoluzione storica

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Il WCM (WORLD CLASS MANUFACTURING) É UNA BUONA PRASSI VALIDATA DAL MINISTERO DEL LAVORO E CONSIGLIATA DALL'INAIL PER LA REALIZZAZIONE DI UN BUON SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SNELLA

ORGANIZZAZIONE SNELLA presenta ORGANIZZAZIONE SNELLA interventi semplici e rapidi -> maggior efficienza dei processi -> riduzione dei costi Pollenzo, 21 maggio 2014 Albergo dell Agenzia GIANLUCA BARALE Consulente in organizzazione

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Consulenza organizzativa e formazione www.consulman.it www.e-formazione.net SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Esperienze e Competenze Offerta di consulenza Tratto distintivo Criteri di lavoro

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

Area Logistica e Produzione

Area Logistica e Produzione Area Logistica e Produzione I Kpi nell area operations e supply chain La gestione degli approvvigionamenti e la riduzione del costo d acquisto La gestione delle scorte Le operations secondo la Theory ok

Dettagli

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing Il miglioramento in AVIO Il sei sigma e il lean manufacturing 1 Contenuti Introduzione ad AVIO S.p.A. La decisione di avviare il programma Il programma Cartesio Plus Lean Sei Sigma Alcuni esempi Conclusioni

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

Catalogo dei percorsi formativi per Automotive 5

Catalogo dei percorsi formativi per Automotive 5 Catalogo dei percorsi formativi per Automotive 5 Il processo di formazione Con i termini formazione e addestramento intendiamo identificare quelle attività educative organizzate, che hanno la finalità

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

Incontro su SEI SIGMA

Incontro su SEI SIGMA Silvia Martin Tesi di Laurea - Politecnico di Torino Contatto: silviavarese87@libero.it Incontro su SEI SIGMA Confronto parametrico fra i sistemi di Total Quality Management 1 Il Sei Sigmaa confronto con

Dettagli

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management!

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management! easypoli Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management / / Lagestionedeiprogetticonil metododmaic www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Continuous(Improvement(and$Project$Management$

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt

Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt Accademia Italiana del Sei Sigma Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt 19/20/21 novembre 2014 17/18/19 dicembre 2014 dalle 9,30 alle13 e dalle 14 alle 17,30 Prato Viale Vittorio Veneto,

Dettagli

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi www.leanfactoryschool.it catalogo corsi Lean Factory School Gli obiettivi 99 Capire i principi e le tecniche Lean mettendoli in pratica, in modo coinvolgente 99 Lavorare in un ambiente produttivo reale,

Dettagli

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17 Indice Prefazione 15 Introduzione 17 1. Pianificazione della qualità 1.1. Il concetto di 6 sigma 1.1.1. Le aree e le fasi del sei sigma 1.2. I processi produttivi e la variabilità 1.2.1. Cause comuni 1.2.2.

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

Leader nella logistica e nella movimentazione delle merci

Leader nella logistica e nella movimentazione delle merci 3/09/09 12:07 Page 3 IT-I_SITE2 Service Solutions_folder_cover:Chemise_Service Solutions Diamo valore al vostro business TOYOTA I_SITE Oltre il Fleet Management Leader nella logistica e nella movimentazione

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Corsi di MIGLIORAMENTO CONTINUO

Corsi di MIGLIORAMENTO CONTINUO Corsi di MIGLIORAMENTO CONTINUO Il miglioramento deve costituire un requisito centrale nella vita di una azienda per affrontare con successo le sfide di un mercato globale sempre più competitivo. Varie

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA CORSO DI FORMAZIONE PER GREEN BELT I Green Belt sono una figura importantissima nell implementazione della Lean Six Sigma: essi ricoprono il ruolo, part time, di Project Leader dei progetti di miglioramento

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Corso di Specializzazione LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Meno sprechi in azienda! La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi del prodotto/servizio offerto sempre

Dettagli

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop Lean Six Sigma Workshop 1 Origini del Six Sigma La metodologia Six Sigma nasce a metà degli anni 80 in Motorola estendendosi poi ad altre grandi aziende americane; è una metodologia per il miglioramento

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Controllare e ridurre sistematicamente i costi tramite la World Class Manufacturing. Vicenza, 26 giugno 2013

Controllare e ridurre sistematicamente i costi tramite la World Class Manufacturing. Vicenza, 26 giugno 2013 Controllare e ridurre sistematicamente i costi tramite la World Class Manufacturing Vicenza, 26 giugno 2013 Le nuove teorie manageriali Negli anni 70-90, a fronte di profondi cambiamenti dello scenario

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

AREA PRODUZIONE. Milano - Febbraio/Marzo 2015

AREA PRODUZIONE. Milano - Febbraio/Marzo 2015 www.simcoconsulting.it Cert. UNI EN ISO 9001: 2008 N 9175 SMCO Settori: EA 35 EA 37 AREA PRODUZIONE Milano - Febbraio/Marzo 2015 DI FORMAZIONE 2015 Per ottenere ottimi risultati si deve ricercare un cambiamento

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Lucidi prima parte 2.1.1.1 ~ 2.2.1.3 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 2 Pag. 8 Quale è lo scopo principale della norma UNI EN ISO 9001:2000/2008? A. Garantire il controllo della

Dettagli

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA

MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA ak TRACK GESTIONE MAGAZZINI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI TRACCIABILITÀ COSTI DI PRODUZIONE PER COMMESSA IL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ DEI MATERIALI NELLA PRODUZIONE La norma ISO 8402 definisce la tracciabilità

Dettagli

LEAN MANAGEMENT & WORLD CLASS MANUFACTURING

LEAN MANAGEMENT & WORLD CLASS MANUFACTURING - PROGETTO SPIN 3 - STRUMENTI PER L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA E TECNOLOGICA LEAN MANAGEMENT & WORLD CLASS MANUFACTURING Modelli, metodi e strumenti d innovazione gestionale per aumentare il valore ed eliminare

Dettagli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli I N D I C E Introduzione pag. 3 Lean Production pag. 4 Percorsi pag. 5 Zoom pag. 6 Contatti pag. 7 La formazione a firma Bosch TEC Bosch Training

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

IMMAGINATE UN AZIENDA...

IMMAGINATE UN AZIENDA... FAMI e SINTESIA partner per la LEAN PRODUCTION IMMAGINATE UN AZIENDA... in cui i prodotti e i servizi fluiscono fino al cliente in maniera continua, senza interruzioni e senza attese in cui ogni attività

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

LEAN MANUFACTURING - PRINCIPI E METODI DELL ORGANIZZAZIONE SNELLA

LEAN MANUFACTURING - PRINCIPI E METODI DELL ORGANIZZAZIONE SNELLA LEAN MANUFACTURING - PRINCIPI E METODI DELL ORGANIZZAZIONE SNELLA Nuovi e sempre più agguerriti concorrenti, uniti a trend economici negativi generano sfide competitive sempre più pressanti che impongono

Dettagli

Premio Manager per la Qualità

Premio Manager per la Qualità Premio Manager per la Qualità Dal primo progetto Sei Sigma al "Miglioramento Continuo di oggi" Quality Plant Manager Stabilimento Ciriè (TO) P. Colosimo Informazioni generali sito produttivo Ciriè (TO)

Dettagli

Applicazione ISO TS 16949

Applicazione ISO TS 16949 M generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di qualità conforme alle UNI ISO TS 16949 Inquadrare le metodologie di gestione in ottica ISO TS 16949 Insegnare

Dettagli

Formazione Tecnologica Area Processi Produttivi

Formazione Tecnologica Area Processi Produttivi Formazione Tecnologica Area Processi Produttivi La proposta formativa TEC si suddivide in differenti aree: Interventi formativi su tematiche manageriali consentono l immediata applicabilità dei contenuti

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE Revisione 0.4 Emissione - Revisione Data Elaborato da Verificato da Approvato da Rev. 0.0 15.12.05 RSGA DIR PRES Rev. 0.1 25.03.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.2 30.05.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.3 15.01.07 RSGA DIR

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Lean Champion, Diventare esperti di Lean in Aziende Manifatturiere e di Servizi Percorso di specializzazione

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli

MASTER IN OPERATIONS MANAGEMENT PER PMI

MASTER IN OPERATIONS MANAGEMENT PER PMI MASTER IN OPERATIONS MANAGEMENT PER PMI Innovation in Operations Management Un master dedicato alla piccola e media impresa, per consentire un approccio pratico ma nello stesso tempo metodico e strutturato,

Dettagli

MIGLIORARE L EFFICIENZA NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION COME?

MIGLIORARE L EFFICIENZA NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION COME? MIGLIORARE L EFFICIENZA COME? NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION (GESTIONE DI TUTTI I PROCESSI SECONDARI A SUPPORTO DEL CORE BUSINESS ) INTRODUZIONE Dott. G. TORRIDA

Dettagli